CSI Insieme 25 - 2013

download CSI Insieme 25 - 2013

of 26

  • date post

    23-Mar-2016
  • Category

    Documents

  • view

    216
  • download

    0

Embed Size (px)

description

Titoli: I Vescovi e l’Oratorio: un regalo per il CSI - L’assemblea del CSI ad Angolo Terme - Il punto sulla Coppa Camunia - I pongisti del CSI camuno in partenza per Lignano

Transcript of CSI Insieme 25 - 2013

  • C E N T R O S P O R T I V O I T A L I A N O

    ValleCamonicaI Vescovi e lOratorio:un regalo per il CSI

    Lassemblea del CSIad Angolo Terme

    Il punto sullaCoppa Camunia

    I pongistidel CSI camunoin partenza per Lignano

    16 aprile 2013

  • 2Laboratorio di talenti il titolo del documento dei Vescovi

    La nota pastorale dei vescovi sulloratorio: un regalo per il CSI

    Sulloratorio sono scesi in cam-po i vescovi italiani. Hanno scrit-

    to unimportante nota pastorale che stata presentata la scorsa settima-na. Il titolo dice tutto: Laboratorio di talenti. Loratorio lo da sempre e oggi vuole esserlo ancora di pi. In Ita-lia ci sono circa 6mila oratori e 26mi-la parrocchie, in pratica un oratorio ogni quattro parrocchie. Per diffusione territoriale a farla da padrone la Lom-bardia, che da sola ha quasi la met di tutti gli oratori italiani. Buona la diffusione anche nel resto del Nord (Veneto, Pie-monte, Emilia), men-tre scendendo per lo Stivale la presen-za si dirada molto a macchia di leopardo. Loratorio rappresen-ta una delle tradizio-ni pi forti e radicate della Chiesa italiana e del nostro Paese. Generazioni e generazioni di giovani sono cresciute allombra del campa-nile, passando tutti i pomeriggi in ora-torio. La buona notizia che loratorio non in crisi. Anzi! Gli oratori italiani stanno bene, hanno grande vitalit e sono quasi sempre pieni di bam-bini e ragazzi. Un numero rende da solo lidea. Nella sola Lombardia, du-rante loratorio estivo, sono coinvolti pi di 500mila bambini. La nota pa-storale dei vescovi accende i riflettori sulla realt delloratorio come ambito

    educativo pienamente integrato nel-la vita della parrocchia e della comu-nit. veramente bello sentire, dalla diretta voce dei Vescovi, che lorato-rio che ha un gruppo sportivo ha una marcia in pi. Lo sport espressamente citato nel documento come uno degli ambi-ti importanti per la proposta edu-cativa. In pratica definitivamente

    tramontata lidea dello sport come specchietto per le allodole (serve a far venire i ragazzi in oratorio ma le proposte educative importanti sono altre). Non possiamo nascondere la gioia e la responsabilit che nasce dal vedere citata direttamente la no-stra associazione: La presenza sul territorio nazionale di associazioni cattoliche che operano per la promo-zione e lorganizzazione dellambito sportivo - prima fra tutte per la sua storia e la sua presenza capillare il

    Centro Sportivo Italiano - di gran-de aiuto per gli oratori. Lo sport ha unimportante responsabilit anche nellaiutare loratorio ad essere quel ponte tra Chiesa e strada (definizio-ne del beato Giovanni Paolo II). Da tempo siamo convinti che lo sport in oratorio non rappresenti qualcosa che appartiene al passato, ma, al contra-rio, una realt viva che deve essere

    valorizzata e rilanciata. Abbiamo sempre detto che lo sport in oratorio rappresenta una parte importante del sistema sportivo italiano di oggi e di domani. Per que-sto abbiamo lanciato la campagna un Un grup-po sportivo in ogni par-rocchia, abbiamo no-minato gli ambasciatori dello sport in oratorio, abbiamo portato gli ora-tori a giocare negli sta-di prima delle partite di Serie A, abbiamo con-vinto la Serie A a desti-

    nare una buona parte del fondo delle multe (circa 200mila euro) allo sport in oratorio. Sono solo esempi, che dicono, per, dellimpegno serio e concreto della nostra associazione. La nota pastorale dei vescovi rega-la entusiasmo, gioia, Responsabilit alle centinaia di migliaia di allenato-ri, dirigenti, animatori impegnati quo-tidianamente nel paese a far gioca-re in oratorio. Altro che sport di Serie B. Laboratorio di talenti. Ecco quello che sono e rappresentano.

  • 1 6 A P R I L E 2 0 1 3

    3

    Le societ sportive del CSI camuno in assemblea a Angolo venerd 19 aprile

    Giocare per credere. Io ci credo:lassemblea del CSI

    Giocare per credere. Io ci credo il tema dellas-

    semblea generale delle societ sportive convocata dal Presiden-te Claudio Ceccon per Venerd 19 Aprile alle ore 20.00 presso lOratorio di Angolo Terme. Ai sensi e per gli effetti degli artt. 77, 79 dello Statuto, convocata lAssemblea ordinaria del Comi-tato territoriale di Vallecamonica del Centro Sportivo Italiano:- in prima convocazione per il giorno Gioved 18 Aprile alle ore 23.59 presso la Sede di Plemo- in seconda convocazione per il giornoAllordine del giorno dellassem-blea, dopo la verifica dei poteri e linsediamento degli organismi assembleari, ci sono la valuta-zione ed approvazione Bilancio Consuntivo 2012, le linee guida programma attivit 2013/2014, la verifica della fase sperimen-tale sullammissione di atleti tesse-rati con le Federazioni e lattivit po-lisportiva (condivisione della proposta e della sua attuazione). Dopo le di-verse relazioni si aprir il dibattito tra i delegati e saranno presentati e vo-tati documenti e mozioni. Le societ sportive che intendono proporre argo-menti da inserire allOrdine del Gior-no, devono farne richiesta scritta al Comitato almeno 5 giorni prima della data di effettuazione dellAssemblea e cio entro il 12 aprile 2013. Com-pilando un apposito modello pos-sibile conferire la delega di voto ad altra societ per un numero massi-

    mo di una per ogni societ. Presso la segreteria del comitato sono depo-sitati gli elenchi delle societ aventi diritto a voto.Allinterno dei lavori delle societ spor-tive trover spazio anche la cerimo-nia di consegna dei discoboli al me-rito assegnati ad una societ sportive e un tesserato del CSI di Vallecamo-nica particolarmente meritevoli.Il Presidente del CSI camuno Clau-dio Ceccon consegner i riconosci-menti nazionali a Gianni Mastaglia e al Presidente dellUnione Sportiva Oratorio Angolo Terme. Per tracciare la storia di Gianni Mastaglia allinterno dellassociazione ci vorrebbe davve-

    ro parecchio tempo; da dirigente e allenatore del Gruppo Sportivo di Demo a consigliere del CSI di Vallecamonica, una storia lunga oltre trentanni contrassegnata so-prattutto dallimpegno come ap-prezzato responsabile del settore calcio. Anche adesso che Gianni ha chiesto la pensione dal CSI lo si pu trovare puntuale quasi tutti i luned nella sede di Plemo per operare allinterno della com-missione tecnica calcio metten-do a disposizione il suo bagaglio desperienza. Per la societ spor-tiva la scelta della Presidenza del CSI di Vallecamonica questanno caduta sullUnione Sportiva Ora-torio Angolo Terme, uno dei grup-pi sportivi che nel 1979 ha con-tribuito a fondare il Comitato del CSI camuno. Il gruppo sportivo del centro termale, fondato nel 1974, in questi anni di presenza attiva nellassociazione ha mes-

    so a disposizione dirigenti di primo piano, volontari che hanno lavorato nelle commissioni tecniche, arbitri e si messa a disposizione per ospi-tare momenti di particolare rilievo dal punti di vista associativo. Negli occhi di tutti restano le immagini della festa inaugurale dellattivit polisportiva di questanno che ha visto Angolo Ter-me invasa da oltre settecento giovani atleti del CSI. A queste due importanti figure, che per oltre trentanni hanno camminato insieme nel CSI camuno, andranno i meritati applausi dei dele-gati presenti allassemblea delle so-ciet sportive.

  • 4Il circuito ciclistico del CSI Brescia fa tappa anche a Niardo e Sellero

    Bresciacup 2013: otto stelle dallanimo puramente xc

    Finalmente si presentato in tut-te le sue sfaccettature, con tutte

    le sue novit ma soprattutto mettendo in risalto le caratteristiche che rende-ranno speciale questa sua nona edi-zione. Il Circuito Bresciacup 2013 ha scelto il comune di Rovato, nel cuore della Franciacorta e dellintera provin-cia bresciana, come sede speciale per la conferenza stampa che nella serata di venerd ha chiamato a rac-colta tutti gli otto organizzatori delle prove inserite nel suo calendario. A fare gli onori di casa, presso la sala del pianoforte del Comune di Rovato, lAssessore allo Sport Simone Agnelli che ha aperto la presentazione acco-gliendo tutti i presenti: Per Rovato un onore, prima ancora che un piace-re, poter essere punto di riferimento di uno dei movimenti sportivi pi radi-cati e vivi che lintera provincia di Bre-scia possa vantare - ha commentato

    lAss. Agnelli - tradizionalmente Ro-vato ospita lultima prova del circuito ma tradizionalmente lintera Francia-corta considerata un po il quartier generale della Cup.La presentazione entra subito nel me-rito delle otto prove che il calendario 2013 prevede. Otto prove accumu-nate, oltre che dallo stile organizza-tivo griffato Bresciacup e dallegida federale targata F.C.I., da un animo puramente XC che fa del circuito pro-vinciale uno dei pi specializzati e di alta spettacolarit a livello nazionale. Lintento del comitato stato proprio quello di specializzarsi su di ununica disciplina per offrire una qualit an-cora maggiore - commenta Mauro Laffranchi, coordianatore della Cup - una disciplina che per eccellenza lunica olimpica del ciclismo fuori-strada, spettacolare ed avvincente. Otto le prove, dopo una difficile scre-

    matura dalle dodici previste sino alla scorsa edizione: Una scelta fatta per dare modo ai bikers di program-mare meglio la loro stagione - con-tinua Laffranchi - ma soprattutto per dare la possibilit agli appassionati di poter seguire anche altre manife-stazioni presenti allinterno della no-stra provincia e non solo. Il calen-dario, gi anticipato ormai qualche mese fa, prevede tre grandi novit tra le altre storiche gare che hanno da sempre fatto parte del circuito. Dopo la gara di Monticelli Brusati, 14 aprile, sar lXC dei Marock, il 1 maggio, ad offrire la prima ventata di novit. Per noi una emozione in-descrivibile poter far parte della Bre-sciacup - ha commentato Maurizio Leonesio, organizzatore della gara di Tremosine - siamo lo al secondo anno, ma abbiamo gi le carte in re-gola per far molto bene. La nostra gara sar valevole qual