Csi Insieme N°32

download Csi Insieme N°32

of 18

  • date post

    28-May-2015
  • Category

    Sports

  • view

    119
  • download

    4

Embed Size (px)

description

Titoli: A parti invertite cinque consigli per gli allenatori - Vezza d’Oglio invasa dagli under 14 - La Valsaviore sorride a Gianpaolo Crotti e Lucia Delvecchio - La carica dei 101 nella discesa del Monte Colmo

Transcript of Csi Insieme N°32

  • 1. 27 Maggio 2014 A parti invertite cinqueconsigli pergliallenatori Vezza dOglio invasa dagliunder14 La Valsaviore sorrideaCrotti eDelvecchio La carica dei 101 nella discesa del Monte Colmo

2. 3 G I U G N O 2 0 1 4 2 A parti invertite: cinque consigli per gli allenatori IL DELICATO RAPPORTO TRA ALLENATORE E GENITORI S e paragoniamo allenato- ri/istruttori e genitori a due squadre, verrebbe inoltre da direchequelladeiprimisem- bra tenere meglio il campo della se- conda.Quandocapitaqualcheepiso- dio sportivo increscioso riguardante i piccoliatleti,paresemprechecisialo zampinodiqualchegenitoreintempe- rante,mentregliallenatorisolitamen- te ne escono bene. Per conseguen- za, lallenatore diventa per i genitori il modello da imitare o lantagonista da affrontare, a seconda dei casi; vi- ceversa lallenatore portato a vive- re con una certa insofferenza i ge- nitori, considerati potenziali fattori di disturbo. Come forse qualcuno avr notato,ormaifrequentetrovarepro- postediregoledicomportamentoo istruzionipergenitorisportivi(spes- sorealizzatidaglistessiallenatorie/o dirigenti sportivi), quasi fossero loro i minori da guidare e responsabiliz- zare. Non cos invece sul versante dellallenatore/ istruttore, figura che tende invece ad essere considera- ta spontaneamente in modo positi- vo, talvolta anche in modo acritico. Il bravo allenatore conosce invece i suoi limiti. Va ricordato che anche lallenatore parte di una squadra ed curioso e insieme triste osser- vare a volte degli allenatori insistere congliatletisullimportanzadellacol- laborazione in campo, dello spirito di squadra,quandoessiinrealtnonlo sannofareelavoranoinmodoindivi- dualistico. Lobiettivo tra allenatore e genitoriproprioquellodifaresqua- dra,diaiutarsiavicen- da, senza contraddir- si o invadere il terreno altrui ma salvaguar- dando gli equilibri e la chiarezza.Lallenatore deve far sentire allat- leta che egli in sinto- nia con la famiglia; al- tre volte deve aiutare i genitoriacomprende- reilsignificatoeilvalo- re dellattivit sportiva perillorofiglio.Provia- mo allora per una vol- ta a giocare a parti in- vertite, e immaginare le regole per lallena- tore, nella speranza di aiutarlo a diventare anche un bravo edu- catore: Cinque consigli allallenatore per mi- gliorare se stesso ed il rapporto con i genitori: Informarlidellefinaliteducative,del programma, impegni, obiettivi della squadra, un aspetto solitamente ap- prezzato dai genitori, che consente loro di interrogarsi e riflettere sulle aspettative nutrite per il figlio atleta. Parlare nellunica lingua che spes- so il genitore capisce, ovvero latten- zione al proprio figlio/a: riferire possi- bilmente piccoli esempi e aneddoti a lui riferiti, mantenendo il discorso sul piano degli obiettivi e comportamen- ti educativi. Parlarepossibilmentesemprebene del figlio, sottolineando gli aspetti po- sitivi (ce n sempre qualcuno, basta volerli vedere): segnalate i successi ed i progressi fatti, per quanto limita- ti,descriveteicompitiassegnati,cos che il genitore ne sia consapevole. Definite insieme al genitore obietti- vi realistici di tipo educativo (puntua- lit, rispetto, ordine, autonomia, at- tenzione, impegno) che il figlio pu conseguire, cos che anche il geni- tore sia messo in grado di verificarli e condividerli. Mettetevi in un atteggiamento di ascolto, senza abusare del vostro ruolo e autorevolezza aiutando e fa- cendovi aiutare dai genitori a com- prenderelescelte,lepreoccupazioni educative che riguardano la crescita del ragazzo Ma soprattutto trattate il genitore come vostro alleato e non come un intruso! 3. 3 ATTIVITA SPORTIVA Dalla Vallecamonica in trecento per incontare il Papa APPUNTAMENTO IN PIAZZA SAN PIETRO SABATO 7 GIUGNO P apa Francesco il nostro ca- pitano con questo slogan il Centro Sportivo Italiano ha chiamato a Roma atleti e dirigenti da tutta lItalia per la gran- de manifestazione con il pontefice in piazza san Pietro di sabato 7 giu- gno. Dalla Vallecamonica sono tre- cento i tesserati al Centro Sportivo Italiano che con pullman, in treno o con il trasporto organizzato dal Co- mitato Csi camuno raggiungeranno la capitale. Alliniziativa, che intende festeggiareisettantannidellassocia- zionesportiva,hannoaderitoilGrup- po Sportivo Oratorio san Zenone di Gratacasolo, la Polisportiva Oratorio Piancamuno,ilNiardoVolley,ilCentro Giovanile Rogno, lAtletica Eden 77, lUnione Sportiva Grevo, la Polispor- tiva Mediavalle e singoli tesserati di diversi gruppi sportivi della valle. Da alcuni giorni a Roma poi presente una decina di giovani, coordinati dal componente della PresidenzaAnto- nioPetroboni,impegnatinellorganiz- zazione dellevento che ha riscosso ladesione di settantamila associati. Liniziativaintendeascoltareleparole delPapaperavereconfermadellim- pegno educativo a favore di miglia- ia e migliaia di giovani, accendere i riflettori sul mondo sportivo del CSI lontanodalletifoseriescatenateeda- gli scontri di piazza e per fare il tifo per il Papa e dirgli che pu contare sempresulCSI.Allamanifestazione parteciperannoanchenumerosicam- pionidellosportagonistico:Massimi- liano Rosolino,Andrea Zorzi, Gianni Rivera, Pierluigi Marzorati, Dino Me- neghin, Sara Simeoni, Davide Cas- sani, Francesco Moser, Igor Cassi- na,FabriziaDOttavio,LeliaBellesini, pluricampionessa diSpecialOlympi- cs, e Arturo Mariani, calciatore della NazionaleAmputati CSI. Tema cen- trale dellincontro con Papa France- sco leducazione come sottolinea il Presidente del CSI MassimoAchi- ni: Per noi la questione educativa la pi importante. Siamo convinti che educare attraverso lo sport non solo possibile, ma anche necessa- rio, e ha ricadute positive in ogni am- bito della vita dei ragazzi. Gli oratori sono lalveo naturale di questa edu- cazione, e lo sport in oratorio rap- presenta qualcosa di straordinaria- mente importante e significativo per il sistema sportivo ed educativo del Paese. Ecco perch non pu e non deve restare confinato nel sottosca- la o guardato solo con simpatia, ma essere preso sul serio, sostenuto e valorizzato da tutti quelli che hanno responsabilit in ambito ecclesiale, sportivo e istituzionale.Andiamo dal papa anche per dire questo. 4. 4 3 G I U G N O 2 0 1 4 Vezza dOglio invasa dagli under 14 per la festa finale di calcio e volley SI E GIOCATO IN DIVERSI I PAESI DELLA VALLECAMONICA V ezza dOglio e altri comuni dellAltavallecamonica han- no vissuto un pomeriggio di festa allinsegna dellattivit sportiva giovanile promossa dal CSI di Vallecamonica. Le divise colora- te di calciatori e pallavolisti under 14 hanno portato allegria e divertimen- to nelle numerose strutture sportive messe a disposizione per disputare le finali dei campionati polisportivi. Una stagione lunga e ricca di soddi- sfazioni che ha visto coinvolte dodici squadre nel torneo di calcio, articola- to in 108 incontri, e 19 formazioni di pallavoloimpegnatein190partite.In totale sono state 23 le societ sporti- ve che hanno iscritto le loro squadre allattivit under 14, tra queste spic- ca il Gruppo sportivo Oratorio Valen- tino Breno con tre compagini, due di pallavolo e una di calcio. In totale hanno partecipato ai tornei 384 atleti (203 Femmine e 181 Maschi) e agli appuntamenti polisportivi le adesio- ni delle societ sportive hanno rag- giunto mediamente l80%. Lo sport proposto dal CSI per i pi giovani caratterizzatodallapolisportivitquin- diaccantoallaclassificatecnicadelle due discipline sportive, con punteggi legatiancheallapartecipazione,ilre- golamento prevede una graduatoria polisportivadovesisommanoanche i risultati e la partecipazione alle due gare sportive proposte questanno: latletica e il Tiro con lArco. Per evi- denziare laspetto ludico della pro- posta sportiva i regolamenti tecnici hanno norme particolari come lob- bligo in ogni incontro per tutti gli atle- ti di giocare almeno un tempo o, nel volley, il cambio di battuta dopo tre punti consecutivi della stessa squa- 5. 5 ASSOCIAZIONE dra. Queste regole hanno innalzato la partecipazione fino all80% degli iscrittinellegaredicampionato,men- tre la quota si abbassata al 60% nelle feste polisportive. Nella festa finale di Vezza dOglio 184 ragaz- zi hanno ricevuto il premio di Atleta Polisportivo per aver partecipato a pi del 80% degli incontri ed almeno a due feste polisportive mentre do- dici squadre hanno ottenuto il rico- noscimento di Societ Polisportiva per aver superato l80% di parteci- pazione media dei propri atleti. Dal- lo scorso anno la Commissione tec- nica dellattivit giovanile ha scelto di riproporre per gli under 14 le finali di- sputate su pi campi e concluse con una festa e le premiazioni. Questan- no ad accogliere, con la tradizionale ospitalit, gli atleti del CSI camuno stato il paese di Vezza dOglio che ha messo a disposizione le struttu- re sportive e gli animatori dellUnio- ne Sportiva locale. Per garantire la contemporaneit degli incontri sono stati coinvolti nella festa finale de- gli under 14 anche Breno, Malonno, Edolo, Pontedilegno e Incudine. Al termine degli incontri sportivi atleti e dirigenti sono stati ospiti del Centro EventiAdamellodiVezzadOglioper la cena preparata dalle penne nere del paese, la festa con lanimazione musicale, il momento di riflessione e le premiazioni dei tornei polispor- tivi. Dopo il fair play sui campi il mo- mentodifestastatoindimenticabile con i ragazzi delle diverse squadre che con naturalezza hanno socializ- zato tra di loro. Naturalmente ci sono stati anche dei vincitori; nel torneo di calcio lo scudetto CSI del 2014 andato alla squadra dellU.S. Vezza dOgliochehaprecedutolaPolispor- tiva Gratacasolo, Olimpyc Malegno e il Gruppo Sportivo Oratorio Breno; il volley ha premiato la Sial camuna Volley Tigers, il Ristorante la Pieve, lArctict New Team e il Centro Moto camuno Sellero. Lanovitdiquestastagionelacces- so alle fasi regionali dei campionati nazionali under 14 di quattro squa- dre; a rappresentare il CSI di Valle- camonica ai tornei regionali sono le squadre di calcio