CSI Insieme 48

download CSI Insieme 48

of 29

  • date post

    13-Mar-2016
  • Category

    Documents

  • view

    220
  • download

    4

Embed Size (px)

description

Ad Assisi tracciato il cammino del CSI - Il Natale degli sportivi a Darfo - La Comis Niardo Volley - Doppio successo nel calcio per l'A.S. Beata.

Transcript of CSI Insieme 48

  • Scoprilo pressotutte le filiali dellaBanca di Valle Camonica

    A noi giovani,da 15 a 25 anni,Banca di Valle Camonicariserva un serviziocompletamente gratis,e questo niente,se siamo concretamenteinteressati c unabellissima sorpresaper noi... imperdibile,anche perch non durerper sempre.

    Hei,hai sentito?

  • 9 D I C E M B R E 2 0 0 8

    1

    La Presidenza Nazionale ha gemellato la Vallecamonica con il CSI di Udine

    La tre giorni di Assisiha tracciato il cammino del CSI

    Anche il CSI di Valle Camoni-ca in questi giorni ha avuto la gioia (perch di questo si tratta

    quando si vivono esperienze come queste) di partecipare al Convegno annuale che si volge tutti gli anni ad Assisi. Al di l di qualche difficolt lo-gistica legata al luogo degli incontri e alla distanza dallalloggio (risolta dal-la presenza dei bus navetta e anche dai piedi) davvero stata una espe-rienza unica legata soprattutto allin-tervento iniziale del neo Presidente Massimo Achini che ha tracciato un grande cammino per il Csi dei pros-simi anni. Sinteticamente ci ha richia-mati e incitati a essere:

    - Titolari nellazione educativa e non semplici riserve: saper essere pro-tagonisti in prima persona in que-sto campo. - I migliori in campo: o almeno punta-re a questo nei vari ambiti nel quale il CSI inserito. Il CSI ha una storia fatta di persone e di idee non secon-de a nessuno! - Per fare questo occorre curare i fondamentali: cio saper proporre una attivit adeguata e propositiva. Per questo i laboratori sono serviti a esprimere un confronto molto signi-ficativo su quello che o potr es-sere il CSI . - Ambiziosi : che non vuol dire es-

    sere presuntuosi ma gente con la voglia di puntare sempre al massi-mo e non accontentarsi. La voglia di crescere in quantit e qualit (di pari passo).Su questi temi ruotato un p tutto il lavoro di questi giorni: i laboratori nei quali c stato un dibattito molto co-struttivo e importante.Non meno importanti, anzi... , sono stati gli altri momenti del Convegno:- le testimonianze di amici che ci han-no raccontato la bellezza di vivere nonostante difficolt che la vita ha riservato loro: due atleti vincitori di medaglia alle olimpiadi di Pechino, la grande testimonianza di vita di Si-mona Atzori, una ragazza che nono-stante la vita le abbia riservato di na-scere senza braccia, trova il coraggio di danzare e dipingere in modo stra-ordinario, e la presenza del respon-sabile dello Sport per disabili e di Don Antonio Mazzi- I momenti di incontro e di preghie-ra: la fiaccolata della domenica sera guidata dal consulente nazionale don Claudio Paganini (nostro Concittadi-no) conclusa con la messa presso la

  • 2basilica di san Francesco celebrata da Mons. Vittorio Peri (ex consulente del Csi che ci ha aiutato anche negli altri momenti).Luned 8 le conclusioni con la pre-senza di padre Kevin, del pontificio consiglio dei Laici, e di Antonio Ma-tarrese, presidente della Lega Calcio, protagonista di un intervento-chiac-chierata col nostro presidente nazio-nale molto significativo e apprezza-to. La Messa poi ha concluso i lavori. Ma questo non tutto: il convegno stato soprattutto occasione di incon-tro forte tra le diverse espressioni del CSI a livello locale e nazionale. per questo bello evidenziare la gran-de idea dei gemellaggi fra i diversi Comitati sparsi in tutta Italia: il Csi di Vallecamonica stato gemellato con il Csi di Udine. Sta ora a noi tro-vare i modi di incontrarci e scambiar-ci le nostre esperienze: conoscendo lo spirito friulano non possiamo che essere contenti (ma lo saremmo stati anche se ci avessero gemellati con

    Trapani!) Concludo sintetizzando con le parole di un inno di un Grest di un p di anni fa; a ogni responsabile di-rigente, allenatore, consulente, atle-ta: Vivi al meglio di te stesso, svela

    i talenti in tuo possesso, se arricchi-sci con lamore ogni legge che hai nel cuore, sarai libero, libro davvero! Un Csi cos mi interessa!

    By domba

  • 9 D I C E M B R E 2 0 0 8

    3

    Ad Assisi per cominciarela grande scalata

    Il punto settimanale di Massimo Achini, Presidente nazionale CSI

    Eccoci arrivati ad Assisi. Sono passati in fretta i sei mesi che ci separano dal congresso di Chian-

    ciano. Non c stato tempo per fare rodaggio: i giorni trascorsi sono sta-ti subito investiti nel mettere mano al programma annunciato nella citt termale. In particolare, lascolto e la valorizzazione del territorio sono stati avviati con il Tour delle regioni, che proseguir nel 2009. Sono gi emersi spunti interessanti, ma proprio qui, ad Assisi, che bisogner cominciare a convogliare idee nuove nei principali settori di azione del Csi. Il punto noda-le, lorizzonte di riferimento, riusci-re a fare crescere ancora lassociazio-ne sotto i profili della quantit e della qualit. Qualcuno potrebbe chiedersi: il Csi costituisce gi una realt prima-ria nel campo della promozione spor-tiva, perch allora non accontentarsi? Perch spingere ancora sul pedale del-la crescita? La risposta semplice: lo sport e la societ non stanno fermi, cambiano in fretta e di continuo, e ci vuol nulla a farsi scavalcare dal cam-biamento, diventando fuori moda. Illuminante, a questo proposito, stata la recente ricerca del Censis su Sport e societ. Se vogliamo continuare ad essere efficaci nello svolgere un ser-vizio alla persona, alla Chiesa e alla collettivit attraverso lo sport, biso-gna avere il coraggio di cogliere i se-gnali che provengono dal territorio ed adeguarsi, per cercare di essere un passo avanti piuttosto che mezzo passo indietro. Ma niente paura. An-zitutto non si tratta di inventare chiss cosa, quanto di allargare e perfeziona-

    re ci che gi si fa sul doppio binario dellattivit sportiva normale e dello sport di progetto, quello che si incro-cia in molti modi con le politiche so-ciali. In secondo luogo, per non per-dersi danimo basta fare mente locale a ci che il Csi stato e ha fatto dal 1944, anno di fondazione, ad oggi. Il suo lavoro si sempre caratterizzato per una ricerca continua di ci che era meglio per dare pi significato allat-tivit sportiva, assegnandole un ruo-lo sociale di primo piano. Per decen-ni il Csi ha animato lo sport italiano arricchendolo di idee, di progetti, di uomini eccellenti: dirigenti, tecnici, giudici di gara, campioni di ogni di-sciplina. anche questo patrimonio, questa eredit pesante che deve con-vincerci alla determinazione di cerca-re ancora di migliorarci. Le premesse ci sono per intero: il tutto esaurito

    che si registra qui al meeting di As-sisi, che apriamo oggi, testimonia un desiderio forte, inalterato, di guardare al futuro. Ero quanto mai nel giusto a Chianciano nellaffermare che il Csi composto di gente fatta per scalare le grandi imprese, per sfidare limpos-sibile, per rendere concrete le utopie. Grazie e buon lavoro a tutti.

  • 4Il Natale degli sportiviospitato dallOratorio Darfo

    Definito il programma della manifestazione in programma sabato 27 dicembre

    E stato definito nei particolari, anche se rimane ancora aperto ad altre integrazioni o arricchi-

    menti proposti dalle societ sportive, il programma del Natale degli spor-tivi 2008 organizzato dal CSI di Val-lecamonica in collaborazione con il G.S.O. Darfo. Lappuntamento per sabato 27 dicembre alle ore 16.15 presso loratorio di Darfo; come nelle precedenti edizioni obbiettivo dellini-ziativa quello di trascorrere alcune ore riflettendo sui valori trasmessi dal CSI attraverso la pratica sportiva e, in secondo luogo, quello di far cono-scere allesterno la nostra associazio-ne. Cos dopo essersi ritrovati atle-ti, dirigenti e genitori dei vari gruppi sportivi parteciperanno alla S. Mes-sa celebrata alle ore 16,30 dal con-sulente ecclesiastico del CSI camuno don Battista Dassa; la celebrazione, ospitata nella chiesa parrocchiale, sar animata da un gruppo musica-le. Al termine della S. messa la ma-nifestazione uscir per le vie della cittadina termale con una fiaccolata che toccher alcuni degli oratori della zona. Partendo Darfo il serpentone del CSI toccher gli oratori di Mon-tecchio, Boario, Corna per ritorna-re al punto di partenza; la fiaccolata sar accompagnata da un gruppo di zampognari che proporranno le tradi-zionali melodie natalizie. Scopo della passeggiata notturna per le vie del-la citt quello di far vedere i colo-ri del CSI e sentire lentusiasmo dei suoi ragazzi, creare spirito di appar-tenenza e di unione tra i partecipanti e, soprattutto, valorizzazione il ruolo

    educativo degli oratori. Conclusa la sfilata i partecipanti si ritroveranno in-torno alle ore 18.30 allinterno del te-atro S. Filippo per un altro momento di riflessione e dopo circa mezzora la conclusione della festa con il rinfre-sco presso il bar delloratorio. Nellini-ziativa il CSI di Vallecamonica, oltre agli animatori del gruppo sportivo di Darfo, coinvolger anche lAmmini-strazione comunale sempre sensi-bile alle proposte sul territorio della nostra associazione.Anche in questa edizione del Natale degli sportivi il CSI di Vallecamonica inviter le proprie societ sportive a contribuire per la realizzazione di un progetto di solidariet. Ancora una volta lattenzione sar puntata sui bi-sogni di una missione in Africa dove sono impegnati religiosi della Valle-camonica. La raccolta di fondi sar infatti indirizzata alla realizzazione di un campo di pallavolo e di pallaca-nestro nel nuovo centro di aggrega-zione giovanile della Missione di Mu-rayi (Burundi) dove sono impegnate

    le suore Dorotee di Cemmo. La co-munit di Murayi situata nella dio-cesi di Gitega ed stata fondata nel 1972 in collaborazione don i preti Fi-dei Donum della diocesi di Tortona. E costituita da sette religiose, due ita-liana e cinque africane, che si occu-pano della catechesi, dellanimazione dei gruppi giovanili, delleducazione igienico/sanitaria e nutrizionale. Inol-tre promuovono la formazione della donna e sostengono