CORPAD 06-09-12

Click here to load reader

  • date post

    11-Mar-2016
  • Category

    Documents

  • view

    219
  • download

    0

Embed Size (px)

description

La benzina aumenta? Meglio andare in bici!

Transcript of CORPAD 06-09-12

  • Pubblicit inferiore al 45% - Contiene IPwww.corrierepadano.it

    Poste Italiane spa - Spedizione in a.p. - D.L. 353/2003(conv.in l.27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1 - DCB Pc

    SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1983

    GIOVED 6 SETTEMBRE 2012 - ANNO 30 N. 29 - EURO 0,20

    Aumentano i profili anonimi o falsi di under 20

    Palazzo Uffici resta in agenda,ma il sogno ridimensionatoIl ritiro della giunta Dosi: priorit al lavoro e alla lotta allevasione

    POLLASTRI A PAGINA 4

    Mobilit - La congiuntura economica favorisce il ritorno di antiche (e sane) abitudini

    La benzina aumenta?Meglio andare in bici!I rincari ai carburanti spingono sempre pi piacentini a riscoprire la praticit delladue ruote. Decolla la ricerca dellusato. Anche bus e car pooling per risparmiare

    La benzina supera quota due euro al litro e ilgasolio varca leuro e ottanta, e allora i pia-centini corrono al riparo e riscoprono antiche(e pi sane) abitudini, come la vecchia carabicicletta per la quale decolla anche la ri-chiesta dellusato. Per risparmiare si ricorreanche ad autobus e car pooling

    GAZZOLA A PAGINA 3

    Sviluppo

    Val Trebbia e turismo,a volte la soluzione copiare i pi bravi

    LOMBARDI A PAGINA 3

    Fiorenzuola

    Festa Multietnica,solidarietper i bisognosi

    IANNOTTA A PAGINA 6

    Piacenza pettegola su internet,sindrome da Gossip Girl

    DOSSENA A PAGINA 5

    WEEKEND

    Mercato Europeo,Facsal poliglotta

    A PAGINA 10

    Spazio 4: Tendenze maggiorenne

    A PAGINA 8

    Il calcio piacentinoprova a ricominciare

    DA PAGINA 15

  • Corriere Padano

    26 settembre 2012

    Italia/Francia - Tav, il presidente: Unopera fondamentale

    Monti: Riformeda fare anni faIl premier: Se fossero state poste in atto in precedenza,oggi darebbero pi respiro alle nuove generazioni"

    Non ho fatto promessesulloccupazione durante lacampagna elettorale. Lo hadetto, con ironia, il premierMario Monti al termine del bi-laterale con il presidente dellaRepubblica francese FranoisHollande. LItalia ha posto inatto una serie di riforme miratea rendere pi facile la crescita:semplificazioni, liberalizzazio-ni, riforma del mercato del la-voro. Se queste riforme fosse-ro state poste in atto con lastessa decisione tanti anni fa,oggi darebbero pi respiro allenuove generazioni. Avvertoil problema dell'occupazionecome centralissimo per leco -nomia e per la societ italia-na. Il ciclo di consultazioni conle parti sociali mira ad attira -re la loro attenzione sulla pro-duttivit e competitivit. Men-tre il governo si sforza, conlaiuto del parlamento, di adot-tare misure, occorre che anchechi rappresenta le imprese e ilavoratori acuisca gli sforzi daparte sua per migliorare la pro-duttivit.Lintesa Italia-Francia - Sulla

    Bce ho ascoltato con partico-lare attenzione Hollande pervedere se ci fosse una parolacon cui non fossi d'accordo, nonl'ho trovata. Hollande avevadetto subito prima di non volerfare commenti. La mia posi-zione quella del Consiglio Uedel 28 e 29 giugno: ovvero, checi sia la possibilit, attraverso ilmeccanismo di stabilit, di in-tervenire insieme e rapida-mente.Abbiamo potuto con-

    statare e spingere ancora pi a-vanti la nostra identit di vedu-te sulle relazioni bilaterali, sulclima da ristabilire per rilan-ciare la stabilit delleurozo -na e su questioni di politica e-stera.La Tav va avanti - E stato

    convocato il prossimo verticebilaterale intergovernativoche si terra in Francia, ma saril presidente Hollande a dirviqualcosa di pi. Io sono lieto diapprendere che avr luogo aLione dando cos un segno con-creto della volont dei nostridue paesi per la completa rea-lizzazione di quellopera di fon-damentale interesse quale iltreno Torino-Lione.Hollande: Salvare Spagna e

    Grecia -Abbiamo identifica-to tre tappe per la zona euro: laprima far applicare le conclu-

    sione del Consiglio europeo del28-29 giugno: cos il presiden-te francese Francois Hollande.Secondo, riuscire a risolverela questione della Grecia che sipone da mesi e che dopo il rap-porto della troika permetteral Consiglio europeo del 18-19ottobre di portare avanti il pia-no per tenere la Grecia nella zo-na euro, poi la questione Spa-gna da risolvere. Per cui in Con-siglio Ue dobbiamo trovare so-luzioni per Spagna e Grecia.Terza tappa sar a fine anno

    per unione bancaria e appro-fondimento unione monetaria.E' compito di tutti coloro chepossono intervenire nella zonaeuro dare il loro contributo,compresa la Bce che prenderdecisioni in conformit al suopresidente.(Agenzia Dire, www.dire.it)

    Ferriere, delitto e polemica:la replica di Daniele NovaraPubblichiamo la replica di Daniele Novara (fonda-

    tore del Centro Psicopedagogico per la Pace e la ge-stione dei conflitti, nella foto al centro) alla letteradella residente di Ferriere Fosca Lavezzi cui abbia-mo dato spazio nel numero 27 di Corriere Padano.

    Intendo rassicurare la lettrice del Corriere Pa-dano, signora Fosca Lavezzi, che non era assolu-tamente mia intenzione offendere in alcun mo-do la sensibilit e la dignit degli abitanti di Fer-riere che hanno vissuto il dramma dellomicidiodi Annalisa Lombardi compiuto con una partico-lare efferatezza il 24 luglio scorso. Ai cittadini diFerriere esprimo tutta la mia solidariet.Alcune delle mie frasi e parole, pre-

    se fuori dal contesto del ragionamen-to complessivo, acquistano un sensoche non vogliono e non possono avere.Sono molto dispiaciuto che questo ab-bia creato ulteriore dolore. Ho inav-vertitamente toccato delle corde de-licatissime.Cerco allora di chiarirmi. Il mio in-

    tento era di provocare una riflessionesui temi della violenza e sui tanti luo-ghi comuni corrispondenti (ad esempio: Ma do-ve il movente?).Il caso dellomicidio di Ferriere si presta a fare

    chiarezza sulla matrice di follia di ogni violenza.Anche quando gli psichiatri, come ad Oslo, arri-vano a dichiarare Breivik capace di intendere edi volere. Qualsiasi persona di buon senso sichiede legittimamente come pu un essere uma-no normale decidere di andare a fare il tiro a se-gno per abbattere e uccidere 77 ragazzi in vacan-za in un campeggio su unisola.Da trentanni faccio ricerca su questi temi pre-

    valentemente a partire da un versante pedago-gico. Due cose continuano a colpirmi e inquie-tarmi. Lattrazione per la violenza, per le armi,

    per la guerra che ancora serpeggia nei discorsi,negli spettacoli, nei commenti, quasi che non ba-stassero tutti gli orrori e le crudelt che hannoaccompagnato la storia umana anche negli ulti-mi secoli.E poi la mistificante abitudine di confondere la

    violenza col normale litigio, usando ad esempioil termine conflitto come sinonimo di guerra, co-me se una discussione fra genitori e figli adole-scenti fosse la stessa cosa del bombardamentosu Tripoli.In entrambi i casi la violenza viene banalizzata,

    resa leggera e inconsistente. Quasi come in un vi-deogioco dove lavversario lo puoi abbattere

    senza tanti patemi e senza tante com-plicazioni. A un certo punto, al di ldel dolore, ho avuto paura che anchea Ferriere potesse partire questofilm, pi tragico che la violenza stes-sa. Cos non stato e oggi a distanza diun mese e mezzo si pu dire che la con-danna della violenza stata unanimesenza alcun tentativo di giustificazio-ne.Al di l dei fraintendimenti o delle

    mie parole fuori misura, penso che valga la penacontinuare a riflettere e a domandarsi. Ma spe-cialmente a lavorare perch la storia non ripetale sue crudelt.Per questo credo nel lavoro educativo che oggi

    risulta purtroppo sempre pi marginale, confi-nato in un mondo puramente femminile piutto-sto che essere condiviso da tutta la societ.Questo anche limpegno dellistituto che diri-

    go (Centro Psicopedagogico per la pace e la ge-stione dei conflitti) nato proprio a Piacenza nellontano 1989 per costruire una cultura che sap-pia mettere le nuove generazioni in una convi-venza fatta di vera sicurezza e fiducia reciproca.Daniele Novara

    Roma la capitaleanche del fotovoltaico

    VILLAGGIO GLOBALE

    In un ipotetico podio delfotovoltaico italiano, aRoma spetterebbe lamedaglia doro con 4.397installazioni, seguita daPerugia con 1.573 e Padovacon 1.339.Questi i risultati di

    unelaborazionedellufficio studi Ubisol sudati Gse.

    E proprio alla Fiera diRoma la settimana (fino avenerd) di ZeroEmissionRome 2012, lamanifestazione dedicata aenergie rinnovabili,sostenibilit ambientale,lotta ai cambiamenticlimatici ed emissiontrading. Questanno lamanifestazione - estesa suquattro padiglioni e oltre40 mila quadri espositivi,con la partecipazione di350 espositori, di cui 80provenienti dall'estero inrappresentanza di 19 Paesi- ha deciso di ospitare, nelsuo ambito, anche losvolgimento del salone 'PvRome Mediterranean',dedicato alle tecnologiefotovoltaiche per ilMediterraneo.'ZeroEmission Rome

    2012' si conferma quindicome lappuntamentocompleto - ha dichiaratoMarco Pinetti, presidentedi Artenergy publishing, lasociet organizzatrice - perla community della greeneconomy, unopportunitdi business, ma anche disalvaguardia del pianeta,di attenzione allegenerazioni future. Un'laboratorio' di svilupposostenibile da condividereinsieme.(Agenzia Dire,

    www.dire.it)

  • 6 settembre 2012 Corriere Padano

    3IN PRIMO PIANO

    Risparmiare - Sembra destinato ad aumentare anche nella nostra citt il ricorso ai mezzi pubblici o al car pooling

    Benzina troppo cara? Viva la bici!I continui rincari ai carburanti portano i piacentini a riscoprire le due ruoteFRANCESCA GAZZOLA

    Se la benzina raggiunge quota2 euro al litro e il gasolio arrivaa superare l'euro e ottanta, ipiacentini corrono al riparo eriscoprono le antiche sane abi-tudini come la vecchia cara bi-cicletta. I negozi delle due ruo-te ricevono ogni giorno decinedi richieste di bici usate ma ilcaro benzina secondo le pri-me stime produrr anche la ri-scoperta dei me