Appunti Diritto Amministrativo Clarich

Click here to load reader

  • date post

    31-Jan-2016
  • Category

    Documents

  • view

    123
  • download

    6

Embed Size (px)

description

appunti del prof. Clarich circa il manuale di diritto amministrativo

Transcript of Appunti Diritto Amministrativo Clarich

  • 1

    APPUNTI PER LE LEZIONI DI DIRITTO AMMINISTRATIVO

    Dipartimento di Scienze Giuridiche - LUISS Guido Carli A.A. 2011-2012

    Prof. Marcello Clarich

    CAP. I INTRODUZIONE

    1. Premessa; 2. Modelli di Stato e nascita del diritto amministrativo; 3. Diritto amministrativo e scienze sociali. La scienza del diritto amministrativo; 4. Il diritto amministrativo e i suoi rapporti con altre branche del diritto; 5. I caratteri generali del diritto amministrativo; 6. Piano dellopera. (pagg 3-37)

    CAP. II LA FUNZIONE DI REGOLAZIONE E LE FONTI DEL

    DIRITTO

    1. Premessa; 2. La Costituzione; 3. Fonti comunitarie e pubblica amministrazione; 4. Fonti normative statali, riserve di legge, principio di legalit; 5. Le leggi provvedimento e la riserva di amministrazione; 6. I regolamenti governativi; 7. Cenni alle fonti normative regionali, degli enti locali e di altri enti pubblici; 8. Atti di regolazione aventi natura non normativa; 9. Gli atti amministrativi generali: a) i bandi di concorso e gli avvisi di gara; 10. Segue: b) gli atti di pianificazione e di programmazione; 11. Segue: c) le ordinanze contingibili e urgenti; 12. Segue: d) le direttive e gli atti di indirizzo; 13. Segue: e) le norme interne e le circolari; 14. Il riordino della legislazione: i testi unici e i codici; 15. Sviluppi recenti. (pagg 38-71)

  • 2

    CAP. III LA FUNZIONE DI AMMINISTRAZIONE ATTIVA

    1. Le funzioni e lattivit amministrativa; 2. Segue: il potere, il provvedimento, il procedimento; 3. Il rapporto giuridico amministrativo. I diritti potestativi e il potere amministrativo; 4. Il potere amministrativo e la norma dazione; 5. Il potere discrezionale; 6. Linteresse legittimo; 7. Segue: linteresse legittimo oppositivo e pretensivo; 8. Diritti soggettivi e interessi legittimi: criteri di distinzione; 9. Interessi di fatto, diffusi e collettivi; 10. I principi generali. (pagg 72-122)

    CAP. IV IL PROVVEDIMENTO AMMINISTRATIVO

    1. Premessa; 2. Il regime del provvedimento amministrativo: a) la tipicit; 3. Segue: b) la cosiddetta imperativit; 4. Segue: c) Lesecutoriet e lefficacia; d) linoppugnabilit; 5. Gli elementi strutturali dellatto amministrativo. Lobbligo di motivazione; 6. I provvedimenti ablatori reali, i provvedimenti ordinatori, le sanzioni amministrative; 7. Le attivit libere assoggettate a regime di comunicazione preventiva. La segnalazione certificata di avvio dellattivit. 8. Le autorizzazioni e le concessioni; 9. Gli atti dichiarativi; 10) Altre classificazioni: atti collettivi, atti plurimi, atti di alta amministrazione, atti collegiali; 11. Linvalidit dellatto amministrativo; 12. Lannullabilit: a) lincompetenza; b) la violazione di legge; 13. Segue: c) leccesso di potere; 14. La nullit; 15 Lannullamento dufficio, la convalida, la ratifica, la sanatoria, la conferma, la conversione, la revoca, il recesso. (pagg 123-186)

    CAP. V IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

    1. Nozione e funzioni del procedimento amministrativo; - 2. Le leggi generali sul procedimento e la l. n. 241/1990; - 3. Le fasi del procedimento: a) liniziativa; - 4. Segue: b) listruttoria; - 5. Segue: c) la

  • 3

    fase decisionale; - 6. Procedimenti semplici, complessi, collegati. Il sub procedimento; - 7. La conferenza di servizi e altre forme di coordinamento; - 8. Tipi di procedimento. a) Lespropriazione per pubblica utilit; 9. Segue: b) le sanzioni pecuniarie e disciplinari; 10. Segue: c) le autorizzazioni. Il permesso a costruire; 11. Segue: d) I procedimenti concorsuali. Laccesso agli impieghi pubblici; 12. Segue: e) i contratti pubblici per laffidamento di lavori, servizi e forniture; 13. Segue: f) laccesso ai documenti amministrativi. (pagg 187-236)

    CAP. VI I CONTROLLI E LA RESPONSABILITA

    A) I CONTROLLI. 1. Premessa; 2. I controlli sugli atti e sullattivit; 3. I controlli gestionali. B) LA RESPONSABILITA. 4. Premessa; 5. Lart. 28 della Costituzione e la responsabilit civile da comportamento illecito. 6. La risarcibilit del danno da lesione di interessi legittimi; 7. La responsabilit nel diritto europeo; 8. La responsabilit amministrativa. (pagg 237-262)

    CAP. VII LA GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA

    1. Nozione; 2. Cenni storici: a) la legge abolitiva del contenzioso amministrativo; 3. Segue: b) la nascita del giudice amministrativo; 4. La giustizia amministrativa nella Costituzione; 5. Listituzione dei Tribunali Amministrativi Regionali e le riforme successive; 6. Il dualismo del sistema italiano e il riparto di giurisdizione; 7. La giurisdizione amministrativa di legittimit, esclusiva e di merito; 8. Le azioni nel processo di cognizione, le azioni cautelare ed esecutiva; 9. Lo svolgimento del processo amministrativo. I principi informatori; 10. I ricorsi amministrativi; 11. Cenni alle giurisdizioni amministrative speciali. (pagg 263-290)

  • 4

    CAP. I INTRODUZIONE

    1. Premessa; 2. Modelli di Stato e nascita del diritto amministrativo; 3. Diritto amministrativo e scienze sociali. La scienza del diritto amministrativo; 4. Il diritto amministrativo e i suoi rapporti con altre branche del diritto; 5. I caratteri generali del diritto amministrativo; 6. Piano dellopera.

    1. Premessa. Il diritto amministrativo pu essere inteso, in prima approssimazione,

    come quella branca del diritto pubblico interno che ha per oggetto lorganizzazione e lattivit della pubblica amministrazione. Esso riguarda in particolare i rapporti che questultima instaura con i soggetti privati nellesercizio di poteri ad essa conferiti dalla legge per la cura di interessi della collettivit1.

    Il diritto amministrativo si compone di un corpo di regole e di principi, autonomo dal diritto privato, che si andato formando nellEuropa continentale nel corso del XIX secolo in parallelo allevoluzione dello Stato di diritto.

    Rispetto alla tradizione millenaria del diritto privato, si tratta dunque di un diritto recente. Le locuzioni administration publique e burocrazia comparvero per la prima volta in Francia intorno alla met del XVIII secolo e vennero riferite alla nascita e al consolidarsi di un potere pubblico nuovo, dai tratti dispotici e autoritari. In epoca napoleonica si

    1 Secondo una delle prime definizioni, proposta da Vittorio Emanuele Orlando nei Principii

    di diritto amministrativo del 1891, il diritto amministrativo il sistema di quei principii giuridici che regolano lattivit dello Stato per il raggiungimento dei suoi fini. Secondo quella pi recente contenuta nel Trattato di diritto amministrativo francese di Andr de Laubadre, il diritto amministrativo la branche du droit public interne qui comprend lorganisation et lactivit de ce quon appelle couramment ladministration, cest--dire lensemble des autorits, agents et organismes chargs, sous limpulsion des pouvoirs politiques, dassurer les multiples interventions de lEtat moderne. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, secondo il manuale di Stephan Breyer e Richard Stewart, Administrative law and regulatory policy, Administrative law consists of those legal rules and principles that define the authority and structure of administrative agencies, specify the procedural formalities that agencies employ, determine the validity of particular administrative decisions and define the role of reviewing courts and other organs of government in their relation to administrative agencies.

  • 5

    inizi a utilizzare lespressione droit administratif e il primo trattato di diritto amministrativo fu pubblicato da Gian Domenico Romagnosi nel 1814, ma solo verso la fine del XIX secolo la disciplina trov un inquadramento pi compiuto.

    Del resto la distinzione, gi nota al diritto romano2, tra diritto privato e diritto pubblico rimase in uno stato embrionale almeno fino in epoca moderna.

    Il diritto pubblico si ricollega infatti culturalmente al dibattito politico e filosofico settecentesco sul fondamento e sulla legittimit del potere del sovrano. Assunse poi la consistenza di una branca sviluppata del diritto allorch giunse a maturazione lo Stato costituzionale di diritto (Rechtsstaat, tat de droit), con tempistiche e modalit differenziate nei singoli Stati, a partire dalla rivoluzione francese (1789). Le costituzioni liberali ottocentesche (in Piemonte, lo Statuto albertino del 1848) costituirono la base normativa a partire dalla quale la dottrina, soprattutto tedesca (George Jellinek, Paul Laband, Otto Mayer), elabor i concetti fondamentali del diritto pubblico (sovranit, Stato persona, diritti pubblici soggettivi, ecc.).

    Il diritto amministrativo pu essere avvicinato lungo una pluralit di percorsi. In primo luogo, esso va colto in una prospettiva storica, dando conto di due processi: lemergere di apparati amministrativi stabili posti al servizio del sovrano e levolversi nel tempo della struttura della pubblica amministrazione in relazione allampiezza delle funzioni assunte via via come proprie dallo Stato; il progressivo assoggettamento della pubblica amministrazione ai principi dello Stato di diritto e la formazione di un diritto speciale ad essa applicabile. In secondo luogo, utile muovere dalle scienze sociali che analizzano con i propri metodi il fenomeno delle amministrazioni pubbliche e gettano le basi teoriche della teoria della regolazione (regulation). In terzo luogo, occorre fissare le distinzioni e i nessi del diritto amministrativo rispetto ad altre branche del diritto (diritto costituzionale, diritto europeo, diritto privato). Infine, conviene prendere in considerazione alcuni caratteri generali e le principali partizioni della materia.

    2. Modelli di Stato e nascita del diritto amministrativo.

    2 Secondo la celebre definizione di Ulpiano, jus publicum quod ad statum rei Romanae

    spectat, jus privatum quod ad singulorum ut