Concetto Fondamentali Di Diritto Amministrativo Riassunto Diritto Amministrativo Casetta

download Concetto Fondamentali Di Diritto Amministrativo Riassunto Diritto Amministrativo Casetta

of 152

  • date post

    09-Mar-2016
  • Category

    Documents

  • view

    24
  • download

    1

Embed Size (px)

description

CONCETTO-FONDAMENTALI-DI-DIRITTO-AMMINISTRATIVO---Riassunto---Diritto-

Transcript of Concetto Fondamentali Di Diritto Amministrativo Riassunto Diritto Amministrativo Casetta

COMPENDIO DI

Diritto Amministrativo

INDICE

7CAPITOLO 1 - LAMMINISTRAZIONE E IL SUO DIRITTO

7LA NOZIONE DI PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

7LA NOZIONE DI DIRITTO AMMINISTRATIVO

8LAMMINISTRAZIONE COMUNITARIA ED IL DIRITTO AMMINISTRATIVO COMUNITARIO

10CAPITOLO 2 - ORDINAMENTO GIURIDICO E AMMINISTRAZIONE: LA DISCIPLINA COSTITUZIONALE

10DIRITTO AMMINISTRATIVO E NOZIONE DI ORDINAMENTO GIURIDICO

10LAMMINISTRAZIONE NELLA COSTITUZIONE. INDIRIZZO POLITICO E ATTIVIT DI GESTIONE

11I PRINCIPI COSTITUZIONALI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE.

11LA RESPONSABILIT

11IL PRINCIPIO DI LEGALIT

12IL PRINCIPIO DI IMPARZIALIT

13IL PRINCIPIO DI BUON ANDAMENTO

13I CRITERI DI EFFICACIA, ECONOMICIT, EFFICIENZA E TRASPARENZA

14I PRINCIPI DI AZIONABILIT DELLE SITUAZIONI GIURIDICHE DEI CITTADINI NEI CONFRONTI DELLA P. A. E DI SINDACABILIT DEGLI ATTI AMMINISTRATIVI. IL PROBLEMA DELLA RISERVA DI AMMINISTRAZIONE

14IL PRINCIPIO DELLA FINALIZZAZIONE DELLA P. A. AGLI INTERESSI PUBBLICI

14I PRINCIPI DI SUSSIDIARIET, DIFFERENZIAZIONE E ADEGUATEZZA

15PRINCIPI COST. APPLICABILI ALLA P. A.: EGUAGLIANZA, SOLIDARIET, DEMOCRAZIA

16LAMMINISTRAZIONE NELLA COSTITUZIONE COME POTERE DELLO STATO

17CAPITOLO 3 - LORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA: PROFILI GENERALI

17I SOGGETTI DI DIRITTO NEL DIRITTO AMMINISTRATIVO: GLI ENTI PUBBLICI

17IL PROBLEMA DEI CARATTERI DELLENTE PUBBLICO

17LA DEFINIZIONE DI ENTE PUBBLICO E LE CONSEGUENZE DELLA PUBBLICIT

18IL PROBLEMA DELLA CLASSIFICAZIONE DEGLI ENTI PUBBLICI

19RELAZIONI E RAPPORTI INTERSOGGETTIVI E FORME ASSOCIATIVE

21LA DISCIPLINA COMUNITARIA: GLI ORGANISMI DI DIRITTO PUBBLICO

22LE FIGURE DI INCERTA QUALIFICAZIONE: LE S.p.A. A PARTECIPAZIONE PUBBLICA

22VICENDE DEGLI ENTI PUBLBICI

22LA PRIVATIZZAZIONE DEGLI ENTI PUBBLICI

23I PRINCIPI IN TEMA DI ORGANIZZAZIONE DEGLI ENTI PUBBLICI

23LORGANO

24LIMPUTAZIONE DI FATTISPECIE IN CAPO AGLI ENTI DA PARTE DI SOGGETTI ESTRANEI

24CLASSIFICAZIONE DEGLI ORGANI

25RELAZIONI INTERORGANICHE. MODELLI TEORICI: GERARCHIA,DIREZIONE, COORDINAMENTO

26Segue: IL CONTROLLO

27IN PARTICOLARE: IL CONTROLLO DI RAGIONERIA ED IL CONTROLLO DELLA CORTE DEI CONTI

28LEVOLUZIONE NORMATIVA IN TEMA DI CONTROLLI. I CONTROLLI INTERNI

29RAPPORTI TRA ORGANI E UTILIZZO, DA PARTE DI UN ENTE, DEGLI ORGANI DI UN ALTRO ENTE

29GLI UFFICI E IL RAPPORTO DI SERVIZIO

30LA DISCIPLINA ATTUALE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLE PP.AA.

31LA DIRIGENZA E I SUOI RAPPORTI CON GLI ORGANI POLITICI

33I SOGGETTI DI DIRITTO: LE FORMAZIONI SOCIALI E GLI ORDINAMENTI AUTONOMI

34I MEZZI. IN PARTICOLARE I BENI PUBBLICI. NOZIONE E CLASSIFICAZIONE CODICISTICA

34IL REGIME DEI BENI DEMANIALI

36IL REGIME GIURIDICO DEI BENI DEL PATRIMONIO INDISPONIBLE

37DIRITTI DEMANIALI SU COSE ALTRUI, DIRITTI DUSO E USI CIVICI

37LUSO DEI BENI PUBBLICI

38I BENI PRIVATI DI INTERESSE PUBBLICO

39CAPITOLO 4 - LORGANIZZAZIONE DEGLI ENTI PUBBLICI

39CENNI ALLORGANIZZAZIONE STATALE: QUADRO GENERALE

39IN PARTICOLARE: IL GOVERNO E I MINISTERI

40LE STRUTTURE DI RACCORDO TRA I VARI MINISTERI

41IL CONSIGLIO DI STATO, LA CORTE DEI CONTI E IL CNEL

41LE AZIENDE AUTONOME

42LE AMMINISTRAZIONI INDIPENDENTI

43GLI ENTI PARASTATALI E GLI ENTI PUBBLICI ECONOMICI

44LAMMINISTRAZIONE STATALE PERIFERICA

44LORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA TERRITORIALE NON STATALE. DISCIPLINA E RIFORME

47I RAPPORTI CON LO STATO E LAUTONOMIA CONTABILE DELLA REGIONE

48LORGANIZZAZIONE REGIONALE

49LA POSIZIONE E LE FUNZIONI DEGLI ENTI LOCALI

50LE FUNZIONI DEL COMUNE

50LE FUNZIONI DELLA PROVINCIA

50LORGANIZZAZIONE DI COMUNI E PROVINCE

52I CONTROLLI SUGLI ATTI E SUGLI ORGANI DEGLI ENTI LOCALI

53I RAPPORTI FINANZIARI E LA CONTABILIT NEI COMUNI E NELLE PROVINCE

53GLI ISTITUTI DI PARTECIPAZIONE NEGLI ENTI LOCALI

54TERRITORIO E FORME ASSOCIATIVE

55CITT METROPOLITANE E COMUNIT MONTANE

56CAPITOLO 5 - SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE E LORO VICENDE

56PREMESSA. QUALIT GIURIDICHE, STATUS, CAPACIT E SITUAZIONI GIURIDICHE

57POTERE, DIRITTO SOGGETTIVO, DOVERE E OBBLIGO

57LINTERESSE LEGITTIMO

58INTERESSI DIFFUSI E INTERESSI COLLETTIVI

59IL PRPBLEMA DELLESISTENZA DI ALTRE SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE

59LE SITUAZIONI GIURIDICHE PROTETTE DALLORDINAMENTO COMUNITARIO

60LE MODALIT DI PRODUZIONE DEGLI EFFETTI GIURIDICI

61I POTERI AMMINISTRATIVI: I POTERI AUTORIZZATORI

62I POTERI CONCESSORI

63I POTERI ABLATORI

64I POTERI SANZIONATORI

65I POTERI DI ORDINANZA, I POTERI DI PROGRAMMAZIONE E DI PIANIFICAZIONE, I POTERI DI IMPOSIZIONE DEI VINCOLI, I POTERI DI CONTROLLO

65I POTERI STRUMENTALI E I POTERI DICHIARATIVI. LE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE.

67I POTERI RELATIVI AD ATTI AMMINISTRATIVI GENERALI

67CENNI AD ALCUNE TRA LE PI RILEVANTI VICENDE GIURIDICHE IL CUI STUDIO INTERESSA IL DIRITTO AMMINISTRATIVO: IL DECORSO DEL TEMPO E LA RINUNCIA

68SEGUE: FATTI, ATTI E NEGOZI COSTITUTIVI DI OBBLIGHI. RINVIO.

68LESERCIZIO DEL POTERE: NORME DI AZIONE, DISCREZIONALIT E MERITO

69NORME DI RELAZIONE E NORME DI AZIONE SUI PROBLEMI DEL RIPARTORTO DI GIURISDIZIONE

69LE NORME PRODOTTE DALLE FONTI COMUNITARIE

70LE FONTI SOGGETTIVAMENTE AMMINISTRATIVE: CONSIDERAZIONI GENERALI

70I REGOLAMENTI AMMINISTRATIVI

71ALTRE FONTI SECONDARIE: STATUTI E REGOLAMENTI DEGLI ENTI LOCALI. I TESTI UNICI

73CAPITOLO 6 - IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

73INTRODUZIONE

73CENNI SULLA DISCIPLINA COMUNITARIA

73LESPERIENZA ITALIANA: LA LEGGE 241/1990 E IL SUO AMBITO DI APPLICAZIONE

74I PRINCIPI ENUNCIATI DALLA LEGGE 241/1990

75LE FASI DEL PROCEDIMENTO

76RAPPORTI TRA PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

76LINIZIATIVA DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

77IL DOVERE DI CONCLUDERE IL PROCEDIMENTO

78IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

79LA COMUNICAZIONE DELLAVVIO DEL PROCEDIMENTO

80LISTRUTTORIA PROCEDIMENTALE

81LOGGETTO DELLATTIVIT ISTRUTTORIA

81LE MODALIT DI ACQUISIZIONE DEGLI INTERESSI; CONFERENZA DI SERVIZI C.D. ISTRUTTORIA

82LA PARTECIPAZIONE PROCEDIMENTALE

82ASPETTI STRUTTURALI E FUNZIONI DELLA PARTECIPAZIONE

83IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

85PROCEDIMENTO, ATTI DICHIARATIVI E VALUTAZIONI

86LE ATTIVIT ISTRUTTORIE DIRETTE ALLACCERTAMENTO DEI FATTI

88LA FASE CONSULTIVA

89LA FASE DECISORIA: RINVIO

89LA FASE INTEGRATIVA DELLEFFICACIA

91LA SEMPLIFICAZIONE PROCEDIMENTALE

93CAPITOLO 7 - LA CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO: IL PROVVEDIMENTO E GLI ACCORDI AMMINISTRATIVI

93GLI ATTI DETERMINATIVI DEL CONTENUTO DEL PROVVEDIMENTO, LATTO COMPLESSO, IL CONCERTO E LINTESA

93LA CONFERENZA DI SERVIZI C.D. DECISORIA

94SILENZIO-INADEMPIMENTO, SILENZIO-RIGETTO, SILENZIO SIGNIFICATIVO E SILENZIO DEVOLUTIVO

95LA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVIT (D.I.A.)

96LATTO AMMINISTRATIVO E IL PROVVEDIMENTO AMMINISTRATIVO: OSSERVAZIONI GENERALI

97PROVVEDIMENTO AMMINISTRATIVO E INCISIONE DELLE SITUAZIONI SOGGETTIVE

97UNILATERALIT, TIPICIT E NOMINATIVIT DEL POTERE

98GLI ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROVVEDIMENTO E LE CLAUSOLE ACCESSORIE

99DIFFORMIT DEL PROVVEDIMENTO DAL PARADIGMA NORMATIVO: NULLIT E ILLICEIT

100SEGUE: LILLEGITTIMIT DEL PROVVEDIMENTO AMMINISTRATIVO

101I VIZI DI LEGITTIMIT DEL PROVVEDIMENTO AMMINISTRATIVO

102LA MOTIVAZIONE DI PROVVEDIMENTI ED ATTI AMMINISTRATIVI

102I VIZI DI MERITO E LIRREGOLARIT DEL PROVVEDIMENTO

103PROCEDIMENTI DI RIESAME DELLATTO ILLEGITTIMO: CONVALIDA, CONFERMA, ANNULLAMENTO, RIFORMA

104CONVERSIONE, INOPPUGNABILIT, ACQUIESCENZA, RATIFICA E RINNOVAZIONE DEL PROVVEDIMENTO

105LEFICACIA DEL PROVEVDIMENTO AMMINISTRATIVO: LIMITI SPAZIALI E LIMITI TEMPORALI

106I PROCEDIMENTI DI REVISIONE: PROROGA, REVOCA E RITIRO DEL PROVVEDIMENTO

106ESECUTIVIT ED ESECUTORIET DEL PROVVEDIMENTO AMMINISTRATIVO

106GLI ACCORDI AMMINISTRATIVI. OSSERVAZIONI GENERALI

107GLI ACCORDI TRA AMMINISTRAZIONE E PRIVATI EX ART. 11 LEGGE 241/1990

107I CONTRATTI DI PROGRAMMA E GLI ACCORDI TRA AMMINISTRAZIONI

108IN PARTICOLARE: GLI ACCORDI DI PROGRAMMA

109CAPITOLO 8 - OBBLIGAZIONI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E DIRITTO COMUNE

109IL REGIME DELLE OBBLIGAZIONI PUBBLICHE TRA DIRITTO COMUNE E DEVIAZIONI PUBBLICISTICHE

109I CONTRATTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

109LE PRINCIPALI SCANSIONI DEL PROCEDIMENTO AD EVIDENZA PUBBLICA: LA DELIBERAZIONE DI CONTRATTARE E IL PROGETTO DI CONTRATTO

110LA SCELTA DEL CONTRAENTE E LAGGIUDICAZIONE

111APPALTO-CONCORSO, TRATTATIVA PRIVATA E SERVIZI IN ECONOMIA

112STIPULAZIONE, APPROVAZIONE, CONTROLLO ED ESECUZIONE DEL CONTRATTO

112VIZI DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E RIFLESSI SULLA VALIDIT DEL CONTRATTO

113CENNI ALLA NORMATIVA SUI LAVORI PUBBLICI: APPALTI E CONCESSIONI

114CENNI AGLI APPALTI DI FORNITURE, DI SERVIZI E AGLI APPALTI NEI C.D. SETTORI ESCLUSI

114GESTIONE DAFFARI, ARRICCHIMENTO SENZA CAUSA E PAGAMENTO DI INDEBITO

115LA RESPONSABILIT CIVILE DELLAMMINISTRAZIONE E DEI SUOI AGENTI: LART. 28 COST. E LA RESPONSABILIT EXTRACONTRATTUALE

115LA DISCIPLINA POSTA DAL LEGISLATORE ORDINARIO: IL T.U. DEGLI IMPIEGATI CIVILI DELLO STATO (D.P.R. 3/1957)

116I PROBLEMI DEL RISARCIMENTO DEGLI INTERESSI LEGITTI