Sposa moderna

of 11 /11
SPOSA moderna Anno I - N°O • Novembre 2008 - Prezzo lancio 2,50 GRAN CLASSE Segni particolari IDEE D’INTERNI Forme d’autore GRAN CLASSE Segni particolari

Embed Size (px)

description

Semestrale dedicato agli sposi

Transcript of Sposa moderna

  • SPOSAmoderna

    Anno I - NO Novembre 2008 - Prezzo lancio 2,50

    GRAN CLASSESegni particolari

    IDEE DINTERNIForme dautore

    GRAN CLASSESegni particolari

  • Forma sublime, idratazione assoluta,perfetta definizione, colori ricchi,copertura perfetta, design lussuosodalle linee pure: LAbsolu Rouge esaltail pi elegante dei gesti femminili Ilsegno della rosa esalta le labbra conuna texture dal comfort inedito,avvolgendole in una sensazione infini-tamente vellutata come una carezzasensuale sulle labbra. Per la primavolta, il Pro-Xylane viene incorporatonella formula di questa recente cremadi rossetto per donare volume e defi-nire la forma delle labbra, mantenen-done lidratazione naturale.

    finoaSERAPERFETTE

    Lancme

  • SEGNI PARTICOLARI MAKE UP

    Irresistibilmente sexy.Assolutamente glamour. Ilgloss uno dei segretidell'appeal femminile.Firmato Deborah,entra in scena ilnuovo D-Gloss, sor-prendente nelleperformances,innovativo nellaformula, esclusivonel packaging. Prontoa riscrivere con la sua ineditabrillantezza le regole dellaseduzione a fior di labbra.

    Una matita per labbra multiuso, che non habisogno di essere temperata. Pu essereusata per delineare il contorno della bocca oper coloraretutta la super-ficie delle lab-bra.Scorre facil-mente e hauna tenutaperfetta.Delinea conprecisione ilcontornodella bocca edha un effettoidratante dilunga durata.

    Collistar

    Uniformante effettonaturale. Un impalpa-bile velo di luce, per-fezione e levigatezza.Contiene lesclusivo

    ComplessoIlluminante, tecnolo-gico mix di polverifoto-riflettenti e

    proteine della seta.Adatto ad ogni tipo di

    pelle.

    Shiseido

    Collistar

    Deborah

    Una cipria leggera come un soffio, una carezza trat-tante e anche avvolgente per il volto e il dcollet, cheesalta con un velo sofisticato di paillettes dorate eidrata grazie alla presenza di vitamina E e acido ialu-ronico. Ideale per un trucco sofisticato, si applicaallistante grazie allapposito piumino di velluto conte-nuto nella preziosa confezione che gioca sul contrastotra opaline e oro.

    Collistar

  • uante stupidaggini si devono fare per tro-vare marito! la battuta da Via col ventoe a pronunciarla Vivien Leigh/RossellaOHara che, nellimmaginario cinemato-grafico, leroina romantica per eccellen-za. Citazioni a parte, il matrimonio, con il

    suo inevitabile corollario di rituali pi o meno sfarzosi , dasempre, unoccasione ghiotta per gli sceneggiatori che, suquesto tema, sembrano (ed proprio il caso di dirlo) andare anozze.Moltissime sono le pellicole che si sono ispirate al fatidico se sarebbe impossibile nominarle tutte, ciononostante ci sonostati titoli che hanno, in un certo senso, segnato il genere,diventando seppur nella leggerezza della commedia deiveri e propri cult.Come dimenticare, infatti, Come sposare un milionario firma-to da Jean Negulesco nel 1953? Magnifiche protagonisteerano Marilyn Monroe, Lauren Bacall e Betty Grable che vesti-vano i panni di tre giovani, belle (ma povere) indossatrici che,a New York, tentano il colpaccio della loro vita cercando diaccalappiare un marito facoltoso. Radunando i loro risparmi leragazze mettono a punto una vera e propria strategia perattuare i loro piani matrimoniali cercando di non venire menoalla loro regola principale, ovvero: non innamorarsi delluomosbagliato che, anche se bello e gentile, nella maggior partedei casi, non ha un conto in banca soddisfacente. Ma, al di ldi ogni pianificazione, le nostre eroine riusciranno a trovarelamore vero. Nel terzo millennio, simili trame possono farci sorridere maquesto film resta una delle commedie pi divertenti e sofistica-te che la Hollywood dei tempi doro abbia sfornato in tema dicaccia ai mariti.Sul fronte del cinema italiano, invece, impossibile dimenticare

    Matrimonio allitaliana del 1964 e diretto da Vittorio De Sicadove Sophia Loren interpreta Filumena Marturano, ex prostitu-ta e concubina di un pasticcere benestante, DomenicoSoriano, che riesce a sposare grazie ad uno stratagemma.Dalla celebre commedia di Edurado De Filippo, questo filmcelebra lastuzia e lintelligenza femminile, senza dimenticarela commozione e lamore materno.Tre anni prima, nel 1961, un altro celebre regista come PietroGermi aveva, invece, firmato Divorzio allitaliana con MarcelloMastroianni e Stefania Sandrelli. Qui il matrimonio vira al nero,fino al delitto donore ma il film resta una delle pietre miliari delnostro cinema ed Ennio De Concini, Afredo Giannetti e lostesso Germi vincono lOscar come miglior sceneggiatura.Sui preparativi e sulle ambizioni materne si fonda lamericanoPranzo di nozze, del 1956, per la regia di Richard Brooks conBette Davis, Ernest Borgnine e Debbie Reynolds. Quando lafiglia di un tassista sta per sposare il suo amato, onesto mapovero, la madre di lei inizia a vagheggiare nozze sontuoseche non potrebbero permettersi. Tenero e delicato un classi-co dei film sentimentali, tratto da un teledramma del 1955.Non sempre, per, sono le donne a dare la caccia ai mariti.Talvolta, infatti, accade il contrario come in ricca, la sposo elammazzo del 1971, diretto da Elaine May, con WalterMatthau e Elaine May, in cui il viziatissimo Henry Graham, abi-tuato agli agi e al lusso, accortosi che il suo patrimonio si stapericolosamente assottigliando, pensa bene di trovarsi una ric-cona da sposare e poi ammazzare, per poter vivere di rendita,lungi com da lui lidea di lavorare per vivere. Incontra alloraHenriette, una miliardaria goffa e piuttosto bruttina, esperta dibotanica. La corteggia e giunge ad impalmarla ma i suoi loschipropositi si infrangono sullinaspettato affetto che Henry iniziaa nutrire per questa bizzarra consorte.Sempre per rimanere in tema di uomini interessati, non pos-

    Victor e Victoriasono promessisposi anche se nonsi sono mai cono-sciuti. Victor, perun bizzarro caso, sitrova per sposatocon una cadaverina,restando intrappolatotra il mondo dei vivi equello dei morti. Favolanera firmata da quelgeniaccio di Tim Burton,La sposa cadavere, unaballata romantica e darkdove i personaggi danzanosulle note di quello che unmusical animato di straordina-ria suggestione. Johnny Depp dla voce e il volto (seppur in ver-sione animata) al tenero Victor. Unfilm che appassiona grandi e piccoli,portandoci in un mondo favoloso in cuianche il matrimonio diventa... unico.NozzeANIMATE Tim

    Burton

    Q

  • Michelle Monaghan in Un amore di testimone140

  • siamo non citare Green card Matrimonio di convenienza.Correva lanno 1991 e Peter Weir firma questa commedia,che trionfer al botteghino, con due star come GrardDepardieu e la bellissima Andie MacDowell. La storia quelladi Georges Faure, compositore francese, che sogna di stabilir-si negli Usa dove, finalmente, vede apprezzato il suo talento.Per ottenere la green card (ovvero la carta verde, il vistopermanente di soggiorno negli Stati Uniti) deve sposareunamericana e, quando incontra Bronte Barrish, unaffasci-nante botanica, i suoi desideri sembrano pronti per realizzarsi.Anche lei, infatti, ha bisogno di un matrimonio per ottenere inaffitto il suo appartamento e, accumunati dalle stesse esigen-ze, i due passano un week end insieme per entrare nellaparte del marito e della moglie. Va da s che dalla finzione alvero innamoramento il passo sar breve anche se non propriofacilissimoRitroviamo di nuovo la MacDowell, tre anni dopo, ormaiavvezza alle commedie in odor di nozze, nellirresistibileQuattro matrimoni e un funerale, diretto da Mike Newell con ilfascinoso Hugh Grant e la brava Kristin Scott Thomas.Raffinato e divertente, il film ha per protagonista Charles,seduttore impenitente e assiduo frequentatore di matrimoninei quali, in genere, ricopre il ruolo del testimone. Si dichiaraallergico alle unioni per la vita ma quando conosce (guarda

    caso, proprio ad un ricevimento di nozze) Carrie, una bellissi-ma e disinibita americana, perde totalmente la testa. Dopouna notte damore lei scompare e riappare ad un altro matri-monio. Alla terza cerimonia, invece, proprio Carrie la sposae, a quel punto, Charles decide di impalmare la sua petulantefidanzata ma, proprio il giorno del suo s, ricompare Carrie,separata ormai dal marito e Charles, senza pensarci, mollasullaltare la sua futura moglie per sposare, finalmente, la suaamata. Pellicola cult del genere matrimoniale, il film di Newellha dato vita, dagli anni Novanta in poi, ad una serie di titolisimilari che hanno inaugurato, nel cinema, un vero e propriogenere che, a prescindere dalla qualit delle storie, ha sempreottenuto grandi risultati al botteghino, come conferma il suc-cesso di un altro film rappresentativo come Se scappi, tisposo (1999) di Gerry Marshall con due divi del calibro di JuliaRoberts e Ricard Gere, ovvero la stessa inossidabile squadradel celebre Pretty Woman. In questo film, Ike Graham uncronista a caccia di una storia curiosa. La trova in quella diMaggie Carpenter, una ragazza che sembra allergica al matri-monio, avendo gi abbandonato per ben tre volte i suoi futurimariti allaltare. Ike, per documentarsi, decide di svolgere unindagine sul campo ed il fascino dellirrequieta Maggie finirper colpire anche lui. La sposa riluttante quindi, ha sempreavuto un grande appeal per i racconti di celluloide a conferma

    Come sposare un milionario ricca, la sposo e lammazzo 27 volte in bianco

    Matrimoni e pregiudizi Matrimonio allitaliana Sex and The City

  • che, se in amore vince chi fugge la donna (o, in molti casi, luo-mo) difficile da impalmare anche il soggetto del quale pifacile innamorarsi. Unaltra (apparentemente) allergica allenozze stata, cinematograficamente parlando, anche la sexyJennifer Lopez che in Prima o poi mi sposo (2000), per la regiadi Adam Shankman, veste addirittura i panni di unefficientewedding planner, ovvero lorganizzatrice di matrimoni, tantobrava nel mettere in piedi quegli degli altri, quanto incapace didedicare a se stessa un po di felicit sentimentale. Lincontrocon un tipo affascinante come Matthew McConaughey le farcambiare idea ma, ironia della sorte, luomo dei sogni, propriolo sposo delle nozze alle quali sta lavorando. Come finir?Vinceranno le ragioni del business o quelle del cuore?Risposta ovvia ma, anche in questo caso, il film ha riscosso ungrande successo di pubblico, tale da convincere la bella Lopeza cimentarsi, nel 2005, in un altro affaire matrimoniale conQuel mostro di suocera.Importanti protagonisti del giorno pi bello della vita sono, senzadubbio, anche i testimoni che, mai come in questo momento, sisono guadagnati un posto centrale in tante commedie sentimen-tali. Iniziamo da quello che gi un classico di questa catego-ria: Il matrimonio del mio migliore amico. Siamo nel 1997, dirigeP.J. Hogan e vede scontrarsi Julia Roberts e Cameron Diaz,entrambe innamorate dello stesso uomo. Peccato che la secon-da stia per sposarlo, mentre la prima solo sua amica, nonchsua ex. Di fronte al s del suo fidanzato di un tempo Julienne(la Roberts) perde la testa e decide di mandare a monte il matri-monio. Ne succederanno di tutti i colori e, alla fine, trionfer ilvero amore.Sulla scorta di questa vicenda, di questanno un altro succes-so al box office come Un amore di testimone diretto da PaulWeiland con Patrick Dempsey e Michelle Monaghan. Stavolta asposarsi lei, Hanna, la migliore amica di Tom, affascinantesciupafemmine che, proprio in vista di tali nozze, scopre diamare la sposa. Invertendo lordine dei fattori, quindi, il risultatonon cambia e, anche in questo caso, lobiettivo incassi piena-mente raggiunto.Stesso discorso anche per il divertente 27 volte in bianco che haper protagonista la bellissima Katherine Heigl nei panni di Jane,uninguaribile romantica che adora le nozze al punto di averfatto, per 27 volte, appunto, da damigella donore. Innamorata (enon ricambiata) del suo capo, coltiva ancora il sogno di essereprotagonista del suo giorno pi bello con luomo della sua vitama il ritorno a casa della sorella minore, insopportabile, cinica eviziata, la riporta bruscamente alla realt. Seppur dal sapore

    142

    NozzeETNICHENegli ultimi anni anche il matrimoniotra membri di diverse culture ha forni-to ottimi spunti per un film.Grandissimo successo al botteghino stato Il mio grasso grosso matrimoniogreco dove Toula, goffa nubile trentennedi famiglia greca, finalmente convola agiuste nozze con luomo della sua vitache, per sua disdetta, americano.Il giovane dovr mettercela davverotutta per farsi accettare dalla bizzarracomunit di Toula.In Matrimoni e pregiudizi, una versioneindianadi Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen,

    Il mio grasso, grosso matrimonio grecoMatrimoni e pregiudizi

    Sex and The

  • ultralight, il film gradevolissimo anche grazie alla naturale simpatiadella protagonista che mescola sapientemente sex appel e ingenuit,consacrandosi la perfetta eroina romantica del grande schermo,degna erede di Julia Roberts.In puro stile romantico con tanto di atmosfera natalizia , invece,Love Actually (2003) di Richard Curtis. Dieci storie che si intreccianoa formare una trama costruita sui sentimenti. Intorno ad un matrimo-nio di dipanano le vicende di un gruppo di personaggi che, in diversimodi, vedono i loro destini intrecciarsi. Dai primi palpiti amorosi di unbambino fino al cuore che sconfigge la ragion di Stato con un fasci-nosissimo Hugh Grant che interpreta, nientedimeno, che il PrimoMinistro Britannico. Cast deccezione, con nomi del calibro di ColinFirth, Liam Neeson, Emma Thompson, Keira Knightley, Laura Linneye Billy Bob Thornton a comporre una commedia corale che mescolasapientemente sorrisi e sentimentalismo con un pizzico di commozio-ne. Dello stesso anno, ma di segno pi prosaico, invecePrima ti sposo e poi ti rovino firmato dalla premiata cop-pia dei fratelli Coen che schierano in campo una bel-lissima Catherine Zeta-Jones nei panni diunacchiappamariti miliardari e unosciupafemmine come GeorgeClooney a darle, inevitabilmente,filo da torcere. Se lei unomoglie che impalma, usa egetta, lui uno che non si

    vuole far incastrare e cercher di domare questa bisbetica del dolla-ro. Dialoghi serrati e ironia feroce nello stile ormai consueto dei Coenche, anche quando vogliono concedersi una divertente incursionenella commedia, riescono sempre ad elevare il livello.E come potevamo, infine, non citare il matrimonio cinematografica-mente pi glamour degli ultimi anni? Parliamo di Sex and The City,naturalmente, dove una sfavillante Carrie convola (anche se nontanto facilmente) a giuste nozze con il suo uomo di sempre. Direttoda Michael Patrick King ed interpretato dalle ragazze pi famose delpiccolo schermo, il film non che una naturale propaggine dellomo-nimo serial, il cui successo planetario ha contribuito non poco alla riu-scita di questa pellicola. Divertente e irriverente, come nello spirito deltelefilm, Sex and The City mostra, in una magnifica sequenza, Carrieche indossa una serie di abiti da sposa da capogiro. Una vera e pro-pria sfilata di perfezione tessile e fantasia creativa che eccita anche

    la spettatrice pi cinica e disillusa, a dimostrazione che, passa-no gli anni, cambiano i tempi ma il matrimonio, tradi-

    zionale o no, sempre di moda!

  • arrivato il momentodi stilare la lista nozzema non sapete da dovecominciare. Ecco a voi

    qualche consiglio praticoper non lasciarsi travolgere

    dallansia e organizzarsiin modo da fare

    la differenza.

    Vedono la luce detta-

    gli studiati a lungo,

    elementi semplici e

    al tempo stesso

    ricercati che tra-

    sformano in oggetti

    il frutto di numerosi

    schemi, schizzi e

    modelli. Molti di

    questi hanno porta-

    to, infatti, ad un

    risultato di eleganza

    e semplicit.

    Prodotti contraddi-

    stinti da un alto

    grado di innovazione

    e sperimentazione.

    110

    giusto?Qual ilREGALO

    Alessi

    _

  • Vetri delleVenezie.Irripetibile,straordinario, ilmomento dellafesta trasformaogni giorno in unevento speciale.Una collezione dioggetti in vetroche si confermaunica e creativa.Oggetti dedicati allacasa ed a chi la vuole riccadi luminose trasparenze accom-pagnate da irrinunciabile magia.

    Il simpatico decoro Happy Hands pu

    essere abbinato con creativit a tutti i

    pezzi della collezione e invita a sbizzar-

    rirsi combinando in libert, articoli colo-

    rati e servizio bianco, per una tavola

    personalizzata secondo i propri gusti.

    Ogni oggetto un pezzo unico

    caratterizzato dallestrema cura

    per i dettagli e realizzato con

    materiali naturali: vetro, maioli-

    ca, legno e alluminio.

    PENSIERI, PAROLE E REGALI LISTA NOZZE

    111

    Nadir

    EGO

    Alessi

    Vivo- Villeroy & Boch

    _