Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

of 76 /76
Rivista Italiana di Lavanderia • Pulitura a secco • Tintoria SPECIALI/SPECIALS Ritorno da CLEAN show 2011 / Back from Clean show 2011 Le macchine “innovative” / “Innovative” machinery Biancheria piana e spugne / Flatwork and towels PICCOLA GUIDA DEL PULITINTORE The launderer’s and drycleaner’s mini guide DIFETTI: Scarica di colore e ingiallimento al lavaggio a secco DEFECTS: Color bleeding and yellowing after dry cleaning 7/8 - 2011 LUGLIO/AGOSTO 2011 Numero 7/8 JULY/AUGUST 2011 Number 7/8

Embed Size (px)

description

Rivista Italiana di Lavanderia, pulitura a secco e tintoria. DETERGO Pubblicazione ufficiale dell’Unione Italiana Manutenzione dei Tessili e Affini. Tutte le news sulla lavanderia industriale italiana, produttori di macchina, detergenti, attrezzature le trovi sul portale detergo.eu – The industrial laundry and dry cleaning

Transcript of Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

Page 1: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

Rivista Italiana di Lavanderia • Pulitura a secco • Tintoria

SPECIALI/SPECIALSRitorno da CLEANshow 2011 / Backfrom Clean show 2011Le macchine “innovative” / “Innovative” machineryBiancheria piana espugne / Flatwork and towels

PICCOLA GUIDA DELPULITINTOREThe launderer’s anddrycleaner’s mini guideDIFETTI: Scarica di colore e ingiallimentoal lavaggio a secco DEFECTS: Color bleeding and yellowingafter dry cleaning

7/8 - 2011

LUGLIO/AGOSTO 2011 Numero 7/8JULY/AUGUST 2011 Number 7/8

Page 2: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco
Page 3: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

I tessuti Masa. Qualità e durata in primo piano.

Il tempo è il giudice più severo per garantire la qualità di un prodotto. Lo sappiamo bene noi della Masa che, per la produzione della nostra tovaglieria e dei nostri coordinati per camera e bagno, utilizziamo solo filati altamente selezionati. Inoltre, gli elevati standard tecnologici di produzione - e il costante controllo qualitativo su tutte le fasi di confezionamento - ci consentono di ottenere un prodotto finito che unisce a un design moderno ed esclusivo carratteristiche di resistenza e di durata senza paragoni. Solo in questo modo possiamo essere sicuri che i nostri prodotti, anche dopo ripetuti lavaggi industriali, mantengano inalterata la loro qualità e la loro bellezza originali.

THE MASA FABRICS. LONG-LASTING PRODUCTS GIVING PROMINENCE TO QUALITY. Time is the severest judge to guarantee product quality. Masa, who is well aware of it, uses only highly selected yarns to manufacture its own table linen as well as bathroom and bedroom sets. Moreover, high technological production standards and the constant quality control on all packaging phases allow us to realise a finished product that can combine a modern and exclusive design with matchless wearability and durability features. Only in doing so, we can be sure that our products can keep their original quality and beauty unaltered even after repeated industrial washing processes.

Masa S.p.A Industrie Tessili - Via Mestre 37 - 21050 Bolladello di Cairate (VA) ItalyTel. +39 0331 310145 Fax +39 0331 311325 E-mail: [email protected] www.masa.it

Azienda con Sistema QualitàUNI EN ISO 9001:2000 - Certificato N. 247

Page 4: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

Abbonamento aDETERGO

La sorprendente offerta dell’estate

Abbonamento aDETERGO

La sorprendente offerta dell’estate

Abbonarsi a DETERGO conviene sempre. Perché DETERGO è lo strumento informativo indispensabile per chi opera nel settore Manutenzione del Tessile e Affini;

ti offre, mese dopo mese, tutte le novità che possono migliorare il tuo lavoro e la sua redditività, leggi e normative,

comportamento di tessili e capi confezionati, aggiornamenti operativi, notizie su capi difettosi, problemi di vita associativa.

Per chi si abbona prima dell’estate, DETERGO offre un abbonamento a prezzi super scontati

Abbonamento per un 11 numeri € 32,00 anziché € 42,00 = risparmio € 10,00

Abbonamento per 22 numeri € 54,00 anziché € 84,00 = risparmio € 30,00

(Per chi è già abbonato, l’abbonamento sottoscritto avrà inizio al termine dell’abbonamentocorrente - L’abbonamento alla rivista decorre dalla data della sottoscrizione)

Queste le attuali modalità di pagamento;c/c POSTALEN. 60515715 - intestato a Deterservice - Via Angelo Masina 9 - 20158 Milanoc/c BANCARIOintestato a Deterservice - Via Angelo Masina, 9 - 20158 MilanoBANCA POPOLARE DELL’EMILIA ROMAGNA - IT 11 C 05387 01609 000001504285

Page 5: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

INFORMAZIONE COMMERCIALE53 Lavasecco 1ora - La camicia articolo di punta

PICCOLA GUIDA DEL PULITINTORELAUNDERER’S AND DRYCLEANER’S MINI GUIDE

54 Trattamenti di finissaggio e nobilitazione - 4a parte56 DIFETTI/DEFECTS59 “Se non Sai Domanda”/“Ask if You Don’t Know”

MARKETING62 Un’indispensabile “ruota di scorta” il laboratorio

di fiduciaCONFARTIGIANATO

65 SISTRI: gioie e dolori66 Aggiorna…Menti 2011 Pulitinto Lavanderie 67 La cronaca dell’Assemblea Nazionale 2011

FIERE69 Un mercato simile al nostro

NOTIZIE DALLE AZIENDE70 L’innovazione premiata con un’occhio all’ambiente.

Menzione Speciale al premio Clean Green award per Raro QR-Label

72 ELENCO ISCRITTI ASSOCIAZIONE FORNITORI AZIENDE MANUTENZIONE DEI TESSILI/MEMBERS OF THE TEXTILE CARE SUPPLIERS’ ASSOCIATION

74 INDICE DEGLI INSERZIONISTI/ADVERTISERS’ DIRECTORY

EDITORIALE/EDITORIAL6/7 The northern Italian region of Trentino, optical

fiber and progress/Trentino, fibra ottica e progressoASSOCIAZIONI

8 Nuovo Presidente e nuovi organi direttivi per AssofornitoriINFORMAZIONE COMMERCIALE/TRADE INFO

10 Falvo: AQVABELLAPANORAMA FIERE/EXPO OVERVIEW

12 Clean 2011: la migliore mostra negli ultimi anni Clean 2011 Acclaimed Best Show in YearsSPECIALI/SPECIAL

15 Ritorno da Clean show 2011Back from Clean show 2011

26 Le macchine “innovative”/“Innovative” machinery40 Biancheria piana e spugne/Flatwork and towels

ASSOSISTEMA44 ASSOSISTEMA: Fonte di conoscenza affidabile 46 Il “Safety Day” Assosistema 47 L’importanza della Formazione per i lavoratori 49 I prossimi appuntamenti di Assosistema

ASSOSECCO50 Al servizio della Categoria50 Corsi di aggiornamento 2011 51 Parliamone tra noi52 Dai Consiglieri: Rocco Lamoglie

12

LUGLIO/AGOSTO 2011 Numero 7/8 - JULY/AUGUST 2011 Number 7/8

SOMMARIO/CONTENTS

67

70

53

Page 6: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

News has it that the Italian northern province of Trento is about to complete optical fiber cabling and aWiFi network that will bring high-speed Internet to virtually all citizens. This is a revolution that is perhaps more momentous than the advent of the first automobile. Back then virtually everybody learned to drive, now everybody will have to get the hang of computers tostay in the loop techwise and not feel technically challenged. The only difference is: if cars have causedroad crashes, pollution, and so forth, the growing popularity of computers could instead offer considerablebenefits. Today, a manager in a multinational company told me that in order to talk to his boss who sits inhis office two floors above him, he prefers to e-mail or phone him. If he used Skype, they could talk face-to-face and show each other objects. He basically does the same with his secretary who works in the officenext to his.And then I wonder why he gets up an hour earlier every morning, pollutes the world with his powerful carto drive to his office and stay there all day long? All the documents that he needs are in his laptop that healways has with him. Likewise his secretary keeps all the documents she needs stored in her computer andin those (unfortunately rare) days when he is absent (because he is sick or has personal engagements), hiscomputer cannot be used because it is protected by a super strong password.Just think of the potential savings in time, stress, fuel and related pollution that could be made if we allworked from home.Nevertheless, there are certain jobs that require you to be physically there. The dry cleaner must be in his shop to physically collect dirty garments and return them clean (and, mostimportantly, to get paid). The same is true for a rental laundry, where workers must physically handle thelaundry and attend to machining operations.But here too, a computer can be extremely helpful. My regular dry cleaner is in a hypermarket and is noth-ing more than a collection point. Each garment is given a bar code and shipped to a central facility. It alsohas an automatic return system that makes it possible to pick up the finished garments even when the shopis closed or the counter is too crowded. The whole garment handling process will soon be entrusted to RFID, the radio frequency identificationsystem that is being already employed in many rental laundries and makes it possible to count and sortgarments without having to open the bags, to issue accurate receipts in real time for garments that arepicked up, to know how many times each single garment has been washed and therefore estimate its wear.A few months ago, an article published in the Detergo magazine reported about the computer-driven opti-mization of delivery routes and the Italian daily “Corriere della Sera” published an article about thereduction of towel thefts (a disastrous phenomenon that costs US hotels millions of dollars) thanks to thesetiny devices.In a nutshell, computers and the Internet have forced themselves upon us and not for fun only.

Diego Zambelli

DDThe northern Italian regionof Trentino, optical fiber andprogress

E D I T O R I A L

Page 7: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

DDTrentino, fibra otticae progresso

E D I T O R I A L E

È notizia di questi ultimi giorni che la provincia di Trento sta per ultimare ilcablaggio in fibra ottica, corredata da una rete wi-fi che porterà praticamenteinternet in tutte le case, alla massima velocità. Si tratta di una rivoluzioneforse superiore a quella data dall’avvento dell’automobile. Così come daallora tutti, praticamente, hanno imparato a guidare, oggi tutti dovrannoimparare a “smanettare” sul computer per rimanere aggiornati e non sentirsiesclusi. Con una differenza: se l’automobile è stata artefice di incidenti,inquinamento, ecc. l’uso diffuso del computer potrebbe invece portare gran-di benefici.Già oggi, un dirigente di una multinazionale mi diceva che, per colloquiarecol suo capo, che ha l’ufficio due piani sopra di lui, usa preferibilmente l’e-mail o il telefono. Se usasse Skype (il telefono gratuito di Internet) potrebbero anche vedersi in facciae mostrarsi degli oggetti. Praticamente lo stesso fa con la sua segretaria, che è nell’ufficio accanto.E allora, mi chiedo, perché ogni mattina si alza un’ora prima, inquina il mondo con la sua potente automo-bile, e va a chiudersi nel suo ufficio? Tutti i documenti di cui ha bisogno, sono racchiusi in un computerportatile che porta sempre con sé.Nello stesso modo la sua segretaria tiene nel computer tutta la documentazione di cui ha bisogno, e in quei(per fortuna rari) giorni in cui è assente (per malattia o impegni personali) il suo computer, protetto dainvalicabile password, non si può utilizzare.Pensate a che risparmio, di tempo, di stress, di carburante e conseguente inquinamento si potrebbe realizza-re, se ognuno lavorasse a casa sua.Ci sono lavori, è pur vero, che richiedono una presenza fisica. Un pulitintore dev’essere in negozio, per riti-rare fisicamente i panni sporchi e restituirli puliti (e, cosa importantissima, farsi pagare) e lo stesso dicasiper una lavanderia industriale, dove le maestranze devono fisicamente trattare la biancheria, e sovrintendereal lavoro delle macchina.Ma anche in questi casi, il computer può essere un grande aiuto. Il lavasecco di cui mi servo abitualmente,che è all’interno di un grande supermercato, è un semplice punto raccolta; ogni capo viene contraddistintoda un codice a barre, e inviato a un laboratorio centrale. Dispone inoltre di un sistema di riconsegna auto-matica, grazie al quale si possono ritirare i propri capi anche quando il negozio è chiuso, o il bancone trop-po affollato. Presto tutta la movimentazione sarà affidata ai RFID, segnalatori ad alta frequenza, che è giàun metodo usato in molte lavanderie industriali e consente di “contare e smistare i pezzi” senza neppureaprire i sacchi, di rilasciare ricevute accurate in tempo reale per i panni che vengono ritirati, di saperequanti lavaggi ha subito ogni singolo capo e di prevederne l’usura. Alcuni mesi fa, un articolo di Detergoparlava dell’ottimizzazione dei percorsi di consegna, guidata da computer. E il “Corriere della Sera” ha pubblicato un articolo sulla riduzione deifurti d’asciugamano (calamità che costa agli alberghi degli USA milionidi dollari) grazie a questi minuscoli dispositivi.Insomma, il computer e internet sono entrati prepotentemente nellanostra vita quotidiana; e non solo per gioco.

Diego Zambelli DD7DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

Page 8: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

ciazioni degli operatori e diripetere il successo della ma-nifestazione del 2011 nelprossimo 2014, con unosguardo alla grande EXPO diMilano che si terrà nel 2015.Altre iniziative nel programmadel neoeletto Presidente Clau-dio Montanari sono: dare visi-bilità alla tecnologia ed allaqualità offerto dal “sistemaItalia” in questo settore, chegià vede molte aziende pri-meggiare nel mondo; favorirelo “svecchiamento” e l’im-prenditorialità degli operatori;collaborare alla formazionetecnologica e gestionale inentrambi i comparti (tintola-vanderie e lavanderie indu-striali) in cui opera, rivitaliz-zare la rivista, strumentoprincipe di comunicazione delsettore.Anche la compagine dei Con-siglieri si è in parte rinnovata,con l’inserimento di alcunigiovani; eccone l’elenco com-pleto:

Il giorno 21 giugno 2011, aMilano si è riunita, l’AssembleaGenerale Ordinaria della AS-SOCIAZIONE FORNITORIAZIENDE MANUTENZIONE DEITESSILI – ASSOFORNITORIper l’elezione delle nuove cari-che sociali. Come nuovo Presidente diASSOFORNITORI è stato elet-to all’unanimità il Sig. ClaudioMontanari, della MontanariSrl: un quarantenne che èsubentrato al padre alla guidadi un’azienda al top della tec-nologia.La precedente presidenza, af-fidata a Giovanni Salvati, siera distinta per il sostegnodato ad Expo Detergo, chel’anno scorso ha ottenuto ilpiù lusinghiero successo, eper la tenacia con la quale siè sforzata di coinvolgere leAssociazioni di settore inazioni comuni, a favore diquesto mercato. Si è riusciti a stabilire un rap-porto costante con Confarti-gianato, al quale è stato datouno spazio non indifferenteall’interno della rivista Deter-go e sono stati programmati“tavoli di lavoro”, con l’obiet-tivo di svolgere azioni di co-mune accordo ed interesse.Entrambi questi obiettivi sonostati assunti come propri dal-la nuova presidenza, che siripromette di portare avanti illavoro comune con le Asso-DD8

DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

Ringiovanito ilConsiglio Direttivodi Assofornitori

Notizie dalleAssociazioni

Claudio Montanari

Page 9: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

In particolare rileviamo lapresenza di Roberto Colombo,Alfredo Castelnuovo, MatteoGerosa, Paolo Fumagalli,Alessandro Rolli e Marco San-cassani, tutti quarantenni cer-tamente in grado di portareidee innovative.

Nella stessa riunione sonostate assegnate altre due im-portanti cariche sociali:Luciano Miotto, della Imesa,alla Presidenza di Expo De-tergo e Felice Mapelli, dellaTrevil, alla Presidenza di De-terservice.

Un grande ringraziamento vaal Presidente uscente di ExpoDetergo, Gabrio Renzacci, che

ha portato a traguardi mairaggiunti la manifestazionemilanese, tanto più insperatidata la critica situazione eco-nomica internazionale. Se qualcuno può fare anchemeglio, è proprio LucianoMiotto, come attestano i suoinumerosi successi, sia allaguida della sua azienda, sia inConfindustria, che ritiene siagiunto il momento di estende-re l’azione della nostra Fierasui mercati in evoluzione,aprendo nuovi sbocchi allatecnologia ed all’iniziativadelle aziende italiane.Il compito di Felice Mapelli,che raccoglie la sfida di unmercato pubblicitario in crisi,di un mercato italiano nel set-tore che stenta a ripartire inmaniera decisa, con costi diproduzione, carta e poste incostante rialzo non è certa-mente facile, ma con la colla-borazione dei Consiglieri siadi Assofornitori, sia di Asso-secco ed Assosistema e conla ferma volontà di innovareper riportare la rivista ai me-ritati successi, anche questasfida potrebbe essere vinta. A tutti i nuovi Presidenti larivista Detergo augura la mi-gliore fortuna. DD9

DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

LIVIO BASSAN CHRISTEYNS ITALIAALFREDO CASTELNOVO BIAR

ROBERTO COLOMBO SCALPAOLO FUMAGALLI PONY

MATTEO GEROSA JENSEN ITALIAMARINO MALAGUTI ILSA

FELICE MAPELLI TREVILLUCIANO MIOTTO IMESA

GABRIO RENZACCI RENZACCIALESSANDRO ROLLI KANNEGIESSER ITALIAGIOVANNI SALVATI MASA

MARCO SANCASSANI ECOLABGIANCARLO VEZZOLI NUOVA FOLATI

Felice Mapelli

Luciano Miotto

Page 10: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

Informazione commerciale

Page 11: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco
Page 12: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

Clean 2011, che ha avuto luogo dal6 al 9 giugno a Las Vegas, non puòche essere descritta come un even-to di enorme successo su tutti ifronti. Espositori e visitatori di tuttii segmenti del mercato della manu-tenzione tessile (lavanderie, pulitin-torie e l’industria dei servizi tessili)hanno entusiasticamente commen-tato il successo di questa mostrabiennale che rimane l’evento piùimportante per l’intera industriadella manutenzione tessile. I visitatori a Clean 2011 hannopotuto beneficiare di un programmadidattico particolarmente articolatocosì come della possibilità di ammi-rare e confrontare i prodotti e i ser-vizi di 430 espositori che hanno oc -cupato una superficie pari a 184.150piedi quadri netti (circa 56.000 m2).Il numero dei visitatori complessividurante i quattro giorni della mo -stra è stato di 11.200, con un in -cremento di circa 13% rispetto aClean ‘09. I visitatori nazionali pro-venivano da tutti i 50 stati degliUsa e sono stati registrati anche1978 operatori da 87 paesi. Sei i paesi che hanno registrato piùdi 90 visitatori: Canada 575, Ger -åmania 160, Messico 157, Australia127, Brasile 105 e Regno Unito 93.Il Giappone e l’Italia hanno regi-strato rispettivamente 61 e 60 ope-ratori. Il numero di espositori èrisultato superiore del 4% rispettoall’edizione del 2009 con un incre-mento analogo nella superficie dellaDD12

DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

Clean 2011: la migliore mostranegli ultimi anni

P A N O R A M A F I E R E / E X P O O V E R V I E W

Clean 2011, held June 6-9 in LasVegas was, quite simply, aresounding success on all fronts.Exhibitors and attendees from allsegments of the laundry, dryclean-ing and textile services industrywere enthusiastic in their praise ofthe biennial trade show, whichremains the premier event for thetextile care industry. Clean 2011 attendees were reward-ed with an expanded educationalprogram and the ability to view andcompare the products and servicesof 430 exhibiting companies show-cased over 184,150 net square feetof floor space.Official attendance at the four-dayshow was 11,200, an increase ofapproximately 13 percent overClean ‘09. Included were peoplefrom all 50 states and 1,978 peoplefrom 87 other countries. Six coun-tries had 90 or more in attendance:Canada 575, Germany 160, Mexico157, Australia 127, Brazil 105, andUnited Kingdom 93. Japan and Italy

Clean 2011Congresso Mondialedidattico-formativo peri pulitintori 6 - 9 - 2011Las Vegas, NevadaUSA

Clean 2011 Acclaimed Best Show in Years

Page 13: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

were next with 61 and 60 respec-tively. The number of exhibitingcompanies was up more than 4percent over Clean ’09, and totalexhibit space was within about 4percent of that show.“Almost everyone we talked with -both attendees and exhibitors - hadnothing but positive commentsabout the show,” said John Riddle,president of Riddle & Associates,the show’s management company.“Based on exhibitor comments,people really came ready to buy.”Clean 2011 Chair David Cotter, CEOof the Textile Care Allied TradesAssociation, spend much of theshow walking the floor and speak-ing with exhibitors. “The feedback Ireceived was nearly unanimous,”stated Cotter. ‘Phenomenal,’ ‘bestquality leads,’ ‘best show in a de -cade,’ ‘just like the old days,’ werejust some of the remarks I heardfrom exhibitors. A consistent themerunning through these commentswas the high level quality of atten-

mostra.“Praticamente tutti gli operatori coni quali siamo riusciti a parlare - siavisitatori che espositori - non hannoavuto che commenti positivi sull’an-damento della mostra”, ha com-mentato John Riddle, presidente diRiddle & Associates, la società cheorganizza quest’evento. “In base ai commenti degli esposi-tori, tutti i visitatori registrati eranointenzionati a comprare”.Il Chairman di Clean 2011, DavidCotter, CEO della Textile Care AlliedTrades Association, ha trascorsogran parte del tempo nei padiglionidella mostra per parlare con gliespositori. “Ho ricevuto un parerepraticamente unanime”, ha com-mentato Cotter. ‘Fenomenale’, ‘con-tatti di altissima qualità’, ‘la miglio-re mostra degli ultimi 10 anni’, ‘pro-prio come ai vecchi tempi’, sonosolo alcuni dei commenti riportatidagli espositori. Unanime anche ilparere sull’altissimo livello qualitati-vo dei visitatori e sulla loro propen-sione all’acquisto”.

Page 14: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

dees and their readiness to pur-chase.”The World Educational Congress forLaundering and Drycleaning, theshow’s formal name, attracts everyfacet of textile care and textilerental services - retail, commercial,coin/card, institutional, and indus-trial laundering and drycleaning. It is the world’s largest exhibition oftextile care products featuring wor -king equipment. Clean ’09 in NewOrleans drew 9,902 people includ-ing 1,229 from 72 countries.More than 40 hours of classroomeducation were presented at Clean2011 including Korean languageseminars for the first time. Many sessions overflowed to stand-ing room only. Educational ses-sions, valued at approximately$10,000, were included in theshow’s modest registration fee.

At a press conference during Clean2011, the show’s sponsors unveiledvenues for the next three CleanShows. New Orleans is the site ofClean 2013. In response to some exhibitor andattendee feedback, for the firsttime since 1981 this will be a three-day show, June 21-23. Clean 2015will be in Atlanta’s Georgia WorldCongress Center April 17-19. Las Vegas will host the show againJune 19-22, 2017.The Clean Show is sponsored byfive national industry associations:Association for Linen Management,Coin Laundry Association, Dryclea -ning & Laundry Institute, TextileCare Allied Trades Association andTextile Rental Services Associationof America.DD14

DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

Il Congresso mondiale didattico-for-mativo per i pulitintori, la denomi-nazione ufficiale della mostra, at -trae i professionisti di tutti i settoridell’industria della manutenzionetessile e dei servizi di noleggio -negozi, lavanderie a gettone, lavan-derie istituzionali e industriali epulitintorie. Si tratta della mostraleader per i prodotti per la manu-tenzione tessile che comprendeanche tutte le attrezzature di lavo-ro. Clean ’09 a New Orleans ha atti-rato 9902 operatori, dei quali 1229provenienti da 72 paesi.Clean 2011 ha offerto più di 40 oredi corsi che per la prima volta han -no incluso dei seminari in linguacoreana. Molte sessioni hanno regi-strato il tutto esaurito, con gli ultimiiscritti che non hanno potuto trova-re posto a sedere. Le sessioni di dattiche, costateall’organizzazione circa $ 10.000,erano incluse nella modica quota diregistrazione alla fiera.In occasione di una conferenza stam-pa svoltasi durante Clean 2011, glisponsor della mostra hanno antici-pato la sede delle prossime tre edi-zioni. Toccherà a New Orleans ospi-tare Clean 2013. Per soddisfare lerichieste di alcuni espositori e visi-tatori, per la prima volta dal 1981la durata della fiera sarà ridotta atre giorni, dal 21 al 23 giugno.Clean 2015 si svolgerà presso ilGeorgia World Congress Center diAtlanta dal 17 al 19 aprile. Las Vegas ospiterà di nuovo lamostra dal 19 al 22 giugno 2017.Clean Show è sponsorizzata dallecinque principali associazioni di cat-egoria: Association for Linen Mana -gement, Coin Laundry Association,Drycleaning & Laundry Institute,Textile Care Allied Trades Associa -tion and Textile Rental Services As -sociation of America.

Page 15: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

JENSEN

Grande stupore alla fiera Clean Show 2011 per lo standJENSEN La concorrenza sempre più spietata nel settore delle lavande-rie industriali spinge i manager delle lavanderie alla costantericerca di soluzioni atte a migliorare le loro strategie produtti-ve. Questa è una delle priorità su cui si concentra JENSEN-GROUP che mira a sviluppare nuove macchine e soluzioni chepossano essere d’ausilio alle lavanderie per ridurre i costi ope-rativi.Le nuove proposte esibite alla fiera Clean Show sono unadimostrazione tangibile dell’innovazione, peraltro applicabile atutte le aree produttive della lavanderia industriale.

Tecnologia lavaggio: con un lotto di dimensione nominale di100 kg, la nuova lavacontinua Senking Universal XL è la rispo-sta al bisogno delle lavanderie di trattare lotti di dimensionimaggiori: il volume del cesto è più grande e facilita il proces-so di lavaggio. È abbinato a sistemi GPS per lavanderie: il sistema di traspor-to Futurail per la gestione della biancheria, guida a destinazio-ne la biancheria sporca e pulita in modo semplice ed efficien-te. Il sistema di trasporto e accumulo assicura l’ottimizzazionedelle risorse e il massimo sfruttamento delle capacità altamen-te performanti dei macchinari, incrementando la produttività. A completare l’area dedicata al lavaggio, l’essiccatoio L-TRONDTX, la cui peculiarità è il flusso d’aria assiale: l’aria entra nelcesto dell’essiccatoio per mezzo di collettori posti sopra leporte frontali e posteriori, al contrario di quanto avviene nella

maggior parte degli essiccatoi nei quali l’aria entra attraversole perforazioni del cesto.

Tecnologia biancheria piana: uno dei punti focali dello showè stato il nuovissimo Jenfeed Express, un introduttore per len-zuola singole pensato per il settore ospedaliero. Le stazioni diintroduzione senza angoli con nastri di ingresso divisi accele-rano il processo di introduzione. JENSEN tiene conto delleperformance della lavanderia quanto del principio ergonomicoper lo sviluppo di nuovi macchinari.Non è da meno il Jenfeed Logic Plus che, grazie alla postazio-ne di introduzione regolabile in altezza, si presta agevolmente

SPECIALE SPECIAL

Anche se non si può dire che è passata,la crisi del mercato americano si sta pian piano risolvendo (e comunque,

più velocemente della nostra). I buoni risultati sia per la partecipazionedi espositori che di pubblico dimostrano

che l’America sta tornando terra dibuone occasioni. Molte sono state le

aziende italiane ed europee che hannoinvestito su questo mercato

partecipando all’esposizione di Las Vegas, forti della qualità e

dell’innovazione che vi portano; a loroDetergo, su questo numero ha dedicato

uno spazio per descrivere sia comehanno trovato il mercato americano, sia l’accoglienza che ha riservato per

i loro prodotti di punta e perché. E, naturalmente, come è andata la Fiera.

Although no one can claim that theAmerican market crisis is finally over, it isslowly easing up and certainly at a much

faster pace than in our country. The positive exhibitor participation andattendance figures clearly indicate thatAmerica is back to being a potentially

interesting market. Many Italian and European companies

have invested in this market by taking part in the Las Vegas event to

showcase their innovative and premium quality products.

Detergo has given them plenty of roomin this issue to describe their perceptionof the American market, how their prod-

ucts were received and, last but least,their level of satisfaction with the show.

RITORNO DACLEAN

BACK FROMCLEAN

15DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011DD

Page 16: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

16DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011DD

all’introduzione di pezzi grandi e piccoli.La Jenfold Classic si attesta ancora come la più versatile pie-gatrice per pezzi grandi, con una vasta selezione di contropie-gatori per biancheria di diverse tipologie, anche con produzio-ne mista, per una qualità di piegatura senza paragoni.

Tecnologia abiti da lavoro: Non si è fatta mancare le atten-zioni dei visitatori nemmeno la già conosciuta Butterfly Foxche, congiuntamente al sistema di appendimento automaticoLobster, automatizza l’intero processo di lavorazione e ha cele-brato durante la fiera la sua première americana. Grazie allaricca gamma di optional la Fox può essere configurata secon-do le esigenze più eterogenee e assicura risultati di piega per-fetti di abiti pesanti, tessuti in microfibra, camici e salopette.In fiera è stata esibita assieme all’efficiente sistema di traspor-to Metricon.

Sistemi di automazione sostenibiliJENSEN ha documentato i vantaggi dell’automazione sosteni-bile attraverso una live web-cam installata nella prima lavan-deria Americana ad aver automatizzato i suoi processi con ilsistema JENSEN Cockpit e ad operare allo stesso tempo total-mente senza vapore.

Globale, Regionale, LocaleLa folla di clienti che ha affollato lo stand Jensen durante tuttala durata dello show ha indiscutibilmente attestato la JENSENcome fornitore leader dell’industria americana delle lavanderie.Questo riconoscimento ha profondamente lusingato il gruppoJENSEN che ha espresso la sua gratitudine in modo molto tra-dizionale: uno scintillante cocktail party per tutti i fan, clienti,giornalisti e partner industriali sostenitori di JENSEN prove-nienti da tutto il mondo.

JENSEN booth at Clean Show 2011 caused a sensation

In view of the ever fiercer competition in the heavy duty laun-dry industry, laundry owners are under constant pressure toimprove their production strategies. JENSEN-GROUP takes thisdevelopment into account with new machines and solution tohelp laundries reduce their operating cost. Our new machinesthat were introduced at Clean Show are prime examples ofsuch innovations and touched upon all areas of a heavy dutylaundry.

Washroom Technology: With a nominal batch size of 220lbs/100 kg, the new CBW Senking Universal XL meets thedemands for larger batch sizes and offers a higher drum vol-ume for the wash process. It was combined with the GPS sys-tem for heavy duty laundries: the Futurail laundry handlingconveyor system that guides the soiled and clean linen effi-ciently to its destination. The storage and transport system ensures the maximumcapacity utilization of the high performing machines andincreases productivity. The washroom section was rounded offwith the L-TRON DTX dryer that uses axial airflow: Air entersthe dryer basket through manifolds mounted above the frontand rear doors and not through the basket perforations like

most other dryers. Flatwork Technology: One of the highlights at the show wasthe brand new Jenfeed Express, a dedicated healthcare feederfor single sheets. The cornerless feeding stations incorporatedivided inlet belts and speed up the feeding process. When developing new machines, the performance of the laun-dry is as important as the ergonomics. This can also be said ofthe Jenfeed Logic Plus, which offers ideal conditions whenfeeding large and small pieces thanks to the adjustable feed-ing height position. The Jenfold Classic remains the most ver-satile large piece folder with a large selection of cross foldersfor various types of linen, also in mixed production with asuperb folding quality.

Garment Technology: The well-proven Butterfly Fox that, incombination with the automatic Lobster system hanger, auto-mates the entire work process chain celebrated its Americanpremière. With many options, the Fox can be configured tomeet all requirements for perfectly folding heavy garments,microfiber textiles, overalls and bib overalls. It was shown incombination with the successful Metricon automated conveyorsystem.

Sustainable laundry automation JENSEN demonstrated the advantages of overall sustainablelaundry automation through a live web-cam to the first Ame -rican laundry to automate their process with JENSEN Cockpitand go steamless at the same time.

Global, Regional, LocalThe recognition of JENSEN as the top of mind supplier to theAmerican laundry industry was clearly visible on our boothwhich was crowded with customers throughout the entireshow. JENSEN felt very appreciated and honoured by thisindustry recognition, and expressed its gratitude in a very tra-ditional way: by throwing a cocktail party for all JENSEN fans- customers, journalists, industry partners and employeesfrom all over the world.

ILSA

Il CLEAN 2011 è stato un evento importante per il settore lava-secco USA, cui ILSA ha partecipato con il nome dell’azienda delgruppo (sister company) COLUMBIA ILSA MACHINES.Lo stand COLUMBIA si è distinto per il numero e per la qualitàdelle macchine in esposizione, 12 in totale, di cui ben quattroin funzione ed a disposizione dei visitatori per prove di lavag-gio live.COLUMBIA ILSA MACHINES ha esposto macchine funzionanticon solventi alternativi al tradizionale Percloroetilene, che negliUSA sta vivendo da qualche tempo un trend costante di decre-scita. In particolare, sono state esposte macchine funzionantiad idrocarburi alifatici (HCS), sulle quali ILSA da tempo inve-ste e concentra i maggiori sforzi tecnologici, ma sono anchestate proposte soluzioni con solventi quali il Greenearth, ilRynex-3E e le nuove proposte basate sulla molecola DBM. La strategia di COLUMBIA ILSA MACHINES è quella di lasciarelibero il cliente di scegliere il solvente che preferisce, fornendosoluzioni flessibili, ma restando comunque fedele alle lineeguida del rispetto ambientale e della minimizzazione dei con-sumi, che da anni caratterizzano la propria gamma. Sotto questo aspetto, hanno suscitato molto interesse le nuoveversioni 2011 del best seller IPURA, proposte sia in versioneHCS, sia in versione Greenearth.Neppure la macchina ISOL è passata inosservata, una propo-sta completamente nuova che sposa i vantaggi della tecnicaJet Clean con una gestione estremamente flessibile del solven-te: si tratta di una vera e propria macchina polisolvente, che sidistingue per gli ottimi risultati di lavaggio, unitamente a bassiconsumi ed a una facile installazione e manutenzione. Come si può dedurre da quanto finora esposto, uno dei temiguida del CLEAN 2011 è stato senza dubbio il fermento creatoda nuovi, e meno nuovi, solventi alternativi al PERC. È tuttaviaprematuro affermare che il percloro, tradizionalmente utilizza-to nelle pulitintorie per più di 30 anni, sia al suo tramonto, maé altresì evidente che si cerca sempre più frequentemente una

Page 17: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

Come un vero e proprio sistema di navigazione, il Futurail guida la biancheria e la

conduce a destinazione, rilevando la situazione reale del traffico all’interno della

lavanderia. Il sistema di trasporto e accumulo assicura l’ottimizzazione delle risorse

e lo sfruttamento massimo della capacità, aumentando la produttività e lasciando

via libera con semaforo verde alla biancheria pulita e sporca.

Futurail mostra la viaSistema di trasporto e stoccaggio automatico per biancheria pulita e sporca

JENSEN ITALIA S.r.l.

Strada Provinciale Novedratese 46

IT-22060 Novedrate

T +39 031-789119 (2)

E info-it@ jensen-group.com

Page 18: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

18DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011DD

soluzione di lavaggio più rispondente alle esigenze dei nostrigiorni, ove la qualità del lavaggio è evidentemente la piùimportante, ma non l’unica prerogativa nella scelta del cliente.Alla Fiera CLEAN 2011 hanno partecipato visitatori da tutti icontinenti, a sottolineare l’importanza del tradizionale eventofieristico americano. In particolare, hanno visitato lo stand COLUMBIA un nutritonumero di visitatori dei principali paesi europei, incluso paesidell’est Europa, a testimonianza del fatto che il settore staforse dando i primi segnali dell’auspicata ripresa.

BACK FROM CLEAN SHOW 2011CLEAN 2011 has been an important event for USA dry clean-ing industry, to which ILSA exhibited by the sister companyCOLUMBIA ILSA MACHINES.COLUMBIA stand distinguished itself for the number and qual-ity of the machines exhibited, 12 in total, of which 4 runningin live demonstration and tests for the visitors COLUMBIA ILSA MACHINES exhibited machines using alterna-tive solvent to traditional perchlorethylene that in the USA ishaving from some time a constant decreasing trend.Particularly, they have been exhibited machines utilizingaliphatic hydrocarbon (HCS), on which ILSA from long isinvesting and focus its biggest technologic efforts; anywaythey have been also proposed solutions with solvents, i.e.Greenearth, Rynex-3E and the new ones based on DBM mole-cule. The strategy from COLUMBIA ILSA MACHINES is to leave thecustomer free to choose the solvent he prefers, by offeringflexible solutions, but always remaining faithful to the guidelines of environment respect and consumptions cut, whichcharacterize from years its own range. Under this aspect, they have attracted very much new versions2011 of best seller IPURA, proposed both in HCS andGreenEarth version.

ISOL machine has attracted as well, a completely new propos-al which join the advantages of Jet Clean technique to a veryflexible management of the solvent; it is a real multi solventmachine, distinguishing itself for very good cleaning resultsand low consumptions, as well as an easy installation andmaintenance. From what above said, it is possible to realize that one of theguide arguments of CLEAN 2011 has been without doubt theferment created by new, and not so new, alternative solvent toPERC. Anyway it is premature to say that PERC, traditionallyused in the dry cleaning shops for over 30 years, is disappear-ing, but it is also evident the fact that more and more fre-quently we are looking for cleaning solutions meeting withnowadays needs where the cleaning quality is, obviously, themost important, but not the only one prerogative in the cus-tomer’s choice.At CLEAN 2011 Show attended visitors from all over the world,to underline the importance of the traditional Americanexhibiting event. Particularly, COLUMBIA stand has been visited by a large num-ber of visitors coming from the main European countries,including East Europe, as evidence of the fact that the indus-try is giving, maybe, the first signals of the expected resump-tion.

IMESA

Il Clean Show è stato, per le aziende che vi hanno partecipa-to, l’occasione per verificare se, e come, il mercato americanoha reagito, e sta reagendo, alla crisi dell’ultimo periodo.

La buona affluenza alla fiera ha sicuramente rassicurato glioperatori: i visitatori sono stati numerosi, molti di più rispettoall’edizione di due anni fa, e tutti particolarmente interessati ainuovi sistemi di lavaggio, per lo più a quelli ecocompatibili. Il Clean Show di quest’anno ha inoltre dato una conferma: ilWet Cleaning sta prendendo sempre più piede sul mercatoamericano, dove riscuote un successo sicuramente maggioreche in Europa; da questo punto di vista, sicuramente hannoaiutato le politiche di diversi stati americani che agevolano chivoglia rimodernare il proprio negozio sostituendo la macchinaa secco con un sistema ad acqua, considerato a minore impat-to ambientale. IMESA ha colto la palla al balzo ed a Clean Show, ha presen-tato al mercato americano, non solo la solita soluzione compo-sta da lavatrice ed essiccatoio a controllo di umidità, ma ancheil TANDEM LAUNDRY, studiato sulle esigenze della lavanderiaprofessionale. Il mercato americano è da sempre attento alle innovazioni ealle tecnologie più moderne, di conseguenza non poteva cheapprezzare il nuovo computer IM8 che equipaggia di serie tuttele lavatrici super centrifuganti IMESA, un vero e proprio tabletmontato sulla macchina. Il touch screen permette di interfacciarsi agevolmente con lalavatrice, le icone usate sono di facile comprensione risolven-do il problema di una società multirazziale come quella ameri-cana, dove non sempre la lingua ufficiale è ben compresa da

Page 19: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

chi opera sulla macchina. IM8 consente di memorizzare, nellaversione base, fino a 200 diversi programmi di lavaggio, unnumero che può essere facilmente aumentato usando una SDCARD di maggiore capacità. L’incredibile numero di programmiche possono essere creati e salvati nella memoria di IM8 assi-cura la possibilità di rispondere a qualsiasi necessità di lavag-gio. In ogni caso, la funzione PREFERITI, consente di accedererapidamente a 10 programmi, quelli più usati o comunquequelli scelti dal cliente. IM8 è dotata di due livelli di programmazione: EXPERT dedica-ta al tecnico ed EASY PROG dedicata all’operatore che puòtranquillamente creare i propri programmi di lavaggio rispon-dendo a poche semplici domande. Ovviamente la programma-zione EXPERT può essere fatta da bordo macchina o comoda-mente su PC, in quest’ultimo caso basta salvare i programmisu una comune chiavetta USB e poi scaricarli su IM8. La presa USB sul fronte della macchina, infatti, permette loscarico dei programmi da PC, ma non solo: permette anche dicaricare i programmi presenti sulla macchina in una chiavetta,per poi trasferirli su un’altra lavatrice. A Clean show, che si è riconfermata essere fra le maggiorivetrine mondiali, IMESA ha avuto modo di mettere in mostrale tecnologie innovative applicate ai propri prodotti riscuoten-do il meritato successo.

The Clean Show was, for the present companies, the rightoccasion to check if and how the American market reacted tothe economical crisis of last period. The good affluence to the exhibition, of course, reassured thelaundry market operators: visitors were more than two yearsago and all interested in the new washing systems, in particu-lar to the environmental friendly solution. The Clean Show confirmed one time more that the WetCleaning is a system which is having always more success inthe American Market, more than in the European one. May be it is due to the policy adopted by more states, whichare promoting the replace of old dry clean machines with wetcleaning systems, which are more eco-friendly. IMESA takes the occasion of the Clean Show to introduce offi-cially to the American market the TANDEM LAUNDRY, a newsolution for the Wet Cleaning. American Market has always been interested in innovation andnew technologies and for the IM8 computer equipping stan-dard IMESA high spin washing machine was a very success.IM8 is a table PC mounted on a washing machine: very flexi-ble and easy to be used. The touch screen interface is user friendly, as well as the iconsuse which solves the problem of a multiracial society, which isthe American one. IM8 allows to save up to 200 programs, more increasing thecomputer memory; each program step can be constructed on

customer needs, making programs which are satisfying themost hard requests. The application PREFERRED allows the customer to selectquickly the most used programs. Tank to the two level program function, IM8 allows to the userto create its own program just answering to few simple ques-tion. Of course, the EXPERT program can be done from touchscreen or using a computer; in the last case programs can besaved in the USB key and downloaded to the machine. Thanks to the USB connection, programs can be uploaded fromon machine and downloaded to another one. Clean Show is one of the most important world windows andIMESA is proud about the success won by its products.

KANNEGIESSER

Clean Show 2011: retrospettiva Kannegiesser

La fiera americana Clean Show a cadenza biennale è una dellefiere più importanti del settore della lavanderia industriale edel lavaggio a secco. Quest’anno si è tenuta a Las Vegas e ha attratto produttori,clienti ed esperti industriali di tutto il mondo.

Lo stand della Kannegiesser era collocato in una delle sezionipiù importanti dello spazio espositivo vicino all’ingresso princi-pale. Con il folto staff competente e ben preparato della filialeamericana, affiancato da un team di esperti della casa madretedesca, lo stand della Kannegiesser è stato ancora una voltauno dei punti di maggiore interesse per migliaia di visitatori pertutta la durata della fiera.Una vasta selezione di tecnologie avanzate di lavaggio e difinissaggio per biancheria piana ed indumenti da lavoro conve-nientemente posizionata sui 418 m2 dello stand ha chiaramen-te confermato che Kannegiesser è “Leader nella tecnologia perlavanderie industriali”.Al suo debutto nel Nord America l’introduttore ad alto rendi-mento modello Clipmaster EMX Cornerless con allargamentoautomatico è stato esposto in funzione in combinazione con lapiegatrice per capi grandi FoldMaster CFM.II. I visitatori pote-vano anche assistere alle continue dimostrazioni pratiche diuna linea di stiro combinata per biancheria piana composta daldispositivo CSP per la separazione dei lotti pressati in combi-nazione con il sistema di singolarizzazione PickUp PU12 chepermette una consegna continua ed ergonomica della bianche-ria già districata agli operatori, abbinati all’introduttoreCombifeed EMQ con 4 stazioni di alimentazione e la piegatriceFoldMaster SFM.II per la piegatura di tovagliato di alta qualitàin un ambiente di alta produttività. Inoltre ha fatto il suodebutto il robot di piegatura per indumenti da lavoro modelloFA-X 900 che è in grado di piegare una vasta gamma di artico-li e pertanto ha suscitato enorme interesse. Il mangano model-lo HPM con banda riscaldante al posto della conca tradizionalee un modello in scala della tecnologia del flusso d’aria dellaserie di essiccatoi PowerDry, hanno fornito lo spunto perdiscussioni sui vantaggi tecnici della Kannegiesser. Un tunnel dilavaggio in continuo PowerTrans ed una pressa PowerPress13con diametro del lotto pressato di 1278 mm hanno completa-

19DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011DD

Page 20: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

to l’ampia gamma dell’equipaggiamento Kannegiesser. Oltre alle dimostrazioni pratiche delle macchine Kannegiesseranche l’introduzione di alcune tecnologie d’informazionemoderne ha riscontrato successo: Apple iPads con video infor-mativi sulle macchine e dati tecnici offrivano un livello di inte-rattività completamente nuovo per i visitatori e i codici QR suognuna delle macchine esposte permettevano ai visitatori discannerizzare e visualizzare online dettagli sull’equipaggia-mento e di avere accesso facile ai contatti dei rispettivi inter-locutori tramite il loro smartphone o telefono cellulare.I risultati della Clean Show 2011 hanno lasciato i visitatori e ilteam della Kannegiesser con un senso di appagamento e sod-disfazione. Ancora una volta la solida preparazione, l’efficientelavoro di squadra e una linea di prodotti innovativi hannomostrato ai visitatori perché Kannegiesser è “Leader nella tec-nologia per lavanderie industriali”.

Clean Show 2011: Kannegiesser Retrospective

The Clean Show in the USA is one of the largest single tradeshows for the laundry and dry cleaning industry and is held everytwo years. This year, the show was held in Las Vegas and drewmanufacturers and industry experts from all over the world. The Kannegiesser booth was located in a prime location nextto registration and main show entrance. With a wealth of knowledgeable and well prepared staff, aug-mented by an expert demonstration team from the company’sheadquarters in Germany, the Kannegiesser exhibit was yetagain a leading attraction for thousands of visitor throughoutthe Clean Show event. Conveniently located throughout the 4,500 square foot booth,a wide selection of state-of-the-art washroom, flatwork andfeeding equipment clearly confirmed Kannegiesser as “TheLeader in Laundry Technology”. Marking its North Americandebut, the Clipmaster EMX high speed corner-less spreader-feeder was demonstrated in combination with the FoldMasterCFM.II large-piece folder. Also in continuous demonstrationwas a combination ironer line consisting of a CSP batch-sepa-ration device, a PickUp PU12 which enables a continuous andergonomically correct supply of individual pieces, the combina-tion 4 station feeding machine Combifeed EMQ and the flat-work folding machine FoldMaster SFM.II, processing high qual-ity table linen in a high speed environment. Additionally, thegarment folding robot model FA-X 900 made its debut, han-dling a wide variety of garments and creating enormous inter-est. The flatwork ironer model HPM with padded roll and ascale model of the PowerDry airflow-technology initiated dis-cussions about Kannegiesser technical advantages. A PowerTrans batch washer and wide-format PowerPress PP13completed the full range of Kannegiesser equipment.In addition to the live demonstration of Kannegiesser equip-ment, several new information technologies were successfullyintroduced: Apple iPads loaded with equipment demonstrationvideos and technical data afforded an entirely new level ofinteractivity for visitors, while QR codes accompanied eachmachine on exhibit, allowing visitors to use their smart devicesand phones to scan and view online details about the equip-ment and easily collect contact information. The results of Clean Show 2011 left visitors and theKannegiesser team with a sense of accomplishment and satis-faction. Once again solid preparation, team work and an inno-

vative product line showed visitors why Kannegiesser is the“The Leader in Laundry Technology”.

PONY

Sullo stand PONY alla recente fiera internazionale CLEANSHOW di Las Vegas (USA), che si è svolta dal 6 al Giugno2011, i visitatori hanno potuto vedere in funzione diverse tipo-logie di stiro industriale, sia lo stiro “europeo”, vale a dire lostiro su tavoli soffianti e vaporizzanti, molto usato in Europama ancora non molto popolare in Nord America, sia lo stirospecifico per il processo wet cleaning, che sta guadagnandoquote di mercato in molti paesi, sia lo stiro delle camicie pres-sato, nella migliore tradizione americana.In particolare PONY ha voluto mettere l’accento su questa ulti-ma voce, cioè lo stiro pressato delle camicie, presentando perla prima volta sul mercato americano il nuovo modello ANGEL,per la stiratura del corpo camicia, che in accoppiata con lapressa CCP collo e polsi risponde al meglio alle richieste delmercato locale (USA e Canada) in termini di produzione (fino a60 pz./ora) e di qualità (finitura impeccabile e look pressato).Le macchine esposte, tutte conformi alle normative ETL/CSAper i mercati USA/Canada, erano in funzione in permanenzaper dimostrazioni dal vivo con operatori specializzati, chehanno attirato l’attenzione e l’apprezzamento della clientela inparticolare per il gruppo di stiratura delle camicie di cui è statariconosciuta la qualità delle prestazioni e le avanzate caratteri-stiche tecniche.Il buon afflusso di visitatori da tutti i continenti e l’interessedimostrato hanno premiato l’investimento di PONY per questaFiera; le numerose trattative intavolate in Fiera e l’acquisizio-ne di contatti concreti con alcuni Distributori dell’ area NordAmerica lasciano ben sperare in sviluppi positivi a breve.

At PONY’s booth, during the recent CLEAN SHOW, Las Vegas(US), which took place from June 6th 2011, attendees had thechance to see various kinds of industrial ironing systems:“European style”, that’s to say ironing on blow/steamingtables, widely used in Europe but still unpopular in NorthernAmerica; post-wet-cleaning finishing, which is currently takingoff in many countries; and the shirt-press finishing system,according to the American tradition.PONY wanted to put the spotlight on this, in particular: theshirt-press finishing system, by introducing for the first time tothe American market the new ANGEL single-buck shirt press,which combined with a collar&cuff press (mod. CCP) bettermeets the requests of the local market (US and Canada) interms of production (up to 60 pcs/h) and quality (flawless fin-ish and a “pressed” look).All the machines that were exhibited are built in compliancewith ETL/CSA requirements for USA/Canada. They were in usefor live demonstrations with skilled operators, drawing the cus-

20DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011DD

Page 21: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco
Page 22: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

tomers’ attention and appreciation. Especially the shirt-finish-ing system. People acknowledged its high-quality performanceand state-of-the-art technological features.PONY’s investments in this show were awarded by the goodattendance and interest shown by the attendees; the impres-sive number of deals started and contacts acquired with newNorth American Distributors confirms that our hope for a pos-itive future is not misplaced.

TREVIL

Si è conclusa il 9 giugno scorso la fiera Clean Show, attesadagli operatori del settore per tastare il polso del mercatoamericano, particolarmente segnato da alcuni anni di crisi eco-nomica. La fiera non ha deluso: dopo alcuni anni di trendcalante, la manifestazione ha visto il ritorno di numerosi visi-tatori interessati all’acquisto.Trevil ha lanciato nel mercato americano la macchina stirapan-talone Pantastar, già presentata in Europa alla scorsa edizionedi Expodetergo. Pantastar è un prodotto innovativo, che per-mette di stirare un paio di pantaloni con piega senza doppiopassaggio, con un solo operatore, anche inesperto. La produt-tività di Pantastar misurata nelle installazioni già presenti nelmercato europeo è di 30 capi/ora con un operatore e una mac-china e sale fino a 50 pezzi/ora con un operatore e due mac-chine. Pantastar non produce lucido e non lascia segno dellacucitura laterale dei pantaloni sul diritto del tessuto. Grazie al

dispositivo antistretch è possibile stirare senza deformarli pan-taloni con spacco all’orlo, tessuti elasticizzati e tessuti delicaticome la seta. Due apposite funzioni permettono inoltre di uti-lizzare Pantastar solo come topper, per pantaloni senza piega,oppure solo come pressa, quando sia necessario lavorare solola piega senza perdite di tempo nella finitura del bacino.L’interesse della clientela si è concentrato inoltre sull’area dellostand dedicata alla dimostrazione dei manichini stiracamiciedove erano in funzione il manichino Trevistar per camicie dauomo e il manichino Princess Ultra, adatto per una vasta gam -ma di capi: camicie e camicette da donna, umide o lavate asecco, giacche, camici e cappotti. Il manichino Princess Ultraha riscosso grande successo per la qualità della stiratura, inparticolare su capi di taglie difficili, come le camicette da donnamolto piccole o le camicie extralarge.L’impressione di ritorno della fiera è stata quella di una mani-festazione positiva, fruttuosa, con buoni segnali di ripresa daparte del mercato USA e grande interesse da parte delle nazio-ni del Sudamerica.

The highly anticipated Clean Show fair, popular among thetrade as a means to sound out the American market hard hitby years of economic crisis, came to an end on the 9th of June.This year we certainly were not disappointed. After severalyears of declining numbers, the exhibition finally saw thereturn of many purchase-oriented visitors.Trevil launched the Pantastar trousers ironing machine on theAmerican market, after first introducing it in Europe at the lastExpodetergo show. Pantastar is an innovative product, whichallows a pair of creased trousers to be ironed in a single passby only one operator, even inexperienced. The Pantastar productivity has been measured in existinginstallations on the European market and was found to be 30pieces/hour with one operator using one machine and as muchas 50 pieces/hour with one operator using two machines.Pantastar produces no shine and leaves no mark of thetrousers’ side seam on the right side of the fabric. The antistretch device makes it possible to iron trousers witha placket at the hem, elasticized fabrics and delicate fabricssuch as silk without distortions. Two special functions alsoallow Pantastar to be used as a topper only, for non-creasedtrousers, or as a press, when only the crease needs work with-out taking the time to finish the entire garment.Customers also showed a great deal of interest in the standdedicated to the demonstration of the Trevistar men’s shirt fin-isher and Princess Ultra women’s blouse finisher, suited for awide range of clothing articles: women’s blouses and shirts,either wet or dry cleaned, jackets, coats and overcoats. The Princess Ultra finisher was a big hit due to the outstand-ing quality of the ironing, especially on clothing with demand-ing cuts, like women’s extra-small shirts or extra-large blous-es.The impression upon returning from the fair has been that ofa positive, fruitful exhibition, with good signs of revival fromthe USA market and growing interest from South Americancountries.

La macchina stirapantaloni Pantastar di Trevil in funzione al Clean Show.

Trevil Pantastar trousers ironing machine in operation at Clean Show.

Lo stand Trevil al Clean Show. Trevil stand at the Clean Show.

22DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011DD

Page 23: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

RENZACCI

INNOVAZIONE, QUALITÀ, NUOVE LINEE DI PRODOTTI COPER-TE DA BREVETTI ESCLUSIVI: Sono senz’altro queste le piace-voli sorprese che tutti i visitatori di CLEAN 11 hanno apprezza-to maggiormente visitando lo stand Renzacci, posizionato alno.1438 .Parlando delle tantissime innovazioni presentate dalla Ren -zacci, c’è subito da segnalare nel lavaggio a secco il grandesuccesso di pubblico e l’interesse fatto registrare da NEBULA,la prima lavasecco MULTISOLVENTE che utilizza “COMBI-CLEAN” System, l’esclusivo sistema a Tecniche di lavag-gio MULTICOMBINATE, UNICO perchè per la prima volta fascegliere al cliente tra molte alternative disponibili la combi-nazione migliore di azione dinamica di lavaggio del sol-vente sulle fibre in relazione al tipo di capo trattato.NEBULA inoltre utilizza il Nuovo sistema DSF™ (DinamicSaving Flow) , che riduce di oltre il 45% la potenza installa-ta ed aumenta il RISPARMIO DI ENERGIA di circa il 40%; senzarinunciare ad un tempo di esecuzione del ciclo estrema-mente ridotto, che la pone al vertice della categoria perPRODUTTIVITÀ E RAPIDITÀ.NEBULA è MULTISOLVENTE dato che può essere utilizzataottenendo risultati di altissimo livello con una gamma moltoampia di solventi, come ad esempio quelli a base di idrocarbu-ro sia isoparaffinico che siliconico, KWL, Green Earth™, Rynex,Solvon K4 etc.. Nel settore del lavaggio ad acqua invece grandissimo interesseha fatto registrare l’esclusiva gamma di lavatrici supercentrifi-ganti della gamma HS ECOCARE A SISTEMA ECOLOGICO DIRECUPERO DELL’ACQUA, tutte dotate di esclusivi ed originalidispositivi studiati dalla RENZACCI per aumentare sensibil-mente le prestazioni della lavatrice ad acqua riducendo

drasticamente i suoi costi di gestione, risparmiando finoal 40% nei consumi d’acqua e del 15% nei consumi dienergia.Queste caratteristiche produttive sono immediatamente verifi-cabili a partire dall’originale sistema di recupero “Super sto -rage” Water reclaiming system, di capacità molto ampia edotato di un sistema a scorrimento rapido estremamente affid-abile per velocizzare al massimo i tempi di ricircolo acqua e delsuo invio nella botte di lavaggio.

Page 24: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

Questa importante caratteristica inoltre viene conferita almacchinario con un design compatto, ideale per l’installazioneanche in luoghi dove gli spazi sono estremamente ridotti, evi-tando così il ricorso a costose ed ingombranti torri di accumu-lo acqua.Grande successo ha riscosso inoltre la nuova ed avanzata lineadi MACCHINE LAVATRICI AD ACQUA E DI ESSICCATORI COIN-OP per LAVANDERIE SELF-SERVICE, la quale ha ottenuto ungrande risultato in termini di interesse e di vendite in Europaed ha avuto uno speciale riconoscimento per la sua caricainnovativa anche nel mondo del COIN-OP negli USA ed inAustralia.Ultima, ma non certo per importanza è la nuova serie di essic-catori a circuito chiuso e recupero integrale del flusso d’ariadella gamma RENZACCI RZ.Ancora una volta questa gamma si è distinta per originalità edabbattimento dei costi operativi, offrendo ai suoi proprietariuna enorme serie di vantaggi, tra i quali vale la pena in questasede ricordare il fatto che consentono di eliminare completa-mente qualsiasi necessità di tubazioni di scarico esterne e/o dicostose ed ingombranti cappe di scarico.Niente necessità quindi di fori e/o modifiche strutturali suglistabili dove viene esercitata l’attività, con in più il grandevantaggio di un grande risparmio in consumi di energiagrazie al rivoluzionario sistema di recupero totale e dop-pia diffusione integrata del flusso d’aria.

INNOVATION, QUALITY, NEW PRODUCT LINES COVERED BYEXCLUSIVE PATENTS: these are for sure the pleasant surpris-es that all the visitors of CLEAN ’11 have appreciated when vis-iting the Renzacci booth nr. 1438 .Speaking of the many innovations presented by Renzacci, it isimportant to mention, in the field of the drycleaning, the greatsuccess and interest shown for NEBULA, the first MULTISOL-VENT drycleaning machine featuring the “COMBICLEAN”System, the exclusive system with MULTI-COMBINA-TION washing techniques, unique because, for the firsttime, the customer can choose, among the many alternativesavailable, the best combination of wash dynamic action of thesolvent according to the kind of garment to be treated. Moreover, NEBULA uses the New DSF™ (Dynamic SavingFlow) system, which reduces by over 45% the powerinstalled and increases the ENERGY SAVING by 40%, withoutrenouncing an extremely reduced operation time of thecycle. This feature puts it on top of the category for PRODUC-TIVITY and FASTNESS. NEBULA is MULTISOLVENT since it can work with brilliantresults with a wide range of alternative solvents, such ushydrocarbon (petroleum) based solvents (KWL), silicone sol-vents, Green Earth™, Rynex, Solvon K4 etc.In the washing sector, the exclusive range of super-extractingwashing machines showed a great success: the HS ECOCARE

line, featuring an ECOLOGICAL SYSTEM FOR RECOVERY OFWATER, all endowed with exclusive and original devices stud-ied by RENZACCI to increase considerably the performancesof the washing machine by reducing drastically manage-ment costs and saving up to 40% in the consumption ofwater and 15% in the consumption of energy.These production features can be immediately verified startingfrom the original recovery system, the “Superstorage” Waterreclaiming system, with a very wide capacity and endowedwith a system for fast and extremely affordable flowing tospeed as much as possible the times of recirculation of waterand its flowing into the wash rear drum. This important feature is moreover assured to the machine bymeans of a compact design, ideal for the installation even inplaces with extremely reduced spaces, thus avoiding the useof expensive and cumbersome towers for the collection ofwater. A great success has also shown the new and enhanced line ofCOIN-OP WASHING MACHINES AND DRYERS for SELF-SERV-ICE LAUNDRIES, which have had a great result in terms ofinterest and sales in Europe and has had a special recognitionfor its innovative features even in the world of the COIN-OP inUSA and Australia. Last, but not least, the new series of dryers of the RENZACCIRZ line, featuring a closed-circuit and total recovery of the airflow. One more time, this line has distinguished itself for originalityand reduction of operating costs, offering to its owners a hugeseries of advantages, among which it is worth mentioning thefact that these machines allow the total elimination of anyneed for external exhaust piping and/or expensive and cum-bersome exhaust hoods. Therefore, no needs for holes and/or structural modificationson buildings where the activity is made, and also the greatadvantage of big savings in Energy consumption, thanksto the revolutionary system for total recovery and inte-grated double diffusion of the air flow.

UNION

La Fiera CLEAN negli Stati Uniti rappresenta da sempre unappuntamento di importanza internazionale per il settore dellavasecco ed un punto di incontro e confronto importante peril mercato Nord Americano, oltre che punto di riferimento peril mercato mondiale.Durante l’edizione 2011 Union S.P.A. ha esposto al pubblico lapiù recente gamma di macchine per lavaggio a secco, unagamma completa di modelli multi solvente, progettate perlavorare sia con solvente idrocarburo che con silicone liquidoGREENEARTH, i modelli della Serie NOVA, ed esposte per laprima volta durante una fiera USA, la nuova Serie K, multi sol-vente ed ottimizzata per poter lavorare con il recente SYSTEM

24DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011DD

Page 25: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

K4 presentato dalla Ditta Kreussler durante l’ultima edizione diEXPODETERGO.Nello stand UNION, per dare modo ai visitatori di toccare conmano i vantaggi dei nuovi prodotti, erano in funzione due mac-chine, una funzionante con il solvente GREENEARTH ed unafunzionante con il SYSTEM K4.Il solvente GREENEARTH è sul mercato Nord Americano unarealtà consolidata da anni, essendo stato introdotto nel 1999proprio in questo mercato; negli Stati Uniti ci sono già migliaiadi macchine che lavorano con successo con questo solvente, ingran parte macchine UNION, uno dei primi costruttori a offriremacchine per questo solvente, particolarmente amico dell’am-biente e in grado di trattare praticamente tutti i tessuti graziealle particolari proprietà e alla assoluta compatibilità con ognitipo di tessuto e materiale, ideale per annullare il rischio didanneggiare anche i capi più delicati.Per migliorare i risultati di lavaggio con solvente idrocarburo econ silicone liquido GREENEARTH su capi particolarmente spor-chi è stato anche presentato il sistema A.C.S. (AdvancedCleaning System) in grado di garantire, con una più efficaceazione meccanica diretta sui capi, una migliore rimozione dellosporco.Grande interesse hanno suscitato le macchine della Serie K indimostrazione; durante le prove di lavaggio è stata apprezza-ta la qualità del lavaggio, veramente paragonabile se nonsuperiore a quella ottenibile con il percloro, con il vantaggio diuna più ampia compatibilità con i tessuti e materiali, una bassadecolorazione e in grado di offrire una stiratura più rapida. Il mercato Nord Americano da tempo ha abbandonato il sol-vente percloro e il SYSTEM K4 ha tutte le carte in regola peressere una valida ed efficace alternativa, rispondendo positiva-mente anche alle problematiche ambientali.In USA ci sono già molte macchine UNION della Serie K funzio-nanti con il nuovo SYSTEM K4 , con grande soddisfazione delClienti.Nello stand UNION erano esposti anche i modelli di punta dellaSerie NOVA, molto apprezzata anche in Nord America per lasemplicità d’uso e per i costi di esercizio particolarmente con-tenuti.Anche questa edizione del CLEAN si è rivelata un successo gra-

zie ai numerosi visitatori sempre presenti durante le variedimostrazioni che si sono svolte nei i quattro giorni allo standUNION; la grande affluenza conferma CLEAN come una dellepiù importanti manifestazioni fieristiche mondiali del settore, inun mercato importante e all’avanguardia nel settore del lavag-gio a secco, interessato da sempre ai prodotti di qualità, inno-vativi e rispettosi dell’ambiente.

The CLEAN Show in the USA has always been an importanthighlight in the international dry-cleaning event calendar, andan key meeting place for the North American market as well asa reference point for the international market. During the 2011 edition Union S.p.A. was proud to put on showits latest range of drycleaning machines, complete with a fullrange of multi-solvent models, designed for use both withhydrocarbon solvents and liquid silicon GREENEARTH, theNOVA series, and for the first time at a USA show the new “KSERIES”, multi-solvent machine optimised for working with therecent K4 SYSTEM, as presented by Kreussler at the lastEXPODETERGO show. Visitors to the UNION stand were allowed ‘hands-on’ experi-ence of the advantages of the new products with two machinesworking, one with GREENEARTH and one with K4 SYSTEMproducts. GREENEARTH solvent has already proved to be a great successon the North American market over some years now, havingbeen first introduced to that same market in 1999. Thousandsof machines, the majority of which are UNION built, arealready working successfully with this solvent, UNION havingbeen one of the first manufacturers of machines for the use ofthis solvent which is particularly environment-friendly and alsoable to handle different garments thanks to its unique proper-ties and total compatibility with all kinds of fabrics and mate-rials, ideal for reducing any risk of delicate garment damage. As a further improvement in cleaning results with hydrocarbonand GREENEARTH liquid silicon solvents on particularly dirtygarments, the A.C.S. (Advanced Cleaning System) was also onshow. This system is able to guarantee a more effectiveremoval of dirt with a more efficient mechanical action direct-ly onto the garments. The Series K machines on show brought in great interest fromthe public. Cleaning quality was widely appreciated duringtests, with results which are as good as, if not better thanthose obtainable with perc, with the advantages of a widercompatibility with fabrics and materials, low colour loss andpossibility of faster ironing times. The North American marketabandoned the use of perc some time ago and so SYSTEM K4is all set to be a valid and effective alternative, respondingpositively to all environmental issues. Many K Series machines are already working in the USA usingthe K4SYSTEM, with great customer satisfaction. NOVA series machines, another highlight of the UNION range,were also on show. These machines are widely appreciated inNorth America for their simplicity of use and particularly lowrunning costs. This edition of CLEAN SHOW was also a big success thanks tothe large numbers of visitors present at the various UNIONdemonstrations held at the UNION booth over the four showdays. Such a large attendance confirms CLEAN as one of theworld’s most important trade exhibitions, held in an importantstate-of-the-art market for drycleaning, always concerned withinnovation, quality and respect for the environment.

25DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011DD

Page 26: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

FIMAS

Marchio leader a livello mondiale nel settore della lavanderia,Fimas negli ultimi anni ha concentrato i propri sforzi sui queimacchinari che lavorando in modo automatico possono cosìridurre i costi di mano d’opera mantenendo però invariato illivello di qualità.I macchinari che Fimas presenta in questo numero di Detergonon solo offrono la possibilità di ridurre i propri costi in termi-ni di tempo e mano d’opera ma migliorano notevolmente laqualità di stiratura dei capi. La stiro pressato del modello 296e lo stiro tensionato del modello 380 offrono eccellenti risulta-ti, permettendo di stirare un capo in poco più di un minuto.

Modello Fimas 380 Manichino girevole vaporizzante e soffiante, previsto perla stiratura di pantaloni, gonne, giacche, giubbotti e capispallain genere.Questo modello è dotato di programmatore elettronico con ilquale è possibile impostare e memorizzare fino a 10 program-mi diversi di stiratura, molto facile da utilizzare e con la possi-bilità di intervenire anche manualmente durante ed alla finedel ciclo di lavoro.Nelle varie versioni, senza caldaia - da allacciare adimpianto centralizzato - o con caldaia - da 11 litri oppu-re da 20 litri, con potenze installate variabili, commisu-rate alle diverse esigenze - è una macchina che permetteuna produzione oraria dai 50 ai 75 capi, in funzione delle

varie tipologie degli indumenti da stirare e dei relativi tessuti.Con 2 stazioni di lavoro, azzera i tempi morti tra la stiratura diun capo e l’altro, in quanto una stazione è sempre in funzione:essendo queste stazioni intercambiabili, è possibile inoltre

26DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011DD

SPECIALE SPECIAL

Quello della manutenzione di tessili eaffini è oggi considerato un mercato

“maturo”, dove ormai ben poco si riescead innovare, ma nello stesso tempo è unmercato che chiede una notevole qualità

a prezzi sempre più contenuti. Chi opera in questo mercato ha due

possibilità di scelta: elevare la qualità oridurre i prezzi. Che vuol dire ridurre i

propri costi, il principale dei quali è datodalla mano d’opera. L’industria che si

riferisce a questo settore, tuttavia, annodopo anno, riesce a presentare

interessanti innovazioni, sia nei metodi,che nell’automazione: l’obiettivo rimane

il risparmio: di tempo, di energia, di solvente, di mano d’opera.

Su questo numero, Detergo ha datospazio a quanti propongono ogni tipo di

macchine “innovative”, dalle lavatrici asecco o ad acqua, ai sistemi di stiratura,

ricomposizione, confezionamento.

The industry of textile care and kindredproducts is considered a “mature” marketwith little room for innovation, but also amarket that demands increasingly higher

quality at increasingly lower prices. Those working in this industry have twooptions: upping their quality or reducing

the prices. In other words this meansreducing one’s costs, first and foremost

labor. However, this industry manages tocome up with interesting innovations

every year that are related both to methods and automation, where theultimate goal is to achieve savings in

terms of time, energy, solvents and labor.In this issue Detergo has given visibility

and exposure to all those proposing“innovative” machinery, spanning from

dry cleaning machines and washers, to ironing, order reassembly systems

and packaging.

LE MACCHINEINNOVATIVE

“INNOVATIVE”MACHINERY

Page 27: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

equipaggiare la macchina con 1 stiropantalone + 1 capospalla,oppure con rispettivamente 2 stiropantalone o 2 capospalla.Il Capospalla può essere dotato di un carro blocca indumentiche, grazie alla ricerca in automatico della corretta posizione,permette di posizionare il capo, di tenderlo e di tenerlo sottotensione durante il ciclo di stiratura, il tutto sotto il controllo diun programma elettronico del ciclo di lavoro con un’ottimizza-zione di tempi e di consumi.La stazione stiropantaloni/gonne è fornita, di serie, pneumati-ca e permette di calzare il pantalone senza problemi di taglia,dalla piccola per bambino alla extralarge, con un posiziona-mento frenato e morbido tale da adattarsi automaticamente aqualsiasi misura. Inoltre può essere fornita, a richiesta, la ver-sione completa di dispositivo tendipantalone automatico: que-sto accessorio permette la tensione controllata e regolabiledella gamba pantalone, garantendo una stiratura uniforme ecompleta del capo, senza rischi di danneggiamento o strappiper i tessuti particolarmente delicati o leggeri.La rotazione automatica, altro interessante ed utile accessorioa richiesta, alleggerisce il ritmo di lavoro risparmiando all’ope-ratore lo sforzo fisico del cambio di stazione di stiro; per con-tro, la rotazione manuale permette di velocizzare questo cam-bio di stazione rispetto alla rotazione automatica, adeguandola velocità di questa operazione ai ritmi dell’operatore.In abbinamento ad un tavolo da stiro FIMAS 103 oppure FIMAS104 - aspirante e soffiante - il manichino girevole SERIE380 rappresenta la dotazione base sufficiente per equi-paggiare il reparto stiro di una lavanderia.

Modello 296 Manichino per lo stiro pressato di camicie (capi asciutti ecapi centrifugati) con stiro contemporaneo di corpo, carrè,spalle, maniche (lunghe e corte) e felsino.Totalmente automatico, con una tecnologia all’avanguardiain ogni sua funzione e con una potenzialità produttiva notevo-le, può infatti avere una resa effettiva di 50/60 camicieall’ora, il modello 296 è però una macchina molto semplice nelsuo utilizzo e molto versatile a fronte della varietà di camicieesistenti oggi. Questa versatilità e funzionalità sono possibili grazie al mani-chino aspirante su tutta la superficie, alle piastre da stiro condimensioni notevoli, ai tensionatori laterali fianchi con regola-zione della potenza di tensionamento e, soprattutto, con rego-lazione della potenza del tensionamento stesso.Inoltre il modello 296 prevede di serie la regolazione dell’altez-za della manica (anche durante il ciclo di stiratura) attraverso2 pratici joystick indipendenti l’un l’altro e la chiusura del fondomanica corta è effettuata con delle pinze traforate e rivestitecon un materiale apposito che ne permette e ne facilita l’asciu-gatura.

L’operatore inoltre ha la possibilità di regolare il soffiaggio: unaserie di comandi permettono di intervenire con vapore e sof-fiaggio sulla camicia ancora tensionata.Oltre al modello 296 Fimas vanta una vasta gamma di macchi-nari di ottima qualità, tutti naturalmente di produzione italiana.Fimas, senza nulla tralasciare per il resto della produzione, hapotenziato notevolmente la gamma dei manichini ten-sionanti con nuove versioni più potenti in grado di asciu-gare e stirare il capo appena uscito dal lavaggio adacqua, nuovi accessori per un migliore perfezionamento dellastiratura e versioni totalmente elettriche laddove o non siapossibile prevedere o installare un impianto vapore.I modelli sopra descritti e tutti quelli prodotti da FIMAS sonodisponibili per test di utilizzo presso la nostra Show Room nelloStabilimento di Vigevano (Pv).

FIMAS, a worldwide leader brand related to industrial laundrysystem and dry cleaners field, lately has increased its efforttowards all the automatic machines that can reduce labourcost by achieving the same quality level performances.The machines that FIMAS will present and introduce on thisDETERGO publishing edition, are not only based into savinglabour cost, but to also improve the final quality of the pressedgarments.The new Automatic Pressing Machine Mod.296 and the Dummymachine Mod. 380 with tensioning device are able to give youexcellent result, allowing you to finish a garment in less than1 minute.

FIMAS Model 380 Rotating steaming and blowing DummySuitable for finishing of trousers, skirts, jackets and coats.This machine model is equipped with an electronic program-mer on which you can memorize up to 10 different finishingprograms, very easy to use either manually or automaticallyduring or after the working cycle necessities.This model is available in the following version:With built-in steam generator (of 11 Kg. or 20 Kg. capacity)Without steam generator to be connected to a central steamplant.This machine model can reach a productivity of 50 to 75 fin-ished garments in according to the different type of fabric andgarments structure that you need to press.With 2 working station this machine is optimal to eliminate anywaiting time during the cycle between one garment and anoth-er, with the advantage to equip the machine with differentinterchangeable accessories such as 1 trouser finishing device+ 1 jacket finishing device or eventually 2 trouser finishingdevice + 2 jacket finishing device.The jacket finishing system can be equipped a blocking device,that thanks to an automatic recognizing positioning set up,allows you to position the garments, and keep it in tension dur-ing the whole finishing cycle, with optimal and economic con-sumption time.The pneumatic trouser finishing device is included and can beeasily adjusted to fit any waist size from baby trousers up tomen extra large size.It can be also supplied with an extra accessory on request suchas the trouser leg tensioning device that will guarantee you asafe and controlled trouser positioning without over stretchingthe fabric (especially the most sensible and light ones), or riskto damage the trouser shape.Another interesting feature on request, is the automatic rotat-ing system that will help the operator to work in a much morecomfortable way without wasting any time during the variousgarments cycle finishing.Combined with a FIMAS ironing table Mod. 104 or Mod. 103,the 380 machine can be a good and enough working line of anylaundry department or dry cleaner.

FIMAS Model 296 Automatic Dummy for pressed shirts.Machine suitable for wet garments or after water extractor-centrifuged process, with simultaneous body, yolk, shoulders,sleeve (long-short) and cuffs placket pressing.Totally automated with a very innovative technology in each

27DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011DD

Page 28: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

function, this model can really bring out a production capacityof 50/60 shirts per hour.Despite this technology still a very friendly use machine andflexible unit that can fulfil the various model and shirts typesexisting in the market.One of the many interesting part of its versatility, is for surethe vacuum and suction system present all trough the bodypressing plates and side flanks sides, with adjustable tension-ing and power control.Included in this 296 machine series you will also have theadjustable angle and sleeve inclination positioning before, oreven during the pressing cycle, that is controlled by 2 inde-pendent lateral joystick controller, plus the cuffs blockingdevice that facilitates the pressing and drying of thicker fabricparts.The operator can even control during the working cycles thedifferent type of steam outlet or air blowing parameters(increasing or decreasing quantity) necessary to improve theshirt final result eve if it still intension or under pressing time.However let’s not forget that besides the 2 abovementionedmodels, FIMAS is able to offer a complete machines range,capable to satisfy many customer requirements, especially forthe ones that for many reasons do not have a central steamplant and they need very powerful independent electric finish-ing units to press their garments.As final reminder, we like to invite you to visit and test ourmachines into our VIGEVANO (PV) Factory and Show roomlocation.

ILSA

LE MACCHINE “INNOVATIVE”

In termini di innovazione, le macchine della linea IPURA per illavaggio a secco con idrocarburi, rappresentano oggi quanto dipiù dinamico ed evoluto sia stato introdotto nel mercato per ciòche riguarda tecnologia di lavaggio e gestione solvente. La tec-nica di lavaggio Jet Clean di IPURA rappresenta ormai unostandard consolidato ed affidabile, in grado di supportare le piùdiverse esigenze di manutenzione sia in termini di sicurezzache di pulizia. La tecnica di “cura” del solvente consente dimantenerlo in condizioni sempre ideali.

Il tutto con costi estremamente ridotti rispetto allo standardofferto dalle macchine tradizionali dove gli indumenti si satu-rano di solvente e dove lo sporco viene separato dal solventestesso tramite distillazione. Questo nuovo equilibrio risul -tati/costi è vitale per rendere realmente proficuo il lavoro dipulitura degli indumenti. Dall’esperienza IPURA, che rimane ancora il fulcro della nostraofferta, è nata oggi ISOL, una macchina progettata sulla basedella tecnica Jet Clean, in grado di lavorare con nuovi solventi

quali Rynex e Solvon K4. ISOL prevede, a differenza di IPURA,un riscaldamento supplementare a vapore o elettrico utile agarantire la completa evaporazione di questa tipologia di sol-venti. In questo caso c’è quindi la necessità di un maggioreapporto di energia. ISOL dispone inoltre di un sistema di assor-bimento utile a ridurre la concentrazione di solvente a fineciclo. Per questi solventi è anche disponibile tutta la linea di macchi-ne C2 standard con un apposito kit.AirWash è una nuova lavasciuga espressamente realizzata eprogrammata per effettuare lavaggi in acqua Wet Cleaning cono senza asciugamento integrato. Il computer di AirWash per-mette livelli di programmazione molto dettagliati al fine dipotere realizzare ogni “ricetta” sulla base dei detergenti utiliz-zati e delle specifiche esigenze. Con AirWash è possibile proce-dere in modalità automatica selezionando i programmi presen-ti nella vasta libreria in modo da definire automaticamente tuttii parametri quali livelli di acqua e dosaggio di detergenti. Il sistema AirMix provvede a miscelare opportunamente nelbagno i prodotti chimici utilizzati. Sono pre-caricati programmidi solo lavaggio, lavaggio + asciugamento o solo asciugamen-to per ogni altra esigenza. Vi invitiamo a visitare il nostro sito www.ilsa.it per ulterioriinformazioni o direttamente il nostro show room dove, in unambiente opportunamente attrezzato, potete testare personal-mente le macchine di cui sopra.

INNOVATIVE MACHINESIf we speak about innovation, the machines of IPURA line fordry cleaning by hydrocarbon, represents today the mostdynamic and advanced introduced on the market as far ascleaning technology and solvent management. IPURA JetClean cleaning technique represents now a reliable and consol-idated standard, able to support whatever care need as forsafety and cleanliness. The ‘care’ technique of the solventallows to keep it always at the best conditions. All this at verylow cost comparing what offered by conventional machineswhere the garments becomes full of solvent and dirty beingseparated from the same solvent through the distillation. This new balance results/costs is essential to get really prof-itable the cleaning work of the garments. From the IPURA experience, that still remains the productaround which our offer turns around, ISOL was born today,one machine designed on the base of Jet Clean technique, ableto work by new solvents, i.e. Rynex and Solvon K4. ISOL, dif-ferently than IPURA, provides for an additional steam or elec-tric heating useful to ensure complete evaporation of this typeof solvents. Therefore, In this case there is the need for agreater supply of energy. Also, ISOL is provided with anabsorption system useful to reduce the solvent concentrationat the end of the cycle. For these solvents it is also availablethe line of C2 standard machines with suitable kit.AirWash is a new cleaning/drying machine expressly realizedand programmed to clean in water Wet Cleaning with or with-out built-in drying. The computer of AirWash allows very

28DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011DD

Page 29: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

detailed programming levels to be able to realize whatever for-mula on the base of the detergent used and specific needs. By AirWash it is possible to go on automatic mode by selectingthe programs present in the wide library in such a way todefine automatically all parameters, i.e. water levels anddetergents dosage. AirMix system provides to mix conveniently in the bath chem-icals used. They are pre-loaded programs for cleaning only,cleaning + drying or drying only for whatever need. We invite you to visit our web site www.ilsa.it for further infor-mation or come directly to our show room where, in anequipped space, you can test personally the above machines.

IMESA È SINONIMO DI INNOVAZIONE Chi affida alla tintoria i propri capi richiede, oggi sempre di più,servizi di altissima qualità, che possono essere garantiti soloda una tecnologia moderna ed affidabile. Quali sono i problemi che la lavanderia si trova ad affrontare?Ci sono i problemi legati alla clientela e, spesso, quelli legatialla struttura stessa. Il lavaggio ad acqua, il “wet cleaning”, èdiventato parte integrante dell’attrezzatura di ogni buonalavanderia. Insieme a lavatrice ed essiccatoio si devono preve-dere anche sistemi di stiratura e sistemi di ricomposizione chegarantiscano un veloce stoccaggio del capo e un ancor più rapi-do riconoscimento del capo da riconsegnare. Non sempre, però, la lavanderia ha a propria disposizione tuttolo spazio sufficiente per allestire una lavanderia funzionale,IMESA oggi offre la soluzione ideale: innovativa, tecnologica-mente avanzata e “compatta”. Grazie alla sol uzione TANDEM LAUNDRY, lavatrice ed essicca-toio, sovrapposti l’uno all’altra, occupano solo 1 mq. Pur con-

dividendo la stessa struttura le due macchine restano comple-tamente indipendenti sia per quanto riguarda i sistemi diriscaldamento che per quanto riguarda i sistemi di comando. La lavatrice dell’innovativo sistema di bilanciamento PBS(Power Balance System) che permette alla macchina di lavora-re anche nelle condizioni più critiche, come ad esempio concarichi non ben distribuiti, senza recare alcun danno agliammortizzatori. Inoltre il computer IM8 permette di creareanche programmi per il mezzo carico, consentendo alla lavan-deria di garantire consegne in tempi rapidi anche quando ilmateriale non è sufficiente per un carico completo. IM8 usaun’interfaccia ad icone, proprio come i tablet PC di ultimagenerazione ed i più moderni telefoni touch screen, il vantag-gio per la lavanderia è immediato: basta un semplice colpod’occhio per capire immediatamente quale sia l’icona da utiliz-zare. IM8 permette di selezionare una lista programmi preferi-ti per accedere facilmente a quelli di più comune uso senzadover scorrere una lunga lista, il computer, infatti, nella versio-ne base consente di memorizzarne fino a 200 IM8, inoltre, per-mette al proprietario della lavanderia di creare da sé i pro-grammi di lavaggio rispondendo a poche semplici domande. La lavatrice di TANDEM LAUNDRY è equipaggiata di serie con 6pompe peristaltiche controllate direttamente dal computer, senecessario, comunque, è possibile aggiungerne fino ad arriva-re ad un massimo di 12. La lavatrice è dotata, ovviamente, di un sistema di autodiagno-stica con segnalazione dell’allarme a display e di sistema diteleassistenza per la trasmissione dell’allarme al centro di assi-stenza tecnica autorizzato. Grazie a questo sistema il tecnicopuò procedere alla diagnosi da remoto e non solo, può ancheaggiornare il software, caricare e scaricare i programmi sem-pre da remoto. In questo modo i risparmi in tempo e manuten-zione sono ovvi. Nel progettare tandem, il dipartimento tecnico di IMESA ha

Page 30: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

preso in considerazione un aspetto molto importante nel lavo-ro: l’ergonomia! Nonostante l’essiccatoio sia sovrapposto allalavatrice, la quota di carico è posta ad un’altezza tale da per-mettere ad una donna di altezza media di lavorare senza alcu-na difficoltà. L’essiccatoio è dotato di inversione di rotazionedel cesto, per permettere un’asciugatura uniforme dei capi e,inoltre, è dotato dei sistemi DSC (Drum Speed Control) e FSC(Fan Speed Control) che permettono di controllare rispettiva-mente la velocità di rotazione del cesto e della ventola di aspi-razione modificandoli anche durante l’esecuzione del program-ma. L’essiccatoio è equipaggiato con il nuovo microprocessoreIM7 che permette di modificare e rinominare 30 programmi diasciugatura. Grazie ad IM7 il gestore della lavanderia puòtenere sotto controllo i costi di esercizio verificando a displayquali sono i consumi dell’essiccatoio (in kW nel caso di riscal-damento elettrico, in m3 gas nel caso di gas metano, in Kg incaso di gas propano o vapore). Una volta lavata, asciugata e stirata, la biancheria deve oraessere stoccata in attesa dell’arrivo del cliente. Depositare labiancheria pronta non è assolutamente un’operazione banale:intanto bisogna abbinarla correttamente al proprietario e,soprattutto, individuarla con il minor margine di errore al mo -mento della riconsegna, possibilmente anche in tempi rapidi.Per risolvere questo problema, IMESA ha ideato IRIS, un siste-ma che permette di applicare alla tintoria gli stessi sistemi diricomposizione già usati nelle grandi lavanderie industriali, maa costi indubbiamente inferiori. Con IRIS il capo viene marca-to e abbinato al legittimo proprietario già al momento dellaricezione applicando un semplice RFID, cioè un sistema diidentificazione a radio frequenze riconosciuto da un piccolopalmare dotato del software di gestione della lavanderia. Il RFID resiste al lavaggio, all’asciugatura ed anche allo stiro,di conseguenza il capo pronto è subito riconosciuto avvicinan-dolo al lettore portatile. Il lettore consente anche di registrarela posizione del capo sull’apposito armadio IRIS, il quale èdotato di spie luminose che si accenderanno a indicare la posi-zione del capo quando, al momento della riconsegna, l’opera-tore digiterà il nome del cliente sul computer portatile. Grazie ad IRIS i capi sono marcati in modo sicuro, non ci sonopericoli di macchie d’inchiostro causate dai più tradizionali tal-loncini di carta, e la riconsegna è immediata e senza margined’errore. TANDEM ed IRIS rappresentano la soluzione ideale per lalavanderia innovativa, garantendo, grazie alla moderna tecno-logia applicata, un servizio di altissima professionalità!

IMESA MEANS INNOVATION People leave its most precious garments to the dry clearingshop asking, in the mean time, for service which only a mod-ern and reliable technology can assure. Which are the problem a laundry shop needs to afford? Thereare problem linked to customer needs and difficulties linked to

the laundry process. Wet Cleaning is today very requested and always more impor-tant into the cleaning process. It consists not only in washingmachines and tumble dryers, but also in a very professionalfinishing area and in a quick stocking and delivery process. Often, the available room is not enough to fit a functional laun-dry, IMESA is giving, today, the right solution: innovative,technological advanced and “compact”. Thanks to the TANDEM LAUDNRY, washing machine and tum-ble dryer stacked are occupying 1 mq. Even if the twomachines have in common the same structure, the twomachine are completely independent per heating system andcontrol. The washing machine is equipped with the new Power BalanceSystem (PBS) which allows the machine to work even in themost critical condition, like in case of not correctly distributedloads, without any damage to the shock absorbers. The IM8 computer allows to create also half load programs,enabling the laundry shop to assure quick delivery even thereceived linen is not enough for a machine full load. IM8 uses a user friendly interface with icons, like the mostmodern tablet PC and the last generation touch screen mobilephone; the advantages for the laundry are immediate: just asimple look to the screen to understand immediately whichicon must be used. IM8 allows to select a list of preferred pro-grams to select easily and quickly to the most used programs,avoiding to scroll a 200 programs list. IM8 enables the laundryoperator to create and save its own program: thanks to th eapplication EASY PROG the program can be composed justanswering to few simple questions. The washing machine of the TANDEM LAUNDRY is standardequipped with 6 automatic detergent pumps, if necessary, it ispossible to connect additional pumps up to 12. The washing machine is equipped, obviously, with a self diag-nostic system which signals the alarms on the screen and witha remote assistance service, which connect the machine withthe authorized service center. In this way, maintenance timeand costs are reduced. Designing TANDEM IMESA technical dept. take in considerationa very important expect: ergonomic! The tumble dryer isstacked on the washing machine, but the loading quote stay ata comfortable height for working. Tumble dryer is equipped with a reversing drum, which assurea uniform linen drying, and with the system DSC (Drum SpeedControl) and FSC (Fan Speed Control) which allow respective-ly the control of the drum speed and the modulation of the airpassage into the drum. This parameters can be change into deprogram, in this case the modification is permanent, or tem-porarily while the program is running.Thanks the new IM7 microprocessor the user can modify andname up to 30 drying programs and, also, keep under controlthe dryer consumes ( kW in case of electric heating, m3 in caseof natural gas, Kg in case of steam). Once the garments are washed, dried and ironed, they mustbe stocked waiting for the customer return. Stocking is not soeasy: garments need to be matched with the correct ownerand, also, they need to be retrieved in the shortest possibletime.

30DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011DD

Page 31: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

To solve this problem IMESA developped IRIS: a system whichapply to the laundry shop the same professional tools used bythe big industrial laundries, but at lower cost. Thanks to IRIS, garments are marked and matched with theowner since the moment of reception, thanks to a small RFIDwhich communicate with a small computer. The RFID is resist-ant to washing and drying, it means that linen can be moni-tored for the entire laundry process. Thanks to the IRIS com-puter, the ready linen is stocked in a special wardrobeequipped with red lights to indicate the customer linen positionwhen the customer name is typed. Thanks to IRIS linen are marked in a safety way, there are nomore problems with ink stain caused by the usual paper labelor problem with labels missing. TANDEM and IRIS represents the ideal solution for the innova-tive laundry, assuring a high professional service, because ofthe applied modern technology!

PONY

Nonostante un accenno di ripresa, il nostro settore continua amanifestare una certa sofferenza ed è sempre più difficile pergli operatori far quadrare i conti; manodopera e spesa energe-tica sono i principali “tasti dolenti” nella gestione delle tinto/la -vanderie e dei laboratori.

Se il lavoro venisse reso il più possibile automatico ed i mac-chinari sempre più “intelligenti”, anche il personale senza espe-rienza sarebbe in grado di ottenere brillanti risultati in terminiqualitativi e di resa, permettendo un sensibile ed immediatorisparmio. Pony ha focalizzato su questa primaria esigenzaricerca e sviluppo di nuove tecnologie, per dare risposte validee concrete, confermando come sia possibile attuare una ricon-versione in questo senso dei reparti stiro, con investimenticontenuti, anche nelle realtà medio-piccole.Prendiamo ad esempio i pantaloni, che rappresentano quasisempre la maggioranza dei capi che entrano in lavanderia eche sono anche i più difficili da stirare, capi per i quali vieneritenuta determinante l’esperienza dell’operatore per avere unbuon risultato, senza le tanto temute “doppie pieghe”, difficilida rimuovere e che fanno perdere un sacco di tempo.Con la nuova pressa per pantaloni PANTAMASTER, PONY harisolto questo problema in modo brillante e definitvo. Infatti chiunque, con questa pressa, è in grado di stirare velo-cemente e con ottimi risultati tutti i tipi di pantaloni.Il pantalone viene sistemato sul platò inferiore e fermato dauno speciale dispositivo che fissa la cintura e, adattandosi allataglia del pantalone, imposta le pieghe. Viene quindi fattoscendere un telaio semi-rigido, sul quale viene sistemata laseconda gamba. La pressione del platò superiore, regolabile,porta a termine l’operazione di stiratura. MACCHINE DA STIRO INDUSTRIALI

www.pony.eu MADE IN ITALY

la precisione in una parola

ADENIHCCAM

M.euy.ponww wILAIRTSUDNIORITS

YALLYADE IN ITTAM

Page 32: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

La particolare conformazione dei piani consente di fissare lepieghe fino alla cintura, risparmiando il ritocco finale con ilferro da stiro. Grazie al doppio piano, le gambe vengono stira-te contemporaneamente, velocizzando in modo sensibile itempi e migliorando la qualità di finitura. Durante l’utilizzo della macchina, l’operatore mantiene unapostura corretta ed evita movimenti faticosi e dannosi, aumen-tando di riflesso anche la resa produttiva.L’apertura del piano superiore a 60° agevola ulteriormente l’o-peratore nella sistemazione del pantalone. Il piano superiore èvaporizzante, mentre quello inferiore è aspirante e vaporizzan-te, con opzione del soffiaggio. La macchina è dotata di sistemaPLC per la completa gestione dei cicli, con la possibilità dimemorizzare fino a 10 programmi.La produzione media su questa macchina si attesta intorno ai30/35 capi all’ora. Il bacino si esegue preventivamente su untopper dedicato.

La camicia è un altro capo difficile da trattare ma che, di con-tro, può rivelarsi un ottimo mezzo per incrementare il lavoro efidelizzare il cliente. Pony produce una gamma di manichini perlo stiro soffiato delle camicie o per utilizzo ibrido, con la possi-bilità di stirare sia le camicie sia i capi spalla. La scelta è dav-vero ampia per caratteristiche costruttive e costi, offrendo unasoluzione adatta ad ogni specifica esigenza di produzione e diinvestimento.In occasione dell’ultima fiera Expo Detergo, nello scorso autun-no, Pony ha presentato ufficialmente al pubblico il nuovo stira-camicie Angel.Questa è una macchina specifica per la stiratura della camiciacon sistema pressato, ideale per grossi volumi di lavoro, checoniuga prestazioni altamente professionali con una estremafacilità d’uso. Grazie a comandi semplici ed intuitivi può esse-re utilizzata da operatori poco esperti, con ridotti costi dimanodopera, mentre le caratteristiche costruttive all’avan-guardia e l’alta qualità della finitura ottenuta eliminano lanecessità di ritocchi sulla camicia, consentendo l’abbattimentodei consumi energetici e mantenendo sempre costante la qua-lità del lavoro. Nella produzione Pony è possibile trovare molte altre macchi-ne, tecnologicamente evolute e con sistemi automatizzati.Parliamo di un’ampia gamma di manichini per il capo spalla eper i pantaloni, in grado di dialogare con l’operatore tramitemicroprocessori più o meno sofisticati. Anche le presse da stiro, sempre apprezzate per la precisionee la rapidità d’uso, vengono equipaggiate con sistemi di gestio-ne automatica e temporizzazione dei cicli, per una produttivitàsempre maggiore e costante.Riqualificare e modernizzare il reparto stiro è una scelta cheripaga in termini di resa produttiva e miglior sfruttamento dellerisorse umane. Non dimentichiamo infine il riscontro positivo sotto il profilo delrisparmio energetico.Il buon rendimento di una postazione di lavoro può significareun aumento della produttività, quindi maggiori introiti e conte-stualmente la riduzione delle spese, dato che per fare lo stes-so numero di capi l’impiego delle macchine sarà sensibilmenteridotto.La ditta PONY, tramite la propria organizzazione tecnico-com-merciale, mette a disposizione tutta l’esperienza acquisita nelcorso di oltre cinquant’anni di attività nel settore, peraiutarVi a fare la scelta migliore.

Innovative machines

Despite a sign of recovery, our field is still suffering, and foroperators it’s very hard to get the accounts square; labor andexpenses for energy supplies are the main sore points in themanagement of laundries.If the job could become as automated as possible, and theequipment as “cleaver” as possible, even unskilled personnelcould get more excellent results in terms of quality and per-formance, thus allowing remarkable savings. Pony focusedtheir research and development on this primary target, inorder to give real, valid answers, thereby confirming that a re-conversion of ironing stations in this sense it’s possible, withsmall investments, even in medium/small-sized business. Let’s take pants for instance, which most of the times, repre-sent the majority of the garments the enter laundries, and arealso the most difficult to iron. For this kind of garments the expertise of the operator is a fac-tor, in order to reach good results, without the dreaded “dou-ble crease” which are difficult to remove and waste a lot ofyour time. With the new PANTAMASTER pants press, PONY cleverlyworked out this issue once and for all. Indeed, with this press,even unskilled operators can quickly finish all kinds of pantswith good results. The pants are put on the lower buck and held by a specialwaistband auto-sizing locking device and sets the pleats.Following this the semi-rigid frame is lowered allowing the sec-ond leg to be laid on the buck. The adjustable pressure of thehead completes the pressing operation.The special shape of head and buck of this press allows you toset the pleats up to the waistband, therefore sparing you afinal touch-up with the iron. Thanks to its double buck, bothlegs are pressed at the same time, thereby providing a fastand highly productive operation as well as improving thepressing quality. During the usage, the operator can maintain correct posture,and avoid repetitive movements, thus increasing its produc-tion. The 60° opening angle of the head helps the operator in set-ting the trousers correctly on the press. The head steamswhilst the lower buck has vacuum and up-steam, with theoption of an air-blowing device. Operational cycles are con-trolled by a PLC with 10 saveable programmes. The average production on this press is around 30/35pcs/hour. The waistband is processed before on a specificpants topper.

Shirts represent another “difficult” kind of garment, but theycan turn into a very good way to increase your work volumesand for customer retention. Pony produce a wide range of shirtfinishers with air-blow system, and also hybrid finishers forironing both shirts and coats in general. Our finishers havevery different features, both in terms of manufactur and costs,offering solutions that fit with the various productive/invest-ment requirements. During the latest Detergo (last fall), Pony officially presentedtheir new ANGEL shirt-press. This machines is specifically designed for shirt-pressing. It combines highly professional performance with its extremeease of use. Thanks to its simple and intuitive controls, it canbe operated by unskilled operators, with reduced labor costs,while the fine tolerances used in construction and the highquality finish avoid any final shirt touch-up: energy consump-tion is vastly reduced and the finishing quality is always to thesame uncompromising high standard and consistent in finish. Pony’s range counts in many other machines, all technological-ly evoluted and automatic. We’re talking about a wide range ofform finishers and pants toppers, able to “communicate” withthe operator with their advanced microprocessors. Ironing presses are also appreciated for their accuracy andquickness. They can be equipped with timers for a more accu-rate control of cycles, and for an increasing and consistent pro-duction. Retraining and upgrading your ironing station is a worthwhilechoice, in terms of production and use of human resources

32DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011DD

Page 33: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

Last but not least, let’s not forget a positive feedback in termsof energy savings. The good performance of a working station may mean increas-ing production, therefore major income and reduction ofexpenses, since for the production of the same number ofclothes you will use the machines for a lot less time. PONY, through their technical and sales network, provide their50-and-more years of expertise, to help you make the bestchoice.

RENZACCI

Anche quest’anno il Centro Studi Renzacci, sulla base di unostudio condotto in oltre 70 paesi tra i 108 in cui oggi l’aziendaè presente, ha condotto un’analisi sul futuro del lavaggio nelsettore della manutenzione dei capi tessili, con particolareapprofondimento sulle tendenze e le innovazioni richieste neimacchinari per il lavaggio nei maggiori mercati mondiali delcontinente Europeo, Nord e Sud America, Asia, Africa edOceania.Se da un lato emerge in modo chiaro ed evidente che il lavag-gio a secco è ben lontano dallo scomparire per essere sostitui-to da altre tecniche che all’esame dei fatti non sono né più eco-logiche né più economiche (tra tutte in particolare è il caso diricordare quella peggiore del “laviamo tutto ad acqua!) èaltrettanto innegabile che il mercato mondiale di questo setto-re esprime oggi delle richieste che hanno portato notevoli tra-sformazioni nei macchinari e nelle loro prestazioni.Ecco perché dunque il professionista della pulitintolavanderianon può prescindere dall’offrire un servizio estremamenteampio che non può non avvalersi sia di una macchina di lavag-gio a secco di ultima generazione sia di una macchina indu-striale ad acqua dotata di una flessibilità ed una produttività

tali da poter eseguire le più disparate tecniche di lavaggio, trale quali quelle di wet cleaning occupano un posto di primariaimportanza.La Renzacci Spa, da azienda che investe ogni anno oltre il 5%del proprio fatturato in ricerca e sviluppo di nuove tecnologie emacchinari al servizio dell’industria del lavaggio, ha seguitoquesto cambiamento incorporando nelle nuove linee di lava-secco numerosissime novità che rappresentano un vero e pro-prio punto di svolta in termini di risparmio energetico, consu-

Page 34: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

mi di acqua, solvente, ecologia e salvaguardia dell’ambiente edella salute dell’operatore.Tra le più importanti vale subito la pena segnalare l’ultimagenerazione di macchine MULTISOLVENTE DELLA SERIEEXCELLENCE, (disponibili in modelli da 15 a 90 Kg di capacità),studiate tra l’altro per lavorare al meglio con solventi a base diidrocarburi isoparaffinici, idrocarburi siliconici, Green Earth™,Rynex™, Solvon K4, DrySolv™ etc...Tra queste spiccano in particolare le nuove serie di lavaseccosupercentrifuganti di ultima generazione HYDROSOFT line, acui si affiancano in un contesto di rapida progressiva diffu-sione anche nel continente Europeo quelle senza distilla-tore, che riprendono il successo fatto registrare tradizional-mente in mercati quali soprattutto quello USA ed alcuni mer-cati Asiatici come ad esempio il Giappone.C’è inoltre da segnalare il grande successo di pubblico e diinteresse fatto registrare da NEBULA, la prima lavasecco MUL-TISOLVENTE che utilizza “COMBICLEAN” System, l’esclusi-vo sistema a Tecniche di lavaggio MULTICOMBINATE,UNICO perchè per la prima volta fa scegliere al cliente tramolte alternative disponibili la combinazione migliore diazione dinamica di lavaggio del solvente sulle fibre inrelazione al tipo di capo trattato.NEBULA inoltre utilizza il Nuovo sistema DSF™ (DinamicSaving Flow), che riduce di oltre il 45% la potenza installataed aumenta il RISPARMIO DI ENERGIA di circa il 40%; senzarinunciare ad un tempo di esecuzione del ciclo estrema-mente ridotto, che la pone al vertice della categoria perPRODUTTIVITÀ E RAPIDITÀ.NEBULA è MULTISOLVENTE dato che può essere utilizzataottenendo risultati di altissimo livello con una gamma moltoampia di solventi, come ad esempio quelli a base di idrocarbu-ro sia isoparaffinico che siliconico, (KWL), Green Earth™,Rynex™, Solvon K4™ Drysolv™ etc..La RENZACCI S.p.A. inoltre, unico fabbricante mondiale acurare personalmente al suo interno lo studio, la ricerca, laprogettazione e la produzione sia di macchine lavasecco sia dimacchine lavatrici ad acqua (completata da una vastissimagamma di essiccatori e di calandre autoasciuganti), grazie allasua continua opera di innovazione ed aggiornamento è ingrado oggi di offrire una avanzata ed innovativa serie di mac-chine ad acqua per i professionisti del lavaggio con le tecnichedi WET CLEANING, che spazia da 11 a 120 Kg di cap. (da 25 a265 lbs), capace di fornire non solo elevate prestazioni dilavaggio ma anche risparmio di tempo, acqua ed energia.Nel settore del lavaggio ad acqua inoltre è importante segna-lare l’esclusiva gamma di lavatrici supercentrifiganti dellagamma HS ECOCARE A SISTEMA ECOLOGICO DI RECUPE-RO DELL’ACQUA, tutte dotate di esclusivi ed originali dispo-sitivi studiati dalla RENZACCI per aumentare sensibilmente leprestazioni della lavatrice ad acqua riducendo drastica-mente i suoi costi di gestione, risparmiando fino al 40%

nei consumi d’acqua e del 15% nei consumi di energia.È importante inoltre sottolineare che la Renzacci S.p.A. è l’uni-ca azienda a poter proporre oggi a livello mondiale una serie diessiccatori particolarmente efficaci e specifici per l’esecuzionedelle tecniche di WET CLEANING.Stiamo parlando dell’esclusiva serie di essiccatori a circuitochiuso con totale recupero del flusso d’aria RENZACCI “RZ”,che grazie tra l’altro anche al nuovo sistema di asciugamentoa diffusione totale d’aria con flusso a doppio vortice incrociato,propone un asciugamento progressivo e delicato ridu-cendo al massimo lo stress termico sui capi, lo sbiadi-mento dei colori e la perdita della naturale morbidezzadelle fibre.Queste caratteristiche, insieme all’avanzato sistema dicontrollo dell’umidità residua dei capi, rendono questaserie particolarmente apprezzata anche nell’asciugamentodella maglieria e dei capi tessili di particolare pregio e delica-tezza.

This year too the research & study centre of Renzacci Spa, onthe basis of a research made on over 70 countries among the108 in which the company is present today, has made ananalysis on the future of washing in the sector of the mainte-nance of textile garments, with a particular study of the trendsand the machines requested for the washing in the major mar-kets worldwide in Europe, North and South America, Asia,Africa and Oceania. If, on one side, even in this edition the results confirm that itis clear and evident that the drycleaning is far from disappear-ing and being replaced by other techniques, which in fact areneither more ecological nor cheaper (among all, it is particu-larly worth mentioning the worst one, “let’s wash everythingwith water!”), it cannot be denied that the world market in thissector reflects today requests that have brought considerabletransformations in the machines and in their performancesFor this reason the professional of a laundry shop cannot butoffer an extremely wide range of services, by using both a lastgeneration dry cleaning machine and an industrial washingmachine endowed with such a flexibility and productiveness asto be able to perform the most different washing techniques,among which the wet cleaning has a very important place. Renzacci Spa, a company that invests every year more than5% of its turnover in research and development of new tech-nologies and machines for the cleaning industry, has followedthis change by endowing the new lines of drycleaning ma -chines with numerous new devices that represent a very turn-ing point in terms of energy saving, consumption of water andsolvent, ecology and safeguard of the environment and of theoperator’s health. Among the most important ones, it is worth mentioning thelast generation of the MULTISOLVENT machines EXCELLENCESERIES (available in models from 15 to 90 kg. of loadingcapacity), also studied to work best with solvents based on iso-paraffinic hydrocarbons, silicon hydrocarbons, Green Earth™,Rynex™, Solvon K4, DrySolv™ etc… Among these, particularly stand the new series of super-extraction drycleaning machines of last generation HYDRO -SOFT line, beside which are those without distillationunit, which are rapidly spreading within Europe, reproducingthe success traditionally made mainly in USA and in someAsian markets, like for example Japan.Worthwhile to be emphasized is also the great success andinterest shown for NEBULA, the first MULTISOLVENT dry -cleaning machine featuring the “COMBICLEAN” System, theexclusive system with MULTI-COMBINATION washingtechniques, unique because, for the first time, the cus-tomer can choose, among the many alternatives available, thebest combination of wash dynamic action of the solventaccording to the kind of garment to be treated. Moreover, NEBULA uses the New DSF™ (Dynamic SavingFlow) system, which reduces by over 45% the powerinstalled and increases the ENERGY SAVING by 40%, withoutrenouncing an extremely reduced operation time of thecycle. This feature puts it on top of the category for PRODUC-TIVITY and FASTNESS. NEBULA is MULTISOLVENT since it can work with brilliant

34DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011DD

Page 35: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco
Page 36: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

results with a wide range of alternative solvents, such ushydrocarbon (petroleum) based solvents (KWL), silicone sol-vents, Green Earth™, Rynex, Solvon K4 etc...Moreover, RENZACCI S.p.A., the only manufacturer in theworld taking care inside the factory of the study, research,design and production both of drycleaning machines and wash-ing machines (completed by a wide range of dryers and self-drying calanders), thanks to its continuous innovating series ofwashing machines for the professionals of the WET CLEANINGtechniques, ranging from 11 to 120 kg. of loading capacity(from 25 to 265 lbs), able to grant not only high washing per-formances, but also savings of time, water and energy.In the washing machines field it is also very interesting toemphasize the unic and innovative HS ECOCARE line, featur-ing an ECOLOGICAL SYSTEM FOR RECOVERY OF WATER,all endowed with exclusive and original devices studied byRENZACCI to increase considerably the performances of thewashing machine by reducing drastically managementcosts and saving up to 40% in the consumption of waterand 15% in the consumption of energy.It is also important to stress that Renzacci S.p.A. is the onlycompany able to propose today worldwide a series of dryersparticularly effective and specific for the performance of theWET CLEANING techniques.We are referring to the exclusive series of closed-circuit dryersRENZACCI “RZ”, with total recovery of the air flow. Thanksalso to the new drying system with total air diffusion and dou-ble cross-flow vortex, this dryer offers a progressive anddelicate drying by minimizing thermal stress on gar-ments, color fading and loss of the natural softness ofthe textures. These characteristics, together with the enhanced sys-tem for control of residual humidity on garments, makethis series particularly appreciated also in the drying ofknitwear and of particularly fine and delicate clothes.

SILC

MACCHINE DA STIRO SILC - LA QUALITÀ PER TUTTIUN’ATTIVITÀ DI SUCCESSO DA OLTRE 40 ANNI

La SILC produce macchine da stiro professionali dal 1968,anno di fondazione della società SILC S.p.A. L’attività dellaSILC si è da subito focalizzata sulla ricerca della massima qua-lità e affidabilità costruttiva dei propri macchinari da stirodestinati alle lavanderie, ai lavasecco, alle confezioni, aglihotel, agli ospedali e alle comunità in generale.Grazie all’elevata qualità delle macchine offerte e alla compe-titività dei propri prezzi, la SILC è divenuta in pochi anni unodei produttori leader nel settore delle macchine da stiro indu-striali, sia in Italia, sia sui mercati internazionali. Proprio le esportazioni in tutto il mondo sono diventate la com-ponente principale dell’attività della SILC, tanto che oggi quasil’80% della produzione dell’azienda viene esportata in più di80 paesi.La sede della SILC di Jesi si estende su un area coperta di oltre10.000 mq che ospita tutte le componenti aziendali: dalle lineedi produzione agli uffici amministrativi e commerciali, fino aquello che rappresenta il cuore dell’azienda, ossia gli uffici tec-nici e di progettazione, in cui viene svolta l’attività di ricerca edi continua messa a punto di nuovi modelli e proposte in gradodi anticipare le esigenze del mercato, garantendo una eccellen-za nella qualità ed una assoluta sicurezza.L’intero ciclo produttivo avviene all’interno degli stabilimentidell’azienda, garantendo un controllo completo sulla qualità deiprodotti e dei cicli di lavorazione. Grande importanza è postasull’innovazione tecnologica, inserita nell’ambito del processoproduttivo. Macchine a “taglio laser”, piegatrici “robotizzate”per la lavorazione della lamiera, stazioni automatiche di salda-tura, linee automatiche di verniciatura rappresentano la realtàproduttiva della Silc, ed assicurano una qualità di prodotto dif-ficilmente superabile.Nel 2008 la società SILC S.p.A. si è unita alla FIM S.r.l.,società facente capo alla stessa proprietà e leader mondialenella produzione di cappe d’arredo per la cucina. La nuovasocietà SIL FIM S.r.l., pur mantenendo distinti i marchi per le

macchine da stiro SILC e le cappe d’arredo FIM, ha permes-so di sfruttare importanti sinergie sia a livello amministrativo,che commerciale e tecnico.

UNA PRODUZIONE AMPIA E COMPLETALa SILC propone un’ampia gamma di macchine da stiro conoltre 50 modelli differenti. Inoltre, grazie ai moltissimi acces-sori con i quali è possibile equipaggiare le macchine, ogni clien-te è in grado di trovare la macchina che meglio si addice alleproprie necessità.Le principali categorie di prodotti della SILC sono:• Tavoli da stiro• Generatori di vapore con ferri• Sistemi di stiratura semi-professionali• Macchine per la smacchiatura• Manichini e topper • Caldaie elettriche a vapore• Tavoli da stiro a freddo• Manichino/topper “R-EVOLUTION”• Macchine speciali per pantaloni e giacche• Sistemi di stiratura per le camicie• Presse da stiro per lavanderie ad acqua e a secco• Presse e banchi speciali per l’industria delle confezioni

SILC IRONING EQUIPMENTS - QUALITY FOR EVERYONEMORE THAN 40 YEARS OF SUCCESFUL ACTIVITY

SILC manufactures industrial ironing machines since 1968,year of its setting up. SILC has always based its activity in theresearch of the highest constructive quality and reliability forits finishing equipments. The customers of SILC are laundries,dry cleaning shops, garment industries, top level hotels, hos-pitals and communities in general.Thanks to the high quality and the competitive prices of itsproducts, SILC has became in few years one of the leadermanufacturer in the field of finishing equipments, in Italy aswell as throughout the world. The export to all the continentshas became the main component of the company activity:more than the 80% of the production is worldwide exported inmore than 80 countries.The plants of SILC are placed in Jesi (Italy) and cover an areaof 10.000 square meters which include all the departments ofthe company: the productive lines, the administrative andcommercial offices and the core of the structure, that is thetechnical department. The technical department indeed is themotor of the company, carrying out a endless activity ofresearch and planning of new models able to anticipate therequests of the markets and guarantying a constructive quali-ty and safety hardly beatable.

36DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011DD

Page 37: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

The entire productive process is carried out within the plantsof the company, guarantying a complete control on the work-ing cycles and on the quality of the products. Great importanceis given to technological innovations applied to the productiveprocess. Laser cutting machines, robotic bending machines,automated welding units and automated painting lines arecommonly used in the plants of SILC.In 2008 company SILC S.p.a. has merged with company FIMS.r.l., a firm of the same ownership which produces designcooker hoods for kitchen with great success all over the world.The new company, now called SIL FIM S.r.l., is able to exploitimportant commercial, administrative and technical synergies. The old brands, SILC (for the ironing equipments) and FIM(for the cooker hoods), have been kept separate.

A WIDE AND COMPLETE RANGE OF MODELSSILC proposes a wide range of machines with more than 50different models. Moreover, thanks to the many accessorieswith which is possible to provide the machines, each customeris able to find the unit that perfectly fits his requirements.The main categories of models are: Ironing boards• Steam generators with irons• Semi-professional ironing units• Spotting machines• Form finishers and topper• Electric steam generators• Cold ironing boards• Former/topper “R-EVOLUTION”• Special units for trousers and jackets• Finishing machines for shirts• Laundry and dry cleaning presses• Presses and special ironers for garment industries

UNION

UNION occupa un posto di leadership nel mercato internazio-nale del lavaggio a secco, esportando le proprie macchine inoltre 120 Paesi, grazie all’affidabilità ed alle innovazioni tecni-che che integra continuamente.Per tradizione UNION dedica una particolare attenzione allaricerca e all’innovazione per offrire impianti sempre più effi-cienti ed efficaci.UNION produce oggi oltre 70 modelli, progettati per lavorare almeglio con tutti i solventi dedicati al mondo del lavaggio asecco, progettate per rispondere conformemente alle diverseesigenze.UNION produce una gamma completa di macchine funzionantia percloretilene, oggi particolarmente efficienti ed a bassissima

emissione grazie a tecnologie sempre più sofisticate, ma il verosviluppo tecnico degli ultimi anni è stato rivolto ai solventialternativi, sempre più richiesti ed apprezzati per i vantaggiche offrono in termini di qualità, come Idrocarburi, GreenEarthe SYSTEM K4.UNION produce una gamma completa di macchine per lavag-gio MULTI SOLVENTE progettate per lavorare con solventi idro-carburi alifatici, con silicone liquido conosciuto con il marchioGREENEARTH, oltre che con il solvente Rynex.Il solvente idrocarburo, da anni disponibile sul mercato, piùrecentemente ha acquisito uno spazio sempre più ampio, finoa rappresentare oggi, in alcuni paesi, la grande maggioranzadelle richieste dei Clienti.I vantaggi derivanti dal suo utilizzo sono molteplici, non ultimila migliore ecosotenibilità e la grande compatibilità con la mag-gioranza dei tessuti e dei materiali che entrano oggi nel nego-zio lavasecco. La minore aggressività di queste sostanze; chea volte può risultare un punto debole di questi solventi, vienesopperita dall’utilizzo di appropriati additivi di lavaggio e presmacchiatura e dell’utilizzo di impianti dedicati con una azionemeccanica più marcata.Per migliorare in modo significativo la qualità di lavaggio diquesti solventi UNION ha sviluppato alcune funzioni speciali edinnovative che migliorano in modo significativo il risultato dilavaggio dove sia richiesta una azione più efficace. Con il sistema A.C.S. le macchine UNION migliorano le qualitàdi lavaggio degli impianti che utilizzano solventi alternativi alpercloro.Il sistema A.C.S. permette di selezionare durante il program-ma di lavaggio alcune funzioni particolari, un getto di solventein pressione mirato direttamente sui capi abbinato alla possi-bilità di controllare il grado di umidità e la temperatura del sol-vente, per ottenere un lavaggio più efficace.Un altro sistema innovativo di lavaggio è rappresentato dal sol-vente GREENEARTH, una realtà consolidata da anni in moltipaesi e nata nel 1999 quando fu introdotto per la prima voltanel mercato Nord Americano. Attualmente negli Stati Uniti visono già migliaia di macchine che lavorano con successo conquesto particolare solvente, in gran parte impianti UNION, unodei primi costruttori a offrire macchine per questo tipo di sol-vente. Un solvente particolarmente amico dell’ambiente ed ingrado di trattare praticamente tutti i capi grazie alle particola-ri proprietà ed alla assoluta compatibilità con i tutti i tessuti edmateriali, ideale per annullare il rischio di danneggiamentoanche per capi più delicati.Certamente l’innovazione più recente è rappresentata dallaintroduzione sul mercato del lavaggio a secco del sistemaSYSTEM K4, presentato dalla Ditta Kreussler durante l’ultimaedizione di EXPO DETERGO.UNION offre per questo nuovo sistema di lavaggio una gammacompleta di macchine, molte già installate i vari Paesi congrande soddisfazione del Clienti.Una caratteristica molto apprezzata del SYSTEM K4 è rappre-sentata dalla alta qualità di lavaggio, veramente paragonabilese non superiore a quella ottenibile con il percloretilene, purmantenendo questo solvente il vantaggio di una più ampiacompatibilità con i tessuti e i materiali. Questo solvente ha unbassissimo potere di decolorazione ed è in grado di offrire unastiratura più rapida dei capi lavati. Anche sui modelli della Serie K è disponibile il sistema A.C.S.per ottimizzare il risultato di lavaggio, soprattutto per macchiemagre, nonostante la qualità di lavaggio del SYSTEM K4 sia giàmolto elevata.Altri aspetti importanti dell’innovazione sono da considerarsi icosti di esercizio ed i consumi. Per questo motivo, per solven-ti come idrocarburo e GreenEarth, UNION ha sviluppato unalinea di macchine, per molti aspetti innovativi. Il sistema dipulitura a secco UNION NOVA.NOVA è un sistema di pulitura che racchiude una grande idea;due sistemi di lavaggio a secco indipendenti all’interno dellastessa macchina, il primo per la pulitura di capi scuri, il secon-do dedicato per i capi particolarmente chiari e per il bianco.NOVA è una macchina semplice da usare, offre un eccellenterisultato di lavaggio e consuma poco, riducendo i costi di eser-cizio al minimo.Semplice da installare; nella versione WATER-FREE basta un

37DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011DD

Page 38: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

cavo elettrico SENZA ALCUN BISOGNO DI ACQUA DI RAF-FREDDAMENTO O DI VAPORE, ha un CONSUMO ELETTRICOMOLTO BASSO, tagliando i costi della bolletta.NOVA lavora SENZA DISTILLATORE, dunque economica e conmanutenzioni ridotte. Il sistema UNION NOVA, abbinato ad unsistema di lavaggio ad acqua e ad un impianto di stiro permet-te una gestione ottimale dei capi guardaroba.

UNION occupies its place in world leadership in dry cleaning,exporting machines in over 120 countries worldwide, thanks tothe reliability and technical innovation these machines canoffer. UNION has traditionally paid particular attention to researchand innovation in order to offer machines which are more andmore efficient and effective. Today UNION produces over 70models, designed to work with the best known solvents in thedrycleaning world, suitable to all kinds of requirements. As well as still producing a wide range of perc machines, whichtoday are particularly efficient with low emissions thanks tomore and more sophisticated technology, the real technicaldevelopment at UNION is focussed on alternative solvents,such as hydrocarbons, Green Earth and SYSTEMK4, which arebecoming popular and widely appreciated for the advantagesthey offer, UNION produces a complete range of MULTI SOLVENTdrycleaning machines designed to work with aliphatic hydro-carbons, with liquid silicon known on the market asGreenEarth, as well as with Rynex solvent. Hydrocarbon solvents have been on the market for many yearsnow and have recently obtained a large share of the market,in some countries representing the vast majority of requestsfrom clients. This solvent has many advantages, not least thebest environmental compatibility as well as compatibility withthe majority of fabrics and materials which come into dryclean-ing. This may however also be a weak point as it is a delicatesolvent and not so aggressive on stains, and therefore oftenrequires cleaning additives and pre-spotting. In order to improve cleaning qualities of these solvents, UNIONhas developed some innovative machine features which willimprove results significantly wherever a more effective actionis required. With the A.C.S. system UNION machines canimprove drycleaning results with alternative solvents. A.C.S.allows the user to choose special functions during the cleaningcycle, such as injecting a pressurised jet of solvent directlyonto the garments, together with the possibility of controllingthe level of humidity and solvent temperature, in order toobtain better cleaning results.

A further innovative cleaning system is the GREENEARTH sol-vent, a consolidated reality in many countries since 1999,when it was introduced onto the North American market.Thousands of machines, the majority of which are UNION built,are successfully working with this solvent. UNION was in factone of the first manufacturers to offer machines for this sol-vent, which is particularly environmentally friendly and is com-patible with all kinds of materials and fabrics, and thereforethe ideal solution to avoid any risks of damage even to themost delicate garments. By far the most interesting innovation is the recent introduc-tion of the Kreussler SYSTEMK4, as introduced to the marketduring the latest edition of EXPO DETERGO. UNION offers a complete range of machines for this cleaningsystem using the new solvent, and has already severalmachines installed and running in various countries with greatcustomer satisfaction. One of SYSTEMK4’s most appreciated characteristics is thequality of cleaning, which is comparable to, if not even betterthan that obtained by cleaning with perc, with the addedadvantage of wider compatibility with fabrics and materials, alow colour loss and the possibility of faster ironing. The A.C.S. system is also available on Series K machines inorder to optimise cleaning results, especially for non-fat stains,even though the cleaning quality of SYSTEMK4 is already of avery high standard. Another important aspect of innovation in drycleaning is thelowering of running costs and consumption. For solvents suchas hydrocarbon and GreenEarth, UNION has developed a rangeof machines, the UNION NOVA series, which has many innova-tive features. NOVA is a dry-cleaning system which contains agreat concept: two separate drycleaning systems which workindependently within the same machine. The first for cleaningdark colours and the second for light-coloured and white gar-ments and items. NOVA is simple to use, offers excellent cleaning results and haslow consumption, reducing running costs to a minimum. It’s also simple to install: in the WATER-FREE version it’senough just to connect the machine up to the mains electrici-ty WITHOUT ANY NEED FOR COOLING WATER OR STEAM, andhas A LOW ELECTRICAL CONSUMPTION, cutting down on bills.NOVA works WITHOUT A STILL, and is therefore economicaland requires little maintenance. The UNION NOVA system together with a water washing sys-tem and an ironing unit allows optimal management of regulargarments.

38DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011DD

UNION NOVA, semplicemente geniale!

Page 39: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

• Il sistema NOVA è semplice da usare e offre un eccellente risultato di lavaggioriducendo i costi di esercizio al minimo.

• Minimo consumo e grande risparmio;consumi estremamente bassi, solo 3,9kw di potenza richiesti per una macchinada 15 kg, zero costi di acqua e zero costidi vapore

• Elevata compatibilità ambientale

• Il sistema NOVA non richiede il DISTILLATORE

• Capi più morbidi e colori più brillanti

• Senza cariche elettrostatiche per unamigliore finitura e una stiratura più rapida dei tessuti

E’ più facile lavorare con il sistema GreenEarthPerché GreenEarth?

Il silicone liquido è chimicamente inerte e viene usato da anni nell’industria cosmetica proprio per le sue particolari caratteristiche.

Utilizzato come solvente non modifica i tessuti ed al contempo è un ottimo sistema di lavaggio, capace di penetrare nelle fibre per rimuoverne lo sporco delicatamente.

GreenEarth è inodore, un grande vantaggio per il vostro ambiente di lavoro. È totalmente compatibile con tutti i tipi di: tessuti, materiali sintetici, finiture,

perline, abiti da matrimonio, pelli, pellicce e accoppiati, potrete lavorare senza rischio di danneggiare i capi e con la massima tranquillità.

You’ve never worn anything like it.®

UNION NOVA, semplicemente geniale!

UNION NOVA e GREENEARTH, semplicità e risparmio insieme.

40010 Sala Bolognese (Bologna) ITALY Via Labriola 4/D Tel.: (+39) 051.6814996 Fax: (+39) 051.6814660 E-mail: [email protected] - Web page: www.uniondcm.com

Page 40: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

MASA

Tradizionalmente innovativi, offrite la qualità ai vostriclienti

Dal 1949 MASA produce tovaglieria, biancheria da bagno e dacamera con immutata passione ed incessante attenzione alleesigenze del mercato. L’alto livello dei nostri standard qualitati-vi ci rende partners affidabili ed attenti dei clienti più esigenti.

Non a caso MASA è azienda leader nel proprio settore: uso difilati di altissima qualità, attenzione alle problematicheambientali, controllo puntuale della propria filiera produttiva,ricerca costante e innovazione continua nel campo del design,

soluzioni personalizzate sono le nostre costanti linee guida.

Dove maggiormente è richiesta la cura del particolare, l’ele-ganza di un design esclusivo e la ricerca di un’immagine origi-nale, MASA ha la soluzione: la tessitura è in grado di realizza-re qualsiasi lavorazione e disegno su richiesta del cliente, persoddisfare anche le esigenze più sofisticate ed insolite.

Masa, where innovation meets tradition and translatesinto quality products for your customers

Since 1949, MASA has been producing tablecloths, bath andbed linen with the same passion as before and by constantlypaying great attention to the market needs.

The high level of our quality standards makes us reliable andattentive partners of the most demanding customers. It is notby chance that MASA is a leading company in its own sector.

SPECIALE SPECIAL

La grande tradizione italiana nel tessile si è ormai consolidataattorno a tessili di qualità superiore, destinati a sopportareenergici trattamenti in lavanderia, ma anche a soddisfare le esigenze di una clientela che si fa sempre più evoluta. Oggi l’attenzione è posta non solo sulla qualità di filati

e tessuti, ma si applica anche alle tinture, ai finissaggi e, più che mai, al design.

Su questo numero, Detergo ha dato spazio alle aziende cheoperano in questo settore, perché possano illustrare la qualità,

la ricercatezza, l’eleganza della biancheria - da tavola,letto o bagno - che propongono al mercato.

The great Italian textile tradition has gained wide recognitionfor premium quality textiles that can withstand harsh treatments in the laundry and meet the demands of

an ever-discerning clientele. Today, the focus is not only on the quality of yarns and

textiles, but also on dyes, finishings,and more than ever, design.

In this issue of Detergo, companies in the industry put the spotlight on the quality, premium features, and eleganceof the table, bed or bathroom linen they offer to the market.

BIANCHERIA PIANA E SPUGNE

FLATWORK AND TOWELS

40DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011DD

Page 41: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

41DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011DD

The use of top-quality yarns, great attention to environmentalproblems, prompt control of its own production chain, constantresearch and continuous innovation in the design field as wellcustomised solutions are our constant guidelines.

Where the most important requisite is the care for details, theelegance of an exclusive design and the search for an originalimage, MASA has got the right solution.

Weaving can accomplish any kind of work and pattern uponthe customer’s demand in order to meet even the most com-plex and unusual needs.

EMMEBIESSE

Emmebiesse Spa dal 1967 propone diverse linee di articoli peril settore ospitalità.Con il marchio “Suite Hotel” offre infatti ben 3 grandi catego-rie di prodotti:

Lenzuola – Le 3 linee Star, Vip, Top, dopo molti studi e collau-di interni, hanno brillantemente superato negli ultimi anni iltest più difficile: quello del mercato, con l’utilizzo diretto degliarticoli da parte dei clienti.Queste linee, particolarmente curate nell’estetica, sonoapprezzate per la loro facilità di lavaggio, di stiratura e per laloro resistenza e durata che si traduce in risparmio di tempo edenaro per gli utilizzatori.

Spugna – Accappatoi, teli, salviette, tappetini…il menù è vera-mente completo: filo unico e ritorto, liscia o lavorata, persona-lizzata tramite logo jacquard o con ricamo, leggera o pesante,sempre comunque molto idrofila e resistente.

Tovagliato - Ristoranti italiani e nel mondo hanno scelto etestato con successo le tovaglie, ammirandone la raffinatezza,i tessuti, i disegni e i colori, riconoscendone una resistenzaoltre le loro aspettative.

Nuove particolari linee di prodotti altamente qualificati verran-no proposti al mercato italiano, dopo aver ricevuto consensoed apprezzamento da esclusivi e selettivi clienti esteri.Un radicale rinnovo della rete distributiva Italia ed un poten-ziamento dell’export hanno dato nuova linfa ad una aziendache è sempre più un riferimento certo per la propria esigentee professionale clientela.

Since 1967 Emmebiesse Spa proposes several lines of articlesfor the hospitality sector.With “Suite Hotel” trademark offers in fact 3 big categories ofproducts:

Sheets – The 3 lines Star, Vip, Top, after many in-houseresearches and tests, had brilliantly overcome in the last yearsthe most difficult test: the market as they are currently in useby the customers.The lines, particularly cared in their appearance, are reallyappreciated for their easiness in washing and ironing process-es as well as for their durability and resistance which are syn-onymous of time and money saving for the users.

Terry articles - Bathrobes, towels, guest and hand towels,bath-mats...the menu is very complete: single and twistedyarn, plain or inlaid, personalized with logo jacquard orembroidery, light or heavy, but always very absorbent anddurable.

Tablecloths - Italian and international restaurants have cho-sen and successfully tested the tablecloths, admiring therefinement, the fabrics, the designs and the colours, recogniz-ing a resistance beyond their expectations.

New particular lines of highly qualified products will be pro-posed to the Italian market after receiving approval and appre-ciation from exclusive and selective foreign customers.

A radical renewal of the distribution network in Italy and astrengthening of exports have given a new life to a companythat is always a certain reference for his demanding and pro-fessional customers.

TESSILTORRE

È BELLO PRENDERSI CURA DEGLI ALTRIPersonalizzare il prodotto rispondendo ad ogni richie-sta, anche la più particolare

La nostra azienda opera da circa 28 anni; nasce nel 1983 dal-l’esperienza decennale acquisita nel settore tessile dai suoititolari.La produzione è rivolta alla realizzazione di tessuti jacquardper articoli dedicati esclusivamente ad un mercato inerente alleforniture alberghiere.Abbiamo finalizzato gli investimenti di questi ultimi anni almiglioramento della qualità, all’aumento della flessibilità edalla personalizzazione del prodotto.La produzione di tessuti Jacquard di ricercata qualità,design ela più vasta gamma di combinazioni cromatiche, unite ad unampia scelta di orlature, consentono alla nostra clientela diarredare gli ambienti più esclusivi.Allo stesso tempo, l’accurata scelta delle materie prime, per-mette di conferire ai nostri capi un ottima resistenza all’usuradei lavaggi.La ricerca, lo sviluppo e la realizzazione, avvengono in collabo-razione con un team specializzato, il cui obiettivo è personaliz-zare il prodotto in funzione dell’immagine di ogni acquirente,cercando di creare tra l’azienda e i nostri clienti, una sorta disimbiosi finalizzata all’ottenimento di un risultato con caratte-ristiche tali da soddisfare le richieste più esigenti.

Page 42: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

Prodotti• TOVAGLIATO70 fili per cm100% cotone misto cotone poliestere31 fili per cm100% cotone mischia intima cotone poliesteremisto cotone lino• CAMERA100% cotonemisto cotone linomisto cotone poliestere• BAGNO100% cotonemisto cotone lino

IT’S NICE TO TAKE CARE OF OTHERSCustomize the product by responding to every request,even the most particular

Our company has been in business for about 28 years; it wasestablished in 1983 after its owners had built up decades ofexperience in the textile industry.We produce jacquard fabrics for articles that are designedexclusively for the hotel supplies market.Over recent years we have invested in improving our quality,increasing flexibility and customizing products.The production of jacquards of the finest quality and designsand the broadest range of color combinations, combined witha wide selection of edgings, enable our customers to furnishthe most exclusive settings.Likewise, carefully selected raw materials make our garmentsvery wash resistant.Research, development and production are carried out in coop-eration with a specialized team, whose objective is to cus-tomize products according to each and every buyer’s image,by trying to create a kind of symbiosis between the companyand its customers that focuses on satisfying the most demand-ing requests.Products:• TABLE LINEN100% cotton cotton and polyestercotton and linen• ROOM100% cottoncotton and polyestercotton and linen• BATHROOM100% cotton cotton and linen

TODAY BEST BUYIS JUST A CLICK

FAR AWAY

Page 43: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

®

M A D E I N I T A L Y

Page 44: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

Conoscere significa sapere, posse-dere le informazioni e le esperienzeper riconoscere, interpretare, sce-gliere, orientare, applicare, evitare,definire, contrattare, analizzare,valutare, mediare, indurre, dedurre,fare, creare, progettare, operare,indirizzare, insegnare, apprendere ecosì via.

Nell’esercizio dei più svariati ruoliche la società postmoderna gliriserva - l’uomo - genera negli altriaspettative di fiducia nel suo agiree in tal senso risponde personal-mente e socialmente della sua azio-ne. Ne consegue, che il consenso ètanto più ampio quanto più alto è ilsenso di responsabilità che guida ilmantenimento delle proprie compe-tenze.

L’ambiente postmoderno in cuiviviamo mette a disposizione del-l’uomo la conoscenza nelle sue piùampie e svariate forme e attraversonumerosi canali: dal cartaceo (perchi ama la cultura del paralume) aldigitale (per chi ama la cultura aportata di mouse), dall’aula (forma-zione di tipo esperienziale in cui ilcoinvolgimento dei partecipanti èfondamentale) all’e-learning (piat-taforma tecnologica per l’apprendi-mento a distanza), dalla radio (per ipiù nostalgici) al digitale terrestre(per chi ama la conoscenza ondemand).

La conoscenza ha modificato rispet-to ad un passato (recente) la velo-cità con cui le informazioni, le sco-perte e le innovazioni - nelle loroforme multidisciplinari e interdisci-plinari - sono messe a disposizionesul mercato cognitivo (che è nellostesso tempo anche economico) ela loro quantità qualitativa.

In tale quadro, l’attendibilità delle

L’evoluzione dell’uomo è passatanel corso dei secoli attraverso sco-perte, adattamenti, invenzioni;attraverso - quindi - l’applicazionedella conoscenza. La conoscenza haconsentito all’uomo di scegliere imezzi e gli strumenti migliori pertrasformare le minacce dell’ambien-te in opportunità di vita. Un mezzocosì potente, la conoscenza, che haconsentito all’uomo rurale dicostruire civiltà organizzate e all’uo-mo del villaggio di sbarcare sullaluna. Un processo virtuoso spintodal bisogno dell’individuo di porsi incostante relazione di equilibrio conl’ambiente circostante, di mantene-re una sana relazione di interdipen-denza e di costruire nuovi modellicomportamentali ed organizzativiper garantirsi il suo domani.

La conoscenza, come tale, è già diper se innovazione, perché, nelmomento in cui interviene, segnaimpercettibilmente il passaggio dalvecchio al nuovo. Affinché questoimpercettibile passaggio si trasformiin sviluppo concreto è necessarioche l’uomo - individualmente e col-lettivamente - sia consapevole del-l’ambiente circostante e della suafacoltà di interagire con esso e par-tecipi - quindi - in modo organizza-to e strutturato alla formazionedella sua stessa conoscenza e dellacollettività in cui è inserito.DD44

DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

Assosistema: Fonte di conoscenzaaffidabile

ASSOSISTEMA

di Patrizia Ferri,Segretario Generale Assosistema

La conoscenza di ciò che è non apre direttamente laporta alla conoscenza di ciò che dovrebbe essere.Si può avere la conoscenza più chiara e più completa diciò che è, e tuttavia non riuscire a dedurre da questaquale dovrebbe essere la meta delle nostre aspirazioniumane. La conoscenza obiettiva ci fornisce strumentipotenti per la conquista di certe mete, ma il fine ultimoe il desiderio di raggiungerlo devono nascere da un’al-tra fonte.

(Einstein Albert, Pensieri degli anni difficili,Boringhieri, Torino, 1965, p. 109.)

Page 45: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

DD45DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

fonti come pure la competenza dielaborazione della conoscenza, as -sociate all’organizzazione chiara esemplificata del contenuto nozioni-stico, rappresentano un passaggiodelicato e fondamentale su cui siincardinano la fiducia e la fidelizza-zione dei destinatari.

Tutto ciò per Assosistema è unassioma che guida e regola la quo-tidiana relazione con le imprese acui dedica con grande impegno eserietà la sua attività di consulenzain tutti gli ambiti in cui impatta l’or-ganizzazione di una industria disanificazione di dispositivi tessili emedici, di una centrale di sterilizza-zione e fabbricazione di dispositivimedici sterili, di una industria diricondizionamento e manutenzionedei dispositivi di protezione indivi-duale e di un laboratorio industrialedi servizi tessili.

Economia, Fisco, Finanza, Lavoro,Previdenza, Ambiente, Appalti,Trasporti, Commercio Interno edEstero, Europa, sono solo alcunedelle tante attività su cui Asso si -stema è fortemente impegnatanello studio e nella divulgazione agliassociati della conoscenza.Un lavoro basato quotidianamentesulla selezione e sull’ utilizzo difonti accreditate, sull’ appro fon di -mento e sulla comparazione interdi-

ASSOSISTEMA, l’Associazione del Sistema IndustrialeIntegrato di beni e Servizi Tessili e Medici Affini, unicosoggetto di rappresentanza della categoria, riunisce le impre-se svolgenti le attività di: sanificazione e/o sterilizzazionedei dispositivi tessili; sanificazione e sterilizzazione dellostrumentario chirurgico; fabbricazione dispositivi me dicisterili per interventi chirurgici; fornitura, ricondizionamento,manutenzione e ripristino degli indumenti di lavoro e deidispositivi di protezione individuale; servizi tessili affini. Ha assunto la sua attuale denominazione a giugno 2009con l’obiettivo di dare voce a tutte quelle imprese che, invirtù delle caratteristiche di omogeneità e contiguità deiprocessi industriali, si riconoscono nel sistema.Assosistema, a cui aderiscono 135 imprese del settore, rap-presenta la gran parte del fatturato di un comparto chevale circa 4,2 miliardi di euro. Le imprese associate, accomunate dall’utilizzo di tecnologieavanzate, investimenti elevati e attenzione alla garanziadella qualità offerta, offrono i propri servizi nell’ambito dellasanità, del turismo, dell’industria e commercio e dellamoda/abbigliamento.Socio diretto di Confindustria, Assosistema aderisce, a livelloeuropeo, all’ETSA (European Textile Services Association).

Telefono 06 5903430 fax 06 5918648e-mail: [email protected]

www.assosistema.it

sciplinare delle informazioni, sullapartecipazione ad eventi e seminaridi aggiornamento e sulla ricercacontinua di mezzi e strumenti dicomunicazione semplici, immediatie diretti.

Page 46: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

La giornata seminariale è stata,quindi, impostata con una mattina-ta “teorica” di esplicazione dellaratio normativa e dei contenuti de -gli articoli fondanti l’impianto deld.lgs. n.81/08, tra i quali certamen-te gli articoli del titolo I sui “principicomuni”, ed un pomeriggio “pratico”di illustrazione dei casi aziendali edapertura di un dibattito che ha per-messo ai partecipanti di “chiarirsi leidee” fra l’altro: 1) sulla valutazione dello stress

lavoro correlato (fenomeno que-st’ultimo che potrebbe certamen-te presentarsi laddove sussistonomansioni ripetitive),

2) sui rischi chimici (di maggiorevicinanza alle realtà delle indu-strie di lavanderia che operano acontatto con elevate quantità didetergenti e disinfettanti),

3) sulle tipologie di visite medichealle quali sottoporre i lavoratori eloro gestione (non sempre agevo-le, specie in caso di rientro dopouna “lunga malattia”, superiore,cioè, ai 60 giorni continuativi),

4) sugli obblighi connessi ai con-tratti d’appalto che spesso rap-presentano la modalità con laquale le nostre aziende associatesi trovano ad operare pressoospedali (per la sezione “sanità”)o alberghi (per la sezione “turi-smo”),

5) sulle modalità di effettuazionedella valutazione dei rischi,

6) sugli obblighi inerenti alla tenutada parte del lavoratore di dispo-sitivi di protezione individuale(DPI) e loro corretta manuten-zione (tema particolarmentesentito dalle imprese della sezio-ne “sicurezza sul lavoro”).

Particolare attenzione è stata postaanche sull’art. 27 del d.lgs.n.81/08, nella versione ultima cosìcome corretta con d.lgs. n. 106/09,disciplinante il “sistema di qualifica-zione delle imprese e dei lavoratori

Assosistema – l’Associazione delSistema Industriale Integrato dibeni e Servizi Tessili e Medici Affiniha tenuto lo scorso 13 giugno 2011,presso la sala M di Confindustriasita in Viale dell’Astronomia, n. 30,Roma, un’importante iniziativa distudio e riflessione sulla salute esicurezza nei luoghi di lavoro.

Ed infatti, nonostante siano trascor-si ormai poco più di 3 anni dall’e-manazione, avvenuta in data 9aprile 2008, del decreto legislativon. 81/08, più comunemente notocome “Testo Unico in materia di sa -lute e sicurezza sui luoghi di lavo-ro”, permangono ancora talune la -cune che aprono a criticità interpre-tative e quindi applicative.

Ciò è sicuramente dovuto in parteal sovrapporsi di differenti governiche hanno rispettivamente scritto emodificato il decreto in questione,in parte alla scarsa informazione“specialistica” delle norme, inten-dendosi con tale espressione un’in -formazione/formazione mirata, vol -ta a leggere il d.lgs. n. 81/08 nel-l’ottica di un settore o categoriad’impresa.

Proprio tale tipo di informazio -ne/formazione è apparsa, invece,necessaria alle imprese del sistemaindustriale integrato di servizi tessilie medici affini che sono state coin-volte in prima persona nell’elabora-zione, ad opera dell’Associazione,della giornata di studio denominata“Safety Day”.

Detto in altri termini, sono state lestesse aziende associate a porre iquesiti sui quali sentivano il bisognodi avere un chiarimento da parte diun’esperta in materia di normativasu salute e sicurezza che è stata,poi, individuata nella persona delladott.ssa Maria Giovannone, ricerca-trice Adapt.DD46

DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

ASSOSISTEMAIl “Safety Day”Assosistema

di Carmen Amato,Relazioni Industriali

Page 47: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

ASSOSISTEMA

autonomi” che vede coinvolto inmaniera diretta proprio il settore“della sanificazione del tessile edello strumentario chirurgico” elen-cato, al primo comma, fra quellicosiddetti “pilota” dai quali partiràla sperimentazione stessa.

Infine, si è ricordata la centralitàche la tematica della salute e sicu-rezza ha avuto anche in sede del-l’ultimo rinnovo contrattuale delloscorso 15 dicembre 2009. In tale occasione le parti socialihanno, infatti, deciso di introdurrenel corpo del CCNL per i lavoratoridipendenti dalle imprese del siste-

ma industriale integrato di servizitessili e medici affini un articolospecifico sulla disciplina degli abitida lavoro e dispositivi di protezioneindividuale (DPI) che è l’attualen.73.

Se l’obiettivo era, dunque, quello dicalare quanto più possibile le “stati-che” norme del d.lgs. n. 81/08, comemodificate dal d.lgs. n. 106/09, nelladinamica realtà aziendale, partendoda casi pratici ed incentrando ladiscussione sugli stessi si è fattotutto il possibile per centrarlo conbuona soddisfazione del gruppo diimprese coinvolte nell’iniziativa.

DD47DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

L’importanza dellaFormazione per i lavoratori e le industriedi sanificazione del tessile e dello strumentario chirurgico

di Daniela Passione, Relazioni Istituzionalie Caterina Vaiuso, Centro Studi

La formazione gioca, oggi, unruolo fondamentale nel contrastoalla crisi economica a livello globalee nella specializzazione professiona-le, rappresentando una dimensionecostante e fondamentale del lavoro,ma anche uno strumento essenzialenella gestione delle risorse umane.I provvedimenti che, in vario modo,hanno riguardato la formazionecontinua sono stati orientati dallecondizioni e dai vincoli imposti daglieffetti occupazionali della crisi eco-nomica. In tal senso, anche l’ag-giornamento e la riqualificazioneper gli occupati in situazione criticahanno assunto una valenza decisivanelle strategie e nelle azioni forma-tive promosse dalle aziende, sia alivello locale sia nazionale.

Con specifico riferimento al settoreindustriale della sanificazione deltessile e dello strumentario chirur-gico, la crisi economica da un lato,

e l’evoluzione organizzativa e diprocesso dall’altro - che negli ultimianni ha coinvolto le imprese deter-minando sempre più l’utilizzo dimacchinari ad alto valore tecnologi-co e innovativo, nonché l’implemen-tazione di processi altamente quali-ficati - hanno richiesto l’impiego ela formazione di competenze mana-geriali specifiche e di forza lavoroaltamente specializzata.

In relazione a ciò Assosistema con-tribuisce quotidianamente alla cre-scita della cultura manageriale delsettore attraverso la promozione eil coordinamento di attività di con-fronto fra imprenditori, di inizia-tive di approfondimento interdi-sciplinare, di aggiornamento eformazione e di progetti finan-ziati.

In tal senso, anche il continuoscambio di conoscenze e di espe-

Page 48: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

rienze empiriche, realizzato at -traverso gli incontri fra colleghisul territorio, permette all’Associa -zione di anticipare e interpretarei bisogni formativi del settore e didiffondere l’innovazione nelle tema-tiche rilevanti per il nostro sistemaindustriale. Assosistema si pone, quindi, qualepunto di sintesi tra i bisogni espres-si dalla domanda di formazione(imprese e lavoratori) e le opportu-nità proposte dall’offerta (fondi in -terprofessionali, università, scuoledi formazione, società di servizi,etc.), rispondendo alle esigenze dicoordinare gli interventi formativi,di renderli omogenei alle policies disviluppo del capitale umano e delceto dirigente associativo, di garan-tire un sicuro standard qualitativodegli interventi realizzati.

Con riferimento alla formazionefinanziata erogata attraverso ifondi interprofessionali, in gene-rale i dati diffusi ci dicono che - tragennaio 2009 e giugno 2010 - sonostati approvati oltre 9.800 piani for-mativi destinati a circa 1 milione288 mila partecipanti appartenentia più di 32.500 imprese. Tra le tematiche trattate, la salute esicurezza nei luoghi di lavoro è ri -

sultata la più seguita dai lavoratori(40% circa). In proposito, già nelbiennio 2009/2010, le imprese e ilavoratori della categoria hannopartecipato a diversi ed articolatipercorsi formativi, realizzati grazieall’ammissione dei progetti presen-tati da Assosistema ai bandi di Fon -dimpresa. Al riguardo, le prospettive evolutivein termini di appuntamenti formativiorganizzati dall’Associa zione, con-templano la partecipazione all’Av -viso 3/2010 di Fondim pre sa perla realizzazione di piani formativiche tratteranno le seguenti temati-che: il Sistema di qualificazionedelle imprese (art. 27 T.U. 81/08),gli aspetti tecnico-normativi e l’ap-proccio aziendale; il Sistema e ilcontrollo dei parameri prestazionalidi stabilimento attraverso il proget-to finanziato dall’Ebli e realizzatocon l’Università Tor Vergata; il“Marchio Q: Oltre il pulito”, la nor-mativa di riferimento per l’utilizzo dimarchi brevettati e le strategie dicomunicazione per il posizionamen-to del marchio presso i clienti; ilsistema RABC per il controllo dellabiocontaminazione (Linee guidaAssosistema UNI EN 14065:2004); iprodotti tessili, innovazione di pro-dotto e di processo.

ASSOSISTEMA

Page 49: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

DD49DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

ASSOSISTEMA

Roma, 21 luglio 2011Lectio Magistralis del Prof. Michele Tiraboschi sulla disciplina dell’apprendistato, dedicata alle impresedel settoreOrganizzato da: Assosistema, Adapt, Università Roma Tre

Roma, settembre 2011Giornata di studio su “Autotrasporti e Sistri: analisi normativa e applicativa” Organizzato da: Assosistema, in collaborazione con Confindustria – Ministero dei Trasporti

Roma, 23 settembre e 6 ottobre 2011 Ciclo formativo “Gli appalti pubblici di servizi e forniture: le insidie della gara e la tutela delle proprieragioni” Organizzato da: Assosistema, Maggioli

Roma, settembre 2011Incontro “Laboratorio di ricerca e innovazione su prodotti tessili e processi di sanificazione” Organizzato da: Assosistema

Roma, settembre 2011Lectio Magistralis “Il lavoro somministrato e gli orari di lavoro”Organizzato da: Assosistema

I prossimi appuntamentidi Assosistema

Page 50: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

DD50DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

ASSOSECCO

Contrariamente a quanto precedentementestabilito l’incontro di aggiornamentotecnico preventivato presso la UNIONSpA ha subito uno spostamento a nuovadata, che sarà comunicata non appena saràcompilato il nuovo calendario incontri.

Questa variazione di programma è statadeterminata dalla richiesta pervenuta damoltissimi Colleghi che si sono dichiaratiin difficoltà ad intervenire a causa delperdurante stato di intenso lavoro che,

CORSI DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

DOMENICA 2 OTTOBRE 2011Lavanderia Lampo

Via Umberto Olevano, 48MORTARA (PV)

DOMENICA 13 NOVEMBRE 2011Firbimatic Spa

Via Filippo Turati, 16SALA BOLOGNESE (BO)

Per prenotazioni: ASSOSECCOFax 02 7750424

e-mail: [email protected]

quest’anno, è proseguito oltre il normale.

Naturalmente coloro che, numerosi, sierano già prenotati sono stati tempestiva-mente avvertiti ed avranno la prioritàassoluta per la prossima manifestazione.

Anche se questo spostamento ha resoinutile il grosso lavoro organizzativoeffettuato dalla Segreteria Assosecco,vediamo positivamente il verificarsi diuna buona stagione di lavoro

Al servizio dellaCategoria

Page 51: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

PARLIAMONETRA NOI

Il sottotitolo di questo mese l’ho preso, copiato, da una interessante trasmissione cheva in onda tutte le mattine, tra le sei e le sette, a cura di Emanuela Falcetti, nota gior-nalista di Radio 1.Possiamo definirla una trasmissione di servizio che illustra e sviscera i fatti piùsalienti avvenuti nelle ultime ventiquattro ore.Naturalmente la Falcetti si avvale della collaborazione, in voce, di persone competen-ti dell’argomento trattato (docenti universitari, tecnici di alto livello ecc.) che contri-buiscono a rendere comprensibile l’argomento della discussione.Io, purtroppo, devo fare tutto da solo e, pertanto, posso parlare solo dei fatti checonosco personalmente.Ma sono parecchi: qualcuno trito e ritrito, altri abbastanza inusuali.Certo, qualche Lettore più attento, troverà delle ripetizioni ma posso assicurare che cisono cose – errori – che andrebbero evitati ma che devo purtroppo cercare di rimedia-re troppo spesso, certamente più spesso di quanto accadrebbe con una attenta gestio-ne del lavoro. Le difficoltà più comuni riguardano, in caso di contestazioni, il rappor-to con il legale della controparte: vi faccio qualche esempio.Tempo fa vengo convocato da Giudice per una CTU su di un capo di grande marcarovinato nel lavaggio, la richiesta della cliente è notevole, il danno è visibile, purtrop-po siamo alla quinta udienza ma la lavanderia non si è mai presentata.Dalla mia perizia risulta che il capo è originale ma è stato comperato in saldo, ildanno esiste ma in certe condizioni il tailleur può essere ancora utilizzato: in praticala mia valutazione è inferiore notevolmente alla metà di quanto richiesto.Qual è la conclusione?Se si fossero presentati alla prima udienza avrebbero risparmiato molte spese legali,interessi, forse anche la CTU e via di seguito. Ho parlato con il titolare della lavande-ria, sapete cosa mi ha detto? “Speravo che alla fine si sarebbero stancati”.Guardate che, come noi non ci “stanchiamo” di pulire abiti, gli avvocati non si “stan-cano” di farci causa: è il loro lavoro!Quando c’è di mezzo un avvocato non possiamo scherzare: bisogna rispondere alleraccomandate per far valere le nostre ragioni, specie se abbiamo in mano una perizia.Quando si richiede una perizia bisogna rispondere a tutte le domande del modulo e,soprattutto, specificare il danno lamentato, non sperare che il perito lo … indovini.Se si è assicurati, in caso di colpa incerta, il giudice invita a trovare una transazione:attenzione, se arrivate ad un accordo senza essere autorizzati dalla Compagnia assicu-ratrice, questa può rifiutarsi di pagare, è meglio arrivare a sentenza o farci autorizzarepreventivamente la transazione.Comunque, quando siete nei guai: chiamateci subito!

Cesare Locati

Informazioni perl’uso: per nonmorire di rabbia …

ASSOSECCO

DD51DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

Page 52: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

DD52DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

guida da seguire, ma anche una tutela neiconfronti di quei clienti che chiedono unrisarcimento spesso ingiustificato.Forse i clienti sono anche in buona fedein quanto truffati a loro volta, però pernoi non è un problema, devono rivolgersidove il capo è stato acquistato. Quello che voglio dire è che dovrebbecrearsi una maggiore consapevolezzadella tutela del nostro lavoro, un giustoriconoscimento ed importanza nellasocietà, ad oggi ancora troppo allo sban-do.Molto dipenderà dagli organi legislativiper la lotta contro la contraffazione nelcoinvolgerci; perché non dovrebberofarlo?Pensate per esempio i rifiuti speciali: noisiamo responsabili sino al deposito in uncentro idoneo e riconosciuto per lo smal-timento dei rifiuti speciali; non è suffi-ciente che il trasportatore sia abilitato,non basta che ci venga resa una copia delformulario dell’avvenuto deposito pressouna struttura che timbra il ritiro, occorreche noi ci informiamo che la strutturache ritira i nostri rifiuti sia a posto con leautorizzazioni nel periodo dell’ operazio-ne. Forse, con l’effettiva entrata in vigore delSISTRI le cose cambieranno ma oggi noisiamo già sentinelle per il Ministerodell’Ambiente, adesso proviamo a dialo-gare anche con quello delle Attività Pro -duttive.Se veramente si vorrà tutelare il mercatodalle contraffazioni in maniera capillaree tempestiva noi potremmo essere le sen-tinelle a costo zero, senza dover ulterior-mente coinvolgere Nas, Ros, Guardia diFinanza, ecc. con costi rilevanti per il go -verno.Se queste mie riflessioni sono anche levostre dovete comunicarlo, una rondinenon fa primavera, ma se in molti appog-geremo Assosecco, insieme a Confcom -mercio, all’interno di Rete Imprese Italia,ci si potrà attivare per promuovere leazioni adeguate presso le Autorità inte-ressate.

Quanti di noi hanno veramente pensatoall’importanza sociale del nostro lavoro?Sicuramente è importante per le molte-plici motivazioni personali che ognuno dinoi ha avuto per intraprendere questaattività, però se andiamo oltre alla sceltapersonale e pensiamo all’apporto nellavita sociale, l’importanza diventa comu-ne a tutti noi.La nostra attività è così fondamentale,che il paragone che andrò a fare potràlasciare il lettore per un attimo sgomen-to: noi, pulitintori, siamo il fegato dellasocietà con le stesse funzioni dell’organocitato per il nostro corpo. Il fegato è ilfiltro di tutte le impurità che circolanonel nostro organismo, così anche noi fil-triamo tutto quello che inquina tessuti,vestiti, coperte, tappeti, ecc. che civengo-no affidati.Li laviamo, li igienizziamo e li sanifi-chiamo.Il nostro lavoro è una barriera contro ibatteri che potrebbero sopravvivere e svi-lupparsi nei tessuti a contatto con l’aria el’umidità: tifo e colera tra i peggiori. Laddove si creasse un focolaio, noi,senza saperlo, saremmo la prima barrieraper evitare il diffondersi.Quindi, dopo l’igiene personale e dopo lagrande importanza del Servizio SanitarioNazionale, noi siamo l’esercito che sor-veglia giornalmente il confine.Un’altra funzione che potremmo svolge-re, perché già ognuno di noi è a contattocon il problema della contraffazione,sarebbe quella di collaborare con Corpidi Vigilanza, Polizia e Finanza.La nostra categoria potrebbe svolgerefunzione di controllo, di segnalazione edi collaborazione nella lotta contro lacontraffazione. Noi riusciamo ad individuare i capi nonoriginali.Se ci fosse una normativa mirata, po -tremmo essere un valido supporto persegnalare capi contraffatti e denunciare ilproprietario alle Autorità preposte. Forse possiamo già farlo, ma se venissenormato avremmo una procedura e una

Dai ConsiglieriASSOSECCOdi Sabato Rocco Lamoglie

Page 53: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

La camicia articolo di puntaOggi la camicia è uno dei principali capiportati in lavanderia, e induce il clientealla fidelizzazione. Ma, per quanto siamobravi, non possiamo ottenere risultativalidi con la stiratura manuale; bisognaaffidarsi ad attrezzature competitive cheassicurino alta qualità, ottima produtti-vità, totale assenza di manutenzione ebasso consumo energetico, per poteroffrire con minori sforzi un prezzo con-correnziale, pur incrementando il fattu-rato.Per esempio, un’azienda lungimirantecome la HM di S. Angelo Lodigiano (Lodi)per la propria filiale presso il Centrocommerciale Carrefour di Pavia, dopouna lunga ricerca sulla qualità del pro-dotto ha scelto quanto di meglio sulmercato, l’abbinata Sankosha compostadall’esclusivo robot stiracamice LP-570E+ pressa collo polsi LP-690E V2 con ilsistema brevettato di stiratura colli a Vche permette una stesura perfetta delcollo.Una scelta che ha reso felici sia laresponsabile, Sig.ra Lucia, sia le colleghe

che utilizzano i due prodotti Sankosha,forniti dall’importatore esclusivo perl’Italia “Lavasecco 1 Ora Srl” con sede inCafasse (TO): non solo hanno risolto ilproblema delle numerose camicie da sti-rare tutti i giorni. ma addirittura da oggiarrivano e si possono stirare più camiciein meno ore lavoro con ottima qualità eminore fatica.HM, un’ azienda alla costante ricerca disoluzioni innovative che rispettino laqualità, ha ben capito che occorre opera-re sui tempi di lavoro per aumentarecostantemente i propri volumi con ilminor sforzo possibile e qualità superio-re.Solo in questo modo, come raccoman-diamo da sempre, le aziende che voglio-no resistere e distinguersi sul mercatodevono organizzarsi al meglio con l’ausi-lio di attrezzature veramente innovative.Le tante aziende che producono gonfiato-ri per camicie da quest’anno hanno tenta-to di imitare lo stiro a piastre dellaSankosha, ma non è facile eguagliare chiè leader sul mercato mondiale da decenni.

Informazione commerciale

Page 54: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

Piccola guida del PulitintoreThe launderer’s and drycleaner’s mini guide

20a puntata

A cura di Ing. Vittorio Cianci direttore di LART

Per comprendere il comportamento dei capi durante la manutenzione èopportuno conoscere tutti quei trattamenti, in aggiunta a quelli già consi-derati nei mesi precedenti “ramatura, sanforizzo, mercerizzo, sodatura,garzatura, cimatura, smerigliatura, calandratura, termo fisso, cloraggio ebruciapelo” eseguiti sui tessuti per vari scopi che modificano sostanzial-mente le proprietà delle fibre, i cui effetti potrebbero essere modificati oscomparire dopo il lavaggio.

Resinatura e spalmaturaStoria:1800-1840: nella spalmatura si utilizzavano prodotti naturali a base di lat-tice di gomma che avevano delle limitazioni: morbidi e appiccicosi in climicaldi, rigidi in climi freddi;1841: i limiti su indicati vengono superati dal processo di vulcanizzazioneda parte di Charles Goodyer;1930: nella spalmatura si utilizzano prodotti chimici quali il neoprene e lostirolo-butadiene; nascono le prime spalmatrici industriali;1950: nella spalmatura si utilizzano il PVC e i poliuretani.

Sistemi di resinatura e spalmaturaI sistemi di spalmatura sono essenzialmente quattro come indicato in figu-ra sotto riportata:- per impregnazione - per fusione a caldo - per spalmatura diretta - per spalmatura transfer I più usati sono gli ultimi due

1° per impregnazioneIl tessuto passa in un bagno contenente solvente e resina; successivamen-te viene strizzato e poi asciugato in forno. Il solvente evapora e la resinaimpregna totalmente le fibre del tessuto2° per fusione a caldoIl tessuto passa attraverso due rulli riscaldati a monte dei quali vengono

Trattamenti di finissaggio e nobilitazioneparte quarta

DD54DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

by LART Director, Engineer Vittorio Cianci

Page 55: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

inserite delle pastiglie di resina che per effetto del calore e pressione sisciolgono e si depositano sulla superficie del tessuto3° spalmatura direttaSul tessuto in movimento viene versato prima di un coltello fisso la resinache si distribuisce a mo di velo sulla superficie del tessuto. A seconda del tipo di tessuto da realizzare si possono spalmare da pochig/mq a 60-70 g/mq.Il prodotto da spalmare può essere dosato sul tessuto da una racla (ilcompound da spalmare viene distribuito sul tessuto in movimento da uncoltello fisso trasversale detto racla) o da un cilindro microforato (all’inter-no del cilindro ruotante una pompa dosatrice pneumatica immette il pro-dotto da spalmare che viene spinto attraverso i fori da un coltello fissodisposto internamente).L’asciugatura, necessaria per far evaporare il solvente in cui è disciolta laresina e portare a reticolazione la resina, è assicurata da forni.

4° spalmatura transferSi prepara una carta speciale arrotolata in un grosso rotolo già ricoperta diresina. Le carte utilizzate per la spalmatura transfer dette carte releasesono antiaderenti e spesso sono incise (ad esempio hanno un disegno cheriproduce l’effetto pelle) che genera come negativo l’aspetto del materialestampato; in tal modo si possono riprodurre tutti gli effetti pelle voluti adimitazione delle pelli naturali.Dapprima si distribuisce sul tessuto una resina come nel caso della spal-matura diretta poi viene applicata la carta release che riproduce un dise-gno tipo effetto pelle; successivamente la carta viene recuperata.

Dei quattro sistemi di spalmatura i più usati sono gli ultimi due.Numerosi sono i difetti conseguenti ad una resinatura male eseguita o noncompatibile con la manutenzione prevista.

BOLLE SFOGLIATURA GRINZATURE RIGATURE

Page 56: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

Scarica di colore da appli-cazioni nel lavaggio aseccoL’etichetta di manutenzione consen-te il solo lavaggio a secco con idro-carburi con precauzione nella agita-zione meccanica e nella temperatu-ra di asciugamento. Il capo è stato lavato a secco conpercloroetilene ricoprendo conpanno le applicazioni e si è mac-chiato nella zona sottostante. Abbiamo controllato la solidità delcolore al lavaggio a secco con per-cloro e con idrocarburi delle appli-cazioni in pelle verificando una sca-rica di colore solo nel lavaggio asecco con percloro. Indice di scarica3 nella scala di giudizio da 1 pessi-mo a 5 ottimo La solidità del colore al lavaggio aseccco con idrocarburi è buona enon tale da dar luogo al difetto la -mentato: indice di scarica 4 nellascala di giudizio da 1 pessimo a 5ottimo.

Prevenzione• Controllare l’etichetta di manuten-

zione • Nel caso di applicazioni in pelle a

contrasto verificare la solidità delcolore allo sfregamento a secco ea umido con testimone bianco, ef -fettuare una prova di solidità delcolore al contatto a caldo con ac -qua e con entrambi i solventi per-cloroetilene e idrocarburi, utiliz-zando un testimone bianco, i sol-venti e un ferro da stiro

• Farsi rilasciare dichiarazione diman leva.

DIFETTI DEFECTS

DD56DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

Color bleeding with drycleaning

Hydrocarbon dry cleaning is speci-fied on the label as the only me -thod of care with limitations on theamount of mechanical action anddrying temperature. The garment was perc dry cleanedby covering the leather parts with acloth and stains appeared in thearea underneath. We checked color fastness to percand hydrocarbon dry cleaning ofthe leather parts and saw thatthere was color bleeding only withperc dry cleaning. Color bleedingwas judged to be 3 on a scale from1 very bad to 5 excellent. Color fastness to hydrocarbon drycleaning is good and does not giverise to the problem reported: colorbleeding was judged to be 4 on ascale from 1 very bad to 5 excel-lent.

How to prevent this• Check the care label • When there are leather parts,

check for color fastness by dry orwet rubbing with a white textilesample, test color fastness to hotwater and both perc and hydro-carbon solvents, using a whitetextile sample, solvents and aniron

• Request a release of liability.

F F

Page 57: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

Ingiallimento al lavaggio asec co un tessuto di setanella zona plissettata

Si sono ingiallite solo le zone plisset-tate e non le altre non plissettate.

Premessa: per plissettare in modopermanente i tessuti in seta è ne -cessario applicare delle resine; laseta non è una fibra termofusibileper cui la plissettatura si può realiz-zare con lo stiro a caldo, ma non èpermanente (un lavaggio o la sem-plice esposizione ad un ambienteumido provocano la scomparsa dellaplissettatura). Solo nelle fibre termo fusibili quali ilpoliestere e il nylon la plissettaturaè permanete; nei tessuti in seta lastabilizzazione e permanenza dellaplissettatura è garantita esclusiva-mente dalla resina.

Un bagno inquinato o un lavaggioerrato avrebbe dato luogo ad uningiallimento generale e uniforme ea macchie e/o alonature. Abbiamo effettuato una prova di

estrazione al soxelet del tessutoplissettato con solvente verificandoun estratto di colore giallo.

Abbiamo effettuato una prova digas fading (ossidi di azoto) condegrado di colore 2 (scala di giudi-zio da 1 pessimo a 5 ottimo) dellastessa fiamma giallastra presentesul tessuto. La presenza di resine fenoliche nellazona di plissettatura ha favorito ildifetto rendendone al tempo stessodifficoltosa la eliminazione. La responsabilità è da ricondursialla bassa solidità del colore agliossidi di azoto. Se il tessuto pre-senta, come deve essere, unabuona solidità agli ossidi di azoto,indipendentemente dalle condizioni DD57

DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

Yellowing of a silk fabricin the pleated area afterdry cleaning

Only the pleated areas are yellow,not the others.

Premise: pleats are permanentlyimparted to silk fabrics by applyingresins; silk is not a heat-bondablefiber, so pleats can be impartedwith a hot iron, but this is not per-manent (washing or simply expo-sure to humidity will remove thepleats). Pleating is permanent withheat-bondable fibers such as poly-ester and nylon only; for silk fab-rics, stable and permanent pleatsare guaranteed only by resin.

A polluted solution or the wrongwashing would give rise to overall,uniform yellowing and to stainsand/or halos. A Soxhelet extractor test was per-formed on the pleated fabric with asolvent and the result was a yellow-colored extract.

A gas fading test (oxides of nitro-gen) was performed with colordegrading 2 (on a scale from 1 verybad to 5 excellent) of the same yel-lowish flame present on the fabric. The presence of phenolic resins inthe pleated area caused the prob-

Page 58: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

lem and made it difficult to remove. The cause can be attributed to thepoor color fastness to oxides ofnitrogen. If the fabric has, asshould be the case, good color fast-ness to oxides of nitrogen whateverthe exposure and storage, yellow-ing should have never occurred.Nitrogen oxide is found in vehicleemissions and the air around us ispolluted: an open window or asemi-open door in areas with motorvehicle traffic is sufficient to makethese oxides appear on garments.Many importers of garments fromcountries in the Far East (China,India, etc.) complain that uponarrival in Italy, after months in aship during which the goods areexposed to atmospheric agents,there is a great deal of yellowing onwhite or pastel-colored garments.In order to avoid this problem,companies include color fastness togas fading as one of the items onthe purchase specifications, alongwith other color fastness requests(to washing, sweat, light, etc.). The fabric examined in pleatedareas that have glue or resinbecame yellow because of poorcolor fastness to gas fading.

Therefore the laundry is notresponsible for this problemwhich should be attributed tothe poor color fastness to gasfading that occurred only in theresin-coated areas.

How to prevent this• Be careful with white or pastel-

colored garments especially thosein polyester and silk, above allwhen there are phenolic resins onthe garment or contact areas.

• Keep the work environmentclean; ventilate well and close thewindows in areas with high vehi-cle traffic to reduce the oxides ofnitrogen

• Package the garments when dry ifpossible.

• Do a color fastness test with hotwater and with perc using a whitetextile sample and an iron,checking to see if a pale yellowcolor remains on the white textilesample.

di esposizione e immagazzinaggio,non si sarebbe mai verificato l’in-giallimento.Faccio presente che l’ossido di azo -to è ad esempio lo scarico degliautomezzi e l’ambiente circostanteè inquinato: è sufficiente una fine-stra aperta o una porta socchiusa inuna zona a traffico per far perveni-re sui capi tali ossidi.Molte aziende che importano capidai paesi del Far East (Cina, India,ecc.) lamentano al momento del-l’arrivo in Italia, dopo mesi di viag-gio in nave della merce esposta agliagenti atmosferici, forti ingiallimentisui capi bianchi o chiari. Per evitare il problema nei capitolatidi acquisto delle aziende viene inse-rita la voce di solidità del colore algas fading, assieme alle altre ri -chieste di solidità del colore (allavaggio ad ac qua, al sudore, allaluce, ecc.). Il tessuto esaminato nelle zone plis-settate ove è presente la colla o re -sina si è ingiallito per la bassa soli-dità del colore al gas fading.

Pertanto non si può attribuirealcuna responsabilità del difettoalla lavanderia ma esso è da ri -condursi alla bassa solidità delcolore al gas fading che si è evi-denziato solo nelle zone resina-te.

Prevenzione• Fare attenzione ai capi bianchi o

chiari in particolare di poliesterenylon e seta sopratutto quando sipresume che sul capo o nelle zo -ne di contatto vi sia la presenzadi resine fenoliche.

• Mantenere l’ambiente di lavoropulito; una buona aerazione e fi -nestre chiuse nelle zone a mag-gior traffico riducono la presenzadi ossidi di azoto

• Imbustare i capi possibilmenteasciutti.

• Effettuare una prova di soliditàdel colore al contatto a caldo conacqua e con il solvente percloroe-tilene utilizzando un testimonebianco e un ferro da stiro, verifi-cano il rilascio o meno di un colo-re giallo paglierino sul testimonebianco.DD58

DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

Page 59: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

RISPOSTE ALLE DOMANDE PERVENUTE NEL MESE DI MAGGIO

Che differenza c’è tra tintura old e tinturafade

Ing. Vittorio CianciNella tintura old l’aspetto invecchiato si ottiene atintura e asciugatura già effettuata. Ovvero si tinge con colori a bassa solidità allosfregamento e successivamente si sottopone ilcapo a sfregamenti in modo da scolorirlo.Nella tintura fade o a freddo l’effetto stilistico siottiene durante la fase stessa di tintura e diasciugatura. Risulta pertanto più critica la tintura fade rispettoalla old e di conseguenza i maggiori rischi per illavandaio sono per la tintura fade.

Come si lavano le pelli

Ing. Vittorio Cianci1a: ricevimento accurato, esame del capo in pre-

ANSWERS TO QUESTIONS RECEIVEDIN MAY

There’s a difference between vintage andfaded dye processes

Vittorio CianciIn the vintage dye process, the vintage effect isobtained after dyeing and drying. That is, by dyeing with colors that do not standup well to abrasion and then rubbing the gar-ment to make it fade.In faded or cold dyeing the effect is obtainedduring the dyeing and drying process. Faded dyeing is therefore more problematic thanvintage dyeing and as a result fade-dyed gar-ment are riskier for dry cleaners.

How to clean leather

Vittorio Cianci1a: be careful when receiving the garment,

inspect it in front of the customer for any

“SE NON SAIDOMANDA”

“ASK IF YOUDON’T KNOW”

Nella rubrica “SE NON SAI DOMANDA” l’Ing. Vit -torio Cianci e il suo Staff di collaboratori sarannoa vostra disposizione per rispondere a tutte ledomande che invierete via e-mail agli indirizziindicati.

In the “ASK IF YOU DON’T KNOW” section, Vit -torio Cianci and his staff are ready to answerany questions sent by e-mail to the followingaddresses:

SE NON SAI DOMANDA

(Risposte chiare a problemi complessi) • Domande riguardanti problemi tecnici legati ai materiali,

alle difettosità, alla tossicità, ai reclami, alle anticipazionidei materiali e alle problematiche di manutenzione, allachimica tessile del lavaggio

• Domande riguardanti le controversie• Informazioni generali e altre informazioni • Problematiche di manutenzione e di chimica tessile del

lavaggio

L’ESPERTO RISPONDE

I quesiti vanno inviati [email protected] a e-mail: [email protected]

Le domande più interessanti saranno pubblicate con relati-va risposta

WHAT THE EXPERTS SAY

Questions can be sent [email protected] to e-mail: [email protected]

The most interesting questions will be published with a reply

ASK IF YOU DON’T KNOW

(Clear answers to complicated problems) • Technical questions on materials, defects, toxicity, com-

plaints, previews on materials, care problems, textile che-mistry when washing

• Questions regarding disputes • General information and other information• Problems with care and textile chemistry when washing

Page 60: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

senza del cliente per evidenziare danni odifetti

2a: selezione 3a: individuazione del tipo di macchie e di sporco

da sottoporre a presmacchiatura4a: lavaggio a secco e scelta del tipo di solvente 5a: operazione post lavaggio: reingrasso, finiture

particolari quali incollaggi di parti che si sonostaccate, cuciture ecc., correzione del colore

6a: trattamenti specifici per pelli lisce e montoninappati

Perché i capi ingrigiscono nel lavaggio asecco?

Ing. Vittorio CianciI capi cedono per solubilizzazione lo sporcograsso che trattiene parte dello sporco pigmen-tario (polveri, ecc.): lo sporco pigmentario rima-ne in sospensione con la possibilità, se non siinterviene, di ridepositarsi per attrazione dovutaalla carica elettrostatica, che si genera per lostrofinio dei capi sul tamburo. E’ necessario per-tanto eliminare lo sporco pigmentario dal bagnoonde evitare che si ridepositi sui capi ingrigen-doli agendo su due fronti:• azione filtrante efficace• eliminazione delle cariche elettrostatiche che

attraggono lo sporco verso i capi (stabilizzantiche mantengono lo sporco pigmentario insoluzione e neutralizzano la formazione di cor-renti elettrostatiche).

Perché i capi ingrigiscono nel lavaggio adacqua?

Ing. Vittorio CianciQuesto inconveniente può capitare quando i capirimangono per parecchio tempo senza essereagitati nel bagno di lavaggio. Allora il bagnodiventa riduttore dato che lo sporco e gli appret-ti consumano l’ossigeno sciolto nello stesso;questa azione è ancora più grave se il bagno èalcalino. Anche il sistema di lavaggio (tempera-tura, prodotto, livello, ecc.) giocano un ruoloimportante.

Perché i colori neri sono quelli più proble-matici

Ing. Vittorio CianciIl colore nero viene considerato come il colore dirifugio delle tintorie. Ogni qual volta nasce unproblema tintoriale durante l’operazione di tintu-ra e finissaggio quali: barrature di colore, mac-chie di colore, differenze di colore tra centro ecimossa, il tintore ritinge a nero magari dopouna scarica di colore; con la scarica e la ritinturail tessuto si indebolisce notevolmente e potrebbedar luogo durante l’uso e la manutenzione adelle lacerazioni.

damage or defects2a: sort 3a: identify the kind of stains and dirt to be pre-

spotted4a: dry clean and choose the kind of solvent 5a: post washing operation: oil restoration, spe-cial finishings such as gluing any parts that havecome apart, seams etc., color restoration6a: specific treatments for smooth leather andnappa-finish sheepskin

Why does garment graying occur when drycleaning?

Vittorio CianciGarments eliminate the greasy dirt that with-holds part of the dirt pigments (powders, etc.)by solubilization: the dirt pigments remain sus-pended and, if no action is taken, can be re-deposited by attraction because of the electro-static build-up that is generated from the gar-ments rubbing against the drum. The dirt pig-ments therefore need to be eliminated from thedry cleaning solution to prevent them from re-depositing on garments and making them grayby acting in two ways:• through an effective filtering action• eliminating the static build-up that attracts dirt

to the garments (stabilizers to maintain thedirt pigments in solution and neutralize elec-trostatic build-up).

Why does garment graying occur whenwashing?

Vittorio CianciThis can arise when garments remain in thewashing solution for a considerable amount oftime without being agitated. The washing solu-tion becomes the reducing agent because thedirt and the starches eat up the oxygen dis-solved in it; this action becomes even moreserious in the case of alkaline washing. Thewashing system used (temperature, product,level, etc.) also plays an important role.

Why is black the most difficult color

Vittorio CianciBlack is a color that is considered to be a safehaven for dry cleaners. Each time a problemoccurs during the dyeing and finishing processessuch as: bands of color, color stains, color dif-ferences between the center and the selvedges,re-dyeing with black is performed perhaps aftercolor bleeding; color bleeding and re-dyingweaken the fabric significantly and it could tearduring use and care.

Page 61: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

Domande pervenute nel mese digiugno

• Perché alcuni tessuti utilizzati per le fodere deipiumini e resinati diventano appiccicosi con illavaggio ad acqua?

• Quali sono i candeggianti più usati rispetto allacomposizione fibrosa del tessuto?

• Perche spesso gli accessori metallici montatisu pelle si ossidano?

• Il nichel free è vietato?

• Cosa è la durezza dell’acqua e come si misura?

Questions received in June

• Why do some of the fabrics used for duvetsand resin-coated fabrics become sticky afterwashing?

• Which are the most commonly-used bleachersfor different fiber blends?

• Why do the metal accessories used on leatheroften oxidize?

• Is nickel-free prohibited?

• What is water hardness and how is this mea-sured?

Page 62: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

DD62DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

Marketing

Ci sono momenti e occasioni nei quali vi trovate … con una gommaa terra: la vostra attrezzatura e/o la vostra esperienza non bastano pereseguire al meglio un determinato lavoro. Per esempio, la pulizia diun tappeto, magari di valore, di un capo in pelle, delle strane finiture,o più semplicemente un inaspettato “picco” di lavoro. La soluzione di questi problemi non è rinunciare al guadagno chepotrebbe darvi quel lavoro, e neppure rischiare di fare un pasticcio,trattando il capo in modo inadeguato. Un buon laboratorio è la soluzione, ma dovete prepararvi per tempo.Il primo passo è trovare un buon laboratorio specializzato: su questepagine ve ne proponiamo alcuni.E’ molto importante che il laboratorio non solo offra garanzie di qua-lità nel lavaggio, ma sia anche affidabile per puntualità e precisionenelle consegne.Prima di scegliere un laboratorio, è bene visitarne due o tre, verifican-do processi di lavoro, servizi ausiliari - come riparazioni e finissaggi- e smistamento delle merci.È importante farsi spiegare le principali problematiche nell’accetta-zione: più “bravi” sarete voi a distinguere i problemi posti da ciò chevi affida il cliente, più facile sarà il lavoro per tutti ed eviterete che uncapo irrimediabilmente macchiato o rovinato faccia dei giri a vuoto.In ogni caso, se alcuni problemi non sono risolvibili o comportano uncosto fuori dall’ordinario, il buon laboratorio vi avvisa, prima di pro-cedere, in modo che abbiate l’autorizzazione del cliente.Può sempre succedere, anche ai più preparati, di rovinare un capo;verificate che il vostro laboratorio sia assicurato; potrà evitare noie e

contestazioni in seguito.In ogni caso, il laboratorio dovrebbe offrirvi un piccolo corso sui“capi impegnativi” e la loro manutenzione, prima di cominciare.Fate pubblicità; sono soldi che ritornano, moltiplicatiI vostri clienti non possono certo indovinare che trattate tappeti, capiin pelle, abiti da sposa, ecc.; dovete farglielo sapere, e ricordarglieloin continuazione.La vostra vetrina è il mezzo principale per farlo: un autoadesivo sullavetrina viene visto da tutti i vostri clienti e dai frequentatori di altrelavanderie che casualmente passano davanti al vostro esercizio.Chissà, potrebbe portarvi nuova clientela anche per i capi d’abbiglia-mento.Una scritta è meglio che niente, ma un’immagine vale mille parole: lafoto di un bel tappeto aumenta l’efficacia dell’adesivo.Se offrite servizi accessori, come piccole riparazioni o autenticirestauri, ditelo sulla vostra pubblicità. Può essere lo stimolo determinante ad affidarsi a voi, il resto seguirà.Soprattutto all’inizio di questi nuovi servizi, stampate dei volantini efateli distribuire nelle caselle della posta della vostra zona. Un’offerta promozionale, come uno sconto, aumenterà di molto laresa della pubblicità e contribuirà a farvi conoscere nella vostra zona- non dimenticate di citare i vostri abituali servizi - ma attenzione:date un termine all’offerta, o vi troverete richieste di sconti anchedopo 10 anni.Anche qui, il vostro laboratorio può aiutarvi, sia con materiale pub-blicitario, sia con preziosi consigli.

Un’indispensabile “ruota discorta” il laboratorio di fiducia

PULIVAN S.A.S di Ivano Piano & C.ZONA INDUSTRIALE - LOTTO 12073020 MELPIGNANO (LE)TEL.: 0836 330008 FAX: 0836 330008E-Mail: [email protected] WEB: WWW.PULIVAN.ITTappeti Lavaggio e restauro tappeti conesclusivo sistema di lavaggio DSPPlus - Qualità e professionalità alservizio di lavanderie e laboratori

ILVA LAVANDERIA di Gilioli Franco & C. S.n.c.VIA ALESSANDRO TIARINI, 2 A42122 REGGIO EMILIATEL.: 0522 516965FAX: 0522 516965E-MAIL:[email protected] WEB: www.lavanderiailva.comTappeti - piumoni, trapunte e coper-te - lavaggio a secco ed acqua -trattamento cashmere e maglieria ingenere Trattiamo macchine particolari -lavaggio a mano - Ritiro e consegnamerce da concordare - Rapiditànella consegna

PIEROTTI LAUNDRY NETWORK GROUP ZONA INDUSTRIALE PADULE06024 GUBBIO (PG)TEL.: 075 9293137FAX: 075 9293137E-MAIL: [email protected] WEB: www.pierottigroup.it

CAMPANIA EMILIA ROMAGNA

PULIVAN S.A.S di Ivano Piano & C.ZONA INDUSTRIALE - LOTTO 12073020 MELPIGNANO (LE)TEL.: 0836 330008 FAX: 0836 330008E-Mail: [email protected] WEB: WWW.PULIVAN.ITTappeti Lavaggio e restauro tappeti conesclusivo sistema di lavaggio DSPPlus - Qualità e professionalità alservizio di lavanderie e laboratori

CALABRIA

Page 63: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

pelli - pellicce - rimessaggio - tap-peti - piumoni/trapunte/coperte -confezioni salvaspazio - lavaggio asecco e lavaggio acqua - lavaggiowet cleaning - sartoria/piccole ripa-razioni

RINNOVAFUR di Taddio SergioVIA LODI, 18 33100 UDINETEL.: 0432 402034FAX: 0432 405224E-MAIL: [email protected] WEB: www.rinnovafur.itPelli - pellicce - rimessaggio - piu-moni, trapunte e coperte - venditaprodotti professionali ed accessoriDal 1969… oltre 40 anni di profes-sionalità a vostra disposizione -Servizio, vendita e consulenza in ununico referente serio, affidabile epuntuale

NUOVA RIVIERA DI PONENTE S.R.L.VIA DI TORRENOVA, 9500133 ROMATEL.: 06 2014350FAX: 06 2014350E-MAIL:[email protected] WEB: WWW.NUOVARIVIERADIPONENTE.ITPelli - pellicce - rimessaggio - tap-peti - restauro tappeti - piumoni,trapunte e coperte - confezioni sal-vaspazio - capi in pelle da moto -tendaggi - pulitura divaniDal 1956 …. Qualità per tradizione

PIEROTTI LAUNDRY NETWORK GROUP ZONA INDUSTRIALE PADULE06024 GUBBIO (PG)TEL.: 075 9293137FAX: 075 9293137E-MAIL: [email protected] WEB: www.pierottigroup.itpelli - pellicce - rimessaggio - tap-peti - piumoni/trapunte/coperte -confezioni salvaspazio - lavaggio asecco e lavaggio acqua - lavaggiowet cleaning - sartoria/piccole ripa-razioni

LAZIO

ACQUACHIARA S.n.c.VIA ALBERTO DA GIUSSANO, 2520011 CORBETTA (MI)TEL.: 335 6009507E-MAIL: [email protected] - pellicce - rimessaggio - tap-peti - piumoni/trapunte/coperte -confezioni salvaspazio - lavaggio asecco e lavaggio acqua - lavaggiowet cleaning - sartoria/piccole ripa-razioni - restauro tappetiFacciamo tutto ma proprio tutto ilpossibile… only professional cleanby Acquachiara

NEW PELL LINE S.A.S.VIA GIUSEPPE DI VITTORIO, 5821029 VERGIATE (VA)TEL.: 0331 946990 FAX: 0331 948900E-MAIL: [email protected] WEB: www.newpellline.comPelli - pellicce - tappeti - piumoni,trapunte e coperte - confezionisalva spazio - lavaggio a secco edacqua - lavaggio wet cleaning - sar-toria e piccole riparazioni - lavaggioborse e scarpeCentro pulitura specializzato -Leader nel settore sistemi di lavag-gio innovativi - Il nostro obiettivo èla qualità

ACQUACHIARA S.n.c.VIA ALBERTO DA GIUSSANO, 2520011 CORBETTA (MI)TEL.: 335 6009507E-MAIL: [email protected] - pellicce - rimessaggio - tap-peti - piumoni/trapunte/coperte -confezioni salvaspazio - lavaggio asecco e lavaggio acqua - lavaggiowet cleaning - sartoria/piccole ripa-razioni - restauro tappetiFacciamo tutto ma proprio tutto ilpossibile… only Professional cleanby Acquachiara

DBG SERVICE di Gerardo Delli Bovi VIA SAN MASSIMO, 9420018 SEDRIANO (MI)TEL.: 02 90364359FAX: 02 36547959E-MAIL: [email protected]

SITO WEB: WWW.dbgservice.itPelli - pellicce - rimessaggio - tap-peti - piumoni/trapunte/coperte -confezioni salvaspazio - lavaggio asecco e lavaggio acqua - lavaggiowet cleaning - sartoria/piccole ripa-razioni - lavaggio borse e scarpe Consegne in 3 giorni - Su tutti ilavaggi ad acqua utilizziamo OZO-NIT prodotto disinfettante(Registrato Presidio MedicoChirurgico)

EL CARIBEVIA DEI MORI, 7 A24060 ROGNO (BERGAMO)TEL.: 035 967598 FAX: 035 4340815E-MAIL: [email protected] WEB: WWW.ELCARIBE.ITPelli - pellicce - rimessaggio - tap-peti - riparazione e restauro tappeti- piumoni, trapunte e coperte - con-fezioni salvaspazio - lavaggio asecco ed acqua - lavaggio wet clea-ning - sartoria e piccole riparazioni -trattamenti idrorepellenti Consegne settimanali - Disinfezionecon ossigeno attivo - Antipioggia supelli e tessuti e tende da esterno -Tute da moto - Richiedi un preventivo

ILVA LAVANDERIA di Gilioli Franco & C. S.n.c.VIA ALESSANDRO TIARINI, 2 A42122 REGGIO EMILIATEL.: 0522 516965FAX: 0522 516965E-MAIL:[email protected] WEB:www.lavanderiailva.comTappeti - piumoni, trapunte e coper-te - lavaggio a secco ed acqua -trattamento cashmere e maglieria ingenere Trattiamo macchine particolari -lavaggio a mano - Ritiro e consegnamerce da concordare - Rapiditànella consegna

NEW PELL LINE S.A.S.VIA GIUSEPPE DI VITTORIO, 5821029 VERGIATE (VA)TEL.: 0331 946990 FAX: 0331 948900E-MAIL: [email protected] WEB: www.newpellline.comPelli – pellicce – tappeti – piumoni,trapunte e coperte – confezionisalva spazio - lavaggio a secco edacqua – lavaggio wet cleaning –sartoria e piccole riparazioni –lavaggio borse e scarpeCentro pulitura specializzato –Leader nel settore sistemi di lavag-gio innovativi – Il nostro obiettivo èla qualità

LOMBARDIA

FRIULI VENEZIA GIULIA

LIGURIA

Page 64: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

PIEROTTI LAUNDRY NETWORK GROUP ZONA INDUSTRIALE PADULE06024 GUBBIO (PG)TEL.: 075 9293137FAX: 075 9293137E-MAIL: [email protected] WEB: www.pierottigroup.itPelli - pellicce - rimessaggio - tap-peti - piumoni/trapunte/coperte -confezioni salvaspazio - lavaggio asecco e lavaggio acqua - lavaggiowet cleaning - sartoria/piccole ripa-razioni

PULIVAN S.A.S di Ivano Piano & C.ZONA INDUSTRIALE – LOTTO 12073020 MELPIGNANO (LE)TEL.: 0836 330008 FAX: 0836 330008E-Mail: [email protected] WEB: WWW.PULIVAN.ITTappeti Lavaggio e restauro tappeti conesclusivo sistema di lavaggio DSPPlus - Qualità e professionalità alservizio di lavanderie e laboratori

ACQUACHIARA S.n.c.VIA ALBERTO DA GIUSSANO, 2520011 CORBETTA (MI)TEL.: 335 6009507E-MAIL: [email protected] - pellicce - rimessaggio - tap-peti - piumoni/trapunte/coperte -confezioni salvaspazio - lavaggio asecco e lavaggio acqua - lavaggiowet cleaning - sartoria/piccole ripa-razioni - restauro tappetiFacciamo tutto ma proprio tutto ilpossibile… only Professional cleanby Acquachiara

PULIVAN S.A.S di Ivano Piano & C.ZONA INDUSTRIALE - LOTTO 12073020 MELPIGNANO (LE)TEL.: 0836 330008 FAX: 0836 330008E-Mail: [email protected] WEB: WWW.PULIVAN.ITTappeti Lavaggio e restauro tappeti conesclusivo sistema di lavaggio DSPPlus - Qualità e professionalità alservizio di lavanderie e laboratori

SELEKT QUICK WASH S.R.L.VIALE DELLA REPUBBLICA, 3570020 CASSANO DELLE MURGE(BA)TEL.: 080 2466135FAX: 080 2466038Pelli - pellicce - tappeti - piumoni,trapunte e coperte - confezioni salvaspazio - lavaggio a secco ed acqua -lavaggio wet cleaning - Consegne personalizzate -Puntualità - Prezzi concordabili incontrattazione

TINTOLAVANDERIA SILVESTRO VIA GIOVANNI XXIII, 1370020 BITRITTO (BA)TEL. 080 631351 FAX: 080 3859525E-MAIL:[email protected] - pellicce - rimessaggio - tappe-ti - piumoni, trapunte e coperte -lavaggio a secco e acqua - lavaggiowet cleaning - sartoria/piccole ripa-razioni Qualità del lavaggio -Organizzazione della gestione deicapi - Distribuzione ottimizzata alleesigenze del cliente

ILVA LAVANDERIA di GilioliFranco & C. S.n.c.VIA ALESSANDRO TIARINI, 2 A42122 REGGIO EMILIATEL.: 0522 516965FAX: 0522 516965E-MAIL:[email protected] WEB:www.lavanderiailva.comTappeti - piumoni, trapunte e coper-

te - lavaggio a secco ed acqua -trattamento cashmere e maglieria ingenere Trattiamo macchine particolari -lavaggio a mano - Ritiro e consegnamerce da concordare - Rapiditànella consegna

PIEROTTI LAUNDRY NETWORK GROUP ZONA INDUSTRIALE PADULE06024 GUBBIO (PG)TEL.: 075 9293137FAX: 075 9293137E-MAIL: [email protected] WEB: www.pierottigroup.itPelli - pellicce - rimessaggio - tappe-ti - piumoni/trapunte/coperte - con-fezioni salvaspazio - lavaggio asecco e lavaggio acqua - lavaggiowet cleaning - sartoria/piccole ripa-razioni

PIEROTTI LAUNDRY NETWORK GROUP ZONA INDUSTRIALE PADULE06024 GUBBIO (PG)TEL.: 075 9293137FAX: 075 9293137E-MAIL: [email protected] WEB: www.pierottigroup.itPelli - pellicce - rimessaggio - tappe-ti - piumoni/trapunte/coperte - con-fezioni salvaspazio - lavaggio asecco e lavaggio acqua - lavaggiowet cleaning - sartoria/piccole ripa-razioni

NEW PELL LINE S.A.S.VIA GIUSEPPE DI VITTORIO, 5821029 VERGIATE (VA)TEL.: 0331 946990 FAX: 0331 948900E-MAIL: [email protected] WEB: www.newpellline.comPelli - pellicce - tappeti - piumoni,trapunte e coperte - confezioni salvaspazio - lavaggio a secco ed acqua -lavaggio wet cleaning - sartoria epiccole riparazioni - lavaggio borse escarpeCentro pulitura specializzato -Leader nel settore sistemi di lavag-gio innovativi - Il nostro obiettivo èla qualità

TOSCANA

VENETO

UMBRIA

PUGLIA

MOLISE

PIEMONTE

MARCHE

Page 65: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

Sia ben chiaro. Che nel maxiemen-damento al Decreto Sviluppo siastato inserito un ulteriore slittamen-to della entrata in vigore del Sistri(il sistema informatico di tracciabi-lità dei rifiuti speciali e pericolosi)per le aziende sotto i dieci dipen-denti, è sicuramente un bene. Resta però un pizzico di amaro inbocca per un sistema e una meto-dologia che rischiano di farci paga-re, a gennaio 2012, per la terzavolta, e inutilmente, la quota an -nuale.Dopo la figuraccia del Click day e leconseguenti proteste da parte ditutte le Organizzazioni imprendito-riali e sindacali, l’entrata in vigoredel SISTRI per le piccole aziende,come sono appunto le nostre, eragià slittata al primo gennaio delprossimo anno. Ora, a riprova che ilsistema non è affatto semplice dasistemare e che le lacune non sonobanali, il Governo ha deciso di inse-rire nel maxiemendamento alDecreto Sviluppo, sempre limitata-mente alle società che hanno fino a10 dipendenti, che il termine dioperatività del Sistri dovrà esseredefinito entro 60 giorni e non dovràscattare prima del primo giugno2012. A questo punto la domanda sorgespontanea. Dato che la quota del 2012 dovràessere pagata dalle imprese entrogennaio, saremo chiamati per laterza volta a contribuire per nulla?Le nostre imprese non sono certonelle condizioni economiche di get-tare ancora denaro nei rifiuti. Mi sembra del tutto logico che, a

fronte del fallimento dello strumen-to, venga sospeso ogni nuovopagamento e avviato un percorso direcupero degli oltre 200 milioni dieuro che le imprese hanno già ver-sato nei due anni precedenti.C’è anche un ulteriore inghippo.Attuando un’entrata in vigore delSistri in modo “scaglionato” per lediverse categorie di imprese coin-volte, non è stato a mio avviso suf-ficientemente tenuto conto che ilSistri funziona se attuato da tutti isoggetti. Ad esempio, se il 01/09/11 unimpianto di smaltimento/recupero èobbligato a gestire il Sistri, ma ilrifiuto è conferito da un trasporta-tore che trasporta meno di 3.000t/anno (con scadenza di obbligo al01/12/11), che a sua volta lo hapreso in carico da un pulisecco arti-giano con meno di 10 dipendenti(con scadenza di obbligo comeminimo a giugno 2012), come loregistra nel Sistri? Si fa carico luistesso di tutti i passaggi precedenti(scheda di movimentazione) o si faun carico “diretto” con il solo for-mulario? (senza scheda di movi-mentazione) Che utilità ha?A mio parere il Governo alla fine sivedrà costretto a prorogare pertutti il Sistri a fine giugno. Comunque, per non trovarsi impre-parati alla prossima scadenza, con-siglio tutti i colleghi che non hannomai “provato” le chiavette Sistri diaccedere al sistema (per verificarnela corretta funzionalità), di effettua-re l’aggiornamento al nuovo brow-ser ed iniziare a fare prove di adde-stramento. Speriamo bene.

SISTRI: gioie e doloriSlitta a giugno 2012 ma,a gennaio, dovremopagare per la terza volta

di Letizia BaccichetPresidente nazionale ANIL Confartigianato

DD65DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

Page 66: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

DD66DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

Aggiorna…Menti 2011Pulitinto Lavanderie Conoscere la filiera per erogare un serviziomigliore

Notizie dal Territorio

“visita guidata” in altrettanteaziende industriali vicentine spe-cializzate in tintura incapo/costruzione deitessuti/finissaggio e confezione;

2. una giornata organizzata daConfartigianato Veneto di “visitaguidata” alla ditta Berto (unadelle ultime rimaste che confe-zionano i capi a partire dal filato;

3. due/tre incontri didattici sul tema“le etichette di manutenzione ecomposizione” tenuti da tecnicispecializzati.

Tutte le visite prevedono una primaparte formativa “in aula”. Ci accom-pagneranno tecnici del Ritex diCornedo, convenzionato conConfartigianato Vicenza, che coa-diuveranno quelli delle aziende visi-tate.

La partecipazione è a titolo gratuitosolo per i titolari, o un loro collabo-ratore, delle imprese di PulitintoLavanderia associate a Confartigia -nato che devono comunicare la loroadesione alle iniziative.

Conoscere, conoscere ed ancoraconoscere.È questa la chiave del successo nelmondo del lavoro. Una regola che èancor più valida nel nostro settoredove siamo quotidianamente chia-mati a rincorrere le bizzarrie di unamoda sempre più spinta ed a spie-gare ai clienti errori ed omissioni chenon dipendono certamente da noi. Per questo motivo, grazie al contri-buto del nostro Comitato di catego-ria Ebav abbiamo programmato perquest’anno una serie di visite gui-date presso imprese della filieramoda con l’obiettivo di farci acquisi-re una conoscenza diretta dei pro-cedimenti/processi di realizzazionedei capi/lavorazioni utili a compren-dere e a risolvere correttamente leproblematiche che si riscontrano nelprocesso di manutenzione. Il programma, frutto della collabo-razione tra la Confartigianato diVicenza ed il livello regionale, siarticola in: 1. due mezze giornate organizzate

da Confartigianato di Vicenza di

Primo appuntamentoVisita alla

Per informazionisulle iniziative:

Segreteria Sistema Moda

tel. 0444-168305.Oppure

Confartigianato del Veneto

041- 2902954

Page 67: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

soffre ancora: non è mancanza diottimismo, ma realismo di impren-ditori seri che guardano negli occhila realtà, un realismo senza scontisu cui fondare la nostra analisi e apartire dal quale tracciare le linee diuscita dalla crisi”, ha detto il Presi -

Dal Ministro del Lavoro, MaurizioSacconi, al Ministro dell’Istruzione,Mariastella Gelmini, passando per iltitolare della Pubblica amministra-zione, Renato Brunetta, e quello pergli Affari regionali, Raffaele Fitto.Alle autorità sedute in prima fila, ilPresidente Guerrini ha riportato l’u-more degli imprenditori del paese.Molti i problemi, ma ancor più forteè la voglia di dare una sterzata adun andamento economico non certoesaltante. “La crisi sarà anche pas-sata, ma la crescita stenta a ripren-dere, il sistema economico italiano

Notizie Sindacali

La cronaca dell’AssembleaNazionale 2011

Il 14 giugno scorso, a Roma, 2700 delegati,imprenditori e dirigenti del SistemaConfartigianato hanno invaso l’AuditoriumParco della Musica per la 65° assembleanazionale

Page 68: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

DD68DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

dente Guerrini dal palco dell’Audito -rium Parco della Musica. Ma l’attua-le contesto politico italiano, fatto dipolemiche continue, di incertezza,di strilli e insulti non è ciò di cui habisogno il paese. “Lasciatemelo di -re, e sono certo che questo pensie-ro è condiviso da tutti i miei colle-ghi: il Paese intero ha bisogno dipolitica, non di polemica, non vo -gliamo più sentire questo assordan-te rumore di fondo di contrapposi-zioni e reciproci attacchi continuiche lasciano fuori i problemi con-creti - ha continuato il Presidentenel suo discorso - Così si perdetempo, si perdono risorse, si perdo-no i treni che ci possono portarefuori dalla crisi”. Per uscire dallacrisi, ha detto senza mezzi terminiil Presidente Guerrini dal palco del-l’auditorium, serve una coraggiosariforma fiscale, un taglio netto aicavilli burocratici, una decisa spintaal lavoro giovanile e un generaleriallineamento dei parametri italiania quelli europei. Denunce supporta-te dai numeri del rapporto annualedell’Ufficio studi di Confartigianato.Qualcosa in questi ultimi tempi èstato fatto. Ma quello di cui il Paeseha bisogno, è un progetto struttura-le a lungo termine. “Certo, MinistroTremonti, abbiamo apprezzato lachiarezza, il rigore ed il realismocontenuti nel Documento di Econo -mia e Finanza che traccia le pro-spettive per garantire il pareggio dibilancio per il 2014”, ha poi aggiun-to. La risposta del governo non si èfatta attendere. Sul palco, quest’an-no, è salito il Ministro dell’econo-mia, Giulio Tremonti, laddove tradi-

zionalmente interviene il ministroper lo sviluppo economico. Una pre-senza che ha permesso ai rappre-sentanti del Sistema Confartigia -nato di tracciare un quadro comple-to degli attuali scenari economici. “I fattori che hanno causato la crisisono ancora tutti presenti - ha de -nunciato il Ministro Tremonti - Lamassa dei derivati, che sono scom-messe, è uguale a com’era primadella crisi, nel 2007/2008. Le regoleche i banchieri avrebbero dovutofare per se stessi, hanno permessoai banchieri di salvarsi da ciò cheinvece era ineluttabile destino.Tutto ciò che ha causato la crisi -ha aggiunto - è ancora tutto in attoe in essere”. Se le ombre della crisi economicasembrano ancora aleggiare sul mer-cato mondiale, in Italia, negli ultimigiorni, il Governo sembra averaperto ad una riforma globale delsistema fiscale. Inevitabilmente,avendo di fronte una sala gremitadi imprenditori, il ministro dell’eco-nomia ha chiuso il proprio interven-to approfondendo questo tema. “La riforma fiscale presuppone unfinanziamento, se non può esserefatta in deficit. Escludo che possaessere fatta in deficit, perché secosì fosse il giorno dopo salgono itassi ed il giorno dopo devi aumen-tare le tasse. Generalmente vienefatto dal governo che viene dopo,perché chi ha fatto questo scherzola paga cara - ha aggiunto prima diconcludere il proprio intervento e diraccogliere l’applauso di una salagremita di imprenditori - Credo chela logica del prelievo debba e possaessere un po’modificata in conside-razione di tre elementi: i figli, illavoro ed i giovani”. L’Assemblea, però, non è solo ilmomento di confronto con le istitu-zioni ed con il Governo, è anche, esoprattutto, l’occasione per incon-trarsi e celebrare la vita associativadi Confartigianato. Come da tradi-zione, anche quest’anno è stato as -segnato il premio Giano, il ricono-scimento che va alle migliori realtàdel mondo dell’artigianato.Quest’anno, il segretario generale diConfartigianato, Cesare Fumagalli,ha premiato Aklilu Petros, il presidedi quella Scuola dei mestieri che hadato lavoro e speranza a molti gio-vani etiopi.

Page 69: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

DD69DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

In massima parte, le strutture comuni-tarie che sono clienti delle lavanderieindustriali si servono anche dei servizidi imprese di pulizia e viceversa; esempre più spesso la richiesta è di ununico responsabile per entrambi i servi-zi. Questo è il motivo principale che miha spinto a visitare la Fiera di Verona,che dal 24 al 26 maggio metteva inmostra le novità di questo mercato. Ma i contatti di questi due segmentid’attività non si fermano qui: anchequello delle imprese di pulizia è caratte-rizzato da una grande attenzione al -l’ambiente, da una ricerca dell’automa-zione più spinta, da una notevole fram-mentazione degli attori; a fronte dellenostre 15.000 lavanderie a secco e1300 circa industriali, l’associazionedelle imprese di pulizia conta circa40.000 iscritti, e non sono tutte.Il traguardo ecologico, per le imprese dipulizia, è l’utilizzo di acqua, il più purapossibile; non si può comunque fare ameno di detersivi, ma anche su quelli sista lavorando, alla ricerca di prodotti esistemi meno aggressivi per l’ambiente.Anche in questo mercato le aziende ita-liane e tedesche sono leader mondiali edistribuiscono i propri prodotti in ogniparte del mondo, con una produzioneche va dai macchinari ai detersivi, daglistracci ai mop, ai carrelli, alla nemicagiurata delle lavanderie, la carta.Nel segmento detersivi e in quello dellelavatrici erano presenti anche aziendeben note nel nostro settore, comeRenzacci, Raro, Imesa ed Electrolux.Due cose ho trovato particolarmenteinteressanti; una scuola di formazionesu internet promossa dalla Kiter e unanotevole attenzione per il mercato del-l’usato, promosso da AFIDAMP, l’asso-ciazione italiana dei fornitori del settoreche ha anche curato la realizzazione diquesta fiera.Già da un paio d’anni ho scoperto chein Spagna vengono tenuti corsi onlineper la formazione professionale dei puli-tintori ed ho proposto alla presidenza diDeterservice di acquistarli per poterlitradurre, eventualmente adattandoli

alla cultura italiana, e metter-li online. Vengono vendutionline a circa 45,00 € percorso (con un accesso di 6mesi) ed ha in programma unampliamento dei corsi stessi,per approfondire determinatiargomenti.Il secondo argomento che mipiacerebbe “importare” daquel mercato è la valorizza-zione dell’usato. Come tantimercati, anche il nostro pre-senta continui miglioramenti,anche se le innovazioni rivoluzionarienon sono tantissime. Tuttavia questimiglioramenti non lascerebbero insensi-bile il pubblico degli operatori, se nonfosse così asfittico il mercato dell’usato.È un problema che, prima di noi, hannoaffrontato tutti i “mercati maturi”, acominciare da quello delle automobili.Ed hanno creato, per i concessionari, ilSistema Usato Sicuro. Ma come si può rendere funzionale erelativamente sicuro un mercato dell’u-sato? Ecco quanto ha fatto AFIDAMP,così come pubblicato in una piccolaguida edita dall’Associazione.Questa guida fornisce alcuni elementi divalutazione dell’usato. La vita media diuna macchina, in questo settore, variada 5 a 10 anni. Su queste basi è stataprodotta una tabella di valori, in baseall’età di singole tipologie di macchina.Ma soprattutto pone l’accento su unacorretta manutenzione e sulla necessitàdi utilizzare ricambi originali. Un po’come la manutenzione programmata (itagliandi) nel mercato automobilistico.In questo modo si ottengono due risul-tati: la perfetta efficienza della macchi-na nel tempo ed un supporto, in terminidi lavoro (tra l’altro, ben remunerato),ai concessionari. Oltre che, naturalmen-te, una garanzia per chi acquista mac-chinari usati ed una maggior valorizza-zione per chi li vende.Forse, anche nel nostro settore, varreb-be la pena di regolamentare (e cavalca-re) il mercato dell’usato, oggi lasciatoall’intraprendenza individuale.

FiereUn mercato simileal nostro Pulire, la Fiera dellepulizie professionali

Page 70: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

tano la nuove etichette per ricevere le infor-mazioni tecniche senza ingolfare centralini eposta elettronica. Con RARO QR-Labelsiamo in grado di mettere a disposizioneautomaticamente e gratuitamente contenutiinformativi (schede tecniche, schede di sicu-rezza, schede informative, foto ecc..) e mes-saggi promozionali.L’innovazione con un occhio all’ambienteRaro ritiene fondamentale la salvaguardiadell’ambiente, e giudica miope l’uso indiscri-minato delle risorse basato sul fatto che “siè sempre fatto così”, o che non si vedono leconseguenze a medio e lungo termine, con irelativi costi sia dal punto di vista economicosia dal punto di vista sociale e ambientale.Così ha fissato l’obiettivo breve-medio termi-ne, di ridurre sensibilmente il numero distampe prodotte riducendo di almeno 3000fogli le stampe e le fotocopie consegnate aogni rivenditore/cliente, con un risparmioannuo per cliente/distributore di: 60chili di carta, evitando l’abbattimento di unalbero, l’emissione di oltre 2 quintali di CO2e di 1,5 kg di sostanze tossiche – (dati sti-mati e derivati da un’indagine ARPA – PIE-MONTE).Inoltre vi è un risparmio economico nella ge -stione documentale, nei costi della strutturache ospita un archivio cartaceo, costi perstampa e fotocopiatura e infine della ricercae recupero dei dati, si arriva a un costo perfoglio di quasi 3 euro anno. Oggi molte aziende stanno seguendo l’esem-pio lanciato da RARO-QR Label per diversimotivi: - immediatezza e semplicità d’uso (basta

fare un click ed accedere ai contenuti intempo reale);

- integrazione (le informazioni tecnichesono accessibili da qualunque supporto confotocamera);

- flessibilità (i contenuti possono esseremodificati in qualsiasi momento senzaalcun costo aggiuntivo);

- monitoraggio (in tempo reale è possibileconoscere l’interesse verso un prodottovisualizzando i contatti al sito, etc.);

- grande innovazione (sia tecnologica checomunicativa).

Speriamo che questa innovazione porti bene-fici per tutti in termini di ottimizzazione dellerisorse e basso impatto ambientale, contri-buendo alla salvaguardia del nostro pianeta.

“RARO QR-LABEL, uncodice che contiene tuttele informazioni sul prodot-to in modo tale da certifi-carne la qualità. Il prodot-to è stato consideratocome un’innovazione tec-nologica in grado di otti-mizzare la comunicazionesul prodotto, a garanzia ditrasparenza, e può essereun ottimo esempio diapplicazione anche in altrisettori”.È stata questa la motiva-zione alla base della”menzione speciale” delpremio “Clean GreenAward” che la giuria hadato al progetto RAROQR-LABEL durante lakermesse veronese.

L’innovazione, nel settore cleaning professio-nal, sta nell’inserimento in tutte le nuove eti-chette RARO di un QR Code abbreviazioneinglese di «quick response» (risposta rapi-da): l’erede del codice a barre – un quadratocomposto da tanti puntini neri. QR CODE uncodice capace di innescare un accesso intempo reale al web, grazie a tecnologie diultima generazione.La scelta innovativa è dettata dalla possibi-lità di poter accedere a un’infinità di infor-mazioni tecniche operative e di sicurezzache non troverebbero spazio sull’etichetta,sfruttando contenuti, sempre aggiornati, chearrivano da internet direttamente sulloschermo del telefonino. Infatti basta inqua-drare il codice presente sull’etichetta con lafotocamera del telefonino che immediata-mente si trasforma e racconta tutto di sé. Raro aveva fissato un duplice obiettivo allabase dell’innovazione: voleva dare un sup-porto tecnico-informativo immediato alcliente/operatore per l’utilizzo del prodottoed altro dovunque e in qualsiasi momentoh24, ma soprattutto con impatto ambien-tale pari quasi a 0. Raro con questa innovazione ha raggiunto inpieno quanto prefissato poiché attraverso ilweb l’informazione ed il supporto tecnicoaziendale qualificato viene fornito dovunqueed in tempo reale h24, attraverso documen-tazione tecnica, filmati, foto e supporti multi-mediali, ed al tempo stesso si riduce l’impat-to ambientale attraverso la dematerializza-zione della documentazione tecnica che com-porta risparmi significativi nell’uso della cartae del tempo impiegato per la sua gestione. Un lavoro che ha impegnato per diversotempo il team di marketing nell’allestimentodella piattaforma, ma che ora inizia a dare isuoi frutti, infatti molti clienti e dealer sfrut-

DD70DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

L’innovazione premiata con un’occhio all’ambiente.Menzione Speciale al premio CleanGreen award per Raro QR Label

Notiziedalle

aziende

Page 71: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

DD71

DETERGO LUGLIO/AGOSTO - JULY/AUGUST 2011

SCHEDA DI ADESIONE

La sottoscritta azienda __________________________________________________________

con sede in ______________________ Via ________________________ n°_______________

Tel. ____________________________ Fax _________________________________________

e-mail _________________________ www. _______________________________________

chiede di aderire alla

Associazione Fornitori Aziende Manutenzione dei Tessiliobbligandosi ad osservare le norme dello Statuto in vigore nonché tutte le deliberazioni conformi alle leggi e allo statuto che saranno prese dai componenti organi dell’Associazione.

SOCI ORDINARI❑ fabbricanti di macchinari❑ produttori di detergenti, solventi, materie ausiliarie, accessori❑ produttori di manufatti tessili❑ rappresentanti generali ed esclusivi/filiali di agente generaleSOCI AGGREGATI❑ agenti/rappresentanti di produttori italiani (devono essere agenti generali ed esclusivi)

Nome e cognome del rappresentante dell’azienda

____________________________________________

Codice fiscale/Partita IVA _____________________

Data ________________ Timbro e firma_____________________

C O N TAT TAT E C I P E R S A P E R N E D I P I Ù

L’Associazione Fornitori Aziende Manutenzione dei Tessili,oltre a provvedere alla tutela degli interessi di categoria,ha come obiettivo primario la rappresentanza di un com-parto disomogeneo per sua natura e la promozione degliaspetti caratterizzanti come la crescita culturale dellamanutenzione del tessile e l’etica dell’immagine dei for-nitori quali partners dei clienti finali.

Per entrare a far parte dell’As so cia zione FornitoriAziende Manutenzione dei Tessili è richiesto un contribu-to annuo di Euro 800,00 .

Vi preghiamo di compilare ed inviare alla Segreteriaassociativa la scheda riprodotta.

20158 Milano, Via Angelo Masina, 9 Tel. (02) 39314120 Fax (02) 39315160e-mail: [email protected] - www.assofornitori.com

Associazione Fornitori Aziende Manutenzione dei Tessili

Page 72: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

Elenco iscritti all’Associazione FornitoriAziende Manutenzione dei Tessili

MACCHINARIMACHINERY

Aziende produttrici e filiali di produttori esteri

Manufactoring companies and subsidiaries of foreign

manufacturers

ELECTROLUX PROFESSIONAL S.p.a.Viale Treviso, 1533170 PORDENONE PNFIRBIMATIC S.p.a.Via Turati, 16 40010 SALA BOLOGNESE BOGRANDIMPIANTI I.L.E. Ali S.p.a.Via Masiere, 211 c 32037 SOSPIROLO BLILSA S.p.a.Via C. Bassi, 1 40015 SAN VINCENZO DI GALLIERA BOIMESA S.p.a.Via degli Olmi, 22 - II° Z.I. 31040 CESSALTO TVIRONVia Piano Selva - Z.I.63040 MALTIGNANO APITALCLEAN S.r.l.Via Ossola, 740016 SAN GIORGIO DI PIANO BOJENSEN ITALIA S.r.l.Strada Provinciale Novedratese, 4622060 NOVEDRATE COKANNEGIESSER ITALIA S.r.l.Via C. Pavese, 1/3 20090 OPERA MILAVASTIR S.r.l.Contrada Motta87040 CASTROLIBERO CSMAESTRELLI S.r.l.Via Stalingrado, 2 40016 SAN GIORGIO DI PIANO BOMIELE ITALIA S.r.l.Strada Circonvallazione, 27 39057 APPIANO SULLA STRADA DEL VINO BZMONTANARI S.r.l. ENGINEERING CONSTRUCTIONVia Emilia Ovest, 1123 41100 MODENA MOPAZZI S.r.l.Contrada Vallecupa64010 COLONNELLA TEPIZZARDI S.r.l.Via Nino Bixio, 3/5 20036 MEDA MIRATIONAL S.r.l. AGA BrandVia Catagnina, 1054100 MASSA MSREALSTAR S.r.l.Via Filippo Turati, 5 40010 SALA BOLOGNESE BORENZACCI S.p.a.Via Morandi, 13 06012 CITTÀ DI CASTELLO PG

SKEMA S.r.l.Via Clelia, 16 41049 SASSUOLO MOTHERMINDUS S.r.l.Via Gino Capponi, 2650121 FIRENZE FIUNION S.p.a.Via Labriola, 4 d40010 SALA BOLOGNESE BOVACUUM PUMP S.p.a.Via Olgiate Molgora, 26 - Loc. Beverate23883 BRIVIO LCZETOLINK S.r.l.Piazza Leopoldo, 11 50134 FIRENZE FI

Distributori/Distributors

LAVATEC LT ITALIA S.r.l.Via delle Industrie26010 CASALETTO CEREDANO CRLOGIK SOLUTION S.r.l.Via Eschilo, 19400125 ROMASETEL S.r.l.Via delle Industrie26010 CASALETTO CEREDANO CR

MACCHINARI PER LO STIRO

IRONING EQUIPMENT

Aziende produttrici e filiali di produttori esteri

Manufactoring companies and subsidiaries of foreign

manufacturers

BARBANTI CARLO S.n.c.Via di Mezzo, 78 San Giacomo Roncole 41037 MIRANDOLA MODUE EFFE S.p.a.Via John Lennon, 10 - Loc. Cadriano 40057 GRANAROLO DELL'EMILIA BOFIMAS S.r.l.Corso Genova, 25227029 Vigevano PVGHIDINI BENVENUTO S.r.l.Via Leone Tolstoj, 24 20098 SAN GIULIANO MILANESE MIPONY S.p.a.Via Giuseppe Di Vittorio, 8 20065 INZAGO MISIL FIM S.r.l. marchio SILCVia Campania, 19 60035 JESI ANTREVIL S.r.l.Via Nicolò Copernico, 1 20060 POZZO D'ADDA MI

Distributori/Distributors

LAVASECCO 1 ORA-CATINET/Sankosha S.r.l.Via Roma, 10810070 CAFASSE TO

DETERGENTI, SOLVENTI, MATERIE AUSILIARIE,

ECC.DETERGENTS, SOLVENTS,

AUXILIARIES, ECC.

Aziende produttrici e filiali di produttori esteri

Manufactoring companies and subsidiaries of foreign

manufacturers

ALBERTI ANGELO PRODOTTI CHIMICIVia I° Maggio, 22/24 40064 OZZANO DELL'EMILIA BOBIAR AUSILIARI BIOCHIMICI S.r.l.Via Francia, 7/9 20030 SENAGO MICHT ITALIA S.r.l.Via Luigi Settembrini, 920020 LAINATE MICHRISTEYNS ITALIAVia F.lli di Dio, 220063 CERNUSCO SUL NAVIGLIO MIDIM S.R.L. Detergenti Ind. MilanoVia Guglielmo Marconi, 1520051 LIMBIATE MIECOLABVia Paracelso, 6 - Centro Dir. Colleoni20864 AGRATE BRIANZA MBFALVO S.a.s. Via del Progresso, 12 00065 Fiano Romano RMG.B.M. ELETTROCHIMICA S.r.l.Via Fiumicino San Mauro, 120/130 47039 SAVIGNANO SUL RUBICONE FCMONTEGA S.r.l.Via Larga, 647843 Misano Adriatico RNRARO S.r.l.Via 1° Maggio, 1475100 MATERA MTTENSIOCHIMICA INDUSTRIALE S.p.a.Via G. Di Vittorio, 38 25125 BRESCIA BS

Distributori/Distributors

A.P.LAV. di LucidiContrada San Pietro, 12 63010 MASSIGNANO AP

Members to the Textile Care Suppliers’ Association

Page 73: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

DDDETERGO Pubblicazione ufficiale dell’Unione Italiana Manutenzione dei Tessili e Affini

Direttore responsabile: Diego ZambelliComitato di direzione: Roberto Colombo, Cesare Locati, Claudio Montanari, Luciano Miotto, Emanuele Mùrino, Pino Pisacane, Gabrio Renzacci, Riccardo Ripamonti, Felice Mapelli, Giovanni SalvatiSi ringraziano i signori: Carmen Amato, Letizia Baccichet, Vittorio Cianci, Patrizia Ferri, Rocco Lamoglie,Cesare Locati, Daniela Passione, Caterina VaiusoSegretario Generale: Ugo SalaSegretaria di redazione: Franca CesariniDirezione, redazione, amministrazione, pubblicità:DETERSERVICE srl • 20158 Milano • via A Masina, 9 Tel 02 39314120 • Fax 02 39315160 • e-mail: [email protected] grafico e impaginazione: Strike • Via F.lli Rizzardi, 10 • 20151 Milanotel 02 36508778 • e-mail: [email protected]: Presscolor • MilanoLa riproduzione degli articoli pubblicati non è consentita salvo autorizzazione scritta.Abbonamento annuo (11 numeri) Euro 42,00 • Estero Euro 80,00 • Una copia Euro 4,50I versamenti intestati a Detersevice SRL - Via A. Masina, 9 - 20158 Milano, possono essere effettuati a mezzo: C/C Postale n° 60515715BANCA POPOLARE EMILIA ROMAGNA AGENZIA 10 MILANO - IBAN: IT11 C 05387 01609 000001504285 BIC: BPMOIT22 XXXGli abbonamenti possono decorrere da qualsiasi numero. I manoscritti non si restituiscono. L’editore non si assume responsabilità per errori contenuti negli articoli o nelle riproduzioni.Le opinioni esposte negli articoli impegnano solo i rispettivi Autori. Ad ogni effetto il Foro competente è quello di Milano.Tiratura: 14.000 copieLa pubblicità non supera il 50% del numero delle pagine di ciascun fascicolo della RivistaAutorizzazione Tribunale di Milano n° 2893 del 25.11.1952 - Iscritta al Registro Nazionale della Stampa al ROC N. 18402Distribuzione: “Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, DBC (Filiale di MILANO)

Membro di:International TextileCare Press Club

MANUFATTI TESSILITEXTILE PRODUCTS

Aziende produttrici e filiali di produttori esteri

Manufactoring companies and subsidiaries of foreign

manufacturers

CORITEX S.n.c.Via Cà Volpari, 2524024 GANDINO BGEMMEBIESSE S.p.a.Piazza Industria, 7/8 15033 CASALE MONFERRATO ALGASTALDI & C. S.p.a. Industria TessileVia Roma, 10 22046 MERONE COLAMPERTI CARLO TESSITURA E FIGLIO S.p.a.Via della Tecnica, 8 23875 OSNAGO LCMASA S.p.a. INDUSTRIE TESSILIVia Mestre 37 - LOC. BOLLADELLO21050 CAIRATE VANOBILTEX S.r.l. - GRUPPO TESSILE LGVIA I° MAGGIO, 39/4125038 ROVATO BS

PAROTEX S.r.l.Via Massari Marzoli, 17 21052 BUSTO ARSIZIO VATELERIE GLORIA S.n.c.Viale Carlo Maria Maggi, 25Loc. Peregallo - 20855 LESMO MBTESSIL TORRE S.r.l. Via Giuseppe Verdi, 34 20020 DAIRAGO MI

Distributori/Distributors

CROTEX ITALIA S.r.l.Via U. Mariotti Z.I. Agostino 51100 PISTOIA PT

ACCESSORIACCESSORIES

Aziende produttrici e filiali di produttori esteri

Manufactoring companies and subsidiaries of foreign

manufacturers

A 13 S.r.l.Via Venini, 5720127 MILANOABG SYSTEMS S.r.l.Via Milano, 720084 LACCHIARELLA MIALVI S.r.l.Strada Statale 230, 49 13030 CARESANABLOT VCNUOVA FOLATI S.r.l.Via dell'Archeologia, 2 - Z.I. Prato Corte 00065 FIANO ROMANO RM

Distributori/Distributors

LAUNDRY SUPPLIES SRLVia Sangallo, 31 - Zona Sambuco50020 TAVARNELLE VAL DI PESA FISCAL S.r.lViale Rimembranze, 93 20099 SESTO SAN GIOVANNI MI

LEGGE PRIVACY - TUTELA DEI DATI PERSONALIINFORMATIVA AI LETTORIRendiamo noto agli abbonati e ai lettori di Detergo che i dati utilizzati per la spe-dizione della rivista fanno parte dell’archivio elettronico della Deterservice srl,con sede in Milano, Via A. Masina, 9 - 20158 Milano.I dati vengono trattati ed utilizzati nel rispetto delle norme stabilite dal D.Lgs.196/2003 sulla tutela dei dati personali a mezzo strumenti cartacei o elettronici.In particolare questi dati (consistenti essenzialmente in nome e indirizzo) vengo-no utilizzati per la spedizione della rivista e di materiale a stampa connesso conl’attività editoriale della Deterservice srl.Ciascun lettore può richiedere in qualsiasi momento, a mezzo posta o fax, disapere quali suoi dati sono in archivio, richiederne la modifica, la rettifica oanche la cancellazione. I dati non sono ceduti e diffusi a terzi né utilizzati perscopi diversi da quelli sopra citati.

FAC-SIMILE DI RICHIESTA DI ESERCIZIO DEI DIRITTI DI CUI ALL'ART. 7 DEL CODICE DELLA PRIVACY

Il sottoscritto…………………………………………………………….....................Azienda………………………………………………………….................................Indirizzo………………………………………………………....................................Località………….....………................................ Cap…………… Prov. …………Chiede alla Deterservice srl, con sede in Milano, Via A. Masina, 9 - 20158Milano- e-mail: [email protected] - Tel. 02 39314120 - Fax 02 39315160❐ di conoscere i suoi dati contenuti nell’archivio elettronico di Deterservice srl;❐ di modificare i dati come sopra specificati;❐ di cancellare nell’archivio i suoi dati

FIRMA .............................................................................

www.assofornitori.com

Page 74: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

ECOLAB 2a di copertina

FALVO S.A.S. 1a di copertina

ILSA S.P.A. 29IMESA S.P.A. 4a di copertina

ITALCLEAN S.R.L. 13JENSEN ITALIA 17KANNEGIESSER ITALIA 21LAVASECCO 1 ORA S.R.L. 53MAESTRELLI S.R.L. 67MASA INDUSTRIA TESSILE S.P.A. 3PIZZARDI S.R.L. 43PONY S.P.A. 31RENZACCI S.P.A. 33SIL FIM S.R.L. marchio SILC 35SOCHIL CHIMICA S.R.L. 61TESSILTORRE S.R.L. 3a di copertina

TREVIL S.R.L. 23UNION S.P.A. 39

INDICE DEGLI INSERZIONISTI ADVERTISERS’ DIRECTORY

Page 75: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco
Page 76: Detergo Luglio-Agosto 2011 - News - Rivista di Lavanderia Industriale e Pulitura a Secco

I R I S

IMESA S.p.A. - Via degi Olmi 22 - 31040 Cessalto (TV) - Italy +39 0421 468011 [email protected] - www.imesa.it

Grazie all’innovativo sistema di marcatura con RFID: Thanks to the RFID marking system: Facile e rapida marcatura del capo! Garments marking is easier and quicker! Biancheria sempre rintracciabile! Garments are always under control! Nessun capo smarrito! No more lost garments!

L A U N D R Y S O L U T I O N S