Ponzio news n 9

of 8 /8
Ponzio News | n.9 - febbraio 2015 | 1 periodico di informazione comunale Ponzio News è una rivista di informazione a diffusione gratuita del Comune di Ponzano di Ferm o n. 9 Febbraio 2015 www.ponzanodifermo.org Aut. CN/FM323/2011 Valido dal 25/02/2011 Comune di Ponzano di Fermo Carissimi Cittadine e Cittadini, ci troviamo in un periodo di transizione in cui noi amministratori e voi cit- tadini siamo chiamati a prendere coscienza di una situazione complessa in continua evoluzione verso uno scenario ancora non ben definito e, non da ultimo, segnata da riduzioni nell’erogazione di fondi. I piccoli Comuni italiani sono al centro di rilevanti trasformazioni, che li ren- dono protagonisti istituzionali per il rilancio della competitività e, nel contempo, attori decisivi per lo sviluppo dei governi locali. Essi sono chiamati ad affrontare le sfide congiunte che deri- vano da più fronti: quello internazionale, dominato dalla crisi economica e dalla necessità di stabilizzazione finanziaria, e quello nazionale, che richiede interpreti sempre più con- sapevoli e responsabili di politiche strategiche per il perseguimento degli obiettivi di finanza pubblica. Le trasformazioni e la diminuzione delle risor- se per i Comuni ci permetteranno di uscire dalla crisi che ci attanaglia da anni? I tagli sono necessari o è un’inutile azione che costringe gli ammini- stratori ad imporre tas- se per riuscire a mantenere i servizi di prima necessità di cui la popolazione ha re- almente bisogno? Dov’è il vero gua- dagno e per chi? Domande che sorgono spontanee, tengono banco nelle nostre ta- vole, nei bar e in rete dal momento che tutti i media e i social non fanno altro che parlare di ciò. Qual è la situazione del nostro Comune? Quattro sono i cambiamenti che influen- zano l’agire della nostra comunità: la gestione associata dell’esercizio delle funzioni fondamentali con i comuni limitrofi Grottazzolina, Monte Giberto, Montottone, Belmonte Piceno e Monsampietro Morico, la gestione degli acquisti tramite MEPA, i continui tagli di trasferimenti decisi dallo Stato a bilancio chiuso e la perdita delle risorse derivanti dal Pozzo di Metano. Pochi mesi sono trascorsi dalla nostra presa d’incarico, ma una cosa è stata subito chiara, non è un periodo facile e felice per le finanze comunali, non è possibile prevedere di fare grandi opere con nostri fondi non avendo più a disposizione entrate extra oltre a quelle statali sempre più limitate. Si possono, però, fare dei progetti e cogliere le occasioni di fondi che vengo- no erogati dalla Regione o dall’Europa e sfruttarli a nostro vantaggio per quanto sarà possibile. Ascoltare voi cittadini e vagliare insieme le azioni più stringenti ed utili per il nostro territorio, solo in questo modo sarà possibile mantenere e far crescere il nostro piccolo Paese. Andiamo con ordine e cerchiamo, ora, di capire insieme le trasformazioni epocali che ci ve- dono in prima li- nea e come inci- dono nel nostro territorio. Come cambie- ranno i Comuni con questo ob- bligo di gestione associata? L’art.14, commi da 25 a 31, del D.L. n. 78/10, convertito con la legge 122/2010 e successi- vamente modificato, in ultimo dal D.L. 95/2012 convertito con legge 135/2012, introduce per i pic- coli comuni l’obbligo della gestione associata dell’e- sercizio delle funzioni fondamentali incidendo sull’assetto fun- zionale e organizzativo degli enti interessati prevedendo che tutti i comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti esercitino obbligatoria- mente in forma associata, mediante unioni di comuni (art. 32 TUEL) o convenzione (art. 30 TUEL), la quasi totalità delle funzioni. Il comma 1 lett. A) dell’art.19 decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95 fornisce l’elenco di funzioni fondamentali dei comuni indivi- duate come segue: a) organizzazione generale dell’amministrazione, gestione fi- nanziaria e contabile e controllo; b) organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale di am- bito comunale, ivi compresi i servizi di trasporto pubblico comunale; c) catasto, ad eccezione delle funzioni mantenute allo Stato dalla normativa vigente; d) la pianificazione urbanistica ed edilizia di ambito comunale nonché la partecipazione alla pianificazione territoriale di livello sovracomunale; e) attività, in ambito comunale, di pianificazione di protezione civile e di coordinamento dei primi soccorsi; f) l’organizzazione e la gestione dei servizi di raccolta, avvio e smaltimento e recupero dei rifiuti urbani e la riscossione dei relativi tributi; g) progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali ed eroga- zione delle relative prestazioni ai cittadini, secondo quanto previsto dall’ar- ticolo 118, quarto comma, della Costituzione; Editoriale Ponzio News è una rivista di informazione a diffusione gratuita del Comune di Ponzano di Fermo. Coordinamento e redazionale: Barbara Falcioni. Hanno contribuito alla redazione: Fabio Strovegli, Francesca De Angelis, Andrea Ruta, Matteo Manzetti, Loredana Foresi, Maurizio Iacopini, Andrea Belleggia, Marco Montani, Ferdinando Maria Nunzi, Simone Ribeca. Stampa e impaginazione: Promo Service - Grottazzolina. Per eventuali osservazioni è possibile inviare una mail all’indirizzo [email protected] Montottone Belmonte Piceno Monsampietro Morico Monte Giberto Ponzano di Fermo Grottazzolina segue a pag. 2

Embed Size (px)

description

 

Transcript of Ponzio news n 9

  • Ponzio News | n.9 - febbraio 2015 | 1

    periodico di informazione comunale

    Ponzio News una rivista di informazione a diffusione gratuita del Comune di Ponzano di Fermo

    n. 9

    Feb

    brai

    o 20

    15

    www.ponzanodifermo.orgAut. CN/FM323/2011Valido dal 25/02/2011

    Comune di Ponzano di Fermo

    Carissimi Cittadine e Cittadini, ci troviamo in un periodo di transizione in cui noi amministratori e voi cit-tadini siamo chiamati a prendere coscienza di una situazione complessa in continua evoluzione verso uno scenario ancora non ben definito e, non da ultimo, segnata da riduzioni nellerogazione di fondi. I piccoli Comuni italiani sono al centro di rilevanti trasformazioni, che li ren-dono protagonisti istituzionali per il rilancio della competitivit e, nel contempo, attori decisivi per lo sviluppo dei governi locali.Essi sono chiamati ad affrontare le sfide congiunte che deri-vano da pi fronti: quello internazionale, dominato dalla crisi economica e dalla necessit di stabilizzazione finanziaria, e quello nazionale, che richiede interpreti sempre pi con-sapevoli e responsabili di politiche strategiche per il perseguimento degli obiettivi di finanza pubblica.Le trasformazioni e la diminuzione delle risor-se per i Comuni ci permetteranno di uscire dalla crisi che ci attanaglia da anni? I tagli sono necessari o uninutile azione che costringe gli ammini-stratori ad imporre tas-se per riuscire a mantenere i servizi di prima necessit di cui la popolazione ha re-almente bisogno? Dov il vero gua-dagno e per chi? Domande che sorgono spontanee, tengono banco nelle nostre ta-vole, nei bar e in rete dal momento che tutti i media e i social non fanno altro che parlare di ci. Qual la situazione del nostro Comune? Quattro sono i cambiamenti che influen-zano lagire della nostra comunit: la gestione associata dellesercizio delle funzioni fondamentali con i comuni limitrofi Grottazzolina, Monte Giberto, Montottone, Belmonte Piceno e Monsampietro Morico, la gestione degli acquisti tramite MEPA, i continui tagli di trasferimenti decisi dallo Stato a bilancio chiuso e la perdita delle risorse derivanti dal Pozzo di Metano.Pochi mesi sono trascorsi dalla nostra presa dincarico, ma una cosa stata subito chiara, non un periodo facile e felice per le finanze comunali, non possibile prevedere di fare grandi opere con nostri fondi non avendo pi a disposizione entrate extra oltre a quelle statali sempre pi limitate. Si possono, per, fare dei progetti e cogliere le occasioni di fondi che vengo-

    no erogati dalla Regione o dallEuropa e sfruttarli a nostro vantaggio per quanto sar possibile. Ascoltare voi cittadini e vagliare insieme le azioni pi stringenti ed utili per il nostro territorio, solo in questo modo sar possibile

    mantenere e far crescere il nostro piccolo Paese.

    Andiamo con ordine e cerchiamo, ora, di capire insieme le trasformazioni

    epocali che ci ve-dono in prima li-nea e come inci-dono nel nostro territorio.

    Come cambie-ranno i Comuni con questo ob-

    bligo di gestione associata? Lart.14, commi da 25 a 31, del D.L. n. 78/10,

    convertito con la legge 122/2010 e successi-vamente modificato, in ultimo dal D.L. 95/2012

    convertito con legge 135/2012, introduce per i pic-coli comuni lobbligo della gestione associata delle-

    sercizio delle funzioni fondamentali incidendo sullassetto fun-zionale e organizzativo degli enti interessati prevedendo che tutti i comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti esercitino obbligatoria-mente in forma associata, mediante unioni di comuni (art. 32 TUEL) o convenzione (art. 30 TUEL), la quasi totalit delle funzioni.

    Il comma 1 lett. A) dellart.19 decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95 fornisce lelenco di funzioni fondamentali dei comuni indivi-

    duate come segue:a) organizzazione generale dellamministrazione, gestione fi-

    nanziaria e contabile e controllo;b) organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale di am-

    bito comunale, ivi compresi i servizi di trasporto pubblico comunale;c) catasto, ad eccezione delle funzioni mantenute allo Stato dalla normativa vigente;d) la pianificazione urbanistica ed edilizia di ambito comunale nonch la partecipazione alla pianificazione territoriale di livello sovracomunale;e) attivit, in ambito comunale, di pianificazione di protezione civile e di coordinamento dei primi soccorsi;f) lorganizzazione e la gestione dei servizi di raccolta, avvio e smaltimento e recupero dei rifiuti urbani e la riscossione dei relativi tributi;g) progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali ed eroga-zione delle relative prestazioni ai cittadini, secondo quanto previsto dallar-ticolo 118, quarto comma, della Costituzione;

    Editoriale

    Ponzio News una rivista di informazione a diffusione gratuita del Comune di Ponzano di Fermo. Coordinamento e redazionale: Barbara Falcioni.Hanno contribuito alla redazione: Fabio Strovegli, Francesca De Angelis, Andrea Ruta, Matteo Manzetti, Loredana Foresi, Maurizio Iacopini, Andrea Belleggia, Marco Montani, Ferdinando Maria Nunzi, Simone Ribeca. Stampa e impaginazione: Promo Service - Grottazzolina. Per eventuali osservazioni possibile inviare una mail allindirizzo [email protected]

    MontottoneBelmontePiceno

    MonsampietroMorico

    Monte Giberto

    Ponzano di Fermo

    Grottazzolina

    segue a pag. 2

  • PonzioPonzio

    PonzioPonzio

    2 | n.9 - febbraio 2015 | Ponzio News

    h) edilizia scolastica per la parte non attribuita alla competenza delle province, organizzazione e gestione dei servizi scolastici;i) polizia municipale e polizia amministrativa lo-cale;l) tenuta dei registri di stato civile e di popolazione e compiti in materia di servizi anagrafici nonch in materia di servizi elettorali e statistici, nelle-sercizio delle funzioni di competenza statale.La Regione Marche ha disposto che linsieme dei Comuni tenuti ad esercitare le funzioni fon-damentali in forma associata mediante la forma dellunione o della convenzione deve raggiunge-re il limite demografico minimo pari a 5.000 o a 3.000 abitanti, in caso di Comuni appartenenti o appartenuti a comunit montane.La durata minima delle convenzioni per leserci-zio obbligatorio delle funzioni in forma associata fissata in 3 anni, al termine di tale periodo, qua-lora non si dimostri lefficacia e lefficienza nella gestione, i Comuni sono obbligati ad esercitare le funzioni mediante unione.Loperazione, incominciata allinizio del 2014, si conclusa nei primi mesi di questanno, e ha visto associare, attraverso convenzioni, il nostro Co-mune con Grottazzolina, Monte Giberto, Belmonte Piceno, Monsampietro Morico e Montottone, ad eccezione della gestione dei servizi sociali. Per questa funzione il nostro Comune ha scelto unirsi a tutti i comuni che fanno parte dellambito socia-le di Fermo, mantenendo una collaborazione gi avviata da anni.Conseguenza di questa associazione lunifi-cazione dei servizi offerti dagli uffici dei singoli Comuni, chi ha dipendenti li condivide con gli altri secondo modalit ancora non definite. Lu-nico servizio che rimane sicuramente nella sua sede originale lanagrafe es-sendo una funzione non coinvolta nellassociazione. Qual il guadagno? I Comuni senza dipendenti acquisiscono personale senza fornire in cam-bio liquidit agli enti prestatori dal momento che la legge obbli-ga i contraenti a non aumentare le spese del personale. Inoltre tra tutti i dipendenti dei Comuni associati che fanno capo ad una funzione, si avrebbe un unico re-sponsabile e non pi uno per ogni Comune.Numerose sono, per, le critici-t dello scenario che si viene a comporre: uno sportello presente in un Comune non potr rimanere

    aperto tutti i giorni, come magari accadeva oggi, difficile riuscire a individuare una figura com-pleta che assuma il ruolo di responsabile di tutti e 6 i Comuni associati e che possegga, ad esem-pio, competenze in ambito tecnico e contabile per poter espletare la funzione di organizzazione ge-nerale dellamministrazione, gestione finanziaria e contabile e controllo. In merito a questultima funzione la criticit ancor maggiore in quanto tale figura dovrebbe redigere un bilancio unitario oltre a quelli dei singoli Comuni.Detto ci la domanda sorge spontanea ed molto semplice: qual il risparmio legato a questo as-sociazionismo? Quali vantaggi ne traggono i cit-tadini? I servizi cos strutturati saranno realmente pi efficaci ed efficienti come viene prospettato dalla legge? La risposta molto difficile, noi am-ministratori ci stiamo interrogando e sar nostro preciso impegno trarre del positivo da questa soluzione che ci imposta dallalto e concertare con i Comuni associati delle azioni che non crei-no disagi e disservizi per quanto sar possibile ai nostri cittadini.Altro cambiamento critico legato alla gestio-ne degli acquisti che dal 1 gennaio il Comune si vede costretto ad eseguire solo tramite il mercato economico per le pubbliche ammini-strazioni (MEPA) o, nel caso non fosse disponi-bile, tramite la Centrale Unica di Committenza (CUC) che il nostro Comune ha individuato in quella istituita presso la provincia di Fermo, dato che la stessa gi si occupa di gestire gli appalti superiori ai 40.000. Questo procedimento vale per acquisti anche di 0,01 e per riparazioni di vario genere, allungando i tempi di realizzazione di unopera e di un servizio e creando problemi qua-lora alcuni materiali che devono essere acquistati ancora non compaiono nel sistema (es. un bene

    importante come la benzina). Al contrario lan-no scorso il Comune doveva prediligere acquisti tramite MEPA, ma aveva la facolt di acquistare in altri luoghi qualora riscontrasse un prezzo pi vantaggioso. Al fine di rendere pi chiaro quanto accade vi sottoponiamo un esempio concreto per spiegare anche come i tempi di attuazione di una semplice riparazione possono diventare lunghis-simi. Qualora si dovesse rompere uno scuolabus il Comune prima di poter effettuare la riparazione andando direttamente dal meccanico e risolvere il problema nel giro di un giorno, secondo la nuo-va normativa, deve comunicare al CUC di indire una gara per la riparazione del mezzo, attendere i preventivi formulati dai meccanici che aderisco-no alla gara, approvare il preventivo pi basso e affidare lincarico al meccanico che solo a quel punto pu effettuare la riparazione.A queste situazioni organizzative, si aggiunge la decurtazione improvvisa di circa 48.000, quan-do il bilancio era gi stato chiuso, obbligando gli amministratori a recuperare tale importo dalla nuova tassazione dellIMU sui terreni agricoli. La confusione generata dallintroduzione repentina di questa tassa, stata maggiormente esasperata dalle continue proroghe della scadenza, modifican-do contemporaneamente i destinatari dellimposta, e non dando la possibilit agli amministratori di decidere nemmeno laliquota. Ma non solo, a met gennaio, lo Stato decide di attuare una sua facolt non trasferendo al nostro Comune 110.000,00 di IMU versata nel 2014. Tale prerogativa dello Stato non stata mai attuata anche se sua facolt de-cidere, senza alcuna motivazione, di non trasferire la quota dellIMU spettante al Comune fino ad un massimo del 50%.E non da ultimo dobbiamo fare i conti con lim-provvisa chiusura dei rubinetti da parte del giaci-

    mento di metano che fanno registrare alle casse del Comune un ammanco di 60.000, usati negli anni passati per mantenere tutti i servizi attivi senza nessun aumento di costo per i cittadini.Capite che questi cambiamenti, uniti agli stravolgimenti legati alla provincia, alcuni senza una chiarezza da parte del legislatore, creano non pochi problemi in un Comune come il nostro che si vede inserito in una situazione com-plessa e sempre con meno risorse. Ci che ne consegue la scelta di decisioni sagge, oculate e vagliate con molta at-tenzione che permettano di contenere i costi, acquisire fondi qualora ve ne si-ano le opportunit cercando di mettere in rete tutte le risorse disponibili per il bene del nostro Paese.

    Continua da pag. 1

  • PonzioPonzio

    PonzioPonzio

    Ponzio News | n.9 - febbraio 2015 | 3

    In poche parole, stando ai dati relativi allanno 2014 non sono previste entrate per il nostro Comune! Il problema che si profila per i cittadini di dover recuperare oltre ai tanti tagli che lo Stato continua ad effettuare ai danni delle casse del Comune anche i 60.000 che ogni anno venivano destinati ai vari servizi comunali per continuare a mantenere tutti i servizi.Dei 149000 accertati a Giugno 2014 riguardanti lestrazione dell anno 2013, la maggior parte stata impegnata nel 2013, e il rimanente stato utilizzato per i vari servizi comunali, ed in particolare 28.000 per completare i lavori della scuola elementare.Chi volesse controllare i dati e avere ulteriori informazioni in merito si possono consultare i seguenti siti: http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/royalties/indicazioni_destinazione.asphttp://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/produzione/mensile/dettaglio.asp?cod=933&min=G

    Per capire il problema, si ricorda che, citando quanto scritto nel sito del Ministero dello Sviluppo Economico:In Italia, i giacimenti di idrocarburi sono patrimonio indisponibile dello Stato (articolo 826 c.c.). Tuttavia lo Stato non si impegna direttamente nella ricerca e nel

    loro sfruttamento, che lascia in concessione ad imprese private. Il concessionario soggetto al rispetto dei pro-grammi di lavoro, al pagamento di canoni proporzionati alla superficie coperta dai titoli minerari e al pagamento di royalties, proporzionate alle quantit di idrocarburi

    prodotte... Ovvero il concessionario tenuto a versare delle ali-quote percentuali a Stato, Regioni e Comuni secondo le seguenti indicazioni:

    Salta subito allocchio come dagli oltre 142 milioni di Smc estratti nel 2011 si passati a 21 milioni nel 2014.

    E non tutto: esiste un limite minimo al di sotto di cui il gestore non tenuto al paga-mento delle royalties... e nel caso in questione tale limite pari a 25 milioni di Smc:

    Perci andando subito ai dati relativi al pozzo presente sul nostro territorio, si pu vedere nella tabella seguente landamento mensile dei metri cubi estratti dal 2011 al 2014

    Pozzo Metano...tutto finito? A quanto pare...purtroppo si!

    Destinazione delle aliquote in valorea. Aliquota del 7% per produzioni in terraferma:

    Stato = 30%Regione = 55%Comuni = 15%

    A decorrere dal 1 gennaio 1999, per le concessioni ricadenti nelle Regioni a statuto ordinario incluse nelMezzogiorno, l'aliquota destinata allo Stato direttamente corrisposta alla Regione (art.20, comma 1-bis,decreto legislativo n.625/1996, comma introdotto dalla legge n.140/1999, art.7, comma 6 e modificato dallalegge 296/2006, finanziaria 2007, comma 366)

    b. Aliquote del 4% (olio) e del 7% (gas) per produzioni in mareMare territoriale Piattaforma continentale

    Stato = 45% Regione = 55%

    Stato = 100%

    c. Aliquote del 3% per produzioni derivanti da concessioni e ottenute attraverso pozzi in terrafermaVersate interamente allo Stato per alimentare il fondo di riduzione del prezzo dei carburanti.

    d. Aliquote del 3% per produzioni derivanti da concessioni in mareVersate interamente allo Stato e destinate per il 50% al Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare perassicurare il pieno svolgimento delle azioni di monitoraggio e contrasto dellinquinamento marino e per il restante 50% alMinistero dello sviluppo economico per assicurare il pieno svolgimento delle attivit di vigilanza e controllo della sicurezzaanche ambientale degli impianti di ricerca e coltivazione in mare.

    Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Totale0 20.602.297 21.765.940 22.216.421 21.763.828 18.733.583 18.893.685 14.849.494 3.502.944 142.328.1920 727.319 7.534.516 9.222.680 8.290.614 8.675.474 8.576.064 7.457.573 8.077.350 58.832.545

    6.837.234 6.440.646 5.665.280 5.392.127 4.707.874 4.138.435 4.104.156 3.484.963 3.137.852 65.778.4791.950.398 1.756.193 1.664.722 1.591.634 1.486.139 1.345.986 1.414.081 1.486.023 1.523.607 21.438.078

    Produzione di GAS NATURALE (Smc) Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobr

    2011 0 0 0 0 20.602.297 21.765.940 22.216.421 21.763.828 18.733.583 18.893.62012 270.955 0 0 0 727.319 7.534.516 9.222.680 8.290.614 8.675.474 8.576.02013 8.053.500 6.792.073 7.024.339 6.837.234 6.440.646 5.665.280 5.392.127 4.707.874 4.138.435 4.104.12014 2.650.764 2.224.529 2.344.002 1.950.398 1.756.193 1.664.722 1.591.634 1.486.139 1.345.986 1.414.0

    MineraleProdotto

    Ubicazioneconcessione

    Quota annuale di produzioneesente da royalties

    Aliquotaroyalty

    (a) (b)

    Fondo riduzione prezzocarburanti (1)

    (c)

    Aliquota ambiente esicurezza (2)

    (d)

    Olio Terra 20.000 tonnellate 7 % 3 % Olio Mare 50.000 tonnellate 4 % 3 %Gas Terra 25 milioni di metri cubi 7 % 3 % Gas Mare 80 milioni di metri cubi 7 % 3 %

    1. Legge 23 luglio 2009, n. 99Disposizioni per lo sviluppo e l'internazionalizzazione delle imprese, nonche' in materia di energia.Art. 45 - Istituzione del Fondo per la riduzione del prezzo alla pompa dei carburanti nelle regioni interessate dalla estrazione di idrocarburi

    2. Decreto Legge 22 giugno 2012, n. 83Misure urgenti per la crescita del Paese. Art. 35 - Disposizioni in materia di ricerca ed estrazione di idrocarburi

    Indicazioni generali sulle royalties applicate alle produzioni di idrocarburiLe produzioni delle concessioni di coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi sono soggette a royalties per la quota eccedente leproduzioni annuali indicate nella seguente tabella. Ai quantitativi di prodotto che superano la quota esente, sono applicate aliquoteroyalties in relazione alla collocazione mare/terra della concessione (rif.to: articolo 19 del Decreto Legislativo 25 novembre 1996, n. 625)

  • PonzioPonzio

    PonzioPonzio

    4 | n.9 - febbraio 2015 | Ponzio News

    Diversi i progetti che si stanno avviando in questi mesi, grazie all indivi-duazione di bandi indetti da enti statali volti alla valorizzazione di strutture preesistenti sul territorio e al recupero di siti colpiti dalle recenti calamit naturali. Dopo numerosi solleciti da parte dellAmministrazione, buone notizie arriva-no dalla Provincia che ha provveduto a realizzare il progetto per la messa in sicurezza della strada provinciale Fonte Moscovia, principale arteria di comunicazione tra il centro del Paese e la frazione Capparuccia. Seguendo le direttive promosse dalla Comunit Europea in termini di rispar-mio energetico e il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico V Conto Energia che fissa i nuovi incentivi per il fotovoltaico, lAmministrazione ha

    presentato la richiesta di contributo in conto interessi a valere sui mutui agevolati dellIstituto per il Credito Sportivo per la realizzazione dinterventi relativi a impianti sportivi scolastici esistenti. In questo modo sar possibile realizzare un impianto fotovoltaico di 49,5 kWp presso la palestra del Capoluogo, al fine di avere un vantaggio economico a lungo periodo. La scelta ricaduta su tale struttura, utilizzata dalladiacente Scuola Secon-daria di Primo Grado, in quanto lunica finanziabile dal bando 500 spazi sportivi scolastici , nato dalla collaborazione tra Presidente del Consiglio dei Ministri, ICS, ANCI e UPI. A stretto giro, inizieranno i lavori per larea ver-de antistante la Chiesa di S.Marco, il progetto iniziato dalla precedente am-ministrazione, stato leggermente rivisto a fronte di nuove economicit.

    Work in progress

    Nuove regole e nuove scadenze per il pagamento dellImposta Municipale Unica sui terreni agricoli.A met dicembre infatti, dopo la chiusura definitiva del bilancio, lo Stato ha deciso di tagliare al nostro Comune la somma di circa 48.000 , con limposizione di recuperarli proprio tramite lintroduzione dellImu sui terreni agricoli. Ancora una volta viene chiesto ai Comuni di essere dei meri esat-tori per assestare le casse statali e permettere la sopravvivenza dei servizi indispensabili ai cittadini.Dopo un susseguirsi di leggi e ricorsi al Tar, in seguito al Consiglio dei Ministri n. 46 del 23/01/2015, stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 19 del 24/01/2015 il DL n. 4 del 24/01/2015 con cui il Governo ha riscritto per lennesima volta i parametri per individuare i confini dellImu agricola per lanno 2015 e con effetti retroattivi anche per lanno 2014.Limposta colpir tutti i terreni in 3.882 Comuni, cio 1.601 in pi rispetto a quelli dove Ici e Imu si applicavano nel vecchio regime regolato dalla circo-lare ministeriale del 1993.Con questo documento quindi il nostro Comune risulta in via definitiva dall elenco ISTAT un comune Non Montano ( la sua altitudine di 248 metri sul livello del mare), pertanto sia per il 2014 che per il 2015 l Imu sui terreni agricoli dovuta da tutti, anche sui terreni di propriet di coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali anche quando

    concessi in fitto o comodato ad altri CD o IAP.La scadenza, retroattiva allanno 2014, fissata al 10 Febbraio 2015 con aliquota 0,76%.

    Per lanno 2015 limpegno dell Amministrazione quello di rivedere laliquota nelle possibilit e nei limiti concessi, dal momento che per questanno limposizione della tassa avvenuta in chiusura di bilancio non ha dato la possibilit di apportare modifiche allunico elemento che pu essere regolato dagli amministratori locali.

    I dati percentuali relativi alla raccolta differen-ziata sul nostro territorio sono purtroppo ancora ben lontani dallobiettivo del 65% che la nor-mativa nazionale ci impone. Da una percentuale del 33,75% di differenziata nellanno 2013 si passati nel 2014 al 38.1%. I dati dellultimo anno possono essere visionati pi nel dettaglio nella seguente tabella:I dati, seppur in lieve miglioramento, evidenziano i ben noti problemi di scarsa capienza delle isole ecologiche e gli ormai quotidiani abusi delle no-stre piazzole situate in punti strategici da parte di alcuni cittadini di comuni limitrofi. LAmmi-nistrazione sta vagliando diverse soluzioni (rafforzamento delle isole ecologiche, porta a porta, ecc.) e varie proposte per incrementare la percentuale di differenziata mantenendo costanti i costi e, pensando innanzitutto al bene dellambiente che ci circonda e in cui viviamo, diventare quindi un Comune virtuoso

    anche sotto questo aspetto. Per raggiungere questo obiettivo la collaborazione dei cittadini fondamentale e a proposito si vuole ricordare di fare ulteriore attenzione ai rifiuti organici: le nuove regole in materia di smaltimento di que-sti ultimi prevedono infatti lutilizzo esclusivo di

    sacchetti specifici che anche il Comune mette a disposizione dei cittadini; qualsiasi altro tipo di busta o contenitore renderebbe lumido un rifiuto non differenziabile con un conseguente aumento dei costi e quindi della tassazione applicata.

    IMU sui terreni agricoli...importante fare chiarezza!

    Raccolta Differenziata: nuove regole per lo smaltimento dei rifiuti organici

    UMIDO

    Kg123.600

    INDIFFE-RENZIATO

    Kg428.660

    CARTA

    Kg68.440

    PLASTICA

    Kg35.650

    VETRO

    Kg36.570

    fraz.riciclata

    anno 2014

    38,1%

  • PonzioPonzio

    PonzioPonzio

    Ponzio News | n.9 - febbraio 2015 | 5

    Lo scorso Novembre lo Stato Centrale ha dato la possibilit di rinegoziare alcuni mutui contratti negli anni passati permettendo la modifica del-le date di estinzione a 10, 15, 20, 25 o 30 anni. Nellintento di apportare benefici alle casse del Comune, lAmministrazione ha vagliato tutte le varie opzioni possibili ed ha optato per anti-cipare la scadenza di due mutui molto onerosi e di posticipare, invece, la scadenza di quelli che lo erano meno. Questa scelta ha compor-

    tato un risparmio annuo di 6.492 sui costi delle rate e lestinzione di un mutuo con une-conomia di 9.399 , rispetto al mantenimen-to della precedente data di scadenza, come possibile vedere dalla seguente tabella. La scelta pi semplice e immediata sarebbe sta-ta estendere la scadenza dei mutui al massimo concesso dallo Stato, permettendo in questo modo all attuale Amministrazione di avere a di-sposizione una maggiore liquidit annuale pari

    ad oltre 26.000 , ma gli interessi sarebbero aumentati di oltre 400.000 allo scadere dei mutui. Questoperazione lungimirante, invece, permet-ter comunque di avere un minimo di respiro a fronte dei molti tagli dovuti ai trasferimenti sta-tali, ma lelemento di maggiore rilievo che ci permetter di far risparmiare al Comune e, quin-di, ai cittadini circa 10.000 rispetto allattuale indebitamento.

    Questestate hanno preso il via i lavori di consolidamento e adeguamento sismico della struttura in cui hanno sede la scuo-la dellinfanzia e la scuola primaria G. Rodari presso il capoluogo. Nonostante i lavori siano proseguiti a pieno ritmo, a causa dellinstaurarsi in corso dopera di alcuni im-previsti tecnici relativi agli impianti, alla data della riapertura delle scuole stato possibi-le accedere solamente al primo piano di tale struttura (tutte le classi della scuola primaria). Perci gli utenti della scuola primaria hanno ricominciato regolarmente le attivit scolastiche nella suddetta sede, men-tre per i bambini dellinfanzia di Ponzano stato previsto il dislocamento presso la scuola materna di Capparuccia fino 13 Ottobre. Si pu prendere visione di tutte le informazioni e i costi sostenuti nella delibera di giunta n. 6 del 21.01.2015. Si precisa che rispetto ai costi ipotizzati in fase di pro-getto iniziale sono state apportate delle modifiche dovute alla presenza di

    imprevisti prevedibili e alla caducit degli im-pianti che dovevano necessariamente essere rifatti, il cui stato, per, non era prevedibile al momento della progettazione dei lavori. Ter-minati anche i lavori di uno dei monumenti storici pi importanti del Castello di Ponzano: la Torre Civica. Linstallazione allinterno di una piattaforma elevatrice a presenza uomo fa si che limponente struttura di-venti un passaggio obbligatorio per i Pon-zanesi e per chi vorr conoscere il nostro territorio. Da lass si potr godere di un pa-

    esaggio mozzafiato in cui lo sguardo di chi raggiunge la sommit si perde affascinato dal panorama che si dischiude davanti ai suoi occhi. Si potr accedere alla Torre tutti i giorni dal Luned al Sabato, dalle ore 9 alle 12, previa prenotazione tramite e-mail allindirizzo [email protected] o telefonicamente al numero 0734630108. Si pu salire due alla volta, in presenza di un impiegato comunale.

    Scelte difficili macon uno sguardo al futuro

    Lavori conclusi

    3

    8

    3

    8

  • PonzioPonzio

    PonzioPonzio

    6 | n.9 - febbraio 2015 | Ponzio News

    Nella nostra societ la tecnologia s sta sempre pi integrando con le attivit quotidiane dando il via ad un nuovo stile di vita, grazie al fatto che si cercato di renderla sempre pi accessibile e intuibile a tutti. Le nuove generazioni, i cosiddetti nativi digitali, si stanno formando con laiuto di questa nuova strumentazione, sembra che non possano fare a meno di oggetti come SmartPhone e Tablet. Con questi mezzi entrano in contatto con tutto il mondo, li usano per comunicare con il vicino, per fare qualsiasi cosa dal momento che permettono di avere tutto a portata di mano solo con un click. I pi grandi, invece, si devono riadattare a questi nuovi aggeggi di cui in passato si poteva fare a meno. Molti sono diffidenti e si lasciano prendere dallo sconforto

    ritenendo impossibile servirsene e continuando a fare tutto come lo facevano un tempo. Viste le potenzialit, per, di queste tecnologie non vale la pena di provare ad usarle o per lo meno fare un tentativo nel conoscere quale supporto possono fornire alla nostra vita? Pertanto, lAmministrazione Comunale vuole proporre un corso base per lutilizzo del sistema Android (uno tra i pi usati), in cui ver-ranno illustrate le sue applicazioni e svelate eventuali utilit che po-trebbero agevolare le attivit quotidiane. Prendete nota e tutti siete invitati, nessuno escluso, a segnare in agenda che il corso si terr il prossimo 18 marzo alle ore 21.15 presso la Sala polivalente di

    Capparuccia.

    A scuola di tecnologia

    La scuola uneducazione che continua nel territorioAnche per questanno si voluta rinnovare lim-portante collaborazione con alcuni esperti, avviata tre anni fa, per affrontare problematiche inerenti gli alunni delle scuole di vario grado. E stato infatti organizzato lo scorso 17 Dicembre il convegno I genitori cresconolungo il cammino dei figli, dedicato alle famiglie degli alunni e agli insegnan-ti delle scuole presenti nel territorio e riguardante i temi dell Affettivit - Sessualit e dei Disturbi Specifici di Apprendimento. Lincontro stato tenuto dalle esperte: la pedagogista e presidente sezione AID dott.ssa L. Iacopini , la sua preziosa collaboratrice la dott.ssa L. Cadria e lesperta in Educazione alla Affettivit e Sessualit e problemi delladolescenza dott.ssa R. Bastiani. Liniziativa, che ha visto un pubblico numeroso e attento, si ri-collega al percorso effettuato da questultima con gli alunni della Scuola Secondaria di I grado di Pon-zano di Fermo, ed stata loccasione per genitori di bambini di diverse et, insegnanti di tutti gli ordini di scuola ed educatori, di confrontarsi sulle diver-se tematiche, stimolando una maggiore consape-volezza e conoscenza dellargomento, e fornendo utili informazioni al fine di favorire un dialogo con i ragazzi in particolare nella complessa e delicata et adolescenziale.Visto il crescente numero di soggetti con DSA

    nel nostro territorio e limportante lavoro svolto negli anni passati, lAmministrazione Comunale ha riconfermato lattivazione dello sportello sui disturbi specifici dellapprendimento, in colla-borazione con la sezione di Fermo dellAID - As-sociazione Italiana Dislessia. Le dott.sse Cadria e Iacopini metteranno a disposizione dei genitori e degli insegnanti di ogni ordine e grado la pro-pria professionalit e una consulenza qualificata, fornendo informazioni di carattere generale sui disturbi specifici dellapprendimento (dislessia, disortografia, disgrafia e discalculia), indicazioni sulle strategie didattiche, consulenza sul reperi-mento, scelta ed usa degli strumenti compensa-tivi, supporto per la richiesta dei libri in formato digitale, informazioni sui riferimenti legislativi e sui servizi sanitari di competenza per la diagnosi e le-ventuale presa in carico di bambini e ragazzi con difficolt. Lo sportello sar aperto lultimo mer-coled del mese dalle 17.00 alle 18.30 presso i locali della delegazione comunale di Capparuc-cia (accanto alla sala polivalente).Il ciclo di incontri formativi per i genitori e per la cit-tadinanza dedicati alla crescita e alleducazione dei propri figli continua grazie alla collaborazione con il Coordinamento Nazionale Insegnanti Specializza-ti, che si occupa di costruire nel nostro territorio

    la collaborazione tra ricerca scientifica e scuola, ga-rantendo a ciascun bambino il potenziamento delle risorse umane nellapprendimento, nella relazione e nella comunicazione, al fine di superare qualsiasi tipo di ostacoli. Il primo appuntamento Crescere un gioco per bambini..e non solo...!!! fissa-to per il 20 Febbraio alle ore 21:15 presso la Sala Polivalente di Capparuccia, in cui verr illustrato il normale sviluppo psico-motorio, cognitivo ed emo-tivo dei propri figli, fornendo utili informazioni al fine di sviluppare delle capacit indispensabili per indivi-duare precocemente eventuali sviluppi atipici. Con-sapevoli del fatto che i primi anni di vita del bam-bino influenzano e condizionano la crescita e che i disturbi che si manifestano in et avanzata possono essere ricondotti ad esperienze infantili, questa sar unoccasione unica rivolta a tutta la popolazione e sar utile per confrontarsi con esperti, con lo scopo di fugare qualsiasi dubbio in merito.Il secondo appuntamento ...Andiamo a fare i compiti..?!? fissato invece nel mese di marzo alle ore 21:15 nella medesima sede, in cui verranno forniti strumenti e strategie per rendere efficace il tempo dedicato allo studio e consigli utili anche a coloro che affiancano i ragazzi in questo importan-te momento di rielaborazione degli apprendimenti scolastici.

    LAmministrazione Comunale ha inserito fra le proprie linee guida di mandato quelle di intervenire con una campagna di educazione alimentare nelle scuole del proprio territorio e non solo al fine di far conoscere le regole di una buona alimentazione ed identifica-re i comportamenti corretti in termini di scelta degli alimenti e abbinamento degli stessi. Il tutto con un approccio che unisca laspetto conoscitivo e didattico a quello ludico. Imparare a mangiare, conoscendo e giocando anche in ambito extra-scolastico. Questo approccio educativo risulta essere prope-deutico a quello pi impattante e relativo allinse-rimento di alcune tipologie di alimenti nella cucina della scuola o approfondire la conoscenza diretta degli stessi (coltivazione, lavorazione, conservazio-ne) favorendo lacquisizione delle buone e positive prassi adottate gi da diverse scuole dei comuni li-mitrofi attraverso ladesione a progetti come Orto a Scuola e Pappa Fish.Si crede, pertanto, fondamentale creare un legame

    fra scuola e territorio, fra iniziative di promozione sociale e turistica con le attivit didattiche ed edu-cative della scuola in un continuo scambio di ruoli, attivit e progetti. Nel nostro territorio possibile grazie ad una storica e ormai collaudata esperienza di condivisione progettuale e operativa fra scuole, famiglie, comunit locale, pro loco, imprese ed am-ministrazione comunale. Grazie al finanziamento erogato dalla Regione Mar-che in risposta al bando dedicato alla promozione del prodotto ittico (DGR 705/2014) si ha loccasio-ne di avviare il progetto denominato Tra colline e mare il pesce azzurro vogliam provare che d la possibilit di realizzare questa collaborazione e di promuovere la conoscenza nei diversi ordini di scuola, tra la popolazione del Comune e del territorio limitrofo sulla stagionalit delle pro-duzioni ittiche locali massive, al fine di favorire uno sfruttamento specifico di alcune specie del pescato in alcuni periodi dellanno. Ci si potreb-

    be chiedere perch un paese di collina promuova una tematica propria di quelli della costa. Ci na-sce dalla necessit dinformazione, di sfruttare al meglio le risorse del nostro mare educando anche la popolazione allacquisto di prodotti lo-cali e freschi conoscendone i benefici, le qualit nutrizionali e la stagionalit. Verr proposto un articolato cartellone di attivit ed eventi che coinvolgeranno lintera popolazione in tutto il territorio comunale a partire dal mese di marzo: incontri con nutrizionisti e pediatri, conve-gno, degustazioni, uscite scolastiche e. anche durante la Festa del Bambino verranno organizzate attivit a tema.Ulteriori dettagli verranno forniti nel corso dei mesi successivi dallAmministrazione Comunale e dagli altri partner del progetto. Insomma si tratter di un connubio tra collina e mare che vedr muovere i suoi primi passi nei pros-simi mesi.

    Tra colline e mare il pesce azzurro vogliam provare

  • PonzioPonzio

    PonzioPonzio

    Ponzio News | n.9 - febbraio 2015 | 7

    La figura del medico di famiglia fondamen-tale per ogni persona, colui che dopo tanti anni di conoscenza ci sa consigliare quale sia la soluzione migliore per risolvere un no-stro problema e per farci stare bene. Insom-ma colui che, grazie alla sua competenza ed esperienza maturata negli anni, ha una visio-ne completa ed esaustiva della nostra salute e di cui non possiamo fare a meno. per questo motivo che il pensionamento del dott. Tabarroni ha creato scompiglio, disagio e allarme tra le persone giovani ed anziane che da anni lo avevano come medico di fiducia, indispensabile per il mantenimento del proprio stato di salute e che garantiva un presidio costante a Ponzano rendendosi reperibile presso lambulatorio adiacente al Comune per diversi giorni la settimana.Riuscire a trovare un sostituto che potesse prendere il suo posto a Ponzano non stata cosa semplice. stato necessario contattare i medici che gi operavano sul territorio e che erano disposti ad ampliare il proprio numero di mutuati, ma non stato sufficiente in quanto non disponibili. Solo dopo

    un lavoro di confronto continuo tra lAmmini-strazione Comunale, che per la prima volta si trovava davanti ad una problematica del genere, e i dirigenti Asur, stato possibile in-dividuare un nome che fosse disponibile ad assumere lincarico e desse la disponibilit di garantire una presenza stabile a Ponzano esercitando la propria professione presso lambulatorio di Ponzano centro. Nel rispetto di una graduatoria consultabile presso il di-stretto sanitario stata contattata la dott.ssa Gabriella Ciarrocchi. Vista loccasione si , anche, ritenuto oppor-tuno sistemare il luogo che ospita il nuovo

    dottore realizzando dei piccoli lavori in economia con lausilio dei di-pendenti comunali per rendere pi confortevole e meno rigida lattesa dei pazienti. A tal fine sono stati eseguiti lavori dimbiancatura, di sistemazione della porta e ricollocazione di una finestra nuova per migliorare un ambiente che versava in condizioni precarie ormai da anni. Nella speranza che la si-tuazione sia stata risolta, lAmministrazione si rende disponibile a risolvere ulteriori esigenze dei suoi cittadini.

    Cambio generazionale.anche per il medico

    Guardare al futuro possibile farlo pensando al bene dei piccoli. Da dove partire? Da cosa i nostri bambini mangiano, e i primi ad essere rivoluzionati sono stati i men della mensa scolastica che non venivano rivisti da anni. Lindizione del nuovo bando per laffidamento dei servizi di mensa scolastica stata loccasione per riflettere anche sullalimentazione dei pi piccoli. stato incaricato un nutrizionista per redigere il nuovo men che rispettasse le nuove prescrizioni europee in materia di sana alimentazione e che garan-tisse unadeguata distribuzione dei diversi cibi nel corso delle settimane. La vetustit del men attuale, anche sulla base di confronti con altri dei servizi di refezione scolastici presenti in rete e nel territorio, era determinata sia dalle grammature dei singoli alimenti, lassenza di distinzione tra men estivo e men invernale con la relativa turnazione degli alimenti solo ogni tre settimane, lassenza quasi totale di legumi con un esubero, secondo le ultime indicazioni in materia, delle quantit di carne e patate somministrate.

    Si cercato di fare un lavoro oculato e attento in sinergia con coloro che operano in questi servizi, le cuoche, e i rappresentanti dei genitori, al fine di vagliare la fattibilit della proposta del nutrizionista. Sono state, inoltre, inserite anche le alternative per chi per problemi di salute, di allergie e motivazioni religiose non potesse mangiare determinati alimenti sempre nel rispetto di una proposta di dieta equilibrata.Inoltre chi pensa a far s che il ristoratore rispetti le indicazioni fornite in sede di bando? Per questo motivo stata istituita la Commissione mensa con cui dialoga e si confronta lAmministrazione per favorire la partecipazione e assicurare la massima trasparenza nella gestione del servizio di refezione scolastica e salvaguardare gli utenti nel servizio. Tale commissione disci-plinata da un regolamento che stato approvato con delibera di consiglio n. 29 del 24/11/2014, consultabile on-line sul sito del Comune. Questo un piccolo passo verso la salvaguardia dei nostri figli e della loro salute.

    Alimentazione sana nei nuovi menu

    arrivata la Befana anche questanno dolci nonnine arrocca-te sul castello di Ponzano e dallaspetto generoso han-no accontentato anche i desideri dei bambini con regali e lec-cornie. Grazie allinstanca-bile e prezioso lavoro del Centro Sociale la Torre in col-laborazione con lAmministrazione stato possibile lavverarsi di questa sana tradizione familiare. Non si pu certo dire che la Befana porti solo ce-nere e carbone anzi lamore degli

    organizzatori e delle giovani befane che hanno partecipato allevento hanno

    permesso che que-sta figura diventasse per i bambini un per-sonaggio amorevole, familiare, benevola e

    anche loccasione per trascorrere un pomeriggio in compagnia di tut-

    ta la famiglia. La tradizione dice la Befana tutte le feste porta via.e noi aggiungiamo con allegria.

    BefanaPremiazione Domenico Minnuci

    Giornata di festa per laProtezione Civile di Ponzano lo scorso 14 Novembre in occasione delliscrizione allAlbo dOnore della Protezione Civile di Domenico Minnucci, onorificenza riservata ai

    volontari che compiono i 75 annidi et. Presente fin dalla creazione del gruppo, continuer a dare il suo contributo trasmettendo la propria preziosa esperienza ai pi giovani.

    ORARIO AMBULATORIO MEDICINA DI BASEDott.ssa Maria Gabriella Ciarrocchi

    Tel.: 339.3839959

    Luned 15:45 - 17:00MartedMercoled 17:30 - 18:45GiovedVenerd 09:30 - 10:45Sabato

    MATTINO POMERIGGIO

  • PonzioPonzio

    PonzioPonzio

    8 | n.9 - febbraio 2015 | Ponzio News

    Si sono svolte il 21 Novembre presso la sala po-liv lente di Capparuccia e lo scorso 4 Febbraio presso la sala polivalente di Ponzano le lezioni interattive sulle manovre di disostruzione pedia-trica. Mamme e pap in prima fila, e non solo, hanno partecipato attivamente al corso gratuito tenuto in collaborazione con la pluriennale espe-rienza dellassociazione Croce Verde di Fermo, con il dott. Paolo Mazzoni, medico del Pronto Soccorso, linfermiera professionale Manuela Callar e listruttore sanitario Fabrizio Ciccola. Dopo una prima fase della lezione dedicata ai possibili rischi di ostruzione delle vie aeree e una panoramica sui diversi casi di occlusione negli

    adulti e nei bambini, i partecipanti si sono sottoposti a tre diverse pro-ve pratiche su manichini, mettendo in atto le diverse tecniche di primo intervento per neonati, bambini e adulti. La curiosit e linteresse dei partecipanti hanno spinto gli orga-nizzatori a prevedere un ulteriore incontro, questa volta dedicato alla prevenzione degli incidenti do-mestici e alle intossicazioni che si terr venerd 13 marzo alle ore 21.15 presso la sala polivalente di Capparuccia. Per ulteriori informazioni e prenotazioni vi potete rivolgere a

    Barbara Falcioni 3477022972 e Gianluca Marzia-li 3389010815. Le iscrizioni al corso gratuito sono aperte fino al prossimo 10 marzo.

    Questa Amministrazione Comunale, in collaborazione con il Centro Acustico ACUFON, nellintento di sensibilizzare la popolazione sui rischi per la perdita delle capacit uditive nelle persone che hanno superato i 65 anni (presbiacusia), mette a disposizione i tecnici del Centro Acufon per un TEST AUDIOMETRICO GRATUITO, da effettuarsi presso i locali comunali nei modi e nei tempi che verranno comunicati in seguito, per valutare la capacit uditiva e mettere in atto iniziative affinch la qualit della vita della persona che manifestano questa carenza possa migliorare. Ludito un canale fondamentale dintera-zione con il mondo esterno e ancor pi una funzione irrinunciabile per la comunicazione umana e la vita di relazione, la perdita o la riduzione di questo senso porta a conseguenze socio-sanitarie estremamente importanti per chi soffre di questa patologia.Lo Stato riconosce limportanza di avere un udito efficiente e mette a disposizione, di coloro che ne hanno diritto, la fornitura gratuita degli apparecchi acustici. Naturalmente la possibilit di effettuare lesame audiometrico gratuito aperta anche a persone di et inferiore che manifestino sintomi legati ad una carenza delludito o vogliano fare una valutazione dello stesso.Basta compilare il modulo di adesione sottostante e riconsegnarlo entro il 14 Marzo 2015 presso lo sportello Anagrafe del Comune di Ponzano di Fermo o presso la Delegazione Comunale di Capparuccia negli orari di apertura.

    Corso di disostruzione pediatrica e non solo .

    Visita audiometrica gratuita

    DATA __________________ FIRMA __________________

    Il/I sottoscritto/i (se pi persone inserire i nomi)1) _______________________________________________ Et_____2)________________________________________________ Et_____3)________________________________________________ Et_____

    Chiede di poter partecipare al TEST AUDIOMETRICO GRATUITOper la valutazione della propria capacit uditiva. Numero telefonico dove contattarmi per ssare lappuntamento ______________________________

    Resta inteso che la partecipazione a questo test audiometriconon mi impegna in alcun modo per il futuro.

    Luogo di eettuazione del test: Ponzano capoluogo Capparuccia

    MO

    DU

    LO T

    EST

    AU

    DIO

    MET

    RICO

    GRA

    TUIT

    OM

    OD

    ULO

    TES

    TA

    UD

    IOM

    ETRI

    CO G

    RATU

    ITO

    Siamo un po in l con i tempi, ma non poteva mancare un piccolo spazio dedicato al grande successo per la quarta edizione di Dolci pensieri di Natale, la festa fortemente voluta da Capparuccia Commercio, effervescente associazione dei 26 commercianti presenti sul territorio della frazione di Ponzano, e patrocinata dal Comune di Ponzano di Fermo. Una festa nata dal desiderio di trascorrere una Domenica insieme nel periodo natalizio, con tante attivit per grandi e piccini. Il programma infatti prevedeva negozi aperti e mercato per lintera giornata, ed stato arricchito dal mercatino tipico, con artigiani ed hobbisti, dal contributo delle associazioni di volontariato, dai ragazzi dellA.C.R, dai volontari delle associazioni sportive, dai ragazzi della Casa di Mattoni. Di grande successo e sempre pi strutturati i laboratori per bambini dai 2 ai 12 anni, gestiti da volontari e animatori. Ma la grande novit di questa edizione 2014 stata quella delle visite animate al Museo della Civilt Contadina, che ha aperto le porte per raccontare di un passato vicino, che molto ha da insegnare e raccontare. Hanno arricchito la manifestazione gli artisti di strada, le passeggiate a cavallo per i ragazzi pi grandi, mentre per i piccolini la visita alla casa di Babbo Natale, messa a disposizione da unimpresa del territorio e costruita secondo i pi moderni standard di eco compatibilit,

    con tanto di folletti che hanno aiutato i bambini a scrivere la loro letterina e quante letterine sono state inviate. speriamo che i desideri dei bambini siano stati esauditi! Le sorprese per i bambini non sono certo mancate anche con leffervescente presenza del maestro Marco Moschini che ha entusiasmato con il suo spettacolo Filastrocche e giochi presso il Centro per linfanzia.Non mancato lo sport, con partite di basket in un campetto realizzato ad hoc. Ogni esercizio commerciale, inoltre, come consueto ci ha messo del suo, troppo lungo elencare le proposte di ciascuno, dagli sconti sugli acquisti agli assaggi dei prodotti tipici, alla lotteria gratuita con ben 26 premi in palio. E non dimentichiamoci della beneficienza: il mercatino nato dalla collaborazione tra il Centro Sociale La Torre e l'Associazione Arte e Solidariet ha raccolto 400 da destinare alla Lega del Filo d'Oro. Tutto questo stato possibile grazie soltanto alla passione e alla disponibilit di tutti gli organizzatori, alla passione e disponibilit dei commercianti e di quanti credendo nelliniziativa hanno dedicato un po' del loro tempo per la riuscita dell'evento; un ultimo ringraziamento va alla Protezione Civile, i tanti volontari che sono sempre presenti nelle manifestazioni locali e che garantiscono la sicurezza di tutti i partecipanti.

    Dolci pensieri di Nataleun evento in continua crescita

    PER PERSONE PARTICOLARMENTE ANZIANE O CON DIFFICOLT DI COMUNICAZIONE SI CONSIGLIA LA PRESENZA DI UN FAMILIARE.