MANUALE D’USO E MANUTENZIONE STUFE A PELLET · MANUALE D’USO E MANUTENZIONE L’Arte del fuoco...

of 36/36
MANUALE D’USO E MANUTENZIONE L’Arte del fuoco nel rispetto della natura dal 1975 STUFE A PELLET MADE IN IT MADE IN ITAL ALY Gentile Cliente, nel ringraziarla di aver scelto una nostra stufa la invitiamo a leggere questo manuale prima di procedere all’installazione. Questo manuale è stato ideato e prodotto dalla VIBROK CAMINETTI s.r.l. Via Palianese Sud km 4,500 • Località Cervinara 03018 Paliano (FR). Sono vietate la stampa e la riproduzione anche parziale di tale manuale senza autorizzazione della Vibrok Caminetti s.r.l. Carlotta S 08/09 Vittoria S
  • date post

    15-Feb-2019
  • Category

    Documents

  • view

    290
  • download

    2

Embed Size (px)

Transcript of MANUALE D’USO E MANUTENZIONE STUFE A PELLET · MANUALE D’USO E MANUTENZIONE L’Arte del fuoco...

M A N U A L E D U S O E M A N U T E N Z I O N E

LArte del fuoco nel rispetto della natura

dal 1975

STUFE A PELLET

MADE IN ITMADE IN ITALALY

Gentile Cliente, nel ringraziarla di aver scelto una nostra stufa la invitiamo a leggere questo manuale prima di procedere allinstallazione.

Questo manuale stato ideato e prodotto dalla VIBROK CAMINETTI s.r.l.Via Palianese Sud km 4,500 Localit Cervinara 03018 Paliano (FR). Sono vietate la stampa ela riproduzione anche parziale di tale manuale senza autorizzazione della Vibrok Caminetti s.r.l.

Carlotta S08/09

Vittoria S

STUFE A PELLET

1. INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA..................................................

2. GENERALIT sulla stufa a pellet..............................................................

3. MONTAGGIO, INSTALLAZIONE E PRIMA ACCENSIONE.............

4. FUNZIONAMENTO....................................................................................

5. DESCRIZIONE COMPONENTI...............................................................

6. DIMENSIONI DELLE STUFE..................................................................

7. PULIZIA E MANUTENZIONE.................................................................

8. COMPONENTI ED EVENTUALE SOSTITUZIONE............................

DATI TECNICI................................................................................................

GESTIONE ANOMALIE................................................................................

9. CANALIZZAZIONE PER STUFA MOD. VITTORIA S.....................

10. PROGRAMMAZIONE MOD. CARLOTTA S, VITTORIA S..............

11. MENU VISUALIZZAZIONE....................................................................

12. SCHEMA ELETTRICO............................................................................

NOTE PER LO SMALTIMENTO E DEMOLIZIONE...............................

GENERALITA.................................................................................................

TAGLIANDO DI CONTROLLO....................................................................

GARANZIA......................................................................................................

Pag. 3

Pag. 4

Pag. 6

Pag. 9

Pag. 17

Pag. 18

Pag. 19

Pag. 21

Pag. 23

Pag. 24

Pag. 25

Pag. 26

Pag. 27

Pag. 28

Pag. 30

Pag. 30

Pag. 31

Pag. 33

Indice

Le stufe illustrate in questo manuale sono progettate e costruite esclusivamente dalla :

Vibrok Caminetti s.r.lSede e Stabilimento : Via Palianese Sud Km.4,50003018 Paliano (FR) ITALYTel. 0775/57 00 10 Fax. 0775/53 20 00

STUFE A PELLET

3

ModelliModelliCarlotta S, Vittoria S

1. Informazioni sulla sicurezza

Le stufe sopra elencate sono costruite e provate seguendo la prescrizione nellemacchine e la direttiva CE 98/37 conformi alla pr EN 14785 per le stufe a pellet.Per linstallazione delle stufe a pellet si consiglia di leggere attentatemente questomanuale duso e manutenzione. In caso di chiarimenti ed assistenza rivolgersial rivenditore autorizzato.

Il collegamento elettrico a norma di legge deve essere installato con la massa aterra e con interruttore differenziato.Prima di ogni intervento sulla stufa accertarsi che sia disinserita la presa di corren-te elettrica.In caso di anomalie di funzionamento lalimentazione del pellet si interrompe. consigliabile riaccendere la stufa solo dopo averne accertato la causa.In caso di cattiva combustione con accumulo del pellet nel braciere verificarne lacausa. Dopo aver sistemato lanomalia procedere con il funzionamento.La stufa a pellet pu essere collegata elettricamente solo dopo aver ultimato laconnessione dei tubi di scarico fumi alla canna fumaria.(Vedi installazione pag. 7)Si consiglia di alimentare la stufa con pellet di buona qualit e che rispetti lenorme vigenti.Tenere chiuso lo sportello della camera di combustione durante il funzionamento.Il funzionamento della stufa a pellet pu provocare il surriscaldamento delle super-fici, delle maniglie, delle tubazioni e del vetro.Durante il funzionamento si consi-glia di non toccare queste parti. vietato depositare oggetti non resistenti al calore non rispettando la distanzaminima di sicurezza prescritta.( Vedi fig. 3 pag. 6 )Non usare mai combustibili liquidi n per laccensione n per il funzionamentodella stufa. La stufa tramite cronotermostato si pu accendere automaticamente.Ricordarsi di tenere pulito il braciere prima di ogni accensione e controllarnelesatto collocamento

1.1. Consigli per la sicurezza

STUFE A PELLET

2. Generalit della stufa a pellet

La stufa a pellet permette una combustione completamente automatica e rego-lata del pellet di legno. Il serbatoio del combustibile contiene circa 25 Kg. dipellet e consente unautonomia di funzionamento di 12/48 ore. La centralinaregola la fase daccensione, quella di lavoro e quella di raffreddamento, garan-tendo un funzionamento ottimale della stufa. La pulizia della camera di combustione, del braciere e del vetro va eseguita quo-tidianamente prima di ogni accensione. Il cliente pu decidere a che potenza farlavorare la stufa, la temperatura che vuole raggiungere, lo spegnimento e lac-censione (tramite cronotermostato). Uneventuale modifica dei parametri presta-biliti effettuabile grazie ad una tabella fornita in allegato a questo manuale diuso e manutenzione. La stufa a pellet stata costruita secondo le normativevigenti ed stata realizzata per la combustione di pellet normatizzati ( 6 mm).

2.1. Generalit sul combustibile

La scelta del legno come combustibile equivale ad un riscaldamento pulitodelle vostre case (Fig.1). I pellet, provenienti da scarti del legno e della sua lavo-razione, pressati con particolari procedure, si lasciano trasformare a basso costoin modo pulito ed estremamente efficiente in energia termica. I pellet di legnosono costituiti al 100% da residui di legno non trattati (trucioli, segatura, cippat-to, derivati ecc.). Questi residui vengono essicati, triturati e compressi ad altapressione in speciali presse per pellet. Laggiunta di leganti o altri addittivi non permessa.

fig. 1

4

STUFE A PELLET

5

Le norme Vigenti Europee definiscono la qualit del pellet:

Potere calorifico: ca. 4,9 kWh/kgLunghezza: ca. 10 30 mmDiametro: ca. 6 mmUmidit residua: ca. 6,6 %Cenere: ca. 0,2 %Peso specifico: >1,0 kg/dm3

Due kg di pellet hanno circa lo stesso potere calorico di un litro di metano. Ilvolume di 3 mc di pellet equivale a quello di ca. 1.000 litri di gasolio.Il pellet a contatto con lumidit si gonfia molto, per questo bisogna proteggerlidallumidit sia durante il trasporto che durante lo stoccaggio.

A seconda della provenienza del materiale grezzo e della pressatura della massa,possono nascere delle differenze nella qualit del pellet. Le caratteristiche tecni-che possono essere determinate solo con appositi strumenti. Oltre ai dati dichia-rati dal produttore pu essere utile anche una prima analisi ottica allacquisto:

Buona qualit: lucido, liscio, lunghezza regolare, poco polveroso

Scadente qualit: spaccature orizzontali e trasversali, molto polveroso, varie lunghezze.

STUFE A PELLET

3. Montaggio, installazione e prima accensione

3.1 Sonda termostato ambiente

Assicurarsi che la sonda termostato ambiente si trovi esternamente alla stufa eche non sia a contatto con l'acciaio. Un eventuale contatto tra la sonda e le lamie-re riscaldate dal funzionamento potrebbero falsare il rilevamento del termostato.(fig.2)

Fig. 2: sonda termostato ambiente

3.3 Distanze di sicurezza

La stufa deve essere posizionata a distanza da materiali infiammabili. Se talimateriali si trovano a contatto con la stufa (es pavimenti in legno,pareti in legnoecc.) bisogna coibentarli e isolarli.Le distanze minime di sicurezzasono le seguenti:

Posteriore 20 cmLaterale 100 cmFronte 100 cm

3.2. Installazione della stufa

Per linstallazione della stufaattenersi alle norme regionali enazionali vigenti.

20 cm

100 cm 100 cm

100 cm

Distanze di sicurezza

( fig. 3 )

A

A

6

STUFE A PELLET

7

3.4. Collegamento uscita fumi

Il collegamento per luscita fumi pu essere effettuato in diversi modi (Vedischemi riportati). Per non avere uneventuale uscita dei fumi tra i raccordi, tuttii condotti, in particolar modo il collegamento con la stufa e i tratti che percorro-no linterno dellabitazione, devono essere sigillati ermeticamente con fascettestringi tubo e nastro alluminato. La dimensione delluscita fumi deve essere con-forme a quanto riportato nella scheda tecnica e preferibilmente in acciaio conparete interna liscia di sezione circolare (fig. 4); nei tratti che passano esterna-mente, bisogna montare una canna fumaria 80 mm a doppia parete o coiben-tarla con fibra ceramica alluminata. La canna fumaria deve avere unadeguatapendenza, un adeguata altezza, un comignolo anti vento e un tappo dispezione.Quando il percorso della canna fumaria eccessivo, oppure ci sono condizionidi scarso tiraggio, bisogna modificare i parametri tecnici della stufa, adattandolialle proprie caratteristiche.

Alcuni esempi dinstallazione di canne fumarie.

STUFE A PELLET

La sezione delluscita fumi dovr essere costante per tutta la sua lunghezza( Vedi schema installazione Punto 2). Nel caso luscita fumi venga inserita in unacanna fumaria esistente assicurarsi di portarla fino al colmo del tetto. Assicurarsiche luscita fumi sia sempre pulita e libera da impedimenti tipo nidi di uccelli,corpi estranei o eventuali reti poste nel comignolo.

N.b. Per collegare la stufa alla canna fumaria utilizzare un raccordo a T, postoalmeno a 50 cm dalla stufa, con tappo deposito condense che va pulito una voltala mese.

Tubazioni utilizzabili per realizzazione di unuscita fumi:

Curva a 90 80 mm Acciao

Tubo rigido 80 mmAcciao

Raccordo a 90 con tappo di chiusura

80 mmAcciao

3.5. Presa ariaAssicurarsi che lambiente in cui posizionata la stufa sia ben arieggiato. In casocontrario necessario creare una presa daria esterna.

3.6. Prima accensione

Assicurarsi che:

1. Siano stati tolti gli attrezzi dal cassetto portacenere.2. Sia stato riempito il serbatoio del pellet ( 6 mm).3. Il braciere nella camera di combustione sia ben inserito nel

suo alloggiamento.4. Lo sportello della camera di combustione sia chiuso ermeticamente.

(fig. 4)

8

STUFE A PELLET

9

5. Il cassetto portacenere sia ben chiuso.6. Il cavo della stufa sia collegato ad una presa di corrente 220 V e posizionarelinterruttore posteriore su ON.N.b.: durante le prime accensioni occorre arieggiare bene lambiente in quanto sipotrebbero sviluppare cattivi odori dovuti allevaporazione di olii e vernici pre-senti in tubi, fascette, motori, ecc.

Pulire bene il braciere ed eventuali residui di pellet nellastufa ogni giorno, prima di ogni accensione.Per avviare la stufa, basta premere per qualche istante iltasto P1 della centralina o il tasto ON sul radiocomando:la stufa passer per gli stati di Chec, ON1, ON2, ON3, ON4 fino allafase di stabilizzazione ON5;scritte riportate sul Disp.1Terminata la fase di stabilizzazione, la stufa si porta in modalit di lavoro, visua-lizzando la potenza calorica (da 1 a 5) sul Disp.3 selezionata tramite i tasti P3 eP4 o dai tasti () e ( + ) del radiocomando sempre che che il valore della tem-peratura ambiente visualizzata sul Disp.2 sia inferiore al termostato ambienteimpostato tramite i tasti P5 e P6.Es: se impostiamo il termostato ambiente su 20, al raggiungimento di tale tempe-ratura, la stufa si posizioner automaticamente al consumo minimo con messaggiMod sul Disp.1 e E su Disp.3N.B. E normalissimo che nella prima accensione della stufa e ogni qual volta lastufa si spenga per assenza di pellet, la fasedaccensione duri qualche minuto in pi, questo perch la coclea vuota.Se la stufa non dovesse accendersi alla prima accensione andr automaticamentein spegnimento con messaggio finale su Disp.1 di Alt alternato con Er12.

DISP 1

DISP 2DISP 3

4. Funzionamento

4.1. La fase davvio

STUFE A PELLET

Terminata la fase di spegnimento bisogna svuotare il braciere e individuare lacausa della mancata accensione (vedi par. Gestione delle anomalie). Una voltarisolto il problema procedere con una nuova accensione.

4.2. La fase di spegnimento

Lo spegnimento della stufa avviene tenendo premuto per qualche secondo iltasto P1 della centralina o il tasto OFF del radiocomando; apparir cos la scrit-ta OFF su Disp.1.I motori resteranno accesi per circa 20 minuti per completare il raffreddamentoe lo spegnimento della stufa. Al termine sul Disp.1 comparir lorario corrente.

4.3. Mancanza di corrente

Nel caso in cui la corrente venga a mancare per pochi secondi, al suo ritorno lastufa continuer la sua fase di lavoro.Nel caso in cui la corrente venga a mancare per pochi minuti, la stufa si riaccen-der automaticamente con messaggio su Disp.1 di rEcAl contrario, dopo una lunga assenza di corrente la stufa andr in raffreddamen-to. Una volta che i motori della stufa si fermano, avendo quindi completato lafase di spegnimento e raffreddamento, pulire bene il braciere e procedere con unanuova fase daccensione

4.4. Impostazione della temperatura desiderata

Per modificare limpostazione della temperatura ambiente desiderata, suffi-ciente premere i tasti P5 (aumenta) e P6 (diminuisce):la temperatura impostata visualizzata su Disp.2. , mentre su Disp.3 appare t La temperatura massima che si pu impostare 40C, quella minima 10C.Una volta impostata la temperatura desiderata, aspettare qualche secondo e lacentralina torner alla schermata iniziale.A questo punto, quando la temperatura rilevata dalla sonda raggiunge la tempe-ratura impostata, la stufa si posiziona in modalit Mod e quindi ad un consumominimo di pellet. Quando la temperatura rilevata dalla sonda si abbassa di 1grado, la stufa si riposiziona sullultima potenza selezionata (es. 5).

10

STUFE A PELLET

11

4.5. Men Utente

Struttura del MenDescrizioneDisp.1

ProgrammaGiornaliero

ProgrammaSettimanale

ProgrammaWeekend

Ricette diCombustione

Orologio

Caricamento Pellet

AbilitazioneRadiocomando

Accesso ParametriProtetti

3 Fasce orarie per ogni giorno

3 Fasce orarie per tutti i giorni

3 Fasce orarie per i giorni dal Luned al Venerd3 Fasce orarie per i giorni dal Sabato alla Domenica

Per selezionare la ricetta di combustione ottimale

Per impostare la data e lorario

Per forzare il caricamento pellet in caso di coclea vuota

Per abilitare/disabilitare il Radiocomando

Accesso con password ai parametri tecnici di installazione

Gior

SEtt

FiSE

ricE

oroL

Lood

tELE

tPAr

Cron

4.6. Programmazione CRONOAnche se si programma la stufa bisogna comunque svuotare e pulire bene il bra-ciere prima di ogni accensione.

Disp.1

Programmazionenon abilitata

Settimanale

Week end

_ _ _ _

20.30

Disp.3 Disp.2 Led ON Led OFF

Orario di ON/OFF

Giornaliero

1

2

3

Lu - Do

Ld

LV

Sd

Orario diAccensione

Orario diSpegnimento

FASCIA

ORARIA

STUFE A PELLET

12

Gior

SEtt

FiSE

Cron

Disp.1

Accedere al men tramite P2

_ _ _ _

00.00

Disp.3 Disp.2 Led ON Led OFF

1

2

3

Lu - Do

Ld

LV

Sd

06.00

09.00

00.00

1

2

3

1

2

3

1

2

3

Lu - Do

Ld

LV

Sd

Lu - Do

Ld

LV

Sd

Lu - Do

Ld

LV

Sd

Istruzioni

Tramite P3 e P4 portarsi su Crono

Conferma con il pulsante P8

Tramite P3 e P4 portarsi sullaprogrammazione desiderata

Conferma con il pulsante P8

Tramite P3 e P4 portarsi suGiorno, Fascia Oraria eOrario di Accensione

Premere P1 per abilitare lafascia oraria se non abilitata

Conferma con il pulsante P8

Conferma con il pulsante P8

Conferma con il pulsante P8

Conferma con il pulsante P8

Tramite P3 e P4 si selezionanoORE o MINUTI (lampeggiante)Tramite P5 e P6 impostare il valore

Tramite P3 e P4 portarsisullorario di Spegnimento

Tramite P3 e P4 si selezionanoORE o MINUTI (lampeggiante)Tramite P5 e P6 impostare il valore

ACCESO

ACCESO

ACCESO

ACCESO

Per USCIRE premere il pulsante P7Funzione valida in qualsiasi fase di programmazione

4.7. Abilitazione CRONOLed G Led S Led W FunzioneIstruzioni

Premere il pulsante P7 fino allaccensione del Led diprogrammazione desiderato

OFF OFF OFFON

ON

ON

SettimanaleWeek end

GiornalieroManuale

STUFE A PELLET

13

4.8. Ricetta di Combustione

ricE

Disp.1

Accedere al men tramite P2

00.01

Disp.3 Disp.2 Led ON Led OFFIstruzioni

Tramite P3 e P4 portarsi su Ricetta

Conferma con il pulsante P8

Tramite P5 e P6 si seleziona il valore

Conferma con il pulsante P8

Per USCIRE premere il pulsante P7Funzione valida in qualsiasi fase di programmazione

4.9. Orologio

oroL

Disp.1Accedere al men tramite P2

09.00

Disp.3 Disp.2 Led ON Led OFFIstruzioni

Tramite P3 e P4 portarsi su Orologio

Conferma con il pulsante P8Tramite P3 e P4 si selezionaOre / Minuti / Giorno (lampeggiante)Tramite P5 e P6 impostare il valore

Conferma con il pulsante P8

Per USCIRE premere il pulsante P7Funzione valida in qualsiasi fase di programmazione

Lu - do

4.10. Caricamento Manuale Pellet

LoAd

Disp.1Accedere al men tramite P2

00.01

Disp.3 Disp.2 Led ON Led OFFIstruzioni

Tramite P3 e P4 portarsi su Load

Conferma con il pulsante P8

P5 attiva il motore cocleaP6 spegne il motore coclea

Conferma con il pulsante P8

Per USCIRE premere il pulsante P7Funzione valida in qualsiasi fase di programmazione

00.00

4.11. Radiocomando

tELE

Disp.1Accedere al men tramite P2

Disp.3 Disp.2 Led ON Led OFFIstruzioni

Tramite P3 e P4 portarsi su Tele

Conferma con il pulsante P8

Conferma con il pulsante P8

Per USCIRE premere il pulsante P7Funzione valida in qualsiasi fase di programmazione

tELETramite P5 e P6 si attiva/disattiva

ON

ON

OFF

OFF

STUFE A PELLET

14

4.12. Accesso Parametri Protetti

tPAr

Disp.1Accedere al men tramite P2

Disp.3 Disp.2 Led ON Led OFFIstruzioni

Tramite P3 e P4 portarsi su tPAr

Conferma con il pulsante P8

Conferma con il pulsante P8

Per USCIRE premere il pulsante P7Funzione valida in qualsiasi fase di programmazione

0_ _ _Digitare la Password di accessotramite i tasti P5, P6 e P8

ON

OFF

4.13. Descrizione comandi pannello frontale

Tasto P1

Dispositivo Funzione 1 Funzione 2

Tasto P7

Tasti P3 e P4

Tasti P5 e P6

Tasto P2

Tasto P8

Led

Led

Led

Led

Led

Led

Led

Led

Accensione / Spegnimento Manuale

Attivazione Programmazione CRONO

Aumento / Diminuzione potenza calorica

Aumento / Diminuzione Set Temperatura

Accesso al Men

Premuto a lungo:Visualizzazioni grandezze

Stufa in funzionamento normale

Ventola ambiente in funzione

Resistenza Accesa

Coclea accesa

Programmazione Giornaliera attivata

Programmazione Settimanale attivata

Programmazione Week end attivata

Termostato Ambiente raggiunto

Uscita da Men

Scorrimento voci in Men

Modifica valori in Men

Modifica valori in Men

Conferma in Men

Lampeggiante:Accensione / Spegnimento

Programmazione Orario diAccensione in CRONO

Programmazione Orario diSpegnimento in CRONO

P1

P2

P3

P4

P5

P6

P7

P8

STUFE A PELLET

15

4.14. Descrizione Radiocamando

Tasto P1

Dispositivo Simbolo Funzione

Tasto P2

Tasto P3

Tasto P4

OFF

ON

__

+

Spegnimento

Accensione

Diminuzione potenza calorica

Aumento potenza calorica

Il Radiocomando funzione tramite onde radio: pertanto non necessario

puntarlo verso la stufa.

La centralina risponde al comando con un segnale acustico Bip

Il Radiocomando funziona con batteria da 12 Vdc INCLUSE

4.15. Autoapprendimento Codice Radiocomando

Radiocomando

1. Aprire il vano batteria spostando verso destra il coperchio

2. Modificare il codice cambiando la configurazione dei dip-switch

3. Richiudere il Radiocomando

Centralina

1. Togliere alimentazione di rete alla centralina

2. Ridare alimentazione alla stessa, tenendo premuto un tasto del radiocomando

3. Attendere (circa 5 secondi) un segnale acustico proveniente dalla centralina, che

confermer lapprendimento del nuovo codice

Il segnale del Radiocomando codificato e deve essere riconosciuto dalla scheda.Il prodotto esce di fabbrica con codice = 0In caso di interferenza con altri dispositivi, possibile modificare ilcodice mediante la procedura riportata.

STUFE A PELLET

16

Descrizione Display Risoluzione

Errore sicurezza altatensione 1

Er 01 Controllo sensore termostato disicurezza alta temperatura

Errore sicurezza alta tensione 2

Er 02 Controllo pressostato fumi e puliziacanna fumaria

Spegnimento per bassa temperatura fumi

Er 03 Controllo quantit di pellet nelserbatoio o sonda fumi sullespulsore

Spegnimento per alta temperatura fumi Er 05

Controllo Sonda fumi e paramentritecnici di regolazione pellet alle varie

potenze

Errore encoder.Lerrore puverificarsi per mancanza di

segnale encoderEr 07

Controllo cavi e morsetti encoder siasulla centralina che sulla scheda

encoder

Errore encoder.Lerrore pu

verificarsi per problemi di regolazione del numero di giri

dell espulsore fumi

Er 08Controllo numero di giri dellespulsore

fumi sul men visualizzazione edabbassare il numero di giri nei para-

metri tecnici alle varie potenze.Avvicinare la calamita alla scheda

encoder sullespulsore

Errore orologio.Lerrore si veifica per

problemi con lorologio internoEr 11

Controllo impostazioni orologio sul

men utente

Spegnimento per

accensione fallita Er 12Controllo quantit di pellet nel serba-

toio,controllare posizione bracere,con-trollare sonda fumi,controllare funzio-namento candeletta,controllare chiu-sura sportello camera combustione e

tappo pulizia straor

Esaurimento pellet.Solo per

versioni col sensore livello pellet

Er 18Controllo quantit di pellet nel

serbatoio

4.16. Tabella errori visualizzati sul diplay

STUFE A PELLET

17

5. Descrizione componenti della Stufa

Sezione stufa

1. Serbatoio pellet

2. Coclea per trasportopellet

3. Braciere

4. Candeletta con supporto

5. Camera di combustione

6. Ventilatore aria calda

7. Uscita Aria Calda

8. Motore espulsore fumi

9. Cassetto raccoglicenere

10. Presa daria

1

34

2

7

9

8

6

10

5

11. Deflettore

11

12

13

14

12. Motoriduttore13. Pannello frontale14. Tappo per la puliziastraordinaria

15

15. Fascio tubiero

STUFE A PELLET

18

6. Dimensioni delle Stufe

Mod. Carlotta S

640 m

m

530 mm

80

1000 m

m

530 mm

50

140

233

245 259 2

97

Mod. Vittoria S

640 m

m

530 mm

80

1000 m

m

530 mm

50

140

233

245 259

297

860

80102

STUFE A PELLET

19

7. Pulizia e manutenzione

7.1. Pulizia ordinaria e giornaliera da eseguire a stufa fredda

Per un ottimo funzionamento della stufa assicurarsi che ilbraciere sia correttamente pulito ogni volta che si accende lastufa. Si consiglia di effettuare la pulizia giornaliera delbraciere.

Per la pulizia del vetro ceramico munirsi di un panno ocarta di giornale inumidito nella cenere della stufa stessa estrofinarlo sul vetro fino a pulirlo completamente.

La pulizia allinterno della stufa, da effettuarsi giornalmente, deve essere effettuata con laspirapolverefacendo attenzione a rimuovere tutta la cenere presente nellacamera di combustione e nella scatola che contiene ilbraciere. A stufa fredda sollevare i pomoli delle aste raschiatubi per la pulizia del fascio tubiero.

STUFE A PELLET

20

7.2. Svuotamento cassetto raccogli cenere

Aprire lo sportello del vano combustione esvuotare il cassetto cenere quando e pieno.

7.3.Pulizia canna fumaria

Pulire la canna fumaria durante il periodo di uti-lizzo almeno 2/3 volte lanno o in caso di cattivacombustione della stufa, accumulo del pellet oeccessivo annerimento del vetro.Il tappo anticondensa della canna fumaria deveessere pulito almeno ogni 30gg

7.4. Pulizia straordinaria del passaggio fumi

Circa ogni 30 giorni bisogna effettuare la puliziastraordinaria.

Aprire lo sportello del vano combustione e rimuo-vere il cassetto cenere.Svitare i bulloncini del tappo frontale posto dietroil cassetto cenere, aspirare con laspirapolvere lacenere accumulatasi dietro il tappo, richiudereermeticamente il tappo avvitando i bulloncini eriposizionare il cassetto cenere nel suo alloggia-mento.

STUFE A PELLET

21

8. Componenti ed eventuale sostituzioneN.B.: qualsiasi tipo di manutenzione o sostituzione dei componenti deveessere sempre eseguita a stufa spenta e con la presa di corrente staccata.

8.1. Motoriduttore coclea / Coclea

Il motoriduttore ha il compito di azionare la coclea, che porta i pellet dal serbato-io alla camera di combustione. Se la coclea si blocca per la presenza di corpi estra-nei o a causa di troppe polveri presenti nei pellet, si pu risolvere questo inconve-niente semplicemente girando manualmente avanti ed indietro il motorino oppuresvitando la placca che copre la coclea all interno del serbatoio e controllare che lavite senza fine sia libera.

7.6. Serbatoio pellet

Il serbatoio contiene circa 25 Kg di pellet.Nel momento in cui viene caricato il pellet allinterno del serbatoio prestare atten-zione a non introdurre corpi estranei o fili degli stessi sacchetti di pellet in modotale da non danneggiare lintera stufa.

N.B. Rimuovere completamente il pellet dal serbatoio e dalla coclea a fine sta-gione di utilizzo per evitare che lumidit gonfi il pellet danneggiando linterastruttura e creando problemi allaccensione successiva.

8.2. Braciere

Il braciere, grazie alla sua particolare costruzione, garantisce una combustionepulita ed estremamente efficiente dei pellet. La particolare forma del braciere fain modo che la cenere formatasi cada per la maggior parte nel cassetto di raccol-ta cenere. Unaccurata pulizia del braciere assicura lottimale funzionamentodella stufa. Pulire sempre il braciere prima di ogni accensione.

8.3. Candeletta daccensione

La candeletta permette laccensione della stufa. La candeletta ( gestita dalla cor-rente elettrica) diventa incandescente permettendo laccensione dei pellet. Ad ognifase daccensione la candeletta si attiva per 7 minuti. La fiamma si svilupper incirca 5 minuti dallo Start.

STUFE A PELLET

22

8.4. Espulsore fumi

Il ventilatore fumi aspira dalla presa daria della stufa laria necessaria per lacombustione, spingendo i residui della combustione che si formano nella cannafumaria.

8.5. Termostato dalta temperatura

Nella stufa a pellet installato un termostato di alta temperatura. Il termostato incaso di temperatura molto elevata (circa 100C) staccher automaticamente ilcarico di pellet e sulla centralina comparir Er 01.

8.6. Ventilatore Centrifugo (aria calda)

La camera di combustione rivestita dallo scambiatore di calore. Il ventilatorefa passare laria dellambiente attraverso lo scambiatore attraversato dai fumicaldi, provvedendo ad una convezione forzata ed a una diffusione omogenea epiacevole del calore nellambiente.

8.7. Pressostato fumi

Il pressostato fumi segnala uneventuale sovrapressione nel sistema dei tubi diuscita dei fumi. Appena viene oltrepassata la pressione consentita, il sensoreinterrompe il funzionamento della coclea.Le cause di una sovrapressione nel sistema dei tubi possono essere diverse: Es.una valvola di regolazione chiusa, sporcizia o corpi estranei nella canna fumaria(nido duccelli), o elementi per il passaggio dei fumi non appropriati ma ancheparticolari condizioni atmosferiche. Eliminare tutte le possibili cause per poterfar funzionare in modo corretto la stufa. La stufa che va in blocco per il malfun-zionamento del pressostato indica Er 02.

8.8. Centralina

La centralina garantisce il funzionamento sicuro e completamente automaticodella stufa a pellet. Tutti i parametri della centralina sono tarati per ottimizzare ilfunzionamento della stufa. In caso di necessit questi possono essere modificati.

STUFE A PELLET

23

Peso versione Naked senza rivestimento

Peso con rivestimento (acciaio)

Peso con rivestimento (gres porcellanato)

Altezza

Larghezza

Profondit

Diametro tubi uscita fumi

Potenza termica globale

Tiraggio necessario

Rendimento

Volume serbatoio pellet

Consumo combustibile

Diametro presa aria

Canna fumaria in acciaio

Autonomia di funzionamento (min/max)

Combustibile consentito:

Volume riscaldabile

( D.Lgs 192 )

Assorbimento elettrico:

fase accensione

fase lavoro (max)

Alimentazione Elettrica(Collegamento elettrico a norma di legge, deve essere installato con la massa a terra econ interruttore differenziato).

125 kg

130 kg

150 kg

1000 mm

530 mm

640 mm

80 mm

3,3 / 13 kW

3 Pa

oltre 90%

ca. 25 kg

0,6 / 2,3 kg/h

mm. 50

mm. 80

ca. 12 / 48 h

pellet 6 mm.

Max 360 mc

300 W

100 W

220/230 (50Hz)

125 kg

130 kg

150 kg

1000 mm

530 mm

640 mm

80 mm

3,3 / 13 kW

3 Pa

oltre 90%

ca. 25 kg

0,6 / 2,3 kg/h

mm. 50

mm. 80

ca. 12 / 48 h

pellet 6 mm.

Max 360 mc

300 W

100 W

220/230 (50Hz)

DATI TECNICI CARLOTTA S VITTORIA S

STUFE A PELLET

24

Causa SoluzioneGESTIONE DELLE ANOMALIE

1) Il serbatoio vuoto Riempire il serbatoio con il pellet

2) Larrivo dellaria combu- Pulire bene il braciererente al braciere impeditoda depositi di cenere

3) Ostruzione di nidi o corpi Eliminare qualunque corpo estranei nel comignolo o estraneo dal comignolo o dallanel camino. canna uscita fumi.

4) Intasamento passaggio Effettuare la pulizia periodicafumi e canna fumaria.

5) Vetro chiuso in maniera Controllare che il vetro sia chiusoerrata. in maniera ermetica.

6) Estrattore fumi non Verificare funzionamentofunzionante. dell estratore fumi.

La stufa non si accende

La stufasi spegne

Problema

1) La griglia del braciere Pulire bene il braciere dopo aver intasata da depositi di atteso il totale spegnimento della cenere stufa.

2) Il braciere non si trova nel Verificare che il foro del bracieresuo alloggiamento corrisponda alla candeletta.

3) Anomalie di pellet Verificare la qualit del pellet.

4) Lo scarico fumi non Seguire le istruzioni per il montaginstallato correttamente gio canna fumaria.

5) Intasamento passaggio Effettuare la pulizia periodicafumi e canna fumaria.

6) Vetro chiuso in maniera Controllare che il vetro sia chiusoerrata. in maniera ermetica.

1) Il serbatoio vuoto Riempire il serbatoio con il pellet.2) Il braciere non si trova nel Verificare che il foro del braciere

suo alloggiamento corrisponda alla candeletta.

3) Ostruzione di nidi o corpi Eliminare qualunque corpoestranei nel comignolo o estraneo dal comignolo o dallanel camino. canna uscita fumi.

4) Verificare il funzionamento Accertarsi che ci sia correntedella candeletta. Sostituirla se bruciata o consumata

5) Il cassetto portacenere non Chiudere ermeticamente il cassetto stato chiuso correttamente portacenere.

6) Intasamento passaggio Effettuare la pulizia periodica fumi e canna fumaria.

7)Estrattore fumi non Verificare il funzionamentofunzionante. dellestrattore fumi.

La fiammarisulta lunga egialla, il pelletsi accumula nelbraciere ed ilvetro si sporcafacilmente.

STUFE A PELLET

25

9. Canalizzazioni per la stufa mod.VITTORIA S

La stufa a Pellet Vittoriaconsente di scaldare piambienti tramite unimpianto di tubi flex inalluminio del 80 mm edelle bocchette (fig. 10).La stufa permette dicanalizzare laria nellestanze adiacenti con lalunghezza di circa 3m.Laria sar distribuita: il30% nella stanza dove posizionata la stufa, ilrestante 70% diviso frale due bocchette.

50%

25%

25%

12

3

(fig. 10)

Per migliorare la distribuzione di aria calda nelle stanze adiacenti la stufa develavorare alla potenza 5 (ON5) e il flusso di aria calda nelle griglie canalizzate puessere aumentato e diminuito tramite la leva di regolazione posizionata allinter-no del serbatoio del pellet. (fig. 11)

(fig. 11)

Il rendimento illustrato nello schema (Fig. 10) si riferisce al l 80% del rendimen-to totale della stufa. Spostare la levetta da sinistra a destra e viceversa in base adove si vuole ricevere pi aria calda.

STUFE A PELLET

26

10. Programmazione mod. CARLOTTA S, VITTORIA SImpostazione dei parametri.

Per entrare nella programmazione tecnica basta premere il tasto men utente P2scorrere col tasto P3 fino alla voce TPar. Impostare la psw 0000 col tasto P8comparir la scritta TP01.TP 01 corrisponde alla regolazione del pellet nelle varie fasi.Entrare nei sottomen col tasto P8.TP 02 corrisponde alla regolazione del numeri di giri del motore fumi.TP 03 corrisponde alla regolazione della velocit del motore aria calda.

Sottomen

segreto TP 01

Sottomen

segreto TP 02C 03 = Potenza 1 Valore 2,0 V 03 = Potenza 1 Valore 2000

C 04 = Potenza 2 Valore 2,2 V 04 = Potenza 2 Valore 2050

C 05 = Potenza 3 Valore 2,4 V 05 = Potenza 3 Valore 2100

C 06 = Potenza 4 Valore 2,6 V 06 = Potenza 4 Valore 2150

C 07 = Potenza 5 Valore 2,8 V 07 = Potenza 5 Valore 2200

Sottomen

segreto TP 03F 01 = Potenza 1 Valore 30

F 02 = Potenza 2 Valore 35

F 03 = Potenza 3 Valore 40

F 04 = Potenza 4 Valore 45

F 05 = Potenza 5 Valore 50

I seguenti valori si riferiscono alla ricetta standard 1.Modificare i valori solo se realmente necessario.Modificare altri valore vuol dire compromettere il funzionamento correttodella stufa.Per cambiare le impostazioni in modo automatico la centralina permette di usu-fruire di 4 ricette che automaticamente cambiano le impostazioni dipellet,espulsore fumi e ventilazione in base alle vostre esigenze!Ricetta 1 per funzionamento con pellet di buona qualit con valori come databelle sopra.Ricetta 2 con valori di poco aumentati in modo da riuscire a scaldare superficimaggiori.Ricetta 3 con valori abbassati per scaldare piccoli ambienti con un consumominimo.Ricetta 4 con valori al massimo per avere il massimo calore.Per accedere e selezionare la ricetta che pi vi soddisfa basta entrare nel menutente P2,col tasto P3 scorrere fino alla voce Rice entrare nel sottomen conP8,ripremere P8 per modificare la ricetta,scegliere la ricetta con P5 e salvarecon P8. Premere P7 per uscire dal men.

11. Men visualizzazioneIl men visualizzazione ci permette di controllare in qualsiasi momento comesta funzionando la stufa.Per accedervi tenere premuto per 3 secondi il tasto P8.

Descrizione Display

Numero di giri al minuto dellespulsore fumi G 00

Temperatura fumi in C G 01

Temperatura ambiente in C G 02

Potenza di combustione reale G 03

Potenza di riscaldamento reale G 04

Codice prodotto 01.08

STUFE A PELLET

27

12. Schema elettrico

28

STUFE A PELLET

STUFE A PELLET

29

Morsetti /Connections Funzioni Functions

1 - 2 Alimentazione di rete 230Vac 20% Line 230Vac 20%

3 - 4 Espulsore Fumi Combustion Fan

5 - 6 Ventilatore Riscaldamento Heating Fan

7 - 8 Valvola Sicurezza Pellet Safety Pellet Valve

9 - 10 Candeletta Resistance

11 - 12Ingresso Alta Tensione AT1Cortocircuitare se non utilizzato

High Voltage 1

Short-circuit if not used

13 - 14 Ingresso Alta Tensione AT2Cortocircuitare se non utilizzato

High Voltage 2

Short-circuit if not used

15 - 16 Coclea Auger

25 - 26 Termocoppia25: Rosso (+)26: Verde (-)

Thermocouple25: Red (+)26: Green (-)

27 - 28 Sonda Ambiente Ambient probe

29 - 30 Ingresso GSM Input GSM

31 - 32 Non connesso Not connected

40 - 41 - 42 Encoder ventilatore comburente40: + 5V (rosso)41: GND (nero)42: segnale (bianco)

Encoder Combustion Fan40: + 5V (red)41: GND (black)42: segnale (white)

43 - 44 - 45 Sensore Pellet43: + 12V44: segnale45: GND

Pellet sensor43: + 12V44: signal45: GND

CN1 Connessione pannello di controllo Connection to control panel

RS232 Connessione al PC Connection to PC

Connessione allimpianto di terra.

Connettere sempreConnection to the earth.

Connect always

STUFE A PELLET

30

-RESPONSABILITAPer linosservanza delle istruzioni contenute in questo manuale, per lutilizzo di ricambi non ori-ginali, per modifiche non autorizzate effettuate sulla macchina, per errata o mancata manutenzio-ne e per eventi eccezionali, la VIBROK CAMINETTI declina ogni responsabilit.La responsabilit delle opere eseguite per linstallazione, considerata a carico dellinstallatore,il quale tenuto a verificare la correttezza della presa daria e della canna fumaria, attenendosialla legislazione locale dello stato in cui installata la stufa.

-PRINCIPALI NORME ANTIINFORTUNISTICHE DA RISPETTARE1) Direttiva 89/106/CEE: Concernente il riavvicinamento delle disposizioni legislative, regola-mentari ed amministrative degli stati membri concernenti i prodotti da costruzione.2) Direttiva 85/374/CEE: Concernente il riavvicinamento delle disposizioni legislative, regola-mentari ed amministrative degli stati membri in materia di responsabilit per danno da prodottidifettosi.-CONSEGNA DEL PRODOTTOIl prodotto viene consegnato perfettamente imballato e posizionato su una pedana in legno.-SICUREZZAPer garantire la massima sicurezza della stufa si raccomanda:

non fare avvicinare bambini durante il funzionamento della stufa;non toccare il vetro ceramico dello sportello durante il funzionamento della stufa;non eseguire lavori di manutenzione o pulizie durante il funzionamento della stufa;utilizzare come combustibile solo ed esclusivamente pellet;seguire attentamente questo manuale;

GARANZIA LEGALEPer usufruire della garanzia bisogna spedire il tagliando presente allinterno della stufa entro 8giorni dalla data di installazione, compilato in ogni sua parte.

GENERALITA

Lo smaltimento e la demolizione della stufa sono a carico e responsabilit del proprietario.Smantellamento e smaltimento possono essere affidati anche a terzi, basta che si ricorra a perso-ne autorizzate alleliminazione delle materie che compongono la stufa.Bisogna comunque sempre attenersi alle norme vigenti nel paese dove viene effettuato lo smal-timento.Lo smontaggio della stufa deve essere effettuato a stufa spenta e priva di corrente elettrica; biso-gna quindi prima esportare leventuale apparato elettrico della stufa e poi demolirla presso ditteautorizzate.Non abbandonare la stufa in aree non autorizzate, poich causa pericolo a persone ed animali: laresponsabilit per questi eventuali danni resta a carico del proprietario della stufa.Con lo smaltimento della stufa, questo libretto ed eventuali documenti relativi alla stufa in que-stione, dovranno essere distrutti.

NOTE PER LO SMALTIMENTO E LA DEMOLIZIONE

STUFE A PELLET

31

Codice Stufa : ...................................CARLOTTA S VITTORIA S

1.

2.

3.

4.

5.

1.

1.

2.

3.

1.) Telecomando ....................................

2.) Cavo corrente ..................................

3.) Centralina ........................................

4.) Garanzia ...........................................

5.) Libretto Istruzioni.............................

Kit distribuzione aria calda

1.) n 2 Tubi flex 2 mt ..........................

2.) n 2 Bocchette uscita aria calda...............

3.) n 4 Fascette stringi tubo..................

TAGLIANDO DI CONTROLLO Firma .......................

STUFA VITTORIA S

SI RICORDA DI EFFETTUARE LA PULIZIA STRAORDINARIA DELLA STUFA E UNA PULIZIA

COMPLETA DELLA CANNA FUMARIA ALMENO OGNI 30 GG.

KIT DI PULIZIA:N. 1 spazzola

Articolo

GARANZIA COPIA CLIENTE

Timbro e firma del Rivenditore

Numero di serie

Riferimento fattura

Riferimentofattura oscontrinofiscale

Timbro e firma dellInstallatore

Data di acquisto

32

Sede e stabilimentoVia Palianese Sud KM 4.50003018 Paliano (FR) ITALY

Tel. 0775.570010Fax. 0775.532000

Se la garanzia non sar compilata in tutte le sue parti sar ritenuta non valida

I dati contenuti nei cataloghi, volantini, opuscoli, listini e manuali duso e manuten-zione sono indicativi e non impegnativi per la VIBROK CAMINETTI s.r.l. .Sono soggetti a modifiche ed aggiornamenti per migliorie alla produzione senzalobbligo di preavviso. Si prega di consultarne la validit al momento dellordine.

IMPORTANTE: per poter usufruire della garanzia si raccomanda di spe-dirla entro 8 giorni dalla data di acquisto compilata in tutte le sue parti

con mezzo raccomandata alla VIBROK CAMINETTI s.r.l.

STUFE A PELLET

33

CONDIZIONI GENERALI DI GARANZIATutti i prodotti Vibrok soggetti a garanzia, ad ultimazione del relativo montaggio,devono essere sottoposti aprova di funzionamento prima di eseguire le eventuali opere murarie complementari quali: montaggio con-trocappe, montaggio rivestimento, tinteggiatura pareti etcLa Vibrok Caminetti non risponde degli oneri derivanti sia da interventi di rimozione di tali opere che diricostruzione delle stesse anche se conseguenti a lavori di sostituzione di eventuali pezzi difettosi.La Vibrok Caminetti garantisce lottima qualit dei propri prodotti e la loro perfetta efficienza. In presenza diaccertati vizi e/o difetti nelluso corretto degli stessi da parte dei privati-clienti finali, si impegna alla sostitu-zione gratuita di tutte le parti difettose e/o non funzionanti,franco il rivenditore che ha effettuato la vendita oil centro assistenza tecnico pi vicino.Sono cause di decadenza della garanzia: la manomissione,luso del prodotto in modo difforme da quelloindicato nelle istruzioni contenute in ogni confezione ed in particolare con carichi di legna superiori a quelliindicati o limpiego di combustibili sconsigliati o non previsti nelle istruzioni; limpiego di pellet con carat-teristiche differenti da quelle specificate nella scheda tecnica del prodotto; le mancate manutenzioni e pulizieordinarie e straordinarie; il montaggio dei prodotti non eseguito ad opera darte,in modo non conforme siaalla normativa che alle istruzioni della casa madre; luso di materiali di combustione diversi da quelli speci-ficati sul libretto duso e manutenzione; il mancato utilizzo di prodotto traspirante nella scrollatura di parti-colari in conglomerato; il mancato funzionamento o funzionamento anomalo nel caso di accensioni o spegni-menti troppo ravvicinati nel tempo. Leventuale inosservanza delle condizioni di operativit e decadenza della garanzia determiner lesclusionedel Produttore da ogni responsabilit per eventuali danni che da ci dovessero derivare sia al cliente finaleche a terzi.La garanzia copre esclusivamente le difformit originarie del prodotto, non riconducibili dal consumatore almomento dellacquisto e dovute a difetti di fabbricazione, con le esclusioni di seguito specificate.Come previsto dal D.Lgs. n. 24 del 02/02/02, entrato in vigore il 23/03/2002, la durata della garanzia dianni due decorrenti dalla data di acquisto del bene. Tale data deve essere comprovata dal documento fiscalerilasciato dal rivenditore al momento dellacquisto (il quale dovr evidenziare nome del rivenditore, la datadacquisto, limporto pagato e la descrizione del bene). Trascorso tale termine, la garanzia decade e gli inter-venti di riparazione o di assistenza saranno totalmente a carico del privato cliente finale.La garanzia comporta la riparazione o eventualmente la sostituzione del pezzo che risulti difettoso per difettodi fabbricazione. Le parti sostituite saranno garantite fino al restante periodo di garanzia del prodotto acqui-stato.La garanzia non comprende le opere murarie;La garanzia copre larticolo solamente nel caso in cui sia stato installato da personale abilitato e qualificato.Sono escluse dalla garanzia le difformit legate alle caratteristiche naturali e fisiche dei materiali utilizzati, inparticolare, non vengono riconosciute difformit:le venature del marmo che costituiscono elemento caratterizzante e lunicit dei singoli pezzi;le variazioni cromatiche del metallo a contatto con il calore;le deformazioni del legno dovute alla naturale lavorazione nel tempo;le eventuali sfumature del colore della ceramica;eventuali piccole fessure o cavillature che potrebbero evidenziarsi nei conglomerati di cemento/argilla espan-sa/chamotte, in quanto per tipologia e caratteristiche dei componenti stessi non sono qualificabili come vizie/o difetti;Non sono considerati dei difetti originari, e pertanto non rientrano nella presente garanzia, tutti i vizi e le dif-formit legati allusura, alla cattiva manutenzione, alla mancanza di pulizia del prodotto e comunque allusodel prodotto non conforme al libretto di istruzioni fornito con il prodotto stesso.

STUFE A PELLET

34

Non sono considerate difformit del prodotto, e pertanto non rientrano nella presente garanzia, i difettilegati allinstallazione, per la quale devono essere seguite attentamente le prescrizioni riportate nel relativolibretto. Il danneggiato deve comunque provare il danno, il difetto e la connessione causale fra difetto delprodotto e danno subito.Per eventuali interventi con il personale dellazienda, anche nel periodo di garanzia, oltre al diritto di chia-mata di 35,00 + I.v.a. richiedere in azienda prezzi di costi aggiuntivi, quali manodopera e spese di tra-sferta.Tutti i costi sia di riparazione,trasporto etc, conseguenti ad un non corretto esercizio del diritto di garanziada parte dellacquirente sono a carico dellutilizzatore stesso.Non viene riconosciuto alcun risarcimento per il mancato utilizzo del prodotto dovuto ai tempi necessariper la riparazione o alla sostituzione dello stesso.Non siamo soggetti allobbligo della garanzia per le varie anomalie derivanti da qualsiasi causa a noi indi-pendente, come ad esempio: da errata installazione, manomissione, modifiche e riparazioni eseguite dapersonale da noi non autorizzato per iscritto e non specializzato e comunque da noi non autorizzato.Non sono coperti da garanzia i vetri installati nelle parti mobili e i danni causati da eventi accidentali.La merce viaggia a rischio e pericolo del committente, movimenti di carico e scarico, colpi accidentali,magazzinaggio effettuato in zone non idonee ci esonerano da ogni responsabilit.Sono escluse dalla garanzia le parti elettriche, motoriduttori,resistenze per laccensione, soggette comun-que a danni provocati da fenomeni estranei al normale funzionamento del prodotto (fulmini, fenomeniatmosferici, sbalzi di corrente, ecc). Al contrario se il componente venisse riconosciuto difettoso nella fab-bricazione o nel materiale, il nostro intervento implicherebbe la sostituzione pura e semplice del materialeritenuto danneggiato.Griglie, cassetti, parti in ghisa, parti idrauliche, mattoni in refrattario e in generale tutte le parti mobili deinostri prodotti,soggetti ad usura e pertanto non coperti da garanzia.Non rispondiamo dei ritardi negli interventi di garanzia, n siamo tenuti a risarcire i danni di cui allart.1949 del codice civile.In caso di ritardo nei pagamenti o di insolvenza parziale del committente e del rivenditore, siamo esoneratidallobbligo di garanzia. Pertanto rivolgersi al rivenditore.I dati tecnici e le misure riportate sono indicativi, la Vibrok Caminetti s.r.l. si riserva il diritto di interrom-pere la produzione dei propri prodotti e di modificare,in qualsiasi momento e senza lobbligo di preavvi-so,le specifiche tecniche sia dei prodotti che dei loro componenti,senza esser obbligata ad apportare lestesse modifiche sui prodotti o sui componenti gi in commercio o precedentemente venduti.Desideriamo informarla che i suoi dati personali esposti nei modelli della seguente garanzia, vengono uti-lizzati solamente per il servizio assistenza con le case madri e per fini e per fini contabili e amministrativi,nel rispetto della legge 675/96.I nostri barbecue e grill (se posizionati allesterno) devono essere utilizzati a carbonella, poich se utilizza-ti a legna bisogna prestare la massima attenzione ad accenderlo gradualmente, poich il contatto direttodella fiamma con il materiale ancora umido (a causa degli agenti atmosferici, quali umidit, acqua e ghiac-cio) pu provocare lesioni, venature, crinature.Rihiedere la convalida della garanzia alla Vibrok Caminetti srl qualora il prodotto fosse venduto allutentefinale 30 mesi dopo lanno di costruzione.Questa garanzia valida solo allinterno del territorio Italiano .La garanzia sul prodotto venduto ed istalla-to allestero sar riconosciuta dal distributore presente nel paese distallazione con le modalit del paesestesso.In caso di mancato pagamento del prodotto da parte del rivenditore alla Vibrok Caminetti srl il clientedeve rivalere il suo diritto di garanzia presso il luogo dacquisto del prodotto.Per qualsiasi controversia esclusivamente competente il Foro di Frosinone.

CONDIZIONI GENERALI DI GARANZIA

GA

RA

NZ

IAC

OP

IAD

ASP

ED

IRE

Per

u

sufr

uir

e d

ella

g

ara

nzi

a

del

p

rod

otto

, sp

edir

e la

p

rese

nte

co

pia

mez

zo

racc

oma

nd

ata

en

tro

8

gio

rni

da

lla

d

ata

d

i a

cqu

isto

a

:V

ibro

k C

am

inet

ti s

.r.l.

, Via

Pa

lia

nes

e Su

d K

m 4

,50

0, 0

3018

Pa

lia

no

( F

R)

Art

ico

lo

Lo

calit

Dat

a d

i acq

uis

to

Nu

mer

o d

i ser

ie

Tel.

Pro

v.

An

no

di c

ost

ruzi

on

e

Rif

erim

ento

fat

tura

Rif

erim

ento

fatt

ura

osc

on

trin

ofi

scal

e

Acq

uir

ente

Ind

iriz

zoC

.a.p

.

Lo

calit

Tel.

Pro

v.

Riv

end

ito

re

Ind

iriz

zoC

.a.p

.

Lo

calit

Tel.

Pro

v.

Inst

alla

tore

Ind

iriz

zoC

.a.p

.

Tim

bro

e f

irm

a d

el R

iven

dit

ore

Tim

bro

e f

irm

a d

ellI

nst

alla

tore

Nu

mer

o o

per

ato

re

Sede e stabilimento

Via P

alianese Sud, K

m 4,500

Loc. C

ervinara 03018 Paliano ( F

r )Tel. 0775.570.010 F

ax 0775.532.000

Articolo

Modello

Durata G

aranzia

TE

RM

OC

AM

INO

E

CO

FIV

ES

TU

FA

INS

ER

TO

TE

RM

ICO

HA

PP

YD

AY

FO

RN

OP

RE

FA

BB

RIC

AT

OB

AR

BE

CU

E

CE

RT

IFIC

AT

O D

I GA

RA

NZ

IA

3 A

NN

I3

AN

NI

2 A

NN

I2

AN

NI

2 A

NN

I2

AN

NI

2 A

NN

I2

AN

NI

Se la garanzia non sarS compilata in tutte le sue parti sarS ritenuta non valida.