FATTURAZIONE ELETTRONICA E FATTURAZIONE … · Conservazione sostitutiva a norma Termina con...

Click here to load reader

  • date post

    17-Feb-2019
  • Category

    Documents

  • view

    218
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of FATTURAZIONE ELETTRONICA E FATTURAZIONE … · Conservazione sostitutiva a norma Termina con...

FATTURAZIONE ELETTRONICAE

FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

a cura di Francesco Zuech

Chiuso in redazione il 4/2/2015

Fatturazione elettronica (in generale)

Direttiva 2010/45/CE (che modifica alcune disposizioni della Direttiva 2006/112/CE)

D.L.n. 206 del 11/12/2012 (decreto anti infrazioni)

Art. 1 co. 324-335 L. n. 228 del 24/12/2012 (Legge di Stabilit 2013)

C.M.12/E del 03/05/2013C.M.18/E del 24/06/2014

Art. 21 co.1 e 3 DPR 633/72 Sino al 31.12.2012 Dall1.1.2013

1. Per ciascuna operazione imponibile il soggetto emette fattura .

Lemissione Con provvedimento del

La fattura si ha per emessa all'atto della sua consegna o spedizione all'altra parte ovvero all'atto della sua trasmissione per via elettronica.

1. Per ciascuna operazione imponibile il soggetto emette fattura .

Per fattura elettronica si intende la fattura che stata emessa e ricevuta in un qualunque formato elettronico; il ricorso alla fattura elettronica subordinato allaccettazione da parte del destinatario.

Lemissione Con provvedimento del

La fattura, cartacea o elettronica, si ha per emessa allatto della sua consegna, spedizione, trasmissione o messa a disposizione del cessionario o committente.

3. Se l'operazione . Per le operazioni effettuate

La trasmissione per via elettronica della fattura, non contenente macroistruzioni n codice eseguibile, consentita previo accordo con il destinatario. L'attestazione della data, l'autenticit dell'origine e l'integrit del contenuto della fattura elettronica sono rispettivamente garantite mediante l'apposizione su ciascuna fattura o sul lotto di fatture del riferimento temporale e della firma elettronica qualificata dell'emittente o mediante sistemi EDI di trasmissione elettronica dei dati che garantiscano i predetti requisiti di autenticit e integrit.

Le fatture in lingua straniera .

3. Se loperazione Per le operazioni effettuate .

Nel caso di pi fatture elettroniche trasmesse in unico lotto Il soggetto passivo assicura lautenticit dellorigine, lintegrit del contenuto e la leggibilit della fattura dal momento della sua emissione fino al termine del suo periodo di conservazione; autenticit dellorigine ed integrit del contenuto possono essere garantite mediante sistemi di controllo di gestione che assicurino un collegamento affidabile tra la fattura e la cessione di beni o la prestazione di servizi ad essa riferibile, ovvero mediante lapposizione della firma elettronica qualificata o digitale dellemittente o mediante sistemi EDI di trasmissione elettronica dei dati o altre tecnologie in grado di garantire lautenticit dellorigine e lintegrit dei dati.

Le fatture redatte in lingua straniera .

Fatturazione elettronica (in generale)

Per espressa previsione (art. 21 co.1), fra le altre, la fattura si ha per emessa anchequando (in alternativa alla consegna, spedizione o trasmissione) viene messa adisposizione del cessionario o committente, ad esempio sul sito o sul portale elettronicodellemittente ovvero del terzo incaricato dellemissione per suo conto, richiamando, a talriguardo, i chiarimenti resi con C.M. 45/E/2005, laddove la data di messa a disposizione(emissione) stata individuata in quella di invio di un messaggio (e-mail) contenente unprotocollo di comunicazione ed un link di collegamento al server ove effettuare, inqualsiasi momento, il download della fattura.

OSSERVAZIONI SULLA NUOVA DEFINIZIONE DIFATTURA ELETTRONICA

Dal punto di vista normativa la norma in vigore dal 2013 meno rigida.

Non si parla pi di accordo con il destinatario ma di accettazione

Lautenticit dellorigine e lintegrit possono essere garantite anche mediante sistemidiversi dalla firma digitale e sistemi EDI.

1

2

3

Fatturazione elettronica (in generale)

Fatturazione elettronica (in generale)

Chiarimenti

Non serve necessariamente un accordo formale fra le parti (C.M. 18/E del24/6/2014)

Non vi sono vincoli di simmetria fra le parti. Il cliente pu materializzare ildocumento e trattarlo come cartaceo senza che ci comprometta per il fornitorela natura della fattura trasmessa in via elettronica a condizione che abbia irequisiti A.I.L. (C.M. 18/E/2014 1,1 ) La stampa e la conservazione analogica deldocumento ricevuto elettronicamente rappresenta un comportamentoconcludente per esprimere lintenzione del destinatario di non accettare lafattura come elettronica (C.M. 18/E/2014 1.5)

N.B. la formulazione ante 2013 parlava di previo accordo con il destinatario (21, co.3)

Il ricorso alla fatturazione elettronica subordinato allaccettazione da parte del destinatario (art. 21 co.1)

Distinzione fra fatture elettroniche e fatture cartacee

Non rileva tanto il formato utilizzato per la creazione bens il formato utilizzato per la trasmissione, ricezione ed accettazione (C.M. 18/E/2014)

Fattura creata elettronicamente inviata e ricevuta in formato cartaceo

No fattura elettronica

Fattura creata in formato cartaceo trasformata in documento informatico per essere inviata e ricevuta tramite canali telematici

Pu essere considerata elettronica se rispecchia i requisiti A.I.L.

Fatturazione elettronica (in generale)

Distinzione fra fatture elettroniche e fatture cartacee

Non rileva tanto il formato utilizzato per la creazione bens il formato utilizzato per la trasmissione, ricezione ed accettazione (C.M. 18/E/2014)

Fattura creata elettronicamente inviata e ricevuta in formato cartaceo

No fattura elettronica

Fattura creata in formato cartaceo trasformata in documento informatico per essere inviata e ricevuta tramite canali telematici

Pu essere considerata elettronica se rispecchia i requisiti A.I.L.

Fatturazione elettronica (in generale)

Requisiti della fattura elettronica (art. 21, co.3)

A.I.L.

Autenticit dellorigine (A) Lidentit del fornitore o dellemittentedeve essere certa.

Integrit (I) Contenuto e dati obbligatori non possono essere alterati.

Leggibilit (L) Alluomo tramite video o stampa potendo verificare che le informazioni del file elettronico non sono state alterate.

In passato tramite riferimento temporale e firmaelettronica qualificata o tramite sistemi EDI

Oggi (alternative) : sistemi di controllo di gestione cheassicurino un collegamento affidabile tra la fattura e lacessione di beni o la prestazione di servizi ad essa riferibile;firma elettronica qualificata o digitale dellemittente;sistemi EDI di trasmissione elettronica dei dati; altretecnologie non specificate, lasciate alla discrezionalit delsoggetto passivo.

Dal momento di emissione alla fine del periodo diconservazione.La norma non individua le modalit. La leggibilit puessere garantita in qualsiasi modo con lavvertenza che lafirma elettronica avanzata e la trasmissione elettronica nonsono sufficienti ad assicurare la leggibilit (C.M. 18/E/2014)

Fatturazione elettronica (in generale)

Art. 39, co.3, secondo periodo e terzo periodo, DPR 633/72

Fino al 31/12/2012 In vigore dal 01/01/2013

Le fatture elettroniche trasmesse o ricevute in forma elettronica sono archiviate nella stessa forma. Le fatture elettroniche consegnate o spedite in copia sotto forma cartacea possono essere archiviate in forma elettronica.

Le fatture elettroniche sono conservate in modalit elettronica, in conformit alle disposizioni del decreto del Ministro dell'economia e delle finanze dotato ai sensi dell'articolo 21, comma 5, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82. Le fatture create in formato elettronico e quelle cartacee possono essere conservate elettronicamente.

FORMULAZIONE EQUIVOCABILE !!

Fatturazione elettronica (in generale) e CONSERVAZIONE

Ai fini della conservazione sostitutiva a norma c distinzione (obbligo/facolt) fra fatture elettroniche emesse e fatture ricevute ?

D.M.17/6/2014 (sostituisce il DM

23/1/2004)

Cessionario

committente

La C.M. 18/E/2014 chiarisce che il cliente pu decidere di accettare o meno il processo di conservazione sostitutiva (con possibilit quindi di stampare e conservare su carta la fattura ricevuta elettronicamente),

senza che ci influenzi lobbligo dellemittente di procedere comunque allintegrazione del processo di fatturazione con quello di conservazione elettronica, semprech la fattura rispetti i requisiti di autenticit dellorigine (A), integrit del documento (I) e leggibilit (L).

Fatturazione elettronica (in generale) e CONSERVAZIONE

Fornitore

Fattura elettronica priva dei requisiti AIL

No obbligo conservazione sostitutiva

Sembra obbligatoria la conservazione sostitutiva

Fattura elettronica con requisiti AIL

Dubbio: ma la fattura in pdf trasmessa tramite MAIL dove la mettiamo ?

Per consentire al contribuente di scegliere se adottare o meno la conservazione sostitutiva della fattura bisognerebbe considerare lindicativo presente sono conservate non tanto con riferimento a allobbligo di conservazione elettronica quanto a quello di rispettare le disposizioni dellapposito D.M. laddove il contribuente scelga la conservazione sostitutiva in luogo di quella tradizionale cartacea. Tale lettura potrebbe trovare conferma laddove si considerasse che il successivo periodo della norma dice, senza fare distinzione fra fatture passive (ricevute) o attive (emesse) che le fatture create in formato elettronico e quelle cartacee possono essere conservate elettronicamente.

La nuova impostazione normativa da una parte riconosce la libert del formato elettronico, limitandosi a richiedere il rispetto dei citati requisiti A.I.L., ma dallaltra (art. 36, co.3, secondo periodo, del DPR 633) dice che le fatture elettroniche sono conservate in modalit elettronica in conformit alle disposizioni del D.M. adottato ai sensi dellart. 21 co.5 del D.lgs 82/2005 (leggasi D.M. 17/6/2014)

Fatturazione elettronica (in generale) e CONSERVAZIONE

OSSERVAZIONIIeri (C.M.45/E/2005)

Oggi

La fattura inviata per e-mail priva del consenso (a riceverla come elettronica) oppure del riferimento temporale odella firma elettronica qualificata non rappresenta una fattura elettronica (propriamente detta) ma una fatturaanalogica (cartacea) trasmessa in modalit elettronica NO obbligo adozione processo conservazione sostitutivaa norma

Servono chiarimenti ufficiali (speriamo nella prossima CM a commento del DM 17/6/2014)

DM 17/6/2014in vigore dal 26/6/2014

Conservazione sostitutiva a norma

Sostituisce il DM 23/1/2004 (che rimane valido solo per i documenti giconservati al momento dellentrata in vigore del nuovo decreto)

Rimosso il termine quindicinale per la conservazione sostitutiva a norma dellefatture elettronica (la nuova scadenza, come per gli altri libri e registri, fissataentro 3 mesi dalla scadenza di presentazione della dichiarazione)

Eliminazione obbligo invio allAE dellimpronta informatica dellarchivio (ancheper i documenti conservati ante - vedi R.M. 4/E del 19/1/2015) e comunicazionedelladozione del processo di conservazione sostituitva in DR

Introduzione del pagamento dellimposta di bollo sui documenti informaticitramite F24 entro 120 gg dalla chiusura dellesercizio

Indicazione in fattura: bollo assolto ex D.M. 17/6/2014

DM 17/6/2014caratteristiche della conservazione sostitutiva

cenni

Conservazione sostitutiva a norma

Termina con lapposizione del riferimento temporale e della firmaelettronica qualificata o digitale oppure certificati AE

Deve essere garantito nel rispetto delle norme civilistiche (10 anni)

Rispetto formati ex DPCM di cui allart. 71 D.Lgs 82/2005 (DMCM3/12/2013 e DPCM 13/11/2014) scelto dal responsabile dellaconservazione

Adozione sw archiviazione in grado di garantire funzioni di ricercaconformi al DM

Manuale della conservazione

Fatturazione elettronica verso la PA

disposizioni speciali

Fatturazione elettronica verso la PA

Art. 1, co. 209 ss, L. 244/2007

209. Al fine di semplificare il procedimento di fatturazione eregistrazione delle operazioni imponibili, a decorrere dalla data dientrata in vigore del regolamento di cui al comma 213, lemissione, latrasmissione, la conservazione e larchiviazione delle fatture emessenei rapporti con le amministrazioni pubbliche di cui allarticolo 1,comma 2, della legge 31 dicembre 2009, n. 196, nonch con leamministrazioni autonome, anche sotto forma di nota, conto, parcellae simili, deve essere effettuata esclusivamente in forma elettronica,con losservanza del decreto legislativo 20 febbraio 2004, n. 52, e delcodice dellamministrazione digitale, di cui al decreto legislativo 7marzo 2005, n. 82.

Fatturazione elettronica verso la PA

Fattura elettronica s'intende una fattura contenente le informazioni richiestedalla presente direttiva emessa e ricevuta in formato elettronico.(Direttiva 2010/45/UE del 13 luglio 2010)

Fattura elettronica: una fattura che stata emessa, trasmessa ericevuta in un formato elettronico strutturato che ne consentel'elaborazione automatica ed elettronica.

(Direttiva 2014/55/UE del 16 aprile 2014 relativa alla fatturazione elettronicanegli appalti pubblici )

Per fattura elettronica si intende la fattura che stata emessa e ricevuta in un qualunque formato elettronico.(Art.21 primo comma DPR 633/72)

Direttiva appalti

pubblici da adottare

entro 27/11/2018

Fattura elettronica in generale N.B. Solo XML verso PA

Fatturazione elettronica verso la PA (normativa speciale)

Normativa secondaria e prassi

D.M. 7/3/2008 Individuazione Agenzia entrate quale gestore SDI e Sogei quale ente tecnologico

D.M. 3/4/2013 n. 55 Regolamento emissione, trasmissione e ricevimento fatture PA

C.M. MEF 37/RGS4/11/2013 Prime istruzioni operative per le PA

C.M. MEF e PCM1 del 31/03/2014 Circolare interpretativa DM 55/2013

Fatturazione elettronica verso la PA

Decorrenza per i fornitori residenti

dalla data comunicata al gestore del sistema di interscambio, a decorrere dal 6/12/2013, per le amministrazioni che volontariamente e sulla base di specifici accordi con tutti i propri fornitori intendono avvalersi della ricezione elettronica della fattura, in via anticipata rispetto alle decorrenze di seguito elencate:

dal 6/6/2014 per la fatturazione nei confronti delle PA (Ministeri, Agenzie fiscali ed Enti nazionali di previdenza e assistenza sociale) individuate dallIstat nellelenco della amministrazioni inserite nel conto economico consolidato;

dal 6/6/2015 per la fatturazione nei confronti della generalit delle PA.

Presidenza del ConsiglioMinisteri, Istituti di istruzione di ogni gradoEnti previdenza e assistenza (INPS, Enasarco, Inail, ecc)Agenzie fiscaliAvvocatura Stato

Tutti gli altri

Saranno, invece, oggetto di separato DM le fatture emesse da parte dei non residenti verso la PA nazionale.

31/3/2015 (Art. 25 D.L. 66/2014)

Art. 6 D.M. 55/2013

Fatturazione elettronica verso la PA

Decorrenza per i fornitori residenti

Art. 6, co.6, D.M. 55/2013

A decorrere dallavvio della procedura le PA non possono pi accettare fatture che non siano strasmesse tramite il SDI

Trascorsi 3 mesi da tali date le PA non possono procedere al pagamento, nemmeno parziale, sino allinvio delle fatture in formato elettronico

Fatturazione elettronica verso la PA

Relazioni con il sistema interscambio (SDI)

PEC Web Protocollo FTP Porta di dominio (solo per i soggetti attestati sul Sistema pubblico di connettivit)

Canali invio

Fatturazione elettronica verso la PA

D.M. 3/4/2013 n. 55

Definizione formato (vincolante) della fattura verso la PA

esclusivamente formato XML (non, quindi, un qualsiasi formato elettronico come previsto dallart. 21 del DPR 633/72),

Individuazione PA destinatariaCodice univoco IPA ottenuto dallUfficio della PA tramite accreditamento al sito www.indicepa.gov.it

Indicazione CIG

Indicazione CUP

Codice identificativo gara (gestito da AVCP), salvo esoneri tracciabilit L. 136/2010

Codice unitario progetto di investimento pubblico (gestito dal CIPE)

Nov

it D

L 66

/201

4

Fatturazione elettronica verso la PA

Elenco PA coinvolte individuato da Istat (www.istata.it/it/archivio/6729)

Fatturazione elettronica verso la PA

Data decorrenza obbligo

fatturazione elettronica

Codice univo ufficio a cui va

inviata la fattura

Ricerca tramite sito www.indicepa.gov.it

Fatturazione elettronica verso la PA

Codici per faturazione elettronica (C.U.U.)

Codice univoco IPA richiesto e ottenuto dallUfficio destinatario della fattura

Codice FE centrale (Uff_eFatturaPA) attribuito in automatico dallIPA alle amministrazioni gi presenti nellindice nazionale

6 caratteri

6 caratteri (i primi due

iniziano con UF)

Codice di default per amministrazione obbligata a ricevere le fatture elettroniche che non possiede ancora un codice IPA ufficio o il codice FE centrale

999999

Fatturazione elettronica verso la PA

Emissione, accettazione, esito

Ai sensi dellart. 21, co. 1, del DPR n.633/72 la fattura (cartacea o elettronica) si haper emessa allatto della sua consegna, spedizione, trasmissione o messa adisposizione del cessionario o committente e, inoltre, il ricorso alla fatturazioneelettronica subordinato allaccettazione dal parte del destinatario. La specificadisciplina della fatturazione elettronica verso la PA supera questultimo aspetto ecio il tema del consenso/accettazione del destinatario che viene trasformato inun obbligo da parte dellamministrazione ricevente.

Per quanto riguarda, invece, il momento di emissione, va osservato che le specialidisposizioni del regolamento precisano che le fatture verso la PA si considerano,invece, trasmesse per via elettronica e ricevute dalle amministrazioni solo afronte del rilascio della ricevuta di consegna da parte del sistema diinterscambio (art. 2, co.4, D.M. 55/2013) e cio in caso di buon esito dei controllipreliminari eseguiti dal sistema di interscambio e propedeutici allinoltro aldestinatario (allegato B 4 e 5).

Fatturazione elettronica verso la PA

Distinzione fra esito negativo e notifica di scarto

Casitica Notifica rilasciata dal SdI Riferimenti

Impossibilit di inoltro allufficio destinatario

per cause tecniche

Se linoltro da parte del SdI allamministrazione committente risulta impossibile per motivi tecnici, la

struttura del SdI contatta il referente dellAmministrazione ricevente affinch provveda tempestivamente alla soluzione

del problema ostativo. Se il problema non viene risolto, trascorsi 10 giorni, il SdI inoltra allemittente

unaAttestazione di avvenuta trasmissione della fattura al Sdi con impossibilit di recapito (*).

C.M. 1/DF/2014

5/c

Amministrazione effettivamente non

censita in IPA (e quindi priva anche del codice

FE centrale)

Secondo le specifiche tecniche il codice Ufficio da inserire in fattura da parte del fornitore, pu assumere il valore di

default 999999. Nel caso in oggetto il SdI rilascia al fornitore una Attestazione di avvenuta trasmissione della

fattura con impossibilit di recapito (*)

C.M. 1/DF/2014

5/b

Fattura trasmessa con codice ufficio 999999

in presenza di un codice univoco

dellamministrazione committente

Al fine di evitare lutilizzo improprio del codice di default, il SdI verifica (sulla base dei dati contenuti nella fattura) la

presenza in IPA di un codici Ufficio di fatturazione. In caso affermativo respinge la fattura inviando al mittente una

notifica di scarto segnalando il codice ufficio identificato.

C.M. 1/DF/2014

5/b

Fatturazione elettronica verso la PA

Distinzione fra esito negativo e notifica di scarto

Casitica Notifica rilasciata dal SdI Riferimenti

Fattura trasmessa con codice FE centrale in

mancanza di registrazione allIPA

degli uffici destinatari

Il SdI inoltra allamministrazione la fattura ricevuta che riporta il Codice FE Centrate. Le amministrazioni possono

rifiutare le fatture inoltrate con codice FE centrale esclusivamente nel caso in cui la fattura non sia attribuibile

allamministrazione (ivi compresa ogni sua componente organizzativa).

C.M. 1/DF/2014

5/a

Fattura trasmessa con codice FE centrale in

presenza del codice univo dellufficio

destinatario

Se il SdI identifica la registrazione sullIPA dellUfficio destinatario (in base ai dati contenuti nella fattura) respinge

la fattura inviando al mittente una notifica di scarto.C.M.

1/DF/2014 5/a

(*) Tale messaggio sufficiente a dimostrare che la fattura in esso contenuta pervenuta al SdI nel rispetto delle regole tecniche del D.M. 55/2013 e, come chiarito nel 3 della C.M. 1/DF/2014, la fattura (fiscalmente) pu darsi

per emessa, poich limpossibilit di recapito non dipesa dal fornitore.

dipendenti

Fatturazione elettronica verso la PA

Bollo su fatture elettroniche senza Iva

Il nuovo D.M. 17/6/2014 (in vigore dal 27/6/2014), allart. 6, ha sostituito la complicata procedura prevista dal precedente D.M. 23/1/2004. Sulla base delle nuove regole, limposta di bollo ( 2) dovuta sulle fatture non soggette ad Iva (laddove di importo superiore a 77,47) va ora semplicemente versata una sola volta allanno (mediante F24) entro 120 giorni dalla chiusura dellesercizio (30 aprile, oppure 29 aprile negli anni bisestili). Il versamento va effettuato solo a consuntivo e sparisce, quindi, lobbligo di effettuare in anticipo (tramite F23) e comunicare allAgenzia quanto preventivato per lanno e versare a conguaglio con ulteriore comunicazione allAgenzia entro gennaio dellanno successivo. In merito alla citata novit, sul sito ufficiale del SdI (www.fatturapa.gov.it) stata pubblicata la seguente avvertenza ai sensi dellarticolo 6 del DM 17 giugno 2014, in attesa dellaggiornamento della attuale versione del tracciato FatturaPA, lassoluzione dellimposta di bollo pu essere rappresentata in fattura inserendo nel campo la stringa DM-17-GIU-2014.

Non del tutto chiaro quale sia la sorte delle eventuali autorizzazioni allassolvimento virtuale richieste e ottenute ai sensi dellart. 15 del DPR 642/72 anche se, secondo quanto precisato nella CM 36/E/2006 12 pare che lautorizzazione debba intendersi superata per i documenti disciplinati dal decreto sulla conservazione (quindi anche le fatture elettroniche verso la PA).

http://www.fatturapa.gov.it/

Fatturazione elettronica verso la PA

Split payment

Fatturazione elettronica verso la PA

Numerazione sezionale delle fatture

Lobbligatoriet della fatturazione elettronica nei rapporti con la PA implicalobbligo di procedere alla conservazione sostitutiva delle fatture emesse informato elettronico.

Nei casi in cui il cedente/prestatore intenda adottare la conservazioneelettronica solo per le citate fatture, consentita la conservazione, con lemodalit tradizionali, delle fatture consegnate/spedite in formatoanalogico; a tal fine, sulla base dei vecchi chiarimenti di prassi (CMn.36/E/2006, RM n.161/E/2007, R.M. n.267/E/2007) appare necessaria,per, ladozione di una separata numerazione sezionale soprattutto,aggiungiamo, quando il contribuente valuta di avvalersi di servizi inoutsourcing solo per la fatturazione PA

Diapositiva numero 1Fatturazione elettronica (in generale)Diapositiva numero 3Diapositiva numero 4Diapositiva numero 5Diapositiva numero 6Diapositiva numero 7Diapositiva numero 8Diapositiva numero 9Diapositiva numero 10Diapositiva numero 11Diapositiva numero 12Diapositiva numero 13Fatturazione elettronica verso la PAdisposizioni specialiDiapositiva numero 15Diapositiva numero 16Diapositiva numero 17Diapositiva numero 18Diapositiva numero 19Diapositiva numero 20Diapositiva numero 21Diapositiva numero 22Diapositiva numero 23Diapositiva numero 24Diapositiva numero 25Diapositiva numero 26Diapositiva numero 27Diapositiva numero 28Diapositiva numero 29Diapositiva numero 30Diapositiva numero 31