CISL USR Lombardia - Sito internet: > 2017-05-26¢  bronchiale), ulcerazioni prime vie...

download CISL USR Lombardia - Sito internet: > 2017-05-26¢  bronchiale), ulcerazioni prime vie aeree, neoplasie

of 42

  • date post

    13-Aug-2020
  • Category

    Documents

  • view

    0
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of CISL USR Lombardia - Sito internet: > 2017-05-26¢  bronchiale), ulcerazioni prime vie...

  • CISL USR Lombardia - Sito internet: www.lombardia.cisl.it > Speciali > Ambiente e sicurezza > Materiali 1

  • Galvanica I trattamenti galvanici sono utilizzati per dare alle superfici metalliche particolari caratteristiche di durezza, resistenza alla corrosione, gradevolezza estetica. II principio della galvanica è basato sulla deposizione di metalli sulle superfici trattate. II sale del metallo viene immerso in un bagno (una soluzione acquosa con sali e additivi) dove viene fatta passare una corrente continua, in modo che gli ioni del metallo si depositino sulla superficie da trattare. Le caratteristiche finali del prodotto dipendono dal metallo usato: cromo, nichel, rame, zinco, cadmio, argento ecc. Nel ciclo produttivo della galvanica possiamo distinguere 3 fasi: 1. trattamento preliminare delle superfici (pulitura meccanica, decappaggio acido, sgrassaggio); 2. bagno galvanico vero e proprio con la deposizione di metalli; 3. trattamenti finali (passivazione, lucidatura). Infine vi può essere la analoga operazione di strippaggio, che consiste nel togliere la superficie metallica depositata da pezzi o manufatti al fine di recuperarli in condizioni originarie. Trattamenti preliminari Fattori di rischio: * rumore; * polveri silicee nel caso del trattamento con sabbia, o polveri a vario contenuto di silice e ossidi metallici; * vibrazioni a mani e braccia, se si usano utensili manuali; * infortuni (polveri negli occhi). Danni alla salute: * ipoacusia da rumore e danni extrauditivi; * pneumoconiosi (accumulo di polveri nei polmoni con insufficienza respiratoria); * disturbi articolari, vascolari e nervosi alle mani e arti superiori (formicolii, impaccio funzionale) da vibrazioni, se si usano utensili manuali.

    COMPARTO METALMECCANICO

    CISL USR Lombardia - Sito internet: www.lombardia.cisl.it > Speciali > Ambiente e sicurezza > Materiali 2

  • Bonifiche e soluzioni: Inquinamento da polveri * Ciclo chiuso di sabbiatura, smerigliatura, pulizia meccanica (attenzione alla manutenzione degli impianti perchè rimangano insonorizzati e non disperdano polvere); * Aspirazioni alla fonte delle polveri; Vibrazioni * Utilizzo di utensili adeguati (ergonomici e antivibrazioni); * Uso dei mezzi di protezione personale: cuffie o inserti antirumore, maschere antipolvere a cappuccio autoalimentate; guanti ammortizzanti le vibrazioni. Sgrassaggio con solventi Fattori di rischio: * esposizione a vapori di solventi clorurati * rumore ed ultrasuoni (rischio contenuto); * rischio di infortunio (anche mortale) per intossicazione acuta da solventi (esempio: esposizione a dosi elevate in ambienti chiusi, come nella manutenzione delle vasche), o da uso di centrifughe non in sicurezza. Danni alla salute: * Effetti dei solventi clorurati sul sistema nervoso centrale (vertigini, sonnolenza, mal di testa) e periferico (astenia, stanchezza), sul fegato e sul rene. Soluzioni e bonifiche: Inquinanti * buona ventilazione del reparto con apporto d'aria esterna per compensare quella estratta dai sistemi aspirazione; * uso di tecnologie che non fanno uso di solventi o di solventi a basso grado di tossicità; Le lavorazioni devono prevedere vasche aspirate, coperte per tutto il tempo consentito dalle operazioni. Le lavorazioni "a straccio" devono essere effettuate (ma raramente) in zona riparata e bene ventilata. * mezzi di protezione personale: guanti resistenti ai solventi e creme barriere, maschere a carboni attivi; * norme di igiene generale: non mangiare, non fumare (vedi verniciatura);

    COMPARTO METALMECCANICO

    CISL USR Lombardia - Sito internet: www.lombardia.cisl.it > Speciali > Ambiente e sicurezza > Materiali 3

  • * non essere disponibile in reparto lavaggio oculari a getto e doccia * corretto smaltimento dei rifiuti; * depurazione delle acque; * impianto di abbattimento a carboni attivi delle emissioni. Nota Bene. Nelle fasi di pulizia di vasche con residui di solvente adottare le seguenti misure di sicurezza: effettuarla: * mai da soli, ma sempre con un compagno di lavoro per controllo e soccorso; * sempre con respiratore a presa d'aria esterna con maschera a carboni attivi (a disposizione per due persone); * sempre legati a cintura di sicurezza (nel caso di vasche profonde). Attenzione all'uso di centrifughe per l'asciugatura dei pezzi, spesso del tipo a cestello estraibile: * Le centrifughe devono essere utilizzate entro i limiti di velocità e di carico previsti dal costruttore e richiamati da scheda allegata alla macchina. Devono inoltre essere dotate di coperchio munito di blocco elettrico e meccanico che impedisca la messa in moto nella posizione di "aperto" e l'apertura con cestello in moto Per centrifughe con diametro superiore ai 50 cm, occorrono verifiche periodiche.

    COMPARTO METALMECCANICO

    CISL USR Lombardia - Sito internet: www.lombardia.cisl.it > Speciali > Ambiente e sicurezza > Materiali 4

  • Sgrassaggio con soluzioni alcaline o acide Fattori di rischio: * esposizione a nebbie irritanti alcaline e acide; * esposizione a composti con cianuri. Danni alla salute: Le nebbie alcaline e acide sono irritanti per cute e mucose (occhi, gola, apparato respiratorio), il contatto con soluzioni concentrate può essere fortemente caustico e quindi provocare infortuni. N.B.: I cianuri sono disciplinati dalle normative sui gas tossici I Soluzioni e bonifiche: Valgono le stesse considerazioni su aspirazioni, ciclo chiuso, norme precauzionali e centrifughe a norma fatte precedentemente. Tenere presente che i mezzi di protezione personale (cutanei, indumenti, respiratori) devono essere testati per il rischio specifico da esposizione a sostanze alcaline e acide (corrosive). Gli operatori che manipolano composti con cianuri devono avere un apposito patentino. Trattamento galvanico Fattori di rischio: * esposizione a metalli tossici (vedi scheda tossicità metalli); * nebbie acide e alcaline; * microclima caldo-umido nella stagione estiva e freddoumido nella stagione invernale. Trattamenti finali Fattori di rischio: * metalli; * esposizione a nebbie acide e alcaline; * polveri con eventuale contenuto di silice cristallina; * rumore; * vibrazioni, se con attrezzature manuali; * contatto con additivi (es. tiourea, amine) usati per modificare il bagno galvanico. Tanto per il trattamento galvanico, quanto per i trattamenti finali valgono le seguenti indicazioni.

    COMPARTO METALMECCANICO

    CISL USR Lombardia - Sito internet: www.lombardia.cisl.it > Speciali > Ambiente e sicurezza > Materiali 5

  • Danni alla salute: * all'apparato cutaneo: dermatiti irritative da contatto, discromie da deposizione dei metalli, ulcere (da cromo), dermatiti allergiche da contatto; * all'apparato respiratorio: patologia irritativa (riniti, bronchiti), patologia allergica (asma bronchiale), ulcerazioni prime vie aeree, neoplasie (adenocarcinoma del À:.; setto e delle cavità nasali, tumore al polmone); * inoltre, i metalli usati in galvanica hanno: - azione irritante su occhi (blefariti, congiuntiviti), e mucose; - azione potenzialmente allergizzante con dermatiti allergiche e asma bronchiale; - azione tossica su rene ed altri organi; * ipoacusia da rumore; * il microclima freddo umido, la presenza di nebbie acide o alcaline e di additivi usati nei bagni facilita tutte le patologie a carico dell'apparato respiratorio sia quelle irritative, che quelle allergiche, e quelle croniche (bronchiti); * il microclima umido facilita anche le patologie reumoarticolari (lombalgie, artrosi) da eventuale movimentazione di pezzi pesanti. Soluzioni e bonifiche: Inquinanti * Va garantita una buona ventilazione generale dell'ambiente con apporto di aria dall'esterno per compensare quella estratta dai sistemi di aspirazione; * sistemi di aspirazione localizzati idonei sui bagni galvanici, e per l'uso di sostanze cancerogene, applicazione della direttiva CEE sui cancerogeni recepito con Decreto 626/94; * oltre alla aspirazione possono essere utili la copertura delle vasche, e l'uso di additivi antinebbia; * manutenzione periodica degli impianti e ventilazione generale dell'ambiente (torrini di estrazione dell'aria); * ovviamente a seconda che si tratti di impianti con grande manualità o a crescente automazione, e a seconda della tossicità del metallo, variano i tipi di impianto, le portate, i sistemi di abbattimento. * esigere le schede di sicurezza dei prodotti in uso e la presenza delle etichette dei prodotti e leggerle attentamente;

    COMPARTO METALMECCANICO

    CISL USR Lombardia - Sito internet: www.lombardia.cisl.it > Speciali > Ambiente e sicurezza > Materiali 6

  • * stoccaggio corretto dei materiali in locali idonei ed asciutti, eventualmente separati (attenzione alle sostanze incompatibili), con vasche di raccolta per gli sversamenti; * uso corretto di mezzi di protezione personale (tute, guanti, mascherine, occhiali o visiera, scarpe antiacido); * norme di igiene generale: non fumare, non mangiare sul luogo di lavoro per il rischio di assorbimento dei metalli per via digestiva (vedi anche scheda sulla verniciatura); * corretto smaltimento dei rifiuti; * depurazione delle acque; * impianti di abbattimento per le emissioni. Protocollo di sorveglianza sanitaria * Visita medica mirata agli organi bersaglio: - cute: cogliere segni di dermatite irritativa o allergica eventuali lesioni da cromo o colorazioni da metalli; - occhi: raccogliere i sintomi quali bruciore,