Analisi dell’utenza sui voli internazionali Low Cost in ... · L.C. & TURISMO a Cagliari Analisi...

of 67/67
Prof Ing. Roberto Devoto Ing. Nicoletta Rassu UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI D.I.T. DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DEL TERRITORIO L.C. & TURISMO a Cagliari Analisi dell’utenza sui voli internazionali Low Cost in partenza dallo scalo di Cagliari-Elmas
  • date post

    26-Jan-2020
  • Category

    Documents

  • view

    0
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Analisi dell’utenza sui voli internazionali Low Cost in ... · L.C. & TURISMO a Cagliari Analisi...

  • Prof Ing. Roberto Devoto Ing. Nicoletta Rassu

    UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI D.I.T. DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DEL TERRITORIO

    L.C. & TURISMO a Cagliari Analisi dell’utenza sui voli internazionali Low Cost in partenza dallo scalo di Cagliari-Elmas

  • L.C. & TURISMO a Cagliari

    Analisi dell’utenza sui voli internazionali Low Cost in partenza dallo scalo di Cagliari-Elmas

    UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

    DIT Dipartimento di Ingegneria del Territorio

    Gruppo di Lavoro:

    Prof. Ing. Roberto Devoto Responsabile Scientifico

    Ing. Nicoletta Rassu Responsabile del procedimento

    Data di emissione: Febbraio 2011

  • Indice dei contenuti

    1. INTRODUZIONE.............................................................................................................................................. 1 2. TURISMO DEL SUD SARDEGNA................................................................................................................ 2 3. ANALISI DEL TRAFFICO AEREO................................................................................................................ 4

    3.1 Cagliari ..................................................................................................................................................... 5 3.2 I vettori Low Cost.................................................................................................................................. 10

    4. INDAGINE CONDOTTA.............................................................................................................................. 13 4.1 Il questionario........................................................................................................................................ 13

    4.1.1 Sezione 1 – Dati Generali ..................................................................................................................................14 4.1.2 Sezione 2 – Dati relativi alla permanenza in Sardegna .................................................................................14 4.1.3 Sezione 3 – Dati qualitativi sul soggiorno in Sardegna.................................................................................17

    4.2 Calendario dei voli................................................................................................................................ 18 5. RACCOLTA DATI ED ELABORAZIONE.................................................................................................. 19 6. RISULTATI GENERALI DELL’INDAGINE .............................................................................................. 21

    6.1 Sezione 1 – Dati Generali ..................................................................................................................... 21 6.1.1 1. – 6. Natura dello Spostamento & Residenti in Sardegna ..........................................................................21 6.1.2 2.-3. Sesso & età ..................................................................................................................................................22 6.1.3 4. Professione ......................................................................................................................................................23 6.1.4 5. Nazionalità......................................................................................................................................................23

    6.2 Sezione 2 - Dati relativi alla permanenza in Sardegna..................................................................... 24 6.2.1 7. Prima volta nel sud Sardegna.......................................................................................................................24 6.2.2 8. Numero di viaggiatori...................................................................................................................................25 6.2.3 9. Motivo del viaggio .........................................................................................................................................25 6.2.4 10. Durata complessiva del soggiorno ............................................................................................................26 6.2.5 11. Destinazione Principale...............................................................................................................................27 6.2.6 12. Struttura Ricettiva ........................................................................................................................................29 6.2.7 13. - 14. Spesa complessiva e ripartizione nelle voci di costo.......................................................................30 6.2.8 15. Cagliari, numero di notti & struttura ricettiva .........................................................................................31

    6.3 Sezione 3 - Dati qualitativi sul soggiorno in Sardegna .................................................................... 33 6.3.1 16. Motivo della scelta della Sardegna come meta della vacanza................................................................33 6.3.2 17. – 18. Criticità riscontrate ed eventuale ritorno in Sardegna ...................................................................34

    7. ANALISI RISTRETTA SUL COMUNE DI CAGLIARI ........................................................................... 36 7.1 Scelta dell’alloggio in base alla durata del viaggio........................................................................... 36 7.2 Nazionalità............................................................................................................................................. 36

    7.2.1 Nazionalità & Durata del soggiorno................................................................................................................38 7.2.2 Nazionalità & Struttura ricettiva......................................................................................................................40 7.2.3 Nazionalità & Spesa...........................................................................................................................................41

    7.3 Motivo della scelta in relazione alla frequenza della visita............................................................. 43 8. SCHEDE DEL VIAGGIATORE TIPO ......................................................................................................... 46

    8.1 Scheda del viaggiatore tipo in relazione alla compagnia aerea...................................................... 47 8.1.1 Viaggiatore RYANAIR ......................................................................................................................................49 8.1.2 Viaggiatore EASYJET ........................................................................................................................................51 8.1.3 Viaggiatore AIRBERLIN ...................................................................................................................................53

    9. ANALISI CONLUSIVA.................................................................................................................................. 55 9.1 Conclusioni ............................................................................................................................................ 61

    I

  • Indice delle Tabelle & Figure

    Figura 1: Offerta ricettiva nelle province della Sardegna (Dati 2008) 2 Figura 2: Ricettività nel Comune di Cagliari 3 Figura 3 Inquadramento geografico degli scali 1 Figura 4: Traffico Totale passeggeri suddiviso tra Nazionale e Internazionale (05-09) 5 Figura 5: Traffico Passeggeri sui Collegamenti internazionali LC (2007) 6 Figura 6: Traffico Passeggeri sui Collegamenti internazionali LC (2009) 7 Figura 7: Traffico Passeggeri sui Collegamenti internazionali LC (dati aggiornati ad Ottobre 2010) 8 Figura 8: Passeggeri LC trasportati per Area Geografica (07-09) 9 Figura 9: Mercati di riferimento 9 Figura 10: CAG - Traffico Internazionale, suddivisione delle Quote di Mercato negli anni 9 Figura 11: CAG – Traffico Totale Passeggeri 2009; Quota di Traffico LC e Ripartizione tra i vettori LC 10 Figura 12: Sezione 1, Dati Generali 14 Figura 13: Dati relative alla Permanenza in Sardegna 17 Figura 14: Dati qualitative sul soggiorno in Sardegna 17 Figura 15: Campione raggiunto in termini di QUESTIONARI 19 Figura 16: Campione raggiunto in termini di PASSEGGERI 19 Figura 17: Natura dello Spostamento 22 Figura 18: Distribuzione tra Passeggeri Residenti e Non Residenti 22 Figura 19: Nazionalità 24 Figura 20: Motivo del Viaggio 26 Figura 21: Durata media del soggiorno 27 Figura 22: Meta Principale, Comune 29 Figura 23: Meta Principale, Provincia 29 Figura 24: Struttura Ricettiva 30 Figura 25: Soggiorno a Cagliari 32 Figura 26: Cagliari, Struttura Ricettiva 33 Figura 27: Cagliari, Spesa Individuale per il campione che “soggiorna a Cagliari” 33 Figura 28: Motivo della scelta 34 Figura 29: Struttura ricettiva in relazione alla durata media del SOGGIORNO/SOSTA a CAGLIARI 36 Figura 30: Nazionalità principali 37 Figura 31: Prima Visita in Sardegna 38 Figura 32: Durata media del soggiorno a Cagliari per nazionalità 38 Figura 33: Durata media della sosta a Cagliari per nazionalità 39 Figura 34: Presenze nel Comune di Cagliari 39 Figura 35: Strutture ricettive scelte dalle nazionalità principali (Soggiorno CA) 40 Figura 36: Strutture ricettive scelte dalle nazionalità principali (Sosta) 41 Figura 37: Spesa media individuale dell’intera vacanza e delle sosta a Cagliari suddivisa per Nazionalità 41 Figura 38: Incidenza delle singole voci di costo per ciascuna Nazionalità 42 Figura 39: Apporto delle nazionalità su ciascuna voce di spesa 43

    Tabella 1: Traffico Passeggeri nei tre scali 05-09 4 Tabella 2: Traffico Totale passeggeri suddiviso tra Nazionale e Internazionale (05-09) 5 Tabella 3: Nuove rotte che rappresentano l’Offerta aggiuntiva del 2009 7 Tabella 4: Passeggeri LC trasportati per Area Geografica (07-09) 8 Tabella 5: Caratteristiche Principali dei vettori Low Cost 11 Tabella 6: Calendario Voli 18 Tabella 7: Natura dello Spostamento 21 Tabella 8: Sesso 22 Tabella 9: Età 23 Tabella 10: Professione 23 Tabella 11: Nazionalità 24 Tabella 12: I volta in Sardegna 25 Tabella 13: Motivo del Viaggio 25 Tabella 14: Durata Media del Soggiorno 26 Tabella 15: Meta Principale 28 Tabella 16: Spesa individuale 30

    II

  • Tabella 17: Incidenza % di ciascuna voce di costo 31 Tabella 18: Soggiorno a Cagliari 32 Tabella 19: Cagliari, numero di notti 32 Tabella 20: Criticità riscontrate durante il soggiorno 34 Tabella 21: Ritornerebbe in Sardegna 35 Tabella 22: Nuova domanda turistica suddivisa per nazionalità 37 Tabella 23: Motivo della scelta in relazione alla I visita in Sardegna 44 Tabella 24: Viaggiatore Tipo 46 Tabella 25: Viaggiatore RYANAIR 49 Tabella 26: Viaggiatore EASYJET 51 Tabella 27: Viaggiatore AIRBERLIN 53 Tabella 28: Target del viaggiatore delle Tre compagnie a confronto 56 Tabella 29: SWAT Analysis 59

    III

  • Introduzione

    1. INTRODUZIONE

    Il presente lavoro mette in relazione i voli Low Cost con il turismo del Sud Sardegna e in particolare con Cagliari. Nel dettaglio lo studio si è concentrato sul segmento dei voli internazionali Low Cost, al fine di definirne le caratteristiche del viaggiatore tipo, nonché misurarne le ricadute economiche sul territorio.

    Il lavoro si è articolato in tre parti:

    1) Realizzazione del Questionario

    2) Indagine campionaria

    3) Raccolta ed elaborazione dati

    La formulazione del questionario ha riguardato, oltre che il contenuto, ovvero la predisposizione delle domande da sottoporre all’utenza, anche la strutturazione delle domande stesse, sia in termini di sequenza logica sia in termini di scelta della struttura ovvero chiusa o aperta. Il questionario definitivo è diviso in tre parti per un totale di 18 domande.

    L’indagine campionaria è stata condotta nell’ultima settimana di settembre, dal 27/09/2010 al 03/10/2010.

    Il questionario è stato somministrato da 8 rilevatori ai passeggeri di tutti i voli internazionali LC operati dalle compagnie Ryanair, Easyjet ed Airberlin, in partenza dallo scalo di Cagliari – Elmas.

    I questionari raccolti sono stati 1.505 per un totale di 3.857 passeggeri raggiunti. I passeggeri totali partiti nella settimana del rilievo sono stati 7.614.

    La fase successiva ha riguardato il caricamento dei questionari su un database e la conseguente elaborazione sia delle singole risposte sia dei vari incroci. L’analisi incrociata ha interessato unicamente i passeggeri che hanno soggiornato a Cagliari, permettendo di definire, attraverso delle schede di sintesi, il viaggiatore tipo dei voli internazionali LC che sceglie il comune del capoluogo.

    Al fine di delineare il target del viaggiatore, anche in funzione della compagnia aerea, le schede sono state replicate in relazione al vettore utilizzato.

    I risultati ottenuti metteranno in risalto gli indiscussi benefici economici sul territorio, derivanti dai nuovi collegamenti internazionali diretti con le principali città europee. Tuttavia, verranno evidenziate anche alcune criticità che potrebbero tradursi in pericoli se non verranno affrontate con urgenza ed in modo determinato dalle istituzioni, in alleanza con quei soggetti privati che beneficiano di questa tipologia di turismo e pertanto sono più interessati al consolidamento e mantenimento di tale situazione.

    1/61

  • Turismo del Sud Sardegna

    2. TURISMO DEL SUD SARDEGNA

    Il settore turismo nel Sud Sardegna e in particolare nella città di Cagliari sta rapidamente crescendo. La conferma di ciò la si ha dai dati elaborati da Provincia e Comune per gli anni 2007-2008-2009. Tale dato è tuttavia riscontrabile anche da altri segnali quali quello del continuo aumento dei B&B e degli affitta camere in città e degli agriturismo in tutta la provincia.

    Nel 2009 nel porto di Cagliari sono stati movimentati circa 456.000 passeggeri di cui 120.000 legati al settore crocieristico. In buona approssimazione si può pensare che circa l’80% del totale dei passeggeri sia legato al settore turistico. Nello stesso anno, il numero di passeggeri che ha viaggiato per turismo utilizzando in arrivo e partenza lo scalo di Cagliari - Elmas è stato di circa 1.300.000. Tale dato evidenzia come, relativamente al bacino del sud Sardegna, la modalità aerea abbia nettamente superato la modalità navale, facendo dello scalo di Cagliari l’infrastruttura di accesso principale del Sud Sardegna.

    L’aspetto fondamentale, nonché elemento di cambiamento rispetto all’andamento degli anni precedenti, risiede nel fatto che grazie ai voli a basso costo si è notata una maggiore presenza turistica anche nei mesi di spalla (Maggio e Ottobre).

    La vera sfida sarà quella di allungare la stagione anche nei mesi invernali tramite una maggiore appetibilità del prodotto Sardegna e di Cagliari in particolare e trovare nuove motivazioni perché un turista ritorni anche una seconda volta. Pertanto si dovrà lavorare non solo sui trasferimenti, nella misura dei collegamenti, ma anche e soprattutto sulla ricettività infrastrutture, sull’attrattività etc.

    Le presenze turistiche complessive in tutta la Sardegna sono state, nel 2009, 12.311.000 con +1,8% rispetto al 2008; gli italiani sono stati circa il 68% e gli stranieri il 32%.

    Per quanto riguarda la provincia di Cagliari le presenze sono state quasi 3 milioni con +2,9% rispetto all’anno precedente e con il 26% di presenze straniere (+10% rispetto al 2008).

    Per quel che concerne l’offerta ricettiva della Sardegna e delle sue province, dai dati forniti dal Crenos emerge che la provincia di Cagliari nel 2008 ha registrato un +9,1% con 127 strutture ricettive in più rispetto al 2007, di cui 11 alberghiere.

    Figura 1: Offerta ricettiva nelle province della Sardegna (Dati 2008)

    Nel 2006 il maggior numero di arrivi si registrava nel periodo tra marzo e settembre; nel 2007 il trend è sceso nei mesi invernali per risalire durante quelli estivi con picchi di oltre 12mila a maggio e superando i 17mila a settembre (mesi di spalla). Nel 2008 lo scenario cambia, perché già nel mese di gennaio sono 12mila i

    2/61

  • Turismo del Sud Sardegna

    turisti che si fermano a Cagliari; l’andamento prosegue in crescendo di mese in mese, sino a giungere ai 20mila arrivi a maggio e settembre.

    Il 2009 è un anno importante per la città grazie all’attivazione dei voli Low Cost che collegano Cagliari con voli diretti con le principali città europee. Gli arrivi, già alti a partire dall’inizio dell’anno, salgono sopra i 20mila a partire dalla fine di marzo mantenendosi al di sopra di questo valore nei sette mesi successivi e sfiorando i 25mila arrivi a luglio. Negli ultimi tre mesi dell’anno non si scende mai sotto dei 14mila arrivi.

    Nel 2010 si registra un ulteriore miglioramento. Cagliari si conferma in tal modo una città appetibile e facilmente accessibile registrando un trend più che positivo. Nel mese di Gennaio si registrano 12mila presenze e aprile si attesta sulle 20mila. Un dato che durante il periodo estivo è sensibilmente migliorato anche se le aspettative forse erano sicuramente più importanti.

    La sfida che ora si presenta per la “capitale della Sardegna” sarà quella di confermare questo trend e non perdere i voli internazionali più importanti che hanno contribuito a questo fenomeno. Alcune minacce si affacciano all’orizzonte:

    • la prima riguarda le disposizione della UE che permette il contributo marketing ai vettori solo per 2/3 anni;

    • la seconda è che il vettore Ryanair, nello scalo cagliaritano, detiene il 57% di quota di traffico internazionale e il 70% se si considera solo quello del segmento Low Cost, numeri che le permettono di dettare regole;

    • la terza è che la Regione non sempre avrà a disposizione le risorse per finanziare oltre Cagliari anche Olbia ed Alghero.

    Sarà quindi necessario attrezzarsi e prepararsi a nuove sfide e nuovi orizzonti sul piano strettamente trasportistico (voli), sul piano accoglienza (alberghiero-ristorazione) e sul piano attrattivo e motivazionale (spettacoli-eventi sportivi-culturali etc.)

    Attualmente, la situazione dell’offerta nella città di Cagliari si sintetizza nella seguente tabella

    Figura 2: Ricettività nel Comune di Cagliari

    3/61

  • Analisi del Traffico Aereo

    3. ANALISI DEL TRAFFICO AEREO

    I principali aeroporti sardi sono tre, Cagliari – Elmas, Olbia – Costa Smeralda ed Alghero – Fertilia

    Figura 3 Inquadramento geografico degli scali

    L’aeroporto di Cagliari è il maggior scalo sardo con un bacino di traffico che raccoglie circa il 60% dei potenziali utenti, il restante 40% si ripartisce tra i due scali del nord.

    Cagliari, l’aeroporto del capoluogo, ha sempre rivestito un ruolo primario nel settore del trasporto aereo da e per il continente. La sua vocazione principale è di scalo commerciale e business. Solo negli ultimi tre anni, a seguito dell’apertura di nuovi collegamenti low cost nazionali ed internazionali, ha visto aumentare considerevolmente il proprio traffico turistico. Al contrario, gli aeroporti di Olbia ed Alghero continuano a servire un traffico prettamente leisure. Questo è dovuto principalmente al fatto che i due scali del nord, servono un’area del territorio cresciuta e sviluppatasi prevalentemente sull’offerta di servizi turistici nella stagione estiva – Aprile – Ottobre.

    La tabella seguente mostra il traffico commerciale passeggeri, nazionale ed internazionale, movimentato negli ultimi cinque anni dai tre scali maggiori

    Tabella 1: Traffico Passeggeri nei tre scali 05-09

    Traffico Passeggeri in ml

    Anno Cagliari Olbia Alghero Totali

    2005 2,34 1,61 1,07 5,03

    2006 2,46 1,77 1,07 5,29

    2007 2,65 1,74 1,30 5,68

    2008 2,92 1,74 1,38 6,04

    2009 3,29 1,62 1,50 6,41

    Il traffico passeggeri totalizzato dai tre scali è cresciuto nei quattro anni con un incremento medio annuo del 6%. Il contributo maggiore è da attribuirsi prevalentemente agli scali di Cagliari (IMA 9%) ed Alghero (IMA 9%), mentre l’aeroporto di Olbia, dopo una crescita del 10% tra il 2005 e il 2006, ha registrato delle perdite negli anni a seguire che hanno determinato una crescita nulla.

    Dall’analisi del traffico passeggeri, suddiviso tra nazionale ed internazionale, è emerso che a livello globale, ovvero considerando l’aggregato dei tre scali, il traffico nazionale è cresciuto dal 2005 con incrementi medi annui del 4%. Tassi di crescita

    4/61

  • Analisi del Traffico Aereo

    maggiori si sono registrati, nello stesso periodo, a livello internazionale con un IMA del 12%.

    Tabella 2: Traffico Totale passeggeri suddiviso tra Nazionale e Internazionale (05-09)

    Anno Nazionali Internazionali TOT

    2005 3,87 1,16 5,03

    2006 4,00 1,29 5,29

    2007 4,09 1,59 5,68

    2008 4,39 1,65 6,04

    2009 4,58 1,83 6,41

    Figura 4: Traffico Totale passeggeri suddiviso tra Nazionale e Internazionale (05-09)

    Un tale andamento del traffico è da legarsi al fenomeno low cost. Infatti, come si evince dalla Figura 4, al livello internazionale l’impennata maggiore si è registrata nel 2007, anno in cui si è assistito ad un potenziamento delle rotte L.C. (è il caso di Alghero) e alla apertura di nuove rotte (Cagliari). Sul traffico nazionale, il salto si è registrato nel 2008, in occasione dell’entrata a regime delle rotte nazionali con Pisa, Bergamo e Milano Malpensa.

    3.1 Cagliari

    Lo scalo del capoluogo, negli ultimi tre anni a partire dal 2007, ha registrato un andamento del traffico decisamente positivo, passando da 2,46 milioni di passeggeri nel 2006 a 3,29 milioni (2009), con incrementi medi annui del 10%. Le performance migliori si sono avute sul traffico internazionale cresciuto ogni anno in media del 34%. Decisivi a tal proposito sono stati i vettori low cost che, con l’ingresso prima e il consolidamento poi di nuove rotte, hanno generato il trend di crescita positivo di cui si è detto.

    Sebbene i primi collegamenti internazionali Low Cost siano iniziati nel 2005, con i voli stagionali per Londra operati da Easyjet, e siano proseguiti l’anno successivo con l’aggiunta dei collegamenti con la Germania serviti dal vettore tedesco Hapag Lloyd, per parlare di un vero network si parte dal 2007. A partire da tale anno la rosa dei vettori LC è passata da due a tre e le rotte servite da quattro a sette. Nei

    5/61

  • Analisi del Traffico Aereo

    punti successivi verrà indicata nel dettaglio l’evoluzione dei collegamenti, le compagnie aeree e il periodo di operatività dei voli a partire dal 2007 sino al 2010.

    Nel 2007 le rotte che collegavano Cagliari con Colonia, Monaco e Stoccarda erano operate dal vettore Tui Fly ex Hapag Lloyd. A questi sono seguiti i collegamenti Ryanair con Barcellona – Girona (da marzo) e Madrid (da ottobre) e le rotte servite da Easyjet con Londra – Luton (marzo) e Ginevra (Stagionale giugno - settembre).

    Figura 5: Traffico Passeggeri sui Collegamenti internazionali LC (2007)

    Nel 2008, al network del 2007 è stato aggiunto il collegamento stagionale –luglio – ottobre - con Basilea (Easyjet).

    Nel 2009 si è assistito ad un consistente potenziamento del network passando da 8 a 20 collegamenti, indicati in Figura 6

    6/61

  • Analisi del Traffico Aereo

    Figura 6: Traffico Passeggeri sui Collegamenti internazionali LC (2009)

    Dei 20 collegamenti 9 sono stagionali e 11 annuali. La sintesi delle nuove rotte, con indicazione del vettore e del periodo di operatività è mostrata nella tabella seguente

    Tabella 3: Nuove rotte che rappresentano l’Offerta aggiuntiva del 2009

    Aeroporto/Citta Vettore Operatività

    Berlino Easyjet Stagionale

    Apr-Ott

    Ginevra Easyjet Stagionale Lug – Ott

    Bristol Ryanair Stagionale Lug – Ott

    Bruxelles (Charleroi) Ryanair Annuale

    Düsseldorf Ryanair Annuale

    Edimburgo Ryanair Stagionale

    Apr-Ott

    Frankfurt-Hahn Ryanair Annuale

    Karlsruhe-Baden Ryanair Annuale

    Manchaster Ryanair Stagionale

    Apr-Set

    Marsiglia Ryanair Stagionale

    Apr-Ott

    Parigi (Beauvais) Ryanair Annuale

    Siviglia Ryanair Stagionale

    Apr-Ott

    Valencia Ryanair Stagionale Mag-Ott

    Basilea Ryanair/Easyjet Stagionale Mag-Ott

    I collegamenti stagionali variano da una copertura massima di sette mesi (aprile – ottobre) a un minimo di quattro da luglio a ottobre.

    Nel 2010, si è avuto un consolidamento del network dell’anno precedente, ad eccezione di alcune rotte che sono state cancellate. In particolare sono stati

    7/61

  • Analisi del Traffico Aereo

    soppressi i tre collegamenti stagionali con Bristol, Manchester ed Edimburgo e da Aprile anche il collegamento annuale con Stoccarda.

    Il dettaglio è riportato in Figura 7

    Figura 7: Traffico Passeggeri sui Collegamenti internazionali LC (dati aggiornati ad Ottobre 2010)

    A partire dal 2007, le aree geografiche servite dai vettori LC1 sono state nell’ordine, Germania, Spagna, Inghilterra e Svizzera. Dal 2009, all’elenco si sono aggiunte Francia e Belgio. I passeggeri trasportati nei tre anni ed aggregati per area geografica sono riportati nella tabella e nel grafico a seguire

    Tabella 4: Passeggeri LC trasportati per Area Geografica (07-09)

    Area Geografica 2007 2008 2009

    Belgio - - 41,126

    Francia - - 67,707

    Germania 99,620 95,556 175,475

    Spagna 45,791 112,125 194,504

    Svizzera 15,066 13,073 26,907

    United Kingdom 49,434 60,076 110,436

    1 I Dati si riferiscono ai quattro vettori Low Cost: Ryanair, Easy Jet, Air Berlin e Tui Fly

    8/61

  • Analisi del Traffico Aereo

    Figura 8: Passeggeri LC trasportati per Area Geografica (07-09)

    Nel 2009, circa l’80% del traffico Internazionale Low Cost ha servito, nell’ordine, Spagna (32%), Germania (28%) e Inghilterra (18%).

    Figura 9: Mercati di riferimento

    Il traffico internazionale LC non è cresciuto solo in valore assoluto, ma anche in relazione al restante traffico internazionale offerto da altri segmenti, acquisendo una quota di mercato dominante. Si pensi che dal 2007 al 2009 la quota di mercato LC è passata dal 52% all’82%.

    Figura 10: CAG - Traffico Internazionale, suddivisione delle Quote di Mercato negli anni

    9/61

  • Analisi del Traffico Aereo

    Nel 2010, secondo i dati aggiornati a ottobre, la quota è di circa 81%, eguagliando nei 10 mesi quella dell’anno precedente. Questo mostra come lo scalo cagliaritano sia fortemente dipendente dal traffico LC, sebbene nella misura del traffico internazionale.

    Anche sul segmento Nazionale si è registrata un’acquisizione crescente di fette di mercato da parte dei vettori LC, ma in misura più contenuta rispetto al traffico Internazionale, giungendo a coprire il 38% (2010) dell’intero segmento.

    Al livello globale, sempre sui dati 2009, il traffico LC cuba circa il 40% del traffico totale dello scalo di Cagliari, come evidenziato in Figura 11

    Figura 11: CAG – Traffico Totale Passeggeri 2009; Quota di Traffico LC e Ripartizione tra i vettori LC

    Posizione dominante è ricoperta da Ryanair che trasportando circa 1 milione di passeggeri riveste il 79% dell’intero mercato LC e circa il 32% del traffico totale dello scalo. A seguire, EasyJet (14% sul LC e il 6% sul totale) e Tui Fly & Air Berlin.

    3.2 I vettori Low Cost

    Un vettore Low Cost è una compagnia aerea che offre voli a prezzi molto inferiori alla media, eliminando gran parte dei servizi accessori rivolti ai passeggeri ed adottando un’organizzazione industriale volta al contenimento dei costi. Nata concettualmente negli Stati Uniti con la Southwest Airlines nel 1971, si è poi diffusa in Europa all'inizio degli anni '90 con la compagnia irlandese Ryanair.

    Laddove l’elemento qualificante del full service carrier è l’ampiezza e capillarità della rete servita, i punti di forza del vettore low cost in termini di contenimento dei costi operativi sono:

    • la focalizzazione su alcune rotte e sugli aeroporti minori;

    • la standardizzazione della flotta;

    • il rapporto diretto con la clientela;

    • la filosofia “no frills” (senza fronzoli);

    • Marketing aggressivo;

    L’insieme di questi elementi consente al vettore di svolgere il servizio contenendo i costi, potendo così proporre tariffe contenute (low fare) e richiamando in tal modo clientela aggiuntiva (creando così fonte di ricavo).

    Le caratteristiche principali che accomunano la maggior parte dei vettori low cost, differenziandoli dagli altri operatori, sono schematizzate nella tabella seguente, nella quale per ogni attività, aggregata secondo la natura Commerciale, Organizzativa e Tecnica viene indicato sinteticamente il vantaggio.

    10/61

  • Analisi del Traffico Aereo

    Tabella 5: Caratteristiche Principali dei vettori Low Cost

    Natura Caratteristica Descrizione e Vantaggi

    Strategia distributiva basata essenzialmente sul Canale di vendita Diretto: Internet e Call Center

    La scelta operata da molte compagnie low cost è stata quella di prescindere dal sistema distributivo basato sulle agenzie e sui sistemi informatici GDS/CRS (Computer Reservation System, quali Galileo, Amadeus, Sabre e altri) e optare per la vendita dei titoli di viaggio esclusivamente tramite il proprio sito Internet e/o il call center.

    Attraverso l’acquisto su internet il cliente può autogestire la propria prenotazione, a fronte della quale riceve un codice prenotazione e non un biglietto (eletronic ticket). Conseguenze:

    • Abbattimento dei costi di distribuzione (percentuali alle agenzie e ai sistemi di prenotazione computerizzata)

    • Incasso immediato della tariffa con largo anticipo sull’effettivo utilizzo del volo

    • Certezza che quel determinato posto è pagato, anche se il passeggero non dovesse presentarsi (Assenza di overbooking)

    COMMERCIALE

    Le offerte economiche (anche a € 0,99) valgono solo per prenotazioni anticipate o delimitate, per un contingente relativamente basso di posti messi a disposizione.

    Uno degli investimenti maggiori è dato dal marketing e dall’azione pubblicitaria. Tali azioni sono molto aggressive sia verso l’utenza che i vettori concorrenti, poiché il primo obiettivo è quello di colpire il potenziale viaggiatore con una tariffa di richiamo che, il più delle volte, risulta introvabile.

    Collegamenti esclusivamente POINT TO POINT e nessun interlink coordinato con altre compagnie aeree.

    La tipologia di collegamento point to point a corto-medio raggio permette di offrire:

    • Itinerari diretti evitando costi di trasferimento del passeggero e del bagaglio

    • L’eliminazione di onerosi, in termini di tempo e impegno, studi di connessioni con altri voli, magari di compagnie diverse, e della necessità di una complessa organizzazione per la rotazione delle macchine e degli equipaggi.

    • Una forte riduzione delle basi di armamento in quanto ogni sera l’aeromobile e il proprio equipaggio non hanno il “night stop” fuori sede evitando, per questi ultimi, il ricorso al pagamento della trasferta overnight.

    Collegamenti generalmente tra aeroporti secondari

    La scelta verso aeroporti di secondo livello, solitamente periferici ma meno congestionati e quindi non soggetti a vincoli di accesso - quali l’assegnazione degli slot e altre restrizioni che fanno aumentare le spese di esercizio e possono limitare il numero dei movimenti -. L’ assenza di congestione consente, infatti, di svolgere tutte le formalità aeroportuali di partenza e arrivo in pochi minuti, riducendo fortemente i tempi di turn around, uno degli elementi chiave nell’ambito delle strategie dei vettori low cost, e portando i costi di approdo e di handling a valori inferiori rispetto agli aeroporti principali.

    Sfruttamento della flotta più intenso

    L’ottimizzazione della flotta è una conseguenza delle due scelte organizzative precedenti: • Voli a breve/medio raggio • Utilizzo di aeroporti secondari che consentono soste

    molto brevi (tournaround - di regola inferiore ad 1 ora) Check-in online, in distributori automatici, eventualmente service-fees

    Questo comporta un minore utilizzo Banchi check-in e quindi una forte riduzione del pagamento dell’utilizzo di tale spazio da corrispondere al gestore

    Viene generalmente consentito un peso inferiore per il bagaglio rispetto a quanto offerto dai vettori tradizionali

    Il peso in eccedenza viene trasportato con un sovraprezzo

    ORGANIZZATIVA

    Catering a pagamento e Vendita di servizi non aviation

    La logica “no frills” prevede da un lato l’eliminazione di qualsiasi servizio supplementare che non sia strettamente

    11/61

  • Analisi del Traffico Aereo

    necessario all’effettuazione del volo da l’atro convertire l’offerta di alcuni servizi in vendita degli stessi trasformando così voci di costo in ricavo. Es:

    • Servizio di catering sostituito da una vera e propria vendita di generi di conforto

    • Possibilità di acquistare merce di varia natura, di prenotare alberghi, auto, di acquistare i biglietti per i trasferimenti a terra (treno, metropolitana

    il tutto a fronte di una percentuale sul venduto verso il personale di cabina, incentivandolo così a un maggiore guadagno.

    Singola classe di passeggeri. Alcuni vettori non prevedono nemmeno la prenotazione dei posti lasciando libera la scelta dei posti a sedere

    Questa caratteristica ha consentito di poter effettuare il check-in ondine senza ricorrere a complicate strutture per l’assegnazione del posto. Inoltre per il check-in in aeroporto si ha un notevole snellimento nella procedura con un conseguente risparmio in termini di tempo e costo.

    Multiruolo dei dipendenti (hostess e steward svolgono più funzioni)

    Hostess e steward svolgono più funzioni, con un incremento della produttività

    Amministrazione: Lean management

    Risparmio sul personale.

    Maggioranza della flotta costituita da un unico modello di aeromobile

    La standardizzazione della flotta porta a notevoli risparmi sui costi di:

    • Gestione

    • Manutenzione e riparazione degli aeromobili

    • Formazione dei piloti e dell’equipaggio

    • Handling aeroportuale.

    TECNICA

    Configurazione dell'aereo con maggior numero di posti a sedere rispetto ai vettori tradizionali.

    A parità di aeromobile, i LC vendendo i biglietti a tariffe più basse hanno un BEP – Break Evene Point – più alto, ovvero devonono vendere più biglietti e quindi ottimizzare l’offerta a bordo.

    Di seguito viene riportato un elenco delle principali Compagnie operanti in Italia nel 2006. Tale elenco è stato stilato dall’ENAC a seguito di un’indagine conoscitiva effettuata allo scopo di definire i parametri secondo i quali una compagnia aerea può definirsi Low Cost.

    Air Baltic, Air Berlin, Albatros Airline, Atlas Blue, Belle Air, Blue Air (Romania), Blue Express, Blue1, British Midland Airways, Centralwings, Clickair, Condor Flugdienst, Dba Deutsche Ba Luftfahrtgesellschaft, Easyjet Airline, Fly Globespan, Flybaboo, German Wings, Hapag Lloyd, Intersky Luftfahrt, Jet2, My Way Airlines, Niki, Norwegian Air Shuttle, Ryanair, SkyEurope Airlines, Smartwings Travel Service, Sterling European Airlines, Thomsonfly, Transavia Airlines, Virgin Express, Volareweb.com, Vueling Airlines, Wind Jet, Wizz Air.

    12/61

  • Indagine Condotta

    4. INDAGINE CONDOTTA

    Allo scopo di conoscere le peculiarità dell’utente low cost che sceglie Cagliari e il Sud Sardegna come meta della propria vacanza e/o business e valutare la sua relazione con il territorio, sia in termini qualitativi sia in termini quantitativi, è stata condotta dal Dipartimento di Trasporti della Facoltà di Ingegneria di Cagliari un’indagine campionaria sui passeggeri dei voli internazionali Low Cost.

    L’indagine è stata condotta mediante la somministrazione diretta di questionari ai passeggeri dei voli internazionali LC, in partenza dallo scalo di Cagliari – Elmas.

    L’approccio seguito, si articola in 3 punti:

    • Organizzazione e struttura del questionario

    • Organizzazione del calendario dei voli

    • Raccolta dati ed elaborazione dei risultati.

    L’organizzazione e struttura del questionario, consiste in primo luogo nell’individuazione delle informazioni utili per descrivere una sorta di carta di identità del passeggero low cost oggetto di analisi. Tra le informazioni necessarie a rispondere agli obiettivi dello studio, una volta effettuato un filtro sui possibili passeggeri residenti in Sardegna, sono state strutturate una serie di domande relative alla tipologia del soggiorno, dal motivo del viaggio alla struttura ricettiva scelta e alla durata; in particolare si è voluta misurare la ricaduta economica sul territorio attraverso una serie di domande concernenti la spesa effettuata da ciascun passeggero.

    Tradotti i concetti in domande, il questionario risultante è stato tradotto in inglese, spagnolo e francese.

    L’indagine campionaria è stata condotta da otto rilevatori che hanno intervistato direttamente i passeggeri. Questo al fine di massimizzare la comprensione delle domande e minimizzare, quindi, la dispersione delle risposte.

    Il rilievo è durato 7 giorni, dal 27 settembre al 3 ottobre.

    I voli programmati per il rilievo sono stati 52. Per il dettaglio si rimanda al § 4.2 -Calendario dei voli-

    I questionari raccolti sono stati inseriti in un database i cui dati, una volta elaborati, hanno fornito i risultati richiesti, attraverso l’estrazione di Pivot table.

    4.1 Il questionario

    Il questionario somministrato ai passeggeri, nella sua struttura definitiva è composto 18 domande suddivise in tre parti:

    • Dati generali

    • Dati relativi alla permanenza in Sardegna

    • Dati qualitativi sul soggiorno in Sardegna

    La tipologia di dati da acquisire si prestava bene alla formulazione delle domande in modalità chiusa, pertanto si è optato prevalentemente per questa soluzione. Ciò nella duplice esigenza di chiarezza delle risposte e di semplificazione nell’elaborazione delle informazioni. Il vantaggio delle domande chiuse sta nel fatto che facilitano il test a formulare risposte chiare, minimizzandone così una

    13/61

  • Indagine Condotta

    molteplicità a volte ridondante; d’altra parte le domande chiuse preoccupano meno l’interlocutore, in quanto le percepisce rapide, dal momento che formula una risposta senza dover pensare alla forma della stessa.

    4.1.1 Sezione 1 – Dati Generali

    Questa prima parte del questionario mira a raccogliere le informazioni generali dell’interlocutore, dall’età alla professione e alla Nazionalità.

    Figura 12: Sezione 1, Dati Generali

    La prima domanda è finalizzata ad operare un filtro sui due segmenti di utenza, ovvero passeggeri che hanno effettuato una vacanza/soggiorno in Sardegna e quindi nella fase terminale del viaggio e passeggeri, generalmente sardi, che prendono il volo per intraprendere una vacanza. Questa ultima categoria non è oggetto d’indagine, pertanto per gli utenti sardi in partenza, il questionario termina con questa sezione. Tuttavia, si è rivelato di notevole importanza non escludere questa tipologia di utenti, dal momento che tale dato è servito per determinare il tasso di utilizzo dei voli internazionali LC da parte dell’utenza residente e di conseguenza la distribuzione a bordo tra passeggeri residenti e non.

    4.1.2 Sezione 2 – Dati relativi alla permanenza in Sardegna

    Questa seconda parte è stata strutturata allo scopo di conoscere più nel dettaglio i dati relativi al soggiorno in Sardegna.

    14/61

  • Indagine Condotta

    In particolare è stato chiesto all’interlocutore il numero di persone con cui viaggiava, la destinazione principale, intesa come luogo in cui ha trascorso il maggior numero di notti, la durata del soggiorno (sempre misurato in numero di notti) e la struttura ricettiva ospitante.

    Inoltre, allo scopo di quantificare anche in termini monetari la vacanza, nelle domande 13 e 14 è stata chiesta all’interlocutore la spesa individuale per l’intera vacanza e la relativa ripartizione nei 5 macrosegmenti di spesa, trasporti, pernottamento, ristorazione, svago/tempo libero e shopping.

    In ultimo, nella domanda 15, è stato chiesto se avesse o meno soggiornato a Cagliari, in quale struttura ricettiva e per quante notti. Questa domanda è stata formulata nell’intento di individuare quella parte di utenza che ha introdotto il capoluogo nel proprio itinerario di viaggio.

    La sintesi delle nove domande è riportata in Figura 13

    15/61

  • Indagine Condotta

    16/61

  • Indagine Condotta

    Figura 13: Dati relative alla Permanenza in Sardegna

    4.1.3 Sezione 3 – Dati qualitativi sul soggiorno in Sardegna

    Questa ultima sezione infine è stata strutturata allo scopo di individuare le eventuali criticità della vacanza, ma soprattutto conoscere quali siano stati i motivi che abbiano determinato la scelta della vacanza in Sardegna.

    Figura 14: Dati qualitative sul soggiorno in Sardegna

    17/61

  • Indagine Condotta

    4.2 Calendario dei voli

    Come già anticipato, i rilievi sono stati condotti nella settimana tra settembre e ottobre, dal 27/09/10 al 03/10/10.

    Sono stati presi in considerazione tutti i voli internazionali LC in partenza dallo scalo di Cagliari, operati dalle Compagnie Aeree, Ryanair, Easyjet ed Air Berlin.

    Il dettaglio dei voli è indicato in Tabella 6

    Tabella 6: Calendario Voli

    Compagnia Destinazione/Aeroporto Operativo

    Colonia MVD Air Berlin

    Monaco MGD

    Parigi, Beauvais-Tille LMeVD

    Brussels, Charleroi LMeVD

    Barcellona, Girona LMeVS

    Madrid LMeVD

    Valencia MGS

    Dusseldorf/Weeze MGS

    Marsiglia MGS

    Siviglia MS

    Barcellona MGD

    Francoforte Hahn MeVD

    Ryan air

    Karlsruhe/Baden MeD

    Londra Stansted LMMeGVSD

    Berlino-Schoenefeld MeD

    Ginevra S Easyjet

    Basilea S

    Totale voli 52

    18/61

  • Raccolta Dati ed Elaborazione

    5. RACCOLTA DATI ED ELABORAZIONE

    Nella settimana del rilievo, i passeggeri in partenza sui voli oggetto di studio sono stati 7.614.

    I questionari consegnati sono stati 1.505, per un totale di 3.857 passeggeri raggiunti.

    Figura 15: Campione raggiunto in termini di QUESTIONARI

    Figura 16: Campione raggiunto in termini di PASSEGGERI

    Il campione raggiunto, misurato in termini di passeggeri, è di circa 51%. Risultato dal punto di vista statistico assolutamente soddisfacente. Tuttavia, anche considerando come campione il numero dei questionari, il risultato del 20% è pienamente soddisfacente.

    Entrambi hanno soddisfatto (il primo lo ha abbondantemente superato) l’obiettivo che era stato prefissato circa il raggiungimento del 20% dei questionari. Tale obiettivo era stato ipotizzato, considerando come base il numero di passeggeri in partenza, per le medesime destinazioni, nella prima settimana di giugno. Tale settimana, in termini di traffico, è quella che può considerarsi speculare alla settimana in cui è avvenuto il rilievo.

    Il raggiungimento di un così elevato campione, è stato ottenuto grazie soprattutto alla logistica della distribuzione dei rilevatori. Infatti, in considerazione del fatto che i voli internazionali LC adottano prevalentemente la pratica del check-in on line, i passeggeri, ad eccezione di quelli che devono imbarcare il bagaglio da stiva,

    19/61

  • Raccolta Dati ed Elaborazione

    transitano prevalentemente in area sterile (dopo i varchi di sicurezza). Pertanto, al fine di raggiungere il più elevato numero di passeggeri, ciascun rilevatore è stato dotato di pass, autorizzato dalla società di gestione dello scalo, che gli ha consentito di transitare in area sterile. Questo ha fatto si che si ottenesse il risultato sperato.

    Le analisi che seguiranno riguardano, per la prima parte, i dati sul campione totale, ovvero il turista in vacanza nel Sud Sardegna. La seconda e ultima parte interessano unicamente il viaggiatore in vacanza a Cagliari.

    20/61

  • Risultati generali dell’Indagine

    6. RISULTATI GENERALI DELL’INDAGINE

    6.1 Sezione 1 – Dati Generali

    Questa prima sezione composta da 6 domande, è stata articolata allo scopo di raccogliere informazioni generali sull’utenza dei voli internazionali LC in partenza da Cagliari.

    All’interno di questa prima parte del questionario, in particolare con la domanda 1, è stata operata la separazione dei flussi turistici, incoming e outgoing.

    Infatti, nell’intervistare i passeggeri in partenza si è posto un duplice obiettivo: da un lato, individuare il turista che avesse soggiornato in Sardegna e che pertanto rappresentava l’oggetto dello studio. Dall’altro selezionare il flusso in uscita, ovvero l’utenza prevalentemente sarda che si apprestava ad andare in vacanza nella località destinazione del volo. Per questi ultimi il questionario si concludeva con questa sezione.

    Sebbene i passeggeri sardi in partenza non rappresentassero in alcun modo oggetto di analisi, il non averli scartati a priori si è rivelato fondamentale per definire la composizione dei passeggeri all’interno dei voli internazionali LC, stabilendo così la distribuzione tra residenti e non.

    6.1.1 1. – 6. Natura dello Spostamento & Residenti in Sardegna

    Attraverso questa prima domanda si è ottenuta la separazione dei flussi turistici di cui si è detto precedentemete. Infatti, chiedendo all’interlocutore se il viaggio in aereo che si apprestava a compire fosse la parte terminale della vacanza, e quindi il rientro a casa, o la parte iniziale, e quindi l’inizio del viaggio, si è selezionato il sottoinsieme dei viaggiatori oggetto di indagine.

    Come si è già detto, per gli utenti per i quali lo spostamento in aereo coincideva con l’inizio del viaggio, il questionario si concludeva con questa prima sezione.

    Tabella 7: Natura dello Spostamento

    Natura dello Spostamento

    Campione %

    Fine del Viaggio 829 55%

    Inizio del Viaggio 676 45%

    Totale complessivo 1,505 100%

    Dall’elaborazione dei dati è emerso che la distribuzione sui voli tra passeggeri incoming e outgoing non è cosi netta come si sarebbe aspettato.

    21/61

  • Risultati generali dell’Indagine

    Figura 17: Natura dello Spostamento

    Infatti come si può notare dalla Figura 17, rappresentativa della natura dello spostamento, la ripartizione tra passeggeri che hanno soggiornato in Sardegna, per un motivo di vario genere, e passeggeri che iniziano il loro viaggio, è di 55% (in termini di passeggeri 2.130 pax) e 45% (in termini di passeggeri 1.727 pax).

    Questo dato è assolutamente in linea con il risultato dell’elaborazione della domanda 6 dove si chiedeva se l’interlocutore fosse o meno residente in Sardegna.

    La composizione dei passeggeri sui voli oggetto di analisi è di 46% Residenti in Sardegna (695) e 54% Non Residenti (806)

    Figura 18: Distribuzione tra Passeggeri Residenti e Non Residenti

    6.1.2 2.-3. Sesso & età

    Relativamente al sesso il 57% degli intervistati è di sesso maschile e il 43% è di sesso femminile.

    Tabella 8: Sesso

    SESSO Campione %

    M 851 57%

    F 648 43%

    Totale complessivo 1,499 100%

    Le fasce di età dei passeggeri intervistati variano tra i 31-45 per il 37%, il 32% ha un’età compresa tra 18 e 30 e il 24% tra 46 e 65. Il restante 6% ha più di 65 anni.

    22/61

  • Risultati generali dell’Indagine

    Tabella 9: Età

    ETA' Campione %

    31-45 556 38%

    18-30 480 33%

    46-65 354 24%

    >65 85 6%

    Totale complessivo 1.475 100%

    6.1.3 4. Professione

    Nella Tabella 10 sono sintetizzate le risposte circa la professione dell’interlocutore.

    Tabella 10: Professione

    Professione Campione %

    ALTRO 365 23% Studente 259 17% Libero Professionista//Imprenditore

    200 13%

    Impiegato 199 12% Dirigente/Funzionario/Quadro 154 11% Pensionato 123 9% Operaio 85 6% Insegnante 58 4% Casalinga 55 4% Totale complessivo 1,498 100%

    Il 23% del campione intervistato svolge un’attività che non rientra tra le opzioni proposte. Tra queste spiccano il medico, l’infermiere, il disoccupato, il ricercatore, il cuoco etc..

    La seconda categoria di lavoratori è occupata dagli studenti con il 17%. Tra questi una piccola percentuale è rivestita dagli studenti Erasmus, dagli studenti sardi che svolgono la loro attività all’estero in occasione di programmi di ricerca tipo Master & Back o altre attività.

    A seguire libero professionista/imprenditore (13%), impiegato (12%), dirigente/funzionario/quadro con l’11% e Pensionato con il 9%. Il restante 14% è rivestito dalle categorie indicate in tabella.

    6.1.4 5. Nazionalità

    In ordine alla richiesta della Nazionalità dei passeggeri, le risposte sono state molteplici, circa 39 nazionalità diverse; pertanto, una volta elaborati i dati, nella Tabella 11 sono state riportate le nazionalità che cubano complessivamente circa il 91% aggregando tutte le altre nella categoria generica “restante”. All’interno di questa ultima vi sono Olandesi, Svizzeri, Polacchi, Austriaci, Statunitensi, Portoghesi etc., solo per citare le principali.

    23/61

  • Risultati generali dell’Indagine

    Tabella 11: Nazionalità

    Nazionalità Campione %

    ITALIA 761 51%

    GERMANIA 239 16%

    UK 115 8%

    SPAGNA 107 7%

    FRANCIA 96 6%

    BELGIO 47 3%

    RESTANTE 140 9%

    Totale complessivo 1,505 100%

    La nazionalità dominante è quella Italiana, che in questo livello di elaborazione include sia i residenti in Sardegna sia gli emigrati. A seguire con il 16% i Tedeschi, gli Inglesi (8%) e gli Spagnoli e i Francesi distanziati rispettivamente di un punto percentuale (7%; 6%). Infine i Belgi con un 3%.

    Figura 19: Nazionalità

    6.2 Sezione 2 - Dati relativi alla permanenza in Sardegna

    A partire da questa sezione, le domande sono state condotte unicamente sull’utenza oggetto di analisi, ovvero passeggeri che hanno effettuato un soggiorno in Sardegna di qualsiasi natura, Leisure o Business.

    La natura delle domande contenute in questa parte del questionario varia dal motivo del viaggio al numero di viaggiatori, dalla meta principale del soggiorno alla durata e alla struttura di ricezione relativa. In aggiunta è stato chiesto il costo sia dell’intera vacanza sia delle singole voci di spesa in cui è stato segmentato il viaggio (viaggio, pernottamento, ristorazione, tempo libero e shopping).

    6.2.1 7. Prima volta nel sud Sardegna

    Il numero di interlocutori che scopre il Sud Sardegna per la prima volta è il 62%. Tale dato è legato indubbiamente alla tipologia dei voli, che a fronte di un network che si rigenera includendo nuove mete e offrendo tariffe a basso costo, incentiva una nuova domanda alla scoperta delle nuove destinazioni; Cagliari e il sud Sardegna in questo caso particolare.

    24/61

  • Risultati generali dell’Indagine

    Tabella 12: I volta in Sardegna

    I VOLTA IN SARDEGNA

    N.Q. %

    SI 512 62%

    NO 310 38%

    Totale complessivo 822 100%

    Il restante 38% conosce il sud Sardegna; tale quota è caratterizzata in parte, dai viaggiatori in visita di familiari e amici.

    6.2.2

    6.2.3

    8. Numero di viaggiatori

    Al fine di individuare un campione effettivo basato su un universo di passeggeri trasportati, è stato chiesto all’interlocutore quale fosse il numero di persone con cui viaggiasse. Grazie a questa informazione il numero totale di utenti raggiunti è stato di 2.130 passeggeri. Il numero di utenti intervistato in questa sezione, per i quali il segmento aereo rappresentava la fine del viaggio, è di 829; pertanto la composizione media di passeggeri per ogni interlocutore è di circa 2,6 passeggeri/questionario (dato valevole considerando solo i questionari e i relativi passeggeri che finiscono il viaggio)

    9. Motivo del viaggio

    La motivazione principale per cui un viaggiatore viene in Sardegna è fondamentalmente leisure.

    Tabella 13: Motivo del Viaggio

    Motivo del viaggio Pax %

    Turismo/Vacanza 1.806 85%

    Lavoro/Affari 101 5%

    Altro 94 4%

    MISTO 67 3%

    Studio 26 1%

    Salute/Medico 11 1%

    Sport 11 1%

    Totale complessivo 2.116 100%

    Infatti l’85% del campione intervistato viene in Sardegna per spendere la propria vacanza. Il restante 15% si distribuisce tra business, il 5% e il 7% tra motivazioni di vario genere e miste, ovvero che comprendono più motivazioni tra quelle proposte, e infine il 3% tra studio, salute/medico e Sport.

    25/61

  • Risultati generali dell’Indagine

    Figura 20: Motivo del Viaggio

    6.2.4 10. Durata complessiva del soggiorno

    Al campione è stato chiesto di indicare la durata complessiva del soggiorno, intesa come numero di notti.

    Considerando il dato puntuale circa la durata della vacanza, la media ponderata sul totale dei passeggeri è di circa 8,4 giorni/passeggero, per un totale di 17.724 presenze.

    Il dato di dettaglio, in fase di elaborazione, è stato aggregato in sei intervalli così come indicati in Tabella 14

    Tabella 14: Durata Media del Soggiorno

    Durata Media Del Soggiorno Pax % 4-7 1.109 52% 8-10 330 16% 11-14 275 13% 1-3 277 13% 15-21 96 5% >21 27 1% Totale complessivo 2.114 100%

    Il 52% dei passeggeri si trattiene in Sardegna mediamente tra i 4 e i 7 giorni. Da una prima analisi tale risultato è svincolato allo schedulato dei voli. A seguire il 16% dei passeggeri si trattiene tra gli 8 e i 10 giorni, il 13% tra gli 11 e 14 e 1-3, il 5% spende sino a 2 settimane e solo l’1% si trattiene oltre i 21 giorni.

    26/61

  • Risultati generali dell’Indagine

    Figura 21: Durata media del soggiorno

    6.2.5 11. Destinazione Principale

    Nella domanda 11 è stato chiesto di indicare quale fosse stata la meta principale del soggiorno, intendendo in tal modo la destinazione dove il campione avesse trascorso il maggior numero di notti.

    In alcuni casi l’utente ha evidenziato diverse località; in tal caso, in fase di elaborazione, la risposta multipla è stata catalogata come varie.

    Il dettaglio dei luoghi di vacanza principali, ossia quelli indicati dall’80% del campione, è riportato nella tabella seguente

    27/61

  • Risultati generali dell’Indagine

    Tabella 15: Meta Principale

    META PRINCIPALE Pax %

    CAGLIARI 403 19%

    VILLASIMIUS 225 11%

    VARIE 171 8%

    COSTA REI 155 7%

    CHIA 125 6%

    PULA 116 5%

    SANTA MARGHERITA DI PULA 84 4%

    ALGHERO 81 4%

    OLBIA 51 2%

    CARLOFORTE 40 2%

    ITINERANTE SUD SARDEGNA 37 2%

    SANTA MARGHERITA DI PULA 84 4%

    CALA GONONE 24 1%

    ITINERANTE 20 1%

    MURAVERA 20 1%

    QUARTU SANT'ELENA 19 1%

    SANT'ANTIOCO 19 1%

    GEREMEAS 19 1%

    IGLESIAS 19 1%

    TORRE DELLE STELLE 17 1%

    ORISTANO 17 1%

    ARBATAX 16 1%

    TEULADA 15 1%

    RESTANTI 425 20%

    Totale complessivo 2.118 100%

    Il 50% del campione trascorre la propria vacanza tra Cagliari per il 19%, Villasimius (11%), Costa Rei (7%) e Chia (6); oltre a un 8% che visita diverse località.

    Aggregando i risultati secondo l’area geografica comunale, si ha una conferma rispetto all’analisi delle singole località, rinnovando alle due prime posizioni il Comune del Capoluogo e Villasimius. In terza e quarta posizione, con la stesso grado di apprezzamento nella scelta, i comuni di Pula e Castiadas.

    28/61

  • Risultati generali dell’Indagine

    Figura 22: Meta Principale, Comune

    Ampliando i confini geografici a livello provinciale, dall’analisi emerge che, sebbene le presenze interessino un po’ tutta la Sardegna sino alle province del nord di Olbia – Tempio e Sassari, la provincia di Cagliari attrae il 72% delle presenze.

    Figura 23: Meta Principale, Provincia

    6.2.6 12. Struttura Ricettiva

    Per comprendere quale fosse la preferenza del campione in termini di scelta della struttura ricettiva, gli è stato chiesto di indicare la propria scelta di fronte ad un set di opzioni possibili.

    29/61

  • Risultati generali dell’Indagine

    Figura 24: Struttura Ricettiva

    L’utente generico, a prescindere dal motivo del viaggio, preferisce soggiornare in Albergo (34%) e in Casa/appartamento; in questa ultima opzione sono inclusi anche coloro che vengono ospitati da amici/parenti o che possiedono una casa di proprietà. La scelta di queste due tipologie di alloggi è in linea con la durata media della vacanza di 8,4 giorni.

    Al terzo posto con il 14% vi sono le soluzioni alternative, tra le quali casa di famiglia/amici, barca etc.. Al quarto e quinto posto, a pari merito, le opzioni multiple e i B&B e infine Villaggio/Residence e Camping.

    6.2.7 13. - 14. Spesa complessiva e ripartizione nelle voci di costo

    Le risposte a queste due domande sono state molteplici, pertanto l’elaborazione è risultata piuttosto laboriosa.

    Per quanto riguarda il dato sulla spesa totale individuale, data la difficoltà relativa a tale domanda, il questionario è stato formulato sia in modalità aperta, chiedendo l’importo, sia in modalità chiusa, indicando il range di spesa appropriato.

    I dati, caricati in duplice modalità sul database, sono stati elaborati e aggregati nei range di spesa definitivi indicati in Tabella 16

    Tabella 16: Spesa individuale

    Spesa Individuale N.Q. % N.Q.

    300€ - 500€ 212 26%

    2000€ 16 2%

    Totale complessivo 809 100%

    Il 46% del campione spende per l’intero soggiorno tra i 300€ e i 750€, secondo le percentuali indicate nella tabella. Il 20% ha una spesa inferiore ai 300€ e il 32% tra 750€ e 2.000€. Infine il 2% spende più d 2.000€.

    30/61

  • Risultati generali dell’Indagine

    Relativamente alla distribuzione delle spese e in particolare alla determinazione della loro incidenza sulla spesa totale, è stato necessario procedere in primo luogo ad un’uniformazione dei dati, dal momento che il campione ha indicato in alcuni casi l’importo in altri l’incidenza percentuale. Pertanto una volta ricondotto il tutto in termini percentuali si è proceduto con la stima degli importi.

    Per ogni voce di costo, Viaggio, Pernottamento, Ristorazione, etc., si è proceduto nel seguente modo:

    • è stato conteggiato il numero di utenti che singolarmente hanno indicato la stessa incidenza sul totale della spesa, determinando in questo modo i pesi;

    • con i dati del punto precedente è stata determinata la media ponderata dell’incidenza di ciascuna voce di costo;

    l’ultimo passaggio ha riguardato la normalizzazione dei risultati, sintetizzati nella tabella seguente

    Tabella 17: Incidenza % di ciascuna voce di costo

    Voce di Costo Incidenza %

    Viaggio 30%

    Pernottamento 34%

    Ristorazione 23%

    Tempo libero 7%

    Shopping 7%

    Attraverso questi valori sono stati determinati i range di spesa riferibili a ciascuna voce di costo. La ricaduta economica sul territorio, afferente a ciascuna voce di spesa è stata calcolata considerando l’importo medio di ciascun range e il relativo numero di passeggeri.

    • Viaggio, € 453.112,50

    • Pernottamento, € 513.527,50

    • Ristorazione, € 347.572,00

    • Tempo libero, € 105.912,00

    • Shopping, € 105.912,00

    Trascurando la quota relativa al viaggio, dove non è stato esplicitato il ricorso a qualsiasi forma di trasporto utilizzata nel territorio (auto noleggio, trasporti locali etc. ), la ricaduta complessiva rilasciata dai 2.070 passeggeri che hanno specificato le spese, è di circa 1,1 milione di euro.

    6.2.8 15. Cagliari, numero di notti & struttura ricettiva

    L’ultima domanda della seconda sezione è complementare alla domanda 11 sulla destinazione principale. Infatti, attraverso questa domanda si vuole conoscere quanti degli utenti abbiano soggiornato a Cagliari, sebbene solo per una parte dell’intero soggiorno. Questi andranno a sommarsi a coloro che hanno indicato il capoluogo come meta principale.

    31/61

  • Risultati generali dell’Indagine

    Tabella 18: Soggiorno a Cagliari

    SOGGIORNO a CAGLIARI Pax %

    NO 1.360 65%

    SI 747 35%

    Totale complessivo 2.107 100%

    Come si può notare il campione sale a 747 passeggeri, il 35% del totale.

    Figura 25: Soggiorno a Cagliari

    Il 54% dei turisti sceglie Cagliari come destinazione principale e il 46% la inserisce nel proprio itinerario di viaggio.

    La durata media del soggiorno si riduce a 4,7 giorni secondo lo schema riportato nella tabella seguente, con una dominanza della vacanza breve 1-3 giorni.

    Tabella 19: Cagliari, numero di notti

    NOTTI a CAGLIARI Pax %

    1-3 444 62%

    4-7 206 29%

    8-10 27 4%

    15-21 22 3%

    11-14 11 2%

    >21 9 1%

    Totale Complessivo 719 100%

    Anche in questo caso l’utente medio predilige la struttura alberghiera (54%).

    Una variante rispetto alla scelta della struttura ricettiva coinvolta per tutte le altre destinazioni, è indicata dalla presenza al secondo posto dei Bed & Breakfast, alloggi altamente diffusi in Città, in particolare nei quartieri del centro storico, meta prediletta dalla domanda turistica.

    Il 17% predilige come sistemazione la casa/appartamento.

    32/61

  • Risultati generali dell’Indagine

    Figura 26: Cagliari, Struttura Ricettiva

    Compatibilmente alla durata inferiore del soggiorno, anche la spesa individuale si è contratta, con il 53% che spende tra 300€ e 500€ e

  • Risultati generali dell’Indagine

    Figura 28: Motivo della scelta

    Oltre al 25% che ha scelto la Sardegna per molteplici motivazioni tra quelle proposte, il 20% è venuto in visita di Familiari e parenti.

    Solo il 12% è venuto su suggerimenti esterni e/o pubblicità diretta o indiretta. Infatti, il 5% l’ha scelta perché orientata da un prezzo del volo/viaggio conveniente, un altro 5% su suggerimento di amici/parenti e il 2% l’ha scelta in base alla pubblicità proposta da riviste/internet e altri canali di marketing.

    6.3.2 17. – 18. Criticità riscontrate ed eventuale ritorno in Sardegna

    Le ultime due domande, nelle quali si chiedeva l’eventuale riscontro di criticità nel viaggio e di valutare la possibilità del ritorno in Sardegna, le risposte sono state decisamente positive e ottimistiche.

    Tabella 20: Criticità riscontrate durante il soggiorno

    Criticità N.Q. %

    NO 621 76%

    Trasporti 85 10%

    Altro 76 9%

    Ristorazione 12 1%

    Pernottamento 9 1%

    Svago-Tempo Libero 5 1%

    Misto 3 0%

    SI 2 0%

    Totale complessivo 813 100%

    Infatti la maggioranza del campione intervistato (76%) non ha riscontrato criticità particolari, ad eccezione di un 10% che evidenzia alcune carenze sul sistema dei trasporti. Le impedenze segnalate riguardano la viabilità stradale e in particolare evidenziano una segnaletica carente nelle indicazioni.

    34/61

  • Risultati generali dell’Indagine

    Tabella 21: Ritornerebbe in Sardegna

    RITORNEREBBE IN SARDEGNA

    N.Q. %

    SI 795 98%

    NO 14 2%

    N.D. 4 0%

    FORSE 1 0%

    Totale complessivo 814 100%

    Alla domanda sulla volontà di ritornare in Sardegna, il 98% dichiara di volervi ritornare.

    35/61

  • Analisi Ristretta sul Comune di Cagliari

    7. ANALISI RISTRETTA SUL COMUNE DI CAGLIARI

    In questa ultima parte del documento, si è proceduto all’elaborazione dei dati che interessano unicamente l’area cagliaritana. In particolare sono state incrociate alcune delle informazioni ritenute più significative, al fine di definire il viaggiatore tipo che sceglie il Comune di Cagliari come meta della propria vacanza.

    Si terrà conto pertanto, del campione rappresentato unicamente dai passeggeri per i quali lo spostamento in aereo coincide con la fine del viaggio e che ha soggiornato a Cagliari, sia per l’intera vacanza sia per una parte del viaggio.

    7.1 Scelta dell’alloggio in base alla durata del viaggio

    Le strutture ricettive scelte dalla maggior parte dei turisti sono nell’ordine, Albergo, Altro (prevalentemente Casa di amici/Parenti), B&B e Casa/Appartamento.

    Tale dato è stato incrociato con la durata media del soggiorno. Nel grafico a seguire è mostrato il risultato riferibile al comportamento delle due tipologie di utenti, quelli che scelgono Cagliari come meta dell’intera vacanza, in azzurro e quelli che vi spendono solo una parte del viaggio (in rosso).

    Figura 29: Struttura ricettiva in relazione alla durata media del SOGGIORNO/SOSTA a CAGLIARI

    Ricorre all’Albergo e ai B&B chi spende una vacanza di circa 5,5 e 5,4 giorni; la durata si riduce a 1,7 per coloro che effettuano solo una parte della vacanza a Cagliari.

    La scelta della casa in affitto o comunque dell’appartamento è più consona per soggiorni più lunghi, infatti, la media sale a 23,3 giorni per l’intera vacanza e a 4,3 giorni per la sosta. Tale valore è confermato anche dalla durata media ponderata di 8,4 giorni (2,2) associata alla voce altro, rappresentata prevalentemente dalla casa, sia di famiglia che di amici.

    7.2 Nazionalità

    Tra le 32 diverse nazionalità rilevate, quelle dominanti sono rappresentate da un gruppo principale costituito da 5 nazionalità europee più l’Italia.

    36/61

  • Analisi Ristretta sul Comune di Cagliari

    Come si può notare dal grafico, il gruppo è capeggiato dalla coppia rappresentata da Spagnoli e Tedeschi (36%). A seguire, Francesi e Italiani (13%), Inglesi, ad un solo punto percentuale di distacco (12%), ed infine i Belgi.

    Il restante 19% è composto da 26 nazionalità, tra le quali spiccano Olandesi, Svizzeri, Romeni, Portoghesi e Polacchi.

    Figura 30: Nazionalità principali

    In merito alla conoscenza dell’isola, il 33% dei turisti in soggiorno a Cagliari ha trascorso in passato almeno una vacanza in Sardegna, mentre il 67% è alla sua prima visita.

    Tabella 22: Nuova domanda turistica suddivisa per nazionalità

    I VOLTA IN SARDEGNA NAZIONALITA' I Volta %

    SPAGNA 48 18%

    GERMANIA 38 14%

    FRANCIA 38 14%

    UK 30 11%

    BELGIO 17 6%

    SI

    ITALIA 8 3%

    SI Totale 179 67%

    ITALIA 34 13% GERMANIA 20 7% SPAGNA 11 4% UK 10 4% BELGIO 7 3%

    NO

    FRANCIA 6 2% NO Totale 88 33% Totale complessivo 267 100%

    37/61

  • Analisi Ristretta sul Comune di Cagliari

    Figura 31: Prima Visita in Sardegna

    La nuova domanda turistica, portata verosimilmente dai nuovi collegamenti, vede al primo posto gli Spagnoli (27%), a seguire alla pari Tedeschi e Francesi (21%), Inglesi (17%). Il restante 14% è rappresentato da Belgi e Italiani.

    Nei paragrafi a seguire l’origine del campione viene messa in relazione alla scelta della struttura ricettiva, alla durata del soggiorno ed infine alla spesa sia totale sia per singola voce di costo.

    7.2.1 Nazionalità & Durata del soggiorno

    La durata media del soggiorno, calcolata sempre sulla permanenza del gruppo principale delle 6 nazionalità, è di circa 6 giorni.

    Figura 32: Durata media del soggiorno a Cagliari per nazionalità

    Come si può notare nel grafico in Figura 32, nel quale la linea in rosso indica la durata media del soggiorno dell’intero gruppo e in azzurro è riportata la media ponderale dei giorni di vacanza riferita a ciascuna nazionalità, i tedeschi e gli italiani soggiornano mediamente circa due giorni in più rispetto alla media, 8,1 giorni i primi e 7,6 i secondi. I belgi sono i turisti che si trattengono maggiormente nel Capoluogo con 9 giorni di vacanza. Infine, francesi, spagnoli e inglesi hanno una

    38/61

  • Analisi Ristretta sul Comune di Cagliari

    permanenza al di sotto della media, trascorrendo rispettivamente circa 5 notti nel capoluogo.

    La durata media ovviamente si riduce per la sosta, passando da una settimana per l’intera vacanza a due giorni. Le permanenze medie di ciascuna nazionalità sono riportata nel grafico in Figura 33

    Figura 33: Durata media della sosta a Cagliari per nazionalità

    Al di là degli italiani, la cui sosta dura intorno ai 4 giorni, tutti gli altri turisti che inseriscono Cagliari all’interno del proprio itinerario di viaggio, spendono circa 2 notti.

    Complessivamente, le presenze registrate nel comune del capoluogo durante la settimana del rilievo sono state circa 2.559, 2.075 le presenze relative al campione che ha trascorso a Cagliari l’intera vacanza e 484 le presenze aggiuntive dovute a coloro che effettuano una sosta.

    Figura 34: Presenze nel Comune di Cagliari

    Le presenze principali sono dovute ai nostri connazionali, a seguire i tedeschi con 555 presenze, gli spagnoli (535) ed infine un secondo gruppo rappresentato da Inglesi, Francesi e Belgi per un totale di 907.

    39/61

  • Analisi Ristretta sul Comune di Cagliari

    7.2.2 Nazionalità & Struttura ricettiva

    Le strutture ricettive più comunemente utilizzate dal campione costituito dalle nazionalità più rappresentative, sono l’Albergo, i B&B e le Case di vacanza e/o appartamento.

    In particolare, considerando i dati relativi a coloro che hanno scelto Cagliari come meta principale della propria vacanza, l’abbinamento Albergo e b&b è scelto con quote variabili dal 58% all’81% da Germania, UK, Spagna e Francia con le percentuali indicate nel grafico di Figura 35.

    Una situazione differente si è riscontrata per gli Italiani, i quali alloggiano prevalentemente in case di proprietà o di amici e parenti (Altro); solo il 9% ricorre all’albergo e l’15% in B&B.

    Anche per i Belgi la soluzione alternativa offerta da case di proprietà e/o di parenti-amici è seguita dal 35% dei turisti i quali la mettono al secondo posto dopo i b&b. Questo aspetto conferma che la componente di viaggiatori provenienti dal Belgio di origine sarda e/o con legami di parentela nell’Isola è più forte che nelle altre nazionalità. Il restante 20% opta per l’Albergo.

    Figura 35: Strutture ricettive scelte dalle nazionalità principali (Soggiorno CA)

    Considerando l’utente che soggiorna nel Comune solo per una porzione del viaggio, dall’analisi emerge che, ad eccezione dei nostri connazionali che soggiornano anche in case di proprietà, le restanti nazionalità scelgono come strutture prevalentementi gli Alberghi e i b&b. Tali scelte sono anche influenzate alla durata media del soggiorno, che è stata valutata in 4 giorni per gli italiani e 2 per le restanti nazionalità.

    40/61

  • Analisi Ristretta sul Comune di Cagliari

    Figura 36: Strutture ricettive scelte dalle nazionalità principali (Sosta)

    7.2.3 Nazionalità & Spesa

    In questa sezione è stato incrociato il dato relativo alla spesa affrontata per l’intera vacanza con la nazionalità. Poiché la richiesta della spesa totale prescinde dalla destinazione scelta e si riferisce unicamente alla vacanza, per coloro che hanno effettuato una sosta a Cagliari, il dato della spesa è stato ottenuto considerando la spesa media giornaliera e la durata media del soggiorno a Cagliari.

    Per ciascuna nazionalità è stata calcolata la spesa media ponderata individuale relativa all’intera vacanza, incluso il viaggio.

    L’elaborazione ha così prodotto una classifica che, trascurando le singole voci di costo che verranno trattate subito dopo, ordina il gruppo sulla base della spesa affrontata.

    Figura 37: Spesa media individuale dell’intera vacanza e delle sosta a Cagliari suddivisa per

    Nazionalità

    Nel grafico di Figura 37, in azzurro è riportata la spesa media individuale per l’intera vacanza a Cagliari, in rosso la spesa afferente ad una parte del soggiorno.

    Considerando il primo gruppo, la classifica vede nelle prime due posizioni i Belgi e i Tedeschi con una spesa media individuale superiore alle 600€, in particolare i Belgi

    41/61

  • Analisi Ristretta sul Comune di Cagliari

    spendono per la vacanza a Cagliari circa 717€ mentre i cugini tedeschi 679€. A seguire gli Inglesi con 524€ ed infine i Francesi, gli Italiani e gli Spagnoli rispettivamente 485€, 481€ e 477€.

    Se si considera solo la sosta temporanea, il primo posto è ricoperto dagli italiani, i quali con un soggiorno medio di 4 giorni spendono circa 240€; a seguire, nell’ordine Spagna (198€), Germania e Belgio (157€ e 148€) e UK e Francia (103€ e 78€).

    Stabilito l’importo totale, si è studiato come il campione appartenente a ciascuna nazionalità lo impiegasse nelle cinque diverse componenti di costo in cui si articola la vacanza. Tale elaborazione ha interessato unicamente il primo gruppo.

    30%

    26%

    50%

    23%

    23%

    28%

    35%

    29%

    10%

    31%

    38%

    39%

    21%

    27%

    19%

    32%

    24%

    20%

    4%

    10%

    12%

    8%

    7%

    5%

    10%

    7%

    9%

    5%

    8%

    9%

    0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100%

    Germania

    UK

    Italia

    Spagna

    Francia

    Belgio

    Viaggio Pernottamento Ristorazione Tempo libero Shopping

    Figura 38: Incidenza delle singole voci di costo per ciascuna Nazionalità

    Dall’analisi è emerso che l’incidenza delle varie voci di costo, sul budget di spesa totale di ciascuna nazionalità, si equivale per il gruppo con una sola eccezione che riguarda i nostri connazionali, i quali spendodono il 50% solo per il viaggio, destinando il restante 50% nell’ordine a ristorazione, tempo libero, pernottamento e in ultimo shopping.

    Ritornando alle spese dei turisti stranieri, si ha che l’incidenza del viaggio su ciascun budjet varia da un minimo di 23% (Spagnoli e Francesi) a un massimo di 30% per i Tedeschi. La spesa per il pernottamento varia da 29% (UK) a 39% (Belgi). Destinano alla ristorazione una quota variabile tra 20% e 32%. Del tutto in linea l’incidenza delle restanti spese per tempo libero e shopping 4%-10% e 5% -10%.

    Nel grafico seguente, cambiando la prospettiva rispetto all’anlisi precedente, viene mostrato l’apporto di ogni nazionalità sulle singole voci di costo.

    42/61

  • Analisi Ristretta sul Comune di Cagliari

    17%

    23%

    16%

    8%

    22%

    10%

    15%

    14%

    17%

    11%

    40%

    9%

    20%

    37%

    32%

    18%

    29%

    34%

    25%

    17%

    9%

    16%

    12%

    10%

    12%

    5%

    8%

    4%

    3%

    5%

    0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100%

    Viaggio

    Pernottamento

    Ristorazione

    Tempo libero

    Shopping

    Germania UK Italia Spagna Francia Belgio

    Figura 39: Apporto delle nazionalità su ciascuna voce di spesa

    Alla spesa totale per il viaggio, che include oltre la spesa del volo aereo eventuali costi per trasporti (taxi, bus etc.) e noleggio auto, l’apporto maggiore è dato dai turisti Italiani che incidono per il 40%. A seguire due distinti gruppi, il primo costituito da Spagnoli (18%) e Tedeschi (17%), il secondo distaccato dal primo con 7 punti percentuale vede UK e Francia, rispettivamente 10% e 9%. I Belgi incidono su questa voce solo il 5%.

    Circa la spesa per il pernottamento, i turisti che spendono di più sono gli Spagnoli seguiti a 6 punti percentuale dai Tedeschi. Seguono Francesi e Inglesi rispettivamente 16% e 15% e Italiani e Belgi (9% e 8%).

    Anche nella ristorazione si possono individuare 3 gruppi. Gli Spagnoli si mostrano i turisti che apprezzano maggiormente la nostra cucina, con un incidenza del 34%; il secondo gruppo è formato da Italia e Germania, ed infine Inghilterra, Francia e Belgio.

    Per il tempo libero e lo shopping, primeggiano nelle spese i nostri connazionali seguiti dagli Spagnoli, Tedeschi, Inglesi, Francesi e Belgi.

    7.3 Motivo della scelta in relazione alla frequenza della visita

    Nella settimana del rilievo il 68% dei viaggiatori intervistati visitava la Sardegna e, in questo caso Cagliari, per la prima volta. Il restante 32% è in parte un utente abituale in visita a familiari/amici (41%), in parte viene a trascorrere le vacanze al mare (18%) e in parte viene per motivi di vario genere (19%).

    43/61

  • Analisi Ristretta sul Comune di Cagliari

    Tabella 23: Motivo della scelta in relazione alla I visita in Sardegna

    I VOLTA IN SARDEGNA

    Motivo della scelta N. %

    SI Totale 226 68%

    Misto 65 20%

    Mare 59 18%

    Altro 29 9%

    Visita Familiari/Amici 25 8%

    Volo/Pacchetto Viaggio Conveniente 21 6%

    Consigliato da Amici/Parenti 16 5%

    Pubblicizzata da Articoli su Riviste Turistiche/Fiere/Internet 7 2%

    SI

    Manifestazioni Sportive/Eventi 4 1%

    NO Totale 105 32%

    Visita Familiari/Amici 43 13%

    Altro 20 6%

    Mare 19 6%

    Misto 13 4%

    Manifestazioni Sportive/Eventi 6 2%

    Volo/Pacchetto Viaggio Conveniente 3 1%

    NO

    Pubblicizzata da Articoli su Riviste Turistiche/Fiere/Internet 1 0%

    Totale complessivo 331 100%

    Per i turisti venuti in Sardegna per la prima volta, il motivo dominante che ha condizionato la loro scelta, dopo la combinazione di diverse motivazioni che ha influenzato il 29% del campione, è quello di spendere una vacanza al mare (26%). Il 13% ha altre motivazioni, l’11% è venuto in visita di familiari e amici e il 9% è venuto per una combinazione di Volo/pacchetto viaggio conveniente.

    La componente volo/Pacchetto viaggio conveniente è spesso legata all’offerta dei low cost. I vettori L.C., infatti, praticando tariffe di viaggio molto più basse dei vettori tradizionali, hanno condizionato nel tempo il comportamento dell’utenza, intervenendo attivamente nelle loro scelte. Il viaggiatore, spesso sceglie la meta della propria vacanza, soprattutto di breve durata, in funzione dell’offerta tariffaria proposta dalla compagnia, in particolare L.C.. In altri termini, tra i collegamenti offerti nel proprio scalo di origine, egli a volte sceglie delle mete per lui sconosciute attirato unicamente dalla tariffa civetta.

    Per il restante 12% il motivo varia dal consiglio di amici e parenti alle manifestazioni sportive.

    La componente di marketing sia quella legata al passaparola sia quella praticata attraverso fiere o pubblicazioni su riviste e/o internet, riveste una percentuale piuttosto bassa, il 10%. In questo senso si potrebbe fare molto di più, soprattutto da parte delle amministrazioni pubbliche e assessorati al turismo. Creare una struttura solida e indipendente dall’attività di marketing dei vettori, è fondamentale per promuovere il territorio. Ovviamente la presenza delle compagnie L.C. è indispensabile in una prima fase di conoscenza di una regione, proprio in virtù della nuova domanda che generano. Ma la solidità nella creazione di una componente turistica del territorio che perduri nel tempo, non può non essere accompagnata da una forte attività di marketing che penetri nei mercati di riferimento, consolidando la domanda, ovvero creando una domanda consapevole. Quindi, i nuovi collegamenti sono fondamentali per una prima conoscenza del territorio, dopodichè affinché ciò permanga e si autoalimenti, è necessario che venga fatta una efficace

    44/61

  • Analisi Ristretta sul Comune di Cagliari

    promozione del territorio, vitale per innescare un processo virtuoso che generi una massa critica che giustifichi la conferma delle rotte.

    Il 2%, infine è venuto in occasione di manifestazione sportive ed eventi. Parte di questi viaggiatori era velisti e turisti venuta a Cagliari in occasione della manifestazione velica “Audi Med Cup”, disputata in città nella settimana precedente all’intervista.

    45/61

  • Schede del Viaggiatore Tipo

    8. SCHEDE DEL VIAGGIATORE TIPO

    Una volta raccolte tutte le informazioni necessarie ed effettuate le relative analisi, è stata realizzata, sul modello del viaggiatore intervistato, la “Carta d’identità” del turista che soggiorna a Cagliari2. Tale scheda rappresenta un quadro di sintesi che raccoglie le principali caratteristiche, dalla nazionalità alla struttura ricettiva, dalla durata del soggiorno alla spesa effettuata.

    Tabella 24: Viaggiatore Tipo

    Caratteristica Viaggiatore Tipo

    Nazionalità

    Composizione dell’81%: Spagna e Germania (18%); Francia e Italia (13%); UK (12%), Belgio (7%)

    Professione

    Composizione dell’81%: Altro (26%); Libero Professionista/Imprenditore (15%); Dirigente/Funzionario/Quadro (14%); Studente (14%), Impiegato (12%)

    Prima Visita Visita per la Prima Volta il 68% Conosce già la Sardegna il 32%

    Numero medio Viaggiatori per gruppo

    2,4 Passeggeri a Gruppo (760 passeggeri/334 Intervistati) Spagna (2,5); Germania (2,1); Francia (2,5); Italia (1,9); UK (2,4); Belgio (2,2)

    Motivo del viaggio Turismo/Vacanza (87%)

    Durata media del Soggiorno

    6,8 giorni Il numero medio di giorni per la vacanza a Cagliari 4-7 (49%); 1-3 (29%); 8-10 (8%) 1,8 giorni Il numero medio di notti di Sosta a Cagliari 1-3 (95%)

    Struttura Ricettiva

    VACANZA COMPLETA Albergo (41%) Altro (20%) – Casa di Famiglia (43%); Casa di amici (29%)- B&B (19%) SOSTA Albergo (65%) B&B (22%)

    Spesa Complessiva

    Range di spesa effettuato da circa il 98% del campione che sceglie Cagliari come meta dell’intera vacanza:

  • Schede del Viaggiatore Tipo

    Spesa singola voce

    Viaggio: 33% Pernottamento: 27% Ristorazione : 25% Tempo libero: 7% Shopping: 8%

    Motivo della scelta

    Mare (23%) Misto (23%) Visita Familiari/Amici (20%) Altro (15%)

    Criticità NO: 74% Trasporti 12%

    Ritornerebbe in Sardegna SI: 98%

    Il viaggiatore tipo che emerge dallo studio proviene prevalentemente da Spagna e Germania, a seguire a soli 5 punti percentuale Francesi e Italiani, Inglesi ed infine Belgi

    La quota di domanda generata dai nuovi collegamenti è di circa 68%, mentre il restante 32% conosce già la Sardegna. Il motivo principale del viaggio è Turismo/Vacanza (87%).

    Nonostante una quota venga ospitata da amici e parenti (20%), la maggior parte ricorre a strutture ricettive Alberghiere per il 41% e a b&b per il 19%. Gli Alberghi e i b&b sono le soluzioni scelte anche dall’87% dei turisti che si fermano a Cagliari solo per una parte della vacanza.

    Il nucleo medio di viaggiatori, composto da circa 2,4 passeggeri, rimane mediamente 6,8 giorni nel caso della vacanza completa e 1,8 nel caso della sosta temporanea. Nel primo caso la spesa media individuale è di circa 538€. Escludendo la spesa per il viaggio che rappresenta circa il 33% del totale, la spesa media giornaliera si aggira intorno a 53€3, di cui il 40% viene speso per il pernottamento, il 37% in ristorazione e il restante 22% in Tempo Libero (10%) e Shopping (12%).

    Infine il campione sceglie il Sud Sardegna come meta della propria vacanza per il Mare e per visitare familiari e amici. Durante la vacanza non riscontra particolari criticità, ad eccezione della segnaletica stradale, definita poco chiara e carente dal 12% del campione, soprattutto per quanto riguarda le indicazioni delle località.

    Tuttavia il turista rimane soddisfatto della vacanza tanto da dichiarare di essere propenso a voler ritornare.

    8.1 Scheda del viaggiatore tipo in relazione alla compagnia aerea

    Sebbene l’obiettivo dello studio fosse quello di definire il legame tra il viaggiatore low cost e il territorio del sud Sardegna, e in particolare l’area del comune di Cagliari, dal momento che nella famiglia dei vettori a basso costo sussistono delle differenze sia in termini commerciali sia organizzativi ma anche tecnici, si è ritenuto opportuno definire il target del viaggiatore operando una segmentazione anche in virtù della compagnia utilizzata.

    I vettori dei quali sono stati intervistati i passeggeri sono Ryanair, Easyjet ed Airberlin. Queste tre compagnie, sebbene appartenenti alla famiglia dei vettori Low Cost, rappresentano tre grandi segmenti.

    Ryanair è una L.C. “pura” nel senso che la sua struttura commerciale, tecnica ed organizzativa rientrano fedelmente nei canoni che definiscono una Low Cost.

    3 La spesa afferente alla sosta a Cagliari è stata stimata in circa 54 €/gg

    47/61

  • Schede del Viaggiatore Tipo

    La compagnia tedesca Airberlin, rivolgendosi ad un target medio alto, si posiziona ad un livello decisamente superiore. In occasione del “2010 World Airline Awards”, appuntamento nel quale la società di consulenza e ricerca Skytrax premia, nelle varie categorie, le migliori compagnie aeree mondiali, sulla base delle preferenze espresse dai milioni di passeggeri intervistati, AirBerlin ha ricevuto una duplice onorificenza. Nella categoria Low Cost, a livello mondiale si è posizionata al secondo posto come miglior compagnia LC dopo Air Asia – il terzo posto è stato assegnato all’australiana Virgin Blue -, e al primo posto tra le europee vincendo il “Best Low-Cost Airline in Europe”; al secondo posto Easyjet e al terzo Norwegian.

    Infine Easyjet si posiziona nel mercato in maniera intermedia tra le due.

    Le schede che seguiranno, in base ai dati elaborati e alle informazioni raccolte, definiscono il target del passeggero trasportato dalle tre compagnie.

    I primi due campi di ciascuna scheda riportano, la percentuale del campione raggiunto sulla base dei passeggeri in partenza di ciascun vettore e la distribuzione tra passeggeri residenti e non residenti.

    48/61

  • Schede del Viaggiatore Tipo

    8.1.1 Viaggiatore RYANAIR Tabella 25: Viaggiatore RYANAIR

    Caratteristica Viaggiatore Tipo

    Campione Raggiunto 55% (2.736 PAX Raggiunti/4.941 PAX Imbarcati)

    Distribuzione Residenti/Non Residenti: 54% Non Residenti: 46%

    Nazionalità

    Composizione dell’82%: Spagna (25%); Francia (18%); Germania (16%); Italia (13%); Belgio (10%)

    Professione

    Composizione dell’82%: ALTRO (27%); Studente (16%); Libero Professionista/Imprenditore (14%); Impiegato (14%); Dirigente/Funzionario/Quadro (11%)

    Prima Visita Visita per la Prima Volta il 70% Co