The earthquakes\ i terremoti

of 23/23
I TERREMOTI La Struttura, le onde sismiche e le precauzioni
  • date post

    03-Nov-2014
  • Category

    Science

  • view

    173
  • download

    3

Embed Size (px)

description

 

Transcript of The earthquakes\ i terremoti

  • 1. I TERREMOTI La Struttura, le onde sismiche e le precauzioni

2. I TERREMOTI I terremoti, detti anche sismi o scosse telluriche , sono vibrazioni o oscillazioni improvvise, rapide e pi o meno potenti, della crosta terrestre, provocate dallo spostamento improvviso di una massa rocciosa nel sottosuolo. Spesso dopo un terremoto seguono delle scosse minori, dette di assestamento. 3. Il punto da cui origina il terremoto si chiama ipocentro. Il punto della superficie esattamente superiore prende il nome di epicentro. IPOCENTRO ED EPICENTRO 4. Se lepicentro localizzato in mare, si ha un maremoto che provoca onde (tsunami) che possono arrivare fino a 30 m. I MAREMOTI IL 26 DICEMBRE 2004 Si abbatt sul Giappone (Sumatra) il maremoto pi forte di sempre. Aveva 8,9 gradi sulla scala Richter e lepicentro si trovava nelloceano Indiano. Morirono 150.000 persone. 5. LE ONDE P Sono le onde pi veloci e le prime a raggiungere le stazioni di rilevamento. LE ONDE S Sono pi lente delle P e la vibrazione perpendicolare alla direzione di propagazione. 6. LE ONDE L Sono date dalla combinazione delle P e S. Sono le pi lente, superficiali, distruttive e le ultime ad essere percepite dai sismografi. 7. IL SISMOGRAFO Il sismografo lo strumento usato per misurare la posizione dellepicentro. Si registrano i movimenti del terreno sul sismogramma e poi si analizzano. 8. Per valutare lintensit di un terremoto si utilizzano la scala Mercalli che descrive gli effetti di un terremoto sulle costruzioni umane e la scala Richter che misura il magnitudo, ossia la forza del terremoto. LE SCALE DI MISURAZIONE 9. LA SCALA RICHTER 2002 MOLISE 5.7 2009 AQUILA 5.9 2012 EMILIA ROMAGNA 6 I TERREMOTI RECENTI PIU DISTRUTTIVI IN ITLIA 10. IN CASO DI TERREMOTO SI: -Uscire dalledificio lato muro; -Accostarsi a pareti portanti; -Andare sotto tavoli resistenti; -Andare sotto lo stipite della porta. NO: -Farsi prendere dal panico; -Non accendere fiamme; -Utilizzare le ascensori; -Avvicinarsi a finestre o vetrate. 11. LA MAPPA SISMICA DELL ITALIA 12. LA TERRA La Struttura, i movimenti e il reticolato geografico 13. LA TERRA La terra il terzo pianeta del sistema solare. nata circa 4,5 miliardi di anni fa con lesplosione del Big bang. 14. GEOSFERA Comprende: -Litosfera -Idrosfera -Atmosfera BIOSFERA Comprende la parte di geosfera occupata dagli esseri viventi. LE AREE TERRESTRI 15. GLI STRATI CONCENTRICI DELLA TERRA La terra ha 3 strati principali: crosta terrestre, mantello e nucleo. 16. LA DERIVA DEI CONTINENTI DI WEGENER 17. LA ROTAZIONE TERRESTRE La terra compie il movimento di rotazione intorno ad un asse immaginario che collega i due poli. Esso dura un giorno (24h). 18. LA RIVOLUZIONE TERRESTRE Questo movimento determina lalternanza delle stagioni in base alla parte di terra illuminata. Si distinguono solstizi ed equinozi. Dura circa 365 giorni. 19. IL RETICOLATO GEOGRAFICO La terra divisa da linee immaginarie usate per orientarsi: 360 meridiani e 180 paralleli. 20. I FUSI ORARI Il meridiano di Greenwich inoltre il punto di riferimento per determinare i fusi orari. 21. LINCLINAZIONE DEI RAGGI SOLARI I poli sono pi freddi dell equatore perch i raggi solari li raggiungono inclinati, quindi scaldano meno. 22. LA LUNA La luna il satellite della terra. Il 21 Luglio 1969 ci si mise piede per la prima volta con la missione Apollo11. Anchessa compie il movimento di rotazione e rivoluzione, ma impiega 27 giorni per entrambi quindi noi ne vediamo sempre la stessa faccia. 23. LE FASI LUNARI La luna non brilla di luce propria ma viene continuamente illuminata dal sole, mostrandocene solo alcune parti. Queste condizioni di illuminazione si chiamano fasi lunari.