PERIODICO INFORMATIVO DELLA FONDAZIONE «L’ANCORA … · tralicci delle viti, così aridi e...

Click here to load reader

  • date post

    15-Feb-2019
  • Category

    Documents

  • view

    214
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of PERIODICO INFORMATIVO DELLA FONDAZIONE «L’ANCORA … · tralicci delle viti, così aridi e...

PERIODICO INFORMATIVO DELLA FONDAZIONE LANCORA ONLUS Sede Legale: Via M. Faliero n.97 - 37138 Verona - www.fondazionelancora.org - www.fondazionelancora.it

Cosa dobbiamo fare? Aggrapparci alla corda: sempre l

Inauguriamo il primo numero del 2017 del nostro

giornalino con le parole di Papa Francesco

pronunciate nelludienza generale di mercoled 26 aprile: un giorno per noi speciale, perch

anche don Renzo era presente con un folto gruppo

di amici.

Papa Francesco ha parlato dellesistenza, che un pellegrinaggio, un cammino. Anche quanti sono mossi da una speranza semplicemente

umana, percepiscono la seduzione dellorizzonte, che li spinge a esplorare mondi che ancora non

conoscono. La nostra anima unanima migrante. La Bibbia piena di storie di pellegrini

e viaggiatori. La vocazione di Abramo comincia

con questo comando: Vattene dalla tua terra

(Gen 12,1). E il patriarca lascia quel pezzo di

mondo che conosceva bene e che era una delle

culle della civilt del suo tempo. Tutto cospirava

contro la sensatezza di quel viaggio. Eppure

Abramo parte. Non si diventa uomini e donne

maturi se non si percepisce lattrattiva dellorizzonte: quel limite tra il cielo e la terra che chiede di essere raggiunto da un popolo di

camminatori. Nel suo cammino nel mondo,

luomo non mai solo.

Il Papa ha quindi sottolineato come la cura di Dio

nei confronti delluomo sia per sempre, fino alla fine del mondo! Passeranno i cieli, passer la

terra, verranno cancellate le speranza umane,

ma la Parola di Dio pi grande di tutto e non

passer. E Lui sar il Dio con noi, il Dio Ges

che cammina con noi. Non ci sar giorno della

nostra vita in cui cesseremo di essere una

preoccupazione per il cuore di Dio Dio sicura-

mente provveder a tutti i nostri bisogni, non ci

abbandoner nel tempo della prova e del buio

Papa Francesco ha dunque parlato di un simbolo

a noi molto caro, lncora Non a caso tra i simboli cristiani della speranza ce n uno che a me piace tanto: lncora. Essa esprime che la nostra speranza non vaga; non va confusa con

il sentimento mutevole di chi vuole migliorare le

cose di questo mondo in maniera velleitaria,

facendo leva solo sulla propria forza di volont.

La speranza cristiana, infatti, trova la sua radice

non nellattrattiva del futuro, ma nella sicurezza di ci che Dio ci ha promesso e ha realizzato in

Ges Cristo. Se Lui ci ha garantito di non

abbandonarci mai, se linizio di ogni vocazione un Seguimi, con cui Lui ci assicura di restare

sempre davanti a noi, perch allora temere? Con

questa promessa, i cristiani possono camminare

ovunque Torniamo allncora. La nostra fede lncora in cielo. Noi abbiamo la nostra vita ancorata in cielo. Cosa dobbiamo fare?

Aggrapparci alla corda: sempre l. E andiamo

avanti perch siamo sicuri che la nostra vita ha

come unncora nel cielo, su quella riva dove arriveremo.

, fin negli angoli pi

2 Cronache LAncora Magazine N.46 - Gennaio/Aprile 2017

in rete dal mese di febbraio, a questo link: http://www.fondazionelancora.org/eccochefa

re_iofirmoperlancora_93103260233_campag

na_cinque_per_mille_2017.shtml il nuovo video promozionale che racconta, in circa un minuto e mezzo, che cosa stato possibile sostenere grazie alla donazione del 5xmille. Questo contributo, del tutto gratuito per i donanti, per la nostra Fondazione un sostegno economico davvero molto importante: ci permette infatti, ogni anno, di far fronte alle situazioni di disagio in cui si trovano bambini, giovani, anziani, famiglie, donne sole con bimbi, sviluppando significativi progetti che si concretizzano attraverso l'accoglienza in luoghi diurni e residenziali, l'ospitalit, l'animazione, la formazione, le esperienze lavorative per il recupero psicofisico, le opportunit di stages e tirocini, per i problemi che riguardano il disagio sociale, le difficolt familiari, lemarginazione, lintegrazione e la disoccupazione. Il Fiordaliso, l'Orto Botanico di Marzana e la Casa Famiglia

Iris, Il Focolare L'Ancora e On the Bridge,

L'Oasi Gina ed Enrico, Ancra un Sorriso,

L'Oasi della Letizia, sono realt che possono esistere anche grazie a questo prezioso gesto. Ma c in cantiere un altro grande progetto di condivisione e accoglienza per chi "ai margini": Casa Adele, di cui troverete notizie nelle prossime pagine.

Cosa aspettate dunque?!

93103260233 Donate!

5xmille 2017: un video per ricordarvi che

partita da qualche tempo la campagna di promozione del 5xmille 2017: on line il video che racconta a cosa serve questo prezioso contributo #eccochefareiofirmoperlancora

http://www.fondazionelancora.org/eccochefare_iofirmoperlancora_93103260233_campagna_cinque_per_mille_2017.shtmlhttp://www.fondazionelancora.org/eccochefare_iofirmoperlancora_93103260233_campagna_cinque_per_mille_2017.shtmlhttp://www.fondazionelancora.org/eccochefare_iofirmoperlancora_93103260233_campagna_cinque_per_mille_2017.shtml

LAncora Magazine Cronache 3 N.46 - Gennaio/Aprile 2017

Ancora una volta la magia si ripete: arrivata la primavera, il risveglio, il nuovo inizio! Ci che sembrava senza vita, come dincanto, meravigliosamente rinasce. E tutto si veste a nuovo. la resurrezione della natura, la vittoria della vita sulla morte. AllOrto Botanico di Marzana facile contemplare tutto questo: sui tralicci delle viti, cos aridi e brulli da sembrare irreparabilmente perduti, come per prodigio ecco apparire i verdi virgulti delle nuove foglie, presagi di una futura e (si spera) ricca vendemmia; i ciliegi velocemente simbiancano, inondando i sentieri col loro mielato e delicato profumo; nei prati le erbe riprendono colore, mentre nellorto gi nascono i primi ortaggi della nuova annata. Ma questa primavera vendemmia; i ciliegi velocemente simbiancano, inondando i sentieri col

loro mielato e delicato profumo; nei prati le erbe riprendono colore, mentre nellorto gi nascono i primi ortaggi della nuova annata. Ma questa primavera particolarmente fruttuosa anche per le nascite: in questo periodo hanno infatti visto la luce tanti nuovi cuccioli di capra! Vispe e curiose, le nuove caprette reclamano spesso il latte dalla mamma e compiono i primi tentativi, insicuri, di passi e saltelli. Non ci resta che dire benvenuta primavera e buon lavoro a tutti i volontari!

particolarmente fruttuosa anche per le nascite: in questo periodo hanno infatti visto la luce tanti nuovi cuccioli di capra! Vispe e curiose, le nuove caprette reclamano spesso il latte dalla mamma e compiono i primi tentativi, insicuri, di passi e saltelli. Non ci resta che dire benvenuta primavera e buon lavoro a tutti i

volontari!

Risvegli (e nascite) di primavera

Il Giardino Officinale di Marzana non solo sta celebrando in pompa magna il ritorno della primavera ma ha anche dato il benvenuto a tante nuove caprette!

4 Cronache LAncora Magazine N.46 - Gennaio/Aprile 2017

Il desiderio pi grande di don Renzo, per i suoi cinquantanni di ordinazione sacerdotale, era di celebrare la Santa Messa alla presenza delle tante persone che, nel corso della vita sacerdotale, lo avevano incontrato, conosciuto, che con lui avevano collaborato o semplice-mente condiviso un tratto di strada. Cos, quando sabato 1 aprile si trovato davanti una sala gremita di tante, tantissime persone che gli hanno e che gli vogliono bene, lemozione stata davvero fortissima. Resa ancor pi grande dalla lettera di auguri di Papa Francesco, arrivata e letta allinizio della celebrazione. Ordinato sacerdote il 27 marzo 1967 don Renzo, prima di essere nominato parroco di Santa Maria Maddalena, dove rimasto per 25 anni, stato vicario parrocchiale ad Avesa e quindi nella parrocchia di San Pietro Apostolo. Dal 2005 al 2009 stato parroco a Ferrazze, per poi essere trasferito a Santa Lucia di Pescantina, dove tuttora. Il suo ministero pi significativo stato senzaltro quello esercitato nei 25 anni al Saval, dove don Renzo fu chiamato a dar vita dal nulla alla parrocchia di Santa Maria Maddalena. Durante quegli anni, in un territorio fecondo in quanto privo di tutto ma anche difficile dal punto di vista sociale, furono innumerevoli le iniziative sorte grazie al suo impulso, alla sua energia, al suo bisogno di tradurre il Vangelo in concretezza. Fu proprio al Saval, negli anni ottanta, che nacque LAncora, dapprima come centro culturale, quindi come associazione di volontariato, infine anche come fondazione. Cinquantanni sono tanti ma don Renzo non ancora stanco, perch ha scelto proprio loccasione del suo cinquantesimo per presentare a tutti un nuovo progetto, un sogno che desidera al pi presto tradurre in realt: Casa Adele. Adele

unanziana signora, sola al mondo, che ha donato alla Fondazione LAncora ONLUS la

sua vecchia e piccola casa in campagna, circondata da un terreno, per la realizzazione di un luogo che dia speranza a chi lha perduta, a chi vive ai margini e non trova in alcun modo, nella propria vita, una via duscita. Si intende ristrutturare il vecchio rudere per trasformarlo in una casa accogliente, in una comunit dove possano trovare rifugio gli scartati dalla societ, ovvero quelle persone di cui nessuno si occupa, potremo pure dire gli invisibili della societ, persone bisognose con percorsi di vita difficili e di svariate et che, attraverso la normale vita in famiglia, grazie anche al contatto con la natura e al lavoro nei campi per lautosostentamento, con laffiancamento di volontari, troveranno giovamento per la propria rinascita personale e sociale. Laddove sar possibile, la vita in Casa Adele sar solo un passaggio per lacquisizione di una nuova autonomia e un punto di partenza per una seconda, nuova vita. E qui, fatto pi importante di ogni altro, don Renzo svolger la propria missione una volta terminato il servizio di parroco. Durante la Messa alcuni amici hanno portato una grande insegna in legno, Casa Adele, che stata posta allingresso del rudere da ristrutturare, e il plastico della casa rimessa a nuovo. Anche la nonnina Adele era presente, ed

Mezzo secolo a servizio di Dio e della Chiesa

stato celebrato sabato 1 aprile 2017, a Settimo di Pescantina, il cinquantesimo di ordinazione sacerdotale di don Renzo

LAncora Magazine Cronache 5 N.46 - Gennaio/Aprile 2017

stata felice di poter vedere come diventer il

suo casotto (chiama cos la sua vecchia e malandata casetta). Non sono mancate altre

sorprese: da una bellissima miniatura di don

Renzo e Papa Francesco con la Renault 4 bianca

alla foto di don Renzo con i lama, portata dagli

amici di Marzana. Significativo lintervento del Vicario don Antonio Sona, che ha concelebrato

la Santa Messa, il quale ha sottolineato come le

opere siano particolari non tanto per come sono

strutturate (sicuramente esistono altre realt

simili) ma perch don Renzo ha saputo metterci

il cuore e far s che tante persone abbiano scelto

di lasciarsi coinvolgere in esse. La festa si

conclusa con un lauto rinfresco allinterno de LOasi Gina ed Enrico. Chi volesse sostenere la ristrutturazione di Casa Adele pu farlo con una

donazione sul conto corrente apposito: IBAN

IT 82 L 02008 11728 000101033197, Agenzia

Unicredit Saval VR; causale: Per Casa Adele.

6 Cronache LAncora Magazine N.46 - Gennaio/Aprile 2017

pensiero comune che una casa dove vivono solo anziani possa essere un luogo monotono, ipotonico e tedioso nulla di pi sbagliato, almeno per quel che riguarda il nostro Fiordaliso! Il mese di gennaio, come ogni anno, stato allietato dalla gradita presenza quotidiana di tre giovani ragazze tirocinanti, provenienti dallIstituto Sanmicheli: le studentesse, oltre che condividere tutti i momenti della giornata con i nonni, li hanno anche intrattenuti con diverse e simpatiche attivit. Dal mese di novembre 2016 e fino a fine maggio, inoltre, per due mattine a settimana, presente a svolgere il proprio servizio di tirocinio Caterina, anche lei studentessa del Sanmicheli. Caterina si occupa della preparazione delle colazioni e, al bisogno, aiuta per altre facili mansioni. A fine gennaio, poi, le nostre assistenti, visto che la lavastoviglie, prezioso ed indispensabile elettrodomestico, ormai non svolgeva pi il proprio dovere per vecchiaia, hanno promosso una festa di raccolta fondi: balli, lotteria e buffet hanno allietato il sabato pomeriggio di nonni, familiari ed amici, permettendo cos di raccogliere una buona somma, sufficiente a coprire le spese della nuova lavastoviglie che, con grande gioia, stata installata a febbraio. Un grazie per questo a tutti coloro che si sono dati da fare per far s che tutto ci avvenisse. Ma la nostra casa poi finita alla ribalta della cronaca per un articolo del giornalista Lorenzetto che, segnalando le difficolt di nonna Armanda, costretta ad essere trasferita in unaltra struttura per la sua disabilit, ha permesso la sua riaccoglienza presso la nostra casa, grazie ad un benefattore che si far carico della sua assistenza e di tutto ci che le servir per adeguare la stanza alle attuali condizioni. La sua storia a lieto fine stata riportata addirittura su LOsservatore Romano. In questi giorni Armanda far ritorno a quella che lei definisce casa sua, appunto Il Fiordaliso , e tutti si stan-

Vita a Il Fiordaliso, tra quotidianit e colpi di scena

Nella Casa Famiglia di Verona sono tanti i fatti, ordinari e non, che hanno segnato le giornate di questi mesi

LAncora Magazine Cronache 7 N.46 - Gennaio/Aprile 2017

no dando da fare per accoglierla al meglio. La storia di Armanda ha dato vita ad una bellissima catena di solidariet, a dimostrazione che non vero che il mondo solo brutto e negativo: il bene c, fa meno rumore, agisce in silenzio ma in modo efficace, soffiando nei cuori di chi disposto a lasciarsi fare

Fatima arrivata il 27 aprile da Damasco con le sue bambine di 4 mesi e 6 anni ed ora ospite in casa di una signora di Pescantina. qui grazie al cordone umanitario organizzato dalla Comunit di SantEgidio, un progetto per i rifugiati che prevede che le persone vengano contattate direttamente nei campi profughi dai volontari i quali, valutate le loro vicende personali, scelgono poi chi far arrivare in sicurezza in Italia. Lobiettivo concedere a persone in condizioni di vulnerabilit un ingresso legale, per via aerea, sul territorio italiano, con visto umanitario e la possibilit di presentare successivamente la domanda di asilo. Fatima scappata da Damasco a causa della guerra; suo marito ha perso una gamba e non ha potuto lasciare il campo in Libano dove vivevano. Ora presenteranno la domanda di asilo e per loro inizier la trafila per comparire davanti alla commissione. Ma a differenza di quel che accade per gli oltre 2.500 profughi ospitati nel Veronese, Fatima e le figlie vivranno in famiglia, ospiti di una nostra collaboratrice e seguite dai nostri volontari. Non parlano una parola di italiano e per ora con loro si comunica grazie ad una app del telefonino, che traduce dallarabo allitaliano e viceversa. Una bambina della parrocchia di S.Lucia di Pescantina ha preparato uno striscione con la scritta benvenuti in arabo, che campeggia allingresso di casa; una ragazza marocchina, Soukaina, si offerta come interprete. Come dice don Renzo, questa unadozione a vicinanza ed anche se un

nulla di fronte ai grandi numeri delle migrazioni pur sempre un gesto che offre ali alla speranza La permanenza di Fatima e delle sue bambine completamente sostenuta, anche economi-camente, dalla nostra Fondazione: chi volesse offrire il proprio aiuto pu farlo contattando LAncora attraverso i consueti canali.

Ali alla Speranza, un corridoio per la Siria

Fatima e le sue bambine sono arrivate in Italia, ospiti de LAncora, grazie ai corridoi umanitari organizzati dalla Comunit di S. Egidio, Federazione comunit evangeliche e Tavola valdese

8 Avvisi LAncora Magazine N.46 - Gennaio/Aprile 2017

Trovate on-line, al link www.fondazionelancora.org/avvisi.shtml, gli avvisi sulle attivit della

Fondazione LAncora ONLUS sempre aggiornati.

SPETTACOLO AME-RETE SUL TEMA DEL CYBERBULLISMO

Marted 16 maggio 2017, alle ore 20.30, presso lAula Magna della Parrocchia di Santa Maria Maddalena, in via Marin Faliero n.99, il Centro LAncora invita tutti i ragazzi e le ragazze dai 10 ai 18 anni, con le loro famiglie, al divertente spettacolo Ame-rete, sul tema del cyberbullismo. Lingresso gratuito. Non mancate!!

CAMPO ESTIVO 2017 A BRUSSON VALLE DAOSTA

Sono aperte le iscrizioni per il tradizionale campo estivo in Valle dAosta, per famiglie, adulti e giovani, da sabato 19 a sabato 26 agosto 2017. Come lo scorso anno, si soggiorner presso la casa

Breithorn, in Val dAyas, comune di Brusson, frazione Extrepieraz. Sono disponibili stanze da 2, 3, 4 posti letto. Quote intere (vitto e alloggio) per 7 giorni: adulto 210; bambini fino a 9 anni 160; ragazzi 10/16 anni 200. Iscrizioni entro il 30 giugno con versamento di caparra di 50,00 a persona. Per informazioni e prenotazioni: segreteria de LANCORA ONLUS Tel. 045 561017 (in orario 8.00/12.00) Iscrizioni per mail: [email protected] .

In breve

Gioved 27 aprile don Renzo, assieme ad un gruppo di sacerdoti veronesi ordinati nel 1967, e a don

Giorgio Costa, ha ricordato i suoi cinquantanni di sacerdozio con Papa Francesco, partecipando alla Santa Messa del mattino a Santa Marta. Unemozione fortissima, per lui e per i suoi confratelli,

ed una rinnovata conferma sul proseguire per la strada della carit con entusiasmo e caparbiet.

http://www.fondazionelancora.org/avvisi.shtmlmailto:[email protected]