Osservatorio Mini-Bond 3° Report italiano sui Mini-Bond · PDF file 3° Report italiano...

Click here to load reader

  • date post

    14-Aug-2020
  • Category

    Documents

  • view

    2
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Osservatorio Mini-Bond 3° Report italiano sui Mini-Bond · PDF file 3° Report italiano...

  • Osservatorio Mini-Bond 3° Report italiano sui Mini-Bond

    Febbraio 2017

  • 3° REPORT ITALIANO SUI MINI-BOND

    Copyright © Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Gestionale 1

    pagina

    Indice

    Introduzione 5

    Executive summary 7

    1. Mini-bond: definizioni e contesto 11 Definizioni metodologiche 11 Il contesto del mercato del capitale per le PMI nel 2016 12 L’evoluzione della normativa nel 2016 e i PIR 16 Il mercato borsistico ExtraMOT PRO 17 I mini-bond in Europa nel 2016 22

    2. Le imprese emittenti 25 Il campione del 2016: statistiche descrittive 25 I costi del collocamento 30 Le motivazioni del collocamento 32 L’analisi dei bilanci 33 Come è stato impiegato il capitale raccolto? 37

    3. Le emissioni 41 Le emissioni fino al 2016: statistiche descrittive 41 Scadenza e remunerazione offerta 45 Il rating 50 Opzioni, covenant e garanzie 51

    4. Gli attori della filiera 57 I consulenti finanziari: gli advisor 57 I consulenti legali 58 Gli arranger 58 Le società di rating 59 Gli investitori 59 Le banche agenti e le banche depositarie 60 Portali dedicati ai mini-bond 61 I fondi di investimento specializzati nei mini-bond 62

    5. Le prospettive future 67

    Appendice: elenco delle emissioni di mini-bond nel 2016 71

    La School of Management 73

    Il gruppo di lavoro e i sostenitori della ricerca 75

  • 3° REPORT ITALIANO SUI MINI-BOND Copyright © Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Gestionale

    22

    FIGURE Figura 1.1 12

    Figura 1.2 13

    Figura 1.3 13

    Figura 1.4 14

    Figura 1.5 14

    Figura 1.6 15

    Figura 1.7 16

    Figura 1.8 18

    Figura 1.9 20

    Figura 1.10 21

    Figura 2.1 25 Figura 2.2 26

    Figura 2.3 26

    Figura 2.4 27

    Figura 2.5 27

    Figura 2.6 28

    Figura 2.7 28

    Figura 2.8 29

    Figura 2.9 29

    Figura 2.10 30 Figura 2.11 30

    Figura 2.12 32 Figura 2.13 34

    Figura 2.14 36

    Figura 2.15 39

    pagina

    Valore della produzione industriale nel manifatturiero in Italia dal 2011 al 2016 (100 = media 2011) Variazione del fatturato delle imprese italiane fra il 2013 e il 2015, per dimensione di azienda Rapporto tra nuovi investimenti e immobilizzazioni materiali dal 2011 al 2015: confronto grandi imprese / PMI Rapporto fra debiti finanziari e capitale netto per dimensione d’impresa: evoluzione temporale in Italia Il credito bancario a favore delle imprese italiane: variazione dello stock disponibile dal 2006 al 2016 su base trimestrale (blu) e su base annuale (rosso) Percentuale delle PMI che individuano nell’accesso al capitale un problema molto rilevante, in vari paesi UE Emissioni obbligazionarie (lorde e al netto dei rimborsi) di imprese italiane non bancarie dal 2011 al 2016 (dati in miliardi EUR) Il posizionamento di ExtraMOT PRO rispetto ai mercati obbligazionari gestiti da Borsa Italiana ExtraMOT PRO: flusso delle ammissioni e numero totale di titoli quotati (al netto dei delisting) dall’apertura del mercato al 31 dicembre 2016 Titoli quotati su ExtraMOT PRO: controvalore mensile degli scambi (in milioni EUR) dall’apertura del mercato al 31 dicembre 2016

    Segmentazione delle imprese emittenti per classe di fatturato consolidato Segmentazione delle imprese emittenti per classe di fatturato consolidato: confronto fra le emittenti 2015 e le emittenti 2016 Segmentazione delle imprese emittenti fra quotate e non quotate sul mercato borsistico, per classe di fatturato consolidato Segmentazione delle imprese emittenti per controvalore dell’emissione e per classe di fatturato consolidato (sulle ascisse) Segmentazione delle imprese emittenti per tipologia di attività, secondo la classificazione ATECO Segmentazione delle imprese emittenti per settore di attività: confronto fra le emittenti 2015 e le emittenti 2016 Segmentazione delle emittenti fra PMI e grandi imprese, per settore di attività Segmentazione delle emittenti fra società quotate e non, per settore di attività Segmentazione delle emittenti per dimensione del collocamento e per settore di attività Segmentazione delle emittenti per localizzazione regionale Localizzazione geografica delle imprese emittenti: confronto fra le emittenti 2015 e le emittenti 2016 Finalità dichiarate dell’emissione di mini-bond Segmentazione delle imprese emittenti in funzione della situazione finanziaria di bilancio Il modello di riclassificazione di bilancio utilizzato per l’analisi dei flussi di investimento delle società emittenti Le strategie di impiego del capitale raccolto con i mini-bond

  • 3° REPORT ITALIANO SUI MINI-BOND

    Copyright © Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Gestionale 3

    Figura 3.1 41 Figura 3.2 42

    Figura 3.3 43 Figura 3.4 43

    Figura 3.5 44

    Figura 3.6 44 Figura 3.7 45 Figura 3.8 45 Figura 3.9 46 Figura 3.10 47

    Figura 3.11 47

    Figura 3.12 48 Figura 3.13 48 Figura 3.14 49

    Figura 3.15 49

    Figura 3.16 50

    Figura 3.17 50 Figura 3.18 52 Figura 3.19 53 Figura 3.20 54

    Figura 4.1 58

    Figura 4.2 60

    Figura 4.3 62

    Flusso temporale delle emissioni di mini-bond fino al 31 dicembre 2016 Flusso temporale del controvalore di emissione di mini-bond fino al 31 dicembre 2016 Valore medio delle emissioni in ogni semestre (valori in milioni EUR) Flusso temporale delle emissioni di mini-bond, rispetto alla dimensione dell’impresa emittente (PMI o grande impresa) Flusso temporale delle emissioni di mini-bond: società già quotate rispetto alle non quotate Distribuzione complessiva del controvalore delle singole emissioni Quotazione dei mini-bond su un mercato borsistico Distribuzione complessiva della scadenza del titolo Distribuzione della scadenza dei mini-bond: confronto fra 2015 e 2016 Distribuzione della scadenza dei mini-bond: differenza fra PMI e grandi imprese Controvalore totale delle emissioni di mini-bond del campione in scadenza nei prossimi anni. Valori in milioni EUR Distribuzione della cedola dei mini-bond La cedola dei mini-bond: confronto fra 2015 e 2016 Distribuzione della cedola dei mini-bond: distinzione fra PMI e grandi imprese Distribuzione della cedola dei mini-bond: distinzione fra emissioni sopra e sotto € 50 milioni Valore medio della cedola distribuita dai mini-bond: confronto fra PMI e grandi imprese per diverse scadenze Presenza del rating sui mini-bond Presenza di opzioni call e/o put Presenza di garanzie relative al rimborso Presenza di covenant finanziari da rispettare

    Gli arranger più attivi sul mercato dei mini-bond nel 2016, per i collocamenti fino a EUR 50 milioni La ‘mappa’ degli investitori nei mini-bond nel 2016: copertura del campione 79% Il posizionamento dei fondi chiusi specializzati nei mini-bond nelle tipologie di investimento mobiliare

    pagina

  • 3° REPORT ITALIANO SUI MINI-BOND Copyright © Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Gestionale

    44

    TABELLE Tabella 1.1 16

    Tabella 2.1 34

    Tabella 2.2 35

    Tabella 2.3 38

    Tabella 3.1 42

    Tabella 3.2 44 Tabella 3.3 47 Tabella 3.4 51 Tabella 3.5 52 Tabella 4.1 64

    BOX Box 1.1 19 Box 1.2 21 Box 1.3 24

    Box 2.1 31 Box 2.2 33 Box 2.3 36

    Box 3.1 42 Box 3.2 53 Box 3.3 54

    Box 4.1 62 Box 4.2 63 Box 4.3 64

    Box 5.1 68

    Riassunto delle principali innovazioni legislative introdotte sui mini-bond dal 2012 ad oggi

    Indici di bilancio prima e dopo l’emissione di mini-bond (l’anno 0 è quello del collocamento). Valori medi (fra parentesi i valori mediani) Compounded annual growth rate (CAGR) dei ricavi consolidati a cavallo dell’emissione di un mini-bond Valori medi e mediani (fra parentesi) degli indici di investimento più rilevanti nei tre bilanci successivi al collocamento del mini-bond

    Le emissioni di cambiali finanziarie classificabili come ‘mini-bond’ nel corso del 2016 Statistiche sul controvalore nominale medio dell’emissione Statistiche sulle modalità di rimborso del capitale Statistiche sull’attribuzione del rating Statistiche sull’esistenza di opzioni call e put

    Gli investimenti dei fondi italiani di private debt effettuati nel 2016 nei mini-bond del campione

    La ‘procedura OPS’ su ExtraMOT PRO I mini-bond come ‘anticamera’ alla quotazione in Borsa La tecnologia blockchain e il mondo dei mini-bond

    L’operazione ‘hydro-bond 2’ La parola alle imprese La situazione dei default dei mini-bond in Italia

    Le cambiali finanziarie Quando la garanzia sui mini-bond si può bere, o mangiare Una tregua per non far scattare i covenant

    Le Finanziarie regionali e i mini-bond I fondi di credito (direct lending): le novità del D.L. 18/2016 AIFI e il mercato del private debt

    L’evoluzione del mercato dei project bond in Italia nel 2016

    pagina

  • 3° REPORT ITALIANO SUI MINI-BOND

    Copyright © Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Gestionale 5

    Introduzione

    La terza edizione del rapporto italiano dedicato all’industria dei mini-bond segna la piena maturità del mercato dedicato ai titoli mobiliari di debito alternativi rispetto al credito bancario. Il numero cumulato delle emissioni continua a crescere così come au- menta il numero delle imprese, soprattutto PMI, che sperimentano questa opportunità di diversificazione delle fonti di finanziamento.

    Il campione cumulato della ricerca può ormai contare su 292 emissioni (di cui 245 sotto