La rivalutazione del limone-Classe 5^ G-Circolo Didattico V _Bagheria

Click here to load reader

  • date post

    20-Mar-2017
  • Category

    Education

  • view

    317
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of La rivalutazione del limone-Classe 5^ G-Circolo Didattico V _Bagheria

  • a C I R C O L O D I D A T T I C O V -A.Gramsci'- =90011 B A G H E R I A

    r; M . pHi:i?nfiO/' - et. non 7ftso8/'6 S t u l c M ' P I C S S O - E . lui- (. Trama.^ fax 0 9 1 . 9 4 3 . 3 5 8

    ie(. llhiiiKiilt- H 9 I 9 4 3 1 1 1 0 : itt ( 9 4 3 . I l U H I 9 1 3 . 0 I /

    >-|(!SSii-A.ririillisci- {,a (Jjrfini (19 1.8 1 6 . ? 1 1 8 ; r,a La Maf/a 0 9 1.8 I t i ? 4 19

    < ; - m a l : Uiiee I/-UBUX alslt u ^ i o n p It w e b s l l o : w w w v i i i iiiilHai iiiiiar i il u^eti/aut/na^.i-. isitu/iui.> il

    PROGETTO CONTINUIT' TRA

    L'ISTITUTO COMPRENSIVO "I. BUTTITTA" E

    V CIRCOLO DIDATTICO "A. GRAMSCI"

    CLASSE 5 G

    Insegnanti: Antonina Butttta

    Maria Anna Carolio

    Enza Galletto

  • C I R C O L O D I D A T T I C O V " A . G r a m s c i " a 90011 B A G H E R I A C M (i;i
  • Urna/ 0/ Q^eq4j^ende/

    W Limone, secondo alcuni studiosi un brido naturale tra il cedro (Citrus medica) e il lime (Citrus aurantifolia). L'albero del limone alto fino a 6 metri ed i rami sono normalmente spinosi. Le foglie sono alterne, rossastre da giovani e poi verde scuro sopra e pi chiare sotto; il picciolo leggermente alato.

    I fiori, dolcemente profumati, possono essere solitari o in coppie, all'ascella delle foglie; in condizioni climatiche favorevoli sono prodotti praticamente tutto l'anno. Il bordo dei petali violetto. I frutti sono ovali oppure oblunghi. Normalmente la buccia gialla, ma ci sono variet variegate di verde o di bianco: ricca di olii essenziali, pu essere pi o meno sottile: la polpa divisa in otto-dieci spicchi; generalmente molto aspra e succosa: molte variet sono prive di semi.

    La fioritura avviene in primavera, con la produzione del frutto invernale, e in settembre, da cui derivano i cosiddetti verdelli (che maturano nell'estate seguente). Per favorire la produzione di questi ultimi, che ottengono prezzi migliori sul mercato, si utilizzano tecniche particolari come la periodica interruzione delle irrigazioni. Il limone piuttosto sensibile al freddo e perde completamente le foglie a temperature di -4/-5G, mentre temperature ulteriormente inferiori possono danneggare anche il legno; i fiori e i frutti, invece, sopportano temperature fino a -2C, non ha invece bisogno di temperature estive molto elevate per la maturazione dei frutti. Le piante sono sensibili anche al vento. In periodi prolungati di siccit necessaria l'irrigazione. Cresce bene anche in terreni poveri e il pH ottimale intorno a 5,5.

    A differenza di altri agrumi, i limoni possono maturare anche una volta staccati dalla pianta. Spesso vengono staccati, manipolati e spediti ancora verdi - protetti da un trattamento fungicida e da un'inceratura - quindi trattati in seguito per farli maturare: per questo motivo non consigliabile utilizzare le bucce dei frutti, a meno che non provengano da colture biologiche.

    Dal persiano "Limu" {sj^), frutto simbolo del calore e del sole, il Limone evoca nella mente paesaggi assolati tipicamente mediterranei ed istintivamente il pensiero li associa alla Sicilia ed ai tipici "giardini mediterranei", in realt il limone ha origini asiatiche, proviene infatti dall'India e dall'Indocina. Conosciuto sin dall'antichit (anche nelle civilt mesopotamiche) per le sue propriet antireumatiche e antisettiche era

  • considerato un frutto sacro nei paesi arabi e veniva impiegato come antidoto contro i veleni, come astringente contro le forme dissenteriche ed emorragiche e ... per tenere lontano i demoni.

    Alessandro Magno era solito consumare questo frutto durante le sue campagne di guerra nelle terre persiane, da qui l'appellativo di "mela persiana". Gli antichi Egizi lo utilizzavano per imbalsamare le mummie e spesso lo riponevano nelle tombe.

    I Greci lo utilizzavano a scopo ornamentale e usavano coltivare gli alberi di limone vicino agli ulivi per preservare questi ultimi da attacchi parassitari. Le prime descrizioni del limone a scopo terapeutico risalgono alle opere diTeofrasto, allievo di Aristotele, che viene considerato il fondatore della fitoterapia.

    Sebbene si ritenesse che gli antichi Romani non conoscessero il Limone, la scoperta, nel corso di scavi archeologici nella zona di Pompei di una villa romana con affreschi alle pareti ritraenti piante di Limone, smentisce questa opinione e, del resto, anche Plinio il Vecchio parl del limone nella sua "Naturalis Historia" e ne parlava, tra l'altro, come di un antidoto verso diversi veleni; forse per questo si ritiene che anche Nerone ne fosse un assiduo consumatore, ossessionato come era dal timore di un suo possibile avvelenamento.

    In Sicilia ed in Calabria il limone venne introdotto dagli Arabi intorno all'anno 1000. La prima descrizione del limone, introdotto dall'estremo Oriente due secoli prima, apparve infatti in scritti arabi del dodicesimo secolo anche se, la coltivazione intensiva dei limoni nell'isola e nella provncia di Reggio Calabria inizi solo nel XVII secolo ad opera di nobili feudatari e dei padri Gesuiti mentre venne introdotta nel nord Italia solo intorno alla met del XV secolo a Genova. Pi o meno nello stesso periodo sono datate descrizioni sul succo di Limone per prevenire e curare lo scorbuto, malattia dovuta alla carenza prolungata di vitamina C, presente nella verdura fresca e nella frutta, diffusa soprattutto tra i marinai costretti nei lunghi periodi in mare ad una alimentazione completamente priva di alimenti contenenti questa vitamina. E proprio grazie ai viaggi per mare il Limone venne "scoperto" anche dai paesi del nord Europa le cui navi arrivavano nel Mar Mediterraneo dove si rifornivano di limoni ed altri agrumi pagandoli a volte addirittura in oro e rivendendoli poi nel nord dove venivano considerati merce molto pregiata ed utilizzati per scopo ornamentale; l'uso del Limone in cucina o per scopo terapeutico, nei paesi del nord, arriv solo pi tardi. In seguito alla scoperta dell'America ad opera di Cristoforo Colombo la coltivazione del Limone e degli altri agrumi venne introdotta nel nuovo mondo dagli Spagnoli e dai missionari, pare infatti che fu proprio Colombo, nel 1493, a piantare i primi alberi di limone nell'isola d Haiti. La coltivazione intensiva degli agrumi si diffuse in Florida e in California, dove nel XIX secolo vennero generate delle qualit particolarmente resistenti al clima diverso da quello "mediterraneo".

  • Gea la dea Terra per onorare le nozze tra Era e Zeus produsse degli alberi dai Pomi d'oro, emblema di fecondit e amore. Giove, nel timore di un loro possibile furto, decise di custodirli in un meraviglioso giardino, sorvegliato dalle Esperidi.

    Il loro numero incerto, pare comunque che fossero tre, Aretusa, Egle ed Espere, e che vivessero ai confini del mondo, ai piedi del cielo retto dal padre Atlante, in un giardino dove cresceva l'albero dai "pomi d'oro", custodito dal drago Ladone, figlio di Tifone e Echidna. Esiodo descrive le Ninfe del Tramonto come Figlie della Notte, ma la mitologia greca le ha volute anche figlie di Zeus e Temi, Teti e Oceano, Forco e Ceto. La versione pi accreditata le vede figlie di Atlante ed Esperide.

    Eracle, l'Ercole dei Romani, per volere di Euristeo dal quale avrebbe ottenuto l'immortalit, nella sua XI fatica ebbe come compito quello di rubare i preziosi pomi. Il mito, nella versione di Apollodoro, racconta che Eracle, consapevole del desiderio del padre delle Esperidi di cogliere i pomi, gli gioc un inganno, offrendosi al suo posto come reggitore del cielo: Atlante rub i pomi, ma una volta compiuto il furto. Eracle, con la scusa di prendere un cuscino da porre sulle spalle, lo richiam a reggere il celeste fardello. Atlante ingenuamente acconsent, pos i pomi per terra e recuper l'ingente volta, mentre il vigoroso eroe afferr i pomi e li consegn ad Euristeo.

    Un'altra versione del mito vuole a custode dei frutti dorati, per volere di Era, un serpente a cento teste, figlio di Forco e Ceta. Il mito narra che, per cogliere i frutti. Eracle uccise il serpente, provocando la disperazione di Era. Questa, per omaggiare la creatura cui era tanto affezionata, decise di trasformarla in costellazione: la costellazione del Serpente. I pomi vennero restituiti da Euristeo alla moglie di Zeus e le Esperidi, afflitte per aver perduto i frutti di cui erano custodi, si trasformarono ciascuna in un albero, comunemente noto come emblema di tristezza: pioppo nero, salice e olmo.

  • Il limone (Citrus x limon) un albero da frutto

    appartenente al genere Citrus e alla famiglia delle Rutaceae.

    Il nome comune limone si pu riferire tanto alla pianta

    quanto al suo frutto.

    Secondo alcuni studi genetici, il limone un antico ibrido,

    probabilmente tra il pomelmo e il cedro, ma da secoli una specie autonoma,

    la quale si riproduce per innesto e talea.

    Il limone un albero che raggiunge dai 3 ai 6 metri di altezza. I germogli e i

    petali sono bianchi e violetti.

    Il frutto giallo all'esterno e quasi incolore all'interno, di forma sferica fino ad ovale, spesso con una protuberanza all'apice e appuntito all'altra estremit.

    La buccia pu essere da molto ruvida a liscia, pi o meno foderata all'interno con una massa bianca spugnosa detta albedo. Solitamente i limoni si

    coltivano per la produzione di frutti ma la pianta pu essere coltivata in vaso a

    scopo ornamentale. Per le coltivazioni in vaso consigliata terra specifica

    per agrumi e il rinvaso annuale prima del ricovero invernale in serra.

    In clima favorevole, il limone fiorisce e fruttifica due volte l'anno. La fioritura dura almeno due mesi e il frutto maturo pu attendere altri due mesi

    sull'albero prima di venir colto, il che favorisce una raccolta sistematica. La

    fioritura primaverile produce i frutti migliori, la cui raccolta dura poi tutto

    l'inverno, da novembre ad aprile o maggio.

    La seconda fioritura, a volte forzata nelle piantagioni

    commerciali, avviene in agosto e settembre, i frutti si

    possono raccogliere da maggio in poi, subito dopo quelli

    invernali. In condizioni favorevoli, un albero adulto pu

    dare da 600 a 800 frutti all'anno.

  • I limoni sono coltivati in tutto il mondo in innumerevoli variet che probabilmente neanche i botanici riescono a registrare correntemente. Le differenze tra di esse sono infatti riscontrabili prevalentemente nell'aspetto esteriore, mentre rimangono praticamente invariate sia le loro qualit alimentari che la relativa importanza economica. Il limone infatti, ben raramente viene consumato come frutto fresco, per cui cambiamenti minori di gusto non sono molto importanti. Per la lavorazione industriale vanno bene tutte le variet, con l'esclusione forse di quelle poche che per il precoce deterioramento vengono consumate sul luogo di produzione. Sono cos quasi ignote le variet del limone rosso e del limone dolce che danno frutti sempre agri, ma nel contempo abbastanza dolci da poter essere mangiati come frutta fresca. Quando questi limoni giungono a maturazione si deteriorano nel giro di due 0 tre giorni, per cui logicamente vengono consumati dalla popolazione locale e rimangono sconosciuti su un mercato pi vasto. Spesso si fa distinzione tra limoni gialli e verdi, ma si tratta di una distinzione meramente commerciale, in quanto i due tipi crescono sullo stesso albero. Il limone verde il prodotto della fioritura estiva, la quale viene spesso indotta artificialmente con l'assoluta privazione di irrigazione della pianta nei mesi di giugno e luglio. In questo modo si ottengono frutti dalla sottile buccia verde e dalla polpa molto succosa. Possono rimanere immagazzinati per lungo tempo e sopportano bene trasporti e sbalzi di temperatura, per cui vengono esportati in tutto il mondo, mentre i loro "fratelli" limoni invernali, coprono il fabbisogno dei mercati interni. Questo tipo di forzatura dell'albero ne abbrevia la vita, ma si tratta di una pratica molto vantaggiosa economicamente, per cui generalmente adottata in tutte le piantagioni.

    In media, la buccia del limone pu raggiungere il 40% del peso complessivo, un altro 3% rappresentato dai semi. Pur trattandosi di una media il dato fa capire che il frutto non viene coltivato solo per il succo. Dalla buccia, molto apprezzata per la produzione di canditi, si estraggono anche essenze e pectina. Dai semi si estrae l'olio e gli avanzi si impiegano nell'alimentazione animale. La parte del frutto pi comunemente utilizzata il succo che rappresenta fino al 50% del suo peso, contiene 50-80 grammi/litro di acido citrico, che conferisce il tipico sapore aspro e diversi altri acidi organici tra cui l'acido

  • malico, l'acido ascorbico o vitamina C (0,5 g/l). Il succo pastorizzato si mantiene senza conservanti per almeno un anno e viene usato come ingrediente di vari alimenti e bevande, il succo concentrato viene invece sottoposto ad ulteriore lavorazione e consumato nell'industria conserviera. Dal succo del limone si produce la limonata, una bevanda a base d succo d limone, acqua e zucchero. L'olio essenziale del limone un liquido etereo e volatile con un colore che va da giallo a verde, una volta estratto per pressione meccanica mantiene l'odore della scorza, quasi completamente solubile in alcol etilico a 96 ed costituito prevalentemente da limonene e pineni (beta-pinene, alfa pnene, gamma terpinene). Occorrono circa tremila limoni per ottenere almeno 1 kg di essenza, e in genere frutti verdi ne forniscono maggiori quantit. L'olio essenziale viene industrialmente deterpenato sia per distillazione sottovuoto che con l'impiego di solventi (C02supercritca). impiegato principalmente nell'industria alimentare per il suo potere aromatizzante ed in quella profumiera. Nella produzione di detersivi vengono spesso impiegati i suoi sottoprodotti (terpeni, distillati dal succo e dalle "fezze" (residui fermentati di lavorazione industriale).

    Anche in farmacologia il limone molto apprezzato e le sue parti utilizzate sono il succo e il pericarpio (scorza). Il suo uso come fannaco era consolidato quando ancora non si sapeva nulla delle vitamine. Innanzi tutto ne veniva apprezzato il succo quale antiemorragico, disinfettante, diminuzione consistenza di feci (diarrea) e ipoglicemizzanti (tende a far diminuire il glucosio nel sangue). Nell'aromaterapia viene indicato come rinfrescante, tonico per la circolazione, battericida, antisettico, valido per abbassare la pressione arteriosa, utile per eliminare verruche, calli, gengive infiammate, per curare artrite e reumatismi, vene varicose, raffreddore, influenza. Era reputato indispensabile nella cura dello scorbuto, cosa ben nota tra i marinai che non mancavano di approvvigionarsi di limoni prima di ogni viaggio impegnativo. Il limone il frutto che vanta il pi vasto impiego terapeutico, e il rapporto fra limone e salute vanta una storia millenaria: dagli impieghi degli antichi Greci fino ai giorni nostri, gli esempi di applicazione del limone in medicina sono centinaia, un lungo elenco fatto anche di alcune pagine importantissime della storia della medicina, come la scoperta dello scorbuto di James Lind nel 1747, patologia dovuta alla carenza di vitamina C e curata con il succo di limoni e arance. L'elevata concentrazione di vitamina C contenuta nel limone rende questo frutto di notevole importanza per la tutela della salute. Infine, l'alto contenuto di vitamina C nel limone utile per combattere sintomi dell'influenza.

  • U 'no

    (X> l'Uve '\AAW JA/ /IXL ,

    CJtCOAA oLotok, MsSlfV AAAXCL ^X^^^

  • Zina. &y^^iro^ QM^ CLDSI o^ftxjtnA- ^^no.^

    fifts. "fc- RAMAIO jSi bb-; ^v^^ |le-5e/x2. Sxivni;:A7vu2, ?

    Setioel-fc ^ /yner^k Jl'/rni^w^ /De^^^JU^ 7

    rojefiS7bQ_ jjlQ^i Q/YidA

  • T U x ^ j t o c W

    m./^\i)i^^&y

    iiUtujIu vmcJk ivoCcQAW A 1 ma;tJi -

    2 X c i ^ ^aujJDOis^ jmihB^ Mmj

  • it2

    n

  • A7 O

    ^ " W L A c b ^ n i ^

    f v i M C 6 / U r c o ^ 6 0 ^

  • 4

    /Cp^ fxCJlil

  • Afil >a lk hit 4 Ahi. n)A{jsL

    i l 4 ^

    ^ 1 i a i l L feni^

    J -1)000/ WAA/Jji/ W? y |Nm^ ' '

  • 3 4

    (l'>Oir)j^ UMMOL.

    1 A'tA.

    Qu. dolili oi^TZ^^ ^ c m ^

  • a i t o . :

    3 f c u ^ 6 a&J Xo-j C2U/ ^ - .jt^yv-OA/.'

    cono-.

    A,

    t-o. . U

  • 4^^>n^Cy^ - ^ i a W f e C4 jxALrU^ >^6fUZ.o^c^ ^ ^AM& }MO^

    [7

  • .>AUJV0-.JI-, - C U ^ A A S . , l J l . _ J i ( W y ^ . ,

    iMAte^ oU ' w t / ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^.^ ^ . ^ 0 ^ ,,U:

    ^ ^ ^ ^ ^ ^lAv -yU^ . f t ^ O ^ J ^ 1 ^ ; ^ '

  • fMjjy \ l imam i ,

    K s a ^ J d o - C^M2^ A ^ ^ ^ t o ^ ^ oWfertc^ a f M i ^ l W

    a

  • lOft^^ ^uA\/^ dui i/m. xiJljX i^Jmilff ^

  • ofi;^ ^ ^ . f i u w / -^M/U)^ W o X ^ ia;i eJt I A ^ O O ^ . (GUW-c

  • * SifvJL hjJ>AJX) D ' i r ,

    ^Ocjl!ct. ^ |Jt/w;L OWv-C\>0 ^nAjL .GUJ2CL /XCUAIO, J L nA^j'U^vJfeljL

    Mv. .oU AAA, jA^olt e l L UMJZL >cJl C-oiolo . fovlo^Wx >iAA- k o o w J l - - o L

  • > ' fi

  • O.

  • 0

    \

    i 0