Istruzioni per l'uso CM1860/CM1860 UV - Criostato · Istruzioni per l'uso CM1860/CM1860 UV -...

of 98 /98
Istruzioni per l'uso CM1860/CM1860 UV - Criostato Leica CM1860/CM1860 UV, V 1.6 – 10/2016, italiano N. ordine: 14 0491 80107 RevI Conservare sempre in prossimità dello strumento. Leggere attentamente prima della messa in funzione.

Embed Size (px)

Transcript of Istruzioni per l'uso CM1860/CM1860 UV - Criostato · Istruzioni per l'uso CM1860/CM1860 UV -...

Istruzioni per l'uso

CM1860/CM1860 UV - Criostato

Leica CM1860/CM1860 UV, V1.6 10/2016, italiano

N. ordine: 14 0491 80107 RevI

Conservare sempre in prossimit dello strumento.

Leggere attentamente prima della messa in funzione.

3Leica CM1860/CM1860 UV criostato

Leica Biosystems Nussloch GmbHHeidelberger Str. 17-19D-69226 NusslochGermanyTelefono: +49 62 24 143-0Telefax: +49 6224 143-268 Internet : http://www.LeicaBiosystems.com

Queste ultime sono determinate esclusivamente dalle clausole contrattuali concordate tra Leica e il cliente.Leica si riserva il diritto di modificare le specifiche tecniche e i processi di produzione senza preav-viso. Soltanto in questo modo infatti possibile migliorare la tecnologia e le tecniche di costru-zione impiegate per i nostri prodotti.Questo documento protetto nellambito delle leggi sul copyright. I diritti dautore di questo documento appartengono a Leica Biosystems Nussloch GmbH.La riproduzione parziale o per intero di testo e illustrazioni mediante stampa, fotocopie, micro-fiche, web cam o altri metodi, compreso qualsiasi sistema o mezzo elettronico, richiede unesplicita autorizzazione rilasciata per iscritto da Leica Biosystems Nussloch GmbH.Il numero di serie e l'anno di produzione sono riportati sulla targhetta dello strumento.

Leica Biosystems Nussloch GmbH

Le informazioni, i dati numerici, le note e i va-lori riportati in questo manuale rappresentano lattuale stato delle conoscenze scientifiche e tecnologiche acquisite da Leica grazie allespe-rienza maturata in questo campo. Leica non ha lobbligo di aggiornare periodicamente il presente manuale in base agli ultimi sviluppi tecnici n di fornire alla propria clientela copie aggiuntive o aggiornamenti, ecc. di questo manuale.Leica declina ogni responsabilit per eventuali errori in informazioni, disegni, illustrazioni tec-niche, ecc. contenute in questo manuale nei limiti del sistema legale nazionale applicabile ad ogni singolo caso. In particolare si declina ogni responsabilit per eventuali perdite finanziarie o danni consequenziali causati o derivanti da dichiarazioni o altre informazioni contenute in questo manuale.Le indicazioni, i disegni, le illustrazioni e le altre informazioni sia di carattere tecnico che contenu-tistico riportati nel presente manuale per luso non sono da considerarsi vincolanti ai fini del prodotto.

INFORMAZIONI

4 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

Indice

1. Avvertenze importanti ............................................................................................................................. 61.1 Simboli utilizzati nel testo e loro significato ............................................................................................. 61.2 Gruppo di utenti ............................................................................................................................................ 81.3 Uso proprio .................................................................................................................................................... 81.4 Tipo di strumento .......................................................................................................................................... 8

2. Sicurezza ................................................................................................................................................... 92.1 Avvertenze di sicurezza .............................................................................................................................. 92.2 Avvertenze di pericolo ................................................................................................................................. 92.3 Funzioni di sicurezza .................................................................................................................................. 102.3.1 Blocco/rilascio del volantino manuale ................................................................................................... 122.3.2 Protezione della lama ................................................................................................................................ 122.4 Condizioni operative .................................................................................................................................. 132.5 Attivazione dello strumento ...................................................................................................................... 142.6 Pulizia e disinfezione ................................................................................................................................. 142.7 Rimozione del microtomo .......................................................................................................................... 152.8 Manutenzione ............................................................................................................................................. 15

3. Dati tecnici .............................................................................................................................................. 164. Collocazione dello strumento .............................................................................................................. 18

4.1 Requisiti del sito ......................................................................................................................................... 184.2 Istruzioni per il disimballaggio del criostato CM1860/1860 UV ............................................................ 194.3 Consegna standard .................................................................................................................................... 224.4 Montaggio del volantino manuale ........................................................................................................... 23

5. Messa in funzione dello strumento .................................................................................................... 245.1 Connessione allalimentazione ................................................................................................................ 245.2 Prima delluso ............................................................................................................................................. 245.3 Panoramica complessiva del Leica CM1860/CM1860 UV .................................................................... 255.4 Interruttore di alimentazione e fusibile automatico dellalimentazione ............................................ 275.5 Accensione dello strumento .................................................................................................................... 27

6. Uso dello strumento .............................................................................................................................. 286.1 Pannello di controllo 1 ............................................................................................................................... 286.2 Programmazione dei valori desiderati .................................................................................................... 316.2.1 Impostazione dellora ................................................................................................................................ 316.2.2 Impostazione dellora di sbrinamento automatico (criocamera) ....................................................... 316.2.3 Selezione della temperatura della criocamera ..................................................................................... 316.2.4 Attivazione dellelemento Peltier (opzionale) ........................................................................................ 326.2.5 Sbrinamento manuale del scaffale di congelamento rapido .............................................................. 326.2.6 Sbrinamento manuale della criocamera ................................................................................................ 336.2.7 Impostazione dello spessore di taglio .................................................................................................... 336.3 Ritrazione (disinserita di fabbrica!) ........................................................................................... 336.4 Blocco del display ...................................................................................................................................... 346.5 Pannello di controllo 2 avanzamento elettrico rapido ...................................................................... 34

5Leica CM1860 /CM1860 UV criostato

7. Uso quotidiano dello strumento .......................................................................................................... 357.1 Congelamento del preparato .................................................................................................................... 357.1.1 Scaffale di congelamento rapido ............................................................................................................ 357.1.2 Estrattore di calore stazionario (opzionale) ................................................................................ 367.2 Dischi di preparato ..................................................................................................................................... 367.2.1 Inserimento dei dischi di preparato nella testa del preparato ........................................................... 367.2.2 Orientamento del campione ..................................................................................................................... 367.3 Sezionamento ............................................................................................................................................. 377.3.1 Portalama CE ............................................................................................................................................... 377.3.2 Portalama CE-TC ........................................................................................................................................ 437.3.3 Portalama CN .............................................................................................................................................. 447.3.4 Portalama CN-Z con stendifetta .............................................................................................................. 487.3.5 Pulizia del portalama ................................................................................................................................ 487.3.6 Montaggio del piano di appoggio (spostabile), (opzionale) ................................................................ 507.4 Tabella per la scelta della temperatura (in -C) .................................................................................... 517.5 Sbrinamento ................................................................................................................................................ 527.5.1 Sbrinamento automatico della criocamera ........................................................................................... 527.5.2 Sbrinamento manuale della criocamera ................................................................................................ 527.5.3 Sbrinamento manuale del scaffale di congelamento rapido .............................................................. 537.6 Termine del lavoro ..................................................................................................................................... 537.6.1 Termine del lavoro quotidiano ................................................................................................................. 537.6.2 Disattivazione per un periodo di tempo prolungato ............................................................................. 54

8. Soluzione dei problemi ......................................................................................................................... 558.1 Messaggi di errore nel display ................................................................................................................ 558.2 Tasto di controllo della temperatura ....................................................................................................... 568.3 Cause possibili e rimedi ............................................................................................................................ 578.3.1 Sostituzione delle batterie ........................................................................................................................ 61

9. Pulizia, disinfezione e manutenzione ................................................................................................ 629.1 Pulizia ........................................................................................................................................................... 629.2 Disinfezione spray con Leica Cryofect ................................................................................................... 639.3 Manutenzione ............................................................................................................................................. 649.3.1 Manutenzione generale ............................................................................................................................ 649.3.2 Sostituzione dei fusibili .............................................................................................................................. 669.3.3 Sostituzione della lampada UVC .............................................................................................................. 669.3.4 Sostituzione della lampada ....................................................................................................................... 68

10. nformazioni per gli ordini, componenti e materiali di consumo ................................................... 6910.1 Informazioni per lordine ........................................................................................................................... 6910.2 Estrattore di calore mobile - uso .................................................................................................. 9210.3 Blocco termico - uso ..................................................................................................................... 92

11. Garanzia e assistenza ........................................................................................................................... 9312. Dichiarazione di decontaminazione (modello da fotocopiare) ..................................................... 94

6 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

1.1 Simboli utilizzati nel testo e loro significato

Suggerimenti utili, cio informazioni importanti per luten-te; appaiono in una casella grigia e sono contrassegnate con .

Avvertimento per raggi UVC!

Le cifre tra parentesi si riferiscono ai numeri con cui compaiono nelle illu-strazioni o alle illustrazioni stesse.

(5)(Fig. 5)

1. Avvertenze importanti

Le avvertenze di pericolo appaiono a sfondo grigio e sono con-trassegnate da un triangolo di avver-tenza .

REF

SN

Produttore

Questo prodotto soddisfa i requisiti della direttiva del Consiglio 98/79/CE relativa ad strumenti medicali per diagnostica in vitro (IVD).

Strumento medicale per diagnostica in vitro (IVD)

Osservare le istruzioni per l'uso

Cod. ordine

Numero di serie

Il contrassegno CSA significa che un prodotto e stato controllato e che soddisfa gli standard di sicurezza e/o prestazionali in vigore incluse le enorme di rilievo stabilite o gestite dall'ufficio americano di normalizzazione (American National Standards Institute -ANSI), da-gli Underwriters Laboratories (UL), dalla Canadian Standards Association (CSA), dalla National Sanitation Foundation International (NSF) e da altri.

Simbolo per il contrassegno di appa-recchi elettrici ed elettronici secondo il 7 della legge ElektroG. ElektroG la legge riguardante l'immissione sul mer-cato, il ritiro e lo smaltimento rispettoso dell'ambiente di apparecchi elettrici ed elettronici.

Simbolo di protezione ambientale della direttiva Cina RoHS. Il numero del sim-bolo indica la "Durata d'uso sicura per l'ambiente" del prodotto. Il simbolo viene utilizzato quando viene utilizzata una sostanza limitata alla Cina viene usata oltre il valore massimo ammesso.

Data di fabbricazione

7Leica CM1860/CM1860 UV criostato

Il contenuto del collo fragile e deve essere pertanto trattato con cautela.

Indica la corretta posizione verticale del collo.

Il collo deve essere tenuto in un ambien-te asciutto.

Mostra il campo di tempe-ratura da rispettare per lo stoccaggio e il trattamento del collo.minimo +5 C massimo +50 C

Mostra il campo di temperatu-ra da rispettare per il traspor-to e il trattamento del collo.minimo -40 C massimo +55 C

Non ammesso impilare i colli e su di essi non vanno collocati carichi.

1. Avvertenze importanti

Tip-n-Tell sorveglia se il collo stato trasportato e stoccato secondo i requisiti. A partire da un'inclinazione di 60 della sabbia quarzifera scorre nel campo indicatore a forma di freccia e vi rimane. Il tratta-mento improprio del collo cos subito visibile e dimostra-bile con sicurezza

Esempio per un con-trassegno secondo IPPC

Contrassegno dell'imballo, secondo GGVSE/ADR per il trasporto di beni peri-colosi.Classe 3: "FLAMMABLE LIQUID" sostanze liquide infiammabili

SimboloIPPC Codice internazionale secondo

ISO 3166, ad esempio DE per la Ger-mania

Codicedellaregione,adesempioHEper il land tedesco Hessen

Numerodiregistrazione,assegnatouna sola volta, inizia con 49

Metododitrattamento,adesempioHT (heat treatment), MB (methyl bro-mide), eventualmente DB (debarked)

8 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

1. Avvertenze importanti

1.4 Tipo di strumentoTutte le informazioni fornite in questo manuale d'istruzioni si riferiscono solo al tipo di strumento indicato sulla pagina di copertina. Una targhetta con il nr. di serie fissata sul retro dello stru-mento.Il presente manuale contiene importanti istruzioni e informazioni per la sicurezza operativa e la ma-nutenzione dello strumento. Il manuale d'istruzioni una parte importante del prodotto che deve es-sere letto con attenzione prima dellinstallazione e dellutilizzo dello strumento e deve essere sempre vicino ad esso.Se requisiti aggiuntivi sono imposti dalle nor-mative e/o dalle leggi sulle prevenzione degli incidenti e sulla protezione ambientale nel Paese di funzionamento, le istruzioni adeguate per la

Fig. 1

1.3 Uso proprio

Il Leica CM1860/CM1860UV un potente criostato con sistema di disinfezione per applicazioni di routine e di ricerca nei campi della biologia, della medicina e dellindustria. Lo strumento stato pro-gettato per il rapido congelamento e il sezionamento di preparati di tessuti ed equipaggiato con un sistema di disinfezione automatico. Lo strumento non adatto per la conservazione non sorvegliata di materiale tissutale. Lo strumento pu essere usato solo nellambito duso previsto, come descritto in precedenza, e secondo le istruzioni fornite in questo manuale. Il Leica CM1860/CM1860UV adatto anche per la IVD (diagnostica in vitro).

Ogni modalit di utilizzo che si discosti da quella descritta in questo manuale da considerarsi impropria.

La disinfezione chimica e con lampade UV, non sostituisce in nessun caso la protezione manua-le conforme alle norme del laboratorio (ad es. devono essere indossati occhiali di protezione, guanti, camice da laboratorio e mascherina). Queste disinfezioni significano una riduzione del numero di germi di almeno il 99,99 % (vedi certificato sul sito Web Leica).

1.2 Gruppo di utenti

Il Leica CM1860/CM1860 UV pu essere utilizzato esclusivamente da personale di laboratorio opportu-namente istruito. Si pu iniziare ad usare lo strumento solo dopo che l'utente ha letto con attenzione il presente manuale distruzioni ed abbia acquisito familiarit con tutti i suoi dettagli tecnici.

La targhetta qui raffigurata solo un esempio!

conformit con tali requisiti devono essere ag-giunte a questo manuale. Fanno parte dell'uso proprio anche il rispetto di tutte le avvertenze del manuale d'istruzioni e il rispetto dei lavori di ispezione e manutenzione.

9Leica CM1860/CM1860 UV criostato

2. Sicurezza

2.1 Avvertenze di sicurezza

Il presente manuale d'istruzioni contiene impor-tanti istruzioni e informazioni per la sicurezza operativa e la manutenzione dello strumento.Il manuale d'istruzioni una parte importante del prodotto che deve essere letto con attenzione pri-ma dellinstallazione e dellutilizzo dello strumento e deve essere sempre vicino ad esso.Questo strumento stato costruito e controllato conformemente alle direttive di sicurezza per gli apparecchi elettrici di misura, controllo e labo-ratorio.Rischi residuiLo strumento stato costruito secondo lo stato della tecnica e delle regole tecniche di sicurezza riconosciute. Con un uso e un trattamento impro-

Osservare rigorosamente le avvertenze di sicurezza e di pericolo contenute nel presente capi-tolo. Se ne raccomanda la lettura anche qualora sia gi stata acquisita familiarit con l'uso ed il funzionamento di un apparecchio Leica.

I dispositivi di protezione sull'apparecchio e i componenti non devono essere n rimossi ne modificati. Lo strumento pu essere aperto e riparato soltanto da tecnici d'assistenza Leica autorizzati.

2.2 Avvertenze di pericoloI dispositivi di sicurezza installati sullo strumento dal produttore, rappresentano soltanto la base della prevenzione infortuni. La responsabilit principale per un funzionamento senza incidenti in primo luogo a carico del responsabile dell'impresa presso la quale lo strumento utilizzato, nonch delle persone da questi designate per il funzionamento, la manutenzione o la riparazione dello strumento.Per garantire il perfetto funzionamento dello strumento, necessario rispettare le seguenti avvertenze e precauzioni.

Se necessario, il manuale distruzioni dovr essere integrato con le relative disposizioni pre-viste dalle normative nazionali in materia di prevenzione infortuni e di protezione ambientale vigenti nel Paese dellutente.

I l certi f icato CE e informazioni aggiornate sulla disinfezione UV si trovano in Internet al sito:www.LeicaBiosystems.com

pri, possono aversi rischi per la vita e l'incolumit dell'utente o di terzi o danni all'apparecchio o ad altri beni. La macchina prevista solo per un utilizzo proprio e in uno stato tecnico di sicurezza perfetto. Anomalie che possono compromettere la sicurezza vanno eliminate immediatamente.Per mantenere questo stato in modo da garantire un servizio senza pericoli, l'utente deve rispettare tutte le avvertenze e i contrassegni di avvertimen-to contenuti nel presente manuale. ammesso solo l'uso di parti di ricambio e di accessori originali omologati.

10 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

2. Sicurezza

La disinfezione UVC efficace per le superfici e per l'aria all'in-terno della zona di lavoro irradiata dei criostati Leica CM1850UV, CM1860UV e CM1950 a -20 C (tabella 1, vedi certificato I. Maier). Per una disinfezione intensa, viene consigliata un'irradiazione di tre ore (CM1850UV/CM1860UV/CM1950). In questo intervallo ven-gono eliminati i batteri vegetativi incluso il Mycobacterium tuber-culosis, le endospore batteriche (Bacillus sp.) e i funghi. Vengo-no disattivati anche i virus incluse specie resistenti come quelle dell'epatite ad almeno 4 Log10 unit (99,99 %).

2.3 Funzioni di sicurezza

Per la vostra sicurezza dalle radiazioni UV, il ciclo di disinfezione mediante UV deve essere avviato solo dopo che la finestra scorre-vole stata chiusa correttamente. La chiusura della finestra attiva le corrispondenti funzioni di sicurezza.

Nel lavoro con i criostati vanno prese fondamentalmente delle mi-sure protettive personali. assolutamente necessario indossare scarpe, guanti, mascherina e occhiali protettivi.

Luso corretto di queste funzioni di sicurezza e la stretta osservanza delle avvertenze e delle precauzioni riportate nel presente manuale, protegger in gran parte loperatore da incidenti e/o lesioni personali.

Misure protettive personali

Lo strumento dotato dei seguenti dispositivi di sicurezza: blocco del vo-lantino manuale e salvadita sul portalama.

11Leica CM1860 /CM1860 UV criostato

Una disinfezione media pu essere ottenuta con una irradiazione breve di 30 minuti (CM1850UV/CM1860UV/CM1950). Essa riduce i batteri vegetativi incluso il mycobacterium tuberculosis e virus sensibili come quello dell'Influenza A (tra di essi anche il virus dell'aviaria tipo H5N1 altamente patogeno) e il virus della po-liomielite ad almeno 5 Log10 unit (99,999 %). L'irradiazione UVC all'interno della zona di lavoro dei criostati pu offrire una disin-fezione sicura ed efficiente delle superfici e dell'aria e riduce il rischio di infezioni in modo considerevole.Prima dell'impiego delle lampade UV si consiglia di rimuovere le contaminazioni visibili del criostato con un disinfettante su base alcolica. L'efficacia battericida dell'irradiazione si limita alle zone direttamente irradiate. Essa non pu pertanto sostituire la disinfe-zione chimica ad intervalli regolari della camera del criostato.

Informazioni aggiornate sui certificati e referenze si trovano in Internet al sito:http://www.LeicaBiosystems.com/products/total-histology/ cryosectioning/details/product/leica-cm1860-uv/downloads/

Misure protettive personali (continuazione)

2. Sicurezza

12 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

2.3.2 Protezione della lama

Per ogni manipolazione nella criocamera, o dopo la sostituzione di un preparato se la lama o la lama usa e getta bloccata, o durante le pause, coprire il bordo tagliente con lapposita protezione.

Il portalama CN dotato di salvadita; sui portalama CE e CE-TC la piastra in vetro della guida stendifetta funge da salvadita.

2. Sicurezza

2.3.1 Blocco/rilascio del volantino manuale

Ruotare il volantino solo quando il sistema di refrigerazione acce-so e la criocamera fredda.

Prima di usare la lama e il preparato o di cambiare il preparato o la lama e durante le pause, bloccare sempre il volantino manuale!

Per bloccare il volantino portarne l'impugnatura in posizione 12 o 6 ore. Spingere la leva (1) completamente verso l'esterno; se necessario muove-re il volantino manuale leggermente avanti e indietro fino all'aggancio del meccanismo di blocco.Per sbloccare, premere la leva (2) sul volantino manuale in direzione del contenitore del criostato.

Posizione ore 12

Posizione ore 6

12

Fig. 2

Fig. 3

13Leica CM1860 /CM1860 UV criostato

2. Sicurezza

2.4 Condizioni operative

Trasporto e montaggio Dopoiltrasporto,nonaccenderelostrumentoperalmeno4ore! Nonattivarelostrumentoinambienticonpericolodiesplosioni. Unfunzionamentocorrettodellostrumentoassicuratosolose da tutti i lati viene rispettata una distanza dalle pareti o dagli oggetti

dell'arredamento: - dietro: 15 cm - a destra: 30 cm - a sinistra: 15 cm.

Connessione allalimentazione Primadicollegarelalimentazione,controllareselatensionelocalecorri-

sponde a quella specificata sulla targhetta identificativa dello strumento! Durantelafasediavviodelsistemadicongelamento,latensionenominale

non deve scendere al di sotto dei valori specificati, vedi capitolo 3, "Dati tecnici"!

Tenere presente che il compressore richiede una corrente di avvio compresa tra 45 e 50 A.

Per questo motivo, il circuito elettrico del luogo di installazione deve essere controllato da un elettricista per assicurarsi che esso soddisfi i requisiti per un funzionamento dello strumento senza problemi.

Lo strumento deve disporre sempre di unalimentazione adeguata e costante.

La non osservanza causer danni allo strumento. Questo intervallo di attesa necessario per permettere allolio del com-

pressore, che durante il trasporto pu essersi spostato, di tornare nella posizione originaria.

Guasti in rapporto a questo causeranno gravi danni allo strumento. Nonammessol'usodiuncavodiprolungaaggiuntivo.

Sbrinamento Durantelosbrinamento,loscaffaledicongelamentorapidopusurri-

scaldarsi! Per questo motivo non toccarlo!

14 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

2.5 Attivazione dello strumento

2. Sicurezza

2.6 Pulizia e disinfezione

Nellusodellelamedelmicrotomoedellelamemonouso,prestarelamassimaattenzione.Ilbordo estremamente tagliente e pu causare gravi lesioni!

Si consiglia vivamente di utilizzare i guanti protettivi acclusi nella fornitura standard!

Nonlasciaremaiingirolameeportalamaconlamamontata! MAI posare una lama su un tavolo con il bordo tagliente orientato verso lalto! Nontentaremaidiafferrareunalamachecade! Bloccaresempreilpreparatoprimadellalama! Perognimanipolazionedilamaeoggetto,,nonchprimadiognisostituzionediobiettivio

nelle pause di lavoro, il volantino manuale deve essere bloccato e il tagliente coperto con il salvadita!

Evitareilcontattodellapelleconleparti freddedellostrumentopoichcipucausarecongelamenti!

Perassicurareloscaricodellacquadicondensaeperevitareilrischiodipossibilicontaminazioni,durante luso del criostato il rubinetto del contenitore di raccolta (2, fig. 54) deve essere sempre aperto. Chiudere il rubinetto solo per svuotare il contenitore di scarti!

L'utilizzo di spray infiammabili all'interno della camera del criostato ammesso solo utilizzando il Leica Cryofect da noi testato.

Ad una temperatura della camera compresa tra 0 C e -35 C! Spruzzare al MASSIMO 10 spruzzi al centro della camera del criostato e chiudere la finestra scorrevole. Dopo ogni procedura di disinfezione, la camera deve essere asciugata con un panno e aerata brevemente!

Rimuovere i residui di sezionamento OGNI VOLTA dopo il cambio del preparato! Avviare quindi la disinfezione! Ogni nuovo preparato una potenziale fonte di contaminazione.

Si consiglia vivamente di sbrinare i criostati CM1860/CM1860UV 1-2 volte all'anno o in caso di necessit completamente per ca. 24 ore. Perladisinfezionediroutinedellacriocamera,nonnecessariorimuovereilmicrotomo.

Questo dispositivo stato progettato per la disinfezione UV! Per via della sigillatura del microtomo, possibile disinfettare il dispositivo anche con lo spray Leica Cryofect.

15Leica CM1860 /CM1860 UV criostato

2.7 Rimozione del microtomo

Unosmontaggiodelmicrotomodapartedell'utentenonnecessariopoich si tratta di un microtomo incapsulato.

2.8 Manutenzione

Sostituzione dei fusibili Primadisostituireifusibili,spegnerelostrumentoconilfusibileauto-

matico dellalimentazione e staccare la spina! Non usare tipi di fusibili diversi da quello indicati nel capitolo 3 "Dati

tecnici"! Luso di fusibili diversi da quelli specificati dal produttore pu causare gravi danni allo strumento!

Sostituzione della lampada

Se entrambi gli indicatori luminosi della disinfezione lampeggiano alternativamente, il tubo UV deve essere sostituito!

Primadi sostituire la lampada, spegnere lo strumentoe staccare laspina! (Informazioni informazioni pi dettagliate nel capitolo 9 "Pulizia, disinfezione, manutenzione".)

Nella sostituzione la lampada UVC pu essere distrutta. In questo caso, per sostituire la lampada ricorrere a personale qualificato! assolutamente necessario assicurarsi che il mercurio metallico venga smaltito correttamente.

2. Sicurezza

Perlapuliziaeladisinfezione,nonusaresolventiorganicioaltresostanzeaggressive! Usare solo i detergenti e i disinfettanti specificati nel presente manuale d'istruzioni come Leica Cryofect (alcol o comuni disinfettanti a base alcolica)!

Contattare Leica Biosystems per ulteriori dettagli sulle misure di di-sinfezione adeguate.

16 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

3. Dati tecnici

Range della temperatura di funzionamento (temperatura ambiente): 18 C - 35 C. Tutte le indi-cazioni relative alla temperatura dell'unit di raffreddamento si riferiscono ad una temperatura ambiente di 22 C e ad un'umidit relativa dell'aria massima del 60 %!

Tipo CM1860/ CM1860/ CM1860/ CM1860/ CM1860/ CM1860 UV CM1860 UV CM1860 UV CM1860 UV CM1860 UVMarchio di conformit - c_CSA_us - - -Tensione nominale 100 VAC 120-127 VAC 220-230 VAC 220-230 VAC 240 VAC 10 % 10 % 10 % 10 % 10 %Frequenza nominale 50/60 Hz 60 Hz 60 Hz 50 Hz 50 HzPotenza in ingresso 1440 VA 1440 VA 1440 VA 1440 VA 1440 VACorrente dinserzione max. per 5 sec 45 A eff. 45 A eff. 45 A eff. 45 A eff. 45 A eff.Classe di protezione I I I IGrado di inquinamento 2 2 2 2 2Categoria di sovratensione II II II II IIEmissione di calore (max.) 1600 J/s 1600 J/s 1600 J/s 1600 J/s 1600 J/s

Sistema di congelamento 50 Hz/60 Hz

CriocameraCampo di temperatura 0 C - -35 C (+ 3 K/- 3 K)Tempo di raffreddamento fino -35 C max. 6 ore, a 22 C di temperatura ambienteSbrinamento Sbrinamento automatico a gas caldo 1 ciclo di sbrinamento automatico/24 ore, temporizzato (durata 12 Min.)Capacit di refrigerazione 690 WFattore di sicurezza 3Refrigerante 300 g 5 g Refrigerante R 404A * Olio compressore 0,6 l EMKARATE RL-22S, ICI *

Scaffale di congelamento rapidoTemperatura massima -40 C (+ 3 K/- 5 K) Numero di stazioni di congelamento 8Sbrinamento Sbrinamento manuale a gas caldo, temporizzato (durata 12 Min.)

Elemento Peltier (opzionale) Max. differenza di temperatura 17K, a -35 C di temperatura della cameraNumero di stazioni di congelamento 2Sbrinamento In rapporto con lo Scaffale di congelamento rapido

secondo IEC-1010, UL 3101

secondo CECOMAF temperatura liquido 45 C, temperatura di evaporazione -25 C

17Leica CM1860/CM1860 UV criostato

Osservare il punto 4.1 "Requisiti del sito"!

3. Dati tecnici

MicrotomoMicrotomo rotante Impostazione dello spessore di taglio 1 - 100 mAvanzamento totale del preparato 25 mmCorsa verticale 59 mmDimensione massima del preparato 55 x 55 mm o 50 x 80 mm Orientamento del preparato 8 (asse x-, y-, z)

Avanzamento elettrico veloce lento max. 600 m/s veloce min. 900 m/s

Crioarmadietto

Dimensioni Larghezza (senza volantino manuale) 600 mm Larghezza (con volantino manuale) 730 mm Profondit 730 mm Altezza 1140 mm Peso (incl. microtomo, senza congelamento del preparato) circa 135 kg

Lampada

Versione a 50 Hz: Osram Dulux S 11 W/21 Colore: LUMILUX light whiteVersione a 60 Hz: Osram Dulux S 13 W/21 Colore: LUMILUX light white

* Il refrigerante e lolio del compressore devono essere sostituiti solo dal personale di servizio autorizzato!

Tutti i tipi di strumenti CM1860/CM1860 UV richiedono i seguenti fusibili secondari:F1: T0.25A L250V tipo FST 6.3x32 ditta SCHURTERF2: T1.6A L250V tipo FST 6.3x32 ditta SCHURTERF3: T1.0A L250V tipo FST 6.3x32 ditta SCHURTERF4: T6.25A L250V tipo FST 6.3x32 ditta SCHURTERF5: T4A L250V tipo FST 6.3x32 ditta SCHURTER

Condizioni di conservazioneTemperatura: 5 - 50 CUmidit:

18 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

4.1 Requisiti del sito

4. Collocazione dello strumento

Non attivare lo strumento in ambienti con pericolo di esplosioni. Un funzionamento cor-retto assicurato solo se si rispetta da tutti i lati una distanza minima da pareti e oggetti di arredamento (vedi "Trasporto e installazione").

Il luogo in cui viene posizionato lo strumento deve soddisfare i seguenti requisiti:- lo strumento necessita di una superficie di appoggio di circa 600 x 730 mm,- il volume dell'ambiente deve essere pari almeno a 8 m3,- temperatura ambiente sempre compresa tra 18 C e 35 C,- range di temperatura durante lo stoccaggio: 5 C - 50 C, - umidit relativa massima 60 % (senza condensa),- altezza fino a max. 2000 m s.l.m.

In caso di elevata differenza di temperatura tra il locale di stoccaggio e quello dinstallazione e contemporaneamenteelevato tenore di umidit nellaria, si pu avere formazione di condensa. In questo caso, prima di accendere lo strumento necessario attendere almeno due ore.La mancata osservanza del periodo di attesa pu provocare danni allo strumento.

Lostrumentovautilizzatosoltantoinambientiinterni. Laspinadelcavodialimentazione/ilsezionatoredevonoessereliberiefacilmenteaccessibili.

La presa di corrente pu essere lontana al massimo 2,5 m dallo strumento. L'alimentazionesidevelimitareallalunghezzadelcavodialimentazioneNON usare un

cavo di prolunga. Lasuperficiediappoggiodeveessereingradodisopportareilpesodellostrumentosenza

oscillazioni. Evitareurti,l'esposizioneallalucedirettaefortioscillazioniditemperatura! LostrumentoDEVEesserecollegatoadunapresadicorrenteadattaprovvistadimessaa

terra ammesso solo l'uso del cavo fornito previsto per l'alimentazione dalla rete elettrica locale.

Iprodottichimicidautilizzaresonofacilmenteinfiammabiliedannosiperlasalute.Illuogod'installazione deve quindi essere ben ventilato e privo di sorgenti di accensione di sorta.

Inoltre,questostrumentoNONvautilizzatodirettamentesottol'uscitadiunclimatizzatorepoich la maggiore circolazione d'aria accelera il congelamento della camera.

Illuogodiinstallazionedeveessereprotettocontrolecaricheelettrostatiche.Informazioni sul rumore: Livello acustico pesato A:

19Leica CM1860 /CM1860 UV criostato

4. Collocazione dello strumento

4.2 Istruzioni per il disimballaggio del criostato CM1860/1860 UV

Fig. 4

Per rimuovere lestrisce (1, Fig. 5), utilizzare forbici e guanti protettivi adeguati.

Standovicinoallacassa tagliare le striscesituatenelpunto indicato(vedere frecce nella Fig. 5).

Sollevareversol'altoedestrarrel'anellodicartoneesterno(2, Fig. 5). Rimuoveredelicatamenteilnastroadesivo(3, Fig. 6) afferrando i due anco-

raggi per il trasporto (4, Fig. 6) su entrambi i lati dello strumento e rimuoverli. Rimuoverelacoperturaantipolvere(5, Fig. 6) dallo strumento. Rimuovereidueancoraggiperiltrasportobianchieidueblu(6, Fig. 6)

che proteggono la finestra della camera. Rimuoveretuttigliaccessori(7, Fig. 6).

Fig. 5 Fig. 6

Prestare attenzione quando si rimuovono le strisce!Rischio di lesioni al momento di aprirle (la striscia presenta bordi affilati e ben tesi)!

1

2

4

7

8

5

3

4

6

Unavoltaconsegnatolostrumento,controllaregliindicatoridiinclinazionepresenti sulla confezione.

Se lapuntadella frecciablu laconfezione stata trasportata inoriz-zontale, oppure si rovesciata o caduta durante il trasporto. Annotare questa informazione sui documenti di trasporto e controllare che la merce non abbia subito eventuali danni.

Perdisimballarelostrumentoservonoduepersone! Le figuree le immaginidellostrumentosonoameroscopoesemplifica

tivo e servono a spiegare la procedura di disimballaggio.

20 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

4. Collocazione dello strumento

6

Fig. 7 Fig. 8

5 57

8

Punti di presaper il trasporto

Sollevareerimuovereil legnodifissaggio(6, Fig. 7).

Rimuoverelarampa(5, Fig. 8) sul lato ante-riore del pallet (vedi Fig. 6) e fissarla corret-tamente sul lato posteriore (vedi Fig. 8).

Inserirecorrettamentelarampa.Assicurarsiche i componenti della rampa indicati con "L" (Left, sinistra) e "R" (Right, destra) scattino in posizione nell'apposita scanalatura di guida (10, Fig. 8a). Se l'assemblaggio stato eseguito correttamente, gli scivoli di guida (11, Fig. 8a) sono posizionati all'interno e le frecce (12, Fig. 8a) puntano l'una verso l'altra.

Farscorrereconcautelalostrumentoall'indietrosopralarampaperrimuoverlodalpallet. Usandolerotelle,spingerelostrumentofinoallaposizionediinstallazione(7, Fig. 8).

Non spingere il dispositivo dalla calotta (8, Fig. 8)!Usare i punti di presa per il trasporto ( , Fig. 8). Le rotelle (7, Fig. 8) devono scorrere sopra la rampa (5, Fig. 8) sul lato anteriore e posteriore. Pericolo di ribaltamento!

Lo strumento deve essere trasportato in posizione verticale.

1211

10

Fig. 8a

21Leica CM1860 /CM1860 UV criostato

Nel trasporto sulle rotelle (2) afferrare lo strumento nei punti rappresentati ( ) del contenitore.

Perassicurarelastabilitnelluogodiinstal-lazione, lo strumento deve essere regolato. A tale scopo svitare le gambe di supporto (1) con la chiave a forchetta acclusa (da 13).

In un successivo ulteriore trasporto sulle rotelle, avvitarle nuovamente fino in fondo.

1

Inclinando lo strumento, tenerlo assolutamente dal davanti (2 per-sone) poich in caso contrario esso potrebbe cadere danneggian-dosi gravemente e causando gravi lesioni al personale addetto al trasporto!

12

2

2 (coperto)

Fig. 9

Trasporto al luogo di installazione Verificarecheilluogodiinstallazionesoddisfiirequisitirichiesti. Spostarelostrumentonelluogod'installazionedesiderato. Osservareleseguentiavvertenze:

Lo strumento deve essere trasportato solo in posizione verticale o leggermente inclinata (max. 30)!

4. Collocazione dello strumento

22 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

4.3 Consegna standard

Strumento base con la tensione corrispondente:1 volantino con contrassegno, antibatterico .......................... 14 0491 425581 dischi di preparato..................................................................... 14 0470 43550 - 4 dischi di preparato, 25 mm .............................................. 14 0416 19275 - 4 dischi di preparato, 30 mm .............................................. 14 0370 085871 cassetto degli scarti di sezionamento.................................... 14 0471 307871 scaffale di conservazione, destro ........................................... 14 0491 465991 scaffale di conservazione, sinistro ......................................... 14 0491 465981 scaffale per i pennelli ............................................................... 14 0491 469841 coperchio per lo scaffale di congelamento .......................... 14 0491 468731 kit di utensili: .............................................................................. 14 0436 43463 - 1 pennello fine.......................................................................... 14 0183 28642 - 1 pennello "Leica" con magnete ............................................ 14 0183 40426 - 1 chiave a brugola, misura 1.5............................................... 14 0222 10050 - 1 chiave a brugola, misura 2.5............................................... 14 0222 04137 - 1 chiave a brugola, misura 3.0.............................................. 14 0222 04138 - 1 chiave a brugola, misura 4.0.............................................. 14 0222 04139 - 1 chiave a brugola a testa sferica, misura 4.0 .................... 14 0222 32131 - 1 chiave a brugola, misura 5.0............................................... 14 0222 04140 - 1 chiave esagonale a brugola con impugnatura da 5.0 .... 14 0194 04760 - 1 chiave a brugola, misura 6.0............................................... 14 0222 04141 - 1 chiave aperta singola, misura 13 ....................................... 14 0330 33149 - 1 chiave aperta singola, misura 16 ....................................... 14 0330 185951 flacone di olio per criostato, tipo 407, 50 ml ......................... 14 0336 060981 flacone di montante per il criosezionamento, mezzo di inclusione per criostati, 125 ml .................................. 14 0201 089261 coppia di guanti protettivi resistente ai tagli, misura M ..... 14 0340 290111 manuale d'istruzioni, D/E (+ CD con le lingue) ..................... 14 0491 80001

4. Collocazione dello strumento

Per il CM1860 /CM1860UV sono disponibili diversi portalama.

Confrontare le componenti consegnate con lelenco di imballaggio e lordine. In caso discrepanze, contattare senza indugi il proprio ufficio vendite Leica.

23Leica CM1860/CM1860 UV criostato

4.4 Montaggio del volantino manuale

Il volantino manuale con le relative parti per il montaggio presente nella scatola dei componenti.Il volantino pu essere smontato per il trasporto (es. narrow doors).

Per il montaggio del volantino manuale, operare nel modo seguente: Inserireilperno(1) dellasse del volantino manuale nel foro (2) del volantino. Montarelarondellaelastica(3) sulla vite (4) come mostrato in Fig. 10. Stringerelavite(4) con una chiave a brugola (6 mm). Fissareildiscodicopertura(autoadesivo-noninfigura).Per lo smontaggio, operare in modo inverso a quello descritto.

4. Collocazione dello strumento

Ruotare il volantino solo quando il sistema di refrigerazione acceso e la criocamera fredda.

12

4

Fig. 10

3

4

24 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

5.1 Connessione allalimentazione

5. Messa in funzione dello strumento

Durante la fase di avvio del sistema di congelamento, la tensione nominale non deve scendere al di sotto dei valori specificati, vedi capitolo 3 "Dati tecnici"!Tenere presente che il compressore richiede una corrente di avvio compresa tra 45 e 50 A.Per questo motivo, il circuito elettrico del luogo di installazione deve essere controllato da un elettricista per assicurarsi che esso soddisfi i requisiti per un funzionamento dello strumento senza problemi.Lo strumento deve disporre sempre di unalimentazione adeguata e costante.La non osservanza causer danni allo strumento.

Ilcircuitoelettriconelsitodinstallazionedeveessereprotettoseparatamente. Noncollegarealcunaltriutilizzatoriaquestocircuitoelettrico. Dopoildistaccodell'alimentazionetramiteilcavodirete(dispositivodiseparazionedalla

rete) lo strumento senza tensione.

5.2 Prima delluso

Accertarechelatensionedielafrequenzadiretecorrispondanoaquantoindicatosullatarghetta (figura 1)!

Utilizzare esclusivamente il cavo di alimentazione fornito da Leica. In caso contrario esiste il pericolo di morte e rischi per l'incolumit.

Controllarecheiltappo(nelloscaricodietroloscaffalediconservazionesinistro)siabeninsede, eventualmente spingerlo a fondo nello scarico.

Durante il lavoro nel criostato, il tappo deve essere ben fisso nello strumento, rimuover-lo solo durante la procedura di scongelamento.

Inseriregliscaffalidiconservazionenellacriocamera. Inserireilcassettodegliscartidisezionamentoeloscaffaleperipennellinellacriocamera. Inserirelabasedelportalamasulbasamentodelmicrotomo. Collocareilportalamaebloccarlo(vedi cap. 7.3). Aprireilcontenitoredellalamaedinserirequestanellacriocameraperilprecongelamento. Porrenellacriocameratuttiglistrumentinecessariperlapreparazionedelpreparato. Chiuderelafinestraascorrimento. Collegarelaspinadialimentazioneallapresadellaparete.

25Leica CM1860/CM1860 UV criostato

5. Messa in funzione dello strumento

5.3 Panoramica complessiva del Leica CM1860/CM1860 UV

4

16

1517

18

19

20

13

12

9

11

8 10

13

14

Fig. 11

13

21

26 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

1 Criostato CM1860/CM1860 UV 2 Contenitore di scarti 3 Pannello di controllo 1 4 Pannello di controllo 2 5 Scaffale di conservazione, sinistro 6 Scaffale di conservazione, destro 7 Fusibile automatico 8 Scaffale di congelamento rapido 9 Elemento Peltier 10 Stazione di parcheggio (opzionale) 11 Estrattore di calore stazionario

(opzionale) 12 Supporto per l'estrattore di calore

(opzionale) 13 Disco di preparato 14 Blocco termico (opzionale) 15 Vassoio dei rifiuti di sezionamento 16 Scaffale per i pennelli 17 Testa del preparato orientabile 18 Base del portalama (opzionale) 19 Portalama CE (opzionale) 20 Portalama CN (opzionale) 21 Portalama CE-TC (opzionale) 22 Coperchio dello scaffale di congelamento

5. Messa in funzione dello strumento

5 6

7

2

1

3

Fig. 12

22

27Leica CM1860 /CM1860 UV criostato

5.4 Interruttore di alimentazione e fusibile automatico dellalimentazione

Per attivare il fusibile automatico dellalimentazione, il commutatore deve essere posto nella posizione superiore (pos. 1).

Per disattivare il fusibile automatico dellalimentazione, il commutatore deve essere posto nella posizione inferiore (pos. 0).

5.5 Accensione dello strumento

5. Messa in funzione dello strumento

Fig. 13Fusibile automatico

Dopo il trasporto, attendere almeno 4 ore prima dellaccensione dello strumento. Questo intervallo di attesa necessario per permettere allolio del compressore, che durante il trasporto pu essersi spostato, di tornare alla sua posizione originaria. Guasti in rappor-to a questo causeranno gravi danni allo strumento.

Accenderelostrumentoconilfusibileautomaticodellalimentazione.Lostrumentovieneadesso inizializzato.

Infabbricalostrumentostatoconfiguratonelmodoseguente: Orario: 00:00 Ora di sbrinamento: 23:45 Raffreddamento camera: Acceso (indicazione della temperatura) Elemento Peltier: Spento (compare "PE")

Impostareivaloridesideraticomedescrittonellesezionidalla6.2.1alla6.2.3.

Durante il normale uso, la compensazione della pressione prima dellavvio del compres-sore pu causare un suono simile ad un fischio.

Segue quindi la visualizzazione della versione del software "0.40" (qui solo come esempio) sul display a LED a 4 caratteri. Questa scompare dopo circa 2 secondi e lascia posto alla visualizzazione del tipo di strumento "1860". Quindi compare l'orario standard.

28 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

6. Uso dello strumento

6.1 Pannello di controllo 1

Fig. 14

Tasti funzione

Tasto lampadaTasto di accensione e spegnimento per lilluminazione della criocamera.

Tasto di sbrinamento manualePer attivare e disattivare lo sbrinamento manuale.

Tasto chiavePer bloccare e sbloccare il pannello di controllo in modo da proteggere i parametri inseriti da modifiche inavvertite. Per bloccare o sbloccare, tenere il tasto premuto per circa 5 secondi.

DisinfezioneDurata - 30 min

Durata - 180 min

Tasto UVC - per attivare / disattivare il ciclo di disinfezione e/o per conoscere lin-terruzione di un ciclo di disinfezione.

Prima della disinfezione UV, ribaltare lateralmente lo stendifetta per permettere una disinfezio-ne senza impedimenti!

Lapertura della finestra scorrevole interrompe il ciclo di disinfezione. Premere il tasto UVC per riprendere il ciclo di disinfezione!

Per informazioni sulla durata utile e sulla sostituzione della lampada UVC consultare il capito-lo 9.3.3.

29Leica CM1860/CM1860 UV criostato

Per avviare la disinfezione la finestra scorrevole deve essere completamente chiusa.Premere il tasto UVC una volta brevemente per avviare la modalit 30 min.Premere il tasto UVC una volta a lungo (circa 4 sec) per avviare la modalit 180 min.

I due LED nell'indicatore per la disinfezione breve e lunga evidenziano all'utente lo stato di questa:

Stato LED LED Lampada UVC Disinfezione breve Disinfezione lunga

Operativo 1 SPENTO SPENTO SPENTO

Durata Lampeggio alternato SPENTOtrascorsa 2

Disinfezione breve ACCESO SPENTO ACCESOattiva

Disinfezione lunga SPENTO ACCESO ACCESOattiva

Disinfezione breve Lampeggia SPENTO SPENTOinterrotta 3

Disinfezione lunga SPENTO Lampeggia SPENTOinterrotta 4

1 Stato: operativaAmbedue i LED e la lampada UVC sono spenti. Avviodelladisinfezionebreve:premerebrevementeiltastoUVC(1secondo).IlLEDdelladisinfezione

breve si spegne, il LED della disinfezione lunga si accende.

2 Stato: Durata utile della lampada UVC scadutaI LED della disinfezione breve e lunga si accendono alternativamente, la lampada UVC spenta.Questo stato viene visualizzato non appena la durata utile della lampada UVC (9000 ore) stata rag-giunta. Per la sostituzione della lampada UVC vedi capitolo 9.3.3.

6. Uso dello strumento

30 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

Dopo la sostituzione della lampada UVC il contatore della durata utile di tale lampada deve essere resettato. A tale scopo premere il tasto UVC per oltre 30 secondi. Il reset corretto del contatore viene visualizzato dallo spegnimento del LED della disinfezione lunga durante la pressione del tasto. Dopo aver rilasciato il tasto UVC il controllo della disinfezione si trova nello stato operativo.

3 Stato: disinfezione breve interrottaIl LED della disinfezione breve lampeggia, la lampada UVC spenta. L'utente deve premere il tasto UVC per confermare. Il controllo della disinfezione si porta nello stato operativo oppure, se la durata utile della lampada UVC scaduta, i due LED lampeggiano alternativamente.

4 Stato: disinfezione lunga interrottaIl LED della disinfezione lunga lampeggia, la lampada UVC spenta. L'utente deve premere il tasto UVC per confermare. Il controllo della disinfezione si porta nello stato operativo oppure, se la durata utile della lampada UVC scaduta, i due LED lampeggiano alternativamente.

Il modo disinfezione viene interrotto non appena la finestra scorrevole del criostato viene aperta o se l'utente preme il tasto UVC. Nel caso di una mancanza di corrente, dopo il riavvio lo strumento controlla se e in quale tipo di disinfezione si trovava al momento della mancanza di corrente. I LED del ciclo di disinfezione in questione (breve o lunga) lampeggiano.

6. Uso dello strumento

31Leica CM1860 /CM1860 UV criostato

6.2.2 Impostazione dellora di sbrinamento automatico (criocamera)

Il ciclo automatico di sbrinamento si svolge una volta in 24 ore.Per la visualizzazione dellinizio del ciclo di sbrinamento che stato imposta-to, premere il tasto o . Contemporaneamente, i LED tra la visualizzazione delle ore e dei minuti lampeggiano.Per cambiare linizio del ciclo di sbrinamento in passi di 15 minuti, premere il pulsante o . Lo sbrinamento dura 12 minuti.

6.2.3 Selezione della temperatura della criocamera

La temperatura della criocamera si imposta e viene visualizzata al pannello contrassegnato con il simbolo del criostato.La visualizzazione standard quella della temperatura corrente. Per la visualizzazione del valore desiderato, premere il tasto o .Impostare il valore desiderato con i pulsanti. Premendo i pulsanti o per pi di 1 secondo, il valore della temperatura della camera aumenta o diminuisce velocemente.Il valore corrente comparir 5 secondi dopo la fine della programmazione.

6. Uso dello strumento

Fig. 16

Fig. 17

6.2 Programmazione dei valori desiderati

6.2.1 Impostazione dellora

Lora corrente viene impostata al pannello contrassegnato con il simbolo dellorologio usando i tasti e .Premendo i pulsanti o per pi di 1 secondo, i valori di tempo aumentano o diminuiscono velocemente (funzione di autoripetizione).

Figura 15

32 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

6.2.4 Attivazione dellelemento Peltier (opzionale)

Lelemento Peltier viene usato per il raffreddamento delle stazioni di conge-lamento rapido. 40 secondi dopo lattivazione dellelemento Peltier, si avvia il compressore del sistema di congelamento per incrementare leffetto di conducibilit termica.Sul display compare "PE" (= elemento Peltier). L'attivazione avviene premendo il tasto .Se l'elemento Peltier stato attivato (figura 18a), si accende un LED blu nel simbolo Peltier. Una volta attivato, il display visualizza "10" (cio lelemento Peltier funzioner per 10 minuti). Il trascorrere del tempo residuo di conge-lamento visualizzato permanentemente. Lelemento Peltier si spegne automaticamente dopo 10 minuti. Quando il tempo di congelamento residuo pari a 4 minuti, la cifra 4 se-guita da un punto ("4."). A questo punto lelemento Peltier pu essere spento anzitempo. Lo spegnimento anticipato avviene premendo di nuovo il tasto .Una volta disattivato, sul display ricompare "PE".

Durante lo sbrinamento, lo scaffale di congelamento rapido pu surriscaldarsi! Per questo motivo non toccarlo!

Lo sbrinamento manuale dello scaffale di congelamento rapido attivato premendo consecutivamente il tasto (si sente un segnale acustico) ed il tasto (il segnale acustico cessa). Durante lo sbrinamento (durata 12 Min.) l'indicatore lampeggia.Per spegnere il ciclo di sbrinamento manuale dello scaffale di congelamento rapido prima della sua disattivazione automatica, premere di nuovo o

. Durante lo sbrinamento, lo scaffale di congelamento rapido pu surri-scaldarsi! Lo sbrinamento dura 12 minuti.

Lo sbrinamento dello scaffale di congelamento rapido e della crio-camera non possono essere effettuati contemporaneamente.

6. Uso dello strumento

Abb. 18

Fig. 19

6.2.5 Sbrinamento manuale del scaffale di congelamento rapido

Fig. 18a

33Leica CM1860 /CM1860 UV criostato

6. Uso dello strumento

6.2.6 Sbrinamento manuale della criocamera

Lo sbrinamento manuale della criocamera attivato premendo consecuti-vamente il tasto (si sente un segnale acustico continuo) e il tasto nel campo di selezione della temperatura della camera (il segnale acustico cessa). Durante lo sbrinamento (durata 12 min.) l'indicatore lampeggia.Per spegnere anzitempo il ciclo di sbrinamento manuale, premere nuova-mente in successione il tasto e il tasto nel campo di selezione della temperatura della camera.

Fig. 20

6.2.7 Impostazione dello spessore di taglio

Fig. 21

Lo spessore della sezione viene regolato tramite i tasti e nel campo di comando superiore (vedi figura 21) in un campo compreso tra 1 e 100 m: da 1 a 5 m a incrementi di 0,5 m, da 5 a 20 m a incrementi di 1 m, da 20 a 60 m a incrementi di 5 m, da 60 a 100 m a incrementi da 10 m.Lo spessore di sezione selezionato viene visualizzato sul display al di sopra dei tasti. Avviareilsezionamentoacirca20m. Ridurrelospessoredellasezioneinmodocontinuofinoalvaloreoppor-

tuno. Dopo essere passati da uno spessore di sezione ad un altro, scartare le

prime due o tre sezioni. Nellafasedisezionamento,ruotareilvolantinomanualeavelocitco-

stante.

6.3 Ritrazione (disinserita di fabbrica!)Attivare la ritrazione:All'accensione dello strumento (nella fase di inizializzazione) necessario tenere premuto il tasto (figura 21). Se il volantino manuale si trova in posizione ore 6 o se la testa del preparato "in basso", si accende il LED giallo accanto a RETRACT. Allo spegnimento dello strumento questo stato viene memorizzato.Disattivare la ritrazione:All'accensione dello strumento (nella fase di inizializzazione) necessario tenere premuto il tasto . Se il volantino manuale si trova in posizione ore 6 o se la testa del preparato "in basso", il LED giallo accanto a RETRACT non si accende e rimane spento anche tagliando.

34 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

Spostare il preparato verso la lama

Premereperavviareunospostamentorapidoolentodelpreparatoversola lama. Il LED (2) inizia a lampeggiare fintantoch la testa del preparato in movimento.

Il movimento in avanti funziona per il tempo in cui il tasto rimane premuto.

Questa una funzione di sicurezza per proteggere sia preparato che lama da danni!

Raggiungendo il limite anteriore, il LED (2) del tasto si accende.

6.5 Pannello di controllo 2 avanzamento elettrico rapido

Allontanare il preparato dalla lama

Premereperavviareunospostamento rapidodelpreparatoal limiteposteriore.

Mentre la testa del preparato si sposta, il LED (1) lampeggia.

Raggiungendo il limite posteriore, il LED (1) si accende.

Ilmovimentodiritornopuesserefermatopremendounodeipulsantidiavanzamento rapido.

Premereperavviareunmovimentodiritornolentodelpreparatoallimiteposteriore.

Il preparato si sposter lentamente al limite posteriore per il tempo in cui il tasto rimane premuto.

6. Uso dello strumento

1

2lento

rapidoFig. 23

lento

rapido

Fig. 22

6.4 Blocco del displayDopo aver bloccato premendo il tasto con la chiave (per 5 sec.) non pi possibile modificare alcun valore impostato. Premendo il tasto UV, possibile continuare ad attivare/disattivare solo la disinfezione UV.Per sbloccare il display, premere di nuovo il tasto con la chiave per pi di 5 secondi.Quando il display bloccato, i LED tra il display di ora e minuti sul pannello dellorario si spengono.

35Leica CM1860/CM1860 UV criostato

7. Uso quotidiano dello strumento

7.1 Congelamento del preparato

Sceglierelatemperaturadisezionamentoopportuna(temperaturadellacriocamera) adatta al tipo di tessuto da tagliare (vedi "7.4 Tabella della temperatura").

7.1.1 Scaffale di congelamento rapido

La criocamera dispone di uno scaffale di congelamento rapido (5, Fig. 24) per accogliere un massimo di 10 dischi di preparato. La temperatura del scaffale di congelamento rapido sempre inferiore a quella della criocamera.

Tagliareilpreparatonelladimensionevoluta. Sedisponibile,attivarelelementoPeltier(4).

Il raggiungimento della massima prestazione di congelamento pu richiedere fino a 60 se-condi.

Applicare unaquantit sufficiente di com-pound di congelamento su un disco di prepa-rato a temperatura ambiente o precongelato.

Porreilpreparatosuldiscoedorientarlo. Porreildiscodipreparatoinunodeiforidello

scaffale di congelamento rapido/Peltier e con-gelare il preparato ad una bassa temperatura.

Inserirequindiildiscodipreparato(figura 25) con il preparato nella testa del preparato (figura 25) e tagliare.

Fig. 24

4

1

25

3

36 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

7. Uso quotidiano dello strumento

7.2.1 Inserimento dei dischi di preparato nella testa del preparato

7.2 Dischi di preparato

Fig. 25

Bloccarelimpugnaturadelvolantinomanualenella posizione superiore.

Se sonopresenti il portalamae una lama,coprire il bordo della lama con lapposita protezione.

Svitarelavitediarresto(1, figura 25) della testa del preparato.

Inserireilpernodeldiscodipreparato(3) nel foro previsto (2) della testa del preparato.

Assicurarsi che il perno del disco di preparato sia inserito a fondo. Il disco del preparato deve essere privo di re-sidui sull'intera superficie posteriore.

Ristringerelavite(1).

7.1.2 Estrattore di calore stazionario (opzionale)

Fissare il supporto (1, figura 24) dell'estrattore di calore (2, figura 24) stringendo le 2 viti nei fori filettati sulla parete sinistra della criocamera ed inserire lestrattore di calore.

Abbassareilcilindrodellestrattoredicaloresullasuperficiedelprepa-rato. Dopo circa 30 secondi di contatto, il preparato sar completamente congelato.

Unavoltacheilpreparatocongelato,riportarelestrattoredicalorenella stazione di parcheggio (3, figura 24) in posizione di riposo.

1

3 2

4

5

I dischi del preparato vanno afferrati lateralmente sull'O-ring (protezione da ustioni da congelamento)!

7.2.2 Orientamento del campione Rilasciarelalevadiblocco(4). Orientareilcampionesullavaschettaasfera

usando la leva (5). Serrarelalevadiblocco(4).

37Leica CM1860/CM1860 UV criostato

7. Uso quotidiano dello strumento

7.3 Sezionamento

7.3.1 Portalama CE

1 2

3

Nell'inserimento nella base portalama, superare la forza della molla (nel ba-samento del portalama) con una legge-ra pressione verso sinistra.

Inserimento della base1. Per inserire la base portalama (1), ribaltare la

leva (2) all'indietro. Inserire la base sull'ele-mento a T (3) della piastra base.

2. Per bloccare la base portalama ruotare la leva (2) in avanti.

Inserimento del portalama CE3. Far scivolare la parte superiore del portalama

sulla base. Bloccare il portalama con una chiave maschio esagonale (da 4) sul lato sinistro (23).

Fig. 27

23

Fig. 26

Se stato fornito un'ulteriore manuale distruzioni sul portalama, questo va rispettato!

38 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

7. Uso quotidiano dello strumento

Inserimento delle lame nel portalama CE

Il portalama CE pu essere usato sia per lame a profilo basso che per lame a profilo alto.

Attenzione !Le lame da microtomo sono estremamente taglienti!

10

94

11

Inserimento delle lame a profilo alto

Fig. 29

Nell'inserimento della lama, vanno as-solutamente indossati i guanti protetti-vi di corredo!

Il sistema stendifetta funge qui da sal-vadita!

1. Ribaltare il sistema stendifetta (4) verso sini-stra e in questa operazione afferrare la leva (11) (non la vite di regolaggio dello stendifetta), per evitare di modificare l'altezza dello sten-difetta.

2. Aprire la leva di bloccaggio (10) ruotando in senso antiorario (figura 28).

3. Inserire con cautela la lama (9) dall'alto o la-teralmente tra la contropiastra e la superficie di appoggio della lama. Fare attenzione a che la lama venga inserita centralmente e che giaccia in modo uniforme sul gradino (vedi freccia rossa in figura 28).

4. Bloccare la leva di bloccaggio (10) ruotando in senso orario (vedi figura 29).

5. Ribaltare nuovamente il sistema stendifetta (4) con la leva (11) verso destra (verso la lama).

Fig. 28

Inserimento delle lame a profilo basso Se vengonoutilizzate lameaprofilo basso,

necessario inserire prima nel portalama la barretta rossa (superficie di appoggio della lama) e poi la lama.Fig. 30

4

11

10

39Leica CM1860/CM1860 UV criostato

7. Uso quotidiano dello strumento

4. La lama pu essere prelevata anche utilizzan-do l'apposito pennello con magnete (12).

A tale scopo, ribaltare la leva di bloccaggio (10) in senso antiorario verso il basso (figura 33). Ribaltare il sistema stendifetta (4) lateralmente verso sinistra.

Condurre il pennello con magnete sulla lametta ed estrarre verso l'alto.

Magnete 12

Fig. 33

104

Inserimento delle lame a profilo basso (continuazione)

Fig. 31

Sul retro della barretta sono presenti due magneti. Dopo l'inserimento della barretta, essi sono orien-tati in direzione opposta all'operatore (verso la contropiastra posteriore).Inserire quindi la lama come descritto (a proposito della lama a profilo alto).

Rimozione delle lame

10

94

11

1. Ribaltare il sistema stendifetta (4) verso sini-stra e in questa operazione afferrare la leva (11) (non la vite di regolaggio dello stendifetta), per evitare di modificare l'altezza dello sten-difetta.

2. Aprire la leva di bloccaggio (10) ruotando in senso antiorario (figura 32).

3. Estrarre la lama (9) con cautela verso l'alto. Continuare con il punto 5.

Fig. 32

40 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

7. Uso quotidiano dello strumento

Fig. 34

Nello smaltimento della lama, vanno assolutamente indossati i guanti pro-tettivi di corredo!

5. Una volta prelevata la lama dal portalama, questa andr smaltita nell'apposito dispenser (vano sul fondo, figura 34).

Spostamento laterale Se il risultato del taglio non soddisfacente, allora possibile spostare lateralmente il portalama (qui sulla base) per utilizzare un altro punto della lama in modo da sfruttarne l'intera larghezza.A tale scopo:1. Ribaltare la leva di bloccaggio (14) per sbloc-

care all'indietro (in senso orario) e spostare lateralmente il portalama fino a raggiungere la posizione desiderata.

2. Ribaltare la leva di bloccaggio (14) per bloc-care in avanti (in senso antiorario).

14

Fig. 35

41Leica CM1860/CM1860 UV criostato

7. Uso quotidiano dello strumento

Impostazione dell'angolo di spoglia

Quanto pi duro l'oggetto, tanto maggiore l'angolo di spoglia.Per: quanto pi grande l'angolo di spoglia tanto maggiore sar la compressione della sezione.

Con un angolo di spoglia troppo piccolo possono aversi sezioni spesse-sottili. Ricordare che dopo aver cambiato l'angolo di spoglia la posizione del filo della lama rispetto all'oggetto pu essere cambiata. Per questo motivo, nella regolazione dell'angolo di spoglia collocare sempre l'oggetto sopra la lama poich altrimenti l'oggetto nello spostamento verso l'alto potrebbe urtarla.

Con ogni tipo di tessuto, ottimizzare l'angolo di spoglia!1. La scala dell'angolo di spoglia si trova sul lato

sinistro del portalama.2. Allentare il portalama ruotando la vite ad esa-

gono incassato (23) da 4 in senso antiorario. Scegliere l'angolo di spoglia di 0. A tale scopo orientare lo 0 con il contrassegno dell'indice (25) e serrare la vite ad esagono incassato (23). Se il risultato del taglio non soddisfacente, incrementare l'angolo di spoglia di 1 per volta fino ad ottenere un risultato ottimale.

25

Fig. 36

23

Unangolodispogliaeccessivooinsufficientecausarisultatiditagliononottimaliedanneggiaeventualmente il preparato. Fondamentalmente, si consigliano angoli di spoglia maggiori nel caso di preparati duri e angoli di spoglia minori nel caso dei preparati cedevoli.

Impostazioni di 1 - 2 (portalama CE) sono adatte per la maggior parte delle applicazioni.

42 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

7. Uso quotidiano dello strumento

L'altezza del sistema stendifetta pu essere regolata con il dado zigrinato (8): ruotandoinsensoantiorario,ilsistemastendifettasispostaversolalama, ruotandoinsensoorario,ilsistemastendifettasiallontanadallalama.Se il sistema stendifetta si trova in una posizione errata rispetto al filo della lama, si hanno i seguenti problemi:

Figura I: la sezione si arrotola sull'inserto di vetro del sistema stendifetta.Problema: inserto di vetro non suf-ficientemente alto.Rimedio: ruotare il dado zigrinato in senso antiorario fino a quando la sezione non scivola tra lama e sten-difetta come mostrato in figura III.

Figura II: la sezione si strappa e il blocchetto dopo il taglio urta l'in-serto di vetro.Problema: il sistema stendifetta impostato troppo in alto.Rimedio: ruotare il dado zigrinato in senso orario fino a quando la sezio-ne non scivola tra lama e stendifetta come mostrato in figura III.

Figura 37,Portalama CE

I

II

III

Regolazione del sistema stendifetta

8

In GENERALE si consiglia di preregolare il sistema stendifetta con un elevato spessore di taglio (ad esempio 10 m). Da questo punto portarsi gradualmente allo spessore di taglio desiderato e regolare successivamente di poco il sistema stendifetta con il dado zigrinato come sopra descritto.

43Leica CM1860/CM1860 UV criostato

7. Uso quotidiano dello strumento

109

8

6 7

Montaggio del sistema stendifetta/sostituzione della piastrina dello stendifetta

1. Inserire il vetro nel telaio intercambiabile e bloccarlo uniformemente serrarlo con le viti zigrinate (7).

2. Inserire l'asse (8) del telaio metallico dall'alto nel foro del braccio orientabile con il perno (6) nella scanalatura.

3. Inserire la rondella di plastica bianca (9) dal basso sull'asse (8).

4. Avvitare dal basso la vite zigrinata (10) sull'as-se (8).

possibile utilizzare tutti e 4 i bordi longitudinali del vetro stendifetta.

7.3.2 Portalama CE-TCIl portalama CE-TC adatto esclusivamente alle lame in carburo metallico (Tungsten carbide - TC65).

Esso viene gestito esattamente come il portalama CE.

Fig. 38

Fig. 39

44 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

7. Uso quotidiano dello strumento

Fig. 40

7.3.3 Portalama CN

1 2

3

Nell'inserimento nella base portalama, superare la forza della molla (nel ba-samento del portalama) con una legge-ra pressione verso sinistra.

Inserimento della base1. Per inserire la base portalama (1), ribaltare la

leva (2) all'indietro. Inserire la base sull'ele-mento a T (3) della piastra base.

2. Per bloccare la base portalama ruotare la leva (2) in avanti.

Inserimento del portalama CN3. Fare scivolare l'elemento superiore del porta-

lama (3) sulla base (1). Bloccare il portalama con una chiave maschio esagonale (da 4) sul lato sinistro (23).

Fig. 41

1

3

23

Impostazioni dell'angolo di spoglia di 4 - 6 (portalama CN e portalama CE-TC) sono adatte alla maggior parte delle ap-plicazioni.

45Leica CM1860/CM1860 UV criostato

7. Uso quotidiano dello strumento

Inserimento e rimozione della lama

Le lame riaffilate devono essere adattate in altezza con le viti zigrinate (3a) (ca. 1 mm al di sotto del bordo della ganascia).Verificare che la lama venga spostata in altezza parallelamente.

Nell'inserimento/rimozione della lama, vanno assolutamente indossati i guanti protettivi di corredo!

24

3

3a3a

7

7 Inserireilsupportolamalungo(3) lateralmente

sulla vite zigrinata (3a) in modo che la tacca (24) sia orientata verso l'operatore, ruotare le viti zigrinate per la regolazione dell'altezza fino alla battuta inferiore.

Aquestopuntopossibile inserire lateral-mente la lama e regolare l'altezza tramite le viti zigrinate (3a). Il riferimento per la corretta altezza della lama, il bordo superiore della ganascia posteriore. Il filo della lama dovreb-be essere alla stessa altezza delle ganasce posteriori. cos possibile regolare in modo ottimale anche lame fortemente usurate fino ad un'altezza di 25 mm.

Unavoltaraggiuntal'altezzacorretta,serrarele viti ad alette (7) alternativamente fino a quando ambedue siano serrate a fondo.

Perrimuoverelalamaoperareinordineverso. Svitare le viti ad alette ruotandole in senso

antiorario ed estrarre quindi la lama lateral-mente.

Dopo che la lama stata prelevata dal portalama, essa viene inserita al sicu-ro nella cassetta portalama. Non la-sciarla MAI sulla superficie di lavoro accanto allo strumento!

Fig. 42

Fig. 43

46 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

7. Uso quotidiano dello strumento

Fig. 44

Il salvadita (18) integrato in modo fisso nelle ganasce. Per lo spostamento, su di esso sono presenti delle impugnature (19). Il salvadita sufficiente per lame lunghe fino a 16 cm. Dopo aver eseguito il taglio, coprire sempre le parti libere del filo della lama.Il sistema stendifetta spostabile lateralmente (solo la variante da 84 mm). Per trovare meglio la posizione centrale, nell'asse 16 presente una scanalatura (17) nella quale si aggancia lo stendifetta.

19 1918

16

17

Salvadita/spostamento laterale con il portalama CN

Impostazione dell'angolo di spoglia

L'impostazione dell'angolo di spoglia del portalama CN avviene esattamente come visto nel caso del portalama CE.

Regolazione dello stendifettaLa regolazione dello stendifetta nel portalama CN avviene esattamente come il visto per il portalama CE. Per lo spostamento di fianco vedi spostamento laterale in alto su questa pagina.

Conlacontropiastrapossibilesfruttarel'in-tera lunghezza della lama.

Quisiusanolameincarburometallicoeac-ciaio.

47Leica CM1860/CM1860 UV criostato

Portalama CN con stendifetta spostamento delle ganasce

2

3a

4 4

3

In fabbrica le ganasce sono montate nel portala-ma ad una distanza di 64 mm. In caso di necessit le due ganasce possono essere spostate ad una distanza di 84 mm.A tale scopo sono necessarie le seguenti ope-razioni: Svitareconlachiavemaschioesagonaleda

4 sulla regolazione dell'angolo di spoglia (23) e rimuovere il segmento d'arco (2) dalla base del portalama.

Allentarecon lachiavemaschioesagonaleda 4 sul lato inferiore del segmento d'arco le viti (4).

Fig. 46

5

6

Fig. 47

Estrarrelaganascia(5) del lato destro verso l'alto (attenzione: rondella) e inserirla nel foro attiguo (6). Riavvitare dal lato inferiore del segmento d'arco, per il lato sinistro operare analogamente.

Utilizzare adesso solo il supporto lama lungo accluso.

Se nel portalama dovessero essere utilizzate grandi piastre per l'oggetto (ad. esempio 50 x 80 mm), possibile spostare lateralmente le ganasce.

3a

Non operare mai con una sola ganascia poich cos facendo non assicurata la necessaria stabilit. Inoltre una lama lunga non poi pi sufficientemente protetta dal salvadita.

23

7. Uso quotidiano dello strumento

48 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

7.3.4 Portalama CN-Z con stendifetta

3a

Abb. 48

Le lame riaffilate devono essere adattate in altezza con le viti zigrinate (3a) (ca. 1 mm al di sotto del bordo della ganascia).Verificare che la lama venga spostata in altezza parallelamente.

Conquestoportalamaleganascenonvengonospostate.

Conlacontropiastrapossibilesfruttarel'in-tera lunghezza della lama.

Quisiusanolameincarburometallicoeac-ciaio.

serve ad accogliere lame convenzionali e in carburo metallico lunghe al massimo 16 cm. La contropiastra assicura un'estrema stabilit e la possibilit di sfruttare del tutto il filo della lama.Il filo della lama regolabile in altezza, la regolazione dell'angolo di spoglia va fatta separata-mente (vedi portalama CN).Il salvadita (18) mobile.

18

7.3.5 Pulizia del portalama

Per la pulizia giornaliera, sufficiente rimuovere i residui di taglio dal portalama con un pennello asciutto. Utilizzare un pennello freddo poich altrimenti i residui di taglio si decongelano e rimangono incollati al portalama.

Per La disinfezione possono essere utilizzati comuni detergenti e disinfettanti. Si consiglia l'uso di Leica Cryofect (negli USA non disponibile).Nella pulizia utilizzare dei guanti per evitare congelamenti.

Danni meccanici alla contropiastra hanno effetti deleteri sulla qualit del taglio. Durante la pulizia e il lavoro, evitare quindi di danneggiare la zona delle ganasce.

7. Uso quotidiano dello strumento

49Leica CM1860/CM1860 UV criostato

Portalama CE 1. Per staccare il segmento d'arco (2) dalla base, svitare con la chiave maschio esagonale da 4 la vite sulla regolazione dell'angolo di spoglia (23) e rimuovere il segmento d'arco (2) dalla base del portalama.

2. Ribaltare il sistema stendifetta (4) verso sini-stra afferrando la leva (11).

3. Allentare ruotando in senso antiorario la leva di bloccaggio della contropiastra (10, figura 49) ed estrarla.

4. A questo punto possibile rimuovere la con-tropiastra (36) per la pulizia (con alcol).

5. Allentare ruotando in senso antiorario la leva di bloccaggio della contropiastra (12, figura 49) ed estrarla. Il portalama adesso spostabile lateralmente e pu essere rimosso dal seg-mento d'arco.

36

4

11

Fig. 49

12

Portalama CN

Fig. 50

Le parti mobili come gli assi (37) e (38), e la fessura (39) vanno oliate occasionalmente con una goccia di olio criostatico (tipo 407).

39 3837

Disinfezione Osservare anche l'avvertenza a pagi-na 13!

Spruzzare il concentrato sulle superfici conta-minate in modo uniforme o pulirle con un panno con esso imbevuto. Al trascorrere del tempo di reazione asciugare con un panno con attenzione.

7. Uso quotidiano dello strumento

10

23

2

Nella pulizia di pi portalama contem-poraneamente, le singole parti NON vanno scambiate! In caso contrario possono aversi problemi di taglio!

Collocare le parti smontate su un panno assorben-te nell'essiccatoio ad armadio (fino a max. 65 C) e lasciar defluire i residui di paraffina.

Prelevando le parti dall'armadio di asciugatura (65 C) esiste il rischio di ustioni. Si consiglia l'uso di guanti protettivi!

50 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

Sgrossatura del preparato

Nell'uso delle lame del microtomo e delle lame monouso, prestare la massima attenzio-ne. Il bordo estremamente tagliente e pu causare gravi lesioni! Per questo motivo, indossare i guanti protettivi resistenti ai tagli di corredo!

Inserireebloccarelalama/lamamonousoprecongelatanelportalama. Regolareilgiustoangolodispogliasulportalama.Perlamaggiorpartedelleapplicazioni,

sono adatte regolazioni comprese tra 4 - 6 (portalama CN e portalama CE-TC) o 1 - 2 (portalama CE).

Allinearelalama/ilportalamaalpreparato. Rimuovere il salvadita (portalamaCN)o ribaltaredi fianco laguidastendi-fetta invetro

(portalama CE, CE-TC). Sbloccareilvolantinomanuale. Sgrossareilpreparatoinforma,avvicinareilpreparatoallalamapermezzodeitastidiavan-

zamento rapido. Sgrossare il preparato fino al piano di sezione richiesto ruotando il volantino manuale. (vedi 6.2.7 "Impostazione dello spessore di taglio")

Posizionarelaguidastendi-fettasullalamaedallinearlaconilbordotagliente. Se necessario, regolare nuovamente lo stendifetta (vedi "regolazione dell'angolo di spoglia").

Avvitare l'asta per il piano con le viti accluse (1) e la chiave maschio esagonale da 3 sul lato interno anteriore del corpo del criostato e innestare le coperture (3). (Sul retro del piano spostabile sono applicate viti di plastica bianca (2) che impedisco-no di graffiare l'interno della camera.) Agganciare adesso il vassoio traslabile sull'asta di guida.

1

2 3 Fig. 51

7.3.6 Montaggio del piano di appoggio (spostabile), (opzionale)

7. Uso quotidiano dello strumento

Fissare sempre prima il preparato e POI la lama.Prima di qualsiasi manipolazione della lama e del preparato, prima di ogni sostituzione di questo e nelle pause di lavoro, il volantino deve essere bloccato e il filo della lama coperto con la protezione salvadita!

51Leica CM1860/CM1860 UV criostato

7. Uso quotidiano dello strumento

7.4 Tabella per la scelta della temperatura (in -C)

I valori di temperatura sopra indicati sono basati su esperienze a lungo termine. Si tratta comunque di valori indicativi poich ogni tessuto pu richiedere regolazioni particolari.

Tipo di tessuto -10 C -15 C -15 C -25 C -25 C -35 CAdiposo Cartilagine Cervello Cervice uterina Cuore e vasi Cutaneo con grasso Cutaneo senza grasso Epatico Ghiandola surrenale Intestinale Labbro Laringeo Linfoide Lingua Mammario, grasso Mammario, poco grasso Midollare Muscoli Naso Ovarico Pancreatico Polmonare Prostatico Raschiamento dell'utero Renale Rettale Tessuto splenico o sanguigno Testicolo Tiroide Vescica

52 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

7.5 Sbrinamento

Sbrinare la criocamera significa in realt sbrinare levaporatore per prevenire una formazione eccessiva di brina. Durante lo sbrinamento, levaporatore viene irrorato con del gas caldo. In pratica, la criocamera priva di brina e non necessita di sbrinamento.

Lacqua di condensa che prodotta durante lo sbrinamento, si raccoglie in un contenitore che situato sul davanti al corpo del criostato.

Per fare in modo che lacqua di condensa derivante dai cicli di sbrinamento possa scorrere nel contenitore di scarti, e per evitare il rischio di possibili contaminazioni, assicurarsi che durante luso dello strumento il rubinetto del contenitore di scarti (2, Fig. 54) sia aperto. Chiudere il rubinetto solo per svuotare il contenitore di scarti!

Durante lo sbrinamento automatico della criocamera, lo scaffale di congelamento rapido viene raffreddato. Tuttavia, lelemento Peltier spento.La massima durata di un ciclo di scongelamento di 12 minuti. Quando la criocamera raggiunge una temperatura di -5 C, lo sbri-namento si conclude automaticamente. Il congelamento si riattiva automaticamente.

7.5.1 Sbrinamento automatico della criocamera

Un ciclo automatico di sbrinamento si svolge una volta in 24 ore.Lora del ciclo automatico di sbrinamento viene programmata tramite il pannello di controllo 1 (vedi punto 6.2.2).

7.5.2 Sbrinamento manuale della criocamera

Per evitare uno sbrinamento inavvertito, lattivazione di un ciclo manuale di sbrinamento confermata da un segnale acustico.Il congelamento si riattiva automaticamente.

Oltre al ciclo automatico di sbrinamento programmabile, pu essere attiva-to secondo necessit un ciclo manuale di sbrinamento per la criocamera (vedi punto 6.2.6).

7. Uso quotidiano dello strumento

53Leica CM1860 /CM1860 UV criostato

7.5.3 Sbrinamento manuale del scaffale di congelamento rapido

Durante lo sbrinamento, lo scaffale di congelamento rapido pu surriscaldarsi! Per questo motivo non toccarlo!

Se sullo scaffale di congelamento rapido si ha una eccessiva formazione di brina, in particolare in seguito alla disinfezione spray, bisogna avviare un ciclo manuale di sbrinamento (vedi 6.2.5) che pu essere terminato quando necessario.

7.6 Termine del lavoro

7.6.1 Termine del lavoro quotidiano

Bloccareilvolantinomanuale. Estrarre la lamadalportalamae reinserirlanellappositocontenitore

nella criocamera. Rimuovereiresiduidisezionamentocongelaticonunpennellofreddo. Svuotareilcassettodegliscartidisezionamento. Puliregliscaffalidiconservazioneeloscaffaleperipennelli.

Per la pulizia andrebbero usati esclusivamente detergenti comuni e disinfettanti a base di alcol.Su tutti i componenti prelevati dallambiente freddo si former del-la condensa. Per tale motivo, prima di reinserirli nella criocamera, asciugarli a fondo.

Rimuoveretuttiipreparatidalcriostato. Applicareilcoperchiodelloscaffaledicongelamento(dicorredo). Rimuovereiltappoechiuderelafinestrascorrevole. Spegnerel'illuminazionedellacameraedavviareladisinfezioneUV. Bloccareilpannellodicontrollo1(fig. 14) con il tasto a chiave. Non spegnere lo strumento con il fusibile automatico dellalimentazione

poich in tal caso non ci sarebbe congelamento.

7. Uso quotidiano dello strumento

Per evitare la formazione di brina, applicare assolutamente il corri-spondente coperchio sulloscaffale di congelamento. Durante le pause di lavoro e di notte co-prire sempre lo scaffale di congelamento rapido.

54 Manuale d'istruzioni V 1.6 RevI 10/2016

7.6.2 Disattivazione per un periodo di tempo prolungato

Se non si intende usare lo strumento per diverse settimane, lo si pu allora spegnere. Alla riaccensione dello strumento, ricordare tuttavia che il raffred-damento della criocamera a temperature molto basse pu richiede-re diverse ore.Prima dello spegnimento, lo strumento andrebbe pulito e disinfetta-to a fondo (vedi capitolo 9 "Pulizia, disinfezione e manutenzione").

Spegnere lostrumentocon il fusibileautomaticodellalimentazioneestaccare la spina di rete.

Aprirelafinestraascorrimentoperpermettereallacriocameradiasciu-garsi.

Rimuoveretuttiipreparatidalcriostato. Bloccareilvolantinomanuale. EstrarrelalamadalportalamaRiporrelacoltellonellacassettaportalama;

inserire la lama nel vano sul fondo del dispenser (figura 34). Rimuovereiresiduidisezionamentoconunpennellofreddo. Svuotareilcassettodegliscartidisezionamento. Rimuoveregliscaffalidiconservazioneeloscaffaleperipennelliperla

pulizia e la disinfezione.Lo spegnimento dello strumento con il fusibile automatico dellalimentazione non influenzer i parametri programmati. Prima di riaccendere lo strumento, il microtomo della criocamera e tutti i componenti accessori devono essere assolutamente asciutti.

7. Uso quotidiano dello strumento

55Leica CM1860/CM1860 UV criostato

In presenza di errori, essi vengono visualizzati sotto forma di codici di errore nell'indicatore del tempo reale durante il funzionamento normale con il formato EO:XX.

8. Soluzione dei problemi

8.1 Messaggi di errore nel display

I messaggi di errore compaiono sul pannello con il seguente formato EO: XX. Durante luso, possono aversi i seguenti messaggi di errore:

Abb. 52

L'errorevisualizzatopuessereconfermatoduranteilfunzionamentonormalepremendosempli-cemente un qualsiasi tasto. I codici di errore 21 - 28 si confermano automaticamente una volta eliminata la causa.

Altrascorreredi15960ore,nell'indicatoredeltemporealevienevisualizzato"HELP" quale avver-tenza per un servizio di manutenzione. L'indicatore commuta tra tempo reale e "HELP". Premendo un tasto sulla tastiera l'avviso viene confermato. L'indicazione "HELP" ricompare con un intervallo meno frequente.

Altrascorreredi17610ore,nell'indicatoredeltemporealevienevisualizzato"HELP" quale avver-tenza per un servizio di manutenzione. L'indicatore commuta tra tempo reale e "HELP". Premendo un tasto sulla tastiera l'avviso viene confermato. L'indicazione "HELP" ricompare ad un intervallo pi frequente.

Errore Cause Rimedi20 Errore nella calibrazione; eventualmente guasto sulla sched