Esplicazione di Diritto privato II - Appunti Luiss » Luiss Esplicazione di Diritto privato II 2...

download Esplicazione di Diritto privato II - Appunti Luiss » Luiss Esplicazione di Diritto privato II 2 proporzionalità(fra

of 107

  • date post

    16-Feb-2019
  • Category

    Documents

  • view

    213
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Esplicazione di Diritto privato II - Appunti Luiss » Luiss Esplicazione di Diritto privato II 2...

DIFFIDA DELLE COPISTERIE, LA MASSIMA QUALIT SOLO SU

Esplicazione di Dir it to pr ivato II

Corso A/ B/ C

S.L.F.

Obbligazioni- Contrat t i in Generale- Singoli contrat t i

Non ci trovi in copisteria, ma solo su www.appuntiluiss.it !

3

Premessa

Chi siamo

Appunti Luiss un progetto nato per rendere meno difficoltosa e pi soddisfacente

la vita universitaria.

Questo stato possibile perch il team di appunti Luiss ha fatto una scoperta tanto

banale quanto geniale: la collaborazione tra studenti tramite la condivisione di

esperienze universitarie facilita il superamento degli esami. Tale collaborazione e

condivisione, molto spesso, si concretizza nella produzione, anche involontaria, di

lavori come appunti, compendi o esplicazioni.

Ora, dato che la diffusione di questo tipo di lavori aiuta lo studio e il superamento

degli esami, il favorire tale diffusione il primo obbiettivo che Appunti Luiss si

propone.

Il secondo obbiettivo che ci proponiamo quello di valorizzare questo tipo di lavori.

Tale valorizzazione, per natura, produce un doppio effetto: favorisce la diffusione,

incentivando gli studenti a produrne sempre di pi, e costituisce la giusta

ricompensa per gli studenti che li hanno prodotti agevolando anche il

sostentamento dello studente stesso.

Insomma, quello che Appunti Luiss vuole fare aiutare gli studenti e premiare

coloro che hanno reso questo possibile.

Appunti Luiss Team

1 S.L.F-.

Diffida delle copisterie, la massima qualit solo su | www.appuntiluiss.it

I Diritti di Credito

Il rapporto Obbligatorio

ozione.

icesi obbligazione il rapporto fra due soggett i tale che uno sia tenuto al compimento di una prestazione nei confront i dell'alt ro. Fra quest i soggett i dist inguiamo un soggetto ''at t ivo'', il

creditore, e un soggetto ''passivo'', il debitore. Al primo fa capo un diritto di credito, ment re al secondo si dice faccia capo ,appunto, un'obbligazione.

l dirit to di credito , quindi, un dirit to relativo, poich il creditore ha bisogno della collaborazione del debitore per veder realizzato il suo dirit to. Vi possono poi essere casi in cui la prestazione a cui

tenuto il debitore consista nel permettere al creditore il godimento di un bene. In quest i casi il dir it to risulta sia mediato(poich necessaria la collaborazione del debitore), sia relat ivo(poich pu esercitarsi solo nei confront i del debitore e non erga omnes). Con riferimento a quest i dirit t i parliamo allora di ''dirit t i personali di godimento' ' (locazione, comodato...), per dist inguerli dai dir it t i reali di godimento (usufrutto, uso, abitazione....).

n questo t ipo di rapporto, la giuridicit del vincolo sanzionata esclusivamente con una responsabilit pat rimoniale.

l creditore pu far valere il suo dirit to t ramite l'esecuzione forzata, facendo attaccare direttamente il pat rimonio del debitore. Per alcuni dirit t i possibile far eseguire una esecuzione forzata in

forma specifica (obbligo di consegna di cosa determinata, obbligo di facere fungibile, conclusione di cont ratto, obbligo di non facere). Negli alt ri casi pot r essere possibile solo un corrispett ivo dello stesso valore della prestazione dovuta.

onti delle obbligazioni.

econdo l'art icolo 1173:

Le obbligazioni derivano da contratto (1), da fatto illecito (2), o da ogni altro atto o fatto idoneo a produrle in conformit dell'ordinamento giuridico (3). ' '

ono solo t re le font i delle obbligazioni. Per quanto riguardo la terza fonte, essa si esplica concretamente in determinate f igure del codice che sono: promesse unilaterali, t itoli di credito,

gest ione d'affari, pagamento dell' indebito, l'arricchimento senza causa.

'obbligazione naturale.

lla nozione di obbligazione suddetta (c.d. Civile) si cont rappone quella di obbligazione naturale(art 2034), che si ha quando una prestazione dovuta in esecuzione di un dovere morale

o sociale. Da ci discende che il debitore non giuridicamente obbligato all'adempimento ma, ove adempia, non pu chiedere la ripet izione di quanto fatto o dato. Questo, comunque, sole ove concorrano le seguent i caratterist iche della prestazione e cio spontaneit, capacit e

N

D

I

I

I

F

S

s

L

A

Appunti Luiss

Esplicazione di Diritto privato II

2

proporzionalit(fra la prestazione effettuata e quella dovuta). L'unico effetto quindi quello della non ripet izione.

lcune obbligazioni naturali previste dalla legge sono: il debito di gioco, la disposizione fiduciaria e il debito prescrit to. Inolt re si ritengono adempiment i di obbligazioni naturali anche le prestazioni

gratuite verso il convivente more uxorio, il pagamento spontaneo di interessi pattuit i oralmente ed ext ra legalmente, adempimento di disposizione testamentaria orale. Si pensa che invece non cost ituiscano obbligazioni naturali, seppure non si possa ugualmente chiedere la ripet izione, le att ribuzioni pat rimoniali effettuate per riconoscenza o per speciale remunerazione.

Gli elementi del rapporto obbligatorio

soggetti.

ll'interno di un rapporto obbligatorio i soggett i, att ivo e passivo, devono essere determinat i o determinabili. A questo si collegano le obbligazioni propter rem in cui il soggetto del rapporto

determinabile appunto grazie alla t itolarit di un determinato diritto su una cosa.

ueste si dist inguono dalle obbligazioni ambulatorie ove sussiste l'onere di comunicazione per ricevere la soddisfazione della pretesa.

e obbligazioni plurisoggettive.

n alcuni possibile che l'obbligazione faccia capo ad una pluralit di soggett i(debitori o creditori). Abbiamo due casi:

1. > che si ha quando:

Per il lato passivo, ciascuno dei debitori obbligato ad effettuare l'intera prestazione nei confront i del creditore.

er il lato att ivo, ciascuno dei pi creditori ha dirit to all' intera prestazione nei confront i dell'unico debitore.

2. > che si ha quando:

iascuno dei pi debitori tenuto ad eseguire solo una parte dell'unitaria prestazione

iascuno dei pi creditori ha dirit to a solo una parte dell' intera prestazione.

n queste due ipotesi in cui vi siano condebitori o concreditori la legge afferma che, nel primo caso, la prestazione si presume sempre solidale (art 1294) a meno che non risult i diversamente da una

legge o dal t itolo, nel secondo caso, la prestazione si presume sempre parziaria, a meno che non sia previsto diversamente come sopra.

e obbligazioni solidali.

onsiderando ora il caso di solidariet passiva va rilevato che:

N ei rapport i esterni fra debitori e creditore valgono seguent i principi: il creditore pot r richiedere il pagamento integrale della prestazione a chiunque dei

A

I

A

Q

L

I

si ha quando i credit i f ra di loro present ino le caratterist iche di: omogeneit(gli oggett i devono essere cose fungibili dello stesso genere), liquidit(gi determinat i

nel loro ammontare e non contestat i) e esigibilit(devono poter essere suscett ibili del loro adempimento). Questa non pu essere rilevata dal giudice d'uff icio, ma deve essere eccepita da una delle part i. I debit i si est inguono non dalla loro esistenza ma dal momento della loro coesistenza.

> quando nel corso del giudizio si oppongano due credit i liquidi ed esigibili di cui uno dei due non ancora liquidi, il giudice pu ordinare la compensazione a patto

che il secondo sia di facile e pronta liquidazione.

> quando le part i r inunciano scambievolmente, in tutto o in parte ai rispett ivi credit i, sempre che i credit i present ino le caratterist iche per quella legale o giudiziale.

Tale compensazione pu anche essere prevent iva, cio anteriore alla scadenza dei credit i.

a confusione.

i ha l'est inzione dell'obbligazione per confusione quando la qualit di creditore e di debitore si vengano a t rovare nella stessa persona. Naturalmente questo determina anche la liberazione di

eventuali terzi che abbiano prestato garanzia.

a novazione.

un cont ratto con il quale i soggett i di un rapporto obbligatorio sost ituiscono questo con un alt ro.

ist inguiamo:

Novazione soggett iva: quando questa riguarda la persona del debitore che viene liberato. Si applicano le norme della sost ituzione della parte passiva del rapporto obbligatorio.

Novazione Ogget t iva: quando la sost ituzione riguarda l'oggetto o il t itolo. A t l riguardo devo intercorrere due presuppost i:

Uno oggettivo ovvero la modif icazione sostanziale dell'oggetto o del t itolo. Non basterebbero modificazioni accessorie di questo.

Uno soggettivo ovvero la comune ed univoca volont di est inguere l'obbligazione precedente. Questo ult imo carattere dist ingue la novazione dalla dat io in solutum

La remissione.

sso un negozio unilaterale recett izio t ramite il quale il creditore rinuncia, parzialmente o totalmente, al proprio credito. L'obbligazione si est ingue dal momento in cui il debitore riceve la

not if ica. Quest i pu anche decidere di non approf it tarne.

resunzione assoluta di remissione la rest ituzione volontaria del t itolo originale del credito fatta dal creditore al debitore.

uesta si dist ingue dal pactum de non petendo perch questo non est ingue l'obbligazione ma si ha un a