Deforestazione mangione nicola 3a

of 6/6
Lavoro di:Nicola Mangione Classe:IIIA
  • date post

    17-Mar-2016
  • Category

    Documents

  • view

    218
  • download

    1

Embed Size (px)

description

 

Transcript of Deforestazione mangione nicola 3a

  • Lavoro di:Nicola MangioneClasse:IIIA

  • Col termine taglio del bosco si intende l'opera di diboscamento, attuato attraverso i criteri tecnici della selvicoltura, finalizzato alla salvaguardia della vegetazione (taglio di piante malate, vecchie, secche, bruciate...) o a ricavare legname dalla foresta, garantendo comunque la rigenerazione e la conservazione della vegetazione.

    Quando invece il diboscamento esteso e duraturo, effettuato per motivi commerciali o per sfruttare il terreno per la coltivazione, si parla di deforestazione, con accezione negativa. Un esempio di deforestazione l'eradicazione illegale di alcune zone boschive per la costruzione di opere murarie, attivit agricole o commerciali di vario tipo. Anche deforestazione e disboscamento illegale non sono comunque propriamente tra loro sinonimi.

  • Le motivazioni che fanno si che questo fenomeno aumenti invece di diminuire sono molteplici:

    in costante crescita la richiesta di legnami pregiati da parte dei Paesi ricchi.

    La legna da ardere lunica fonte di energia per quasi 2 miliardi di persone. Paesi come il Nepal dipendono da questo combustibile per oltre il 90% del loro fabbisogno.

    La crescita demografica aumenta la necessit di terre coltivabili per le produzioni alimentari per questo molte popolazioni disboscano intere foreste per far spazio a campi coltivabili.

    Lalimentazione prevalentemente carnivora dei Paesi industrializzati comporta un incremento dellallevamento di animali da carne, e quindi la necessit di nuove terre da pascolo.

    Infine molte foreste vengono abbattute per produrre carta.

  • Ci che avviene dopo la deforestazione terribile, questo fenomeno causa ingenti danni al nostro pianeta come:

    Desertificazione. la trasformazione di una regione in deserto. Quando si tagliano gli alberi, la terra, non pi tenuta insieme dalle loro radici, viene lavata via dalle piogge e rimane solo la roccia da cui non cresce pi nulla. Inoltre, senza piante, che contribuiscono con la traspirazione a mantenere laria umida, le piogge diminuiscono e il clima diventa arido.

    Effetto serra. Laccumulo di gas, come lanidride carbonica, aumenta la temperatura del pianeta. Poich gli alberi consumano lanidride carbonica, soprattutto in fase di crescita, abbatterli significa favorire le concentrazioni di ungas a effetto serra. Inoltre, quando brucia, la legna libera una grande quantit di anidride carbonica.

    Dissesto idrogeologico. La terra, non pi trattenuta dalle radici degli alberi, trascinata via provocando frane, colate di fango e alluvioni. Gli interventi nelle zone a rischio (opere murarie, scavi, dighe) possono poco di fronte ad alterazioni sempre pi gravi dellhabitat naturale.

    Perdita di biodiversit. Pi un ecosistema ricco di spe-cie animali e vegetali e di microrganismi, cio vario e complesso, pi stabile, il che significa che meno soggetto alle alterazioni e che ha pi probabilit di sopravvivere. Poich le foreste primarie (non modificate dalluomo e quindi pi ricche in biodiversit) sono essenzialmente quelle tropicali, distruggerle significa ridurre il numero delle specie viventi di tutta la Terra, rendere sempre pi precario lequilibrio della biosfera e compromettere seriamente il futuro del pianeta.

  • Linduismo riconosce addirittura lesistenza di alberi sacri. Il fondatore del buddhismo. Siddharta , cercando di scoprire la causa del

    dolore nel mondo e il modo per raggiungere una felicit duratura, cap che solo con la meditazione personale avrebbe scoperto la via della salvezza. Fu dopo 45 giorni di meditazione sotto un albero di pipal (fico) che raggiunse lilluminazione, divenendo cos Buddha.

    I giardini e i boschi rivestono un ruolo importante nel confucianesimo. I boschi sacri evocano quel tipo di armonia con il mondo e con il divino che fondamentale per luomo.

    Luomo non padrone dei beni della Terra. Non pu disporne come gli pare, ma deve rispondere di ci che fa al Creatore. Distruggere le foreste significa deturpare il dono di Dio.

    Luomo, nellorizzonte biblico, collaboratore di Dio e quindi responsabile di tutti i danni che provoca allambiente naturale, distruzione degli alberi compresa. Inoltre tradisce la fiducia di Dio che gli ha affidato la Terra non perch la distruggesse, ma perch ne avesse cura.

    La Chiesa cristiana, nella tradizione biblica di rispetto nei confronti del creato, condanna le violenze contro doni della natura, sacrificati alla logica del profitto. Nelle Giornate del Ringraziamento molto spesso i documenti dei Vescovi fanno riferimento al problema della natura e in modo particolare al problema della deforestazione.