Agenda 2000

download Agenda 2000

of 59

  • date post

    19-Mar-2016
  • Category

    Documents

  • view

    43
  • download

    0

Embed Size (px)

description

Agenda 2000. Il 16 Luglio 1997 il presidente della Commissione Europea, Jacques Santer, ha presentato al Parlamento Europeo il documento Agenda 2000, che rappresenta la base programmatica per le future politiche dell’UE. Composta da tre volumi:. Per un’Europa più forte e più ampia - PowerPoint PPT Presentation

Transcript of Agenda 2000

  • Agenda 2000Il 16 Luglio 1997 il presidente della Commissione Europea, Jacques Santer, ha presentato al Parlamento Europeo il documento Agenda 2000, che rappresenta la base programmatica per le future politiche dellUE. Per unEuropa pi forte e pi ampiaLa sfida dellampliamentoPareri della Commissione Europea. Composta da tre volumi:

  • Agenda 2000Politiche InterneLo sviluppo delle politiche interne avviene secondo 4 direttrici: Creare le condizioni per una crescita durevole e creatrice di posti di lavoroPorre in primo piano la conoscenza e le nuove tecnologieModernizzare i sistemi delloccupazioneMigliorare le condizioni di vita

  • Agenda 2000Politiche InterneCreare le condizioni per una crescita durevole e creatrice di posti di lavoro Leuro nato nel gennaio 1999. La maggioranza dei paesi ha partecipato dallinizio. Il passaggio alleuro sar un fattore di stabilit, migliorer lefficienza del mercato e favorir gli investimenti. Altro elemento importante nel Mercato Unico lapplicazione delle norme sulla concorrenza quindi una stretta vigilanza sugli aiuti pubblici. Miglioramento delle condizioni di funzionamento delle PMI. Migliorare laccesso delle PMI al credito e ai capitali. LUE dovr continuare a finanziare le azioni dirette a migliorare le condizioni di funzionamento delle PMI. Estensione delle reti transeuropee (RTE); risanando i sistemi di trasporto.

  • Agenda 2000Politiche InternePorre in primo piano la conoscenza e le nuove tecnologieLeconomia mondiale va verso la globalizzazione: lutilizzo delle tecnologie dellinformazione e della comunicazione determinano la competitivit. Va quindi incoraggiata la ricerca, linnovazione leducazione e la formazione.

  • Agenda 2000Politiche InterneModernizzare i sistemi delloccupazioneRendere pi moderne le politiche del mercato del lavoro e delloccupazione. LUE ha dato solo il quadro di riferimento poich rimangono di competenza degli Stati membri.La riforma dei sistemi di pensionamento e di assistenza sanitaria.

  • Agenda 2000Politiche InterneMigliorare le condizioni di vita.La crescita economica deve avere come finalit quella di creare una societ pi solidale e accogliente.Problema della sanit pubblica e sicurezza degli alimenti.Sfide ecologiche: unapplicazione pi efficace delle norme in materia di ambiente.

  • Agenda 2000Coesione economica e socialeImpegno per la coesioneLa coesione economica e sociale stata introdotta nellAtto unico europeo e da allora stata considerata una priorit della costruzione europea insieme allunione monetaria e al Mercato Unico.Il Consiglio europeo ha riservato alla solidariet finanziaria lo 0,46% del PNL dellUnione.La prima relazione sulla coesione ha evidenziato:le regioni dellobiettivo 1 hanno progredito verso la convergenza (grazie al Fondo strutturale e a quello di coesione)la disoccupazione non calata in modo sensibile e la disparit in aumento in molte delle regioni svantaggiate

  • Agenda 2000Coesione economica e socialeAspetti finanziariLe azioni strutturali disporranno di 275 miliardi di ECU (prezzi 1997) per il periodo 2000-2006 (nel 1993-1999 erano 200 miliardi)Ai nuovi paesi aderenti verr riservata una quota di 45 miliardi di cui 7 come preadesione.La percentuale di popolazione delle regioni dei Quindici interessata agli obiettivi 1 e 2 dovr essere portata dal 51% a una percentuale compresa tra il 35% e il 40%.

  • Agenda 2000Coesione economica e sociale

    I fondo strutturali la BEI e gli altri strumenti finanziari contribuiscono al conseguimento dei 3 obiettivi prioritari seguenti:OBIETTIVO 1promuovere lo sviluppo e ladeguamento strutturale delle regioni che presentano ritardi nello sviluppoOBIETTIVO 2favorire la riconversione economica e sociale delle zone con difficolt strutturali OBIETTIVO 3favorire ladeguamento e lammodernamento delle politiche e dei sistemi distruzione, formazione e occupazione (agisce sul territorio nazionale fatte salve le specificit regionali)Per motivi di trasparenza ed efficienza i 7 obiettivi della politica strutturale vengono ridotti a 3

  • Agenda 2000Coesione economica e sociale

    I nuovi 3 obiettivi prioritariOBIETTIVO 1 (Regioni in ritardo di sviluppo)La soglia del 75% del PIL pro-capite dovr essere applicata scrupolosamente. Per le regioni attualmente ammissibili ma che si trovano al di sopra del 75% si dovr prevedere unestinzione progressiva degli interventi (phasing out) durante un periodo transitorio.Le regioni ammissibili allobiettivo 1 (gravi difficolt in fatto di reddito, occupazione, strutture produttive e infrastrutture, il tasso di disoccupazione superiore di circa il 60% alla media comunitaria) dovrebbero essere trattate con le stesse priorit attuali con una forte concentrazione degli interventi.I programmi verranno elaborati con la massima considerazione per le priorit espresse dalle regioni stesse. Per motivi di trasparenza ed efficienza i 7 obiettivi della politica strutturale vengono ridotti a 3

  • Agenda 2000Coesione economica e socialeOBIETTIVO 2 (riconversione economica e sociale). Gli interventi a favore delle altre regioni che presentano difficolt strutturali saranno raggruppati in un nuovo obiettivo 2, avente come tema la riconversione economica e sociale. Le regioni interessate (aree rurali in declino, zone in crisi dipendenti dalla pesca, quartieri urbani in difficolt) sono accomunate da problemi strutturali quali: disoccupazione massiccia, fenomeni di esodo rurale e/o di spopolamento. I nuovi programmi saranno finalizzati principalmente alla diversificazione economica da cui segue un appoggio alle PMI e allinnovazione e alle risorse umane. Le zone attualmente ammissibili agli obiettivi 2 o 5b e che con i futuri criteri di selezione ne resteranno escluse dovrebbero beneficiare di un aiuto finanziario limitato per un periodo transitorio.

  • Agenda 2000Coesione economica e socialeOBIETTIVO 3 (Risorse umane)Viene applicato nelle regioni escluse dagli obiettivi 1 e 2, con il proposito di modernizzare e adattare i sistemi distruzione, di formazione e di collocamento.Le risorse devono essere concentrate in un insieme di misure realistiche ed efficaci, in linea con gli orientamenti politici nazionali.

  • Agenda 2000Politica Agricola ComuneNel quadro di Agenda 2000 si prevede la revisione della Politica Agricola Comunitaria (PAC). In realt rappresenta una riconferma e un approfondimento delle linee di riforma gi proposte nel 1992 (Riforma Mc Sharry).La sostituzione progressiva del sostegno ai prezzi agricoli con misure di aiuti diretti agli agricoltori

    lo sviluppo di una politica pi propriamente rurale

    semplificazione della normativa a livello comunitario e decentralizzazione dellapplicazione delle misure politicheLe linee della revisione sono le seguenti:

  • Agenda 2000Politica Agricola Comune Gli obiettivi fondamentali per la PAC oltre il 2000 sono:aumentare la competitivit sui mercati interni e esteri;

    garantire la sicurezza e la qualit delle derrate;

    assicurare un equo livello di vita per la popolazione agricola e contribuire alla stabilit dei redditi agricoli;

    integrare gli obiettivi ambientali nella PAC;

    creare fonti di occupazione e di reddito alternative per gli agricoltori e le loro famiglie;semplificare la normativa comunitaria.

  • Agenda 2000Politica Agricola Comune Il settore dei seminativi fissare il prezzo dintervento per i cereali ad un livello di sicurezza di 95,35 ECU/t (attualmente pari a 119,19 ECU/t) in un unica tappa (il 2000); introdurre un aiuto specifico riferito alla superficie; ritirare i seminativi dalla produzione, con aiuti specifici alle superfici messe a riposo; escludere dal regime i cereali insilati (specialmente il mais); dare aiuti supplementari alle piante proteiche (6,5 ECU/t) allo scopo di mantenerli competitivi nei confronti dei cereali.

  • Agenda 2000Politica Agricola Comune Il settore della carne bovinaLa Commissione propone di ridurre gradualmente il sostegno effettivo al mercato dagli attuali 2780 ECU/t a 1950 ECU/t nel periodo 2000-2002;

    La diminuzione dei prezzi sar bilanciata da aiuti diretti al reddito da aumentare gradualmente e da corrispondere sempre per capo di bestiame (per le vacche nutrici un versamento annuale di 215 ECU contro i 145 attuali, per i bovini maschi un versamento singolo di 368 ECU contro i 135 attuali e infine per le vacche lattifere un versamento di 70 ECU).

  • Agenda 2000Politica Agricola Comune I prodotti lattiero caseari La Commissione ha optato per la strategia di prorogare il regime delle quote fino al 2006 e di rendere pi flessibile e pi semplice lattuale organizzazione comune di mercato;

    di ridurre gradualmente i prezzi di sostegno, in media del 10% sullintero periodo e di introdurre un nuovo pagamento annuo di 145 ECU per le vacche lattifere.

  • Agenda 2000Politica Agricola Comune I prodotti mediterranei Tabacco e vino sono attualmente oggetto desame da parte delle istituzioni europee

    Per gli ortofrutticoli la Commissione seguir da vicino lapplicazione della riforma decisa dal Consiglio nel luglio del 1996.

    Per lolio doliva stato approvato il nuovo OCM.

  • Agenda 2000Politica Agricola ComuneUn aspetto rilevante delle proposte della Commissione riguarda lintroduzione di un unico massimale per tutti i pagamenti diretti a favore dei redditi concessi nellambito delle organizzazioni comuni di mercato (OCM). Gli Stati membri dovrebbero essere inoltre autorizzati ad introdurre criteri di differenziazione secondo norme stabilite di comune accordo.

  • Agenda 2000Politica Agricola ComuneIn Agenda 2000 si ribadisce limportanza delle politiche strutturali e dello sviluppo delle zone rurali che avranno un ruolo fondamentale per la salvaguardia dellambiente e per il tempo libero.Politica rurale.