Inews.intervista menna

Click here to load reader

  • date post

    25-Jun-2015
  • Category

    Documents

  • view

    269
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Inews.intervista menna

  • 1. e nogastronomiaMariella Nica LUCIO GAROFALO,Antonino Siniscalchi la pasta di Gragnano che regala emozioni Intervista Allamministratore Delegato Massimo Menna La pasta una passione, viviamo di pasta e in azienda tra diformato. Insomma c una passione di fondo e per fare una cosa bene bisogna noi parliamo di pasta: se ci piace, se vogliamo modificare uncapirne. Io non potrei mai cercare di produrre il miglior whisky perch non formato. Insomma c una passione di fondo e per fare unabevo, ma posso cerca di produrre la migliore pasta perch ci sono nato, per- cosa bene bisogna capirne.ch sono vissuto nella pasta, ho acquisito competenza. Massimo Menna ci accoglie nel suo ufficio di via dei Pastai, a Che tipo di imprenditore era Luigi Garofalo e che relazioni Gragnano. Un secondo piano silenzioso dove si muovono, al lavoro e tra i aveva con i suoi dipendenti? computer, tanti giovani. Salernitano, non ha mai lasciato la sua citt e tutti i Luigi Garofalo era un tipo dimprenditore allantica, era soprannominato giorni percorre 30 chilometri per raggiungere in auto Gragnano, dove ha sede il tedesco per la seriet e il rigore con cui svolgeva il suo lavoro. Preciso, il pastificio. Il suo ufficio affaccia a vista sui capannoni dellazienda, a voler efficiente, onesto, ma non rigido. Anzi aveva un rapporto con i suoi dipen- testimoniare una presenza discreta, ma attenta e protettiva. Cinquantaquattrodenti di grande fiducia e si confrontava sempre con loro, non era uno che anni ben portati, sobrio nel look, voce pacata, sorriso accogliente, Massimo manteneva le distanze, ma esigeva la seriet e la correttezza sul lavoro. Un Menna, amministratore delegato e azionista del pastificio Lucio Garofalo, ci galantuomo e si fidava ciecamente di mio nonno. appare subito una persona concreta, semplice ma determinata. Di lui colpiscono i grandi occhi grigi, accesi e curiosi che lasciano trasparire Qual la ragione per cui Gragnano la citt dei macche- la sensibilit di un manager galantuomo, molto ospitale con chi ha voglia di roni? saperne di pi su quello che viene definito loro bianco di Napoli: la pasta.Gi nel Seicento gli abitanti di Gragnano avevano compreso limportanza E noi siamo l per quello. delle caratteristiche peculiari della loro collocazione geografica e ambienta-le: la disponibilit delle sorgenti di acqua particolarmente pura e poco dura Ingegnere Menna, chi era il signor Garofalo e come natache conferisce un gusto caratteristico allimpasto, un ambiente ideale per la sua azienda?lessiccatura grazie allumidit presente nella giusta misura e alla ventilazio- Il marchio Lucio Garofalo rappresenta unazienda nata tantissimi anni fa, ne sostenuta dalla brezza marina che sale verso le colline. Lacqua alimentava nel 1789, quando il Consiglio delle Municipalit di Gragnano assegn a Mi- anche i mulini per la macinazione del grano. Un altro vantaggio era la pos- chele Garofalo e a Salvatore Montella la concessione esclusiva non solo persibilit agevole di approvvigionamento del grano grazie alla vicinanza con la produzione ma anche per la commercializzazione di maccheroni di buonail porto di Castellammare, e in questottica la produzione si svilupp in via qualit. Cos, grazie a questo privilegio, nei primi del 900, la Garofalo unoRoma, definito ancora oggi il corso dei pastai. Da allora Gragnano diventata dei primi pastifici italiani che opera anche allestero. La dinastia Garofalo erala citt della pasta, e fra il 1843 e il 1847 la via principale fu ricostruita una grande famiglia, una famiglia numerosa e tra i fratelli, come in tutte leproprio in funzione delle esigenze di produzione dei maccheroni, che proprio famiglie numerose, ci furono delle suddivisioni del patrimonio ereditario. Unin quegli anni erano stati accolti ufficialmente alla corte di Re Ferdinando di ramo di essa fond la Lucio Garofalo che lattuale nostra azienda.Borbone. Come nasce la sua passione per la pasta e il suo legameCome cambiata nel tempo la produzione della pasta? La con il pastificio Garofalo?Garofalo cosa ha conservato del lavoro del lavoro artigia- Sono in azienda dal 1985 e la mia famiglia stata sempre fianco a fianco nale del maccaronaro? della famiglia Garofalo, infatti tra il signor Luigi Garofalo, che poi ho cono-Per me essere artigiani non significa fare il prodotto manualmente piutto- sciuto in azienda, e mio nonno cera un rapporto di lavoro, ma soprattutto disto che con le macchine, essere artigiani significa continuare realizzare un grande stima e amicizia. Intorno agli anni 50 mio nonno entr nellazienda prodotto secondo quei principi nella scelta delle materie prime, nei passaggi Garofalo acquisendo il 50 per cento della propriet fino a rilevarne, nel 1997,di lavorazione, nel modo di valutare il prodotto, simili a quelli del passato. il restante 50 per cento e diventando cos lunica proprietaria. Cos si intreccia Ci sono delle sensibilit che si tramandano da operaio a operaio e sono quel la storia della famiglia Garofalo con la mia, Menna. Io praticamente sonovalore aggiunto che ci d la tecnica moderna. Il nostro prodotto rimasto nato nella pasta, mio padre faceva parte del consiglio di amministrazione eartigianale per la qualit immutata degli ingredienti di base che usiamo: ac- poi alla morte del signor Luigi Garofalo, gli eredi hanno voluto che fossi-qua e semola. Ci che cambiato negli anni nel processo di produzione la mo noi a rilevare lazienda proprio per il grande rapporto di fiducia e stimaprocedura legata allessicazione grazie allintroduzione dei ventilatori e degli che cera tra le due famiglie. La pasta una passione, viviamo di pasta e inapparecchi di riscaldamento, che tuttavia riproducono immutate le condizioni azienda tra di noi parliamo di pasta: se ci piace, se vogliamo modificare un ambientali della lavorazione manuale.44 INEWS INEWS 45

2. e nogastronomiaLapertura al mercato passa anche attraverso limmagine e il pastificio Garofalo ha iniziato un percorso in tal senso Quali? Con FOX abbiamo co-prodotto lAlchimia del Gusto, un cortometraggio sponsorizzando produzioni cinematografiche. di Edo Tagliavini con Alessandro Preziosi. Abbiamo interamente prodotto Liniziativa Garofalo firma il cinema una strategia Questione di gusti, di Pappi Corsicato, con Ennio Fantastichini e Iaia Forte. necessaria o frutto di unaltra passione oltre la pasta?Armandino e il MADRE stato il terzo cortometraggio dautore per Garo- falo firma il cinema, un cortometraggio di Valeria Golino con Esther Garrel, La presenza di Pasta Garofalo nel cinema nasce da una intuizione del diret-Gianluca Di Gennaro, il piccolo Denis Nikolic nel ruolo di Armandino e con tore commerciale Emidio Mansi, ma ormai consolidata.la partecipazione di Iaia Forte; ancora The Wholly Family scritto e diretto Ci piace sostenere il cinema e i giovani registi emergenti ed questo il senso da Terry Gilliam. Lultimo il corto Di l dal vetro con Erri De Luce e Isa dellaccordo che per primi abbiamo siglato con Cinecitt Holding - Istituto Danieli che vanta la rega davvero efficace di Andrea Di Bari. Il particolare Luce, allo scopo di firmare lopera prima di un regista emergente; inoltre, che accomuna tutti questi cortometraggi il magnifico paesaggio della citt per i ragazzi che del cinema vogliono fare la propria vita, abbiamo colla-di Napoli. borato con il Corso di Cinema di Gianni Canova, allo IULM di Milano, per realizzare un lungometraggio. Perch lo facciamo? Semplicemente perch ci Ingegnere Menna, Lei ha due figli: dove immagina il loro piace.futuro? In azienda? Tecnicamente si chiama product placement, ma per noi una passione che S, ho due figli, un ragazzo di 21 anni e una ragazza di 16 e per loro mi ci consente di raccontare storie allinterno delle quali possiamo raccontareinteressa soprattutto un futuro sereno. Poi potranno decidere liberamente che anche quella della nostra pasta. Poi da cosa nasce cosa e ci piaciuto a unstrada professionale scegliere e spero con la stessa libert con cui ho potuto certo punto co-produrre e produrre interi film.scegliere e decidere io. Ma ripeto, prima di ogni altra cosa auguro a loro la serenit.Quali sono gli aspetti pi complessi e nodali nella produ- Austria, Benelux, Brasile, Corea, Portogallo, paesi Scandinavi e Spagna. Es-zione della pasta? portiamo il 60 per cento della produzione: 30 per cento sul mercato estero conSicuramente il processo pi delicato quello dellessiccazione che varia marchio Garofalo, 30 per cento con altri marchi.da 4 a 20 ore a seconda del formato che trasforma limpasto da umido a sec-Il primo mercato extra europeo sono gli Stati Uniti, tra la Costa ovest e lareaco. Nel passato questo processo veniva effettuato allaperto, poi nelle stanze,newyorkese, 20 per cento garofalo e 13 per cento altri marchi. Un trendfino allautomazione delle linee continue negli anni 60. Il dottor Garofalo complessivo caratterizzato da 93mila tonnellate di vendita e 100 milioni diera un profondo conoscitore della storia della tecnologia della pasta per cuifatturato nel 2011.spiegava i segreti ai colleghi che gli chiedevano consigli sulle nuove tecnichedellessiccazione. Ancora oggi resistono i criteri di produzione legati alla fi-losofia di fare la pasta frutto delle particolari competenze di Luigi Garofalo La scelta di rispondere a esigenze di palati diversi, ha av-che lultimo depositario dei segreti dellarte bianca.viato la Garofalo verso un percorso di produzione anche per un target molto giovane: i neonati. Di che si tratta?Nel mercato italiano e mondiale della produzione della pa- Lesperienza e la flessibilit delle linee produttive della nostra azienda cista, che posto occupa il pastificio Garofalo e come si piani-d la possibilit di produrre per ogni mercato prodotti che, reinterpretandofica la collocazione tra il mercato interno e lexport? Qualila tradizione partenopea, rispondono al gusto e alle richieste locali attraversosono i Paesi esteri dove si concentra la Vostra esportazione una ricca gamma di formati. Fra le novit pi recenti introdotte in Italia ce con quali percentuali? La produzione del 2011? la linea denominata La Giostra dei Bambini, composta da prodotti dedicatiOggi, a pi di due secoli dalla nascita, il Pastificio Garofalo uno dei pi ai pi piccoli, fin dalla delicata fase dello svezzamento. Liniziativa nata daimportanti produttori di pasta a livello mondiale, infatti il quarto marchio una conversazione informale con un amico medico, pediatra e alimentarista,italiano sul mercato dopo Barilla, De Cecco e Divella. Dal suo stabilimento, Luigi Greco, professore ordinario dellUniversit Federico II di Napoli, chedove lavorano circa 146 addetti, escono ogni giorno prodotti destinati al mer- sostiene che bisogna finirla con i prodotti per neonati belli e pronti e pieni dicato europeo e americano. E naturalmente allItalia, dove il marchio stato additivi, il bambino gi a sei mesi si pu svezzare con la pasta, cos come laprotagonista di unimportante operazione di rilancio dal 2002. I paesi in cuicapretta piccolina, stando vicino alla mamma, mangia come lei lerba solo un presente la nostra pasta sono Stati Uniti, Inghilterra, Francia, Giappone, po pi morbida.46 INEWSINEWS 47