Il Diavolo a Palestrina

download Il Diavolo a Palestrina

of 291

  • date post

    05-Jan-2016
  • Category

    Documents

  • view

    30
  • download

    0

Embed Size (px)

description

Tesi di laurea sostenuta a Pisa nel 2013 sulla ricezione italiana del Dott. Faustus di Th. Mann. Studente: Giovanni Melosi

Transcript of Il Diavolo a Palestrina

  • Giovanni Melosi

    IL DIAVOLO A PALESTRINADella ricezione italiana del Doctor Faustus di Thomas Mann

    Hieronymus Bosch, Linferno musicale, particolare de Il giardino delle delizie, 1480-1490 ca.

  • DIPARTIMENTO DI FILOLOGIA, LETTERATURA E LINGUISTICACorso di Laurea Triennale in Lettere

    ELABORATO FINALE

    Il Diavolo a PalestrinaDella ricezione italiana del Doctor Faustus di Thomas Mann

    CANDIDATO RELATORE Giovanni Melosi Chiar.mo Prof. Luca Crescenzi

    ANNO ACCADEMICO 2012/2013

  • INDICE

    - Was ist das? I-VIII

    - Capitolo I: Prima del Doctor Faustus I.1 LItalia in Mann 1

    I.2 Mann in Italia 12

    - Capitolo II: Doctor Faustus II.1 Un romanzo complesso 23

    II.2 La prima ricezione in Italia (1947-1955) 41

    - Capitolo III: Il Doctor Faustus dopo la morte del suo autore III.1 Dallanno della morte al centenario della nascita (1955-1975) 89

    III.2 Sviluppi (pi o meno) recenti della critica 176

    - Bibliografia 274

    - Ringraziamenti 277

  • WAS IST DAS?

    Che cos?... Che... cos?... sono le prime, incerte parole pronunciate dalla

    piccola Antonie Buddenbrook nel romanzo che rese celebre Thomas Mann e che gli

    valse, diversi anni dopo, il premio Nobel, assegnatogli a Stoccolma il 10 dicembre del

    1929. La formula che apre I Buddenbrook, ripetendosi, nel corso del racconto, per ben

    ventidue volte, non soltanto un esempio del tipico utilizzo manniano del Leitmotiv;

    lo scrittore la mutua infatti dal Piccolo catechismo di Martin Lutero, dove essa viene

    utilizzata a mo di apertura per introdurre le successive spiegazioni ai Dieci

    comandamenti, ai tre articoli del Credo e al Padre Nostro1. In sostanza come se

    Lutero si immaginasse le domande dei piccoli bambini tedeschi, le prevenisse

    esordendo con esse, e infine vi rispondesse. Noi abbiamo deciso di fare lo stesso, ma

    in altro senso, cambiando per cos dire campo e prospettiva, passando da quella

    religiosa allaltra, pi consona ai nostri studi, critico-letteraria. Che cos, dunque,

    questo elaborato? potremmo dire a questo punto, e la domanda sarebbe completa.

    Ebbene, la tesi che seguir a questa breve introduzione intende essere uno studio

    riguardo alla ricezione critica italiana di uno dei romanzi pi importanti e conosciuti di

    Thomas Mann; con ci non alludiamo, come potrebbe venir fatto di pensare, ai

    sopracitati Buddenbrook, bens al Doctor Faustus, il libro della fine, il romanzo-

    saggio che lo scrittore tedesco compose negli Stati Uniti durante gli anni della seconda

    guerra mondiale e pubblic, sempre a Stoccolma, nellottobre del 1947.

    Fatta questa precisazione, non ci stupiremmo affatto se ci venisse posto un altro

    interrogativo, vale a dire il seguente: perch proprio il Doctor Faustus? La risposta,

    anche in questo caso, abbastanza semplice. Il Faustus va infatti considerato, il

    romanzo pi significativo scritto da Mann, cos come Adrian Leverkhn, che ne

    protagonista, , fra tutti i personaggi ideati dallo scrittore tedesco, quello cui lautore

    per sua stessa ammissione rimarr in assoluto pi legato. Ci significativo, poich

    testimonia quanto questopera intensamente sofferta, fortemente pessimista (ma non,

    lo vedremo, in tutto e per tutto), e a suo modo modernissima, fosse importante prima

    I

    1 Cfr. Luca Crescenzi, Notizie sui testi e note di commento. I Buddenbrook, nota 1, in Thomas Mann, Romanzi (vol. 1), Mondadori, collana i Meridiani 2007 (pag. 1269).

  • di tutto per lo stesso Mann, il quale, considerandola come una sorta di voluminoso

    epilogo della sua lunga e prolifica carriera di scrittore, ne fece un vero e proprio

    testamento poetico, una confessione, se si preferisce, recuperando per essa i temi pi

    cari dellintera sua produzione letteraria, ribadendo alcune sue linee di pensiero,

    ritrattandone altre, tentando, al tempo stesso, di fornire una propria chiave di lettura ai

    terribili eventi che avevano scosso il mondo negli anni immediatamente precedenti,

    eventi che lo riguardavano da vicino in quanto scrittore tedesco per antonomasia:

    dovera lui, l infatti andava cercata la vera Germania. Perci il Doctor Faustus va

    inteso innanzitutto come imponente affresco della Germania stessa, nonch del suo

    popolo, un popolo dannato e degenere da cui Mann, al pari del deuteragonista del suo

    romanzo, il narratore Serenus Zeitblom, si affretta a prendere le distanze, rimanendovi

    tuttavia intimamente legato. Non solo: la proficua collaborazione col filosofo-

    musicologo della scuola di Francoforte Theodor Wiesengrund-Adorno, anche lui

    esiliato e residente in California, permette allo scrittore tedesco di affrontare, sempre

    allinterno del Faustus, la vexata questio relativa allarte moderna, al problema

    dellespressione, alla crisi del linguaggio e delle forme tradizionali. Ecco perch il

    Doctor Faustus: perch in esso confluiscono temi storici, sociologici, psicoanalitici e

    artistici, la Germania, il nazismo, Nietzsche, Schnberg e la dodecafonia, Dio e il

    Diavolo, il bene e il male, in una parola: luomo, con tutta la sua irriducibile e atavica

    complessit.

    naturale che unopera di tale eterogeneit comporti reazioni eterogenee,

    interpretazioni diverse e spesso in contrasto fra di loro, giudizi che spaziano dal pi

    favorevole al meno lusinghiero. Un grande romanzo anche questo, o, per meglio

    dire, un romanzo per essere veramente grande deve sapersi prestare a sempre nuove

    chiavi di lettura, fornendo spunti inediti proprio quando si credeva di averli esauriti

    tutti. Il Faustus, come vedremo, si dimostrato capace di tutto ci, instaurando una

    sorta di dialogo ininterrotto con i tantissimi critici che, dopo averlo letto, sentirono il

    bisogno di esprimere il loro personale parere su di esso. Obiettivo del nostro lavoro

    mettere in luce proprio tale processo cos tipico di molti classici della letteratura, di

    quelli, almeno, che si dimostrano capaci di evolversi nel tempo, che possiedono la

    Introduzione

    II

  • miracolosa facolt di attualizzarsi, riflessa, questultima, nella diversa percezione che

    ne hanno i lettori di periodi storici differenti. Ma visto che non ci pareva il caso di

    cominciare lanalisi cos, ex abrupto - partendo cio dal 1947 -, e visto che, per nostra

    sfortuna, il Faustus rappresenta una delle ultime tappe della carriera del lubecchese,

    abbiamo preferito esordire con un capitolo che potremmo definire introduttivo. Anche

    perch, come accennato di sfuggita poco sopra, il panorama critico che prenderemo in

    considerazione solamente quello italiano, dove lutilizzo che abbiamo appena fatto

    del termine solamente davvero non rende giustizia alla quantit e qualit dei

    contributi saggistici stilati dai vari studiosi italiani.

    In Prima del Doctor Faustus cercheremo perci di svelare i legami intercorsi tra

    Mann e lItalia nei decenni precedenti luscita del romanzo faustiano, acch il lettore

    possa grosso modo comprendere quale fosse il rapporto fra lo scrittore tedesco e il

    nostro Paese. Nel primo dei due paragrafi, LItalia in Mann, tratteremo di vicende,

    luoghi e personaggi italiani presenti nelle opere maggiori e minori di Thomas Mann, e

    vedremo brevemente quale idea avesse il lubecchese del nostro popolo e della nostra

    terra. Nel secondo paragrafo, Mann in Italia, opereremo il processo inverso,

    occupandoci della prima ricezione manniana in Italia e soffermandoci, sempre

    brevemente, sui contributi pi importanti (per esempio il saggio di Mittner del 1936),

    sui pi discussi e controversi (alludiamo soprattutto alle polemiche sorte intorno a

    Mario e il mago e alla strumentalizzazione che la propaganda fascista fece della

    novella Sangue velsungo), o ancora su personalit alquanto significative come Lavinia

    Mazzucchetti e Benedetto Croce, veri e propri mediatori culturali e divulgatori

    quantomai preziosi delle opere del nostro.

    Arriveremo cos al secondo capitolo della presente trattazione, cui abbiamo dato il

    sobrio titolo Doctor Faustus. Anchesso al pari del precedente suddiviso in due

    paragrafi: in II.1, Un romanzo complesso, diremo la nostra su alcuni temi che ci sono

    parsi particolarmente importanti per una corretta analisi del romanzo, pronunciandoci

    sui personaggi principali della vicenda, sulla particolare tecnica compositiva utilizzata

    da Mann (la cosiddetta tecnica del montaggio), sugli imprestiti autobiografici e su

    quelli derivati da altre opere letterarie, fossero esse al momento della stesura gi

    Introduzione

    III

  • con