COSI’ E’ - .mio Tenco alla carrie-ra, intitolato a Luigi Tenco, noto cantauto-re ligure. La...

download COSI’ E’ - .mio Tenco alla carrie-ra, intitolato a Luigi Tenco, noto cantauto-re ligure. La carriera

of 20

  • date post

    22-Feb-2019
  • Category

    Documents

  • view

    217
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of COSI’ E’ - .mio Tenco alla carrie-ra, intitolato a Luigi Tenco, noto cantauto-re ligure. La...

di Lucrezia Iann

Questo "Magazine" stato realizzato nel percorso progettuale Creativi con . le parole, finalizzato a perseguire obiettivi e competenze linguisti-che e comunicative.

Dal momento che gli alunni provengono da contesti socio-culturali diversi sempre importante che la scuola attivi progetti di conoscen-

za ed uso della lingua italiana, delle sue strut-ture e delle tipologie testuali. Questanno, que-sta esperienza, purtrop-po di breve durata, ha contribuito, assieme agli apprendimenti discipli-nari, di competenza lin-guistica, in corso, a for-tificare la conoscenza specifica degli alunni, offrendo loro una vali-da opportunit di esplo-rare il variegato mondo dellinformazione, met-tendoli in condizioni di poter valutare anche con

Editoriale COSI E

personale, maturit e ruolo di cittadini attivi.

Due professori ame-ricani, Walter Wil-liam e Frank Lee Martin, scrissero che il giornalismo larte di raccogliere e presentare le notizie e i commenti relati-vi, informa, istruisce Il giornalista raccoglitore, difensore, compratore e venditore di notizie, giudice, tribuno, insegnante, inter-prete Nel suo pi alto senso il giornalismo non n un commercio n un affare bens una professio-ne: la professione dellin-terprete. (daIl qua-drato magico, volu-me unico, R. Zordan, Fabbri Editori, pag. 60).

E i nostri alunni, giornalisti in erba, ci hanno provato.

PROGETTO AREE A RISCHIO CREATIVA...MENTE MODULO CREATIVI CON ...LE PAROLE

Anno scol. 2016-17

momenti di sana iro-nia e divertimento. Lattivit ha coin-volto tutti gli alun-ni del corso e li ha proiettati in una esperienza metodo-logica e didattica nuova, anche perch attraverso luso per-sonale del compu-ter e della Lim cia-scun alunno si sentito protagonista ed artefice delle proprie scelte riso-lutive, stato impe-gnato a documen-tarsi e a dover ap-profondire temati-che e problemati-che valoriali e di attualit, facendo s che potesse percepi-re, attraverso la ste-sura di un articolo giornalistico, la fun-zione della cono-scenza, della espe-rienza e della in-formazione.

Gli alunni hanno,

sicuramente, miglio-

rato le competenze,

anche in una pro-

spettiva culturale e

tutto contribuisce

alla loro crescita

Finalmente ! Cos si

espresso Otello Pro-

fazio che dopo cin-

quantanni e pi, di

carriera, il cantauto-

re e cantastorie ca-

labrese, vince il pre-

mio Tenco alla carrie-

ra, intitolato a Luigi

Tenco, noto cantauto-

re ligure.

La carriera di Otello

Profazio iniziata nel

lontano 1953 e negli

anni Sessanta e Set-

tanta ha toccato le

note pi alte otte-

nendo gran fama e

celebrit.

Autore proficuo, dal

vastissimo repertorio,

ha collaborato con ec-

cellenti nomi dellarte

e della musica, tra cui

Rosa Balistreri, Luis E.

Bacalov, Ignazio But-

titta, Franco Trincale,

Mino Reitano e Rosan-

na Fratello. Ha dedi-

cato una sua opera

alla indimenticata

Gabriella Ferri.

La caratteristica

fondamentale della

sua musica definita

folk-revival la ri-

cerca e la mescolan-

za di ritmi antichi

con problematiche

di grande attualit:

loppressione, la ric-

chezza sfregiata, li-

gnoranza, il vittimi-

smo aggiungendo

nuove tematiche le-

gate ai fenomeni so-

ciali e culturali, can-

tando sempre con

ardore e denuncia.

Una delle sue ultime

canzoni La ballata

del bergamotto

presentata alla cit-

tadinanza catonese, il

9 maggio 2016, al

Centro Civico di

Arghill, in occasione

di un evento organiz-

zato dalla scuola

2

FINALMENTE ! PREMIO TENCO AD OTELLO PROFAZIO Omaggio ad un autore Calabrese

C R E ATI VI CO N L E PA RO LE

Radice-Alighieri . La

speranza di Otello, pa-

ladino della Calabresi-

t, che attraverso la

rinascita e la riscoper-

ta del bergamotto

reggino, possa passare

una nuova immagine di

Reggio e di tutta la

Calabria. Bravo Otello !

Siamo pronti ad ap-

plaudirti sempre.

di Emanuele Repaci

16

Di Sofia Musarella

La violenza contro le donne pur-troppo argomento di grande attualit, anche perch quo-tidianamente sia-mo informati di giovani donne morte ammazzate oppure sparite nel nulla.Il fenomeno assume molteplici aspetti: violenza psicologica, econo-mica , stalking , sebbene quella fi-sica sia la pi facile da riconoscere. Non esiste un profi-lo della donna-tipo che subisce violen-za.

Le vittime e i loro aggressori appar-tengono a tutte le

classi sociali o cul-turali e a tutti i ceti economici, i rischi di subire senza po-terne uscire sono maggiori con i fa-miliari, i mariti e i padri seguiti dagli amici, dai vicini di casa, da cono-scenti stretti e col-leghi di lavoro o di studio.

Fonti Istat 2014-2015 rilevano che La violenza contro le donne un fe-nomeno ampio e diffuso: 6 milioni e 788mila donne hanno subito for-me di violenza fisi-ca e sessuale, le straniere ne subi-scono in misura simile a quella del-le italiane,ma in

maggior misura so-no le donne rume-ne,moldave e ucrai-ne;i partner attuali o gli ex commetto-no le violenze pi gravi;il 10,6% delle donne subisce vio-lenze sessuali pri-ma dei sedici an-ni;le donne divor-ziate subiscono vio-lenze fisiche e ses-suali in misura maggiore rispetto alle altre.

Tuttavia,negli ultimi 5 anni,le violenze fisiche e sessuali sono passate dal 13,3% al 11,3%,grazie alla capacit delle don-ne di reagire, pre-venire o combatte-re il fenomeno de-nunciando, facen-

3

STOP ! VIOLENZA ALLA DONNA do parte di associazio-ni o telefonando ai nu-meri di assistenza e segnalando alle forze dellordine. Sono in calo anche le violenze fisiche e ses-suali per quanto ri-guarda i casi dei part-ner e degli ex part-ner,soprattutto per le studentesse che arri-vano al 11,9% nel ca-so degli ex partner, al 24% da partner attuale e al 22% da non part-ner, in calo anche la violenza psicologica .

Questo brano pu contene-

re 75-125 parole.

La selezione di immagini ed

elementi grafici un pas-

saggio importante in quanto

questi elementi consentono

di aggiungere impatto alla

pubblicazione.

Analizzare l'articolo e valu-

tare se le immagini inserite

sono coerenti con il mes-

saggio che si desidera tra-

smettere. Evitare immagini

che risultino fuori contesto.

In Microsoft Publisher sono

disponibili migliaia di imma-

PAGIN A 4

BULLISMO ? NO GRAZIE.

legge, esistono osservatori di ascolto, strutture educative, figure di riferimento

e di aiuto per i ragazzi e le famiglie vitti-

me; quello che conta parlarne, non

sentirsi soli ed isolati, in un labirinto sen-

za via d uscita perch ci porta, in casi

gravi, a rinunciare a vivere e purtroppo

sono tanti i casi di giovani che hanno fat-

to questa scelta. Facciamo la scelta giu-

sta, diciamo no!

Il bullismo un grave fenomeno di pre-

potenza, conosciuto e diffuso tra i gio-

vani, il termine deriva da bullying che si

pu intendere, costringere qualcuno a

fare qualcosa con minaccia.

Il ragazzo bullizzato porter i segni

della violenza per tutta la vita. Il bulli-

smo caratterizzato da alcuni fattori: la

presenza di un bullo, colui che esercita

il potere attraverso laggressivit pro-

pria; la paura altrui e la prevaricazione;

la presenza di una vittima, vulnerabile

dal punto di vista fisico e psicologico;

lintenzione di causare del male, lasso-

luta mancanza di compassione e la si-

stematica ripetitivit.

Secondo Dan Olweus, studioso del fe-

nomeno uno studente oggetto di

azioni di bullismo, ovvero vittimizzato,

quando viene esposto, ripetutamente

nel corso del tempo, alle azioni offensi-

ve messe in atto da parte di uno o pi

compagni.

Il bullismo si pu manifestare in diversi

modi: bullismo diretto, attraverso ag-

gressioni, estorsioni, ricatti, limitazione

della libert; bullismo verbale, attraver-

so insulti, minacce, derisioni ed umilia-

zioni; bullismo indiretto, attraverso

esclusione dal gruppo, calunnia, falsit,

stato danimo di diversit od inferiorit;

bullismo elettronico o cyberbullismo, at-

traverso chat, social network, video,

sms, e-mail, con contenuti offensivi e

lesivi.

Tutte le forme di bullismo recano gravi

danni sia fisici che psicologici al giova-

ne bullizzato.

In Italia il fenomeno perseguito dalla

C R E ATI VI CO N L E PA RO LE

Di Christian Iann Gianluca Barresi

Il 29 settembre 1994 il giovane Ni-

cholas Green, ha sette anni ed in

vacanza, con la sua famiglia, sono

turisti americani, stanno percorrendo

l autostrada A3, Salerno-Reggio Cala-

bria, in p