Corrosion recensione

download Corrosion recensione

of 5

Embed Size (px)

description

 

Transcript of Corrosion recensione

Corrosion Cold Winter Waiting unavventura molto diversa da quelle a cui siamo abituati

Corrodere: consumare a poco a poco con azione incessante (Sec. XIV, Z. Bencivenni) disgregare, sgretolare, erodere (1688 V. Viviani).

Dal latino corrdere (comp. di con- e rdere), col derivato tardo corrsione.

9 febbraio 2012. Viperante Creative media, alias Daniel Lee Peach, giovane sviluppatore indipendente britannico residente nello Yorkshire, comunica il rilascio del suo secondo progetto: Corrosion Cold Winter Waiting. (http://www.coldwinterwaiting.com/index.htm)

Ho un debole per il genere horror, e seguivo con ansia gli sviluppi di questa avventura fin dai tempi in cui ne lessi unanteprima su Punta e Clicca.it nel 2007.

Appena ricevuta la notizia che il gioco era finalmente stato rilasciato lho acquistato subito e giocato tutto di un fiato, senza pause.

Nonostante lo abbia terminato gi da alcuni giorni, con il pensiero continuo a passare le mie notti alla Cold Winter Farm, nella nostalgia di una delle pi strabilianti avventure del suo genere che abbia mai giocato.

Lantefatto al gioco, presentato in forma di suggestivo slide-show allinizio dellavventura, descritto nel comunicato stampa di Viperante e Tri Synergy, la compagnia che ne cura la distribuzione:

Deacon Oaks una cittadina pacifica, il cui sceriffo Alex Truman conduce una vita tranquilla recuperando cani smarriti, dirimendo dispute tra vicini e riaccompagnando a casa qualche occasionale ubriaco. Dovrebbe esserne felice, ma la monotonia lo logora poco a poco, e nella sua mente si fa strada il desiderio che accada qualcosa di nuovo, di eccitante.

In una fredda sera di novembre la sua aspirazione inespressa viene esaudita; guidando la sua macchina investe un uomo comparso improvvisamente in mezzo alla strada. Alex rimane illeso, ma lo sconosciuto riporta numerose fratture e viene ricoverato in ospedale. Nessuno sa chi sia n da dove sia venuto, e non sar facile scoprirlo in quanto luomo chiuso in un mutismo ostinato. Alex al colmo delleccitazione: finalmente si imbattuto in un evento misterioso! Ma la sua gioia sar di breve durata

Luomo non identificato viene trasferito in un ospedale psichiatrico e a Deacon Oaks tutto torna alla normalit fino a quando, due mesi dopo, Alex riceve una chiamata con cui viene informato che luomo della strada ha finalmente parlato. Tre parole in tutto, ripetute ossessivamente: Cold Winter Farm Cold Winter Farm Cold Winter Farm

Alex non ha idea di cosa luomo intenda dire, ma conosce il luogo a cui si riferisce: la Cold Winter Farm un casale di campagna che si trova appena fuori citt. Il caso misterioso viene riaperto ed Alex vuole sondarlo fino in fondo. Il problema che la zona sta per essere travolta dalla peggior tempesta verificatasi negli ultimi cinquantanni ed Alex non ha alcuna speranza di andare e tornare prima che la bufera raggiunga Deacon Oaks, ma questo non potr fermarlo; il suo unico irresistibile impulso, al di l di qualunque considerazione raziocinante, scoprire lidentit dello straniero. Prende le chiavi della macchina e si mette in viaggio.

In capo a dieci minuti raggiunge la fattoria ed inizia ad esplorarla, ma la furia della tempesta sradica una quercia che, cadendo sulla casa, lo intrappola in cantina. Come si dice, non tutto il male viene per nuocere: il crollo del muro scopre un passaggio nascosto alla fine del quale si trova un ascensore che conduce ad un sotterraneo. Alex avverte una sgradevole sensazione di pericolo, ma il desiderio di trovare risposte pi forte della paura entra nellascensore e si lascia trasportare nelle viscere delledificio.

Cosa lo aspetta laggi? Riuscir a scoprire lidentit dello straniero e il motivo per cui si trovava di notte in mezzo alla carreggiata in pieno inverno? Comprender la ragione del suo mutismo durato due lunghi mesi? E ammesso che trovi delle risposte, saranno risolutive o apriranno ulteriori interrogativi, angosciosi al limite dellimmaginazione?

Lo sceriffo, come personaggio, verr presto dimenticato. Entrando in quellascensore il giocatore varcher le soglie dellinferno stesso, e dal quel momento il senso di ci che vedr attraverso gli occhi di Alex verr filtrato unicamente dalle sue personali capacit deduttive, dal proprio bagaglio ideologico e dal proprio intuito.

Corrosion un gioco molto diverso da quelli a cui siamo abituati, la cui tendenza fornire tutte -o quasi- le risposte che il giocatore si aspetta o, come unica alternativa, condurre a finali aperti, diversificati a seconda delle scelte intraprese. Il tessuto di questa avventura provoca interrogativi devastanti ma non concede risposte, e questa la sua peculiarit: lascia al giocatore il compito di rispondere alle proprie domande fornendo un patchwork di indizi che gli permetta di elaborarle. Nel suo realismo sconcertante, la vicenda avr termine prima che tutti i misteri vengano svelati. Una scelta estremamente logica e plausibile, dato che nei panni dellunico testimone di ci che avvenuto dietro la tranquilla facciata di una residenza di campagna, il giocatore vedr esclusivamente ci che ha visto il suo alter ego: un uomo rimasto involontariamente intrappolato nei sotterranei della casa, il cui pi pressante desiderio, di fronte a scoperte emotivamente insostenibili, trovare una via duscita e fuggire pi veloce del vento.

A questo proposito voglio riassumere un significativo brano dellintervista rilasciata da Daniel Lee Peach a Karla Munger di Just Adventure.

(http://www.justadventure.com/article/93/interviews-corrosion-cold-winter-waiting-developer-daniel-lee-peach)

() In Corrosion lo sceriffo non parla mai. Alex funge da contenitore per il giocatore che lo impersona in quel preciso momento della sua vita, come se ci che accade stesse accadendo a s stesso e fosse lui a trovarsi nei sotterranei della Cold Winter Farm.

Nel progetto iniziale lo sceriffo commentava ci che scopriva, usava il telefono per comunicare con persone allesterno e in alcuni momenti riassumeva la storia e manifestava verbalmente le proprie reazioni emotive.

In seguito ho abbandonato questo approccio, pensando che un gioco in prima persona debba concedere al giocatore la sensazione di vivere lesperienza individualmente e non attraverso la mente del protagonista. Ho pensato che un personaggio che suggerisce le risposte prevarica la facolt del giocatore di ragionare con la sua testa.

Cos ho deciso di eliminare tutti i commenti e lasciare il giocatore incondizionatamente libero di riflettere sulla vicenda in base alle informazioni raccolte e trarre le proprie conclusioni.

Naturalmente, per poter avanzare nel gioco, in alcuni punti sar necessario che le informazioni siano pi esplicite, ma le reazioni saranno esclusivamente individuali: il giocatore potr rimanere sconvolto, stupito, indifferente, o in qualunque stato danimo gli suggerisca il proprio istinto senza essere pilotato dalle reazioni del personaggio. Giocando dovrete avere la sensazione di trovarvi effettivamente in quel sotterraneo e scoprire progressivamente quanto vi avvenisse.

Posso confermare che lautore ha raggiunto in pieno il suo obiettivo! I dieci giorni che ho trascorso nei sotterranei della Cold Winter Farm sono stati tra i pi coinvolgenti che abbia mai vissuto durante lo svolgimento di unavventura, esplorando avidamente ogni angolo e leggendo pi volte ogni singolo documento, nella speranza di trovare qualche indizio che mi permettesse di aprire laccesso a nuove locazioni e scoprire nuovi sviluppi delle vicende che si erano svolte tra quelle mura.

Corrosion Cold Winter Waiting un gioco straordinario sotto tutti i punti di vista e, a mio parere e nel suo genere, un autentico capolavoro, un fuoriclasse.

Unavventura in cui la classica e tutto sommato rassicurante paura viene sopraffatta dal disagio, un disagio cos profondo da far drizzare i capelli in testa e gelare il sangue.

Corrosion agghiacciante, sia per lambientazione spartana e gelida in cui si articola interamente sia per le sue implicazioni, in cui attraverso una serie di diari veri protagonisti del gioco - redatti da personaggi dietro le quinte, vengono mostrati in tutta la loro crudezza i pi scabrosi e inquietanti abissi della psiche.

Si sar testimoni dellinferno intangibile che alberga nelle menti corrose dai peggiori eventi esistenziali, in cui prolificano pulsioni atte a giustificare le azioni pi aberranti e ad erigere inferni ben pi concreti e senza riscatto, destinati ad appagare brame di conoscenza e potere quanto odio incondizionato e sete di vendetta.

Il cammino allucinante del giocatore si snoda, su strade parallele, sia attraverso gli oscuri corridoi di un labirinto in muratura sia attraverso i tortuosi percorsi dei labirinti della mente, proiezioni luno degli altri, i cui processi corrosivi generano mostri e demoni.

Se questi demoni siano reali o immaginari sar il giocatore a doverlo decidere.

Purtroppo devo fermarmi, perch i limiti concessi ad una recensione non mi permettono di andare oltre.

Per descrivere la struttura e la confezione del gioco mi vengono in mente due concetti: equilibrio e misura.

Corrosion scorre sui binari di una misura rigorosa, difficile da associare ad un autore tanto giovane ed al suo esordio nel mondo delle avventure. Le vicende avvenute nei luoghi dellesplorazione vengono narrate, in modo solo occasionalmente esplicito, attraverso gli scritti dei personaggi che ne sono stati protagonisti e scarne registrazioni prive di immagini, recuperate dallarchivio del sistema di sicurezza. Ascolteremo le voci di alcune tra le persone che hanno vissuto in quel luogo senza vedere mai i lor