TRASMUTAZIONI RAFAEL · PDF file 2019. 11. 27. · Rafael Espada is a versatile...

Click here to load reader

  • date post

    13-Feb-2021
  • Category

    Documents

  • view

    3
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of TRASMUTAZIONI RAFAEL · PDF file 2019. 11. 27. · Rafael Espada is a versatile...

  • RAFAEL ESPADA TRASMUTAZIONI

  • 3

    via statuto 13 20121 milano

    www.statuto13.it [email protected] +39 02 36559443

    in mostra presso la Galleria dal 27 Gennaio al 9 Febbraio orari di apertura al pubblico dal martedì al sabato dalle 11:00 alle 19:00

    PROGETTO GRAFICO Maddalena Gesess

    TESTI A CURA DI Massimiliano Bisazza

    AUTORE DELLE OPERE Rafael Espada

    in copertina -dettaglio- Senza titolo 2013 18x8x7 cm scultura

    GALLERIA D’ ARTE CONTEMPORANEA

    “Si dice che non vi sia nulla di fermo, di stabile, di duraturo, in tutto l’universo: che niente rimanga nel suo stato; che ogni giorno, ogni ora, ogni istante, portino un cambiamento.” (cit. Frank Herbert)

    Rafael Espada è un artista poliedrico, innovativo e intenso nella sua concettualità quanto nella spon- taneità artistica.

    Le sue opere sono composte da elementi materici e polimaterici dove gli oggetti utilizzati e scelti accuratamente per la composizione artistica delle sue opere sono decontestualizzati per procedere al riutilizzo - secondo una matrice tipicamente ascrivibile a uno stile tutto volto al new-dada - degli stessi tramite un complesso procedimento di assemblaggio. Il rimando a citazioni colte si commisura sapientemente a neo-immagini esemplificative del suo percorso cerebrale e intellettuale.

    TRASMUTAZIONI

    “It is said that there is nothing firm, stable, lasting, throughout the universe: that nothing remains in his state; that every day, every hour, every moment, bring a change. “ (Cit. Frank Herbert)

    Rafael Espada is a versatile artist, innovative and intense in its conceptualism as in artistic sponta- neity.

    His works are composed of material elements and mixed media where objects used and carefully chosen for the artistic composition of his works are decontextualized to proceed to the re-use of a new-dada matrix; the same through a complex assembly process. The reference to erudite citations is measured carefully at recent and intellectual images example in of his brain.

    TRANSMUTATIONS

  • 4 5

    Totalmente estraneo alla mistificazione dell’opera d’arte in sé, Espada dialoga con il fruitore non solo con l’opera finita ma con ogni singolo utensile impiegato. La “riscoperta” è a lui congeniale, tanto da ricollocare un manufatto in un ambito totalmente diverso da quello per il quale era stato creato e inventando una nuova realtà, parallela e dedita alla pura creatività.

    Il procedimento della scelta e dell’assemblaggio sono spesso del tutto casuali e incentivati dal puro istinto che è insito nell’artista e che rende entrambi affascinanti al contempo.

    Direi che la ricerca è un elemento fondamentale per comprendere l’arte di Rafael Espada: ricerca del- la e nella materia, ricerca concettuale, ricerca sperimentale Esse si dipanano di fronte all’osservatore lasciandolo attonito e meravigliato da tanto impulso “genial-cerebrale”.

    Sintomo di maturità anche della personalità è l’atteggiamento ludico e ironico che Rafel Espada attua su ciò che incombe verso di noi con messaggi subliminali sottesi all’intuizione di chi osserva le sue creazioni artistiche. Per esempio ritrovo spesso un rimando all’idea del “consumo” di un oggetto, a quella della continuità nel tempo; metafore di idee complesse che sfociano in una gestualità che ha sfumature edonistiche e paradossalmente potenti.

    La necessità di un superamento di quelli che sono i classici schemi predefiniti (in arte o a livello filan- tropico) è un leit motiv incipiente che preannuncia l’amore incontrastato dell’artista Espada per la for- ma tanto quanto quello persistente che nutre verso un’autentica forma di astrazione minimale e pura.

    La visione d’ensemble risulta piacevolmente emotiva ed emozionale e ci conduce direttamente - e senza passare dal “Via” - ad una manifestazione di straordinaria personalità che emerge in ogni singolo lavoro.

    Cibi inscatolati, posate, chiodi, materiali tecnici usati nell’industria aeronautica - nella quale lo stesso Espada ha lavorato per lungo tempo e che è per lui fonte di ispirazione - calzature, reti, posateria ... ogni oggetto è un utile strumento di ispirazione ed è causa voluta di una creatività che è fedele solo a se stessa. Metamorphosis, metamorpheo, dicevano gli antichi : ecco l’idea della Trasmutazione di un oggetto in un altro; l’opera d’arte che contiene sfaccettature, vite vissute e quel clamore che Espada non ricerca per sua natura, ma solo perché sinceramente spinto dal sentimento della sperimentazione e della mutazione.

    “In nova Fert animus mutatas dicere formas corpora. Di coeptis (nam vos mutastis et illas) “ “L’estro mi spinge a narrare di forme mutate in corpi nuovi. Oh dèi (anche queste trasformazioni furono pure opera vostra)”

    (Ovidio, Le metamorfosi, I.1-2)

    Totally foreign to the mystification of the work of art in itself, Espada talks to the user not only with the finished work but with every single tool used. The “rediscovery” is congenial to him, much to replace a product in an environment totally different from that for which it was created and inventing a new reality, parallel and dedicated to pure creativity.

    The process of selection and assembly are often completely random and encouraged by pure instinct that is inherent in the artist and that makes both fascinating at the same time.

    I would say that research is a key to understanding the art of Rafael Espada: search and matter, conceptual research, experimental research, they unfold in front of the viewer leaving him stunned and amazed by so much impetus “genial-brain”.

    Sign of maturity of personality is also the attitude playful and ironic that Rafel Espada implements what looming toward us with subliminal messages underlying the intuition of those who observe his artistic creations. For example often I find a reference to the idea of the “consumption” of an object, to that of the continuity in time; metaphors of complex ideas that result in a gesture that has shades hedonistic and paradoxically powerful.

    The need to overcome those who are the classic predefined (in art or philanthropic level) is a leitmotif that heralds incipient love undisputed artist Espada for the form as much as the persistent nurturing towards a true form of minimalist and pure abstraction.

    The vision of ensemble pleasantly emotional and emotional and leads us directly - and without going through the “Via” - a demonstration of the extraordinary personality that emerges in every single job.

    Canned foods, utensils, nails, technical materials used in the aviation industry - in which the same Espada has worked for a long time and that is for him a source of inspiration - footwear, networks, cutlery ... each object is a useful inspiration and it is desired because of a creativity that is faithful only to itself. Metamorphosis, metamorpheo, the ancients said here is the idea of transmutation of an object to another; the work of art that contains facets, lives lived and the clamor that Espada not looking by nature, but only because they genuinely driven by the feeling of experimentation and mutation.

    “In nova Fert animus mutatas dicere formascorpora. Of Coeptis (nam et vos mutastis illas) “ “The talent pushes me to tell of mutated forms in new bodies. Oh gods (these transformations were also your work) “

    (Ovidio, Le Metamorfosi, I.1-2)

  • 6 7

    ALLEGORIA IN ROSSO 2007

    210x28x6 cm tecnica mista su legno

    ALLUMINIUM 2007 80x1,2x12 cm tecnica mista su legno

  • 8 9

    CARTELLONE E PIOMBO 2010

    30x30x3,5 cm tecnica mista su tela

    CONCETTO PLASTICO 2008 24x24 cm tecnica mista su legno

  • 10 11

    INCROCCIO 2010

    30x30 cm tecnica mista su tela

    LANE 2007 40x40 cm tecnica mista su tela

  • 12 13

    MONOLITE SU BIANCO 2007

    19,5x20x2 cm tecnica mista su legno

    MORPHOLOGIE ROSES 2008 50x70 cm acrilici su tela

  • 14 15

    PACCO FOGLI E METALLO 2010

    22x28x5 cm tecnica mista su legno

    PLASTIQUE BLEU 2008 50x70 cm acrilici su tela

  • 16 17

    PUNTA Y TACO 2 2004

    23x29 cm tecnica mista su legno

    SENZA TITOLO 1 2015 20x20 cm tecnica mista su tela

  • 18

    SENZA TITOLO 2013

    18x8x7 cm scultura

    SENZA TITOLO 2 2015 20x20 cm tecnica mista su tela

  • 20 21

    SENZA TITOLO 2 1989

    24,5x22,5 cm tecnica mista su cartone

    SENZA TITOLO 1989 24,5x22,5 cm tecnica mista sucartone

  • 22 23

    SENZA TITOLO 2014

    24x30 cm stellina bruciata

    SENZA TITOLO 3 2015 20x20 cm tecnica mista su tela

  • 24 25

    SENZA TITOLO 2014

    30x30 cm tecnica mista su tela

    SENZA TITOLO 2014 30x30x4 cm tecnica mista

  • 26 27

    SENZA TITOLO 2013

    33x33x36 cm scultura

    SENZA TITOLO 2014 35x25 cm tecnica mista su tela

  • 28 29

    SENZA TITOLO 2015

    40x20 cm tecnica mista su tela

    SENZA TITOLO 2014 40x40 cm tecnica mista su tela

  • 30 31

    SENZA TITOLO 2013

    40x40 cm tecnica mista su tela

    SENZA TITOLO 2012 60x80 cm tecnica mista su tela

  • 32 33

    SENZA TITOLO 2014

    80x80 cm tecnica mista su tela

    SENZA TITOLO 2011 70x100 cm tecnica mista su tela

  • 34 35

    SENZA TITOLO 2013