SCUOLA DELL’INFANZIA PARITARIA ISTITUTO MADRI ?· SCUOLA DELL’INFANZIA PARITARIA ISTITUTO...

download
  • date post

    24-Feb-2019
  • Category

    Documents
  • view

    212
  • download

    0

Embed Size (px)

transcript

1

SCUOLA DELLINFANZIA PARITARIA

ISTITUTO MADRI PIE

15076 OVADA (AL) - Via G. D. Buffa 6 -Tel: 0143/80360 Fax: 0143/1870024 C.F. 02487540581

www.istitutosantacaterinamadripie.it e-mail ist.santacaterina@gmail.com

Per lanno scolastico 2016/17 la Scuola dellinfanzia propone un percorso didattico che rappresenta un viaggio nel mondo dei pirati che

permetter ai bambini di vivere esperienze motivanti e dare senso e significato alle nuove scoperte.

In questa fantastica avventura ogni bambino dovr rispettare il codice donore dei pirati dopo aver fatto il giuramento.

Il galeone con tutto il suo equipaggio sar impegnato in un viaggio su diverse isole, scoprendo di volta in volta qualcosa di nuovo.

Imparare e stare bene insieme agli altri rappresentano il vero TESORO!

2

I DISCORSI E LE PAROLE

COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Imparare a imparare Comunicazione nella madrelingua Consapevolezza ed espressione culturale

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino: sa esprimere e comunicare agli altri emozioni, sentimenti, argomentazioni attraverso il linguaggio verbale; ragiona sulla lingua, usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico; ascolta e comprende narrazioni, racconta e inventa storie, chiede e offre spiegazioni; si avvicina alla lingua scritta, esplora e sperimenta prime forme di comunicazione attraverso la scrittura.

Giochi con suoni e parole, racconti ed esperienze di mondi sonori e grafici, ricchi di codici convenzionali e una musicalit vivace e creativa, accompagnano il bambino in questo percorso specifico di conoscenza della lingua parlata e scritta. Una metodologia metacognitiva far riflettere i bambini su ci che si pronuncia, si legge e si scrive, e attraverso il confronto costruttivo ciascuno evolver nel personale processo di concettualizzazione. Con la collaborazione dei genitori, offriamo un contesto attento alla lettura e sosteniamo la fiducia e lautostima del bambino, nel rispetto dei tempi di ciascuno.

OTTOBRE-DICEMBRE: SUONI, PAROLE, SEGNI

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVIT

OTTOBRE

2016

Suoni e segni intorno

PAROLE CHIAVE:

Storie

Lettura

Onomatopee

ANNI 3

Ascoltare, osservare e descrivere differenti

situazioni.

ANNI 4

Riconoscere e distinguere suoni

onomatopeici.

ANNI 5

Rappresentare graficamente situazioni

sonore.

Formulare scansioni sillabiche.

La conoscenza del mondo Esplorare suoni nellambiente nel rispetto di

alcune regole condivise.

Leggiamo alcune Storie piccine (di V. Fiorentino,

Giunti Junior) e giochiamo a riconoscere gli

ambienti sonori, a rappresentare suoni e parole.

Andiamo a esplorare la scuola e il giardino con

speciali raccogli-suoni. Condividiamo pensieri e

scritture spontanee nel rispetto delle reciproche

differenze e cantiamo una simpatica filastrocca

onomatopeica. Divertiamoci a trasformare lattivit

di esplorazione in una storia piccina tutta nostra.

Con i pi grandi allestiamo lambiente con

etichette, didascalie e nomi.

NOVEMBRE

2016

Il mio nome ...

PAROLE CHIAVE:

Rime

Sillabe

ANNI 3

Riconoscere somiglianze e differenze sonore

tra il proprio nome e altre parole.

ANNI 4

Riconoscere le sonorit sillabiche del proprio

nome.

ANNI 5

Associare alla sillaba finale di alcune parole

altre in rima.

Associare alla scansione sillabica udita del

Un saggio albero custodisce tra i suoi rami dei

tesori. Sono immagini di oggetti e foto di

bambini. Perch? Che cosa avranno in comune

con la storia? Nominiamo e scriviamo etichette

di nomi, confrontiamo suoni e grafie: in cosa si

assomigliano? Ci sono suoni uguali? Ci sono

scritture uguali? Giochiamo con le immagini dei

personaggi della storia e con le somiglianze

sonore. Per i pi piccoli allestiamo speciali

3

proprio nome quella presentata visivamente.

Immagini, suoni, colori Tracciare segni e riprodurre figure.

percorsi motori. Raccogliamo le parole che

hanno sillabe in comune con il nome proprio del

bambino per allestire un nido di tesori.

Raggiungiamo il Saggio Albero per festeggiare

tutte le nostre abilit linguistiche.

DICEMBRE

2016

Con parole e simboli

PAROLE CHIAVE:

Natale

Emozioni

ANNI 3

Riconoscere parole positive che riguardano

lamicizia.

ANNI 4

Individuare e rappresentare gli opposti.

ANNI 5

Paragonare situazioni del racconto alla propria

esperienza.

Compiere prime letture e scritture spontanee.

La conoscenza del mondo Individuare caratteristiche percettive.

Leggiamo una filastrocca inventata insieme ai

bambini ispirata alla storia di J. Cav La stella pi

alta. Il personaggio, un ragno, esprime le sue

preferenze, le sue emozioni, i suoi desideri.

Ascoltiamo una musica classica, esprimiamo i

nostri sentimenti. Costruiamo tele di ragno colorate

dove raccogliere i nostri pensieri. Appendiamo

simpatici ragnetti ed emoticon al nostro speciale

albero della scuola.

GENNAIO-APRILE: MESSAGGI, FRASI, RACCONTI

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVIT

GENNAIO

2017

Il gioco della posta

PAROLE CHIAVE:

Comunicazione

Scritture spontanee

Funzioni della lingua

ANNI 3

Riconoscere modi diversi di comunicare

ANNI 4

Discriminare comunicazioni verbali e

simboliche.

ANNI 5

Riflettere sulla funzione comunicativa della

lingua e del codice scritto.

Formulare e comprendere messaggi verbali e

simbolici.

Il s e laltro Condividere ed esprimere sentimenti ed

emozioni.

Raccontiamo la storia di un simpatico bambino che

manda un messaggio a unamica. Esploriamo le

funzioni della lingua: strumentale del voglio,

regolatrice del fai come ti dico, interattiva del ciao

come stai, personale del mi piace, ti voglio bene ed

euristica del dimmi cos o perch. Giochiamo a

raccogliere tante cartoline e avviamo catene di parole

affettuose. Produciamo scritture spontanee e

realizziamo speciali francobolli.

Verso la primaria: giochiamo a realizzare una cartolina da inviare a un compagno della primaria e riflettiamo su

come fatta e su che cosa dobbiamo scrivere.

FEBBRAIO

2017

Al supermercato

PAROLE CHIAVE:

Gioco simbolico

Lettura

Scrittura

ANNI 3

Riconoscere alcuni simboli e codici

convenzionali.

ANNI 4

Familiarizzare con i codici convenzionali della

letto-scrittura.

ANNI 5

Discriminare, associare, riprodurre e produrre

parti di parole e intere scritte.

Riconoscere i diversi usi sociali di lettura:

libro, giornale, etichette, cifre.

Il s e laltro

Interagire nel gioco nel rispetto dei materiali e

dei ruoli reciproci.

Guardiamo il cartone animato La spesa di Peppa

Pig o raccontiamo la storia. Organizziamo con varie

modalit, tutte originali, il gioco del supermercato a

scuola.

Con i bambini pi grandi organizziamo in sezione

una caccia ai codici. Lasciamoli liberi di muoversi e

di recuperare oggetti, immagini, etichette.

Classifichiamo il materiale e domandiamoci: a cosa

serve? Dove si compera?

Verso la primaria: immaginiamo un supermercato

davvero speciale... i suoi scaffali classificano i

prodotti non per tipologia ma per nome. Giochiamo

a riempire gli scaffali con nomi di prodotti che

incominciano per alcuni gruppi consonantici e

anche per vocale...

4

Pa\Pe Bi\Bu De\Do Ma\Mi Ba\Be La\Li Sa Zu

oppure A,U... sar divertente giocarci.

MARZO

2017

In biblioteca

PAROLE CHIAVE:

Libri

Prestito

ANNI 3

Sviluppare interesse per le narrazioni e la

lettura di libri.

ANNI 4

Riconoscere alcune lettere e distinguerle dai

numeri.

ANNI 5

Sviluppare la competenza fonologica profonda

del proprio nome.

Riconoscere la sequenzialit logica delle

parole: la frase.

La conoscenza del mondo Esplorare luoghi del territorio e riconoscerne

la funzione.

Svuotiamo gli scaffali del supermercato...

immaginiamo di riempirli di parole... come fare?

Dove sono contenute le parole? Come possiamo

raccoglierne tante, tante... Dove andare? Con i

bambini ipotizziamo le possibili soluzioni.

Proponiamo la lettura di un racconto su una visita

a una biblioteca; poi organizziamo luscita didattica

alla biblioteca di quartiere e coinvolgiamo i genitori

per andare con i loro bambini a chiedere in prestito

i libri.

Verso la primaria: riflettiamo sulle parti del libro:

copertina; dorso; posizione rispetto al lettore; lo

scorrimento delle pagine; la forma de