Nota integrativa al bilancio consolidato 2020...Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 1 NOTA...

of 43 /43
Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 1 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSOLIDATO 30/06/2020

Embed Size (px)

Transcript of Nota integrativa al bilancio consolidato 2020...Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 1 NOTA...

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 1

    NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO

    CONSOLIDATO 30/06/2020

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 2

    SOMMARIO

    CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO VETRYA S.P.A. ............................................ 4

    ORGANI DI AMMINISTRAZIONE SOCIETÀ CONTROLLATE .................................................................. 5

    NOTA INTEGRATIVA ........................................................................................................................ 7

    INFORMAZIONI GENERALI ED ATTIVITÀ SVOLTA ........................................................................... 7 CRITERI DI FORMAZIONE E DI VALUTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO ................................. 7

    DEROGHE ..................................................................................................................................... 7 AREA DI CONSOLIDAMENTO ......................................................................................................... 7

    VARIAZIONE DEL PERIMETRO DI CONSOLIDAMENTO .................................................................. 11

    PRINCIPI DI CONSOLIDAMENTO ................................................................................................. 11 BILANCI UTILIZZATI AI FINI DEL CONSOLIDAMENTO .................................................................. 12

    CRITERI APPLICATI NELLA VALUTAZIONE DELLE VOCI DI BILANCIO ............................................ 12 FATTI INTERVENUTI DOPO LA CHIUSURA DELL’ESERCIZIO .......................................................... 19 CONSIDERAZIONI SULLA CONTINUITÀ AZIENDALE ..................................................................................... 19

    STATO PATRIMONIALE ................................................................................................................... 22

    ATTIVO IMMOBILIZZATO .................................................................................................................................. 22 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI ............................................................................................................. 22 COSTI DI IMPIANTO E AMPLIAMENTO ....................................................................................................... 22 COSTI DI SVILUPPO ...................................................................................................................................... 23 BREVETTI INDUSTRIALI ............................................................................................................................... 23 AVVIAMENTO .................................................................................................................................................. 23 IMMOBILIZZAZIONI IN CORSO .................................................................................................................... 24 ALTRE IMMOBILIZZAZIONI .......................................................................................................................... 24 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI .................................................................................................................. 24 CONTRATTI DI LEASING ............................................................................................................................... 24 IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE .............................................................................................................. 25 PARTECIPAZIONI ........................................................................................................................................... 25 MOVIMENTI DELLE PARTECIPAZIONI IN ALTRE SOCIETÀ ..................................................................... 25 ATTIVITÀ FINANZIARIE VERSO TERZI ....................................................................................................... 26

    ATTIVO CORRENTE ............................................................................................................................................ 26 RIMANENZE ..................................................................................................................................................... 26 CREDITI ........................................................................................................................................................... 26 CREDITI VERSO CLIENTI .............................................................................................................................. 26 CREDITI TRIBUTARI ...................................................................................................................................... 27 CREDITI VERSO CONTROLLATE NON CONSOLIDATE .............................................................................. 28 CREDITI VERSO CONTROLLANTI ................................................................................................................ 28 CREDITI IMPRESE SOTTOPOSTE AL CONTROLLO DELLE CONTROLLANTI .......................................... 28 IMPOSTE ANTICIPATE ................................................................................................................................... 28 CREDITI VERSO ALTRI .................................................................................................................................. 28 CREDITI VERSO CONSORELLE ..................................................................................................................... 29 ATTIVITÀ FINANZIARIE CHE NON COSTITUISCONO IMMOBILIZZAZIONI .......................................... 29 DISPONIBILITÀ LIQUIDE .............................................................................................................................. 29 RATEI E RISCONTI ATTIVI ........................................................................................................................... 29

    PATRIMONIO NETTO ......................................................................................................................................... 30 CAPITALE SOCIALE ........................................................................................................................................ 31 TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO ..................................................................................... 31

    DEBITI ................................................................................................................................................................. 31

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 3

    DEBITI VS BANCHE ........................................................................................................................................ 32 DEBITI V/FINANZIATORI .............................................................................................................................. 33

    DETTAGLIO DELLA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA DEL GRUPPO AL 30 GIUGNO 2020 ............................... 33 DEBITI VERSO IMPRESE CONTROLLATE NON CONSOLIDATE ............................................................... 34 DEBITI VERSO FORNITORI .......................................................................................................................... 34 DEBITI TRIBUTARI ........................................................................................................................................ 34 DEBITI VERSO ISTITUTI DI PREVIDENZA E SICUREZZA SOCIALE ........................................................ 34 ALTRI DEBITI .................................................................................................................................................. 34

    RATEI E RISCONTI PASSIVI .............................................................................................................................. 35

    CONTO ECONOMICO ...................................................................................................................... 36

    VALORE DELLA PRODUZIONE .......................................................................................................................... 36 INCREMENTI IMMOBILIZZAZIONI PER LAVORI INTERNI ............................................................................ 36 ALTRI RICAVI ...................................................................................................................................................... 36 COSTI DELLA PRODUZIONE ............................................................................................................................. 36

    COSTI PER MATERIE PRIME E DI CONSUMO ............................................................................................ 36 COSTI PER SERVIZI ....................................................................................................................................... 37 COSTI PER GODIMENTO BENI DI TERZI ................................................................................................... 37 COSTI PER IL PERSONALE ............................................................................................................................ 37 AMMORTAMENTI E SVALUTAZIONI ............................................................................................................ 38 ONERI DIVERSI DI GESTIONE ..................................................................................................................... 38

    PROVENTI (ONERI) FINANZIARI NETTI .......................................................................................................... 38 RETTIFICHE DI VALORE DI ATTIVITÀ E PASSIVITÀ FINANZIARIE ............................................................. 38

    IMPOSTE SUL REDDITO DELL’ESERCIZIO ................................................................................................. 38 ALTRE INFORMAZIONI ...................................................................................................................................... 39

    INFORMAZIONI RELATIVE AI CONTENZIOSI ............................................................................................ 39 EVENTI DI RILIEVO AVVENUTI NEL CORSO DELL’ESERCIZIO ............................................................... 39 IMPEGNI, GARANZIA PRESTATE E POTENZIALI NON RISULTANTI DALLO STATO PATRIMONIALE 39

    FIDEJUSSIONI E GARANZIE REALI ............................................................................................................................ 39 IMPEGNI ........................................................................................................................................................................ 40

    ACCORDI NON RISULTANTI DALLO STATO PATRIMONIALE .................................................................. 40 TITOLI EMESSI DAL GRUPPO....................................................................................................................... 40 DETTAGLI SUGLI ALTRI STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DAL GRUPPO ............................................ 40 INFORMAZIONI SUI PATRIMONI E I FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE .... 40 EVENTI SUCCESSIVI ...................................................................................................................................... 40 RAPPORTI CON PARTI CORRELATE E SOCIETÀ CONTROLLANTE ......................................................... 41

    CONSIDERAZIONI FINALI ............................................................................................................... 43

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 4

    CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO VETRYA S.P.A.

    Presidente e Amministratore delegato

    •Luca Tomassini

    Consiglieri

    •Katia Sagrafena

    •Alessandro Prili

    •Elisa Baffo

    •Roberto Maviglia

    •Oscar Cicchetti (indipendente)

    Collegio sindacale

    •Pellegrino Cataffo (Presidente)

    •Tiziana Pigliautile (Sindaco effettivo)

    •Nunzia Giannetto (Sindaco effettivo)

    Società di revisione

    •EY S.p.A.

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 5

    ORGANI DI AMMINISTRAZIONE SOCIETÀ CONTROLLATE

    XAPRIA S.R.L.

    Amministratore Unico

    Luca Tomassini

    NEXYE S.R.L. CON SOCIO UNICO

    Amministratore Unico

    Luca Tomassini

    AXIVYA S.R.L. CON SOCIO UNICO

    Presidente e Amministratore delegato

    Luca Tomassini

    Consiglieri

    Katia Sagrafena

    Alessandro Prili

    Elisa Baffo

    VETRYA US INC

    Amministratore Unico

    Luca Tomassini

    VETRYA NET S.R.L.

    Amministratore Unico

    Luca Tomassini

    VETRYA ASIA SDN.BHD

    Director

    Daniele Bellachioma

    Kenneth Karnan

    JUMPEK SDN.BHD

    Director

    Kenneth Karnan

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 6

    VETRYA DO BRASIL LTDA

    Director

    Ana Sofia Monteiro

    VETRYA IBERIA SLU

    Presidente e Amministratore Delegato

    Luca Tomassini

    VIRALIZE S.R.L.

    Presidente

    Giovanni Natali

    Amministratore Delegato

    Marco Paolieri

    Consiglieri

    Katia Sagrafena

    Alessandro Sordi

    Elisa Baffo

    Paolo Daviddi

    Giordano Balossi

    VIRALIZE LTD

    Presidente e Amministratore Unico

    Marco Paolieri

    AGON DIGITAL S.R.L.

    Presidente

    Luca Tomassini

    Amministratore Delegato

    Francesco Graziano

    Consiglieri

    Marco Paolieri

    Elisa Baffo

    Bahadori Ghouchani Shahram

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 7

    NOTA INTEGRATIVA

    Informazioni generali ed attività svolta

    Vetrya S.p.A. (di seguito anche la “Società”) e sue controllate (congiuntamente alla Società di seguito anche

    “Gruppo”) è un gruppo specializzato nello sviluppo dei servizi e soluzioni sui canali di comunicazione e media digitali. Il gruppo è impegnato nello sviluppo e implementazione di soluzioni e servizi innovativi per reti di

    telecomunicazioni a larga banda, piattaforme per la distribuzione di contenuti multimediali in modalità

    multischermo, media asset management, mobile entertainment, mobile payment, servizi a valore aggiunto per reti broadband, digital advertising, big data, internet tv, internet degli oggetti, applicazioni consumer, cloud

    computing, comunicazione strategica e cross mediale.

    È attivo sui mercati telco e media, utilities, retail & consumer products, financial e consumer services con

    competenze funzionali di sviluppo progetti, piattaforme in cloud e applicazioni su qualsiasi tipologia di devices

    broadband.

    Il Gruppo Vetrya risponde alla domanda di un mercato ormai globalizzato per eccellere nello sviluppo di soluzioni,

    servizi e piattaforme per digital media flessibili ed efficienti.

    Criteri di Formazione e di Valutazione del bilancio consolidato

    Il presente bilancio consolidato semestrale abbreviato, costituito da stato patrimoniale, conto economico,

    rendiconto finanziario, nota integrativa e accompagnato dalla relazione sulla gestione, è stato redatto in

    conformità al principio contabile nr. 30 - “i bilanci intermedi” emesso dall’Organismo Italiano di Contabilità.

    Nella predisposizione del presente bilancio consolidato semestrale abbreviato sono stati applicati gli stessi principi contabili e criteri di valutazione adottati nel bilancio consolidato del Gruppo Vetrya al 31 dicembre 2019,

    al quale si rimanda per una più approfondita disamina dei principi e dei criteri utilizzati, con gli adattamenti

    necessari relativamente ad una situazione infrannuale.

    Deroghe

    La valutazione delle poste relative al bilancio è stata effettuata senza alcuna deroga ai sensi dell’articolo 2423

    comma 4 e dell’articolo 2423-bis comma 2 del Codice Civile.

    Area di consolidamento

    L’area di consolidamento comprende i bilanci della capogruppo e delle imprese nelle quali la stessa esercita

    direttamente o indirettamente il controllo ai sensi dell’art. 26 del Decreto Legislativo n. 127/91.

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 8

    Figura 1 - Struttura organizzativa Gruppo Vetrya S.p.A.

    Il Gruppo è costituito dalle seguenti Società consolidate con il metodo integrale:

    Vetrya S.p.A.

    Controllante

    Sede legale in Orvieto (TR), Via Dell’Innovazione 1 -1 a Iscritta alla Camera di Commercio di Terni nr. 09314691008 Attività di produzione: sviluppo dei servizi e soluzioni sui canali di comunicazione e media digitali.

    Vetrya Net S.r.l.

    Controllata al 100,00% da Vetrya S.p.A.

    Consolidata con metodo integrale Sede legale in Orvieto (TR), Via Dell’Innovazione 1 -1 a Iscritta alla Camera di Commercio di Terni al nr. 0155570551 Attività di produzione: contenuti, servizi e sistemi di comunicazione elettronica su reti di telecomunicazioni broadband fisse e mobili, offerti con qualsiasi tecnica, mezzo e sistema di impianti e reti di comunicazione elettronica, ivi inclusa la trasmissione online e via internet, anche risultanti dall'evoluzione delle tecnologie, tempo per tempo disponibili.

    Vetrya Inc.

    Controllata al 100,00% da Vetrya S.p.A.

    Consolidata con metodo integrale Sede legale in Palo Alto California (USA) Attività di produzione: Sviluppo applicazioni, servizi e soluzioni per il mercato consumer relative a messaggistica mobile di prossima generazione, intrattenimento mobile, mobile commerce, pubblicità digitale e banda larga mobile.

    Xapria S.r.l.

    Controllata direttamente al 50% e indirettamente tramite Vetrya Net S.r.l. al 50,00%

    Consolidata con metodo integrale Sede legale in Roma Via Giacomo Peroni 400-402 Iscritta alla Camera di Commercio di Roma al nr. 12685661006 Attività di produzione: sviluppo gestione e fornitura anche a terzi di prodotti contenuti e servizi e sistemi di comunicazione elettronica.

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 9

    Axivya S.r.l. con socio unico

    Controllata al 100,00% da Vetrya Net S.r.l.

    Consolidata con metodo integrale Sede legale in Roma Via Giacomo Peroni 400-402 Iscritta alla Camera di Commercio di Terni al nr. 13730971002 Attività di produzione: contenuti, servizi e sistemi di comunicazione elettronica su reti di telecomunicazioni broadband fisse e mobili, offerti con qualsiasi tecnica, mezzo e sistema di impianti e reti di comunicazione elettronica, ivi inclusa la trasmissione online e via internet, anche risultanti dall'evoluzione delle tecnologie, tempo per tempo disponibili.

    Nexye S.r.l. con socio unico

    Controllata al 100,00% da Vetrya Net S.r.l.

    Consolidata con metodo integrale Sede legale in Orvieto (TR), Via Dell’Innovazione 1 -1a Iscritta alla Camera di Commercio di Terni al nr. 01570820553 Attività di produzione: contenuti, servizi e sistemi di comunicazione elettronica su reti di telecomunicazioni broadband fisse e mobili, offerti con qualsiasi tecnica, mezzo e sistema di impianti e reti di comunicazione elettronica, ivi inclusa la trasmissione online e via internet, anche risultanti dall'evoluzione delle tecnologie, tempo per tempo disponibili

    Vetrya Asia SDN.BHD

    Controllata 100% da Vetrya S.p.A.

    Consolidata con il metodo integrale

    Sede Legale: Suite 1.00A, 6th Floor, Wisma Yakin, Jalan Masjid India, 50100 Kuala Lumpur WP Kuala Lumpur Malaysia. Registration Number: 1218004-W Attività di produzione: contenuti, servizi e sistemi di comunicazione elettronica su reti di telecomunicazioni broadband fisse e mobili, offerti con qualsiasi tecnica, mezzo e sistema di impianti e reti di comunicazione elettronica, ivi inclusa la trasmissione online e via internet, anche risultanti dall'evoluzione delle tecnologie, tempo per tempo disponibili.

    Jumpek SDN.BHD

    Controllata 100% da Vetrya Asia SDN.BHD

    Consolidata con il metodo integrale Sede Legale: Suite 1.00A, 6th Floor, Wisma Yakin, Jalan Masjid India, 50100 Kuala Lumpur WP Kuala Lumpur Malaysia. Registration Number: 1219278-X Attività di produzione: contenuti, servizi e sistemi di comunicazione elettronica su reti di telecomunicazioni broadband fisse e mobili, offerti con qualsiasi tecnica, mezzo e sistema di impianti e reti di comunicazione elettronica, ivi inclusa la trasmissione online e via internet, anche risultanti dall'evoluzione delle tecnologie, tempo per tempo disponibili.

    Vetrya Do Brasil LTDA

    Controllata 99,99% da Vetrya S.p.A.

    Consolidata con il metodo integrale Sede Legale: Rio De Janeiro PC Floriano 51 Pav 12 Centro RJ2003105

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 10

    Registration Number: 17062865/0001 - 85 Attività di produzione: contenuti, servizi e sistemi di comunicazione elettronica su reti di telecomunicazioni broadband fisse e mobili, offerti con qualsiasi tecnica, mezzo e sistema di impianti e reti di comunicazione elettronica, ivi inclusa la trasmissione online e via internet, anche risultanti dall'evoluzione delle tecnologie, tempo per tempo disponibili.

    Vetrya Iberia SLU

    Controllata 100% da Vetrya S.p.A.

    Consolidata con il metodo integrale Sede Legale: Madrid C/Alcala n.61 28009 Madrid Registration Number: B87965430 Attività di produzione: contenuti, servizi e sistemi di comunicazione elettronica su reti di telecomunicazioni broadband fisse e mobili, offerti con qualsiasi tecnica, mezzo e sistema di impianti e reti di comunicazione elettronica, ivi inclusa la trasmissione online e via internet, anche risultanti dall'evoluzione delle tecnologie, tempo per tempo disponibili.

    Viralize S.r.l.

    Controllata 100% da Vetrya S.p.A.

    Consolidata con il metodo integrale Sede Legale: Firenze, via Santo Spirito 14 50125 Iscritta alla camera di commercio di Firenze al n.06355790483 Attività di produzione: vendita ed intermediazione di pubblicità sulle piattaforme digitali, sia internet che su telefoni cellulari o altri apparati. In particolare, la vendita di pubblicità sotto forma di video e spot pubblicitari, banner, annunci di testo e simili; acquisto di traffico Internet da ogni fonte e su ogni piattaforma; gestione, sviluppo e commercializzazione di community on line, sistemi di affiliazione e gruppi di acquisto.

    Viralize LTD

    Controllata 100% da Viralize S.r.l.

    Consolidata con il metodo integrale Sede Legale: Londra, 5a Bear Lane South Wark SE1OUH Registration Number: GB282839661 Attività di produzione: vendita ed intermediazione di pubblicità sulle piattaforme digitali, sia internet che su telefoni cellulari o altri apparati. In particolare, la vendita di pubblicità sotto forma di video e spot pubblicitari, banner, annunci di testo e simili; acquisto di traffico Internet da ogni fonte e su ogni piattaforma; gestione, sviluppo e commercializzazione di community on line, sistemi di affiliazione e gruppi di acquisto.

    Agon Digital S.r.l.

    Controllata al 51% da Viralize S.r.l.

    Consolidata con il metodo integrale Sede Legale: Firenze, viale Spartaco Lavagnini 7 50129 Iscritta alla camera di commercio di Firenze al n.06976370483 Attività di produzione: ricerca e sviluppo di tecnologie necessarie o correlate al funzionamento di piattaforme, apparati e sistemi informatici o telematici, ivi inclusi software e hardware, nell'ambito della comunicazione e della pubblicità on line, di qualsiasi tipo e formato, su piattaforme digitali, ivi inclusi computer, telefoni cellulari o altri apparati.

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 11

    Variazione del perimetro di consolidamento

    Si precisa che è stata costituita nel mese di dicembre 2017 la società Vetrya Servizi S.r.l. controllata al 100% da

    Vetrya S.p.A. Tale società è stata esclusa dal perimetro di consolidamento in base a quanto previsto dall'art. 28

    D. Lgs. 127/91- irrilevanza della controllata.

    La società Vetrya Servizi S.r.l. al 30 giugno 2020 non presenta ricavi e costi significativi né attivi patrimoniali

    rilevanti.

    Principi di consolidamento

    I principi di consolidamento adottati per la redazione del bilancio consolidato sono i seguenti:

    Il valore contabile delle partecipazioni consolidate, secondo il metodo dell’integrazione globale, in sede di primo consolidamento è eliminato a fronte del patrimonio netto delle imprese partecipate

    valutato a valori correnti. La differenza tra il costo di acquisizione delle partecipazioni e la relativa quota di patrimonio netto, risultante all’atto dell’acquisto, è imputata alle specifiche voci dell’attivo e

    del passivo sulla base di apposite valutazioni. L’eventuale differenza residua negativa è iscritta in una voce del patrimonio netto denominata “Riserva di consolidamento”; che nel presente bilancio risulta

    imputata a "utili e perdite portate a nuovo".

    Le attività, le passività, i costi, gli oneri, i ricavi e proventi delle imprese incluse nell’area di consolidamento con il metodo dell’integrazione globale sono assunti integralmente nel bilancio

    consolidato a prescindere dalla percentuale di partecipazione dell’impresa controllante.

    I dividendi, le rivalutazioni e le svalutazioni di partecipazioni in imprese incluse nell’area di consolidamento, nonché le plusvalenze e le minusvalenze derivanti da alienazioni infragruppo di tali

    partecipazioni sono oggetto di eliminazione.

    In sede di determinazione del patrimonio netto e del risultato economico di Gruppo, le quote di competenza di soci terzi sono evidenziate in apposite voci dello stato patrimoniale e del conto

    economico.

    I crediti, i debiti, i costi, gli oneri, i ricavi e i proventi relativi alle imprese incluse nell’area di consolidamento sono oggetto di eliminazione, così come sono altresì oggetto di eliminazione le

    garanzie, gli impegni ed i rischi relativi alle imprese in questione.

    Gli utili e le perdite derivanti da operazioni effettuate tra le imprese incluse nell’area di consolidamento e non ancora realizzati alla data di bilancio sono oggetto di eliminazione. L’eliminazione non è

    effettuata quando gli utili o le perdite sono di importo irrilevante.

    La conversione in euro dei valori relativi a Società espressi in valuta estera, ai fini della redazione del bilancio consolidato, si effettua utilizzando:

    a) Il cambio a pronti alla data di bilancio per la traduzione delle attività e delle passività;

    b) Il cambio medio del periodo per le voci di conto economico, utilizzato come alternativa al cambio

    di ogni singola operazione, come ammesso dell’OIC 17;

    c) Ai fini della conversione delle poste di bilancio delle controllate Vetrya Inc, Vetrya Asia SDN,

    Jumpek SDN, Vetrya Do Brasil e Viralize LTD i cambi utilizzati sono:

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 12

    Cambio puntuale al 30/06/2020 Cambio medio 2019

    euro/Dollaro 1,1198 1,1195 euro/Ringgit 4,7989 4,6374

    euro/Real Brasiliano 6,1118 4,4134

    euro/Sterlina 0,91243 0,87777

    d) L’effetto netto della traduzione del bilancio della società partecipata in moneta di conto si rileva

    in apposita “Riserva da differenze di traduzione”, nell’ambito del patrimonio netto consolidato.

    I principi di consolidamento non sono stati modificati rispetto a quelli dell’esercizio precedente.

    Bilanci utilizzati ai fini del consolidamento

    Ai fini della predisposizione del bilancio consolidato sono stati utilizzati i bilanci al 30 giugno 2020 di tutte le società del Gruppo, già approvati dai rispettivi Consigli di Amministrazione, opportunamente rettificati ove

    necessario per omogeneizzarne i criteri di valutazione ai fini delle operazioni di consolidamento.

    Criteri applicati nella valutazione delle voci di Bilancio

    In particolare, i criteri di valutazione adottati nella formazione del Bilancio sono stati i seguenti:

    Immobilizzazioni Immateriali. Le immobilizzazioni immateriali sono iscritte, previo consenso del Collegio Sindacale laddove previsto, al costo d’acquisto o di produzione [OIC 24.36] e sono esposte

    al netto degli ammortamenti [OIC 24.32]. Nel costo di acquisto si computano anche i costi accessori. Il costo di produzione comprende tutti i costi direttamente imputabili al prodotto e gli altri costi, per

    la quota ragionevolmente imputabile, relativi al periodo di fabbricazione e fino al momento dal quale l’immobilizzazione può essere utilizzata. Gli oneri pluriennali, che includono i costi di impianto e di

    ampliamento e i costi di sviluppo delle piattaforme digitali, sono iscritti soltanto quando è dimostrata

    la loro utilità futura, esiste una correlazione oggettiva con i relativi benefici futuri di cui godrà il Gruppo ed è stimabile con ragionevole certezza la loro recuperabilità. [OIC 24.40]. I beni immateriali, costituiti

    da diritti di brevetto, diritti di utilizzazione delle opere dell’ingegno, concessioni e licenze, sono iscritti nell’attivo patrimoniale solo se individualmente identificabili e il loro costo è stimabile con sufficiente

    attendibilità. [OIC 24.50]. I criteri di ammortamento adottati per le principali voci delle

    immobilizzazioni immateriali sono i seguenti:

    Piattaforme Digitali 5 anni

    Costi Impianto e Ampliamento 5 anni Software 5 anni

    Concessioni Brevetti, Licenze 5 anni Avviamento 8 anni

    Migliorie su beni di terzi 5 anni

    Il criterio di ammortamento delle immobilizzazioni immateriali è stato applicato con sistematicità ed in ogni esercizio, in relazione alla residua possibilità di utilizzazione economica di ogni singolo bene o

    spesa.

    Ai sensi e per gli effetti dell'art.10 della legge 19 marzo 1983, n. 72, e così come anche richiamato dalle successive leggi di rivalutazione monetaria, si precisa che per i beni immateriali tuttora esistenti

    in patrimonio non è stata mai eseguita alcuna rivalutazione monetaria.

    Le immobilizzazioni in corso sono rappresentate da costi interni ed esterni riguardanti progetti non ancora completati e di conseguenza non sono oggetto di ammortamento.

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 13

    I contributi pubblici vengono contabilizzati, a partire dal momento in cui viene acquisito e/o verificata la sussistenza della ragionevole certezza del diritto a percepirli e della loro futura erogazione, in correlazione con gli ammortamenti dei beni cui si riferiscono e salvo che non vengano portati

    direttamente a nettare il valore di iscrizione del cespite.

    Se il valore residuo stimato al termine della vita utile, e aggiornato periodicamente, risulta uguale o superiore al costo dell’immobilizzazione, il cespite non viene ammortizzato.

    Immobilizzazioni Materiali. Le immobilizzazioni materiali sono iscritte al costo di acquisto o di produzione, rettificato dei rispettivi ammortamenti accumulati [OIC 16.32] Nel costo di acquisto si

    computano anche i costi accessori. Il costo di produzione comprende tutti i costi direttamente imputabili e i costi generali di produzione, per la quota ragionevolmente imputabile

    all’immobilizzazione, relativi al periodo di fabbricazione e fino al momento dal quale il bene può essere utilizzato [OIC 16.39]. I costi sostenuti per ampliare, ammodernare o migliorare gli elementi strutturali

    di una immobilizzazione materiale, incluse le modifiche apportate per aumentarne la rispondenza agli scopi per cui essa è stata acquisita, sono capitalizzati se producono un aumento significativo e

    misurabile della sua capacità produttiva, sicurezza o vita utile. Se tali costi non producono tali effetti,

    sono trattati come manutenzione ordinaria e addebitati al Conto economico dell’esercizio [OIC 16.32]. Gli ammortamenti sono calcolati in modo sistematico e costante, sulla base di aliquote ritenute

    rappresentative della vita utile economico-tecnica stimata dei cespiti [OIC 16.56]. Tali aliquote sono ridotte della metà nel primo esercizio in cui il bene è disponibile per l’uso, approssimando in tal modo

    il minor periodo di utilizzo dell’immobilizzazione. L’ammortamento è calcolato anche sui cespiti

    temporaneamente non utilizzati [OIC 16.57]. I terreni non sono oggetto di ammortamento [OIC 16.58]; se il valore dei fabbricati incorpora anche quello dei terreni sui quali insistono, il valore del

    fabbricato è scorporato per essere ammortizzato [OIC 16.60]. Se il presumibile valore residuo al termine del periodo della vita utile risulta uguale o superiore al valore netto contabile,

    l’immobilizzazione non viene ammortizzata [OIC 16.62]. L’ammortamento inizia dal momento in cui il

    cespite è disponibile e pronto per l’uso [OIC 16.61]. Di seguito dettaglio delle aliquote di

    ammortamento utilizzate:

    Fabbricati 3% Impianti 25%

    Attrezzature industriali 15% Mobili e arredi 15%

    Altri beni 15%

    Le spese di manutenzione vengono imputate al Conto economico quando sostenute, salvo quelle aventi natura incrementativa dei beni, che vengono capitalizzate, nei limiti del valore recuperabile del

    bene. Le immobilizzazioni materiali destinate alla vendita sono riclassificate nell’attivo circolante solo se vendibili alle loro condizioni attuali, la vendita appare altamente probabile ed è previsto che si

    concluda nel breve termine [OIC 16.25]. Tali immobilizzazioni non sono ammortizzate e sono valutate al minore tra il valore netto contabile ed il valore di realizzazione desumibile dall’andamento del

    mercato. [OIC 16.79]. Le immobilizzazioni materiali vengono rivalutate, nei limiti del loro valore

    recuperabile, solo nei casi in cui leggi speciali lo richiedano o lo permettano [OIC 16.74-75].

    Perdite durevoli di valore delle immobilizzazioni materiali e immateriali. Il Gruppo valuta a ogni data di riferimento del Bilancio se esiste un indicatore che un’immobilizzazione possa aver subito

    una riduzione di valore [OIC 9.16]. In presenza, alla data del Bilancio, di indicatori di perdite durevoli

    di valore delle immobilizzazioni immateriali e materiali si procede alla stima del loro valore recuperabile [OIC 9.12]. In assenza di indicatori di potenziali perdite di valore non si procede alla determinazione

    del valore recuperabile. Qualora il loro valore recuperabile, inteso come il maggiore tra il valore d’uso e il valore equo (fair value), al netto dei costi di vendita [OIC 9.5], è inferiore al corrispondente valore

    netto contabile si effettua la svalutazione delle immobilizzazioni [OIC 9.16]. Quando non è possibile

    stimare il valore recuperabile di una singola immobilizzazione tale analisi è effettuata con riferimento alla cosiddetta “unità generatrice di flussi di cassa” (nel seguito “UGC”), ossia il più piccolo gruppo

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 14

    identificabile di attività che include l’immobilizzazione oggetto di valutazione e genera flussi finanziari in entrata che sono ampiamente indipendenti dai flussi finanziari in entrata generati da altre attività

    o gruppi di attività [OIC 9.19 e 8]. La svalutazione operata non è mantenuta negli esercizi successivi se vengono meno i motivi della rettifica effettuata. Il ripristino di valore si effettua nei limiti del valore

    che l’attività avrebbe avuto ove la rettifica di valore non avesse mai avuto luogo, cioè tenendo conto degli ammortamenti che sarebbero stati effettuati in assenza di svalutazione. Non è possibile

    ripristinare la svalutazione rilevata sull’avviamento e sugli oneri pluriennali [OIC 9.29].

    Immobilizzazioni finanziarie. Le partecipazioni, i titoli di debito e le azioni proprie destinate a permanere durevolmente nel patrimonio dell’impresa per effetto della volontà della direzione

    aziendale e dell’effettiva capacità della Società di detenerle per un periodo prolungato di tempo vengono classificate nelle immobilizzazioni finanziarie. Diversamente, vengono iscritte nell’attivo

    circolante [OIC 20.20 e OIC 21.10]. Il cambiamento di destinazione tra attivo immobilizzato e attivo circolante, o viceversa, è rilevato secondo i criteri valutativi specifici del portafoglio di provenienza.

    [OIC 20.71 e OIC 21.56]. La classificazione dei crediti tra le immobilizzazioni finanziarie e l’attivo circolante è effettuata in base al criterio della destinazione degli stessi rispetto all’attività ordinaria e

    pertanto, indipendentemente dalla scadenza, i crediti di origine finanziaria sono classificati tra le

    immobilizzazioni finanziarie mentre quelli di origine commerciale sono classificati nell’attivo circolante [OIC 15.21]. Il criterio di valutazione dei crediti è esposto nel prosieguo. Le partecipazioni sono

    inizialmente iscritte al costo di acquisto o di costituzione, comprensivo dei costi accessori. I costi accessori sono costituiti da costi direttamente imputabili all’operazione, quali, ad esempio, i costi di

    intermediazione bancaria e finanziaria, le commissioni, le spese e le imposte [OIC 21.21]. Il valore di

    iscrizione delle partecipazioni si incrementa per effetto degli aumenti di capitale a pagamento o di rinuncia al credito da parte del socio [OIC 21.22 e 24]. Gli aumenti di capitale a titolo gratuito non

    incrementano il valore delle partecipazioni [OIC 21.23]. Nel caso in cui le partecipazioni abbiano subìto alla data di Bilancio perdite di valore ritenute durevoli, il loro valore di carico viene ridotto al minor

    valore recuperabile, che è determinato in base ai benefici futuri che si prevede affluiranno alla Società,

    fino all’azzeramento del valore di carico [OIC 21.40]. Nei casi in cui la Società sia obbligata a farsi carico della copertura delle perdite conseguite dalle partecipate può rendersi necessario un

    accantonamento al passivo per poter far fronte, per la quota di competenza, alla copertura del deficit patrimoniale delle stesse [OIC 21.40]. Qualora negli esercizi successivi vengano meno i motivi della

    svalutazione effettuata, il valore della partecipazione viene ripristinato fino a concorrenza, al massimo,

    del costo originario [OIC 21.42 e 43].

    Rimanenze magazzino. I beni rientranti nelle rimanenze di magazzino sono rilevati inizialmente alla data in cui avviene il trasferimento dei rischi e benefici connessi al bene acquisito. Il trasferimento dei rischi e dei benefici avviene di solito quando viene trasferito il titolo di proprietà secondo le

    modalità contrattualmente stabilite [OIC 13.16-17]. Le rimanenze di magazzino sono inizialmente

    iscritte al costo di acquisto o di produzione e successivamente valutate al minore tra il costo ed il corrispondente valore di realizzazione desumibile dal mercato [CC 2426 comma 9]. In presenza di

    beni ritenuti obsoleti e considerati di difficile realizzo il loro valore viene prudenzialmente rettificato attraverso un apposito fondo svalutazione magazzino. Qualora vengano meno le ragioni che hanno

    portato all’abbattimento del valore, viene ripristinato il costo originario. I metodi di valutazione delle

    rimanenze di magazzino adottati nell’esercizio sono coerenti con quelli applicati nell’esercizio

    precedente.

    Crediti I crediti originati da ricavi per operazioni di vendita di beni sono rilevati in base al principio della competenza quando si verificano entrambe le seguenti condizioni: il processo produttivo dei

    beni è stato completato; e si è verificato il passaggio sostanziale e non formale del titolo di proprietà assumendo quale parametro di riferimento, per il passaggio sostanziale, il trasferimento dei rischi e

    benefici [OIC 15.29]. I crediti iscritti in Bilancio rappresentano diritti ad esigere ammontari fissi o determinabili di disponibilità liquide da clienti o da altri terzi [OIC 15.4]. I crediti sono rilevati in

    Bilancio secondo il criterio del costo ammortizzato, ove questo risulti significativo, tenendo conto del

    fattore temporale; il criterio del costo ammortizzato può non essere applicato ai crediti se gli effetti

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 15

    sono irrilevanti (generalmente se i crediti sono a breve termine) [OIC 15.32-33]. I crediti non valutati al costo ammortizzato sono rappresentati in Bilancio al netto del fondo svalutazione crediti. Un credito

    deve essere svalutato nell’esercizio in cui si ritiene probabile che il credito abbia perso valore [OIC 15.59]. Per quanto riguarda i crediti valutati al costo ammortizzato, l’importo della svalutazione alla

    data di Bilancio è pari alla differenza tra il valore contabile e il valore dei flussi finanziari futuri stimati, ridotti degli importi che si prevede di non incassare, attualizzato al tasso di interesse effettivo

    originario del credito (ossia al tasso di interesse effettivo calcolato in sede di rilevazione iniziale) [OIC

    15.66]. La stima del fondo svalutazione crediti avviene tramite l’analisi dei singoli crediti, con determinazione delle perdite presunte per ciascuna situazione di anomalia già manifesta o

    ragionevolmente prevedibile, e la stima, in base all’esperienza e ad ogni altro elemento utile, delle ulteriori perdite che si presume si dovranno subire sui crediti in essere alla data di Bilancio [OIC 15.61-

    62]. L’accantonamento al fondo svalutazione dei crediti assistiti da garanzie tiene conto degli effetti

    relativi all’escussione di tali garanzie [OIC 15.63]. Gli sconti e abbuoni commerciali che si stima saranno concessi al momento dell’incasso e le altre cause di minor realizzo sono oggetto anch’essi di

    apposito stanziamento. Gli sconti e abbuoni di natura finanziaria sono rilevati al momento dell’incasso

    [OIC 15.54].

    Cessione di crediti e cancellazione degli stessi. I crediti vengono cancellati dal Bilancio quando i diritti contrattuali sui flussi finanziari derivanti dal credito sono estinti oppure quando la titolarità dei

    diritti contrattuali sui flussi finanziari derivanti dal credito è trasferita e con essa sono trasferiti sostanzialmente tutti i rischi inerenti il credito [OIC 15.71]. Ai fini della valutazione del trasferimento

    dei rischi si tengono in considerazione tutte le clausole contrattuali [OIC15.73]. Quando il credo è

    cancellato dal Bilancio in presenza delle condizioni sopra esposte, la differenza fra il corrispettivo e il valore di rilevazione del credito (valore nominale del credito al netto delle eventuali perdite

    accantonate al fondo svalutazione crediti) al momento della cessione è rilevata a Conto economico come perdita, salvo che il contratto di cessione non consenta di individuare altre componenti

    economiche di diversa natura, anche finanziarie [OIC 15.74]. I crediti oggetto di cessione per i quali

    non sono stati trasferiti sostanzialmente tutti i rischi rimangono iscritti in Bilancio e sono assoggettati alle regole generali di valutazione sopra indicate. L’anticipazione di una parte del corrispettivo pattuito

    da parte del concessionario trova contropartita nello Stato patrimoniale quale debito di natura finanziaria [OIC15.75]. Il Gruppo nell’esercizio 2019 ha stipulato un contratto di factoring pro-soluto.

    I crediti commerciali ceduti con tale formula contrattuale sono stati cancellati al momento della

    cessione.

    Disponibilità liquide e debiti verso banche. Rappresentano i saldi attivi dei depositi bancari, postali e gli assegni, nonché il denaro e i valori in cassa alla chiusura dell’esercizio [OIC 14.4]. I

    depositi bancari e postali e gli assegni sono valutati al presumibile valore di realizzo, il denaro e i

    valori bollati in cassa al valore nominale mentre le disponibilità in valuta estera sono valutate al cambio in vigore alla data di chiusura dell’esercizio [OIC 14.97]. I debiti verso banche relativi a finanziamenti

    ricevuti, anticipazioni a scadenza fissa, anticipi su fatture o ricevute bancarie, eventuali scoperti di conto corrente sono rilevati al loro valore nominale e l’ammontare esposto in Bilancio esprime

    l’effettivo debito per capitale, interessi ed eventuali oneri accessori maturati alla data di Bilancio.

    Patrimonio netto. Nella voce vengono iscritti gli apporti eseguiti dai soci all'atto della costituzione e successivamente, gli utili di esercizi precedenti non distribuiti, accantonati in un’apposita riserva, e

    l’utile dell’esercizio, nonché le altre riserve eventualmente costituite; nella voce vengono anche

    iscritte, con segno negativo, le eventuali perdite dell’esercizio e di esercizi precedenti in attesa di sistemazione. Le riserve costituenti il Patrimonio Netto si distinguono a seconda della loro disponibilità

    (ad es. possibilità di utilizzazione per aumenti di capitale o copertura perdite) e distribuibilità (possibilità di utilizzarle per erogare dividendi ai soci). In particolare, non sono distribuibili la riserva

    legale e la parte di riserva da soprapprezzo azioni corrispondente all’importo mancante alla riserva

    legale per raggiungere il limite di un quinto del capitale sociale.

    Fondi per rischi e oneri. I fondi per rischi ed oneri rappresentano passività di natura determinata, certe o probabili, con data di sopravvenienza od ammontare indeterminati [OIC 31.4] In particolare,

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 16

    i fondi per rischi rappresentano passività di natura determinata ed esistenza probabile, i cui valori sono stimati [OIC 31.5], mentre i fondi per oneri rappresentano passività di natura determinata ed

    esistenza certa, stimate nell’importo o nella data di sopravvenienza, connesse a obbligazioni già assunte alla data di Bilancio, ma che avranno manifestazione numeraria negli esercizi successivi [OIC

    31.6]. Gli accantonamenti ai fondi rischi e oneri sono iscritti nel Conto economico fra le voci dell’attività gestionale a cui si riferisce l’operazione, prevalendo il criterio della classificazione per natura dei costi

    [OIC 31.19] L’entità degli accantonamenti ai fondi è misurata facendo riferimento alla miglior stima

    dei costi, ivi incluse le spese legali, ad ogni data di Bilancio [OIC 31.32]. Qualora nella misurazione degli accantonamenti si pervenga alla determinazione di un campo di variabilità di valori,

    l’accantonamento rappresenta la miglior stima fattibile tra i limiti massimi e minimi del campo di variabilità dei valori [OIC 31.30]. Il successivo utilizzo dei fondi è effettuato in modo diretto e solo

    per quelle spese e passività per le quali i fondi erano stati originariamente costituiti [OIC 31.43]. Le

    eventuali differenze negative rispetto agli oneri effettivamente sostenuti sono rilevate a Conto economico in coerenza con l’accantonamento originario mentre se l’eccedenza si origina a seguito del

    positivo evolversi di situazioni che ricorrono nell’attività di una società, l’eliminazione o riduzione del fondo eccedente è contabilizzata fra i componenti positivi del reddito della classe avente la stessa

    natura [OIC 31.45, 47].

    Strumenti finanziari derivati ed operazioni di copertura. Gli strumenti finanziari derivati sono iscritti al Fair Value, anche se incorporati in altri strumenti finanziari, sia alla data di rilevazione iniziale sia ad ogni data successiva di chiusura del Bilancio, ai sensi dell’articolo 2426, comma 1 numero 11-

    bis del Codice Civile e dell’OIC 32. Le variazioni del Fair Value sono imputate al Conto economico

    oppure, se lo strumento copre il rischio di variazione dei flussi finanziari attesi di un altro strumento finanziario o di una operazione programmata, direttamente ad una riserva positiva o negativa di

    patrimonio netto; tale riserva è imputata al Conto economico nella misura e nei tempi corrispondenti al verificarsi o al modificarsi dei flussi di cassa dello strumento coperto o al verificarsi dell’operazione

    oggetto di copertura. Nel caso in cui il Fair Value alla data di riferimento risulti positivo, è iscritto nella

    voce “strumenti finanziari derivati attivi” tra le immobilizzazioni finanziarie o tra le attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni. Nel caso in cui il valore risulti negativo è iscritto nella voce

    “strumenti finanziari derivati passivi” tra i fondi per rischi e oneri. Se operazione è qualificabile come di copertura la Società rileva nello Stato patrimoniale al Fair Value lo strumento di copertura di flussi

    finanziari, e in contropartita viene alimentata la voce A) VII “Riserva per operazioni di copertura dei flussi finanziari attesi” per la componente di copertura ritenuta efficace ( al netto degli effetti fiscali

    differiti), mentre per la componente di inefficacia, calcolata per le relazioni di copertura non

    qualificabili come semplici, la sezione D) del Conto economico. Tale riserva, secondo quanto predisposto dall’articolo 2426 c. 1 num. 11-bis del Codice Civile, non è considerata nel computo del

    patrimonio netto per la finalità di cui agli articoli 2412, 2433, 2442, 2446 e 2447.Relativamente ai contratti di Interest rate Cape (di seguito IRC) sottoscritti dalla società, trattandosi di strumenti con

    finalità di copertura che coprono il rischio di variazione dei flussi finanziari sottostanti ad un contratto

    di finanziamento la società ha contabilizzato i rispettivi Fair Value a riserva di patrimonio netto. In linea con quanto previsto dal paragrafo 101 e seguenti del principio OIC 32 (“relazioni di copertura

    semplici”), la società ha verificato la sussistenza di una stretta e documentata correlazione tra le

    caratteristiche dell’elemento coperto e quello dello strumento di copertura.

    Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato. Il trattamento di fine rapporto (TFR) rappresenta la prestazione cui il lavoratore subordinato ha diritto in ogni caso di cessazione del

    rapporto di lavoro, ai sensi dell’art. 2120 del Codice Civile e tenuto conto delle modifiche normative apportate dalla Legge 27 dicembre 2006, n. 296 [OIC 31.55-56]. Esso corrisponde al totale delle

    indennità maturate, considerando ogni forma di remunerazione avente carattere continuativo, al netto

    degli acconti erogati e delle anticipazioni parziali erogate in forza di contratti collettivi o individuali o di accordi aziendali per le quali non ne è richiesto il rimborso [OIC 31.65 e 67]. La passività per TFR

    è pari a quanto si sarebbe dovuto corrispondere ai dipendenti nell’ipotesi in cui alla data di Bilancio fosse cessato il rapporto di lavoro [OIC 31.65]. Gli ammontari di TFR relativi a rapporti di lavoro già

    cessati alla data di Bilancio e il cui pagamento viene effettuato nell’esercizio successivo sono

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 17

    classificati tra i debiti [OIC 31.71]. Si segnala che in seguito alle modifiche apportate alla normativa TFR dalla Legge 27 dicembre 2006 n. 196 (“Legge Finanziaria 2007”) e dai successivi Decreti e

    Regolamenti attuativi, i criteri di contabilizzazione applicati alle quote di TFR maturate al 31 dicembre 2006 e a quelle maturande dal 1° gennaio 2007, sono stati modificati a partire dal presente esercizio,

    secondo le modalità previste dalla normativa vigente. Per effetto dell’entrata in vigore della riforma della previdenza complementare (D.lgs. 252/2005) per le aziende con almeno 50 dipendenti le quote

    di TFR maturate fino al 31 dicembre 2006 continueranno a rimanere in azienda, mentre le quote

    maturande a partire dal 1° gennaio 2007, per effetto delle scelte operate dai dipendenti, saranno destinate a forme di previdenza complementare o trasferite dall’azienda al fondo di tesoreria gestito

    dall’INPS.

    Ratei e risconti. I ratei attivi e passivi rappresentano rispettivamente quote di proventi e di costi di competenza dell’esercizio che avranno manifestazione finanziaria in esercizi successivi [OIC 18.3-4]. I risconti attivi e passivi rappresentano rispettivamente quote di costi e di proventi che hanno avuto

    manifestazione finanziaria nel corso dell’esercizio o in precedenti esercizi ma che sono di competenza di uno o più esercizi successivi [OIC 18.5-6]. Sono pertanto iscritti in tali voci soltanto quote di costi

    e proventi, comuni a due o più esercizi, l’entità dei quali varia in ragione del tempo fisico o economico.

    Alla fine di ciascun esercizio sono verificate le condizioni che ne hanno determinato la rilevazione iniziale e, se necessario, sono apportate le necessarie rettifiche di valore [OIC 18.20]. In particolare,

    oltre al trascorrere del tempo, per i ratei attivi è considerato il valore presumibile di realizzazione [OIC 18.21] mentre per i risconti attivi è considerata la sussistenza del futuro beneficio economico correlato

    ai costi differiti [OIC 18.23].

    Debiti. I debiti sono passività di natura determinata ed esistenza certa, che rappresentano obbligazioni a pagare ammontari fissi o determinabili di disponibilità liquide, o di beni/servizi aventi

    un valore equivalente, di solito ad una data stabilita. Tali obbligazioni sono nei confronti di finanziatori, fornitori e altri soggetti [OIC 19.4]. I debiti originati da acquisti di beni sono rilevati in base al principio

    della competenza quando si verificano entrambe le seguenti condizioni: il processo produttivo dei beni è stato completato; e si è verificato il passaggio sostanziale e non formale del titolo di proprietà

    assumendo quale parametro di riferimento, per il passaggio sostanziale, il trasferimento dei rischi e benefici [OIC 19.38]. I debiti finanziari e quelli sorti per ragioni diverse dall’acquisizione di beni e

    servizi sono rilevati quando esiste l’obbligazione della società verso la controparte [OIC 19.39]. In

    presenza di estinzione anticipata, la differenza fra l’ammontare residuo del debito e l’esborso complessivo relativo all’estinzione è rilevata nel Conto economico fra i proventi/oneri finanziari [OIC

    19.62]. I debiti sono rilevati in Bilancio secondo il criterio del costo ammortizzato, ove questo risulti significativo, tenendo conto del fattore temporale. Alla chiusura dell’esercizio, il valore dei debiti

    valutati al costo ammortizzato è pari al valore attuale dei flussi finanziari futuri scontati al tasso di

    interesse effettivo [OIC 19.59]. Il criterio del costo ammortizzato può non essere applicato ai debiti se gli effetti sono irrilevanti, generalmente lo sono quando i debiti sono a breve termine (ossia con

    scadenza inferiore ai 12 mesi) [OIC 19.43-44] In tal caso la rilevazione iniziale del debito è effettuata al valore nominale al netto dei premi, degli sconti, degli abbuoni previsti contrattualmente o

    comunque concessi [OIC 19.54-55]. I debiti commerciali con scadenza oltre i 12 mesi dal momento

    della rilevazione iniziale, senza corresponsione di interessi, o con interessi significativamente diversi dai tassi di interesse di mercato, ed i relativi costi, si rilevano inizialmente al valore determinato

    attualizzando i flussi finanziari futuri al tasso di interesse di mercato. La differenza tra il valore di rilevazione iniziale del debito così determinato e il valore a termine deve essere rilevata a Conto

    economico come onere finanziario lungo la durata del debito utilizzando il criterio del tasso di interesse effettivo [OIC 19.52]. Il Gruppo elimina in tutto o in parte il debito dal Bilancio quando l’obbligazione

    contrattuale e/o legale risulta estinta per adempimento o altra causa, o trasferita. L’estinzione di un

    debito e l’emissione di un nuovo debito verso la stessa controparte determina l’eliminazione contabile se i termini contrattuali del debito originario differiscono in maniera sostanziale da quelli del debito

    emesso [OIC 19.73].

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 18

    Riconoscimento ricavi e costi. I ricavi e i proventi, i costi e gli oneri sono iscritti al netto di resi, sconti, abbuoni e premi, nonché delle imposte direttamente connesse con la vendita dei prodotti e la prestazione dei servizi [OIC 12.49], nel rispetto dei principi di competenza e di prudenza. I ricavi per

    operazioni di vendita di beni o prestazioni di servizi sono rilevati quando il processo produttivo dei

    beni o dei servizi è stato completato e lo scambio è già avvenuto, ovvero si è verificato il passaggio sostanziale e non formale del titolo di proprietà. Nella voce “altri ricavi e proventi” sono inclusi i

    componenti positivi di reddito, non finanziari derivanti unicamente dalla gestione accessoria. I costi sono rilevati nel rispetto del principio di correlazione con i ricavi dell’esercizio. I costi per materie

    prime, sussidiarie, di consumo e di merci sono comprensivi dei costi accessori di acquisto (trasporti,

    assicurazioni, carico e scarico, ecc.) se inclusi dal fornitore nel prezzo di acquisto delle stesse, altrimenti vengono iscritti separatamente nei costi per servizi in base alla loro natura. Vengono rilevati

    tra i costi, non solo quelli d’importo certo, ma anche quelli non ancora documentati per i quali è tuttavia già avvenuto il trasferimento della proprietà o il servizio sia già stato ricevuto. Gli oneri

    finanziari sono addebitati per competenza [OIC 12.93].

    Imposte sul reddito dell’esercizio. Le imposte correnti sono calcolate sulla base di una realistica previsione del reddito imponibile dell’esercizio, determinato secondo quanto previsto dalla legislazione

    fiscale, e applicando le aliquote d’imposta in vigore alla data di Bilancio [OIC 25.4,6]. Il relativo debito tributario è rilevato nello Stato patrimoniale al valore nominale, [OIC 25.23] al netto degli acconti

    versati, delle ritenute subite e dei crediti d’imposta compensabili e non richiesti a rimborso [OIC 25.24]

    nel caso in cui gli acconti versati, le ritenute ed i crediti eccedano le imposte dovute viene rilevato il relativo credito tributario [OIC 25.29]. Le imposte sul reddito differite e anticipate sono calcolate

    sull’ammontare cumulativo di tutte le differenze temporanee esistenti tra i valori delle attività e delle passività determinati con i criteri di valutazione civilistici ed il loro valore riconosciuto ai fini fiscali

    [OIC 25.38, 43]. Le imposte differite relative a differenze temporanee imponibili correlate a

    partecipazioni in società controllate e a operazioni che hanno determinato la formazione di riserve in sospensione d’imposta non sono rilevate solo qualora siano soddisfatte le specifiche condizioni

    previste dal principio di riferimento. [OIC 25.85, 53-57]. Le imposte differite relative ad operazioni che hanno interessato direttamente il patrimonio netto non sono rilevate inizialmente a Conto

    economico ma contabilizzate tra i fondi per rischi e oneri tramite riduzione della corrispondente posta

    di patrimonio netto [OIC 25.56]. Le imposte sul reddito differite e anticipate sono rilevate nell’esercizio in cui emergono le differenze temporanee e sono calcolate applicando le aliquote fiscali in vigore

    nell’esercizio nel quale le differenze temporanee si riverseranno, qualora tali aliquote siano già definite alla data di riferimento del Bilancio diversamente sono calcolate in base alle aliquote in vigore alla

    data di riferimento del Bilancio [OIC 25.43]. Le imposte anticipate sulle differenze temporanee deducibili e sul beneficio connesso al riporto a nuovo di perdite fiscali sono rilevate e mantenute in

    Bilancio solo se sussiste la ragionevole certezza del loro futuro recupero, attraverso la previsione di

    redditi imponibili o la disponibilità di sufficienti differenze temporanee imponibili negli esercizi in cui le imposte anticipate si riverseranno [OIC 25.41-42, 50]. Un’attività per imposte anticipate non

    contabilizzata o ridotta in esercizi precedenti, in quanto non sussistevano i requisiti per il suo riconoscimento o mantenimento in Bilancio, è iscritta o ripristinata nell’esercizio in cui sono soddisfatti

    tali requisiti [OIC 25.45, 51]. In nota integrativa è presentato un prospetto delle differenze

    temporanee che hanno comportato la rilevazione di imposte differite e anticipate, specificando l’aliquota applicata e le variazioni rispetto all’esercizio precedente, gli importi addebitati o accreditati

    a Conto economico o a patrimonio netto e le voci escluse dal calcolo nonché l’ammontare delle imposte anticipate contabilizzate in Bilancio attinenti a perdite dell’esercizio o di esercizi precedenti e

    l’ammontare delle imposte non ancora contabilizzato [OIC 25.92].

    Dividendi. I dividendi sono rilevati nel momento in cui, in conseguenza della delibera assunta dall’assemblea dei soci della società partecipata, di distribuire l’utile o eventualmente le riserve, sorge

    il diritto alla riscossione da parte della società partecipante [OIC 21.58].

    Uso di stime e valutazioni. La redazione del Bilancio e della relativa nota integrativa richiede da parte dei redattori l’effettuazione di stime e assunzioni che hanno effetto sui valori delle attività e

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 19

    delle passività alla data di Bilancio. I risultati che si consuntiveranno potrebbero differire da tali stime. Le stime sono utilizzabili per rilevare, tra l’altro, gli accantonamenti per rischi su crediti, le svalutazioni

    di attività, fatture da emettere e fatture da ricevere, gli ammortamenti, le imposte e gli altri accantonamenti a fondi rischi. Le stime e le relative ipotesi si basano sulle esperienze pregresse e su

    assunzioni considerate ragionevoli al momento delle stime stesse. Le stime e le assunzioni sono riviste periodicamente e ove i valori risultanti a posteriori dovessero differire dalle stime iniziali, gli effetti

    sono rilevati a Conto economico nel momento in cui la stima viene modificata.

    Criteri di conversione dei valori espressi in valuta. I crediti e i debiti espressi originariamente in valuta estera, iscritti in base ai cambi in vigore alla data in cui sono sorti, sono allineati ai cambi

    correnti alla chiusura del Bilancio. Gli utili e le perdite che derivano dalla conversione dei crediti e dei debiti sono rispettivamente accreditati e addebitati al Conto economico alla voce 17 bis utili e perdite

    su cambi. L’eventuale utile netto derivante dall'adeguamento ai cambi di fine esercizio delle poste in valuta concorre alla formazione del risultato d'esercizio e, in sede di approvazione del Bilancio e

    conseguente destinazione del risultato a riserva legale, è iscritto, per la parte non assorbita dalla

    eventuale perdita d'esercizio, in una riserva non distribuibile sino al momento del successivo realizzo.

    Cambiamento dei principi contabili. Il cambiamento di un principio contabile è rilevato nell’esercizio in cui viene adottato ed i relativi fatti ed operazioni sono trattati in conformità al nuovo

    principio che viene applicato considerando gli effetti retroattivamente. Ciò comporta la rilevazione

    contabile di tali effetti sul saldo d’apertura del patrimonio netto dell’esercizio. Ai soli fini comparativi, quando fattibile o non eccessivamente oneroso, viene rettificato il saldo d’apertura del patrimonio

    netto dell’esercizio precedente ed i dati comparativi dell’esercizio precedente come se il nuovo principio contabile fosse sempre stato applicato. Quando non è fattibile calcolare l’effetto cumulato

    pregresso del cambiamento di principio o la determinazione dell’effetto pregresso risulti

    eccessivamente onerosa, il Gruppo applica il nuovo principio contabile a partire dalla prima data in cui ciò risulti fattibile. Quando tale data coincide con l’inizio dell’esercizio in corso, il nuovo principio

    contabile è applicato prospetticamente. Gli effetti derivanti dall’adozione dei nuovi principi sullo Stato patrimoniale, Conto economico e Rendiconto Finanziario, laddove esistenti, sono stati evidenziati e

    commentati nella presente Nota Integrativa in corrispondenza delle note illustrative relative alle voci di Bilancio interessate in modo specifico. Non si rilevano cambiamenti nei principi contabili rispetto al

    precedente esercizio.

    Fatti intervenuti dopo la chiusura dell’esercizio

    I fatti intervenuti dopo la chiusura dell’esercizio che modificano condizioni già esistenti alla data di riferimento

    del Bilancio e che richiedono modifiche ai valori delle attività e passività, secondo quanto previsto dal principio

    contabile di riferimento, sono rilevati in Bilancio, in conformità al postulato della competenza, per riflettere l’effetto che tali eventi comportano sulla situazione patrimoniale e finanziaria e sul risultato economico alla data

    di chiusura dell’esercizio [OIC 29.59 a) e 60]. I fatti intervenuti dopo la chiusura dell’esercizio che modificano situazioni esistenti alla data di Bilancio, ma che non richiedono variazione dei valori di Bilancio, secondo quanto

    previsto dal principio contabile di riferimento, in quanto di competenza dell’esercizio successivo, non sono rilevati

    in Bilancio ma sono illustrati nella relazione sulla gestione quando necessari per una più completa comprensione della situazione societaria [OIC 29.59 b) e 61]. Il termine entro cui il fatto si deve verificare perché se ne tenga

    conto è la data di redazione del progetto di Bilancio da parte degli Amministratori.

    Considerazioni sulla continuità aziendale

    Si evidenzia una perdita consolidata al 30 giugno 2020 pari a euro -6.610 mila, rispetto ad una perdita realizzata

    al 31 dicembre 2019 pari a euro -6.613 mila e pari a -651 mila euro al 30 giugno 2019.

    Il risultato negativo dell’esercizio è dovuto essenzialmente all’instabilità venutasi a creare a causa del COVID-19

    sui mercati dell’ADV e delle telco. I ricavi si sono ridotti del 7,5% ovvero pari a 1.692 mila euro rispetto all’anno

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 20

    precedente, l’Ebitda del semestre 2020 è pari a -3.518 mila euro con una variazione negativa superiore al 100% in termini percentuali. La riduzione è sostanzialmente relativa a Vetrya S.p.A., i cui ricavi diminuiscono per 1.557

    mila euro. Si segnala che il valore negativo dell’Ebitda è sostanzialmente influenzato dalla riduzione dell’attività legata all’ADV, dovuta alla situazione COVID-19, che ha una marginalità più elevata, che non è stata compensata

    dall’incremento di fatturato dell’attività Telco, che invece presenta una marginalità ridotta.

    A livello di Gruppo la riduzione complessiva dei ricavi delle vendite e delle prestazioni al 30 giugno 2020 è pari

    a 1.693 mila euro (-7%), mentre la voce dei costi per servizi è in linea con il 30 giugno 2019 (+1%).

    Negativo è anche l’effetto dell’ammortamento dell’avviamento originato dalle operazioni di acquisizione di

    Viralize S.r.l. avvenuta nel corso del 2019, per 510 mila euro.

    Nonostante il risultato negativo registrato nell’esercizio non si ravvisano dubbi sul presupposto della continuità aziendale; la controllante Vetrya S.p.A. presenta i seguenti indicatori: la Società chiude al 30 giugno 2020 con

    un patrimonio netto positivo per 7.962 mila euro (patrimonio netto consolidato pari a 6.737 mila euro) e

    mantiene il capitale sociale invariato pari a 658 mila euro (il capitale non è dunque ridotto al di sotto dei limiti legali); la stessa è in grado normalmente di far fronte al pagamento dei debiti finanziari a medio-lungo termine

    nel rispetto dei piani di ammortamento contrattualizzati. Tuttavia, dopo aver pagato regolarmente le rate dei finanziamenti fino al mese di marzo 2020, la Società ha richiesto ed ottenuto dalle banche la sospensione delle

    rate dei mutui di tre mesi ed ulteriori nuovi finanziamenti per 3,5 milioni di euro per far fronte all’emergenza COVID-19. Nei mesi da luglio a settembre, la Società ha ripreso regolarmente il pagamento delle rate dei

    finanziamenti.

    Le attuali disponibilità liquide della Capogruppo si sono ridotte rispetto all’esercizio chiuso al 31 dicembre 2019, e si attestano a 2.316 mila euro (pari a 5.728 mila euro per il Bilancio consolidato), a differenza dei 5.588 mila

    euro al 31 dicembre 2019 (pari a 9.465 mila euro per il Bilancio consolidato). Tale riduzione è relativa al rallentamento degli incassi dovuto al COVID-19, e allo stesso tempo alla volontà da parte della società di

    continuare a pagare i propri fornitori e i contributi previdenziali e fiscali, ad eccezione dei contributi INPS e IRPEF

    relativi ai mesi di marzo e aprile 2020 che, in base al Decreto Cura Italia sono oggetto di rateizzazione a partire

    dal 16 settembre 2020.

    L’indebitamento finanziario al 30 giugno 2020 registrato da Vetrya S.p.A. è negativo per -14.157 mila euro (pari a -11.422 mila euro per il Bilancio consolidato) ma nel corso del secondo semestre 2020, la Società sta

    continuando a pagare alla scadenza i debiti aperti verso banche, fornitori e i debiti tributari; non si ravvisano

    problematiche di continuità negli ormai consolidati rapporti con i principali clienti e fornitori della Società.

    In data 11 luglio 2020 l’Assemblea straordinaria di Vetrya S.p.A. ha deliberato di aumentare il capitale sociale a

    pagamento e in forma scindibile, da liberarsi in denaro, da offrirsi in opzione a tutti i soci della Società ai sensi dell'art. 2441, comma 1, c.c., per complessivi massimi euro 2.100.000, comprensivi di sovrapprezzo, da attuarsi

    mediante emissione di nuove azioni ordinarie, prive di indicazione del valore nominale, aventi il medesimo godimento e le medesime caratteristiche delle azioni in circolazione. Le azioni di nuova emissione sono state

    offerte ad un prezzo massimo pari a euro 5 ciascuna, di cui euro 4,90 imputabili a sovrapprezzo, fermo restando

    che il corrispettivo complessivo dell’offerta non potrà essere superiore a euro 2.100.000.

    Il 10 agosto 2020 si è concluso l’aumento del capitale sociale di Vetrya S.p.A. deliberato in data 11 luglio 2020.

    L’attuale capitale sociale è pari a 680 mila euro. Sono state sottoscritte n. 212.895 azioni al valore nominale unitario di 0,10, con un incremento del capitale sociale di 21 mila euro e la conseguente iscrizione di una Riserva

    sovrapprezzo azioni pari a 1.043 mila euro.

    Le Nuove Azioni rimaste inoptate successivamente all’esercizio del diritto di opzione e del diritto di prelazione da parte degli azionisti potranno essere collocate, a cura dell’organo amministrativo e nel rispetto della normativa

    vigente, entro il termine finale di sottoscrizione del 30 giugno 2022.

    La Società pertanto nel secondo semestre 2020 ha incrementato la propria liquidità grazie all’aumento del

    capitale effettuato dai soci e al ricorso a finanziamenti bancari. La Società sta inoltre puntando su nuovi business quali il cloud computing e all’integrazione della componente puramente tecnologica con la comunicazione

    strategica e cross mediale, che sicuramente porteranno risultati positivi in termini di fatturato e margini già alla

    fine del secondo semestre.

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 21

    La Società sta inoltre valutando operazioni straordinarie che le consentano di avere un incremento sostanziale di liquidità; in parallelo sta compiendo operazioni di cost saving (cassa integrazione e ottimizzazione della

    struttura societaria), rimodulazione del personale su nuove aree di business con relativa revisione e ottimizzazione organizzativa e predisposizione di un piano industriale con il supporto di primaria società di

    revisione.

    In virtù dei flussi di cassa ottenuti con l’entrata di capitale, a seguito della suddetta sottoscrizione delle azioni

    con sovrapprezzo, con l’ottenimento dei nuovi finanziamenti sottoscritti con primari istituti finanziari e in virtù

    delle operazioni straordinarie che la Società dovrebbe portare a termine entro breve, oltre all’attività relativa al saving dei costi sulla struttura e alla diversificazione del business su settori a più alta marginalità, il bilancio al

    30 giugno 2020 di Vetrya S.p.A. è pertanto redatto e presentato nella prospettiva della continuità aziendale.

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 22

    STATO PATRIMONIALE

    Attivo immobilizzato

    Immobilizzazioni Immateriali

    30/06/2020 31/12/2019 Variazione

    Immobilizzazioni Immateriali 12.949.728 12.797.542 152.186

    Totale 12.949.728 12.797.542 152.186

    Di seguito sono esposti i movimenti delle immobilizzazioni immateriali e dei relativi fondi ammortamento

    registrati nel corso del primo semestre 2020.

    (Importi in euro)

    Cost

    i di im

    pia

    nto

    e d

    i

    am

    plia

    mento

    Cost

    i di sv

    iluppo

    Bre

    vett

    i in

    dust

    riali

    Conce

    ssio

    ni, lic

    enze

    e

    marc

    hi

    Avvia

    mento

    Imm

    .zio

    ni in

    cors

    o

    Altre

    Im

    m.z

    ioni

    Tota

    le

    Saldo iniziale 328.002 3.446.355 789.750 4.944 7.142.232 988.965 97.294 12.797.542

    Incrementi 2.008 - 50.831 - - 1.795.413 30.381 1.878.633

    Amm.to 164.202 915.768 122.398 649 510.160 - 13.271 1.726.448

    Altre variazioni

    - - - 1 - - - 1

    Saldo finale 165.808 2.530.587 718.183 4.296 6.632.072 2.784.378 114.404 12.949.728

    di cui

    Costo storico 1.658.239 13.047.643 2.951.840 11.087 8.162.551 2.784.378 206.824 28.822.562

    Fondo Amm.to

    1.492.431 10.517.056 2.233.657 6.791 1.530.479 - 92.420 15.872.834

    Saldo finale 165.808 2.530.587 718.183 4.296 6.632.072 2.784.378 114.404 12.949.728

    Costi di impianto e ampliamento

    Il saldo al 30 giugno 2020 si riferisce ai costi capitalizzati nel precedente esercizio relativi all’aumento di capitale

    sociale come previsto dall’OIC 24 a seguito della quotazione della società sul mercato AIM Italia avvenuto in

    data 29 luglio 2016.

    Si tratta prevalentemente di costi relativi a consulenti esterni che hanno supportato Vetrya nell’operazione di cui

    sopra.

    L’incremento di 2.008 euro si riferisce alle spese notarili relative alla costituzione della società Agon Digital S.r.l.

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 23

    Costi di sviluppo

    Il saldo al 30 giugno 2020 si riferisce principalmente ai costi sostenuti e capitalizzati in precedenti esercizi per

    lo sviluppo e la realizzazione delle piattaforme digitali che la società utilizza per l’erogazione dei servizi venduti

    alla clientela.

    Brevetti industriali

    Il valore al 30 giugno 2020 si riferisce prevalentemente all’incremento in piattaforme Viralize sottoposta a

    privativa industriale, attraverso le quali eroga i propri servizi per euro 47.576.

    La parte residuale è relativa ad investimenti di Agon Digital S.r.l.

    Avviamento

    Il saldo al 30 giugno 2020 si riferisce alla differenza di consolidamento generata dall’acquisizione delle

    partecipazioni Viralize S.r.l. e Viralize Ltd.

    L’ammontare minimo, stabilito contrattualmente, che Vetrya deve pagare per l’acquisto di Viralize è pari a euro

    11.030.324; invece l’ammontare massimo che Vetrya dovrà pagare per l’acquisto di Viralize è pari a euro

    13.202.603.

    L’ammontare pagato alla data di sottoscrizione del contratto (prima tranche) è stato pari a euro 7.665.162,

    pertanto l’ammontare residuo da pagare per raggiungere il Prezzo Venditori 2021 Minimo risulta pari a euro

    3.365.162, per un totale di euro 11.030.324.

    A fronte di tale acquisizione è emerso un valore di avviamento pari a euro 8.162.551 determinato come differenza tra il valore della partecipazione e il patrimonio netto della controllata secondo quanto stabilito dall’OIC

    17.

    L’allocazione dell’avviamento è stata effettuata sulla base di un business plan predisposto dal Gruppo e la durata del periodo di ammortamento dello stesso è determinata in 8 anni, ossia la stima di tempo entro il quale il

    Gruppo si attende di recuperare l’investimento effettuato secondo quanto predisposto dall’OIC 24.

    Il valore residuo al 30 giugno 2020 è pari a euro 6.632.072, la Società ha proceduto a stimare il valore

    recuperabile dello stesso. In base all’OIC 21 “La perdita durevole di valore è determinata confrontando il valore

    di iscrizione in bilancio della partecipazione con il suo valore recuperabile, determinato in base ai benefici futuri

    che si prevede affluiranno all’economia della partecipante.”

    Tale verifica è stata effettuando determinando il valore recuperabile attraverso il calcolo dei flussi reddituali attesi della Viralize S.r.l. sulla base del Business Plan per gli esercizi 2020-2022 predisposto dal management e

    che sarà oggetto di approvazione in sede di CdA.

    Le stime sul valore recuperabile si basa sui seguenti assunti di base:

    Il wacc (costo medio ponderato del capitale) è stata calcolato utilizzando un risk free rate pari all’1,5%.

    Il costo del capitale di debito è stato considerato pari al 4%, il tasso di crescita (g) è stato considerato pari al 2%.

    Dal test di impairment sopra descritto è emersa una differenza positiva tra valore recuperabile e valore contabile

    di iscrizione in bilancio, pertanto non si è reso necessario apportare nessuna rettifica al valore della stessa

    partecipazione.

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 24

    Immobilizzazioni in corso

    Si riferiscono a progetti riferibili prevalentemente all’implementazione di nuove piattaforme digitali o ad

    integrazioni straordinarie di piattaforme digitali già operative. Si tratta di progetti non ancora in funzione alla

    data di bilancio e che si prevede di completare nel prossimo futuro.

    Altre Immobilizzazioni

    Il saldo al 30 giugno 2020 si riferisce principalmente ai costi sostenuti per migliorie su beni di terzi sostenuti per

    gli uffici di Firenze e Milano di Viralize.

    Immobilizzazioni Materiali

    (importi in euro) 30/06/2020 31/12/2019 Variazione

    Immobilizzazioni Materiali 6.896.212 7.018.736 -122.524

    Totale 6.896.212 7.018.736 -122.524

    Di seguito sono esposti i movimenti delle immobilizzazioni materiali e dei relativi fondi ammortamento registrati

    nel corso del primo semestre 2020:

    (Importi in euro)

    Terreni e fabbricati

    Impianti e macchinari

    Attrezzature industriali e commerciali

    Altri beni Totale

    Saldo iniziale 6.127.713 7.203 921 882.899 7.018.736

    Incrementi 0 479 1.964 84.368 86.811

    Ammortamento dell'esercizio

    83.525 1.934 580 123.296 209.335

    Saldo finale 6.044.188 5.748 2.305 843.971 6.896.212

    Costo storico 6.730.912 137.286 75.756 1.810.419 8.754.373

    di cui

    Fondo ammortamento

    686.724 131.538 73.451 966.448 1.858.161

    Saldo finale 6.044.188 5.748 2.305 843.971 6.896.212

    Gli incrementi relativi alla categoria “Altri beni” sono imputabili prevalentemente all’acquisto di mobili arredi e

    macchine elettroniche di ufficio da parte di Vetrya S.p.A. e Viralize S.r.l.

    Contratti di leasing

    Di seguito elenco dei contratti di leasing in essere al 30 giugno 2020.

    Si riferiscono alla controllante Vetrya S.p.A. e alla controllata Viralize S.r.l.

    Dato il fatto che tali beni hanno una permanenza in azienda che generalmente non eccede i 18 mesi, in quanto vengono sostituiti con una certa frequenza e visto l’ammontare non significativo degli stessi, come consentito

    dall’OIC 17, nel presente Bilancio sono stati contabilizzati con il metodo patrimoniale e non finanziario.

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 25

    Tipologia Modello Società Numero contratto Data inizio contratto

    Autovettura I3 BMW LEASING 3542624 04/01/2019

    Autovettura 745E BMW LEASING 3737569 11/02/2020

    Autovettura X5 BMW LEASING 3625445 10/06/2019

    Autovettura 218D BMW LEASING 3523609 15/11/2018

    Autovettura 530 X Drive BMW LEASING 3632903 05/08/2019

    Autovettura Audi A4 2.0 40 TDI sline edit 5 tronic

    VOLKSWAGEN LEASING GMBH

    34693 24/06/2019

    Immobilizzazioni Finanziarie

    (importi in euro) 30/06/2020 31/12/2019 Variazione

    Partecipazioni altre imprese 1.671.875 2.072.015 -400.140

    Attività finanziarie vs terzi 340.929 375.412 -34.483

    Totale 2.012.804 2.447.427 -434.623

    Partecipazioni

    (Importi in euro) 31/12/2019 Incrementi Decrementi 30/06/2020

    Altre imprese 2.072.015 (400.140) 1.671.875

    Totali 2.072.015 (400.140) 1.671.875

    Movimenti delle partecipazioni in altre società

    Non si ravvisano indicatori di perdita durevole di valore di tali partecipazioni.

    Di seguito il dettaglio:

    (importi in euro) 31/12/2019 Incrementi Decrementi Svalutazioni 30/06/2020

    PUMAS - -

    Games Pix S.r.l. 200.000 200.000

    Bitxboost - -

    Ucapital Srl 1.470.000 1.470.000

    Neosperience 400.140 (400.140) -

    Vativision S.r.l. 1.875 1.875

    Totali 2.072.015 0 (400.140) 0 1.671.875

    Nel corso del primo semestre 2020 Vetrya ha proceduto alla vendita del restante numero di azioni possedute

    nei confronti di Neoesperience (società quotata nel mercato AIM) per complessivi 585 mila euro che ha generato una riduzione della partecipazione per 400 mila euro ed una plusvalenza per l’importo residuo di ulteriori 185

    mila euro.

    Si evidenzia che il titolo di UCapital 24 al 30 giugno 2020 ha un valore di mercato pari a euro 1,94 contro euro

    3,78 registrato al 31 dicembre 2019, il valore della partecipazione sarebbe dunque inferiore rispetto al valore contabile a cui è iscritto attualmente in bilancio (1.470 mila euro) per un ammontare pari a 393 mila euro. Non

    è stata effettuata la relativa svalutazione, riteniamo che tale differenziale non rappresenti attualmente una

    perdita durevole di valore. Si tratta infatti di una società in fase di start up, la quale necessita di un periodo di tempo maggiore per poter entrare a regime, soprattutto considerando il relativo business. Come evidenziato

    anche dalle ricerche svolte dagli analisti finanziari, storicamente le società di social network e tech-based vedono la loro valutazione crescere in maniera significativa in fase di IPO ma un trend negativo nella fase

    immediatamente successiva. Le evidenze di ripresa dopo questa seconda fase si attivano nel medio-lungo

    periodo come dimostrato da società analoghe del settore.

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 26

    Attività finanziarie verso terzi

    (importi in euro) 30/06/2020 31/12/2019 Variazione

    Depositi Cauzionali 38.412 115.412 -77.000

    Finanziamenti a terzi 302.517 260.000 42.517

    Totale 340.929 375.412 -34.483

    Attivo corrente

    Rimanenze

    Di seguito si riporta il dettaglio della voce rimanenze:

    (importi in euro) 30/06/2020 31/12/2019 Variazione

    Rimanenze merci 62.873 25.655 37.218

    Totale 62.873 25.655 37.218

    Crediti

    (importi in euro) 30/06/2020 31/12/2019 Variazione

    Crediti v/clienti 20.953.258 20.091.499 861.759

    Crediti v/imprese controllate non consolidate 41.896 41.736 160

    Crediti v/imprese controllanti 205.160 204.660 500

    Crediti verso imprese sottoposto al controllo delle controllanti

    9.788 9.038 750

    Crediti tributari 3.673.641 3.084.164 589.477

    Imposte anticipate 2.469.917 2.501.519 -31.602

    Crediti v/altri 1.340.347 1.290.473 49.874

    Totale 28.694.007 27.223.089 1.470.918

    Crediti verso clienti

    (importi in euro) 30/06/2020 31/12/2019 Variazione

    Crediti verso clienti entro 12 mesi 11.818.708 14.186.116 -2.367.408

    di cui scaduto 9.565.241 11.026.807 -1.461.566

    Fondo svalutazioni crediti 1.844.051 746.027 1.098.024

    Crediti per fatture da emettere 10.978.601 6.651.410 4.327.191

    Totale 20.953.258 20.091.499 861.759

    I crediti verso clienti, generati dall’attività caratteristica del Gruppo, sono interamente esigibili entro 12 mesi

    dalla chiusura dell’esercizio e denominati in euro.

    I crediti per fatture da emettere sono relativi a prestazioni effettuate nel corso del semestre che, in base ai

    contratti in essere con i clienti, sono fatturate nei primi mesi del semestre successivo.

  • Nota integrativa al bilancio consolidato 2020 27

    Di seguito si espone, con riferimento al semestre in chiusura ed all’esercizio precedente, l’analisi dei crediti

    scaduti:

    (Importi in euro) 30/06/2020 31/12/2019

    Giorni di scadenza

    30 415.876 3.970.040

    60 622.437 468.884

    90 1.153.875 281.496

    120 29.638 774.607

    Oltre 120 7.343.414 5.531.781

    Totale 9.565.241 11.026.807

    La variazione dello scaduto oltre i 120 giorni rispetto al periodo precedente è collegata ad alcune posizioni

    creditorie vantate nei confronti di partner commerciali e che si stanno riducendo per effetto di pagamenti

    periodici.

    Tuttavia, al fine di coprirsi dai rischi legati alla mancata recuperabilità di tali crediti, il management ha deciso di

    agire nei confronti degli stessi per vie legali, mediante richiesta di decreto ingiuntivo e rimodulazione dei relativi

    piani di rientro.

    Prudenzialmente si è dunque proceduto ad effettuare una svalutazione per euro 1.098.024 a fronte dei crediti

    scaduti oltre i 120 giorni.

    L'adeguamento del valore nominale dei crediti al valore di presunto realizzo, è stato ottenuto mediante apposito

    fondo svalutazione crediti esposto a diretta riduzione della voce CII 1) Crediti verso clienti.

    Il fondo ha subito, nel corso dell'esercizio, la seguente movimentazione:

    (Importi in euro) 31/12/2019 Incrementi Utilizzi 30/06/2020

    Fondo svalutazione crediti 746.027 1.098.024 - 1.844.051

    Totali 746.027 1.098.024

    - 1.844.051

    La quantificazione del fondo svalutazione crediti avviene secondo una metodologia analitica basata su un’attenta

    analisi dei singoli crediti iscritti in bilancio.

    Si presenta di seguito la distinzione dei crediti verso clienti secondo la ripartizione geografica (gli importi indicati

    sono espressi al netto del fondo svalutazione crediti e comprendono i crediti per fatture da emettere):

    (importi in euro) 30/06/2020 % 31/12/2019 % Variazione

    Crediti Italia 16.104.417 77% 15.118.352 75% 986.065

    Crediti UE 2.762.674 13% 3.116.081 16% (353.407)

    Cre