Messina in cifre - istat.it · “Messina in cifre” ci restituisce uno spaccato dell’economia e...

of 184 /184
Edizione 2010 Messina in cifre 2010 Sviluppo sostenibile Società e individui Settori produttivi Qualità della vita

Embed Size (px)

Transcript of Messina in cifre - istat.it · “Messina in cifre” ci restituisce uno spaccato dell’economia e...

Edizione 2010

Mes

sina

in c

ifre

E

dizi

one

2010

Messina in cifre

Prefettura di Messina Provincia Regionale di Messina

Universit degli Studi

di MessinaComune di Messina

2010Sviluppo sostenibileSociet e individuiSettori produttivi

Qualit della vita

Messina in cifre: un prodotto di infor-mazione statistica al servizio della cono-scenza di policy maker e cittadini.Frutto della convezione sottoscritta dal Gruppo di Lavoro Permanente di Statisti-ca e dalla Facolt di Scienze Statistiche dellUniversit degli Studi di Messina, la pubblicazione approfondisce 4 temi prin-cipali: societ e individui, settori produtti-vi, sviluppo sostenibile e qualit della vita; restituisce uno spaccato della societ e delleconomia della Provincia di Messina, descrivendone le componenti strutturali e le dinamiche, le potenzialit e i punti di forza; ma anche i ritardi e le contraddi-zioni.

Il volume Messina in cifre. Edizione 2010 stato realizzato nellambito del Gruppo di Lavoro Permanente presso la Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Messina cos costituito:

Natalia Ruggeri, Prefettura di Messina

Lina Serio, Provincia Regionale di Messina

Agnese De Salvo, Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Messina

Maurizio Mondello, Comune di Messina

Anna Pia M. Mirto, ISTAT

Coordinamento generale del progetto: Anna Pia M. Mirto, ISTAT

Alla realizzazione del progetto hanno collaborato per:

Prefettura di Messina Maria Toscano

Provincia Regionale di Messina Pietro Gulioso

Universit degli Studi di Messina Filippo Grasso

ISTATFrancesco Paolo Rizzo (Ricognizione delle fonti statistiche ed elaborazione dati Tema 1: Societ e individui)

Domenico Caspanello (Ricognizione delle fonti statistiche ed elaborazione dati Tema 2: Settori produttivi)

Salvatore Vassallo (Ricognizione delle fonti statistiche ed elaborazione dati Tema 3: Sviluppo sostenibile, Tema 4: Qualit della vita e Glossario)

Riccardo Abbate (Realizzazione cartografie e Impostazioni editoriali delle tavole)

Un particolare ringraziamento a:Francesco Alecci, Prefetto della provincia di MessinaFrancesco Tomasello, Rettore dellUniversit degli Studi di MessinaGiuseppe Buzzanca, Sindaco di MessinaGiovanni Ricevuto, Presidente della Provincia Regionale di MessinaAntonino Messina, Presidente della Camera di CommercioFrancesca Abate, Dirigente ISTAT Sede Territoriale per la Sicilia

Si ringrazia inoltre per la collaborazione il dott. Carmelo Musolino, la d.ssa Silvana Merenda, il dott. Tom-maso Mondello (Prefettura di Messina), il dott. Armando Cappadonia (Provincia Regionale di Messina) e la d.ssa Nunzia Crisafulli (Comune di Messina).

Il progetto stato realizzato attraverso la Convenzione relativa alla Realizzazione di una analisi statistica sui principali aspetti socio-economici della provincia di Messina, stipulata il 5 Giugno 2009 tra il Gruppo di Lavoro Permanente presso la Prefettura - UTG di Messina e lUniversit degli Studi di Messina.

3

INDICEGENERALE

5 Presentazione

7 Introduzione

11 Strutturadelvolume

16 Profilosocio-economico-ambientaledeicomunidellaprovinciadiMessina

29 Indicedelletavolestatistiche

32 Avvertenze

33 TAVOLESTATISTICHETEMA1:SOCIETAEINDIVIDUI

34 Sottotema1.1:Popolazione 52 Sottotema1.2:Famiglie 54 Sottotema1.3:Lavoro,previdenzaeassistenza 57 Sottotema1.4:Istruzioneecultura 63 Focus1:LapopolazionestranierasoggiornanteinSicilia 65 Focus2:IlmercatodellavoroaMessina 69 Focus3:Ilprocessodiintegrazionedeifigliminoridiimmigrati. Unanalisiterritorialesocio-economica

75 TAVOLESTATISTICHETEMA2:SETTORIPRODUTTIVI

76 Sottotema2.1:Imprese 94 Sottotema2.2:Mercatofinanziarioeimmobiliare 100 Sottotema2.3:Turismo 108 Sottotema2.4:Commerciointerno 111 Sottotema2.5:Agricoltura 114 Sottotema2.6:Contabilit 116 Focus4:LeimpresenellaprovinciadiMessina

119 TAVOLESTATISTICHETEMA3:SVILUPPOSOSTENIBILE

120 Sottotema3.1:Ambiente 124 Sottotema3.2:Mobilitsostenibile 130 Sottotema3.3:Salutepubblica 133 Sottotema3.4:Inclusionesociale

135 TAVOLESTATISTICHETEMA4:QUALITADELLAVITA

136 Sottotema4.1:Fattorieconomici 138 Sottotema4.2:Fattorisociali 139 Sottotema4.3:Fattoriambientali 139 Sottotema4.4:Fattoripolitici

141 Tavolasinotticadeimetadati

173 Glossario

5

PRESENTAZIONE

Le pubblicazioni su tematiche di carattere socio-economico che, ogni anno, vengono auto-

nomamente elaborate da diversi Enti nella provincia di Messina sono numerose.. Oggi, per

la prima volta, mettiamo a disposizione del pubblico un prodotto- Messina in cifre- che,

in un quadro concettuale unitario, descrive il territorio messinese da pi angoli di visuale,

per dare la possibilit a tutte le istituzioni e ai privati di poterne usufruire per elaborare le

proprie strategie di azione programmatica.

Per realizzare questo prodotto stata stipulata unapposita convenzione tra gli Enti che

compongono il Gruppo di Lavoro Permanente di Statistica (Prefettura, Provincia Regiona-

le, Camera di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura, Comune di Messina e Istat

- Sede territoriale per la Sicilia), estesa anche alla Facolt di Scienze Statistiche dellUni-

versit degli Studi di Messina.

Questo prodotto la dimostrazione di cosa si possa fare quando limpegno e le competenze di

ciascuna istituzione vengono messe a fattor comune, in spirito di servizio alla comunit locale.

Messina in cifre presenta i risultati di indagini e di elaborazioni statistiche da cui emer-

gono le principali caratteristiche della popolazione, del territorio e delle attivit produttive.

Inoltre, utili approfondimenti sono dedicati a fenomeni sociali emergenti come limmigra-

zione, il mercato del lavoro, lintegrazione degli stranieri nelle scuole, limprenditorialit

femminile.

Lauspicio che i tanti dati raccolti ed elaborati dai componenti il Gruppo di Lavoro Perma-

nente di Statistica - Agnese De Salvo, Anna Pia Mirto, Maurizio Mondello, Natalia Ruggeri,

Lina Serio, cui ha anche contribuito Filippo Grasso dellUniversit degli Studi di Messina - ai

quali va il nostro pi sentito apprezzamento, possano risultare preziosi per sostenere i pro-

cessi decisionali dei diversi operatori locali, istituzionali e non. Ci si augura che linforma-

zione offerta contribuisca a costituire le basi di conoscenza su cui incardinare la definizione

di un percorso di sviluppo che tenga conto della compenetrazione di ogni esigenza con le

peculiarit del territorio.

A partire dalla conoscenza del territorio, attraverso una lettura scrupolosa dei dati conte-

nuti nel volume, possibile calibrare meglio gli interventi, prestando maggiore attenzione

ai settori che risultanopi deboli e alle situazioni pi arischio, senza trascurare quelli

in espansione per i quali si valuti strategicamente necessario effettuare azioni di ulteriore

potenziamento.

6

Il volume stato realizzato e viene diffuso nella prospettiva indicata dal Decreto Legisla-

tivo 6 Settembre 1989 n. 322, istitutivo del Sistema statistico nazionale, secondo cui I

dati elaborati nellambito delle rilevazioni statistiche comprese nel programma statistico

nazionale sono patrimonio della collettivit. In questo spirito, si auspica che esso possa

fungere da apripista di una rinnovata attenzione allinformazione statistica per sostenere le

decisioni di tutta la comunit locale.

ILPREFETTO ILPRESIDENTE ILPRESIDENTE ILSINDACO ILPRESIDENTE ILRETTORE dellaprovincia ProvinciaRegionale C.C.I.A.A. Comune dellISTAT Universitdegli diMessina diMessina diMessina diMessina StudidiMessina

7

INTRODUZIONE

Questo prezioso prodotto di informazione statistica, al servizio della conoscenza per i

cittadinieidecisorilocali,nascedallaconvergenzadisforzieprofessionalitchestato

possibile realizzare in virt di una convenzione sottoscritta dai soggetti partecipanti al

Gruppo di Lavoro Permanente di Statistica (Prefettura, Provincia Regionale, Camera di

Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura, Comune di Messina e ISTAT - Sede

territorialeperlaSicilia)edallaFacoltdiScienzeStatistichedellUniversitdegliStudidi

Messina.Ilconcorsodiunacosnumerosaplateadisoggettiistituzionali,concompetenze

anchemolto diversema accomunati da un interesse comune alla condivisione dei dati

amministrativiostatisticiealla loroelaborazioneper lanalisideifenomenirilevanti

per il territorio, ha consentito il conseguimento di risultati non banali e rappresenta la

dimostrazionediunfatto:quandosipraticanoapprocciditipocooperativo,chespostano

lattenzionedaunaconcezioneproprietariadellinformazioneormaisuperataedestinata

asoccomberedi frontealleesigenzeche leconomiadellaconoscenza imponeaduna

concezionediopendata,diricercadellesinergiepossibiliediminimizzazionedeglioneri

dasostenere,lesitocertamentepositivo,taledaconsentireilconseguimentodiobiettivi

altrimentinonperseguibili.

Messinaincifrecirestituisceunospaccatodelleconomiaedellasocietdellaprovincia,

nellesuecomponentistrutturaliedinamiche,conlesuecontraddizionieritardieconisuoi

puntidiforzaepotenzialit:chiavidiletturadiversepercomprenderefenomenicomplessi.

Inprimoluogoperfornirealpolicymakerlocaleglistrumentidiconoscenzaperdecidere

almegliolallocazionedellerisorseeprogrammare,quindi,inmodomiratoeselettivogli

interventidarealizzare.Maancheperdarealcittadinolapossibilitdicoglieremeglioi

tratticaratterizzantidellarealtincuiviveescorgerneletendenzeinatto,nondaultimo

pervalutareconmaggioreconsapevolezzaloperatodellamministrazionepubblica,siain

terminidiserviziresisiainterminidistrategieposteinessere.

Lapubblicazioneproponelapprofondimentodi4temiprincipali:societeindividui,settori

produttivi,svilupposostenibile,qualitdellavita.Sitrattadiunasceltaoculata,chesicolloca

idealmentenelfilonediindaginepirecenteeambizioso,chehavistonelRapportodella

CommissioneStiglitzper la misurazione del rendimento economico e progresso sociale

ilsuomomentodiespressionemassima.Essosicompendianellesigenzadiirrobustirela

capacitdegliaggregatimacroeconomicitradizionali(comeilPIL)didescriverelostatoela

8

dinamicadelleconomiaedellasocietmadinontrascurare,anzimettendoinprimopiano,

aspettialtrettantofondamentaliperdeclinareilbenesserediunacollettivitedeisingoli

individuichenefannoparte:lasostenibilitambientaleeintergenerazionaledellosviluppo

economicoelaqualitdellavita.

Diparticolareinteresse,sottoquestoprofilo,larticolazioneinternadeitemicheMessina

incifreproponeal lettore:gliaspettidellasostenibilitsonoanalizzaticonriferimento

allambiente,aldirittoallamobilit,allasaluteeallinclusionesociale;quellidellaqualit

della vita sono esaminati con riferimento ai principali fattori determinanti: economici,

sociali,ambientali,politici.

Granpartedelle informazionipresentatesonoriferiteaisingolicomuni incuisiarticola

la provincia; comunque sono proposti confronti interprovinciali allinterno del territorio

regionale:idifferenzialichesipossonorilevarefornisconodivoltainvoltaspuntipreziosi

perlariflessionesuiritardidacolmareesullecriticitancorapresenti,spessorisalentimolto

indietroneltempo.Diinteresserimarchevolesonopoiidaticheindaganosuifenomenidi

pirecentemanifestazione,comequellidellintegrazionesocialedellecomunitdinuova

immigrazioneedellinserimentoneipercorsiscolasticidellepigiovanigenerazionichene

fannoparte.O,ancora,quellichedescrivonolasituazioneambientalesottovariprofili:da

quellidellinquinamentoatmosfericoaquellidellaraccoltadeirifiuti,differenziataenon,da

quellidellintensitdusodeidiversimezziditrasportoedellerelativeemissionidiagenti

inquinantiaquelliattinentiallac.d.mobilitsostenibile.

Messinaincifre,pertanto,ilfruttodiunabuonapraticadicollaborazioneinteristituzionale,

collocandosi nel solco tracciato dallormai lontano dlgs. 322/89, istitutivo del Sistema

statisticonazionale,eoggirinvigoritodauninsiemedinuoviattinormativiediindirizzo,

a livelloeuropeoenazionale-comeilCodice italianodellestatisticheufficiali(direttiva

Comstatdel17marzo2010)-edalleconseguentiazionichelIstatstaponendoinessere

per sostenerne lapplicazione concreta. I principi affermati nel Codice, e che dovranno

progressivamenteessereeffettivamentepraticatidagliUfficidistatisticachefannoparte

del Sistan, sono fra laltro - quelli di indipendenza professionale, di imparzialit e

obiettivit,ditempestivitepuntualit,diaccessibilitechiarezza,dilimitazionemassima

dellonereperirispondentiediefficienzarispettoaicosti.RiguardoataliprincipiMessina

incifresicollocasuunadimensionedituttorilievo,inparticolareinquantofruttodiun

lavorocooperativochehasaputovalorizzarecompetenzeefontiinformativediverse.Ma

lasfidaeleopportunit-chepongonolenuovetecnologieoggidisponibilieincostante

rapidaevoluzionenonchleesigenzesemprepifortididocumentazionestatisticafinedei

fenomeni,ancheinvistadellulterioredecentramentofunzionalecheseguirallattuazione

deldettatocostituzionaleinmateriadifederalismofiscale,richiedonodinonaccontentarsi

del lavorofinqui fatto.Piuttosto implicanochequestultimosiada considerareunutile

9

esperienza da cui partire per raggiungere traguardi ancora pi ambiziosi: il prossimo

Messinaincifre-questoilmioaugurio-dovressereunprodottoancorapievolutoe

attraente,fondatosullusointensivodellenuovetecnologieinformatiche.Essopotressere

espostodirettamente sulwebedessere composto in run time attraverso lestrazione

automatica dei dati e linterconnessione fra archivi statistici (o amministrativi validati

nellalorousabilitperfinistatistici)residentiinluoghifisicidiversi.Allaminimizzazione

dellonereperleamministrazionicompartecipanticorrisponderlamassimavalorizzazione

delleinformazionioggettodiintegrazioneeilmassimoritornopergliutenti,chepotranno

fruiregratuitamentedisetdidatiinterrelatievariamenteconfigurabilialoroscelta.Non

soloicittadinima,inprimoluogo,gliamministratorilocaliresponsabilidellepolitiche,che

datalidatipotrannoesseresupportateinterminiprogrammatori,potrannograndemente

beneficiare di una tale evoluzione. LIstat impegnata in questo percorso ed pronta

asostenere,anche tecnologicamente,ognibuonapraticachevada in taledirezionee i

necessariaccordichenerendanopossibilelarealizzazione.

RaffaeleMalizia IstatDirezioneCentraleperloSviluppoeilcoordinamento

delSistemastatisticonazionaleedellaReteterritoriale.

11

STRUTTURADELVOLUME1

Nellaprogettazionediquestapubblicazionestatisticaacarattereprovincialesisonorappresentatealcunecaratteristichecheriguardano:

A)tematismirilevanti:sonostaticiosceltialcunicritericlassificatori,che identificanoquattroareetematichedi cuiduepi tradizionalidenominate societe individuie settoriproduttivieduetrasversalirispettoalletematichedicaratteresociale,economicoeambientaledenominateappuntosviluppo sostenibile e qualit della vita. Lapproccio metodologico seguito nellanalisi dellosvilupposostenibileriguardailframeworkdiEurostatedelle10sottoareetematichecorrelate(cfr.Tab. 1)2. La parte tabellare del volume strutturata pertanto in quattro aree tematicherappresentative rispettivamente dei seguenti sottotemi che identificano oltre 500 indicatoriclassificabiliincoreechiave(cfr.Fig.1).

Tabella1Temidisvilupposostenibile

LIVELLO1TEMA COPERTURANELLAPUBBLICAZIONE(Indicatoriprevalenti)

1. Svilupposocioeconomico Forze di lavoro, valore aggiunto, imprese eunitlocali

2. Consumoeproduzionesostenibili Autovettureperabitante

3. Inclusionesociale AccessoalmercatodellavoroeIstruzione

4. Cambiamentidemografici Speranza di vita, tasso di fecondit, tasso dinatalitemortalit

5. SalutePubblica Incidentalit sul lavoro e Indicatori sugliospedaliedilSSN

6. Cambiamenticlimaticiedenergia Consumidienergiaegas

7. Trasportosostenibile Incidentalit stradale e Autovetture e Motoperemissione

8. Risorsenaturali % superficie vincolata a rischio idrogeologico,raccoltadifferenziata

9. Partnershipglobale

10. BuonGoverno Duratamediaprocedimentigiudiziari

B) Indicatori di contesto o chiave ed indicatori core: lutilizzo di indicatori sintetici (per fasciademografica o per area territoriale) permette di guidare il lettore verso orientamenti aggregati e

1AcuradiA.P.M.Mirto(ISTAT).2PermaggioriapprofondimenticonsultareSvilupposostenibilenellUnioneEuropea(UE)Rapporto2009sulloStatodiavanzamentodellaStrategiaEuropeadiSviluppoSostenibile.http://ec.europa.eu/sustainabledevelopment.

STRUTTURADELVOLUME1

Nellaprogettazionediquestapubblicazionestatisticaacarattereprovincialesisonorappresentatealcunecaratteristichecheriguardano:

A)tematismirilevanti:sonostaticiosceltialcunicritericlassificatori,che identificanoquattroarretematichedi cuiduepi tradizionalidenominate societe individuie settoriproduttivieduetrasversalirispettoalletematichedicaratteresociale,economicoeambientaledenominateappuntosviluppo sostenibile e qualit della vita. Lapproccio metodologico seguito nellanalisi dellosvilupposostenibileriguardailframeworkdiEurostatedelle10sottoareetematichecorrelate(cfr.Tab. 1)2. La parte tabellare del volume strutturata pertanto in quattro aree tematicherappresentative rispettivamente dei seguenti sottotemi che identificano oltre 500 indicatoriclassificabiliincoreechiave(cfr.Fig.1).

Tabella1Temidisvilupposostenibile

LIVELLO1TEMA COPERTURANELLAPUBBLICAZIONE(Indicatoriprevalenti)

1. Svilupposocioeconomico Forze di lavoro, valore aggiunto, imprese eunitlocali

2. Consumoeproduzionesostenibili Autovettureperabitante

3. Inclusionesociale AccessoalmercatodellavoroeIstruzione

4. Cambiamentidemografici Speranza di vita, tasso di fecondit, tasso dinatalitemortalit

5. SalutePubblica Incidentalit sul lavoro e Indicatori sugliospedaliedilSSN

6. Cambiamenticlimaticiedenergia Consumidienergiaegas

7. Trasportosostenibile Incidentalit stradale e Autovetture e Motoperemissione

8. Risorsenaturali % superficie vincolata a rischio idrogeologico,raccoltadifferenziata

9. Partnershipglobale

10. BuonGoverno Duratamediaprocedimentigiudiziari

B) Indicatori di contesto o chiave ed indicatori core: lutilizzo di indicatori sintetici (per fasciademografica o per area territoriale) permette di guidare il lettore verso orientamenti aggregati e

1AcuradiA.P.M.Mirto(ISTAT).2PermaggioriapprofondimenticonsultareSvilupposostenibilenellUnioneEuropea(UE)Rapporto2009sulloStatodiavanzamentodellaStrategiaEuropeadiSviluppoSostenibile.http://ec.europa.eu/sustainabledevelopment.

12

STRUTTURADELVOLUME1

Nellaprogettazionediquestapubblicazionestatisticaacarattereprovincialesisonorappresentatealcunecaratteristichecheriguardano:

A)tematismirilevanti:sonostaticiosceltialcunicritericlassificatori,che identificanoquattroarretematichedi cuiduepi tradizionalidenominate societe individuie settoriproduttivieduetrasversalirispettoalletematichedicaratteresociale,economicoeambientaledenominateappuntosviluppo sostenibile e qualit della vita. Lapproccio metodologico seguito nellanalisi dellosvilupposostenibileriguardailframeworkdiEurostatedelle10sottoareetematichecorrelate(cfr.Tab. 1)2. La parte tabellare del volume strutturata pertanto in quattro aree tematicherappresentative rispettivamente dei seguenti sottotemi che identificano oltre 500 indicatoriclassificabiliincoreechiave(cfr.Fig.1).

Tabella1Temidisvilupposostenibile

LIVELLO1TEMA COPERTURANELLAPUBBLICAZIONE(Indicatoriprevalenti)

1. Svilupposocioeconomico Forze di lavoro, valore aggiunto, imprese eunitlocali

2. Consumoeproduzionesostenibili Autovettureperabitante

3. Inclusionesociale AccessoalmercatodellavoroeIstruzione

4. Cambiamentidemografici Speranza di vita, tasso di fecondit, tasso dinatalitemortalit

5. SalutePubblica Incidentalit sul lavoro e Indicatori sugliospedaliedilSSN

6. Cambiamenticlimaticiedenergia Consumidienergiaegas

7. Trasportosostenibile Incidentalit stradale e Autovetture e Motoperemissione

8. Risorsenaturali % superficie vincolata a rischio idrogeologico,raccoltadifferenziata

9. Partnershipglobale

10. BuonGoverno Duratamediaprocedimentigiudiziari

B) Indicatori di contesto o chiave ed indicatori core: lutilizzo di indicatori sintetici (per fasciademografica o per area territoriale) permette di guidare il lettore verso orientamenti aggregati e

1AcuradiA.P.M.Mirto(ISTAT).2PermaggioriapprofondimenticonsultareSvilupposostenibilenellUnioneEuropea(UE)Rapporto2009sulloStatodiavanzamentodellaStrategiaEuropeadiSviluppoSostenibile.http://ec.europa.eu/sustainabledevelopment.

confrontare le performance di un territorio con gli altri della stessa fascia demografica, o pi ingeneraleconlealtreprovincedellaSicilia.

Figura1Strutturagerarchicadeitematismiedegliindicatoriperareatematica

LIVELLO1

Tema

1.

SOCIETA'EINDIVIDUI

LIVELLO2

Sottotema

LIVELLO3

PrincipaliIndicatoriChiave

LIVELLO4

PrincipaliIndicatoriCore

IndicediconcentrazioneterritorialeBilanciodellapopolazione1.1

Popolazione

1.2

Famiglie

1.3

Lavoro,AssistenzaePrevidenza

1.4

CulturaeIstruzione

Popolazionepersesso

Popolazioneperclassediet

Famiglieresidenti

Forzedilavoro

Strutturadellescuole

Rapportodimascolinit

Indicedivecchiaia

Tassodinuzialit

Tassodiattivit

Tassodidisoccupazione

Indicedidotazionescuole

Indicediutilizzoscuole

LIVELLO1

Tema

2.

SETTORIPRODUTTIVI

LIVELLO2

Sottotema

2.1Imprese

2.2Mercatoimmobiliareefinanziario

2.3

Turismo

2.4

Commerciointerno

2.5

Agricoltura

2.6

Contabilit

LIVELLO3

PrincipaliIndicatoriChiave

Impreseperformagiuridicaeattivit

economica

Unitlocalieaddetti perattiviteconomica

Redditoimponibile

Mercatoimmobiliare

Offertastrutturericettive

Grandedistribuzione

Produzionetotaleesuperficiecoltivazioni

Importazioni,esportazioni,valoreaggiunto

LIVELLO4

PrincipaliIndicatoriCore

DimensionemediaUL

Intensitdelmercatoimmobiliare

Indicediutilizzostrutturealberghiere

Permanenzamediastrutturericettive

Dimensionemediaesercizicommerciali

ValoreaggiuntoperULA

confrontare le performance di un territorio con gli altri della stessa fascia demografica, o pi ingeneraleconlealtreprovincedellaSicilia.

Figura1Strutturagerarchicadeitematismiedegliindicatoriperareatematica

LIVELLO1

Tema

1.

SOCIETA'EINDIVIDUI

LIVELLO2

Sottotema

LIVELLO3

PrincipaliIndicatoriChiave

LIVELLO4

PrincipaliIndicatoriCore

IndicediconcentrazioneterritorialeBilanciodellapopolazione1.1

Popolazione

1.2

Famiglie

1.3

Lavoro,AssistenzaePrevidenza

1.4

CulturaeIstruzione

Popolazionepersesso

Popolazioneperclassediet

Famiglieresidenti

Forzedilavoro

Strutturadellescuole

Rapportodimascolinit

Indicedivecchiaia

Tassodinuzialit

Tassodiattivit

Tassodidisoccupazione

Indicedidotazionescuole

Indicediutilizzoscuole

LIVELLO1

Tema

2.

SETTORIPRODUTTIVI

LIVELLO2

Sottotema

2.1Imprese

2.2Mercatoimmobiliareefinanziario

2.3

Turismo

2.4

Commerciointerno

2.5

Agricoltura

2.6

Contabilit

LIVELLO3

PrincipaliIndicatoriChiave

Impreseperformagiuridicaeattivit

economica

Unitlocalieaddetti perattiviteconomica

Redditoimponibile

Mercatoimmobiliare

Offertastrutturericettive

Grandedistribuzione

Produzionetotaleesuperficiecoltivazioni

Importazioni,esportazioni,valoreaggiunto

LIVELLO4

PrincipaliIndicatoriCore

DimensionemediaUL

Intensitdelmercatoimmobiliare

Indicediutilizzostrutturealberghiere

Permanenzamediastrutturericettive

Dimensionemediaesercizicommerciali

ValoreaggiuntoperULA

confrontare le performance di un territorio con gli altri della stessa fascia demografica, o pi ingeneraleconlealtreprovincedellaSicilia.

Figura1Strutturagerarchicadeitematismiedegliindicatoriperareatematica

LIVELLO1

Tema

1.

SOCIETA'EINDIVIDUI

LIVELLO2

Sottotema

LIVELLO3

PrincipaliIndicatoriChiave

LIVELLO4

PrincipaliIndicatoriCore

IndicediconcentrazioneterritorialeBilanciodellapopolazione1.1

Popolazione

1.2

Famiglie

1.3

Lavoro,AssistenzaPrevidenza

e

1.4

CulturaeIstruzione

Popolazionepersesso

Popolazioneperclassediet

Famiglieresidenti

Forzedilavoro

Strutturadellescuole

Rapportodimascolinit

Indicedivecchiaia

Tassodinuzialit

Tassodiattivit

Tassodidisoccupazione

Indicedidotazionescuole

Indicediutilizzoscuole

LIVELLO3

PrincipaliIndicatoriChiave

LIVELLO4

PrincipaliIndicatoriCore

LIVELLO1

Tema

LIVELLO2

Sottotema

Impreseperformagiuridicaeattivit

economica2.1Imprese

DimensionemediaUL

Unitlocalieaddettiperattiviteconomica

2.

SETTORIPRODUTTIVI

2.2Mercatoimmobiliareefinanziario

2.3

Turismo

2.4

Commerciointerno

2.5

Agricoltura

2.6

Contabilit

Redditoimponibile

Mercatoimmobiliare

Offertastrutturericettive

Grandedistribuzione

Produzionetotaleesuperficiecoltivazioni

Importazioni,esportazioni,valoreaggiunto

Intensitdelmercatoimmobiliare

Indicediutilizzostrutturealberghiere

Permanenzamediastrutturericettive

Dimensionemediaesercizicommerciali

ValoreaggiuntoperULA

13

SegueFigura1Strutturagerarchicadeitematismiedegliindicatoriperareatematica

LIVELLO1

Tema

3.

SVILUPPOSOSTENIBILE

LIVELLO2

Sottotema

3.1

Ambiente

LIVELLO3

PrincipaliIndicatoriChiave

LIVELLO4

PrincipaliIndicatoriCore

%Raccoltadifferenziata

Pressionesull'ambiente

Densitdemografica

Densiturbana

C)Dettagliotemporale:peridatiespressiinvaloreassolutoprevistolultimoannodisponibileelavariazionepercentualemediaannuadelperiodo(quinquennaleodiperiodopibrevequaloranon

3.2

Mobilitsostenibile

3.3

SalutePubblica

Autovettureemotoperemissione

Dotazioneefunzionalitstruttureospedaliere

Inclusionesociale

Densitmoto

Tassodimotorizzazione

Degenzamedia

Speranzadivita

Accessoalmercatodellavoro

LIVELLO3

PrincipaliIndicatoriChiave

LIVELLO4

PrincipaliIndicatoriCore

LIVELLO1

Tema

4.

QUALITA'DELLAVITA

LIVELLO2

Sottotema

4.1

Fattorieconomici

4.2

Fattorisociali

4.3

Fattoriambientali

4.4

Fattoripolitici

Creditoedotazioneeconomica

CriminaliteMortalit

Previdenza

Tutelaurbana

Giustiziacivile

Depositiperabitante

ICIperabitante

Quozientedicriminalitminorile

Tassomortalitinfantile

Importomediopensioni

Verdeurbanoprocapite

Consumoacquaperusodomestico

Duratamediaprocedimenti

SegueFigura1Strutturagerarchicadeitematismiedegliindicatoriperareatematica

LIVELLO1

Tema

3.

SVILUPPOSOSTENIBILE

LIVELLO2

Sottotema

3.1

Ambiente

LIVELLO3

PrincipaliIndicatoriChiave

LIVELLO4

PrincipaliIndicatoriCore

%Raccoltadifferenziata

Pressionesull'ambiente

Densitdemografica

Densiturbana

C)Dettagliotemporale:peridatiespressiinvaloreassolutoprevistolultimoannodisponibileelavariazionepercentualemediaannuadelperiodo(quinquennaleodiperiodopibrevequaloranon

3.2

Mobilitsostenibile

3.3

SalutePubblica

Autovettureemotoperemissione

Dotazioneefunzionalitstruttureospedaliere

Inclusionesociale

Densitmoto

Tassodimotorizzazione

Degenzamedia

Speranzadivita

Accessoalmercatodellavoro

LIVELLO3

PrincipaliIndicatoriChiave

LIVELLO4

PrincipaliIndicatoriCore

LIVELLO1

Tema

4.

QUALITA'DELLAVITA

LIVELLO2

Sottotema

4.1

Fattorieconomici

4.2

Fattorisociali

4.3

Fattoriambientali

4.4

Fattoripolitici

Creditoedotazioneeconomica

CriminaliteMortalit

Previdenza

Tutelaurbana

Giustiziacivile

Depositiperabitante

ICIperabitante

Quozientedicriminalitminorile

Tassomortalitinfantile

Importomediopensioni

Verdeurbanoprocapite

Consumoacquaperusodomestico

Duratamediaprocedimenti

14

disponibile), pergli indicatorisirappresentano lecomposizioni%o irapportistatisticiper iqualisiriportasololultimoannodisponibile.

D)Dettaglioterritoriale:lapubblicazionecontienedatiadiversilivelliterritoriali,

a. datiprovinciali: i fenomeniper iqualinonesisteundettagliopi finedelle statisticheufficiali(ades.forzedilavoro)siriportaildatoalivelloprovincialepertutteleprovincedellaSiciliaedilTotaleregione;

b. dati comunali: per i fenomeni di cui sono disponibili i dati (es. dati demografici,ambientali, turismo, imprese attive, autovetture, protezione e assistenza, impostelocali,) si riportano tutti i comuni della provincia diMessina classificati per 6 fascedemografiche (fino a 2.000; 2.0005.000; 5.00010.000; 10.00030.000; 30.00050.000;oltre100.000abitanti,cfr.Figura2)edincalceilTotaleProvincia;

c. datiperaltrolivelloterritoriale:distrettodiCortedAppelloperlestatistichegiudiziarie,comunecapoluogoperidatisullOsservatorioAmbientaleUrbanodellISTAT;

d. dati permunicipalit del Comune diMessina: per alcuni fenomeni sociali (istruzione,demografia)edeconomici(esercizipubbliciedivicinato)per iqualistataaccertata ladisponibilit(cfr.Figura3).

La pubblicazione prevede una parte iniziale in cui si descrive il profilo statistico dei comuni dellaprovinciadiMessinaattraverso ipi importanti indicatorisintetizzatiperfascedemograficheoperprovincia in corrispondenza dei fenomeni tematici, corredata di rappresentazioni grafiche ecartografiche.Diseguitoinizialapartetabellaredelvolumeincorrispondenzadeiquattrotematismidescrittisopraeintercalatidaalcunifocustestualicheapprofondisconofenomenidiinteresselocale.Completanoilvolumelatabellasinotticadeimetadatiedilglossario.

disponibile), pergli indicatorisirappresentano lecomposizioni%o irapportistatisticiper iqualisiriportasololultimoannodisponibile.

D)Dettaglioterritoriale:lapubblicazionecontienedatiadiversilivelliterritoriali,

a. datiprovinciali: i fenomeniper iqualinonesisteundettagliopi finedelle statisticheufficiali(ades.forzedilavoro)siriportaildatoalivelloprovincialepertutteleprovincedellaSiciliaedilTotaleregione;

b. dati comunali: per i fenomeni di cui sono disponibili i dati (es. dati demografici,ambientali, turismo, imprese attive, autovetture, protezione e assistenza, impostelocali,) si riportano tutti i comuni della provincia diMessina classificati per 6 fascedemografiche (fino a 2.000; 2.0005.000; 5.00010.000; 10.00030.000; 30.00050.000;oltre100.000abitanti,cfr.Figura2)edincalceilTotaleProvincia;

c. datiperaltrolivelloterritoriale:distrettodiCortedAppelloperlestatistichegiudiziarie,comunecapoluogoperidatisullOsservatorioAmbientaleUrbanodellISTAT;

d. dati permunicipalit del Comune diMessina: per alcuni fenomeni sociali (istruzione,demografia)edeconomici(esercizipubbliciedivicinato)per iqualistataaccertata ladisponibilit(cfr.Figura3).

La pubblicazione prevede una parte iniziale in cui si descrive il profilo statistico dei comuni dellaprovinciadiMessinaattraverso ipi importanti indicatorisintetizzatiperfascedemograficheoperprovincia in corrispondenza dei fenomeni tematici, corredata di rappresentazioni grafiche ecartografiche.Diseguitoinizialapartetabellaredelvolumeincorrispondenzadeiquattrotematismidescrittisopraeintercalatidaalcunifocustestualicheapprofondisconofenomenidiinteresselocale.Completanoilvolumelatabellasinotticadeimetadatiedilglossario.

SegueFigura1Strutturagerarchicadeitematismiedegliindicatoriperareatematica

LIVELLO1

Tema

3.

SVILUPPOSOSTENIBILE

LIVELLO2

Sottotema

3.1

Ambiente

LIVELLO3

PrincipaliIndicatoriChiave

LIVELLO4

PrincipaliIndicatoriCore

%Raccoltadifferenziata

Pressionesull'ambiente

Densitdemografica

Densiturbana

C)Dettagliotemporale:peridatiespressiinvaloreassolutoprevistolultimoannodisponibileelavariazionepercentualemediaannuadelperiodo(quinquennaleodiperiodopibrevequaloranon

3.2

Mobilitsostenibile

3.3

SalutePubblica

Autovettureemotoperemissione

Dotazioneefunzionalitstruttureospedaliere

Inclusionesociale

Densitmoto

Tassodimotorizzazione

Degenzamedia

Speranzadivita

Accessoalmercatodellavoro

LIVELLO3

PrincipaliIndicatoriChiave

LIVELLO4

PrincipaliIndicatoriCore

LIVELLO1

Tema

LIVELLO2

Sottotema

4.1

FattorieconomiciDepositiperabitanteCreditoedotazione

economica

4.

QUALITA'DELLAVITA

4.2

Fattorisociali

4.3

Fattoriambientali

4.4

Fattoripolitici

CriminaliteMortalit

Previdenza

Tutelaurbana

Giustiziacivile

ICIperabitante

Quozientedicriminalitminorile

Tassomortalitinfantile

Importomediopensioni

Verdeurbanoprocapite

Consumoacquaperusodomestico

Duratamediaprocedimenti

15

Figura 2 Distribuzione dei comuni nella provincia diMessina per fasce demografiche della popolazioneresidenteAnno2009

Figura3MunicipalitdelcomunediMessina

LEGENDA

IMunicipalitNormanno:GiampilieriMarina,GiampilieriSuperiore,Molino,Altolia,BrigaMarina,Briga,Pezzolo,PonteSchiavo,SantoStefanoBriga,SantaMargherita,SantoStefanoMezzano,GalatiMarina,GalatiSuperiore,GalatiInferiore,MiliSanMarco,MiliMarina,MiliSanPietro,Tipoldo,LarderiaSuperiore,LarderiaInferiore,Tremestieri;

IIMunicipalitCalispera:Pistunina,Zafferia,SantaLucia,CEP,Contesse,Minissale,SanFilippoInferiore,SanFilippoSuperiore;

IIIMunicipalitTreSanti:RioneTaormina,Gazzi,Mangialupi,RioneAldisio,RioneFerrovieri,CumiaSuperiore,CumiaInferiore,ValledegliAngeli,Santo,Bordonaro,Palmara,RioneCarrubbara,MonteSanto,CamaroInferiore,Camaro,Bisconte,Catarratti;

IVMunicipalitDinaeClarenza:RioneGonzaga,Montepiselli,Gravitelli,TorreVittoria,SanRainieri,RioneGalletta;

VMunicipalitAntonellodaMessina:RioneSvizzero,RioneGiostra,RioneBasile,Ritiro,S.Licandro,ReginaElena,SanMichele,Annunziata,Paradiso;

VIMunicipalitPeloro:Contemplazione,Pace,S.Agata,Ganzirri,TorreFaro,CapoPeloro,Mortelle,ContradaTimpazzi,CasaBianca,Sperone,FaroSuperiore,Curcuraci,MassaS.Giovanni,MassaS.Lucia,MassaS.Nicol,MassaS.Giorgio,Acqualadroni,Spart,Castanea,Salice,SantoSaba,Rodia,Ortoliuzzo,Gesso.

Fonte:Istat2009

Popolazioneresidente

50000

Figura 2 Distribuzione dei comuni nella provincia diMessina per fasce demografiche della popolazioneresidenteAnno2009

Figura3MunicipalitdelcomunediMessina

LEGENDA

IMunicipalitNormanno:GiampilieriMarina,GiampilieriSuperiore,Molino,Altolia,BrigaMarina,Briga,Pezzolo,PonteSchiavo,SantoStefanoBriga,SantaMargherita,SantoStefanoMezzano,GalatiMarina,GalatiSuperiore,GalatiInferiore,MiliSanMarco,MiliMarina,MiliSanPietro,Tipoldo,LarderiaSuperiore,LarderiaInferiore,Tremestieri;

IIMunicipalitCalispera:Pistunina,Zafferia,SantaLucia,CEP,Contesse,Minissale,SanFilippoInferiore,SanFilippoSuperiore;

IIIMunicipalitTreSanti:RioneTaormina,Gazzi,Mangialupi,RioneAldisio,RioneFerrovieri,CumiaSuperiore,CumiaInferiore,ValledegliAngeli,Santo,Bordonaro,Palmara,RioneCarrubbara,MonteSanto,CamaroInferiore,Camaro,Bisconte,Catarratti;

IVMunicipalitDinaeClarenza:RioneGonzaga,Montepiselli,Gravitelli,TorreVittoria,SanRainieri,RioneGalletta;

VMunicipalitAntonellodaMessina:RioneSvizzero,RioneGiostra,RioneBasile,Ritiro,S.Licandro,ReginaElena,SanMichele,Annunziata,Paradiso;

VIMunicipalitPeloro:Contemplazione,Pace,S.Agata,Ganzirri,TorreFaro,CapoPeloro,Mortelle,ContradaTimpazzi,CasaBianca,Sperone,FaroSuperiore,Curcuraci,MassaS.Giovanni,MassaS.Lucia,MassaS.Nicol,MassaS.Giorgio,Acqualadroni,Spart,Castanea,Salice,SantoSaba,Rodia,Ortoliuzzo,Gesso.

Fonte:Istat2009

Popolazioneresidente

50000

16

PROFILOSOCIOECONOMICOAMBIENTALEDEICOMUNINELLAPROVINCIADIMESSINA3

Societeindividui

Lapopolazione a inizio2010nellaprovinciadiMessina conta653.810 abitantipari a circa il13%dellintera componente demografica siciliana. La variazione percentuale media quinquennaleregistratasi negativa (0,1%). Il pari decremento rilevato rispetto alla stessa data dellannoprecedentedovutoallamaggiorecomponentenegativadelmovimentonaturaleparia1.713unit(nati vivimenomorti) rispetto aquellapositivadi 922unitdel saldodelmovimentomigratorio(iscrittimenocancellatipertrasferimentodiresidenza).

Perquantoriguardalacomponentenaturaleilnumerodeinativivinelcorsodel2009paria5.527unit,conuntassodinatalitparial8,4per1.000abitanti.Ilnumerodeidecessiinvecedi7.240unit,conun tassodimortalitdell11,1per1.000abitanti. Inoltre, ilpiccodel tassodinatalitsiregistra, come facile intuire, in corrispondenza del comune capoluogo (9,1 per 1.000 abitanti),inveceiltassodimortalitpielevatopericomunipiccolissimi(14,2per1.000abitanti).

Figura4StranieriresidentipercomunenellaprovinciadiMessinaAnno2009(quota%)

0,12 - 0,99

1,00 - 2,11

2,12 - 3,14

3,15 - 4,34

4,35 - 9,72

Fonte:Istat2009

Glistranieriresidentinellaprovinciaal31dicembre2009sono21.054esitrattadisoggetti iscrittinelle anagrafidellapopolazione residentedeidiversi comuni.Rispetto alle altreprovince sicilianeMessina registra una quota di stranieri residenti sul totale della popolazione pari a 3,2% (la pi

3AcuradiA.P.M.Mirto(ISTAT).

PROFILOSOCIOECONOMICOAMBIENTALEDEICOMUNINELLAPROVINCIADIMESSINA3

Societeindividui

Lapopolazione a inizio2010nellaprovinciadiMessina conta653.810 abitantipari a circa il13%dellintera componente demografica siciliana. La variazione percentuale media quinquennaleregistratasi negativa (0,1%). Il pari decremento rilevato rispetto alla stessa data dellannoprecedentedovutoallamaggiorecomponentenegativadelmovimentonaturaleparia1.713unit(nati vivimenomorti) rispetto aquellapositivadi 922unitdel saldodelmovimentomigratorio(iscrittimenocancellatipertrasferimentodiresidenza).

Perquantoriguardalacomponentenaturaleilnumerodeinativivinelcorsodel2009paria5.527unit,conuntassodinatalitparial8,4per1.000abitanti.Ilnumerodeidecessiinvecedi7.240unit,conun tassodimortalitdell11,1per1.000abitanti. Inoltre, ilpiccodel tassodinatalitsiregistra, come facile intuire, in corrispondenza del comune capoluogo (9,1 per 1.000 abitanti),inveceiltassodimortalitpielevatopericomunipiccolissimi(14,2per1.000abitanti).

Figura4StranieriresidentipercomunenellaprovinciadiMessinaAnno2009(quota%)

0,12 - 0,99

1,00 - 2,11

2,12 - 3,14

3,15 - 4,34

4,35 - 9,72

Fonte:Istat2009

Glistranieriresidentinellaprovinciaal31dicembre2009sono21.054esitrattadisoggetti iscrittinelle anagrafidellapopolazione residentedeidiversi comuni.Rispetto alle altreprovince sicilianeMessinaregistraunaquotadistranieriresidentisultotaledellapopolazioneparia3,2(lapielevata

3AcuradiA.P.M.Mirto(ISTAT).

17

elevatadopoRagusa,controunvaloredellaSiciliaparia2,5%).Ladinamicadeglistranieriresidentiper1.000abitanti registrauna tendenzaparabolica convessa cio crescentenelle fasce centralidipopolazione, raggiungendo un picco per i comuni tra i 10.000 e i 30.000 abitanti (risentendo inparticolaredeivaloridiLipari62,2%eTaormina58,3%,cfr.Fig.4).

Lanalisidellastrutturaperetdellapopolazioneresidentenellaprovinciamostrachelepersonecon65annieoltresuperanolaquotadel20%deltotale.Lapiramidedelletdistintapersessoevidenzia,inoltre, lamaggiore longevit delle donne che, per la fascia 65 e oltre, raggiungono la quota del22,7%. Il progressivo invecchiamento della popolazione visibile anche attraverso lindice didipendenzadeglianzianieletmedia,chesonoincostanteaumento.Lindicedivecchiaiacalcolatoperfascedemograficheattestaunpicco incorrispondenzadeicomunialdisottodei2.000abitanti(cfr.Fig.5).InparticolareNovaradiSicilia(417,2)registrailpiccopielevatoeCapriLeoneilvalorepibassoperquestoindicatore(82,5).

Figura5IndicedivecchiaiaperfascedemografichedeicomunidellaprovinciadiMessinaAnno2009

0 50 100 150 200 250

finoa2.000

da2.000a5.000

da5.000a10.000

da10.000a30.000

da30.000a50.000

oltre100.000

PROVINCIA

Indicedivecchiaiaperfascedemografiche

Provincia

0

50

100

150

200

250

300

350

400

450

2000

5000

10000

30000100000

Indicedivecchiaiapercomune

Fonte:ISTAT,BancadatiDemografiaincifre.

Ladistribuzionedeiresidentiperstatocivileevidenziaunaquotadicelibienubilichesuperail40%,maggiorepergliuomini(45,5%)rispettoalledonne(38,3%).

Figura6 Indicedidipendenza strutturaleper fascedemografichedei comunidellaprovinciadiMessinaAnno2009

Fonte:ISTAT,BancadatiDemografiaincifre.

0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 60,0 70,0

finoa2.000

da2.000a5.000

da5.000a10.000

da10.000a30.000

da30.000a50.000

oltre100.000

PROVINCIA

Indicedidipendenzaperfascedemografiche

30,0

40,0

50,0

60,0

70,0

80,0

90,0

2.000

5.000

10.000

30.000100.000

Indicedidipendenzapercomune

Provincia

Lindicedidipendenzastrutturaleriporta,ancoraunavoltaunatendenzadecrescenteallaumentaredella fascia demografica, registrando un picco per il comune di Floresta (78,7) ed un valore

elevatadopoRagusa,controunvaloredellaSiciliaparia2,5%).Ladinamicadeglistranieriresidentiper1.000abitanti registrauna tendenzaparabolica convessa cio crescentenelle fasce centralidipopolazione, raggiungendo un picco per i comuni tra i 10.000 e i 30.000 abitanti (risentendo inparticolaredeivaloridiLipari62,2%eTaormina58,3%,cfr.Fig.4).

Lanalisidellastrutturaperetdellapopolazioneresidentenellaprovinciamostrachelepersonecon65annieoltresuperanolaquotadel20%deltotale.Lapiramidedelletdistintapersessoevidenzia,inoltre, lamaggiore longevit delle donne che, per la fascia 65 e oltre, raggiungono la quota del22,7%. Il progressivo invecchiamento della popolazione visibile anche attraverso lindice didipendenzadeglianzianieletmedia,chesonoincostanteaumento.Lindicedivecchiaiacalcolatoperfascedemograficheattestaunpicco incorrispondenzadeicomunialdisottodei2.000abitanti(cfr.Fig.5).InparticolareNovaradiSicilia(417,2)registrailpiccopielevatoeCapriLeoneilvalorepibassoperquestoindicatore(82,5).

Figura5IndicedivecchiaiaperfascedemografichedeicomunidellaprovinciadiMessinaAnno2009

0 50 100 150 200 250

finoa2.000

da2.000a5.000

da5.000a10.000

da10.000a30.000

da30.000a50.000

oltre100.000

PROVINCIA

Indicedivecchiaiaperfascedemografiche

Provincia

0

50

100

150

200

250

300

350

400

450

2000

5000

10000

30000100000

Indicedivecchiaiapercomune

Fonte:ISTAT,BancadatiDemografiaincifre.

Ladistribuzionedeiresidentiperstatocivileevidenziaunaquotadicelibienubilichesuperail40%,maggiorepergliuomini(45,5%)rispettoalledonne(38,3%).

Figura6 Indicedidipendenza strutturaleper fascedemografichedei comunidellaprovinciadiMessinaAnno2009

Fonte:ISTAT,BancadatiDemografiaincifre.

0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 60,0 70,0

finoa2.000

da2.000a5.000

da5.000a10.000

da10.000a30.000

da30.000a50.000

oltre100.000

PROVINCIA

Indicedidipendenzaperfascedemografiche

30,0

40,0

50,0

60,0

70,0

80,0

90,0

2.000

5.000

10.000

30.000100.000

Indicedidipendenzapercomune

Provincia

Lindicedidipendenzastrutturaleriporta,ancoraunavoltaunatendenzadecrescenteallaumentaredella fascia demografica, registrando un picco per il comune di Floresta (78,7) ed un valore

18

estremamente contenuto per il comune diMalfa per la quota di popolazione in et non attivarispettoaquellaattiva(40,9cfr.Fig.6).

Inoltre,iltassodivariazionedellapopolazionepericomunidellaprovinciadiMessinanegativopericomunipipiccoli (sotto la sogliadei5.000abitanti),perpoi risalireper icomuni finoai50.000abitantie infinetornareadecrescereper ilcomunecapoluogoenelcomplessodellaprovincia(cfr.Fig.7).

Figura7Tassodicrescitaeseparazioniedivorziper10.000abitantiperfascedemografichedeicomunidellaprovinciadiMessinaAnno2009e2008

8,0 6,0 4,0 2,0 0,0 2,0 4,0

finoa2.000

da2.000a5.000

da5.000a10.000

da10.000a30.000

da30.000a50.000

oltre100.000

PROVINCIA

Tassodicrescitaperfascedemografiche

0 5 10 15 20 25 30

finoa2.000

da2.000a5.000

da5.000a10.000

da10.000a30.000

da30.000a50.000

oltre100.000

PROVINCIA

Separazioniedivorziperfascedemografiche

Fonte:ISTAT,BancadatiDemografiaincifre.

Inmediadanno,ilnumerodeifigliperdonnamediamenteparia2,3,valorealdisopradellasogliaregionale,conunpiccoincorrispondenzadiBarcellonaPozzodiGotto,SanFratelloeCapizzicon2,6bambini. Iltassodinuzialitnel2008pari inmediaprovincialea4,7matrimonisu1.000abitanti,passandodalpiccodi26perTaorminaal valoredi FondachelliFantina (0,9). Imatrimoni con ritocivilenon raggiungono la sogliadel 25% inmediaprovinciale. Lindicatore delle separazioni edeidivorzi per 1.000 abitanti registra un andamento linearmente crescente al crescere delle fascedemografichepassandoda9,6pericomunisottoi2.000abitantia27,8perilcomunecapoluogo;lamediaprovincialeparia18,9per1.000abitanti.

Le condizioni nel mercato del lavoro nella provincia appaiono perfettamente in linea conlandamentomediodellaSicilia.Indicazioniintalsensoprovengonodallindaginecontinuasulleforzedilavorocondottanel2009dallISTAT,chedocumentalesistenzadiuntassodidisoccupazioneparia14,1(controunamediainSiciliadi13,9).

Nellarea delmessinese il numero degli occupati nel 2009 pari a 198.267 che rappresentano il13,5%delcomplessoSiciliaconunavariazionemediaparia0,1%,stazionarianellultimoquinquennio(controilcorrispondentevaloredellaSiciliacheparia0,4%).Inparticolare,laquotadeglioccupatimaschiparial63,5%,ilvalorepibassonellIsolaesintetizzatoneldatoregionaleparia66,1%.

Lincidenzadelsettoredeiserviziprevalenteconunaquotadel63,8%,mentrelindustriainsensostrettoassorbesoloil7,7%edinfineiserviziil4,6%delloccupazionecomplessiva.

Iltassodioccupazioneottenutodalrapportotraglioccupatielapopolazioneinetdalavoro(1564anni)parial45,2%,dipocoaldisopradellamediaregionale(parial43,5%).Iltassodiattivitcalcolatodalrapportotraleforzedilavoroelepersonedi15anniepianalizzatopersesso,risultaparia67,1%perimaschie30,9%perlefemmine(cfr.Fig.8).

Nel2009ilnumerodidisoccupati,dellepersonecioincercadioccupazione,dicirca32.000unit(il13,8%delcomplessoregionale).Iltassodidisoccupazioneottenutodalrapportotralepersonein

19

cercadioccupazionee leforzedi lavoroparial14,1%,conunvalorepergliuominiparial12,8%mentreperledonnelindicatoresaleal16,3%(perlaSiciliaicorrispondentidatisonougualial12,4%eal16,6%).

Perintegrarelesamedelmercatodellavoropossonoesserepresiinconsiderazionegliinfortunisullavorochevedono laprovinciadiMessina registrareun indicedigravitdatodal rapporto tra ilnumerodi incidentigravisul lavororispettoalnumerodi incidentisul lavoropiuttostocontenutoper ilsettoreprimario(4,6%controunamediaregionaleparia9,0%)emoltoelevatoper ilsettoremanifatturieroedelledilizia(12,0contro9,6%).OccorrenotareperchenellestatisticheISPESLunaparte non trascurabile degli incidenti non viene imputata settorialmente (quasi il 30%), cicontribuisceadabbassareartificialmentelaquotadeisettori.

Figura8TassodidisoccupazioneediattivitperprovinciaMedia2009(valoripercentuali)

Fonte:ISTAT,ForzediLavoro.

0,0

5,0

10,0

15,0

20,0

25,0

MESSINA

AGRIGEN

TO

CALTANISSETTA

CATA

NIA

ENNA

PALERM

O

RAGUSA

SIRA

CUSA

TRAPA

NI

SICILIA

Tassodidisoccupazione(%)

Maschi Femmine Totale

0,0

10,0

20,0

30,0

40,0

50,0

60,0

70,0

80,0

MESSINA

AGRIGEN

TO

CALTANISSETTA

CATA

NIA

ENNA

PALERM

O

RAGUSA

SIRA

CUSA

TRAPA

NI

SICILIA

Tassodiattivit(%)

Maschi Femmine Totale

Completano il quadro sul lavoro alcuni indicatori tratti dalle statistiche giudiziarie amministrativedellISTAT che classificano i distretti di Corte dAppello in funzione della durata media deiprocedimenti in materia di lavoro e di assistenza e previdenza. Per entrambe le tipologie diprovvedimenti la durata media la pi elevata nei circondari del messinese rispetto a quellaregistrata nelle altre province. Inoltre, i quozienti di ricambio attestano valori pi contenuti per icircondarigiudiziaridelmessinese rispettoallealtreprovinceepoi inferioria100, rappresentativiciodiunnumeroinferiorediprocedimentiesauritirispettoaisopravvenuti.Iquozientidiestinzionesonoanchessiinferiorinelmessinese,indicatividellaquotadiprocedimentiesauritisullasommadeipendentiesopravvenuti.

La popolazione scolastica dellinfanzia nella provincia di Messina pari a circa 12.500 alunni,nellanno scolastico 2007/2008. Lindice di dotazione rappresentato dal numero di classi sullapopolazionediriferimentoregistraunvaloredi3,6%perlaprovincia;alivellocomunale, inveceilvalore decrescente al crescere della numerosit di fascia demografica. Un altro indicatorerappresentativo lindicediutilizzorapportotra ilnumerodialunni iscrittied ilnumerodiclassicorrispondenticheattestaunavariabilitdellindicatoreper ledifferenti fascedemograficheconunpiccoincorrispondenzadelcomunecapoluogo(22,4%).

Nella scuola primaria la popolazione scolastica pari a oltre 28.000 alunni nellanno scolastico2007/2008.Lindicedidotazioneregistraunvaloredi5,2%nellinteraprovincia,ancheinquestocasodecrescendo allaumentare della popolazione di fascia. Infine, lindice di utilizzo si attesta ad un

cercadioccupazionee leforzedi lavoroparial14,1%,conunvalorepergliuominiparial12,8%mentreperledonnelindicatoresaleal16,3%(perlaSiciliaicorrispondentidatisonougualial12,4%eal16,6%).

Perintegrarelesamedelmercatodellavoropossonoesserepresiinconsiderazionegliinfortunisullavorochevedono laprovinciadiMessina registrareun indicedigravitdatodal rapporto tra ilnumerodi incidentigravisul lavororispettoalnumerodi incidentisul lavoropiuttostocontenutoper ilsettoreprimario(4,6%controunamediaregionaleparia9,0%)emoltoelevatoper ilsettoremanifatturieroedelledilizia(12,0contro9,6%).OccorrenotareperchenellestatisticheISPESLunaparte non trascurabile degli incidenti non viene imputata settorialmente (quasi il 30%), cicontribuisceadabbassareartificialmentelaquotadeisettori.

Figura8TassodidisoccupazioneediattivitperprovinciaMedia2009(valoripercentuali)

Fonte:ISTAT,ForzediLavoro.

0,0

5,0

10,0

15,0

20,0

25,0

MESSINA

AGRIGEN

TO

CALTANISSETTA

CATA

NIA

ENNA

PALERM

O

RAGUSA

SIRA

CUSA

TRAPA

NI

SICILIA

Tassodidisoccupazione(%)

Maschi Femmine Totale

0,0

10,0

20,0

30,0

40,0

50,0

60,0

70,0

80,0

MESSINA

AGRIGEN

TO

CALTANISSETTA

CATA

NIA

ENNA

PALERM

O

RAGUSA

SIRA

CUSA

TRAPA

NI

SICILIA

Tassodiattivit(%)

Maschi Femmine Totale

Completano il quadro sul lavoro alcuni indicatori tratti dalle statistiche giudiziarie amministrativedellISTAT che classificano i distretti di Corte dAppello in funzione della durata media deiprocedimenti in materia di lavoro e di assistenza e previdenza. Per entrambe le tipologie diprovvedimenti la durata media la pi elevata nei circondari del messinese rispetto a quellaregistrata nelle altre province. Inoltre, i quozienti di ricambio attestano valori pi contenuti per icircondarigiudiziaridelmessinese rispettoallealtreprovinceepoi inferioria100, rappresentativiciodiunnumeroinferiorediprocedimentiesauritirispettoaisopravvenuti.Iquozientidiestinzionesonoanchessiinferiorinelmessinese,indicatividellaquotadiprocedimentiesauritisullasommadeipendentiesopravvenuti.

La popolazione scolastica dellinfanzia nella provincia di Messina pari a circa 12.500 alunni,nellanno scolastico 2007/2008. Lindice di dotazione rappresentato dal numero di classi sullapopolazionediriferimentoregistraunvaloredi3,6%perlaprovincia;alivellocomunale, inveceilvalore decrescente al crescere della numerosit di fascia demografica. Un altro indicatorerappresentativo lindicediutilizzorapportotra ilnumerodialunni iscrittied ilnumerodiclassicorrispondenticheattestaunavariabilitdellindicatoreper ledifferenti fascedemograficheconunpiccoincorrispondenzadelcomunecapoluogo(22,4%).

Nella scuola primaria la popolazione scolastica pari a oltre 28.000 alunni nellanno scolastico2007/2008.Lindicedidotazioneregistraunvaloredi5,2%nellinteraprovincia,ancheinquestocasodecrescendo allaumentare della popolazione di fascia. Infine, lindice di utilizzo si attesta ad un

cercadioccupazionee leforzedi lavoroparial14,1%,conunvalorepergliuominiparial12,8%mentreperledonnelindicatoresaleal16,3%(perlaSiciliaicorrispondentidatisonougualial12,4%eal16,6%).

Perintegrarelesamedelmercatodellavoropossonoesserepresiinconsiderazionegliinfortunisullavorochevedono laprovinciadiMessina registrareun indicedigravitdatodal rapporto tra ilnumerodi incidentigravisul lavororispettoalnumerodi incidentisul lavoropiuttostocontenutoper ilsettoreprimario(4,6%controunamediaregionaleparia9,0%)emoltoelevatoper ilsettoremanifatturieroedelledilizia(12,0contro9,6%).OccorrenotareperchenellestatisticheISPESLunaparte non trascurabile degli incidenti non viene imputata settorialmente (quasi il 30%), cicontribuisceadabbassareartificialmentelaquotadeisettori.

Figura8TassodidisoccupazioneediattivitperprovinciaMedia2009(valoripercentuali)

Fonte:ISTAT,ForzediLavoro.

0,0

5,0

10,0

15,0

20,0

25,0

MESSINA

AGRIGEN

TO

CALTANISSETTA

CATA

NIA

ENNA

PALERM

O

RAGUSA

SIRA

CUSA

TRAPA

NI

SICILIA

Tassodidisoccupazione(%)

Maschi Femmine Totale

0,0

10,0

20,0

30,0

40,0

50,0

60,0

70,0

80,0

MESSINA

AGRIGEN

TO

CALTANISSETTA

CATA

NIA

ENNA

PALERM

O

RAGUSA

SIRA

CUSA

TRAPA

NI

SICILIA

Tassodiattivit(%)

Maschi Femmine Totale

Completano il quadro sul lavoro alcuni indicatori tratti dalle statistiche giudiziarie amministrativedellISTAT che classificano i distretti di Corte dAppello in funzione della durata media deiprocedimenti in materia di lavoro e di assistenza e previdenza. Per entrambe le tipologie diprovvedimenti la durata media la pi elevata nei circondari del messinese rispetto a quellaregistrata nelle altre province. Inoltre, i quozienti di ricambio attestano valori pi contenuti per icircondarigiudiziaridelmessinese rispettoallealtreprovinceepoi inferioria100, rappresentativiciodiunnumeroinferiorediprocedimentiesauritirispettoaisopravvenuti.Iquozientidiestinzionesonoanchessiinferiorinelmessinese,indicatividellaquotadiprocedimentiesauritisullasommadeipendentiesopravvenuti.

La popolazione scolastica dellinfanzia nella provincia di Messina pari a circa 12.500 alunni,nellanno scolastico 2007/2008. Lindice di dotazione rappresentato dal numero di classi sullapopolazionediriferimentoregistraunvaloredi3,6%perlaprovincia;alivellocomunale, inveceilvalore decrescente al crescere della numerosit di fascia demografica. Un altro indicatorerappresentativo lindicediutilizzorapportotra ilnumerodialunni iscrittied ilnumerodiclassicorrispondenticheattestaunavariabilitdellindicatoreper ledifferenti fascedemograficheconunpiccoincorrispondenzadelcomunecapoluogo(22,4%).

Nella scuola primaria la popolazione scolastica pari a oltre 28.000 alunni nellanno scolastico2007/2008.Lindicedidotazioneregistraunvaloredi5,2%nellinteraprovincia,ancheinquestocasodecrescendo allaumentare della popolazione di fascia. Infine, lindice di utilizzo si attesta ad un

20

valoredi15,3%,mostrandouna tendenza inversaeciocrescenteallaumentaredelladimensionedemograficadelcomune(cfr.Fig.9).

Figura9DotazioneeutilizzodellescuoleperfasciademograficadeicomunidellaprovinciadiMessinaa.s.2007/2008

Fonte:MIUR.

0,000 5,000 10,000 15,000 20,000 25,000

FINOA2.000ABITANTI

DA2.000A5.000ABITANTI

DA5.000A10.000ABITANTI

DA10.000A30.000ABITANTI

DA30.000A50.000ABITANTI

OLTRE100.000ABITANTI

PROVINCIA

Dotazioneeutilizzo Scuolainfanzia

0,000 5,000 10,000 15,000 20,000 25,000

FINOA2.000ABITANTI

DA2.000A5.000ABITANTI

DA5.000A10.000ABITANTI

DA10.000A30.000ABITANTI

DA30.000A50.000ABITANTI

OLTRE100.000ABITANTI

PROVINCIA

Dotazioneeutilizzo Scuolaprimaria

La scuola secondaria incide su una popolazione di alunni di oltre 50.000 nellintera provincia diMessinaconunindicediutilizzoparial21,0%,contro18,7%nellascuoladiIIgradorispettoaquelladiIgradoedunindicedidotazioneparia5,3%inquelladiIgradorispettoaquelladiIIgrado(4,2%).

2.2Settoriproduttivi

LevoluzionedelsistemadelleimpresenelperiodopirecentepuesseredescrittadallerilevazioniInfocamere presso i registri delle ditte tenuti dalle Camere di Commercio. Una analisi dei datiriguardantilademografiadelleimpreseascalalocalepufornire,infatti,interessantiindicazionisuinuoviinsediamentiproduttivi,consentendodiindividuareisettoripidinamiciequellipistaticieinregresso.

Le imprese attive complessivamente registrate nel 2009 sono pari a oltre 61.000, con un saldonegativo tra iscritte e cessate pari a 4.220 (cfr. Fig. 8). Per quanto riguarda la forma giuridica leimpreseindividualidetengonooltreil60%deltotaleimpreseregistrate.Alivellosettorialeleimpresedelcommerciorappresentanolaquotadel32%rispettoaltotale.

Lapolverizzazionedelleimpresedimostratadallaquotadi impreseconmenodiunaddettocheparial72%delcomplesso.Leimpreseartigiane,invece,siattestanoadunaquotainferioreeparial52%nellafasciadellemicroimprese.

Unaltrafontesullestatistichesulle impresecostituitadallArchivioStatisticodelle ImpreseAttivedelISTAT(ASIA)che,per,nonregistra lostessoaggiornamentodellaprecedentefonte,risentendodella fase di integrazione tra i diversi archivi amministrativi di cui composto.Nella provincia siregistra, pertanto, una variazionemedia annua delle unit locali nel triennio 20042006 positiva(+1,6%),anchesullabasedelletendenzedituttiisettorieconomici,trannecheperilcommercio,incuicunatendenza lievementedecrescente(0,4%).Gliaddettialleunit locali, invece,registranouna complessiva tendenza decrescente (2,0%), confermata in quasi tutte le sezioni di attiviteconomicaadeccezionedialcuneattivitdeiservizi(J,K,M,N)incuilavariazionepositiva(+1,5%).

Inoltre, la dimensione media delle unit locali crescente allaumentare della dimensione delcomune,attestandounamediaprovincialeparia2,7.

valoredi15,3%,mostrandouna tendenza inversaeciocrescenteallaumentaredelladimensionedemograficadelcomune(cfr.Fig.9).

Figura9DotazioneeutilizzodellescuoleperfasciademograficadeicomunidellaprovinciadiMessinaa.s.2007/2008

Fonte:MIUR.

0,000 5,000 10,000 15,000 20,000 25,000

FINOA2.000ABITANTI

DA2.000A5.000ABITANTI

DA5.000A10.000ABITANTI

DA10.000A30.000ABITANTI

DA30.000A50.000ABITANTI

OLTRE100.000ABITANTI

PROVINCIA

Dotazioneeutilizzo Scuolainfanzia

0,000 5,000 10,000 15,000 20,000 25,000

FINOA2.000ABITANTI

DA2.000A5.000ABITANTI

DA5.000A10.000ABITANTI

DA10.000A30.000ABITANTI

DA30.000A50.000ABITANTI

OLTRE100.000ABITANTI

PROVINCIA

Dotazioneeutilizzo Scuolaprimaria

La scuola secondaria incide su una popolazione di alunni di oltre 50.000 nellintera provincia diMessinaconunindicediutilizzoparial21,0%,contro18,7%nellascuoladiIIgradorispettoaquelladiIgradoedunindicedidotazioneparia5,3%inquelladiIgradorispettoaquelladiIIgrado(4,2%).

2.2Settoriproduttivi

LevoluzionedelsistemadelleimpresenelperiodopirecentepuesseredescrittadallerilevazioniInfocamere presso i registri delle ditte tenuti dalle Camere di Commercio. Una analisi dei datiriguardantilademografiadelleimpreseascalalocalepufornire,infatti,interessantiindicazionisuinuoviinsediamentiproduttivi,consentendodiindividuareisettoripidinamiciequellipistaticieinregresso.

Le imprese attive complessivamente registrate nel 2009 sono pari a oltre 61.000, con un saldonegativo tra iscritte e cessate pari a 4.220 (cfr. Fig. 8). Per quanto riguarda la forma giuridica leimpreseindividualidetengonooltreil60%deltotaleimpreseregistrate.Alivellosettorialeleimpresedelcommerciorappresentanolaquotadel32%rispettoaltotale.

Lapolverizzazionedelleimpresedimostratadallaquotadi impreseconmenodiunaddettocheparial72%delcomplesso.Leimpreseartigiane,invece,siattestanoadunaquotainferioreeparial52%nellafasciadellemicroimprese.

Unaltrafontesullestatistichesulle impresecostituitadallArchivioStatisticodelle ImpreseAttivedelISTAT(ASIA)che,per,nonregistra lostessoaggiornamentodellaprecedentefonte,risentendodella fase di integrazione tra i diversi archivi amministrativi di cui composto.Nella provincia siregistra, pertanto, una variazionemedia annua delle unit locali nel triennio 20042006 positiva(+1,6%),anchesullabasedelletendenzedituttiisettorieconomici,trannecheperilcommercio,incuicunatendenza lievementedecrescente(0,4%).Gliaddettialleunit locali, invece,registranouna complessiva tendenza decrescente (2,0%), confermata in quasi tutte le sezioni di attiviteconomicaadeccezionedialcuneattivitdeiservizi(J,K,M,N)incuilavariazionepositiva(+1,5%).

Inoltre, la dimensione media delle unit locali crescente allaumentare della dimensione delcomune,attestandounamediaprovincialeparia2,7.

21

Il settore del mercato immobiliare monitorato attraverso alcuni indicatori rappresentatividellintensit delmercato residenziale e commerciale. In particolare, il primo indicatore risulta inmediapielevatodelsecondo,dimostrandounamaggioredinamicitdelsettoreresidenziale.

Figura10Impreseattiveper1.000abitantineicomunidellaprovinciadiMessinaAnno2009

45,6 - 74,9

75,0 - 87,5

87,6 - 101,9

102,0 - 125,3

125,4 - 154,1

Fonte:Infocamere2009

Tra le dichiarazioni IRPEF presentate nel 2006 sul territorio della provincia diMessina, la baseimponibilemediaparia18.116euro,lievementeinferiorerispettoaldatoregionalecherisultaparia18.330euro.Lagraduatoriaa livellocomunalevede icomunidiSantaMarinaSalina(circa20.000euro) e SantAlessio Siculo ai vertici e Capizzi (circa 10.000 euro), Alcara Li Fusi, San Fratello eFrazzanincoda(cfr.Fig.11).

Figura11ImponibileIRPEFpercontribuente(valoriineuro)edensitabbonamentiTV(per100famiglie)perfasciademograficaAnni2006e2008

0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 60,0 70,0

FINOA2.000ABITANTI

DA2.000A5.000ABITANTI

DA5.000A10.000ABITANTI

DA10.000A30.000ABITANTI

DA30.000A50.000ABITANTI

OLTRE100.000ABITANTI

PROVINCIA

AbbonamentiTV

0 5.000 10.000 15.000 20.000 25.000

FINOA2.000ABITANTI

DA2.000A5.000ABITANTI

DA5.000A10.000ABITANTI

DA10.000A30.000ABITANTI

DA30.000A50.000ABITANTI

OLTRE100.000ABITANTI

PROVINCIA

IRPEFpercontribuente

Fonte:MinisterodellEconomiaedelleFinanzeeRAI.

Il settore del mercato immobiliare monitorato attraverso alcuni indicatori rappresentatividellintensit delmercato residenziale e commerciale. In particolare, il primo indicatore risulta inmediapielevatodelsecondo,dimostrandounamaggioredinamicitdelsettoreresidenziale.

Figura10Impreseattiveper1.000abitantiAnno2009

45,6 - 74,9

75,0 - 87,5

87,6 - 101,9

102,0 - 125,3

125,4 - 154,1

Fonte:Infocamere2009

Tra le dichiarazioni IRPEF presentate nel 2006 sul territorio della provincia diMessina, la baseimponibilemediaparia18.116euro,lievementeinferiorerispettoaldatoregionalecherisultaparia18.330euro.Lagraduatoriaa livellocomunalevede icomunidiSantaMarinaSalina(circa20.000euro) e SantAlessio Siculo ai vertici e Capizzi (circa 10.000 euro), Alcara Li Fusi, San Fratello eFrazzanincoda(cfr.Fig.11).

Figura11ImponibileIRPEFpercontribuente(valoriineuro)edensitabbonamentiTV(per100famiglie)perfasciademograficaAnni2006e2008

0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 60,0 70,0

FINOA2.000ABITANTI

DA2.000A5.000ABITANTI

DA5.000A10.000ABITANTI

DA10.000A30.000ABITANTI

DA30.000A50.000ABITANTI

OLTRE100.000ABITANTI

PROVINCIA

AbbonamentiTV

0 5.000 10.000 15.000 20.000 25.000

FINOA2.000ABITANTI

DA2.000A5.000ABITANTI

DA5.000A10.000ABITANTI

DA10.000A30.000ABITANTI

DA30.000A50.000ABITANTI

OLTRE100.000ABITANTI

PROVINCIA

IRPEFpercontribuente

Fonte:MinisterodellEconomiaedelleFinanzeeRAI.

22

Ladensitdegliabbonamentialla televisioneposizionaMessina (59,7%)al settimoposto inSicilia(55,3%)seguitasoltantodaPalermoeCataniacheinveceattestanounamaggioreevasionealcanonetelevisivo.A livellocomunalesiregistraun incremento linearedelladensitalcresceredella fasciademografica, superata per una certa soglia e cio in corrispondenza del comune capoluogo ladensitsiriduceancherispettoallamediaprovinciale.

Lestatistichesulturismo,provenientidalleindaginiriguardantilaconsistenzadellestrutturericettiveed il flusso degli arrivi e delle presenze negli esercizi alberghieri e complementari, forniscono unquadro localepiuttosto favorevole. In terminidiesercizialberghieri laprovinciasicollocaalprimoposto nellIsola (con il 30% della dotazione siciliana) e questi esercizi rappresentano il 40% dellestrutturedellaProvincia.Conriferimentoaipostilettotalequotascendeal25%rispettoallomologainSicilia.Nelcorsodel2009 il flusso turistico registrato incomplesso statodi1.031.740arrivie4.021.973presenze(rispettivamente25%e29%deltotaleregionale)conunapermanenzamediadi3,9notti.Lindicediutilizzodelle strutturealberghiereper fasciademograficapremia icomunida5.000 a 10.000 abitanti oltre che naturalmente il capoluogo (cfr. Fig. 12). Inoltre, i comuni diTaormina e GiardiniNaxos coprono le quote del 36% e 31% delle presenze straniere dellinteraprovincia.LeisoleEolie,invece,detengonoil15%dellepresenzeitalianedellaprovinciadiMessina.

Figura12Indicediutilizzodegliesercizialberghieri(%)ecommercioambulantepercategoriaAnno2008

Fonte:ISTAT.

0 5 10 15 20 25 30 35 40

FINOA2.000ABITANTI

DA2.000A5.000ABITANTI

DA5.000A10.000ABITANTI

DA10.000A30.000ABITANTI

DA30.000A50.000ABITANTI

OLTRE100.000ABITANTI

PROVINCIA

Indiceutilizzoesercizialberghieri(%)

AbbigliamentoeTessuti28%

Alimentare25%

CalzatureePelletterie

2%

MobilieArticolidiuso

domestico7%

AltriArticoli(compresononspecificato)

38%

Commercioambulante

Figura13IndicatorididensitesercizidivicinatopermunicipalitdelComunediMessinaAnno2009

0,0 2,0 4,0 6,0 8,0 10,0 12,0 14,0

I Normanno

II Calispera

III TreSanti

IV DinaeClarenza

V AntonellodaMessina

VI Peloro

MESSINA

Alimentariper1000abitanti

0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 25,0 30,0 35,0

I Normanno

II Calispera

III TreSanti

IV DinaeClarenza

V AntonellodaMessina

VI Peloro

MESSINA

Nonalimentariper1000abitanti

Fonte:UfficioStatisticaComunediMessina.

Nellaprovincialagrandedistribuzionecommercialedespecializzatarappresentatada184esercizi,conunnumeromediodiaddettidi13(cheoscillatra i33addettidell ipermercatoai6addettidei

Ladensitdegliabbonamentialla televisioneposizionaMessina (59,7%)al settimoposto inSicilia(55,3%)seguitasoltantodaPalermoeCataniacheinveceattestanounamaggioreevasionealcanonetelevisivo.A livellocomunalesiregistraun incremento linearedelladensitalcresceredella fasciademografica, superata per una certa soglia e cio in corrispondenza del comune capoluogo ladensitsiriduceancherispettoallamediaprovinciale.

Lestatistichesulturismo,provenientidalleindaginiriguardantilaconsistenzadellestrutturericettiveed il flusso degli arrivi e delle presenze negli esercizi alberghieri e complementari, forniscono unquadro localepiuttosto favorevole. In terminidiesercizialberghieri laprovinciasicollocaalprimoposto nellIsola (con il 30% della dotazione siciliana) e questi esercizi rappresentano il 40% dellestrutturedellaProvincia.Conriferimentoaipostilettotalequotascendeal25%rispettoallomologainSicilia.Nelcorsodel2009 il flusso turistico registrato incomplesso statodi1.031.740arrivie4.021.973presenze(rispettivamente25%e29%deltotaleregionale)conunapermanenzamediadi3,9notti.Lindicediutilizzodelle strutturealberghiereper fasciademograficapremia icomunida5.000 a 10.000 abitanti oltre che naturalmente il capoluogo (cfr. Fig. 12). Inoltre, i comuni diTaormina e GiardiniNaxos coprono le quote del 36% e 31% delle presenze straniere dellinteraprovincia.LeisoleEolie,invece,detengonoil15%dellepresenzeitalianedellaprovinciadiMessina.

Figura12Indicediutilizzodegliesercizialberghieri(%)ecommercioambulantepercategoriaAnno2008

Fonte:ISTAT.

0 5 10 15 20 25 30 35 40

FINOA2.000ABITANTI

DA2.000A5.000ABITANTI

DA5.000A10.000ABITANTI

DA10.000A30.000ABITANTI

DA30.000A50.000ABITANTI

OLTRE100.000ABITANTI

PROVINCIA

Indiceutilizzoesercizialberghieri(%)

AbbigliamentoeTessuti28%

Alimentare25%

CalzatureePelletterie

2%

MobilieArticolidiuso

domestico7%

AltriArticoli(compresononspecificato)

38%

Commercioambulante

Figura13IndicatorididensitesercizidivicinatopermunicipalitdelComunediMessinaAnno2009

0,0 2,0 4,0 6,0 8,0 10,0 12,0 14,0

I Normanno

II Calispera

III TreSanti

IV DinaeClarenza

V AntonellodaMessina

VI Peloro

MESSINA

Alimentariper1000abitanti

0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 25,0 30,0 35,0

I Normanno

II Calispera

III TreSanti

IV DinaeClarenza

V AntonellodaMessina

VI Peloro

MESSINA

Nonalimentariper1000abitanti

Fonte:UfficioStatisticaComunediMessina.

Nellaprovincialagrandedistribuzionecommercialedespecializzatarappresentatada184esercizi,conunnumeromediodiaddettidi13(cheoscillatra i33addettidell ipermercatoai6addettidei

Ladensitdegliabbonamentialla televisioneposizionaMessina (59,7%)al settimoposto inSicilia(55,3%)seguitasoltantodaPalermoeCataniacheinveceattestanounamaggioreevasionealcanonetelevisivo.A livellocomunalesiregistraun incremento linearedelladensitalcresceredella fasciademografica, superata per una certa soglia e cio in corrispondenza del comune capoluogo ladensitsiriduceancherispettoallamediaprovinciale.

Lestatistichesulturismo,provenientidalleindaginiriguardantilaconsistenzadellestrutturericettiveed il flusso degli arrivi e delle presenze negli esercizi alberghieri e complementari, forniscono unquadro localepiuttosto favorevole. In terminidiesercizialberghieri laprovinciasicollocaalprimoposto nellIsola (con il 30% della dotazione siciliana) e questi esercizi rappresentano il 40% dellestrutturedellaProvincia.Conriferimentoaipostilettotalequotascendeal25%rispettoallomologainSicilia.Nelcorsodel2009 il flusso turistico registrato incomplesso statodi1.031.740arrivie4.021.973presenze(rispettivamente25%e29%deltotaleregionale)conunapermanenzamediadi3,9notti.Lindicediutilizzodelle strutturealberghiereper fasciademograficapremia icomunida5.000 a 10.000 abitanti oltre che naturalmente il capoluogo (cfr. Fig. 12). Inoltre, i comuni diTaormina e GiardiniNaxos coprono le quote del 36% e 31% delle presenze straniere dellinteraprovincia.LeisoleEolie,invece,detieneil15%dellepresenzeitalianedellaprovinciadiMessina.

Figura12Indicediutilizzodegliesercizialberghieri(%)ecommercioambulantepercategoriaAnno2008

Fonte:ISTAT.

0 5 10 15 20 25 30 35 40

FINOA2.000ABITANTI

DA2.000A5.000ABITANTI

DA5.000A10.000ABITANTI

DA10.000A30.000ABITANTI

DA30.000A50.000ABITANTI

OLTRE100.000ABITANTI

PROVINCIA

Indiceutilizzoesercizialberghieri(%)

AbbigliamentoeTessuti28%

Alimentare25%

CalzatureePelletterie

2%

MobilieArticolidiuso

domestico7%

AltriArticoli(compresononspecificato)

38%

Commercioambulante

Figura13IndicatorididensitesercizidivicinatopermunicipalitdelComunediMessinaAnno2009

0,0 2,0 4,0 6,0 8,0 10,0 12,0 14,0

I Normanno

II Calispera

III TreSanti

IV DinaeClarenza

V AntonellodaMessina

VI Peloro

MESSINA

Alimentariper1000abitanti

0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 25,0 30,0 35,0

I Normanno

II Calispera

III TreSanti

IV DinaeClarenza

V AntonellodaMessina

VI Peloro

MESSINA

Nonalimentariper1000abitanti

Fonte:UfficioStatisticaComunediMessina.

Nellaprovincialagrandedistribuzionecommercialedespecializzatarappresentatada184esercizi,conunnumeromediodiaddettidi13(cheoscillatra i33addettidell ipermercatoai6addettidei

23

minimarket).Abbastanzadiffusanellarea lapresenzadelcommercioambulanteche incideper il12%delvaloreregionale.

Gliindicatorididensitdegliesercizidivicinatonel2009premianolaIVMunicipalitdelcomunediMessinasiaconriferimentoagliesercizidialimentaricheainonalimentari(cfr.Fig.13).

Lagricoltura svolge un ruolo modesto nel contesto economico locale, fatta eccezione per leproduzionivegetalidellolivo,degliagrumiedellafruttainguscio.Nellospecificolanocciolicolturache risultaparticolarmentepresentenel territoriomessinese, intercettandooltre il70%del totaleregionalesiainterminidisuperficieinvestitacheinterminidiquantitprodotta(cfr.Fig.14).

Il comparto agrumicolomessinese si contraddistingue principalmente per le coltivazioni di limonipresentilungoillitoraleionicosuterreniterrazzatiedelimitatidamurettiasecco.Negliultimianniperilcompartohaaccusatounlentoecostantedeclinoimputabileprincipalmenteaicrescenticostidi produzione. Ci ha costretto i piccoli ed i piccolissimi produttori ad abbandonare tali terreni,appesantendotralaltroancheilproblemadelleerosioniedeglismottamenti.Oltreailimonisirilevaanchelapresenzadicoltivazionidimandarini.

Figura14ProduzioneraccoltadelleprincipalicoltivazioniagrarienellaprovinciadiMessina(Sicilia=100)Anno2009

0,0

2,0

4,0

6,0

8,0

10,0

12,0

Cereali Legumisecchi

Piantedatubero

Ortaggiinpienaaria

Melanzana Peperone Pomodoro

Seminativi

0,0

10,0

20,0

30,0

40,0

50,0

60,0

70,0

80,0

Fruttafresca

Pero Nocciole Agrumi Mandarino Limone Olivo

Legnoseagrarie

Fonte:ISTAT.

Modesto il contributo della viticolturamessinese rispetto al dato complessivo regionale, ed inparticolare, solo la coltivazione delluva da vino rappresenta la viticoltura nella provincia. Talecoltivazione, infatti, interessa principalmente i territori dei comuni di Barcellona Pozzo di Gotto,SantaLuciadelMelaeLipari.

Il comparto orticolo della provincia di Messina non emerge a livello regionale anche se per lamelanzanasiregistranoproduzioniraccolteabbastanzasignificativerispettoaltotaleSicilia(11,2%).

Lolivicolturamessinese, seppur significativa in termini di superfici investite (22%), appare pococonsistente in termini di produzioni ottenute, a causa della mancata specializzazione dellecoltivazioni(6,2%sultotaleSicilia).

Insintesi,lavalutazionedelvaloreaggiuntoaiprezzibaseattestaunvaloredioltre10.000milionidieuro,pariadunaquotadel14%deltotaleprodottonellaregione.Quantoalcontributodeigrandiramidelleconomia,lasituazionealivellolocaleapparepeculiare,conlagricolturacheforniscecircail2%delprodottorealizzatonellaprovincia,afrontediunamediaregionaledel4%.Ilpesorivestitonelquadroeconomico localedallindustria insensostretto,appare in lineacon lamedia regionale(circa 10%). Nella struttura produttiva della provincia la parte del leone comunque svoltadalleterogeneosettoredeiservizichecontribuisceconunaquotadell80%.

24

2.3Svilupposostenibile

La provincia diMessina si estende su una superficie territoriale di 3.247 kmq che corrisponde al12,6%delterritorioregionale.Laprovinciasicaratterizzaperunadistribuzionedellapopolazionesulterritoriomolto articolata.Dei 108 comuni che la compongono ben 86 (pari al 79,6% del totale)ospitanounnumerodiresidenti inferiorealle5.000unit,ediquesti,20accolgonomenodi1.000persone. Il capoluogo assorbe da solo il 38% della popolazione provinciale e se in aggiunta siconsideranogliuniciduecentriurbaniconpopolazioneresidentesuperiorealle30.000unitsiarrivaaquasilametdellinterapopolazioneprovinciale.

Figura15QuotaraccoltadifferenziatapercomunidellaProvinciadiMessinaAnno2009

0,8 - 3,1

3,2 - 5,8

5,9 - 9,5

9,6 - 15,1

15,2 - 22,6

Fonte:Istat2009

Ladensitmediadi201,3abitantiperkmqoscillandotraunmassimodi1.772aGiardiniNaxosaunminimodi12aCesar.IlcomunediRoccafiorita,invece,faregistrareunpiccoincorrispondenzasiadelladensitdemograficaurbanachediquellaabitativaurbana.Completa lanalisidelterritoriolindicatore relativo allaquotadi superficie vincolata a rischio idrogeologico,per cui i comunipisicuririsultanoquellidiTermeVigliatore,GiardiniNaxoseSanFilippodelMela.

Unodeisettoridellosvilupposostenibile legatoallosmaltimentodeirifiutisolidiurbani,aquestopropositolaquotadiraccoltadifferenziatadellaprovinciaparial5,1%(controunvaloreregionaleparia6,7%).LarticolazionecomunaleevidenziaasuavoltaicomunidiMistrettaeCaprileoneconlequotepielevatediraccoltadifferenziatarispettoallaproduzionediRSU(cfr.Fig.15).

Un altro indicatore desunto dalla rilevazione sullambiente nelle citt capoluogo di provincia,condottadallISTATriguardaiconsumidienergiaelettrica,percuiMessinaassorbeunaquotaparia1.196Kwhperabitanteinferioreallamediaregionaleeparia2.525kwh.

2.3Svilupposostenibile

La provincia diMessina si estende su una superficie territoriale di 3.247 kmq che corrisponde al12,6%delterritorioregionale.Laprovinciasicaratterizzaperunadistribuzionedellapopolazionesulterritoriomolto articolata.Dei 108 comuni che la compongono ben 86 (pari al 79,6% del totale)ospitanounnumerodiresidenti inferiorealle5.000unit,ediquesti,20accolgonomenodi1.000persone. Il capoluogo assorbe da solo il 38% della popolazione provinciale e se in aggiunta siconsideranogliuniciduecentriurbaniconpopolazioneresidentesuperiorealle30.000unitsiarrivaaquasilametdellinterapopolazioneprovinciale.

Figura15RaccoltadifferenziataneicomunidellaProvinciadiMessinaAnno2009(quota%)

0,8 - 3,1

3,2 - 5,8

5,9 - 9,5

9,6 - 15,1

15,2 - 22,6

Fonte:Istat2009

Ladensitmediadi201,3abitantiperkmqoscillandotraunmassimodi1.772aGiardiniNaxoseunminimodi12aCesar.IlcomunediRoccafiorita,invece,faregistrareunpiccoincorrispondenzasiadelladensitdemograficaurbanachediquellaabitativaurbana.Completa lanalisidelterritoriolindicatore relativo allaquotadi superficie vincolata a rischio idrogeologico,per cui i comunipisicuririsultanoquellidiTermeVigliatore,GiardiniNaxoseSanFilippodelMela.

Unodeisettoridellosvilupposostenibile legatoallosmaltimentodeirifiutisolidiurbani,aquestopropositolaquotadiraccoltadifferenziatadellaprovinciaparial5,1%(controunvaloreregionaleparia6,7%).LarticolazionecomunaleevidenziaasuavoltaicomunidiMistrettaeCaprileoneconlequotepielevatediraccoltadifferenziatarispettoallaproduzionediRSU(cfr.Fig.15).

Un altro indicatore desunto dalla rilevazione sullambiente nelle citt capoluogo di provincia,condottadallISTATriguardaiconsumidienergiaelettrica,percuiMessinaassorbeunaquotaparia1.196Kwhperabitanteinferioreallamediaregionaleeparia2.525kwh.

2.3Svilupposostenibile

La provincia diMessina si estende su una superficie territoriale di 3.247 kmq che corrisponde al12,6%delterritorioregionale.Laprovinciasicaratterizzaperunadistribuzionedellapopolazionesulterritoriomolto articolata.Dei 108 comuni che la compongono ben 86 (pari al 79,6% del totale)ospitanounnumerodiresidenti inferiorealle5.000unit,ediquesti,20accolgonomenodi1.000persone. Il capoluogo assorbe da solo il 38% della popolazione provinciale e se in aggiunta siconsideranogliuniciduecentriurbaniconpopolazioneresidentesuperiorealle30.000unitsiarrivaaquasilametdellinterapopolazioneprovinciale.

Figura15QuotaraccoltadifferenziatapercomunidellaProvinciadiMessinaAnno2009

0,8 - 3,1

3,2 - 5,8

5,9 - 9,5

9,6 - 15,1

15,2 - 22,6

Fonte:Istat2009

Ladensitmediadi201,3abitantiperkmqoscillandotraunmassimodi1.772aGiardiniNaxosaunminimodi12aCesar.IlcomunediRoccafiorita,invece,faregistrareunpiccoincorrispondenzasiadelladensitdemograficaurbanachediquellaabitativaurbana.Completa lanalisidelterritoriolindicatore relativo allaquotadi superficie vincolata a rischio idrogeologico,per cui i comunipisicuririsultanoquellidiTermeVigliatore,GiardiniNaxoseSanFilippodelMela.

Unodeisettoridellosvilupposostenibile legatoallosmaltimentodeirifiutisolidiurbani,aquestopropositolaquotadiraccoltadifferenziatadellaprovinciaparial5,1%(controunvaloreregionaleparia6,7%).LarticolazionecomunaleevidenziaasuavoltaicomunidiMistrettaeCaprileoneconlequotepielevatediraccoltadifferenziatarispettoallaproduzionediRSU(cfr.Fig.15).

Un altro indicatore desunto dalla rilevazione sullambiente nelle citt capoluogo di provincia,condottadallISTATriguardaiconsumidienergiaelettrica,percuiMessinaassorbeunaquotaparia1.196Kwhperabitanteinferioreallamediaregionaleeparia2.525kwh.

25

Lagraduatorianonvirtuosadeiconsumi idricivede ilcomunediMessina in testacon73,7m3perabitantedopoCataniaeconvalorisuperioriallamediaregionale(63,4m3perabitante).

Per quanto riguarda la dimensione della mobilit sostenibile si evidenzia che il parco veicolicircolanti, risultante dalle statistiche dellAutomobile Club dItalia (ACI), pone al primo posto leautovetture (390.168a fine2008) che rappresentano il13%del totale regionale. Inparticolare ladensitmaggiore in tutta laprovinciaancoraquelladelleautovettureEuro0,1e2anche se indiminuzionenellultimotriennio(cfr.Fig.14).A livelloterritoriale icomunidiCondreRoccafioritaregistranoladensitdiautomaggioreedicomunidelleisoleeolichequellaminore.Ladensitdellemotosegue landamentodelleautoevede ilcomunediCondrguidare lagraduatoriasoprattuttoconriferimentoallecategoriepiinquinanti.

IlparcoveicolilegatoanchealfenomenodellincidentalitstradalecheperlaprovinciadiMessinaregistraunvaloredi2,7inlineaconlamediaregionale(2,8);ladistribuzionecomunaleattestacheicomunimenosicuri(conuntassosuperiorea4)sonoSantAlessioSiculo,PacedelMelaeMessinacapoluogo.

Figura16TassodimotorizzazioneautoedensitmotoperfasciademograficaAnno2008

Fonte:ACI.

56

57

58

59

60

61

62

FINOA2.000

ABITANTI

DA2.000A5.000

ABITANTI

DA5.000A10.000

ABITANTI

DA10.000A30.000

ABITANTI

DA30.000A50.000

ABITANTI

OLTRE100.000ABITANTI

PROVINCIA

Tassodimotorizzazioneauto

100200300400500600700800900

1.000

FINOA2.000

ABITANTI

DA2.000A5.000

ABITANTI

DA5.000A10.000

ABITANTI

DA10.000A30.000ABITANTI

DA30.000A50.000ABITANTI

OLTRE100.000ABITANTI

PROVINCIA

Densitmoto

Figura17Tassodiospedalizzazioneedegenzepermedico,perfasciademograficaAnno2006

Fonte:MinisterodellaSalute.

050

100150

200250300350400

450500

5.00010.000ABITANTI

10.00030.000ABITANTI

30.00050.000ABITANTI

OLTRE100.000ABITANTI

PROVINCIA

Tassodiospedalizzazione(per1.000abitanti)

0

10

20

30

40

50

60

70

80

5.00010.000ABITANTI

10.00030.000ABITANTI

30.00050.000ABITANTI

OLTRE100.000ABITANTI

PROVINCIA

Degenzepermedico

Conriferimentoallasalutepubblica4,ancheessasottotematicadellosvilupposostenibile,risultacheiltassodiospedalizzazionedatodalrapportotra ledegenzedegli istitutidicurae lapopolazionemediaresidentepericomuninellafascia10.00030.000abitantiregistraivaloripielevaticon475

4Ivaloridiquestiindicatoririsentono,ovviamentedelfattochesonocalcolatisuicomunineiqualisonopresentiistitutidicurapubblicioprivati,chenellaprovinciadiMessinasonosoltanto8.

26

degenzeogni1.000residenti.Dicontro,ilvalorepibassosirilevanellafascia30.00050.000abitanticon177degenzeospedaliere(cfr.Fig.17).

Ilnumerodidegenzepermedicoriportaunatendenzadecrescenteallaumentaredelladimensionedemograficadeicomuni,attestandosisuunvaloremedioprovincialedi57degenze.

Ingeneralenellaprovinciasonopresenti11presidiospedaliericon6.560unitdipersonalee2.307posti letto. Le case di cura private sono 9 che impiegano 886 unit tra personale medico eparamedicoesonodotatedi700postilettoincomplesso.

PeranalizzarelasalutepubblicaalivellocomunalepossonoessereutilizzatiancheidatidelleSchedediDimissioniOspedaliere(SDO),classificatipercomunediresidenzadelpaziente.Ladegenzamediaper ricovero ordinario nella provincia pari a 7 giornate, con picchi perGallodoro edUcria cheraggiungonole10giornate.

La dimensione dellinclusione sociale analizzata attraverso tre tipologie di indicatori (accesso almercatodellavoro,disoccupazionedilungadurataeabbandonodellascuola).Lindicatorediaccessoalmercatodel lavoromisura laquotadipersonechevivono in famigliesenzanessuncomponenteoccupato(nellediversefascediet).Inparticolare,ivaloridituttietregliindicatorinellefasce017,1859e059sonoinferioriallamediaregionale.

ConriferimentoaltassodiabbandonoscolasticosiregistraunasituazionefavorevoleperlaprovinciadiMessinaconilvalorepibasso(17,9)traleprovinceeinferioreallamediaregionale(26,8).

2.4Qualitdellavita

La tematicadellaqualitdellavita fornisceunavisione sinteticadialcuni indicatoripresentatineitematismiprecedentiinambito,sociale,economicoeambientale.

Sul frontedei fattori economici e finanziari la graduatoriadegli ammontari ICIdegli accertamentidallesingoleAmministrazionicomunali,collocaintestaTaormina(537euro)eCastelmola(439euro).

Tra gli indicatori finanziari i comuni nella fascia 10.00030.000 abitanti, oltre che il capoluogo,dispongonodeilivellipielevatidiimpieghiedepositiperabitante(cfr.Fig.16).Ilnumerodisportelliperabitantecolloca incimaallagraduatoria ilcomunediMilazzocon15 sportelli, secondo soloaMessinache,invece,presenta78sportelli.

Figura18ImpieghiedepositibancariperabitanteperfasciademograficaAnno2009(euro)

Fonte:BancadItalia.

0

2000

4000

6000

8000

10000

12000

14000

2.0005.000ABITANTI

5.00010.000ABITANTI

10.00030.000ABITANTI

30.00050.000ABITANTI

OLTRE100.000ABITANTI

PROVINCIA

Impieghiperabitante

0

1000

2000

3000

4000

5000

6000

7000

8000

9000

10000

2.0005.000ABITANTI

5.00010.000ABITANTI

10.00030.000ABITANTI

30.00050.000ABITANTI

OLTRE100.000ABITANTI

PROVINCIA

Depositiperabitante

strutture ogni 1.000 residenti. Di contro, il valore pi basso si rileva nella fascia 30.00050.000abitanticon177struttureospedaliere(cfr.Fig.17).

Il numero di degenze permedico generico riporta una tendenza decrescente allaumentare delladimensionedemograficadeicomuni,attestandosisuunvaloremedioprovincialedi57degenze.

Ingeneralenellaprovinciasonopresenti11presidiospedaliericon6.560unitdipersonalee2.307posti letto. Le case di cura private sono 9 che impiegano 886 unit tra personale medico eparamedicoesonodotatedi700postilettoincomplesso.

Peranalizzarelasalutepubblicaalivellocomunalepossonoessereutilizzatiancheidatid