Master's degree thesis

of 17 /17
Relatrice: Maria Stella Rollandi Correlatore: Andrea Zanini Candidata: Romina Giordano UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI GENOVA SCUOLA DI SCIENZE SOCIALI DIPARTIMENTO DI ECONOMIA Corso di Laurea in Management Tesi di Laurea in Storia delle relazioni economiche internazionali Enrico Mattei e le relazioni economiche internazionali nella politica energetica italiana del secondo dopoguerra Anno Accademico 2012-2013

description

This the presentation for my thesis. Are you interested in the energy industry? Here you can learn how ENI, the most important energy company in Italy, was born and expanded beyond the Italian boarder, thanks to Enrico Mattei, its founder.

Transcript of Master's degree thesis

Page 1: Master's degree thesis

Relatrice: Maria Stella RollandiCorrelatore: Andrea Zanini Candidata: Romina Giordano

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI GENOVASCUOLA DI SCIENZE SOCIALI

DIPARTIMENTO DI ECONOMIACorso di Laurea in Management

Tesi di Laurea in

Storia delle relazioni economiche internazionali

Enrico Mattei e le relazioni economicheinternazionali nella politica energetica italiana del

secondo dopoguerra

Anno Accademico 2012-2013

Page 2: Master's degree thesis

Il consumo pro capite di energia in Europa tra il 1800 e il 2007

Nel 1800 il consumo di energia era di 15.000 kcal ma questa cifra salì a 101.882 nel 2000, segno dell’importanza vitale che le fonti energetiche hanno assunto nella moderna economia.

LA DOMANDA DI ENERGIA

Page 3: Master's degree thesis

IL MIRACOLO ECONOMICO

Tra il 1950 e il 1962 l’economia italiana crebbe al ritmo del 6,7 per cento annuo, decretando un aumento della domanda energetica. I fattori che favorirono lo sviluppo economico furono:

• L’accesso ai fondi ERP stanziati dagli USA;• La disponibilità di manodopera a basso costo;• La possibilità di importare conoscenze scientifiche e

macchinari;• L’uso di nuove fonti energetiche;• L’apertura del Mercato Unico Europeo;• L’accesso da parte delle impresa agli stanziamenti pubblici e

prestiti a tasso agevolato offerti dallo stato.

Page 4: Master's degree thesis

L’ITALIA E L’ENERGIA  Reddito (migliaia

di mld 1985)Consumo energia

(Mtep)Dipendenza

dall’estero (%)

1861 53,2 1,9 9

1880 63,5 3,0 44

1900 76,0 5,6 67

1910 91,8 9,9 72

1940 156,5 21,7 52

1950 173,3 21,5 54

1960 303,4 48,2 58

1965 387,4 80,1 74

Il consumo di energia in Italia è cresciuto da 1,9 Mtep fino a 80,1 Mtep tra il 1861 e il 1965.

Page 5: Master's degree thesis

L’ITALIA E L’ENERGIAIl passaggio dalle fonti energetiche tradizionali agli idrocarburi in Italia:

Page 6: Master's degree thesis

L’ITALIA E L’ENERGIA

La necessità di diversificare le fonti energetiche spinse verso lo sviluppo di un piano nucleare negli anni Quaranta. L’energia nucleare arrivò a soddisfare dal 3 al 4% della domanda energetica.

Tra gli anni Sessanta e Settanta entrarono in funzione quattro centrali nucleari. La SIMEA, società partecipata da IRI e Agip Nucleare, progettò la centrale di Latina, la prima a essere entrata in attività.

Page 7: Master's degree thesis

L’ENTE NAZIONALE IDROCARBURI

• Nel 1926 nacque l’Agip, il primo tentativo dello Stato italiano di sviluppare una propria politica petrolifera.

• Al termine del secondo conflitto mondiale l’Agip era un «inutile carrozzone» e Enrico Mattei fu incaricato di guidare la liquidazione dell’Agenzia.

• L’imprenditore marchigiano capì che l’Italia poteva ancora sviluppare una propria politica energetica e l’Agip avrebbe permesso di fornire alle imprese italiane elevati quantitativi di energia a basso costo.

Page 8: Master's degree thesis

L’ENTE NAZIONALE IDROCARBURI

  Agip Altri

1946 12.579.000 51.451.000

1947 19.641.000 73.861.000

1948 28.118.000 88.994.000

1949 106.581.000 142.851.000

1950 305.699.000 203.929.000

1951 727.583.000 242.689.000

La produzione di metano in Italia tra il 1946 e il 1951 crebbe velocemente grazie al contributo dell’Agip.

Page 9: Master's degree thesis

L’ENTE NAZIONALE IDROCARBURI

Dopo la scoperta di Cortemaggiore, l’ANSA dichiarò che «i giacimenti individuati dall’azienda di Stato, a coronamento delle sue ricerche, sono di una importanza tale da condurre a una profonda trasformazione dell’economia del paese, sia per quanto riguarda il metano, che andrà a sostituire completamente il carbone e la nafta adoperati attualmente in Italia, ad un prezzo inferiore a quello del combustibile internazionale, sia per il petrolio perché il giacimento di Cortemaggiore è di importanza rilevantissima”.

Page 10: Master's degree thesis

L’ENTE NAZIONALE IDROCARBURI

• L’ENI fu fondata con la legge 163 del 10 febbraio 1953, approvata con 269 voti a favore e solo 53 contrari.

• Il gruppo ENI era formato da diverse società operanti nel:

Settore energetico: Agip Minerari, SNAM, SNAM Progetti, SNAM Montaggi (diventata poi SAIPEM), Agip Commerciale, Agip Nucleare, SOMIREN;

Settore chimico: ANIC;

Meccanica: Nuova Pignone;

Attività diverse: Lanerossi, SOFID, Il Giorno, STEI, SISI, SEMI.

Page 11: Master's degree thesis

LE SETTE SORELLE

Le sette sorelle erano:• Standard Oil of New Jersey: nata negli Stati Uniti, cambiò

nome in Esso e poi in Exxon. Dopo la fusione con la Mobil, è conosciuta oggi come ExxonMobil.

• Royal-Dutch Shell, nata da una collaborazione anglo-olandese.• Anglo-Iranian Oil Company, oggi chiamata BP.• Standard Oil of New York, oggi fusa nella ExxonMobil.• Standard Oil of California: ora ChevronTexaco;• Texaco, confluita oggi nella ChevronTexaco.• Gulf Oil, in buona parte confluita nella Chevron.

Page 12: Master's degree thesis

LE SETTE SORELLE

Tra gli anni Cinquanta e Sessanta il prezzo del petrolio non subì mai variazioni superiori al 5 per cento.

Page 13: Master's degree thesis

L’ENI E I PAESI PRODUTTORI

• La «Formula Mattei» prevedeva la concessione del 75 per cento degli utili al governo locale;

• Veniva creata una società mista tra il governo locale e il paese produttore;

• All’interno delle concessioni venivano inclusi i diritti di raffinazione e qualche testa di ponte per vendere benzina e olio combustibile.

Page 14: Master's degree thesis

L’ENI E LA LIBIA

• Nel corso degli anni Venti e Trenta l’Agip aveva condotto alcune ricerche in Libia che furono interrotte dallo scoppio della seconda guerra mondiale.

• Grazie alla fondazione del CORI le attività dell’ENI in Libia si intensificarono e nel 1961 un milione di tonnellate di greggio furono esportate in Italia.

• Ancora oggi la Libia è uno dei principali partner dell’ENI.

Page 15: Master's degree thesis

UNO SGUARDO A ORIENTE

• Nel 1958 fu sottoscritto il primo accordo tra l’ENI e il governo russo per l’acquisto di 8.000 tonellate di petrolio. Ulteriori accordi permisero di importare ogni anno migliaia di tonnellate di greggio e il petrolio russo arrivò a soddisfare il 30 per cento della domanda italiana di petrolio.

• Mattei riuscì a stringere alcuni accordi in Cina, un paese che iniziava a aprire i propri confini al commercio internazionale nel secondo dopoguerra. Il primo contratto sottoscritto tra ENI e il governo di Pechino permise a SNAM Progetti di avviare la costruzione di un impianto di idrocarburi nel 1963.

Page 16: Master's degree thesis

CONCLUSIONI

Mattei non riuscì a raggiungere il sogno di garantire l’indipendenza energetica all’Italia, ma la sua strategia si rivelò fondamentale e favorì la crescita delle imprese nel secondo dopoguerra, fornendo una quota crescente di energia a basso prezzo.

L’ENI è ancora oggi un’importante società energetica presente in 90 paesi, ma la strada del cane a sei zampe è ancora lunga...

Page 17: Master's degree thesis

GRAZIE PER L’ATTENZIONE