L’Akàthistos - Sacra Arcidiocesi Ortodossa d'Italia e . Insegnerò agli iniqui le tue vie e gli...

download L’Akàthistos - Sacra Arcidiocesi Ortodossa d'Italia e . Insegnerò agli iniqui le tue vie e gli empi

of 13

  • date post

    03-Jul-2018
  • Category

    Documents

  • view

    212
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of L’Akàthistos - Sacra Arcidiocesi Ortodossa d'Italia e . Insegnerò agli iniqui le tue vie e gli...

  • LAkthistos saluti alla

    Tuttasanta

    Nellanno 626, mentre era imperatore dei Romani il grande Eraclio e Sergio I arcivescovo di Costantinopoli, venne Shahrbarz dalla Persia, e assieme al khn degli Avari pose assedio alla Regina delle citt, la Nuova Roma. Il popolo si rifugi nel santuario di Vlacherne, dove era custodito il prezioso manto della santissima Madre di Dio, invocando per tutta la notte il divino aiuto. E allalba gli Avari furono respinti sin nella Scizia, mentre i Persiani si dispersero in Siria. Per celebrare la liberazione della Citt, il patriarca Sergio (o, piuttosto, Giorgio di Pisidia, archivista della Grande Chiesa) compose un poema che il popolo prese labitudine di cantare a-kthistos (non-seduto) per ricordare linsonne notte di paura e speranza. LAkthistos, suddiviso di solito in 4 stazioni, composto da 24 stanze, corrispondenti alle lettere dellalfabeto (greco), e di solito accompagnato da un mirabile inno composto dallinnografo san Giuseppe di Siracusa. Con

  • solennit si celebra alla veglia della festa, che cade il quinto sabato della Grande Quaresima, detto appunto Sabato dellAkathistos. Oltre che, privatamente, quando si vuole, lAkthistos celebrato oggi nelle Chiese di tradizione greca anche - ogni primo, secondo, terzo e quarto venerd sera della Grande Quaresima, di solito nel quadro dellufficiatura dellApdhipnon (dopo-cena), cos come qui disposto; - nel quinto venerd, invece, con queste particolarit: dopo il E veramente giusto, si canta (3 volte) il tropario Conosciuto lordine (vedi p 18). Segue la prima Stazione; la I e la III ode del canone e (1 volta) il kontakion A te conduttrice (vedi pp 18-19); la seconda Stazione; le odi IV-V-VI del canone; il kontakion A te, conduttrice; la terza Stazione; le odi VII-VIII-IX; il kontakion A te, conduttrice; la quarta Stazione (con ripetizione della prima stanza); il kontakion A te, conduttrice e il resto, come nei precedenti venerd della Grande Quaresima.

    Note liturgiche

    1. Su un dhiskelion posto allemvomon (cio al centro) si intronizza una icona della Tuttasanta, innanzi alla quale il sacerdote canter le Stazioni (spesso, tenendo in mano un cero acceso).

    2. Sebbene ci si trovi in Quaresima, il sacerdote non indossa i soliti paramenti di colore nero, ma - sullexorason - un epitrachilion di colore festoso. Mentre canta le Stazioni, il sacerdote sta a capo scoperto.

    3. Le Stazioni sono una parafrase del Vangelo e come tali trattate: per cantarle, il sacerdote indossa il fenolion (di colore festoso), usa il tono del Vangelo, e

    4. allinizio di ognuna (mentre si canta Conosciuto lordine e\o A te conduttrice) molti usano fare tre giri del dhiskelion, incensando; di norma, il sacerdote incensa licona anche mentre si cantano gli Alliluia! (come si fa solitamente, al canto dei versetti alliluiatici).

    5. Come di solito, alla IX ode del canone il sacerdote incensa (dal solea) licona della Tuttasanta che nel templon, il santuario, le icone del templon e tutta lassemblea.

    6. Nelle comunit prive di cantori, il cnone potrebbe essere proclamato da un lettore (o da due lettori, alternandosi) mentre tutto il popolo potrebbe antifonare Santissima Madre di Dio, salvaci \ Gloria al Padre \ E ora e sempre, oppure il canone potrebbe essere alternato tra uno o pi lettori e il popolo, oppure letto a cori alterni tra lato sinistro e lato destro della chiesa.

    7. Per comodit, stato qui indicato il ruolo del D(diacono), del S(sacerdote), del L(ettore) e le parti che dovrebbero o potrebbero essere pronunciate da T(utti).

    S Benedetto il Dio nostro in ogni tempo, ora e sempre nei secoli dei secoli. T Amin.

    S Gloria a te, Dio nostro, gloria a te. Re celeste, Paraclito, Spirito della verit, tu che ovunque sei e tutto riempi, tesoro dei beni ed elargitore di vita, vieni e poni in noi la tua dimora, purificaci da ogni macchia e salva, o buono, le anime nostre.

    L Santo Dio, santo forte, santo immortale, abbi piet di noi (3v). Gloria al Padre e al Figlio e al Santo Spirito; e ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin. Santissima Trinit, abbi di noi piet; Signore, placati di fronte ai nostri peccati; Sovrano, perdonaci le nostre iniquit; Santo, visitaci nelle nostre infermit e guariscici per il tuo nome. Kirie, elison (3v). Gloria al Padre E ora e sempre Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volont, come in cielo, cos in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano e rimetti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri debitori. E non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal maligno. S Poich tuo il regno, il potere e la gloria; del Padre, Figlio e Santo Spirito, ora e sempre e nei secoli dei secoli. T Amin.

    L Kirie, elison (12v). Gloria al Padre E ora e sempre Venite, adoriamo e prostriamoci al re, nostro Dio. Venite, adoriamo e prostriamoci a Cristo re, nostro Dio. Venite, adoriamo e prostriamoci a lui, Cristo re e nostro Dio. L Piet di me, o Dio, secondo la tua grande misericordia e secondo la moltitudine delle tue compassioni cancella il mio delitto. Lavami del tutto dalla mia iniquit e purificami dal mio peccato. Perch io conosco la mia iniquit e il mio peccato davanti a me sempre. Contro te solo ho peccato e il male davanti a te ho fatto, cos che tu sia riconosciuto giusto nelle tue parole e vinca quando sei giudicato. Ecco che nelle iniquit sono stato concepito e nei peccati mi ha concepito mia madre. Ecco, la verit hai amato, le cose occulte e i segreti della tua sapienza mi hai manifestato. Mi aspergerai con issopo e sar purificato, mi laverai e sar fatto pi bianco della neve. Mi farai udire esultanza e gioia, esulteranno le ossa umiliate. Distogli il tuo volto dai miei peccati e cancella tutte le mie iniquit. Un cuore puro crea in me, o Dio, e uno spirito retto rinnova nelle mie viscere. Non rigettarmi dal tuo volto e il tuo Spirito santo non togliere da me. Rendimi lesultanza della tua salvezza, e confermami con lo Spirito

  • sovrano. Insegner agli iniqui le tue vie e gli empi a te ritorneranno. Liberami dal sangue, o Dio, Dio della mia salvezza e la mia lingua celebrer con esultanza la tua giustizia. Signore, apri le mie labbra e la mia bocca annuncer la tua lode. Certo, se tu avessi voluto un sacrificio, lo avrei dato: di olocausti non ti compiacerai. Sacrificio a Dio uno spirito contrito: un cuore contrito e umiliato Dio non lo disprezzer. Benefica, Signore, nel tuo compiacimento Sion e siano riedificate le mura di Gerusalemme. Allora ti compiacerai del sacrificio di giustizia, delloblazione e di olocausti; allora offriranno vitelli sul tuo altare.

    L O Dio, volgiti in mio aiuto; Signore, affrettati ad aiutarmi. Siano confusi e svergognati quelli che cercano lanima mia; siano respinti indietro e restino confusi quelli che vogliono per me il male. Siano respinti allistante, confusi, quelli che mi dicono: Bene, bene! Esultino e gioiscano in te tutti quelli che ti cercano e dicano sempre: Sia magnificato Dio, quelli che amano la tua salvezza. Ma io sono povero e misero: o Dio, aiutami. Mio aiuto e mio liberatore sei tu, Signore non tardare.

    L Signore, ascolta la mia preghiera, porgi lorecchio alla mia supplica nella tua verit, esaudiscimi nella tua giustizia. E non entrare in giudizio col tuo servo, perch non sar giustificato davanti a te nessun vivente. S, il nemico ha perseguitato lanima mia: ha umiliato fino a terra la mia vita. Mi ha fatto sedere nelle tenebre come i morti per sempre ed stato preso da sconforto in me il mio spirito, dentro di me turbato il mio cuore. Mi sono ricordato dei giorni antichi e ho meditato su tutte le tue opere, sulle azioni delle tue mani meditavo. Ho steso verso di te le mie mani: la mia anima, a te, come terra arida. Presto esaudiscimi, Signore: venuto meno il mio spirito; non distogliere da me il tuo volto, perch sarei simile a quelli che scendono nella fossa. Fammi sentire al mattino la tua misericordia, perch in te ho sperato. Fammi conoscere, Signore, la via su cui camminare, perch a te ho levato lanima mia. Strappami dai miei nemici, Signore, perch in te mi sono rifugiato; insegnami a fare la tua volont, perch tu sei il mio Dio. Il tuo Spirito buono mi guider nella via retta: per amore del tuo nome Signore, mi farai vivere. Nella tua giustizia trarrai dalla tribolazione lanima mia, nella tua misericordia sterminerai i miei nemici e farai perire tutti quelli che opprimono lanima mia, perch io sono tuo servo.

    L Gloria a Dio nel pi alto dei cieli, pace sulla terra, e per gli uomini benevolenza. Noi ti celebriamo, ti benediciamo, ti adoriamo, ti glorifichiamo, ti rendiamo grazie per la tua grande gloria. Signore, re del cielo, Dio Padre onnipotente; Signore, Figlio unigenito, Ges Cristo, e santo Spirito. Signore Dio, agnello di Dio, Figlio del Padre, tu che togli il peccato del mondo, abbi piet di noi: tu che togli i peccati del mondo. Accogli la nostra supplica, tu che siedi alla destra del Padre, e abbi piet di noi. Perch tu solo sei santo, tu solo Signore, Ges Cristo, a gloria di Dio Padre. Amin. Ogni giorno ti benedir, e loder il tuo nome in eterno e nei secoli dei secoli. Signore, ti sei fatto nostro rifugio di generazione in generazione. Io ho detto: Signore, abbi piet di me, sana lanima mia perch ho peccato contro di te. Signore, in te mi sono rifugiato: insegnami a fare la tua volont, perch tu sei il mio Dio. Poich presso di te la sorgente della vita, nella tua luce vedremo la luce. Dispiega la tua misericordia per quelli che ti conoscono. Concedici, Signore, in questa notte di essere custoditi senza peccato. Benedetto sei tu, Signore, Dio dei nostri padri: degno di lode e glorificato il tuo nome nei secoli. Amin. Sia la tua misericordia, Signore, su di noi, come in te abbiamo sperato. Benedetto sei tu, Signore: insegnami i tuoi decreti. Benedetto sei tu, Sovrano