Il Tirreno Livorno 005 20140711

of 1/1
di Mario Lancisi FIRENZE. Rossi sì o no? E' partita la corsa alle elezioni regionali, marzo del 2015, e si infittiscono tensioni, polemiche e rassicurazioni sulla riconferma del Governatore o, in caso contrario, sulle primarie. Clima da segnali di fumo, da sur- place, ma anche da resa di conti al vetriolo. Anche se l'impressio- ne, avvalorata da fonti autorevo- li, è che il destino di Rossi sia nel- le mani del premier Matteo Ren- zi. Sarà lui a decidere, in base ai sondaggi e alle convenienze po- litiche, e chiamerà il Governato- re: "Enrico prosegui". Oppure: "Enrico, la tua corsa è finita: fatti da parte". A questo punto sarà Rossi a decidere se dare battaglia o no, e molto dipenderà dal cavallo che sceglierà Renzi. «Per capirci, se Matteo dovesse schierare Maria Elena Boschi per Enrico non ci sarebbe storia. Finirebbe come Brasile-Germania. Contro altri candidati la sfida invece è possi- bile perché Enrico è popolare, i sondaggi finora gli sono stati fa- vorevoli. E come si sa Renzi ai sondaggi ci guarda molto. Così come alle scelte che hanno una capacità evocativa. Scelte sim- boliche. Potrebbe ad esempio decidere di far avanzare nelle re- gioni una nuova classe dirigente di governatori. E allora in Tosca- na, se la Boschi rimarrà al gover- no, toccherebbe al segretario re- gionale del Pd Dario Parrini. Co- me forse in Emilia Romagna a Matteo Richetti. Dunque, il destino di Rossi e la scelta del candidato alla presi- denza della Regione dipenderà molto dalle decisioni di Renzi e dal messaggio politico che vorrà mandare al Paese. Si voterà per la Toscana, ma con un'imposta- zione nazionale, come è nello stile di Renzi, per il quale conta l'immagine del "brand" Pd na- zionale più che le diverse storie regionali. Per cui i contenuti, i program- mi, le alleanze locali contano, so- no una condizione necessaria, ma non sufficiente. Parrini non fa che ripetere: «Decideremo a ottobre in base a come Rossi chiuderà alcune partite aperte». Le quali si chiamano legge elet- torale, piano paesaggistico, pia- no dei rifiuti, Pit della Piana fio- rentina, la nuova pista di Firen- ze, la Tirrenica. E poi c'è la Toscana della co- sta. Critica con alcune scelte del- la Regione. Dopo i pisani Marco Filippeschi e Paolo Fontanelli, infuriati con Rossi per le sue po- sizioni sugli aeroporti, ritenute penalizzanti per lo scalo Galilei di Pisa, anche Marco Ruggeri, sconfitto nelle elezioni labroni- che, ha lanciato un messaggio al Governatore: «Guarda che la tua riconferma non è sicura». E ieri glielo ha ripetuto in un incontro in Regione. A Livorno il Pd ritie- ne infatti di aver perduto anche per la scelta regionale di un nuo- vo ospedale. In molti dai consiglieri regio- nali Gianfranco Venturi e Arde- lio Pellegrinotti si dichiarano fa- vorevoli alla riconferma di Ros- si. Anche il renziano Antonio Mazzeo, responsabile regionale dell'organizzazione del Pd, so- stiene "che le percentuali di una riconferma di Rossi sono alte". Lo stesso sindaco di Prato Mat- teo Biffoni dichiara che «al mo- mento ritengo che Rossi sia il candidato naturale», ma aggiun- ge che «se serviranno le primarie si fanno».Primarie invocate dal civatiano Samuele Agostini. Che aggiunge: «Crediamo di non es- sere solo noi ad esprimere dubbi sulla riconferma di Rossi». Per il Governatore è tempo di esami. Poi la parola passerà a Renzi. Al quale è piaciuta la posi- zione di Rossi sugli aeroporti ma non il giudizio velenoso contro il governo sulla Concordia. Così come ai renziani non piacciono molte posizioni della Marson. Rossi è come rimandato a set- tembre. Il mese del sì o del no. ©RIPRODUZIONE RISERVA- TA IL RETROSCENA Per Rossi corsa a ostacoli la candidatura in Regione di Andrea Lazzeri LIVORNO Giuseppe Civati, detto Pippo, chiama a raccolta i non allinea- ti di quello che un tempo fu il partito democratico e ora han- no ribattezzato Partito di Ren- zi, ovvero Pdr. Dice di non vo- ler fare un correntone ma in- tanto al The Cage di Livorno ci sono tutti quelli che ogni gior- no si scontrano con il presiden- te del consiglio. E sembra aver le idee chiare anche su una pos- sibile ricucitura con l’ex amico Renzi: un appoggio alla ricandi- datura di Rossi alla Regione To- scana, potrebbe rappresentare un forte segnale. Di cui però non c’è ancora traccia. Un politicamp a Livorno, città dove tanto tempo fa nac- que la sinistra e dove, poco tempo fa, è stata sconfitta cla- morosamente. Scelta simboli- ca? Voglia di rivincita o deside- rio di inventare una cosa nuo- va? «Scelta politica. Necessaria per mettersi in discussione. Cit- tà di sinistra, in cui la sinistra deve ritrovare la capacità di rappresentare i cittadini». In Toscana- ma anche nel resto d'Italia - i candidati di ispirazione renziana hanno vinto sfide difficili (vedi Pra- to). Mentre i candidati che non rappresentavano la “novità Renzi” hanno avuto la peggio, come a Livorno. Per- ché? «Mi pare che a Livorno la questione non fosse soltanto: a quale corrente del Pd appartie- ne il candidato sindaco? L'esempio di Prato ci deve mo- tivare: anche dove si è perso, la sinistra può tornare a convince- re». Vannino Chiti è tra i mag- giori oppositori alla riforma del Senato. Lei con chi sta? «Vannino Chiti non è un op- positore della riforma del Sena- to. La formulazione della do- manda è, come spesso accade, condizionata da quello che di- ce il premier e da una retorica carica di falsità. Chiti ha presen- tato una diversa proposta di ri- forma, molto migliore di quella di Renzi. E come forse saprà Chiti sarà a Livorno». Lei diventa un leader nazio- nale durante la prima Leopol- da fiorentina. Sembrava un tandem inarrestabile quello di lei e Renzi. Su cosa è avve- nuta la rottura? «Non sono un leader nazio- nale nemmeno ora, dopo la Le- opolda Renzi prese una strada diversa». Mai pensato a una ricucitu- ra con l'ex sindaco di Firenze? «Le condizioni non ci sono ancora state». L'appuntamento di oggi a Livorno si basa su una parola: "Possibilità". Ne spieghi il sen- so poltico. «Da anni mi ripetono che la sinistra non ci deve essere più, che bisogna governare con la destra, che non ci sono alterna- tive. Penso ci siano sempre al- tre possibilità, soprattutto quando la politica non offre le risposte che i cittadini si atten- dono». Rivendicare la "possibilità" significa che oggi lo spazio per l'agire collettivo si stia ridu- cendo. Può indicarmi i maggiori fattori di rischio in questo sen- so? «Beh, mi pare che siano vent' anni che la politica e la sua ca- pacità di rappresentare e orga- nizzarsi siano in crisi». È opinione diffusa che stia organizzando un correntone in vista dell'uscita dal Pd. È ve- ro? Crede che dentro il partito di Renzi ci sia spazio per il dis- senso? «No, non sto organizzando nessun correntone. Nel Pd di Renzi però il dissenso, anche minimo, anche parziale, anche puntuale è vissuto con fastidio. I toni sono sprezzanti nei con- fronti di chi la pensa diversa- mente. E questo è un vero pec- cato, perché penso che la politi- ca nuova debba essere fatta in modo diverso». Nel Pd sembrava ormai pa- cifico che le candidature venis- sero selezionate con le prima- rie. Invece la discussione si è riaccesa in vista delle regiona- li del prossimo anno e sul no- me del presidente uscente Rossi. «Renzi è diventato segretario e premier grazie alle primarie quelle vinte ma anche quelle perse l'anno prima. Spero che questo sia il metodo anche per scegliere il candidato delle prossime regionali in tutta Ita- lia. Certo se Renzi sostenesse la ricandidatura di Rossi sarebbe un fatto politico di cui tutti do- vrebbero tenere conto, ma non mi pare le cose stiano così». Lorenzo Becattini, presidente di Toscana Energia, è diventato deputato del partito democratico: l'insediamento come primo dei non eletti in Toscana è avvenuto a seguito delle dimissioni del neosindaco di Prato Matteo Biffoni. Becattini, già segretario metropolitano dei Ds a Firenze, è stato sindaco di Reggello e assessore allo sviluppo economico del Comune di Firenze. Da oggi i civatiani a Livorno Civati a Livorno per compattare i non renziani «In questo partito c’è troppo fastidio verso il dissenso anche quando è ben motivato» Enrico Rossi (FOTO FABIO MUZZI) Freddezza verso il governatore uscente da parte delle federazioni della costa PD: LO SCONTRO INTERNO Giuseppe Civati e Matteo Renzi, quando ancora tra i due c’era sintonia Maria Elena Boschi Becattini diventa deputato al posto di Matteo Biffoni Al The Cage di villa Corridi si apre oggi pomeriggio (ore 18) il Politicamp organizzato dai civatiani. Si concluderà nella tarda mattinata di domenica con un intervento di Pippo Civati. L’appuntamento di oggi pomeriggio verte sul tema «La parità è possibile», Marina Terragni introduce: Ilaria Bonaccorsi, Mercedes Lanzilotta, Filomena Gallo Alle ore 21 si parla di «La partecipazione è possibile» Andrea Fabozzi introduce: Andrea Pertici, Elly Schlein, Vannino Chiti, Nadia Urbinati, Fabrizio Barca, Maurizio Landini Domani mattina alle 10, (Palco interno) «La cultura è possibile», Massimo Monaci introduce: Tomaso Montanari, Maria Chiara Carrozza, Andrea Ranieri, Pietro Folena, Maria Grazia Rocchi, Vincenzo Vita Sempre alle 10 sul palco esterno: «Expo in ognuno di noi, Expo dappertutto». politcamp ‘‘ Se Renzi appoggiasse la candidatura del governatore toscano sarebbe importante ‘‘ Spero che le primarie siano un metodo da seguire anche in vista delle regionali 2015 VENERDÌ 11 LUGLIO 2014 IL TIRRENO Attualità 5
  • date post

    01-Apr-2016
  • Category

    Documents

  • view

    218
  • download

    2

Embed Size (px)

description

 

Transcript of Il Tirreno Livorno 005 20140711

  • di Mario Lancisi FIRENZE.

    Rossi s o no? E' partita la corsaalleelezioni regionali,marzodel2015, e si infittiscono tensioni,polemiche e rassicurazioni sullariconferma del Governatore o,incasocontrario, sulleprimarie.Climada segnali di fumo, da sur-place, ma anche da resa di contial vetriolo. Anche se l'impressio-ne, avvalorata da fonti autorevo-li, che il destinodi Rossi sianel-lemani del premierMatteoRen-zi. Sar lui a decidere, in base aisondaggi e alle convenienze po-litiche, e chiamer il Governato-re: "Enrico prosegui". Oppure:"Enrico, la tuacorsa finita: fattidaparte".A questo punto sar Rossi a

    decideresedarebattagliaono,emolto dipender dal cavallo chesceglier Renzi. Per capirci, seMatteo dovesse schierare MariaElena Boschi per Enrico non cisarebbe storia. Finirebbe comeBrasile-Germania. Contro altricandidati la sfida invece possi-bile perch Enrico popolare, isondaggi finora gli sono stati fa-vorevoli. E come si sa Renzi ai

    sondaggi ci guarda molto. Coscome alle scelte che hanno unacapacit evocativa. Scelte sim-boliche. Potrebbe ad esempiodecideredi far avanzarenelle re-gioni una nuova classe dirigentedi governatori. E allora in Tosca-na, se laBoschi rimarr al gover-no, toccherebbe al segretario re-gionale del PdDario Parrini. Co-me forse in Emilia Romagna aMatteoRichetti.Dunque, il destino di Rossi e

    la scelta del candidato alla presi-denza della Regione dipendermolto dalle decisioni di Renzi edalmessaggio politico che vorrmandare al Paese. Si voter perla Toscana,ma con un'imposta-zione nazionale, come nellostile di Renzi, per il quale contal'immagine del "brand" Pd na-zionale pi che le diverse storieregionali.Per cui i contenuti, i program-

    mi, le alleanze locali contano, so-no una condizione necessaria,ma non sufficiente. Parrini nonfa che ripetere: Decideremo aottobre in base a come Rossichiuder alcune partite aperte.Le quali si chiamano legge elet-torale, piano paesaggistico, pia-

    no dei rifiuti, Pit della Piana fio-rentina, la nuova pista di Firen-ze, laTirrenica.E poi c' la Toscana della co-

    sta. Critica conalcune scelte del-la Regione. Dopo i pisaniMarcoFilippeschi e Paolo Fontanelli,infuriati con Rossi per le sue po-

    sizioni sugli aeroporti, ritenutepenalizzanti per lo scalo Galileidi Pisa, anche Marco Ruggeri,sconfitto nelle elezioni labroni-che, ha lanciato unmessaggio alGovernatore: Guarda che la tuariconferma non sicura. E ieriglielo ha ripetuto in un incontro

    in Regione. A Livorno il Pd ritie-ne infatti di aver perduto ancheper la scelta regionale di unnuo-voospedale.In molti dai consiglieri regio-

    nali Gianfranco Venturi e Arde-lio Pellegrinotti si dichiarano fa-vorevoli alla riconferma di Ros-

    si. Anche il renziano AntonioMazzeo, responsabile regionaledell'organizzazione del Pd, so-stiene "che le percentuali di unariconferma di Rossi sono alte".Lo stesso sindaco di Prato Mat-teo Biffoni dichiara che al mo-mento ritengo che Rossi sia ilcandidatonaturale,maaggiun-gechese serviranno leprimariesi fanno.Primarie invocate dalcivatianoSamueleAgostini.Cheaggiunge: Crediamo di non es-seresolonoiadesprimeredubbisulla riconfermadiRossi.Per il Governatore tempo di

    esami. Poi la parola passer aRenzi. Al quale piaciuta laposi-zionediRossi sugli aeroportimanonil giudiziovelenosocontro ilgoverno sulla Concordia. Coscome ai renziani non piaccionomolte posizioni della Marson.Rossi come rimandato a set-tembre. Ilmesedel s odelno.RIPRODUZIONE RISERVA-

    TA

    IL RETROSCENA

    PerRossi corsa a ostacolila candidatura in Regione

    di Andrea Lazzeri LIVORNO

    Giuseppe Civati, detto Pippo,chiamaa raccolta i non allinea-ti di quello che un tempo fu ilpartito democratico e ora han-no ribattezzato Partito di Ren-zi, ovvero Pdr. Dice di non vo-ler fare un correntone ma in-tanto al The Cage di Livorno cisono tutti quelli che ogni gior-no si scontrano con il presiden-te del consiglio. E sembra averle idee chiare anche suunapos-sibile ricucitura con lex amicoRenzi: unappoggio alla ricandi-daturadi Rossi alla RegioneTo-scana, potrebbe rappresentareun forte segnale. Di cui pernoncancora traccia.Un politicamp a Livorno,

    citt dove tanto tempo fa nac-que la sinistra e dove, pocotempo fa, stata sconfitta cla-morosamente. Scelta simboli-ca?Voglia di rivincita odeside-rio di inventare una cosa nuo-va?Scelta politica. Necessaria

    permettersi in discussione.Cit-t di sinistra, in cui la sinistradeve ritrovare la capacit dirappresentare i cittadini.In Toscana- ma anche nel

    resto d'Italia - i candidati diispirazione renziana hannovinto sfide difficili (vedi Pra-

    to). Mentre i candidati chenon rappresentavano lanovit Renzi hanno avuto lapeggio, come a Livorno. Per-ch?Mi pare che a Livorno la

    questione non fosse soltanto: aquale corrente del Pd appartie-ne il candidato sindaco?L'esempio di Prato ci devemo-tivare: anche dove si perso, lasinistrapu tornarea convince-re.Vannino Chiti tra i mag-

    giori oppositori alla riformadelSenato.Leiconchi sta?Vannino Chiti non un op-

    positore della riformadel Sena-to. La formulazione della do-manda , come spesso accade,condizionata da quello che di-ce il premier e da una retoricacaricadi falsit. Chiti hapresen-tato una diversa proposta di ri-forma,moltomigliore di quelladi Renzi. E come forse saprChiti saraLivorno.Lei diventa un leader nazio-

    nale durante la prima Leopol-da fiorentina. Sembrava untandem inarrestabile quellodi lei e Renzi. Su cosa avve-nuta la rottura?Non sono un leader nazio-

    nalenemmenoora, dopo la Le-opolda Renzi prese una stradadiversa.Mai pensato a una ricucitu-

    raconl'ex sindacodiFirenze?Le condizioni non ci sono

    ancorastate.L'appuntamento di oggi a

    Livorno si basa su una parola:"Possibilit".Ne spieghi il sen-sopoltico.Da anni mi ripetono che la

    sinistra non ci deve essere pi,che bisogna governare con ladestra, che non ci sonoalterna-tive. Penso ci siano sempre al-tre possibilit, soprattutto

    quando la politica non offre lerisposte che i cittadini si atten-dono.Rivendicare la "possibilit"

    significacheoggi lo spazioperl'agire collettivo si stia ridu-cendo.Pu indicarmi i maggiori

    fattori di rischio inquesto sen-so?Beh,mi pare che siano vent'

    anni che la politica e la sua ca-pacit di rappresentare e orga-

    nizzarsi siano incrisi. opinione diffusa che stia

    organizzando un correntoneinvista dell'uscita dal Pd. ve-ro?Crede chedentro il partitodi Renzi ci sia spazio per il dis-senso?No, non sto organizzando

    nessun correntone. Nel Pd diRenzi per il dissenso, ancheminimo, anche parziale, anchepuntuale vissuto con fastidio.I toni sono sprezzanti nei con-fronti di chi la pensa diversa-mente. E questo un vero pec-cato, perchpenso che la politi-ca nuova debba essere fatta inmododiverso.Nel Pd sembrava ormai pa-

    cifico che le candidature venis-sero selezionate con le prima-rie. Invece la discussione si riaccesa in vista delle regiona-li del prossimo anno e sul no-me del presidente uscenteRossi.Renzi diventato segretario

    e premier grazie alle primariequelle vinte ma anche quelleperse l'anno prima. Spero chequesto sia il metodo anche perscegliere il candidato delleprossime regionali in tutta Ita-lia. Certo se Renzi sostenesse laricandidatura di Rossi sarebbeun fatto politico di cui tutti do-vrebbero tenere conto,manonmipare le cosestianocos.

    Lorenzo Becattini, presidentedi Toscana Energia, diventato deputato del partitodemocratico: l'insediamentocome primo dei non eletti inToscana avvenuto a seguitodelle dimissioni delneosindaco di Prato MatteoBiffoni. Becattini, gisegretario metropolitano deiDs a Firenze, stato sindaco diReggello e assessore allosviluppo economico delComune di Firenze.

    Da oggi i civatiania Livorno

    Civati a Livornoper compattarei non renzianiInquestopartito c troppo fastidioverso il dissensoanchequandobenmotivato

    Enrico Rossi (FOTO FABIO MUZZI)

    Freddezzaversoilgovernatoreuscentedapartedellefederazionidellacosta

    PD: LO SCONTRO INTERNO

    Giuseppe Civati e Matteo Renzi, quando ancora tra i due cera sintonia

    Maria Elena Boschi

    Becattini diventadeputato al postodi Matteo Biffoni

    Al The Cage di villa Corridi si apreoggi pomeriggio (ore 18) ilPoliticamp organizzato daicivatiani.Si concluder nella tardamattinata di domenica con unintervento di Pippo Civati.Lappuntamento di oggipomeriggio verte sul temaLa parit possibile,Marina Terragni introduce:Ilaria Bonaccorsi, MercedesLanzilotta, Filomena GalloAlle ore 21 si parla di Lapartecipazione possibileAndrea Fabozzi introduce:Andrea Pertici, Elly Schlein,Vannino Chiti, Nadia Urbinati,Fabrizio Barca, Maurizio LandiniDomani mattinaalle 10, (Palco interno)La cultura possibile,Massimo Monaci introduce:Tomaso Montanari, Maria ChiaraCarrozza, Andrea Ranieri, PietroFolena, Maria Grazia Rocchi,Vincenzo VitaSempre alle 10 sul palco esterno:Expo in ognuno di noi, Expodappertutto.

    politcamp SeRenziappoggiassela candidaturadel governatore toscanosarebbe importanteSpero che leprimarie sianounmetododaseguire anche in vistadelle regionali 2015

    VENERD 11 LUGLIO 2014 IL TIRRENO Attualit 5