Il fumo (riccardo)

of 6 /6
IL FUMO

Embed Size (px)

Transcript of Il fumo (riccardo)

  • 1. IL FUMO

2. Le sostanze nocive del fumo che possono danneggiare direttamente l'apparato respiratorio, irritare e predisporre a danni ulteriori, ma anche indirettamente il resto dell'organismo, sono essenzialmente prodotti della combustione incompleta di tabacco, e sostanze volatilizzate per la relativamente elevata temperatura che ne consegue: Catrame; VOC tra cui il cancerogeno; idrocarburi policiclici aromatici (IPA), provenienti dalla combustione sia della carta sia del tabacco; particolato carbonioso, anch'essi derivanti dalla combustione incompleta; nicotina, contenuta nelle foglie della pianta Nicotiana Tabacum; monossido di carbonio, prodotto dalla combustione incompleta; sostanze irritanti; idrocarburi non aromatici di varie tipologie (principalmente alcani C12-C15) che contribuiscono a intaccare lo strato lipidico protettivo di organi e cellule, predisponendo all'aggressione di altri composti; altre sostanze ossidanti. 3. Il consumo abituale di sigarette fattore di incremento del rischio dell'insorgenza di malattie che possono avere esito mortale per il soggetto: Il fumo aumenta la pressione delle arterie, causa aterosclerosi, ostacolando la circolazione del sangue nei vasi e aumentando il rischio di infarto e di Ictus; Malattia di Legg-Perthes: fumare durante la gravidanza aumenta il rischio di morte nei nascituri; In alcuni Paesi, come l'Italia, i produttori sono tenuti a inserire nei pacchetti di sigarette messaggi sulla pericolosit del fumo per la salute. In altri Paesi, i produttori provvedono a farlo volontariamente. Queste informazioni escludono la responsabilit dei produttori per le malattie causate dal fumo attivo, e la possibilit di richieste di risarcimento danni. 4. Il mercato mondiale del tabacco dominato da 3 grandi multinazionali e dall'azienda di stato cinese: Cina: 40 % China National Tobacco: Hongtashan; America: 16 % Altria Group: Marlboro, L&M, Chesterfield, Philip Morris, Merit, Diana, Parliament e Virginia Slims; Inghilterra: 13 % British American Tobacco: Dunhill, Kent, Lucky Strike, MS, Pall Mall, Rothmans, Reemtsma, Davidoff, West, Gauloises e altre; Giappone: 11 % Japan Tobacco: Camel, Winston, Mild Seven, Benson & Hedges, Silk Cut, Sobranie, Glamour e LD. 5. La nascita della sigaretta controversa. Fu, forse, inventata dai soldati musulmani che, durante l'assedio di San Giovanni d'Acri (nell'odierno Israele) del 1831-1832, pare sostituissero i tubetti di carta svuotati della polvere da sparo con del tabacco sminuzzato manualmente. Altri ne attribuiscono l'invenzione ad alcuni soldati inglesi, sbarcati sempre a San Giovanni d'Acri nel 1840 in seguito all'azione militare contro l'Egitto. Costoro, privi di pipe e di tabacco, fabbricarono speciali sigarette ricorrendo a foglie di t arrotolato. L'arrivo nel mondo moderno, non tanto della sigaretta quanto dell'uso di inalare il fumo prodotto dalla combustione delle foglie di tabacco, avvenne l'8 novembre 1587 quando Sir Walter Raleigh port in Gran Bretagna, allora sotto il regno di Elisabetta I d'Inghilterra, delle foglie di tabacco e altri vegetali provenienti dalle terre adiacenti al fiume Orinoco. Nel 1885 James Buchanan Duke inizi la produzione e la commercializzazione delle moderne sigarette prodotte industrialmente.