Grammatica Svedese

download Grammatica Svedese

of 31

  • date post

    30-Nov-2015
  • Category

    Documents

  • view

    1.083
  • download

    15

Embed Size (px)

description

Grammatica Svedese

Transcript of Grammatica Svedese

Grammatik

Yrja Haglund Appunti di grammatica svedese

IL SOSTANTIVO.NUMERO, DEFINITEZZA, CASO e GENERE

Nella flessione nominale si distinguono le tre categorie: numero, definitezza e caso.La categoria del genere si distingue dalle tre menzionate come caratteristica inerente al nome stesso. Il sostantivo appartiene ad un genere o laltro mentre pu essere flessa secondo la situazione.

GENERE, DECLINAZIONI e NUMERO

Si suddivide il sostantivo in:

- due generi, secondo la forma dellarticolo indeterminato: en o ett o dell'articolo indeterminato enclitico, come pizzan, pojken, hunden, arbetet e bordet;

- cinque declinazioni seconda l'articolo plurale enclitico:

1) En-ord che terminano in -a atona, pizza, e assumono la desinenza plurale -or:pizzor.*

2) En-ord che terminano in vocale atona (non -a), pojke, oppure in consonante, hund, e prendono la desinenza plurale -ar: pojkar,* hundar.

*Nota: la radice terminante in vocale atona pu perdere questultimo suono per eufonia, vale a dire per adattamento allambiente fonico.3)En-ord con l'accento sull'ultima sillaba (per la maggior parte si tratta di prestiti) avranno la desinenza plurale -er.

Alla terza categoria appartiene un gruppo di parole che hanno subito, nella forma plurale, un processo dassimilazione di suoni, detto metafonia: man/mn, hand/hnder, son/sner, fot/ftter (cfr. Corrispondenze nellinglese e nel tedesco).4)Ett-ord che terminano in vocale atona, arbete, avranno la desinenza plurale -n.

5)Ett-ord che terminanti in consonante, trd, non assumono nessuna desinenza plurale.

SINGOLARE

PLURALE

1)flicka

flickor

2)pojke

pojkar

hund

hundar

3)parfymparfymer

son

sner

4)arbete

arbeten

5)trd

trdPer quanto riguarda le parole indigene, ossia i vocaboli appartenenti al pi antico patrimonio lessicale della lingua svedese, e in altre parole il germanico settentrionale, che riceve larticolo en, e che terminano in -er o in -el, eliminano nel plurale la vocale finale atona per prendere la desinenza -ar:

moder -mdrar, nyckel -nycklar.

ACCORDO PER DEFINITEZZA

ARTICOLO DETERMINATO

L'articolo determinato si pospone al sostantivo singolare nel seguente modo:

- quando il sostantivo termina in -e , la vocale dellarticolo -en o -et si fonde con questultimo, come in pojken e arbetet.

- mentre se il suono finale consonantico, larticolo viene semplicemente aggiunto alla fine come in parfymen, bilen e trdet ;

- e, infine, quando il sostantivo termina in -a, la vocale dellarticolo armonizza con questa e accodando semplicemente la -n dellarticolo: flickan;

I tre articoli della forma plurale del sostantivo:

1) Tutte le en-ord assumono la desinenza plurale -na.2) La quarta declinazione prende la desinenza plurale -a.

3) La quinta declinazione prende la desinenza plurale -en.

SINGOLARE

PLURALE1)flickan

flickorna2)pojken

pojkar

hunden

hundar3)parfymen

parfymerna

sonen

snerna4)arbetet

arbetena5)trdet

trdenACCORDO PER CASO

IL GENITIVO

Il sostantivo ha due casi: la forma base e il genitivo.

Il genitivo si declina con laggiunta finale -s a qualunque sostantivo di base:flickans, pojkars, husets, trdens.

Solen skiner p trdets blad. Il sole splende sulle foglie dellalbero.L'AGGETTIVOLaggettivo assegna al nome qualit ad esempio propriet e stato:

stor grandeoppure classifica, ad esempio:

svensk svedeseLa funzione dell'aggettivo pu essere:

1) attributiva, nel caso che laggettivo precede il sostantivo per ascriverne una qualit:

En stor hundUn cane grande

En svensk pizza Una pizza svedese2) predicativa, quando invece si accoda al sostantivo e completa, dal punto di vista semantico, il predicato :

Hunden r stor Il cane grande

Pizzan r svenskLa pizza svedeseACCORDO ALLINTERNO DELLA FRASE NOMINALE

L'aggettivo (la parola qualificante) flesso per genere, numero e definitezza in conformit con il sostantivo (la parola qualificata):

ACCORDO PER GENERE

En-ord

Funzione ATTRIBUTIVAen stor flicka/ en stor pojke/ en stor parfym

Funzione PREDICATIVAflickan r stor/pojken r stor/parfymen r stor

Ett-ord

Funzione ATTRIBUTIVAett stort arbete/ ett stort trd

Funzione PREDICATIVAarbetet r stort/trdet r stortQuando la forma del sostantivo indeterminata, la flessione dell'aggettivo si dir forte, perch concorda formalmente con il genere della parola qualificata. Quando essa appartiene al genere ett allaggettivo si aggiunge, per il singolare, una -t (sotto evidenziato in grassetto) mentre il genere en rappresentato dalla forma base:

Funzione ATTRIBUTIVA

en stor flicka/ ett stort trd

Funzione PREDICATIVA

flickan r stor/trdet r stortACCORDO PER NUMERO

La desinenza plurale della declinazione forte dell'aggettivo -a , uguale per tutti e due i generi sia:

Funzione ATTRIBUTIVA

stora flickor/stora trd

Funzione PREDICATIVA

flickorna r stora/trden r storaACCORDO PER DEFINITEZZA

Quando la frase nominale determinata, la flessione dell'aggettivo si dir invece debole. La desinenza che in questo caso sta ad indicare definitezza la stessa, una -a: finale per tutte e due i generi e per il numero

Funzione ATTRIBUTIVAden stora flickan/ det stora trdet

Funzione PREDICATIVAflickorna r stora/trden r storaPer la frase nominale definita dal pronome (possessivo, indefinito ecc.) si mantiene la stessa regola come possiamo vedere:

Mitt stora trd Il mio albero grande Samma stora flicka La stessa ragazza grande Per gli aggettivi che qualificano persone esiste una forma maschile (parallela alla desinenza comune -a) con la desinenza in - e, ad esempio:

Den korte fotbollsspelaren Il calciatore basso Alcuni aggettivi derivati da participi presentano la desinenza aggettivale -e.

Tv bildade mn Due uomini coltiDet blommande trdet Lalbero in fioreLARTICOLO PROCLITO DETERMINATO

Come abbiamo potuto osservare negli esempi soprastanti, la variazione dellarticolo determinato nella frase nominale definita determinata dai medesimi principi:

Larticolo den per il genere en-ord nel singolare.

Larticolo det per il genere ett-ord nel singolare.

Larticolo de/dom per tutte e due i generi nel plurale.

LA COMPARAZIONE

I tre modi per comparare l'aggettivo nello svedese sono:

1) La tipologia pi frequente, possiamo chiamarla comparazione germanica, perch comune alle lingue del ceppo germanico mediante i suffissi -are e -ast (cfr. per es. con linglese e il tedesco):

POSITIVOCOMPARATIVOSUPERLATIVO

glad

gladare

gladast

rd

rdare

rdast2) Un numero limitato di parole, nondimeno di uso frequente, viene modificato per metafonia. Esse si formano come quelle del primo gruppo, con laggiunta dei suffissi -re e -st:

POSITIVOCOMPARATIVOSUPERLATIVOstor

strre

strst

lg

lgre

lgst

ung

yngre

yngstA questo gruppo appartengono anche alcune parole della comparazione irregolarequando nella comparazione muta il tema radicale:

POSITIVOCOMPARATIVOSUPERLATIVO

gammal

ldre

ldst

liten

mindre

minst3) Al paradigma dei gruppi di aggettivi appena descritti del tipo germanico si oppone un altro gruppo della comparazione il tipo perifrastico che possiamo chiamare latina, comparati mediante le particelle mer e mest, preposte allaggettivo (cfr. con l'italiano). Si tratta di prestiti di origine greco-latina, ad es. gli aggettivi terminanti in -ad, -isk, -ande e -ende , e di composti complessinei quali laggiunta di un suffisso renderebbe la parola ulteriormente complessa.

POSITIVO

COMPARATIVO

SUPERLATIVO

generad

mer generad

mest generad

fantastisk

-- fantastisk

--fantastisk

rrande

--rrande

--rrande

slende

--slende

--slendeIL COMPARATIVO E IL SUPERLATIVO ASSOLUTO

Quando laggettivo appare nella sua forma comparativa o superlativa senza il contesto della comparazione e in forma definita (cfr sopr ala forma "debole" dell'aggettivo) si dice che il significato assoluto, cio che non comprende il confronto.

De ldre innevnarna i staden Gli abitanti anziani della cittBsta vn! Gentile amico!

IL PRONOMEIl termine pronome, cio al posto del nome, indica allinterno della frase nominale la funzione sostitutiva di questa categoria grammaticale. Per la sua funzione di riferimento nominale, il pronome si armonizza:

1)ad una flessione sostantivale, per genere, numero e caso, e in questo caso si regge da solo nel contesto;

2)ad una flessione aggettivale, perch concorda grammaticalmente con il sostantivo quando determina qualcosa di esso (per esempio il possesso). Il valore semantico dei pronomi allora in relazione al contesto.

I pronomi si suddividono in definiti e indefiniti a seconda del riferimento specifico o generico.

PRONOMI DEFINITI

PRONOMI PERSONALI

Il pronome personale si riferisce appunto ad una persona nel senso grammaticale, di prima, seconda e terza, e ad al numero (singolare/plurale). Nella terza persona si differenziano, oltre al pronome maschile e femminile, han, hon i generi grammaticali den, det per il riferimento a soggetti non- umani (come nellinglese it e nel tedesco, es).

Il pronome personale possiede forme diverse a seconda del caso, un meccanismo condizionato dalla collocazione sintattica del