Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle...

of 18 /18
Liceo Scientifico Statale “ Carlo Miranda” Frattamaggiore Programmazione dipartimentale 1° biennio Disciplina: Matematica A.S. 2016-17

Embed Size (px)

Transcript of Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle...

Page 1: Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle conoscenze e sulle abilità ... equazioni e disequazioni lineari numeriche intere –

Liceo Scientifico Statale

“ Carlo Miranda”

Frattamaggiore

Programmazione dipartimentale 1° biennio

Disciplina: Matematica

A.S. 2016-17

Page 2: Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle conoscenze e sulle abilità ... equazioni e disequazioni lineari numeriche intere –

CLASSE PRIMA

CLASSE SECONDA

o Saper leggere e utilizzare un linguaggio formale, corretto e sintetico

o Saper produrre elaborati che comportino l'applicazione delle regole studiate e utilizzare modelli

matematici per la risoluzione di problemi

o Far acquisire capacità di matematizzazione della realtà mediante l'osservazione e la successiva riproduzione di essa in opportuni modelli

o Sviluppare le abilità logiche del pensiero, le capacità operative di calcolo e della comunicazione

o Sviluppare le capacità di ragionamento induttivo e deduttivo

o Sviluppare l'attitudine a sistemare logicamente le conoscenze

o Conoscere i contenuti fondamentali delle teorie che sono alla base della descrizione matematica della

realtà.

LIVELLI DI PARTENZA -

INDIVIDUAZIONE DEI PREREQUISITI

Nella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle conoscenze e sulle abilità acquisite dagli alunni nel corso della Scuola Media. Il test sarà composto da 40 domande a risposta multipla di cui 10 di aritmetica, 10 di algebra, 10 di geometria e 10 di logica - insiemi - grafici. Il risultato della prova non influirà sulla valutazione successiva, servirà unicamente per

o individuare le condizioni iniziali di ciascun allievo e del gruppo classe e programmare un adeguato piano di lavoro

o impostare il lavoro di consolidamento dei prerequisiti all’interno del programma curricolare e a tal proposito s’inizierà un approfondito ripasso degli insiemi N, Z, Q, delle operazioni e delle loro proprietà e si cercherà di portare gli allievi ad un livello di partenza comune.

Nel primo periodo dell’anno si cercherà di raggiungere un livello di omogeneità, cercando di recuperare gli obiettivi non raggiunti con interventi in itinere. Si effettuerà un breve ripasso delle conoscenze acquisite nel primo anno di corso, con particolare attenzione agli ultimi argomenti trattati sia in algebra sia in geometria.

FINALITA’

Page 3: Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle conoscenze e sulle abilità ... equazioni e disequazioni lineari numeriche intere –

CLASSE PRIMA a) Conoscenze b) Abilità

Il concetto di insieme – simboli propri del linguaggio degli insiemi - rappresentazione - sottoinsieme – insieme delle parti – operazioni – partizione

I numeri interi e razionali relativi - operazioni - potenze con esponente negativo e le proprietà relative - i multipli e i divisori di un numero - M.C.D. e il m.c.m. di un gruppo di numeri - il sistema di numerazione decimale.

I monomi e le loro caratteristiche – operazioni – m.c.m. e M.C.D. di un gruppo di monomi - polinomi e le loro caratteristiche – operazioni – teorema del resto e regola di Ruffini. Uguaglianze e disuguaglianze - i principi di equivalenza – dominio e insieme delle soluzioni - equazioni e disequazioni lineari numeriche intere – risoluzione di formule rispetto a tutte le lettere - problemi con le equazioni.

Scomposizione di un polinomio in fattori – equazioni e disequazioni di grado superiore al primo riconducibili a fattori di primo grado – frazioni algebriche ed operazioni relative - C.E. - espressioni con le frazioni algebriche - equazioni e disequazioni lineari numeriche frazionarie - sistemi di disequazioni. Gli enti geometrici fondamentali - i postulati della retta e del piano – simmetria centrale - il concetto di figura geometrica e di congruenza.

Poligoni - i triangoli e loro caratteristiche – altezze, mediane e bisettrici di un triangolo - i criteri di congruenza dei triangoli - le proprietà dei triangoli isosceli - disuguaglianze triangolari – punti notevoli di un triangolo. Rette perpendicolari, parallele e le loro proprietà – criterio di parallelismo - asse di un segmento – simmetria assiale - i criteri di congruenza dei triangoli rettangoli - asse e bisettrice come luoghi geometrici. Quadrilateri - trapezi – parallelogrammi – parallelogrammi particolari – fascio di rette parallele tagliate da due trasversali (Talete) – corda che passa per i punti medi di due lati di un triangolo – mediana relativa all’ipotenusa di un triangolo rettangolo. Le varie fasi dell’indagine statistica - le rappresentazioni grafiche - gli indicatori di centralità

OBIETTIVI ATTESI

Indicare le caratteristiche di un insieme e saperlo rappresentare - utilizzare i simboli propri del linguaggio degli insiemi - riconoscere le proprietà delle operazioni definite di un insieme.

Conoscere i criteri di divisibilità - determinare M.C.D. e m.c.m. - approssimare i numeri decimali e periodici in frazioni generatrici - risolvere le potenze con esponente intero negativo - operare con i numeri interi e razionali relativi. Determinare il M.C.D. e il m.c.m. di due o più monomi - operare con i monomi e polinomi – risolvere un’espressione con i monomi o polinomi – applicare il teorema del resto e Ruffini.

Risolvere e verificare equazioni e disequazioni lineari numeriche intere - formalizzare e risolvere i problemi utilizzando le equazioni - risolvere formule rispetto a tutte le lettere.

Scomporre un polinomio in fattori - risolvere equazioni e disequazioni numeriche di grado superiore al primo riconducibili a fattori di primo grado - risolvere espressioni con le frazioni algebriche, con la relativa C.E.- risolvere equazioni e disequazioni lineari numeriche frazionarie - risolvere sistemi di disequazioni.

Conoscere gli enti geometrici fondamentali - confrontare fra loro segmenti ed angoli e saper operare con essi.

Conoscere le caratteristiche di un triangolo -applicare i criteri di congruenza dei triangoli e le proprietà dei triangoli isosceli - applicare le disuguaglianze triangolari – rappresentare i punti notevoli di un triangolo.

Riconoscere gli angoli che due rette parallele formano con una trasversale e saper utilizzare le loro proprietà – applicare il criterio di parallelismo - riconoscere se una figura è un luogo geometrico.

Applicare le proprietà dei parallelogrammi e dei trapezi – dimostrare il teorema di Talete ed i corollari relativi – dimostrare il teorema relativo alla mediana relativa all’ipotenusa di un triangolo rettangolo.

Calcolare la frequenza di una modalità di un carattere e rappresentare la distribuzione di frequenze con tabelle e grafici - calcolare e interpretare gli indici di posizione e di variabilità di una distribuzione di dati

Page 4: Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle conoscenze e sulle abilità ... equazioni e disequazioni lineari numeriche intere –

CLASSE SECONDA a) Conoscenze b) Abilità

Equazioni e disequazioni numeriche intere , fratte e di grado superiore – sistemi di disequazioni - equazioni e disequazioni contenenti uno o più valori assoluti.

I metodi per risolvere i sistemi di primo grado.

Ampliamento degli insiemi da Z a R - i radicali e le loro proprietà – operazioni con i radicali – radicale doppio – razionalizzazione del denominatore di una frazione - - il significato delle potenze con esponente frazionario - equazioni, sistemi e disequazioni razionali a coefficienti irrazionali.

I metodi per risolvere le equazioni e le disequazioni di secondo grado e di grado superiore – equazioni parametriche.

Le equazioni irrazionali.

Piano cartesiano - rappresentazione di punti nel piano cartesiano -distanza tra due punti - punto medio – baricentro - area di un triangolo.

Circonferenza - poligoni inscritti e circoscritti.

Equivalenza delle figure piane - il teorema di Pitagora e i teoremi di Euclide.

Grandezze commensurabili e incommensurabili -misura di una grandezza – Talete – bisettrice angolo interno di un triangolo.

La similitudine - i criteri di similitudine dei triangoli - similitudine nella circonferenza - costruzione e misura della sezione aurea di un segmento - lato di un decagono regolare.

La definizione classica di probabilità. Riconoscere gli eventi compatibili e incompatibili, dipendenti e indipendenti.

Risolvere equazioni e disequazioni numeriche intere, fratte e di grado superiore al primo riconducibili a fattori di primo grado - risolvere sistemi di disequazioni – risolvere e disequazioni contenenti uno o più valori assoluti. Risolvere i sistemi di primo grado di n equazioni in n incognite - formalizzare e risolvere i problemi utilizzando i sistemi.

Determinare l’insieme di esistenza di un radicale - operare con i radicali - razionalizzare il denominatore di una frazione - risolvere i radicali doppi - risolvere equazioni, disequazioni e sistemi razionali a coefficienti irrazionali.

Risolvere le equazioni e le disequazioni di secondo grado e di grado superiore – risolvere le equazioni parametriche.

Risolvere le equazioni irrazionali.

Rappresentazione di punti nel piano cartesiano - calcolare la distanza tra due punti, le coordinate punto medio e del baricentro - calcolare l’area di un triangolo conoscendo le coordinate dei suoi vertici.

Dimostrare i teoremi relativi alla circonferenza e ai quadrilateri inscritti e circoscritti ad una circonferenza.

Dimostrare i teoremi relativi alle equivalenze di figure piane – dimostrare ed applicare i teoremi di Euclide e Pitagora nei problemi di 1° e 2° grado.

Riconoscere le grandezze direttamente e inversamente proporzionali - calcolare le aree dei poligoni e applicarle nei problemi di 1° e 2° grado. Dimostrare i teoremi relativi alla similitudine - applicare i criteri di similitudine dei triangoli - costruire e determinare la misura della sezione aurea di un segmento - dimostrare il teorema relativo al lato di un decagono regolare. Calcolare la probabilità di un evento semplice e composto - utilizzare i grafici ad albero per visualizzare i casi possibili e i casi favorevoli in un evento composto.

Page 5: Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle conoscenze e sulle abilità ... equazioni e disequazioni lineari numeriche intere –

c) Competenze specifiche disciplinari: Le competenze di base dell’asse matematico sono:

Competenze trasversali:

ASSE COMPETENZE ABILITA’/CAPACITA’

Linguaggi

Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l’interazione comunicativa verbale in vari contesti.

Saper comunicare oralmente e per iscritto in modo chiaro e corretto. Essere in grado di utilizzare un linguaggio formale. Saper definire con precisione i termini chiave della disciplina.

Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo.

Saper leggere, comprendere ed interpretare testi scientifici.

Utilizzare e produrre testi multimediali. Saper produrre ed utilizzare elaborati che prevedano l’applicazione delle regole studiate.

Scientifico / Tecnologico

Osservare, descrivere ed analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale e artificiale e riconoscere nelle varie forme i concetti di sistema e di complessità.

Saper individuare modelli matematici come rappresentazione dei fenomeni reali, riconoscendo le variabili e le relazioni sistemiche che intercorrono tra essi. Saper utilizzare modelli matematici per la risoluzione di problemi.

Competenze comportamentali di base in linea con le direttive per l’espletamento dell’obbligo:

Rispettare leggi/regolamenti/regole

Rispettare il patrimonio

Lavorare in gruppo

Puntualità:

nell’ingresso della classe nelle giustificazioni delle assenze e dei ritardi nell’esecuzione dei compiti assegnati in classe nei lavori extrascolastici nella riconsegna dei compiti assegnati.

della classe dei laboratori degli spazi comuni dell’ambiente e delle risorse naturali

Partecipare in modo propositivo al dialogo educativo, intervenendo senza sovrapposizione e rispettando i ruoli. Porsi in relazione con gli altri in modo corretto e leale, accettando critiche, rispettando le opinioni altrui e ammettendo i propri errori. Socializzare con i compagni e con i docenti.

COMPETENZE TRASVERSALI E COMPORTAMENTALI

COMPETENZA

DESCRIZIONE

M1 Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico rappresentandole anche sotto forma grafica

M2 Confrontare ed analizzare figure geometriche individuando invarianti e relazioni

M3 Individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi

M4 Analizzare i dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con l'ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico

Page 6: Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle conoscenze e sulle abilità ... equazioni e disequazioni lineari numeriche intere –

CLASSE PRIMA

Contenuti Competenze Conoscenze Abilità/capacità asse (sapere) (saper fare) matematico

M

1

M

2

M

3

M

4

Gli insiemi numerici

X X X L’insieme numerico Z Valore assoluto di un numero relativo Le operazioni e le proprietà relative I numeri primi Criteri di divisibilità Le potenze e proprietà relative Espressioni con numeri interi relativi

Scomporre un numero naturale in fattori primi Calcolare il M.C.D. e il m.c.m. tra numeri Applicare le proprietà delle potenze Risolvere espressioni con i numeri interi relativi

L’insieme dei numeri razionali

X X X I numeri decimali Approssimazione di un numero decimale per eccesso o per difetto L’insieme dei numeri razionali Q Numeri irrazionali e reali Trasformazione di un numero decimale e periodico in frazioni generatrici Proprietà invariantiva e semplificazione di una frazione Le frazioni equivalenti Frazioni proprie, improprie ed apparenti Confronto di frazioni e rappresentazione su una retta orientata Le operazioni con le frazioni Le potenze con esponente negativo Espressioni intere e frazionarie con i numeri razionali

Approssimare un numero decimale per eccesso o per difetto Distinguere i numeri razionali dagli irrazionali Ordinare un gruppo di frazioni in ordine crescente o decrescente Trasformare un numero razionale in frazione Risolvere una potenza con esponente negativo Risolvere un’espressione intera o frazionaria con i numeri razionali

Gli insiemi

X X Il significato dei simboli utilizzati nella teoria degli insiemi Sottoinsiemi ed insieme delle parti Le operazioni tra insiemi e le loro proprietà Partizione di un insieme

Rappresentare un insieme e riconoscere i sottoinsiemi di un insieme Determinare l’insieme delle parti Eseguire operazioni tra insiemi Determinare la partizione di un insieme

Monomi e polinomi

X I monomi e i polinomi Le operazioni e le espressioni con i monomi e i polinomi m.c.m e M.C.D. di un gruppo di monomi I prodotti notevoli Il teorema del resto e la regola di Ruffini

Distinguere i monomi dai polinomi Risolvere le espressioni con i monomi Eseguire addizione, sottrazione e moltiplicazione di polinomi Applicare i prodotti notevoli Eseguire la divisione tra un monomio ed un polinomio Eseguire la divisione tra due polinomi Risolvere le espressioni con i

CONTENUTI

Page 7: Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle conoscenze e sulle abilità ... equazioni e disequazioni lineari numeriche intere –

polinomi Applicare il teorema del resto e la regola di Ruffini

Le equazioni e disequazioni lineari intere

X X X Le equazioni e le disequazioni numeriche intere Dominio ed insieme delle soluzioni Principi di equivalenza Equazioni determinate indeterminate e impossibili

Stabilire se un valore è soluzione di una equazione o di una disequazione Determinare il dominio e l’insieme delle soluzioni di un’equazione o disequazione Applicare i principi di equivalenza alle equazioni e disequazioni Risolvere e verificare equazioni e disequazioni numeriche intere Utilizzare le equazioni per risolvere problemi e per risolvere formule rispetto a tutte le lettere che vi compaiono

Scomposizioni in fattori - Equazioni e disequazioni di grado superiore al primo

X X X La scomposizione in fattori dei polinomi M.C.D. e m.c.m. di un gruppo di polinomi Equazioni e disequazioni numeriche di grado superiore al primo

Scomporre un polinomio in fattori Calcolare il M.C.D. e il m.c.m. fra polinomi Risolvere equazioni e disequazioni numeriche di grado superiore al primo

Le frazioni algebriche

X Le frazioni algebriche Le operazioni con le frazioni algebriche Le condizioni di esistenza di una frazione algebrica

Determinare le condizioni di esistenza di una frazione algebrica Semplificare frazioni algebriche Eseguire operazioni e potenze con le frazioni algebriche Risolvere espressioni con le frazioni algebriche

Le equazioni e le disequazioni lineari fratte

X X X Le equazioni e le disequazioni fratte

Risolvere equazioni e disequazioni numeriche fratte.

Sistemi di disequazioni

Sistemi di disequazioni Risolvere sistemi contenenti disequazioni numeriche intere, fratte e di grado superiore al primo.

Introduzione alla geometria euclidea

X X X Assiomi e teoremi I punti, le rette, i piani I segmenti, le semirette e gli angoli Le operazioni con i segmenti e gli angoli La congruenza delle figure

Conoscere la differenza tra assioma e teorema Conoscere la struttura di un teorema Conoscere gli enti geometrici fondamentali e gli assiomi che li caratterizzano Eseguire operazioni tra segmenti e angoli Conoscere la differenza tra uguaglianza e congruenza tra figure geometriche Conoscere le proprietà della dell’uguaglianza e della congruenza

Page 8: Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle conoscenze e sulle abilità ... equazioni e disequazioni lineari numeriche intere –

I triangoli

X X X Poligoni Triangoli I tre criteri di congruenza Disuguaglianze triangolari

Riconoscere gli elementi di un poligono ed in particolare di un triangolo Dimostrare ed applicare i criteri di congruenza Dimostrare ed applicare i teoremi del triangolo isoscele Dimostrare i teoremi sulle disuguaglianze triangolari

Le rette perpendicolari e le rette parallele

X X X Rette perpendicolari Rette parallele

Dimostrare il teorema delle rette perpendicolari Dimostrare ed applicare il criterio di parallelismo Applicare i criteri di congruenza dei triangoli rettangoli Dimostrare il teorema dell’angolo esterno Dimostrare teoremi sugli angoli dei poligoni

I parallelogrammi e i trapezi

X X X Quadrilateri Il parallelogramma Il rettangolo Il quadrato Il rombo Il trapezio Il teorema del fascio di rette parallele e i corollari relativi Mediana relativa all’ipotenusa in un triangolo rettangolo Luoghi geometrici: asse e bisettrice

Dimostrare ed applicare i teoremi sui parallelogrammi Dimostrare ed applicare teoremi sui trapezi Dimostrare ed applicare il teorema del fascio di rette parallele(Talete) ed i corollari relativi Dimostrare i teoremi relativi ai luoghi geometrici: asse e bisettrice

Statistica descrittiva

X X I dati statistici, la loro organizzazione e rappresentazione La frequenza e la frequenza relativa Gli indici di posizione centrale: media aritmetica, media ponderata, moda e mediana Rappresentazione dei dati Gli indici di variabilità: campo di variazione, scarto semplice medio, deviazione standard

Conoscere il significato di popolazione e unità statistica, carattere e modalità Conoscere le fasi di un’indagine statistica Raccogliere, organizzare e rappresentare i dati Determinare le frequenze assolute, relative e percentuali di una serie di dati Determinare delle classi di frequenze Rappresentare graficamente una tabella di frequenze Calcolare gli indici di posizione centrale di una serie di dati Calcolare gli indici di variabilità di una serie di dati

Informatica: Geogebra Foglio elettronico: Excel

X X EXCEL Frequenze assolute, relative e percentuali di una serie di dati Classi di frequenze Ampiezza, valore centrale, densità di frequenza Rappresentazioni grafiche di dati Indicatori di centralità

Page 9: Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle conoscenze e sulle abilità ... equazioni e disequazioni lineari numeriche intere –

GEOGEBRA

Rappresentazione di enti geometrici fondamentali Confronto di segmenti ed angoli Punto medio e simmetria centrale Operazioni tra segmenti ed angoli Segmento ed angolo multiplo Problemi relativi Poligoni e triangoli Congruenza di triangoli Problemi relativi Altezze, mediane, bisettrici ed assi di un triangolo Punti notevoli di un triangolo Retta di Eulero

CLASSE SECONDA Competenze Contenuti asse Conoscenze Abilità/capacità matematico

M

1

M

2

M

3

M

4

Equazioni e disequazioni (Modulo di raccordo ed integrazione)

X X X Equazioni e disequazioni numeriche intere, fratte e di grado superiore Sistemi di disequazioni

Risolvere le equazioni e le disequazioni numeriche intere, fratte e di grado superiore Utilizzare le equazioni per risolvere problemi Risolvere i sistemi di disequazioni

Valore assoluto di equazioni e disequazioni

X X Equazioni e disequazioni con uno o più valori assoluti Sistemi di equazioni e/o disequazioni contenenti valori assoluti

Risolvere equazioni e disequazioni con uno o più valori assoluti Risolvere sistemi di equazioni o disequazioni contenenti valori assoluti

I sistemi lineari numerici

X X X Definizione e caratteristiche Sistemi determinati, indeterminati e impossibili Metodi di risoluzione di un sistema

Riconoscere sistemi determinati, indeterminati e impossibili Risolvere un sistema numerico intero o fratto applicando il metodo di sostituzione o di riduzione o di confronto o di Cramer Risolvere un determinante di ordine superiore al secondo con il metodo di Sarrus e di Laplace Risolvere un sistema di n equazioni in n incognite Utilizzare i sistemi per risolvere problemi

I numeri reali e i radicali

X X L’insieme numerico R I radicali numerici e letterali e le proprietà relative Le operazioni con i radicali

Esistenza di un radicale aritmetico e algebrico numerico e letterale Semplificare un radicale e trasportare un fattore fuori o sotto

Page 10: Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle conoscenze e sulle abilità ... equazioni e disequazioni lineari numeriche intere –

Radicali doppi Razionalizzazione del denominatore di una frazione Equazioni, disequazioni e sistemi razionali a coefficienti irrazionali Le potenze con esponente razionale

il segno di radice Eseguire le operazioni tra radicali Risolvere le espressioni con i radicali Risolvere i radicali doppi Razionalizzare il denominatore di una frazione Risolvere equazioni, disequazioni e sistemi a coefficienti irrazionali Trasformare un numero irrazionale in potenza ad esponente razionale e viceversa.

Equazioni di secondo grado

X X X La forma normale di una equazione di 2° grado La formula risolutiva Cartesio Le equazioni parametriche Sistemi di secondo grado

Riconoscere e risolvere equazione di secondo grado numeriche scomporre il trinomio di secondo grado Utilizzare le equazioni di 2° grado per risolvere problemi Determinare il segno delle radici di un’equazione di 2° grado mediante la regola di Cartesio Risolvere le equazioni parametriche Risolvere sistemi di secondo grado

Complementi di algebra

X X Equazioni di grado superiore al secondo

Risolvere equazioni di grado superiore al secondo mediante la legge dell’annullamento del prodotto Risolvere equazioni biquadratiche, binomie, trinomie e reciproche

Le disequazioni di secondo grado

X X Segno del trinomio Le disequazioni di secondo grado numeriche intere e fratte I sistemi di disequazioni Equazioni e disequazioni contenenti uno o più valori assoluti Le disequazioni di grado superiore al secondo

Determinare il segno di un trinomio Risolvere disequazioni di 2° grado intere e fratte Risolvere sistemi di disequazioni Risolvere equazioni e disequazioni contenenti uno o più valori assoluti Risolvere disequazioni di grado superiore al secondo

Equazioni irrazionali

X X Equazioni irrazionali Risolvere equazioni irrazionali

Geometria analitica

X X X Piano cartesiano Punto medio Baricentro Area di un triangolo

Rappresentare i punti in un piano cartesiano Determinare la distanza tra due punti Determinare le coordinate del punto medio e del baricentro Determinare l’area di un triangolo conoscendo le coordinate dei vertici.

Calcolo delle probabilità

X X Probabilità di un evento aleatorio Probabilità di eventi tra loro correlati Giochi di sorte

Analizzare un problema di probabilità e identificare le correlazioni tra gli eventi analizzati Calcolare la probabilità di un

Page 11: Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle conoscenze e sulle abilità ... equazioni e disequazioni lineari numeriche intere –

evento aleatorio Calcolare la probabilità di eventi tra loro correlati Determinare la probabilità di vincita nei giochi di sorte

La circonferenza

X X X La circonferenza e il cerchio I teoremi sulle corde Le posizioni reciproche di retta e circonferenza e di due circonferenze Angoli al centro e angoli alla circonferenza Le rette tangenti ad una circonferenza da un punto esterno ad essa

Dimostrare i teoremi relativi alle corde di una circonferenza Determinare la posizione di una retta con una circonferenza e tra due circonferenze Dimostrare i teoremi relativi agli angoli alla circonferenza Dimostrare il teorema delle tangenti ad una circonferenza da un punto esterno ad essa Applicare le proprietà degli angoli al centro e angoli alla circonferenza e il teorema delle rette tangenti

I poligoni inscritti e circoscritti

I poligoni inscritti e circoscritti Dimostrare i teoremi sui quadrilateri inscritti e circoscritti ad una circonferenza

Equivalenza delle superfici piane

X X X Estensione delle superfici Equiestensione Teoremi di Euclide Teorema di Pitagora

Dimostrare e applicare i teoremi sull’equivalenza tra parallelogramma, triangolo, trapezio Dimostrare e applicare i teoremi di Euclide e di Pitagora nei problemi di primo e secondo grado

Le grandezze proporzionali

X X X La misura di una grandezza Le proporzioni tra grandezze Le aree dei poligoni Il teorema di Talete La similitudine tra triangoli La similitudine nella circonferenza Sezione aurea di un segmento

Applicare le relazioni sui triangoli rettangoli con angoli di 30°, 45°, 60° nei problemi di primo e secondo grado Utilizzare il teorema di Talete nelle dimostrazioni Applicare la similitudine tra triangoli Risolvere problemi di primo e secondo grado con la similitudine

Informatica Geogebra

x x Circonferenza Poligoni inscritti e circoscritti Equivalenza di figure piane Talete Similitudine

GEOGEBRA Circonferenza Poligoni inscritti e circoscritti Equivalenza di figure piane Teorema di Talete Similitudine

Page 12: Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle conoscenze e sulle abilità ... equazioni e disequazioni lineari numeriche intere –

CLASSE PRIMA

CLASSE SECONDA

1° Quadrimestre Settembre-Ottobre Ottobre - Novembre Dicembre – Gennaio Conoscenze Algebra Geometria

Disequazioni di 1°grado intere, fratte, di grado superiore al primo Sistemi di disequazioni Equazioni e disequazioni contenenti uno e più valori assoluti Sistemi di disequazioni contenenti valori assoluti Circonferenza e cerchio

Sistemi di equazioni di primo grado numerici interi e fratti

Radicali Poligoni inscritti e circoscritti

2° Quadrimestre Febbraio Marzo-Aprile Aprile - Maggio-Giugno

Conoscenze Algebra Geometria analitica Geometria Probabilità

Equazioni di secondo grado numeriche intere e fratte Sistemi di secondo grado Equivalenza delle figure piane Teoria della misura

Segno di un trinomio di 2° grado Disequazioni di 2° grado intere e fratte Sistemi di disequazioni di 2° grado Equazioni e disequazioni di secondo grado contenenti uno o più valori assoluti Sistemi di equazioni e/o disequazioni di secondo grado contenenti valori assoluti Equazioni e disequazioni di grado superiore al secondo. Rapporti e proporzioni. Il calcolo delle probabilità

Equazioni irrazionali Piano cartesiano Distanza tra due punti Coordinate del punto medio e del baricentro Area di un triangolo Similitudine Sezione aurea di un segmento. Lato del decagono regolare. Il calcolo delle probabilità. In particolare: probabilità di un evento aleatorio, probabilità di eventi tra loro correlati, giochi di sorte

TEMPI: SCANSIONE DEI CONTENUTI PER QUADRIMESTRE

1° Quadrimestre

Settembre-Ottobre Ottobre-Novembre Dicembre-Gennaio

Conoscenze Algebra Geometria

Simboli matematici e loro significato Insiemistica Ampliamento degli insiemi numerici da N a R Proprietà ed operazioni in N, Z, Q

Calcolo letterale: monomi e polinomi ed operazioni Prodotti notevoli Equazioni e disequazioni lineari numeriche intere Sistemi di disequazioni intere Enti geometrici fondamentali della geometria euclidea, assiomi, proprietà e relazioni

Calcolo letterale: Regola di Ruffini e teorema del resto Triangoli e criteri di congruenza

2° Quadrimestre

Febbraio-Marzo Aprile-Maggio Maggio-Giugno

Conoscenze Algebra Geometria Statistica

Scomposizioni Equazioni e disequazioni di grado superiore al primo Sistemi di disequazioni di grado superiore al primo Frazioni algebriche Disuguaglianze triangolari Rette perpendicolari e parallele e teoremi

Equazioni e disequazioni lineari numeriche fratte Sistemi di disequazioni fratte Relazioni tra elementi di triangoli, secondo teorema dell’angolo esterno e criteri di congruenza dei triangoli rettangoli

Trapezi e parallelogrammi Fascio di rette parallele Luoghi geometrici: asse e bisettrice Dati statistici e rappresentazione grafica dei dati L’analisi dei dati statistici

Page 13: Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle conoscenze e sulle abilità ... equazioni e disequazioni lineari numeriche intere –

CLASSE PRIMA

Conoscenza delle proprietà fondamentali degli insiemi numerici e capacità di operare in essi

Conoscenza delle principali regole del calcolo letterale e capacità di effettuare operazioni con monomi e polinomi

Autonomia nella risoluzione algebrica di equazioni e disequazioni numeriche lineari

Capacità di formalizzare e risolvere semplici problemi di primo grado in un'incognita

Capacità di effettuare dimostrazioni in contesti formali seguendo semplici regole di deduzione

Capacità di esporre in modo in modo autonomo e corretto quanto appreso teoricamente

CLASSE SECONDA

SAPERI (OBIETTIVI) MINIMI

Capacità di esporre in modo autonomo e corretto gli argomenti teorici trattati

Autonomia nel calcolo dei radicali

Autonomia nell’uso delle tecniche per la risoluzione algebrica di equazioni, disequazioni e sistemi

Autonomia nel calcolo relativo ai primi elementi della geometria analitica

Capacità di risoluzione di problemi geometrici con strumenti algebrici

Capacità di esporre in modo consequenziale quanto appreso teoricamente

METODOLOGIE

La metodologia guida sarà quella dell'apprendimento-ricerca che si configura come acquisizione di conoscenze e abilità attraverso la scoperta personale a partire da situazioni problematiche. Essa si sviluppa in sintonia tra docente e discente cosi che l'uno diventa protagonista del processo educativo, l'altro del processo d'apprendimento. Si darà inoltre spazio alla progettualità come percorso di modellizzazione a partire dalla realtà osservata, per poi farvi ritorno con le opportune deduzioni. Tali metodologie si esplicheranno nel gruppo classe nella pratica didattica attraverso le seguenti tecniche di insegnamento:

o Lezione frontale e dialogata o Lezione/applicazione o Problem-solving o Scoperta guidata o Flipped classroom (classe capovolta) o Cooperative learning (lavorare per gruppi) o Peer learning (apprendimento tra pari) o Attività di laboratorio o Lezione interattiva (discussioni sui libri o a tema, interrogazioni collettive) o Lezione multimediale (utilizzo della LIM, di PPT, di audio video)

Il programma sarà distribuito in maniera equilibrata nel corso dell'anno scolastico onde evitare eccessivi carichi di lavoro e concedere opportuni tempi di recupero e chiarimento agli studenti. Le singole unità didattiche verranno esposte tramite lezioni frontali dialogate, con continue interazioni tra docente e discente, per raggiungere meglio l'obiettivo del rigore espositivo, del corretto uso del simbolismo quale specifico mezzo del linguaggio scientifico. Quanto fatto in classe dovrà poi essere rinforzato dal lavoro a casa mediante l'utilizzo degli appunti, del testo e l'esecuzione di adeguati esercizi assegnati dal docente. In classe verranno corretti i compiti assegnati a casa che hanno presentato particolari difficoltà o interesse, anche su richiesta degli alunni. Gli alunni saranno

Page 14: Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle conoscenze e sulle abilità ... equazioni e disequazioni lineari numeriche intere –

a) verifiche orali

Tipologia

o Interventi degli studenti durante le lezioni, spontanei e sollecitati o Interrogazioni singole o Domande flash di tipo diagnostico o Test di verifica su un determinato argomento di algebra o di geometria

(verifica formativa) o Test con domande a scelta multipla o Osservazione sistematica del modo di operare e di interagire dello studente

durante lo svolgimento di esercizi alla lavagna o dal posto o Esercitazioni individuali o collettive o Momenti di confronto diretto alunno-docente

avvertiti con dovuto anticipo sia degli argomenti sia della data delle prove scritte, in modo da evitare, quando

possibile, sovrapposizioni tra verifiche su materie diverse. Gli alunni delle classi interessate saranno preparati, nel corso dell’anno scolastico, ad affrontare la prova INVALSI, sia mediante le esercitazioni proposte dal libro di testo, sia con prove on-line, sia tramite svolgimento di prove degli anni passati.

MEZZI

o libro di testo inteso non come eserciziario ma come strumento di studio o dispense o fotocopie o programmi software specifici (Geogebra, Foglio elettronico, …) o schede relative alla preparazione delle prove invalsi o siti matematici

SPAZIO

o aula scolastica o laboratorio d’informatica

MEZZI –SPAZIO

CRITERI DI CORREZIONE E DI VALUTAZIONE

La verifica serve sempre sia per conoscere il grado di preparazione e di comprensione degli argomenti da parte di ciascun allievo, sia per evidenziare le difficoltà. Deve quindi essere strutturata in modo da includere vari tipi di richieste ed esercizi, da quelli più semplici o il cui analogo è stato presentato in classe, ad altri più impegnativi che rivelino l’effettiva assimilazione dei concetti e la capacità di elaborazione personale dello studente. Le verifiche terranno conto del livello complessivo della classe e delle sue potenzialità, dovendo comunque contemplare necessariamente gli obiettivi finali, cioè una preparazione adeguata per affrontare le classi successive. L’apprendimento viene valutato anche in base agli interventi dello studente durante le lezioni e a esercizi svolti in classe e a casa; tali considerazioni da parte dell’insegnante, pur non essendo sempre quantificabili, potranno essere utili ai fini del giudizio complessivo del docente e della proposta di voto finale. I compiti scritti corretti e valutati, mediante una griglia di valutazione inserita nel PTOF, saranno fatti visionare agli alunni entro 15/20 giorni dalla data di svolgimento. Si sottolinea che la difficoltà delle richieste nelle interrogazioni, valutabili mediante una griglia inserita nel PTOF, oltre un livello minimo di conoscenze obbligatorio per tutti, sarà relativa alle possibilità dello studente.

VERIFICHE

Page 15: Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle conoscenze e sulle abilità ... equazioni e disequazioni lineari numeriche intere –

Criteri

o Progresso rispetto al livello di partenza o Impegno e partecipazione o Proprietà espressiva o Pertinenza e logicità dell'esposizione o Conseguimento di un metodo di lavoro organizzato o Grado di raggiungimento degli obiettivi

Quantificazione

o Numero di prove : almeno due per quadrimestre

Valutazione

o La valutazione delle prove orali sarà ottenuta mediante una griglia inserita nel

PTOF

Obiettivi

o Accertare la crescita culturale, i livelli di comprensione e di elaborazione delle

informazioni raggiunti, l'evoluzione del processi di apprendimento o Reperire informazioni sulle capacità acquisite nell'utilizzare consapevolmente

e correttamente regole, tecniche, procedure o Sviluppare negli alunni una logica pertinente e una forma espositiva corretta

b) verifiche scritte

Tipologia

Le prove scritte:

o saranno coerenti nei contenuti e nei metodi con il complesso di tutte le attività svolte e serviranno per valutare il raggiungimento delle conoscenze ed abilità indicate come obiettivi didattici della (o delle) unità didattiche coinvolte nelle singole prove

o potranno essere di tipologie differenti

Criteri

o Il possesso delle conoscenze o Il livello di sviluppo delle abilità o La capacità di problematizzazione e di rielaborazione personale dei contenuti

Quantificazione

o Numero di prove: almeno due per quadrimestre

Valutazione

o La misurazione delle prove scritte sarà la traduzione in voto di un punteggio

ottenuto mediante una griglia di valutazione, inserita nel PTOF

Obiettivi

o Misurazione dell'apprendimento attraverso prove formali adeguate a verificare

il possesso delle conoscenze, il livello di sviluppo delle abilità, la capacità di problematizzare e di rielaborare i contenuti riguardanti le unità didattiche oggetto della prova.

I risultati e i contenuti della valutazione saranno sistematicamente comunicati agli interessati (studenti e famiglie) con modalità trasparenti nel modo seguente:

1. comunicazione formalizzata rivolta agli alunni a conclusione di ognuna delle verifiche gradualmente effettuate

2. comunicazione orale riservata alle famiglie degli studenti nel corso degli incontri Scuola-Famiglia

Naturalmente i rapporti con le famiglie saranno sollecitati nei casi di allievi con problemi specifici.

Page 16: Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle conoscenze e sulle abilità ... equazioni e disequazioni lineari numeriche intere –

GRIGLIE DI VALUTAZIONI inserite nel PTOF

Prova scritta

Indicatori Descrittori Punti Conoscenza e comprensione degli argomenti proposti; individuazione del percorso logico per la risoluzione delle problematiche proposte anche in relazione al numero dei quesiti

Completa

Sicura Essenziale

Incerta Superficiale

Scarsa

6 5 4 3 2 1

Sviluppo logico e risoluzione

Originale Preciso Lineare Confuso

Frammentario Incomprensibile

6 5 4 3 2 1

Correttezza grafica e abilità nello svolgimento del calcolo

Preciso - ordinato

Coerente Impreciso

3 2 1

Tabella di conversione da quindicesimi in decimi

3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15

2 3 3,5 4 4,5 5 5,5 6 6,5 7 8 9 10

Alla verifica che presenta nessun quesito svolto si attribuisce voto 1

Prova orale

COMPETENZE

Voto in decimi

Conoscenze

Abilità

1/3

Frammentarie e

gravemente lacunose

Ha evidenti difficoltà nell’essere operativo.

4

Imprecise e parziali

Si esprime in modo scorretto ed improprio. Opera in modo acritico e carente.

5 Superficiali Applica le conoscenze con imperfezioni.

6 Complete ma non approfondite

Applica le conoscenze senza commettere errori sostanziali. Si esprime in modo semplice e corretto.

7

Complete. Se richiesto sa approfondire

Applica autonomamente le conoscenze anche a problemi più complessi, ma con imperfezioni. Espone in modo

corretto e con proprietà linguistica.

8

Complete con approfondimento

Applica autonomamente le conoscenze anche a problemi più complessi. Espone in modo corretto e con proprietà

linguistica.

9/10 Complete, coordinate e ampliate in modo personale

Opera in modo preciso e critico. Espone in modo fluido, con lessico ricco e appropriato.

Page 17: Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle conoscenze e sulle abilità ... equazioni e disequazioni lineari numeriche intere –

La griglia di valutazione per la prova orale sarà utilizzata anche per le valutazioni quadrimestrali.

Il giudizio globale e individualizzato che riguarderà conoscenze, abilità, competenze e comportamenti nella loro ricaduta didattica e terrà conto dei seguenti fattori:

o Metodo di studio o Progressi compiuti rispetto al livello di partenza o Interesse o Processo evolutivo e ritmi di apprendimento o Impegno e partecipazione al dialogo educativo o Regolarità nella frequenza o Capacità e volontà di recupero

I risultati e i contenuti della valutazione saranno sistematicamente comunicati agli interessati (studenti e famiglie) con modalità trasparenti nel modo seguente:

1. comunicazione formalizzata rivolta agli alunni a conclusione di ognuna delle verifiche gradualmente effettuate

2. comunicazione orale riservata alle famiglie degli studenti nel corso degli incontri Scuola-Famiglia

Naturalmente i rapporti con le famiglie saranno sollecitati nei casi di allievi con problemi specifici.

VALUTAZIONE FINALE

ATTIVITA’ RECUPERO - SOSTEGNO - POTENZIAMENTO

Le attività di recupero mirano a fornire conoscenze e a sviluppare abilità necessarie al raggiungimento degli obiettivi minimi, mentre le attività di sostegno sono sostanzialmente intese come aiuto allo studente che si trovi in difficoltà nel raggiungere gli obiettivi previsti. Esse hanno lo scopo di prevenire l’insuccesso scolastico e si realizzano in ogni periodo dell’anno, a cominciare dalle fasi iniziali.

Per gli alunni con carenze “lievi” si attueranno, durante l’anno, interventi di recupero - sostegno curricolare per colmare carenze relative ad abilità di studio tendenti a conseguire una partecipazione motivata, un impegno regolare e un’autonomia nell’organizzazione del lavoro o per favorire un’adeguata assimilazione di pochi argomenti non regolarmente acquisiti; contemporaneamente per gli alunni che non presentano carenze nella preparazione, gli interventi saranno di potenziamento al fine di approfondire gli argomenti trattati.

Per gli alunni con carenze “gravi” oppure di estensione tale da non essere risolvibili attraverso interventi limitati o occasionali, si attueranno interventi programmati nella durata, nei contenuti e nelle modalità di sviluppo in coordinamento con il Consiglio di Classe, secondo le indicazioni di pianificazione del PTOF.

Page 18: Carlo Miranda” · ella prima settimana di lezione sarà svolto un test d’ingresso sulle conoscenze e sulle abilità ... equazioni e disequazioni lineari numeriche intere –

TIPOLOGIE DI RECUPERO DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA’

Motivazionale Intervento didattico mirato a rendere partecipi gli studenti e far loro condividere l’itinerario formativo da percorrere.

Metodologico - trasversale

Intervento didattico mirato a sostenere gli studenti nell’acquisizione di un metodo di studio che permetta loro di affrontare in autonomia i compiti scolastici.

Disciplinare: conoscenze e abilità

Intervento didattico mirato al recupero di segmenti di contenuti disciplinari non in possesso dello studente.

Periodo di supporto

didattico

Viene così definita l’azione del docente che, ravvisando all’interno della classe un numero consistente di allievi con difficoltà nell’acquisizione di determinate conoscenze e/o competenze perché non in possesso di conoscenze e/o abilità pregresse, interrompe lo svolgimento del programma e si dedica a un’attività di recupero. Tale attività viene svolta liberamente ogni qualvolta ne ravvisi la necessità.

Strategie

a. riesposizione in forma diversa di argomenti non assimilati b. esercitazione in classe e a casa di esercizi di vario grado di difficoltà c. verifica del lavoro svolto in classe d. attività di autovalutazione e. pausa didattica per il recupero in itinere

Tali attività possono essere:

o rivolte alla classe nel suo insieme nella fase iniziale del primo anno di corso, come moduli sul metodo di studio e sviluppo delle capacità cognitive

o rivolte ai singoli allievi che evidenziassero particolari difficoltà o rivolte a piccoli gruppi divisi per livello all’interno di ogni singola classe o concentrate in spazi di “pausa didattica”, in cui si rallenta lo sviluppo della programmazione per

operare in direzione del recupero e del consolidamento delle conoscenze