WinCC Flexible Handbook - aula42.altervista.org WinCC.pdf · WinCC flexible Handbook - Guida...

of 76 /76
WinCC Flexible Handbook Guida introduttiva a WinCC Flexible 2008 Gruppo HMI Promotion and Support HMI Systems SIEMENS S.p.A. Italy www.siemens.it/hmi Edizione 11/2009

Embed Size (px)

Transcript of WinCC Flexible Handbook - aula42.altervista.org WinCC.pdf · WinCC flexible Handbook - Guida...

  • WinCC Flexible Handbook

    Guida introduttiva a WinCC Flexible 2008

    Gruppo HMI Promotion and Support HMI Systems

    SIEMENS S.p.A. Italy

    www.siemens.it/hmi

    Edizione 11/2009

  • Le informazioni riportate in questo manuale tecnico contengono descrizioni o caratteristiche che potrebbero variare con l’evolversi dei prodotti e non essere sempre appropriate, nella forma descritta, per il caso applicativo concreto. Con riserva di modifiche tecniche.

    Tutte le denominazioni dei prodotti possono essere marchi oppure denominazioni di prodotti della Siemens AG o di alter ditte fornitrici, il cui utilizzo da parte di terzi per propri scopi puo’ violare ilo diritto dei proprietari.

    Copyright © 2009. Siemens AG. All rights reserved.

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 3

    WinCC Flexible Handbook

    Guida introduttiva a WinCC Flexible 2008

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 4

    Indice 1. Introduzione .................................................................................................................... 6

    1.1. All’avvio… ................................................................................................................ 6 2. Il menù progetto .............................................................................................................. 8

    2.1. Tipo di hardware ...................................................................................................... 9 2.2. Pagine ................................................................................................................... 10 2.3. Comunicazione ....................................................................................................... 12 2.4. Gestione segnalazioni ............................................................................................. 14 2.5. Gestione Ricette ..................................................................................................... 16 2.6. Archivi ................................................................................................................... 18 2.7. Script .................................................................................................................... 19 2.8. Protocolli di stampa ................................................................................................ 20 2.9. Elenchi di testi e grafiche ........................................................................................ 21 2.10. Amministrazione degli utenti runtime ....................................................................... 21 2.11. Impostazioni del pannello operatore ........................................................................ 24 2.12. Impostazioni della lingua......................................................................................... 27 2.13. Strutture................................................................................................................ 27 2.14. Gestione versione ................................................................................................... 28

    3. La finestra Strumenti e la finestra Proprietà ...................................................................... 29 3.1. Oggetti Semplici ..................................................................................................... 30 3.1.1. Figure semplici ................................................................................................ 30 3.1.2. Campi di testo ................................................................................................ 30 3.1.3. Campi di I/O ................................................................................................... 30 3.1.4. Campo Data/Ora ............................................................................................. 31 3.1.5. Campi di I/O grafici e simbolici ......................................................................... 31 3.1.6. Vista grafica.................................................................................................... 32 3.1.7. Pulsante ......................................................................................................... 32 3.1.8. Switch e BarGraph .......................................................................................... 32

    3.2. Oggetti estesi ......................................................................................................... 32 3.2.1. Slider ............................................................................................................. 32 3.2.2. Orologio ......................................................................................................... 32 3.2.3. Stato comando................................................................................................ 32 3.2.4. Vista [email protected] ........................................................................................... 33 3.2.5. Browser HTML ................................................................................................ 33 3.2.6. Vista utente .................................................................................................... 33 3.2.7. Strumento indicatore ....................................................................................... 33 3.2.8. Vista curva ..................................................................................................... 33 3.2.9. Libreria dei simboli .......................................................................................... 34 3.2.10. Vista ricette .................................................................................................... 34 3.2.11. Vista segnalazioni ............................................................................................ 35 3.2.12. Finestra delle segnalazioni ............................................................................... 36 3.2.13. Indicatore delle segnalazioni ............................................................................ 36

    4. Moduli di pagina (faceplate) ............................................................................................ 37 4.1.1. Cos’è .............................................................................................................. 37 4.1.2. Come si configura ........................................................................................... 37

    5. Opzioni ......................................................................................................................... 40 5.1. [email protected] ......................................................................................................... 40 5.1.1. Cos’è .............................................................................................................. 40 5.1.2. Come si configura ........................................................................................... 43

    5.2. [email protected] ........................................................................................................ 47 5.2.1. Cos’è .............................................................................................................. 47 5.2.2. Come si configura ........................................................................................... 48

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 5

    5.3. Introduzione FDA 21 CFR Part 11 (Opzioni Audit e Simatic Logon) .............................. 54 5.3.1. Opzione Audit : Cos’è ...................................................................................... 55 5.3.2. Opzione Audit : Come si configura .................................................................... 55 5.3.3. Opzione SIMATIC Logon : Cos’è ....................................................................... 57 5.3.4. Opzione SIMATIC Logon : Come si configura ..................................................... 58

    5.4. OPC ...................................................................................................................... 59 5.4.1. Cos’è .............................................................................................................. 59 5.4.2. Come si configura ........................................................................................... 59

    5.5. ChangeControl ....................................................................................................... 61 5.5.1. Cos’è .............................................................................................................. 61 5.5.2. Come si configura ........................................................................................... 61

    6. Compilazione e trasferimento del progetto ....................................................................... 62 6.1. Compilazione ......................................................................................................... 62 6.2. Trasferimento ........................................................................................................ 62 6.3. Aggiornamento sistema operativo (firmware) ............................................................ 64

    7. Links internet utili .......................................................................................................... 67 8. Comparazione pannelli.................................................................................................... 71 9. Glossario ....................................................................................................................... 74 10. Informazioni ? ........................................................................................................... 75

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 6

    1. Introduzione WinCC flexible è il software unico per la progettazione delle interfacce operatore SIMATIC, dal più piccolo pannello OP73micro fino ai PC industriali (SIMATIC e non). Esso è strutturato in taglie che identificano il tipo di pannello operatore che è possibile progettare: Micro (OP73micro e TP177micro), Compact (TP/OP delle serie 7x e 17x A e B, KTP/TP serie Basic), Standard (tutti i pannelli, TP/OP/MP 27x e MP 37x) e Advanced (tutti i pannelli e i PC industriali). I requisiti consigliati per il pc di progettazione sono: Processore 2.0 GHz o superiore, 1GB RAM o superiore, 3GB disco fisso (2GB per l’installazione e almeno 1GB per l’allocazione fissa di un file di swap) o superiore, monitor 17” o superiore. I sistemi operativi con i quali il funzionamento di WinCC flexible 2008 è certificato sono Microsoft Windows XP a partire da SP2 e Windows Vista Business o Ultimate. Scopo di questa guida è fornire delle istruzioni semplici ed immediate per capire come utilizzare le funzioni più comuni di WinCC flexible per la creazione di una supervisione. Essa non intende sostituire il manuale ufficiale, si pone solo ad un livello più applicativo e meno teorico. Si raccomanda la consultazione della Guida in linea per qualsiasi dubbio e si indica quest’ultima come maggiormente attendibile.

    1.1. All’avvio… La schermata che appare all’avvio di WinCC flexible è la seguente:

    Schermata iniziale di WinCC flexible

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 7

    In questa schermata sono presenti 5 voci: “Apri progetti modificati di recente” (che consente di avere a portata di mano i progetti sui quali si sta lavorando), “Crea progetto con l’Assistente” (che guida passo-passo alla creazione un nuovo progetto ponendo una serie di domande sugli elementi che potremmo voler includere nel nostro progetto), “Apri progetto esistente” (consente di aprire qualsiasi progetto già creato), “Crea progetto vuoto” (la funzione più comune per iniziare a lavorare su un nuovo progetto) e “Apri progetto Protool” (un assistente che consente di importare un progetto creato con versioni di SIMATIC Protool a partire dalla 5.2). Nota: si consiglia, per iniziare ad acquisire confidenza con il pacchetto e per capire le nuove funzionalità messe a disposizione (come ad es. la pagina modello, il menu di navigazione pagina ecc…), di creare i primi progetti mediante l’Assistente (seconda opzione) rispondendo in maniera affermativa a tutte le domande che il software pone, in modo che gli oggetti complessi siano creati automaticamente. Successivamente, una volta capito come si struttura un progetto WinCC flexible, si utilizzerà sempre più la funzione “Crea progetto vuoto” oppure “Apri progetto esistente” in quanto sapremo esattamente dove sono posizionati gli oggetti e come devono essere configurati. In questa guida sarà selezionata l’opzione “Crea progetto vuoto” in modo da spiegare dettagliatamente tutte le funzionalità e le caratteristiche del pacchetto. Nella schermata di selezione dell’hardware sceglieremo un PC generico in quanto in esso sono presenti tutte le caratteristiche che WinCC Flexible mette a disposizione. Andando via via verso il basso (pannelli 37x, 27x, 17x, 7x) le funzionalità diminuiscono così come gli elenchi di oggetti/funzioni. Questo perché WinCC Flexible mostra di volta in volta solo quello che è effettivamente possibile utilizzare: se un oggetto non è presente significa che il tipo di hardware selezionato non lo supporta.

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 8

    2. Il menù progetto

    Una volta scelto il Pannello WinCC flexible si presenta così:

    L’area di lavoro

    A differenza di Protool ogni cosa che può servire è a portata di mano ed è possibile passare da un menu all’altro semplicemente con un click. L’area di lavoro è divisa in 5 parti: la parte superiore (contente i tasti che l’utente ritiene utili: allinea/ruota/sposta oggetti, simulatore, trasferisci, nuovo, salva, taglia/copia/incolla, zoom, livelli…), la parte sinistra (Progetto: contiene tutti gli elementi del progetto come ad es. pagine, variabili, ricette…), la parte bassa (Proprietà: contiene le proprietà relative all’oggetto di pagina correntemente selezionato, quest’ultime cambiano ogni volta che la selezione si sposta), la parte destra (Strumenti: contiene tutti gli oggetti a disposizione per la creazione delle pagine come ad es. pulsanti, figure semplici, campi I/O, grafiche, viste allarmi, viste ricette, OCX propri…) e la parte centrale che rappresenta l’ area di lavoro. Nel seguito di questo capitolo saranno descritte le voci che si trovano nell’albero di navigazione del progetto (parte sinistra).

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 9

    2.1. Tipo di hardware Dando una rapida occhiata all’albero di progetto, è possibile notare come la prima voce di questo elenco non sia (come era in Protool) il tipo di pannello, bensì il progetto. Uno dei punti di forza di WinCC flexible è infatti la possibilità di includere, all’interno dello stesso progetto, più pannelli operatore, rendendo così possibile la condivisione ed il riutilizzo di una buona parte del lavoro di parametrizzazione/creazione dei nostri oggetti (grafiche, faceplates, testi tradotti…). La figura mostra un progetto in cui si hanno 3 componenti hardware: un PC, un MP277 10” e un TP177B PN/DP, indicati dalle frecce rosse:

    Progetto con più pannelli

    Questo tipo di configurazione “multipannello” ci consentirà inoltre, se il progetto è integrato nel progetto Step7 del PLC, di poter attingere alle variabili direttamente dal simbolico Step7 di ciascun pannello e di poter salvare in un unico file sia il programma PLC che la parte di supervisione. Nelle pagine seguenti per semplicità proseguiremo con un solo hardware (il WinCC Flexible runtime generico)

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 10

    2.2. Pagine Il menu “Pagine” presenta alcune novità: la pagina Modello, la gestione dei livelli, le cartelle. La pagina Modello (contraddistinta dall’icona verde) è una pagina con proprietà speciali: ne esiste una sola per ogni pannello e contiene oggetti che vogliamo siano visualizzati in tutte le pagine. (es. orologio, logo aziendale, tasti di richiamo pagine fisse…) Ogni oggetto presente nella pagina modello viene infatti visualizzato automaticamente in tutte le pagine a meno che sia stata disabilitata mediante la proprietà della pagina “utilizza Modello”. (solo in tale modo la pagina modello viene esclusa) Nella figura sottostante si evidenzia come gli oggetti inseriti nella pagina modello saranno visibili in tutte le pagine. In progettazione vedrò gli oggetti che appartengono alla pagina modello in opaco (per distinguerli dagli oggetti di quella pagina), in runtime invece non ci sarà alcuna differenza e sarà tutto in primo piano. La freccia rossa indica il checkbox da disabilitare per non avere la pagina modello rappresentata nella pagina corrente.

    La pagina modello

    La gestione dei livelli è un’altra novità di WinCC flexible che consente di creare gli oggetti di pagina su layers diversi, così che, se abbiamo oggetti che saranno visibili solo in determinate condizioni (finestre di pop-up, grafiche di allarme…) non ci siano da ostacolo durante la progettazione. Per posizionare gli oggetti sui diversi livelli è sufficiente scegliere come “livello attivo” quello su cui vogliamo rappresentare il nostro oggetto, e nascondere gli altri. Per fare ciò possiamo utilizzare la barra degli strumenti denominata “livelli” oppure le proprietà della pagina alla medesima voce, come indicato in figura dalle due frecce rosse.

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 11

    La gestione dei livelli

    La terza novità consiste nel poter raggruppare le pagine in cartelle: questo porta ad una migliore gestione dei progetti contenenti elevati numeri di pagine. Queste modifiche non hanno effetto visibile nel progetto, si tratta solo di una semplificazione nella progettazione. Nella figura mostriamo come vengono create le cartelle:

    Suddivisione delle pagine in cartelle

    Premere il pulsante destro del mouse sopra la voce “Pagine” e selezionare dal menù la voce “Aggiungi Cartella”

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 12

    2.3. Comunicazione

    Nel menu “Comunicazione” possiamo trovare l’elenco delle variabili, i parametri di collegamento con il partner di comunicazione (PLC, OPC server…) e i cicli. Per quanto riguarda i cicli, ci limitiamo a notare che, a differenza di Protool, è possibile utilizzare cicli diversi e addirittura crearne di propri (per “ciclo” si intende il tempo con cui viene eseguita la lettura del valore di una variabile da PLC). Nei collegamenti invece troviamo tutto quello che riguarda l’interfacciamento con il partner di comunicazione. La configurazione di un collegamento con PLC è molto semplice ed è sufficiente seguire la grafica. Notiamo che, in questa sezione, si possono trovare anche le “aree di coordinazione” o “Puntatori area” (sincronizzazione con PLC, ordini del controllore, data e ora…). Li possiamo trovare selezionando a centro pagina la voce “Coordinazione”, come indicato in figura.

    Area di Coordinazione

    Nota: non tutti i puntatori area di Protool sono convertiti in equivalenti di WinCC Flexible. Alcuni infatti, come ad esempio le segnalazioni di allarme e relative acquisizioni, sono gestiti direttamente tramite variabili e non si rende più necessario il corrispondente puntatore area. Nella tabella delle variabili sono invece presenti delle interessanti ed utili novità, è infatti possibile: raggruppare le variabili in cartelle (come per le pagine), copiare e modificare gruppi di variabili velocemente con un semplice trascinamento del mouse, modificare le proprietà di gruppi di variabili (evitando di dover ripetere la stessa operazione per ogni variabile)

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 13

    Le figure sottostanti mostrano come sia possibile creare variabili in sequenza con un trascinamento e come modificarne poi gli attributi.

    Gestione variabili

    Per create velocemente nuove variabili selezionare la riga e trascinare uno qualsiasi dei puntini neri verso il basso

    Per modificare velocemente le caratteristiche di più variabili selezionare la riga e trascinare verso il basso

    Per creare la cartella premere il tasto destro del mouse su “Variabili” e selezionare “Aggiungi Cartella”

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 14

    2.4. Gestione segnalazioni

    La gestione delle segnalazioni di WinCC flexible è simile a quella di Protool, ma con alcune sostanziali differenze. Per prima cosa notiamo che in WinCC Flexible esistono due tipi di segnalazioni : le segnalazioni analogiche e le segnalazioni digitali. Possiamo dunque, a differenza di Protool, creare le segnalazioni analogiche direttamente all’interno della supervisione e non si rende più necessaria la gestione in PLC.

    Segnalazioni analogiche

    Per creare una segnalazione analogica è dunque sufficiente aggiungere la voce alla lista, compilare il testo della segnalazione, indicare la Classe (Errori, Avvisi… equivalenti alle segnalazioni di servizio o di allarme in Protool), scegliere la variabile trigger, il limite (costante o il valore di una variabile) da superare e la scelta della modalità (fronte di salita/discesa) Per quanto riguarda invece le segnalazioni digitali, è innanzi tutto necessario creare una variabile, nell’elenco delle variabili, che sia definita come array di words o singole words(questa variabile coincide esattamente con i puntatori area di Protool delle segnalazioni di allarme). A questo punto è sufficiente definire le segnalazioni singolarmente indicando, oltre naturalmente al testo di allarme, la variabile array creata e il corrispondente bit al quale la segnalazione è collegata. Anche per segnalazioni analogiche e digitali è possibile suddividere i dati in “Cartelle” : questo porta ad una migliore organizzazione del database (tempi di ricerca errori ridotti, liste più brevi e con segnalazioni dello stesso tipo…).

    Variabile controllata

    Limite (valore costante o variabile)

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 15

    Segnalazioni digitali

    Nota: Protool indicava in basso a destra il bit della DB degli allarmi corrispondente all’interno del puntatore area, in WinCC flexible questa funzionalità è stata inserita a partire da WinCC Flexible 2008 (colonna Indirizzo Trigger). Per le versioni precedenti si consiglia di costruire una tabella Excel che aiuti nella definizione e verifica delle segnalazioni tenendo presente che la logica è quella di Protool, ovvero: Trigger bit 0 = DBx.DBX1.0; Trigger bit 7 = DBx.DBX1.7; Trigger bit 8 = DBx.DBX0.0; Trigger bit 15 = DBx.DBX0.7; Trigger bit 16 = DBx.DBX3.0; Trigger bit 23 = DBx.DBX3.7; Trigger bit 24 = DBx.DBX2.0; Trigger bit 31 = DBx.DBX2.7 e così via… Nella figura seguente è riportato un esempio di tabella.

    indirizzo PLC numero BIT 1 . 0 0 1 . 1 1 1 . 2 2 1 . 3 3 1 . 4 4 1 . 5 5 1 . 6 6 1 . 7 7 0 . 0 8 0 . 1 9 0 . 2 10 0 . 3 11 0 . 4 12 0 . 5 13 0 . 6 14 0 . 7 15

    Variabile controllata

    Numero di bit della variabile controllata

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 16

    Nel menù “Impostazioni” presente sotto la “Gestione delle Segnalazioni” è poi possibile parametrizzare le classi (Riconoscimento esplicito della segnalazione, colori diversificati, associazione di una classe ad un archivio…) o crearne di nuove completamente definite dall’utente. All’interno di questo menù è anche possibile definire i “Gruppi di Riconoscimento”, ovvero assegnare segnalazioni che sono tra loro legate da una relazione causa-effetto (ad esempio il blocco di un motore che fa scattare tutte le protezioni ad esso collegate e le relative segnalazioni), in maniera tale che, una volta riconosciuta una delle segnalazioni all’interno dello stesso Gruppo di Riconoscimento, vengano acquisite automaticamente tutte le segnalazioni del gruppo; questo minimizza il tempo necessario per l’acquisizione permettendo di agire più tempestivamente sul progetto. Eseguite queste operazioni la lista degli allarmi è pronta per essere visualizzata all’interno della pagina (vedi cap. 3.2.11)

    Le segnalazioni possono anche essere trascinate nella Biblioteca in modo da poterle importare in altri progetti (l’oggetto salvato in libreria mantiene sia il testo nella lingua dell’editor, sia tutte le eventuali lingue tradotte, sia l’indirizzamento reciproco nel puntamento nella DB degli allarmi). Per fare questa operazione è sufficiente selezionare le segnalazioni che si desidera salvare nella libreria, selezionare copia, e incollarle nella libreria (oppure selezionare e trascinare con il mouse (Drag&Drop)). Per riutilizzarle in un nuovo progetto è sufficiente aprire la libreria e fare l’operazione inversa (copia-incolla o Drag&Drop nella lista degli allarmi del nuovo progetto)

    2.5. Gestione Ricette La gestione delle ricette è cambiata in WinCC Flexible ed è ora più confortevole e potente. Una delle novità consiste nel poter creare preventivamente i set di dati in modo che essi siano una proprietà intrinseca del progetto: il vantaggio consiste nel fatto che tali set di dati sono trasferiti automaticamente nel pannello e non si deve perdere tempo a definirli manualmente. Per creare una ricetta è necessario creare la struttura mediante click su “Aggiungi Ricetta”, successivamente vanno definiti gli elementi della ricetta con le variabili ad essi

    Selezionare la lista e…. …. trascinare la lista nella biblioteca

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 17

    corrispondenti e infine vanno creati i set di dati con la possibilità di inserire il valore di preset. Le figure seguenti mostrano questi passi.

    Creazione set di dati

    Anche i set di dati e le ricette possono essere salvati come oggetti di libreria e conseguentemente importati all’interno di altri progetti. Eseguite queste operazioni la ricetta è pronta per essere gestita all’interno della pagina tramite l’oggetto ricette (vedi cap. 3.2.10)

    Creazione degli elementi della ricetta

    Creazione di set di dati Inserimento dei

    i set di dati in libreria

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 18

    2.6. Archivi Per configurare gli archivi, sia di variabili che di segnalazioni, è sufficiente selezionare i “Dati Cronologici” e successivamente creare le voci di archivio. Per archiviare una variabile è sufficiente andare nelle proprietà della variabile selezionando l’archivio appena creato. Creiamo ora un archivio.

    Creazione di un archivio

    E aggiungiamo la variabile all’archivio:

    Associazione della variabile all’archivio

    Scelta della tipologia di archiviazione

    Creazione dell’ ’archivio

    Selezione della variabile da archiviare

    Nella proprietà “Archiviazione” associo la variabile all’archivio creato scegliendo la modalità di archiviazione.

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 19

    Come fatto per l’archivio delle variabili, creo l’archivio delle segnalazioni e associo l’archivio creato alle classi di segnalazione.( vedi figura sottostante) Il risultato di questa operazione sarà la creazione di un file di archivio contenente le segnalazioni delle classi che si è scelto di archiviare. Avvertenze: l’archiviazione è una funzionalità supportata solo a partire dai pannelli della serie 27x. La creazione degli archivi avviene solo ed esclusivamente su supporto rimovibile (CF card nel caso dei pannelli serie 270 e 370 e MMC/SD/USB card nel caso di MP277/MP377). La cartella nella quale l’archivio deve essere creato è, nel caso di pannelli con CF card \Storage Card2\, nel caso invece di pannelli 277/377, \Storage Card CF\, \Storage Card MMC\, \Storage Card USB\ Se non si configurano correttamente queste cartelle il file non viene creato.

    Associazione delle segnalazioni all’archivio

    2.7. Script All’interno di WinCC flexible è integrato l’editor di Visual Basic Script, che consente ad utenti che conoscono questo linguaggio di programmazione Microsoft di accedere a funzionalità avanzate per la progettazione di supervisioni. Tramite gli script è infatti possibile far eseguire al pannello/pc alcune operazioni matematiche, salti condizionati, cicli if…then, cicli do…while, ed altre funzioni previste dal linguaggio. Nota: Si consiglia di non abusare dell’utilizzo di script e di set di istruzioni troppo complesse (script che richiamano script, funzioni annidate…), specie su pannelli, in quanto ne penalizzerebbero le prestazioni.

    Nelle proprietà della Classe associo la classe di allarme all’ archivio

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 20

    Trattandosi di un linguaggio di programmazione sviluppato da Microsoft, l’Hotline Siemens non supporta tutte quelle problematiche che riguardano i set di istruzioni. Si consiglia pertanto l’uso degli script solo se si ha una buona conoscenza del linguaggio di programmazione VBS.

    2.8. Protocolli di stampa La funzionalità che consente di creare report di stampa da progetto WinCC flexible non presenta significative differenze rispetto a quanto veniva offerto da Protool. Per creare un nuovo protocollo di stampa e’ necessario selezionare la voce “Aggiungi Protocollo” e creare il foglio con le informazioni che si desiderano stampare. A tal fine viene dato a disposizione un editor grafico pressoché simile a quello utilizzato per la creazione delle pagine grafiche.

    Una volta ultimata la creazione del protocollo di stampa questo può essere effettivamente stampato richiamando la funzione “Stampa Protocollo” .

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 21

    2.9. Elenchi di testi e grafiche

    In questo menù è possibile definire delle liste di grafiche e delle liste di testi che verrano poi utilizzate all’interno delle pagine grafiche sotto forma di menu a tendina (cap 3.1.5).

    Definizione della lista di testi

    2.10. Amministrazione degli utenti runtime La gestione degli utenti e delle password in WinCC flexible è profondamente cambiata rispetto a Protool, al fine di creare una gestione utenti che fosse conforme con quanto indicato dalla normativa FDA, CFR 21 parte 11, riguardante impianti che operano nei settori chimico/farmaceutico ed alimentare (food & beverage). La gestione che offriva Protool era di tipo gerarchico, ovvero ciò che era consentito all’utente di livello “n” era consentito anche a tutti gli utenti di pari livello o superiore (cioe utenti di livello >= ”n”). WinCC flexible invece propone una gestione molto più simile a quella di Windows: ciascun utente, oltre ad avere delle caratteristiche proprie (password, tempo disabilitazione ecc) , appartiene ad un “Guppo” , a cui sono associate delle specifiche funzionalità. Di seguito viene illustrata la creazione di un utente e la sua associazione alla pressione di un pulsante.

    Definizione della lista testi e il tipo di selezione (range, bit, bool)

    Definizione delle voci della lista

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 22

    Gestione degli utenti e dei gruppi

    Creazione del gruppo

    Associazione dell’utente al

    gruppo

    Creazione dell’utente

    Creazione delle funzionalità

    Associazione del gruppo alle funzionalità

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 23

    Associazione del livello di protezione agli oggetti grafici

    Nella finestra di “Impostazioni di Sicurezza Runtime” è possibile definire le caratteristiche che ogni password deve avere (ad es. il tempo di scadenza della password, il forzamento del cambio della password dopo il primo login…). Nota: A partire da WinCC Flexible 2008 tali caratteristiche sono state ulteriormente ampliate : in particolare risulta ora possibile impostare liberamente il “Numero di tentativi di connessione non validi” (nelle versioni precedenti tale numero era 3 non impostabile) in seguito al quale l’utente corrente viene bloccato e avere una gestione centralizzata degli utenti e passwords abbinando a WinCC Flexible il pacchetto software opzione “SIMATIC Logon” .

    Associazione del livello di

    protezione desiderato

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 24

    2.11. Impostazioni del pannello operatore In questo menu è possibile impostare i settaggi riguardanti il pannello operatore. Nella prima finestra, “impostazioni del pannello operatore”, si impostano settaggi generali, come la pagina iniziale, il blocco commutazione programma, le abilitazioni per l’utilizzo delle opzioni, ecc… Nella seconda finestra, “Lingue e font di Caratteri”, è possibile selezionare, tra le lingue disponibili nel progetto (la cui definizione avviene tramite il menu “Impostazioni della lingua” “Lingue di progetto”), quelle che si vogliono effettivamente utilizzare nel pannello. Questo fa sì che l’utente possa creare un progetto in massimo 32 lingue diverse trasferendo nel pannello solo quelle che effettivamente servono, fino ad un limite massimo di 5 per i pannelli e 16 per i PC.

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 25

    La terza e la quarta voce delle “Impostazioni del pannello operatore” riguardano la funzionalità di “Navigazione Pagina”. Questa funzionalità è una delle novità introdotte con WinCC Flexible che consente una progettazione più chiara, semplice e veloce di un progetto. L’idea alla base di questa funzionalità è la seguente: se all’interno di un progetto è possibile individuare una struttura ad albero, dove sia presente un certo grado di gerarchia tra le pagine, è possibile fare in modo che, semplicemente disponendo le pagine secondo questa struttura, vengano automaticamente creati i relativi pulsanti di navigazione tra le pagine. Per aggiungere le pagine al menu di navigazione è sufficiente trascinarle all’interno dell’albero nella posizione che si desidera. È possibile includere alcune pagine del progetto nella navigazione pagina ed escluderne altre, ad es. perché non si vuole che l’operatore possa accedervi mediante tasti standard (pagine protette, pagine di sistema…)

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 26

    Albero di navigazione

    La barra di navigazione che appare sulle pagine

    Per creare l’albero di navigazione selezionare la

    pagina e trascinarla nella posizione voluta (drag&drop)

    Creazione dell’albero di navigazione

    Barra di navigazione creata automaticamente

    in base all’albero di navigazione

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 27

    La quinta e ultima voce presente nelle “Impostazioni del pannello operatore” è la “Schedulazione”. Tramite questa funzionalita’ e’ possibile eseguire ciclicamente delle operazioni indipendentemente dalla pagina correntemente visualizzata dal pannello. (Es. e’ possibile eseguire uno script ogni minuto, salvare una ricetta ogni ora o caricare in una variabile il nome dell’utente “attivo” in quel momento)

    Schedulazione

    2.12. Impostazioni della lingua La prima voce di questo menu “Lingue del progetto” consente la selezione di tutte le lingue che saranno a disposizione ai pannelli del progetto. Le tre voci successive (“Grafiche”, “Testi del progetto”, Testi dell’interfaccia utente”) costituiscono l’elenco di tutte le grafiche ed i testi utilizzati dal progetto, rappresentati in forma tabellare in base alle lingue. La quarta voce (“Dizionari”) invece contiene i dizionari : quello di Sistema (creato automaticamente da WinCC Flexible contenente le parole di uso più comune in ambito industriale nelle 5 lingue europee) e quello eventualmente creato dall’ utente. Tramite il dizionario utente e’ possibile creare dei dizionari personalizzati (utilizzabili in tutti i progetti) con parole/frasi più frequentemente utilizzate in modo che possano essere automaticamente tradotte in lingua dal sistema.

    2.13. Strutture Si tratta di un formato particolare di dati che permette di raggruppare un certo numero di variabili diverse affinché costituiscano un'unità logica. Questo tipo di dati risulta particolarmente adatto alla parametrizzazione dei moduli di pagina (faceplates). Le strutture sono dati globali di progetto e valgono per tutti i pannelli operatore all'interno dello stesso progetto.

    Scelta della frequenza di schedulazione

    Creazione della

    schedulazione

    Assegnazione della funzione da eseguire

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 28

    2.14. Gestione versione All’interno di questo menu troviamo 2 voci: la prima, “Gestione Versione” consente la creazione di più salvataggi dello stesso progetto WinCC Flexible in modo da effettuarne un successivo ripristino. (Ad esempio e’ possibile confrontare versioni di progetto tra loro, poter capire che modifiche ha fatto un collega quando il progetto è gestito da più persone, poter fare un rollback, ovvero un ritorno alla versione precedente, nel caso la nuova non risulti soddisfacente ecc.); la seconda voce, “Registro Modifiche” consente invece la creazione di un tracciato (che soddisfa la normativa FDA CFR 21 parte 11) contenente tutte le modifiche eseguite sul progetto durante la progettazione. (Ad es. viene tracciato se aggiungo un oggetto in una pagina grafica, se elimino un allarme, se aggiungo una nuova lingua ecc.) Queste funzionalità benché incluse nel pacchetto base di WinCC Flexible richiedono una licenza opzionale chiamata “ChangeControl” che deve essere presente sul PC di progettazione.

    La gestione versione

    Registro modifiche

    Gestione delle versioni di progetto

    Registrazione dettagliata delle

    operazioni effettuate sul progetto

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 29

    3. La finestra Strumenti e la finestra Proprietà

    Nella parte destra della schermata di lavoro, la finestra “Strumenti” contiene tutti gli oggetti a disposizione dell’utente per creare la supervisione.

    Essi sono divisi in 5 categorie: oggetti semplici, oggetti estesi, miei controlli ActiveX, grafiche e librerie. Per quanto riguarda invece la finestra delle proprietà, normalmente viene disposta in basso e viene sempre visualizzata. Il vantaggio di questo layout è che non si deve più, come in Protool, far comparire con un doppio click la finestra che poi ostacola la visione dell’oggetto che si sta tentando di parametrizzare, bensì basta un singolo click sull’oggetto che si desidera modificare affinché la finestra proprietà ne assuma le caratteristiche. La finestra delle Proprietà è sempre strutturata nello stesso modo e indica di volta in volta solo le proprietà modificabili per l’oggetto selezionato (ad es. per una figura semplice potrò definire i colori, lo spessore del bordo… per un pulsante anche i tasti, le grafiche, le password…). Nel seguito vedremo quindi i singoli oggetti e le loro proprietà, soffermandoci solo sulle proprietà più significative.

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 30

    3.1. Oggetti Semplici

    3.1.1. Figure semplici A questa categoria appartengono linee, spezzate, poligoni, cerchi, ellissi e rettangoli. Si tratta degli oggetti più semplici e le loro proprietà sono poi comuni a tutti gli oggetti via via più complessi che incontreremo. Ad es. i colori, i bordi, le posizioni assolute sulla griglia, le dimensioni assolute, il livello su cui l’oggetto è posizionato, che rientrano nel sottomenù Proprietà.

    Proprietà

    Nel sottomenù “Animazioni” è invece possibile trovare la conformazione (possibilità di far cambiare ad es. colore all’oggetto), i movimenti (diagonale, orizzontale, verticale e diretto,) e la visibilità (la possibilità di mostrare o meno un oggetto).

    Animazioni

    3.1.2. Campi di testo Il campo di testo presenta le stesse proprietà delle figure semplici con l’aggiunta del tipo di carattere, di spaziatura e di bordi.

    3.1.3. Campi di I/O Differentemente da Protool, WinCC flexible non ha campi di emissione e di introduzione differenziati, bensì un campo unico, detto di I/O può essere definito solo Input, solo Output oppure sia di Input che di Output.

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 31

    E’ inoltre possibile, nella proprietà chiamata “Sicurezza” abbinare uso del campo ad un determinato livello di sicurezza. In aggiunta a Generale, Proprietà e Animazioni, ci sono anche gli Eventi cioè delle azioni che posso associare all’attivazione,disattivazione o al termine dell’immissione del campo stesso. (es. ad immissione conclusa visualizzo un messaggio per l’utente) Nota: gli eventi sono disponibili in tutti gli oggetti attivabili, quelli che possono cambiare il loro stato. A seconda del tipo di campo però sono disponibili differenti tipologie di eventi : per esempio gli eventi a disposizione per il Campo I/O sono: “attivazione”,”disattivazione”,”immisione conclusa”; gli eventi a disposizione per il pulsante sono più numerosi e cioè: “click”, ”Premi”, ”Rilascia”, ”Attiva”, ”Disattiva”, ”Modifica”. È possibile associare un evento anche all’apertura/chiusura di una pagina (per fare questo è sufficiente selezionare il background della pagina affinché le proprietà siano quelle relative alla pagina stessa e selezionare tra gli Eventi “Caricato” (evento associato all’apertura della pagina) o “Interrotto” (evento scatenato alla chiusura della pagina). In tutti gli oggetti attivabili è disponibile anche un’Animazione in più: “Oggetto attivabile”. Questa animazione consente di legare l’abilitazione dell’oggetto (la possibilità cioè di premere un pulsante, di poter modificare un campo di I/O…) ad un valore di una variabile. In certe condizioni e’ cioè possibile disabilitare gli oggetti mantenendoli però sempre visualizzati.

    3.1.4. Campo Data/Ora Questo oggetto consente di creare in modo semplice un campo di tipo data e ora che può essere collegato all’ora di sistema o ad una variabile di tipo DATETIME del PLC. Questo campo può essere di solo Output oppure di I/O.

    3.1.5. Campi di I/O grafici e simbolici Con questi oggetti è possibile visualizzare liste di grafiche o di testi sotto forma di menù a tendina in base al valore di una variabile. Questi campi vengono utilizzati in due modalità: come campi di Input (la selezione della lista produce uno specifico valore di una variabile) oppure come campi di Output (in questo caso la grafica o il testo rappresentato sarà calcolato in base al valore di una variabile) Un esempio tipico può essere la visualizzazione del ciclo attuale della macchina : in base alla posizione di un selettore viene caricato un diverso valore analogico in una variabile PLC che poi e’ a sua volta abbinata ad campo di I/O Simbolico.

    Tipo di campo

    Variabile collegata

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 32

    3.1.6. Vista grafica Questo campo consente l’introduzione di immagini grafiche all’interno del progetto. L’utilizzo di quest’oggetto è il seguente: prima si trascina l’oggetto nella pagina e lo si adatta con forma e dimensioni alla posizione che vogliamo assuma nel contesto della schermata, poi è sufficiente trascinare la grafica all’interno del campo per fare in modo che la grafica si adatti automaticamente alle dimensioni assegnate. Il vantaggio è che, qualora si utilizzino grafiche esterne (create con software esterni o acquistate da terzi), è possibile lavorare anche senza le immagini grafiche a disposizione, in quanto poi trascinandole si adatteranno automaticamente agli oggetti già preparati.

    3.1.7. Pulsante Questo è il campo più utilizzato al quale associare funzioni. A differenza di Protool, il pulsante è un unico oggetto che può poi essere parametrizzato come pulsante con testo, pulsante con grafica o pulsante invisibile.

    3.1.8. Switch e BarGraph Questi oggetti sono analoghi a quelli che venivano offerti con Protool: lo Switch è un pulsante bistabile che indica lo stato della variabile collegata, mentre il Bargraph è un indicatore di livello di una variabile totalmente parametrizzabile.

    3.2. Oggetti estesi

    3.2.1. Slider Lo slider è un oggetto che consente l’impostazione di una variabile non in modo diretto (come avviene nei campi di I/O) ma tramite il movimento di un cursore in alto e in basso.

    3.2.2. Orologio Questo oggetto consente di rappresentare l’ora attuale in formato analogico o digitale.

    3.2.3. Stato comando Questo oggetto fornisce una diagnostica delle variabili (tipo VAT) del PLC da pannello (in pratica, dà la possibilità di andare “online” senza dover collegare il PC alla CPU).

    Variabile collegata Lista testi abbinata

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 33

    3.2.4. Vista [email protected]

    Questo oggetto, opportunamente parametrizzato e inserito all’interno di una pagina grafica , consente la visualizzazione del “giropagina” di un pannello remoto (intranet/internet). Tale funzionalità pur essendo presente nel pacchetto base richiede l’installazione di una licenza addizionale chiamata “[email protected]”. (vedi cap.5.1)

    Per la descrizione delle singole voci e dei loro effetti si rimanda alla guida in linea.

    3.2.5. Browser HTML Si tratta di un browser simile ad Internet Explorer. Esso consente la visualizzazione di pagine web all’interno di una pagina grafica (il fatto che l’oggetto sia un componente integrato nella pagina evita all’utente l’uscita dal runtime)

    3.2.6. Vista utente Oggetto che consente di visualizzare e modificare in runtime la lista degli utenti e delle loro passwords.

    3.2.7. Strumento indicatore Si tratta di un indicatore a lancetta che indica il valore attuale di una variabile.

    3.2.8. Vista curva Questo oggetto consente la creazione di un trend basato sia su valori istantanei che storici

    Indirizzo del pannello remoto

    Password

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 34

    Per costruire il trend è necessario inserire questo oggetto in una pagina, andare nelle sue proprietà e inserire le curve da visualizzare all’interno della proprietà “Curva” . Per ogni curva dovrà essere indicato (nella colonna “Tipo di curva”) se si intende visualizzare una curva istantanea (“Tempo reale ciclico”) oppure una curva precedentemente storicizzata (“Archivio”).

    Creazione e parametrizzazione di una vista curva

    3.2.9. Libreria dei simboli Consente l’inserimento in pagina di un oggetto della libreria grafica di WinCC flexible (motori, tubi, ecc)

    3.2.10. Vista ricette È l’oggetto con il quale il pannello gestisce le ricette. Si collega automaticamente al database delle ricette e può essere parametrizzato in tutte le sue parti (testi delle intestazioni, campi rappresentati, pulsanti presenti o meno…)

    Nella proprietà “Curva” creo le

    penne che compongono il

    trend

    Selezione del tipo di dati da visualizzare

    (curva istantanea o archivio)

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 35

    3.2.11. Vista segnalazioni È l’oggetto nel quale vengono rappresentate le segnalazioni. Questo oggetto può essere posto in tutte la pagine e può essere collegato ad uno dei seguenti tre database: allarmi in essere (e, all’interno di questa categoria, allarmi attivi e/o non riconosciuti), buffer degli ultimi n allarmi (con n che cambia a seconda del tipo di pannello) e storico degli allarmi Se necessario tramite l’oggetto e’ possibile visualizzare solo le segnalazioni appartenenti ad una specifica classe (ad es. si potrebbe pensare di escludere da questa visualizzazione le segnalazioni di sistema che potrebbero essere visualizzate in una pagina protetta da password).

    Allarmi in essere

    Allarmi del buffer tamponato

    Allarmi archiviati

    Selezione della classe da

    visualizzare

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 36

    3.2.12. Finestra delle segnalazioni Questa finestra è disponibile solo nella pagina “Modello” e viene normalmente utilizzata come finestra di pop-up quando all’arrivo di un nuovo allarme. Se non si inserisce questa finestra nella pagina modello, le segnalazioni NON SONO VISUALIZZATE automaticamente. Le proprietà che contraddistinguono questo oggetto sono analoghe a quelle della Vista segnalazioni. Nota: Fare attenzione che nei progetti convertiti da Protool, le vecchie finestre delle segnalazioni vengono convertite in oggetti WinCC Flexible ma sono poste nella pagina modello in livelli diversi dallo 0. Per visualizzare tali finestre e’ quindi necessario ricordarsi di attivare la visualizzazione di tutti i livelli della pagina.

    3.2.13. Indicatore delle segnalazioni Anche quest’oggetto è disponibile nella sola pagina modello e viene utilizzato per visualizzare, su una superficie piccola e non invasiva, l’entrata di una segnalazione ed il numero di segnalazioni attualmente attive. Anche questo oggetto può discriminare le classi rappresentate (solo errori, errori e/o messaggi di sistema, avvisi…).

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 37

    4. Moduli di pagina (faceplate)

    4.1.1. Cos’è

    I moduli di pagina sono oggetti complessi che vengono composti a partire da oggetti pagina disponibili. Tali oggetti vengono parametrizzati in modo da “esporre” solo le proprietà degli oggetti considerate importanti. I moduli pagina offrono i seguenti vantaggi: Possibilità di modifica centralizzata : Quando viene modificato un modulo pagina, vengono aggiornati automaticamente tutti i punti di applicazione dello stesso. Riutilizzo in altri progetti : E' possibile memorizzare i moduli pagina in una biblioteca e riutilizzare la biblioteca in un altro progetto. Riduzione delle operazioni di progettazione necessarie : I componenti di automazione utilizzati frequentemente possono essere inseriti velocemente in una progettazione. In questo modo è possibile realizzare rapidamente ampliamenti dell'impianto.

    4.1.2. Come si configura

    Per prima cosa si realizza la parte grafica disegnando tutti gli oggetti che comporranno il faceplate, in questa fase vengono impostate tutte le caratteristiche che gli oggetti dovranno avere senza specificare il nome effettivo delle variabili. Una volta terminata la parte grafica selezionare tutti gli oggetti e selezionare la voce “Modulo di pagina” “crea modulo di pagina” oppure il tasto destro del mouse e la voce “crea modulo di pagina”:

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 38

    L'editor di moduli pagina è composto dall'editor grafico (zona in alto) e dall'area di configurazione. (zona in basso). Nell'editor pagine si posizionano, tramite la finestra degli strumenti, gli oggetti grafici che compongono il modulo pagina. Nella parte destra dell'area di configurazione in una struttura ad albero sono elencati tutti gli oggetti contenuti nel modulo pagina con le relative proprietà. Le proprietà che possono essere "dinamicizzate" (con variabili ,elenchi testi o grafiche) sono rappresentate con uno sfondo blu scuro I campi con sfondo azzurro indicano invece le proprietà di cui è possibile solo modificare i valori: queste proprietà pertanto vengono denominate "proprietà statiche". La sezione sinistra dell'editor dei modulo pagina rappresenta l'"interfaccia" del modulo pagina. Tutte le proprietà contenute in questa sezione potranno essere configurate nel corso della progettazione e saranno quindi le sole visibili in fase di configurazione del faceplate. Innanzitutto e’ necessario creare tutte le proprietà che il faceplate dovrà esporre (finestra destra “Lemieproprieta’”) e collegarle ai corrispondenti valori di processo corrispondenti dei campi I/O :( finestra sx). Per creare una nuova proprietà premere la seconda icona a sx (vedi figura sottostante) e selezionare “Aggiungi proprietà”. Se la proprietà e’ dinamica (una proprietà dinamica è collegata sempre ad una variabile che fornisce i valori alla proprietà in runtime) fare doppio click sul campo (se l’operazione e’ stata eseguita correttamente la freccia bianca sulla sinistra della proprietà diventa rossa) ed impostare il tipo di dato che la proprietà dovrà avere. Selezionare il valore di processo (finestra a destra) che dovrà essere collegato alla nuova proprietà e trascinarlo (tramite drag&drop) verso la proprietà appena creata.(finestra a sinistra). Se il collegamento e’ stato effettuato correttamente viene visualizzata tra i due oggetti una freccia azzurra.

    Una volta terminata la stesura di tutte le proprietà chiudere il modulo di pagina. Il faceplate viene poi utilizzato come tutti gli altri oggetti grafici : una volta trascinato dalla biblioteca nella pagina grafica se ne parametrizzano le proprietà:

    Nuova proprietà

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 39

    Nel caso si renda necessario modificare il faceplate (es.per aggiungere delle proprietà) e’ sufficiente selezionare il faceplate all’interno della biblioteca, premere il tasto destro del mouse e selezionare “modifica modulo di pagina”. Tutte le modifiche effettuate sul faceplate vengono rigenerate automaticamente in tutte le istanze del faceplate stesso presenti nelle pagine grafiche.

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 40

    5. Opzioni

    Con Opzioni si intende una serie di funzionalità aggiuntive che richiedono l’acquisto di una licenza per il loro utilizzo. Le opzioni sono quasi tutte già presenti nel pacchetto stesso e, una volta abilitate, possono essere utilizzate e valutate indipendentemente dalla presenza della licenza (in questo caso il sistema segnalerà mediante un avviso ogni 5 minuti che si sta utilizzando la funzionalità in modalità DEMO) Il trasferimento della licenza avviene sempre tramite il tool ALM (Automation Licence Manager) sia che si tratti di un applicativo Runtime sia che si tratti di un pannello operatore.

    5.1. [email protected]

    5.1.1. Cos’è

    Lo [email protected] e’ un pacchetto opzionale che consente lo scambio di informazioni tra pannelli operatore; sono incluse tre diverse modalità di utilizzo :

    � Connessione ad un pannello remoto collegato in ethernet per visualizzarne il “giropagine” . Il tipo di accesso non e’ trasparente ma “invasivo” nel senso che l’operatore remoto prende il controllo del pannello a discapito dell’ operatore locale. Dicasi [email protected]@Server il pannello che mette a disposizione le proprie pagine (“giro pagine”) mentre per [email protected] si intende il pannello collegato in ethernet allo [email protected] che vuole visualizzarne il “giropagine”. L’accesso al pannello server da parte di un client e’ mutualmente esclusivo nel senso che appena uno [email protected] (D) accede al “giro pagine” del pannello [email protected] (A) (vedi figura sottostante) sia sul pannello [email protected] (A) che su tutti gli altri pannelli [email protected] (B e C) viene impedita qualsiasi operazione (tale stato e’ evidenziato tramite la visualizzazione di un triangolino giallo con scritto “NO INPUT” al posto del normale puntatore del mouse). Dopo un certo tempo configurabile di inattività del pannello [email protected] (D) il possesso del pannello viene rilasciato, il triangolino giallo sparisce e qualsiasi l’operatore (sia [email protected] (A) che [email protected] (B,C,D) può riprendere il normale utilizzo del pannello.

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 41

    Esempio di collegamento tramite [email protected], parte 1

    � Scambio di variabili tra pannelli (funzionamento concorrente) tramite il canale di comunicazione [email protected] - HTTP Protocol. A differenza della funzionalità precedentemente descritta (accesso al “giropagine”) lo scambio di variabili avviene in maniera del tutto trasparente: il pannello configurato come Http Client richiede (sia in lettura che in scrittura) le variabili del pannello configurato come Http Server. Tramite questo canale di comunicazione non e’ possibile scambiare valori storicizzati ma solo valori istantanei.

    Nell’esempio sottoriportato, siano A, B, C e D i 4 pannelli configurati ognuno come [email protected] - Http server . La stazione E, configurata come Http client, e’ in grado di leggere/scrivere valori

    da/verso ciascuno dei pannelli A, B, C, D (ideale per sinottici di linea o per concentratori di dati)

    [email protected] [email protected] [email protected] [email protected]

    Industrial Ethernet

    A B D C

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 42

    Esempio di collegamento tramite [email protected], parte 2

    � Scambio di variabili con il mondo office tramite protocollo SOAP (Standard Microsoft). con possibilità di leggere/scrivere variabili per esempio con MS Excel Il servizio Web SOAP (SOAP e’ l’acronimo di Simple Object Access Protocol cioe’ un protocollo dedicato allo scambio dati tra applicazioni distribuite) l’accesso (in lettura e scrittura) da un'applicazione esterna (es. Excel) alle variabili di un pannello operatore.

    Esempio di collegamento tramite [email protected], parte 3

    Stazione A

    Industrial Ethernet

    Stazione B Stazione C Stazione D

    Office area

    Stazione E

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 43

    5.1.2. Come si configura

    � “Giropagina” remoto (prima modalità dell’opzione):

    La configurazione di due pannelli affinché possano essere collegati con [email protected] e‘ estremamente semplice: immaginiamo di avere un MP277 8’’ come [email protected] e un PC con WinCC flexible Runtime generico come [email protected]

    MP277 8’’ WinCC flexible Runtime

    Sul Sever (MP277 8’’): Per mettere a disposizione il proprio “giropagina” ed essere quindi [email protected] è sufficiente abilitare nel progetto nel menu “Impostazioni del pannello di controllo” il campo “[email protected] o Service: Avvia [email protected]” Sul Client (WinCC flexible Runtime) : Per visualizzare il “giropagina” del pannello [email protected] e’ sufficiente inserire e in una pagina del progetto client l’oggetto “Vista [email protected]”. (par. 3.2.4) e parametrizzare l’indirizzo IP del pannello Server. A questo punto, ogni volta che, dal WinCC flexible Runtime ([email protected]) accederò alla pagina con la “Vista [email protected]” vedrò al suo interno il “giropagina” del pannello remoto MP277 8”.

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 44

    Configurazione del “giro pagina” (lato Server)

    Configurazione del “giro pagina” (lato Client)

    Per utilizzare questa prima opzione è necessario che in ciascun partecipante sia presente una licenza [email protected] (sia sul pannello [email protected] che sui pannelli [email protected])

    All’ interno dell’oggetto “Vista [email protected] Client” indico indirizzo IP del server e la password (default: 100)

    Nel server (MP277) va abilitato : il primo campo per avere il “giro pagina”

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 45

    � “scambio di variabili” tramite http Protocol (seconda modalità dell’opzione):

    Per configurare la seconda parte dell’opzione, quella che consente di collegare variabili presenti su un pannello con quelle presenti su un altro pannello, è necessario : Sul Server (MP277 8’’): Abilitare nel progetto nel menu “Impostazioni pannello operatore” il campo “[email protected] Access : server HMI HTTP” Sul Client (WinCC flexible Runtime) : Deve essere creata una connessione “SIMATIC HMI HTTP Protocol” aggiungendo variabili che si intendono scambiare. Se sia il pannello Server che il pannello Client appartengono allo stesso progetto l’indirizzo delle variabili viene automaticamente calcolato andando a “pescare” (browsing) le variabili direttamente sul pannello server.

    Configurazione canale HMI HTTP Protocol (lato server)

    Sul server abilito l’HTTP server

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 46

    Configurazione canale HMI HTTP Protocol (lato client)

    Creazione variabile nel canale HMI HTTP Protocol (lato client) Anche in questo caso, è necessaria la licenza [email protected] su tutti i pannelli coinvolti, sia Client che Server

    � “scambio di variabili” tramite SOAP

    Sul client creo il collegamento SIMATIC HMI HTTP Protocol e configuro l’indirizzo IP del pannello server

    All’interno del collegamento http Protocol appena creato creo le variabili (l’indirizzo viene automaticamente compilato andando a pescare tramite browse le variabili dal server)

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 47

    Per attivare il servizio SOAP abilitare nel progetto nel menu “Impostazioni pannello operatore” il campo “[email protected] Access : Servizio Web (SOAP)”

    Abilitazione servizio SOAP (lato server)

    Per la visualizzazione delle variabili (client) si può utilizzare ad esempio Microsoft Excel; all’interno di Excel viene realizzata una macro vbs contenente le chiamate alla libreria SOAP. All’interno del manuale in linea di WinCC Flexible (capitolo “Elaborazione dei valori delle variabili in MS Excel”) e’ possibile trovare un esempio applicativo. Per l’utilizzo di questa funzionalità e’ necessario l’istallazione della licenza [email protected] nel pannello/pc server (nessuna licenza e’ invece richiesta lato Client).

    5.2. [email protected]

    5.2.1. Cos’è

    Lo [email protected] e’ un pacchetto opzionale che consente l’accesso al pannello (solitamente a scopo manutentivo) tramite Internet Explorer (senza software Siemens lato client) da una postazione remota (collegata in intranet/internet) L’accesso al pannello remoto avviene tramite delle pagine web preconfezionate che vengono scaricate automaticamente nel pannello insieme all’applicativo; tramite queste pagine e’ possibile accedere:

    Sul server abilito il servizio SOAP

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 48

    � al “giropagina” completo del pannello (la differenza del “giropagina” realizzato tramite [email protected] consiste nel fatto che il client non richiede un applicativo WinCC Flexible)

    � lettura/scrittura dei set di dati delle ricette

    � lettura/scrittura dell’elenco delle password

    � visualizzazione degli allarmi di sistema

    � albero di navigazione per accedere a tutti i files del pannello (flash, memory card)

    Tramite [email protected] e’ anche possibile inviare email da pannello operatore a fronte di un evento oppure di un allarme.

    5.2.2. Come si configura

    La configurazione dello [email protected] è immediata: è sufficiente abilitare sul pannello che fungerà da server nel menu “Impostazioni pannello operatore” le voci ““[email protected] o Service: Avvia [email protected]” e “[email protected]:pagine HTML”. Con queste abilitazioni attivate al primo trasferimento nel pannello operatore oltre al progetto verrà scaricato anche il sito web.

    A questo punto, da un qualsiasi pc collegato in rete (client) è sufficiente digitare l’indirizzo IP del pannello (server) da Internet Explorer perché si acceda al sito web del pannello.

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 49

    Il sito web e’ composto dalle seguenti pagine standard:

    � start.html : Pagina iniziale � RemoteControl.html : Remote Control (solo per Internet Explorer) � Control.html : Control functions � StatusDetails.html : System diagnostics � Browse.html : File browser (solo per Internet Explorer)

    Pagina iniziale (Start.html) La pagina iniziale contiene sia i links a tutte le ulteriori pagine web (zona a sinistra)

    che le informazioni del progetto: modo, versioni software, dati sui pannelli ecc.

    Pagina iniziale (Start.html)

    Pagina "Remote control" (RemoteControl.html)

    La pagina "Remote control" consente la visualizzazione del “giropagina” del pannello remoto. Questa pagina può essere visualizzata solo con Internet Explorer.

    Per accedere alle funzionalità di [email protected] e’ necessario effettuare il login : nome utente predefinito : Administrator password predefinita : 100

    Elenco pagine web a disposizione

    Informazioni relative al pannello remoto

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 50

    Pagina Remote control (RemoteControl.html)

    Accesso giro pagine remoto (da RemoteControl.html)

    Link accesso al giropagina remoto

    Password predefinita : 100

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 51

    Visualizzazione pagina remota (da RemoteControl.html)

    Pagina "Control functions" (Control.html)

    La pagina "Control functions" consente le seguenti operazioni sul pannello operatore:

    Avvio e arresto di HMI Runtime Esportazione e importazione di ricette Esportazione e importazione di liste di password

    Visualizzazione pagina remota

    Funzionalità di import/export a disposizione

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 52

    Pagina Control functions (Control.html) Pagina "System diagnostics" (StatusDetails.html)

    La pagina "System diagnostics" contiene le segnalazioni di sistema presenti nel pannello remoto.

    Pagina System diagnostics (StatusDetails.html)

    Pagina "File Browser" (Browse.html)

    La pagina "File Browser" consente di gestire le directory ed i files del pannello remoto. Questa pagina può essere visualizzata solo con Internet Explorer.

    Pagina File Browser (Browse.html)

    Visualizzazione segnalazioni di sistema

    Gestione files pannello

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 53

    Upload File (da Browse.html)

    Configurazione Invio email Per l’invio delle email da pannello si necessita di un server SMTP raggiungibile generalmente dalla rete aziendale. Il server SMTP viene parametrizzato nella pagina “Impostazioni pannello operatore”

    Impostazioni server SMTP

    Visualizzazione del file presente nel pannello

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 54

    Le emails possono essere inviate o tramite la funzione di sistema “InviaEmail” (richiamabile per esempio alla pressione di un pulsante) oppure automaticamente a fronte di un allarme (in quest’ultimo caso deve essere stata parametrizzata correttamente la colonna “Indirizzo e-mail” all’interno della classe di allarme:

    Impostazione indirizzo email nella classe di segnalazioni

    Il pannello che funge da server necessita di licenza “[email protected]” mentre non e’ necessario alcuna licenza o software Siemens sul pannello client.

    5.3. Introduzione FDA 21 CFR Part 11 (Opzioni Audit e Simatic Logon)

    In molti settori, come p. es. l'industria farmaceutica, alimentare, diventa sempre più importante poter risalire alle origini dei dati di produzione per documentarli. Il salvataggio dei dati di produzione su supporti elettronici offre numerosi vantaggi rispetto alla documentazione su carta, come p. es. la facilità di acquisire e archiviare i dati. Allo stesso tempo occorre tuttavia garantire che i dati non possano essere falsati e possano essere letti in qualunque momento. Perciò per la documentazione dei dati di produzione su supporti elettronici sono stati sviluppati standard specifici per i settori industriali. La regolamentazione più importante in questo ambito è la direttiva FDA 21 CFR Part 11 della Food & Drugs Administration (FDA) statunitense, relativa alla registrazione elettronica di dati e alle firme elettroniche.

    Sulla base della norma 21 CFR Part 11 e della corrispondente interpretazione secondo GMP (Good Manufacturing Practice), sono stati definiti diversi requisiti per gli impianti di produzione : tali requisiti , inizialmente richiesti solo in alcuni ambiti, possono essere applicati anche ad altri settori industriali.

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 55

    Da queste direttive e prescrizioni di legge risultano i seguenti requisiti principali: Creazione di un Audit Trail o di un'analisi (Trace) dei comandi in runtime: In base a questo documento è possibile verificare, senza lacune, quale utente in quale momento ha eseguito una determinata azione di comando sulla macchina. I passi più importanti del processo, p. es. quelli con un firma elettronica, devono poter essere ricondotti a una responsabilità precisa. WinCC flexible con l'opzione “Audit” e Simatic Logon (necessario solo nel caso di renda necessaria la centralizzazione degli utenti su pc remoto) soddisfano questi requisiti e supportano l'utente nella validazione o qualificazione del proprio impianto.

    5.3.1. Opzione Audit : Cos’è L’ opzione “Audit” consente la creazione di un archivio aggiuntivo (Audittrail) contenente la traccia delle modifiche effettuate sui dati considerati rilevanti (ricette, settaggi di macchina…). Abbinato a tale archivio viene fornito un applicativo (Audit Viewer) in grado di analizzare il file di Audit e di valutarne l’integrita’.

    5.3.2. Opzione Audit : Come si configura Per attivare le funzionalità di “Audit“ sono indispensabili pochi semplici passi: innanzitutto e’ necessario indicare che il progetto sia di tipo “regolato”. Per fare questo andare nelle proprietà del progetto e abilitare il campo “progetto regolato”.

    Seleziono proprietà per attivare il “Progetto Regolato”

    Click con il tasto destro su Progetto

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 56

    Abilitando la voce “progetto regolato” si rende disponibile :

    � all’interno del menu “Dati Cronologici” un nuovo archivio parametrizzabile chiamato “AuditTrail” all’interno del quale saranno memorizzati tutti i dati ritenuti “sensibili”.

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 57

    � nelle proprietà delle variabili una nuova voce chiamata “Impostazioni GMP” attraverso la quale e’ possibile impostare, per le variabili ritenute “sensibili” , il tipo di archiviazione GMP che deve essere eseguita : es. con firma elettronica o senza, con commento obbligatorio dopo la modifica, ecc.

    Per l’utilizzo delle funzionalità sopra descritte si rende necessaria l’installazione della licenza “Audit” all’interno del pc/pannello.

    5.3.3. Opzione SIMATIC Logon : Cos’è

    SIMATIC Logon e’ un software opzionale che permette l'amministrazione utenti centralizzata di tutto l'impianto. I dati utente vengono creati e gestiti dall'amministrazione utenti del sistema operativo di Windows in un pc remoto collegato al pannello/PC. L'utilizzo di SIMATIC Logon offre i seguenti vantaggi:

    � Creazione centralizzata (e quindi non sul singolo pannello) dell'amministrazione utenti.

    � Gli utenti che vengono creati sul server centrale possono registrarsi

    immediatamente sul pannello operatore (nel quale esiste un omonimo gruppo WinCC flexible)

    � Non è necessaria nessuna riprogettazione o un trasferimento nei rispettivi pannelli

    operatore.

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 58

    � Nome utente e password unica per tutti i pannelli operatore.

    5.3.4. Opzione SIMATIC Logon : Come si configura

    Per attivare la gestione centralizzata degli utenti e’ necessario : abilitare all’interno del menu “Impostazioni sicurezza in runtime” il campo “Attiva Simatic Logon” specificando le informazioni del pc (indirizzo, dominio e porta) dedicato all’amministrazione degli utenti:

    Creare all’interno dell’ ”amministrazione utenti” di WinCC Flexible solamente i gruppi (e non gli utenti) desiderati e associare le funzionalità a tali gruppi. Creare all’interno del pc remoto destinato all’amministrazione degli utenti gli stessi gruppi creati precedentemente in WinCC Flexible inserendo all’interno di tali gruppi tutti gli utenti desiderati. Tale funzionalità richiede l’installazione del software (e licenza) “Logon” nel pc remoto in cui risiede l’amministrazione degli utenti e una o piu’ licenze (Logon Remote Access) in base al numero di WinCC Flexible connessi.

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 59

    5.4. OPC

    5.4.1. Cos’è

    L'acronimo OPC (OLE for Process Control) indica un'interfaccia del software standardizzata e indipendente dal costruttore. L'OPC DA (Data Access) si basa sulla tecnologia Windows COM (Component Object Model) e DCOM (Distributed Component Object Model) mentre l’ L'OPC XML DA al contrario si basa sugli standard internet XML, SOAP e HTTP. L'interfaccia OPC DA consente lo scambio di valori istantanei tra pannelli, PLC (utile nel caso in cui non sia presente all’interno di WinCC Flexible il protocollo diretto) e applicazioni di terze parti che supportano a questo tipo di tecnologia. Le applicazioni Runtime realizzata con WinCC Flexible (PC) possono funzionare sia come OPC server DA (cioè rendere disponibili tutte le variabili ad un OPC Client DA) sia come OPC Client DA (cioè richiedere variabili ad un server OPC DA) I pannelli MP (Multipanel) possono funzionare come OPC Server XML DA e come OPC Client locale (il che significa che l’OPC server deve risiedere obbligatoriamente nel pannello stesso) Dal momento che un client OPC DA non e’ in grado di accedere direttamente ai dati di OPC Server XML viene fornito un software di conversione (OPC XML Wrapper) che prepara i dati per il client OPC standard.

    5.4.2. Come si configura

    Affinché un PC/MP diventi un OPC Server e’ sufficiente abilitare all’interno del menu “Impostazioni pannello operatore” il campo “Funge da Server OPC”

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 60

    Tale funzionalità richiede l’installazione della licenza “OPC” nel pannello/PC. Affinché un PC diventi un OPC Client e’ sufficiente aggiungere il canale di comunicazione “OPC” all’interno del menu “Comunicazione” “Collegamenti” definendo il nome del Server OPC a cui si desidera collegarsi ed il nome del PC in cui l’OPC Server risiede e successivamente definire le variabili che devono essere scambiate con l’OPC Server.

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 61

    5.5. ChangeControl

    5.5.1. Cos’è È l’unica opzione che si riferisce al pc di progettazione e non al PC/pannello dove risiede il runtime: consiste nella possibilità, anticipata nel par. 2.14, di registrare tutte le modifiche eseguite sul progetto e gestire più versioni o copie dello stesso progetto.

    5.5.2. Come si configura Per utilizzare le funzionalità previste in quest’opzione è sufficiente selezionare dal menu “Gestione versione” :

    � la voce “Versioni di progetto” per creare una copia del progetto (nuova versione) e/o ripristinare una copia precedentemente memorizzata (vecchia versione). In questo modo e’ possibile concentrare, all’interno di un unico progetto WinCC Flexible, più copie o versioni diverse dello stesso.

    Elenco delle versioni di progetto

    � attivare la voce “Registro modifiche” al fine di memorizzare nel dettaglio tutte le

    operazioni eseguite sul progetto.

    Elenco dettagliato delle operazioni eseguite sul progetto

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 62

    6. Compilazione e trasferimento del progetto

    6.1. Compilazione

    Ci sono due modi per effettuare la compilazione: compila solo le modifiche (rispetto all’ultima compilazione) e rigenera tutto. Quando avviamo la simulazione del progetto (tramite i tasti presenti nella toolbar di Wincc Flexible) avviene sempre una compilazione parziale del progetto (solo delle modifiche) mentre selezionando “Progetto � Compiler � Rigenera tutto” viene eseguita una compilazione totale del progetto (senza tener conto di quanto già generato in precedenza). La differenza tra i due sistemi è che il secondo è più lento ma più approfondito e spesso corregge quelle piccole incongruenze che talvolta si generano compilando parzialmente il progetto (specialmente in progetti che hanno subito molte modifiche, molti copia-incolla di tag, di pagine…). Si consiglia quindi l’uso della compilazione delle sole modifiche se nel proprio lavoro si compila spesso e non ci sono troppe differenze tra una compilazione e la successiva. È invece opportuno ricorrere alla rigenerazione completa in tutti quei casi in cui dalla finestra dei Risultati (da tener visualizzata durante la compilazione mediante la pressione dei tasti Ctrl+Shift+O o selezionando “Menu” “Risultati”) appaiono errori di compilazione che non rimandano ad alcuna parte del progetto (mediante doppio click sul messaggio di errore). In quasi tutti questi casi, infatti, non si tratta di un errore reale nel progetto ma di un errore fittizio segnalato dal compilatore che viene sistemato in seguito ad una rigenerazione completa.

    Selezione delle opzioni di compilazione

    6.2. Trasferimento Il trasferimento del progetto invece può essere parametrizzato con la pressione del tasto indicato in figura, scegliendo una delle modalità disponibili:

    Tasti di simulazione

    Rigenerazione completa

    Trasferimento

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 63

    Una volta selezionato il tipo di trasferimento, occorre fare attenzione ai valori selezionati nella parte destra della schermata : Attiva trasferimento da pannello operatore

    Il trasferimento consente di trasmettere al pannello operatore insieme al progetto compilato anche il progetto sorgente compresso. Questi dati vengono salvati con lo stesso nome del progetto ma con estensione del file "*.pdz". Il progetto sorgente può essere salvato soltanto se quest'ultimo è dotato di uno spazio di memoria esterna sufficiente. Se necessario, il progetto sorgente può essere ritrasferito su qualsiasi PC di progettazione. Ciò consente di analizzare e rielaborare in un secondo tempo il progetto originale anche su un PC di progettazione diverso da quello utilizzato inizialmente

    Sovrascrivere amministrazione utenti

    Attivando questa casella di controllo, gli utenti/passwords già presenti sul pannello operatore vengono sovrascritti durante il trasferimento con i relativi dati della progettazione. E’ possibile quindi creare già nel progetto utenti/passwords che saranno disponibili in ogni pannello operatore. Disattivare tale casella di controllo quando si vuole mantenere inalterato lo stato utenti/password del pannello.

    Sovrascrivere set di dati

    Attivando questa casella di controllo, le ricette già presenti sul pannello operatore vengono sovrascritte durante il trasferimento con i relativi dati della progettazione. E’ possibile quindi creare già nel progetto ricette che saranno disponibili in ogni pannello operatore. Disattivare tale casella di controllo quando si vuole mantenere inalterato lo stato delle ricette del pannello.

    Utilizza Pack&Go (disponibile solo a partire da WinCC Flexible 2008 SP1)

    Trasferimento

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 64

    Si tratta di un trasferimento indiretto, il trasferimento infatti non viene diretto verso un pannello fisicamente collegato al pc di progettazione ma verso un file. Tale file, una volta inviato e scompattato in un pc (anche sprovvisto di wincc flexible) può essere trasferito direttamente nel pannello operatore. Un esempio tipico di utilizzo di questa funzionalità e’ la seguente: si ha la necessità di dover inviare delle modifiche di progetto ad un operatore remoto sprovvisto di WinCC Flexible e non si ha a disposizione il pannello operatore. (avendo il pannello operatore a disposizione infatti si avrebbe la possibilità di effettuare prima un backup e successivamente un restore delle modifiche nel pannello finale) Tramite pack&go invece il problema viene risolto.

    6.3. Aggiornamento sistema operativo (firmware)

    Quando ci si appresta a trasferire un progetto nel pannello operatore se il sistema operativo (firmware) del progetto non risulta essere congruente con quello residente nel pannello (perché il pannello risulta essere più aggiornato del software utilizzato o viceversa) il trasferimento viene interrotto. Il sistema operativo deve essere aggiornato manualmente. A partire da WinCC flexible 2008 SP1 viene visualizzata una segnalazione qualora il sistema operativo necessiti di aggiornamento. Confermando la richiesta di aggiornamento, il sistema operativo viene aggiornato automaticamente. Per le versioni precedenti invece ci sono due possibilità: o selezionare dal menu “Progetto” “Trasferisci” Aggiorna sistema operativo:

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 65

    Oppure Eseguire SIMATIC Prosave, selezionare il tipo di pannello e di collegamento e selezionare “Aggiornamento OS”. A titolo di esempio, supponiamo di avere un pannello TP170B sul quale fino a ieri lavoravamo con Protool v6.0 SP3. Oggi abbiamo installato il WinCC flexible 2008 SP1 e vogliamo trasferire il progetto nel pannello. Lanciamo Prosave e configuriamo la comunicazione con il dispositivo.

    La schermata di Prosave in cui si seleziona il pannello e il collegamento

    Passiamo adesso alla cartella aggiornamento OS e vediamo che firmware è presente sull’apparecchiatura al momento premendo il tasto “stato dell’apparecchiatura”.

    Tipo di pannello Collegamento

    Versione firmware presente nel Pannello

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 66

    Il firmware presente è effettivamente il 6.0.3.18, ovvero quello di Protool. Dobbiamo trasferire quello di WinCC flexible 2008 SP1, ovvero il 7.2.2.0. Per fare ciò selezioniamo l’immagine del firmware del TP170B nella cartella C:\Program Files\Siemens\SIMATIC WinCC flexible\WinCC flexible Images\

    e selezioniamo infine “Aggiornamento OS”. Al termine di questa operazione il firmware presente sul pannello sarà compatibile con quello del nostro compilatore e sarà possibile trasferire il progetto.

    L’aggiornamento del firmware, così come il download della progettazione, può essere effettuato con tutti i cavi che il Prosave/WinCC Flexible lascia selezionare.

    Versioni di firmware disponibili

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 67

    7. Links internet utili

    Informazioni prodotti HMI (Sito Web italiano) www.siemens.it/hmi

    Informazioni sulla migrazione da vecchi pannelli a nuovi

    www.siemens.it/migrazione

    Download immagini di backup pannelli operatore http://webdoc.siemens.it/CP/AD/ProdottieSoluzioni/Sistemidiautomazione/ProdottieSoluzioni/IMMAGINIBACKUPSIMATICPANELS.htm

    Download drivers stampanti USB http://webdoc.siemens.it/CP/AD/ProdottieSoluzioni/Sistemidiautomazione/ProdottieSoluzioni/SUPPORTOPANNELLI.htm

    Training online http://www.automation.siemens.com/microsite/wincc-flexible-easy/index_en.html http://siemens.com/wincc-flexible-easy

    Progetti Demo http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/22900091

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 68

    FAQ (Frequently Asked Questions) http://support.automation.siemens.com Definizione classi di protezione (IP)

    http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/4686402

    Certificazioni EX http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/291285

    Collegamenti/trasferimenti

    Aggiornamento sistema operativo (firmware) http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/19701610 Cavi e impostazioni di trasferimento http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/19109408 Trasferimento mediante “Routing” http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/33088067 Tipologie di collegamento remoto http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/19865167 Porte Ethernet utilizzate da WinCC Flexible http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/24534066 WinCC Flexible e Teleservice Adapter IE http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/26999934 Numero massimo collegamenti PLC http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/29578623 Impostazioni DCOM per comunicazione OPC http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/31198863 Archiviazione dati da pannello a PC remoto http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/13336639 Connessione sistemi H http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/22584322 Esempio cambio connessione automatica sistemi H http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/23842653

    Compatibilita’ / Download

    Compatibilità WinCC Flexible e Sistema Operativo http://support.automation.siemens.com/WW/news/en/22055368

  • WinCC flexible Handbook - Guida introduttiva a WinCC flexible 2008 - 69

    Compatibilità WinCC Flexible e Software Siemens http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/31592454 Tipologie di memory card utilizzabili http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/21847868 Info licenze http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/27005215 Hardware Support Packages (HSP) http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/19241467 ProSave http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/21145567 Audit Viewer http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/22180683

    Hotfix /Service Pack

    Hotfix 7 WinCC flexible 2005 SP1 http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/24758642 Hotfix 4 WinCC flexible 2007 http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/28882233 Hotfix 2 WinCC flexible 2008 http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/31796860 Service Pack 1 per WinCC flexible 2008 http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/34778772 Hotfix 2 for WinCC flexible 2008 SP1 http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/3