Lab. Calc. AA 2004/051 laboratorio di calcolo AA 2004/054 a cura di Domizia Orestano Dipartimento di...

of 30 /30
Lab. Calc. AA 2004/05 1 laboratorio di calcolo AA 2004/054 a cura di Domizia Orestano Dipartimento di Fisica Stanza 159 - tel. (06 5517) 7281 www.fis.uniroma3.it/~orestano [email protected]fis.uniroma3.it UNIVERSITA’ DEGLI STUDI ROMA TRE DIPARTIMENTO DI FISICA “E. AMALDI”

Embed Size (px)

Transcript of Lab. Calc. AA 2004/051 laboratorio di calcolo AA 2004/054 a cura di Domizia Orestano Dipartimento di...

  • Slide 1
  • Lab. Calc. AA 2004/051 laboratorio di calcolo AA 2004/054 a cura di Domizia Orestano Dipartimento di Fisica Stanza 159 - tel. (06 5517) 7281 www.fis.uniroma3.it/~orestano [email protected] UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE DIPARTIMENTO DI FISICA E. AMALDI
  • Slide 2
  • Lab. Calc. AA 2004/052 sommario Presentazione del corso, vostre domande, aspetti organizzativi Lezione introduttiva su cosa faccia e come sia fatto un calcolatore
  • Slide 3
  • Lab. Calc. AA 2004/053 Il corso di laboratorio di calcolo Vale 8 CFU (dei 60 di una annualit) ovvero circa 80 ore tra lezioni ed esercitazioni pi un p di lavoro individuale e di gruppo. Si dovrebbe svolgere al III periodo didattico ma... 80 ore in meno di 10 settimane ci costringerebbero talvolta ad andare in laboratorio 2 volte a settimana. Lesperienza degli anni passati mostra che non tutti gli studenti hanno familiarit col computer. Iniziare con qualche esercitazione al I periodo didattico ci consentir di individuare coloro che necessitano di maggiore supporto e di prevedere per loro qualche ora supplementare nel II periodo didattico. Inizio anticipato del corso!
  • Slide 4
  • Lab. Calc. AA 2004/054 Orario Nel primo periodo didattico sarete divisi in due classi di laboratorio, A e B (segnatevi sul foglio!) Venerd 8/10 lezione in aula. Dalle 11 alle 13:30. Venerd 15/10 e 22/10 esercitazione (con introduzione teorica) rispettivamente per il gruppo A ed il gruppo B sui sistemi operativi Windows e Linux. Dalle 9 alle 14! Venerd 29/10 e 5/11 laboratorio libero? Da confermare Venerd 12/11 e 19/11 compilazione di un programma. Dalle 9 alle 14! Venerd 26/11 e 3/12 laboratorio libero? Da confermare Circa 7 ore di lezione e 8 di esercitazione + laboratorio libero (1.4 CFU). Al III periodo faremo in media 7 ore a settimana (2 in aula e 5 in laboratorio).
  • Slide 5
  • Lab. Calc. AA 2004/055 Contenuti del corso Fusione dei corsi di Laboratorio di Calcolo I (5 CFU) e II (6 CFU): LC I Familiarizzazione con l'uso del Personal Computer, sia in ambiente Windows (utilizzato nell'ambito del corso di Misure Fisiche) che in ambiente Unix (useremo il sistema Linux) Acquisizione delle basi per la programmazione in linguaggio C++ (C) Acquisizione di alcuni dei principali metodi di soluzione numerica di problemi di integrazione LC II 1.Introduzione al linguaggio C++ e alla Programmazione ad Oggetti 2.Elementi di linguaggio UML 3.Elementi di strutture riutilizzabili
  • Slide 6
  • Lab. Calc. AA 2004/056 Materiale del corso Non seguiamo un testo di riferimento Si consiglia lacquisito di un manuale di C++ per consultazione Dispense e lucidi della lezione (nonch qualsiasi altra informazione relativa ad esercitazioni, orari, laboratorio libero etc...) saranno disponibili sul sito WEB http://www.fis.uniroma3.it/calcolatori http://www.fis.uniroma3.it/calcolatori
  • Slide 7
  • Lab. Calc. AA 2004/057 Valutazione LC I: frequenza obbligatoria, valutazione dei programmi realizzati in gruppo durante le esercitazioni, una prova individuale a fine corso, esame tradizionale per chi non raggiungeva la sufficienza. Ha funzionato bene. LC II: frequenza fortemente raccomandata, nessuna valutazione delle esercitazioni svolte, esame tradizionale con presentazione allorale di un progetto software (preparabile anche in gruppo). Ha funzionato molto bene per gli studenti pi grandi. Nuovo corso: le esercitazioni del I periodo didattico serviranno solo per fornirvi delle basi e per autovalutazione. Allinizio del III periodo sceglieremo (accetto suggerimenti) come effettuare la valutazione finale.
  • Slide 8
  • Lab. Calc. AA 2004/058 Laboratorio Il corso si basa sulle esercitazioni di laboratorio. La frequenza alle esercitazioni essenziale. Coloro che non potessero frequentare con regolarit le esercitazioni sono pregati di contattarmi al pi presto via e- mail o telefonicamente per concordare una soluzione. Il corso si presta ad essere fruito a distanza ma: bene che lattivit si svolga comunque in gruppo (contattandomi sarete messi in contatto con altri studenti in situazione analoga) importante che almeno uno dei membri del gruppo abbia qualche base in pi per agevolare il lavoro a casa o che abbia potuto partecipare alle prime esercitazioni Devono esserci frequenti scambi di informazioni con me o con la Dottoressa Buzzi che mi assiste.
  • Slide 9
  • Lab. Calc. AA 2004/059 Lezione introduttiva
  • Slide 10
  • Lab. Calc. AA 2004/0510 Come opera il calcolatore? Supponiamo di volere calcolare X, per uno o pi possibili valori di Y, in base all'espressione algebrica X = 5 + 0.2 x Y Riscriviamo questa espressione come X = 5 + 0.2 * Y (in tutti i linguaggi di programmazione l'operatore di moltiplicazione si indica col simbolo * per non confonderlo con la lettera x)
  • Slide 11
  • Lab. Calc. AA 2004/0511 Lespressione X = 5 + 0.2 * Y composta di due parti: 1.A destra troviamo tutte le informazioni necessarie per elaborare i dati noti, siano essi costanti (5, 0.2) o variabili (Y), ovvero una sequenza di operandi (i dati noti) e operatori (+,*) che costituisce la sequenza di ingresso (input); 2.A sinistra troviamo il risultato cercato (X) che dovr essere conservato e inviato in uscita (output).
  • Slide 12
  • Lab. Calc. AA 2004/0512 Calcolo di X = 5 + 0.2*Y sono necessari i seguenti passaggi: 1.Lettura dei possibili valori della variabile Y 2.Moltiplicazione di 0.2 per il valore assunto da Y 3.Memorizzazione del risultato di 0.2*Y 4.Somma della costante 5 al risultato precedente 5.Memorizzazione nella variabile X del risultato 6.Eventuale invio in uscita del valore assunto da X 7.Eventuale ripetizione della procedura per un altro valore di Y
  • Slide 13
  • Lab. Calc. AA 2004/0513 Funzioni essenziali Lettura (acquisizione dei dati, ovvero dei valori numerici e della successione di operatori da applicare) Calcolo (applicazione degli operatori ai dati nella successione predeterminata) Scrittura (memorizzazione e comunicazione del risultato)
  • Slide 14
  • Lab. Calc. AA 2004/0514 Gestione dell'informazione La lettura dei dati e delle istruzioni da opportune periferiche (tastiera, disco, nastro, linea di trasmissione...) avviene tramite i canali di input, che li trasferiscono in memoria, dove vengono conservati L'interpretazione dei dati e delle istruzioni e l'esecuzione del calcolo sono gestite dai circuiti logici e di calcolo dell'unit centrale (CPU) La comunicazione del risultato trasferito dalla CPU alla memoria, affidata ai canali di output, che lo trascrivono su opportune periferiche (terminale video, disco etc...)
  • Slide 15
  • Lab. Calc. AA 2004/0515 Hardware e Software L'insieme delle parti fisiche (meccanismi, elettromeccanismi, circuiti elettrici ed elettronici) che gestiscono l'informazione (periferiche, memorie, CPU), costituisce l'hardware del calcolatore; I dati, i programmi di gestione della macchina ed i programmi applicativi, non sono parte del calcolatore ma vi sono immessi di volta in volta, a seconda delle necessit e finalit. Questi costituiscono il software.
  • Slide 16
  • Lab. Calc. AA 2004/0516 Principali componenti hardware Processore Memoria Dispositivi di I/O (input/output) Canali di comunicazione
  • Slide 17
  • Lab. Calc. AA 2004/0517 Il processore In un sistema tipico c' un unico processore, la CPU (Central Processing Unit). La CPU la parte del sistema che esegue i programmi effettuando operazioni aritmetiche e logiche sui dati. Si tratta dell'unica componente del sistema in grado di produrre nuove informazioni combinando e modificando le informazioni esistenti.
  • Slide 18
  • Lab. Calc. AA 2004/0518 La memoria La memoria un componente passivo che si limita ad accumulare le informazioni fin tanto che non vengono richieste da altre parti del sistema (processore, dispositivi di I/O). Un'informazione in memoria acceduta mediante il suo indirizzo. Possiamo visualizzare la memoria come un vettore M: una richiesta del processore alla memoria pu essere ad esempio "mandami l'informazione dalla locazione M[1000]" la richiesta del controller di un disco invece potrebbe essere "copia questo blocco di dati dalla locazione M[0] alla locazione M[256]"
  • Slide 19
  • Lab. Calc. AA 2004/0519 I dispositivi di I/O I dispositivi di I/O trasferiscono l'informazione, senza alterarla, tra il mondo esterno ed una o pi componenti interne. Possono essere memorie secondarie (dischi, nastri...) o dispositivi per comunicare direttamente con l'utente (schermo, tastiera, mouse...).
  • Slide 20
  • Lab. Calc. AA 2004/0520 I canali di comunicazione I canali di comunicazione tra le diverse parti del sistema possono essere semplici collegamenti tra due dispositivi o interruttori (switch) che interconnettono varie componenti, permettendo per solo la comunicazione di due di loro per volta. Nei Personal Computer di solito c' un unico canale di comunicazione (bus) che collega tra di loro tutte le componenti principali del sistema. Si tratta di uno switch e quindi, per esempio, quando questo configurato per un trasferimento di I/O non permette al processore di accedere la memoria, rallentandone l'operazione.
  • Slide 21
  • Lab. Calc. AA 2004/0521 Operazioni del processore (1) Un processore opera mediante un ciclo di caricamento- decodifica-esecuzione delle istruzioni. Nella prima fase del ciclo il processore legge dal registro di memoria PC (Program Counter) l'indirizzo dell'istruzione da caricare e incrementa il contenuto di PC. Nella fase di decodifica il processore salva l'informazione recuperata dalla memoria, un'istruzione in linguaggio macchina codificata in un numero binario, in un altro registro: IR (Instruction Register). Infine il processore esegue l'istruzione contenuta in IR.
  • Slide 22
  • Lab. Calc. AA 2004/0522 Operazioni del processore (2) La fase di esecuzione pu richiedere ulteriori accessi alla memoria, per caricare e/o salvare dati. Alla fine di questa fase il processore ripete il ciclo caricando l'istruzione successiva. Le istruzioni possono essere di tre tipi: Operazioni logico-aritmetiche Trasferimenti di dati Controllo Le istruzioni di controllo modificano l'ordine di esecuzione delle altre istruzioni agendo sugli indirizzi contenuti nel registro PC.
  • Slide 23
  • Lab. Calc. AA 2004/0523 Tempo di esecuzione (1) Il tempo necessario per caricare-decodificare-eseguire un'istruzione dipende dal processore e dalla complessit dell'istruzione. L'unit di misura elementare del tempo il ciclo di clock: la logica che dirige le operazioni del processore controllata da un circuito esterno che genera un'onda quadra con un periodo fissato.
  • Slide 24
  • Lab. Calc. AA 2004/0524 Tempo di esecuzione (2) Il tempo di esecuzione di un'istruzione dipender quindi dal numero di cicli di clock necessari per essa (e dalla frequenza del clock). Il tempo di processamento dipende per anche dalla velocit di accesso alla memoria ovvero da come questa organizzata e dalla velocit di comunicazione.
  • Slide 25
  • Lab. Calc. AA 2004/0525 Le memorie Una memoria caratterizzata dalla sua funzione, dalle sue dimensioni e dal suo tempo di risposta. Le operazioni effettuabili su una memoria sono operazioni di lettura o di scrittura: Memorie che consentano entrambe le operazioni sono dette RAM (Random Access Memory). Memorie accessibili solo in lettura sono dette ROM (Read Only Memory) o PROM (Programmable Read Only Memory) a seconda che siano scritte dal costruttore o in una programmazione successiva.
  • Slide 26
  • Lab. Calc. AA 2004/0526 Dimensioni delle memorie L'unit elementare di informazione il bit (b), che pu assumere due soli valori. La capacit di un chip di memoria viene generalmente indicata in bit, quella di tutta la memoria del sistema in byte (B) o parole, corrispondenti a 8 bit. Le memorie dei sistemi attuali vanno da varie decine di milioni di byte (MB) a svariati miliardi di byte (GB).
  • Slide 27
  • Lab. Calc. AA 2004/0527 Prestazioni delle memorie Le prestazioni di un sistema di memorie sono definite mediante due misure: Il tempo di accesso vero e proprio, determinato principalmente dall'organizzazione dei chip usati, ma anche dalla ricerca dell'informazioni sui vari chip e dalle prestazioni del bus Il tempo minimo che deve intercorrere tra due richieste successive, generalmente superiore al tempo di accesso.
  • Slide 28
  • Lab. Calc. AA 2004/0528 Organizzazione di un sistema di memorie Anche se la RAM pu essere acceduta in un ordine qualsiasi, si osserva che tanto le istruzioni di un programma quanto i dati acceduti sono generalmente raggruppati un una stessa area di memoria. Ci permette di organizzare la memoria ad albero, ponendo poche memorie molto veloci vicino al processore (cache) ed effettuando traferimenti di blocchi di dati dalle memorie pi lente alla cache ogni qualvolta il dato richiesto non sia disponibile nella cache.
  • Slide 29
  • Lab. Calc. AA 2004/0529 Comunicazioni sul bus La comunicazione su un bus avviene mediante transazioni discrete. Ogni transazione ha un trasmettitore ed un ricettore. Per iniziare una transazione un modulo del sistema (CPU, controller di un disco...) deve acquisire almeno temporaneamente il controllo del bus. Sono quindi necessari dei protocolli di arbitraggio che consentano ai vari dispositivi di accordarsi su chi debba avere il controllo per primo.
  • Slide 30
  • Lab. Calc. AA 2004/0530 Prestazioni di un bus Le prestazioni du un bus sono caratterizzate da due quantit: Il tempo di trasmissione, ovvero il ritardo tra l'invio e la ricezione dell'informazione. La larghezza di banda, ovvero la quantit di informazioni che possono essere trasmesse nell'unit di tempo (unit di misura: bits per second, bps). Questa dipende dal numero di bit trasmissibili in parallelo in una transazione e dal numero di transazioni effettuabili nell'unit di tempo.