GALLERIA Hans Hartung - Carlo .musica del silenzio, eseguono la partitura dell’aria, interpretano

download GALLERIA Hans Hartung - Carlo .musica del silenzio, eseguono la partitura dell’aria, interpretano

of 92

  • date post

    16-Feb-2019
  • Category

    Documents

  • view

    212
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of GALLERIA Hans Hartung - Carlo .musica del silenzio, eseguono la partitura dell’aria, interpretano

1

Ha

ns

Ha

rtu

ng

O

pe

re s

ce

lte 1

947

- 198

8 G

ALL

ERIA

REP

ETTO

Via Giovanni Amendola, 2315011 Acqui Terme (AL) - ItaliaTel. +39 0144 325318Fax +39 0144 326404info@galleriarepetto.comwww.galleriarepetto.com

Hans HartungOpere scelte 1947 - 1988

Mostre principali - Main exhibitions:

Dennis Oppenheim mag - giu 2007

Christo e Jeanne-Claude set - nov 2007

Daniele De Lonti nov - dic 2007

XXL XXS, extra small-extra large dic 07 - gen 2008

Jiri Kolar mar - apr 2008

Sam Francis set - nov 2008

United Colors of The World dic 08 - gen 2009

Arnulf Rainer apr - giu 2009

Il canto della terra, Land art horizons set - nov 2009

Da Mir a Paolini, 50 anni di collage mag - lug 2010

Fausto Melotti, Langelo necessario set - nov 2010

Tribute to Ansel Adams mag - giu 2011

Agostino Bonalumi, dal colore la forma set - nov 2011

2

Hans HartungOpere scelte 1947 - 1988

Mostra a cura di - Exhibition byLeonardo FarsettiCarlo RepettoGiulio Tega

Catalogo a cura di - Catalogue byPaolo Repetto e Michela Zerrilli

Testi di - Texts byPaolo RepettoChiara Stefani

Schede tecniche e biografia a cura di Specifications and biography cured byElisa Morello Silvia Petrioli Chiara Stefani

Crediti fotografici - Photograph creditsIndustrialfoto, FirenzeDaniele De Lonti, Milano

Traduzioni di - Translations by:Fay Ledvinka

Grazie a - Thanks to:Fondation Hans Hartung et Anna-Eva Bergman, Antibes, per lautorizzazione alla pubblicazione delle fotografie di HartungCambi Aste, GenovaAndrea Ricci, Acqui Terme

Hans HartungOpere scelte 1947 - 1988

12 maggio - 30 giugno 2012 17 settembre - 28 ottobre 201216 marzo - 28 aprile 2012

Via Amendola, 23 Acqui Terme (AL)

telefono +39 0144 325318www.galleriarepetto.cominfo@galleriarepetto.com

Via Senato, 20 Milano

tel +39 02 276006473www.galleriatega.itinfo@galleriatega.it

Lung.no Guicciardini, 21/23 Firenze

telefono +39 055 210107www.galleriafredianofarsetti.itinfo@galleriafredianofarsetti.it

Hans HartungOpere scelte 1947 - 1988

Indice / Index

I colori degli astri / The colours of the stars p. 6Paolo Repetto

Ce que jaime, cest agir sur la toile p. 20Chiara Stefani

Opere / Works p. 27

Apparati / Apparatuses p. 79

8

I colori degli astri

E il fulmine che al timone delluniverso.

Eraclito

Sopra lo smalto nero del cielo, remoti e amichevoli fuochi brilla-no con continuit e distacco e grazia. Ai confini tra linfinitamente grande e linfinitamente piccolo, il macrocosmo ed il microcosmo, lastrazione e la figurazione in un fitto dialogo in cui i due termini si intrecciano e si confondono il nero della notte ed il bianco delle stelle, come una tastiera rovesciata ed infinita, suonano la musica del silenzio, eseguono la partitura dellaria, interpretano gli sconfinati motivi dello spazio e del tempo. Lo spazio senza limiti di un universo che non conosciamo. Il tempo senza misura di un mondo che spesso non comprendiamo. Tra gli enigmi del cosmo non delimitabile e le gioie del piccolo mondo; tra la figurazione (il disegno di ci che conosciamo) e lastrazione (la delimitazione di ci che non conosciamo), un uomo, una coscienza, un artista, os-serva il cielo stellato. Quei lontanissimi astri ai confini dello spazio, quei radiosi soli alle estremit delluniverso, pur essendo enormi ed estremamente complessi, ci appaiono come semplici puntini luminosi: come un vasto brulichio di allegri diamanti: come la feli-ce brillantina dispersa per ogni dove da un dio bambino, genero-so e distratto. Immobile, rarefatta nevicata. Sterminato, metafisico lampadario. La Regina della Notte ha forse abbandonato tutti i suoi gioielli disperdendoli al vento del cielo? Le galassie appaiono come fulgide ali roteanti; filamenti dargento sostengono e crea-no improbabili figure, remote connessioni dimmagini e di presen-ze. Fuochi come lapilli; intermittenti festoni come coriandoli di un morbido alluminio. Iridescenze di marmo e di ghiaccio. Esigui e ciclopici fari orditi in un rarefatto manto di seta e cristallo. E se le stelle fossero gli infiniti occhi di Dio, Colui che tutto vede e che tutto ascolta? La luce e lombra, il bianco ed il nero, il pieno ed il vuoto. Fin da bambino, Hans Hartung fu affascinato dal mistero del cielo, dai fuochi delle stelle, dalle imponderabili energie del co-smo. Accudito da una nonna terrorizzata dai temporali, quando aveva appena sei anni, egli ebbe la prima rivelazione della luce: la luce come fulmine, la luce come enigmatica scarica elettri-ca, la luce che esplode dal grembo delle tenebre, la luce come misteriosa ed occulta energia cosmica. Reagendo al terrore del temporale trasmessogli da una nonna eccessivamente paurosa, Hartung bambino ha il coraggio di sfuggire dal corridoio di casa dove venivano rifugiati, ha la forza di ritornare nella sua camera e di spalancare una finestra per affrontare direttamente limmensa energia di questa forza celeste. Attraverso il disegno - come se-

Hartung bambino al telescopio, Dresda, 1916

9

The colours of the stars

The Lighting steers the universe

Eraclito

Beyond the skys black varnish, remote and friendly flames burn

and sparkle with continuity, detachment and grace. At the border

between infinitely big and infinitely small, macrocosm and micro-

cosm, abstraction and figuration in a sharp dialogue where the

two opposites entangle and merge into one another the black

of the night and the white of the stars, as in a reversed and infinite

keyboard, they play the music of silence, executing the score of

the air, interpreting the unbounded tunes of space and time. Spa-

ce with no boundaries, of a universe which we do not know. The

immeasurable time of a world which, too often, we do not under-

stand. Among the enigmas of the cosmos, impossible to delimit,

and the joys of the small world, between figuration (the design of

what we know) and abstraction (the delimitation of what we do

not know), man, conscience, artist, staring at the starry sky. Those

faraway luminaries along the universes boundaries, though enor-

mous and extremely complex, appear to us, tiny luminous dots:

like a vast swarming of happy diamonds: like happy glitters disper-

sed by a child God, generous and distracted. Still, rarefied snow-

fall. Endless metaphysical chandelier. The Queen of the Night has

perhaps abandoned all her jewels, dispersing them into the wind

of the sky? Galaxies appear like luminous whirling wings, silver thre-

ads sustain and create improbable figures, remote connections

of images and presences. Fires like lapillus, flashing festoons like

confetti of soft aluminium. Marble and ice iridescences. Exiguous

and cyclopean light webbed in a rarefied mantel of crystal and

silk. What if stars were Gods infinite eyes, He whom everything

sees and everything hears? Light and shade, black and white,

full and void.

Since childhood, Hans Hartung was fascinated by the mystery

of the sky, the fires of the stars, the imponderable energies of the

cosmos. Cuddled by his grandmother, terrified by storms, when he

was only six years old, he experienced his first revelation of light:

light as lighting, light as enigmatic electrical discharge, light ex-

ploding from the bosom of darkness, light as mysterious and oc-

cult cosmic energy. Reacting to the fear transmitted to him by a

far too scared grandmother, Hartung child was brave enough to

escape from the corridor where they took refuge, run to his bedro-

om and open the window to face directly the immense energy of Foto di Hartung, Lampo, 1966

10

gno, gesto, terapia, colore - egli ne riproduce e trasfigura il fascino, la forza, il mistero, la sovrana luce che spacca il suo guscio di tenebra. Da allora, il cosmo, il cielo stellato, limmensa volta ce-leste, divenne il tema centrale della sua ricerca artistica. Ma a fronte di questa grandiosa, imperscrutabile cosmologia, Hartung ha sempre operato per unarte sintetica ed essenziale. Amava molto il pensiero scabro e fulmineo di Eraclito, i suoi aforismi che sincidono nella nostra mente e nel nostro corpo come cicatrici in forma di ideogramma (Manganelli): Il dio giorno e notte, inverno estate, guerra pace, saziet fame. Immortali mortali, mor-tali immortali: viventi la morte di quelli, morenti la vita di questi. Nello stesso fiume entriamo e non entriamo, siamo e non siamo. I confini dellanima vai e non li trovi, anche a percorrere tutte le strade: cos profondo il Discorso che essa comporta. Il tempo un bimbo che gioca, con le tessere duna scacchiera: di un bim-bo il regno. E amava molto unantica storia della Cina arcaica: la leggenda del pittore, un grande artista al quale limperatore aveva chiesto un importante quadro per glorificare la vittoriosa battaglia contro il nemico. Ma i mesi passavano, e non avendo pi notizie del suo lavoro, limperatore cominci a spazientirsi. Cos lo fece chiamare: il pittore si present con un grande schizzo: una tela con tre sole linee. La collera dellimperatore fu grande, ma dopo breve esitazione si convinse che lartista avesse bisogno di pi tempo. Passarono ancora giorni, mesi, anni. Poi limperatore fece richiamare il pittore: egli apparve con una grande tela, ora non pi con tre, ma con solo due linee.Limperatore cred