CROCE ROSSA ITALIANA - win. E0%20didattica%20A9... · PDF fileCROCE ROSSA ITALIANA...

Click here to load reader

  • date post

    18-Feb-2019
  • Category

    Documents

  • view

    214
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of CROCE ROSSA ITALIANA - win. E0%20didattica%20A9... · PDF fileCROCE ROSSA ITALIANA...

CORSO ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO

Rimini, 16 gennaio 2007

CROCE ROSSA ITALIANAISPETTORATO NAZIONALE V.d.S.

Relatori V.d.S. Pierluigi Rosetti

V.d.S. Emanuela Buccheri

STRUTTURA ED ORDINAMENTODELLA CROCE ROSSA ITALIANA

STRUTTURA, ATTIVITA, FUNZIONAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO

q Fondata il 15 giugno 1864q Dotata di personalit giuridica di diritto pubblico, ha durata

illimitata e sede legale in Roma; il suo scioglimento pu esseredeterminato solo per legge

q Ha per emblema una croce rossa su fondo bianco, ai sensi delle quattro Convenzioni di Ginevra del 1949, e successive modificazioni ed integrazioni. In caso di uso illecito del nome e dell'emblema di Croce Rossa, si applicano le sanzioni previste dalla legge

q Celebra ogni anno la giornata mondiale di Croce Rossa l'8 maggioe l'anniversario della sua fondazione il 15 giugno

q La vigilanza sulla Croce Rossa Italiana e' esercitata dal Ministero della salute

STATUTO C.R.I.DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 6 maggio 2005 n.97

PRINCIPI FONDAMENTALI UMANIT: la Croce Rossa si adopera per prevenire e lenire in ogni circostanza le

sofferenze degli uomini, per far rispettare la persona umana e proteggerne la vita e la salute; favorisce la comprensione reciproca, l'amicizia, la cooperazione e la pace duratura fra tutti i popoli

IMPARZIALIT: la Croce Rossa opera senza distinzione di nazionalit, di razze, di religione, di condizione sociale e di appartenenza politica

NEUTRALIT: la Croce Rossa si astiene dal partecipare alle ostilit di qualsiasi genere e alle controversie di ordine politico, razziale e religioso

INDIPENDENZA: la Croce Rossa svolge in forma indipendente e autonoma le proprie attivit in aderenza ai suoi principi, ausiliaria dei poteri pubblici nelle attivit umanitarie ed sottoposta solo alle leggi dello Stato ed alle norme internazionali che la riguardano

VOLONTARIET: la Croce Rossa un'istituzione di soccorso, disinteressata e basata sul principio volontaristico

UNIT: nel territorio nazionale non vi pu essere che una sola associazione di Croce Rossa aperta a tutti

UNIVERSALITA': la Croce Rossa Italiana partecipa al carattere di istituzione universale della Croce Rossa, in seno alla quale tutte le societ nazionali hanno uguali diritti e il dovere di aiutarsi reciprocamente

SOCI C.R.I.n I Soci della Croce Rossa Italiana si distinguono in:

SOCI ORDINARI: coloro che, manifestando adesione ai principi fondamentali di Croce Rossa ed allo statuto, versano laquota sociale annuale

SOCI ATTIVI: coloro i quali si impegnano a svolgere gratuitamente, in maniera organizzata e con carattere continuativo, conformemente ai regolamenti interni di ciascuna componente, un'attivit in favore della Croce Rossa Italiana, oltre al versamento della quota annuale

SOCI BENEMERITI: persone fisiche o giuridiche che si siano distinte per particolari prestazioni o elargizioni in favore della Croce Rossa Italiana

SOCI ONORARI: persone fisiche o giuridiche che si siano distinte per eccezionali meriti in campo socio-sanitario o umanitario

SOCI ATTIVIRientrano nella categoria dei soci attivi gli appartenenti ai seguenti organismi volontaristici della Croce Rossa Italiana, purch in REGOLA con il VERSAMENTO DELLE QUOTE ASSOCIATIVE:

CORPO MILITARE (R.D. 10 febbraio n.484 del 1936) CORPO INFERMIERE VOLONTARIE ( R.D. 18 maggio 1942 n.91) VOLONTARI DEL SOCCORSO COMITATO NAZIONALE FEMMINILE PIONIERI DONATORI DI SANGUE

Il Corpo Militare della Croce Rossa Italiana ed il Corpo delle Infermiere Volontarie sono corpi ausiliari delle Forze armate dipendono direttamente dal presidente nazionale dell'Associazione Ministero della Difesa

O.C. n. 362/05 del 1/07/05REGOLAMENTO PER

L'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE

COMPONENTI VOLONTARISTICHE

DELLA CROCE ROSSA ITALIANA

ARTICOLAZIONE TERRITORIALE

COMITATO CENTRALE

COMITATO REGIONALE

COMITATO REGIONALE

COMITATO REGIONALE

COMITATOPROVINCIALE

COMITATOPROVINCIALE

COMITATOPROVINCIALE

COMITATOPROVINCIALE

COMITATOPROVINCIALE

COMITATOLOCALE

COMITATOLOCALE

COMITATOLOCALE

COMITATO CENTRALE

n Ha sede in Roma n COMPITI:

indirizza, promuove e coordina lattivit a livello nazionale e internazionale

amministra il patrimonio esercita funzioni in materia associativa vigila sui comitati regionali

n ORGANI: ASSEMBLEA NAZIONALE CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE IL PRESIDENTE NAZIONALE COLLEGIO UNICO DEI REVISORI DEI CONTI

COMITATO REGIONALE

n COMPITI: svolge i compiti in materia associativa (indicati da leggi e

statuto) indirizzo e vigilanza dell'attivit della Croce Rossa nel territorio

della regione coordinamento dell'attivit dei rispettivi comitati provinciali

n ORGANI: ASSEMBLEA REGIONALE CONSIGLIO DIRETTIVO REGIONALE PRESIDENTE REGIONALE

COMITATO PROVINCIALE

n COMPITI: promuove e svolge le attivit della Croce Rossa Italiana

nell'ambito della Provincia coordina e controlla le attivit dei comitati locali nel loro

territorio di competenza i compiti operativi sono affidati al consiglio direttivo provinciale

che pu delegarli ad un funzionario amministrativodelegarli ad un funzionario amministrativo

n ORGANI: ASSEMBLEA PROVINCIALE CONSIGLIO DIRETTIVO PROVINCIALE PRESIDENTE PROVINCIALE

n COSTITUITA: delegati eletti dalle assemblee dei comitati locali della provincia (1

a 50) sei membri di diritto rappresentati dagli organi di vertice

provinciale delle componenti volontaristiche della Croce Rossa Italiana

n ATTIVITA: elegge il presidente provinciale nel proprio seno elegge i sei membri elettivi del consiglio direttivo provinciale fra i

propri componenti elabora le linee generali di sviluppo dell'attivit del comitato

provinciale dell'associazione approva il bilancio di previsione e le relative variazioni, il conto

consuntivo e la relazione annuale sull'attivit svolta predisposti dal consiglio direttivo provinciale

ASSEMBLEA PROVINCIALE

n COSTITUITO: presidente provinciale membri soci attivi della Croce Rossa Italiana:

n 6 elettivi, designati dall'assemblea provinciale fra i propri componentin i vertici provinciali delle componenti volontaristiche

n ATTIVITA: nomina tra i propri componenti il vice presidente provinciale delibera in merito ai programmi ed ai piani di attivit e indica le priorit e

gli obiettivi strategici propone un proprio bilancio di previsione, le relative variazioni, il conto

consuntivo e la relazione annuale sull'attivit svolta da sottoporre all'approvazione dell'assemblea provinciale

propone al consiglio direttivo nazionale la costituzione e lo scioglimento dei comitati locali

vigila sull'andamento dell'attivit dell'Associazione in ambito provinciale e sull'attivit dei comitati locali, verificando la rispondenza alle esigenze locali ed alla programmazione nazionale e regionale, riferendone al Comitato regionale

CONSIGLIO DIRETTIVO PROVINCIALE

PRESIDENTE PROVINCIALE eletto dall'assemblea provinciale nel proprio seno assume la funzione di presidente dell'assemblea provinciale assume la funzione di presidente del consiglio direttivo provinciale dura in carica quattro anni ed e' rieleggibile per non pi di una volta

consecutivamente convoca e presiede le adunanze del CONSIGLIO DIRETTIVO provinciale e

cura i rapporti con le autorit provinciali (in caso di assenza od impedimento del presidente, il vice presidente ne assume le funzioni)

ASSEMBLEA PROVINCIALE

PRESIDENTE PROVINCIALE

CONSIGLIO DIRETTIVO

PROVINCIALEElegge al proprio interno

CONVOC

A

PRESIE

DE

n COMPITI: operano con autonomia organizzativa ed amministrativa nell'ambito

del coordinamento dei comitati provinciali i compiti operativi sono affidati al consiglio direttivo locale che pu

delegarli ad un funzionario amministrativo istituzione dei comitati locali e' disposta dal consiglio direttivo

nazionale, su proposta del consiglio direttivo provinciale

n ORGANI: ASSEMBLEA LOCALE CONSIGLIO DIRETTIVO LOCALE PRESIDENTE LOCALE

COMITATO LOCALE

REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE COMPONENTI

VOLONTARISTICHE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA

REGOLAMENTO UNICO PER LE COMPONENTI CIVILIVolontari del Soccorso, Pionieri, Comitato Nazionale

Femminile, Donatori di Sangue

n PARTE GENERALE COMUNE composta da: DISPOSIZIONI GENERALI ORDINAMENTO DELLE COMPONENTI NORME ELETTORALI

n PARTE SPECIALE ove sono indicate le attivit specifiche di ogni singola Componente

OGGETTO DEL REGOLAMENTOart.1

n Regolamento DISCIPLINA, (in armonia con le disposizioni dello Statuto dell'Associazione della Croce Rossa Italiana e delle leggi vigenti):

n l'ACCESSOn l'ORGANIZZAZIONEn l'ORDINAMENTOn lATTIVIT

dei soci attivi della Croce Rossa Italiana

ORDINAMENTO COMPONENTE

ISPETTORE NAZIONALE

ISPETTORE REGIONALE

ISPETTORE REGIONALE

ISPETTORE REGIONALE

ISPETTOREPROVINCIALE

ISPETTOREPROVINCIALE

ISPETTOREPROVINCIALE

ISPETTORE DI GRUPPO

ISPETTORE DI GRUPPO

3 VICE ISP. NAZIONALE

2 VICE ISP. DI GRUPPO

2 VICE ISP. DI GRUPPO

ISPETTORE DI GRUPPO

2 VICE ISP. DI GRUPPO

SOCI ATTIVIart.2

n I SOCI ATTIVI della Croce Rossa Italiana, (denominati Volontari C.R.I.) svolgono a titolo gratuito unattivit:

n materiale n intellettuale