ZZZ LOJLRUQR LW OHFFR F NBJM SFEB[JPOF …poiquandosonopiù grandievoglionoaccoppiarsitornanoin...

of 10/10
Domenica 9 settembre 2018 Redazione: via Carlo Porta, 23/25 - 23900 Lecco - Tel. 0341 363172 - via Petrarca, 31 - 22100 Como - Tel. 031 305538 · Pubblicità: SPM - Lecco - Tel. 0341 357400 - Fax 0341 364339, e-mail : sportelo.lecco @ spm.it · Pubblicità: SpeeD - Como - Tel. 031 3100885 - Fax 031 3108763, e-mail : spe.como @ speweb.it · Servizio al8interno Maria Ferloni della Provincia: «Negli ultimi tre anni sono passati in Valtellina più di venti animali, undici li abbiamo tracciati geneticamente. Si tratta in tutti casi di maschi giovani provenienti dal Trentino, dove 18 anni fa è nato il progetto “Life ursus”». · Servizio al8interno BROGGIO · Al8interno Albosaggia Scappa in Germania per non finire in galera Giovane arrestato Quartier generale della festa lo stabilimento di via Parodi 57, che ha aperto le porte ai tantissimi fan svelando luoghi carichi di fascino dove si è scritta e si scrive tuttora la storia del marchio. Per l’occasione è stata presentata la V85 TT, l’ultima nata nella casa dell’Aquila. Schianto nella notte, s L?8orso fa ancora danni a Mar Sondrio CANALI · Al8interno Lecco Davanti al liceo Grassi il ricordo di don Ticozzi prete partigiano Chiavenna Chiavenna è la Casa è la Casa delle eccelle delle eccelle Prima i raid sul versante retico, ora l8animale è ar a Spriana in Valmalenco colpendo un apiario Gli esperti invitano gli apicoltori a instalare reci ZAMBON · Al8interno L’incidente si è verificato alle 3 della notte tra venerdì e ieri. Le vittime sono Alfonso Tolone, 19 anni di Fino Mornasco, che era alla guida della sua macchina. Michele Duchino 20 anni e Alexander Solovyev, 21 anni, entrambi di Guanzate. Un quarto amico, 21 anni anche lui di Guanzate, è stato estratto quasi illeso. PIOPPI · Al8interno Como Guzzi day a Mandello: ed è spet Lecco E r b a p r e m i a i s u o i c i t t a d i n i E u f e m i n o p o s t u m o a C a r l o C a s t a g n a · Servizio al8interno Migliaia di appassionati sono giunti da tutto il m e hanno invaso la cittadina del lago per il 97esimo Motoraduno del8Aquila che si concluderà oggi Tre ragazzi tra i 19 e i 21 anni hanno Dopo una serata a Cadorago l8auto s si è ribaltata diverse volte ed è fin PEREGO · Al8interno PANZERI · Al8interno T e m p o d i v e n d e m m i a s u l l e c o l l i n e b r i a n z o l e Como «Il cantiere del tesoro potrebbe svelare ancora molto altro» 0
  • date post

    16-Jul-2019
  • Category

    Documents

  • view

    213
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of ZZZ LOJLRUQR LW OHFFR F NBJM SFEB[JPOF …poiquandosonopiù grandievoglionoaccoppiarsitornanoin...

  • Lecco Como Sondriowww.ilgiorno.it/lecco - e-mail: [email protected] www.ilgiorno.it/como - e-mail: [email protected] www.ilgiorno.it/sondrio - e-mail: [email protected]

    Lecco Como Sondriowww.ilgiorno.it/lecco - e-mail: [email protected] www.ilgiorno.it/como - e-mail: [email protected] www.ilgiorno.it/sondrio - e-mail: [email protected]

    Domenica 9 settembre 2018Redazione: via Carlo Porta, 23/25 - 23900 Lecco - Tel. 0341 363172 - via Petrarca, 31 - 22100 Como - Tel. 031 305538 Pubblicit: SPM - Lecco - Tel. 0341 357400 - Fax 0341 364339, e-mail: [email protected] Pubblicit: SpeeD - Como - Tel. 031 3100885 - Fax 031 3108763, e-mail: [email protected]

    Servizio allinterno

    Maria Ferloni della Provincia: Negli ultimi treanni sono passati in Valtellina pi di ventianimali, undici li abbiamo tracciatigeneticamente. Si tratta in tutti casi di maschigiovani provenienti dal Trentino, dove 18 anni fa nato il progetto Life ursus.

    Servizio allinterno

    BROGGIO Allinterno

    AlbosaggiaScappa inGermaniaper non finire in galeraGiovane arrestato

    Quartier generale della festa lo stabilimentodi via Parodi 57, che ha aperto le porteai tantissimi fan svelando luoghi carichidi fascino dove si scritta e si scrivetuttora la storia del marchio.Per loccasione stata presentata la V85 TT,lultima nata nella casa dellAquila.

    Schianto nella notte, strage di ventenni

    Lorso fa ancora danni aMarveggiaSondrio

    CANALI Allinterno

    LeccoDavanti al liceoGrassiil ricordo di donTicozziprete partigiano

    ChiavennaChiavenna la Casa la Casadelle eccellenzedelle eccellenze

    Prima i raid sul versante retico, ora lanimale arrivatoa Spriana in Valmalenco colpendo un apiarioGli esperti invitano gli apicoltori a installare recinzioni

    ZAMBON Allinterno

    Lincidente si verificato alle 3 della nottetra venerd e ieri. Le vittime sono AlfonsoTolone, 19 anni di Fino Mornasco, che era allaguida della sua macchina. Michele Duchino20 anni e Alexander Solovyev, 21 anni, entrambidi Guanzate. Un quarto amico, 21 anni anche luidi Guanzate, stato estratto quasi illeso.

    PIOPPI Allinterno

    Como

    Guzzi day aMandello: ed spettacoloLecco

    EErrbbaa pprreemmiiaa ii ssuuooii cciittttaaddiinniiEEuuffeemmiinnoo ppoossttuummooaa CCaarrlloo CCaassttaaggnnaa

    Servizio allinterno

    Migliaia di appassionati sono giunti da tutto il mondoe hanno invaso la cittadina del lago per il 97esimoMotoraduno dellAquila che si concluder oggi

    Tre ragazzi tra i 19 e i 21 anni hanno perso la vita a GuanzateDopo una serata a Cadorago lauto sulla quale viaggiavanosi ribaltata diverse volte ed finita contro un muro

    PEREGO AllinternoPANZERI Allinterno

    TTeemmppoo ddii vveennddeemmmmiiaassuullllee ccoolllliinnee bbrriiaannzzoollee

    ComoIl cantiere del tesoropotrebbe svelareancoramolto altro

    0

  • 2 DOMENICA 9 SETTEMBRE 2018

    Leccowww.ilgiorno.it/leccoe-mail: [email protected]

    Leccowww.ilgiorno.it/leccoe-mail: [email protected]

    Redazione: via Carlo Porta, 23/25 - 23900 Lecco - Tel. 0341 363172 Pubblicit: SPM - Lecco - Tel. 0341 357400 - Fax 0341 364339, e-mail: [email protected]

    di SERGIO PEREGO MONTEVECCHIA

    GI TEMPO di vendemmiasulle colline di Montevecchia e icommenti dei vignaioli sono gipositivi. La qualit del 2018 buona, assicura Claudia Crippa,woman-wine di Cascina Costa,prima a scendere in vigna sui ter-ramenti della Galbusera Nera.Abbiamo raccolto le bianche,Riesling e Chardonnais, che di-venteranno il Solesta e gli spu-manti - precisa Crippa, che an-che presidente del Consorzio viniTerre Lariane -, i grappoli sonocompatti e con la giusta gradazio-ne di zuccheri.

    LA STAGIONE stata perfet-ta. A luglio gran caldo con pioggela notte che hanno reso pi inten-si i profumi. Nessuna grandinata.Quanto allemalattie, unpo di fla-

    vescenza c sempre, ma nulla dipreoccupante. In questo fine setti-mana abbiamo cominciato a rac-cogliere le nerementre per ilMer-lot aspetteremo la fine din questomesedi settembre.La grossanovi-t di questanno stato il conferi-mentodavvero numeroso alla can-tina sociale (ex Rovagnate, ndr)che abbiamo finito di restaurare.

    DEI 19 PRODUTTORI delmarchioTerreLariane, bendodi-ci hanno portato qui luva. Tra lo-ro oltre ai vignaioli del Parco delCurone, i Montecchio di Colico, iConcordia di Fino Mornasco e iFettorazzi di Perledo, noti per lot-timo olio. Aldo Ghezzi della Te-nuta Valcurone, versante sud diMontevecchia, invece spiega chenella sua azienda inizier a ven-demmiare a partire da domani.La stagione stata ottima concaldo e pioggia che assicurano

    unamaturazione perfetta. La qua-lit del 2018 davvero buona. Co-minceremo con le bianche. Per lenere aspetteremo ottobre, perchi nostri rossi sono ben strutturati.Quanto alla flavescenza, un po dicicaline si nascondono sempre tra

    i boschi. Difficile debellarla, macon i due trattamenti di giugnosiamo riusciti almeno a tenerlasotto controllo.

    IL TEMPO questanno ci hadavvero graziato - aggiunge un al-tro produttore, Mario Ghezzi chegestisce le Terrazze di Montevec-chia, in viaAltaCollina -.Dueme-

    si fa hopiantato ottomila barbatel-li (nuovi vitigni, ndr). Finalmentei nostri vini cominciano ad essereapprezzati. Il settore si dimostrain continua crescita, i ristoratoricominciano a richiedere i vini lo-cali e cos anche i produttori silanciano negli investimenti.

    VENTANNI FA, nel tempoche io chiamo dellAmerica - rac-conta ancora il titolare delle Ter-razze di Montevecchia - avevo ac-quistato 13mila metri di terrenoincolto sotto il santuario dellaMa-donna del Carmelo. rimasto alungo semi abbandonato. Adessolo stiamo ripulendo. Ci piantere-mo un vigneto conmille piantinedi Merlot e duecento ulivi. Fare-moquello che vorremmo chiama-re lolio della Madonna. Perch sotto il santuario, ma sono certoanche della qualit che otterre-mo.

    RIPRODUZIONE RISERVATA

    Tempodi vendemmia inBrianzaAMontevecchia i produttori si attendono unannata di buona qualit

    UN SETTORE CHE TIRASuun terreno acquistatoanni fa mettermille piantinediMerlot e duecento ulivi

    LECCO Famiglia soccorsa sulla parete del Medale

    CERNUSCO

    Accusato di rapinaallEmpireLimputato:Noncentro

    LECCO

    RICORDATA la figura di don Giovanni Ti-cozzi e dei valori che ha trasmesso durante glianni da partigiano prima e di insegnamento aLecco. Ieri mattina si svolta la doppia ceri-monia a Lecco e la professoressa Patrizia Co-lombo e i ragazzi della media Don Ticozzi diLecco hanno lanciato un messaggio forte: Ivalori della libert e della democrazia si con-cretizzinonel rispetto verso tutti, che purtrop-po ancora oggi non trova lo spazio adeguato

    nella nostra societ.Alla cerimonia erano pre-sentimonsignor FrancoCecchin, gi prevostodi Lecco, il sindaco di Lecco, Virginio Brivio,lassessore comunale allIstruzione SalvatoreRizzolino, il dirigente scolastico del Liceo A.Manzoni, professor Giovanni Rossi, quindirappresentanti dellAnpi e delle associazionicittadini, oltre agli studenti.Monsignor Cecchin ha benedetto le due tar-ghe dicendo: Don Ticozzi stato un preteche aveva passione per la cultura e per il coin-volgimento. Protagonista allavanguardia di

    una societ nuova. I due pannelli commemo-rativi in ricordo di Don Giovanni Ticozzi, sa-cerdote, insegnante e partigiano lecchese sonostati collocati davanti allIstituto comprensivoLecco 2 a lui intitolato e al Liceo scientificoG. B. Grassi, ex sede del ClassicoManzoni do-ve il sacerdote ha svolto il ruolo di preside dal1945 al 1958. Abbiamo voluto posizionaredue insegne affinch i ragazzi possano semprericordarsi a chi dedicata la loro scuola e trar-ne insegnamento, stato ilmessaggio conclu-sivo delle autorit.

    LECCO INMATTINATA LACERIMONIA INRICORDODEL PRETE, PARTIGIANOE PRESIDEDAVANTI AL LICEOGRASSI

    Linsegnamento di donGiovanni Ticozzi ancora vivo

    ERANO SFINITI, troppo stanchi per continuare a salirema anche per provare a raggiungere la base della via.Cos una famiglia - pap, mamma e figlio - che si eranoavventurati sulla ferrata del Medale, sul monte San Martino,hanno dovuto chiedere aiuto al 112, che ha inviato sul postolelisoccorso da Como. I tre componenti della famigliasono stati issati a bordo e quindi, completamente incolumi,trasportati a valle.

    AL LAVOROLa raccolta nei vigneti

    di MontevecchiaSopra Claudia Crippa

    woman-wine di CascinaCosta e presidentedel Consorzio vini

    Terre Lariane

    LECCO

    ACCUSATO di aver as-saltato e rapinato il localeEmpire di CernuscoLombardone, ma lui - Gio-vanniCianci, 64 anni, di Ce-rignola, in provincia diFog-gia - si difende: Non sonoma stato in quel locale. Ilsuo legale - lavvocatoFilip-poBignardi - ha chiesto e ot-tenutodal collegio giudican-te, presieduto da EnricoManzi, a latere SalvatoreCa-talano e Martina Beggio, disentire limputato. Secondolaccusa Giovanni Cianci il23 agosto 2013 partecipcon un complice allassalto.Volti coperti dapassamonta-gna,mani coperte da guantineri e pistola in pugno, se-minarono terrore, imbava-gliato il gestore della salaslot, Giacomo Borghese, eun cliente che si trovavaallinterno, e dopo averli im-mobilizzati, sotto la minac-cia della pistola, si fecero in-dicare dal gestore dove tro-vare lincasso. Senza fare re-sistenza, spaventato dalla si-tuazione e soprattutto dellaminaccia dellarma puntatacontro di lui, il gestore gliapr la cassaforte contenen-te 19mila euro. Lindaginedei carabinieri di Merateport allindividuazione deidue, grazie anche a teleca-mere e alcuni testimoni.Giovanni Cianci accusatodi rapina aggravata e deten-zione di armada fuoco.Unadelle prove un guanto conle sue impronte, ma nellamemoria difensiva limputa-to ribadisce: Quei guantinon erano miei. La prossi-ma udienza sar decisiva.

    0

  • 3CRONACHEDOMENICA 9 SETTEMBRE 2018

    di ANGELO PANZERI

    MANDELLO LARIO QUESTA la nostra Mecca. Ifan dellaGuzzi sono l, davanti al-lo storico stabilimentodi viaParo-di, quasi in preghiera, scrutano lemoto di amici, si scambiano qual-che idea sui modelli, anche suquelli pi datati, poi entrano a vi-sitare la galleria del vento, il mu-seo, e soprattutto langolo dellanuovissima V85 TT. Tutti in filaindiana, quasi ad attendere larri-vo di una star. Questa la nostraMecca - ripete Lorenzo Rizzello,48 anni, di Pordenone -.Unguzzi-sta non pu non visitare questostabilimento, io sono innamoratodi questo simbolo.

    MIGLIAIA di appassionati, gio-vani e meno giovani, italiani estranieri, si sono dati appunta-mento fin dalle prime ore di ieridavanti alla Guzzi, hanno visitatola fabbrica, nata nelmarzo 1921, eosservato imodelli che hanno fat-

    to la storia delmotociclismo italia-no e di borgo lariano. Negli anni50 a Mandello in ogni famigliacera almeno una persona che la-vorava alla Guzzi, commentanole persone pi avanti in et. La cri-si, lavvento di nuovi marchi e ca-se motociclistiche a livello mon-diale non hanno scalfito il mito eoggi la casa dellAquila ancorpi forte. Sono giunto aMandel-lo racconta Diego Zanga, 50en-ne, di Brescia per vedere alcunimodelli e soprattutto per conosce-re da vicino la fabbrica. Migliaiadi persone hanno raggiunto la lo-calit lacustre per lOpenHouse esfoggiavano unbiglietto con scrit-to Io cero - settembre 2018.

    Per noi sostiene un gruppogiunto da Firenze un segno diappartenenza a una casa motoci-clistica e a un simbolo del nostroPaese. Al motoraduno sono pre-senti tantissimi stranieri: svizze-ri, inglesi e tedeschi su tutti.Ovunque, nelle vetrine di negozi

    e locali, alle finestre delle case,moto e simbolo dellAquila sonoin bella vista, mentre in via Paro-di, dove sorger il Museo, sonopresenti centinaia di esemplari.Tra gli appuntamenti di richiamospiccano stand e spazi con la Cu-stom Road che raggruppa mecca-

    nici e customizzatori e in piazzaLeonardoDaVinci sono esposti imodelli storici. Nella sala del Li-do lamostra IlDuilio e la Guzzi:storie di un amore infinito dedi-cata aDuilioAgostini, collaudato-re e pilota Moto Guzzi, ideatoredel motoraduno di Mandello e

    primo presidente del Moto club.Curata dalla figliaAlis e daMarga-ret, compagna di vita diDuilio, ri-corda a dieci anni dalle morte lesue imprese e la passione per quelsimbolo che ha conquistato mi-gliaia di persone.

    RIPRODUZIONE RISERVATA

    I PROTAGONISTI

    UnacoppiagiuntadallAustraliaha legatola tappaalmotoradunoeunagita sul lagodiComoper trascorrerela vacanzanel 2018

    Rimarranno tregiorniaMandello e sulLarioSandraeKurtSolterman(nella foto) 57e59anniprovenienti daSolettacitt aNorddella Svizzera

    Abbiamo dedicato la mostraa Duilio, pilota che vinseimportanti garenegli anni 50 con la Guzzicon il racconto dei successi

    Ad ogni raduno scoproqualcosa di nuovoanche tra i vecchi modelli

    Per anni ho guidato Hondapoi ho provato una Guzzie non lho pi abbandonata

    Sono rimasto affascinatodalla V85 TT e dalle novitintrodotte dalla Guzzi

    Ho sempre avuto il sognodi guidare il Californiamodello chemi affascina

    Le giornate a Mandellosono un pellegrinaggionel tempio della moto

    FOCUS

    I pi lontani

    FLASHNella foto sopra

    i guzzistiin via Parodi

    davantiallo storicostabilimentoa sinistra Alise MargaretAgostini

    nella mostradedicataa DuilioA destra

    il nuovomodelloV85 TT

    presentatoin anteprima

    (Cardini)

    Il cuoredei guzzisti batte forteMandello Lario invasa damigliaia di appassionati dellAquila DallaSvizzera

    ALISAGOSTINI

    LEVENTO PIDI 10MILAPERSONEATTESENELLATREGIORNIDELLOPENHOUSE

    LAGALLERIADEL VENTOLOSTORICOMUSEOELANUOVISSIMAV85 TT

    I NUMERI LEATTRAZIONI

    LORENZORIZZELLO

    MAUROPASTORE

    DIEGOZANGA

    ALESSANDROTAPINASSI

    SARAMORONI

    0

  • 4 DOMENICA 9 SETTEMBRE 2018

    Comowww.ilgiorno.it/comoe-mail: [email protected]

    Comowww.ilgiorno.it/comoe-mail: [email protected]

    Redazione: via Petrarca, 31 - 22100 Como - Tel. 031 305538 Pubblicit: SpeeD - Como - Tel. 031 3100885 - Fax 031 3108763, e-mail: [email protected]

    di PAOLA PIOPPI GUANZATE

    UNA CARAMBOLA ripetuta,che ha ridotto lutilitaria a un gro-viglio di lamiere. Poi lo schiantocontro un muretto. Pochi attimiin cui il giovane conducente diuna Fiat 500 ha perso il controllodellauto. Da quellabitacolo accar-tocciato sono stati estratti i corpidi tre giovani senza vita, morti sulcolpo. Alfonso Tolone, 19 anni diFino Mornasco, che era alla guidadella sua macchina. Michele Du-chino, 20 anni e Alexander Solo-vyev, 21 anni, entrambi di Guan-zate. Un quarto amico, 21 anni an-che lui di Guanzate, che viaggiavasul sedile del passeggero anterio-

    re, stato estratto quasi illeso. Do-po lo schianto, e dopo quei pochiattimi di silenzio irreale che si so-no consumati nel pieno della not-te, si scatenato uno spiegamentodi forze da ogni fronte, per cerca-re di salvare i ragazzi. Ma per tredi loro non rimaneva nulla da fa-re, morti sul colpo in quel ribalta-mento che si concluso solo con-tro la recinzione di unabitazione.

    LINCIDENTE avvenuto pocoprima delle 3 della notte tra vener-d e sabato in via Madonna, corri-spondente alla Provinciale 26. Ilgruppo di amici aveva appena con-

    cluso la serata al bar One Shot diCaslino al Piano a Cadorago. Sali-ti su quellauto, avevano percorsopochi chilometri, diretti verso ca-sa. Tolone avrebbe fatto il giro delpaese per accompagnare i tre ami-ci di Guanzate, per poi tornareverso Fino. Lauto ha percorso untragitto rettilineo, arrivando allarotatoria che incrocia via del Bo-sco. Gli accertamenti da parte del

    Radiomobile dei carabinieri diCant e della stazione di AppianoGentile sono ancora in corso, ma iragazzi con ogni probabilit pro-venivano dalla Provinciale, e han-no quindi svoltato a sinistra allarotatoria: non escluso che sia ini-ziata qui la perdita di controllodellauto, che si sarebbe pi volteribaltata prima di finire contro ilmuro di cinta di unabitazione,

    non distante dal Santuario. Neiminuti successivi sono arrivati invia Madonna i soccorritori. I vigi-li del fuoco di Como e AppianoGentile hanno lavorato per aprirele lamiere della Fiat, adagiata suun fianco e irriconoscibile.

    IL MEDICO del 118 ha man ma-no dovuto constatare il decesso ditre dei quattro giovani occupanti.Solo il quarto uscito praticamen-te indenne da quello scontro infer-nale, trasportato in ospedale alSantAnna con ferite giudicatenon gravi. La ricostruzionedellincidente al momento deltutto ipotetica, perch nessuno haassistito allincidente. Non ci so-no testimoni di ci che accadu-to, se non le tracce lasciate dallau-to prima di arrestare la sua corsa.Il ragazzo unico superstite dovressere sentito dai carabinieri peraiutare a spiegare come sia accadu-to questo schianto, uno dei pi tra-gici nel Comasco.

    RIPRODUZIONE RISERVATA

    GUANZATE

    AMICI da sempre. Uniti dallapassione per il calcio, quando gio-cavano nelle giovanili, rimastiuniti negli anni. Vite e professio-ni diverse, ma il fine settimanapassato insieme. Come venerd se-ra. I quattro giovani coinvolti nel-lo schianto avvenuto in via Ma-donna erano stati assieme, si era-no attardati al bar di Cadorago fi-no a pochi minuti prima di saliresulla Fiat 500 di Alfonso Tolone,che li avrebbe portati a casa. Me-no di dieci chilometri, il tempo difare il giro del paese. Ma lauto, ap-pena arrivata a Guanzate, impaz-zita, sfuggita al controllo del suoconducente, imprigionando tuttial suo interno. Una tragedia che

    arriva a gettare sconcerto in tuttala comunit di Guanzate, che inquesti giorni sta celebrando la fe-sta padronale, il cui fulcro il san-tuario di Maria, che sorge a pochimetri dal luogo dello schianto.

    IERI gli organizzatori hanno pas-sato la giornata a decidere in chemodo affrontare gli ultimi duegiorni di festa, mentre il cordo-glio per quanto era accaduto ser-peggiava per il paese. Linciden-te di ieri lascia in tutti noi unenorme senso di vuoto, impoten-za e sgomento. In questi casi le pa-role sono sempre superflue. Cistringiamo forte intorno alle fami-glie dei ragazzi e siamo loro vici-ni. il messaggio diffuso ieri daIniziativa Viva, il gruppo politico

    di maggioranza, guidato dal sinda-co Cinzia Negretti. Quanto acca-duto stato un impatto molto for-te per noi, dice il primo cittadi-no, che prosegue: Marted seraavremo il consiglio comunale, ed stato deciso di osservare un mi-nuto di silenzio, come segno di ri-spetto. Sono sconcertata da que-sta tragedia, come sindaco ma an-che a livello personale. Ho figlidella stessa et di questi ragazzi,continuo a pensare che una cosacome questa, per un genitore, un dolore che non ti abbandonaper il resto della vita, che nonpuoi rimarginare. Non si parla-to daltro oggi a Guanzate, linteracollettivit molto scossa per ciche accaduto. un dispiacereimmenso, lo dico come sindaco ecome genitore. Pa.Pi.

    ILCORDOGLIO IL SINDACONEGRETTI: SIAMOTUTTI MOLTO SCOSSI

    Uniti dal calcio e da una fine assurda

    Tremorti nel grovigliodi lamiereGuanzate,muoiono nello schianto contro unmuro: erano tutti ventenni

    DOLORE Ieri in via Madonna stato un via vai di amici e parentisul luogo del violento schianto. Inmolti hanno lasciato fioriproprio nel punto in cui la 500 dei ragazzi ha impattato il muro (Cusa)

    A perdere la vita sonostati, dallalto:Alexander Solovyev21 anniAlfonso Tolone, 19 anniMichele Duchino, 20 anniTutte le foto sono trattedai rispettivi profiliFacebook dei ragazzi

    SOCCORSI INUTILI La Fiat 500 irriconoscibile dopo lo schiantoalle 3 della notte tra venerd e ieri lungo via Madonna (Cusa)

    LA DINAMICAPer cause da chiarireil conducente perde il controlloe lauto carambola pi volte

    FOCUS

    Levittime

    0

  • 5CRONACHEDOMENICA 9 SETTEMBRE 2018

    LACOMOROMANA IL RITROVAMENTO LAUSPICIOLASIMILANFORASTATARINVENUTASOTTOLEXCRESSONI

    ORA ILMINISTEROPOTREBBETRATTARECON ILPRIVATOLACESSIONEDELLAREA

    di ROBERTO CANALI COMO

    UNA SCOPERTA che potrebbecontribuire a ridisegnare i confinidella Como romana, lurna ripienadimonete doro ritrovatamercole-d nellex cinema Cressoni. Un ve-ro e proprio tesoro che pi che aun ricco patrizio potrebbe essereappartenuto a unistituzione dellacivitas, che gi allora aveva unim-portanza strategica dal punto di vi-sta commerciale, per la presenzadel lago, e militare come baluardoper le incursioni delle orde barba-richedirette verso la PianuraPada-na.

    DI SICURO con la fortuna ritro-vata nella simil anfora rinvenutain via Diaz, che in realt un con-tenitore pi pesante di pietra olla-re con deimanici che fanno pensa-re a una sorta di bollitore, si sareb-be potuto armare un esercito o ne-goziare in caso di assedio la resa diuna citt, magari della stessa Co-mo che era difesa damura possen-tima temeva ugualmente le incur-sioni dei barbari. Un mistero nelmistero che solo gli archeologi po-tranno chiarire, anche se occorre-r tempo e probabilmente nuoviscavi.Se la propriet in cui questo ecce-zionale ritrovamento stato effet-tuato fosse pubblica non avrei al-cundubbio a chiedere di sospende-re i lavori e intensificare gli inter-venti di scavo per portare alla lucequanti pi reperti possibili spie-ga il Soprintendente della Lom-bardia, Luca Rinaldi . Invece sitratta di una propriet privata equindi dobbiamo tenere in debitaconsiderazione le esigenze e gli in-teressi dei proprietari. Di sicurodal nostro punto di vista questo un sitomolto promettente e il teso-ro solo lultimo di una serie di ri-

    trovamenti significativi. Mi riferi-sco in particolare ad alcune epigra-fi e iscrizioni che i nostri espertistanno studiando. ancora prestoper trarre delle conclusioni, ma lasensazione che un tempo l sottonon vi fosse una villa privata, maun edificio pubblico. Certo le ope-razioni di scavo non sono sempli-ci, dobbiamo tener conto del feno-menodella subsidenza che fa affio-rare lacqua nel perimetro del can-tiere. Comunque considerandolepoca romana lurna non statatrovata a una grande profondit, ilche ci induce a pensare che l sottopotrebbe esserci ancora altro.

    LASPERANZA che dopo il cla-moremediatico suscitatodalla sco-perta, il ministero dei Beni Cultu-rali si faccia avanti per trattare con

    il privato e valutare lacquisizionedellarea,magari in collaborazionecon il Comune che solo con le ol-tre trecento monete doro zecchi-no ritrovate potrebbe allestire unintero museo.Stiamo lavorando con microsca-vo nellurna conclude il Soprin-tendente , alcune monete sono diperiodo tardo imperiale, ma altrepotrebbero essere di secoli prece-denti. Lemonete romane e in par-ticolare quelle metalli pregiato co-me loro non andavano fuori corsocome capita con le valute attuali,per questo quellurna rappresentaun vero e proprio scrigno del tem-po per tutti gli appassionati di nu-mismatica e storia antica.

    RIPRODUZIONE RISERVATA

    Focus

    Se la propriet del terrenofosse stata pubblicanon avrei avuto dubbi:sospensione dei lavoriIn questo caso pi difficile

    Monete, solo linizioIl soprintendente: l sotto potrebbe esserci altro

    TESOROLa quantit cos ingentechenon esclusopossa essereappartenutoa un entepubblicodella civitaspiuttosto chea un patrizio

    Sono oltre trecentole monete romanein oro zecchinoAlcune sono del periodotardo imperiale

    LUCARINALDI

    0

  • 6 CRONACHE DOMENICA 9 SETTEMBRE 2018

    di ROBERTO CANALI ERBA

    NELLANNO della sua morte,avvenuta il 21 aprile, Erbanonpo-teva che tributare la propria bene-merenza civica a Carlo Castagnacapace di stupire lItalia interaperdonando Olindo e Rosa chenel loro impeto di follia gli stermi-narono la famiglia. Era l11 dicem-bre del 2006 quando i telegiornalidi tutta Italia si affacciaronosullorrore del cortile di via Diazche da allora divenne il luogo del-la strage di Erba. Una tragediaimpossibile da dimenticare concuiCarloCastagnahadovuto con-vivere fino alla fine dei suoi gior-ni, trovando la forza di prenderele distanze attraverso il perdono elimpegno nel volontariato che stato una delle costanti della suavita.

    PAP sarebbe stato molto con-tento di questo riconoscimento ha detto senza riuscire a trattene-re le lacrime il figlio Pietro che in-sieme al fratello Giuseppe ha pre-so parte alla cerimonia che si svolta nel parco Majnoni , lui stato un grande esempio per noisotto tutti i punti di vista, in parti-colare quellomorale.Nellamoti-vazione del premio, lEufemino,che la citt di Erba ogni anno con-segna ai propri cittadini beneme-riti, il riconoscimento anche al

    ruolo di imprenditore capace difare grandi cose anchenella sua vi-ta pubblica, come consigliere e as-sessore al Commercio prima e co-me anima della Caritas e dellAs-sociazione Padre Aristide Pirova-no.

    OGGI ERBA si appresta a ono-rare i propri figli migliori haesordito il sindaco, Veronica Ai-roldi con lEufemino si intendericonoscere il talento, un pensie-ro positivo che non solo un pre-

    mioma il simbolo di una citt cheaspira alleccellenza. Le personeche oggi premiamo hanno datouna scintilla di infinito ancor pipreziosa in unmondo che vira sulvirtuale dove i like su Facebooksembrano contare pi dellamici-zia e i rapporti reali. Per questo ab-biamo scelto di onorare personeche rappresentano i nostri valoritradizionali, chi ha fatto del lavo-ro la propria eccellenza, personechenon si sono arrese di fronte al-le difficolt. Alla fine la scelta ca-duta su tre imprenditori e un arti-

    sta e da sindaco posso dire che sia-mo una citt fortunata perch ab-biamo al nostro interno personeeccezionali come queste. Insie-me a Carlo Castagna sono statipremiati con lEufemino gli im-prenditori Giuseppe NazzarenoRoda presidente del gruppoTrafi-lerie San Paolo, Albino Vanossifondatore dellAldap e altre azien-de specializzate nella creazione diutensili per la lavorazione delme-tallo duro, e lartista Luigi DinoGuida noto pittore e acquarelli-sta.

    RIPRODUZIONE RISERVATA

    Erbapremia i suoi figlimiglioriQuestanno lEufemino andato a tre imprenditori e un artista

    COMO

    TUTTI PAZZI per il Barbarossaa Como, approdato ieri pomerig-gio in piazza Cavour dopo unabreve traversata del primo bacinodel lago, accolto da un corteo difanti e dame in costume. Il battesi-mo del Palio del Baradello cheper tre settimane animer la citt,anche se il via vero e proprio cstato il 30 agosto, con laccensio-ne del cero votivo in SantAbbon-dio nella giornata dedicata al pa-trono. Come i partecipanti a unamini Olimpiade, anche se in co-stumi medievali, ieri pomeriggioi capitani hanno giurato la loro fe-delt allimperatore e la correttez-zanei tornei. In serata sotto il bro-letto si svolta una cenamedieva-le in collaborazione con lassocia-zione Cuochi di Como.

    LA PRIMA gara gi oggi a parti-re dalle 17, con il palio delle Lu-cie che compiranno una breve re-gata lungo il tratto di riva che daVilla Olmo arriva a Villa Erba.Nel corso del pomeriggio spetta-coli di sbandieratori, falconieri edimostrazioni di danze medieva-

    li. Abbiamo grandi ambizioni eci siamoorganizzatimeglio per di-ventare internazionali spiegaLaura Bordoli, presidente del pa-lio . Vogliamo attirare a Comoun turismomedievale, un fenome-no che in Italia sta crescendo e stadiventando importante anche dalpunto di vista economico. Il Palio

    del Baradello momento di festama vuole offrire anche un appro-fondimento storico e culturale.Nonun caso che accanto allema-nifestazioni folcloristiche fino a fi-ne settembre ci saranno anche vi-site guidate aimonumenti cittadi-ni. Ro.Can.

    RIPRODUZIONE RISERVATA

    COMO ENTRANEL VIVO IL PALIODEL BARADELLO. OGGI REGATA STORICA

    ColBarbarossa un tuffo nelMedioevo

    Unodei tre riconoscimentiandato aCarloCastagnamorto il 21aprileA ritirarlo, commossii due figli PietroeGiuseppe:statoungrandeesempiosoprattuttomorale

    Siparte oggi alle 17con il palio delleLuciePoi seguirannoscenografici spettacolidi sbandieratorifalconieri edimostrazionidi danzemedievali

    Larrivodellimbarcazionecon ilBarbarossaaccolto inpiazzaCavourdauncorteodi fanti e dame in costumeI capitani poihannogiurato la lorofedelt allimperatore

    DALTERRITORIO

    IN POSALa sindacaVeronica Airoldicon la fasciatricoloree i cittadiniche hannoricevutola benemerenzaI primi dueda sinistra sonoi figli di CarloCastagna (Cusa)

    IL TRIBUTOAI VALORI TRADIZIONALILABENEMERENZASTATACONSEGNATAANCHEAGIUSEPPENAZZARENOALBINOVANOSSI E LUIGI DINOGUIDA

    COMEUNTEMPO I figuranti appena dopo lo sbarco (Cusa)

    FOCUS

    Inmemoria

    Il programma

    FOCUS

    La traversata

    0

  • Sondriowww.ilgiorno.it/sondrio - e-mail: [email protected]

    Sondriowww.ilgiorno.it/sondrio - e-mail: [email protected]

    Domenica 9 settembre 2018Redazione: via Carlo Porta, 23/25 - Lecco - Tel. 0341 350648 Pubblicit: SPM - Sondrio - Tel. 0342 200380 - Fax 0342 573063, e-mail: [email protected]

    BIANZONE UNA SERATA informativa sullorso, ein particolare sullesemplare che in que-sti mesi sta attaccando le arnie nella zonatra Ponte e Bianzone, fino al confine conla Svizzera. Un incontro per cercare di co-noscerlo meglio, sapere le sue abitudinie, soprattutto, come potersi difendere dal-le sue incursioni. Ma, proprio mentre api-coltori ed esperti si confrontavano, lui,lorso senza nome che sta passeggiandoin Valtellina dalla primavera, ha fattouna nuova incursione, questa volta aSpriana, in localit Marveggia. C qual-cosa di ironico, ma non certo per lapicol-tore che si visto distruggere le arnie,proprio come successo ad altri in que-ste settimane.

    E PROPRIO per difendersi dagli attac-chi del plantigrado, come detto, venerdsera a Bianzone stata promossa una se-rata informativa dal titolo Lorso brunoin Valtellina: tra conservazione e gestio-ne, con relatori deccezione: Mauro Be-lardi del Wwf Programma europeo Alpi,Elisabetta Rossi di Regione Lombardia,e Maria Ferloni, tecnico faunistico della

    Provincia e referente territoriale per igrandi carnivori. Negli ultimi tre anni ha spiegato sono passati in Valtellinapi di venti orsi, undici li abbiamo trac-ciati geneticamente. Si tratta in tutti casidi maschi giovani provenienti dal Trenti-no, dove 18 anni fa nato il progetto Li-fe ursus. Tendenzialmente, quando sistaccano dalla madrea poi si mettono acamminare e passano anche dalla Valtel-lina. Cercano cibo, poi quando sono pigrandi e vogliono accoppiarsi tornano inTrentino, dove si trovano gli esemplarifemminili. Nel 2018 dovrebbero esseretransitati in provincia quattro plantigra-di: due di loro, tra cui M18, lunico dota-to di microchip, stanno pi che altro inValcamonica, e ogni tanto sconfinano danoi. Uno, poi, sembrerebbe essere statoavvistato in Valgerola. Lultimo lorsoche sta effettuando incursioni negli apia-ri tra Sondrio e Tirano, ma anche in Sviz-zera. Stiamo ancora analizzando i cam-pioni genetici raccolti, ma pensiamo sitratti dello stesso esemplare. Infine lin-vito agli apicoltori a installare i recintielettrificati: Pericoli per luomo non cene sono. Susanna Zambon

    RIPRODUZIONE RISERVATA

    ZONAPROTETTA il periodo giustoper ascoltare il bramito del cervo (CdG)

    BORMIO

    ADDENTRATI nel bosco tra la met disettembre e la met di ottobre e prestamassima attenzione ai suoni della natura.Silenzio. Poi un fruscio dei rami mossi dalvento, il fragore dellacqua di un torrentein lontananza e poi il bramito di uncervo. Prova anche tu lescursioneautunnale pi emozionante del ParcoNazionale dello Stelvio. senza dubbioaccattivante linvito che Bormiomarketing estende a tutti gli amanti dellanatura, quello, cio, di vivereunesperienza unica, a piedi o in e-bike,alla scoperta della stagione degli amori deicervi. Ogni anno, da met settembre amet ottobre circa, i cervi maschi sisfidano a suon di bramiti (simili a rochimuggiti) e cornate, per conquistare lefemmine prevalendo sui compagni vecchi spiegano dallufficio turistico dellaMagnifica Terra -. Camminando per iboschi, facile udire questo suggestivoduello vocale: un evento della naturache riempie di meraviglia e stupore. Madove possibile ascoltare il bramito delcervo? Tra le valli dove pi facile viverequesta esperienza, consigliamo la ValZebr (in Valfurva) e la Valle del Gallo (inValdidentro Cancano). Il Parcoorganizza escursioni a piedi accompagnatidalle guide dellente e da esperti zoologi, esu richiesta le guide alpine portano neiluoghi in cui pi facile losservazioneravvicinata degli animali selvatici. S.Z.

    Regione Lombardiaha chiesto che lUnione europeainserisca le recinzionielettrificate a protezionedelle arnie tra gli interventiammissibili a finanziamento

    BORMIO STAGIONE DELLAMORE

    Il Parco Stelvioattira i turistigrazie al cervo

    Da sinistra Mauro BelardiDa sinistra Mauro Belardi(Wwf), Alan Delle Coste(Wwf), Alan Delle Coste

    (sindaco di Bianzone)(sindaco di Bianzone)Elisabetta Rossi (Regione)Elisabetta Rossi (Regione)eMaria Ferloni (Provincia)e Maria Ferloni (Provincia)

    FOCUS

    ElisabettaRossi

    Hacolpito inValmalencoHacolpito inValmalencomentre aBianzonementre aBianzonesi teneva un incontrosi teneva un incontrodedicato ai selvaticidedicato ai selvatici

    Lorso fa ancoradanni

    0

  • 8 CRONACHE DOMENICA 9 SETTEMBRE 2018

    di SUSANNA ZAMBON ALBOSAGGIA

    ERA STATOCONDANNATO in viadefinitiva a un anno e due mesi di reclu-sione, ma al momento della sentenza erafuggito in Germania per evitare il carce-re. Dopo diversi mesi di latitanza statoarrestato, ormai alcune settimane fa, un30enne di Albosaggia di cui non sonostate rese note le generalit. Ma la vicen-da a dir poco curiosa. Come detto, infat-ti, il giovane valtellinese aveva deciso didarsi alla latitanza, dopo che la condan-na per alcuni furti commessi tra la pro-vincia di Sondrio e quella di Como di-

    ventata definitiva.Una sentenza che per lui significava car-cere per un anno e due mesi. Troppi peril 30enne, che non voleva fare nemmenoun giorno in cella ed scappato in Ger-mania, rendendosi irreperibile.

    FORSEPENSAVA di averla ormai fat-ta franca, forse credeva che se fosse torna-te in Valtellina nessuno se ne sarebbe ac-corto e, dopo la breve vacanza, sarebbepotuto tornare tranquillamente in Ger-mania per continuare nella sua nuova vi-ta da uomo libero. Cos, per, non sta-

    to. A met agosto il giovane, il cui telefo-no cellulare era tenuto sotto controllo da-gli inquirenti che ne seguivano le tracce, stato tratto in arresto nellabitazionedei suoi famigliari ad Albosaggia, doveaveva deciso di tornare per qualche gior-no di ferie.

    STATO QUINDI CONDOTTO incarcere, dove sconter la condanna adun anno e due mesi per furto.Sempre sul fronte della cronaca, un ri-chiedente asilo nigeriano di 30 anni stato arrestato nella notte tra mercoled

    e gioved con laccusa di danneggiamen-to, resistenza e lesioni a pubblico ufficia-le. I carabinieri sono stati chiamati daivicini di casa delluomo a Cosio Valtelli-no, che hanno sentito le urla dello stra-niero che stava inveendo contro la mo-glie alla presenza anche dei due figliolet-ti. Allarrivo dei militari dellArma, luo-mo ha dato ancora pi in escandescen-ze: prima ha strappato di mano ad unodei carabinieri la torcia che aveva in do-tazione, scagliandola a terra, poi ha ag-gredito fisicamente i due militari. Ed scattato larresto.

    RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scappa inGermania, presoUngiovane di Albosaggia doveva scontare 14mesi di carcere

    IMPEGNODue gli arresti operati dagli uomini in divisa (ANP)

    SONDRIO

    OLTRE100partecipanti e 32 vei-coli depoca in mostra: questo ilbilancio, pi che positivo tenen-do conto dellinclemenza del me-teo del raduno organizzato alpasso del Tonale dal Club 105 del-le Frecce Tricolori della Valtelli-na e della Valchiavenna. Il radu-no di veicoli storici risalenti allaGrande Guerra, organizzato dalclub sondriese, si concluso tra lasoddisfazione generale: tra Pontedi Legno e Vermiglio, passandoper il Tonale e per le trincee a 2mi-la e 3mila metri di quota. I duegiorni dedicati alla memoria dellaPrima guerra mondiale hannopermesso di tramandare il ricor-do, alle giovani generazioni, diquegli eventi drammatici, incisiprofondamente nella memoriadei territorio sui quali quella tre-menda guerra stata combattuta.Per noi questa manifestazione molto significativa commenta ilpresidente del Club 105 delleFrecce Tricolori della Valtellina edella Valchiavenna Renato Vero-na - ricordare la Prima Guerramondiale significa trasmettere airagazzi la consapevolezza della di-sumanit degli eventi bellici e del

    sacrificio di moltissimi giovani,mandati a combattere sui ghiac-ciai delle Alpi, in condizioni proi-bitive, per difendere la propria Pa-tria.Particolarmente carica di signifi-cato la deposizione della coronacommemorativa al tempietto vo-tivo del Passo del Tonale per icaduti della Grande guerra, siaper i martiri italiani sia per quelliaustriaci. Gli organizzatori hannoanche deciso di donare alle autori-t presenti tra loro anche unarappresentanza di reduci statuni-tensi 18 targhette commemorati-ve del raduno. M.B.

    IFATTIDELGIORNO GLI INQUIRENTI AVEVANOMESSOSOTTOCONTROLLOIL TELEFONODELGIOVANE

    UNRICHIEDENTEASILOFINITONEI GUAIPERRESISTENZAELESIONI

    INTERCETTAZIONI NIGERIANO

    NELTEMPIETTO Il saluto

    SONDRIOCON IL CLUB 105 FRECCE TRICOLORI

    Il ricordo deiCaduti sul Tonale

    OGGI GIULIO e Lorenzo Valli, 25 e 16anni, fratelli di Teglio, concluderanno illoro lungo viaggio in kayak, iniziato il 21maggio scorso da Venezia. Saranno aGenova, dopo 111 giorni e oltre 3.000 kmdi coste italiane. Il sogno che li ha guidati riassunto in poche parole ed semplice:circumnavigare lItalia.

    Teglio

    OGGI, a partire dalle 17, il Mambo pub diPiateda ospiter il Memorialmemorabile, in ricordo di Ezio Giorio,noto esercente sondriese, titolare pertanti anni del bar Club 57,prematuramente scomparso un anno faallet di 57 anni.

    Un lungo concertoper ricordareEzio Giorio

    Piateda

    TRE PERSONE sono rimaste feritenellincidente avvenuto ieri, attorno alle12.20, lungo la 38 dello Stelvio, allaltezzadel territorio comunale di Villa di Tirano.Per cause ancora in corso diaccertamento, due auto si sono scontratefrontalmente. Nessuno, fortunatamente,versa in gravi condizioni.

    Lagrande impresa con il kayakI due fratelli oggi aGenova

    in breve

    Scontro fra due autoIl bilancio di tre feriti

    Villa di Tirano

    TRADITO DAL CELLULAREIl 30enneera tornato a casadai genitori nel paesealle porte del capoluogo

    0

  • 10 CRONACHE DOMENICA 9 SETTEMBRE 2018

    SONDRIO

    UNA VERTENZA da parte di Fil-cams-Cgil stata presentata nei confron-ti dellInps a difesa dei diritti dei lavora-tori impegnati nei servizi di ristorazio-ne, pulizia e ausiliariato nelle scuole.In provincia di Sondrio, 60 dipendentidelle grosse ditte committenti dei servi-zi di mensa e pulizia nelle scuole, infat-ti, si trovano ogni estate (periodo di so-spensione delle lezioni) a non poter acce-dere alla disoccupazione.

    LA RAGIONE, spiega Marina Pensa,segretario di Filcams-Cgil un cavillonormativo. Finch non verr cambiatala legge, Inps pu fare poco: noi chiedia-mo comunque che si aggiri lostacolo e

    che queste persone possano essere accre-ditate per ricevere lindennit di disoc-cupazione (Naspi). Almeno i dipenden-ti a tempo indeterminato. Tutti i lavora-tori stagionali, infatti, ne hanno diritto.Loro, invece, non possono beneficiarenemmeno degli assegni familiari.Viene a mancare anche la contribuzioneutile al calcolo per laccesso alla pensio-ne: lInps, in questo caso, non considera

    per il diritto allaccesso alla pensione 52settimane allanno, ma solo 40 o 44 a se-condo che lattivit sia svolta nelle scuo-le dellinfanzia o negli altri ordini e gra-di di istruzione.

    LE STESSE SETTIMANE che do-vrebbero essere accreditate (tolte quelledi sospensione) vengono poi ulterior-mente ridotte in base alla contribuzioneannuale versata. La disparit di tratta-mento di questi lavoratori rispetto ad al-tri stata riconosciuta dalla Corte diGiustizia Europea gi dal 2010.Attualmente hanno aderito alliniziati-va di Cgil 23 lavoratori, ma la speranzadel sindacato di coinvolgere quantepi persone possibile. Laura Taddei

    RIPRODUZIONE RISERVATA

    CHIAVENNA

    STATA INAUGURATA ierila Casa delle eccellenze, la tenso-struttura che, nel parco di Prato-giano, ospiter, per la durata dellaSagra dei Crotti di Chiavenna, leeccellenze agroalimentari e arti-gianali del territorio. Ben 30 leaziende che hanno deciso di farparte della vetrina, in grado didare spazio e risalto ai prodotti ti-pici del territorio, sfruttando la vi-sibilit e laffluenza turistica lega-te alla Sagra dei Crotti che, que-stanno complice il bel tempo sembrerebbe registrare numeri ditutto rispetto.

    LA CASA delle eccellenze commenta Davide Bernia, tra gliorganizzatori degli stand giuntaalla sua seconda edizione, si pre-senta, anche questanno, comepunto di riferimento per le eccel-lenze del territorio: dal legno,alledilizia, dalle confetture allabrisaola. Tutto il meglio della Val-chiavenna trova qui il suo spazio.

    Molto produttiva la sinergia di in-tenti e di sforzi messi in capodallUnione dei commercianti eda quella degli artigiani che han-no saputo collaborare insieme perrendere tutto questo possibile.Ad aver trovato spazio nella strut-tura ospitata a Pratogiano anche idue sponsor della Sagra: il Gallet-to Vallespluga e lacqua mineraleFrisia che, in vista della prossimariapertura degli stabilimenti diPiuro, ha chiesto ai bambini di di-segnare la futura bottiglia dacquaminerale. Presenti, e non potevaessere altrimenti, anche i produt-tori della rinomata brisaola, eccel-lenza alimentare della Valle delMera: La nostra brisaola spie-ga orgoglioso Stefano Ciabarri,della Ma officina gastronomicadi Madesimo lunica, in tuttala Valchiavenna, a venire prodot-ta rigorosamente senza lutilizzodi conservanti. La nostra la ricet-ta autentica della tradizione e sia-mo qui a presentarla, orgogliosa-mente, al pubblico. Tra i nostri

    prodotti spicca anche il salame disuino nero di Samolaco, una raz-za autoctona del piano della Val-chiavenna che, da alcuni anni, stata recuperata da unazienda delposto. In trasferta da Berben-no, invece, Sabrina Valenti dellaFrutticultura Alpina: Per noiquesta la prima volta a Chiaven-na confida I nostri prodotti so-

    no succhi e confetture principal-mente a base delle nostre mele.Offriamo per anche trasformatidi mirtilli, ciliegie e lamponi. Ab-biamo voluto essere qui per averela possibilit di farci conoscere,anche al di fuori dellambito pro-vinciale: siamo sicuri che, ancheil solo fatto di essere presenti ad

    una manifestazione cos legata alterritorio sia, di per s, un fattomolto positivo. Miele provenien-te da tutta la Valchiavenna quelloofferto dalla ditta di Apicoltura diAntonio Pace: I nostri alveari spiega il proprietario sono dislo-cati su tutto il territorio, da Ver-ceia fino ad arrivare a Madesimocon il nostro miele prodotto in al-ta quota. Questa unottima occa-sione per farci conoscere e apprez-zare dal territorio nel quale ci tro-viamo ad operare. Nella Casadelle eccellenze hanno trovatoposto anche gli artigiani chiaven-naschi come Fabiano Scuffi che,con la sua liuteria, ha voluto esse-re presente per esporre i suoi bas-si e le sue chitarre elettriche:Questo un ottimo modo per far-si conoscere non solo dal pubbli-co ma anche dagli altri artigiani.Credo sia molto importante avereuna buona rete di conoscenze coni propri colleghi e questa tenso-struttura un eccellente punto diritrovo. Michele Broggio

    RIPRODUZIONE RISERVATA

    A Chiavennail taglio del nastro

    nello spazio espositivodedicato

    ai prodotti artigianalinellambito

    della Sagra dei crotti

    A Chiavennail taglio del nastro

    nello spazio espositivodedicato

    ai prodotti artigianalinellambito

    della Sagra dei crotti

    Eccellenze sul Mera

    C un cavillo normativoFinch non verrcambiata la leggelInps pu fare poco

    Eccellenze sul Mera

    ECONOMIA

    IMPEGNOMarina Pensa rappresentantesindacale della Camera del lavoro di Sondrio

    OGGIALLE 15APRATOGIANOILCONCORSODIPINGERECON IL VINO

    LACQUAFRISIAHA IDEATOUNCONCORSOPER I BAMBINI

    APPUNTAMENTI UNANUOVABOTTIGLIA

    Addetti pulizie delle scuole penalizzatiLabattaglia del sindacato per la disoccupazione estiva

    I nostri alvearisono dislocatisu tutto il territorioda Verceia a Madesimo

    Questo un ottimomodoper farsi conoscerenon solo dal pubblicoma anche dai colleghi

    Per noi questa la prima voltaa Chiavenna. Proponiamosucchi e confetture

    HANNODETTO

    AntonioPACE

    Molto produttiva la sinergiafra commerciantie artigiani della Valle

    FabianoSCUFFI

    SabrinaVALENTI

    DavideBERNIA

    MARINAPENSA

    NUMERISono trenta le dittechehanno decisodi partecipare alla rassegna

    0

  • 11GIORNOENOTTEDOMENICA 9 SETTEMBRE 2018

    Lepi vistedi ieri 1 2

    Guarda tutte le fotogallerydegli eventi suwww.ilgiorno.it

    GLI STESSI luoghi, la stessa emozione di cin-quantanni fa, quando Josephine edEnzo si giu-rarono amore eterno a Malta, il 7 settembre del1968, coronandouna storia damore iniziata gra-zie a unannuncio sul Giorno.La coppia saba-to ha festeggiato le nozze doro sullisola nelMe-diterraneo con la figliaMariagabriella, infermie-ra al San Raffaele diMilano, il figlio Davide, fi-sico a Roma, i tre nipotini - Stefano di 10 anni,Giulia di 7 e Angelica di 2 - e tanti ospiti arriva-ti dallItalia, daMalta e dallAustralia. Cinquan-

    tacinque anni fa Josephine Mula, non ancoramaggiorenne, abitava aMalta e cercava un ami-codi penna italiano. Pubblic quindi un annun-cio sulla rubrica Corrispondenza internaziona-le del GiornodeiRagazzi. InnocenzoDEmi-liano, 20 anni, era in vacanza a Ponte di Legno.Quasi per caso gli cadde locchio su quellan-nuncio, tempo dopo inizi un fitto scambio dilettere e nacque una storia damore proseguitapermezzo secolo.Nel 1968, dopo le nozze, scris-sero una lettera al Giorno: Sposi grazie al vo-

    stro giornale. Un ringraziamento che ripetonocinquantanni dopo, stringendo tra le mani lacopia del quotidiano con larticolo sulla loro sto-ria emozionante. La festa stata bella nella suasemplicit - spiegano - eravamo in 50 tra paren-ti e amici, venuti anche dallaltra parte delmon-do. La messa nella parrocchia degli italiani aMalta, Santa Caterina, stata officiata dal parro-codonGino e dadonMario,missionario france-scano venuto dallAustralia. Per noi stato ilmomento pi toccante. La festa allhotel Phoe-nicia a Floriana. Nella stessa sala dove, cin-quantanni fa, Josephine ed Enzo festeggiaronoil loro matrimonio.

    RIPRODUZIONE RISERVATA

    LASTORIA JOSEPHINE ED ENZOHANNOCELEBRATOLENOZZEDORO

    Grazie al Giorno 50 anni damoreAMalta unemozione senza fine

    NbaFanZoneMagicoBillups

    Siamo diventati amici di pennaleggendo un annuncio sul giornaleed nata cos una storia damoreLa festa stata bella e sempliceCerano figli, nipoti e tanti parenti

    Bus in Darsenaspot da giallo

    JosephineMulae il maritoEnzoDEmilianocon i figli DavideeMariagabrielladonGinoe il missionariodonMarionella chiesadi Santa Caterinaa La VallettaIn basso la festaallhotel Phoenicia

    LEVENTO

    RUBRICAGALEOTTA

    0

    123456781011