Oasi wwf di morigerati

Click here to load reader

download Oasi wwf di morigerati

of 70

  • date post

    16-Apr-2017
  • Category

    Education

  • view

    997
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Oasi wwf di morigerati

  • Un angolo paradisiaco del Cilento a pochi chilometri dalla costa del golfo di Policastro. Le cascate, le sorgenti di acqua cristallina, i piccoli laghetti e il mulino seicentesco, da cui sgorga una cascata d'acqua sorgiva, fanno di questo luogo uno dei pi belli della provincia di Salerno. L'Oasi di Morigerati gestita dal WWF Italia in convenzione con il comune di Morigerati, offre al turista interessato un itinerario turistico alternativo e interessante. Creata nel 1985 a protezione della fauna e per la conservazione del territorio e delle biodiversit, l'oasi sorge nel perimetro territoriale di Morigerati estendendosi per 607 ettari. Da visitare la grotta di origine carsica del Bussento dove il fiume fuoriesce dal percorso sotterraneo riprendendo il suo cammino all'esterno. Da segnalare, inoltre, l'importante iniziativa promossa dall'amministrazione comunale del paesino di Morigerati che ha deciso di trasformare l'intero paese in albergo. Sono circa 100 le case messe a disposizione dai residenti per chi vorr pernottare a Morigerati. Loasi WWF Grotte del Bussento una splendida area protetta dal 1995 di 600 ettari dove si pu passeggiare tra una vegetazione lussureggiante lungo un facile sentiero che dal centro di Morigerati porta alla Grotta nella quale il fiume carsico Bussento ritorna a scorrere in superficie dopo aver percorso circa 4 km nelle viscere della terra. Le acque che scaturiscono dalla Grotta sono risorgive in inverno e primavera quando la portata del fiume abbondante, mentre in estate sono esclusivamente acque di sorgente. Lambiente davvero suggestivo: la valle di Morigerati, del resto, non solo il prodotto dellerosione di un fiume ma quello che resta di unenorme grotta della quale crollata la volta qualche milione di anni fa.La vegetazione in fondo alle gole caratterizzata dalla presenza di muschi, felci e da arbusti di ontani e salici. In alto, il bosco composto da lecci, roverella, frassino, carpino, mentre sul versante esposto a sud predomina la macchia mediterranea.Nelle acque fresche e limpide del fiume sono presenti trote, gambero di fiume, granchio di fiume e si possono individuare i segni del passaggio della lontra. Nel bosco di leccio si trovano tracce di istrice, gatto selvatico, lupo.Tra gli uccelli spiccano i rapaci: gheppio, astore, nibbio bruno, nibbio reale e corvo imperiale.Lingresso alla grotta davvero spettacolare, un portale alto 20 metri e largo 10: si accede scendendo una scala scavata nel calcare e poi un ponte di legno permette di oltrepassare il fiume che si vede scaturire dalla roccia sottostante. Lingresso illuminato dalla luce del sole. Chi si vuole addentrare dovr munirsi di torcia (in distribuzione allingresso delloasi), ma si possono percorrere solo poche decine di metri perch la grotta finisce con un sifone.

  • Erroneamente imbocchiamo un percorso diverso da quello ufficiale

  • Questo doveva essere il percorso guidato ma oramai

  • Questa cortesissima signora la propietaria di questo lato di accesso alle grotte carsiche e ci fornisce utilissime indicazioni

  • Al vecchi Mulino riappare in superficie il Bussento

  • Siamo circondati da una atmosfera anomala, sul fondo di in canalone in un silenzio rotto solo dal rumore delle acque

  • Avanti ad un cartello proibito laccesso tutti rispettano le regole (?)

  • Tina entra nelle grotte carsiche del Bussento

  • La risalita dovrebbe essere pi leggera, ma chi lo ha detto?

  • Per oggi la gita terminata ma questo un altro meraviglioso posto da [email protected]