Il Pane Secco Non Si Butta

of 170 /170
1

description

raccolta di ricette per il riciclo del pane reffermo, dal blog www.mangiarbere.blogspot.com

Transcript of Il Pane Secco Non Si Butta

Page 1: Il Pane Secco Non Si Butta

1

Page 2: Il Pane Secco Non Si Butta

2

INTRODUZIONE................................................................................................................................................................................................................................... 7

DELIZIE SALATE ................................................................................................................................................................................................................................. 9

„MPANICATA dal blog “Provare per gustare” ........................................................................................................................................................................ 10

„MPERCIATA dal blog “La casa di Betty” ............................................................................................................................................................................. 11

ACQUACOTTA DAL BLOG “Pentole di rame” ........................................................................................................................................................................ 12

ALICI RIPIENE dal blog “Italians do eat better” ..................................................................................................................................................................... 13

CACIO E OVA (RICETTA ABRUZZESE) dal blog “Che gusto sa?” .................................................................................................................................................. 14

CACIUCCO VEGETARIAN0 dal blog “Cucinare, che passione” .................................................................................................................................................... 15

CAKE SALATO DI MEZZANOTTE dal blog “Colore in cucina” ..................................................................................................................................................... 16

CANEDERLI AL FORMAGGIO CON CREMA DI BROCCOLO dal blog “Pane & Miele”............................................................................................................................ 17

CANEDERLI AL PROSCIUTTO CRUDO dal blog “Mangia e Bevi” .................................................................................................................................................. 18

CANEDERLI ALLO SPECK IN BRODO dal blog “L‟antro dell‟alchimista” ........................................................................................................................................ 19

CANEDERLI D‟AGNELLO dal blog “Desperate Houseviz” .......................................................................................................................................................... 20

CARCIOFI E PATATE dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta” .................................................................................................................................................. 21

CARCIOFI IN SALSA ALL‟UOVO dal blog “La cucina di Ombraluce” ............................................................................................................................................. 23

CAVOLO NERO CON LE FETTE dal blog “Sfizi e Pasticci” ......................................................................................................................................................... 24

CIOTOLINE DI PANE dal blog “La cucina di Silvy” .................................................................................................................................................................. 25

COCOTTINE DI PANE CASERECCIO dal blog “Sapore di vaniglia” ................................................................................................................................................ 26

COTOLETTE A MODO MIO dal blog “Oggi pane e salame, domani..” ........................................................................................................................................... 27

CROCCHETTE DI PANE dal blog “La terra dei violini” ............................................................................................................................................................. 28

CROSTONI DI PANE AL FORNO dal blog “Le ricette di mamma Anatina” ...................................................................................................................................... 29

CRUMBLE DI POMODORINI E MANDORLE dal blog “L‟antro dell‟alchimista” .................................................................................................................................. 30

FAGIOLINI CON MOLLICA DI PANE dal blog “La casa di Betty” ................................................................................................................................................... 31

FINOCCHI CON FORMAGGIO E MOLLICA dal blog “La casa di Betty”............................................................................................................................................ 32

FRITTATA DI PANE AL FORNO dal blog “Ricette facili” ........................................................................................................................................................... 33

FRITTELLE DI MELANZANE dal blog “La ginestra e il mare” ..................................................................................................................................................... 34

FUNGHI RIPIENI dal blog “Colore in cucina” ......................................................................................................................................................................... 35

GARBAZONS CON ESPINACAS dal blog “Lievito e Spine” .......................................................................................................................................................... 36

GAZPACHO DI MARINA dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta” ............................................................................................................................................... 37

GNOCCHETTI DI PANE CON PREZZEMOLO E ERBA CIPOLLINA dal blog “La tana della volpe” ............................................................................................................. 38

GNOCCHETTI DI PANE VERDI dal blog “Le ricette dei Bubu” .................................................................................................................................................... 39

GNOCCHI DI PANE CON BROCCOLO E FONDUTA dal blog “Pane & Miele” ..................................................................................................................................... 40

GNOCCHI DI PANE CON BURRO FUSO E SALVIA dal blog “ Il criceto goloso” ................................................................................................................................. 41

GNOCCHI DI PANE CON TOMA E SPINACI dal blog “Timo e Maggiorana” ....................................................................................................................................... 42

GNOCCHI DI PANE DI SILVY dal blog “La cucina di Silvy” ......................................................................................................................................................... 43

Page 3: Il Pane Secco Non Si Butta

3

GNOCCHI DI PANE, RICOTTA E SPINACI dal blog “La cucina della socia” ...................................................................................................................................... 44

GNOCCHI ERBETTE, RICOTTA E PANE dal blog “Easy to eat” .................................................................................................................................................... 45

GNOCHI DE PAN FRIULANI dal blog “La cucina di Ombraluce” .................................................................................................................................................. 46

INVOLTINI DI SCAROLA dal blog “Nastro di raso” ................................................................................................................................................................... 47

INVOLTINI DI VERDURE dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta” .............................................................................................................................................. 48

KNODEL IN VERDE dal blog “Chez Babs” ............................................................................................................................................................................. 50

MAZZAMURRU dal blog “Trattoria Muvara” .......................................................................................................................................................................... 51

MELANZANE RIPIENE dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta” ................................................................................................................................................. 52

MINESTRA DI PANE CON BIETA E FAGIOLI Dal blog “Chi non mangia in compagnia” ....................................................................................................................... 53

MINESTRA NEL SACCHETTO dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta” ......................................................................................................................................... 54

MUNDEGHIT dal blog “Colazioni a letto” ............................................................................................................................................................................. 56

PANCOTTO dal blog “Stegnat de polenta” .......................................................................................................................................................................... 57

PANCOTTO CON LE ERBE dal blog “Un pizzico di magia” ........................................................................................................................................................ 58

PANCOTTO CON VERDURE E PATATE dal blog “Dolcezze infinite” ............................................................................................................................................. 59

PANCOTTO REVISITED dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta” ............................................................................................................................................... 60

PANCOTTO TRADIZIONALE CON FAGIOLI E VERDURE dal blog “InFusione” ................................................................................................................................... 61

PANE AL FORNO dal blog “uvAromatica” ............................................................................................................................................................................ 63

PANE ALL‟ACQUA PAZZA dal blog “Voglio vivere così” ........................................................................................................................................................... 64

PANE COTTO ALLA RAFFAELA DEL RE dal blog “Polvere di peperoncino” ................................................................................................................................... 65

PANE COTTO E RAPE dal blog “Polvere di peperoncino” ......................................................................................................................................................... 66

PANE CUOTTO dal blog “La casa di Betty”........................................................................................................................................................................... 67

PANE FRITTO dal blog “La casa di Betty” ............................................................................................................................................................................ 68

PANE IN PIZZA dal blog “La cucina di Silvy” ......................................................................................................................................................................... 69

PANE RICCO dal blog “Un mondo di farina” ......................................................................................................................................................................... 70

PANODA dal blog “Che gusto sa?” ..................................................................................................................................................................................... 71

PANZANELLA dal blog “Mangia e Bevi” ............................................................................................................................................................................... 72

PAPPA AL POMODORO DI AURORE dal blog “Biscotti rosa e tralala” ........................................................................................................................................... 73

PAPPA AL POMODORO DI SILVIA dal blog “La Pappa al pomodoro” ............................................................................................................................................ 74

PAPPA AL POMODORO ROSE‟ VELOCE VELOCE dal blog “Pan di Ramerino” .................................................................................................................................. 75

PAPPA AL POMODORO SENZA GLUTINE dal blog “La Gaia celiaca” ............................................................................................................................................. 76

PAPPA COL POMODORO dal blog “Architettando in cucina” ..................................................................................................................................................... 77

PASSATELLI DI MOLLY dal blog “Molly in cucina” .................................................................................................................................................................. 78

PATATE ARRACANATE dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta” ............................................................................................................................................... 79

PEPERONI IMBOTTITI dal blog “Assaggi di viaggio” ................................................................................................................................................................. 80

PEPERONI RIPIENI dal blog “La casa di Betty”....................................................................................................................................................................... 81

Page 4: Il Pane Secco Non Si Butta

4

PEPERONI RIPIENI DI JESSIE dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta” ........................................................................................................................................ 82

PEPERONI RIPIENI DI TONNO dal blog “La cucina di Ombraluce” ............................................................................................................................................... 83

PISAREI E FASO dal blog “Kitchen Confidential” ................................................................................................................................................................... 84

PIZZA POVERELLA dal blog “La casa di Betty” ...................................................................................................................................................................... 85

PIZZETTE DI PANE (1)dal blog “Passioni e cucina” ................................................................................................................................................................. 86

PIZZETTEDI PANE (2) dal blog “Voglia di cucina… Voglia di sognare”.......................................................................................................................................... 87

POLLO RIPIENO AL PROFUMO DI THE dal blog “La melagranata” ............................................................................................................................................... 88

POLPETTE AL SUGO dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta” .................................................................................................................................................. 89

POLPETTE ALL‟ANTICA dal blog “La cucina di Ombraluce”...................................................................................................................................................... 91

POLPETTE DI CARNE (fritte o al forno) dal blog “Passioni e cucina” .......................................................................................................................................... 92

POLPETTE DI MELANZANE AL FORNO dal blog “Italians do eat better” ....................................................................................................................................... 93

POLPETTE DI PANE FARCITE dal blog “Il mondo di Stefy” ........................................................................................................................................................ 94

POLPETTE DI PANE IN SALSA PICCANTE dal blog “La voglia matta” ............................................................................................................................................ 95

POLPETTE DI TOFU E OLIVE DE “LA GOLOSASTRA”dal blog “Pasticci PataPata” ........................................................................................................................... 96

POLPETTE DI ZUCCHINE AL FORNO dal blog “Italians do eat better” .......................................................................................................................................... 97

POLPETTONE AL PROFUMO DI VIN SANTO dal blog “L‟antro dell‟alchimista” ............................................................................................................................... 98

POLPETTONE ALLA MODA dal blog “A tavola con Mammazan” ................................................................................................................................................. 99

POLPETTONE DI PATATE dal blog “L‟antro dell‟alchimista” ................................................................................................................................................... 101

POLPETTONE DI TONNO (CON IL BIMBY) dal blog “L‟antro dell‟alchimista” ............................................................................................................................... 102

POLPETTONE FREDDO DI ZIA LELLA dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta” ............................................................................................................................ 103

POLPETTONE PRIMAVERA dal blog “Pan di Ramerino” ......................................................................................................................................................... 104

PRESSKNODEL dal blog “L‟antro dell‟alchimista” ................................................................................................................................................................ 105

PUPPETT‟ dal blog “Quantocepiacechiacchierà”................................................................................................................................................................. 106

RIBOLLITA (con prosciutto toscano) dal blog “C‟era una volta ma adesso non c‟è più” ................................................................................................................ 107

RIBOLLITA TOSCANA dal blog “Architettando in cucina” ....................................................................................................................................................... 108

RICORDO DI MOZZARELLA IN CARROZZA dal blog “Sale e Pepe quanto basta” ............................................................................................................................ 109

SCARPINOCC DE PAR dal blog “Stegnat de polenta” ............................................................................................................................................................. 110

SFIZIOSETTI dal blog “Golosona”..................................................................................................................................................................................... 111

SFORMATO FILANTE dal blog “Chez Moi” .......................................................................................................................................................................... 112

SOUFFLE DI PANE dal blog “La cucina di Ombraluce” .......................................................................................................................................................... 113

SOUPE OIGNON dal blog “Le ricette di mamma Anatina” ...................................................................................................................................................... 114

SOUPE PAISANNE dal blog “La cuoca eclettica” .................................................................................................................................................................. 115

SPAGHETTI CON LA MOLLICA dal blog “Italians do eat better” ............................................................................................................................................... 116

TARTA DE SPANAC (Torta di spinaci)dal blog “Vagetarian Gustos si sanatos” ............................................................................................................................. 117

TORTA AROMATICA DI PANE POMODORI E ZUCCHINE dal blog “Fiordivanilla” ............................................................................................................................. 119

Page 5: Il Pane Secco Non Si Butta

5

TORTA SALATA DI PANE dal blog “Il profumo delle madeleines” ............................................................................................................................................. 120

TORTINI DI NOCI E CIPOLLA DI ACQUAVIVA (ma anche ai funghi) dal blog “La cucina di qb” .......................................................................................................... 121

TORTINI DI PANE E POMODORI dal blog “Cuoca a domicilio” .................................................................................................................................................. 123

TORTINO RUSTICO DI PANE dal blog “Ricette Facili” ............................................................................................................................................................ 124

VERDURE GRATINATE dal blog “La mora di Gelso” .............................................................................................................................................................. 125

ZUCCHINE BRUSCHETTA E SPAGHETTI dal blog “Pagnottina” ................................................................................................................................................. 126

ZUCCHINE RIPIENE dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta” .................................................................................................................................................. 127

ZUPPA DI CAVOLO NERO dal blog “Architettando in cucina” .................................................................................................................................................. 128

ZUPPA DI PATATE E CAVOLO NERO dal blog “Sfizi e pasticci” ................................................................................................................................................ 129

ZUPPA CUATA dal blog “Rebecca del sol” ......................................................................................................................................................................... 130

DOLCI TENTAZIONI ........................................................................................................................................................................................................................ 131

CLAFOUTIS DI PANE, PERE E CIOCCOLATO dal blog “Giardino Fiorito” ..................................................................................................................................... 132

CROSTINI DI PANINI AL BURRO dal blog “Ricette facili” ........................................................................................................................................................ 133

DOLCE DI PANE ALLA PIEMONTESE dal blog “Stegnat de Polenta” ........................................................................................................................................... 134

FOCACCIA DI PANE dal blog “Zucchero e Viole” .................................................................................................................................................................. 135

MIASCIA DI GIULIA dal blog “Filosoficamente sostenibile” ..................................................................................................................................................... 136

PANE AMBIZIOSO dal blog “Chez Babs” ............................................................................................................................................................................. 137

PANE CON LE PERE dal blog “La Fleur Kitchen” .................................................................................................................................................................. 139

PINZA dal blog “La cucina di qb” .................................................................................................................................................................................... 140

SNITE dal blog “Dolce e salato per il palato”...................................................................................................................................................................... 141

STRUDEL DI SANTA LUCIA dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta” ......................................................................................................................................... 142

TORTA DI PANE AL CIOCCOLATO dal blog “Dolci a Gogo” ...................................................................................................................................................... 143

TORTA DI PANE ALLA VANIGLIA, FICHI E MANDORLE dal blog “Chi ha rubato le crostate?” ............................................................................................................ 144

TORTA DI PANE CON LE MELE dal blog “La Gaia celiaca” ...................................................................................................................................................... 145

TORTA DI PANE DI ASA_ASHEL dal blog “La caloria solitaria” ................................................................................................................................................. 146

TORTA DI PANE DI ATTILIO VANNUCCI dal blog “Io così come sono” ........................................................................................................................................ 148

TORTA DI PANE DI BABS dal blog “Chez Babs” .................................................................................................................................................................... 149

TORTA DI PANE DI DOLCEAMARA dal blog “Dolc&amara” ...................................................................................................................................................... 150

TORTA DI PANE DI LAURA dal blog “L‟antro dell‟alchimista” ................................................................................................................................................. 151

TORTA DI PANE DI MAURINA dal blog “Comfort food”........................................................................................................................................................... 152

TORTA DI PANE E CIOCCOLATO DI CHICCA dal blog “Le chicche di Chicca” ............................................................................................................................... 153

TORTA DI PANE E CIOCCOLATO DI SABRINA ALLA MANIERA DI LISE dal blog “Il bistrot di Lise e Metroicon” ....................................................................................... 154

TORTA DI PANE E NOCCIOLE ALL‟ARANCIO CANDITO “dal blog “Crea & Cucina” ......................................................................................................................... 155

TORTA DI PANE E NOCI dal blog “Dulcis in furno” ............................................................................................................................................................... 156

TORTA DI PANE RICCA dal blog “Fiordivanilla” ................................................................................................................................................................... 157

Page 6: Il Pane Secco Non Si Butta

6

TORTA PAESANA DI CHIARETTA dal blog “Chi ha rubato le crostate?” ...................................................................................................................................... 159

TORTA PAESANA DI PANE E CACAO DI SUNFLOWERS dal blog “Oggi pane e salame, domani…” ....................................................................................................... 161

TORTA PAESANA DI SIMONCINA dal blog “Monella in cucina” ................................................................................................................................................. 162

TORTA POVERA DI PANE E MELE dal blog “Feel cook” .......................................................................................................................................................... 163

TORTA RUSTICA dal blog “Le cose di Rita” ........................................................................................................................................................................ 164

........................................................................................................................................................................... 165

Canederli vegetariani di Monica ...................................................................................................................................................................................... 166

Falsa Pizza ................................................................................................................................................................................................................ 167

Pane fritto ................................................................................................................................................................................................................. 167

Passatelli in brodo di Ambra .......................................................................................................................................................................................... 167

Pancotto con verdure di Mgb (Ombraluce) ........................................................................................................................................................................ 168

Polpette di pane mai uguali di Ivo Tedeschi ....................................................................................................................................................................... 168

Torta di pane e mele di Mgb (Ombraluce) ......................................................................................................................................................................... 169

Zuppa di pane ............................................................................................................................................................................................................ 170

Page 7: Il Pane Secco Non Si Butta

7

INTRODUZIONE “Avete sentito le notizie degli ultimi giorni? 180 quintali di pane che, ogni giorno, a Milano, vengono buttati via?? Avete letto quest'articolo del

Corriere?

E se supermercati e panifici regalassero gli scarti a chi ne vuole? Il pane è un prodotto ad alta deperibilità, è vero, ma se a qualcuno tornasse

utile anche il pane raffermo? Io sarei la prima a mettermi in coda!!!

Col pane raffermo si possono fare tantissime cose... Alcuni esempi? Il pan grattato, il pan cotto, il ripieno per alcuni tipi di ravioli, la frittata di

pane, la panzanella, le polpette, diversi tipi di gnocchi, i canederli, le torte di pane, e chi più ne ha più ne metta!

Propongo ai food-bloggers (ma non solo) di lanciare un messaggio anti-spreco postando una ricetta in cui compaia come ingrediente il pane

raffermo...”

Ogni giorno, a Milano, vengono buttati nella spazzatura ben 180 quintali di pane fresco: supermercati e panifici continuano a produrne fino a poco prima dell’orario di

chiusura, affinchè anche l’ultimo cliente abbia a sua disposizione il pane appena sfornato e una vasta gamma di formati tra cui scegliere (non s ia mai che ci si debba

accontentare di ciò che è rimasto!) così, quando il negozio chiude, l’invenduto è molto e tutto da buttare.

180 quintali al giorno soltanto a Milano… Di che cifre parleremmo se volessimo calcolare la quantità di pane buttato ogni anno in tutta Italia?

Altrettanto sconcertanti sono i dati riguardanti gli sprechi delle mense scolastiche, aziendali e ospedaliere: il valore degli alimenti che vengono buttati ogni anno

ammonta a ben 130 milioni di euro su un totale di 700 milioni di fatturato. A dare la cifra del fenomeno è il centro studi della Fipe, Federazione Italiana Pubblici Esercizi

della Confcommercio. Qui trovate l’articolo a cui mi riferisco.

Purtroppo sprechiamo molto più di quanto ci potremmo concedere, e lo spreco dei beni alimentari non è altro che una piccolissima parte rappresentativa di un

problema estremamente più vasto.

Questi sono in sintesi i motivi che mi hanno spinta a lanciare un’iniziativa anti-spreco attraverso il mio blog. Perché ho scelto proprio il pane? Perché per arginare il

problema dello spreco bisognerebbe che ognuno cominciasse a fare la propria parte, prestando più attenzione ai piccoli gesti quotidiani. Il pane è il bene primario per

eccellenza, un alimento semplice e prezioso al tempo stesso, estremamente versatile e ricco di tradizione. Il pane non si butta! Nemmeno quello raffermo, e non si

tratta soltanto di una questione etica: riciclare è anche una questione di gusto e di risparmio. Un esempio? Con una pagnotta rafferma, del latte, poco zucchero e

qualche altro “ingrediente di recupero”, è possibile confezionare una torta super economica ed indescrivibilmente buona!

Molte sono le ricette di riciclo legate alla cuicna tradizionale: i nostri nonni non buttavano nulla e si ingegnavano per piatti nutrienti, gustosi e sempre diversi con i pochi

ingredienti di cui disponevano. In molti casi non esistono dosi, perché in cucina il buon senso è la bilancia più affidabile.

Naturalmente troverete in questo contest anche ricette più innovative, talvolta estrose, a dimostrazione del fatto che basta un po’ di fantasia per creare delle vere

prelibatezze.

Non mi aspettavo che la raccolta avrebbe riscosso tanto successo, e ringrazio di cuore tutti i bloggers e i lettori che mi hanno appoggiato esponendo il banner,

scrivendo post di incoraggiamento al riciclo, e inviandomi le proprie ricette. Visitate le loro pagine e leggete le belle parole che hanno dedicato all’iniziativa… Purtroppo

non ho potuto includerle nel ricettario per una questione di praticità.

La rete è molto attiva in termini di sensibilizzazione, e non solo per quanto riguarda gli sprechi: ho trovato blog meravigliosi che spiegano come fabbricare in casa

detersivi atossici ed ecologici per la salvaguardia non solo dell’ambiente, ma anche di noi stessi e dei nostri portafogli! Trovo che tutto questo muoversi, attivarsi,

partecipare, informarsi che caratterizza la rete, la renda un mezzo indispensabile e irrinunciabile.

Ma bando alle ciance: qui si parla di cucina e di prelibatezze! Di seguito trovate le ricette dei bloggers divise in due categorie: Le delizie salate e Le dolci tentazioni.

Ho preferito non suddividere i piatti salati in primi, secondi e contorni perché le ricette di riciclo del pane sono generalmente molto sostanziose e possono essere

Page 8: Il Pane Secco Non Si Butta

8

classificate come piatti unici. Sta a voi ridurre le dosi se avete intenzione di preparare un pranzo completo, dall’antipasto al dolce.

In fondo alla raccolta trovate le ricette dei lettori che, essendo soltanto 8, sono disposte semplicemente in ordine alfabetico.

Un ultimo appunto: se abitate nei dintorni di Milano e se come me faticate ad avanzare il pane e siete costretti a comprarlo fresco per farlo diventare raffermo,

rivolgetevi a Ondina, che si è offerta per distribuire gratutitamente pane raffermo.

Che aspettate? Sfogliate il pdf e….

BUON APPETITO!

Valentina

Page 9: Il Pane Secco Non Si Butta

9

DELIZIE SALATE

Page 10: Il Pane Secco Non Si Butta

10

„MPANICATA dal blog “Provare per gustare”

Ingredienti

200 gr di fagioli (quelli che preferite)

10 fette di pane circa

sale q.b.

origano q.b.

olio q.b.

Procedimento

In una teglia antiaderente versiamo l'olio, le fette di pane spezzettate grossolanamente, i fagioli con un

bicchiere d'acqua, il sale e l'origano e facciamo cuocere.

Nel caso occorre, aggiungere qualche goccio d'acqua, la mollica del pane diciamo che deve sciogliere (foto).

A questo punto iniziamo a compattare la nostra "frittatina": capovolgiamola su un piatto per farla cuocere

anche dall'altro lato e facciamo questa operazione più di una volta fino a che non sia ben dorato a croccante

da entrambi i lati.

Page 11: Il Pane Secco Non Si Butta

11

„MPERCIATA dal blog “La casa di Betty”

Ingredienti:

200 g di broccoli

Alcune fette di pane raffermo

5/6 filetti di alici sott’olio

Peperoncino fresco (facoltativo)

Aglio

Olio

Procedimento

Sbollentate i broccoli in acqua leggermente salata, scolateli "al dente". In una

padella antiaderente e abbastanza capiente fate soffriggere l'olio con l'aglio e

il peperoncino (facoltativo). Aggiungere i broccoli e le alici e terminare la

cottura. Prima di servire in tavola aggiungere il pane raffermo (a volontà).

Mescolare per amalgamare il tutto senza far disfare del tutto il pane. Servire

caldo.

Piatto povero della tradizione popolare che potete arricchire a vostro piacimento, magari con della salsiccia fresca.

Page 12: Il Pane Secco Non Si Butta

12

ACQUACOTTA DAL BLOG “Pentole di rame”

ingredienti:

(per una pirofila tonda con diametro 26)

3 o 4 fette di pane raffermo, precedentemnte

tostado

una zucchina grande

due patate

tre pomodori

una costa di sedano

circa un litro di brodo vegetale

sale qb

due uova

100g di parmiggiano grattuggiato

alcune scaglie di parmiggiano prima di servirla a

tavola

150 g di pancetta affumicata

Procedimento

tostare il pane raffermo e posizionarlo come rivestimento della pirofila, ritagliando i pezzi come per

foderarla. Intanto mondare le verdure e cuocerle nel brodo per circa 45 minuti. Non appena pronto il

minestrone, versarvi la pancetta affumicata, il parmiggiano grattuggiato e le uova; rimestare fino a che le

uova non siano cotte e completamente "stracciate". Cosí fatto versare le verdure sul pane e lasciarlo

imbibire per ben.

Servire ben caldo in ciotole capienti con le scaglie di parmiggiano

Page 13: Il Pane Secco Non Si Butta

13

ALICI RIPIENE dal blog “Italians do eat better”

Ingredienti:

500 gr di alici fresche

200 gr di pane raffermo

2 uova

3 cucchiai di parmigiano grattugiato

un ciuffo di prezzemolo

2 spicchi d’aglio

farina

sale, pepe

olio per friggere

Preparazione:

Pulite le alici, togliete le lische facendole rimanere unite nel dorso. Sciacquatele, poggiatele su carta

assorbente per asciugarle, poi apritele a libro. In una ciotola mescolate le uova, il pane bagnato all’acqua

strizzato e sbriciolato, il prezzemolo e gli spicchi d’aglio tritati, il parmigiano, il sale e il pepe. Prendete

un’alice come base, farcitela con un po’ del composto, chiudetela con un’altra alice messa sopra (tipo

sandwich), passatele nella farina e friggetele in olio bollente. Quando risulteranno dorate, toglietele

dall'olio, fatele sgocciolare e poggiatele su carta assorbente per eliminare l'olio in eccesso. Servitele

calde.

Page 14: Il Pane Secco Non Si Butta

14

CACIO E OVA (RICETTA ABRUZZESE) dal blog “Che gusto sa?”

Ingredienti (10/12 quenelle)

2 uova

8 cucchiai di grana grattugiato

5 cucchiai di pecorino grattugiato

4 cucchiai di pane secco grattugiato

1 cucchiaino raso di farina

1 peperone rosso

2 cubetti di scalogno/porro stufato (in alternativa

porro o cipolla freschi)

5 cucchiai di salsa rustica di pomodoro

1 cucchiaino di dado vegetale bimby (o dado

classico)

2 cucchiai d’olio

Preparazione

Tagliare il peperone a listarelle corte e sottili, quindi iniziare ad appassirlo con l'olio in un tegame

antiaderente a fuoco vivace. Aggiungere quindi il porro stufato e mescolare amalgamando i due ingredienti.

Versare la salsa di pomodoro, mescolare nuovamente, aggiungere un po’ d’acqua, quindi coprire e cuocere

a fuoco lento per tre quarti d’ora circa, controllando di tanto in tanto e aggiungendo acqua per non lasciare

mai asciugare. Intanto in una ciotola amalgamare le uova sbattute con i formaggi, il pangrattato e la farina,

in modo da ottenere un composto morbido ma compatto. Trascorsi i 45 minuti di cottura del peperone (deve

risultare bello morbido) preparare col composto ai formaggi delle quenelle, metterne una nel tegame per

verificare che resti soda e non appiattisca (se succede, vuol dire che al composto bisogna aggiungere

ancora un po’ di pangrattato e formaggio!), quindi disporre le quenelle nel tegame e proseguire con la

cottura, scoperta, per altri 15-20 minuti circa, aggiungendo sempre acqua se serve. Serviere caldi, meglio

se il giono dopo: prendono più gusto e sono eccezionali!

Page 15: Il Pane Secco Non Si Butta

15

CACIUCCO VEGETARIAN0 dal blog “Cucinare, che passione”

Ingredienti:

50 g di fagioli con l’occhio secchi,

50 g di borlotti,

50 g di cannellini;

100 g di ceci secchi,

50 g di lenticchie,

50 g di fagioli messicani,

lardo di colonnata,

uno spicchio di aglio,

cipolla, carota, sedano,rosmarino,

olio extra vergine dì oliva toscano, sale,

peperoncino,maggiorana,

pane toscano raffermo (o pane senza sale)

Procedimento:

Mettere a bagno separatamente per almeno 6 ore i fagioli cannellini,borlotti,con l’occhio e neri messicani

quindi i ceci e le lenticchie. Trascorso il tempo indicato, lavarli e scolarli.

Scaldare leggermente 2 cucchiai di olio di oliva extravergine in una casseruola, unire il lardo di Colonnata

con un poco di rosmarino e l’aglio fino a renderlo croccante. Togliere il lardo e il rosmarino ,farci

soffriggere ,ora le verdure tritate:cipolla,sedano,carota. Quando sono dolcemente ammosciate ,passarle

al passatutto,rimetterle al fuoco e aggiungere i pomodori pelati. Versarvi,quindi i legumi,che come per il

cacciucco di pesce ,vanno aggiunti un po’ per volta,secondo il tipo di cottura che ogni qualità richiede.

Quindi prima i messicani, poi i ceci, i borlotti, gli occhialuti, i cannellini e le lenticchie. A metà cottura

aggiungere un pugno di cicoria selvatica o punte di ortica(dipende dalla stagione),e far bollire lentamente

per 1 ora e 30 minuti circa. Allungare di tanto in tanto con brodo di carne ,aromatizzare con un pizzico di

maggiorana. Tenere sul fuoco per altri 30 minuti. Aggiustare di sale, verificare la cottura e, se i legumi

sono pronti, versare in una zuppiera dove sono state disposte fette di pane raffermo toscano abbrustolite

ed strofinate con uno spicchio d’aglio. Alternare gli strati di pane a quelli di caciucco. Guarnire con il lardo

di Colonnata bello croccante e condire con olio crudo e peperoncino.

Page 16: Il Pane Secco Non Si Butta

16

CAKE SALATO DI MEZZANOTTE dal blog “Colore in cucina”

Ingredienti:

500 g di pane raffermo

8 dl di latte

3 uova

sale e pepe

basilico tailandese (oppure

prezzemolo o basilico comune)

pancetta affumicata

formaggi a piacere (io ne ho messi di 4

tipi diversi)

parmigiano a scaglie finissime

Preparazione:

Tagliare il pane a pezzetti eliminando le croste più dure. Scaldare il latte e quando è caldo versarlo sul pane. Lasciare

ammorbidire il pane e amalgamare il tutto a mano (come quando si preparano le polpette). Aggiungere sale, pepe e

basilico tailandese. Aggiungere poi le uova ed amalgamare il composto. A questo punto tagliate la pancetta affumicata

e il formaggio a pezzetti ed uniteli all'impasto. Rivestire una forma per il cake con la carta da forno e versare il

composto. Mettere in forno preriscaldato a 200° per circa 45 minuti (dipende dal proprio forno) finchè la superficie non

sarà ben dorata. Lasciarlo raffreddare e tagliarlo a fette. Ottimo per accompagnare un piatto di insalata mista. Oppure

tagliatelo a quadretti e con uno stuzzicadenti servitelo come antipasto.

Page 17: Il Pane Secco Non Si Butta

17

CANEDERLI AL FORMAGGIO CON CREMA DI BROCCOLO dal blog “Pane &

Miele”

Ingredienti(per 4 persone)

300 gr di pane raffermo ( è meglio se spaccatine

o rosette ),

3 uova

300 gr di latte

sale

2-3 cucchiai di farina

40 gr di formaggio (fontina, caprino o gorgonzola)

Per il condimento:

400 gr di broccolo

80 gr di burro

60 gr di parmigiano grattugiato

erba cipollina

Procedimento

1. Riducete il pane raffermo a dadini molto piccoli. In un'altra ciotola mescolate uovo, sale e latte con la

frusta. Unite al pane e mescolate con le mane. Mettete una alla volta 2 cucchiai di farina. Mescolate tutto

bene con il cucchiaio di legno (oppure con le mane, così si capisce se il composto è troppo asciutto o

troppo liquido). Lasciate a parte.

2. Nel frattempo pulire il broccolo e fare cuocere circa 15-20 minuti.

3. In tanto che il broccolo sta bollendo, tagliate il formaggio a dadini piccoli.

4. Portate ad ebollizione una capiente casseruola piena d'acqua e salatela. Prendete il composta al base di

pane e formate 12 sfere della dimensione di un mandarino, con le mane un po’ inumidite, e poi ricavate un

buco e mettete 2-3 cubetti di formaggio. Nuovamente formate la sfera. Mettetela sul piato piano o vassoio e

spolverate sopra con un pò di farina oppure se l'acqua già bolle mettere direttamente nel''acqua bollente e

fare cuocerle per 10-12 minuti.

5. Scolare il broccolo, passare in mixer per ottenere la crema, mettendo l'acqua necessaria della cottura,

salare. Disponetela nel piatto di portata.

6. Prelevate i canederli con un mestolo forato, disponeteli nel piatto sulla crema di broccolo. Cospargendoli

di parmigiano grattugiato e burro fuso con l'erba cipollina.

Page 18: Il Pane Secco Non Si Butta

18

CANEDERLI AL PROSCIUTTO CRUDO dal blog “Mangia e Bevi”

Ingredienti (dosi per 4 persone):

1l d brodo di carne

200g di pane raffermo

80g di prosciutto crudo

20g di burro

1 cipolla piccola

1 uovo

50g di farina

1 dl di latte

1 cucchiaio di grana grattugiato

1 cucchiaino di prezzemolo tritato

noce moscata qb

sale e pepe

Procedimento

Tagliate il pane raffermo a cubetti e mettetelo in una terrina con il latte. Dopo averlo lasciato ammorbidire

per 2 ore,strizzatelo per bene. Fate appassire in un tegame la cipolla tritata grossolanamente e tritate il

prosciutto.

Mettere il tutto in una terrina, aggiungete l'uovo, il grana, il prezzemolo, noce moscata, sale e pepe.

Amalgamate il tutto e formate delle palline di 3-4 cm di diametro aiutandovi con della farina.

In una pentola portate a ebollizione dell'acqua salata, e fatevi cuocere i canederli per circa 7 min.

Nel frattempo scaldate il brodo.

Scolate i canederli, sistemateli nel piatto, e versateci sopra il brodo. Una grattuggiata di grana ed è pronto!

Page 19: Il Pane Secco Non Si Butta

19

CANEDERLI ALLO SPECK IN BRODO dal blog “L‟antro dell‟alchimista”

Ingredienti per 8 Canederli

300 g di pane bianco raffermo

(io mi sono portata in italia una buona scorta

di Semmel secchi e fatti a dadini, il pane che

forse meglio si presta alla preparazione dei

canederli)

100 g di speck

mezza cipolla tritata finemente

una noce di burro

2 uova

2 bicchieri di latte

2 cucchiai di farina

2 cucchiai di prezzemolo tritato

erba cipollina

sale

un litro e un quarto di brodo di carne

Preparazione

Tagliare il pane a dadini e metterlo in una terrina. Tagliare lo speck a dadini piccolissimi ed aggiungerlo al pane.

Friggere la cipolla nel burro. Frullare le uova con parte del latte, aggiungere il prezzemolo e versare il tutto sul

pane. Fate riposare mezz'ora. Incorporare la farina, il sale e la cipolla e - se occorre - anche un po di latte. Con

le mani bagnate formate i canederli, mettetel nell'acqua bollente precedentemente salata e fateli bollire a fuoco

moderato per 15 minuti circa. (Per evitare che i canederli non tengano la cottura, si può cuocere un canederlo

per prova: se dovesse disintegrarsi, sarà utile aggiungere ancora un poco di farina alla pasta). Servire in un

buon brodo di carne cosparso di erba cipollina

(ricetta tratta dal libro la Cucina nelle Dolomiti di Annelise Kompatscher)

Page 20: Il Pane Secco Non Si Butta

20

CANEDERLI D‟AGNELLO dal blog “Desperate Houseviz”

Ingredienti:

200 gr di carne trita d'agnello

1 cipolla piccola

abbondante prezzemolo

1 noce di burro

4 panini raffermi

200 ml latte tiepido

2 tuorli e un albume

sesamo

semi di lino

sale e pepe qb

Procedimento

Innanzitutto, mettere la cipolla a soffriggere con la noce di burro e il prezzemolo tritato. Aggiungere la trita di

agnello e spegnere il fuoco a metà cottura.

Nel frattempo tagliare il pane a cubetti e bagnarlo con il latte. Mischiare fino a spezzettare il pane ancora un

po' e aggiungere la carne, le uova il sesamo, i semi di lino e un pizzico di sale e pepe.

Quando tutti gli ingredienti sono ben amalgamati, lasciar riposare per una mezzora.

Formare i canederli (io li ho fatti abbastanza piccoli apposta) e farli bollire 10-15 minuti nel brodo.

Servire con un quarto di cipolla (con un assaggio di midollo) e carota.

Page 21: Il Pane Secco Non Si Butta

21

CARCIOFI E PATATE dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta”

Ingredienti:

cinque bei carciofi (abbondate di uno, primo perché tanto chi mangerà

gradisce di sicuro, secondo perché al paese mio e non solo il quattro porta

sfiga)

tre belle patate

una grossa manciata di mollica di pane raffermo ma non troppo

un po' di capperi sotto sale, opportunamente sciacquati sotto l'acqua corrente

un filetto di peperone sott'olio

qualche fogliolina di mentuccia

olio d'oliva

Preparazione:

con santa pazienza mettetevi all'opera con i carciofi e puliteli. Se è la prima

volta che vi ci date personalmente del tu, procedete come segue: tagliate i

gambi e metteteli da parte, mozzate un bel pezzo della cima (e intendo un bel

pezzo, in modo che dalla base del fiori restino tre dita scarse) e togliete le

foglie dure fino a quando non farete alcuna fatica e anziché "sgnak!" sentirete,

al momento di staccarle, un lieve "pop". Quindi con il coltello aprite appena la

parte centrale del carciofo: se nell'interno vedete il cosiddetto fieno (in genere

associato a foglioline minuscole di colore violetto o verdino che hanno la

caratteristica di pungere come un cactus) provvedete a rimuoverlo ruotando

con delicatezza la punta della lama. Nel mentre che operate tenete un limone

tagliato a tiro e provvedete a strofinare con esso le vostre dita nonché i

carciofi, così eviterete l'effetto spazzacamino per ambedue. In ultimo sbucciate

i gambi - che non vanno buttati via, a meno che non siano proprio legnosi:

sono infatti squisiti - e metteteli insieme ai fiori in una ciotola con acqua e

spicchi di limone.

Page 22: Il Pane Secco Non Si Butta

22

Carciofi e patate (… continua!)

Intanto che i carciofi fanno il bagnetto preparate il ripieno: mescolate alla

mollica ben tritata le foglioline di mentuccia e i capperi dissalati e aggiungete

un filino d'olio se vedete che il composto è troppo asciutto. Quindi prendete un

fiore alla volta, farcitelo per bene e con delicatezza in modo che non si

spampani, e in cima mettete un pezzettino di peperone sott'olio per dare

ulteriore sapore e una nota di colore.

In ultimo pelate le patate e tagliatele a spicchi non troppo spessi.

Prendete una teglia antiaderente, spruzzate per bene il fondo di olio (potete

anche foderarla con carta da forno per evitare di usarne a dismisura, ma se ciò

giova al girovita va detto che il sapore ne risente), adagiatevi i carciofi ripieni, i

gambi e le patate, andate nuovamente di olio e aggiungete pure un goccino

d'acqua e sale quanto basta. Se per caso vi è avanzato un po' di ripieno

spargetelo sulle patate, ché non fa un soldo di danno.

Se avete un coperchio (meglio ancora di vetro) che copra perfettamente la

teglia, accendete il fornello a fuoco basso e fate stufare il tutto per un'oretta

scarsa. Se non avete il coperchio, infilate la teglia in fondo già caldo a 150° e

fate cuocere con tutto comodo.

Portate quindi la teglia in tavola così come è, o se volete fare le cose per

benino mettete al centro di ciascun piatto un carciofo, fategli una bella

coroncina di patate e servite.

Se poi avete ospiti, aggiungendo a lato una bella fetta di caciocavallo molisano

stagionato (possibilmente del caseificio La Fonte Nuova, gioiellino del mio

paese che, onde non essere tacciata di bieco campanilismo, specifico essere

stato premiato in più di un'occasione per il miglior formaggio d'Italia) farete un

piatto unico da leccarsi in baffi, renderete felicissimi i commensali e vi

risparmierete la fatica di dover preparare ulteriori pietanze che non siano il

dessert.

Page 23: Il Pane Secco Non Si Butta

23

CARCIOFI IN SALSA ALL‟UOVO dal blog “La cucina di Ombraluce”

Ingredienti

6 carciofi (di Autore, naturalmente),

succo e buccia di 1 limone (sempre di Autore),

1 cucchiaio di burro chiarificato,

1 cucchiaio di prezzemolo tritato,

1 cucchiaio di pane grattuggiato,

2 tuorli d'uovo,

2 mestoli di brodo vegetale,

sale e pepe.

Procedimento

Pulire i carciofi pelando anche il gambo senza staccarlo, dividerli in 4 parti e gettarli in acqua acidulata

col succo di mezzo limone.

Sciogliere il burro in una padella, quindi soffriggere i carciofi per qualche minuto. Aggiustare di sale e

pepe, aggiungere un mestolo di brodo, coprire e cuocere a fuoco medio per un quarto d'ora circa.

Togliere i carciofi dalla padella, tenerli da parte, aggiungere al sugo il prezzemolo, il succo del mezzo

limone rimanente e la buccia prelevata con un pelapatate e tritata finemente, quindi stemperare il pane

grattuggiato. Far cuocere finché il composto non si è addensato, quindi far raffreddare per qualche

minuto.

Fuori dal fuoco aggiungere i tuorli d'uovo e amalgamarli al composto, diluire col brodo restante, rimettere

al fuoco e mescolare bene, quindi rimettere i carciofi in padella e mescolare finché non sono

completamente ricoperti di salsa e ben caldi.

Servire come contorno a un piatto di carne (io ho preparato della salsiccia di puledro ai ferri).

Page 24: Il Pane Secco Non Si Butta

24

CAVOLO NERO CON LE FETTE dal blog “Sfizi e Pasticci”

Ingredienti

2 Cavoli neri

2 fette di pane toscano raffermo

Aglio e olio

Procedimento

Per fare questo piatto serve solo il cuore del cavolo, si tolgono allora le foglie esterne (che serviranno per un’altra

preparazione) e si lessa in acqua bollente salata, nel frattempo tagliare il pane a fette, circa una o due a testa,

abbrustolirle, anche nel tostapane, e strusciarle con l’aglio.

Quando poi il cavolo nero è cotto si scola avendo cura di non buttare l'acqua di cottura. Si prendono poi le fette di

pane, si immergono molto velocemente nell'acqua del cavolo e si mettono nei piatti.

Si sala leggermente il pane e si condisce con un filo di buon olio extravergine, ci aggiungiamo il cavolo ben

sgrondato e ancora un po’ d’olio sopra , ci andrebbe anche del pepe macinato al momento, ma a me non piace.

Page 25: Il Pane Secco Non Si Butta

25

CIOTOLINE DI PANE dal blog “La cucina di Silvy”

Arriva l’estate e con essa anche l’occasione migliore per realizzare pietanze leggere, fresche ed appetitose. Quello che ho preparato va bene per il

pranzo, la cena, oppure anche nel contesto di un buffet, festini e quant’altro, variando gli ingredienti, ad esempio: le varie insalate di pasta, di riso, di

mare, verdure, etc.. Io ho fatto un primo, a base gnocchi di pane con carciofi ed un secondo, di pomodorini ad insalata con formaggio feta. Le quantità

sono soggettive, a seconda del numero di commensali. Per la procedura trovate tutti gli spunti all’interno del blog, sia per quanto riguarda gli gnocchi di

pane che per trifolare i carciofi; quanto ai pomodorini ritengo che ognuno li prepara a proprio gusto. Il guscio, quale contenitore, sono delle

semplicissime fette di pane in cassetta, (se sono vecchie non buttatele, perché il pane non si butta, fatele rinvenire un pò spruzzandole con dell'acqua)

assottigliate col matterello, messe in forma su stampini e poi passate in forno 180° fino a tostatura.

Page 26: Il Pane Secco Non Si Butta

26

COCOTTINE DI PANE CASERECCIO dal blog “Sapore di vaniglia”

Ingredienti a persona:

2 fette di pane casareccio raffermo,

2 fette di capocollo ( o qualsiasi altro salume),

1 fetta di scamorza (provola o mozzarella),

pepe,

sale,

circa 1 bicchiere di latte.

Preparazione:

Prendiamo una cocottina di coccio ed appoggiamo nel suo interno 2 fette di pane raffermo,mi raccomando

che sia quello casareccio con una bella crosta esterna. Versiamo sopra le fette di pane il latte e aspettiamo

che s'impregni e si ammorbidisca. Spolveriamo con del sale e del pepe. Appoggiamo una bella fetta di

scamorza, meglio se avete della provola o della mozzarella, risuterà più gustoso e con una filatura maggiore.

Ultimiamo con due fette di salumi, io avevo il capocollo ma ciò non toglie che potete usarne un altro a vostro

piacimento. Inforniamo 10 minuti a 180°/ 200°, servite caldissimo.

Page 27: Il Pane Secco Non Si Butta

27

COTOLETTE A MODO MIO dal blog “Oggi pane e salame, domani..”

Ingredienti per 6 cotolette

6 fette di petto di pollo

1 uovo grande

q.b. pane secco grattugiato

50 gr circa di parmigiano reggiano grattugiato

trito di erbe aromatiche: prezzemolo, timo, salvia,

menta

la buccia grattugiata di 1 limone non trattato

noce moscata

sale

olio di semi di arachide

Procedimento

Battere con il batticarne le fette di petto di pollo per pareggiarne lo spessore.

Miscelare in un piatto il pane secco grattugiato con il parmigiano reggiano, il trito di erbe aromatiche, una

grattata di noce moscata e la buccia grattugiata del limone (solo la parte gialla) = composto

In una ciotola mescolare l’uovo (non troppo, giusto il tempo di amalgamare l’albume al tuorlo) e inzuppare

una fettina di carne alla volta che andrà passata velocemente nel composto da entrambe le parti e adagiata

su un piatto pulito.

Scaldare abbondante olio in una padella dai bordi alti e non appena raggiunge la temperatura ideale di

cottura (io immergo il retro di un cucchiaio di legno e se si formano delle bollicine intorno l’olio è pronto)

immergere le cotolette girandole dall’altro lato non appena si dorano.

Scolare su carta assorbente, salare e gustare, se piace irrorare con succo di limone.

Page 28: Il Pane Secco Non Si Butta

28

CROCCHETTE DI PANE dal blog “La terra dei violini”

Mettete 300 g circa di pane raffermo, a bagno nel latte tiepido finché si saranno imbevute bene.

Strizzatele poi bene e passatele nel tritatutto. Aggiungete 150 g di grana grattugiato, 1 uovo ed un abbondante battuto di erbe aromatiche (prezzemolo,

timo, basilico, maggiorana, rosmarino, origano...sale,pepe).

Amalgamate il tutto molto bene e formate delle palline;lasciatele in frigorifero e poi passatele in una casseruola dove avrete sciolto un po' di

burro;rigiratele, mettetele nel piatto di portata, spolveratele con pepe e formaggio e servitele calde come riempitivo e non solo.

Page 29: Il Pane Secco Non Si Butta

29

CROSTONI DI PANE AL FORNO dal blog “Le ricette di mamma Anatina”

Un metodo per riciclare pane raffermo e cio' che langue in frigo..........

Fate abbrustolire le fette di pane,mettele a strati in una teglia imburrata,copritele con cio' che

avete da consumare( prosciutti,formaggi,salumi,latticini secchi e chi piu' ne ha piu' ne metta)

coprite con altre fette di pane e bagnate il tutto con latte,mettete qualche tocchetto di burro e

infornate x 15' a 200° ..............semplici,veloci e gustosi..............provate!!!!!!!

Page 30: Il Pane Secco Non Si Butta

30

CRUMBLE DI POMODORINI E MANDORLE dal blog “L‟antro dell‟alchimista”

Ingredienti

Pomodorini tipo ciliegino

Pangrattato

Farina di Mandorle

Parmigiano grattugiato

Origano

Menta

Sale e bene

Olio extravergine d'oliva "bono"

Preparazione

Preriscaldare il forno a 190°. Lavare i pomodorini, asciugarli per bene e tagliarli a metà. Sistemarli in

una pirofila ricoperta di carta forno con il lato tagliato verso l'alto. In una terrina commescolare il

pangrattato con la farina di mandorle, il Parmigiano, l'origano, la menta spezzettata, il sale ed un pizzico

di pepe. Impastare con qualche cucchiaiata d'olio sino ad ottenere un impasto che si sbriciola. Disporre

il composto sopra i pomodorini ed infornare per circa 40 minuti. Dopodiché passare al grill per altri 10-15

minuti sino a che la superficie non sarà bella colorata e croccante.

Page 31: Il Pane Secco Non Si Butta

31

FAGIOLINI CON MOLLICA DI PANE dal blog “La casa di Betty”

Ingredienti:

1 kg di fagiolini freschi,

2-3 spicchi d' aglio,

mollica di pane raffermo (4-5 fette

spesse),

abbondante prezzemolo,

peperoncino a piacere (facoltativo),

olio e.v.o.,

sale.

Procedimento

Pulire i fagiolini e lessarli in abbondate acqua salata, scolarli al dente.

Mettere nel mixer la mollica di pane e ridurla in briciole quanto più piccole pissibile (si può usare anche il pane

grattugiato se andate di fretta).

Nel frattempo in una padella scaldare qualche cucchiaio d'olio e.v.o. e farvi risolare l'aglio e qualche

peperoncino, unire i fagiolini e lasciarli rosolare per una decina di minuti.

In un'altra padella scaldare ancore qualche cucchiaio d'olio con altro aglio e unire il pane lasciando tostare per

bene.

Unire tutti e due gli ingedienti in una sola padella, lasciar insaporire insieme e trasferire il tutto in un piatto da

portata.

Spolverizzare con abbondante prezzemolo fresco tritato e servire caldi.

Page 32: Il Pane Secco Non Si Butta

32

FINOCCHI CON FORMAGGIO E MOLLICA dal blog “La casa di Betty”

Ingredienti

4 finocchi

3 o 4 fette di pane raffermo

1 aglio

formaggio fresco tipo caciotta

sale

olio

qualche cucchiaio di pecorino grattugiato

Procedimento

Pulire i finocchi della parte esterna, lavarli per bene in acqua fredda e tagliarli a spicchi.

Mettere una pentola sul fuoco con acqua salata a bollire e quando è pronta tuffare i finocchi e lasciarli

cuocere fino a che, infilandoli con una forchetta, non risultino teneri.

Scolarli e preparare il pane.

Dalle fette di pane ricavare solo la mollica e passarla al mixer per sbriciolarla per bene.

In una padella antiaderente mettere qualche cucchiaio di olio e l'aglio sminuzzato finissimo e lasciar

scaldare.

Appena comincia a sfrigolare tuffare la mollica di pane e far rosolare

girando spesso per non farla bruciare. Quando comincia a diventare bruna è pronta.

Tagliare il formaggio...

Page 33: Il Pane Secco Non Si Butta

33

FRITTATA DI PANE AL FORNO dal blog “Ricette facili”

Ingredienti

Pane raffermo tagliato a rondelle o a fettine,

3 uova,

un bicchiere e mezzo di latte,

sale,

pepe,

noce moscata,

basilico tritato,

prezzemolo tritato,

pangrattato,

olio extravergine d'oliva,

grana grattugiato.

Procedimento

(Potete aggiungere anche qualche pezzetto di prosciutto o di formaggio a dadini o qualsiasi altro salume

avanzato in frigo!!!)

Sbattete le uova, aggiungete il sale, il pepe, la noca moscata, il trito di prezzemolo e basilico, il latte.

Amalgamate per bene. Ungete con un pò di olio extravergine d'oliva una teglia da forno rotonda,

possibilmente antiaderente, e spolverate del pangrattato facendolo aderire bene, anche alle pareti.

Bagnate le fette di pane nel composto di uova e disponete, sistemandole, man mano nella teglia. Versate

infine il composto sul pane e spolverizzate di grana, infornate a temperatura moderata (180 gradi circa)

per il tempo necessario alla cottura.

Sentirete il profumino delizioso!!! Gustare il piatto caldo.

Page 34: Il Pane Secco Non Si Butta

34

FRITTELLE DI MELANZANE dal blog “La ginestra e il mare”

Ingredienti:

4 melanzane

2 uova

caciocavallo

menta fresca

1 spicchio d’aglio

pane raffermo

buccia di 1/2 limone grattugiata

olio d’arachidi

Procedimento

procuratevi almeno 3 o 4 melanzane io per le polpettine preferisco quelle violacee perché sono più dolci

le sbollentate in acqua salata dopo averle tagliate a cubettoni, non appena sono cotte ma non pappetta

(mi raccomando) le scolate versandole dentro una scolapasta dove avrete prima riposto il pane raffermo

tagliato a pezzettoni (io ho usato 4 panini bianchi belli grandi per 6 melanzane) il pane servirà ad

asciugare l’umidità delle melanzane, nonchè a conferire una morbidezza deliziosa alla polpettina, trito poi

il formaggio stagionato con la buccia del limone e lo spicchio d’aglio, taglio grossolanamente un ciuffetto

di menta e aggiungo questo trito e un uovo all’impasto di pane e melanzane , controllo, e se l’impasto lo

richiede aggiungo il secondo uovo, dipende tutto da quanto è asciutto il composto a me non piace che

sappia troppo d’uovo. A questo punto prendo due cucchiai da tavola e li uso per dare la forma alle

polpettine che andrò a friggere in olio d’arachidi bollente. Vi assicuro che il sapore sarà fresco, estivo,

piacevolissimo e delicato.

Page 35: Il Pane Secco Non Si Butta

35

FUNGHI RIPIENI dal blog “Colore in cucina”

Ingredienti:

4 funghi grandi

1 uovo

1 pomodoro piccolo

1 fetta di pane raffermo senza crosta

4 cucchiai di parmigiano grattugiato

1 spicchio d'aglio

1 cucchiaio di prezzemolo tritato

sale e pepe q.b.

3 cucchiai di olio Evo

1 cucchiaio di pane grattugiato

Procedimento:

Pulire i funghi senza bagnarli. Tagliare i gambi e tagliarli a pezzetti.

Per il ripieno sbattere l'uovo ed aggiungerlo ai gambi dei funghi. Pelare il pomodoro e tagliarlo a cubetti.

Aggiungere ai cubetti di pomodoro il pane spezzettato, il parmigiano, l'aglio tritato finemente, il

prezzemolo, pepe, sale ed un cucchiaino d'olio Evo.

Mischiare bene il tutto e riempire i funghi.

Disporli in una teglia imburrata.

Cospargerli di pane grattugiato e dell'olio rimanente.

Cuocere per 20 min nel forno preriscaldato a 200°, finchè non saranno ben dorati in superficie.

Page 36: Il Pane Secco Non Si Butta

36

GARBAZONS CON ESPINACAS dal blog “Lievito e Spine”

Ingredienti

400g di ceci lessati

500 g di spinaci

75 g di pane raffermo senza crosta a cubetti

olio e.v.o.

2 spicchi d'aglio a fettine sottili

1 cuc.no scarso di semi di cumino

2 bei pizzichi di origano

1/2 peperoncino fresco

2 cuc.ni di aceto di vino buono

1 pizzico di zafferano

paprika dolce

sale, pepe

Fette di pane da abbrustolire

Procedimento

In una padella cuocete in un goccio d'olio gli spinaci e scolateli non appena si ammorbidiscono. Teneteli

da parte e nella stessa padella rosolate il pane raffermo a cubetti con un altro po' d'olio. Una volta ben

abbrustolito aggiungete l'aglio a fettine, il peperoncino, l'origano e i semi di cumino e cuocete un paio di

minuti fino a che l'aglio sarà dorato. A questo punto trasferite il pane e gli odori in un frullatore e riduceteli

a purea con l'aiuto di un paio di cucchiaini di aceto. Rimettete il composto nella padella e unite i ceci

scolati e lo zafferano ammollato in acqua calda.Insaporite bene, salate, pepate ed infine unite gli spinaci

tenuti da parte. Cuocete finchè tutto sarà caldo e completate con della paprika dolce e dei dadini di pane

fritto o abbrustolito.

Page 37: Il Pane Secco Non Si Butta

37

GAZPACHO DI MARINA dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta”

Ingredienti:

due etti circa di pane raffermo

una dozzina di pomodori

mezzo peperone rosso

un peperoncino verde dolce

una cipolla di Tropea di grandezza

media

uno spicchio d'aglio senza il germoglio

interno

un cucchiaio d'aceto

un cucchiaio d'olio

una presa di sale

Preparazione:

per prima cosa, mettete il pane a mollo in una scodella con acqua e il cucchiaio d'aceto, e lasciatelo a bagno finché

non diventa morbido.

Spellate e levate i semi ai pomodori, tagliateli e metteteli in una scodella capace. Pulite il peperone rosso e quello

verde da semi e filamenti, tagliateli a dadini e mettete anche loro nella scodella. Aggiungete quindi l'aglio in

pezzettini e la cipolla tritata.

Con il frullatore a immersione riducete quindi il tutto in crema. Se non lo avete impiegate il frullatore normale, ma

borbotterete parecchio al momento di pulirlo: questo non tanto a causa delle verdure, ma del passo successivo,

ovvero l'aggiunta del pane.

Dopo averlo ben strizzato, il pane va aggiunto al frullato e il tutto va lungamente lavorato con il frullatore a

immersione finché non è diventato una bella crema liscia e compatta.

A questo punto mettete il gazpacho in frigo, lasciatecelo per un paio d'ore, e tiratelo fuori al momento di andare a

tavola.

Se volete decoratelo con fettine di cetriolo (io ne avevo uno alquanto malconcio, ma ha retto la prova) oppure con

qualche listerella di peperone rosso.

Page 38: Il Pane Secco Non Si Butta

38

GNOCCHETTI DI PANE CON PREZZEMOLO E ERBA CIPOLLINA dal

blog “La tana della volpe”

Ingredienti (per 2)

3- 4 panini raffermi di media grandezza

2-3 cucchiai abbondanti di farina 00

3 cucchiai abbondanti di Grana

1 uovo

1 pizzico di sale

3-4 cucchiai di latte

noce moscata

erba cipollina

prezzemolo

Procedimento

in una terrina a sponde alte (tipo insalatiera) grattugio 4 panini raffermi (di dimensioni medio-grandi),

aggiungo 3 cucchiai grandi di Grana e 2 di farina; unisco un uovo ,ben sbattuto precedentemente con

una presa di sale e bagno con latte a temperatura ambiente.

Con le mani amalgamo l’impasto, non deve essere né troppo secco (se così fosse aggiungo latte), né

troppo liquido (in quel caso aggiungo farina).

Metto in frigo a solidificare per dieci minuti/ un quarto d’ora.

Tolto dal frigo, impasto bene con le mani, formando una palla e spolverando bene di noce moscata,

continuando ad impastare aggiungere prezzemolo ed erba cipollina.

Quando il composto è abbastanza solido da non sbriciolarsi, formo dei rotolini,li ripongo su un piano

infarinato e li taglio a cilindretti di circa 2 cm, come si fa con gli gnocchi. I gnocchetti si conservano in

frigo, per la cottura bastano un paio di minuti.

Si servono con abbondante burro fuso (preferibilmente di buona qualità!) e a piacimento un pizzico di

noce moscata o pepe

Page 39: Il Pane Secco Non Si Butta

39

GNOCCHETTI DI PANE VERDI dal blog “Le ricette dei Bubu”

Ingredienti

4 cubetti di spinaci surgelati

100 g di pane raffermo

latte q.b.

burro

1 uovo

sale, pepe

grana grattuggiato

timo o salvia

farina q.b.

pan grattato q.b.

Procedimento

Tagliare a dadini il pane raffermo, disporlo in una ciotola. Coprirlo di latte caldo e lasciarlo ammorbidire per un'oretta

circa. Nel frattempo cuocere gli spinaci surgelati immergendoli in poca acqua calda bollente salata. Farli cuocere per

circa 10 minuti dalla ripresa del bollore. Scolarli, strizzarli per bene e farli raffreddare.

Strizzare a sua volta il pane e passarlo al mixer assieme agli spinaci, salare e pepare. Quando il composto sarà ben

omogeneo, versarlo in una terrina ed amalgamare l'uovo sbattuto precedentemente. Aggiungere l'uovo un po' per

volta in modo tale che il composto risulti ben amalgamato ma non troppo liquido. Aggiungere un po' di pan grattato

se dovesse risultare troppo bagnato. Con questo composto formare dei filoncini del diametro di circa 1 cm e ½

aiutandosi con la farina e tagliare con un coltello affilato ottenendo tanti piccoli gnocchetti. Lessare gli gnocchi in

acqua bollente salata, scolandoli con la schiumarola quando affiorano a galla.

Far sciogliere su una padella il burro con ½ spicchio d'aglio e qualche foglia di salvia o timo e far saltare

delicatamente gli gnocchi appena scolati .Spolverizzare a piacere con il grana grattuggiato.

Una variante più colorata consiste nel condire gli gnocchi con 6-8 pomodorini ciliegino tagliati in 4 spicchi e saltati in

padella con poco olio extra vergine d'oliva, ½ spicchio d'aglio e aggiustati di sale e pepe. Io l'ho provata il giorno

seguente con gli gnocchi che avevamo avanzato, quasi mi son piaciuti di più e sicuramente risultano un po' più

leggeri!

Page 40: Il Pane Secco Non Si Butta

40

GNOCCHI DI PANE CON BROCCOLO E FONDUTA dal blog “Pane & Miele”

Ingredienti ( per 4 persone )

250 gr di pane bianco raffermo o fresco

250 ml di latte

250 gr di farina 00

un tuorlo

25 gr di parmigiano reggiano

120 gr di pecorino romano

un broccolo media grandezza

100 ml di panna fresca

sale, pepe bianco

olio extravergine d'oliva

Procedimento

1. Mondate il broccolo eliminando i gambi più duri, sciaquatelo e fatelo cuocere per circa 15 minuti in

acqua bollente e legermente salata. Scolatelo e passatelo nella schiacciapatate oppure nel mixer. Unite i

20 gr di pecorino romano e lasciatelo a parte.

2. Ammollate la mollica del pane nel latte ( se pane raffermo mettelo ammollare prima ), strizzatela e

impastatela con la farina, il tuorlo, parmigiano, sale, pepe, fino ad avere un composto ascuitto come per

la pasta. Sciogliete in un pentolino il pecorino con la panna per la fonduta.

3. Stendete la pasta, ricavate dei quadrati di 6-7 cm e farciteli con la crema di broccolo; sollevate gli

angoli e sigillateli a fagottino.

4. Lessate gli gnocchi. Disponete su ogni piatto un pò di fonduta, un porzione di gnocchi e alla fine

condite con un filo di olio

Page 41: Il Pane Secco Non Si Butta

41

GNOCCHI DI PANE CON BURRO FUSO E SALVIA dal blog “ Il criceto goloso”

Ingredienti per 4 persone:

4 panini raffermi

700 ml di latte circa

2 cucchiai abbondanti di farina

1 uovo

1 cucchiaio di grana

2 pizzichi di sale

50 gr di speck

1 grattata di noce moscata

pangrattato q.b. per rendere l’impasto della

giusta consistenza

Condimento:

3 cucchiai di formaggio gratt.

50 gr di burro

5 foglie di salvia

Procedimento

mettere a bagno i panini nel latte per un’oretta. Strizzare i panini e passarli al setaccio (io li ho frullati con

il frullatore ad immersione). Incorporare l’uovo, il sale, lo speck tritato finemente, la farina e la noce

moscata e mescolare bene. Se l’impasto risultasse ancora molto liquido aggiungere q.b. di pangrattato

per rendere l’impasto un po’ più solido. Cospargere di farina un piano di lavoro, prelevare un cucchiaio di

impasto per volta e fare dei “serpentini”. Tagliarli a tocchetti avendo l’accortezza di infarinarli bene,

altrimenti si attaccherebbero tra loro. Cuocerli per pochi minuti ( 3 – 4 min.) in acqua salata. Nel frattempo

sciogliere il burro in una pentola, far cuocere per 1 minuto le foglie di salvia tritate, versarvi gli gnocchi

dopo averli scolati, cospargere con formaggio grattugiato e servire.

Page 42: Il Pane Secco Non Si Butta

42

GNOCCHI DI PANE CON TOMA E SPINACI dal blog “Timo e Maggiorana”

Ingredienti ( per 6/8 persone ):

500 g di pane raffermo

400 g di spinaci

400 g di toma

1 cipolla

Latte q.b.

2 spicchi d'aglio

200 g di farina 00

Parmigiano q.b.

Pepe bianco q.b.

Noce moscata q.b.

Olio extra vergine d'oliva

foglie di salvia q.b.

1 pomodoro

Burro q.b.

Procedimento

Tritare il pane raffermo e farlo ammollare nel latte, questa operazione sarebbe da fare almeno 2 ore

prima della preparazione per far in modo che il pane si inzuppi bene. Pulire gli spinaci e spezzettarli.

Tritare la cipolla e farla stufare in una padella con un po' d'olio, aggiungere i 2 spicchi d'aglio tritati, gli

spinaci aggiustare di sale e portare a cottura. Impastare il pane ammollito con la farina, aggiungere un

po' di parmigiano, il pepe bianco, un pizzico di noce moscata ed incorporare gli spinaci, aggiungere la

toma tagliata a cubetti e salare. ( Se prepariamo gli gnocchi il giorno prima, gli spinaci devono essere

incorporati solo quando saranno diventati freddi ). Preparare gli gnocchi formando delle palline della

grandezza di un'albicocca, sistemarli su una teglia infarinata e metterli a riposare in frigo. Lavare il

pomodoro, pelarlo, togliergli i semi, salarlo e frullarlo con un filo d'olio. Far bollire abbondante acqua

salata in una capiente pentola. Far imbiondire il burro in un pentolino con la salvia. Quando l'acqua arriva

in ebollizione buttarci gli gnocchi che cuoceranno in un paio di minuti, venendo a galla. Mettere nel piatto

un po' di salsa di pomodoro, posizionare gli gnocchi, spolverarli di parmigiano e condirli con il burro e

salvia.

Page 43: Il Pane Secco Non Si Butta

43

GNOCCHI DI PANE DI SILVY dal blog “La cucina di Silvy”

Ingredienti x 4 persone:

300 gr di pane raffermo,

2 uova,

3 cucchiai di farina, q.b.

latte e sale.

Procedimento: spezzettate il pane o tagliatelo a tocchetti e mettetelo in una ciotola a bagno con il latte

caldo per un paio d’ore; dopo lavoratelo con una forchetta fino ad ottenere un composto liscio; strizzatelo

e mettetelo in una ciotola, aggiungete la farina, impastate fino a far assorbire tutta la farina; sbattete le

uova e un pizzico di sale con una forchetta, mescolate bene, formate degli gnocchi grossi quanto una

noce (per velocizzare l'esecuzione ho usato una sacca da pasticceria, tagliando con un coltello man

mano che uscivano e facendoli cadere nella pentola con l'acqua salata in ebollizione); cuoceteli in

abbondante acqua salata, appena sono a galla sono pronti; scolateli e conditeli con burro fuso o salsa di

pomodoro e parmigiano.

Note: per fare gli gnocchi quanto una noce, aiutatevi con 2 cucchiaini lavorando l’impasto da uno all’altro

per dargli la forma desiderata. Usate del pane tipo comune vengono molto più saporiti. Ottimo piatto per

far fuori il pane che è rimasto in dispensa.

Ops.....mi sono dimenticata di scrivere che io ho aggiunto anche dei pezzettini di mozzarella!!!!!!

Page 44: Il Pane Secco Non Si Butta

44

GNOCCHI DI PANE, RICOTTA E SPINACI dal blog “La cucina della socia”

Ingredienti per 4 persone:

150 gr di pane integrale raffermo

1 bicchiere di latte circa

250 gr di spinaci appena scottati

1 scalogno

1 uovo

200 gr di ricotta di pecora

2 cucchiai di farina 0

3 cucchiai rasi di parmigiano

grattugiato (o pecorino.)

Noce moscata

Sale

Procedimento

Tagliate il pane a dadini piccoli, compresa la crosta che non si butta nulla, metteteli in una ciotola termoresistente e

versatevi sopra il latte bollente poco alla volta in modo che il pane si impregni completamente ma non aggiungetene

troppo altrimenti vi troverete una zuppa! Lasciate riposare per almeno mezzora fino a quando il pane non si sarà

ammorbidito. Nel frattempo tritate finemente lo scalogno crudo (se non amate molto il suo sapore pungente, potete farlo

appassire leggermente con un filo d’olio) con gli spinaci ben strizzati. Lavorate il composto di pane e latte in modo da

sbriciolarlo bene (se trovate qualche pezzettino di crosta ancora duro potete tritarlo a parte con la mezzaluna ), unite il trito

di spinaci e scalogno e l’uovo amalgamando con un cucchiaio. Alla fine aggiungete la ricotta, il parmigiano, la farina e una

grattata abbondante di noce moscata, regolate di sale e mescolate tutto finché gli ingredienti non saranno omogenei. Il

composto che otterrete dovrebbe risultare morbido ma lavorabile, nel caso fosse troppo molliccio aggiungete ancora un

pochino di farina (dipende dall’umidità della ricotta e da quanto avete bagnato il pane). Coprite con una pellicola e lasciate

riposare in frigorifero almeno un paio d’ore, meglio se tutta la notte.

Prelevate il composto con un cucchiaio e con le mani infarinate formate tante palline grandi come noci. Infarinatele un

pochino e tuffatele delicatamente (io ho usato un cucchiaio) in acqua bollente salata. Lasciatele bollire per 2-3 minuti dal

momento in cui vengono a galla, scolatele bene con una schiumarola e servite con il condimento che preferite. La morte

loro sarebbe con burro fuso e salvia ma io ho preferito scaldare a fuoco bassissimo qualche cucchiaio d’olio con 2 spicchi

d’aglio e una cucchiaiata di savia tritata. Ho versato l’olio caldo (salvia compresa) sui gnocchi appena scolati e ho

cosparso con poco parmigiano.

Page 45: Il Pane Secco Non Si Butta

45

GNOCCHI ERBETTE, RICOTTA E PANE dal blog “Easy to eat”

Ingredienti per porzione

100 gr ricotta vaccina

100 gr erbette

50 gr pane secco grattato grossolanamente

sale

pepe

noce moscata

Procedimento

Sbollentate velocemente le erbette e sminuzzatele il più possibile. Forse voi, più accessoriati, o anche solo

con coltelli affilati, riuscirete a fare pezzetti più piccoli, le mie erbette hanno tentato di tutto per vanificare la

mia creazione...

Unire quindi alle erbette la ricotta, sale, pepe e noce moscata mescolando bene. Per compattare il tutto

aggiungere infine il pane grattuggiato, il composto risulterà bello solido. A questo punto basterà sporcarsi un

pò le mani facendone delle palline, ma si può anche optare per la classica forma a gnocco. Bollire in acqua

salata e condire con burro.

Più semplice di così!

Page 46: Il Pane Secco Non Si Butta

46

GNOCHI DE PAN FRIULANI dal blog “La cucina di Ombraluce”

Ingredienti

400 g di pane raffermo,

2 uova,

250 g di farina,

80 g di parmigiano grattuggiato,

150 g di speck tagliato a dadini,

sale,

pepe,

pangrattato,

1 l di latte.

Procedimento

Preparate dal giorno prima il pane tagliato in pezzi e bagnato col latte.

Sbattere le uova incorporando il sale e il pepe, quindi amalgamarle col pane molto ben strizzato, quindi

aggiungere il parmigiano, la farina e lo speck. Lavorare l'impasto finché non è omogeneo, aggiungendo un

po' di pangrattato se fosse troppo umido, gli gnocchi devono poter essere formati agevolmente.

Formare delle palle del diametro di 5/6 cm, infarinarle e disporle su un piano infarinato.

Gettarli nell'acqua bollente e scolarli quando vengono a galla, quindi condirli con il sugo desiderato.

Io li ho conditi con il gulash, spezzatino di origine austriaca, da non confondere con la gulashsuppe, che è

ungherese

Page 47: Il Pane Secco Non Si Butta

47

INVOLTINI DI SCAROLA dal blog “Nastro di raso”

Ingredienti (per 10 involtini)

mollica di pane raffermo

150 gr circa di fagioli (io ho usato quelli rossi

messicani)

8-10 cucchiai di parmigiano

un fetta di formaggio tipo provola o caciotta

aglio, olio, sale

Procedimento

Innanzitutto lavate benissimo le foglie di scarola e mettetele da parte.

In una ciotola, sbriciolate la mollica di pane raffermo inumidita e strizzata, aggiungete l’uovo, il parmigiano e

il formaggio tagliato a pezzetti piccoli. Infine unite i fagioli e amalgamate bene il tutto.

Le dosi naturalmente sono del tutto personalizzabili, in base ai vostri gusti.

Stendete sul piano di lavoro le foglie di scarola e mettete al centro di una foglia il ripieno, senza esagerare

perchè altrimenti in cottura potrebbe uscire fuori dagli involtini.

A quel punto avvolgete la foglia tipo cannellone per intenderci e avvolgetene un’altra nel senso opposto,

coprendo quindi i due lati che prima restavano scoperti.

Per farvi capire ho fatto questo disegnino non ridete troppo… Le due foglie verdi rappresenterebbero la

scarola e quell’affare giallo in centro il ripieno…

Ora viene la parte difficile (almeno per me): legare gli involtini con lo spago! I miei facevano un po’ ridere,

ma l’effetto finale andava bene lo stesso. Cercate quindi di sigillare bene il tutto e realizzate gli altri involtini.

In una padella che possa contenere tutto, soffriggete uno spicchio d’aglio in olio extravergine d’oliva e poi

aggiungete tutta la verdura ripiena, facendo cuocere a fiamma non troppo alta e aggiungendo un pochino

d’acqua se e quando serve. Regolate di sale e girate di tanto in tanto gli involtini per cuocere bene entrambi

i lati. Quando la verdura è cotta e tastando gli involtini sentite il ripieno ben sodo, è pronto. Io ci ho messo

circa mezz’ora per cuocere tutto

Page 48: Il Pane Secco Non Si Butta

48

INVOLTINI DI VERDURE dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta”

Ingredienti per due persone:

un bel peperone rosso

una bella melanzana non troppo

polposa

un paio di pomodori San Marzano

maturi e compatti

un etto circa di mollica di pane

raffermo ma non troppo

olio per condire

capperi (rigorosamente sotto sale)

uno spicchio d'aglio

qualche fogliolina di basilico

idem dicasi di prezzemolo

Preparazione:

vi conviene iniziare dal peperone, che è la parte più seccante. Lavatelo bene, togliete il picciolo e quindi arrostitelo con il

classico sistema, ovvero sulla fiamma del gas. Per farlo, posizionatelo su fuoco minimo con apposito spargifiamma e

rigiratelo man mano impiegando una forchetta per evitare di arrostire le manine. Quando la buccia si è ben bruciacchiata,

infilzate il peperone con la succitata forchetta, mettetelo in un sacchetto di carta e strofinate bene ma senza eccessi: la pelle

si staccherà facilmente, ed eviterete di rendere la vostra cucina in tutto simile a una miniera della Ruhr. Una volta che avete

eliminato la buccia apritelo per il senso della lunghezza, eliminate semini e filamenti (una bella passata sotto l'acqua corrente

aiuterà) e tagliatelo a strisce di discreta grandezza.

Passate quindi a occuparvi della melanzana, che va lavata, privata del picciolo e tagliata a fette spesse sui tre millimetri.

Prendete una bella padella antiaderente e arrostite via via le fette seguendo il procedimento illustrato per l'insalata di

melanzane, quindi lasciate riposare.

I pomodori sono la parte più semplice: vanno infatti tagliati a metà per il lungo e privati dei semi.

A questo punto dedicatevi al ripieno. Se la mollica è duretta e poco malleabile, passatela velocemente sotto l'acqua corrente

e strizzatela ben bene, altrimenti impiegatela così com'è. Mettetela in una scodella, aggiungete quindi i capperi dopo averli

lavati per togliere il sale in eccesso, lo spicchio d'aglio privato del germoglio e tritato (io uso sempre la comune grattugia da

cucina, con ottimi risultati), le foglie di prezzemolo e basilico pure esse tritate e un filo d'olio. Mescolate il tutto impiegando il

cucchiaio di legno, o meglio ancora le mani. E' arrivato il momento di fare gli involtini: distendete per benino le fette di

peperoni e melanzane, mettete un cucchiaio di ripieno verso la base della striscia e quindi arrotolate. I pomodori non vanno

ovviamente arrotolati: vi basterà farcirli con il citato cucchiaio di ripieno e decorarli con qualche capperetto sulla superficie.

Page 49: Il Pane Secco Non Si Butta

49

Accendete poi il forno a 200°, prendete una pirofila delle giuste dimensioni e rivestitela di carta da forno. Sul fondo mettete gli

involtini e i pomodori in modo che siano ben vicini gli uni agli altri. Irrorate con un filo d'olio (un filo, non di più) e metteteli nel

forno. Quindi fuggite dalla cucina dopo aver preso una bottiglia di acqua fresca dal frigo, e tornateci dopo un quarto d'ora per

chiudere il gas.

Attendete quindi con tutta calma che il forno si raffreddi, togliete la pirofila e portatela direttamente in tavola se i commensali

non sono chi-chi, altrimenti disponete artisticamente le verdure nel piatto di portata, fosse mai che doveste turbare il loro

senso estetico.

Poi sedetevi al vostro posto e gustatevi in santa pace i vostri involtini. E gustatevi pure la scena dei commensali chi-chi che,

dopo il primo boccone, si avventano sul piatto di portata con la gagliardìa di un gruppo di camalli genovesi (e non mancate di

farglielo notare a fine pasto: vi gusterete alla grande anche il dessert).

Page 50: Il Pane Secco Non Si Butta

50

KNODEL IN VERDE dal blog “Chez Babs”

Tagliare a fettine sottilissime 300gr di pane raffermo (pane bianco) e coprirlo con circa 1/4 di lt di latte, nel frattempo fate soffriggere una cipolla in

burro e aglio, aggiungere 750gr di spinaci lessati (in precedenza) e fate insaporire. Unite la verdura all'impasto di pane, mescolate bene,

aggiungete 2 uova sbattute, circa 100gr di pancetta o speck a dadini, 4 cucchiai di parmigiano grattato e un paio di cucchiai di pane grattuggiato e

di farina bianca, regolare di sale e pepe qb. Mescolate il tutto e formate, con le mani umide, delle palline grandi come un mandarino. L'impasto

dev'essere morbido ma lavorabile. Mettete a bollire acqua salata o brodo e fate la prova cottura con uno knodel, deve cuocere lentamente per

circa 15' senza sfaldarsi o rompersi completamente. Nel caso accadesse, aggiungete all'impasto ancora un pò di farina o pan grattato e riprovate.

A fine cottura lo knodel dev'essere morbido e avvolgente.

Servire con burro fuso e parmigiano reggiano o......... su uno specchio di fonduta di formaggio!

Page 51: Il Pane Secco Non Si Butta

51

MAZZAMURRU dal blog “Trattoria Muvara”

Ingredienti (per 2 Trattori):

250 gr. passata di pomodoro fresco

fette di pane raffermo

1/2 cipolla

1/2 spicchio d'aglio

olio extra vergine

sale

brodo

pecorino sardo

1 foglia di basilico

Preparazione:

e lasciate imbiondire Fate soffriggere l'aglio in poco olio, levatelo appena dorato. Fate quindi soffriggere la

cipolla finemente tritata. Aggiungete un mestolo di brodo e il pomodoro, aggiustate di sale e lasciate cuocere

pochi minuti, aggiungete il basilico, lasciate insaporire e quindi toglietelo dal sugo. Immergete le fette di pane

nel brodo, lasciate qualche minuti quindi estraetelo aiutandovi con la schiumarola. Ponete metà del pane su

una pirofila, coprite con la metà del sugo, spolverate con il pecorino e realizzate un altro strato identico.

Lasciate insaporire almeno un'ora prima di servire.

Commento di Aiuolik: mangiando il mazzamurru vi sembrerà di mangiare il pani frattau, ma tra un morso e l'altro vi chiederete: "ma l'uovo dov'è?"

Page 52: Il Pane Secco Non Si Butta

52

MELANZANE RIPIENE dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta”

Ingredienti (per tre persone):

sei melanzane belle cicciotte e polpute,

ma non enormi ("quelle troppo grosse

non valgono niente, sono tutt'acqua e

piene di semi!")

un uovo

mollica quanto basta (ovvero, un paio di

fette di pane che sia vecchio di qualche

giorno ma non secco)

150 grammi di mozzarella o scamorza (la

zia sottolinea che comunque va bene

qualsiasi tipo di formaggio, purché non

molle: caciocavallo o pecorino

semistagionato, fontina e così via)

qualche foglia di basilico

Preparazione:

lavate le melanzane, togliete il picciolo e con l'apposito scavino (potete anche farlo con molta attenzione impiegando il

coltello, ma la fatica è improba) togliete la polpa facendo molta attenzione a lasciare l'involucro intatto. Quindi mettete

sia i gusci di melanzana che la polpa in una ciotola colma di acqua e sale per una mezz'ora in modo da far uscire

l'amaro (vi accorgerete che ciò è accaduto quando l'acqua sarà diventata nerastra).

Prendete la polpa, tagliuzzatela e fatela soffriggere in padella con uno spicchio d'aglio, un cucchiaio d'olio e un po'

d'acqua. Quando inizia a sfaldarsi, riducetela in crema con il fido frullatore a immersione (ancora non lo avete

comprato? Masochisti...) e aggiungete l'uovo, il parmigiano, la mollica di pane bagnata in un po' di latte e ben strizzata

e le foglie di basilico tagliuzzate. Con tutto ciò farcite le melanzane, completando il tutto con un pezzo di mozzarella o

scamorza infilato con destrezza al centro.

Scaldate un po' d'olio in una padella antiaderente di grandezza adeguata e fate soffriggere le melanzane ripiene per

una decina di minuti, avendo cura di girarle spesso per cuocere tutti i lati, fino a che non diventano morbide.

In una pentola fate un bel sughetto con salsa di pomodoro, un cucchiaio d'olio e qualche foglia di basilico (non

occorre soffritto), e quando bolle tuffateci le melanzane e fatele cuocere ancora per un quarto d'ora. A quel punto

sono pronte, e non resta che portarle in tavola. Se poi con l'afa che fa non vi sorride l'idea di mangiarle calde, fatele

raffreddare una mezz'ora: sono buonissime anche così. E se vi avanzano, cosa invero improbabile, sappiate che il

giorno dopo sono ancora più buone.

Page 53: Il Pane Secco Non Si Butta

53

MINESTRA DI PANE CON BIETA E FAGIOLI Dal blog “Chi non mangia in compagnia”

Ingredienti:

pane raffermo a fette

fagioli borlotti (o ceci) già lessati

bieta

pomodoro

cipolla

sedano

olio, sale

pepe o peperoncino a piacere

Procedimento

Dalle mie parti i contadini per riciclare il pane vecchio usavano fare questa minestra. Allora si inizia con il

preparare il brodo di fagioli. Tritare un po’ di cipolla e di sedano e soffriggere con l’olio, poi aggiungere la

bieta tagliata a striscette e insaporire, poi aggiungere del pomodoro a pezzi e continuare a cuocere.

Infine aggiungere i borlotti (oppure i ceci) e acqua calda. Salare. Lasciar bollire finchè non si insaporisce

bene. Quando il brodo è pronto prendiamo un vassoio di coccio, di quelli per condire la pasta e iniziamo a

preparare la nostra minestra di pane: fare uno strato di fette di pane raffermo e bagnare con il brodo, fare

un altro strato di pane e bagnare con il brodo.. procedere così fino a riempire il vassoio o fino alla fine

degli ingredienti. Lasciar intiepidire e bagnare bene poi fare i piatti e rifinire con un filo di olio a crudo. E’

molto buona anche d’estate proprio perchè si deve mangiare tiepida.

Page 54: Il Pane Secco Non Si Butta

54

MINESTRA NEL SACCHETTO dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta”

Ingredienti:

due etti abbondanti di pane raffermo bello

tosto

un cucchiaio ben colmo di burro

un etto e mezzo di parmigiano

tre uova intere

una grattata di noce moscata

un litro e mezzo circa di eccellente brodo di

carne

Preparazione:

per cominciare armatevi di mixer e riducete in polvere il pane raffermo. Per inciso potete usare pure quello che si trova

in commercio, ma come osserva saggiamente la zia Lella, "vai a sapere che ci mettono dentro". Prediligete pertanto la

vostra pagnottella che è meglio.

Una volta fatto ciò, in una ciotola di coccio o di vetro ponete tutti gli ingredienti a parte il brodo e lavorateli a lungo con il

cucchiaio di legno.

Una volta che il tutto si è ben incorporato in un composto solido e compatto acchiappate un bel sacchetto di tela per usi

cucinari (la zia, gentile come è, me ne ha regalato uno fatto con le sue mani e ricavato da un vecchio lenzuolo,

raccomandandosi di non lavarlo mai con il sapone perché potrebbe avere sgradevoli effetti) e metteteci dentro il

composto, aiutandovi con il citato cucchiaio di legno e compattando il tutto con le mani una volta chiuso il sacchetto.

Prendete quindi una bella pentola, metteteci tanto brodo quanto basta per arrivare al livello del composto nel sacchetto

e mettete il sacco a cuocere in detto brodo a fuoco lento e pentola coperta: deve starci almeno un'ora e mezza. La zia si

raccomanda vivamente di non riversare il brodo utilizzato a questo scopo in quello che si impiegherà per presentare la

minestra, perché risulta intorbidato dagli ingredienti e l'effetto estetico sarebbe sgradevole: in compenso grazie a ciò

esso è parecchio ricco, per cui può essere gustato da solo o con l'accompagnamento di pastina in un'altra occasione.

Dopo la citata ora e mezza abbondante tirate via il sacchetto dalla pentola facendo somma attenzione perché scotta

come l'inferno, apritelo e con abile gesto fate scivolare il composto ben cotto e rassodato su un piatto. Si presenterà

come un gigantesco knodel e fumerà quanto un vulcano. Lasciatelo raffreddare prima di procedere al taglio sia perché

se troppo caldo rischia di sbriciolarsi, sia perché le scene fantozziane sono sempre in agguato. Quindi procedete a

Page 55: Il Pane Secco Non Si Butta

55

ricavarne tanti cubetti o pezzettini: la ricetta originale dice che la dimensione deve essere di un centimetro per lato circa,

la mia esperienza suggerisce che se li fate più piccoli è meglio.

Fatto ciò, è arrivato il momento del gran finale: mettete a riscaldare a fuoco lento il brodo, e quando bolle versateci i

cubettini e fate andare il tutto per un quarto d'ora scarso, tenendo la pentola scoperta e mescolando di tanto in tanto con

delicatezza perché ci manca solo che dopo tutto quanto l'ambaradàm si sciupi l'effetto visivo proprio all'ultimo.

Passato il tempo prescritto spegnete il fuoco, travasate la minestra in una bella zuppiera se volete fare le cose comme il

faut e portatela in tavola, dove avrete avuto cura di mettere a disposizione dei commensali una formaggera ben ricolma

di parmigiano grattugiato di fresco come tradizione emiliana vuole.

Poi mettetevi a tavola pure voi, e godetevi la faccia deliziata dei citati commensali fin dal primo boccone.

La ricetta, per inciso, è ideale anche per fare i celeberrimi passatelli in brodo, una delle prelibatezze riconosciute della

cucina bolognese ed emiliana in genere

Page 56: Il Pane Secco Non Si Butta

56

MUNDEGHIT dal blog “Colazioni a letto”

Ingredienti

350 gr di manzo lessato tritata (circa 600 gr di

polpa cruda)

50 gr di pane raffermo senza crosta

1 bicchiere di latte

4 cucchiai di grana

2 uova piccole

2 cucchiai di prezzemolo

sale

pepe

noce moscata

Per la panatura

pane grattugiato

olio per friggere (io preferisco l'olio di arachide)

Procedimento

Mettete il pane raffermo a bagno in una ciotolina con il latte.

In una terrina mettete la carne tritata, aggiungete la mollica ben strizzata, aggiungete le uova, il grana e il

prezzemolo. Salate, pepate e aggiustate di noce moscata.

Impastate per bene e create delle palline che passerete nel pangrattato e friggerete in olio caldo e

profondo.

Page 57: Il Pane Secco Non Si Butta

57

PANCOTTO dal blog “Stegnat de polenta”

Ingredienti per 2 persone

150 gr di pane secco fatto a pezzi grossolani 2,5 l di brodo vegetale 1 pezzetto di burro 1 uovo formaggio grattugiato sale q.b.

Procedimento:

Mettere in casseruola il pane fatto a pezzi, versare sopra il brodo vegetale (volendo si può usare anche il brodo di carne) caldo, porre sul fuoco e cuocere a fuoco basso finchè il pane non si disfa diventando una crema. Spegnere il fuoco, regolare di sale aggiungere il burro e l'uovo mescolare velocemente per non cuocere l'uovo versare nel piatto e aggiungere il formaggio grattugiato a piacere.

Page 58: Il Pane Secco Non Si Butta

58

PANCOTTO CON LE ERBE dal blog “Un pizzico di magia”

Ingredienti

700 gr pane raffermo, 1,5 kg di erbe trovate, 2

spicchi d’aglio, 3 patate, 7 pachino, sale, olio

extra vergine d’oliva, 4lt di acqua, sale.

Pulire le verdure e farle a pezzetti

Spezzare il pane a pezzettoni.

Pulire le patate, farle a pezzi grandi.

Procedimento

In una grande pentola mettere 4 l di acqua fredda, le patate, i 2 spicchi di aglio con camicia, i pachino

interi.

Far bollire 10’ ed aggiungere le verdure.

Quando queste saranno cotte, aggiungere il pane e spegnere.

Scolare bene, rovesciare in un piatto capiente, versare olio a piacere e mescolare.

Servire profumando con un filo d'olio

Page 59: Il Pane Secco Non Si Butta

59

PANCOTTO CON VERDURE E PATATE dal blog “Dolcezze infinite”

Ingredienti per 4 persone:

8 tozzi di pane o 4 fette di pane raffermo,

4 patate,

1 spicchio di aglio,

1 kg di verdura

( a piacere o cicoria , o verza, rapa, cappuccio,

bieta o verdura mista selvatica),

olio extravergine di oliva.

Procedimento

Pulite, lavate e tagliate le verdure. Nel frattempo mettete sul fuoco una pentola un po' di acqua unitevi

l'aglio "vestito", le patate (lavate, sbucciate e tagliate a tocchetti) e cucinare con un po' di sale. Al primo

bollore dell'acqua aggiungete, le verdure e fate cucinate per circa 10 minuti. Aggiungete il pane e fate

bollire per un minuto.

Scolate, impiattate e condite con abbondante olio extravergine di oliva. Se scegliete di fare il pancotto

con la verza o con il cappuccio, dovete aggiungete nella pentola rametti di finocchietto selvatico.

Page 60: Il Pane Secco Non Si Butta

60

PANCOTTO REVISITED dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta”

Ingredienti:

cinque o sei zucchine

una cipolla di discreta grandezza

un barattolo di salsa di pomodoro o di pelati da

quattro etti circa

due cucchiai d'olio

una manciata di parmigiano

un paio d'etti di pizza bianca rafferma (in

sostituzione, del pane secco va benissimo)

Preparazione:

tagliate fine la cipolla e mettetela a stufare in una pentola antiaderente con l'olio e un cucchiaio d'acqua;

quando è diventata trasparente versate il pomodoro, coprite con il solito coperchio di vetro e fate

sobbollire a fuoco bassissimo per una decina di minuti. Nel frattempo lavate le cucuzze e tagliatele a

rondelle o mezze rondelle che non siano troppo sottili e mettetele quindi nella pentola a far compagnia al

sugo, sempre a fuoco basso e sempre tenendo coperto. Le zucchine hanno la tendenza a cacciare un

sacco d'acqua: il che, in questo caso, va benissimo. Quando sono al dente prendete la pizza, tagliatela in

quarti, ponetela sui lati di una capiente scodella e versate pian piano le zucchine nella scodella succitata,

facendo in modo che il sughetto imbeva per bene i pezzi di pizza. Attendete un paio di minuti finché la

pizza non è diventata morbida (se avete impiegato il pane raffermo non attendete, in quanto è

maggiormente poroso e perderebbe di struttura), condite con il parmigiano e portate in tavola.

Questa ricetta è suscettibile di infinite variazioni, che potete mettere in pratica a seconda della

disponibilità e fantasia.

Per cui, nel caso vi avanzasse del pane o della pizza raffermi, non dategli l'umiliazione di un'indegna

sepoltura nella mondezza.

E' più che probabile che vi risolvano la cena.

Page 61: Il Pane Secco Non Si Butta

61

PANCOTTO TRADIZIONALE CON FAGIOLI E VERDURE dal blog “InFusione”

Ingredienti

fagioli secchi

verdure di campo (quelle che trovate: broccoli,

cicoria, scarola, borraggine)

pane raffermo (preferite quello a lievitazione

naturale, perchè non si ammolla)

spicchi d'aglio interi

peperoncino

spicchi d'aglio interi e alloro per la cottura dei

fagioli

olio extravergine d'oliva

Procedimento

La sera prima mettete a bagno i fagioli in acqua e bicarbonato. Il giorno dopo dovranno essere triplicati in

volume. Sciacquateli brevemente con acqua corrente e poneteli nel recipiente dove dovete cuocerli.

Aggiungete spicchi d'aglio interi e qualche foglia di alloro e poi acqua fredda fino a coprirli di circa 3 dita.

Per la cottura nel camino

Dovete munirvi di un recipiente di terracotta stretto e lungo e di un coperchio a misura. Prima del primo

utilizzo il recipiente deve essere messo a bagno per 48 ore in acqua fredda.

Una volta riempito come detto prima, il recipiente va coperto lasciando un piccolo spazio per far uscire il

vapore ed evitare che l'acqua, bollendo, fuoriesca . Poi va messo nel camino vicino alla legna, ma non deve

essere lambito dalle fiamme. Dovete mettere tutto intorno la brace calda mista ad un po' di cenere,

rinvigorendola di tanto in tanto. La cottura varia a seconda del tipo di fagiolo e del calore. All'incirca,

calcolate 3-4 ore.

Page 62: Il Pane Secco Non Si Butta

62

(… continua)

Non è necessario che rimaniate sempre vicini al fuoco.

Basta che giriate ogni 15 minuti, avendo cura di aggiungere acqua calda qualora all'interno del recipiente

inizi a mancare. E' importante che l'acqua che aggiungete sia calda e che all'interno del recipiente i fagioli

non siano coperti per più di 3 dita. Salate soltanto a fine cottura.

Pulite le verdure e lavatele accuratamente. Procuratevi una padella di ferro; noi usiamo sempre la stessa da

anni. L'importante è che sia abbastanza pesante e interamente di ferro, altrimenti rischiate di bruciare il

manico. Preparate la legna disponendola a cono, posizionate un treppiede di ferro e poi sistemate sopra la

padella. Fate riscaldare l'olio con aglio e peperoncino. Quando inizia a sfrigolare contate un paio di minuti,

poi aggiungete le verdure (volendo potete sbollentarle leggermente in precedenza). Fatele saltare a fiamma

molto alta. Devono rimanere verdi e croccanti. Quando hanno raggiunto la cottura che desiderate, salate e

mettete da parte.

Prendete il pane e tagliate la scorza lasciando 1 cm di mollica. Fate dei cubetti della dimensione che

preferite. Non dovranno essere troppo piccoli, per evitare che si spappolino in cottura.

Adesso avete tutti gli ingredienti a disposizione. Dovete solo assemblarli.

Rimettete la padella con le verdure sul fuoco, aggiungete i fagioli, il pane e tanta acqua quanta ne basta per

coprire appena il tutto. Per la cottura, anche qui, dovete regolarvi "a occhio". Il pane deve ammorbidirsi, ma

non ammollarsi. Appena pronto togliete dal fuoco, fate riposare 5 minuti, impiattate condendo con un filo

d'olio.

Page 63: Il Pane Secco Non Si Butta

63

PANE AL FORNO dal blog “uvAromatica”

Ingredienti per una teglia da forno

una ventina di fette di pane raffermo

qualche pomodorino ciliegino

sale

olio extra vergine di oliva

acqua

origano

Procedimento

Accendere il forno a 180°. Rivestire la teglia del forno di carta antiaderente, mettere le fette di pane a bagno

in una ciotolina con acqua tiepida per un paio di minuti (o anche meno) per farle ammorbidire un po’.

Disporre le fette di pane inumidite sulla teglia, salarle e condirle con un filo d’olio generoso. Lavare i

pomodorini, tagkliarli a metà e premerli leggermente nel pane. Completare bene tutte le fette di modo che ci

sia il pomodoro su ogni boccone :) Salare e condire di nuovo. Cospargere di origano a piacere e infornare

per 40 minuti.

Page 64: Il Pane Secco Non Si Butta

64

PANE ALL‟ACQUA PAZZA dal blog “Voglio vivere così”

Ingredienti Pane raffermo a tozzetti qualche pomodoro (magari di quelli vesuviani del piennolo) uno spicchio d'aglio schiacciato un generoso filo d'olio evo pepe in grani alloro sale ed eventualmente un uovo.

Procedimento Si fanno bollire con abbondante acqua salata i pomodori tagliati a meta`, l'alloro, il pepe, l'aglio schiacciato e l'olio. Quando l'aria della casa e satura del profumo si puo` aprire un uovo nel brodetto e cucinare ancora pochi minuti. L'acqua pazza si serve direttamente sul piatto di pane raffermo che dovra` ammollarsi assorbendo tutto il

sughetto.

Page 65: Il Pane Secco Non Si Butta

65

PANE COTTO ALLA RAFFAELA DEL RE dal blog “Polvere di peperoncino”

Ingredienti (per 4 persone):

- 500 g di pane di semola di grano duro tipo lucano

raffermo (va bene anche il tipo pugliese o

calabrese, ma è essenziale che siano di grano

duro);

- mezza cipolla,meglio se dorata;

- 500 g di pomodorini ciliegino

- una foglia di basilico;

- olio evo;

- sale.

Procedimento

lavare e tagliare a 4 i pomodorini e affettare la cipolla.

Prendere un tegame capiente e mettere abbondante olio e aggiungere la cipolla, i pomodorini, il basilico e far

soffriggere, aggiungere un paio di mestoli di acqua.

Stufare il tutto per 10/15 minuti e aggiungere il pane raffermo tagliato a tocchi. Cuocere per circa 5/ 10 minuti,

o comunque fino a quando il pane non risulterà morbido e non avrà assorbito tutta la parte liquida del

sughetto.

Page 66: Il Pane Secco Non Si Butta

66

PANE COTTO E RAPE dal blog “Polvere di peperoncino”

Ingredienti:

pane raffermo di semola di grano duro

cime di rapa

polvere di peperoncino dolce

polvere di peperoncino piccante

aglio

olio evo

sale

Procedimento:

mondare e lavare le cime di rapa.

Nel frattempo portare a bollore in una pentola capiente dell'acqua leggermente salata, aggiungere le cime di rapa. Per

far mantenere un bel colore brillante alle verdure in genere consiglio di aggiungere un pizzico di bicarbonato.

Far soffriggere in abbondante olio uno spicchio d'aglio, togliere la padella dalla fiamma e aggiungere la polvere di

peperoncino dolce che colorerà l'olio, aggiungere il peperoncino piccante in base ai propri gusti. Per mantenere anche

qui il colore vivo al peperoncino, aggiungere all'olio qualche goccia di acqua fredda. Eliminare l'aglio.

Tagliare il pane raffermo in tocchi non troppo piccoli, e quando le rape saranno quasi arrivate a cottura versarlo nella

stessa acqua. Il mio pane comprato a Potenza, preparato con il lievito madre, aveva 7 giorni e si è cotto in circa 5

minuti. Io consiglio di tenere d'occhio il vostro pane già dopo un paio di minuti dal momento in cui lo calerete nell'acqua

bollente, perchè una cottura eccessiva renderebbe il pane colloso.

Scolare il pane e le rape, e una volta eliminata tutta l'acqua far saltare in padella con l'olio. Aggiustare di sale.

Page 67: Il Pane Secco Non Si Butta

67

PANE CUOTTO dal blog “La casa di Betty”

Ingredienti per 4 persone:

400gr di fagioli cannellini,

2 spicchi d'aglio,

una costa di sedano,

peperoncino

olio

sale,

5-6 fette di pane casereccio raffermo,

origano.

Procedimento

Mettete a cuocere i fagioli, (dopo averli tenuti a bagno almeno 24 ore) in acqua ferdda con lo spicchio d' aglio

e la costa di sedano (che toglierete dopo la cottura) e lasciateli nella loro acqua.Tagliate le fette di pane a

cubetti e lasciatelo all'aria ad "asciugare" (per velocizzare io l'ho fatto tostare in forno).

In una padella mettete qualche cucchiaio d' olio e.v.o. con un altro spicchio d' aglio, fate appena appena

rosolare e aggiungete i fagioli sgocciolati e rimestate fino a che i fagioli non diventano una crema, aiutandovi,

se necessario, con l'acqua di cottura dei fagioli.

A questo punto aggiungete i cubetti di pane, il peperoncino e l' origano e lasciate sul fuoco ancora una

decina di minuti. Spegnete e lasciate riposare prima di servire.

Si mangia non troppo caldo accompagnato da un abbondante filo d' olio e.v.o.

Page 68: Il Pane Secco Non Si Butta

68

PANE FRITTO dal blog “La casa di Betty”

Ingredienti per 2

2 fette di pane raffermo,

2 uova,

prezzemolo,

sale,

parmigiano grattugiato,

100 gr. di prosciutto cotto,

qualche sottiletta,

olio di arachidi per friggere

Procedimento

Sbattete per bene le uova con il parmigiano, il prezzemolo e un pizzico di sale come se vorreste fare una

frittata. Mettete a scaldare l'olio in una padella abbastanza capiente.

Passate le fette di pane nell'uovo da entrambi i lati e mettetele nell'olio bello caldo a friggere, rigirate e fate

cuocere da entrambi i lati.

Poco prima di togliere dall'olio il pane adagiatevi sopra la fetta di prosciutto e le sottilette, aspettate un

momento e non appena comincia a fondere tirate via e mettete su carta assorbente a sgocciolare l'olio in

eccesso.

Servite caldi

Page 69: Il Pane Secco Non Si Butta

69

PANE IN PIZZA dal blog “La cucina di Silvy”

Ingredienti:

8 fette di pane raffermo,

4 pomodori,

1 mozzarella (circa 125 gr),

1 melanzana piccola,

100 gr olive gaeta o taggiasche,

olio extrav.,

sale, pepe, q.b.

Procedimento

tostare il pane; tagliare a fette la melanzana e grigliare su una bistecchiera; in una terrina, tagliare a

dadini i pomodori, sminuzzare le fette di melanzana, denocciolare le olive, aggiungere olio, sale, pepe e

condire a mo di insalata; distribuire il composto sulle fette di pane e passare in forno a 200° per il tempo

che si riscaldi il tutto; tagliare a dadini la mozzarella e distribuirla sulle fette di pane, quindi lasciare

cuocere in forno giusto il tempo che la mozzarella si sciolga; servire con un filo d'olio aromatizzato

all'aglio o altri aromi preferiti. Usando gli stessi ingredienti e medesima procedura, avendo cura di tagliare

le fette di pane a bocconcini, può essere servito anche come antipasto o stuzzichino.

Page 70: Il Pane Secco Non Si Butta

70

PANE RICCO dal blog “Un mondo di farina”

Ingredienti

200 gr. di pane raffermo

1 bicchiere di latte

2 uova

2 cipolle

passata di pomodoro

400 gr. di salsiccia a pezzi con finocchio

200 gr. di mozzarella

100 gr. di olive nere snocciolate

6 acciughe diliscate

origano

olio

sale

pepe

noce moscata

Procedimento

Tagliate il pane a pezzettini e ammollatelo nel latte per 20 minuti, quindi strizzatelo e amalgamate le

uova, un po' di sale, pepe e noce moscata.

Affettate le cipolle e fatele rosolare con poco olio, quando cominciano a imbiondire toglietele dal fuoco e

fatele raffreddare.

Sbriciolate la salsiccia, tagliate a rondelle le olive e affettate la mozzarella. In una teglia mettete il

composto di pane, metteteci sopra le cipolle, un po' di passata, sale, pepe, poi sopra la salsiccia

sbriciolata, le olive, le acciughe a pezzetti, l'origano e la mozzarella, passate un filo d'olio sopra a tutto

quanto e infornate a 190° per 20 minuti.

Page 71: Il Pane Secco Non Si Butta

71

PANODA dal blog “Che gusto sa?”

Ingredienti:

acqua (1/4 di litro a persona)

pane secco (grattugiato o a pezzi)

1 uovo a persona

dado bimby (o normale) q.b.

Procedimento

Portare l’acqua ad ebollizione, aggiungere il dado e il pane secco, mescolare energicamente e lasciar

bollire per 5 minuti e a cottura ultimata aggiungere le uova sempre mescolando.

È un piatto povero da servire caldo accompagnato da formaggio grattugiato e olio a crudo.

Page 72: Il Pane Secco Non Si Butta

72

PANZANELLA dal blog “Mangia e Bevi”

Ingredienti

10 fette di pane casereccio raffermo

(preferibilmente pane toscano)

6 pomodori "Cuore di Bue" ben maturi

2 cetrioli

1 cipolla rossa

30g di foglie di basilico

1 ciuffo di prezzermolo,

1-2 cucchiai di aceto di vino rosso

3-4 cucchiai di olio extravergine di oliva

sale e pepe q.b.

Procedimento

Lasciate ammorbidire il pane in acqua fredda per 5 minuti; strizzatelo bene, e disponetelo in una terrina.

Sbucciate e affettate la cipolla.

Lavate il prezzemolo ed il basilico e spezzettateli.

Pelate i pomodori, privateli dei semi e tritateli grossolanamente.

Sbucciate i cetrioli, privateli dei semi, e tagliateli a fette.

Unite il tutto al pane ammollato e condite con sale, pepe, olio e aceto.

Mescolate e laciate insaporire la preparazione in un luogo fresco per alemeno 3-4 ore,

poi servite in tavola

Page 73: Il Pane Secco Non Si Butta

73

PAPPA AL POMODORO DI AURORE dal blog “Biscotti rosa e tralala”

Ingredienti (per 4 persone)

400 gr di pane raffermo

300 gr di polpa di pomodoro

1 cipolla

olio extravergine d'oliva

sale e pepe

basilico

Procedimento

Tagliate il pane a grossi cubetti e la cipolla a rondelle sottili. Mettete sul fuoco una casseruola con un filo

l'olio d'oliva e lasciate leggermente rinvenire la cipolla, aggiungere poi il pane, il pomodoro, un bicchiere

d'acqua, sale e pepe. Mescolate costantemente fino a quando il pane non sarà diventato "pappa" aggiungete

ancora acqua per evitare che diventi troppo asciutta e lasciate cuocere per 20 minuti.

Servitela calda in inverno e tiepida in estate con una bella foglia di basilico e un filo d'olio.

Page 74: Il Pane Secco Non Si Butta

74

PAPPA AL POMODORO DI SILVIA dal blog “La Pappa al pomodoro”

Ingredienti

2 spicchi d'aglio

olio extra vergine di oliva

peperoncino

1 kg di pomodori maturi

basilico

sale

brodo vegetale

8 fette di pane raffermo

parmigiano reggiano grattugiato

Procedimento

Far rosolare l'aglio con un pò di olio, aggiungere i pomodori sbucciati e tagliati a pezzetti, un bel po' di

basilico, sale, peperoncino e lasciar cuocere per 15 minuti. Unire il brodo e, quando riprende a bollire,

versare nella pentola il pane raffermo, sbriciolato piuttosto finemente, e cuocere girando di tanto in tanto

fino a quando il pane non sarà diventato una pappa.

Togliere dal fuoco, spolverare con parmigiano e un pò di olio a crudo.

E' ottima da mangiare sia calda che fredda.

Page 75: Il Pane Secco Non Si Butta

75

PAPPA AL POMODORO ROSE‟ VELOCE VELOCE dal blog “Pan di Ramerino”

Ingredienti (x 2 persone)

200 gr. pane raffermo

1 scalogno oppure 1/2 cipolla

10 pomodorini ciliegini oppure 2 san marzano

2 cucch.ni dado vegetale

1 ciuffo basilico

3 cucch. olio d'oliva

peperonino

pepe

Procedimento

Fate soffriggere lo scalogno tagliato finemente nell'olio e in un goccio d'acqua. Tagliate i pomodorini a

cubetti e fateli andare nel tegame per 5 minuti. Aggiungete il dado e dell'acqua calda.

Intanto tagliate il pane a pezzetti piccoli, evitando se possibile di mettere la crosta. Mettetelo insieme al

resto e aggiungete sempre acqua calda, pepe, peperoncino e basilico. Fate rapprendere e giratelo con

una frusta.

Servite con del pepe e un filo d'olio...

Page 76: Il Pane Secco Non Si Butta

76

PAPPA AL POMODORO SENZA GLUTINE dal blog “La Gaia celiaca”

Ingredienti

1/2 kg di pane toscano raffermo senza glutine

(¶)

1 cipolla

1 spicchio d'aglio

pomodori maturi o, se non è stagione, ottima

polpa di pomodoro

olio EVO

basilico

sale

pepe

(Gli ingredienti contrassegnati con il simbolo (¶)

sono alimenti a rischio per i celiaci e per essere

consumati tranquillamente devono avere il

simbolo della spiga barrata, oppure essere

presenti nel prontuario dell'Associazione Italiana

Celiachia, o nell'elenco dei prodotti dietoterapici

erogabili.)

Procedimento

Tagliare il pane a fette e poi a pezzetti.

Metterlo a bagno in poca acqua, affinché si ammolli un po'.

Nel frattempo preparare una salsa di pomodoro: fare un battuto con la cipolla, metterla a soffriggere

nell'olio di oliva con lo spicchio d'aglio sbucciato, quando è appassita aggiungere i pomodori (togliere loro

la buccia tuffandoli un attimo in acqua bollente) o la polpa e far cuocere lentamente per una quarantina di

minuti. La salsa dev'essere abbastanza liquida, eventualmente aggiungere un mestolo di acqua.

Aggiustare di sale e pepe ed aggiungere, all'ultimo qualche foglia di basilico fresco.

Versare il pane nella salsa. Mescolare. Aggiungere acqua fino ad ottenere un composto liquido ma non

troppo, e far cuocere finché il tutto si amalgama per bene diventando un insieme omogeneo.

Aggiustare di sale e pepe e servire.

Servire cosparsa con un filo d'olio crudo.

Il giorno dopo è più buona.

Page 77: Il Pane Secco Non Si Butta

77

PAPPA COL POMODORO dal blog “Architettando in cucina”

Ingredienti:

500 g di pomodori

(in inverno i pomodorini appesi, in estate San

Marzano)

250 g di pane raffermo toscano

1 l di brodo vegetale

1 spicchio di aglio

Alcune foglie di basilico

Olio extra vergine d’oliva toscano

sale

peperoncino

Procedimento

In una casseruola soffriggere leggermente lo spicchio d’aglio con 5/6 cucchiai d’olio d’oliva.

Aggiungere i pomodorini precedentemente privati della pelle (basta passarli un attimo in acqua bollente)

e un po’ di basilico.

Far insaporire, salare e aggiungere un po’ di peperoncino.

Tagliare il pane a piccoli pezzi e aggiungerlo ai pomodori.

Far insaporire bene ed aggiungere un po’ di brodo.

Lasciar cuocere, aggiungendo il brodo di tanto in tanto.

E’ pronta quando il pane è diventato una crema.

A fine cottura aggiustare di sale, aggiungere ancora basilico e servire.

Si può mangiare bollente in inverno e tiepida in estate.

Si può scaldare per mangiarla il giorno seguente, se avanza…ma non succede mai.

Page 78: Il Pane Secco Non Si Butta

78

PASSATELLI DI MOLLY dal blog “Molly in cucina”

Ingredienti (per due golosoni)

1 uovo

1 cucchiaio di farina (nella ricetta originale non ci

và...ma io lo metto..)

4 cucchiai di Parmiggiano Reggiano grattuggiato

4 cucchiai di pangrattato fine fine

un abbondante grattata di noce moscata

un'abbondante spolverata di pepe

sale

ottimo brodo di carne in cui cuocerli,altrimenti ci

perdono!!

Procedimento:

Sono velocissimi e semplicissimi da preparare!! e soprattutto un'idea per cena anche

in queste sere ancora un po' umide!! (sebbene io e il mio amore li mangiamo tutto l'anno ferragosto

compreso...)

In una ciotola o nel mixer amalgamate insieme tutti gli ingredienti, assaggiate per assicurarvi che

siano ben saporiti, quindi utilizzando l'apposito attrezzo, ovvero il passapatate con il fondo a fori grandi!!

Direttamente sulla pentola con il brodo che sobbolle,strizzate la palla d'impasto che avrete ottenuto, lasciate

che si spezzino i vermicelli naturalmente o aiutandovi con un coltello, e che risalgano a galla, ancora qualche

minuto di cottura perchè si rassodino, poi impiattate con il loro brodo e se vi piace aggiungete un'altra

spolveratina di parmiggiano !!

Page 79: Il Pane Secco Non Si Butta

79

PATATE ARRACANATE dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta”

Ingredienti:

tre grosse patate

due belle cipolle bianche o rosse

mollica di pane (l'equivalente di un

panino) che sia rafferma ma non

troppo

un po' d'olio

tanto, ma tanto origano

Preparazione:

sbucciate le patate, tagliatele a fette abbastanza sottili (su 3 mm va bene, ma non siate troppo ingegneri) e mettetene

circa la metà sul fondo di una teglia che avrete già coperto di carta da forno, quindi irroratele generosamente d'olio e

spruzzatele con un po' di sale e pepe.

Sbucciate le cipolle, tagliatele a fette (trucco della zia Lella: passatele sotto il getto dell'acqua prima di affettarle, così

eviterete di piangere come gatti) e mettetele sulle patate, sempre irrorando con olio e spruzzando sale e pepe.

A questo punto, è arrivato il momento di arracanare. E per fare ciò, come si può desumere dal nome (che malamente

italianizzato vuol dire "origanare"), è necessario tanto origano.

Per iniziare, spargete su patate e cipolle metà della mollica di pane, e versateci su un po' d'olio che la impregni. Quindi

aggiungete l'erbetta aromatica - io impiego quella del paese mio, profumata da non dirsi - in discreta quantità. Non

tantissima, perché la dose da granatiere va messa dopo.

Ponete quindi sullo strato di pane e origano le rimanenti fette di patate e procedete alla arracanatura di superficie: giù

di nuovo mollica di pane, olio, sale, pepe e per finire origano, stavolta sparso con grande generosità.

Mettete infine il tutto nel forno già caldo a 200° per una quarantina di minuti, usando la solita accortezza di spegnere

dopo una mezz'ora. E per tutto il tempo di cottura, a parte l'incursione stile SWAT per girare la manopola del forno,

siete caldamente (no pun intended) consigliati di evitare la cucina.

In inverno si possono servire le patate arracanate ben fumanti con grande soddisfazione dei commensali. Ovviamente

è cosa da evitare in questo periodo, a meno che non vogliate causargli una crisi di nervi (ai commensali, non alle

patate). Per cui, portatele in tavola quando sono a temperatura ambiente.

Page 80: Il Pane Secco Non Si Butta

80

PEPERONI IMBOTTITI dal blog “Assaggi di viaggio”

Ingredienti:

4 peperoni

1 panino o 4 fette di pane raffermo

50 g di salame

200 g di provola o mozzarella

100 di olive verdi o nere

2 cucchiai di parmigiano grattugiato

sale

olio

Procedimento

Lavare bene i peperoni e tagliare la calotta. Ripulirli quindi dei semini interni e di eventuali filamenti.

Nel frattempo spugnare con dell'acqua il pane in una ciotola, strizzarlo ed aggiungervi il salame e la provola

tagliati a pezzetti; le olive snocciolate e tagliate anch'esse a pezzetti, il parmigiano, il sale ed un filo d'olio.

Mescolare il tutto. Imbottire i peperoni con il ripieno, chiuderli con le rispettive calotte e fermarle con degli

stuzzicadenti. Quindi disporre i peperoni in una teglia su della carta da forno, irrorarli di olio e cuocerli nel

microonde funzione crisp per circa 25-30 minuti. Una volta trascorso questo tempo, lasciare girare nel forno

finché non si spenga in maniera tale che il calore ammorbidisca le fibre del peperone. Servire caldi.

Page 81: Il Pane Secco Non Si Butta

81

PEPERONI RIPIENI dal blog “La casa di Betty”

Ingredienti

4 peperoni belli grossi,

del pane raffermo

latte,

200 gr di scamorza,

100 gr di olive nere snocciolate,

qualche pomodoro maturo,

prezzemolo

sale,

olio

Procedimento

Mettete a mollo nel latte il pane raffermo. Lavate accoratamente i peperoni ed eliminate con cura il

picciolo e i semi interni facendo molta attenzione a non intaccare la polpa. Grattugiate la scamorza e

tritate il prezzemolo. Togliete il pane dal latte, strizzatelo per bene e sbriciolatelo con le mani in una

ciotola, aggiungetevi la scamorza, il prezzemolo, le olive, i pomodori tagliati a dadini, il sale e

amalgamate il tutto. Riempite i peperoni e sistemateli in una teglia rivestita con carta forno e unta con un

poco di olio.

Mettete in forno a 200°C e fate cuocere per circa 40 min o comunque fino a che non avranno assunto un

bel colore brunito.

Servite caldi.

Page 82: Il Pane Secco Non Si Butta

82

PEPERONI RIPIENI DI JESSIE dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta”

Ingredienti:

due peperoni dolci

una manciatona di mollica

rafferma

un po' di capperi sotto sale

uno spicchio piccolo di aglio

una spruzzata di pepe

qualche fogliolina di menta

fresca

due patate medie

tre o quattro cucchiai di olio

Preparazione:

passate i capperi sotto l'acqua corrente per dissalarli bene, tritate la menta e lo spicchietto d'aglio pelato e privato del

germoglio e con tutto ciò condite la mollica di pane aggiungendo un paio di cucchiai d'olio. Date poi una passata di pepe, a

seguire una rapida mescolata e lasciate in una scodellina a insaporire.

Con pazienza certosina procedete a tagliar via la calotta ai peperoni senza romperla e privateli dei semi e dei filamenti

bianchi interni lavorando con un coltellino affilato (attenti alle dituzze sante, soprattutto se appartenete a categorie

professionali come ingegneri, informatici e registi, proni quanto poche altre agli incidenti domestici).

Fatto ciò, con l'aiuto di un cucchiaio farcite i peperoni con la mollica condita, aggiustatevi su la cupoletta privata del picciolo

e trasferiteli in una teglietta sul cui fondo avreste già messo il resto dell'olio prescritto.

A far corona mettete poi le patate debitamente pelate e affettate, conditele con un po' di sale, pepe e origano, aggiungete

un po' d'acqua nella teglietta e mettete in forno già caldo a 180° per una mezz'ora scarsa.

Passata la suddetta mezz'ora, sarete attirati in cucina da un invitante profumino: aprendo il forno avrete bell'agio di vedere

che patate e peperoni hanno messo una bella crosticina, e che vi segnalano inequivocabilmente il momento di portare in

tavola.

Sedetevi quindi a tavola con l'amato bene e armatevi di forchetta. Vi basterà il primo boccone per scoprire perché, a casa

mia come in altre, di pane secco non se ne spreca una briciola, ed è cosa buona e santa che sia così.

Page 83: Il Pane Secco Non Si Butta

83

PEPERONI RIPIENI DI TONNO dal blog “La cucina di Ombraluce”

Ingredienti:

3 peperoni,

200 g di pane raffermo,

1/2 l di brodo vegetale,

1 scatoletta grande di tonno sott'olio (80 g

sgocciolato),

2 cucchaini di pomodorini secchi tritati non

sott'olio,

1 cucchiaio di olive taggiasche,

4 filetti di acciuga,

1 spicchio d'aglio,

1 cucchiaio di prezzemolo tritato,

1 cucchiaio di erba cipollina tritata,

peperoncino macinato,

olio extravergine.

Procedimento

Tagliare a pezzetti il pane, metterlo unn pentolino con la metà del brodo, mettere al fuoco mescolando e

aggiungendo poco alla volta il resto del brodo, fino ad ottenere una pappa omogenea.

Far intiepidire la pappa, e nel frattempo tritare insieme le acciughe, il tonno, le olive e l'aglio.

Versare la pappa in una capiente ciotola, aggiungere il trito di tonno, il prezzemolo, l'erba cipollina e il

peperoncino, i pomodorini, mescolare bene fino ad omogeneizzare gli ingredienti.

Tagliare a metà per il lungo i peperoni, pulirli e riempirli con il composto.

Disporli in una larga padella velata con un po' d'olio e infornare a 180 °C per 45 minuti.

Lasciar riposare una mezz'ora prima di servire.

Page 84: Il Pane Secco Non Si Butta

84

PISAREI E FASO dal blog “Kitchen Confidential”

Ingredienti

Farina 00 e pangrattato in

proporzioni uguali.

Acqua e sale.

Per il sugo

burro,

olio,

carota,

sedano

cipolla

fagioli borlotti,

lardo (a piacere)

pomodoro,

pepe.

Procedimento

Il pane deve essere di ottima qualità. Non troppo ricco di grassi. E deve essere raffermo.

Su una spianatoia di legno si pone la farina a fontana, al centro si mette il pangrattato con un pizzico di sale.

L'acqua bollente si versa a filo sul pane in modo da "scottarlo" come si dice qui.

Quando tutto il pane è ben scottato si comincia ad intridere con la farina, aggiungendo acqua fino ad ottenere un panetto

morbido ed elastico.

Da questo si staccano dei pezzi e si modellano a biscette (ill biss). Da questi lunghi e sottili cilindri si stracciano con la mano

destra dei pezzetti che, schiacciati leggermente con il pollice, acquisteranno la forma cava di gnocchetti.

Per il sugo si fa un soffritto con burro, olio, carota, sedano e cipolla. Mi piace nel coccio che regala una cottura lenta.

Quando le verdure sono stufate di aggiunge acqua e si uniscono i fagioli borlotti preventivamente ammollati per una notte,

per chi non ha problemi di colesterolo ci sta bene una pestatina di lardo. Si unisce il pomodoro, non è obbligatorio, questione

di gusti. Il pepe sì, ci vuole sempre.

Si porta a cottura piano piano fino a che il sugo sarà ben legato e denso.

Si porta a bollore abbondante acqua salata, si mettono a cuocere i pisarei, si aspetta che tornino a galla (come per gli

gnocchi) e si calcolano ancora un paio di minuti di cottura, poi si scolano e si condiscono con il sugo di fagioli e una bella

spolverata di parmigiano grattugiato e ancora pepe nero.

Page 85: Il Pane Secco Non Si Butta

85

PIZZA POVERELLA dal blog “La casa di Betty”

Ingredienti

fette di pane raffermo privato della buccia,

salsa di pomodoro (cotta e condita),

mozzarella di bufala (ne ho usate due piccole),

emmenthal,

burro per ungere la teglia.

Procedimento

Tagliare le fette di pane spesse circa 1 cm, togliere la buccia intorno e sistemarle ben allineate, una vicino

all'altra, nella teglia unta con bel burro.

Chiudete bene i buchi che restano con fettine e pezzetti di pane.

Riscaldate velocemente la salsa di pomodoro e distribuitela uniformemente sulle fette di pane (se fosse troppo

densa allungatela con un po' d'acqua), grattugiare su l'emmenthal e sistemate la mozzarella di bufata tagliata a

pezzettini piuttosto piccoli (per facilitare la distribuzione sulla pizza).

Coprire la teglia con un foglio di carta di alluminio e infornare, in forno caldo, a 200°C per 20-30 minuti o

comunque fino a che la mozzarella sia ben sciolta.

Togliere il foglio di alluminio e lasciare qualche minuto in forno (attenzione a non farla asciugare troppo).

Veloce no? :)))

Page 86: Il Pane Secco Non Si Butta

86

PIZZETTE DI PANE (1)dal blog “Passioni e cucina”

Ingredienti

1 filone di pane raffermo

passata di pomodoro,

prosciutto cotto,

wusterl,

acciughine sott'olio

salsiccia

peperoni

mozzarella

sale

origano

olio evo

olive in salamoia

capperi

tonno

Procedimento

Affettare il pane e posizionare le fette sulla leccarda del forno ricoperta da carta forno. Spalmare sulle fette la

passata di pomodoro e condire con sale,origano e un filo di olio.

Infornare in forno caldo a 180° per 15-20 minuti.

Sfornare e condire le pizzette con i diversi ingredienti.

Potete aggiungere su alcune i wurstel tagliati a fettine,su altre le acciughine tagliate a pezzettini e capperi o la

salsiccia sbriciolata e i peperoni. Oppure potete condirle con prosciutto cotto tagliato a listarelle e olive o con

del tonno sott'olio sbriciolato mescolato a del prezzemolo tritato,insomma vi potete sbizzarrire con tutti gli

ingredienti che volete.

Per ultimo sopra tutto aggiungete la mozzarella tagliata a dadini piccolissimi e infornate nuovamente fino a che

questa non si scioglie.

Sono appetitose e stuzzicanti un modo buonissimo di riciclare il pane del giorno prima,in casa mia piacciono

quasi più della pizza vera e propria.

Page 87: Il Pane Secco Non Si Butta

87

PIZZETTEDI PANE (2) dal blog “Voglia di cucina… Voglia di sognare”

Avete del pane avanzato? Niente di meglio che questa ricettina veloce, veloce e stuzzicante.

Tagliate a fette non molto alte del pane casalingo di qualche giorno prima, mettetelo in una teglia coperta con carta forno, cospargetele

di passata di pomodoro, e aggiungete gli ingredienti che volete, acciughe a pezzettini, capperi, carciofini, olive, poi mettere su ogni

fetta qualche pezzetto di mozzarella, sale, origano ed una spruzzatina di olio extravergine e subito in forno a 220° fino a che non sono

belle colorite e la mozzarella si è sciolta.

Sono buonissime ed appetitose!!

Page 88: Il Pane Secco Non Si Butta

88

POLLO RIPIENO AL PROFUMO DI THE dal blog “La melagranata”

Ingredienti

1 pollo ( o una faraona ancora meglio!)

pane raffermo, circa 200g

buccia di limone, mandarino, arancia...

1 uovo

le foglie verdi di 2-3 cipollotti di tropea

parmigiano, 4 cucchiai

250g di tè (black o anche agrumato o fruttato, a

piacere)

sale, pepe, noce moscata, cannella

Procedimento

Far bollire circa 250g acqua, unire le bucce del o degli agrumi e sbollentarle qualche minuto. Filtrare e

tenere il liquido in caldo.

Privare il pane della crosta, spezzettarlo in una ciotola capiente e bagnarlo con il liquido caldo agli

agrumi.Lasciare assorbire bene, fino a che il pane sarà morbido e si disferà bene. Eventualemente unire

altro liquido caldo.

Ora unire i fegatini e il cuore tritato, il verde dei cipollotti tritato, il parmigiano; condire con sale, pepe, un

poco di noce moscata e di cannella. Mescolare bene e legare con un uovo. Lasciar riposare.

Pulire il pollo, salare e pepare l'interno. Riempirlo con la farcia preparata, chiudere bene l'apertura del

pollo con degli stecchini di legno e mettere in forno caldo a 250° per 5-7 minuti, poi bagnare con il tè (io

ho usato un tè nero ai fiori d'arancia, voi usate quello che preferite!) abbassare la temperatura e

continuare la cottura a 190-200°, bagnando quando necessario, fino a che il pollo sarà dorato e ben

cotto.

Con la farcia rimanente ho preparato dei tortini di pane, semplicemente riempiendone dei pirottini monoporzione in alluminio, ben unti

e spolverati di pangrattato, e infornati per circa 15 minuti. Li ho serviti a lato del pollo...

Page 89: Il Pane Secco Non Si Butta

89

POLPETTE AL SUGO dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta”

Ingredienti:

300 grammi o giù di lì di carne

di manzo o di vitello

100 grammi di mollica di pane

semiraffermo sminuzzata

un uovo

un pugno di grana o parmigiano

grattugiato

uno spicchio d'aglio

una manciata di prezzemolo

farina 00 quanto basta

un po' d'olio per friggere

un barattolo da mezzo chilo di

conserva di pomodori, meglio

se casalinga

Preparazione:

per prima cosa tritate bene le foglie di prezzemolo e tagliate l'aglio dopo aver tolto il germoglio a fettine sottili, e che siano

davvero sottili: non che dobbiate usare il metodo impiegato da Paul Sorvino in Quei bravi ragazzi, ma che vi sia d'esempio. Più è

sottile, più eviterete l'effetto metropolitana di Seul.

In una zuppiera capace mettete quindi la carne tritata, l'uovo intero, il pugno di formaggio, il prezzemolo e l'aglio e impastate con

le manine sante bene e a lungo: la consistenza dell'impasto deve essere alla fine liscia e setosa, senza che vi si distinguano più

i vari ingredienti. Fatto ciò, siete già a mezza strada sulla via di una polpetta ben riuscita.

Ungete quindi le succitate manine sante con un po' d'olio, prendete un tot di impasto alla volta, ricavatene tante sfere di

grandezza equivalente a un'albicocca (potete farle più piccine beninteso, ma secondo me poi non c'è gusto quando le si

azzanna) e rotolatele nella farina, scuotendo quella in eccesso: ne è sufficiente un velo. In una padella fate scaldare un paio di

cucchiai d'olio e mettetevi a soffriggere le polpette quel tanto che basta a fuoco basso, finché non hanno fatto una sottile e

uniforme crosticina dorata: a quel punto toglietele subito, perché se friggono troppo poi non bevono il condimento. Mentre

friggete le polpette potete bellamente fare il sugo. Versate la conserva in un tegame, mettete sullo stesso un coperchio (sempre

meglio quello di vetro) e fate sobbollire a fuoco basso. Se vi va e ne disponete aggiungete un pezzettino di sedano o basilico -

questo nel caso non abbiate la fortuna di disporre di salsa in barattolo già condita, gentile omaggio delle mie zie -, evitate

assolutamente l'olio perché a rendere grassoccio l'intingolo provvederanno le polpette stesse.

Finito che avrete di soffriggere le polpette fatele raffreddare un po' (eviterete così il rischio che si sbrachino in cottura) e con

Page 90: Il Pane Secco Non Si Butta

90

(… continua) garbo e gentilezza mettetele nella pentola con il sugo. Quindi coprite e lasciate sobbollire per discreto tempo, se possibile

almeno un'oretta, a fuoco bassissimo. La cottura lenta è infatti l'ultima e fondamentale tappa verso il traguardo della polpetta ben

riuscita. Quando il vostro commensale rientra tutto mesto dopo una lunga giornata di lavoro dategli un'affettuosa pacchera sulla

spalla, aspettate che si tolga la divisa da pinguino, cassamortaro o qualunque altro di quegli orrendi abbigliamenti che si suole

imporre presso le aziende italiane, e portategli in tavola le polpette ben calde. Vedrete che gli tornerà l'entusiasmo, e che

metterà mano con rinnovata lena a forchetta e pagnotta (le polpette chiamano infatti la scarpetta come poche pietanze).

Se poi putacaso anziché di un commensale si trattasse di commensali, vi basterà lessare al dente adeguata quantità di riso,

condirla con il sugo delle polpette - in tal caso prevedete due barattoli di conserva - e avrete risolto il problema della cena per più

persone.

Page 91: Il Pane Secco Non Si Butta

91

POLPETTE ALL‟ANTICA dal blog “La cucina di Ombraluce”

Ingredienti:

1 kg di lesso con cui sia stato preparato il brodo,

le relative verdure,

150 g di prosciutto cotto non troppo magro,

la mollica di 3 panini raffermi,

1/2 l di latte,

un po' di parmigiano grattuggiato,

un paio di manciate di uva sultanina,

un paio di manciate di pinoli,

2 uova,

sale, pepe,

pangrattato,

olio per friggere.

Procedimento

Tagliare il pane a pezzetti, versarlo in un tegamino e coprirlo col latte. Mettere sul fuoco e cuocere a

fuoco bassissimo finché il tutto si trasforma in una pappa (questa pappa di pane è utilissima per tutte le

preparazioni che coinvolgono la carne lessa, in quanto da morbidezza agli impasti).

Tritare il lesso e le verdure con la lunetta. Tritare anche il prosciutto.

Mettere il trito in una grande terrina, aggiungere le uova, la pappa di pane, il parmigiano, l'uvetta, i pinoli,

quindi impastare con le mani, aggiungendo un po' di pangrattato se l'impasto non dovesse restare unito.

Cospargere un piano di lavoro di pangrattato, quindi formare le polpette, rotolandole sul pangrattato in

modo che ne siano uniformemente ricoperte.

Potete fare polpette del diametro di circa 5 cm, che dovrete appiattire, da usare come secondo piatto,

oppure grandi come nocciole, che dopo la frittura saranno ripassate nel sugo per condire la pasta.

Scaldare l'olio, friggere le polpette fino a che saranno intensamente dorate, disporre su un piatto coperto

di carta assorbente.

Sono ottime sia calde che fredde, e dato che se ne preparano tante, è possibile anche surgelarle.

Page 92: Il Pane Secco Non Si Butta

92

POLPETTE DI CARNE (fritte o al forno) dal blog “Passioni e cucina”

Ingredienti:

Pane raffermo

Carne macinata

Parmigiano grattugiato

Spezie miste

Aglio in polvere

Uova

Prezzemolo tritato

Sale e pepe

Pangrattato

Non ho messo le quantità perchè io di solito

faccio ad occhio

Procedimento

Esecuzione: mettere il pane secco in amollo con acqua fredda in una ciotola per una

mezz'oretta.Dopodichè strizzarlo bene con le mani e sbriciolarlo in una ciotola .Aggiungere la carne

macinata e mescolare bene il tutto.Aggiungere abbondante parmigiano,un cucchiaino di aglio in polvere e

mezzo cucchiaino di spezie miste (cannella noce moscata ecc.) e 1 o 2 uova a seconda della quantità di

composto ottenuto.Per ultimo aggiungere abbondante prezzemolo tritato.Con l'aiuto di un cucchiaio

formate delle palline più o meno grandi a seconda dei gusti e passatele nel pan grattato.

Le polpette così ottenute possono essere fritte in padella con olio caldo o cotte nel forno come di solito

faccio io.Come vedete nella foto allineo le polpette in una teglia in cui ho messo un po' di olio evo e metto

un forno caldo a 180° per circa un'oretta. Questo è il risultato:rispetto alle polpette fritte in padella,quelle

al forno risultano più croccanti e più leggere e quindi più indicate per i bambini.

Si possono fare anche con l'avanzo di carne arrosto o carne lessata,ma chi non conosce la ricetta delle

polpette?Credo sia il piatto più conosciuto nel mondo.Ogni paese ha senz'altro una sua ricetta

particolare.

Page 93: Il Pane Secco Non Si Butta

93

POLPETTE DI MELANZANE AL FORNO dal blog “Italians do eat better”

Ingredienti per circa 12 polpette:

500 gr di melanzane

50 gr di parmigiano grattugiato

1 fetta di pane raffermo

1 uovo

sale, pepe, basilico

aglio, prezzemolo

olio extra vergine di oliva

pane grattugiato

Preparazione:

Pulite e tagliate le melanzane a quadrotti, fatele spurgare con il sale per circa 45 minuti. Dopo averle

lavate sotto l'acqua mettetele in una pentola con l'olio, il prezzemolo, l'aglio e fatele cuocere per 10 minuti

o fino a quanto sono sfatte. Dopo, una volta fredde, aggiungete alle melanzane l'uovo, la mollica di pane

bagnata a un pò di latte (o acqua) e strizzata, il basilico, il pepe, il parmigiano e un pò di pane grattugiato.

Amalgamate il tutto e formate delle palline, poi passatele nel pane grattugiato. Prendete una teglia,

rivestitela con carta da forno, cuocete le polpette nel forno a 200° per circa 20 minuti.

Page 94: Il Pane Secco Non Si Butta

94

POLPETTE DI PANE FARCITE dal blog “Il mondo di Stefy”

Ingredienti:

pane secco avanzato,

un bicchiere di latte (per mettere il pane in

ammollo),

parmigiano grattugiato,

un uovo,

sale,

prezzemolo,

una patata lessata. Per il ripieno

formaggio molle e insaccati a vostro piacere (io

ho utilizzato mortadella e crescenza)

Procedimento

Ho messo in ammollo il pane tagliato a pezzettini con un bel bicchierone di latte. Quando il pane era bello

morbido l'ho frullato con la patata e il latte. Ho regolato di sale, aggiunto l'uovo, il prezzemolo, il

parmigiano ed ho ricavato un impasto non troppo morbido, della consistenza giusta per ricavare delle

polpette.

Ho preparato le polpette prendendo un po' di impasto, schiacciandolo e inserendo al centro un pezzo di

crescenza e di mortadella, dando poi la forma rotonda

Ho lessato velocemente le polpette in acqua bollente (giusto il tempo di compattarle un pochino) e le ho

poi disposte in una pirofila, irrorate d'olio evo e passate al forno per una ventina di minuti a 200° (giusto il

tempo di dare un po' di colore) mettendo alla fine (gli ultimi 2 minuti) una spolverata di parmigiano

grattugiato per avere una bella crosticina

Page 95: Il Pane Secco Non Si Butta

95

POLPETTE DI PANE IN SALSA PICCANTE dal blog “La voglia matta”

Ingredienti per 20 polpettine:

5 panini secchi

formaggi grattugiati misti q.b. (io ho usato

formaggi saporiti come parmigiano, pecorino,

provolone piccante, caciocavallo)

2 uova

prezzemolo

1 fetta di prosciutto crudo o speck tritata

sale, pepe

farina

Per la salsa piccante:

1 bottiglia di passata di pomodoro

olio ev

1 spicchio di aglio

origano fresco

peperoncino tritato

sale

Procedimento

Spezzate i panini e metteteli con del latte ad ammollare.Strizzateli bene e tagliateli finemente.In una

ciotola mettete il pane, i formaggi tritati, le uova, il sale ,il pepe , il prezzemolo e il prosciutto tritati.Se

vedete che il composto è un pò liquido aggiungete un pò di pangrattato.Formate delle polpettine

schiacciate e passatele in poca farina, friggetele in olio di semi caldissimo.

Scaldare l'olio con lo spicchio di aglio,versare i pomodori , aggiungere l'origano fresco , parecchio

peperoncino,salare.Lasciar cuocere una ventina di minuti .

Page 96: Il Pane Secco Non Si Butta

96

POLPETTE DI TOFU E OLIVE DE “LA GOLOSASTRA”dal blog “Pasticci PataPata”

Ingredienti

120 gr di tofu

una decina di olive verdi dolci

una manciata di capperi dissalati

60 g di pane secco ammorbidito nell'acqua

5-6 foglie di basilico fresco

Pangrattato

un cucchiaio di olio extravergine di oliva e sale

q.b.

Procedimento

Frullare il tofu con il pane ben strizzato, le olive, i capperi, il basilico e aggiustare di sale. Lasciare

riposare in frigorifero almeno mezz'ora, poi formare le polpette che verranno passate nel pangrattato e si

faranno dorare in padella molto calda appena unta d'olio. Penso che anche al forno siano ottime, anche

più croccanti!

Page 97: Il Pane Secco Non Si Butta

97

POLPETTE DI ZUCCHINE AL FORNO dal blog “Italians do eat better”

Ingredienti per circa 12 polpette:

500 gr di zucchine

50 gr di parmigiano grattugiato

1 fetta di pane raffermo

1 uovo

sale, pepe, basilico

aglio, prezzemolo

olio extra vergine di oliva

pane grattugiato

Preparazione:

Pulite e tagliate le zucchine a dadini, fatele spurgare con il sale per circa 45 minuti. Dopo averle lavate

sotto l'acqua mettetele in una pentola con l'olio, il prezzemolo, l'aglio e fatele cuocere per 10 minuti o fino

a quanto sono sfatte. Dopo, una volta fredde, aggiungete alle zucchine l'uovo, la mollica di pane bagnata

a un pò di latte (o acqua) e strizzata, il basilico, il pepe, il parmigiano e un pò di pane grattugiato.

Amalgamate il tutto e formate delle palline, poi passatele nel pane grattugiato. Prendete una teglia,

rivestitela con carta da forno, cuocete le polpette nel forno a 200° per circa 20 minuti.

Page 98: Il Pane Secco Non Si Butta

98

POLPETTONE AL PROFUMO DI VIN SANTO dal blog “L‟antro dell‟alchimista”

Ingredienti

150 g di mollica di pane secco ammorbidita nel

latte400 g polpa di tacchino tritata

2 salsicce fresche sgranate

50 g di Parmigiano grattugiato

2 uova

Noce Moscata

Un ciuffetto di prezzemolo tritato

Sale

olio extravergine d’oliva

mezzo bicchiere di Vin Santo (che sia buono!) più

qualche cucchiaiata da unire alla besciamella

circa 80 g di ottima mortadella (tagliata fine e

senza pistacchi)

circa 250 g di besciamella abbastanza liquida

(affinchè possa formare anche il "sughetto" da

pucciare)

Procedimento

Amalgamare la polpa di tacchino tritata con le salsicce sgranate, la mollica di pane ammorbidita nel latte e

il parmigiano. Aggiungere le uova, la noce moscata, un pizzico di sale ed un ciuffetto di prezzemolo tritato.

Formare il polpettone. Ungere una pirofila da forno con olio, adagiarvi il polpettone e bagnarlo con mezzo

bicchiere di VinSanto infornare a forno caldo a 190° per circa 50 minuti rigirandolo spesso. Per i primi 40

minuti tenere la pirofila coperta con alluminio poi scoprire gli ultimi 10 minuti per far formare la crosticina.

Far raffreddare e poi tagliarlo a fettine spesse circa 1 cm. Avvolgere ogni fetta di polpettone in mezza

fettina di mortadella. Disporle in una pirofila leggermente unta. Commescolare la besciamella con un paio

di cucchiaiate di Vin Santo e ricoprire le fette di polpettone. In forno a gratinare per circa una decina di

minuti.

Page 99: Il Pane Secco Non Si Butta

99

POLPETTONE ALLA MODA dal blog “A tavola con Mammazan”

Ingredienti per 6/8 persone ( a seconda

dell'appetito)

200/250 gr di pane mediamente raffermo

latte q.b. per ammollo del pane

500 gr di carne trita grasso-magra per polpette

200/250 gr di salsiccia a metro

4 uova di cui due fatte rassodare

2 wurstel piuttosto cicciotti ..o quello che si trova

al super

avanzi di salumi (nel io caso 2 belle fette di

mortadella e 6/8 fette di pancetta a libro cosparsa

di pepe)

Avanzi di formaggi

1 ciuffo di prezzemolo tritato

1 spicchio d'aglio

2/3 cucchiai di parmigiano grattugiato

pepe macinato a momento e sale ma dosato con

parsimonia

Procedimento

Per prima cosa rassodare le uova: 10' dal momento del bollore, rigirandole di tanto in tanto. Farle quindi

raffreddare in acqua fredda e, sgusciate, tenerle da parte....

Ecco qui sotto il pane che volevo fare "fuori" : a dire il vero non l'ho pesato ma dovrebbero essere almeno

200 gr ......più o meno ma se per caso ce n'è di più nessun problema : il polpettone verrà solo più

morbido......

Va irrorato con un po' di latte ma non in maniera eccessiva...al massimo se ne può aggiungere dell'altro.....

Per velocizzare lo si può frullare con il mixer e aggiungerlo poi al resto del'impasto.....

Due fette, due di numero, di mortadella......... da tritare con la mezzaluna...

La carne trita è grasso-magra per polpette con l'aggiunta di un bel pezzo di salsiccia a metro spellata .......

dà più sapore......

Unire gli avanzi di formaggio e l'aglio spremuto con lo spremiaglio..non più di uno spicchio.......

Un bella macinata di pepe eseguita al momento e .....POCO SALE!!!!!!

Eventualmente assaggiare prima di aggiungerne dell'altro ...ci sono salumi, formaggi, salsiccia...per cui....

Ora io a questo punto mi rilavo ben bene le mani, erano pulite anche prima, of course, e impasto a mano il

tutto, fino ad ottenere un composto ben amalgamato......

Fodero uno stampo da plum cake con carta da forno bagnata e strizzata e sistemo sui lati, facendole

Page 100: Il Pane Secco Non Si Butta

100

(… continua)

debordare un po', le fette di pancetta tesa e pepata......

Sistemo ora sul fondo dello stampo la metà dell'impasto e poi su di esso le due uova sode tagliate a metà

(l'impasto era parecchio altrimenti avrei lasciato le uova intrere...avrebbero fatto più figura una volta affettato

il polpettone.....

E ai lati due wurstel, anch'essi tagliati a metà, ( combinazione era punteggiati di lacrimucce di formaggio).....

Sistemare ora il resto dell'impasto e rimboccare le fette di pancetta......

Cospargere il tutto di pan grattato e parmigiano grattugiato e se c'è ancora del formaggio avanzato con dei

pezzetti.......

E via in forno preriscaldato e statico a 180° per almeno 40'/50' .......

Cotto che sia farlo raffreddare almeno 20' per poterlo tagliare a fette spesse non meno di 2 cm...

Page 101: Il Pane Secco Non Si Butta

101

POLPETTONE DI PATATE dal blog “L‟antro dell‟alchimista”

Ingredienti

150 g di mollica di pane secco ammorbidita

nel latte

400 di macinato misto manzo, maiale, vitello

50 g di mortadella tritata

5 patate medie bollite e schiacciate

50 g parmigiano grattugiato

2 uova

Noce Moscata

Un ciuffetto di prezzemolo tritato

Sale e pepe q.b.

olio extravergine d’oliva

mezzo bicchiere di Vino Bianco

5 Pomodorini ramati

4 Friggitelli

mezzo gambo di sedano

Preparazione

In una terrina mescolare il macinato con le patate, la mortadella, la mollica di pane con il suo latte, il parmigiano,

le uova, la noce moscata, il prezzemolo tritato. Regolare di sale e pepe e formare il polpettone. Ungere una

pirofila da forno con olio, adagiarvi il polpettone e bagnarlo con mezzo bicchiere di vino bianco infornare a forno

caldo a 190° per circa 50 minuti rigirandolo spesso. Per i primi 40 minuti tenere la pirofila coperta con alluminio

poi scoprire gli ultimi 10 minuti per far formare la crosticina. Gli ultimi 15 minuti ho aggiunto una dadolata di

pomodorini, friggitelli tagliati a rondelline e del sedano affettato sottilmente conditi con un filo d’olio olio sale e

pepe.

Page 102: Il Pane Secco Non Si Butta

102

POLPETTONE DI TONNO (CON IL BIMBY) dal blog “L‟antro dell‟alchimista”

Ingredienti

400 g di tonno sott'olio

1 cucchiaio di capperi

(io ho messo un cucchiaino di pasta d'acciughe)

70 g di parmigiano grattugiato

50 g di pan grattato

la scorza tritata di 1 limone

(io ho aggiunto anche 1 cucchiaio di succo di

limone)

2 uova

Preparazione

Sgocciolare il tonno e metterlo nel boccale, aggiungere i capperi (io la pasta d'acciughe), il parmigiano, il

pangrattato, la scorza di limone e le uova, amalgamare: 30 secondi velocità 4-5. Togliere il composto dal

boccale e formare un polpettone con le mani unte d'olio. Avvolgerlo in carta forno bagnata e ben strizzata

e sistemarlo nel Varoma. Pulire il boccale e versarvi l'acqua, chiudere con il coperchio e posizionare il

Varoma, cuocere: 25 minuti, temperatura Varoma, velocità 2. Togliere il polpettone dal piatto Varoma,

lasciarlo raffreddare e tagliarlo a fettine.

Page 103: Il Pane Secco Non Si Butta

103

POLPETTONE FREDDO DI ZIA LELLA dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta”

Ingredienti:

250 grammi di vitellone macinato

150 grammi circa di mollica di pane bagnata nel

latte e strizzata

una manciata di prezzemolo ben tritato

uno spicchio di aglio tritato cui si sia tolto il

germoglio interno

un cucchiaio di parmigiano

un uovo

una fetta di prosciutto cotto o mortadella

qualche pezzetto di scamorza

qualche dadino di verdura cotta dai colori vivaci

(carote, fagiolini e piselli sono quelle che danno il

risultato migliore e per la tinta e per la

compattezza, ma nulla vieta di usarne altre)

Preparazione:

impastare per benino la carne, il pane, l'uovo, il prezzemolo e l'aglio, quindi spianate l'impasto su un tagliere

facendogli assumere una forma rettangolare. Sul centro del rettangolo ponete quindi nel senso della

lunghezza la fetta di prosciutto cotto, i pezzetti di scamorza e i dadini di verdura.

Arrotolate con destrezza in modo che la farcitura non scappi e fate assumere al tutto la forma di un salamotto.

Mettete quindi il polpettone in una pezzuola bianca abbastanza sottile (va benissimo un vecchio lenzuolo

reimpiegato per usi di cucina) che legherete sopra e sotto, e ponetelo a bollire in una pentola che contenga

acqua sufficiente a coprirlo. La bollitura deve durare una ventina di minuti, durante i quali potete farvi

serenamente i fatti vostri tenendovi ben lontani dal fornello rovente (voi forse non ci patite, ma io ho un angolo

cottura di un metro e mezzo per due metri circa e tutte le volte che cucino qualcosa in estate faccio la sauna).

Dopo i citati venti minuti spegnete il fuoco, togliete il polpettone dalla pentola e lasciatelo raffreddare (non

fatevi prendere dalla fretta di toglierlo subito dalla tela e affettarlo, perché c'è il rischio concreto che si sbraghi

e il risultato sarà che porterete in tavola un appetitoso ma poco estetico mucchio di macinato). Quando è a

temperatura ambiente levate con garbo la pezzuola e tagliatelo a fette: la zia suggerisce di tagliare le fette di

sbieco, perché vengono più carine e anche l'occhio vuole la sua parte.

Adagiate quindi le fette su un bel piatto su cui avrete messo insalatina mista, pomodori, carotine alla julienne,

rapanelli a fette e qualunque verdura vi piaccia. Quindi compiacetevi del risultato.

Credetemi, vi metterà allegria al sol guardarlo.

E quando lo mangerete, ancora di più.

Page 104: Il Pane Secco Non Si Butta

104

POLPETTONE PRIMAVERA dal blog “Pan di Ramerino”

Ingredienti (per 3 / 4 persone)

2 fette grandi petto di pollo

3 o 4 fette pane raffermo

2 manciate pisellini

3 carote

1 uovo

sale

pepe

noce moscata

un pugno parmigiano grattugiato

pangrattato

vino bianco

latte

olio di semi

Procedimento

Mettete a mollo il pane nel latte e un pò d'acqua. Intanto tagliate le carote a dadini e lessatele insieme ai pisellini.

Tritate il pollo e mettetelo in una ciotola con il pane ben strizzato, le verdure, l'uovo, sale, pepe, noce moscata,

parmigiano e del pangrattato. Impastare con le mani e formate un polpettone pressato. Rotolatelo in altro

pangrattato e mettetelo a rosolare in un tegame con dell'olio di semi. Sfumate con del vino bianco, salate ancora

e fate cuocere per 20 minuti circa girandolo di tanto in tanto.

Page 105: Il Pane Secco Non Si Butta

105

PRESSKNODEL dal blog “L‟antro dell‟alchimista”

“Antica ricetta della cucina contadina tirolese. L’usanza di rosolare i canederli prima della cottura deriva dal fatto che il “Graukase” , piuttosto gelatinoso, rischia di

decomporli durante la bollitura”

Ingredienti

250 g di cubetti di pane raffermo bianco

300 g di latte

1 cipolla

1 cucchiaio di burro

200 g di formaggio “Graukase”

50 gr di formaggio erborinato

Un mazzetto di erba cipollina

Un porro

3 uova

1 cucchiaio di farina

Sale

Preparazione

Mettere in ammollo il pane con il latte. Tritare finemente la cipolla con l’erba cipollina ed il porro. Rosolare

la cipolla nel burro. Tritare i formaggi. Mescolare il tutto, formare dei canederli, schiacciarli a polpetta e

rosolarli da entrambe i lati. Cuocerli in acqua bollente. Servire con cipolla rosolata mischiata al Graukase

o ad un formaggio piccante grattugiato e accompagnare con insalatina verde (o insalata di crauti)

Ricetta tratta dall’Accademia Italiana Cucina- Ricetta proveniente dalla Delegazione di Merano, elaborata dalla Sig.ra Anna Matscher del Ristorante “Zum Loewen”

Page 106: Il Pane Secco Non Si Butta

106

PUPPETT‟ dal blog “Quantocepiacechiacchierà”

Ingredienti

1 baguette di pane raffermo

100-150 gr di pecorino grattugiato

2 pugni di carne trita di manzo

3 uova

prezzemolo tritato

sale, pepe

Procedimento

Impastare tutti gli ingredienti.

Ho lasciato "riposare" le polpette in frigo quindi le ho rosolate in un filo d'olio finchè sono risultate ben

dorate. Potete accompagnare con un'insalatina leggera o patatine fritte. Bone!

Page 107: Il Pane Secco Non Si Butta

107

RIBOLLITA (con prosciutto toscano) dal blog “C‟era una volta ma adesso non c‟è più”

Ingredienti per 4/6 persone:

300 gr di cavolo nero

200 gr di pane toscano raffermo

200 gr di fagioli cannellini secchi

300 gr di bietola

200 gr di patate

1 carota

1 costa di sedano

1 cipolla

150 gr di prosciutto toscano

2 cucchiai abbondanti di concentrato di

pomodoro

un mazzetto di timo

un mazzetto di rosmarino

sale e pepe qb

Procedimento

Lasciate in ammollo i fagioli per una notte. Cuoceteli in una pentola di acqua calda leggermente salata per circa 40

min (devono risultare cotti ma ancora sodi). Nel frattempo lavate il cavolo nero e le bietole, mondatele dalle parti

più dure e affettatele a pezzi grossolani. Sbucciate le patate e tagliate a dadini di circa un centimetro. Lavate gli

aghi di rosmarino e il timo. Con un mixer a immersione o un passaverdure riducete metà dei cannellini a purea

diluendo con la loro acqua di cottura. In una pentola dai bordi alti e dal fondo spesso preparate un soffritto con la

cipolla, il sedano e la carota tritati sottilmente. Quando le verdure saronno imbiondite, aggiungete il prosciutto,

precedentemente tritato a coltello, e lascite insaporire il tutto per un paio di minuti. A questo punto aggiungete il

cavolo nero, le biete, le patate, il concentrato di pomodoro e la purea di fagioli. Mescolate bene per amalgamare gli

ingredienti. Unite due bicchieri di acqua calda, mescolate nuovamente e aggiungete il timo e il rosmarino. Regolate

di sale e di pepe. Coprite con un coperchio e fate sobbollire per almeno un ora. Unite i fagioli rimasti, mescolate

bene e cuocete per altri dieci minuti, in modo che la zuppa si addensi completamente. Per completare il piatto ,

disponete delle le fette di pane toscano in una zuppiera alternandole con alcuni mestoli di zuppa, fino a esaurire gli

ingredienti. Fate riposare per almeno otto ore (sarebbe meglio una giornata intera). A questo punto togliete dalla

pentola la quantità desiderata a riscaldare in un tegame di coccio, su fuoco medio, riparato da uno spagi fiamma.

Servite con abbondante olio di oliva.

Page 108: Il Pane Secco Non Si Butta

108

RIBOLLITA TOSCANA dal blog “Architettando in cucina”

Ingredienti

500 g. di fagioli

1 cipolla

1 carota

1 mazzetto di prezzemolo

1 cavolo bianco piccola o metà se grossa

1 mazzetto di cavolo nero

Olio

Sale

Pepe

Passata di pomodoro (100 ml o di più a seconda

dei gusti)

Brodo dei fagioli

Pane raffermo

1 cipollotto fresco

Procedimento

Mettere a bagno i fagioli secchi per almeno 8 ore, quindi lessarli, avendo cura di lasciare molto brodo

(aggiungere eventualmente acqua bollente in cottura).

Preparare un soffritto con olio, cipolla, carota e prezzemolo. Aggiungere la passata di pomodoro, sale e

pepe e far insaporire alcuni minuti. Unire il cavolo bianco tagliato a listarelle e lasciar bollire piano,

allungando con il brodo di fagioli bollente. A cottura del cavolo aggiungere i fagioli passati con il

rimanente brodo. Lasciarne eventualmente un po’ come guarnizione da aggiungere a fine cottura.

Lasciar bollire fino a quando il brodo non si addensa (circa 1 ora e mezza). Guarnire con i fagioli interi il

brodo pronto. Preparare una casseruola con le fette di pane raffermo, avendo cura di dosare (ad occhio)

il pane rispetto al brodo.

Il brodo dovrà essere i 2/3 del contenuto della casseruola ed il pane solo 1/3, altrimenti risulterà troppo

asciutta.

Versare il brodo bollente sul pane, livellare il tutto (il pane deve essere coperto dal brodo, se viene in

superficie va riportato sotto al brodo premendo con un cucchiaio) e coprire con un coperchio.

La zuppa si può mangiare in questa fase e prende il nome di zuppa di pane oppure si può lasciar

raffreddare a temperatura ambiente e mangiarla in seguito riscaldata in un tegamino con abbondante olio

di oliva ed è allora che si parla di ribollita. La ribollita si serve bollente guarnita con rondelle sottilissime di

cipollotto fresco.

Page 109: Il Pane Secco Non Si Butta

109

RICORDO DI MOZZARELLA IN CARROZZA dal blog “Sale e Pepe quanto basta”

Ingredienti:

2 grosse fette di pane casereccio raffermo 1 uovo 1 bicchiere di latte (150 ml c.a) Mozzarella o Treccia di Bufala Campana DOP 4-5 filetti di alici sotto sale sale e pepe nero olio extravergine d'oliva origano

Procedimento

Tagliamo le fette di pane a quadratini sottilissimi e immergiamoli nel composto preparato con latte, uova, sale e pepe, di modo che se ne imbevano. Imburriamo due cocotte e sistemiamo sul fondo di ognuna uno strato di pane ammollato. Distribuiamo sopra il pane, le fette di mozzarella e i filetti di alici già puliti dal sale. Copriamo con il restante pane lasciando la superficie ben increspata, quindi senza schiacciare in dentro gli angoli delle fettine. Irroriamo con un filo d'olio e una spolverata di origano, se piace. Inforniamo a 200°C fino a completa doratura.

Page 110: Il Pane Secco Non Si Butta

110

SCARPINOCC DE PAR dal blog “Stegnat de polenta”

Ingredienti:

Per la pasta

(1 kg. di pasta)

Farina "00" 800 gr.

Uova n. 2

Burro a temp. ambiente 40 gr.

Latte q.b.

Impastare tutti gli ingredienti come fosse una

sfoglia usando il latte come se fosse uova .

Per il ripieno

(1 kg. di ripieno)

Grana padano 700 gr.

Pane secco grattugiato 350 gr.

Aglio tritato 1 spicchio

Prezzemolo tritato 40 gr.

Burro 30 gr.

Un pizzico misto di spezie (semi di coriandolo,

cannella, noce moscata, chiodi di garofano,

macis, anici stellati).

Preparazione del ripieno

In una terrina mescolare il formaggio ed il pane grattugiato con le spezie. In un tegame far sciogliere il

burro unendovi l'aglio ed il prezzemolo finemente tritati. Versate il tutto in una terrina ed aggiungete il

latte e le uova fino a che otterrete un composto morbido ed omogeneo.

Preparazione degli Scarpinocc

Stendete la pasta e ricavatene dei dischetti del diametro di 6-8 cm. Adagiate su ogni disco del ripieno e

piegate il dischetto in modo da formare una mezza luna. Chiudete bene i bordi premendoli con le dita,

sollevateli in posizione verticale con la parte tondeggiante in basso e schiacciate al centro con l'indice

così da ricavarne una forma che somigli a quella di una caramella. Cuocete in abbondante acqua salata,

scolateli e poneteli su un piatto e cospargeteli con formaggio grana e conditeli con burro fuso e salvia ben

cotti.

Page 111: Il Pane Secco Non Si Butta

111

SFIZIOSETTI dal blog “Golosona”

Taglio a pezzettini il pane, condisco con sale olio,origano e lo lascio un giorno a riposare. Poi li metto sulla placca del f orno, con il grill li

faccio dorare. Accompagnano benissimo un aperitivo e sono sfiziosissimi mangiarli davanti alla tv. Se non vi piace l'origano potete farli

col rosmarino, sesamo, pomodorini secchi.

Page 112: Il Pane Secco Non Si Butta

112

SFORMATO FILANTE dal blog “Chez Moi”

Ingredienti

8 fette di pancarrè raffermo

poca margarina (meglio del burro in questo

piatto, se di buona qualità )

4 uova normali ( o più se di quaglia)

150 g di avanzi di formaggi : procurate che

alcuni siano secchi, per facilitare l'operazione di

sminuzzatura nel robot, altrimenti vi ritrovate con

una crema!

una confezione di panna, meglio se di soya o

vegetale

una tazza di brodo di pollo

sale, pepe di macina ( se lo si gradisce, anche

un soffio di noce moscata )

Procedimento

Grattugiate finemente nel mixer i formaggi: intanto spalmare pochissima margarina su un lato solo delle

fette di pancarrè, dopo averle private della crosta.

Preparate una piccola teglia foderata di carta forno, dove quattro delle fette di pane possano essere

poggiate comodamente. Cospargetele con 2/3 dei formaggi e copritele con le altre quattro fette, tipo

sandwich. Fate su ogni "panino" un taglio obliquo, tale da ottenere una sorta di tramezzini.

Intando preparate il brodo di pollo, a cui aggiungerete, una volta a temperatura ambiente, le uova, il sale,

la noce moscata, se vi piace , e la panna. Amalgamate il composto, sbattendolo velocemente. Quindi

versatelo con dolcezza sul pane, in modo che riempia gli interstizi e piano piano possa essere assorbito

dal pane stesso. Lascerete così il tutto ad inzupparsi per 30/40 minuti.

Accendete il forno a 150°. Cospargete il pane col resto del formaggio e col pepe macinato al momento, e

infornatelo a forno ben caldo per 30 minuti: eventualmente a fine cottura prolungatela con cinque minuti

sotto il grill per avere una crosticina più croccante.

Page 113: Il Pane Secco Non Si Butta

113

SOUFFLE DI PANE dal blog “La cucina di Ombraluce”

Ingredienti:

250 g di pane raffermo,

1/2 litro di latte,

100 g di emmental grattuggiato,

1 cucchiaio di burro,

1/2 cipolla bianca,

2 uova,

sale,

pepe,

maggiorana,

paprica forte.

Procedimento

Tagliare il pane a dadini e bagnarlo con il latte caldo. Stufare a fuoco bassissimo la cipolla tagliata a velo

con il burro, e unire al pane ammollato e strizzato.

Separare gli albumi dai tuorli delle uova, A questi ultimi unire il formaggio e le spezie, mescolare bene,

quindi aggiungere all'impasto di pane e cipolle.

Mescolare energicamente finché il composto è omogeneo.

Salare gli albumi e montarli a neve ben ferma, quindi aggiungerli all'impasto mescolando molto

delicatamente per non smontarli.

Versare il composto in uno stampo da sufflè imburrato (o in stampini individuali) e cuocere in forno caldo

a 180 °C per 45 minuti o finché è ben dorato.

Page 114: Il Pane Secco Non Si Butta

114

SOUPE OIGNON dal blog “Le ricette di mamma Anatina”

Prima di tutto affettate del pane secco e passatelo a tostare in forno!!

Tagliate a fette sottili le cipolle e fatele appassire in un tegame con il burro... State molto attente a non farle bruciare. ...quando la cipolla avra' preso

un bel colore dorato unite un cucchiaio di farina e continuate a girare il tutto.....ora aggiungete mano a mano del buon brodo vegetale (va bene

anche il dado)..

ricordate non tutto insieme...............quel tanto che a voi servira' per bagnare il pane, cuocete il tutto fino a che non diventa cremoso e la cipolla si

disfa!!

Prendete dei tegamini di coccio fate un letto di pane tostato e mettete su di esso del buon formaggio tipo svizzero bagnate ben bene col brodo

,pepate e cospargete di parmigiano grattugiato.....passate in forno il tempo che i formaggi si sciolgano!!

Page 115: Il Pane Secco Non Si Butta

115

SOUPE PAISANNE dal blog “La cuoca eclettica”

Ingredienti per 4 persone

300 g. di pane casareccio raffermo,

200 g. di fontina valdostana,

brodo di carne,

parmigiano grattugiato.

Procedimento

Tagliate il pane a grosse fette. Affettate anche la fontina. Disponete alcune fette di pane sul fondo di una

teglia, copritele con un pò di fette di formaggio e cospargetele col parmigiano. Fate un secondo strato di

pane e formaggio ed eventualmente un terzo, fino ad esaurire gli ingredienti.

Bagnate ben bene con il brodo bollente e infornate la zuppa a 180° per 20 minuti circa.

Sfornatela e servitela fumante.

Page 116: Il Pane Secco Non Si Butta

116

SPAGHETTI CON LA MOLLICA dal blog “Italians do eat better”

Ingredienti:

200 gr di spaghetti (bucatini)

5 acciughe sott’olio

50 gr di pane raffermo*

6 olive nere

½ cucchiaio di capperi

½ spicchio d’aglio

olio extravergine d'oliva

1 pizzico di sale

1 pizzico di peperoncino (pepe)

* se non avete in casa il pane raffermo usate 25

gr di pangrattato

Procedimento:

In un tegame scaldate due cucchiai d'olio, fatevi rosolare le acciughe a pezzetti e poi aggiungete un

pizzico di peperoncino, i capperi dissalati e le olive snocciolate e tagliate a metà. Grattugiate il pane

raffermo, mescolatelo con l'aglio tritato e un pizzico di sale.

Fate insaporire in un tegamino con qualche cucchiaio d'olio. Lessate gli spaghetti in abbondante acqua

leggermente salata, scolateli bene al dente, conditeli con la salsa e mescolate. Trasferiteli sul piatto da

portata tenuto in caldo e cospargeteli con il composto di pane insaporito. Servite subito.

Page 117: Il Pane Secco Non Si Butta

117

TARTA DE SPANAC (Torta di spinaci)dal blog “Vagetarian Gustos si sanatos”

Ingrediente:

450 gr spanac congelat

2 cepe verzi (cepele ereau mari)

7 fire de usturoi ferde

100 gr soia texturizata

5 felii de paine

4 oua

3 linguri ulei de masline virgin extra

2 linguri faina de naut

1 legatura patrunjel proaspat

2 lingurite marar uscat(daca aveti proaspat, si

mai bine)

1,1/2 lingurita sare

1 lingurita praf de copt

putina cayena

Procedimento

Ceapa cu usturoiul tocate marunt, le fierb intr-o tigaie cu putina apa dupa 5 min adaug spanacul

descongelat, intre timp amestec.

Dupa 5 min adaug soia texturizata (hidratata anterior in apa calda), mai las 3 min si opresc focul.Las sa

se raceasca, odata rece pun compozitia intr-un vas mare si-i adaug, painea ( inmuiata si stoarsa),

patrunjelul tocat si mararul si amestec.

Dupa care adaug cele patru oua, faina de naut, uleiul de masline , sarea si amestec bine, la final adaug

praful de copt amestec din nou.

Pun compozitia, intr-o tava cu fundul detasabil, si-o introduc in cuptor pentru 45 min la 180ºC ( cuptorul

fiind incins).

Dupa ce sa racit am scos-o din tava, cu toate ca mi sa lipit , data viitoare voi folosi hartie de copt.

(traduzione alla pagina successiva)

Page 118: Il Pane Secco Non Si Butta

118

Ingredienti:

450 gr si spinaci congelati

2 cipollotti (le cipolle erano grandi)

7 spicchi d’aglio

100 gr di fiocchi di soia

1/2 filone di pane

4 uova

3 cucchiai di olio extra-vergine di oliva

2 cucchiai di farina di ceci1 mazzetto di

prezzemolo

2 cucchiai di aneto

1,1/2 cucchiaino di sale

Un pizzico di pepe di Caienna

1 cucchiaino di lievito in polvere

Procedimento

Metto i cipollotti con gli spicchi d’aglio tagliato in un tegame con poca acqua e dopo averli fatti bollire 5

minuti aggiungo gli spinaci decongelati e mescolo. Dopo altri 5 minuti aggiungo la soia precedentemente

reidratata in acqua bollente. ,Lascio passare 3 minuti e spengo il fuoco. Quando il tutto si è raffreddato, lo

travaso in un altro recipiente e aggiungo il pane (ammollato in acqua e strizzato), il prezzemolo tritato,

l’aneto e lo mescolo bene.

Poi aggiungo le uova, la farina di ceci, l’olio, il sale e mescolo.Alla fine aggiungo anche il lievito e lo

mescolo attentamente. Metto il composto in una teglia apribile e lo inforno per 45 min a 180ºC .

Quando si raffredda lo tolgo dalla leglia. Siccome questa volta si è un po’ rotto, la prossima volta userò

della carta forno

Page 119: Il Pane Secco Non Si Butta

119

TORTA AROMATICA DI PANE POMODORI E ZUCCHINE dal blog “Fiordivanilla”

Ingredienti:

6 fette di pane semi raffermo ai semi di girasole (o altro pane

simile, ovvero dal sapore fragrante e ottimo sapore rustico, dalla

crosta croccante e mollica soffice. Va bene anche del buon pane

integrale oppure sbizzarritevi in altri pani affini.. andrà bene

qualsiasi tutto sommato, basta che sia semi-raffermo)

2 pomodori ramati sodi

500 gr di zucchine

4 uova

100 gr di panna fresca (oppure metà panna e metà latte

scremato, per ottenere una torta più leggera)

80 gr di grana grattugiato

30 gr di emmentaler grattugiato

2 cucchiai di pangrattato

2 cucchiai di aromi tritati (timo, maggiorana, salvia rosmarino)

olio extra vergine, fleur de sel con erbe aromatiche creole, pepe

Procedimento

Sbattete le uova con la panna, il sale aromatico e il pepe; inzuppatevi il pane,

sgocciolatelo e rivestite uno stampo a cerniera di circa 22cm, foderato con carta da

forno. Io ho foderato solo il fondo dello stampo, scordandomi che avrei invece voluto

foderare fondo e lati.

Infornate a 200° in forno già leggermente caldo per 5/7 minuti.

Rosolate le zucchine grattugiate (o a julienne) e asciugate in un panno, con poco olio,

fatele raffreddare e, una volta raffreddate, mescolatele al composto di uova-panna

rimasto con 50 gr di grana e l’emmentaler. Aggiungere ancora del sale aromatico e del

pepe per regolare il sapore. Versate il composto nello stampo e sistemate sopra i

pomodori affettati.

Preparate in uno scodellino un mix con gli aromi, il pangrattato, i rimanenti 30 gr di grana

dell’altro sale e pepe. Cospargete questo mix sui pomodori. Irrorate con l’olio rimasto e

infornare a 180° per circa 50 minuti.

Servite tiepida o a temperatura ambiente.

Page 120: Il Pane Secco Non Si Butta

120

TORTA SALATA DI PANE dal blog “Il profumo delle madeleines”

Ingredienti (se non ricordo male per una

teglia di 24/26 cm)

250 gr di pane secco

250 gr di ricotta

1/2 litro di latte

200 gr di scamorza affumicata

2 uova

6 pomodorini ciliegini

prezzemolo

parmigiano grattugiato

sale

...in più:

1 peperone (ma voi potete usare qualunque

altro tipo di verdura)

qualche fettina di salame tagliato a pezzettini

Preparazione

Mettete in ammollo il pane secco nel latte caldo.

Quando è diventato morbidissimo, aggiungete la ricotta, il sale e frullate il tutto. Trasferite il composto in

una ciotola capiente e unite la scamorza grattugiata (io l'ho tagliata a pezzi piccolissimi), il prezzemolo

tritato e 2 uova intere.

Intanto, fate cuocere con un po' d'olio il peperone tagliato a striscioline (il mio in realtà era arrostito, ma

va bene ugualmente). Scolatelo dall'olio in eccesso e aggiungetelo al composto. Unite anche il salame.

Tagliate in due i pomodorini e alcuni aggiungeteli all'impasto, tenendone qualcuno da parte.

Mescolate bene il tutto, versatelo in una teglia foderata di carta forno. Affondate i pomodorini tagliati a

metà che avevate da parte nell'impasto, spolverate di parmigiano grattugiato (io ne ho messo un po'

anche all'interno) e infornate a 180° per circa 40/45 minuti.

Page 121: Il Pane Secco Non Si Butta

121

TORTINI DI NOCI E CIPOLLA DI ACQUAVIVA (ma anche ai funghi) dal blog “La cucina di qb”

Ingredienti per il pane al latte con la mdp

210 gr di latte crudo tiepido

350 gr di farina tipo 00

2 cucchiai di lievito madre disidratato (lo trovo in

erboristeria)

1 cucchiaino raso di sale

10 gr di burro chiarificato

1 cucchiaino di zucchero

1 cucchiaino di succo di limone

Ingredienti per i tortini alle cipolle di acquaviva

1 tazza di gherigli di noci

6 cipolle di Acquaviva

2 foglie d'alloro

1 bicchiere di vino rosso, ho usato un Monsenese, Chianti classico 2004

olio evo, sale e qualche grano di pepe nero

Page 122: Il Pane Secco Non Si Butta

122

Ingredienti per i tortini ai funghi

1 tazza di gherigli di noci

1 kg di funghi misti, tra chiodini e porcini

2 spicchi d'aglio in camicia

prezzemolo fresco tritato

olio evo, sale e pepe nero lungo macinati al

momento

(se non sono troppo indisciplinata ho aggiunto,

come variante, del pecorino stagionato

grattugiato: sono comunque piacevoli entrambe

le versioni)

Base per entrambi di tortini

1\2 litro di latte fresco crudo

1\2 litro di panna fesca

1\2 kg di pane al latte raffermo

4 uova

Procedimento

Preparare il pane seguendo le istruzioni della propria mdp un paio di giorni prima

Mondare le cipolle e tagliarle sottili, scaldare un filo d'olio e farle cipolle per qualche minuto e lasciarle

appassire lentamente dopo aver aggiunto il vino, l'alloro ed i grani di pepe nero. Regolare di sale e pepe

e mettere da parte.

Scaldare il latte con la panna e portare a bollore; versarlo, filtrando, nella planetaria dove è stato messo il

pane raffermo tagliato a tocchetti, mescolare con la frusta piatta per un paio di minuti e aggiungere un

uovo intero alla volta, aggiungere le noci, poi le cipolle (1\3), regolare di sale e versare l'impasto a

cucchiaiate nello stampo da muffin oliato con lo spray staccante. Mettere nel forno caldo a 180°, statico,

per 35-40 minuti o fino ad una leggera doratura esterna.

Sfornare e servire con un paio di cucchiaiate di cipolle brasate.

Pulire i funghi e tagliarli a pezzettini regolari, scaldare l'olio in una padella e far rosolare l'aglio in camicia,

versare i funghi e lasciarli andare per qualche minuto. Coprire ed abbassare il fuoco, pochi minuti prima

di completare la cottura togliere il coperchio, aggiungere il prezzemolo tritato e regolare di sale e pepe,

togliendo l'aglio.

Il procedimento, da qui in avanti, è uguale, semplicemente si sostituiscono le cipolle con i funghi (unendo,

se si desidera, il pecorino stagionato grattugiato).

Page 123: Il Pane Secco Non Si Butta

123

TORTINI DI PANE E POMODORI dal blog “Cuoca a domicilio”

Ingredienti

Pane avanzato di qualunque genere (anche se

meglio con poca mollica)

erbe aromatiche miste

1 spicchio di aglio

4 cucchiai di avanzi di formaggi tagliati piccoli

qualche pomodorino

olio evo e sale

1 cucchiaio di burro

Procedimento

Allora per prima cosa passate nel frullatore il pane, lo spicchio di aglio, il cucchiaio di burro e le erbe

aromatiche. Poi compattate il trito così ottenuto negli stampini monodose e passatelo in frigo per circa 15

minuti. Tirate fuori i vostri stampini e coprite la base con le fettine di pomodoro, un pizzico di sale ed i

formaggi. Decorate con qualche foglia di origano e passate i tortini in forno a 180 gradi per circa 25 minuti.

Page 124: Il Pane Secco Non Si Butta

124

TORTINO RUSTICO DI PANE dal blog “Ricette Facili”

Ingredienti

pane raffermo a fette,

100 g di pancetta dolce a dadini,

grana padano grattugiato,

500 ml di latte,

4 uova,

sale,

pepe nero,

noce moscata,

olio extravergine d'oliva.

Procedimento

Foderate una pirofila con carta forno. Battete le uova con un pò di sale, aggiungete il latte, il pepe, la

noce moscata, l'olio d'oliva e amalgamate bene il tutto. Create un primo stato di fette di pane, bagnate

con il liquido ottenuto. Aggiungete un pò di pancetta a dadini e spolverizzate di grana grattugiato.

Create, poi, un secondo strato di fette di pane. Bagnate e aggiungete la pancetta. Completate irrorando

in modo uniforme il pane, premendo con un cucchiaio per far assorbire.

Spolverizzate l'ultimo strato con abbondante grana grattugiato e infornate a 180 gradi fino a doratura!!!

Sentirete un delizioso profumino venir fuori dal forno!

Sfornate e servite il piatto caldo!

Page 125: Il Pane Secco Non Si Butta

125

VERDURE GRATINATE dal blog “La mora di Gelso”

Di questa ricetta non sono in grado di darvi le dosi, dovrete fare ad occhio...

Scegliete le verdure che più vi piacciono (funghi privati dei gambi, pomodori tagliati in due, melanzane, cipolle, patate tagliate a fette, ecc...).

Tritate nel cutter delle fette di pane vecchio senza la crosta (se è fresco fatelo tostare in forno caldo per qualche minuto) e trasferitelo in una

ciotola. Aggiungete capperi dissalati e tritati, olive nere tritate, acciughe tritate (facoltativo), pomodori secchi tritati (facoltativo), peperoncino

tritato, buccia di limone tritata, parmigiano e/o pecorino grattugiato, abbondante salsa alle erbe, olio evo e pepe. Mischiate bene tutti gli

ingredienti.

Disponete le verdure in una teglia ricoperta di carta forno, cospargetele di pane tritato aromatizzato e aggiungete un filo d'olio.

Cuocete le verdure in forno preriscaldato a 200°C. Il tempo di cottura varia a seconda delle verdure e dello spessore delle fette. Se necessario,

aggiungete olio a crudo prima di portare a tavola.

N.B.: Potete sostituire il pane vecchio con del pangrattato, ma il risultato non sarà lo stesso

Page 126: Il Pane Secco Non Si Butta

126

ZUCCHINE BRUSCHETTA E SPAGHETTI dal blog “Pagnottina”

Ingredienti:

Spaghetti 100 gr

Olio evo 2 cucchiai

Scalogno 1

Paprica o peperoncino un pizzichino

Prezzemolo un ciuffo

Pane del giorno prima, tostato e fatto sempre da

me...

Zucchine 2 medie

Sale qb

Procedimento

In una padella antiaderente versare l'olio e scaldare lo scalogno, tagliare a rondelle le zucchine e

lasciarle cuocere a fuoco vivace. Aggiungere un pò di peperoncino e dopo una decina di minuti spegnere.

Scolate gli spaghetti, versarli in padella e saltarli due minuti, aggiungere un filo d'olio e impiattate.

Le bruschette, ricavate da pane del giorno prima, sono state tostate nella stessa padella, dopo che ho

impiattato, nel sughetto rimasto, per 3 minuti per lato.

Page 127: Il Pane Secco Non Si Butta

127

ZUCCHINE RIPIENE dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta”

Ingredienti (per due persone):

quattro zucchine romanesche - o scure, fa

l'istèss - che abbiano una discreta

circonferenza (le mie da questo punto di vista

lasciavano a desiderare, ma l'arte

d'arrangiarsi è prerogativa della cuoca anche

pasticciona)

un paio d'etti di formaggio che fonda in forno

(scamorza, emmentaler, eccetera: vale

quanto già detto per la pizza del pastore)

una manciata di mollica di pane, o una fetta

piccola di pane raffermo

tre foglie di basilico

tre foglie di menta

un cucchiaio d'olio

un po' di latte

Preparazione

tagliate le estremità delle zucchine e mettetele intere a sbollentare in una pentola con acqua sufficiente allo

scopo (non devono annegare, basta che siano coperte). Quindi mettetele sotto l'acqua fredda, tagliatele a

metà nel senso della lunghezza e ancora nel senso della larghezza.

Armatevi di santa pazienza e con un coltello (sarebbe meglio uno scavino, ma ci si può arrangiare anche

con strumenti meno raffinati) togliete la polpa delle zucchine badando a lasciare intatto l'involucro verde.

Mettete la polpa a pezzetti in un padellino, aggiungete il pane, quel tanto di latte che basta ad ammorbidirlo,

le foglie di menta e basilico tritate, il cucchiaio d'olio e mettete il tutto a scaldare sul fuoco rimestando con il

cucchiaio di legno.

Quando la polpa inizia a sfaldarsi spegnete il fuoco, prendete il frullatore a immersione e riducete il tutto in

crema. Se non lo avete, riarmatevi di pazienza e fate con il cucchiaio di legno (e alla prossima occasione

comperatelo, sto benedetto frullatore).Prendete quindi una teglia, foderatela di carta da forno e mettetevi

man mano i gusci di zucchina dopo averli riempiti con un cucchiaino della crema di cucuzza, pane e

aromi.Su ciascun mezzo guscio mettete quindi una fetta di formaggio, e su di essa una listerella di zucchina

sbollentata (se vi è avanzata come è successo a me) oppure, se piace, una spruzzata di origano.

Mettete la teglia in forno già caldo a 200° e aspettate che il formaggio si fonda: basteranno una decina di

minuti, pertanto mettete il timer e godetevi un po' di relax leggendo qualche pagina di quel libro che vi sta

piacendo tanto.

Quando il formaggio si è sciolto e ha fatto pure un po' di crosticina dorata, spegnete il forno e portate in

tavola.

Page 128: Il Pane Secco Non Si Butta

128

ZUPPA DI CAVOLO NERO dal blog “Architettando in cucina”

Ingredienti:

1 mazzetto di cavolo nero

1 cipolla

1 spicchio di aglio

il succo di 1 limone

olio extra vergine d'oliva toscano

sale

pepe

fette di pane toscano raffermo

Procedimento

Affettare finemente la cipolla e soffriggerla in una casseruola con l’olio, il sale ed il pepe.

Quando la cipolla è imbiondita, aggiungere il cavolo nero privato della nervatura centrale e tagliato a

listarelle.

Far insaporire ed aggiungere acqua bollente fino a ricoprire tutto il cavolo.

Lasciar bollire piano fino a cottura del cavolo.

Nel frattempo preparare al meno 2 fette di pane toscano raffermo per ogni commensale, tostate nel forno

ed sfregate bene con l’aglio.

Servire la zuppa nei piatti contenenti il pane e condirla con succo di limone ed un filo d’olio extra vergine

d’oliva a crudo

Page 129: Il Pane Secco Non Si Butta

129

ZUPPA DI PATATE E CAVOLO NERO dal blog “Sfizi e pasticci”

Ingredienti:

2 cavoli neri

150 gr: di fagioli borlotti freschi

1 patata

2 pomodori maturi

Sedano, carota e cipolla

Un rametto di timo

Pane raffermo

Olio, sale e pepe

Procedimento

Rosolare in 4 cucchiai d’olio, un battuto di cipolla, sedano e carota; dopo poco aggiungere anche i

pomodori, il timo e la patata tagliata a tocchi piuttosto grossi.

Lasciare insaporire per un po’ e poi unire le foglie di cavolo nero lavate e tagliate a listarelle, i fagioli (ho

messo quelli in scatola) e 1 litro e mezzo circa di acqua.

Salare e cuocere a pentola coperta per circa 2 ore.

Una volta pronta si fa uno strato di pane raffermo, tagliato a fette e abbrustolito o tostato, si versa sopra

la zuppa, un filo d’olio sopra ed è pronta.

Page 130: Il Pane Secco Non Si Butta

130

ZUPPA CUATA dal blog “Rebecca del sol”

Ingredienti per dieci persone:

kg.1,00 circa di spiattata (formaggio molle sardo

oppure fontina o similare)

gr.600 circa di pane raffermo a fette

gr. 400 circa di pecorino sardo grattugiato

gr. 60 di prezzemolo tritato

per il brodo

300 gr. agnello o pecora

2 foglie di alloro

1 rametto di mirto

1 scalogno

1 carota

sale q.b.

Preparazione:

per prima cosa fare il brodo mettendo la carne ben lavata, gli odori , anch’essi puliti, in pentola con circa

tre litri di acqua, salare e fare consumare , con la pentola a pressione per 40 minuti, altrimenti ci vogliono

un paio d’ore, salare con moderazione. Tagliare il formaggio a fette sottili ma non troppo, affettare il pane

in fette abbastanza sottili, mischiare il pecorino con il prezzemolo. Assemblare la zuppa in teglia , nel

seguente ordine: pane a formare uno strato compatto, sopra una abbondante spolverata di pecorino

misto a prezzemolo e sopra ancora le fatte di formaggio , proseguire in quest’ordine e terminare con il

formaggio, bagnare con il brodo in abbondanza, il pane deve inzuppare per bene e si deve vedere un

poco di liquido. Infornare a forno caldo e cuocere per circa 20 minuti a 180°, ricordare che la cottura

dipende sempre dal tipo di forno, la zuppa è pronta quando avrà una bella crosticina e si sarà gonfiata.

Servire calda dopo aver riposato un poco.

Page 131: Il Pane Secco Non Si Butta

131

DOLCI TENTAZIONI

Page 132: Il Pane Secco Non Si Butta

132

CLAFOUTIS DI PANE, PERE E CIOCCOLATO dal blog “Giardino Fiorito”

Ingredienti

80 g di pane raffermo

75 g di cioccolato fondente

2 cucchiai di farina

4 cucchiai di zucchero

Un pizzico di sale

3 uova

200 ml di panna liquida

100 ml di latte

2 pere kaiser

Procedimento:

Ho tagliato a tocchetti il pane raffermo secco, e sminuzzato il cioccolato fondente. In una ciotola

ho versato la farina, lo zucchero e un pizzico di sale, ho unito le uova , la panna liquida e il latte;

amalgamando bene con la frusta ho ottenuto un impasto molto fluido.

Ho sbucciato e affettato 2 pere Kaiser grosse e morbide. Ho imburrato una teglia da forno di cm 24 e

distribuito sul fondo le fette di pera tagliate sottili mescolate al pane a dadini e al cioccolato sminuzzato

con il coltello, e annegato tutto quanto nella pastella liquida. Spolverizzato di cannella e cotto in forno a

170° per 40 minuti.

Va servito tiepido dal recipiente di cottura.

I pezzetti di pane mescolati al cioccolato formano in superficie una crosticina croccante che nasconde

un interno morbido e cioccolatoso.

Page 133: Il Pane Secco Non Si Butta

133

CROSTINI DI PANINI AL BURRO dal blog “Ricette facili”

Capita spesso che avanzino i panini al burro che si acquistano per la colazione o la merenda dei bambini!

Questo è un modo "gustosissimo" di utilizzare e quindi "riutilizzare" ciò che altrimenti sarebbe destinato ad essere buttato via!!!

OTTIMO ACCOMPAGNAMENTO AD UNA TAZZA DI LATTE O DI THE' ... MA BUONI ANCHE SEMPLICEMENTE DA SGRANOCCHIARE!!!

Rivestire una placca con carta forno e sistemarvi i panini al burro tagliati a rondelle.

Lasciare dorare in forno a 180 gradi ...

Tirare fuori la teglia e girare i crostini dall'altro verso ...

Ripetere l'operazione di doratura.

A cottura ultimata disporre un canovaccio di cotone a copertura dei crostini per far assorbire l'umidità.

Potete gustarli caldi e fragranti o lasciarli raffreddare.

Si conservano in un sacchetto di carta o in uno di quelli per congelare ... ben chiuso.

Durano parecchi giorni!!!

Page 134: Il Pane Secco Non Si Butta

134

DOLCE DI PANE ALLA PIEMONTESE dal blog “Stegnat de Polenta”

Ingredienti:

150 gr di pane raffermo

80 gr di amaretti

mezzo litro di latte

50 gr di zucchero

2 uova

70 gra di uvetta sultanina

30 gr di pinoli

30 gr di cacao

30 gr di cedro candito (io non l’ho messo)

40 gr di cioccolato fondente

70 gr di burro fuso

mezza bustina di lievito

la buccia grattugiata di un limone

1 bustina di vanillina

1 bicchierino di liquore all’amaretto

per la finitura zucchero a velo

Procedimento:

Imburrare la tortiera e cospargere con pan grattato. Ammorbidire l’uvetta in acqua tiepida. Portare ad

ebollizione il latte con la vanillina. Tagliare a pezzetti il pane, metterlo in una terrina, versare sopra il latte

bollente e farli ammorbidire per circa 30 minuti.

Tritare grossolanamente il cioccolato,il cedro e sbriciolare gli amaretti. Mescolare il pane ammorbidito

con un cucchiaio di legno fino ad ottenere un composto omogeneo; aggiungervi gli amaretti sbriciolati, lo

zucchero, il cacao,il cioccolato tritato, il burro fuso, il lievitoe amalgamare gli ingredienti.

Aggiungere infine uno alla volta le uova, il liquore, l’uvetta strizzata, i pinoli, il cedro candito e la buccia

del limone.

Mescolare fino ad ottenre un composto ben amalgamato e versarlo nello stampo preparato.

Cuocere in forno preriscaldato a 180° per 50 munuti circa, togliere il dolce dal forno e lasciarlo

raffreddare completamente e decorare a piace con lo zucchero al velo.

Page 135: Il Pane Secco Non Si Butta

135

FOCACCIA DI PANE dal blog “Zucchero e Viole”

Ingredienti

pane raffermo: 190 gr di mollica (più il

necessario per la teglia)

zucchero semolato: 180 gr

uova: 6

canditi: 40 gr

uvetta: 40 gr

limone non trattato:1

vaniglia: 1/2 bacca o una bustina di vanillina

zucchero a velo: qb

Procedimento

Prima di tutto mettere l'uvetta ad ammollare per circa mezz'ora in un pò d'acqua tiepida.

Preparare gli altri ingredienti: grattugiare la mollica del pane e setacciarla in un setaccio a maglie non

troppo fitte.

Separare i tuorli e gli albumi.

Montare i tuorli con lo zucchero e la vaniglia finchè saranno gonfi e spumosi. Aggiungere la mollica di

pane e mescolare bene per amalgamare il tutto.

Aggiungere anche la buccia del limone grattugiata, i canditi e l'uvetta ben strizzata.

Per ultimo unire gli albumi montati a neve fermissima.

Mettere il composto in una teglia da 22 cm di diametro imburrata e cosparsa di mollica grattugiata e

infornare a 180° per 45 minuti.

Sfornarla e farla raffreddare su una gratella.

Quando è fredda cospargere la superficie di zucchero a velo.

Page 136: Il Pane Secco Non Si Butta

136

MIASCIA DI GIULIA dal blog “Filosoficamente sostenibile”

Ingredienti (per una tortiera di 22

cm di diametro)

300 g di pane raffermo

500 ml di latte

2 uova

2 cucchiai di farina bianca

un cucchiaio di farina gialla

il succo e la scorza grattugiata di un

limone

2 mele (oppure una mela e una pera)

un grappolo d'uva bianca

un grappolo d'uva rossa

50 g di uvetta ammollata in un po'

d'acqua tiepida

50 g di zucchero

un pizzico di sale

olio e rosmarino per guarnire

zucchero di canna per lo stampo

Procedimento:

Ammollate nel latte il pane tagliato a pezzettini per un paio d'ore (tempo indicativo ovviamente).

Trascorso questo tempo, schiacciate il composto con le mani - oppure frullatelo, se preferite... io che mi sono convertita

all'uso delle fruste per quanto riguarda le torte, preferisco per la miascia immergere le mani nel composto di pane-latte,

evitando l'intervento della macchina-frullatore Dovete ottenere una miscela piuttosto omogenea. Se vi viene qualcosa di

troppo liquido filtratelo con un colapasta.

Amalgamate con un pizzico di sale.

Sbucciate e fate a pezzetti le mele (o la mela e la pera), unitele al composto e irrorate con il succo del limone.

Lavate gli acini d'uva, divideteli in due, togliete i semi e, se piace, divideteli ulteriormente. Poi uniteli al composto.

Aggiungete l'uvetta precedentemente ammollata e lo zucchero. Poi le farine e la scorza del limone.

Alla fine mettete le uova e mescolate delicatamente con un mestolo di legno.

Ungete una tortiera e spolverizzatela con lo zucchero di canna. Versatevi l'impasto, stendetelo uniformemente e passate

sulla superficie un filo d'olio e qualche foglia di rosmarino (non tantissime, perché se in dosi eccessive il rosmarino da' un

sapore amaro!) Per finire spolverizzate con lo zucchero di canna.

Infornate in forno preriscaldato a 180° C per 50/60 minuti. Lasciate raffreddare prima di sformare.

(L’ultima volta non avevo uova in casa ed ho usato 2 cucchiai di fecola di patate mescolati con 2 cucchiai di acqua,

seguendo un consiglio reperito su un sito vegano... è venuta ugualmente perfetta )

Page 137: Il Pane Secco Non Si Butta

137

PANE AMBIZIOSO dal blog “Chez Babs”

La "torta di pane", alcuni la chiamano "torta paesana", in Brianza invece è la "torta nera", credo che non abbia ne una ricetta uguale per tutti, ne

un'identità geografica ben definita, probabilmente fa parte di quelle ricette popolari che ogni nonna e mamma creano o modificano in base al gusto

personale.

La mia versione infatti, cambia di volta in volta, molto dipende dagli ingradienti "extra" che ho in casa, diciamo che grosso modo dovete fare così:

- mettere il pane secco, rotto a grossi pezzi, a bagno nel latte per qualche ora, il latte dev'essere abbondante perchè deve, innanzitutto ricoprire il vostro pane e,

secondariamente venirne completamente assorbito,

Page 138: Il Pane Secco Non Si Butta

138

- quando toccando il pane vi accorgerete che è tornato ad essere molto morbido, trasferite tutto nel mixer/robot da cucina/frullatore e aggiungete, a vostro gusto :

. cacao amaro

. zucchero

. vaniglia liquida o vanillina

. uova intere

. cioccolato fondente sciolto con poco burro

Dopo aver ottenuto un frullato molto denso, mettere in una teglia bassa da forno, tipo quella per la pizza, della carta forno sulla quale versare l'impasto.

Ora, aggiungervi a piacimento:

. noci, nocciole, mandorle, pistacchi, pinoli

. gocce di cioccolato

. uvetta sultanina ammorbidita in un pò di rhum (o acqua)

Non metteteli nel frullatore, altrimenti finiscono in polvere!

Infornate a circa 200° fino a quando non vedete che la supericie della torta si sta asciugando ma, controllando con uno stuzzicadente, la parte interna è ancora

"umida", un pò come per i brownies, elastici e umidi dentro, asciutti fuori!

Non posso essere più precisa, in quanto, ognuno ha da prenderci la mano con le proprie dosi ed il gusto personale.

Fuori dal forno, la lascio raffreddare, poi taglio a grossi cubetti che cospargo di zucchero a velo.

Page 139: Il Pane Secco Non Si Butta

139

PANE CON LE PERE dal blog “La Fleur Kitchen”

Ingredienti per 4 persone:

5 o 6 fette di pane raffermo tipo pugliese o

siciliano (ma non proprio secco)

1 pera abate

3 cucchiaini di uvetta

2 cucchiaini di semi di sesamo

zucchero di canna qb

burro qb

1 cuchiaino di genepy (se non lo avete,

whisky).Procedimento

Mettete in ammollo l'uvetta col genepy.

Prendete 4 stampini da muffin, imburrateli bene e cospargete fondo e lati con abbondante zucchero di

canna. Togliete la crosta al pane, ritagliate dei cerchietti e dei rettangoli per foderare il fondo e i lati degli

stampini, imburrateli da entrambi i lati e disponeteli negli stampini.

Tagliate la pera a quadratini sottili, scolate l'uvetta e mischiatela alla pera, ai semi di sesamo e a un

cucchiaino di zucchero. Accendete il forno a 180 ° ventilato. Riempite ogni stampino con abbondante

composto di pere, grattugiatevi sopra la crosta avanzata del pane, una noce di burro e infornate per 25

minuti circa.

Una volta sfornati rovesciateli su di un piatto avendo cura di far staccare bene dai bordi il caramello che

si sarà formato.

Page 140: Il Pane Secco Non Si Butta

140

PINZA dal blog “La cucina di qb”

Ingredienti

500 gr di pane al latte raffermo

200 gr di zucchero zefiro profumato alla vaniglia

50 gr di glucosio

500 gr di latte crudo (qtà da aggiustare

eventualemente con la farina a seconda di quanto

ne viene richiesto dall'impasto)

4 uova

50 g di farina bianca

50 gr di zenzero candito

50 g di uvetta sultanina (chicchi grandi)

ammorbidita nel passito

2 cucchiai di pinoli tostati

1 cucchiaio di semi di finocchietto selvatico

1 mela renetta grattugiata finemente

4 gr di bicarbonato di ammonio

Procedimento

In una ciotola mettere a bagno il latte caldo ed il pane tagliato a pezzi e lasciarli riposare un po'.Mettere

l'uvatta in ammollo con un po' di vino passito e tostare i pinoli.

Nella planetaria mescolare con la frusta piatta il pane bagnato nel latte, lo zucchero ed il glucosio,

aggiungere le uova una alla volta. Unire successivamente il fioretto, l'uvetta (passata nella farina), i pinoli, lo

zenzero candito ed i semini di finocchietto. Aggiungere anche il vino rimasto dall'ammollo dell'uvetta.

Oliare con lo spray staccante (o spennellare con il burro fuso ed infarinare) dei contenitori in alluminio

monodose e cuocere nel forno già caldo a 180°C per 35 ' - 40' (volendo si può usare il tradizionale stampo o

placca rettangolare).

Lasciare raffreddare in una gratella i singoli dolcini e decorare con un po' di zucchero a velo prima di servire.

Page 141: Il Pane Secco Non Si Butta

141

SNITE dal blog “Dolce e salato per il palato”

Ingredienti

250 g di pane raffermo

1-2 litri di latte

3 uova

zucchero

olio per friggere

Procedimento

Tagliate a fette dello spessore di un dito il pane raffermo. Disponetele in una terrina e ricopritele con il

latte. Sgocciolatele e passatele una a una nell’uovo sbattuto, quindi friggetele in abbondante olio caldo

fino a farle dorare. Lasciatele asciugare su carta assorbente e servitele calde, spruzzate di zucchero.

Page 142: Il Pane Secco Non Si Butta

142

STRUDEL DI SANTA LUCIA dal blog “La chiamavano Jessie Ricetta”

Ingredienti

Per la pasta:

farina gr 250

1 uovo intero

2 cucchiai di latte

una noce di burro fuso

una presa di sale e una di zucchero

Per il ripieno:

4 mele renette tagliate a fette sottili

5 cucchiai di mollica di pane imbiondita in

padella con una noce di burro

50 gr di uvetta sulatina ammorbidita nella

marsala

pinoli o noci tritate

100 gr di zucchero per insaporire le mele e

l'uvetta

100 gr di burro

buccia grattugiata di un'arancia

Preparazione:

Lavorare la pasta a lungo e lasciarla riposare coperta con un tegame caldo.

Tirare le sfoglie di pasta molto sottili (si può usare allo scopo la macchinetta della pasta).

Mettere sul tagliere tre strisce di pasta per il lungo l'una accanto all'altra e unirle fra loro passandoci su il

matterello.

Mescolare gli ingredienti del ripieno, versarli sulla pasta e arrotolare la sfoglia con attenzione, in modo

che non si fori nel processo. Su ogni giro spargere un cucchiaio di zucchero e un po' di burro fuso.

Chiudere bene le estremità in modo che il ripieno non esca.

Sistemare sulla teglia un foglio di carta da forno e con delicatezza poggiarvi il rotolo, che deve essere

schiacchiato (tipo soppressata).

Spennellare la superficie con burro fuso (un cucchiaino) e un po' di zucchero dopo averla bucherellata

con i rebbi di una forchetta.

Cuocere in forno caldo per circa 20-25 minuti.

Quando si è raffreddato, tagliare le estremità con un coltello ben affilato in modo che sui lati si veda il

ripieno.

Spolverare con lo zucchero vanigliato.

Page 143: Il Pane Secco Non Si Butta

143

TORTA DI PANE AL CIOCCOLATO dal blog “Dolci a Gogo”

Ingredienti:

1 litro di latte

300 gr pane raffermo

250 gr di zucchero

200 gr cioccolato fondente

100 gr di burro più un po'

80 gr farina di mandorle

5 uova

pangrattato

zucchero a velo

sale

50 g di cioccolato fondente tritato

grossolanamente(mia aggiunta)

Procedimento

Frullate il pane nel mixer e lasciatelo ammorbidire nel latte. Lavorate i tuorli con lo zucchero e, quando il

composto sarà cremoso e soffice unite il burro morbido a pezzetti e poi il pane ammollato la farina di

mandorle il cioccolato sciolto a bagnomaria , il cioccolato tritato e gli albumi montati a neve con un pizzico

di sale. Imburrate uno stampo a cerniera da 26cm e rivestite con pangrattato e riempitelo con il composto

al cioccolato. Spolverizzate la superficie con pangrattato e infornate a 175° per un ora. Sfornate subito

dallo stampo e lasciatela raffreddare su di una gratella. Servite a trancetti con zucchero a velo o come nel

mio cosa spalmando un sottile velo di confettura alal fragola con qualche candito e uva passa.

(Ricetta tratta dalla rivista “La cucina italiana”)

Page 144: Il Pane Secco Non Si Butta

144

TORTA DI PANE ALLA VANIGLIA, FICHI E MANDORLE dal blog “Chi ha rubato le

crostate?”

Ingredienti (tortiera da 26 cm)

250g di pane secco

1 litro di latte intero

200g di zucchero

100g di burro fuso

3 uova

1 baccello di vaniglia

qb di mandorle intere e a lamelle

una quindicina di fichi secchi

Procedimento

Per prima cosa spezzettare il pane secco.

Portare a bollore il latte in una pentola molto capiente,ricordatevi di unire anche il baccello di vaniglia inciso

nel senso della lunghezza, successivamente aggiungere il pane (togliere il baccello) e schiacciare per bene

con un mestolo in legno, in modo che si inzuppi, continuare a mescolare sino a quando l'impasto ottenuto

non riprenderà a bollire. Togliere dal fuoco e lasciar intiepidire qualche minuto, successivamente ridurre in

tutto in purea con un frullatore ad immersione. A parte sbattere le uova con lo zucchero, fino a quando non

otterrete una spuma giallina (2 minuti), rovesciare questa crema sull'impasto tiepido, aggiungervi il burro

fuso, le mandorle intere e i fichi tagliati a pezzetti.

Versare il composto in una tortiera imburrata o coperta di carta forno, decorare con le lamelle di mandorla.

Cuocere a forno preriscaldato a 180°C per 1 ora abbondante, dopo 40 minuti circa coprite con della carta

argentata la superficie del dolce in modo che non si scurisca troppo (le mandorle rischierebbero di bruciare).

Una volta estratta dal forno la torta risulterà molto morbida-molle (come la torta paesana), occorre aspettare

che si raffreddi prima di mangiarla, rischierebbe di rompersi se affettata ora. Il dolce l'ho sfornato alle 8 del

mattino e a mezzogiorno era giusto tiepidino. Come la torta nera si conserva un paio di giorni fuori dal frigo,

magari coperto in modo che non secchi, più giorni in frigorifero

Page 145: Il Pane Secco Non Si Butta

145

TORTA DI PANE CON LE MELE dal blog “La Gaia celiaca”

Ingredienti

1 uovo

5 panini raffermi

3 mele

1 bicchiere di vino bianco

1/2 bicchiere di latte

1/2 bustina di lievito vanigliato

100 g di zuccherozucchero a velo

cannella

uvetta

rum

burro e farina per la teglia

Procedimento

Imburrare e infarinare una tortiera e preriscaldare il forno a 180°.

Mettere a mollo l'uvetta in acqua e rum. Tagliare le mele a fettine sottili.

Fare a pezzi i panini, metterli in una ciotola e versarvi sopra il latte e il vino bianco.

Pasticciare con le mani finché il pane non si è ben ammollato. A questo punto aggiungere lo zucchero,

l'uovo intero, una generosa spolverata di cannella, l'uvetta sgocciolata e le mele e, per ultimo, il lievito.

Mescolare bene il tutto.

Versare il composto nello stampo, ed infornare per un'oretta.

Servire tiepida spolverata di zucchero a velo.

Page 146: Il Pane Secco Non Si Butta

146

TORTA DI PANE DI ASA_ASHEL dal blog “La caloria solitaria”

Ingredienti

500 ml di latte

1 bicchiere d'acqua (circa 150 ml)

150 gr di pane raffermo o secco+ qualche

biscotto

70 gr di zucchero

70 gr di cacao dolce in polvere

1 cucchiaio di farina

1 uovo

1 cucchiaio olio d'oliva

un pizzico di sale

per decorare

zenzero in polvere

cannella in polvere

Procedimento

Questa, secondo me, è una ricetta ideale da preparare durante la settimana, perchè si sfruttano bene i

tempi.

In pausa pranzo inserite in una ciotolona il pane raffermo spezzettato grossolanamente e, se volete, due

o tre biscotti , quello che avete, sono facoltativi ma fanno parte della tradizione della ricetta, versateci

sopra il latte e l'acqua e mescolate bene in modo che sia tutto amalgamato, coprite e lasciate macerare

fino a quando ritornate a casa alla sera dopo il lavoro. Passate il tutto con il frullatore ad immersione poi,

aiutandovi con una frusta manuale per mescolare, inserite nell'ordine questi ingredienti facendoli

amalgamare bene prima di mettere il successivo: zucchero, cacao dolce, uovo, farina. Prendete una

pentola con il fondo spessorato, una 3 litri va benissimo come misura, versate un cucchiaio di olio d'oliva,

fatelo espandere un po' e a questo punto versate tutto l'impasto. Cuocete a fuoco medio mescolando in

continuazione fino a quando iniziate a vedere le bolle e il tutto sarà abbastanza solido. La cottura è

piuttosto veloce, in 6-7 minuti è pronta. Spegnete il fuoco e livellate un po' la parte sopra della torta.

Lasciatela raffreddare, nella pentola, e dimenticatevene fino al mattino successivo.

Page 147: Il Pane Secco Non Si Butta

147

(… continua)

A questo punto potete scegliere se estarre la torta dalla pentola o se lasciarla lì fino a quando la finite, in

ogni caso aiutatevi con una spatola di silicone per staccare le fette. La consistenza è morbida ma

compatta, simile ad un budino corposo, non eccessivamente dolce e con un retrogusto di cioccolato

dovuto al cacao. Una volta tagliata la fetta spolverizzatela con lo zenzero e la cannella in polvere, il

risultato è favoloso, soprattutto se la accompagnate con un the alla vaniglia o arancia e cannella.

E' un dolce poco pesante ma molto saziante. Io di solito la divido in 8 fette/porzioni di circa 100/120 gr

che apportano un contributo di circa 185 calorie a fetta. Ideale per la colazione.

Page 148: Il Pane Secco Non Si Butta

148

TORTA DI PANE DI ATTILIO VANNUCCI dal blog “Io così come sono”

Ingredienti:

1 litro di latte

8/9 uova intere

250 gr. di zucchero semolato

130 gr. burro a pomata

il succo e la buccia grattugiata di un’arancia

pizzico di sale

250/300 gr. di pane raffermo pulito della crosta se

risultasse troppo consistente

a piacere:

uvetta, pinoli, canditi, noci …..

liquore ( alchermes martini gran marnier).

Io ho fatto 1/2 dose per una teglia di 21 cm di

diametro, come liquore ho mescolato un pochino di

alchermes e cointreau e ho utilizzato 50 g. di pinoli,

una manciatina di uvetta e una scorzetta di arancia

candita tagliata a cubetti)

Procedimento:

1) in una ciotola mettiamo il latte con la scorza di arancia e il succo , il burro a pomata, mescoliamo e aggiugiamo il

pane tagliato a pezzetti. Lasciamo riposare.

2) in un’altra ciotola mescoliamo le uova intere con lo zucchero e un pizzico di sale. (le uova non vanno montate).

3) imburriamo una teglia e la spolveriamo di zucchero (oppure si possono utilizzare dei pirottini di alluminio per

creare delle monoporzioni).

4) versiamo il composto di uova nella ciotola del pane mescoliamo, aggiungiamo pinoli, uvetta e scorzetta di

arancia candita, 1/2 bicchierino di liquore.

5) versiamo nella teglia e inforniamo a 170° per circa un’ora e dieci ( nel mio forno…… il chè è tutto undire… )

tenete presente che la torta deve rimanere leggermente morbida si rassoderà raffreddandosi .

Per accompagnare questo dolce, Attilio Vannucci, ci ha proposto una salsa di cachi semplicissima ed

eventualmente come decorazione delle fettine finissime di arance spolverizzate di zucchero e passate in forno a

70/80° per un’oretta.

Salsa di caco:

Si sbuccia il caco che deve essere maturo (altrimenti lega) e si trita grossolanamente con un coltello. In una

casseruola si mette una noce di burro, il caco e lo zucchero, le dosi sono a piacere perchè dipende da quanto è

dolce il caco e da quali siano i vostri gusti personali, si cuoce pochi minuti.

Page 149: Il Pane Secco Non Si Butta

149

TORTA DI PANE DI BABS dal blog “Chez Babs”

Nei giorni scorsi, mi son ritrovata con parecchi panini ammonticchiati in dispensa (????) e così su due piedi ho deciso, faccio la torta, metto a bagno il pane nel latte e poi...... si, e poi?

E poi mi mancavano le uova!!!! e l'uvetta sultanina! Accidenti a me che il pane l'ho comunque messo ad ammorbidirsi nel latte.

Ma basta guardarsi intorno, o meglio, negli armadietti della cucina.....

Eureka! La facciamo alternativa!!!!!

Quindi prendo il mio pane ormai morbido e bagnato di latte e lo metto nel mixer per frullarlo, aggiungendo, il solito zucchero, il cacao

amaro, parecchio, ho fatto sciogliere del cioccolato fondente con un pò di burro e l'ho aggiunto all'impasto, poi la genialata.... una

mezza busta di cocco disidratato che avevo dimenticato ed una confezione di latte di cocco (250ml) che tenevo nel frigorifero. Assaggio il tutto e mi pare che il retrogusto di cocco stia veramente bene con pane cioccolatoso, un'ultimo giro di fruste e traslocco

l'impasto nella tortiera bassa, quella da crostata (tanto non ha lievito ne uova, mica deve gonfiare!!!!).

Gli diamo un tono con delle mandorle e delle nocciole in superficie e in forno caldo finchè la superfice non tende a frastagl iarsi. Il profumo era ottimo, a freddo una spolveratina di zucchero a velo non guasta mai e..... gnam!

Page 150: Il Pane Secco Non Si Butta

150

TORTA DI PANE DI DOLCEAMARA dal blog “Dolc&amara”

Ingredienti per circa 6/8 persone

300 gr di pane raffermo

1/2 litro di latte

4 uova

200 gr di zucchero

150 gr di uva sultanina

120 gr di burro

20 gr circa di pangrattato

1 bicchierino di grappa

1 limone

zucchero a velo

Procedimento

Mettete a bagno il pane nel latte e l'uvetta nella grappa. Intanto montate a crema le uova con lo zucchero

e la buccia di limone grattugiata. Strizzate il pane e spappolatelo con una forchetta, unite le uova

sbattute, l'uvetta con la sua grappa e 100 gr di burro ammorbidito; lavorate con un cucchiaio di legno fino

ad ottenere un composto ben amalgamato. Ungete col restante burro una tortiera di circa 20 cm di diam.,

spolverizzatela con il pangrattato ( ottimi riciclo anche questo per il pane raffermo ;) ) e versatevi il

composto. mettete in forno preriscaldato a 180°-200° per circa un'ora. Sfornate e lasciate raffreddare

prima di servirla, spolverizzata con lo zucchero a velo.

Page 151: Il Pane Secco Non Si Butta

151

TORTA DI PANE DI LAURA dal blog “L‟antro dell‟alchimista”

Ingredienti

500 g di latte,

300 circa gr di pane secco,

1 uovo intere,

250 gr di zucchero,

180 di farina

130 gr di cacao,

una manciata di pinoli,

una manciata di uvetta sultanina fatta rinvenire

nel rum

una decina di amaretti pestati

polvere di cannella

Preparazione

Preriscaldare il forno a 180°. Mettere il pane nel latte e far macerare ben bene sino a che, girandolo con

un cucchiaio di legno, si riduca in poltiglia (circa una o due ore). Aggiungere l’uovo, lo zucchero, la farina,

il cioccolato, i pinoli, l’uvetta con il suo rum, gli amaretti pestati e la cannella. Mescolare bene l’impasto

fino a renderlo bene amalgamato e morbido. Se troppo duro aggiungere qualche goccia di latte. A questo

punto versare l’impasto in una teglia tonda a cerniera ben imburrata (non infarinata!!!). Mettere nel forno

preriscaldato a 180° per la durata di circaun'ora.

Page 152: Il Pane Secco Non Si Butta

152

TORTA DI PANE DI MAURINA dal blog “Comfort food”

Ingredienti :

. 200/300 grammi di pane raffermo

. latte (quanto ne chiede il pane, diciamo quasi

un litro)

. 100 gr. Di zucchero

. amaretti : circa 100 gr.

. uvetta : dai 50 ai 100 gr a piacere

. 3 uova

. 3-4 cucchiai di cacao amaro

. pinoli : a piacere, nell’impasto e sopra come

guarnizione

. cannella : a piacere

Procedimento

Mettere a bagno il pane spezzettato nel latte, alla sera per la mattina o viceversa.

Triturare il pane con una forchetta o un cucchiaio di legno, no mixer perche’, secondo me non viene la

giusta consistenza.

Aggiungere tutti gli altri ingredienti, mescolare bene, quando e’ pronto mettere in una teglia, meglio se di

terracotta, imburrata e cosparsa di zucchero semolato (non fate uno spessore eccessivo, e’ piu’ buona un

po’ bassa)

Infiocchettare con burro, qualche pinolo come guarnizione e mettere in forno un’ora abbondante

E’ buona fredda, meglio il giorno dopo.

Page 153: Il Pane Secco Non Si Butta

153

TORTA DI PANE E CIOCCOLATO DI CHICCA dal blog “Le chicche di Chicca”

Ingredienti per 10 persone

200 g di pane bianco raffermo

150 g di burro

150 g di zucchero

130 di cioccolato fondente

80 g di fecola

80 g di farina 00

4 uova

1 cucchiaino di vaniglia

½ bustina di lievito per dolci

1 bicchiere di latte

Rum

Procedimento

Tagliare a pezzi il pane e ammollarlo nel bicchiere di latte, intanto montare a spuma il burro con lo zucchero.

Unire le uova, uno spruzzo di rum, il pane strizzato, 80 g di cioccolato fuso, mezza bustina di lievito, la

vaniglia, la fecola e la farina setacciate.

Foderare con la carta forno bagnata e strizzata una tortiera di 24 cm di diametro, versare l’impasto ottenuto,

cospargere con il restante cioccolato grattugiato e cuocere in forno già caldo a 190° C per circa 50 minuti.

Ricetta tratta dalla rivista “La cucina italiana”

Page 154: Il Pane Secco Non Si Butta

154

TORTA DI PANE E CIOCCOLATO DI SABRINA ALLA MANIERA DI LISE dal blog “Il bistrot di Lise e Metroicon”

Ingredienti

100 gr pane finemente grattugiato

40 gr di amaretti sbriciolati

30 gr di farina di mandorle

100 gr di cioccolato fondente a pezzetti

80 gr di zucchero

1 uovo

75 gr di burro fuso freddo

2 cucchiai di latte

1 cucchiaino di lievito per dolci

Procedimento

Sminuzzare il pane, gli amaretti e il cioccolato nel mixer con le lame. Io all'ultimo giro ho aggiunto anche il

lievito per essere sicura che si amalgamasse bene.

Utilizzando le fruste elettriche montare molto bene l'uovo con lo zucchero e amalgamarlo al composto di

pane, amaretti e cioccolato, aggiungere la farina di mandorle, quindi, rimestando con un cucchiaio di

legno, aggiungere il burro e il latte. Versare il composto in una tortiera imburrata e cosparsa di

pangrattato e cuocere in forno caldo a 180° per circa 40 minuti

Page 155: Il Pane Secco Non Si Butta

155

TORTA DI PANE E NOCCIOLE ALL‟ARANCIO CANDITO “dal blog “Crea &

Cucina”

Ingredienti

gr. 250 di pane raffermo

ml. 400 di latte ( se il pane è molto secco

aggiungetene ancora)

gr. 100 di cacao amaro in polvere

2 cucchiai di cognac

gr. 150 di zucchero semolato

3 uova intere

gr. 50 di uvetta sultanina ammollata

precedentemente in acqua tiepida

gr. 80 di nocciole tritate grossolanamente

scorza grattugiata di un arancio (usate anche il

succo)

gr. 70 di arancio candito

1 bustina di lievito per dolci

zucchero a velo

Preparazione

Scaldate il latte per 2 minuti senza farlo bollire. Tagliate il pane a pezzetti, mettetelo in una ciotola e

versatevi sopra il latte caldo cercando di ammorbidirlo con una forchetta. Mescolate lo zucchero con il

cacao e aggiungeteli al pane con il latte. Lasciate riposare il composto finchè tutto il latte si è assorbito

(10 minuti). Passato questo tempo, mescolatelo bene per ottenere un composto uniforme, unite quindi

cognac, uvetta, canditi, le nocciole a pezzetti, la scorza d'arancio grattugiata e il succo, le 3 uova sbattute

prima separatamente e in ultimo il lievito. Mescolate e amalgamate bene tutti gli ingredienti.

Mettete il composto in uno stampo imburrato e infarinato.

Infornate in forno preriscaldato a 180° per circa 45 minuti (fate la prova stecchino). Fatela raffreddare

bene, e spargete di zucchero a velo

Page 156: Il Pane Secco Non Si Butta

156

TORTA DI PANE E NOCI dal blog “Dulcis in furno”

Ingredienti (per uno stampo da 24 cm):

500g di pane raffermo

500ml di latte

50 ml di nocino

180g di zucchero

2 uova

100g di noci tritate

Procedimento:

Spezziamo il pane e mettiamolo in ammollo nel latte e nocino per almeno 30'. Trascorso il tempo, se

necessario lo strizziamo per togliere l'eccesso di liquido e lo trasferiamo in una terrina, uniamo le uova, lo

zucchero, le noci e mescoliamo bene con un cucchiaio. Trasferiamo il composto in uno stampo imburrato

ed infarinato e cuociamo a 200-220° per circa 1h: lasciamo raffreddare la torta ela sformiamo.

Possiamo farla anche senza il liquore, le noci la rendono comunque molto stuzzicante.

Page 157: Il Pane Secco Non Si Butta

157

TORTA DI PANE RICCA dal blog “Fiordivanilla”

Ingredienti:

300 gr di pane raffermo, metà quantitativo di pane

bianco e metà integrale

1 litro di latte parzialmente scremato

80 gr di zucchero bianco e 70 di zucchero di canna

4 mele sbucciate, private del torsolo e tagliate a

quadretti

70 gr di uvetta, metà uvetta scura e metà uvetta

secca chiara (ne ho trovate di questi di tipi al

supermercato e così le ho usate tutte e due)

25 gr di pinoli

un bicchierino di liquore all’amaretto

10 amaretti sbriciolati

30 gr di gocce di cioccolato

cannella, circa un cucchiaino (o a piacere)

semi di papavero a piacere

zucchero di canna granulato grosso, da cospargere

sul composto prima di infornarlo e a fine cottura.

Procedimento

Spezzare il pane in pezzettoni e porlo in una ciotola capiente; versare il litro di latte e lasciarlo in

ammollo per il tempo necessario affinché diventi morbido, poltiglia. Ci vorrà una mezzora circa. Di

tanto in tanto girarlo con un cucchiaio di legno.

Mettere l’uvetta a mollo nel liquore; tostare in una padella per due minuti i semi di papavero, così che

sprigionino meglio il loro profumo e sapore.

Aggiungere l’uvetta col suo liquore, i semini di papavero i pinoli, le gocce di cioccolato, gli amaretti, la

cannella e lo zucchero (ho dimenticato qualcosa?:) al composto di pane e latte. Girare bene e

mescolare con cura. Aggiungere le mele e mescolare ancora per bene, portando in superficie col

cucchiaio ciò che c’è in fondo alla ciotola e continuando a rimestare così per un minuto, in modo che

tutti gli ingredienti siano sparsi in modo omogeneo e che non ci siano ammassi di pinoli da una parte e

uvetta dall’altra, per dire : )

Prendete uno stampo dal diametro di 23-24 cm, non lo consiglio più piccolo di 23 perché potrebbe

richiedere tempi di cottura diversi. Tantomeno consiglio uno stampo più grande di 24 cm, perché il

bello di questa torta con questi quantitativi di ingredienti è proprio che permette di ottenere un

“tortone” bello alto e compattissimo, bello proprio (e buonissimo)! Io, regolandomi al momento,

vedendo coi miei stessi occhi la quantità e il volume di composto, ho pensato fosse adatto uno stampo

da 23 cm… e devo dire che è stato perfetto. Quindi imburrate leggermente lo stampo (preferibilmente

NON a cerniera, per evitare possibili fuoriuscite del latte in eccesso) e cospargere di abbondante pan

Page 158: Il Pane Secco Non Si Butta

158

(.. continua)

grattato: girare lo stampo con movimento circolatorio per far scorrere da tutte le parti il pane

grattugiato e farlo aderire bene sia sul fondo, sia sulle pareti dello stampo. Versare il composto e

appiattire con una spatola o con il dorso di un cucchiaio inumidito di acqua fredda.

Prima di infornare, cospargere la superficie con abbondanti granuli di zucchero di canna e qualche

fiocchetto di burro. Infornare in forno già caldo a 180° per 45 minuti, fino a che la superficie sarà

dorata. Fare la prova stecchino come al solito: deve risultare umido ma non eccessivamente

bagnato. In caso non dovesse essere ancora pronto, proseguire la cottura per 4 minuti, spegnere il

forno e lasciare la torta al suo interno – a forno spento per intenderci - per altri 5 minuti. Controllare

con lo stecchino tra un passaggio e l’altro.

Page 159: Il Pane Secco Non Si Butta

159

TORTA PAESANA DI CHIARETTA dal blog “Chi ha rubato le crostate?”

Ingredienti:

Pane secco

Amaretti

Latte

Zucchero

Cacao

uvette

Pinoli

Una bustina di lievito

Procedimento

Il pane è l'ingrediente principale, in base a quanto ne avete a disposizione si aggiungerà un tot di latte,

zucchero e cacao. Come regolarsi? Semplicemente prendendo il vostro dito e pucciandolo nell'impasto,

assaggiate e se vi sembra che manchi lo zucchero aggiungetelo! Per il cacao? Mettetene quanto basta in

base a quanto volete nera la torta! Semplice no?

Per prima cosa mettete il latte in una capiente pentola e scaldatelo fino a quando non compare la pellicina in

superficie, io ne ho utilizzato circa 2 litri, ma dipende tutto dalla capacità di assorbimento del vostro pane.

Mentre il latte si scalda, in una capiente insalatiera (o meglio ancora, in un pentolone) spezzettate

grossolanamente il pane secco (non fatelo a pezzetti piccoli, non serve, per farvi un'idea i pezzettoni possono

essere grossi quanto un mandarino o anche più) e gli amaretti (io ne ho utilizzati 200g), ora con un mestolo

aggiungete poco alla volta il latte caldo sino ad ottenere una zuppetta di pane e latte (nelle fotografie dovreste

riuscire a capire la consistenza), mescolate con cura in modo che tutto il pane si bagni di latte e con il mestolo

di legno schiacciatelo in modo che non rimanga più nulla di "secco". Aggiungete latte fino a quando non

ottenete la vostra pappetta (per la mia torta ho utilizzato tutto il pane che vedete fotografato nell'insalatiera di

vetro, e per bagnarlo mi sono serviti 2l di latte).

A questo punto aggiungete lo zucchero, a me ne sono bastati 2 bicchieri, voi procedete poco alla volta perchè

la quantità dipende da quanto pane avete utilizzato, come dicevo prima regolatevi assaggiando un poco di

Page 160: Il Pane Secco Non Si Butta

160

impasto. Amalgamate per bene e aggiungete il

cacao amaro in polvere, mettetene qb affinchè la

pappetta

diventi scura (a questo punto permettetemi un'aneddoto: la mia nonna paterna era alquanto "tirchia" sull'uso

del cacao, da brava brianzola diceva che costava e bisognava usarne poco, col risultato di una torta color

cappuccino, pallidina pallidina... il mio nonno invece ci grattuggiava dentro anche delle belle tavolozze di

cioccolata e ho ancora ben presente le scene di quando lui personalmente voleva fare la torta e chiudeva fuori

casa mia nonna, chiudeva a chiave la porta delle scale!! E mia nonna in cortile a gridare "Egidiooo,

Egidiooo...Derva la portaa, Egidiooooo!!!!", tutto questo per poter mettere tutto il cioccolato nell'impasto!!!!

Mamma mia che bei ricordi ahahahaha!). Ehm...dove eravamo rimasti? Assì, il cacao quanto basta (non fate

come mia nonna eh!). Aggiungete una bustina di lievito per dolci,un bicchiere di uvette e qualche manciata di

pinoli. Amalgamate con cura e, a questo punto, come nota personale metto sempre una spolverata di cannella

e noce moscata, poi vedete voi... Quando il vostro impasto è pronto, con uvette e pinoli ben amalgamati,

prendete una grossa teglia (adesso, che ci crediate o no, la Torta Paesana viene bene solo nella teglia che

vedete in foto, che materiale sarà? Alluminio? Bhoo, so solo che qua tutti ne posseggono una...per la Torta

Paesana ovviamente!), ungetela con un bel pezzettone di burro (niente carta da forno! Si spappolerebbe tutta

in quanto la torta è molto umida e poi...i nostri bisnonni manco sapevano cosa fosse!! Burro burro burro!),

cospargete la superficie con altri pinoli e via in forno! Questo dolce ha una cottura lenta e lunga, io in genere

tengo il forno sui 150°C e la lascio cuocere per 3 ore, non alzo la temperatura per evitare che si indurisca la

superficie. La consistenza finale è di un dolce molto umido, la prova stecchino può aiutarvi fino ad un certo

punto, poi conta l'esperienza: se lo stecchino esce con l'impasto ancora appiccicato vuol dire che il dolce è

ancora crudo, per verificarne la cottura vi occorre tastare direttamente la torta, se vi sembra molliccia

lasciatela ancora in forno, se invece vi risulta soda e compatta è pronta, lo stecchino dovrà risultare umido.

Tagliarla e mangiarla una volta raffreddata completamente (altrimenti si disfa!)

Page 161: Il Pane Secco Non Si Butta

161

TORTA PAESANA DI PANE E CACAO DI SUNFLOWERS dal blog “Oggi pane e salame,

domani…”

Ingredienti

150 gr di pane casereccio raffermo

150 gr di amaretti

70 gr di biscotti secchi

mezzo litro di latte

150 gr di zucchero semolato

1 limone non trattato

80 gr di burro

30 gr di pinoli

30 gr di uvetta (non l’ho messa)

50 gr di cacao amaro

20 gr di cedro candito a cubetti (non l’ho

messo)

3 uova

zucchero a velo

sale

Procedimento

Versate il latte in una casseruola, aggiungete il burro a pezzetti e lo zucchero e portatelo lentamente in ebollizione. Nel

frattempo spezzettate il pane, sbriciolate gli amaretti ed i biscotti.

Raccogliete pane e biscotti in una grande ciotola, aggiungete l’uvetta e un pizzico di sale, versate la miscela di latte calda

e profumate con la scorza del limone grattugiata. Amalgamate bene tutti gli ingredienti e, se il composto risultasse troppo

asciutto, unite ancora poco latte caldo. Lasciatelo riposare in luogo fresco per circa 3 ore, mescolando di tanto in tanto.

Trascorso questo tempo, passate al mixer il composto di pane e latte, aggiungete con una spatola le uova e spolverizzate

con il cacao fatto scendere da un colino a maglie fitte. Incorporate infine il cedro candito e i pinoli.

Trasferite il tutto in uno stampo di 24 cm di diametro foderato di carta forno bagnata e strizzata e pareggiata la superficie

con una spatola.

Se volete ottenere un dolce ancora più ricco, spargetevi sopra una manciata di pinoli (bagnati e tamponati dall’acqua in

eccesso) e 2 cucchiai di uvetta ammorbidita prima in acqua tiepida e asciugata.

Mettete la torta in forno caldo a 170° e cuocetela per 1 ora: verificando la cottura con uno stecchino che dovrà uscire

asciutto.

Lasciatela intiepidire, poi sformatela delicatamente su un piatto, eliminate la carta da forno e spolverizzatela di zucchero a

velo. Servitela tiepida.

Ricetta tratta da Il meglio di Sale e Pepe nr. 49 – Fatto con il pane

Page 162: Il Pane Secco Non Si Butta

162

TORTA PAESANA DI SIMONCINA dal blog “Monella in cucina”

Ingredienti:

1 lt di latte

300 g di pane raffermo

200 g di zucchero

2 uova

60 g di pinoli

150 g di uvetta ammorbidita in acqua e strizzata

150 g di cioccolato fondente fuso

30 g di cacao amaro

200 g di amaretti

150 g di biscotti secchi

Procedimento

Versate il latte in una ciotola abbastanza capiente e versatevi dentro gli amaretti e i biscotti sbriciolati e il pane

tagliatto a pezzetti. Mescolate bene e lasciate riposare il tutto per qualche ora.

Trascorso il tempo, riprendete il composto e se vedete che il pane è ancora a pezzi grossi, frullate il tutto con

un frullatore ad immersione, aggiungete il resto degli ingredienti e mescolate bene.

Imburrate e ricoprite di pangrattato una teglia abbastanza capiente, versate il composto e infornate in forno

preriscaldato a 180° per un'ora.

Page 163: Il Pane Secco Non Si Butta

163

TORTA POVERA DI PANE E MELE dal blog “Feel cook”

Ingredienti

2 mele renette

40 gr. di uvetta sultanina

20 gr. di pinoli

30 gr. di rum

160 gr. di pane integrale

4 cucchiai di confettura di albicocca

60/80 gr. di latte

Scorza di 1/2 limone bio

1/2 cucchiaino di cannella in polvere

Per la pasta frolla:

150 gr. di farina 00 bio

50 gr di farina integrale bio

100 gr. di burro

70 gr. zucchero di canna

1 uovo

1 gr. di sale fine

scorza di 1/2 limone bio

Procedimento

Mettete nella ciotola della planetaria con la foglia le farine, il sale e il burro a pezzi (temperatura ambiente);

fate girare la macchina fino a sabbiare il composto, dopodichè unite lo zucchero di canna (precedentemente

frullato per renderlo più fine), la scorza del limone e l'uovo. Appena si sarà formato l'impasto formate una palla,

avvolgetela in una pellicola e fatela riposare in frigorifero per circa 30 minuti.

Sbucciate e tagliate a cubetti le mele, tagliate a dadini il pane e ammorbiditelo nel latte, ammollate l'uvetta in

acqua tiepida e poi mettetela a bagno nel rum.

Mettete in una ciotola i cubetti di mela, l'uvetta scolata dal rum (non troppo), il pane strizzato dal latte, i pinoli,

la cannella, la scorza di limone, 2 cucchiai di confettura di albicocche e amalgamate delicatamente gli

ingredienti.

Nel frattempo foderate con la pasta frolla uno stampo ben imburrato di 20/22 cm. (tenendo da parte i ritagli di

pasta frolla che avanzeranno dai bordi), bucherellatelo con una forchetta e spalmate sul fondo e nei bordi 2

cucchiai di confettura di albicocche. Riempite con il composto di mele e completate la superficie con la pasta

frolla avanzata passata attraverso un setaccio a maglie larghe, in modo da formare tanti vermicelli.

Infornate a 180/200 gradi per 25/30 minuti circa. A fine cottura, una volta fredda, spolverizzatela con lo

zucchero a velo.

(Ricetta di Luca Montersino rivisitata)

Page 164: Il Pane Secco Non Si Butta

164

TORTA RUSTICA dal blog “Le cose di Rita”

Ingredienti

200 gr. di pane vecchio

3 dl. di latte

2 uova

90 gr. di burro

120 gr. di zucchero

20 gr. di cacao

30 gr. di uvetta

40 gr. di pinoli

1 bustina di vanillina

Procedimento

Prima di tutto ho messo in ammollo il pane spezzettato con il latte e, a parte, l'uvetta in un po'

d'acqua tiepida (il tutto per 10 minuti circa). Trascorso questo tempo ho schiacciato il pane con

una forchetta in modo da farlo inzuppare ancora e amalgamarlo un po' e ho aggiunto zucchero,

cacao,vanillina, uova e burro fuso. Ho mescolato bene il tutto per avere un composto omogeneo

e, alla fine, ho aggiunto uvetta e pinoli. Disposto il dolce su una tortiera imburrata e cosparsa di

pangrattato ho infornato a 180° (il forno era già caldo) per 45 minuti e.....stamattina a colazione è

andata a ruba!

C'è stato chi ha voluto anche una spolveratina di zucchero a velo, giusto per non farsi mancare

niente, ma vi assicuro che era buonissima anche "al naturale".

Page 165: Il Pane Secco Non Si Butta

165

Page 166: Il Pane Secco Non Si Butta

166

Canederli vegetariani di Monica Ingredienti:

500g di pane di segale o di frumento, 1 cipolla, 1 porro, 2 spicchi d’aglio, brodo

vegetale q.b., cannella, noce moscata, alcuni rametti di prezzemolo, sale, 100g di

parmigiano, 1 uovo, farina di frumento e di grano saraceno q.b., alcune foglie di

salvia, olio extravergine d’oliva.

Procedimento:

Tagliate a dadini il pane raffermo e ponetelo in una terrina. Pulite e tritate

finissimamente la cipolla, il porro e l’aglio e mescolateli al pane bagnando il tutto con

del brodo vegetale tiepido, aggiungete della cannella, della noce moscata e il

prezzemolo tritato, salate leggermente e amalgamate al composto il formaggio

grattugiato e l’uovo. Incorporate poi della farina di frumento e di grano saraceno

leggermente tostate per migliorare la consistenza dell’impasto e ricavatene delle grosse

palle del diametro di 4-5cm circa.

Cuocete i canederli in acqua bollente salata per 10 minuti, quindi scolateli

delicatamente con un mestolo forato e conditeli con dell’olio insaporito con delle foglie

di salvia.

Se preferite, cuoceteli in brodo vegetale e quindi serviteli in piatti fondi, insaporendo

con dello shoyu.

Page 167: Il Pane Secco Non Si Butta

167

Falsa Pizza se avete pane di campagna fatelo a fette non troppo sottili e tostatelo in forno pochi

minuti, mentre tosta in una ciotolina mischiate dei pomodori maturi ,olio

,mozzarella origano,sale e, pepe (a piacere capperi acciughe dissalate ,o quello che più

vi piace) infornate di nuovo per alcuni minuti e mangerete una falsa pizza squisita

Pane fritto

Io lo taglio a fette spesse 1 cm e poi lo passo nell'uovo sbattuto con un po' di latte e sale

e lo friggo...una robina semplice semplice che vi conquistera'!!!

Passatelli in brodo di Ambra

ingredienti:

200gr di pangrattato (quindi quello raffermo va benissimo), 50gr di burro, 50gr di

parmigiano, 2 uova grandi , se no 3 medie, brodo, noce moscata , sale

procedimento:

mettere in una terrina il pan grattato ,il burro e il formaggio, amalgamare con cura e

aggiungere due uova intere facendole bene assorbire. salare e gratuggiare sull'impasto

un po di noce moscata per ottenere un impasto più sodo, se così nonn fosse aggiungere

pan grattato.

con l'aiuto di uno schiccia patate con il disco dai fori grossi, passare tutto il composto

e otterrete delle striscie lunghe circa un dito, lasciar riposare 10 minuti e cuocerli nel

Page 168: Il Pane Secco Non Si Butta

168

brodo.

servire con abbondante gratuggiata di parmigiano

Pancotto con verdure di Mgb (Ombraluce) Ingredienti:

1 kg patate, 1 kg verdure miste (spinaci, biete, cicoria, cime di rapa, tarassaco), 300 g

verza, 2 pomodori, 4 cipollotti, 1 costa di sedano, pane casereccio raffermo, olio

extravergine, sale e pepe.

Procedimento:

Portare ad ebollizione abbondante acqua, salare e sbollentare le verdure ridotte a

pezzi. Cuocere per 25 minuti. Unire il pane e far riposare. Scolare il liquido in

eccesso, quindi disprre nei piatti individuali con olio, pepe e cipollotto a fettine

Polpette di pane mai uguali di Ivo Tedeschi

Dopo aver impastato il tutto si apre il frigorifero e si vede cosa abbiamo da utilizzare

come formaggi,affettati vari ecc. ecc. si trita tutto quello che abbiamo in proporzione

con il pane raffermo e poi si amalgama il tutto.

A questo punto si preparano delle polpette e poi si passano nel pangrattato (fatto in

casa con pane raffermo) e si friggono come delle normali polpette... et voilà ecco a Voi

le "POLPETTE DI PANE" buone per accompagnare qualsiasi pietanza e/o da mangiare

Page 169: Il Pane Secco Non Si Butta

169

da sole con una insalatina.Vi assicuro che sono eccezionali, specialmente se si

mangiano calde

Torta di pane e mele di Mgb (Ombraluce)

Ingredienti:

3 panini raffermi, 4 cucchiai di zucchero, 50 g di cioccolato fondente, 3 o 4 amaretti

sbriciolati, 1 cucchiaio di cannella in polvere, 1 cucchiaio di zenzero in polvere, 5

chiodi di garofano, 5 grani di pepe nero, 3 mele, 1 bicchiere di vino bianco

aromatico, poco burro.

Procedimento:

Mettere in in...fusione per alcune ore i chiodi di garofano e il pepe nel vino.

Grattuggiare il pane, metterlo in una ciotola e mescolarlo con gli amaretti, la

cannella, 1/2 cucchiaio di zenzero e il cioccolato a lamelle. Versare il composto in

una tortiera imburrata e premere bene. Pelare e affettare le mele, e disporle sul pane.

Versare il vino in modo da bagnare tutta la superficie della torta (eliminando il

garofano e il pepe). Cospargere con lo zucchero e lo zenzero rimanenti. Coprire con un

foglio di alluminio e cuocere in forno a 180 °C per 15 minuti, quindi togliere

l'allumionio e continuare la cottura per 25 minuti o fino a perfetta caramellatura

delle mele

Page 170: Il Pane Secco Non Si Butta

170

Zuppa di pane

dalle mie parti (maremma) con il pane raffermo in inverno si fa la ZUPPA DI PANE.

La zuppa di pane consiste di una ricca minestra diverdura che deve assolutamente

avere tra gli ingradienti, bietola, cavolo nero e fagioli oltre a carote patate e sedano,

pomodoro e zucchini se ci sono..Viene poi versata in una cuccuma piena di pane

sciapo raffermo e lasciata finche' il liquido non viene assorbito del tutto.

Si mangia poi fredda (temperatura ambiente) con fettinne di cipolla o cipollotti

affettati sopra.

Lo stesso piatto puo' nei giorni successivi essere ripassato in padella (all'uso fiorentino).