Graziella Dragoni - Scuola allenatori

of 23 /23
SCUOLA ALLENATORI SCUOLA ALLENATORI SETTORE GIOVANILE SCOLASTICO SETTORE GIOVANILE SCOLASTICO PROGRAMMA PROGRAMMA MATERIE DI ISTRUZIONE TEORICA MATERIE DI ISTRUZIONE TEORICA BIOMECCANICA DELL’ ALLENAMENTO & FISIOLOGIA DELL’ ATTIVITA’ MOTORIA 2) METODOLOGIA DELL’ ALLENAMENTO & PREPARAZIONE ATLETICA 3) MEDICINA DELLO SPORT , ALIMENTAZIONE , DOPING 4) PSICOLOGIA DELL’ ETA’ EVOLUTIVA , PEDAGOGIA DELLO SPORT , STRATEGIE DI COMUNICAZIONE 5) L’ ARBITRO : REGOLAMENTI & COMPORTAMENTI 6) IL TRAUMA : PREVENZIONE , RECUPERO , MANTENIMENTO

Transcript of Graziella Dragoni - Scuola allenatori

Page 1: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

SCUOLA ALLENATORISCUOLA ALLENATORISETTORE GIOVANILE SCOLASTICOSETTORE GIOVANILE SCOLASTICO

PROGRAMMAPROGRAMMA

MATERIE DI ISTRUZIONE TEORICAMATERIE DI ISTRUZIONE TEORICA • BIOMECCANICA DELL’ ALLENAMENTO &

FISIOLOGIA DELL’ ATTIVITA’ MOTORIA

2) METODOLOGIA DELL’ ALLENAMENTO & PREPARAZIONE ATLETICA

3) MEDICINA DELLO SPORT , ALIMENTAZIONE , DOPING

4) PSICOLOGIA DELL’ ETA’ EVOLUTIVA , PEDAGOGIA DELLO SPORT , STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

5) L’ ARBITRO : REGOLAMENTI & COMPORTAMENTI

6) IL TRAUMA : PREVENZIONE , RECUPERO , MANTENIMENTO

Page 2: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

TIROCINIO PRATICO SUL CAMPOTIROCINIO PRATICO SUL CAMPO

1) OSSERVAZIONE DI UN ALLENAMENTO2) AFFIANCAMENTO3) GESTIONE DIRETTA DI UN ALLENAMENTO

RELATORI :RELATORI :

1) GUERRINI , PLATTI E. , ABBONDANTI2) GUERRINI , PLATTI E.3) MONDINI GIANPAOLO4) GRAZIELLA , GIARDINI A. , ZACCHERONI , A.SACCHI ,5) ARBITRI6) GUERRINI , BALDINI , CONTARINI A.7) IVAN ZAULI , ALLENATORI : BATTAGLIA E. , ZACCHERONI

Page 3: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

STRUTTURA DEL CORSOSTRUTTURA DEL CORSOCORSO BASICCORSO BASIC - TEORIA -12 SETTIMANE dal 1 ottobre al 15 dicembre

Ogni Giovedì sera 2 ore

- TIROCINIO FORMATIVO PRATICO –12 SETTIMANE dal 1 ottobre al 15 dicembre

Ogni Lunedì sera 2 ore e 2 allenamenti settimanali di 2 ore l’ uno

Page 4: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

CORSO MASTERCORSO MASTER

- TEORIA -16 SETTIMANE dal 15 Gennaio al 15 di Aprile

Ogni Giovedì sera 2 ore

- TIROCINIO FORMATIVO PRATICO –16 SETTIMANE dal 15 Gennaio al 15 Aprile

Ogni Lunedì sera 2 ore e 2 allenamenti settimanali di 2 ore l’ uno

Page 5: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

COSTI DEL CORSOCOSTI DEL CORSOCORSO BASIC 195 EUROCORSO MASTER 295 EURO

MATERIALI FORNITIMATERIALI FORNITICICLOSTILI DELLE MATERIE PER L’ APPROFONDIMENTO

DIVISA DEL CORSO DI PARTECIPAZIONE

Page 6: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

STRUTTURA : ORE \ STRUTTURA : ORE \ MATERIEMATERIE

BASIC: TEORIA 24h PRATICA 50hBIOMECCANICA DELLO SPORT 4hMETODOLOGIA DELL’ ALLENAMENTO 4hMEDICINA DELLO SPORT 4hPSICOLOGIA DELLO SPORT 8hL’ ARBITRO 2hIL TRAUMA 2hTIROCINIO PRATICO osservazione ed affiancamento (o 25h + a 25h)

MASTER: TEORIA 36h PRATICA 80hBIOMECCANICA DELLO SPORT 6hMETODOLOGIA DELL’ ALLENAMENTO 6hMEDICINA DELLO SPORT 6hPSICOLOGIA DELLO SPORT 14hL’ ARBITRO 2hIL TRAUMA 2hTIROCINIO PRATICO -affiancamento e gestione diretta (a 25h + g 25h)

Page 7: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

Lavori in corsoLavori in corso• Definizione della squadra di lavoro• Chi fa’ che cosa • Definizione dei tempi e dei modi• Pubblishing• Merchandiser• Marketing• Materiali• P.r.• Stesura dei vari programmi• Definizione dei relatori

Page 8: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

Struttura e Struttura e OrganigrammaOrganigramma

Direzione Generale

Amministrazione Direzione Scolastica Marketing & P.R.

Page 9: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

DIREZIONE GENERALEDIREZIONE GENERALEGIARDINI ANTONIO

MONDINI MARCOGRAZZIELLA DRAGONI

Page 10: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

AMMINISTRAZIONEAMMINISTRAZIONE

COMUNI

FEDERAZIONE

COSTICOSTI

SPONSORSPONSOR

? ? DA DEFINIREDA DEFINIRE

Page 11: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

DIREZIONEDIREZIONE SCOLASTICASCOLASTICA

DIRETTORE SCOLASTICO: DIRETTORE SCOLASTICO: GRAZIELLA DRAGONIGRAZIELLA DRAGONI

DEFINIZIONE DEIDEFINIZIONE DEI PROGRAMMI PERPROGRAMMI PER OGNI MATERIAOGNI MATERIA

CONFRONTO DEICONFRONTO DEI PROGRAMMI CONPROGRAMMI CON

I RELATORII RELATORI

CALENDARIZZAZIONE CALENDARIZZAZIONE COSTRUZIONECOSTRUZIONE

E GESTIONEE GESTIONE DEGL’ INTERVENTIDEGL’ INTERVENTI

Page 12: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

DIREZIONE MARKETINGDIREZIONE MARKETING

LOGHILOGHI

SPONSORSPONSOR

MERCHANDISERMERCHANDISER GRAFICAGRAFICA

PUBBLICHE PUBBLICHE RELAZIONIRELAZIONI

DISTRIBUZIONEDISTRIBUZIONE

MATERIALIMATERIALI

COMMERCIALECOMMERCIALE&&

MARKETINGMARKETING

Page 13: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

I COSTI DEFINIZIONE DEI COSTIRELATORI TARIFFA MEDIA ORARIABUDGET 30 EURO ORASEGRETERIA DIREZIONE SCOLASTICA

Page 14: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

PROGETTO L.A.R.S.PROGETTO L.A.R.S.

“……Colui che arrossisce di fronte ad un Concetto Semplice impallidisce di fronte alla Verità Indiscutibile di un Concetto Elementare ……”

Oscar Wilde ,1896 P.M.

“ “ Dobbiamo Affrontare la Sventura con Coraggio Dobbiamo Affrontare la Sventura con Coraggio e non Patirla con Spavento e non Patirla con Spavento

Così Come un Albero al quale viene spezzato un RamoCosì Come un Albero al quale viene spezzato un Ramo non ferma la sua crescita non ferma la sua crescita

ma continua a Protendersi verso la Luce “.ma continua a Protendersi verso la Luce “.

Dedicato alla MeriDedicato alla Meri

Page 15: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

Zizou l’ Alessandro Magno di Zizou l’ Alessandro Magno di Germania 2006Germania 2006

IL Mondiale Germania 2006 è stato memorabile per la contrapposizione tra la Volontà Operaia Azzurra e la Qualità , l’Organizzazione e la Tecnica dei Bleus .

Il Torneo è Stato caratterizzato da 2 Storie parallele che hanno attraversato il Mondiale e che si sono incrociate all’ epilogo :

La Prima è la meravigliosa favola dell' Italia operaia che conquista il tetto del mondo con L’Unione e la forza di volontà proprio perchè questo era l' unico modo per risollevare il movimento calcio dallo Psicodramma collettivo generato da Calciopoli Mentre parallelamente ma in direzione opposta si è consumata la tragedia di Zizou .

Zidane si è presentato ai Mondiali avendo già annunciato il suo ritiro dal calcio giocato ed ha affrontato il Torneo con Forza , Classe e Determinazione .

Un uomo non comune ed in quanto tale non poteva perdere in maniera Decoubertiana proprio perchè a 5minuti dal termine era stato Il Conquistatore del Mondo del Pallone proprio come Alessandro Magno conquistò il Mondo entrambe convinti che il proprio sogno li avrebbe resi leggendari eroi , immortalati nella storia .

Ma proprio il sogno che li ha resi grandi e fieri li ha fatti cadere vittima del loro delirio di onnipotenza .

Come gli Elefanti Indiani ( considerati all’ Epoca mostri Divini ) per Alessandro così una Manona di Buffon Guidata dal Dio del Calcio per Zizou hanno infranto il loro sogno .

Page 16: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

L'urlo di Zidane contro Buffon subito dopo che quest’ ultimo gli ha parato l' imparabile è la testimonianza di un Supereroe che trova di fronte a sè un avversario che in quel momento gli sembra avere i suoi stessi superpoteri e l’ urlo si riferisce al rifiuto del Condottiero Leggendario di non accettare l’ inaccettabile ostacolo alla realizzazione del Sogno .

Il Mondo è troppo piccolo per due Supereroi così uno dei due deve necessariamente diventare il Nemico Pubblico Numero 1 . il Goblin di Batman , il Lex Lutor di Superman .

L’ Eroe Zidane non trovando più spazio e nè forze per nutrire la leggenda di se stesso , alla fine di una carriera eccezionale , portando in vantaggio i suoi con un cucchiaio su rigore all’ inizio della Finale al più forte portiere del Mondo , continua la partita da Centro di tutto il Gioco all’ interno di una Organizzazione perfetta , poi la lussazione alla spalla e la stoica volontà di rimanere in campo , poi il colpo di testa e la risposta di Buffon , in pieno delirio di onnipotenza è costretto a diventare la negazione di se stesso , Sfinito quella parata segna la sua resa e la sua sconfitta alla quale non riesce a sottostare .

Rivivendo quello che Zizou ha fatto per il Calcio , la sua travagliata adolescenza da uomo non comune e rivivendo come ha affrontato il Mondiale della leggenda , la sua volontà era quella di lasciare un segno indelebile nel mondo e così per fortuna ha fatto comunque senza ipocrite strette di mano o fasulli complimenti agl’ avversari o con le compassionevoli lacrime dello sconfitto ma con l'Orgoglio di un Imperatore Morente .

In altri Tempi quando le Società erano meno civili e molto meno ipocrite a quest’ Uomo si sarebbe dedicato Tributo .

Oggi invece per la Stampa di tutto il Mondo è come un Teppista di Periferia , Beh ! Meglio Nemico Pubblico del Sistema che Sconfitto .

La Favola dell’ Italia è la Parabola della Storia dell’ Uomo e soprattutto del Nostro Paese che non si arrende mai e ferito mortalmente come la Fenice risorge , ai mondiali , con ancora più forza e volontà , unendosi in un collettivo che poco a poco è diventato granitico e anche se sfinito con il cuore ottiene l’ Olimpo .

Page 17: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

Ora però è tempo di ricostruire il nostro sistema Calcio , certamente su questi valori ma anche riorganizzando un sistema che non abbia come unico scopo la vittoria ma che proprio attraverso alla volontà , al cuore al collettivo ci porti ad amare di più il gioco in modo fine a se stesso e cioè senza la pregiudiziale del risultato a tutti i costi poiché lo spettacolo che abbiamo offerto di un giuoco dal punto di vista tecnico , di organizzazione è stato indecoroso .

Il nostro Sogno è di presentarci ai prossimi Campionati Europei da Campioni del Mondo dimostrando di aver fatto tesoro sia di questa favolosa Coppa sia del Calcio Scandalo per offrire una immagine nuova della nostra Nazionale più aperta a giocarsi ogni sfida senza paura di perdere , Rappresentativa di un Movimento fondato su valori nuovi :

PROGETTO L.A.R.S.Lavoro , Amore , Rispetto , Sacrificio .

Page 18: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

A.S.D. F.B. UNITED

CENNI STORICI

Nel 1968 qualche Gruppo sporadico di intellettuali Nord-Europei alla deriva nel Caos Rivoluzionario di quegl’ anni si trovò fra le mani il capolavoro Di George Orwell “1984 Grande Fratello” del 1948 , il testo che con grande lungimiranza anticipava l’ utilizzo di un Sistema di comunicazione di massa (la TV!!) che come un occhio potesse permettere la standardizzazione dei comportamenti e la possibilità statistica di prevedere e deviare gli usi i consumi ed i tempi delle persone .

Questo gruppo di Ragazzi in pieno Caos Politico ed Intellettuale trovò la via maestra su cui cominciare a costruire quello che poi nel tempo è diventato :

Il PROGETTO LARS– La Chiave di Volta il Dubbio – Il Progetto parte dal presupposto per cui è necessario evitare che la nostra Società si appiattisca alla

Standardizzazione Commerciale e Consumistica dei comportamenti Primo Grande Limite del Sistema Capitalista per poi diventare appiattimento ideologico , politico e culturale prima di una Classe Sociale poi di una Società ed infine con la Globalizzazione di un Sistema .

Perché , da evitare ?

Poiché un Sistema che preveda solo ed esclusivamente l’ espansione senza limiti all’ interno di un mondo che limiti materiali ha e soprattutto di un uomo che è uomo in quanto solo e limitato dal suo stato corporeo genera obbligatoriamente problemi di incapacità di ascoltarsi , di cercare di capirsi poiché solo ed esclusivamente votato al soldo , al come spenderlo , al come guadagnarlo .

Questa continua ricerca , esplorazione di cosa ha annichilito la nostra capacità introspettiva tipica dei secoli illuminati e ci sta facendo sprofondare in un nuovo Medioevo , fatto di paure e di certezze , quello che dicono le tv ed i giornali sono

Verità assolute ed è un pazzo da annientare e da espellere dal sistema colui che decide di non accettare questa cosa .

E’ da temere la povertà come la peggiore delle sciagure ed il terrorismo politico non apre la mente dei Governanti ad un’ analisi introspettiva critica del nostro Sistema e dei suoi innumerevoli difetti .

I Giovani di oggi non sanno più pensare con la loro testa , non sanno soffrire , tutto è per loro facile da raggiungere , non hanno più rispetto per le cose e le persone ,non riescono più a rapportarsi correttamente con lo Spazio e con il Tempo poiché non saltano più i fossi , non salgono più su un albero , non corrono , non sudano e l’ amore viene vissuto come un passatempo stile Play-station .

Page 19: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

Come fare allora ad invertire questo sistema ?Dai 4 ai 9 anni

Cominciando utilizzando un percorso che da una parte già a partire dai 4-5 anni sino ai 9-10 insegni loro a muoversi correttamente ( Progetto Giuco-Sport ) .

Iniziarli verso “Sport di Spogliatoio” dove ci sia la possibilità di relazionarsi ai propri coetanei ed aprire discussioni che li aiuteranno a guardarsi dentro .

Aiutarli a vincere le loro paureE poi dai 9 anni in su

Insegnare loro il DUBBIO attraverso il progetto :

LARS

La Costituzione di questa Associazione va ben oltre i fini e confini della mera Associazione Sportiva .

L’ intento è quello di portare a compimento un Progetto Educativo non solo dei giovani ma della comunità tutta che si riconosce in 4 Principi Fondamentali :

L LAVOROA AMORER RISPETTOS SACRIFICIO

Siamo profondamente convinti di riportare il Giuoco del Calcio a quello che era originariamente , ossia la Disciplina Popolare per eccellenza , quella che Don Bosco utilizzava per unire i ragazzi attorno a valori universalmente riconosciuti come tali .

Il Progetto LARS non vuole essere l’ insegnamento del Senso della Vita o l’ unificazione di gruppi di persone a determinati Comportamenti o Principi ma bensì l’ esatto contrario e cioè : aiutare le persone a capirsi , a confrontarsi , ad ascoltarsi , ad accettare le idee e le esperienze degl’ altri per poi farsi una idea propria ed avere un approccio completamente nuovo alla quotidianità , guardando negl’ occhi la vita per saperla affrontare in tutte quelle che sono e saranno le difficoltà che essa presenta con abnegazione e spirito di sacrificio, accettandola ed amandola indipendentemente a quello che di buono o cattivo essa ti possa dare .

Page 20: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

Centro Sportivo MapalujiCentro Sportivo Mapaluji

Questo è il Terzo anno di Gestione del Settore Giovanile e se i primi due anni ci sono serviti come esperienza per capire se avevamo la voglia la forza e le capacità per promuovere i nostri concetti il terzo deve proseguire come lo anno della svolta , del cambiamento , della riorganizzazione e dell’ impostazione del nostro Progetto iniziale :

PROGETTO L.A.R.S.

L AVORO

La nostra è una Società fondata sul Lavoro , dobbiamo quindi insegnare da subito ai nostri bambini e ragazzi anche nello Sport come nella vita la Cultura del Fare qualcosa . Il lavoro è un mezzo per ottenere risultati è uno strumento imprescindibile per vivere , per ricevere stimoli nuovi dalla vita ed essere pronti a nuove sfide . I ritmi con cui ci muoviamo oggi , la velocità dei cambiamenti che sta attraversando la nostra Società , il Progresso verso tutti i campi rischiano di trovare generazioni intere di ragazzi non pronte ad accettare ed affrontare il ritmo violento di questo cambiamento ancora più importante nel passaggio dal mondo della scuola al mondo del lavoro .

A MOREDobbiamo sforzarci di coltivare l’ Amore per quello che si fa , con passione , con voglia , un amore costante per il senso del giocare fine a se stesso , il gioco dei bambini nel cortile , che non prevede la dinamica del risultato , poiché giocare in modo fine a se stesso è scambiarsi qualcosa sia con i compagni sia con gl’ avversari . E’ un momento di condivisione intuitivo di valori , trasmette conoscenza degl’ altri , apertura verso gl’ altri di se stessi , e poi insegna ad amare cioè a soffrire , a sopportare un umiliazione , a lottare e non mollare mai di fronte a qualsiasi difficoltà ci si presenti .Il risultato inteso come prima finalità dell’ attività sportiva è molto affine allo spirito che contraddistingue la Società Moderna ma svuota di qualsiasi significato e valore il lavoro stesso poiché non prevede di godere del momento se non vincolato all’ esito finale , diversamente insegnare ai ragazzi ad amare il giuoco significa insegnare loro ad amare quello che stanno facendo aumentando la loro capacità di rendimento per osmosi .

Page 21: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

R ISPETTO

Rispetto verso tutti per poter riceverlo a nostra volta , per essere accettati , per aver l’ opportunità di esprimere la propria opinioneLa nostra possibilità di inserirci nella Società deve necessariamente passare dalla consapevolezza e dalla forza di quello in cui crediamo , ma è nella capacità che avremo di accettare e rispettare le diversità che potremo verificare le nostre idee , è attraverso il confronto che avremo la possibilità di crescere senza preconcetti o idoli .Se tutti riusciamo ad imporci la Cultura del Rispetto delle Regole , degl’ Altri questo ci permetterà di sconfiggere la Cultura imperante della Furbizia .Da oramai più di un ventennio nella nostra Società si ammira il più Furbo , colui che arriva al miglior risultato con il minimo sforzo .Questo è il messaggio che viene trasmesso .Ma la Furbizia può essere un valore solo per un Paese culturalmente arretrato e che vive di vantaggi personali a discapito del vantaggio di tutti ; ma in un’ era di grandi sconvolgimenti e rapidissimi cambiamenti dobbiamo avere la forza di costruire una Società fondata su valori non assoluti ma duraturi ed una Cultura del Rispetto ci permetterebbe di affrontare ogni problematica : Filosofica , Sociale , Politica od Economica con la mente aperta ai cambiamenti , agl’ altri e non con il pensiero fisso del vantaggio personale .Dobbiamo permettere ai nostri ragazzi ed a noi stessi di non credere nella logica del do ut des ma nella logica del confronto e del rispetto .La Cultura del Rispetto è un Valore universale al mondo Cattolico come quello Laico alla quale tutti dovremmo tendere allargando la prospettiva di un risultato sociale piuttosto che sottostare alla visione dell’ immediato risultato personale .I Pensatori nelle Civiltà e Società precedenti la nostra erano al centro dei dibattiti culturali , dei processi Politici ed economici , erano le persone più ricercate dalle Corti poiché accrescevano il livello culturale estremamente mediocre dei Re , dei Governanti , e nonostante il fatto che poi per vantaggio personale il Ceto dirigente mantenesse nell’ ignoranza la popolazione , riusciva a generare veri e propri scatti di sviluppo .

Page 22: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

Oggi non esiste più il Pensatore , esiste l’ Intellettuale di Partito .Oggi non esiste un Progetto di sviluppo culturale , esiste la Cultura dell’ Odio per il Diverso a

prescindere , esiste di conseguenza la cultura dell’ invidia e dell’ avarizia dell’ Ego .Ognuno di noi dovrebbe ogni giorno svegliarsi cercando di combattere proprio questo

cultura dell’ Ego che nell’ Era Moderna è arrivata alla sua massima espressione e che a portato ad una standardizzazione dei comportamenti , ad un appiattimento delle idee , all’ annichilimento della fantasia e per assurdo ad una Società che parla di Libertà ma che è schiava di se stessa e dell’ idee per cui il più ricco è più bravo il più famoso è invidiato ed il più Potente è il più furbo .

Abbiamo costruito in questo modo una Società di “ladri di tutto” che vive con lo stimolo “ dell’ avere a tutti i costi ” , che sta distruggendo il Pianeta , che vive solo del presente ed a favore di se stessa .

Culturalmente siamo tornati in pieno Medioevo (e’ infatti stato rivalutato dall’ intellettuale moderno !?!) con Guerre di Religione e Cultura di Distruzione di Massa del Diverso .

La Speranza è che in questa ciclicità della Storia dell’ Uomo (dopo l’Oscurantismo arrivò il Rinascimento) il III Millennio con l’ avvento della Globalizzazione e l’ accelerazione della comunicazione possa diventare l’ Umanevo ossia l’ Era della Centralità del Pensiero dell’ Uomo intesa come rapporto tra il Pensiero e la soluzione dei grandi Temi Sociali .

S ACRIFICIO

Il Sacrificio è da sempre un tema trattato , di ogni Civiltà passata esistono testi o bellissime

opere d’ arte che trattano “ il Sacrificio “ .Ma la Nostra Società Moderna non solo non l’ accetta ma addirittura la nasconde e la

dileggia come se chi soffre faccia parte di una vita che a noi non interessa .In realtà il Sacrifico è strettamente legato alla nostra vita .È il traite-d’union tra la Vita e la Morte lo respiriamo ogni giorno .Il Problema è che nessuno ci insegna ad accettarlo come esperienza necessaria dell ‘Uomo

per vivere ma al contrario ci insegnano a nasconderla a tenerla lontano , ma può l’ uomo non soffrire e non fare Sacrifici durante la sua vita ? NO

Ci sono quelli più grandi , quelli più piccoli , ma ognuno di noi fa i propri sacrifici , ogni giorno, e dobbiamo imparare ad accettarlo .

Page 23: Graziella Dragoni - Scuola allenatori

Il Fenomeno Televisivo del “ Caso Umano “ ha generato nella Società il sentimento della Compassione / Repulsione e quindi col passare del tempo stiamo allevando figli e quindi generazioni intere che non hanno alcuna capacità di soffrire e sacrificarsi .

Generazioni di ragazzi che quando sarà il momento non saranno pronte ad accettarlo alienandosi da se stessi .

Dobbiamo abituare i nostri ragazzi a soffrire ed a sacrificarsi poiché è solo attraverso questo insegnamento che li prepariamo alla vita .

Non dobbiamo mai abituarli a mollare alla prima difficoltà perché poverino …… ! lascialo stare ….! Vieni dalla mamma …!

È il più grande dispetto che possiamo fargli .Cresceranno senza fame , senza voglia , senza nessuna capacità di relazionarsi alla

vita sentimentale , al lavoro ed alla vita sociale ; resteranno a casa il più possibile attaccati al carro dei Genitori che lo curano , lo tutelano e lo nascondono alle difficoltà della vita e che comunque prima o poi arriveranno .

L.A.R.S. è Un Progetto Centrale per costruire non degl’ ATLETI PERFETTI FURBI E VINCENTI ma per aiutare le Famiglie e le Istituzioni tutte a crescere i nostri ragazzi rispetto alle difficoltà che dovranno superare nella vita .

Con questi Principi Fondamentali :

L-AVOROA-MORER-ISPETTOS-ACRIFICIO

non vogliamo insegnare loro il senso assoluto della vita , ma prepararli ad affrontare qualsiasi cosa faranno e per qualunque ideale vivranno

in maniera sana dal punto di vista fisico e che permetta loro di rapportarsi in modo corretto al proprio corpo nel tempo e nello spazio.

“Un Processo di auto-conoscenza” del proprio corpo e dei propri limiti che potrebbe permettere loro di avere anche una flessibilità mentale superiore ,