Chat Enotri 25

Click here to load reader

download Chat Enotri 25

of 11

  • date post

    24-Jun-2015
  • Category

    Education

  • view

    342
  • download

    0

Embed Size (px)

description

una delle tante lezioni in aula virtuale

Transcript of Chat Enotri 25

  • 1. Signori si va in scena

2. Chat Enotri 25/02 ore 21.30 Fase 2 ( analisi ) 3. Ordine del giorno

  • Documento di Analisi dei Fabbisogni Formativi.

4. Con la gentile supervisione diLidia

  • Partecipanti:
  • Gian ( il contestatore )
  • Francesco ( che pensava alla Juve )
  • Valentina ( poverina..non era in gran forma )
  • Rita ( con un viso nuovo )
  • Cettina ( ghost in fase di trasloco )

5. La riunione inizia dopo i saluti con le preziose direttive di Lidia 6. Vengono discusse le indicazioniraccolte dal Wiki di gruppo

  • Profilo: Potremmo cominciare a tracciare un profilo pi dettagliato dei destinatari del nostro progetto. Innanzitutto credo che non serva un grande intervento di alfabetizzazione informatica, viste le capacit pregresse sviluppate nel settore. Non credo neanche sia necessario distinguere la posizione, ovvero la collocazione geografica a livello centrale o decentrato. Il contesto penso sia fondamentalmente similare un p per tutti, malgrado siano differenti le realt sociali intorno a loro ( citt, famiglie,corsi di studi). Io credo che esistano innumerevoli analogie nei loro comportamenti e nel modo di comunicare , e allo stesso tempo sembrerebbero speculari le aspettative e gli ideali. Non voglio tacciarli di essere banali o scontati, bens di accorparli nella comune ottica ricettiva . Tutto ci pu rappresentare un vantaggio nel nostro Pw, perch azzeccando la tipologia del linguaggio comunicativo riusciremmo di sicuro a raggiungere gran parte di essi. Io credo che sia fondamentale comunicare servendosi della"lingua dei ragazzi"includendo tutte le attivit che li affascinano per attirarli verso l'obiettivo . Usiamo tutti i mezzi informatici ( che piacciono cos tanto a loro ) per farli giocare e innamorare della lettura.PROFILO: Il progetto si rivolge a lettori "ostinati" e a chi non conosce ancora la magia del libro. I destinatari sono studenti delle scuole superiori e universit (14-20), che considerano il libro solo come strumento di apprendimento didattico e non come fonte di piacere. Il progetto tende a far veicolare libri che parlino il linguaggio dei giovani e che trattino argomenti affini alla loro et. Infatti, si prediligeranno tematiche d'amore, d'amicizia, e storie di rapporti familiari, raccontate con lo stesso linguaggio dei ragazzi.
  • Inoltre, accanto alla prosa narrativa sar proposta la poesia e il fumetto che unisce la parola all'immagine e che risponde alle esigenze formative degli studenti che necessitano di padroneggiare e utilizzare diversi tipi di scrittura. Il progetto oltre a potenziare la lettura nei suoi diversi generi, punta l'attenzione sulle capacit di comunicazione tra gli studenti, che attraverso la rete e l'utilizzo di forum appropriati, daranno luce alle loro emozioni e riflessioni. Essendo il progetto sviluppato attraverso la rete, ai destinatari del progetto si chiedono minime competenze informatiche.
  • Profilo : Digital Natives Secondo Marc Prensky, i ragazzi di oggi sono nativi digitali e cio parlano la lingua digitale, la lingua dei computer, dei videogiochi e di Internet. Essere nativi digitali vuol dire essere cresciuti in un mondo dove la tecnologia digitale ha condizionato pesantemente il modo di vivere, di crescere e di relazionarsi. A differenza degli Immigrati digitali, coloro che si sono formati in contesti pre digitale, i Nativi sono "multitasking", pensano in modo ipertestuale e comunicano in continuazione con i loro pari. Emerge per che le capacit riflessive sono drasticamente ridotte. La velocit di appagamento dei bisogni (sociali, cognitivi e affettivi) porterebbe a sempre minor riflessivit su ci che si vive e su cio da cui si attraversati. Per questo motivo si ipotizza che la lettura possa essere un buon mezzo per contrastare questa tendenza, soprattutto se viene veicolata e facilitata attraverso un medium a loro congeniale. Profilo e bisogni formativi. Ho letto l'articolo di Marc Prensky e l'ho trovato particolarmente interessante perch fa un'analisi azzeccata della realt dei giovani. Per questo il profilo dei nostri utenti potrebbe essere proprio quello dei pi restii alla lettura del libro proprio perch abituati agli strumenti digitali e quindi non motivati a "perdere tempo" leggendo. Catturare la loro attenzione facendoli accostare alla lettura con l'uso di una piattaforma su cui confrontarsi; fare loro conoscere particolari social network, tipo Anobii, su cui potranno aprirsi al mondo intero, permetter di accendere, si spera, la loro curiosit. E la lettura potr diventare la chiave per dialogare di argomenti specifici, su cui dovranno comunque aver maturato delle riflessioni personali, che necessariamente saranno tenuti a fare.

7. Si cerca di tracciare un profilo preciso dei destinatari del progetto

  • Alfabetizzazione informatica pregressa
  • Contesti sociali
  • Esigenze formative

8. Si discute sui possibili strumenti di comunicazione 9. Si concordano gli steps successivi

  • Realizzazione di un questionario
  • Analisi di fattibilit economica
  • Definizione del team
  • Prossimo incontro in chat
  • Arricchimento delle informazioni nel Wiki

10. E dopo aver montato il mosaico La chat si chiude a notte inoltrata 11. Alla prossima Enotri..e grazie Lidia