Alcesti nel Novecento letterario...

33
Alcesti nel Novecento letterario italiano * L’Alcesti di Euripide La questione morale e la “doppia ricezione” La ricezione del Novecento italiano L’Alcesti di Savinio L’Alcesti di Raboni Un fraintendimento novecentesco? L’argomento di questo ultimo incontro s’è imposto da sé alla programmazio- ne del ciclo di conferenze. La sezione classica del “Veronese”, infatti, è impegnata quest’anno in una serie di attività tutte gravitanti intorno alla figura di Alcesti: la III classico legge l’Alcesti di Euripide e il programma di latino, di conseguenza, ha scelto di ospitare, tra testi più canonici, quell’Alcesti di Barcellona che tanto ha sol- lecitato gli studi filologici nell’ultimo trentennio del secolo scorso. Il triennio dell’indirizzo, poi, è attivamente coinvolto nella messa in scena del dramma euri- pideo, onorando una tradizione ormai più che ventennale, da due anni coordinata da chi vi parla. Il Liceo ha chiesto infine di partecipare al XIV Festival Interna- zionale del Teatro Classico dei Giovani, organizzato a Palazzolo Acreide (SR) dall’Istituto Nazionale del Dramma Antico tra il 7 e il 31 maggio. Abbiamo cre- duto perciò naturale uno sguardo sul possibile permanere, nel secolo da cui siamo da poco usciti, di suggestioni provenienti dall’incontro – o dalla presa di distanza – con una eroina legata a temi e situazioni di incredibile longevità culturale. Alcesti, vedremo, è figura che ha più di qualcosa a che vedere col Novecento. Non, appena, per il suo essere tornata al centro degli studi filologici in seguito al ritrovamento di un interessante testo, sconosciuto fino al ’76 – evento non pro- prio frequente nell’ambito delle discipline classiche 1 . Sì, invece, perché le sue sug- gestioni hanno effettivamente raggiunto l’epoca della modernità, sino a varcare le soglie del millennio. * Il presente scritto conserva il taglio discorsivo della lezione, tenuta il 6 marzo 2008 presso l’I.I.S. “Giuseppe Ve- ronese” di Chioggia, nell’ambito del progetto “Volti, eventi, idee del Novecento” 2007-2008. Il contenuto di quella comunicazione è stato tuttavia integrato con riflessioni, indicazioni bibliografiche e con il testo delle sequenze filmate proiettate nell’occasione. 1 Per l’Alcestis Barcinonensis (testo di probabile provenienza egizia, assegnato per lo più al IV sec. d. C.) e il notevole interesse suscitato dal suo ritrovamento ad opera del papirologo catalano R. Roca Puig, si veda NOSARTI 1992.

Transcript of Alcesti nel Novecento letterario...

Page 1: Alcesti nel Novecento letterario italianoprofvianello.altervista.org/files/alcesti_nel_novecento_letterario... · Alcesti nel Novecento letterario italiano 5 La questione morale e

Alcesti nel Novecento letterario italiano

LrsquoAlcesti di Euripide La questione morale e la ldquodoppia ricezionerdquo La ricezione del Novecento italiano LrsquoAlcesti di Savinio LrsquoAlcesti di Raboni Un fraintendimento novecentesco

Lrsquoargomento di questo ultimo incontro srsquoegrave imposto da seacute alla programmazio-ne del ciclo di conferenze La sezione classica del ldquoVeroneserdquo infatti egrave impegnata questrsquoanno in una serie di attivitagrave tutte gravitanti intorno alla figura di Alcesti la III classico legge lrsquoAlcesti di Euripide e il programma di latino di conseguenza ha scelto di ospitare tra testi piugrave canonici quellrsquoAlcesti di Barcellona che tanto ha sol-lecitato gli studi filologici nellrsquoultimo trentennio del secolo scorso Il triennio dellrsquoindirizzo poi egrave attivamente coinvolto nella messa in scena del dramma euri-pideo onorando una tradizione ormai piugrave che ventennale da due anni coordinata da chi vi parla Il Liceo ha chiesto infine di partecipare al XIV Festival Interna-zionale del Teatro Classico dei Giovani organizzato a Palazzolo Acreide (SR) dallrsquoIstituto Nazionale del Dramma Antico tra il 7 e il 31 maggio Abbiamo cre-duto perciograve naturale uno sguardo sul possibile permanere nel secolo da cui siamo da poco usciti di suggestioni provenienti dallrsquoincontro ndash o dalla presa di distanza ndash con una eroina legata a temi e situazioni di incredibile longevitagrave culturale

Alcesti vedremo egrave figura che ha piugrave di qualcosa a che vedere col Novecento Non appena per il suo essere tornata al centro degli studi filologici in seguito al ritrovamento di un interessante testo sconosciuto fino al rsquo76 ndash evento non pro-prio frequente nellrsquoambito delle discipline classiche1 Sigrave invece percheacute le sue sug-gestioni hanno effettivamente raggiunto lrsquoepoca della modernitagrave sino a varcare le soglie del millennio

Il presente scritto conserva il taglio discorsivo della lezione tenuta il 6 marzo 2008 presso lrsquoIIS ldquoGiuseppe Ve-roneserdquo di Chioggia nellrsquoambito del progetto ldquoVolti eventi idee del Novecentordquo 2007-2008 Il contenuto di quella comunicazione egrave stato tuttavia integrato con riflessioni indicazioni bibliografiche e con il testo delle sequenze filmate proiettate nellrsquooccasione 1 Per lrsquoAlcestis Barcinonensis (testo di probabile provenienza egizia assegnato per lo piugrave al IV sec d C) e il notevole interesse suscitato dal suo ritrovamento ad opera del papirologo catalano R Roca Puig si veda NOSARTI 1992

Roberto Vianello

2

LrsquoAlcesti di Euripide

Iniziamo a beneficio dei presenti da alcune sintetiche informazioni in merito

alla vicenda dellrsquoeroina cosigrave come ci egrave pervenuta nella versione di Euripide Alcesti va in scena nel teatro di Atene in occasione delle Grandi Dionisie del

438 aC Egrave il quarto dei drammi della tetralogia mediante la quale Euripide conse-gue il secondo posto nellrsquoagone scenico di quellrsquoanno dietro al grande Sofocle Egrave

noto che in essa lrsquoautore si rifagrave a un omonimo dramma di Frinico drammaturgo della generazione precedente cosigrave come egrave noto sin dalle indagini del Lesky il fat-to che in essa lrsquoautore riprende e mette in scena non senza tensioni due temi fol-clorici assai diffusi lrsquoofferta della vita da parte dellrsquoamante per lrsquoamatoa la lotta dellrsquoeroe col demone della morte per salvare la giovane vita offerta2

2 Per la diffusione dei temi folclorici citati la distinzione geografica dellrsquoidentitagrave di genere dellrsquoamante le tensioni determinate dalla azione scenica del tema fiabesco si vedano ora oltre al classico LESKY 1925 SUSANETTI 2001 SUSANETTI 2004 PATTONI 2004 BRILLANTE 2005 PAT-TONI 2006 studi ai quali siamo debitori di gran parte delle osservazioni successive A essi rinvia-mo per una comprensione drsquoinsieme del dramma euripideo e per una bibliografia specifica Per un

La III Classico rsquo07-rsquo08 porta in scena Alcesti di Euripide al Teatro greco dellrsquoantica Akrai

Alcesti nel Novecento letterario italiano

3

La vicenda ha luogo a Fere in Tessaglia Lrsquoantefatto egrave come sempre nel tea-tro greco ben presente al pubblico Zeus ha fulminato Asclepio figlio di Apollo per aver risuscitato degli uomini per avere cioegrave sovvertito le leggi di natura me-diante il sapere medico appreso dal centauro Chirone sui monti della regione Apollo ha reagito per vendetta sterminando i Ciclopi artefici del fulmine Zeus lo ha dunque punito relegandolo in una condizione servile presso il mortale Adme-to uno degli eroi dellrsquoimpresa del vello drsquooro Di questo mortale il dio ha pascola-to per un anno gli armenti Ma Apollo durante il suo servizio ha conosciuto la non comune generositagrave del re di Fere la sua ospitalitagrave la sua amicizia Quale ri-compensa ha immaginato per lui un dono speciale Ha ottenuto dalle Moire u-briacandole che Admeto giunto il giorno fatale possa non morire ove qualcuno sia disposto a offrirsi al suo posto Admeto cercando invano non ha trovato al-cuno pronto a sostituirsi a lui nel giorno terribile tranne la sua sposa

Egrave a questo punto che prende inizio lrsquoazione scenica euripidea Egrave giunto il giorno di Alcesti Crsquoegrave silenzio nel palazzo reale Unrsquoancella esce a narrare la ldquove-stizionerdquo dellrsquo ἀρίστη Alcesti la migliore delle donne che al pari di un eroe omeri-co si prepara ritualmente alla ldquobella morterdquo laquoMuoio percheacute trsquoonororaquo (vv 282 s) ndash dice in scena al marito laquoNon ho voluto vivere senza di teraquo (vv 287 s) In cam-bio di questa sua φιλία in cambio dello speciale manifestarsi del suo affetto in un favore inaudito Alcesti chiede allo sposo fedeltagrave postuma E muore Admeto prima del rito funebre si scontra violentemente col padre accusandolo di non aver saputo sacrificarsi in nome di una giustizia generazionale che avrebbe per-messo a lui un gesto degno del rango e dellrsquoetagrave ad Alcesti la sopravvivenza Giunge a Fere Eracle ospite ignaro di un Admeto che non sa rinunciare alla piugrave caratteristica delle norme del mondo aristocratico ellenico il dovere di reciprocitagrave verso gli amici e di ospitalitagrave verso gli stranieri Quando conosce la sciagura cela-tagli Eracle strappa Alcesti alla morte e la restituisce a un incredulo Admeto Ve-lata toccata dalla morte la donna non potragrave parlare fino allrsquoalba del terzo giorno

Alcesti egrave testo complesso Temi diversi vi srsquoincrociano e sovrappongono tra spinte di segno opposto Egrave potuto sembrare testo ambiguo3 a partire dal suo stesso genere tragedia o dramma satiresco Sicuramente egrave creazione mirata a in-scenare tensioni di rilievo Egrave storia di un sacrificio per amore frutto di φιλία 4 ma anche di un rifiuto consapevole di quella che la protagonista immagina come una vita depauperata5 Egrave riflessione sulla profonda tensione tra il laquodebito che tutti dobbiamo pagareraquo ndash la morte ndash e la speranza assurda ma tenace che morire non sia necessario6 Egrave messa in scena della difficoltagrave di elaborare un lutto al tempo inquadramento sintetico e una bibliografia drsquoinsieme su Euripide cf invece BASTA DONZELLI 1987 3 Si veda ad es KOTT 2005 laquoEgrave una strana opera [hellip] Tutto in essa hellip viene usato in modo da presentare come parodia crudele la resurrezione di Alcesti Se egrave una tragedia si autoconsumaraquo (p 101) 4 SUSANETTI 2001 p 22 5 PATTONI 2004 pp 286-289 6 SUSANETTI 2001 pp 9-10

Roberto Vianello

4

stesso enciclopedia del rito funebre e riserva di strategie umane contro Ἀνάγκη la dura Necessitagrave7 Egrave anche narrazione di un ribaltamento del codice eroico-aristocratico per il quale una donna straordinaria muore per ldquodifendererdquo lrsquo ωἶκος mentre a piangerla resta il marito8 Egrave infine ndash ma solo per ridurre al minimo que-ste note sintetiche ndash spazio di unrsquoopposizione caratteristica della civiltagrave occidenta-le il contrasto cioegrave tra un sapere che pretenda il controllo del reale e quella che potrebbe chiamarsi la sapienza del cuore su ben altro avvezza a fondare certezze e strategie di vita Percheacute il Coro nel quinto stasimo del dramma proclama lrsquoimpossibilitagrave di trovare in alcuna dottrina un φάρmicroακον contro la spietata Ἀνάγκη denunciando la presuntuosa inadeguatezza di qualsiasi τέχνη fondata sulla cono-scenza di fronte al male per eccellenza Ma a tale sconsolata certezza il finale con-trappone invece lrsquoinattesa superioritagrave della φιλία che riesce dove la τέχνη ha falli-to strappando alla morte Alcesti Condivide Euripide la lettura platonica del mi-to9 Relega tale vittoria nel tempo del mito per proclamarne razionalisticamente lrsquoimpossibilitagrave nella vita reale10

Certo nellrsquointreccio di avvenimenti e prospettive appare delinearsi con nettez-za una separazione una lontananza tra i due protagonisti della vicenda Vi si con-trappogono personaggi di tempra e indole non comparabile Alcesti egrave figura eroi-ca egrave un exemplum Egrave degna di essere cantata dai poeti e che il suo sepolcro diven-ga un altare Ella merita la resurrezione Alcesti egrave Admeto invece caro agli dei capace lui pure di φιλία vive una situazione imbarazzante e contraddittoria Il sa-crificio volontario della sposa invertendo i ruoli tradizionali lo lascia spettatore passivo accusabile di debolezza e viltagrave Admeto in fondo non egrave quel che vor-remmo11 Egrave figura impresentabile ai moderni ndash obscaena nel senso etimologico del termine Non lo riscatta ai nostri occhi neppure la considerazione della progressi-va comprensione cui sarebbe chiamato dal ruolo assegnatogli nel dramma chi non la considererebbe tardiva Certamente troppo tardiva indegna della pronta ἀριστεία della sua donna12 il cui sacrificio pure nessuno tranne il padre gli rim-provera mai drsquoavere accettato13

7 SUSANETTI 2001 pp 15-16 23 PATTONI 2004 285-287 8 PATTONI 2006 p 14 9 laquo E questo gesto da lei compiuto parve cosigrave bello non solo agli uomini ma anche agli degravei al pun-to che questi pur avendo concesso solamente a pochissimi uomini fra i molti che compirono molte buone azioni il dono di lasciar tornare lrsquoanima dallrsquoAde tuttavia lasciarono tornare la sua a-nima meravigliati della sua azione In questo modo anche gli degravei onorarono lrsquoimpegno e la virtugrave a servizio dellrsquoamore raquo (Platone Simposio 179 C-D REALE 1991 Anni Ottanta-Settanta del IV sec a C) 10 WILSON 1968 raccogliendo saggi critici novecenteschi sul dramma si chiede laquois the salvation of Alcestis hellip a sardonic lsquoand so they lived happily ever afterrsquo hellip raquo (p 1) 11 Cf SUSANETTI 2001 p 28 12 Cf il motivo dellrsquo ἄρτι microανθάνω (v 940 ldquofinalmente comprendordquo) 13 Cf SUSANETTI 2004 pp 308 e 313

Alcesti nel Novecento letterario italiano

5

La questione morale e la ldquodoppia ricezionerdquo

La fortuna del tema egrave largamente attestata in letteratura e in arte tra gli anti-

chi e tra i moderni14 Ammirazione e riflessione hanno accompagnato la vicenda dei due mitici sposi a partire dal V secolo a C in un durevole seguito di rivisita-zioni e riscritture ingiustificabili senza la percezione di una qualche paradigmati-citagrave ancor viva15

Si evidenzia in questa catena di recuperi quella che egrave stata definita la ldquodoppia ricezionerdquo del capolavoro euripideo16 Si sono avuti cioegrave due diversi atteggiamenti tra i moderni di fronte alla storia di Alcesti e Admeto per lo piugrave secondo una di-stinzione cronologicamente ben definibile

Fino a tutto il Settecento le riflessioni sulle vicende della coppia mitica edifi-cate dalla limpidezza del gesto di lei hanno mostrato un evidente disagio per lrsquo ἔθος discutibile dellrsquoimpresentabile Admeto per lrsquoaccettazione del sacrificio della consorte per lo stesso atteggiamento impius nei confronti dei genitori del padre in special modo aggredito verbalmente senza rispetto alcuno La morale dei tem-pi nuovi comportava una valutazione diversa di parte di quella condotta ambi-

14 Per la ricostruzione puntuale delle tappe letterarie di questa fortuna rinviamo ai giagrave citati SUSA-NETTI e PATTONI Si vedano in particolare gli atti del ciclo di seminari promossi a Brescia nel 2003 dallrsquoUniversitagrave Cattolica del Sacro Cuore in PATTONI-CARPANI 2004 Senza presumere di adden-trarci in un ambito che non ci compete segnaliamo quale evidenza della diffusione del tema il noto cratere etrusco a figure rosse (340-330 aC) conservato alla Bibliothegraveque Nationale di Parigi nel quale Alcesti abbraccia Admeto tra le figure di Caru e Thuchulcha Lo si veda allrsquoindirizzo wwwsaeculait (sezione Immagini etrusche) 15 Lasciamo alla consultazione dei saggi citati unrsquoinformazione completa comprensiva di opere perdute scolii frammenti testimonianze citazioni e allusioni letterarie Diamo di seguito il sem-plice elenco di opere che hanno ripreso in modo significativo il personaggio la sua lunghezza te-stimonieragrave efficacemente la persistente fortuna Palefato Περί ἀπίστων (Sulle storie incredibili inizio III sec aC) Alcestis Barcinonensis (III-IV sec dC) Alcesta (V sec d C) in Anthologia Latina Ge-offrey Chaucer Legend of Good Women (1385 ) Hans Sachs Tragoedia von der Getrewen Frau Alkestis und ihrem getrewen Mann Admeto (1551) Alexandre Hardy Alceste ou la fideacuteliteacute (1602) Aurelio Aureli LrsquoAntigona delusa drsquoAlceste (1664) Emanuele Tesauro Alcesti o sia lrsquoamor sincero (Torino 1665 ldquotra-gedia musicalerdquo) Philippe Quinault Alceste ou le Triomphe drsquoAlcide (1674 musicata da Jean-Baptiste Lully) Pier Jacopo Martello Alceste (1709 1715) N Haym Admeto re di Tessaglia (Londra 1727 musicato da G F Haumlndel) Ranieri dersquo Calzabigi libretto per lrsquoAlkestis di Christoph Willibald Gluck (Vienna 1767) Christoph Martin Wieland Alcesti (singspiel musica di A Schweitzer Weimar 1773) Johann Gottfried Herder Admetusrsquo Haus oder der Tausch des Schicksals (1802) Vittorio Alfie-ri Alceste seconda (1798) lsquoIssachar Styrke Gentrsquo Euripidesrsquo Alcestis burlesqued (1816 parodia) Fran-cis Talfourd Alcestis the Original Strong-Minded Woman (1850 parodia) William Morris The Love of Alcestis in The Earthly Paradise (1868) Robert Browning Balaustionrsquos Adventure (1871) Rainer Maria Rilke Alkestis (Capri 7-10 febbraio 1907) Hugo von Hoffmannsthal Alkestis Ein Trauerspiel nach Euripides (1893-94 1911) Benito Peacuterez Galdoacutes Alceste (1914) T S Eliot The Coctail Party (1949) Marguerite Yourcenar Le mystegravere drsquoAlceste (1942 ma 1963) Theodore Morrison The Dream of Alce-stis (1950) Thornton Wilder The Alcestiad or a Life in the Sun (1955) 16 PADUANO 2004

Roberto Vianello

6

guamente coesistente con atteggiamenti piugrave nobili nella vicenda antica Egrave un fatto che fino alle soglie dellrsquoOttocento i nuovi interpreti della vicenda hanno cercato di ldquomigliorarerdquo Admeto ritenendo inadatto al loro pubblico ndash e alla bellezza della vicenda stessa ndash il ldquovampirismordquo di un uomo disposto al sacrificio della sua don-na e incapace di rispetto per chi lo ha generato Vanno in questo senso accorgi-menti caratteristici dei nuovi testi ispirati alla vicenda quali la sua iniziale ignoran-za delle scelte di Alcesti (Aureli 1664) la morte apparente dellrsquoeroina (Martello 1709) lrsquoinutile rifiuto di lui (Calzabigi 1767) la scelta del sacrificio per il bene su-periore della stirpe regale (Alfieri 1798) che nella rilettura finiscono in qualche modo per offuscare se non ridimensionare la grandezza della libera donazione di lei Anche lrsquoalterco col padre irrappresentabile viene eliminato e persino per il ri-fiuto di Ferete al figlio si invoca lrsquoattenuante dellrsquoaffetto ugualmente grande per la propria sposa (Alfieri) Narcotizzare le tensioni stridenti del testo euripideo sem-bra necessitagrave preliminare alla possibilitagrave stessa di guardare ancora a quella storia drsquoamore e sacrificio che si vuol comunque raccontare Si sceglie di censurare i ri-svolti piugrave ingrati della vicenda rinunciando implicitamente alla vita della quale dal loro collidere e cortocircuitare il dramma euripideo sembrerebbe tuttavia nu-trirsi

Non cosigrave le riscritture successive DallrsquoOttocento la ricezione dellrsquoAlcesti euri-pidea sembra orientarsi verso un Admeto meno innocente piugrave problematico vie-ne descritto il rapporto coniugale meno virtuosa la coscienza

La delimitazione imposta dal tema e dal contesto di oggi ci costringe inevita-bilmente solo a qualche riferimento a Ottocento e Novecento per il resto drsquoEuropa17 Accenneremo qui alla riscrittura di Browning e a quella della Yource-nar nelle quali la posizione di Admeto tende a risultare piugrave problematica e dub-bia In Browning il re di Fere viene giudicato infantile e solo attraverso la pena e la sofferenza perviene a un mutamento interiore capace di renderlo degno della restituzione della sposa18 LrsquoAdmeto della Yourcenar egrave un marito distratto e narci-sista un artista che egrave divenuto per Alcesti laquo un irriconoscibile estraneo raquo un uo-mo che lrsquoha fatta soffrire per il quale ha imparato a provare disgusto tra le in-comprensioni Un marito del cui palazzo Alcesti laquo non occupava che il giardino raquo che di notte tra una carezza e lrsquoaltra si alzava dal letto per andare a guardare le stelle laquo Io non ho mai saputo la tua idea delle stelle raquo ndash lo rimprovera la donna prima di morire opponendo con un certo rancore alle fantasie artistiche di lui la sua necessitagrave di pensare ad altro di badare al figliohellip E quando Ercole la riporta

17 Non ci risultano riscritture italiane di epoca ottocentesca 18 Non ci risultano edizioni italiane di Balaustionrsquos Adventure (v n 15) Rinviamo per esso ancora a SUSANETTI 2001 e PADUANO 2004 (in cui si possono leggere alcuni passi in lingua) ldquoFiore di Me-logranordquo giunta a Siracusa si impegna a recitare lrsquoAlcesti euripidea e ne fornisce una interessante lettura critica commentandone originalmente vari passaggi Ma propone poi una reinterpretazione radicale della storia che sottintende il suo giudizio negativo su Admeto il suo comportamento di-verragrave piugrave comprensibile alla luce del sogno condiviso con Alcesti di riportare sulla terra una nuova etagrave dellrsquooro

Alcesti nel Novecento letterario italiano

7

in vita vi ritorna con riluttanza negando di essersi sacrificata per lo sposo in re-altagrave ndash confessa ndash voleva morire19

La ricezione del Novecento italiano

Ma passiamo al Novecento italiano Vi troviamo ben quattro riletture del mi-to euripideo La prima egrave lrsquo Alcesti dai contenuti inopinati20 di Ettore Romagnoli pubblicata dal famoso grecista nei suoi Terzi drammi satireschi del 1922 La seconda egrave lrsquo Alcesti di Samuele di Alberto Savinio edita da Bompiani nel 1949 e messa in scena nel 1950 dal Piccolo Teatro di Milano21 Segue terza una incompiuta Alcesti di Corrado Alvaro anteriore al 1951 rimasta dattiloscritta e pubblicata solo nel 198322 Ultima infine ndash solo in ordine cronologico ndash Alcesti o La recita dellrsquoesilio di Giovanni Raboni edita da Garzanti nel 2002 e portata in scena per la prima volta nel 2004 ndash pochi mesi prima della scomparsa dellrsquoautore ndash dal Centro Teatrale Bresciano che ci ha cortesemente fornito un video dello spettacolo autorizzan-done la proiezione di qualche scena nel corso di questa lezione

Ci concentreremo oggi sulle Alcesti di Savinio e di Raboni Ci inducono a farlo ragioni di tempo e la possibilitagrave inattesa di vedere la resa teatrale di uno dei due pezzi Ma anche la genesi in qualche modo corrispondente dei due drammi con-cepiti allrsquoindomani del secondo grande conflitto il primo ndash e per cosigrave dire bilancio intellettuale di una stagione ndash un cinquantennio piugrave tardi lrsquoaltro ndash e dunque veri-fica di fine secolo delle speranze post-belliche Non ci verragrave crediamo imputata lrsquoincongruenza di inserire un testo del terzo millennio tra gli argomenti novecen-teschi di questo ciclo di conferenze Ci assolveranno dalla accusa di forzatura cronologica lrsquoideazione del dramma di Raboni che ha come verosimile terminus ante quem lrsquoaprile del primo anno del nuovo millennio23 Ma soprattutto il coinci-dere della sua realizzazione con gli ultimi atti letterari dellrsquoautore novecentesco e

19 Il mistero di Alcesti della Yourcenar (scritto nel 1942 ma pubblicato solo nel 1963) egrave ora fruibile in EURIPIDE E ALTRI 2006 Si vedano anche su di esso SUSANETTI 2001 TELOgrave 2004 PATTONI 2006 20 Admeto vi finge una falsa disperazione per la morte di Alcesti innamorato comrsquoegrave della sorella di lei con la quale potragrave finalmente essere felice dopo la morte della sposa Il ritorno dallrsquoAde lo sorprende proprio nei nuovi progetti per lrsquoavvenire 21 La si legga ora in SAVINIO 2007 SullrsquoAlcesti di Samuele cf CASCETTA 1995 22 La si legga in MORACE 1983 che ne segnala il terminus ante quem (p 732) Sul testo cf anche MORACE 2001 e LANGELLA 2004 Si tratta di una versione del mito ldquosecolarizzatardquo e ambientata nel mondo moderno sullo sfondo del secondo dopoguerra 23 Cf RABONI 2006 p CXXXVIII In unrsquointervista pubblicata su ldquoIl popolordquo del 20 febbraio 2002 Raboni dagrave per ultimata la sua Alcesti destinata ad andare in scena al Teatro Olimpico di Vi-cenza nellrsquoautunno dello stesso anno Lrsquointervista egrave ora in Internet allrsquoindirizzo wwwitalialibrinet La messa in scena non si realizzograve e la prima dellrsquoopera risultograve quella citata nel testo

Roberto Vianello

8

le parole stesse infine con cui Raboni ne parlograve pubblicamente in una lezione dal titolo ldquoAlcestirdquo e i disastri del Novecento24

LrsquoAlcesti di Savinio Andrea De Chirico fratello del piugrave noto Giorgio e noto al pubblico col nome

drsquoarte di Alberto Savinio richiede qualche parola di presentazione dato lo spazio contenuto di cui gode normalmente nei libri di testo in uso ai piugrave giovani tra il nostro pubblico Si tratta del resto di sorte comune alla maggior parte degli autori novecenteschi i manuali ne registrano i nomi insieme a sintesi minime di pensie-ro e scelte poetiche scegliendo la completezza informativa anzicheacute lrsquoapprofon-dimento caratteristico degli scrittori piugrave ldquocanonicirdquo Alla produzione teatrale di Savinio poi sono dedicate spesso solo poche righe (tre e mezza nellrsquoultimo libro di testo adottato qui al Classico)

Savinio egrave quel che si dice un artista eclettico Scrittore musicista pittore Lrsquoinfanzia in Grecia egrave per lui solo la condizione originaria di un percorso intellet-tuale compiuto nel corso di una vita errabonda in Europa Monaco Milano Fi-renze Parigi Ferrara Roma le tappe di un vagare che ne determina la prospettiva non provinciale ponendolo in relazione con le avanguardie culturali del primo Novecento Nietzsche e Schopenhauer con la musica gli oggetti di interesse della prima giovinezza Poi lrsquoincontro con lrsquoavanguardia artistica e letteraria a Parigi il sodalizio con Apollinaire il concerto ldquosinceristardquo nella sala delle ldquoSoireacutees de Pa-risrdquo25 E ancora i contatti con De Pisis e Carragrave lrsquoesperienza del Teatro Odescalchi a Roma insieme a Pirandello lrsquoinizio dellrsquoattivitagrave pittorica la collaborazione con riviste e quotidiani lrsquoinserimento unico italiano nellrsquoAntologia dello humour nero del surrealista Breton la collaborazione con la Scala di Milano26 Savinio evita il con-fronto col Fascismo impegnandosi solo dopo la sua caduta nella denuncia delle radici ideologiche e culturali del totalitarismo Esse affondano nelle passioni nellrsquoistinto nella vitalitagrave che determinano pesantemente lrsquouomo e le sue scelte Da essi puograve salvarlo solo la cultura intesa come civiltagrave come costruzione dellrsquouomo per lrsquouomo unico strumento in grado di riscattarne la storia27 Cittadi-no del mondo con lrsquoEllade nel DNA come si direbbe oggi per Savinio la cultura non puograve che autocomprendersi in relazione allrsquoAntico Atteggiamento che non va inteso come accettazione di un classicismo imbalsamato e anacronistico Il tempo dei miti egrave finito e lrsquoAntico appartiene alla coscienza della modernitagrave inquieta e 24 Per la trascrizione dellrsquointervento nella sede di Brescia dellrsquoUniversitagrave Cattolica (12 dicembre 2003) a cura di F Molinari cf RABONI 2004 La si legga ora anche nellrsquoapparato critico a cura di Rodolfo Zucco in RABONI 2006 pp 1776-1782 25 Il memorabile concerto di musica non armonica si tenne nel 1914 nella sede della rivista ldquoLes soireacutees de Parisrdquo di Apollinaire 26 Per maggiori notizie su Savinio basti qui rinviare a PIETROMARCHI 1986 e PEDULLAgrave 1991 Sulla vocazione europeistica di S v invece GUIDI 2006 27 Si veda per questi temi GUIDI 2006

Alcesti nel Novecento letterario italiano

9

priva di veritagrave condivisa solo per quel tanto che ci egrave dato di riconoscerne nel mondo drsquooggi Egrave vero che in vesti dimesse il mito egrave ancora presente tra noi Ri-conoscerlo permette di gettar luce sulla realtagrave La coscienza attenta dei moderni puograve trovare nellrsquoereditagrave dei classici un archivio di archetipi capaci di orientare alla comprensione delle cose Riconoscervi lrsquoultima metamorfosi di forme passate lrsquoultimo darsi sotto altra foggia di un nietzschiano eterno ritorno dellrsquoidentico puograve determinare laquonella realtagrave una irruzione di veritagraveraquo 28 fare del mito uno stru-mento conoscitivo privilegiato Si spiega in gran parte cosigrave lrsquoopera letteraria e pit-torica di Savinio29 nel suo accostare personaggi e situazioni del quotidiano a rico-nosciuti omologhi mitici Si tratta di una interazione nella quale a volte il quoti-diano puograve demitizzare ironicamente il leggendario per la sua evidente banalitagrave al-tre volte accade invece che i modelli paludati di un tempo rimitizzino la banalitagrave dellrsquoordinario per quel tanto di universale che se ne puograve riconoscere dietro il ri-dimensionamento alla misura dellrsquooggi

Il mito irrompe inaspettatamente ndash ed esemplarmente ndash nel vissuto di Savinio un giorno del rsquo42 in cui in qualitagrave di critico egli assiste a prove liriche al Teatro dellrsquoOpera di Roma30 Vi compare improvvisamente il dott Alfred Schlee della Universal Edition di Vienna31 Di lui Savinio giunge a conoscere lrsquoinaudito destino di vittima costretta dallrsquoinasprirsi delle leggi razziali a una scelta odiosa divorziare dalla moglie ebrea o perdere lrsquoincarico presso lrsquoeditrice musicale Il disumano aut aut istituito tra i valori piugrave costitutivi dellrsquouomo ndash lavoro e affetti familiari ndash basta di per seacute a fare dello Shlee un personaggio tragico Ben piugrave crudele tuttavia sco-pre Savinio la sorte di quellrsquouomo ormai privo di una sposa che per non intral-ciarne la carriera ha scelto di togliersi la vita

Ecco il mito tra noi Ecco tra noi una nuova Alcesti la donna che rinuncia al-la vita per lo sposo nel cuore del XX secolo laquoAlcesti egrave rinataraquo ndash diragrave il personag-gio dellrsquoAutore nel dramma che Savinio pubblicheragrave di ligrave a qualche anno32 ndash laquoAl-

28 CASCETTA 1995 p 1407 Senza ambizione di completezza rimandiamo per il mito e il mondo classico in Savinio a RAGNI 2002 e USAI 2005 29 Si pensi per citare qualche esempio a titoli saviniani come Hermaphrodito (1918) o Capitano Ulisse (1934) o a opere pittoriche quali il fatuo Apollo del 1931 (con la testa drsquoanitra e il busto sopra un capitello ionico) il Colloquio - Oreste e Pilade del rsquo32 (in cui i due amici sono ritratti su basamenti che paiono immobilizzarli) Il ritorno di Ulisse del rsquo33 (in cui un soggetto nientrsquoaffatto eroico porta in testa un moderno cappello di paglia) Mademoiselle Centaure del rsquo46 (un vanitoso individuo fem-minile dalla duplice natura ostenta un cappellino alla moda in riva al mare) Per lrsquoopera pittorica di Savinio si consulti VIVARELLI 1996 30 Sulla vicenda cf SAVINIO 2007 pp 304 ss 31 Il nome dello Schlee che operograve in circostanze storiche difficili nella sede viennese della editrice musicale fino al 1945 compare nella storia della Compagnia tuttora attiva allrsquoindirizzo Internet wwwuniversaleditioncom (v anche la versione inglese) 32 SAVINIO 2007 p 26 Drsquoora in poi si faragrave riferimento tra parentesi alla numerazione di pagina di questa edizione

Roberto Vianello

10

cesti non egrave un individuo ma una specie Conoscevamo Alcesti di Pelia ora cono-sciamo Alcesti [hellip] di Samueleraquo (p 45)33

La creativitagrave di Savinio sensibile come srsquoegrave detto alle occorrenze del mito nel quotidiano lo spinge a lavorare su questo spunto di vita vissuta fino a pubblicare nel 1949 presso Bompiani il dramma in prosa Alcesti di Samuele che verragrave portato in scena lrsquoanno successivo dal ldquoPiccolo Teatro di Milanordquo per la regia di Giorgio Strehler34 Saragrave un fiasco La trasformazione che la vicenda della moderna Alcesti ha subito nel suo farsi testo da recitare il linguaggio teatrale scelto dallrsquoautore ne faranno qualcosa di sgradito a critici e spettatori Verbositagrave divagazioni disarmo-nie moduli da avanguardia col pessimismo e il nichilismo che vi traspaiono ne faranno qualcosa di lontano per ragioni diverse dalle attese del pubblico35

La vicenda srsquoegrave detto passando dalla vita alla letteratura si egrave trasformata Il dott Shlee egrave diventato il dott Paul Goerz direttore della Musikalische Ausgaben di Monaco Alcesti egrave Teresa Goerz figlia di Samuele moglie ebrea di Paul Il te-sto prevede lrsquoentrata degli spettatori e di un Autore prima che si apra il sipario LrsquoAutore anticipa ai presenti che Goerz egrave a Roma percheacute neanche la vicenda della sua Alcesti puograve risolversi senza lrsquointervento di Ercole

Si apre il sipario Sulla scena un telefono dieci volte piugrave grande del normale attira su di seacute lrsquoattenzione degli spettatori Il ricevitore abbandonato oscilla a pendolo Una voce ripete insistentemente e minacciosamente laquoIl dott Goerz su-bito al Ministeroraquo (p 30) Ai lati della scena due sagome in poltrona i ritratti di Padre e Madre seduti e destinati ad animarsi nel corso del dramma Teresa non crsquoegrave La servitugrave e i figli sanno che ha fatto delle telefonate nellrsquoassenza del marito Paul comrsquoegrave evidente dalle parole dellrsquoAltoparlante si egrave recato al Ministero ove egrave stato costretto alla dolorosa scelta tra la sposa e il lavoro Al suo ritorno vorrebbe dirle che ha scelto lei coraggiosamente e fedelmente Ma Teresa non egrave in casa La chiama ripetutamente salendo sul proscenio Poi allrsquoimprovviso si spengono le luci Il nome di lei riecheggia nel buio Quando la luce torna in luogo del telefono si vede un ritratto della donna a grandezza naturale Ai piedi del ritratto una lette-ra lrsquoaddio di Teresa allo sposo e le ragioni del suo irreparabile gesto

Lascio questa lettera ai piedi del mio ritratto Cosigrave mentre tu leggerai [] ti sembreragrave udi-re la mia voce [] La telefonata di stamattina io lrsquoaspettavo Ero una cacciatrice in agguato Sapevo che la tigre sarebbe venuta E per divorare te mio povero Paul Colpa mia del resto Era giusto che provvedessi io stessa a cacciare la tigre Tante volte tu hai difeso me Tu e io as-sieme non abbiamo sempre sostenuto la paritagrave dei diritti tra uomo e donna La moglie a sua

33 Samuele come si comprende egrave il nome ebreo del padre della nuova Alcesti 34 Alcune immagini dellrsquoevento teatrale nellrsquoArchivio multimediale del sito Internet del ldquoPiccolordquo Scenografia e costumi furono a cura dello stesso Savinio Tra gli attori ivi ritratti Lilla Brignone Piero Carnabuci Camillo Pilotto Diego Parravicini Mario Feliciani Alberto Marcheacute 35 Anche per questo il ldquoPiccolordquo percorreragrave presto altre strade rileva il citato CASCETTA 1995 p 1442

Alcesti nel Novecento letterario italiano

11

volta deve difendere il marito Quale migliore occasione di questa Quando tu leggerai questa lettera io sarograve lontana Molto lontana (p 44 s)36

Teresa-Alcesti illustra il suo gesto a un Paul-Admeto lasciato per cosigrave dire fuori dal gioco Incolpevole E tuttavia non proprio completamente ldquoinnocen-terdquo37

Mi serviva una via drsquouscita Ho scelto il fiume Quale via migliore Quando eravamo fi-

danzati tante volte [] siamo andati a guardare assieme questo nostro fiume di sera dal pa-

36 Il presente testo di Savinio come i seguenti egrave stato videoproiettato e letto da chi scrive nel cor-so della lezione 37 LrsquoAdmeto di Savinio sembra avere qualcosa in comune con lrsquoAdmeto della Yourcenar di cui si diceva piugrave sopra Non risultano tuttavia rapporti diretti tra le due opere (cf PATTONI 2004 p 292 n 44)

Paul (Piero Carnabuci) legge la lettera davanti al ritratto di Teresa (Lilla Brignone)

Archivio Piccolo Teatro di Milano

Roberto Vianello

12

rapetto del ponte Massimiliano Poi ci siamo sposati [] non siamo piugrave andati a guardarlo Che peccato Che peccato questo invadente burocratismo del matrimonio Io perograve qualche volta sono tornata da sola a guardare il fiume Non te ne ho mai parlato Mi avresti detto che sono bambinate Noi donne siamo conservatrici hellip Meno di voi accaparrate dallrsquoavvenire Ci piace conservare gli oggetti i ricordi i luoghi implicati in qualche nostro momento di felicitagrave E non amiamo il mutamento Che impressione strana ndash non avertene a male ndash che impressione di ldquoperditardquo al ritorno da quelle mie visite solitarie al fiume ritrovare qui a casa il te di ora dopo il te di allora lasciato poco prima sul parapetto del ponte Massimiliano Ci so-no alcune sottili varianti del tradimento che la legge sullrsquoadulterio non contempla ma alle quali il nostro animo non rimane indifferente Da qualche tempo in qua le mie visite al fiume erano piugrave frequenti Tu hai giagrave capito Non per rievocare una felicitagrave perduta ma per cercare un ami-co un alleato Il suo movimento instancabile mrsquoispirava fiducia Rispondeva a un mio desiderio sempre piugrave urgente Questa cittagrave nella quale noi viviamo egrave soffocata dalla terra Terra da o-gni parte Terra terra [] La terra stringe tuttrsquointorno questo paese lo strozza lo porta allrsquoisterismo e alla pazzia [] Con quale altro mezzo andarmene da qui Percheacute andarmene bisogna Se no egrave la morte per me e anche per te mio povero Paul - mio po-vero ldquoinnocenterdquo [] Quando tu avrai finito di leggere questa lettera io avrograve raggiunto finalmente quello che ho sempre desiderato [] la [] Libertagrave [] Tengo a chiarire la mia si-tuazione io non sono una donna che si ammazza sono una donna che ldquolibera se stessardquo che ldquosalva se stessardquo (pp 46 ss)

Una voce femminile annuncia che crsquoegrave un poscritto egrave il ritratto che srsquoegrave animato surrealisticamente e terminando la lettura comunica la consapevolezza della mo-derna Alcesti dellrsquounicitagrave del suo gesto in cui egrave certa di poter pienamente realizza-re se stessa

Io lo sai non sono donna da contentarmi del marito della casa dei figli Io volevo far qualcosa di mio di proprio Te lo dicevo sempre Non sapevo cosa Tu mi pigliavi in giro La sorte mi ha favorita Ecco che anchrsquoio ho trovato una cosa da fare Una cosa laquo mia raquo E che cosa Cara mi costa [] Questo mio capolavoro per di piugrave non rimarragrave sconosciuto Perciograve Paul stattene lontano Non venire Non venire Me eroina la tua sola presenza tornerebbe a fare di me uno straccio di donnetta E io non voglio non fosse che per far dispetto a voi uomi-nihellip Una parola allrsquoorecchio in questo mio sublime sacrificio non riesco a determinare quanto crsquoegrave di eroismo e quanto di vanitagrave (pp 60 s) Nella giustificazione del gesto della nuova Alcesti percepiamo risonanze di

una sensibilitagrave ovviamente moderna e la rivendicazione di una dignitagrave di genere propria delle stagioni piugrave recenti delle societagrave occidentali Tratti come questi non possono certo stupirci scontatamente necessari come sono al personaggio Se la nostra eroina egrave solo uno degli individui in cui la specie Alcesti srsquoegrave riprodotta nella storia deve mostrare specificitagrave sue particolari lati di unrsquoidentitagrave ldquoda secolo bre-verdquo Si potragrave semmai ndash rispetto alle scelte dellrsquoautore ndash chiedere criticamente fino a che punto possa darsi unrsquoAlcesti moderna non tanto nel suo affacciarsi alla sto-ria nella riconoscibile somiglianza di una situazione quanto piuttosto nel suo cor-rispondere effettivamente ai tratti caratteristici della specie di cui essa sarebbe in-

Alcesti nel Novecento letterario italiano

13

dividuo E porre conseguentemente una questione riconducibile alla precedente domandando a unrsquoAlcesti novecentesca si addice un ritorno dai morti Quale spazio nellrsquoetagrave della scienza e del disinganno per ciograve che inspiegabilmente Plato-ne non problematizzava ma la lucida ragione dello stesso Euripide egrave sembrata a taluni implicitamente rifiutare38 Prenderemo in considerazione prima la seconda questione constatando che Savinio non sceglie di percorrere lrsquoitinerario ldquopiugrave ve-rosimilerdquo di un mancato ritorno come pure sappiamo si fece nellrsquoantichitagrave39 Per lrsquoAlcesti moderna a giudizio di Savinio un ritorno egrave possibile almeno nella fin-zione teatrale Percheacute il teatro egrave il luogo laquoche corregge quello che egrave sbagliato completa quello che egrave incompleto Il teatro egrave come i sogni I sogni attuano quello che da svegli non possiamo attuareraquo (p 78) Questo proclama solennemente il personaggio dellrsquoAutore allrsquoErcole moderno a cui Savinio affida lrsquoimpresa di ri-portare nel mondo Teresa-Alcesti E si tratteragrave di un duplice indennizzo Percheacute se Teresa potragrave tornare anche il nuovo Ercole troveragrave nellrsquoimpresa una personale compensazione agli oltraggi della sorte Soltanto al termine amaramente com-prenderemo in che modo saragrave stata fatta laquopiugrave viva la vitaraquo

Ai tempi del secondo grande conflitto lrsquounica figura storica immaginabile in veste drsquoeroe egrave il vincitore morale della guerra colui che ha saputo ripulire il mon-do dallrsquoidra del totalitarismo Egrave il presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Ro-osvelt che la morte ha ingiustamente tolto di scena prima che potesse terminare la guerra ma a cui il teatro che completa quel che la vita ha lasciato incompleto concede la chance di unrsquoultima grande impresa

Lrsquoex Presidente entra in sala al suono drsquouna marcia militare con lrsquoaspetto di un busto poggiante su piedistallo che si scopre poi nascondere un locomotore di cui lrsquoeroe dimezzato si serve per raggiungere il palcoscenico La trovata che assi-mila il personaggio a talune immagini del Savinio pittore40 non egrave il solo mezzo ri-servato a quello che sembra un ridimensionamento inspiegabile Anche un lungo scambio di battute ora pedanti ora polemiche apparentemente fuorvianti mira a realizzare almeno sotto il profilo ideologico una dissacrante relativizzazione dellrsquoeroe uno dei tanti laquouomini forti onesti e soprattutto ottusiraquo adibiti a laquogrossi e periodici lavori di pulitura del mondoraquo (p 95) A questo simbolo dellrsquoottimismo che non sa bene se egrave giagrave morto o egrave ancora vivo che da Americano crede a tutto e non ha idee personali a questo laquoeroe moralistaraquo (p 92) simbolo della democra-zia e del liberalismo egrave affidato il compito che fu dellrsquoEracle euripideo dovragrave ri-portare in vita la vittima del razzismo nazionalsocialista Con quali risultati ve-dremo

38 Cf n 10 39 Egrave noto che lrsquoeroina non ritorna in vita nellrsquoAlcestis Barcinonensis ma gli esametri pervenuti regi-strano quale ultimo atto della vicenda le sconsolate parole di Alcesti laquoConiux dulcissime coniux [hellip] rapior venit mors ultima venit infernusque deus claudet lsaquo iam rsaquo membra soporeraquo 40 Cf la nota 29

Roberto Vianello

14

Quando il sipario si riapre Roosvelt sta scendendo nel Kursaal dei morti un Aldilagrave irriconoscibile In questa sorta di clinica i morti siedono in attesa di dimen-ticare fino a non esser piugrave fino a finire di morire In una interazione da teatro moderno egrave il pubblico a impersonare il ruolo dei morti Roosvelt si intrattiene con un Direttore invisibile di cui si percepisce la presenza unicamente dalla voce e dai movimenti di una seggiola e di un registro che bisogna immaginare toccati da lui41 La voce del Direttore spiega che nel Kursaal trovano posto quanti non riescono a morire fincheacute nel mondo resta ancora traccia di loro Si tratta di morti illustri che aspirano ora solo allrsquoindifferenza desiderano lrsquoannientamento della lo-ro individualitagrave Gli altri quelli che in vita sembrano vivi ma non sono piugrave vivi dei morti passano e nessuno se ne accorge neacute durante la vita neacute dopo La perma-nenza nella laquoclinicaraquo (p 128) egrave proporzionale alla compattezza della personalitagrave e 41 Vorremmo poter affermare che questo Direttore di Savinio come lrsquointera situazione del Kursaal abbia svolto un qualche ruolo nella immaginazione di Dino Buzzati presente alla prima dello spettacolo e tra i pochi favorevoli al lavoro (CASCETTA 1995 pp 1440 n 87 1441) Ha qualcosa del Direttore del Kursaal infatti il Diavolo-Giacca che nel buzzatiano Poema a fumetti del 1969 sovrintende incorporeo a un Aldilagrave altrettanto sorprendente e straniante

LrsquoAutore (Mario Feliciani) e Roosvelt (Camillo Pilotto)

Archivio Piccolo Teatro di Milano

Alcesti nel Novecento letterario italiano

15

quindi al ricordo che resta tra i vivi Una silenziosa concentrazione aiuta il laquorias-sorbimentoraquo (p 127) Siedono tra questi morti alcuni grandi della storia e alcuni grandi della poesia Rimbaud egrave piugrave lento di Aleardi nel suo percorso verso lrsquoannichilimento I posti di Carducci e Pascoli sono giagrave vuoti Omero invece resi-ste da tremila anni lo laquochiamanoraquo (p 132) troppo dal mondo dei vivi Anche lrsquoAlighieri egrave uno degli ospiti laquopiugrave duriraquo (p 136)

I morti coprono Roosvelt di improperi per il turbamento dellrsquoatarassia da loro cercata e da lui alterata nella pretesa di riportare in vita Teresa Goerz Pregano il Direttore di lasciarlo fare per aver finalmente pace E finalmente laquoun grido di na-scitaraquo o laquodi agonia ldquoinvertitardquoraquo (p 144) annuncia che Teresa sta per tornare tra i vivi Il sipario si chiude La sala del teatro si illumina LrsquoAutore afferra il sipario e lo riapre Teresa torna attraverso il suo ritratto ride sommessamente e chiede percheacute la si voglia vedere lei che egrave laquoil vomito che la Morte rigetta sui viviraquo (p 166) Le sue parole raggelano e non sembrano affatto corrispondere al ruolo di nuova Alcesti che srsquoegrave immaginato ella possa avere Forse il ritorno dai morti egrave possibile nel teatro di Savinio ma non egrave detto che esso corrisponda alle nostre attese E il personaggio dellrsquoAutore osserva che Alcesti rediviva dovrebbe rimet-tere le cose come stavano prima mentre Teresa-Alcesti laquorovescia la parte tradisce lrsquoaspettativaraquo (p 167)

LrsquoAlcesti moderna egrave morta laquoper volontagrave di essereraquo confessa per poter laquofar brilla-re se stessa nella vitaraquo proprio in contrasto con lrsquo laquoasfissia dellrsquoessere che sono i re-gimi totalitariraquo (p 168)42 Ma il suo gesto laquodi vitaraquo sembra aver perso ogni valore per lei Non si tratta di rimpianto per la vita perduta che ella non puograve piugrave amare Teresa non egrave tornata per merito del nuovo Ercole che ha creduto di laquoconciliare morte e vitaraquo (p 176) cosigrave come si egrave illuso di portare pace agli uomini con la sua guerra Ella non egrave tornata per ricominciare la sua vita tra i vivi Troppa differenza la separa ormai da loro egrave altra la sua conoscenza altra la sua sapienza E non egrave tornata solahellip Lrsquoha preceduta la Signora del Profondo lrsquoImmortale la Morte de-terminata a punire lrsquoorrendo delitto di averla riportata in vita Roosvelt cade allrsquoimprovviso lungo disteso Anche Goerz si distende morto E Teresa ignoran-done il cadavere si precipita ad abbracciare ciograve che del suo amato Paul egrave ora in-visibile al pubblico di fronte a lei per proclamargli la sua nuova veritagrave

Ora ti posso dir tutto [hellip] Gli uomini fino a un certo punto percorrono un cammino di vita e vivere egrave la meta del loro cammino Gli uomini allora sono figli [hellip] Ma a partire da quel punto la meta del cammino della vita non egrave piugrave la vita egrave la morte [hellip] Gli uomini allo-ra sono genitori Noi allora [hellip] ci accorgiamo [hellip] che il nostro tempo si abbrevia sempre piugrave Questo il meccanismo di quella vita dalla quale e tu e io siamo usciti Questo il suo dare e il suo avere Questo il suo bilancio [hellip] La vita ricordi egrave rotta tratto tratto da schermi che in-tercettano la visuale Uno di questi sono i figli [hellip] Dolce follia per la nascita di Ghita io sen-tii poi per quella di Claus e le cure per allevare i nostri figli non me le sono risparmiate Ep-pure non so [hellip] io di lagrave dalla dolce follia di lagrave dalle cure vidi distintamente in fondo alla

42 Se lrsquoautore ha pensato in questo luogo al famoso Epitafio di Sicilo ( Ὅσον ζῇς φαίνου ) bisogneragrave at-tribuirgli una specifica volontagrave di dotare la moderna Alcesti di una weltanschauung ldquoellenicardquo

Roberto Vianello

16

mia strada la luce della vita tramontare e sorgere lombra della morte Spaventata Preoccupa-ta No Contenta Profondamente contenta Come della sola veritagrave intravista [hellip] Capisci ora come ben preparata io ero alla morte Capisci ora percheacute la morte non era per me quella spaventosa sorpresa che egrave per altri Capisci ora percheacute io non solo non temevo la morte ma la sentivo come il mio vero destino E quei lagrave credevano spaventarmi imponendomi la morte come un patto ndash come una punizione Imbecilli Paul io mi uccisi per liberare te dalla trappola che quegli imbecilli ti avevano teso Ma questa egrave la versione ufficiale La ragione vera e che ora nella nostra piena identitagrave non ho piugrave motivo di nasconderti egrave che io mi uccisi per affrettare il destino per impazienza della promessa [hellip] In quellaltro mondo ho dato la vi-ta ai miei figli in questa vita do la vita a te Ho attuato la piugrave segreta e assieme la piugrave grande aspirazione della donna essere la sposa e assieme la madre delluomo amato [hellip] Questa immagine di donna viva che ho dovuto indossare prima di venire qui ora prima di an-darmene me la toglierograve di dosso e la lascerograve al suo solito posto Come richiudere dietro a me il muro che ho abbattuto per entrare Tra noi e loro ogni comunicazione saragrave rotta [hellip] Eccomi pronta E tu Ti parragrave di aver traversato una gola Lunghissima e stretta Buia e irta di macigni E finalmente uscire sul mare Su un mare libero infinito Paul Questa libertagrave questo infinito sono io che te li do Vedrai quando ci lasceremo alle spalle la gola buia e stretta la gola irta di macigni tutto lassurdo che i vivi accumulano roccia su roccia assurdo su assurdo [hellip] Ti parragrave di aver attraversato un corridoio Un corridoio molto lungo e mol-to stretto Un corridoio tanto lungo e tanto stretto quanto lunga e quanto stretta egrave stata la tua vita Un corridoio buio Un corridoio sotterraneo [hellip] Un corridoio pieno di armadi di casse di scatole Tanti armadi tante casse tante scatole Pesanti Inamovibili [hellip] Armadi casse scatole piene di roba Che roba Non si sa Nessuno lo sa E ti tocca arrampicarti scavalcare andar carponi passar sotto passar di lato tirandoti dentro la pancia e spingere sollevare e andare andare andare affannato disperato e il corpo pesa e duole e lanima pesa e duole e sempre sudore saliva e pianto giugrave dalla faccia e la paura la paura la paura e volere vo-lere volere non riuscire mai a laquo non volere raquo e questo corridoio che non parla ma tu senti lo stesso che dice laquo no no no raquo E sempre armadi sempre casse sempre scatole Piene di tutto lassurdo di tutta langoscia che gli uomini questi mangiatori dassurdo questi divoratori dangoscia hanno accumulato per secoli e secoli e secoli [hellip] Vedrai quando davanti a noi si apriragrave Che cosa Non so Parliamo ancora una lingua che ormai non serve Dobbiamo dimenticare prima di tutto i significati I significati passati Gli ultimi significati Capovolgerli non basta Dimenticarli Cancellarceli da dosso Che posso dirti Nulla No Tutto Nemmeno E allora Dimentica Paul e sii pronto Ti farograve da madrina Ti presenterograve al nostro direttore Ti raccomanderograve Lo pregherograve di favorirci Di aiutarci a far presto Sai Io laggiugrave ti ho aspettato Quale piugrave grande prova damore Non sono morta per aspettarti An-che se la vostra volontagrave di riavermi quassugrave non avesse fermato laggiugrave il compimento della mia morte io egualmente mi sarei trattenuta di morire ndash per aspettare te Ora egrave passata Risolve-remo presto Che ci trattiene piugrave [hellip] Entreremo nella suprema felicitagrave Pensa Non individui piugrave sciolti nel nulla ndash nel tutto Una parola ancora Lultima In questa lingua che stiamo per abbandonare Ascolta Nascere egrave un atto individuale morire egrave un atto universale Il laquo nostro raquo atto universale Il solo nostro atto universale Questo il grande se-greto della morte Questo il suo immenso bene Vieni Paul [hellip] Sposa tua e madre apro a te luniverso (pp 183-189) Ci chiedevamo prima se la somiglianza della situazione vissuta implicasse ipso

facto la corrispondenza piena tra i tratti costitutivi della nuova eroina e quelli del

Alcesti nel Novecento letterario italiano

17

suo archetipo Bisogneragrave rispondere di no43 Millenni di storia lrsquoesperienza di quella recente ndash dei due grandi conflitti delle delusioni a essi conseguenti delle atrocitagrave e del dolore generale ndash hanno evidentemente lasciato il segno E lunga sullrsquoorizzonte di questo mondo si proietta lrsquoombra del nulla della mancanza di senso dellrsquoassurditagrave del vivere LrsquoAlcesti del Novecento egrave deformata nella sua fi-sionomia dalle conseguenze di una storia che il pensiero stenta a comprendere come razionale o teleologicamente orientata Alcesti di Samuele egrave emblema del destino di un popolo ingiustamente e irragionevolmente sospinto nellrsquoanni-chilimento Egrave forse allegoria di una Europa soggiogata dal totalitarismo e biso-gnosa dello spirito americano per riscattarsi dalla morte44 Egrave soprattutto per chi sappia prescindere dalla contingenza storica rivelatrice di una veritagrave piugrave radicale e universale La morte ha confermato a Teresa una terribile veritagrave giagrave intravvista nel trascorrere della vita Ha squarciato definitivamente per lei una cortina oltre la quale aveva da tempo iniziato a guardare quel velo che secondo certa filosofia ricopre di illusioni lrsquounica indiscutibile veritagrave del mondo il suo essere cieca irra-zionale volontagrave incapace drsquoappagamento e svincolata da qualsiasi morale Le pa-role evidenziate sopra nel testo dichiarano esplicitamente lrsquoascendenza schopen-haueriana di questa visione fatta propria nelle premesse come nelle conclusioni

Come appaiono false assurde alla nuova Alcesti le aspirazioni degli uomini Il suo stesso suicidio egrave stato in fondo un errore tanto piugrave imperdonabile quanto piugrave ha finito per riaffermare un bene ndash quello della vita ndash che dalla prospettiva di quanti ldquonon sono nullardquo 45 si rivela affatto inconsistente nonostante tutta la fati-ca la paura lrsquoangoscia che i vivi finiscono per accumularvi ostacoli e ostacoli su un percorso fatto di assurdo Ma Teresa egrave morta per liberare Paul dalle trappole di questa vita non solo da quella del totalitarismo ha scelto di non essere per af-frettare per lui il disvelamento della veritagrave e dare allrsquoamato la libertagrave quella che consiste nellrsquoannullamento della volontagrave nello scioglimento nel nulla Teresa non egrave lrsquoἀρίστη la cui φιλία viene ricompensata col ritorno allo sposo nel mondo dei vivi Ella egrave una Alcesti alla rovescia che non rimpiange la vita bella sotto la luce del sole Maestra di unrsquoopposta comprensione del mondo sacerdotessa della No-luntas vuole lo sposo con seacute nella felicitagrave di un Nirvana si fa guida dellrsquoamato ndash sorta di antiBeatrice ndash nella dimensione in cui lrsquoindividuo e la sua volontagrave non sono piugrave46 Il suo amore per lo sposo non egrave inferiore a quello dellrsquoantica eroina Questa perograve sceglieva di non essere per donare la vita allrsquoamato ella invece sceglie di non essere per indicare allrsquoamato nellrsquoannullamento totale la suprema felicitagrave ed entrarvi con lui

43 laquoAlcesti non egrave piugrave Alcesti [hellip] Meglio se rimaneva dove stavaraquo proclama il personaggio dellrsquoAutore (SAVINIO 2007 p 167) 44 CASCETTA 1995 p 1418 s 45 laquo ἐν τοῖς οὐκέτrsquo οὖσι λέξοmicroαι raquo (v 322) laquo oὐδέν ἐσθrsquo ὁ κατθανών raquo (v 381) cosigrave si riferisce ai morti lrsquoAlcesti di Euripide 46 Cf CASCETTA 1995 p 1424

Roberto Vianello

18

laquoLa civiltagrave egrave un gioco una distrazione il modo piugrave efficace che noi abbiamo di allontanare dalla nostra mente il pensiero della morteraquo ha scritto qualche tem-po prima Savinio riprendendo forse un Leopardi divenuto straordinariamente at-tuale e riscoperto da due decenni dagli amici de ldquoLa Rondardquo 47 Ma il pensiero del-la morte non puograve piugrave turbare chi della morte non ha piugrave paura ma ha riconosciu-to anzi in essa lrsquounica veritagrave che non chiede piugrave di essere esorcizzata dal gioco di-straente di una coscienza altrimenti disperata LrsquoAlcesti del Novecento egrave lrsquoeroina della negazione di ciograve che lrsquo amor sui del vivente ha creato

LrsquoAlcesti di Raboni

Passiamo a Raboni una delle individualitagrave artistiche piugrave interessanti di fine Novecento spentasi il 16 settembre 2004 Poeta saggista traduttore critico lette-rario e critico teatrale del ldquoCorriere della serardquo I piugrave attenti tra i presenti ricorde-ranno probabilmente le sue apparizioni televisive48 Mondadori ha raccolto in un Meridiano uscito nel 2006 la sua ldquoopera poeticardquo riunendovi con scritti critici sulla poesia e traduzioni poetiche i versi in proprio tra i quali anche il testo di cui ci occupiamo oggi49

Nato a Milano nel rsquo32 Raboni egrave stato ascritto alla cosiddetta linea lombarda della poesia del secolo scorso50 Una scelta delle sue liriche egrave stata significativa-

47 In Dico a te Clio del 1940 ora in SAVINIO 1992 p 88 Lrsquoaffermazione ricorda da vicino (con una coincidenza lessicale) il noto pensiero leopardiano sullrsquoincapacitagrave della ragione di darci la feli-citagrave laquohellipchi si fissasse nella considerazione e nel sentimento continuo del nulla verissimo e certis-simo delle cose [hellip] sarebbe pazzo assolutamente e per ciograve solo giaccheacute volendosi governare se-condo questo incontrastabile principio ognuno vede quali sarebbero le sue operazioni E pure egrave certissimo che tutto quel che facciamo lo facciamo in forza di una distrazione e di una dimentican-za la quale egrave contraria direttamente alla ragione E tuttavia quella sarebbe una verissima pazzia ma la pazzia piugrave ragionevole della terra anzi la sola cosa ragionevole e la sola intera e continua sa-viezza dove le altre non sono se non per intervalliraquo (Zib 103-104) Si veda sul tema RIGONI 1985 111 ss Per lrsquoaffinitagrave di pensiero tra Leopardi e Schopenhauer basti ricordare il citatissimo desan-ctisiano Dialogo tra A e D oggi in DE SANCTIS 1995 (rintracciabile anche allrsquoindirizzo Internet wwwliberliberit) Per la ldquoriscopertardquo del Leopardi da parte degli intellettuali de ldquoLa Rondardquo e di Vincenzo Cardarelli cf CARDARELLI 1981 passim (in particolare pp 721 ss) e CARDARELLI 1985 48 Ne segnaliamo una a ldquoMixer culturardquo su RaiTre (15 febbraio 1988) con Carmelo Bene visualiz-zabile allrsquoindirizzo Internet wwwyoutubecomwatchv=HNFD_Ha58-s In RAI Raboni colla-borograve alla redazione della rubrica televisiva Tuttilibri di Giulio Nascimbeni e condusse una rubrica radiofonica di letteratura e arti (cf RABONI 2006 p XCVII) 49 RABONI 2006 pp 1255 ss Il volume a cura di Rodolfo Zucco offre una Introduzione e una Cro-nologia utili per inquadrare scelte di poetica e rete relazionale dellrsquoAutore Per una prima informa-zione su Raboni (con la possibilitagrave di ascoltarne la voce) si visiti il sito web ufficiale disponibile dal 2007 allrsquoindirizzo wwwgiovanniraboniit 50 La formula risale allrsquoomonima antologia uscita nel rsquo52 per cura di Luciano Anceschi Critica-mente generica si egrave consolidata nel tempo includendovi nomi di autori lombardi per nascita o adozione di generazione piugrave recente per identificare una poesia di attenzione alle cose e portatrice di una vocazione morale Cf RABONI 1987 pp 215-216

Alcesti nel Novecento letterario italiano

19

mente ospitata nel volume Poeti italiani del Novecento di Pier Vincenzo Mengaldo convinto sostenitore del suo valore poetico51 laquoPoeta di cittagraveraquo lo ha definito Zan-zotto laquoanzi di una cittagrave Milano profondamente amata anche se ritratta nei suoi momenti di squallore fin entro la cronaca neraraquo Ma anche laquonaturaliter poeta civi-leraquo portatore di unrsquo laquoetica della responsabilitagrave e del civismoraquo52 lombardo appunto ndash diremmo ndash per quel tanto di istanza etica in poesia che il termine puograve implicare sulla scia di Parini Manzoni Rebora Per Raboni la poesia egrave laquovalore che non si esaurisce in se stesso che non esclude lrsquoimportanza dellrsquoaltro della realtagrave di tutto ciograve che la realtagrave contiene e proponeraquo53 laquoI temi dellrsquoingiustizia della persecuzione del processo iniquo dellrsquoinnocenza ingiustamente perseguitata e punita lrsquoimmagine esplicita o implicita della cittagrave come teatro della peste come conteni-tore di ogni possibile contagio fisico e moraleraquo54 sono i temi di confessata ascen-denza manzoniana che attraversano lrsquointera sua poesia dai Gesta Romanorum rac-colta drsquoesordio55 fino agli Ultimi versi pubblicati postumi passando per le molte raccolte date alla luce56 laquoRimpiazzare il fantasma della poesia con la poesia in carne ossaraquo57 invece il suo programma poetico alla ricerca di laquoqualcosa di possi-bile cioegrave una poesia impura e al limite impoetica infinitamente inclusiva capace di compromettersi con la realtagraveraquo58 Una poesia in progressivo abbandono dellrsquoin-fluenza dei contemporanei ldquocanonicirdquo e attratta dai Sereni Betocchi Luzi ndash ama-ti fin dagli ultimi mesi di guerra quando sfollato da Milano per i bombardamenti del rsquo42 ne trovava le raccolte iniziali in una libreria di Varese ndash e provocata dagli esempi stranieri di un Eliot e di un Pound

Le esigenze odierne ci impediscono di aggiungere molto altro allrsquoesile abboz-zo sin qui condotto Come ci impediscono di gettare lo sguardo su una biografia 51 Cf MENGALDO 1978 Mengaldo introducendo MAGRO 2008 scrive laquoPer me non crsquoegrave dubbio che Giovanni Raboni assieme al grande dialettale Raffaello Baldini egrave stato il poeta di piugrave alto rango in Italia nei decenni piugrave recentiraquo (p 7) Lrsquointroduzione egrave apparsa sul ldquoCorriere della serardquo lrsquo8 Luglio 2008 Su Raboni critico si veda anche MENGALDO 1998 52 A ZANZOTTO Per Giovanni Raboni in RABONI 2006 pp XI ss p XI 53 Cosigrave RABONI 1992 Ora in RABONI 2006 p XCIII Sui termini di accettazione da parte di R dellrsquoappartenenza alla linea lombarda cf ibidem pp CXXXIII-CXXXIV 54 Cosigrave lrsquoautore in Raboni Manzoni Roma Il Ventaglio 1985 pp 19-20 Ora in RABONI 2006 p 1422

55 Raccolta di versi con cui R partecipograve nel 1953 al premio di poesia ldquoIncontri della Gioventugraverdquo ri-sultandone vincitore La raccolta non fu mai pubblicata e alcuni dei testi che la componevano ap-parvero su rivista in appendice a Le case della Vetra nella plaquette fuori commercio dal titolo omo-nimo apparsa nel 1967 La si veda ora in RABONI 2006 56 Nellrsquoordine Il catalogo egrave questo (1961) Lrsquoinsalubritagrave dellrsquoaria (1963) Le case della Vetra (1966) Econo-mia della paura (1970) Cadenza drsquoinganno (1975) Il piugrave freddo anno di grazia (1978) Nel grave sogno (1982) Canzonette mortali (1986) A tanto caro sangue (1988) Versi guerrieri e amorosi (1990) Ogni terzo pensiero (1993) Nel libro della mente (1997) Quare tristis (1998) Barlumi di storia (2002) Si aggiungano alle raccolte citate i due volumi di Tutte le poesie editi da Garzanti nel 1997 e nel 2000

57 Parole di Raboni riportate da CORTELLESSA 2005 p 385

58 Cosigrave Raboni nellrsquointroduzione a Poesia degli anni Sessanta in RABONI 2006 p 209

Roberto Vianello

20

che meglio aiuterebbe la conoscenza dellrsquoartista Ci imbatteremmo in una galleria di figure e istituzioni tra le piugrave note in ambito culturale con le quali il Nostro av-viograve frequentazioni e collaborazioni I nomi di alcune allineati di seguito determi-neranno forse tra i presenti una suggestione sostitutiva di quanto non abbiamo il tempo di dire59 Ascoltiamoli il filosofo Enzo Paci i poeti Carlo Betocchi e Bar-tolo Cattafi il ldquosuordquo Vittorio Sereni e poi Franco Fortini ElioVittorini Dino Buzzati Sergio Solmi Oreste Del Buono E ancora Patrizia Valduga lrsquoultima compagna e Renato Guttuso Vanni Scheiwiller e Livio Garzanti ldquoaut autrdquo ldquoQuaderni piacentinirdquo ldquoQuesto e altrordquo ldquoil verrirdquo ldquoLa cittagraverdquo ldquoParagonerdquo ldquoNuo-vi argomentirdquo i nomi delle riviste con cui collaborograve Garzanti Mondadori Guan-da le editrici maggiori con cui ebbe rapporti o lavorograve Chiudendo ricorderemo tra le moltissime le sue traduzioni delle Fleur di Baudelaire e dellrsquointera Recherche di Proust ma anche ndash particolarmente significativa per noi ndash quella dellrsquoAntigone di Sofocle che appare sotto ogni rispetto snodo di capitale importanza tra lrsquoopera raboniana ldquodi semprerdquo e lrsquoAlcesti oggetto delle nostre cure60 Questa traduzione in versi ci restituisce un Raboni che restando allrsquointerno dei temi civili a lui piugrave con-geniali si misura contemporaneamente ndash ed euforicamente ndash con le possibilitagrave di laquotradurre il sentimentoraquo in un linguaggio moderno ma anche con la capacitagrave di un classico di farsi veicolo esemplare di temi universali61 Operazioni con le quali lo vedremo alle prese nella realizzazione dellrsquoAlcesti della quale egrave finalmente tempo di parlare

Alcesti o La recita dellrsquoesilio vede la luce negli Elefanti Garzanti nel settembre 2002 Il dramma egrave stato richiesto e pensato per il Teatro Olimpico di Vicenza ma egrave destinato a non esservi rappresentato e Raboni che ne ha scritto le ultime scene a Yale nellrsquoaprile dellrsquoanno precedente in occasione del suo primo viaggio negli Sati Uniti dovragrave aspettare altri due anni prima di vederlo in scena La prima avragrave luogo il 7 gennaio 2004 presso il Teatro ldquoSanta Chiarardquo di Brescia ad opera del Centro Teatrale Bresciano per la regia di Cesare Lievi e lrsquointerpretazione di Ester Galazzi Roberto Trifirograve Gianfranco Varetto Francesco Vitale In concomitanza

59 Cf la Cronologia citata alla nota 49 e consultabile sul sito ufficiale 60 La traduzione per la Compagnia del Teatro Carcano diretta da Giulio Bosetti andograve in scena prima dallrsquo8 al 18 giugno 2000 al Teatro Greco di Siracusa poi il 27 settembre dello stesso anno al Teatro Olimpico di Vicenza Di recente Bosetti lrsquoha riportata in scena con un nuovo allestimen-to di cui ha curato personalmente la regia Una scheda del nuovo spettacolo e unrsquointervista allrsquoattore-regista allrsquoindirizzo Internet httpwwwteatroteatroit 61 Si veda a questo proposito RABONI 2000 p 14 ora in RABONI 2006 pp1742 s dove si leggono le seguenti significative parole laquoAntigone con il suo bisogno di dare sepoltura al corpo del fra-tello Polinice morto in battaglia crede di obbedire agli dei Creonte con la sua volontagrave di impe-dirglielo percheacute Polinice egrave morto combattendo contro la sua stessa patria ed egrave dunque di fronte agli uomini un traditore egrave convinto di obbedire alle esigenze della convivenza civile dellrsquoordine del buongoverno Chi ha ragione fra i due Il dibattito egrave aperto da 2500 anni e riguarda davvero [hellip] tutto e tutti in qualsiasi tempo e in qualsiasi luogo la storia di ogni comunitagrave retta da un patto sociale con il suo conflitto forse insanabile fra le ragioni del ldquoprogressordquo e le ragioni della giusti-zia e la vita di ciascuno di noi con il suo conflitto certamente insanabile fra le ragioni della mente e le ragioni del cuoreraquo

Alcesti nel Novecento letterario italiano

21

con lrsquoiniziativa teatrale si tiene in Brescia un ciclo di Seminari promosso dalla se-zione locale dellrsquoUniversitagrave Cattolica del Sacro Cuore dal titolo ldquoSacrifici al fem-minile Alcesti in scena da Euripide a Rabonirdquo e propedeutico per cosigrave dire alla rappresentazione giagrave programmata62 Al ciclo di seminari Raboni interviene il 12 dicembre 2003 parlando di ldquoAlcestirdquo e i disastri del Novecento63 e fornendo egli stesso ndash diremmo ndash le ragioni della nostra scelta odierna di parlarne64

Che Alcesti possa sollecitare la creativitagrave di chi richiesto di pensare a un testo drsquoargomento classico sembra non volere prescindere da un giudizio sulla storia piugrave recente ci pare particolarmente interessante e ci induce a appaiare in certo modo la riflessione di fine secolo che la ritrova protagonista alla riflessione savi-niana sopra indagata di metagrave Novecento Percheacute delle laquolacerazioniraquo della storia piugrave recente ci parla appunto la breve vicenda dei laquotre personaggi in fuga sullo sfondo di una persecuzione storicaraquo che Raboni si impegna a non farci individua-re ma appartiene tutta al laquosecolo terribile che ci siamo appena lasciati alle spalleraquo Ancora piugrave interessante ndash piugrave da fine millennio diremmo ndash il fatto che le lacera-zioni siano accompagnate dalle laquointermittenze del cuoreraquo che alberghino e pro-ducano esse stesse nuove umane lacerazioni nei tre personaggi che sperando di fuggire dalla follia in cui sta accadendo loro di vivere trovano ricovero provviso-rio di notte in un teatro Il frastuono delle sirene di un inseguimento notturno accompagna lrsquoingresso in scena di due uomini e una donna come potrete ascolta-re in questa prima sequenza video65

La donna in questione egrave Sara attrice costretta dallrsquooppressione del regime a

non calcare piugrave le scene Lrsquoaccompagnano Stefano il marito e il suocero Simone cui la donna egrave legata da affetto profondo per lrsquoaffinitagrave intellettuale e di sensibilitagrave che manca invece al suo rapporto con Stefano uomo ldquodrsquoazionerdquo assai diverso dal

62 Coordinati dalle docenti Maria Pia Pattoni e Roberta Carpani i seminari hanno visto la parteci-pazione di eminenti studiosi i cui interventi sono raccolti in PATTONI-CARPANI 2004 La profssa Pattoni ci ha cortesemente messo in contatto con lrsquoAddetto Stampa del CTB Bianca Simoni che ha messo a nostra disposizione il video del dramma di cui sono state proiettate alcune sequenze nel corso della conferenza 63 Per la trascrizione v RABONI 2004 e ora RABONI 2006 pp 1776 ss Da essa vengono le espres-sioni virgolettate al capoverso successivo 64 Ivi comprese le ragioni della scelta del verso certo il mezzo espressivo artistico piugrave congeniale al poeta Raboni ma anche quello da lui ritenuto piugrave necessario al teatro contemporaneo laquopercheacute la presenza del verso del ritmo della scansione metrica dagrave veramente la possibilitagrave di usare il lin-guaggio di tutti i giorni senza mimetismo cioegrave con quel distacco con quella rifrazione con quella torsione senza la quale non si fa teatro e non si fa arteraquo (RABONI 2004 p 441 Ora in RABONI 2006 p 1777 65 La sequenza cui si fa riferimento corrisponde ai primi diciotto versi del dramma Una seconda sequenza video della durata di tredici minuti egrave stata proposta durante la conferenza al termine della presentazione del dramma Pur mantenendo la veste discorsiva di allora abbiamo qui intrec-ciato allrsquoargomentazione i versi di Raboni che il pubblico ha ascoltato solo al suo termine

Roberto Vianello

22

padre Usciti dalla nebbia di fuori per entrare nel temporaneo rifugio possono sperare di sentirsi tranquilli per un porsquo attendendo di venire raccolti e clandesti-namente portati verso la libertagrave Eppure Stefano il marito manifesta un disagio che appare qualcosa di piugrave di una comprensibile connaturata diffidenza quando si chiede fin dalla sua prima battuta se siano finiti in un rifugio o in una trappola laquoSiamo in un teatroraquo66 proclama Sara rassicurante Questa disarmante confidenza nelle possibilitagrave salvifiche di quel luogo la connota fin dalle prime parole come personaggio idealista al limite di una ingenuitagrave irragionevole e non condivisibile che i compagni le rinfacceranno lungo tutta la durata della piegravece Egrave certo parados-sale la situazione di questi personaggi chiamati ad affidare la fuga dai disastri della realtagrave proprio al luogo per eccellenza deputato alla finzione Quel che si direbbe perograve fortuito accadimento sembra poco a poco rafforzarsi fino a farsi certezza in lei attrice che girovagando qua e lagrave scopre drsquoaver giagrave recitato su quel palco-scenico tanto tempo prima nel ruolo di ancella in un antico dramma greco che non ricorda piugrave Alcesti I sospetti di Stefano drsquoaltra parte sono ben giustificati La realtagrave sta per irrompere brutalmente tra le speranze E mentre Sara vagabonda ignara per il teatro alla ricerca delle proprie memorie ndash alla ricerca di seacute ndash Stefa-no informa il vecchio Simone che qualcosa egrave andato storto Gli accordi sono sal-tati o non sono stati compresi Il custode notturno che li ha condotti ligrave ndash figura sinistra temibile nella sua reticente ambiguitagrave nei sottintesi dei suoi silenzi ndash gli ha fatto sapere che ci sono solo due posti per loro soltanto due potranno sottrar-si al laquorischio mortale che incombe sulle loro testeraquo (p 1262) Quel teatro rischia di essere davvero una trappola Si profila per loro una scelta laquofra vivere e morireraquo (p 1265) Si tratta di individuare chi di tre che si amano destinare al sacrificio ulti-ma inattesa vittima del potere violento che si sono illusi di fuggire Poicheacute Stefano non puograve pensare che la scelta ricada su Sara la partita andragrave giocata tra padre e figlio Ed ecco riemergere vecchie incomprensioni conflitti e tensioni moderna-mente riconoscibili sinistri sospetti Ecco riattuarsi uno scontro non nuovo ai lettori di Euripide tra un figlio a rischio di morte e un padre che tiene laquoforsenna-tamente a quel porsquo drsquoalbe e tramontiraquo (p 1291) che gli restano Ecco marcarsi tra i tre incomunicabilitagrave e gelosie acuite se possibile dalla straniante condotta di Sa-ra che nella lotta inesorabile per la sopravvivenza giagrave avviatasi tra i due conduce invece con le memorie la ricostruzione di seacute della sua identitagrave di attrice cercando nel vecchio una complicitagrave che egrave chiaro non attende dallo sposo Proprio per questa via anche Sara entra senza avvedersene nel vero dramma a cui la situazio-ne la contesa daranno lenta progressiva consistenza la recita delle loro vite quali sono realmente proprio in un luogo di suprema finzione qual egrave il teatro la messa in scena di quel che sono davvero nellrsquoimminenza dellrsquoesilio nascosti in quel tea-tro A questo laquogioco della veritagraveraquo Sara partecipa confessando con naturalezza drsquoamarli entrambi laquoMa comrsquoegrave possibile amore mio che tu scopra proprio qui proprio ora qualcosa che egrave vero da sempre che egrave il senso stesso della nostra

66 RABONI 2006 p 1258 A questa edizione faranno riferimento le successive indicazioni di pagi-na tra parentesi

Alcesti nel Novecento letterario italiano

23

vita e cioegrave che io vi amo uno nellrsquoaltro uno a causa dellrsquoaltro qualche volta uno per rimpianto dellrsquoaltro indissolubilmente inestricabilmentehellipraquo(p 1277)

Sara partecipa completamente al vero dramma con tutta se stessa con quan-to della sua storia della sua arte lrsquoha fatta quel che egrave Con quanto ha appreso dalla recita di Alcesti dal sacrificio della laquosua reginaraquo (p 1280) che ha accettato di mori-re per lo sposo dalle battute stesse pronunciate ventrsquoanni prima tra cui vuol ri-cordarne una laquoSoltanto quando lrsquoavragrave perduta sapragrave veramente cosrsquoha perdu-tohellipraquo (p 1279) Una anticipazione ndash una profezia ndash di quanto accadragrave tra breve o forse meglio una esplicitazione del suo modo di intendere del suo modo di es-sere Di ligrave a poco finalmente informata da Simone dellrsquoimminente si opporragrave fie-ramente alla possibilitagrave che si debba scegliere tra loro Mentre infurieragrave a colpi di sospetti e di sarcasmi la lotta tra Simone e Stefano incapaci di morire per gli altri negheragrave solennemente di voler accettare che si finisca laquo uno dei tre a incarnare con amarezza forse con rancore la parte della vittima gli altri due a convivere con lrsquoorrore drsquoaverglielo permesso o suggerito o addirittura impostohellipraquo (p 1292)

Egrave vero bisogna decidere O forse chissagrave non decidere non decidere niente decidere di non deciderehellip Ascoltatemi vi prego Egrave da giorni che io ascolto voi che cerco di abitare nei vostri cuori che mi sforzo di pensare i pensieri di ciascuno di voi nellrsquoorrenda disputa che vi opponehellip(p 1294)

In realtagrave stanno ligrave da appena due ore

[hellip] eppure se ci penso continua a sembrarmi unrsquoeternitagrave unrsquoeternitagrave di stupore di sgomento di pena ad ascoltarvi che vi torturate a vicenda lrsquouno con lrsquoaiuto dellrsquoaltro sempre piugrave a fondo sempre piugrave mortalmente nel vivo a colpi drsquoorgoglio e drsquoironia [hellip] Niente e nessuno lo sapete mi egrave piugrave caro di voi e questo egrave vero sin dal giorno in cui mrsquoavete presa uno per moglie lrsquoaltro per figlia ndash e forse egrave piugrave vero piugrave vero ancora da quando un odio indecifrabile trasformatosi in legge dello Stato

Roberto Vianello

24

mrsquoimpedisce di fare la sola cosa che amo quasi quanto amo voi due recitare [hellip] [hellip] egrave venuto il momento di dirvela tutta drsquoun fiato senza giri di frase senza neanche tentare di convincervi la certezza che mi pesa sul cuore e insieme lo fa piugrave leggero se partire tutti egrave impossibile (e so bene so bene che egrave impossibile) non crsquoegrave che una cosa da fare restare tutti qui (pp 1295 ss)

La salvezza dal teatro Speranza vana Sara sa che in un teatro ci sono passag-

gi impensabili spazi ignorati o creduti impraticabili porte nascostehellip Non le pare irrealistico sperare di celarsi di giorno in quellrsquoambiente labirintico e restarvi tutti insieme uscendo solo la notte a turno e con cautela per procurarsi di che so-pravvivere67 Sente soprattutto di doverlo volere per opporsi a una necessitagrave che ri-fiuta con tutta se stessa proprio per restare se stessa Rimanere lagrave significa rifiu-tarsi di cedere al male respingere il gioco di chi vuol togliere loro lrsquoanima Come sarebbe possibile definire salvezza il rinunciare ad essere quelli che sono laquoampu-tarsi degli affetti piugrave cari tradire tutte le parole dateraquo (p 1294)

Il realismo di Stefano e Simone non sa accettare questo punto di vista Perfi-no lrsquoaccondiscendente suocero finisce per accusare la donna drsquoavere letto da gio-vane troppi romanzi drsquoappendice di non comprendere insomma che la sua egrave posizione illusoria idealistica mentre invece crsquoegrave di mezzo la vita Per i due uomini decidere si deve deve venire individuata la vittima Simone allora escogita un modo per evitare di scegliere tra le ragioni dellrsquouno e dellrsquoaltro tra la prospettiva di vita piugrave lunga del giovane e lrsquoattaccamento del vecchio al tempo che gli resta da vivere Lrsquouso laquoun porsquo ludico e un porsquo statisticoraquo (p 1301) di una vecchia pistola carica sorteggeragrave in una specie di roulette russa il sacrificando La canna non verragrave puntata alla tempia si spareragrave a qualche oggetto Il risultato saragrave garantito in modo incruento ndash ma saragrave garantito ndash da un arnese appartenente alla storia della famiglia intascato chissagrave quanto consapevolmente quale ultima difesa contro lrsquoimprevisto e divenuto allrsquoattuarsi dellrsquoimprevisto autolesionistico mezzo di riso-luzione di un dilemma insolubile arma puntata contro lrsquounitagrave affettiva della fami-glia strumento con cui la sorte decideragrave incolpevolmente il prescelto a laquolasciareraquo con la donna laquolrsquoinferno per il limboraquo (p 1305)

67 La situazione puograve ricordare in certo modo quella realmente vissuta dalla famiglia Frank prima della deportazione a Berger Belsen e soprattutto quella che ispirograve a Truffaut il famoso Lrsquoultimo metrograve (1980) in cui in una Parigi occupata dai nazisti un direttore teatrale ebreo riesce a sottrarsi al peggio nascondendosi nei sotterranei del suo teatro

Alcesti nel Novecento letterario italiano

25

Sara comprende oramai come un muro si opponga tra le sue parole e il cuore dei due E se ne va per non fare piugrave ritorno senza che essi intuiscano la sua vera determinazione laquoNo non piugrave non queste cose Scusami Scusatemiraquo (p 1303) sono le sue ultime parole

Dopo un ultimo contrasto col padre Stefano va infine alla ricerca di un og-getto da trasformare in bersaglio per esercitarvi il gioco della sorte illudendosi nel contempo di poter trovare la donna Ma il Custode apparso drsquoimprovviso gli rivela come sia vana ogni ricerca di lei dato che lrsquoha appena vista uscire o meglio laquoentrare in quella gran nebbia che crsquoegrave lagrave fuori e che lei stessa [hellip] ha parago-nato allrsquoAderaquo (p 1307) Egrave il momento in cui tale personaggio rivela il massimo della sua ambiguitagrave ndash meglio sarebbe dire della sua impenetrabilitagrave ndash con lrsquoapparire aguzzino cinico incapace di pietagrave e col suo contemporaneo proclamar-si mero esecutore di ordini che laquonon sono mai [hellip] degli ordini inumaniraquo (p 1306) Lo spedizioniere ndash come lo hanno definito i nostri personaggi scopertisi fardelli in attesa di spedizione in preda al potere incoercibile delle circostanze ndash lrsquouomo che appare e scompare laquocome la figura della morte in certi campanili goticiraquo (p 1284) pare sapere molto piugrave di quel che svela Egrave tornato a comandare lrsquoabbandono del teatro ma le sue allusioni reticenti le mezze veritagrave suggerite ne svelano il vero ruolo Egli non egrave appena lrsquointermediario per lrsquoattuazione del pia-no concordato Vero deus ex machina egrave piuttosto lrsquoagente chiamato a fare lucida-mente precipitare lrsquoazione scenica verso la sua conclusione la conoscenza vera di un seacute decisamente impresentabile che situazioni disperate stati di necessitagrave acca-de sappiano lasciare emergere Ai due antieroi che protestano di non poter parti-re senza Sara che mentendo a se stessi pretendono di dover far qualcosa per lei nella concitazione dellrsquoobbligata partenza glacialmente il Custode risponde

Fare cosa Non crsquoegrave proprio niente da fare ci sarebbe semmai qualcosa da capire Ma piugrave tardi adesso non ne avete il tempo ricordatevi che dovete partire (p 1308)

Stefano adesso ndash cominciando a comprendere ndash vorrebbe restar ligrave per provare a cercarla Vano tentativo di acquietare la coscienza Egli in realtagrave si lascia presto vilmente travolgere come il padre dalla necessitagrave della congiuntura e dalla cruda imbarazzante veritagrave che finalmente emerge dalle agghiaccianti battute del dramma che srsquoavvia alla conclusione

STEFANO Ma qui possiamo cercarla CUSTODE E in che modo andandovi a ficcare tra le grinfie di chi vi dagrave la caccia Credete a me non avete altra scelta

Roberto Vianello

26

salite su quel camion Oltretutto se ci pensate egrave quello che tutti e due volevate con ogni vostra forza dalla piugrave palese alla piugrave segreta e che anche lei evidentemente ha voluto per voi STEFANO Mahellip SIMONE Quellrsquouomo chiunque sia ha ragione Diamogli retta figlio Io sono vecchio tu sei giovane ma entrambi credo siamo adulti e letterati quanto basta per mutare con lrsquoaiuto del tempo in una specie di dolcezza anche la piugrave atroce delle vergogne Su vieni STEFANO Non potrograve mai perdonartelo SIMONE Neacute io a te Ma ciascuno di noi due vedrai troveragrave il modo di perdonarlo almeno un porsquo a se stesso (pp 1309 s)

La personale convenienza prevale alla fine su ogni buona intenzione Lrsquoalibi dellrsquoimpossibilitagrave drsquoalcuncheacute oscura a pena il significato di disattenzioni indispo-nibilitagrave sorditagrave cui lo spettatore ha assistito sino a poco prima La mancata sin-tonia tra i parenti della nostra recita non trova piugrave spiegazione nella mera differen-za del carattere o nella gelosia Altra egrave lrsquoinconfessata veritagrave quella di scelte dettate dallrsquoistinto puro di conservazione al quale ogni legame affettivo egrave risultato sacri-ficato forse dettate persino da una inconscia volontagrave di liquidare conti da troppo sospesi

Il custode prima di lasciarli comunica che una laquocompagna di viaggioraquo partiragrave insieme a loro Nessuno sa chi sia laquoDicono che sia una reginaraquo ma non si sa di che paese laquoe nemmeno se la parola sia da intendere in senso proprio oppure figuratoraquo (p 1312) Con lei e di lei nessuno dovragrave nemmeno parlare gli ordini mi-steriosi sono tassativi pena il rischio dellrsquoincolumitagrave I due dovranno limitarsi a seguirla a qualche passo di distanza senza azzardare nemmeno con se stessi con-getture sul suo conto che potrebbero risultare addirittura laquoinsopportabiliraquo (ivi) Una donna velata compare sul fondo della scena Egrave Sara riconoscibile al pubbli-co ma laquomisteriosamente mutataraquo (p 1311) Forse la sua presenza porteragrave a com-pimento la recita delle laquolacerazioni della storiaraquo e delle laquointermittenze del cuoreraquo

Alcesti nel Novecento letterario italiano

27

cui lrsquoAutore voleva dar vita e indurragrave i nostri antieroi a capire Forse Egrave dunque per salvar lei che uno di loro tre ha dovuto sacrificarsi ndash chiede Stefano laquoStrana domandaraquo commenta il Custode laquoImproponibileraquo e laquoridicolaraquo

ndash quasi come voler cercare qualcuno nella nebbia se la nebbia egrave cosigrave maledettamente simile agli opachi labirinti dellrsquoAde Ma che senso ha che io cerchi di convincerti di quello di cui solo tu quando e se mai te ne verragrave il coraggio potrai convincere te stesso (p 1313)

Il Custode denuncia in quella domanda lrsquoultimo tentativo di addossare ad altri

una responsabilitagrave propria Alibi velleitario quanto lrsquoirrealistica voglia presto ac-quietata di cercare Sara nella nebbia Solo il coraggio di guardarsi dentro davvero permetteragrave di trovare la veritagrave La veritagrave di viltagrave ed eroismo che ha preso vita nel luogo della finzione il Teatro dove srsquoegrave combattuta la lotta tra lrsquoindole belluina ridestata in due personaggi dalle urgenze delle disgrazie e le esigenze ndash del cuore e della ragione insieme ndash della loro donna Durante lrsquoaccadimento che egrave la recita cui abbiamo assistito i nostri eroi hanno mostrato e forse capito ndash o cominciato a capire ndash di piugrave se stessi mentre lrsquoancella drsquoun tempo srsquoegrave potuta trasformare in re-gina Egrave stato per il suo gesto Egrave stato come altri propone per la sua volontagrave di restare ligrave nel Teatro preferendo laquola veritagrave dellrsquoapparire alla menzogna della real-tagraveraquo68 LrsquoAlcesti di Raboni non racconta di un ritorno dallrsquoaldilagrave Racconta piutto-sto di una fuga dallrsquoinferno nelle coscienze o ndash se si vuole e solo per i due uomi-ni ndash di un ingresso in un loro purgatorio al seguito di una donna laquoimmagine del loro amore e della loro vergognaraquo69

Un fraintendimento novecentesco Il tempo oramai esaurito ci costringe a concludere Resterebbe da porre una

domanda che a nostro giudizio merita di non essere elusa soprattutto alla luce di recenti sviluppi dellrsquoindagine critica Il Novecento ha davvero inteso correttamen-te il rapporto tra lrsquoAlcesti e lrsquoAdmeto consegnati da Euripide agli Ateniesi del 438 aC e al pubblico di ogni epoca Savinio ci ha consegnato un Paul-Admeto inno-cente quanto alla decisione della sposa ma non del tutto riabilitato quanto alle ra-gioni che quel gesto hanno determinato almeno per la parte che puograve avervi avuto

68 LIEVI 2004 p 447 69 RABONI 2004 p 445 Ora in RABONI 2006 p 1782

Roberto Vianello

28

il suo modo di essere sposo (v p 12) Raboni ci presenta uno Stefano-Admeto che accetta ingloriosamente il destino a lui favorevole Il giudizio degli autori no-vecenteschi si abbatte impietoso sullrsquoindividuo maschile della coppia Raboni pa-ragonograve il desiderio finale di cercare Sara alla laquoretoricaraquo disperazione di Admeto in Euripide per una morte che lui aveva laquorichiesto o comunque accettatoraquo70 Kott per citare solo unrsquoaltra voce sulla questione quando riflette sul rapporto tra i co-niugi in Euripide squalifica lo sposo affermando laquoAlcesti egrave unrsquoeroina di tragedia ma ha un marito che viene dalla commediaraquo71

Ci chiediamo e se il Novecento avesse frainteso Se Admeto non avesse avu-to davvero possibilitagrave di scegliere Bisognerebbe certo postulare un secolare fraintendimento Andrebbero indagate inoltre le ragioni dellrsquoamplificazione di quelle che da sempre sono apparse ambiguitagrave e contraddizioni del testo euripi-deo Admeto implora la sposa di non lasciarlo e la rimprovera quasi di abbando-nare oltre a lui i figli proprio mentre la morte la ghermisce Egrave davvero vuota-mente retorica la sua disperazione O un fuorviante pregiudizio moderno ci pre-clude la veritagrave indotti come siamo a biasimarne lrsquointollerabile ingratitudine per un gesto ancor piugrave grande ai nostri occhi in una condizione di subalternitagrave social-mente pretesa Non sarebbe incomprensibile il manifestarsi di tale fastidio nel progressivo maturare di una coscienza di genere tra Ottocento e Novecento e nella ormai conquistata emancipazione femminile Osiamo suggerire tali conside-razioni sulla scia di un interessante intervento critico apparso di recente sulla rivi-sta ldquoMateriali e discussioni per lrsquoanalisi dei testi classicirdquo cui non crsquoegrave tempo di de-dicare oggi lo spazio necessario ma che potragrave essere letto con profitto sul sito del nostro Liceo72

Carlo Brillante vi sostiene lrsquoimplausibilitagrave che Euripide abbia pensato di porta-re in scena un personaggio doppio e contraddittorio quale appare lrsquoAdmeto che riteniamo di conoscere Egli suggerisce invece la sciagurata eventualitagrave che Adme-to non abbia potuto opporsi al sacrificio della sposa richiamando in certo modo i tentativi di moralizzare il personaggio attuati prima dellrsquoOttocento Il critico tut-tavia non egrave vincolato alle necessitagrave etico-artistiche che animarono in passato un Aureli o un Alfieri73 Quel che conduce la sua indagine invece egrave lrsquoesigenza erme-neutica di comprendere quanto resta misconosciuto della vicenda degli sposi mi-tici e della tragedia greca cui forse erroneamente si attribuisce la scelta di insce-nare una ipocrisia poco onorevole e poco edificante Percheacute nulla ci dice il testo euripideo del ruolo di Admeto negli avvenimenti che hanno preceduto lrsquoazione scenica Sappiamo solo che Apollo ingannando le Moire ha ottenuto il dono piugrave prezioso per lrsquoamico descritto per lrsquointero dramma come uomo pio verso la divi-

70 RABONI 2004 p 444 Ora in RABONI 2006 p 1782 71 KOTT 2005 p 104 72 Cf BRILLANTE 2005 La riproduzione del saggio sul sito del Liceo egrave stata autorizzata dalla Re-dazione scientifica della rivista e dalla sua Casa editrice La si legga allrsquoindirizzo Internet wwwgiuseppeveroneseit (Materiali didattici Italiano Vianello Roberto) 73 Cf p 5

Alcesti nel Novecento letterario italiano

29

nitagrave e campione di ospitalitagrave e φιλία Quale rapporto sia intercorso tra il dono i-natteso del dio e la decisione sacrificale di Alcesti non si dice in Euripide neacute ci egrave dato di ipotizzarne aspetti disonorevoli per Admeto di cui sappiamo solo che οὐχ ηὗρε πλὴν γυναικὸς ὃστις ἤθελε θανὼν πρὸ κείνου microηκέτ΄εἰσορᾶν φάος ldquonon trovograve tranne la moglie chi volesse morendo per lui non piugrave vedere la lucerdquo (17-18) Osserva Brillante che il verbo εὑρίσκω laquopuograve designare un ritrovamento casuale senza riferimento a unrsquointenzionalitagrave del soggettoraquo 74 Un valore che e-scluderebbe una richiesta egoistica alla sposa e renderebbe lrsquoofferta di seacute della donna inattesa almeno quanto il dono stesso Il valore del verbo nel contesto egrave certo controverso75 ma di una richiesta esplicita ad Alcesti nel dramma non si fa mai menzione e forse solo un pregiudizio naturale quanto si vuole puograve farla po-stulare Il critico perciograve ipotizza che la possibilitagrave di una morte sostitutiva strap-pata da Apollo alle Moire si configuri come un vero e proprio patto a cui en-trambi i contraenti restano vincolati e che accettato da Admeto egrave divenuto vin-colante anche per lui Admeto non avrebbe dovuto in realtagrave accettare o meno il sacrificio di Alcesti quanto piuttosto scegliere se accettare o meno la vantaggiosa offerta del dio senza poter prevedere lrsquoinattesa offerta di seacute dellrsquoormai insostitui-bile sposa Piugrave generosa di amici e genitori Alcesti avrebbe involontariamente trasformato la piugrave impensabile delle opportunitagrave in un dono avvelenato I doni degli immortali sono spesso inevitabili per gli uomini E il re di Fere non aveva certo motivo di rifiutare il tributo di una divinitagrave amica alla piugrave onorevole delle sue virtugrave Sono solo lrsquoinatteso rifiuto dei genitori e lrsquoimprevista offerta di Alcesti a rendere non piugrave vantaggiosa lrsquoofferta di Apollo quando Thanatos rifiuta di nego-ziare con Apollo una dilazione della morte di Alcesti oramai non crsquoegrave piugrave nulla da fare I rapporti tra uomini e immortali ndash osserviamo noi ndash sono normalmente diffi-cili E spesso ndash continua Brillante ndash i doni degli immortali non corrispondono alle attese di chi li ha sollecitati Altri eroi dopo aver stipulato un patto vantaggioso con la divinitagrave laquosubiscono un male maggiore di quello che speravano di evitareraquo76 Egrave il caso di Idomeneo il re di Creta costretto a uccidere il figlio per aver promes-so a Poseidone di sacrificargli ciograve che avesse incontrato sulla terraferma se fosse scampato al naufragio Stessa sorte subirono la sposa e i figli di Meandro che sti-pulograve un patto analogo con la madre degli dei Cosigrave come accadde alla figlia di Ief-te giudice dellrsquoAntico Testamento che si distinse combattendo contro gli Am-moniti e in cambio della vittoria su di essi promise in olocausto a IHWH ndash scon-sideratamente ndash la persona che per prima fosse uscita dalle porte di casa sua per andargli incontro (Gdc 11 30-39) In tutti questi casi eventi inattesi trasformano nella rovina dellrsquoeroe un patto incautamente ritenuto conveniente Qualcosa di simile andrebbe postulato anche per Admeto che tutto avrebbe potuto prevede-re tranne la dedizione della sposa fino al dono totale di seacute

74 BRILLANTE 2005 p 17 75 Cf ivi n 18 76 Brillante 2005 p 22

Roberto Vianello

30

Dobbiamo veramente terminare Non abbiamo titolo per pronunciarci con competenza sullrsquoipotesi sin qui descritta Se essa dovesse dimostrarsi esatta biso-gnerebbe ripensare lrsquoAlcesti di Euripide e restituire al suo sposo un onore troppo a lungo negato77 Le presunte ombre e ambiguitagrave che lo riguardano risulterebbero illuminate da una luce di sincero affetto per la sposa di vera disperazione per la sua perdita Giusta si rivelerebbe come pretendeva Platone la ricompensa delle virtugrave di entrambi col ritorno in vita di lei Nuova luce prenderebbero poi le letture artistiche del secolo da poco conclusosi che abbiamo fin qui descritto E do-vremmo forse attribuire a evoluzione del costume ai drammi della psiche a traumi della sua storia la valutazione antieroica del rapporto immaginato tra gli sposi in quelle recenti storie Lasciamo alla vostra riflessione le molte osservazioni sin qui proposte Qualsiasi sia la veritagrave su Alcesti e Admeto siete tutti invitati al teatro ldquoDon Boscordquo ad assistere alla rappresentazione che gli studenti del Classi-co ne daranno il prossimo 29 Aprile Grazie

ROBERTO VIANELLO

77 Almeno per quel che concerne il suo rapporto con la sposa Rimarrebbe invero da valutare la sua pretesa di essere sostituito da amici e genitori Per i secondi si potrebbe forse invocare il con-cetto di giustizia generazionale per il quale la piugrave lunga aspettativa di vita del giovane il lungo godi-mento di ricchezze e felicitagrave da parte dei piugrave anziani renderebbero ndash in modo che lascia perplessa la coscienza moderna ndash onorevole la loro dipartita meno disonorevole la richiesta loro diretta Per i primi si dovrebbero forse invocare concetti quali la regalitagrave dellrsquointerlocutore la ragion di Stato la manifestazione concreta di una φιλία attesa dalla sodalitagrave tra pari non invece dallrsquoaffetto di una donna Per entrambi bisogneragrave poi tener presente lrsquoorigine fiabesca della situazione e del dono stesso

Alcesti nel Novecento letterario italiano

31

Indice bibliografico

BASTA DONZELLI 1987 G BASTA DONZELLI Euripide in Dizionario degli scrittori greci e latini Diretto da F DELLA CORTE Milano Marzorati 1987

BRILLANTE 2005 C BRILLANTE LrsquoAlcesti di Euripide il personaggio di Admeto e la struttura del dramma in ldquoMateriali e discussioni per lrsquoanalisi dei testi classicirdquo 54 (2005) pp 9-46

CARDARELLI 1981 V CARDARELLI Opere Milano Mondadori 1981

CARDARELLI 1985 Il testamento letterario di Giacomo Leopardi Pensieri dello Zibaldone scelti annotati e ordinati da Vincenzo Cardarelli Torino Fogravegola 1985 (ri-stampa del fascicolo trimestrale de ldquoLa Rondardquo del giugno 1921)

CASCETTA 1995 A CASCETTA Lrsquo Alcesti di Samuele di Alberto Savinio una tragedia mo-derna in Studia classica Iohanni Tarditi oblata A cura di L BELLONI G MILANESE A PORRO vol II Milano Vita e Pensiero Pubblicazioni dellrsquoUniversitagrave Cattolica 1995 pp 1405-1446

CORTELLESSA 2005 A CORTELLESSA La poesia in carne e ossa postfazione a RABONI 2005

DE SANCTIS 1995 F DE SANCTIS Schopenhauer e Leopardi A cura di F Gnerre e A L Marongiu Milano Edizioni Oberon 1995 (volumetto per la scuola che riproduce il citatissimo Schopenhauer e Leopardi Dialogo tra A e D in Saggi critici A cura di L Russo II Bari Laterza 1952)

EURIPIDE E ALTRI 2006 EURIPIDE WIELAND RILKE YOURCENAR RABONI Alcesti Variazio-ni sul mito Venezia Marsilio 2006

GUIDI 2006 O GUIDI Alberto Savinio profeta dellrsquoUnitagrave Europea in Irregolari novecente-schi Bontempelli Savinio Landolfi Penna Curto Longo Editore Ravenna 2006 pp 29-46

KOTT 2005 J KOTT Alcesti velata in IDEM Divorare gli dei Unrsquointerpretazione della tragedia greca Milano B Mondadori 2005 pp 100-133

LANGELLA 2004 G LANGELLA Lrsquoottimismo della speranza Sullrsquo ldquoAlcestirdquo incompiuta di Al-varo in PATTONI-CARPANI 2004 pp 369-386

LESKY 1925 A LESKY Alkestis Der Mythus und das Drama Wien und Leipzig 1925 (ldquoSitz Akad Wiss Wienrdquo phil-hits Kl 203 2 Abh)

LIEVI 2004 C LIEVI Lrsquo ldquoAlcestirdquo di Giovanni Raboni Riflessione di un regista in PAT-TONI-CARPANI 2004 pp 446-447

MAGRO 2008 F MAGRO Un luogo della veritagrave umana La poesia di Giovanni Raboni Pa-sian di Prato (UD) Campanotto editore 2008

MENGALDO 1978 P V MENGALDO Poeti italiani del Novecento Milano Mondadori 1978 pp 398-402

MENGALDO 1998 P V MENGALDO Profili di critici del Novecento Torino Bollati Borin-ghieri 1998 pp 107-111

MORACE 1983 C ALVARO Alcesti a cura di A M MORACE in ldquoNuovi Annali della Facoltagrave di Magistero dellrsquoUniversitagrave di Messinardquo 1 (1983) pp 729-758

MORACE 2001 A M MORACE La riscrittura del mito nel teatro alvariano in IDEM Orbite novecentesche Napoli Edizioni Scientifiche Italiane 2001 pp 85-103

Roberto Vianello

32

NOSARTI 1992 ANONIMO LrsquoAlcesti di Barcellona A cura di L NOSARTI Bologna Pagrave-tron 1992

PADUANO 2004 G PADUANO Lrsquounitagrave dellrsquo Alcesti e la doppia ricezione in PATTONI-CARPANI 2004 pp 343-359

PATTONI 2004 M P PATTONI Le metamorfosi di Alcesti Dallrsquoarchetipo alle sue rivisitazioni in PATTONI-CARPANI 2004 pp 279-300

PATTONI 2006 M P PATTONI Introduzione a EURIPIDE E ALTRI 2006 pp 9-48

PATTONI-CARPANI 2004 Sacrifici al femminile Alcesti in scena da Euripide a Raboni in ldquoComunica-zioni socialirdquo anno XXVI NS Sez teatro 3 (Settembre-Dicembre 2004)

PEDULLAgrave 1991 W PEDULLAgrave Alberto Savinio Storia esemplare di uno scrittore di avanguar-dia Milano Bompiani 1991

PIETROMARCHI 1986 voce Savinio Alberto in Dizionario critico della letteratura italiana diretto da V BRANCA Torino UTET 1986 pp 98-100

PISCOPO 1973 U PISCOPO Alberto Savinio Milano Mursia 1973

RABONI 1987 G RABONI Poeti del secondo Novecento in Storia della letteratura italiana Diretta da E CECCHI e N SAPEGNO Il Novecento Milano Garzanti 1987 pp 207-248 Ora in RABONI 2005 pp 190-250

RABONI 1992 Sereni a Milano in Per Vittorio Sereni Convegno di poeti Milano Allrsquoinsegna del pesce drsquooro 1992

RABONI 2000 G RABONI Tradurre il sentimento in Tu hai preferito vivere io morire Con Antigone di Sofocle A cura di M G CIANI E F DONADI I quaderni del Teatro Olimpico 6 Vicenza 2000 pp 14-15 Ora in RABONI 2006 PP 1742-1743

RABONI 2004 G RABONI ldquoAlcestirdquoe i disastri del Novecento in PATTONI-CARPANI 2004 pp 441-445

RABONI 2005 G RABONI La poesia che si fa Cronaca e storia del Novecento poetico italia-no 1959-2004 A cura di A CORTELLESSA Milano Garzanti 2005

RABONI 2006 G RABONI Lrsquoopera poetica Milano Mondadori 2006

RAGNI 2002 E RAGNI Savinio mito e mondo classico in Atti del Convegno ldquoIl classico nel-la Roma contemporanea Mito modelli memoriardquo Roma 18-20 ottobre 2000 A cura di FERNANDA ROSSETTI Istituto Nazionale di Studi Romani 2002 vol I pp 71-105

REALE 1991 PLATONE Tutti gli scritti A cura di G REALE Milano Rusconi 1991

RIGONI 1985 M A RIGONI Saggi sul pensiero Leopardiano Napoli Liguori 1985

SAVINIO 1992 A SAVINIO Dico a te Clio Milano Adelphi 1992

SAVINIO 2007 A SAVINIO Alcesti di Samuele e atti unici A cura di A TINTERRI Mila-no Adelphi Edizioni 20072

SUSANETTI 2001 D SUSANETTI La favola bella della morte in Euripide Alcesti A cura di IDEM Venezia Marsilio 2001

SUSANETTI 2004 D SUSANETTI Alcesti sacrificio e resurrezione Elementi di un mito con sei variazioni in PATTONI-CARPANI 2004 pp 307-327

Alcesti nel Novecento letterario italiano

33

TELOgrave 2004 M TELOgrave lsquoAspettando Ercolersquo Universalismo mitico e primitivismo romantico in ldquoLe mystere drsquoAlcesterdquo di M Yourcenar in PATTONI-CARPANI 2004 pp 387-410

USAI 2005 A USAI Il mito nellrsquoopera letteraria e pittorica di Alberto Savinio Roma E-dizioni Nuova Cultura 2005

VIVARELLI 1996 Alberto Savinio Catalogo generale A cura di P VIVARELLI Milano Elec-ta 1996

WILSON 1968 Twentieth Century Interpretations of Euripidesrsquo Alcestis A collection of Critical Essays Edited by J R WILSON Englewood Cliffs N J Prentice-Hall 1968

ltlt ASCII85EncodePages false AllowTransparency false AutoPositionEPSFiles true AutoRotatePages None Binding Left CalGrayProfile (Dot Gain 20) CalRGBProfile (sRGB IEC61966-21) CalCMYKProfile (US Web Coated 050SWOP051 v2) sRGBProfile (sRGB IEC61966-21) CannotEmbedFontPolicy Error CompatibilityLevel 14 CompressObjects Tags CompressPages true ConvertImagesToIndexed true PassThroughJPEGImages true CreateJDFFile false CreateJobTicket false DefaultRenderingIntent Default DetectBlends true ColorConversionStrategy LeaveColorUnchanged DoThumbnails false EmbedAllFonts true EmbedJobOptions true DSCReportingLevel 0 EmitDSCWarnings false EndPage -1 ImageMemory 1048576 LockDistillerParams false MaxSubsetPct 100 Optimize true OPM 1 ParseDSCComments true ParseDSCCommentsForDocInfo true PreserveCopyPage true PreserveEPSInfo true PreserveHalftoneInfo false PreserveOPIComments false PreserveOverprintSettings true StartPage 1 SubsetFonts true TransferFunctionInfo Apply UCRandBGInfo Preserve UsePrologue false ColorSettingsFile () AlwaysEmbed [ true ] NeverEmbed [ true ] AntiAliasColorImages false DownsampleColorImages true ColorImageDownsampleType Bicubic ColorImageResolution 300 ColorImageDepth -1 ColorImageDownsampleThreshold 150000 EncodeColorImages true ColorImageFilter DCTEncode AutoFilterColorImages true ColorImageAutoFilterStrategy JPEG ColorACSImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt ColorImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt JPEG2000ColorACSImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt JPEG2000ColorImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt AntiAliasGrayImages false DownsampleGrayImages true GrayImageDownsampleType Bicubic GrayImageResolution 300 GrayImageDepth -1 GrayImageDownsampleThreshold 150000 EncodeGrayImages true GrayImageFilter DCTEncode AutoFilterGrayImages true GrayImageAutoFilterStrategy JPEG GrayACSImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt GrayImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt JPEG2000GrayACSImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt JPEG2000GrayImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt AntiAliasMonoImages false DownsampleMonoImages true MonoImageDownsampleType Bicubic MonoImageResolution 1200 MonoImageDepth -1 MonoImageDownsampleThreshold 150000 EncodeMonoImages true MonoImageFilter CCITTFaxEncode MonoImageDict ltlt K -1 gtgt AllowPSXObjects false PDFX1aCheck false PDFX3Check false PDFXCompliantPDFOnly false PDFXNoTrimBoxError true PDFXTrimBoxToMediaBoxOffset [ 000000 000000 000000 000000 ] PDFXSetBleedBoxToMediaBox true PDFXBleedBoxToTrimBoxOffset [ 000000 000000 000000 000000 ] PDFXOutputIntentProfile () PDFXOutputCondition () PDFXRegistryName (httpwwwcolororg) PDFXTrapped Unknown Description ltlt ENU (Use these settings to create PDF documents with higher image resolution for high quality pre-press printing The PDF documents can be opened with Acrobat and Reader 50 and later These settings require font embedding) JPN ltFEFF3053306e8a2d5b9a306f30019ad889e350cf5ea6753b50cf3092542b308030d730ea30d730ec30b9537052377528306e00200050004400460020658766f830924f5c62103059308b3068304d306b4f7f75283057307e305930023053306e8a2d5b9a30674f5c62103057305f00200050004400460020658766f8306f0020004100630072006f0062006100740020304a30883073002000520065006100640065007200200035002e003000204ee5964d30678868793a3067304d307e305930023053306e8a2d5b9a306b306f30d530a930f330c8306e57cb30818fbc307f304c5fc59808306730593002gt FRA ltFEFF004f007000740069006f006e007300200070006f0075007200200063007200e900650072002000640065007300200064006f00630075006d0065006e00740073002000500044004600200064006f007400e900730020006400270075006e00650020007200e90073006f006c007500740069006f006e002000e9006c0065007600e9006500200070006f0075007200200075006e00650020007100750061006c0069007400e90020006400270069006d007000720065007300730069006f006e00200070007200e9007000720065007300730065002e0020005500740069006c006900730065007a0020004100630072006f0062006100740020006f00750020005200650061006400650072002c002000760065007200730069006f006e00200035002e00300020006f007500200075006c007400e9007200690065007500720065002c00200070006f007500720020006c006500730020006f00750076007200690072002e0020004c00270069006e0063006f00720070006f0072006100740069006f006e002000640065007300200070006f006c0069006300650073002000650073007400200072006500710075006900730065002egt DEU ltFEFF00560065007200770065006e00640065006e0020005300690065002000640069006500730065002000450069006e007300740065006c006c0075006e00670065006e0020007a0075006d002000450072007300740065006c006c0065006e00200076006f006e0020005000440046002d0044006f006b0075006d0065006e00740065006e0020006d00690074002000650069006e006500720020006800f60068006500720065006e002000420069006c0064006100750066006c00f600730075006e0067002c00200075006d002000650069006e00650020007100750061006c00690074006100740069007600200068006f006300680077006500720074006900670065002000410075007300670061006200650020006600fc0072002000640069006500200044007200750063006b0076006f0072007300740075006600650020007a0075002000650072007a00690065006c0065006e002e00200044006900650020005000440046002d0044006f006b0075006d0065006e007400650020006b00f6006e006e0065006e0020006d006900740020004100630072006f0062006100740020006f0064006500720020006d00690074002000640065006d002000520065006100640065007200200035002e003000200075006e00640020006800f600680065007200200067006500f600660066006e00650074002000770065007200640065006e002e00200042006500690020006400690065007300650072002000450069006e007300740065006c006c0075006e00670020006900730074002000650069006e00650020005300630068007200690066007400650069006e00620065007400740075006e00670020006500720066006f0072006400650072006c006900630068002egt PTB ltFEFF005500740069006c0069007a006500200065007300740061007300200063006f006e00660069006700750072006100e700f5006500730020007000610072006100200063007200690061007200200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200063006f006d00200075006d00610020007200650073006f006c007500e700e3006f00200064006500200069006d006100670065006d0020007300750070006500720069006f0072002000700061007200610020006f006200740065007200200075006d00610020007100750061006c0069006400610064006500200064006500200069006d0070007200650073007300e3006f0020006d0065006c0068006f0072002e0020004f007300200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200070006f00640065006d0020007300650072002000610062006500720074006f007300200063006f006d0020006f0020004100630072006f006200610074002c002000520065006100640065007200200035002e00300020006500200070006f00730074006500720069006f0072002e00200045007300740061007300200063006f006e00660069006700750072006100e700f50065007300200072006500710075006500720065006d00200069006e0063006f00720070006f0072006100e700e3006f00200064006500200066006f006e00740065002egt DAN ltFEFF004200720075006700200064006900730073006500200069006e0064007300740069006c006c0069006e006700650072002000740069006c0020006100740020006f0070007200650074007400650020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006d006500640020006800f8006a006500720065002000620069006c006c00650064006f0070006c00f80073006e0069006e0067002000740069006c0020007000720065002d00700072006500730073002d007500640073006b007200690076006e0069006e0067002000690020006800f8006a0020006b00760061006c0069007400650074002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e007400650072006e00650020006b0061006e002000e50062006e006500730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f0067002000520065006100640065007200200035002e00300020006f00670020006e0079006500720065002e00200044006900730073006500200069006e0064007300740069006c006c0069006e0067006500720020006b007200e600760065007200200069006e0074006500670072006500720069006e006700200061006600200073006b007200690066007400740079007000650072002egt NLD ltFEFF004700650062007200750069006b002000640065007a006500200069006e007300740065006c006c0069006e00670065006e0020006f006d0020005000440046002d0064006f00630075006d0065006e00740065006e0020007400650020006d0061006b0065006e0020006d00650074002000650065006e00200068006f00670065002000610066006200650065006c00640069006e00670073007200650073006f006c007500740069006500200076006f006f0072002000610066006400720075006b006b0065006e0020006d0065007400200068006f006700650020006b00770061006c0069007400650069007400200069006e002000650065006e002000700072006500700072006500730073002d006f006d0067006500760069006e0067002e0020004400650020005000440046002d0064006f00630075006d0065006e00740065006e0020006b0075006e006e0065006e00200077006f007200640065006e002000670065006f00700065006e00640020006d006500740020004100630072006f00620061007400200065006e002000520065006100640065007200200035002e003000200065006e00200068006f006700650072002e002000420069006a002000640065007a006500200069006e007300740065006c006c0069006e00670020006d006f006500740065006e00200066006f006e007400730020007a0069006a006e00200069006e006700650073006c006f00740065006e002egt ESP ltFEFF0055007300650020006500730074006100730020006f007000630069006f006e006500730020007000610072006100200063007200650061007200200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200063006f006e0020006d00610079006f00720020007200650073006f006c00750063006900f3006e00200064006500200069006d006100670065006e00200071007500650020007000650072006d006900740061006e0020006f006200740065006e0065007200200063006f007000690061007300200064006500200070007200650069006d0070007200650073006900f3006e0020006400650020006d00610079006f0072002000630061006c0069006400610064002e0020004c006f007300200064006f00630075006d0065006e0074006f00730020005000440046002000730065002000700075006500640065006e00200061006200720069007200200063006f006e0020004100630072006f00620061007400200079002000520065006100640065007200200035002e003000200079002000760065007200730069006f006e0065007300200070006f00730074006500720069006f007200650073002e0020004500730074006100200063006f006e0066006900670075007200610063006900f3006e0020007200650071007500690065007200650020006c006100200069006e0063007200750073007400610063006900f3006e0020006400650020006600750065006e007400650073002egt SUO ltFEFF004e00e4006900640065006e002000610073006500740075007300740065006e0020006100760075006c006c006100200076006f0069006400610061006e0020006c0075006f006400610020005000440046002d0061007300690061006b00690072006a006f006a0061002c0020006a006f006900640065006e002000740075006c006f0073007400750073006c00610061007400750020006f006e0020006b006f0072006b006500610020006a00610020006b007500760061006e0020007400610072006b006b007500750073002000730075007500720069002e0020005000440046002d0061007300690061006b00690072006a0061007400200076006f0069006400610061006e0020006100760061007400610020004100630072006f006200610074002d0020006a0061002000520065006100640065007200200035002e00300020002d006f0068006a0065006c006d0061006c006c0061002000740061006900200075007500640065006d006d0061006c006c0061002000760065007200730069006f006c006c0061002e0020004e00e4006d00e4002000610073006500740075006b0073006500740020006500640065006c006c00790074007400e4007600e4007400200066006f006e0074007400690065006e002000750070006f00740075007300740061002egt ITA ltFEFF00550073006100720065002000710075006500730074006500200069006d0070006f007300740061007a0069006f006e00690020007000650072002000630072006500610072006500200064006f00630075006d0065006e00740069002000500044004600200063006f006e00200075006e00610020007200690073006f006c0075007a0069006f006e00650020006d0061006700670069006f00720065002000700065007200200075006e00610020007100750061006c0069007400e00020006400690020007000720065007300740061006d007000610020006d00690067006c0069006f00720065002e0020004900200064006f00630075006d0065006e00740069002000500044004600200070006f00730073006f006e006f0020006500730073006500720065002000610070006500720074006900200063006f006e0020004100630072006f00620061007400200065002000520065006100640065007200200035002e003000200065002000760065007200730069006f006e006900200073007500630063006500730073006900760065002e002000510075006500730074006500200069006d0070006f007300740061007a0069006f006e006900200072006900630068006900650064006f006e006f0020006c002700750073006f00200064006900200066006f006e007400200069006e0063006f00720070006f0072006100740069002egt NOR ltFEFF004200720075006b00200064006900730073006500200069006e006e007300740069006c006c0069006e00670065006e0065002000740069006c002000e50020006f00700070007200650074007400650020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006d006500640020006800f80079006500720065002000620069006c00640065006f00700070006c00f80073006e0069006e006700200066006f00720020006800f800790020007500740073006b00720069006600740073006b00760061006c00690074006500740020006600f800720020007400720079006b006b002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006b0061006e002000e50070006e006500730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f0067002000520065006100640065007200200035002e00300020006f0067002000730065006e006500720065002e00200044006900730073006500200069006e006e007300740069006c006c0069006e00670065006e00650020006b0072006500760065007200200073006b00720069006600740069006e006e00620079006700670069006e0067002egt SVE ltFEFF0041006e007600e4006e00640020006400650020006800e4007200200069006e0073007400e4006c006c006e0069006e006700610072006e00610020006e00e40072002000640075002000760069006c006c00200073006b0061007000610020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e00740020006d006500640020006800f6006700720065002000620069006c0064007500700070006c00f60073006e0069006e00670020006600f60072002000700072006500700072006500730073007500740073006b0072006900660074006500720020006100760020006800f600670020006b00760061006c0069007400650074002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e00740065006e0020006b0061006e002000f600700070006e006100730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f00630068002000520065006100640065007200200035002e003000200065006c006c00650072002000730065006e006100720065002e00200044006500730073006100200069006e0073007400e4006c006c006e0069006e0067006100720020006b007200e400760065007200200069006e006b006c00750064006500720069006e00670020006100760020007400650063006b0065006e0073006e006900740074002egt KOR ltFEFFace0d488c9c8c7580020d504b9acd504b808c2a40020d488c9c8c7440020c5bbae300020c704d5740020ace0d574c0c1b3c4c7580020c774bbf8c9c0b97c0020c0acc6a9d558c5ec00200050004400460020bb38c11cb97c0020b9ccb4e4b824ba740020c7740020c124c815c7440020c0acc6a9d558c2edc2dcc624002e0020c7740020c124c815c7440020c0acc6a9d558c5ec0020b9ccb4e000200050004400460020bb38c11cb2940020004100630072006f0062006100740020bc0f002000520065006100640065007200200035002e00300020c774c0c1c5d0c11c0020c5f40020c2180020c788c2b5b2c8b2e4002e0020c7740020c124c815c7440020c801c6a9d558b824ba740020ae00af340020d3ecd5680020ae30b2a5c7440020c0acc6a9d574c57c0020d569b2c8b2e4002egt CHS ltFEFF4f7f75288fd94e9b8bbe7f6e521b5efa76840020005000440046002065876863ff0c5c065305542b66f49ad8768456fe50cf52068fa87387ff0c4ee575284e8e9ad88d2891cf76845370524d6253537030028be5002000500044004600206587686353ef4ee54f7f752800200020004100630072006f00620061007400204e0e002000520065006100640065007200200035002e00300020548c66f49ad87248672c62535f0030028fd94e9b8bbe7f6e89816c425d4c51655b574f533002gt CHT ltFEFF4f7f752890194e9b8a2d5b9a5efa7acb76840020005000440046002065874ef65305542b8f039ad876845f7150cf89e367905ea6ff0c9069752865bc9ad854c18cea76845370524d521753703002005000440046002065874ef653ef4ee54f7f75280020004100630072006f0062006100740020548c002000520065006100640065007200200035002e0030002053ca66f465b07248672c4f86958b555f300290194e9b8a2d5b9a89816c425d4c51655b57578b3002gt gtgtgtgt setdistillerparamsltlt HWResolution [2400 2400] PageSize [595000 842000]gtgt setpagedevice

Page 2: Alcesti nel Novecento letterario italianoprofvianello.altervista.org/files/alcesti_nel_novecento_letterario... · Alcesti nel Novecento letterario italiano 5 La questione morale e

Roberto Vianello

2

LrsquoAlcesti di Euripide

Iniziamo a beneficio dei presenti da alcune sintetiche informazioni in merito

alla vicenda dellrsquoeroina cosigrave come ci egrave pervenuta nella versione di Euripide Alcesti va in scena nel teatro di Atene in occasione delle Grandi Dionisie del

438 aC Egrave il quarto dei drammi della tetralogia mediante la quale Euripide conse-gue il secondo posto nellrsquoagone scenico di quellrsquoanno dietro al grande Sofocle Egrave

noto che in essa lrsquoautore si rifagrave a un omonimo dramma di Frinico drammaturgo della generazione precedente cosigrave come egrave noto sin dalle indagini del Lesky il fat-to che in essa lrsquoautore riprende e mette in scena non senza tensioni due temi fol-clorici assai diffusi lrsquoofferta della vita da parte dellrsquoamante per lrsquoamatoa la lotta dellrsquoeroe col demone della morte per salvare la giovane vita offerta2

2 Per la diffusione dei temi folclorici citati la distinzione geografica dellrsquoidentitagrave di genere dellrsquoamante le tensioni determinate dalla azione scenica del tema fiabesco si vedano ora oltre al classico LESKY 1925 SUSANETTI 2001 SUSANETTI 2004 PATTONI 2004 BRILLANTE 2005 PAT-TONI 2006 studi ai quali siamo debitori di gran parte delle osservazioni successive A essi rinvia-mo per una comprensione drsquoinsieme del dramma euripideo e per una bibliografia specifica Per un

La III Classico rsquo07-rsquo08 porta in scena Alcesti di Euripide al Teatro greco dellrsquoantica Akrai

Alcesti nel Novecento letterario italiano

3

La vicenda ha luogo a Fere in Tessaglia Lrsquoantefatto egrave come sempre nel tea-tro greco ben presente al pubblico Zeus ha fulminato Asclepio figlio di Apollo per aver risuscitato degli uomini per avere cioegrave sovvertito le leggi di natura me-diante il sapere medico appreso dal centauro Chirone sui monti della regione Apollo ha reagito per vendetta sterminando i Ciclopi artefici del fulmine Zeus lo ha dunque punito relegandolo in una condizione servile presso il mortale Adme-to uno degli eroi dellrsquoimpresa del vello drsquooro Di questo mortale il dio ha pascola-to per un anno gli armenti Ma Apollo durante il suo servizio ha conosciuto la non comune generositagrave del re di Fere la sua ospitalitagrave la sua amicizia Quale ri-compensa ha immaginato per lui un dono speciale Ha ottenuto dalle Moire u-briacandole che Admeto giunto il giorno fatale possa non morire ove qualcuno sia disposto a offrirsi al suo posto Admeto cercando invano non ha trovato al-cuno pronto a sostituirsi a lui nel giorno terribile tranne la sua sposa

Egrave a questo punto che prende inizio lrsquoazione scenica euripidea Egrave giunto il giorno di Alcesti Crsquoegrave silenzio nel palazzo reale Unrsquoancella esce a narrare la ldquove-stizionerdquo dellrsquo ἀρίστη Alcesti la migliore delle donne che al pari di un eroe omeri-co si prepara ritualmente alla ldquobella morterdquo laquoMuoio percheacute trsquoonororaquo (vv 282 s) ndash dice in scena al marito laquoNon ho voluto vivere senza di teraquo (vv 287 s) In cam-bio di questa sua φιλία in cambio dello speciale manifestarsi del suo affetto in un favore inaudito Alcesti chiede allo sposo fedeltagrave postuma E muore Admeto prima del rito funebre si scontra violentemente col padre accusandolo di non aver saputo sacrificarsi in nome di una giustizia generazionale che avrebbe per-messo a lui un gesto degno del rango e dellrsquoetagrave ad Alcesti la sopravvivenza Giunge a Fere Eracle ospite ignaro di un Admeto che non sa rinunciare alla piugrave caratteristica delle norme del mondo aristocratico ellenico il dovere di reciprocitagrave verso gli amici e di ospitalitagrave verso gli stranieri Quando conosce la sciagura cela-tagli Eracle strappa Alcesti alla morte e la restituisce a un incredulo Admeto Ve-lata toccata dalla morte la donna non potragrave parlare fino allrsquoalba del terzo giorno

Alcesti egrave testo complesso Temi diversi vi srsquoincrociano e sovrappongono tra spinte di segno opposto Egrave potuto sembrare testo ambiguo3 a partire dal suo stesso genere tragedia o dramma satiresco Sicuramente egrave creazione mirata a in-scenare tensioni di rilievo Egrave storia di un sacrificio per amore frutto di φιλία 4 ma anche di un rifiuto consapevole di quella che la protagonista immagina come una vita depauperata5 Egrave riflessione sulla profonda tensione tra il laquodebito che tutti dobbiamo pagareraquo ndash la morte ndash e la speranza assurda ma tenace che morire non sia necessario6 Egrave messa in scena della difficoltagrave di elaborare un lutto al tempo inquadramento sintetico e una bibliografia drsquoinsieme su Euripide cf invece BASTA DONZELLI 1987 3 Si veda ad es KOTT 2005 laquoEgrave una strana opera [hellip] Tutto in essa hellip viene usato in modo da presentare come parodia crudele la resurrezione di Alcesti Se egrave una tragedia si autoconsumaraquo (p 101) 4 SUSANETTI 2001 p 22 5 PATTONI 2004 pp 286-289 6 SUSANETTI 2001 pp 9-10

Roberto Vianello

4

stesso enciclopedia del rito funebre e riserva di strategie umane contro Ἀνάγκη la dura Necessitagrave7 Egrave anche narrazione di un ribaltamento del codice eroico-aristocratico per il quale una donna straordinaria muore per ldquodifendererdquo lrsquo ωἶκος mentre a piangerla resta il marito8 Egrave infine ndash ma solo per ridurre al minimo que-ste note sintetiche ndash spazio di unrsquoopposizione caratteristica della civiltagrave occidenta-le il contrasto cioegrave tra un sapere che pretenda il controllo del reale e quella che potrebbe chiamarsi la sapienza del cuore su ben altro avvezza a fondare certezze e strategie di vita Percheacute il Coro nel quinto stasimo del dramma proclama lrsquoimpossibilitagrave di trovare in alcuna dottrina un φάρmicroακον contro la spietata Ἀνάγκη denunciando la presuntuosa inadeguatezza di qualsiasi τέχνη fondata sulla cono-scenza di fronte al male per eccellenza Ma a tale sconsolata certezza il finale con-trappone invece lrsquoinattesa superioritagrave della φιλία che riesce dove la τέχνη ha falli-to strappando alla morte Alcesti Condivide Euripide la lettura platonica del mi-to9 Relega tale vittoria nel tempo del mito per proclamarne razionalisticamente lrsquoimpossibilitagrave nella vita reale10

Certo nellrsquointreccio di avvenimenti e prospettive appare delinearsi con nettez-za una separazione una lontananza tra i due protagonisti della vicenda Vi si con-trappogono personaggi di tempra e indole non comparabile Alcesti egrave figura eroi-ca egrave un exemplum Egrave degna di essere cantata dai poeti e che il suo sepolcro diven-ga un altare Ella merita la resurrezione Alcesti egrave Admeto invece caro agli dei capace lui pure di φιλία vive una situazione imbarazzante e contraddittoria Il sa-crificio volontario della sposa invertendo i ruoli tradizionali lo lascia spettatore passivo accusabile di debolezza e viltagrave Admeto in fondo non egrave quel che vor-remmo11 Egrave figura impresentabile ai moderni ndash obscaena nel senso etimologico del termine Non lo riscatta ai nostri occhi neppure la considerazione della progressi-va comprensione cui sarebbe chiamato dal ruolo assegnatogli nel dramma chi non la considererebbe tardiva Certamente troppo tardiva indegna della pronta ἀριστεία della sua donna12 il cui sacrificio pure nessuno tranne il padre gli rim-provera mai drsquoavere accettato13

7 SUSANETTI 2001 pp 15-16 23 PATTONI 2004 285-287 8 PATTONI 2006 p 14 9 laquo E questo gesto da lei compiuto parve cosigrave bello non solo agli uomini ma anche agli degravei al pun-to che questi pur avendo concesso solamente a pochissimi uomini fra i molti che compirono molte buone azioni il dono di lasciar tornare lrsquoanima dallrsquoAde tuttavia lasciarono tornare la sua a-nima meravigliati della sua azione In questo modo anche gli degravei onorarono lrsquoimpegno e la virtugrave a servizio dellrsquoamore raquo (Platone Simposio 179 C-D REALE 1991 Anni Ottanta-Settanta del IV sec a C) 10 WILSON 1968 raccogliendo saggi critici novecenteschi sul dramma si chiede laquois the salvation of Alcestis hellip a sardonic lsquoand so they lived happily ever afterrsquo hellip raquo (p 1) 11 Cf SUSANETTI 2001 p 28 12 Cf il motivo dellrsquo ἄρτι microανθάνω (v 940 ldquofinalmente comprendordquo) 13 Cf SUSANETTI 2004 pp 308 e 313

Alcesti nel Novecento letterario italiano

5

La questione morale e la ldquodoppia ricezionerdquo

La fortuna del tema egrave largamente attestata in letteratura e in arte tra gli anti-

chi e tra i moderni14 Ammirazione e riflessione hanno accompagnato la vicenda dei due mitici sposi a partire dal V secolo a C in un durevole seguito di rivisita-zioni e riscritture ingiustificabili senza la percezione di una qualche paradigmati-citagrave ancor viva15

Si evidenzia in questa catena di recuperi quella che egrave stata definita la ldquodoppia ricezionerdquo del capolavoro euripideo16 Si sono avuti cioegrave due diversi atteggiamenti tra i moderni di fronte alla storia di Alcesti e Admeto per lo piugrave secondo una di-stinzione cronologicamente ben definibile

Fino a tutto il Settecento le riflessioni sulle vicende della coppia mitica edifi-cate dalla limpidezza del gesto di lei hanno mostrato un evidente disagio per lrsquo ἔθος discutibile dellrsquoimpresentabile Admeto per lrsquoaccettazione del sacrificio della consorte per lo stesso atteggiamento impius nei confronti dei genitori del padre in special modo aggredito verbalmente senza rispetto alcuno La morale dei tem-pi nuovi comportava una valutazione diversa di parte di quella condotta ambi-

14 Per la ricostruzione puntuale delle tappe letterarie di questa fortuna rinviamo ai giagrave citati SUSA-NETTI e PATTONI Si vedano in particolare gli atti del ciclo di seminari promossi a Brescia nel 2003 dallrsquoUniversitagrave Cattolica del Sacro Cuore in PATTONI-CARPANI 2004 Senza presumere di adden-trarci in un ambito che non ci compete segnaliamo quale evidenza della diffusione del tema il noto cratere etrusco a figure rosse (340-330 aC) conservato alla Bibliothegraveque Nationale di Parigi nel quale Alcesti abbraccia Admeto tra le figure di Caru e Thuchulcha Lo si veda allrsquoindirizzo wwwsaeculait (sezione Immagini etrusche) 15 Lasciamo alla consultazione dei saggi citati unrsquoinformazione completa comprensiva di opere perdute scolii frammenti testimonianze citazioni e allusioni letterarie Diamo di seguito il sem-plice elenco di opere che hanno ripreso in modo significativo il personaggio la sua lunghezza te-stimonieragrave efficacemente la persistente fortuna Palefato Περί ἀπίστων (Sulle storie incredibili inizio III sec aC) Alcestis Barcinonensis (III-IV sec dC) Alcesta (V sec d C) in Anthologia Latina Ge-offrey Chaucer Legend of Good Women (1385 ) Hans Sachs Tragoedia von der Getrewen Frau Alkestis und ihrem getrewen Mann Admeto (1551) Alexandre Hardy Alceste ou la fideacuteliteacute (1602) Aurelio Aureli LrsquoAntigona delusa drsquoAlceste (1664) Emanuele Tesauro Alcesti o sia lrsquoamor sincero (Torino 1665 ldquotra-gedia musicalerdquo) Philippe Quinault Alceste ou le Triomphe drsquoAlcide (1674 musicata da Jean-Baptiste Lully) Pier Jacopo Martello Alceste (1709 1715) N Haym Admeto re di Tessaglia (Londra 1727 musicato da G F Haumlndel) Ranieri dersquo Calzabigi libretto per lrsquoAlkestis di Christoph Willibald Gluck (Vienna 1767) Christoph Martin Wieland Alcesti (singspiel musica di A Schweitzer Weimar 1773) Johann Gottfried Herder Admetusrsquo Haus oder der Tausch des Schicksals (1802) Vittorio Alfie-ri Alceste seconda (1798) lsquoIssachar Styrke Gentrsquo Euripidesrsquo Alcestis burlesqued (1816 parodia) Fran-cis Talfourd Alcestis the Original Strong-Minded Woman (1850 parodia) William Morris The Love of Alcestis in The Earthly Paradise (1868) Robert Browning Balaustionrsquos Adventure (1871) Rainer Maria Rilke Alkestis (Capri 7-10 febbraio 1907) Hugo von Hoffmannsthal Alkestis Ein Trauerspiel nach Euripides (1893-94 1911) Benito Peacuterez Galdoacutes Alceste (1914) T S Eliot The Coctail Party (1949) Marguerite Yourcenar Le mystegravere drsquoAlceste (1942 ma 1963) Theodore Morrison The Dream of Alce-stis (1950) Thornton Wilder The Alcestiad or a Life in the Sun (1955) 16 PADUANO 2004

Roberto Vianello

6

guamente coesistente con atteggiamenti piugrave nobili nella vicenda antica Egrave un fatto che fino alle soglie dellrsquoOttocento i nuovi interpreti della vicenda hanno cercato di ldquomigliorarerdquo Admeto ritenendo inadatto al loro pubblico ndash e alla bellezza della vicenda stessa ndash il ldquovampirismordquo di un uomo disposto al sacrificio della sua don-na e incapace di rispetto per chi lo ha generato Vanno in questo senso accorgi-menti caratteristici dei nuovi testi ispirati alla vicenda quali la sua iniziale ignoran-za delle scelte di Alcesti (Aureli 1664) la morte apparente dellrsquoeroina (Martello 1709) lrsquoinutile rifiuto di lui (Calzabigi 1767) la scelta del sacrificio per il bene su-periore della stirpe regale (Alfieri 1798) che nella rilettura finiscono in qualche modo per offuscare se non ridimensionare la grandezza della libera donazione di lei Anche lrsquoalterco col padre irrappresentabile viene eliminato e persino per il ri-fiuto di Ferete al figlio si invoca lrsquoattenuante dellrsquoaffetto ugualmente grande per la propria sposa (Alfieri) Narcotizzare le tensioni stridenti del testo euripideo sem-bra necessitagrave preliminare alla possibilitagrave stessa di guardare ancora a quella storia drsquoamore e sacrificio che si vuol comunque raccontare Si sceglie di censurare i ri-svolti piugrave ingrati della vicenda rinunciando implicitamente alla vita della quale dal loro collidere e cortocircuitare il dramma euripideo sembrerebbe tuttavia nu-trirsi

Non cosigrave le riscritture successive DallrsquoOttocento la ricezione dellrsquoAlcesti euri-pidea sembra orientarsi verso un Admeto meno innocente piugrave problematico vie-ne descritto il rapporto coniugale meno virtuosa la coscienza

La delimitazione imposta dal tema e dal contesto di oggi ci costringe inevita-bilmente solo a qualche riferimento a Ottocento e Novecento per il resto drsquoEuropa17 Accenneremo qui alla riscrittura di Browning e a quella della Yource-nar nelle quali la posizione di Admeto tende a risultare piugrave problematica e dub-bia In Browning il re di Fere viene giudicato infantile e solo attraverso la pena e la sofferenza perviene a un mutamento interiore capace di renderlo degno della restituzione della sposa18 LrsquoAdmeto della Yourcenar egrave un marito distratto e narci-sista un artista che egrave divenuto per Alcesti laquo un irriconoscibile estraneo raquo un uo-mo che lrsquoha fatta soffrire per il quale ha imparato a provare disgusto tra le in-comprensioni Un marito del cui palazzo Alcesti laquo non occupava che il giardino raquo che di notte tra una carezza e lrsquoaltra si alzava dal letto per andare a guardare le stelle laquo Io non ho mai saputo la tua idea delle stelle raquo ndash lo rimprovera la donna prima di morire opponendo con un certo rancore alle fantasie artistiche di lui la sua necessitagrave di pensare ad altro di badare al figliohellip E quando Ercole la riporta

17 Non ci risultano riscritture italiane di epoca ottocentesca 18 Non ci risultano edizioni italiane di Balaustionrsquos Adventure (v n 15) Rinviamo per esso ancora a SUSANETTI 2001 e PADUANO 2004 (in cui si possono leggere alcuni passi in lingua) ldquoFiore di Me-logranordquo giunta a Siracusa si impegna a recitare lrsquoAlcesti euripidea e ne fornisce una interessante lettura critica commentandone originalmente vari passaggi Ma propone poi una reinterpretazione radicale della storia che sottintende il suo giudizio negativo su Admeto il suo comportamento di-verragrave piugrave comprensibile alla luce del sogno condiviso con Alcesti di riportare sulla terra una nuova etagrave dellrsquooro

Alcesti nel Novecento letterario italiano

7

in vita vi ritorna con riluttanza negando di essersi sacrificata per lo sposo in re-altagrave ndash confessa ndash voleva morire19

La ricezione del Novecento italiano

Ma passiamo al Novecento italiano Vi troviamo ben quattro riletture del mi-to euripideo La prima egrave lrsquo Alcesti dai contenuti inopinati20 di Ettore Romagnoli pubblicata dal famoso grecista nei suoi Terzi drammi satireschi del 1922 La seconda egrave lrsquo Alcesti di Samuele di Alberto Savinio edita da Bompiani nel 1949 e messa in scena nel 1950 dal Piccolo Teatro di Milano21 Segue terza una incompiuta Alcesti di Corrado Alvaro anteriore al 1951 rimasta dattiloscritta e pubblicata solo nel 198322 Ultima infine ndash solo in ordine cronologico ndash Alcesti o La recita dellrsquoesilio di Giovanni Raboni edita da Garzanti nel 2002 e portata in scena per la prima volta nel 2004 ndash pochi mesi prima della scomparsa dellrsquoautore ndash dal Centro Teatrale Bresciano che ci ha cortesemente fornito un video dello spettacolo autorizzan-done la proiezione di qualche scena nel corso di questa lezione

Ci concentreremo oggi sulle Alcesti di Savinio e di Raboni Ci inducono a farlo ragioni di tempo e la possibilitagrave inattesa di vedere la resa teatrale di uno dei due pezzi Ma anche la genesi in qualche modo corrispondente dei due drammi con-cepiti allrsquoindomani del secondo grande conflitto il primo ndash e per cosigrave dire bilancio intellettuale di una stagione ndash un cinquantennio piugrave tardi lrsquoaltro ndash e dunque veri-fica di fine secolo delle speranze post-belliche Non ci verragrave crediamo imputata lrsquoincongruenza di inserire un testo del terzo millennio tra gli argomenti novecen-teschi di questo ciclo di conferenze Ci assolveranno dalla accusa di forzatura cronologica lrsquoideazione del dramma di Raboni che ha come verosimile terminus ante quem lrsquoaprile del primo anno del nuovo millennio23 Ma soprattutto il coinci-dere della sua realizzazione con gli ultimi atti letterari dellrsquoautore novecentesco e

19 Il mistero di Alcesti della Yourcenar (scritto nel 1942 ma pubblicato solo nel 1963) egrave ora fruibile in EURIPIDE E ALTRI 2006 Si vedano anche su di esso SUSANETTI 2001 TELOgrave 2004 PATTONI 2006 20 Admeto vi finge una falsa disperazione per la morte di Alcesti innamorato comrsquoegrave della sorella di lei con la quale potragrave finalmente essere felice dopo la morte della sposa Il ritorno dallrsquoAde lo sorprende proprio nei nuovi progetti per lrsquoavvenire 21 La si legga ora in SAVINIO 2007 SullrsquoAlcesti di Samuele cf CASCETTA 1995 22 La si legga in MORACE 1983 che ne segnala il terminus ante quem (p 732) Sul testo cf anche MORACE 2001 e LANGELLA 2004 Si tratta di una versione del mito ldquosecolarizzatardquo e ambientata nel mondo moderno sullo sfondo del secondo dopoguerra 23 Cf RABONI 2006 p CXXXVIII In unrsquointervista pubblicata su ldquoIl popolordquo del 20 febbraio 2002 Raboni dagrave per ultimata la sua Alcesti destinata ad andare in scena al Teatro Olimpico di Vi-cenza nellrsquoautunno dello stesso anno Lrsquointervista egrave ora in Internet allrsquoindirizzo wwwitalialibrinet La messa in scena non si realizzograve e la prima dellrsquoopera risultograve quella citata nel testo

Roberto Vianello

8

le parole stesse infine con cui Raboni ne parlograve pubblicamente in una lezione dal titolo ldquoAlcestirdquo e i disastri del Novecento24

LrsquoAlcesti di Savinio Andrea De Chirico fratello del piugrave noto Giorgio e noto al pubblico col nome

drsquoarte di Alberto Savinio richiede qualche parola di presentazione dato lo spazio contenuto di cui gode normalmente nei libri di testo in uso ai piugrave giovani tra il nostro pubblico Si tratta del resto di sorte comune alla maggior parte degli autori novecenteschi i manuali ne registrano i nomi insieme a sintesi minime di pensie-ro e scelte poetiche scegliendo la completezza informativa anzicheacute lrsquoapprofon-dimento caratteristico degli scrittori piugrave ldquocanonicirdquo Alla produzione teatrale di Savinio poi sono dedicate spesso solo poche righe (tre e mezza nellrsquoultimo libro di testo adottato qui al Classico)

Savinio egrave quel che si dice un artista eclettico Scrittore musicista pittore Lrsquoinfanzia in Grecia egrave per lui solo la condizione originaria di un percorso intellet-tuale compiuto nel corso di una vita errabonda in Europa Monaco Milano Fi-renze Parigi Ferrara Roma le tappe di un vagare che ne determina la prospettiva non provinciale ponendolo in relazione con le avanguardie culturali del primo Novecento Nietzsche e Schopenhauer con la musica gli oggetti di interesse della prima giovinezza Poi lrsquoincontro con lrsquoavanguardia artistica e letteraria a Parigi il sodalizio con Apollinaire il concerto ldquosinceristardquo nella sala delle ldquoSoireacutees de Pa-risrdquo25 E ancora i contatti con De Pisis e Carragrave lrsquoesperienza del Teatro Odescalchi a Roma insieme a Pirandello lrsquoinizio dellrsquoattivitagrave pittorica la collaborazione con riviste e quotidiani lrsquoinserimento unico italiano nellrsquoAntologia dello humour nero del surrealista Breton la collaborazione con la Scala di Milano26 Savinio evita il con-fronto col Fascismo impegnandosi solo dopo la sua caduta nella denuncia delle radici ideologiche e culturali del totalitarismo Esse affondano nelle passioni nellrsquoistinto nella vitalitagrave che determinano pesantemente lrsquouomo e le sue scelte Da essi puograve salvarlo solo la cultura intesa come civiltagrave come costruzione dellrsquouomo per lrsquouomo unico strumento in grado di riscattarne la storia27 Cittadi-no del mondo con lrsquoEllade nel DNA come si direbbe oggi per Savinio la cultura non puograve che autocomprendersi in relazione allrsquoAntico Atteggiamento che non va inteso come accettazione di un classicismo imbalsamato e anacronistico Il tempo dei miti egrave finito e lrsquoAntico appartiene alla coscienza della modernitagrave inquieta e 24 Per la trascrizione dellrsquointervento nella sede di Brescia dellrsquoUniversitagrave Cattolica (12 dicembre 2003) a cura di F Molinari cf RABONI 2004 La si legga ora anche nellrsquoapparato critico a cura di Rodolfo Zucco in RABONI 2006 pp 1776-1782 25 Il memorabile concerto di musica non armonica si tenne nel 1914 nella sede della rivista ldquoLes soireacutees de Parisrdquo di Apollinaire 26 Per maggiori notizie su Savinio basti qui rinviare a PIETROMARCHI 1986 e PEDULLAgrave 1991 Sulla vocazione europeistica di S v invece GUIDI 2006 27 Si veda per questi temi GUIDI 2006

Alcesti nel Novecento letterario italiano

9

priva di veritagrave condivisa solo per quel tanto che ci egrave dato di riconoscerne nel mondo drsquooggi Egrave vero che in vesti dimesse il mito egrave ancora presente tra noi Ri-conoscerlo permette di gettar luce sulla realtagrave La coscienza attenta dei moderni puograve trovare nellrsquoereditagrave dei classici un archivio di archetipi capaci di orientare alla comprensione delle cose Riconoscervi lrsquoultima metamorfosi di forme passate lrsquoultimo darsi sotto altra foggia di un nietzschiano eterno ritorno dellrsquoidentico puograve determinare laquonella realtagrave una irruzione di veritagraveraquo 28 fare del mito uno stru-mento conoscitivo privilegiato Si spiega in gran parte cosigrave lrsquoopera letteraria e pit-torica di Savinio29 nel suo accostare personaggi e situazioni del quotidiano a rico-nosciuti omologhi mitici Si tratta di una interazione nella quale a volte il quoti-diano puograve demitizzare ironicamente il leggendario per la sua evidente banalitagrave al-tre volte accade invece che i modelli paludati di un tempo rimitizzino la banalitagrave dellrsquoordinario per quel tanto di universale che se ne puograve riconoscere dietro il ri-dimensionamento alla misura dellrsquooggi

Il mito irrompe inaspettatamente ndash ed esemplarmente ndash nel vissuto di Savinio un giorno del rsquo42 in cui in qualitagrave di critico egli assiste a prove liriche al Teatro dellrsquoOpera di Roma30 Vi compare improvvisamente il dott Alfred Schlee della Universal Edition di Vienna31 Di lui Savinio giunge a conoscere lrsquoinaudito destino di vittima costretta dallrsquoinasprirsi delle leggi razziali a una scelta odiosa divorziare dalla moglie ebrea o perdere lrsquoincarico presso lrsquoeditrice musicale Il disumano aut aut istituito tra i valori piugrave costitutivi dellrsquouomo ndash lavoro e affetti familiari ndash basta di per seacute a fare dello Shlee un personaggio tragico Ben piugrave crudele tuttavia sco-pre Savinio la sorte di quellrsquouomo ormai privo di una sposa che per non intral-ciarne la carriera ha scelto di togliersi la vita

Ecco il mito tra noi Ecco tra noi una nuova Alcesti la donna che rinuncia al-la vita per lo sposo nel cuore del XX secolo laquoAlcesti egrave rinataraquo ndash diragrave il personag-gio dellrsquoAutore nel dramma che Savinio pubblicheragrave di ligrave a qualche anno32 ndash laquoAl-

28 CASCETTA 1995 p 1407 Senza ambizione di completezza rimandiamo per il mito e il mondo classico in Savinio a RAGNI 2002 e USAI 2005 29 Si pensi per citare qualche esempio a titoli saviniani come Hermaphrodito (1918) o Capitano Ulisse (1934) o a opere pittoriche quali il fatuo Apollo del 1931 (con la testa drsquoanitra e il busto sopra un capitello ionico) il Colloquio - Oreste e Pilade del rsquo32 (in cui i due amici sono ritratti su basamenti che paiono immobilizzarli) Il ritorno di Ulisse del rsquo33 (in cui un soggetto nientrsquoaffatto eroico porta in testa un moderno cappello di paglia) Mademoiselle Centaure del rsquo46 (un vanitoso individuo fem-minile dalla duplice natura ostenta un cappellino alla moda in riva al mare) Per lrsquoopera pittorica di Savinio si consulti VIVARELLI 1996 30 Sulla vicenda cf SAVINIO 2007 pp 304 ss 31 Il nome dello Schlee che operograve in circostanze storiche difficili nella sede viennese della editrice musicale fino al 1945 compare nella storia della Compagnia tuttora attiva allrsquoindirizzo Internet wwwuniversaleditioncom (v anche la versione inglese) 32 SAVINIO 2007 p 26 Drsquoora in poi si faragrave riferimento tra parentesi alla numerazione di pagina di questa edizione

Roberto Vianello

10

cesti non egrave un individuo ma una specie Conoscevamo Alcesti di Pelia ora cono-sciamo Alcesti [hellip] di Samueleraquo (p 45)33

La creativitagrave di Savinio sensibile come srsquoegrave detto alle occorrenze del mito nel quotidiano lo spinge a lavorare su questo spunto di vita vissuta fino a pubblicare nel 1949 presso Bompiani il dramma in prosa Alcesti di Samuele che verragrave portato in scena lrsquoanno successivo dal ldquoPiccolo Teatro di Milanordquo per la regia di Giorgio Strehler34 Saragrave un fiasco La trasformazione che la vicenda della moderna Alcesti ha subito nel suo farsi testo da recitare il linguaggio teatrale scelto dallrsquoautore ne faranno qualcosa di sgradito a critici e spettatori Verbositagrave divagazioni disarmo-nie moduli da avanguardia col pessimismo e il nichilismo che vi traspaiono ne faranno qualcosa di lontano per ragioni diverse dalle attese del pubblico35

La vicenda srsquoegrave detto passando dalla vita alla letteratura si egrave trasformata Il dott Shlee egrave diventato il dott Paul Goerz direttore della Musikalische Ausgaben di Monaco Alcesti egrave Teresa Goerz figlia di Samuele moglie ebrea di Paul Il te-sto prevede lrsquoentrata degli spettatori e di un Autore prima che si apra il sipario LrsquoAutore anticipa ai presenti che Goerz egrave a Roma percheacute neanche la vicenda della sua Alcesti puograve risolversi senza lrsquointervento di Ercole

Si apre il sipario Sulla scena un telefono dieci volte piugrave grande del normale attira su di seacute lrsquoattenzione degli spettatori Il ricevitore abbandonato oscilla a pendolo Una voce ripete insistentemente e minacciosamente laquoIl dott Goerz su-bito al Ministeroraquo (p 30) Ai lati della scena due sagome in poltrona i ritratti di Padre e Madre seduti e destinati ad animarsi nel corso del dramma Teresa non crsquoegrave La servitugrave e i figli sanno che ha fatto delle telefonate nellrsquoassenza del marito Paul comrsquoegrave evidente dalle parole dellrsquoAltoparlante si egrave recato al Ministero ove egrave stato costretto alla dolorosa scelta tra la sposa e il lavoro Al suo ritorno vorrebbe dirle che ha scelto lei coraggiosamente e fedelmente Ma Teresa non egrave in casa La chiama ripetutamente salendo sul proscenio Poi allrsquoimprovviso si spengono le luci Il nome di lei riecheggia nel buio Quando la luce torna in luogo del telefono si vede un ritratto della donna a grandezza naturale Ai piedi del ritratto una lette-ra lrsquoaddio di Teresa allo sposo e le ragioni del suo irreparabile gesto

Lascio questa lettera ai piedi del mio ritratto Cosigrave mentre tu leggerai [] ti sembreragrave udi-re la mia voce [] La telefonata di stamattina io lrsquoaspettavo Ero una cacciatrice in agguato Sapevo che la tigre sarebbe venuta E per divorare te mio povero Paul Colpa mia del resto Era giusto che provvedessi io stessa a cacciare la tigre Tante volte tu hai difeso me Tu e io as-sieme non abbiamo sempre sostenuto la paritagrave dei diritti tra uomo e donna La moglie a sua

33 Samuele come si comprende egrave il nome ebreo del padre della nuova Alcesti 34 Alcune immagini dellrsquoevento teatrale nellrsquoArchivio multimediale del sito Internet del ldquoPiccolordquo Scenografia e costumi furono a cura dello stesso Savinio Tra gli attori ivi ritratti Lilla Brignone Piero Carnabuci Camillo Pilotto Diego Parravicini Mario Feliciani Alberto Marcheacute 35 Anche per questo il ldquoPiccolordquo percorreragrave presto altre strade rileva il citato CASCETTA 1995 p 1442

Alcesti nel Novecento letterario italiano

11

volta deve difendere il marito Quale migliore occasione di questa Quando tu leggerai questa lettera io sarograve lontana Molto lontana (p 44 s)36

Teresa-Alcesti illustra il suo gesto a un Paul-Admeto lasciato per cosigrave dire fuori dal gioco Incolpevole E tuttavia non proprio completamente ldquoinnocen-terdquo37

Mi serviva una via drsquouscita Ho scelto il fiume Quale via migliore Quando eravamo fi-

danzati tante volte [] siamo andati a guardare assieme questo nostro fiume di sera dal pa-

36 Il presente testo di Savinio come i seguenti egrave stato videoproiettato e letto da chi scrive nel cor-so della lezione 37 LrsquoAdmeto di Savinio sembra avere qualcosa in comune con lrsquoAdmeto della Yourcenar di cui si diceva piugrave sopra Non risultano tuttavia rapporti diretti tra le due opere (cf PATTONI 2004 p 292 n 44)

Paul (Piero Carnabuci) legge la lettera davanti al ritratto di Teresa (Lilla Brignone)

Archivio Piccolo Teatro di Milano

Roberto Vianello

12

rapetto del ponte Massimiliano Poi ci siamo sposati [] non siamo piugrave andati a guardarlo Che peccato Che peccato questo invadente burocratismo del matrimonio Io perograve qualche volta sono tornata da sola a guardare il fiume Non te ne ho mai parlato Mi avresti detto che sono bambinate Noi donne siamo conservatrici hellip Meno di voi accaparrate dallrsquoavvenire Ci piace conservare gli oggetti i ricordi i luoghi implicati in qualche nostro momento di felicitagrave E non amiamo il mutamento Che impressione strana ndash non avertene a male ndash che impressione di ldquoperditardquo al ritorno da quelle mie visite solitarie al fiume ritrovare qui a casa il te di ora dopo il te di allora lasciato poco prima sul parapetto del ponte Massimiliano Ci so-no alcune sottili varianti del tradimento che la legge sullrsquoadulterio non contempla ma alle quali il nostro animo non rimane indifferente Da qualche tempo in qua le mie visite al fiume erano piugrave frequenti Tu hai giagrave capito Non per rievocare una felicitagrave perduta ma per cercare un ami-co un alleato Il suo movimento instancabile mrsquoispirava fiducia Rispondeva a un mio desiderio sempre piugrave urgente Questa cittagrave nella quale noi viviamo egrave soffocata dalla terra Terra da o-gni parte Terra terra [] La terra stringe tuttrsquointorno questo paese lo strozza lo porta allrsquoisterismo e alla pazzia [] Con quale altro mezzo andarmene da qui Percheacute andarmene bisogna Se no egrave la morte per me e anche per te mio povero Paul - mio po-vero ldquoinnocenterdquo [] Quando tu avrai finito di leggere questa lettera io avrograve raggiunto finalmente quello che ho sempre desiderato [] la [] Libertagrave [] Tengo a chiarire la mia si-tuazione io non sono una donna che si ammazza sono una donna che ldquolibera se stessardquo che ldquosalva se stessardquo (pp 46 ss)

Una voce femminile annuncia che crsquoegrave un poscritto egrave il ritratto che srsquoegrave animato surrealisticamente e terminando la lettura comunica la consapevolezza della mo-derna Alcesti dellrsquounicitagrave del suo gesto in cui egrave certa di poter pienamente realizza-re se stessa

Io lo sai non sono donna da contentarmi del marito della casa dei figli Io volevo far qualcosa di mio di proprio Te lo dicevo sempre Non sapevo cosa Tu mi pigliavi in giro La sorte mi ha favorita Ecco che anchrsquoio ho trovato una cosa da fare Una cosa laquo mia raquo E che cosa Cara mi costa [] Questo mio capolavoro per di piugrave non rimarragrave sconosciuto Perciograve Paul stattene lontano Non venire Non venire Me eroina la tua sola presenza tornerebbe a fare di me uno straccio di donnetta E io non voglio non fosse che per far dispetto a voi uomi-nihellip Una parola allrsquoorecchio in questo mio sublime sacrificio non riesco a determinare quanto crsquoegrave di eroismo e quanto di vanitagrave (pp 60 s) Nella giustificazione del gesto della nuova Alcesti percepiamo risonanze di

una sensibilitagrave ovviamente moderna e la rivendicazione di una dignitagrave di genere propria delle stagioni piugrave recenti delle societagrave occidentali Tratti come questi non possono certo stupirci scontatamente necessari come sono al personaggio Se la nostra eroina egrave solo uno degli individui in cui la specie Alcesti srsquoegrave riprodotta nella storia deve mostrare specificitagrave sue particolari lati di unrsquoidentitagrave ldquoda secolo bre-verdquo Si potragrave semmai ndash rispetto alle scelte dellrsquoautore ndash chiedere criticamente fino a che punto possa darsi unrsquoAlcesti moderna non tanto nel suo affacciarsi alla sto-ria nella riconoscibile somiglianza di una situazione quanto piuttosto nel suo cor-rispondere effettivamente ai tratti caratteristici della specie di cui essa sarebbe in-

Alcesti nel Novecento letterario italiano

13

dividuo E porre conseguentemente una questione riconducibile alla precedente domandando a unrsquoAlcesti novecentesca si addice un ritorno dai morti Quale spazio nellrsquoetagrave della scienza e del disinganno per ciograve che inspiegabilmente Plato-ne non problematizzava ma la lucida ragione dello stesso Euripide egrave sembrata a taluni implicitamente rifiutare38 Prenderemo in considerazione prima la seconda questione constatando che Savinio non sceglie di percorrere lrsquoitinerario ldquopiugrave ve-rosimilerdquo di un mancato ritorno come pure sappiamo si fece nellrsquoantichitagrave39 Per lrsquoAlcesti moderna a giudizio di Savinio un ritorno egrave possibile almeno nella fin-zione teatrale Percheacute il teatro egrave il luogo laquoche corregge quello che egrave sbagliato completa quello che egrave incompleto Il teatro egrave come i sogni I sogni attuano quello che da svegli non possiamo attuareraquo (p 78) Questo proclama solennemente il personaggio dellrsquoAutore allrsquoErcole moderno a cui Savinio affida lrsquoimpresa di ri-portare nel mondo Teresa-Alcesti E si tratteragrave di un duplice indennizzo Percheacute se Teresa potragrave tornare anche il nuovo Ercole troveragrave nellrsquoimpresa una personale compensazione agli oltraggi della sorte Soltanto al termine amaramente com-prenderemo in che modo saragrave stata fatta laquopiugrave viva la vitaraquo

Ai tempi del secondo grande conflitto lrsquounica figura storica immaginabile in veste drsquoeroe egrave il vincitore morale della guerra colui che ha saputo ripulire il mon-do dallrsquoidra del totalitarismo Egrave il presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Ro-osvelt che la morte ha ingiustamente tolto di scena prima che potesse terminare la guerra ma a cui il teatro che completa quel che la vita ha lasciato incompleto concede la chance di unrsquoultima grande impresa

Lrsquoex Presidente entra in sala al suono drsquouna marcia militare con lrsquoaspetto di un busto poggiante su piedistallo che si scopre poi nascondere un locomotore di cui lrsquoeroe dimezzato si serve per raggiungere il palcoscenico La trovata che assi-mila il personaggio a talune immagini del Savinio pittore40 non egrave il solo mezzo ri-servato a quello che sembra un ridimensionamento inspiegabile Anche un lungo scambio di battute ora pedanti ora polemiche apparentemente fuorvianti mira a realizzare almeno sotto il profilo ideologico una dissacrante relativizzazione dellrsquoeroe uno dei tanti laquouomini forti onesti e soprattutto ottusiraquo adibiti a laquogrossi e periodici lavori di pulitura del mondoraquo (p 95) A questo simbolo dellrsquoottimismo che non sa bene se egrave giagrave morto o egrave ancora vivo che da Americano crede a tutto e non ha idee personali a questo laquoeroe moralistaraquo (p 92) simbolo della democra-zia e del liberalismo egrave affidato il compito che fu dellrsquoEracle euripideo dovragrave ri-portare in vita la vittima del razzismo nazionalsocialista Con quali risultati ve-dremo

38 Cf n 10 39 Egrave noto che lrsquoeroina non ritorna in vita nellrsquoAlcestis Barcinonensis ma gli esametri pervenuti regi-strano quale ultimo atto della vicenda le sconsolate parole di Alcesti laquoConiux dulcissime coniux [hellip] rapior venit mors ultima venit infernusque deus claudet lsaquo iam rsaquo membra soporeraquo 40 Cf la nota 29

Roberto Vianello

14

Quando il sipario si riapre Roosvelt sta scendendo nel Kursaal dei morti un Aldilagrave irriconoscibile In questa sorta di clinica i morti siedono in attesa di dimen-ticare fino a non esser piugrave fino a finire di morire In una interazione da teatro moderno egrave il pubblico a impersonare il ruolo dei morti Roosvelt si intrattiene con un Direttore invisibile di cui si percepisce la presenza unicamente dalla voce e dai movimenti di una seggiola e di un registro che bisogna immaginare toccati da lui41 La voce del Direttore spiega che nel Kursaal trovano posto quanti non riescono a morire fincheacute nel mondo resta ancora traccia di loro Si tratta di morti illustri che aspirano ora solo allrsquoindifferenza desiderano lrsquoannientamento della lo-ro individualitagrave Gli altri quelli che in vita sembrano vivi ma non sono piugrave vivi dei morti passano e nessuno se ne accorge neacute durante la vita neacute dopo La perma-nenza nella laquoclinicaraquo (p 128) egrave proporzionale alla compattezza della personalitagrave e 41 Vorremmo poter affermare che questo Direttore di Savinio come lrsquointera situazione del Kursaal abbia svolto un qualche ruolo nella immaginazione di Dino Buzzati presente alla prima dello spettacolo e tra i pochi favorevoli al lavoro (CASCETTA 1995 pp 1440 n 87 1441) Ha qualcosa del Direttore del Kursaal infatti il Diavolo-Giacca che nel buzzatiano Poema a fumetti del 1969 sovrintende incorporeo a un Aldilagrave altrettanto sorprendente e straniante

LrsquoAutore (Mario Feliciani) e Roosvelt (Camillo Pilotto)

Archivio Piccolo Teatro di Milano

Alcesti nel Novecento letterario italiano

15

quindi al ricordo che resta tra i vivi Una silenziosa concentrazione aiuta il laquorias-sorbimentoraquo (p 127) Siedono tra questi morti alcuni grandi della storia e alcuni grandi della poesia Rimbaud egrave piugrave lento di Aleardi nel suo percorso verso lrsquoannichilimento I posti di Carducci e Pascoli sono giagrave vuoti Omero invece resi-ste da tremila anni lo laquochiamanoraquo (p 132) troppo dal mondo dei vivi Anche lrsquoAlighieri egrave uno degli ospiti laquopiugrave duriraquo (p 136)

I morti coprono Roosvelt di improperi per il turbamento dellrsquoatarassia da loro cercata e da lui alterata nella pretesa di riportare in vita Teresa Goerz Pregano il Direttore di lasciarlo fare per aver finalmente pace E finalmente laquoun grido di na-scitaraquo o laquodi agonia ldquoinvertitardquoraquo (p 144) annuncia che Teresa sta per tornare tra i vivi Il sipario si chiude La sala del teatro si illumina LrsquoAutore afferra il sipario e lo riapre Teresa torna attraverso il suo ritratto ride sommessamente e chiede percheacute la si voglia vedere lei che egrave laquoil vomito che la Morte rigetta sui viviraquo (p 166) Le sue parole raggelano e non sembrano affatto corrispondere al ruolo di nuova Alcesti che srsquoegrave immaginato ella possa avere Forse il ritorno dai morti egrave possibile nel teatro di Savinio ma non egrave detto che esso corrisponda alle nostre attese E il personaggio dellrsquoAutore osserva che Alcesti rediviva dovrebbe rimet-tere le cose come stavano prima mentre Teresa-Alcesti laquorovescia la parte tradisce lrsquoaspettativaraquo (p 167)

LrsquoAlcesti moderna egrave morta laquoper volontagrave di essereraquo confessa per poter laquofar brilla-re se stessa nella vitaraquo proprio in contrasto con lrsquo laquoasfissia dellrsquoessere che sono i re-gimi totalitariraquo (p 168)42 Ma il suo gesto laquodi vitaraquo sembra aver perso ogni valore per lei Non si tratta di rimpianto per la vita perduta che ella non puograve piugrave amare Teresa non egrave tornata per merito del nuovo Ercole che ha creduto di laquoconciliare morte e vitaraquo (p 176) cosigrave come si egrave illuso di portare pace agli uomini con la sua guerra Ella non egrave tornata per ricominciare la sua vita tra i vivi Troppa differenza la separa ormai da loro egrave altra la sua conoscenza altra la sua sapienza E non egrave tornata solahellip Lrsquoha preceduta la Signora del Profondo lrsquoImmortale la Morte de-terminata a punire lrsquoorrendo delitto di averla riportata in vita Roosvelt cade allrsquoimprovviso lungo disteso Anche Goerz si distende morto E Teresa ignoran-done il cadavere si precipita ad abbracciare ciograve che del suo amato Paul egrave ora in-visibile al pubblico di fronte a lei per proclamargli la sua nuova veritagrave

Ora ti posso dir tutto [hellip] Gli uomini fino a un certo punto percorrono un cammino di vita e vivere egrave la meta del loro cammino Gli uomini allora sono figli [hellip] Ma a partire da quel punto la meta del cammino della vita non egrave piugrave la vita egrave la morte [hellip] Gli uomini allo-ra sono genitori Noi allora [hellip] ci accorgiamo [hellip] che il nostro tempo si abbrevia sempre piugrave Questo il meccanismo di quella vita dalla quale e tu e io siamo usciti Questo il suo dare e il suo avere Questo il suo bilancio [hellip] La vita ricordi egrave rotta tratto tratto da schermi che in-tercettano la visuale Uno di questi sono i figli [hellip] Dolce follia per la nascita di Ghita io sen-tii poi per quella di Claus e le cure per allevare i nostri figli non me le sono risparmiate Ep-pure non so [hellip] io di lagrave dalla dolce follia di lagrave dalle cure vidi distintamente in fondo alla

42 Se lrsquoautore ha pensato in questo luogo al famoso Epitafio di Sicilo ( Ὅσον ζῇς φαίνου ) bisogneragrave at-tribuirgli una specifica volontagrave di dotare la moderna Alcesti di una weltanschauung ldquoellenicardquo

Roberto Vianello

16

mia strada la luce della vita tramontare e sorgere lombra della morte Spaventata Preoccupa-ta No Contenta Profondamente contenta Come della sola veritagrave intravista [hellip] Capisci ora come ben preparata io ero alla morte Capisci ora percheacute la morte non era per me quella spaventosa sorpresa che egrave per altri Capisci ora percheacute io non solo non temevo la morte ma la sentivo come il mio vero destino E quei lagrave credevano spaventarmi imponendomi la morte come un patto ndash come una punizione Imbecilli Paul io mi uccisi per liberare te dalla trappola che quegli imbecilli ti avevano teso Ma questa egrave la versione ufficiale La ragione vera e che ora nella nostra piena identitagrave non ho piugrave motivo di nasconderti egrave che io mi uccisi per affrettare il destino per impazienza della promessa [hellip] In quellaltro mondo ho dato la vi-ta ai miei figli in questa vita do la vita a te Ho attuato la piugrave segreta e assieme la piugrave grande aspirazione della donna essere la sposa e assieme la madre delluomo amato [hellip] Questa immagine di donna viva che ho dovuto indossare prima di venire qui ora prima di an-darmene me la toglierograve di dosso e la lascerograve al suo solito posto Come richiudere dietro a me il muro che ho abbattuto per entrare Tra noi e loro ogni comunicazione saragrave rotta [hellip] Eccomi pronta E tu Ti parragrave di aver traversato una gola Lunghissima e stretta Buia e irta di macigni E finalmente uscire sul mare Su un mare libero infinito Paul Questa libertagrave questo infinito sono io che te li do Vedrai quando ci lasceremo alle spalle la gola buia e stretta la gola irta di macigni tutto lassurdo che i vivi accumulano roccia su roccia assurdo su assurdo [hellip] Ti parragrave di aver attraversato un corridoio Un corridoio molto lungo e mol-to stretto Un corridoio tanto lungo e tanto stretto quanto lunga e quanto stretta egrave stata la tua vita Un corridoio buio Un corridoio sotterraneo [hellip] Un corridoio pieno di armadi di casse di scatole Tanti armadi tante casse tante scatole Pesanti Inamovibili [hellip] Armadi casse scatole piene di roba Che roba Non si sa Nessuno lo sa E ti tocca arrampicarti scavalcare andar carponi passar sotto passar di lato tirandoti dentro la pancia e spingere sollevare e andare andare andare affannato disperato e il corpo pesa e duole e lanima pesa e duole e sempre sudore saliva e pianto giugrave dalla faccia e la paura la paura la paura e volere vo-lere volere non riuscire mai a laquo non volere raquo e questo corridoio che non parla ma tu senti lo stesso che dice laquo no no no raquo E sempre armadi sempre casse sempre scatole Piene di tutto lassurdo di tutta langoscia che gli uomini questi mangiatori dassurdo questi divoratori dangoscia hanno accumulato per secoli e secoli e secoli [hellip] Vedrai quando davanti a noi si apriragrave Che cosa Non so Parliamo ancora una lingua che ormai non serve Dobbiamo dimenticare prima di tutto i significati I significati passati Gli ultimi significati Capovolgerli non basta Dimenticarli Cancellarceli da dosso Che posso dirti Nulla No Tutto Nemmeno E allora Dimentica Paul e sii pronto Ti farograve da madrina Ti presenterograve al nostro direttore Ti raccomanderograve Lo pregherograve di favorirci Di aiutarci a far presto Sai Io laggiugrave ti ho aspettato Quale piugrave grande prova damore Non sono morta per aspettarti An-che se la vostra volontagrave di riavermi quassugrave non avesse fermato laggiugrave il compimento della mia morte io egualmente mi sarei trattenuta di morire ndash per aspettare te Ora egrave passata Risolve-remo presto Che ci trattiene piugrave [hellip] Entreremo nella suprema felicitagrave Pensa Non individui piugrave sciolti nel nulla ndash nel tutto Una parola ancora Lultima In questa lingua che stiamo per abbandonare Ascolta Nascere egrave un atto individuale morire egrave un atto universale Il laquo nostro raquo atto universale Il solo nostro atto universale Questo il grande se-greto della morte Questo il suo immenso bene Vieni Paul [hellip] Sposa tua e madre apro a te luniverso (pp 183-189) Ci chiedevamo prima se la somiglianza della situazione vissuta implicasse ipso

facto la corrispondenza piena tra i tratti costitutivi della nuova eroina e quelli del

Alcesti nel Novecento letterario italiano

17

suo archetipo Bisogneragrave rispondere di no43 Millenni di storia lrsquoesperienza di quella recente ndash dei due grandi conflitti delle delusioni a essi conseguenti delle atrocitagrave e del dolore generale ndash hanno evidentemente lasciato il segno E lunga sullrsquoorizzonte di questo mondo si proietta lrsquoombra del nulla della mancanza di senso dellrsquoassurditagrave del vivere LrsquoAlcesti del Novecento egrave deformata nella sua fi-sionomia dalle conseguenze di una storia che il pensiero stenta a comprendere come razionale o teleologicamente orientata Alcesti di Samuele egrave emblema del destino di un popolo ingiustamente e irragionevolmente sospinto nellrsquoanni-chilimento Egrave forse allegoria di una Europa soggiogata dal totalitarismo e biso-gnosa dello spirito americano per riscattarsi dalla morte44 Egrave soprattutto per chi sappia prescindere dalla contingenza storica rivelatrice di una veritagrave piugrave radicale e universale La morte ha confermato a Teresa una terribile veritagrave giagrave intravvista nel trascorrere della vita Ha squarciato definitivamente per lei una cortina oltre la quale aveva da tempo iniziato a guardare quel velo che secondo certa filosofia ricopre di illusioni lrsquounica indiscutibile veritagrave del mondo il suo essere cieca irra-zionale volontagrave incapace drsquoappagamento e svincolata da qualsiasi morale Le pa-role evidenziate sopra nel testo dichiarano esplicitamente lrsquoascendenza schopen-haueriana di questa visione fatta propria nelle premesse come nelle conclusioni

Come appaiono false assurde alla nuova Alcesti le aspirazioni degli uomini Il suo stesso suicidio egrave stato in fondo un errore tanto piugrave imperdonabile quanto piugrave ha finito per riaffermare un bene ndash quello della vita ndash che dalla prospettiva di quanti ldquonon sono nullardquo 45 si rivela affatto inconsistente nonostante tutta la fati-ca la paura lrsquoangoscia che i vivi finiscono per accumularvi ostacoli e ostacoli su un percorso fatto di assurdo Ma Teresa egrave morta per liberare Paul dalle trappole di questa vita non solo da quella del totalitarismo ha scelto di non essere per af-frettare per lui il disvelamento della veritagrave e dare allrsquoamato la libertagrave quella che consiste nellrsquoannullamento della volontagrave nello scioglimento nel nulla Teresa non egrave lrsquoἀρίστη la cui φιλία viene ricompensata col ritorno allo sposo nel mondo dei vivi Ella egrave una Alcesti alla rovescia che non rimpiange la vita bella sotto la luce del sole Maestra di unrsquoopposta comprensione del mondo sacerdotessa della No-luntas vuole lo sposo con seacute nella felicitagrave di un Nirvana si fa guida dellrsquoamato ndash sorta di antiBeatrice ndash nella dimensione in cui lrsquoindividuo e la sua volontagrave non sono piugrave46 Il suo amore per lo sposo non egrave inferiore a quello dellrsquoantica eroina Questa perograve sceglieva di non essere per donare la vita allrsquoamato ella invece sceglie di non essere per indicare allrsquoamato nellrsquoannullamento totale la suprema felicitagrave ed entrarvi con lui

43 laquoAlcesti non egrave piugrave Alcesti [hellip] Meglio se rimaneva dove stavaraquo proclama il personaggio dellrsquoAutore (SAVINIO 2007 p 167) 44 CASCETTA 1995 p 1418 s 45 laquo ἐν τοῖς οὐκέτrsquo οὖσι λέξοmicroαι raquo (v 322) laquo oὐδέν ἐσθrsquo ὁ κατθανών raquo (v 381) cosigrave si riferisce ai morti lrsquoAlcesti di Euripide 46 Cf CASCETTA 1995 p 1424

Roberto Vianello

18

laquoLa civiltagrave egrave un gioco una distrazione il modo piugrave efficace che noi abbiamo di allontanare dalla nostra mente il pensiero della morteraquo ha scritto qualche tem-po prima Savinio riprendendo forse un Leopardi divenuto straordinariamente at-tuale e riscoperto da due decenni dagli amici de ldquoLa Rondardquo 47 Ma il pensiero del-la morte non puograve piugrave turbare chi della morte non ha piugrave paura ma ha riconosciu-to anzi in essa lrsquounica veritagrave che non chiede piugrave di essere esorcizzata dal gioco di-straente di una coscienza altrimenti disperata LrsquoAlcesti del Novecento egrave lrsquoeroina della negazione di ciograve che lrsquo amor sui del vivente ha creato

LrsquoAlcesti di Raboni

Passiamo a Raboni una delle individualitagrave artistiche piugrave interessanti di fine Novecento spentasi il 16 settembre 2004 Poeta saggista traduttore critico lette-rario e critico teatrale del ldquoCorriere della serardquo I piugrave attenti tra i presenti ricorde-ranno probabilmente le sue apparizioni televisive48 Mondadori ha raccolto in un Meridiano uscito nel 2006 la sua ldquoopera poeticardquo riunendovi con scritti critici sulla poesia e traduzioni poetiche i versi in proprio tra i quali anche il testo di cui ci occupiamo oggi49

Nato a Milano nel rsquo32 Raboni egrave stato ascritto alla cosiddetta linea lombarda della poesia del secolo scorso50 Una scelta delle sue liriche egrave stata significativa-

47 In Dico a te Clio del 1940 ora in SAVINIO 1992 p 88 Lrsquoaffermazione ricorda da vicino (con una coincidenza lessicale) il noto pensiero leopardiano sullrsquoincapacitagrave della ragione di darci la feli-citagrave laquohellipchi si fissasse nella considerazione e nel sentimento continuo del nulla verissimo e certis-simo delle cose [hellip] sarebbe pazzo assolutamente e per ciograve solo giaccheacute volendosi governare se-condo questo incontrastabile principio ognuno vede quali sarebbero le sue operazioni E pure egrave certissimo che tutto quel che facciamo lo facciamo in forza di una distrazione e di una dimentican-za la quale egrave contraria direttamente alla ragione E tuttavia quella sarebbe una verissima pazzia ma la pazzia piugrave ragionevole della terra anzi la sola cosa ragionevole e la sola intera e continua sa-viezza dove le altre non sono se non per intervalliraquo (Zib 103-104) Si veda sul tema RIGONI 1985 111 ss Per lrsquoaffinitagrave di pensiero tra Leopardi e Schopenhauer basti ricordare il citatissimo desan-ctisiano Dialogo tra A e D oggi in DE SANCTIS 1995 (rintracciabile anche allrsquoindirizzo Internet wwwliberliberit) Per la ldquoriscopertardquo del Leopardi da parte degli intellettuali de ldquoLa Rondardquo e di Vincenzo Cardarelli cf CARDARELLI 1981 passim (in particolare pp 721 ss) e CARDARELLI 1985 48 Ne segnaliamo una a ldquoMixer culturardquo su RaiTre (15 febbraio 1988) con Carmelo Bene visualiz-zabile allrsquoindirizzo Internet wwwyoutubecomwatchv=HNFD_Ha58-s In RAI Raboni colla-borograve alla redazione della rubrica televisiva Tuttilibri di Giulio Nascimbeni e condusse una rubrica radiofonica di letteratura e arti (cf RABONI 2006 p XCVII) 49 RABONI 2006 pp 1255 ss Il volume a cura di Rodolfo Zucco offre una Introduzione e una Cro-nologia utili per inquadrare scelte di poetica e rete relazionale dellrsquoAutore Per una prima informa-zione su Raboni (con la possibilitagrave di ascoltarne la voce) si visiti il sito web ufficiale disponibile dal 2007 allrsquoindirizzo wwwgiovanniraboniit 50 La formula risale allrsquoomonima antologia uscita nel rsquo52 per cura di Luciano Anceschi Critica-mente generica si egrave consolidata nel tempo includendovi nomi di autori lombardi per nascita o adozione di generazione piugrave recente per identificare una poesia di attenzione alle cose e portatrice di una vocazione morale Cf RABONI 1987 pp 215-216

Alcesti nel Novecento letterario italiano

19

mente ospitata nel volume Poeti italiani del Novecento di Pier Vincenzo Mengaldo convinto sostenitore del suo valore poetico51 laquoPoeta di cittagraveraquo lo ha definito Zan-zotto laquoanzi di una cittagrave Milano profondamente amata anche se ritratta nei suoi momenti di squallore fin entro la cronaca neraraquo Ma anche laquonaturaliter poeta civi-leraquo portatore di unrsquo laquoetica della responsabilitagrave e del civismoraquo52 lombardo appunto ndash diremmo ndash per quel tanto di istanza etica in poesia che il termine puograve implicare sulla scia di Parini Manzoni Rebora Per Raboni la poesia egrave laquovalore che non si esaurisce in se stesso che non esclude lrsquoimportanza dellrsquoaltro della realtagrave di tutto ciograve che la realtagrave contiene e proponeraquo53 laquoI temi dellrsquoingiustizia della persecuzione del processo iniquo dellrsquoinnocenza ingiustamente perseguitata e punita lrsquoimmagine esplicita o implicita della cittagrave come teatro della peste come conteni-tore di ogni possibile contagio fisico e moraleraquo54 sono i temi di confessata ascen-denza manzoniana che attraversano lrsquointera sua poesia dai Gesta Romanorum rac-colta drsquoesordio55 fino agli Ultimi versi pubblicati postumi passando per le molte raccolte date alla luce56 laquoRimpiazzare il fantasma della poesia con la poesia in carne ossaraquo57 invece il suo programma poetico alla ricerca di laquoqualcosa di possi-bile cioegrave una poesia impura e al limite impoetica infinitamente inclusiva capace di compromettersi con la realtagraveraquo58 Una poesia in progressivo abbandono dellrsquoin-fluenza dei contemporanei ldquocanonicirdquo e attratta dai Sereni Betocchi Luzi ndash ama-ti fin dagli ultimi mesi di guerra quando sfollato da Milano per i bombardamenti del rsquo42 ne trovava le raccolte iniziali in una libreria di Varese ndash e provocata dagli esempi stranieri di un Eliot e di un Pound

Le esigenze odierne ci impediscono di aggiungere molto altro allrsquoesile abboz-zo sin qui condotto Come ci impediscono di gettare lo sguardo su una biografia 51 Cf MENGALDO 1978 Mengaldo introducendo MAGRO 2008 scrive laquoPer me non crsquoegrave dubbio che Giovanni Raboni assieme al grande dialettale Raffaello Baldini egrave stato il poeta di piugrave alto rango in Italia nei decenni piugrave recentiraquo (p 7) Lrsquointroduzione egrave apparsa sul ldquoCorriere della serardquo lrsquo8 Luglio 2008 Su Raboni critico si veda anche MENGALDO 1998 52 A ZANZOTTO Per Giovanni Raboni in RABONI 2006 pp XI ss p XI 53 Cosigrave RABONI 1992 Ora in RABONI 2006 p XCIII Sui termini di accettazione da parte di R dellrsquoappartenenza alla linea lombarda cf ibidem pp CXXXIII-CXXXIV 54 Cosigrave lrsquoautore in Raboni Manzoni Roma Il Ventaglio 1985 pp 19-20 Ora in RABONI 2006 p 1422

55 Raccolta di versi con cui R partecipograve nel 1953 al premio di poesia ldquoIncontri della Gioventugraverdquo ri-sultandone vincitore La raccolta non fu mai pubblicata e alcuni dei testi che la componevano ap-parvero su rivista in appendice a Le case della Vetra nella plaquette fuori commercio dal titolo omo-nimo apparsa nel 1967 La si veda ora in RABONI 2006 56 Nellrsquoordine Il catalogo egrave questo (1961) Lrsquoinsalubritagrave dellrsquoaria (1963) Le case della Vetra (1966) Econo-mia della paura (1970) Cadenza drsquoinganno (1975) Il piugrave freddo anno di grazia (1978) Nel grave sogno (1982) Canzonette mortali (1986) A tanto caro sangue (1988) Versi guerrieri e amorosi (1990) Ogni terzo pensiero (1993) Nel libro della mente (1997) Quare tristis (1998) Barlumi di storia (2002) Si aggiungano alle raccolte citate i due volumi di Tutte le poesie editi da Garzanti nel 1997 e nel 2000

57 Parole di Raboni riportate da CORTELLESSA 2005 p 385

58 Cosigrave Raboni nellrsquointroduzione a Poesia degli anni Sessanta in RABONI 2006 p 209

Roberto Vianello

20

che meglio aiuterebbe la conoscenza dellrsquoartista Ci imbatteremmo in una galleria di figure e istituzioni tra le piugrave note in ambito culturale con le quali il Nostro av-viograve frequentazioni e collaborazioni I nomi di alcune allineati di seguito determi-neranno forse tra i presenti una suggestione sostitutiva di quanto non abbiamo il tempo di dire59 Ascoltiamoli il filosofo Enzo Paci i poeti Carlo Betocchi e Bar-tolo Cattafi il ldquosuordquo Vittorio Sereni e poi Franco Fortini ElioVittorini Dino Buzzati Sergio Solmi Oreste Del Buono E ancora Patrizia Valduga lrsquoultima compagna e Renato Guttuso Vanni Scheiwiller e Livio Garzanti ldquoaut autrdquo ldquoQuaderni piacentinirdquo ldquoQuesto e altrordquo ldquoil verrirdquo ldquoLa cittagraverdquo ldquoParagonerdquo ldquoNuo-vi argomentirdquo i nomi delle riviste con cui collaborograve Garzanti Mondadori Guan-da le editrici maggiori con cui ebbe rapporti o lavorograve Chiudendo ricorderemo tra le moltissime le sue traduzioni delle Fleur di Baudelaire e dellrsquointera Recherche di Proust ma anche ndash particolarmente significativa per noi ndash quella dellrsquoAntigone di Sofocle che appare sotto ogni rispetto snodo di capitale importanza tra lrsquoopera raboniana ldquodi semprerdquo e lrsquoAlcesti oggetto delle nostre cure60 Questa traduzione in versi ci restituisce un Raboni che restando allrsquointerno dei temi civili a lui piugrave con-geniali si misura contemporaneamente ndash ed euforicamente ndash con le possibilitagrave di laquotradurre il sentimentoraquo in un linguaggio moderno ma anche con la capacitagrave di un classico di farsi veicolo esemplare di temi universali61 Operazioni con le quali lo vedremo alle prese nella realizzazione dellrsquoAlcesti della quale egrave finalmente tempo di parlare

Alcesti o La recita dellrsquoesilio vede la luce negli Elefanti Garzanti nel settembre 2002 Il dramma egrave stato richiesto e pensato per il Teatro Olimpico di Vicenza ma egrave destinato a non esservi rappresentato e Raboni che ne ha scritto le ultime scene a Yale nellrsquoaprile dellrsquoanno precedente in occasione del suo primo viaggio negli Sati Uniti dovragrave aspettare altri due anni prima di vederlo in scena La prima avragrave luogo il 7 gennaio 2004 presso il Teatro ldquoSanta Chiarardquo di Brescia ad opera del Centro Teatrale Bresciano per la regia di Cesare Lievi e lrsquointerpretazione di Ester Galazzi Roberto Trifirograve Gianfranco Varetto Francesco Vitale In concomitanza

59 Cf la Cronologia citata alla nota 49 e consultabile sul sito ufficiale 60 La traduzione per la Compagnia del Teatro Carcano diretta da Giulio Bosetti andograve in scena prima dallrsquo8 al 18 giugno 2000 al Teatro Greco di Siracusa poi il 27 settembre dello stesso anno al Teatro Olimpico di Vicenza Di recente Bosetti lrsquoha riportata in scena con un nuovo allestimen-to di cui ha curato personalmente la regia Una scheda del nuovo spettacolo e unrsquointervista allrsquoattore-regista allrsquoindirizzo Internet httpwwwteatroteatroit 61 Si veda a questo proposito RABONI 2000 p 14 ora in RABONI 2006 pp1742 s dove si leggono le seguenti significative parole laquoAntigone con il suo bisogno di dare sepoltura al corpo del fra-tello Polinice morto in battaglia crede di obbedire agli dei Creonte con la sua volontagrave di impe-dirglielo percheacute Polinice egrave morto combattendo contro la sua stessa patria ed egrave dunque di fronte agli uomini un traditore egrave convinto di obbedire alle esigenze della convivenza civile dellrsquoordine del buongoverno Chi ha ragione fra i due Il dibattito egrave aperto da 2500 anni e riguarda davvero [hellip] tutto e tutti in qualsiasi tempo e in qualsiasi luogo la storia di ogni comunitagrave retta da un patto sociale con il suo conflitto forse insanabile fra le ragioni del ldquoprogressordquo e le ragioni della giusti-zia e la vita di ciascuno di noi con il suo conflitto certamente insanabile fra le ragioni della mente e le ragioni del cuoreraquo

Alcesti nel Novecento letterario italiano

21

con lrsquoiniziativa teatrale si tiene in Brescia un ciclo di Seminari promosso dalla se-zione locale dellrsquoUniversitagrave Cattolica del Sacro Cuore dal titolo ldquoSacrifici al fem-minile Alcesti in scena da Euripide a Rabonirdquo e propedeutico per cosigrave dire alla rappresentazione giagrave programmata62 Al ciclo di seminari Raboni interviene il 12 dicembre 2003 parlando di ldquoAlcestirdquo e i disastri del Novecento63 e fornendo egli stesso ndash diremmo ndash le ragioni della nostra scelta odierna di parlarne64

Che Alcesti possa sollecitare la creativitagrave di chi richiesto di pensare a un testo drsquoargomento classico sembra non volere prescindere da un giudizio sulla storia piugrave recente ci pare particolarmente interessante e ci induce a appaiare in certo modo la riflessione di fine secolo che la ritrova protagonista alla riflessione savi-niana sopra indagata di metagrave Novecento Percheacute delle laquolacerazioniraquo della storia piugrave recente ci parla appunto la breve vicenda dei laquotre personaggi in fuga sullo sfondo di una persecuzione storicaraquo che Raboni si impegna a non farci individua-re ma appartiene tutta al laquosecolo terribile che ci siamo appena lasciati alle spalleraquo Ancora piugrave interessante ndash piugrave da fine millennio diremmo ndash il fatto che le lacera-zioni siano accompagnate dalle laquointermittenze del cuoreraquo che alberghino e pro-ducano esse stesse nuove umane lacerazioni nei tre personaggi che sperando di fuggire dalla follia in cui sta accadendo loro di vivere trovano ricovero provviso-rio di notte in un teatro Il frastuono delle sirene di un inseguimento notturno accompagna lrsquoingresso in scena di due uomini e una donna come potrete ascolta-re in questa prima sequenza video65

La donna in questione egrave Sara attrice costretta dallrsquooppressione del regime a

non calcare piugrave le scene Lrsquoaccompagnano Stefano il marito e il suocero Simone cui la donna egrave legata da affetto profondo per lrsquoaffinitagrave intellettuale e di sensibilitagrave che manca invece al suo rapporto con Stefano uomo ldquodrsquoazionerdquo assai diverso dal

62 Coordinati dalle docenti Maria Pia Pattoni e Roberta Carpani i seminari hanno visto la parteci-pazione di eminenti studiosi i cui interventi sono raccolti in PATTONI-CARPANI 2004 La profssa Pattoni ci ha cortesemente messo in contatto con lrsquoAddetto Stampa del CTB Bianca Simoni che ha messo a nostra disposizione il video del dramma di cui sono state proiettate alcune sequenze nel corso della conferenza 63 Per la trascrizione v RABONI 2004 e ora RABONI 2006 pp 1776 ss Da essa vengono le espres-sioni virgolettate al capoverso successivo 64 Ivi comprese le ragioni della scelta del verso certo il mezzo espressivo artistico piugrave congeniale al poeta Raboni ma anche quello da lui ritenuto piugrave necessario al teatro contemporaneo laquopercheacute la presenza del verso del ritmo della scansione metrica dagrave veramente la possibilitagrave di usare il lin-guaggio di tutti i giorni senza mimetismo cioegrave con quel distacco con quella rifrazione con quella torsione senza la quale non si fa teatro e non si fa arteraquo (RABONI 2004 p 441 Ora in RABONI 2006 p 1777 65 La sequenza cui si fa riferimento corrisponde ai primi diciotto versi del dramma Una seconda sequenza video della durata di tredici minuti egrave stata proposta durante la conferenza al termine della presentazione del dramma Pur mantenendo la veste discorsiva di allora abbiamo qui intrec-ciato allrsquoargomentazione i versi di Raboni che il pubblico ha ascoltato solo al suo termine

Roberto Vianello

22

padre Usciti dalla nebbia di fuori per entrare nel temporaneo rifugio possono sperare di sentirsi tranquilli per un porsquo attendendo di venire raccolti e clandesti-namente portati verso la libertagrave Eppure Stefano il marito manifesta un disagio che appare qualcosa di piugrave di una comprensibile connaturata diffidenza quando si chiede fin dalla sua prima battuta se siano finiti in un rifugio o in una trappola laquoSiamo in un teatroraquo66 proclama Sara rassicurante Questa disarmante confidenza nelle possibilitagrave salvifiche di quel luogo la connota fin dalle prime parole come personaggio idealista al limite di una ingenuitagrave irragionevole e non condivisibile che i compagni le rinfacceranno lungo tutta la durata della piegravece Egrave certo parados-sale la situazione di questi personaggi chiamati ad affidare la fuga dai disastri della realtagrave proprio al luogo per eccellenza deputato alla finzione Quel che si direbbe perograve fortuito accadimento sembra poco a poco rafforzarsi fino a farsi certezza in lei attrice che girovagando qua e lagrave scopre drsquoaver giagrave recitato su quel palco-scenico tanto tempo prima nel ruolo di ancella in un antico dramma greco che non ricorda piugrave Alcesti I sospetti di Stefano drsquoaltra parte sono ben giustificati La realtagrave sta per irrompere brutalmente tra le speranze E mentre Sara vagabonda ignara per il teatro alla ricerca delle proprie memorie ndash alla ricerca di seacute ndash Stefa-no informa il vecchio Simone che qualcosa egrave andato storto Gli accordi sono sal-tati o non sono stati compresi Il custode notturno che li ha condotti ligrave ndash figura sinistra temibile nella sua reticente ambiguitagrave nei sottintesi dei suoi silenzi ndash gli ha fatto sapere che ci sono solo due posti per loro soltanto due potranno sottrar-si al laquorischio mortale che incombe sulle loro testeraquo (p 1262) Quel teatro rischia di essere davvero una trappola Si profila per loro una scelta laquofra vivere e morireraquo (p 1265) Si tratta di individuare chi di tre che si amano destinare al sacrificio ulti-ma inattesa vittima del potere violento che si sono illusi di fuggire Poicheacute Stefano non puograve pensare che la scelta ricada su Sara la partita andragrave giocata tra padre e figlio Ed ecco riemergere vecchie incomprensioni conflitti e tensioni moderna-mente riconoscibili sinistri sospetti Ecco riattuarsi uno scontro non nuovo ai lettori di Euripide tra un figlio a rischio di morte e un padre che tiene laquoforsenna-tamente a quel porsquo drsquoalbe e tramontiraquo (p 1291) che gli restano Ecco marcarsi tra i tre incomunicabilitagrave e gelosie acuite se possibile dalla straniante condotta di Sa-ra che nella lotta inesorabile per la sopravvivenza giagrave avviatasi tra i due conduce invece con le memorie la ricostruzione di seacute della sua identitagrave di attrice cercando nel vecchio una complicitagrave che egrave chiaro non attende dallo sposo Proprio per questa via anche Sara entra senza avvedersene nel vero dramma a cui la situazio-ne la contesa daranno lenta progressiva consistenza la recita delle loro vite quali sono realmente proprio in un luogo di suprema finzione qual egrave il teatro la messa in scena di quel che sono davvero nellrsquoimminenza dellrsquoesilio nascosti in quel tea-tro A questo laquogioco della veritagraveraquo Sara partecipa confessando con naturalezza drsquoamarli entrambi laquoMa comrsquoegrave possibile amore mio che tu scopra proprio qui proprio ora qualcosa che egrave vero da sempre che egrave il senso stesso della nostra

66 RABONI 2006 p 1258 A questa edizione faranno riferimento le successive indicazioni di pagi-na tra parentesi

Alcesti nel Novecento letterario italiano

23

vita e cioegrave che io vi amo uno nellrsquoaltro uno a causa dellrsquoaltro qualche volta uno per rimpianto dellrsquoaltro indissolubilmente inestricabilmentehellipraquo(p 1277)

Sara partecipa completamente al vero dramma con tutta se stessa con quan-to della sua storia della sua arte lrsquoha fatta quel che egrave Con quanto ha appreso dalla recita di Alcesti dal sacrificio della laquosua reginaraquo (p 1280) che ha accettato di mori-re per lo sposo dalle battute stesse pronunciate ventrsquoanni prima tra cui vuol ri-cordarne una laquoSoltanto quando lrsquoavragrave perduta sapragrave veramente cosrsquoha perdu-tohellipraquo (p 1279) Una anticipazione ndash una profezia ndash di quanto accadragrave tra breve o forse meglio una esplicitazione del suo modo di intendere del suo modo di es-sere Di ligrave a poco finalmente informata da Simone dellrsquoimminente si opporragrave fie-ramente alla possibilitagrave che si debba scegliere tra loro Mentre infurieragrave a colpi di sospetti e di sarcasmi la lotta tra Simone e Stefano incapaci di morire per gli altri negheragrave solennemente di voler accettare che si finisca laquo uno dei tre a incarnare con amarezza forse con rancore la parte della vittima gli altri due a convivere con lrsquoorrore drsquoaverglielo permesso o suggerito o addirittura impostohellipraquo (p 1292)

Egrave vero bisogna decidere O forse chissagrave non decidere non decidere niente decidere di non deciderehellip Ascoltatemi vi prego Egrave da giorni che io ascolto voi che cerco di abitare nei vostri cuori che mi sforzo di pensare i pensieri di ciascuno di voi nellrsquoorrenda disputa che vi opponehellip(p 1294)

In realtagrave stanno ligrave da appena due ore

[hellip] eppure se ci penso continua a sembrarmi unrsquoeternitagrave unrsquoeternitagrave di stupore di sgomento di pena ad ascoltarvi che vi torturate a vicenda lrsquouno con lrsquoaiuto dellrsquoaltro sempre piugrave a fondo sempre piugrave mortalmente nel vivo a colpi drsquoorgoglio e drsquoironia [hellip] Niente e nessuno lo sapete mi egrave piugrave caro di voi e questo egrave vero sin dal giorno in cui mrsquoavete presa uno per moglie lrsquoaltro per figlia ndash e forse egrave piugrave vero piugrave vero ancora da quando un odio indecifrabile trasformatosi in legge dello Stato

Roberto Vianello

24

mrsquoimpedisce di fare la sola cosa che amo quasi quanto amo voi due recitare [hellip] [hellip] egrave venuto il momento di dirvela tutta drsquoun fiato senza giri di frase senza neanche tentare di convincervi la certezza che mi pesa sul cuore e insieme lo fa piugrave leggero se partire tutti egrave impossibile (e so bene so bene che egrave impossibile) non crsquoegrave che una cosa da fare restare tutti qui (pp 1295 ss)

La salvezza dal teatro Speranza vana Sara sa che in un teatro ci sono passag-

gi impensabili spazi ignorati o creduti impraticabili porte nascostehellip Non le pare irrealistico sperare di celarsi di giorno in quellrsquoambiente labirintico e restarvi tutti insieme uscendo solo la notte a turno e con cautela per procurarsi di che so-pravvivere67 Sente soprattutto di doverlo volere per opporsi a una necessitagrave che ri-fiuta con tutta se stessa proprio per restare se stessa Rimanere lagrave significa rifiu-tarsi di cedere al male respingere il gioco di chi vuol togliere loro lrsquoanima Come sarebbe possibile definire salvezza il rinunciare ad essere quelli che sono laquoampu-tarsi degli affetti piugrave cari tradire tutte le parole dateraquo (p 1294)

Il realismo di Stefano e Simone non sa accettare questo punto di vista Perfi-no lrsquoaccondiscendente suocero finisce per accusare la donna drsquoavere letto da gio-vane troppi romanzi drsquoappendice di non comprendere insomma che la sua egrave posizione illusoria idealistica mentre invece crsquoegrave di mezzo la vita Per i due uomini decidere si deve deve venire individuata la vittima Simone allora escogita un modo per evitare di scegliere tra le ragioni dellrsquouno e dellrsquoaltro tra la prospettiva di vita piugrave lunga del giovane e lrsquoattaccamento del vecchio al tempo che gli resta da vivere Lrsquouso laquoun porsquo ludico e un porsquo statisticoraquo (p 1301) di una vecchia pistola carica sorteggeragrave in una specie di roulette russa il sacrificando La canna non verragrave puntata alla tempia si spareragrave a qualche oggetto Il risultato saragrave garantito in modo incruento ndash ma saragrave garantito ndash da un arnese appartenente alla storia della famiglia intascato chissagrave quanto consapevolmente quale ultima difesa contro lrsquoimprevisto e divenuto allrsquoattuarsi dellrsquoimprevisto autolesionistico mezzo di riso-luzione di un dilemma insolubile arma puntata contro lrsquounitagrave affettiva della fami-glia strumento con cui la sorte decideragrave incolpevolmente il prescelto a laquolasciareraquo con la donna laquolrsquoinferno per il limboraquo (p 1305)

67 La situazione puograve ricordare in certo modo quella realmente vissuta dalla famiglia Frank prima della deportazione a Berger Belsen e soprattutto quella che ispirograve a Truffaut il famoso Lrsquoultimo metrograve (1980) in cui in una Parigi occupata dai nazisti un direttore teatrale ebreo riesce a sottrarsi al peggio nascondendosi nei sotterranei del suo teatro

Alcesti nel Novecento letterario italiano

25

Sara comprende oramai come un muro si opponga tra le sue parole e il cuore dei due E se ne va per non fare piugrave ritorno senza che essi intuiscano la sua vera determinazione laquoNo non piugrave non queste cose Scusami Scusatemiraquo (p 1303) sono le sue ultime parole

Dopo un ultimo contrasto col padre Stefano va infine alla ricerca di un og-getto da trasformare in bersaglio per esercitarvi il gioco della sorte illudendosi nel contempo di poter trovare la donna Ma il Custode apparso drsquoimprovviso gli rivela come sia vana ogni ricerca di lei dato che lrsquoha appena vista uscire o meglio laquoentrare in quella gran nebbia che crsquoegrave lagrave fuori e che lei stessa [hellip] ha parago-nato allrsquoAderaquo (p 1307) Egrave il momento in cui tale personaggio rivela il massimo della sua ambiguitagrave ndash meglio sarebbe dire della sua impenetrabilitagrave ndash con lrsquoapparire aguzzino cinico incapace di pietagrave e col suo contemporaneo proclamar-si mero esecutore di ordini che laquonon sono mai [hellip] degli ordini inumaniraquo (p 1306) Lo spedizioniere ndash come lo hanno definito i nostri personaggi scopertisi fardelli in attesa di spedizione in preda al potere incoercibile delle circostanze ndash lrsquouomo che appare e scompare laquocome la figura della morte in certi campanili goticiraquo (p 1284) pare sapere molto piugrave di quel che svela Egrave tornato a comandare lrsquoabbandono del teatro ma le sue allusioni reticenti le mezze veritagrave suggerite ne svelano il vero ruolo Egli non egrave appena lrsquointermediario per lrsquoattuazione del pia-no concordato Vero deus ex machina egrave piuttosto lrsquoagente chiamato a fare lucida-mente precipitare lrsquoazione scenica verso la sua conclusione la conoscenza vera di un seacute decisamente impresentabile che situazioni disperate stati di necessitagrave acca-de sappiano lasciare emergere Ai due antieroi che protestano di non poter parti-re senza Sara che mentendo a se stessi pretendono di dover far qualcosa per lei nella concitazione dellrsquoobbligata partenza glacialmente il Custode risponde

Fare cosa Non crsquoegrave proprio niente da fare ci sarebbe semmai qualcosa da capire Ma piugrave tardi adesso non ne avete il tempo ricordatevi che dovete partire (p 1308)

Stefano adesso ndash cominciando a comprendere ndash vorrebbe restar ligrave per provare a cercarla Vano tentativo di acquietare la coscienza Egli in realtagrave si lascia presto vilmente travolgere come il padre dalla necessitagrave della congiuntura e dalla cruda imbarazzante veritagrave che finalmente emerge dalle agghiaccianti battute del dramma che srsquoavvia alla conclusione

STEFANO Ma qui possiamo cercarla CUSTODE E in che modo andandovi a ficcare tra le grinfie di chi vi dagrave la caccia Credete a me non avete altra scelta

Roberto Vianello

26

salite su quel camion Oltretutto se ci pensate egrave quello che tutti e due volevate con ogni vostra forza dalla piugrave palese alla piugrave segreta e che anche lei evidentemente ha voluto per voi STEFANO Mahellip SIMONE Quellrsquouomo chiunque sia ha ragione Diamogli retta figlio Io sono vecchio tu sei giovane ma entrambi credo siamo adulti e letterati quanto basta per mutare con lrsquoaiuto del tempo in una specie di dolcezza anche la piugrave atroce delle vergogne Su vieni STEFANO Non potrograve mai perdonartelo SIMONE Neacute io a te Ma ciascuno di noi due vedrai troveragrave il modo di perdonarlo almeno un porsquo a se stesso (pp 1309 s)

La personale convenienza prevale alla fine su ogni buona intenzione Lrsquoalibi dellrsquoimpossibilitagrave drsquoalcuncheacute oscura a pena il significato di disattenzioni indispo-nibilitagrave sorditagrave cui lo spettatore ha assistito sino a poco prima La mancata sin-tonia tra i parenti della nostra recita non trova piugrave spiegazione nella mera differen-za del carattere o nella gelosia Altra egrave lrsquoinconfessata veritagrave quella di scelte dettate dallrsquoistinto puro di conservazione al quale ogni legame affettivo egrave risultato sacri-ficato forse dettate persino da una inconscia volontagrave di liquidare conti da troppo sospesi

Il custode prima di lasciarli comunica che una laquocompagna di viaggioraquo partiragrave insieme a loro Nessuno sa chi sia laquoDicono che sia una reginaraquo ma non si sa di che paese laquoe nemmeno se la parola sia da intendere in senso proprio oppure figuratoraquo (p 1312) Con lei e di lei nessuno dovragrave nemmeno parlare gli ordini mi-steriosi sono tassativi pena il rischio dellrsquoincolumitagrave I due dovranno limitarsi a seguirla a qualche passo di distanza senza azzardare nemmeno con se stessi con-getture sul suo conto che potrebbero risultare addirittura laquoinsopportabiliraquo (ivi) Una donna velata compare sul fondo della scena Egrave Sara riconoscibile al pubbli-co ma laquomisteriosamente mutataraquo (p 1311) Forse la sua presenza porteragrave a com-pimento la recita delle laquolacerazioni della storiaraquo e delle laquointermittenze del cuoreraquo

Alcesti nel Novecento letterario italiano

27

cui lrsquoAutore voleva dar vita e indurragrave i nostri antieroi a capire Forse Egrave dunque per salvar lei che uno di loro tre ha dovuto sacrificarsi ndash chiede Stefano laquoStrana domandaraquo commenta il Custode laquoImproponibileraquo e laquoridicolaraquo

ndash quasi come voler cercare qualcuno nella nebbia se la nebbia egrave cosigrave maledettamente simile agli opachi labirinti dellrsquoAde Ma che senso ha che io cerchi di convincerti di quello di cui solo tu quando e se mai te ne verragrave il coraggio potrai convincere te stesso (p 1313)

Il Custode denuncia in quella domanda lrsquoultimo tentativo di addossare ad altri

una responsabilitagrave propria Alibi velleitario quanto lrsquoirrealistica voglia presto ac-quietata di cercare Sara nella nebbia Solo il coraggio di guardarsi dentro davvero permetteragrave di trovare la veritagrave La veritagrave di viltagrave ed eroismo che ha preso vita nel luogo della finzione il Teatro dove srsquoegrave combattuta la lotta tra lrsquoindole belluina ridestata in due personaggi dalle urgenze delle disgrazie e le esigenze ndash del cuore e della ragione insieme ndash della loro donna Durante lrsquoaccadimento che egrave la recita cui abbiamo assistito i nostri eroi hanno mostrato e forse capito ndash o cominciato a capire ndash di piugrave se stessi mentre lrsquoancella drsquoun tempo srsquoegrave potuta trasformare in re-gina Egrave stato per il suo gesto Egrave stato come altri propone per la sua volontagrave di restare ligrave nel Teatro preferendo laquola veritagrave dellrsquoapparire alla menzogna della real-tagraveraquo68 LrsquoAlcesti di Raboni non racconta di un ritorno dallrsquoaldilagrave Racconta piutto-sto di una fuga dallrsquoinferno nelle coscienze o ndash se si vuole e solo per i due uomi-ni ndash di un ingresso in un loro purgatorio al seguito di una donna laquoimmagine del loro amore e della loro vergognaraquo69

Un fraintendimento novecentesco Il tempo oramai esaurito ci costringe a concludere Resterebbe da porre una

domanda che a nostro giudizio merita di non essere elusa soprattutto alla luce di recenti sviluppi dellrsquoindagine critica Il Novecento ha davvero inteso correttamen-te il rapporto tra lrsquoAlcesti e lrsquoAdmeto consegnati da Euripide agli Ateniesi del 438 aC e al pubblico di ogni epoca Savinio ci ha consegnato un Paul-Admeto inno-cente quanto alla decisione della sposa ma non del tutto riabilitato quanto alle ra-gioni che quel gesto hanno determinato almeno per la parte che puograve avervi avuto

68 LIEVI 2004 p 447 69 RABONI 2004 p 445 Ora in RABONI 2006 p 1782

Roberto Vianello

28

il suo modo di essere sposo (v p 12) Raboni ci presenta uno Stefano-Admeto che accetta ingloriosamente il destino a lui favorevole Il giudizio degli autori no-vecenteschi si abbatte impietoso sullrsquoindividuo maschile della coppia Raboni pa-ragonograve il desiderio finale di cercare Sara alla laquoretoricaraquo disperazione di Admeto in Euripide per una morte che lui aveva laquorichiesto o comunque accettatoraquo70 Kott per citare solo unrsquoaltra voce sulla questione quando riflette sul rapporto tra i co-niugi in Euripide squalifica lo sposo affermando laquoAlcesti egrave unrsquoeroina di tragedia ma ha un marito che viene dalla commediaraquo71

Ci chiediamo e se il Novecento avesse frainteso Se Admeto non avesse avu-to davvero possibilitagrave di scegliere Bisognerebbe certo postulare un secolare fraintendimento Andrebbero indagate inoltre le ragioni dellrsquoamplificazione di quelle che da sempre sono apparse ambiguitagrave e contraddizioni del testo euripi-deo Admeto implora la sposa di non lasciarlo e la rimprovera quasi di abbando-nare oltre a lui i figli proprio mentre la morte la ghermisce Egrave davvero vuota-mente retorica la sua disperazione O un fuorviante pregiudizio moderno ci pre-clude la veritagrave indotti come siamo a biasimarne lrsquointollerabile ingratitudine per un gesto ancor piugrave grande ai nostri occhi in una condizione di subalternitagrave social-mente pretesa Non sarebbe incomprensibile il manifestarsi di tale fastidio nel progressivo maturare di una coscienza di genere tra Ottocento e Novecento e nella ormai conquistata emancipazione femminile Osiamo suggerire tali conside-razioni sulla scia di un interessante intervento critico apparso di recente sulla rivi-sta ldquoMateriali e discussioni per lrsquoanalisi dei testi classicirdquo cui non crsquoegrave tempo di de-dicare oggi lo spazio necessario ma che potragrave essere letto con profitto sul sito del nostro Liceo72

Carlo Brillante vi sostiene lrsquoimplausibilitagrave che Euripide abbia pensato di porta-re in scena un personaggio doppio e contraddittorio quale appare lrsquoAdmeto che riteniamo di conoscere Egli suggerisce invece la sciagurata eventualitagrave che Adme-to non abbia potuto opporsi al sacrificio della sposa richiamando in certo modo i tentativi di moralizzare il personaggio attuati prima dellrsquoOttocento Il critico tut-tavia non egrave vincolato alle necessitagrave etico-artistiche che animarono in passato un Aureli o un Alfieri73 Quel che conduce la sua indagine invece egrave lrsquoesigenza erme-neutica di comprendere quanto resta misconosciuto della vicenda degli sposi mi-tici e della tragedia greca cui forse erroneamente si attribuisce la scelta di insce-nare una ipocrisia poco onorevole e poco edificante Percheacute nulla ci dice il testo euripideo del ruolo di Admeto negli avvenimenti che hanno preceduto lrsquoazione scenica Sappiamo solo che Apollo ingannando le Moire ha ottenuto il dono piugrave prezioso per lrsquoamico descritto per lrsquointero dramma come uomo pio verso la divi-

70 RABONI 2004 p 444 Ora in RABONI 2006 p 1782 71 KOTT 2005 p 104 72 Cf BRILLANTE 2005 La riproduzione del saggio sul sito del Liceo egrave stata autorizzata dalla Re-dazione scientifica della rivista e dalla sua Casa editrice La si legga allrsquoindirizzo Internet wwwgiuseppeveroneseit (Materiali didattici Italiano Vianello Roberto) 73 Cf p 5

Alcesti nel Novecento letterario italiano

29

nitagrave e campione di ospitalitagrave e φιλία Quale rapporto sia intercorso tra il dono i-natteso del dio e la decisione sacrificale di Alcesti non si dice in Euripide neacute ci egrave dato di ipotizzarne aspetti disonorevoli per Admeto di cui sappiamo solo che οὐχ ηὗρε πλὴν γυναικὸς ὃστις ἤθελε θανὼν πρὸ κείνου microηκέτ΄εἰσορᾶν φάος ldquonon trovograve tranne la moglie chi volesse morendo per lui non piugrave vedere la lucerdquo (17-18) Osserva Brillante che il verbo εὑρίσκω laquopuograve designare un ritrovamento casuale senza riferimento a unrsquointenzionalitagrave del soggettoraquo 74 Un valore che e-scluderebbe una richiesta egoistica alla sposa e renderebbe lrsquoofferta di seacute della donna inattesa almeno quanto il dono stesso Il valore del verbo nel contesto egrave certo controverso75 ma di una richiesta esplicita ad Alcesti nel dramma non si fa mai menzione e forse solo un pregiudizio naturale quanto si vuole puograve farla po-stulare Il critico perciograve ipotizza che la possibilitagrave di una morte sostitutiva strap-pata da Apollo alle Moire si configuri come un vero e proprio patto a cui en-trambi i contraenti restano vincolati e che accettato da Admeto egrave divenuto vin-colante anche per lui Admeto non avrebbe dovuto in realtagrave accettare o meno il sacrificio di Alcesti quanto piuttosto scegliere se accettare o meno la vantaggiosa offerta del dio senza poter prevedere lrsquoinattesa offerta di seacute dellrsquoormai insostitui-bile sposa Piugrave generosa di amici e genitori Alcesti avrebbe involontariamente trasformato la piugrave impensabile delle opportunitagrave in un dono avvelenato I doni degli immortali sono spesso inevitabili per gli uomini E il re di Fere non aveva certo motivo di rifiutare il tributo di una divinitagrave amica alla piugrave onorevole delle sue virtugrave Sono solo lrsquoinatteso rifiuto dei genitori e lrsquoimprevista offerta di Alcesti a rendere non piugrave vantaggiosa lrsquoofferta di Apollo quando Thanatos rifiuta di nego-ziare con Apollo una dilazione della morte di Alcesti oramai non crsquoegrave piugrave nulla da fare I rapporti tra uomini e immortali ndash osserviamo noi ndash sono normalmente diffi-cili E spesso ndash continua Brillante ndash i doni degli immortali non corrispondono alle attese di chi li ha sollecitati Altri eroi dopo aver stipulato un patto vantaggioso con la divinitagrave laquosubiscono un male maggiore di quello che speravano di evitareraquo76 Egrave il caso di Idomeneo il re di Creta costretto a uccidere il figlio per aver promes-so a Poseidone di sacrificargli ciograve che avesse incontrato sulla terraferma se fosse scampato al naufragio Stessa sorte subirono la sposa e i figli di Meandro che sti-pulograve un patto analogo con la madre degli dei Cosigrave come accadde alla figlia di Ief-te giudice dellrsquoAntico Testamento che si distinse combattendo contro gli Am-moniti e in cambio della vittoria su di essi promise in olocausto a IHWH ndash scon-sideratamente ndash la persona che per prima fosse uscita dalle porte di casa sua per andargli incontro (Gdc 11 30-39) In tutti questi casi eventi inattesi trasformano nella rovina dellrsquoeroe un patto incautamente ritenuto conveniente Qualcosa di simile andrebbe postulato anche per Admeto che tutto avrebbe potuto prevede-re tranne la dedizione della sposa fino al dono totale di seacute

74 BRILLANTE 2005 p 17 75 Cf ivi n 18 76 Brillante 2005 p 22

Roberto Vianello

30

Dobbiamo veramente terminare Non abbiamo titolo per pronunciarci con competenza sullrsquoipotesi sin qui descritta Se essa dovesse dimostrarsi esatta biso-gnerebbe ripensare lrsquoAlcesti di Euripide e restituire al suo sposo un onore troppo a lungo negato77 Le presunte ombre e ambiguitagrave che lo riguardano risulterebbero illuminate da una luce di sincero affetto per la sposa di vera disperazione per la sua perdita Giusta si rivelerebbe come pretendeva Platone la ricompensa delle virtugrave di entrambi col ritorno in vita di lei Nuova luce prenderebbero poi le letture artistiche del secolo da poco conclusosi che abbiamo fin qui descritto E do-vremmo forse attribuire a evoluzione del costume ai drammi della psiche a traumi della sua storia la valutazione antieroica del rapporto immaginato tra gli sposi in quelle recenti storie Lasciamo alla vostra riflessione le molte osservazioni sin qui proposte Qualsiasi sia la veritagrave su Alcesti e Admeto siete tutti invitati al teatro ldquoDon Boscordquo ad assistere alla rappresentazione che gli studenti del Classi-co ne daranno il prossimo 29 Aprile Grazie

ROBERTO VIANELLO

77 Almeno per quel che concerne il suo rapporto con la sposa Rimarrebbe invero da valutare la sua pretesa di essere sostituito da amici e genitori Per i secondi si potrebbe forse invocare il con-cetto di giustizia generazionale per il quale la piugrave lunga aspettativa di vita del giovane il lungo godi-mento di ricchezze e felicitagrave da parte dei piugrave anziani renderebbero ndash in modo che lascia perplessa la coscienza moderna ndash onorevole la loro dipartita meno disonorevole la richiesta loro diretta Per i primi si dovrebbero forse invocare concetti quali la regalitagrave dellrsquointerlocutore la ragion di Stato la manifestazione concreta di una φιλία attesa dalla sodalitagrave tra pari non invece dallrsquoaffetto di una donna Per entrambi bisogneragrave poi tener presente lrsquoorigine fiabesca della situazione e del dono stesso

Alcesti nel Novecento letterario italiano

31

Indice bibliografico

BASTA DONZELLI 1987 G BASTA DONZELLI Euripide in Dizionario degli scrittori greci e latini Diretto da F DELLA CORTE Milano Marzorati 1987

BRILLANTE 2005 C BRILLANTE LrsquoAlcesti di Euripide il personaggio di Admeto e la struttura del dramma in ldquoMateriali e discussioni per lrsquoanalisi dei testi classicirdquo 54 (2005) pp 9-46

CARDARELLI 1981 V CARDARELLI Opere Milano Mondadori 1981

CARDARELLI 1985 Il testamento letterario di Giacomo Leopardi Pensieri dello Zibaldone scelti annotati e ordinati da Vincenzo Cardarelli Torino Fogravegola 1985 (ri-stampa del fascicolo trimestrale de ldquoLa Rondardquo del giugno 1921)

CASCETTA 1995 A CASCETTA Lrsquo Alcesti di Samuele di Alberto Savinio una tragedia mo-derna in Studia classica Iohanni Tarditi oblata A cura di L BELLONI G MILANESE A PORRO vol II Milano Vita e Pensiero Pubblicazioni dellrsquoUniversitagrave Cattolica 1995 pp 1405-1446

CORTELLESSA 2005 A CORTELLESSA La poesia in carne e ossa postfazione a RABONI 2005

DE SANCTIS 1995 F DE SANCTIS Schopenhauer e Leopardi A cura di F Gnerre e A L Marongiu Milano Edizioni Oberon 1995 (volumetto per la scuola che riproduce il citatissimo Schopenhauer e Leopardi Dialogo tra A e D in Saggi critici A cura di L Russo II Bari Laterza 1952)

EURIPIDE E ALTRI 2006 EURIPIDE WIELAND RILKE YOURCENAR RABONI Alcesti Variazio-ni sul mito Venezia Marsilio 2006

GUIDI 2006 O GUIDI Alberto Savinio profeta dellrsquoUnitagrave Europea in Irregolari novecente-schi Bontempelli Savinio Landolfi Penna Curto Longo Editore Ravenna 2006 pp 29-46

KOTT 2005 J KOTT Alcesti velata in IDEM Divorare gli dei Unrsquointerpretazione della tragedia greca Milano B Mondadori 2005 pp 100-133

LANGELLA 2004 G LANGELLA Lrsquoottimismo della speranza Sullrsquo ldquoAlcestirdquo incompiuta di Al-varo in PATTONI-CARPANI 2004 pp 369-386

LESKY 1925 A LESKY Alkestis Der Mythus und das Drama Wien und Leipzig 1925 (ldquoSitz Akad Wiss Wienrdquo phil-hits Kl 203 2 Abh)

LIEVI 2004 C LIEVI Lrsquo ldquoAlcestirdquo di Giovanni Raboni Riflessione di un regista in PAT-TONI-CARPANI 2004 pp 446-447

MAGRO 2008 F MAGRO Un luogo della veritagrave umana La poesia di Giovanni Raboni Pa-sian di Prato (UD) Campanotto editore 2008

MENGALDO 1978 P V MENGALDO Poeti italiani del Novecento Milano Mondadori 1978 pp 398-402

MENGALDO 1998 P V MENGALDO Profili di critici del Novecento Torino Bollati Borin-ghieri 1998 pp 107-111

MORACE 1983 C ALVARO Alcesti a cura di A M MORACE in ldquoNuovi Annali della Facoltagrave di Magistero dellrsquoUniversitagrave di Messinardquo 1 (1983) pp 729-758

MORACE 2001 A M MORACE La riscrittura del mito nel teatro alvariano in IDEM Orbite novecentesche Napoli Edizioni Scientifiche Italiane 2001 pp 85-103

Roberto Vianello

32

NOSARTI 1992 ANONIMO LrsquoAlcesti di Barcellona A cura di L NOSARTI Bologna Pagrave-tron 1992

PADUANO 2004 G PADUANO Lrsquounitagrave dellrsquo Alcesti e la doppia ricezione in PATTONI-CARPANI 2004 pp 343-359

PATTONI 2004 M P PATTONI Le metamorfosi di Alcesti Dallrsquoarchetipo alle sue rivisitazioni in PATTONI-CARPANI 2004 pp 279-300

PATTONI 2006 M P PATTONI Introduzione a EURIPIDE E ALTRI 2006 pp 9-48

PATTONI-CARPANI 2004 Sacrifici al femminile Alcesti in scena da Euripide a Raboni in ldquoComunica-zioni socialirdquo anno XXVI NS Sez teatro 3 (Settembre-Dicembre 2004)

PEDULLAgrave 1991 W PEDULLAgrave Alberto Savinio Storia esemplare di uno scrittore di avanguar-dia Milano Bompiani 1991

PIETROMARCHI 1986 voce Savinio Alberto in Dizionario critico della letteratura italiana diretto da V BRANCA Torino UTET 1986 pp 98-100

PISCOPO 1973 U PISCOPO Alberto Savinio Milano Mursia 1973

RABONI 1987 G RABONI Poeti del secondo Novecento in Storia della letteratura italiana Diretta da E CECCHI e N SAPEGNO Il Novecento Milano Garzanti 1987 pp 207-248 Ora in RABONI 2005 pp 190-250

RABONI 1992 Sereni a Milano in Per Vittorio Sereni Convegno di poeti Milano Allrsquoinsegna del pesce drsquooro 1992

RABONI 2000 G RABONI Tradurre il sentimento in Tu hai preferito vivere io morire Con Antigone di Sofocle A cura di M G CIANI E F DONADI I quaderni del Teatro Olimpico 6 Vicenza 2000 pp 14-15 Ora in RABONI 2006 PP 1742-1743

RABONI 2004 G RABONI ldquoAlcestirdquoe i disastri del Novecento in PATTONI-CARPANI 2004 pp 441-445

RABONI 2005 G RABONI La poesia che si fa Cronaca e storia del Novecento poetico italia-no 1959-2004 A cura di A CORTELLESSA Milano Garzanti 2005

RABONI 2006 G RABONI Lrsquoopera poetica Milano Mondadori 2006

RAGNI 2002 E RAGNI Savinio mito e mondo classico in Atti del Convegno ldquoIl classico nel-la Roma contemporanea Mito modelli memoriardquo Roma 18-20 ottobre 2000 A cura di FERNANDA ROSSETTI Istituto Nazionale di Studi Romani 2002 vol I pp 71-105

REALE 1991 PLATONE Tutti gli scritti A cura di G REALE Milano Rusconi 1991

RIGONI 1985 M A RIGONI Saggi sul pensiero Leopardiano Napoli Liguori 1985

SAVINIO 1992 A SAVINIO Dico a te Clio Milano Adelphi 1992

SAVINIO 2007 A SAVINIO Alcesti di Samuele e atti unici A cura di A TINTERRI Mila-no Adelphi Edizioni 20072

SUSANETTI 2001 D SUSANETTI La favola bella della morte in Euripide Alcesti A cura di IDEM Venezia Marsilio 2001

SUSANETTI 2004 D SUSANETTI Alcesti sacrificio e resurrezione Elementi di un mito con sei variazioni in PATTONI-CARPANI 2004 pp 307-327

Alcesti nel Novecento letterario italiano

33

TELOgrave 2004 M TELOgrave lsquoAspettando Ercolersquo Universalismo mitico e primitivismo romantico in ldquoLe mystere drsquoAlcesterdquo di M Yourcenar in PATTONI-CARPANI 2004 pp 387-410

USAI 2005 A USAI Il mito nellrsquoopera letteraria e pittorica di Alberto Savinio Roma E-dizioni Nuova Cultura 2005

VIVARELLI 1996 Alberto Savinio Catalogo generale A cura di P VIVARELLI Milano Elec-ta 1996

WILSON 1968 Twentieth Century Interpretations of Euripidesrsquo Alcestis A collection of Critical Essays Edited by J R WILSON Englewood Cliffs N J Prentice-Hall 1968

ltlt ASCII85EncodePages false AllowTransparency false AutoPositionEPSFiles true AutoRotatePages None Binding Left CalGrayProfile (Dot Gain 20) CalRGBProfile (sRGB IEC61966-21) CalCMYKProfile (US Web Coated 050SWOP051 v2) sRGBProfile (sRGB IEC61966-21) CannotEmbedFontPolicy Error CompatibilityLevel 14 CompressObjects Tags CompressPages true ConvertImagesToIndexed true PassThroughJPEGImages true CreateJDFFile false CreateJobTicket false DefaultRenderingIntent Default DetectBlends true ColorConversionStrategy LeaveColorUnchanged DoThumbnails false EmbedAllFonts true EmbedJobOptions true DSCReportingLevel 0 EmitDSCWarnings false EndPage -1 ImageMemory 1048576 LockDistillerParams false MaxSubsetPct 100 Optimize true OPM 1 ParseDSCComments true ParseDSCCommentsForDocInfo true PreserveCopyPage true PreserveEPSInfo true PreserveHalftoneInfo false PreserveOPIComments false PreserveOverprintSettings true StartPage 1 SubsetFonts true TransferFunctionInfo Apply UCRandBGInfo Preserve UsePrologue false ColorSettingsFile () AlwaysEmbed [ true ] NeverEmbed [ true ] AntiAliasColorImages false DownsampleColorImages true ColorImageDownsampleType Bicubic ColorImageResolution 300 ColorImageDepth -1 ColorImageDownsampleThreshold 150000 EncodeColorImages true ColorImageFilter DCTEncode AutoFilterColorImages true ColorImageAutoFilterStrategy JPEG ColorACSImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt ColorImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt JPEG2000ColorACSImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt JPEG2000ColorImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt AntiAliasGrayImages false DownsampleGrayImages true GrayImageDownsampleType Bicubic GrayImageResolution 300 GrayImageDepth -1 GrayImageDownsampleThreshold 150000 EncodeGrayImages true GrayImageFilter DCTEncode AutoFilterGrayImages true GrayImageAutoFilterStrategy JPEG GrayACSImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt GrayImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt JPEG2000GrayACSImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt JPEG2000GrayImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt AntiAliasMonoImages false DownsampleMonoImages true MonoImageDownsampleType Bicubic MonoImageResolution 1200 MonoImageDepth -1 MonoImageDownsampleThreshold 150000 EncodeMonoImages true MonoImageFilter CCITTFaxEncode MonoImageDict ltlt K -1 gtgt AllowPSXObjects false PDFX1aCheck false PDFX3Check false PDFXCompliantPDFOnly false PDFXNoTrimBoxError true PDFXTrimBoxToMediaBoxOffset [ 000000 000000 000000 000000 ] PDFXSetBleedBoxToMediaBox true PDFXBleedBoxToTrimBoxOffset [ 000000 000000 000000 000000 ] PDFXOutputIntentProfile () PDFXOutputCondition () PDFXRegistryName (httpwwwcolororg) PDFXTrapped Unknown Description ltlt ENU (Use these settings to create PDF documents with higher image resolution for high quality pre-press printing The PDF documents can be opened with Acrobat and Reader 50 and later These settings require font embedding) JPN ltFEFF3053306e8a2d5b9a306f30019ad889e350cf5ea6753b50cf3092542b308030d730ea30d730ec30b9537052377528306e00200050004400460020658766f830924f5c62103059308b3068304d306b4f7f75283057307e305930023053306e8a2d5b9a30674f5c62103057305f00200050004400460020658766f8306f0020004100630072006f0062006100740020304a30883073002000520065006100640065007200200035002e003000204ee5964d30678868793a3067304d307e305930023053306e8a2d5b9a306b306f30d530a930f330c8306e57cb30818fbc307f304c5fc59808306730593002gt FRA ltFEFF004f007000740069006f006e007300200070006f0075007200200063007200e900650072002000640065007300200064006f00630075006d0065006e00740073002000500044004600200064006f007400e900730020006400270075006e00650020007200e90073006f006c007500740069006f006e002000e9006c0065007600e9006500200070006f0075007200200075006e00650020007100750061006c0069007400e90020006400270069006d007000720065007300730069006f006e00200070007200e9007000720065007300730065002e0020005500740069006c006900730065007a0020004100630072006f0062006100740020006f00750020005200650061006400650072002c002000760065007200730069006f006e00200035002e00300020006f007500200075006c007400e9007200690065007500720065002c00200070006f007500720020006c006500730020006f00750076007200690072002e0020004c00270069006e0063006f00720070006f0072006100740069006f006e002000640065007300200070006f006c0069006300650073002000650073007400200072006500710075006900730065002egt DEU ltFEFF00560065007200770065006e00640065006e0020005300690065002000640069006500730065002000450069006e007300740065006c006c0075006e00670065006e0020007a0075006d002000450072007300740065006c006c0065006e00200076006f006e0020005000440046002d0044006f006b0075006d0065006e00740065006e0020006d00690074002000650069006e006500720020006800f60068006500720065006e002000420069006c0064006100750066006c00f600730075006e0067002c00200075006d002000650069006e00650020007100750061006c00690074006100740069007600200068006f006300680077006500720074006900670065002000410075007300670061006200650020006600fc0072002000640069006500200044007200750063006b0076006f0072007300740075006600650020007a0075002000650072007a00690065006c0065006e002e00200044006900650020005000440046002d0044006f006b0075006d0065006e007400650020006b00f6006e006e0065006e0020006d006900740020004100630072006f0062006100740020006f0064006500720020006d00690074002000640065006d002000520065006100640065007200200035002e003000200075006e00640020006800f600680065007200200067006500f600660066006e00650074002000770065007200640065006e002e00200042006500690020006400690065007300650072002000450069006e007300740065006c006c0075006e00670020006900730074002000650069006e00650020005300630068007200690066007400650069006e00620065007400740075006e00670020006500720066006f0072006400650072006c006900630068002egt PTB ltFEFF005500740069006c0069007a006500200065007300740061007300200063006f006e00660069006700750072006100e700f5006500730020007000610072006100200063007200690061007200200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200063006f006d00200075006d00610020007200650073006f006c007500e700e3006f00200064006500200069006d006100670065006d0020007300750070006500720069006f0072002000700061007200610020006f006200740065007200200075006d00610020007100750061006c0069006400610064006500200064006500200069006d0070007200650073007300e3006f0020006d0065006c0068006f0072002e0020004f007300200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200070006f00640065006d0020007300650072002000610062006500720074006f007300200063006f006d0020006f0020004100630072006f006200610074002c002000520065006100640065007200200035002e00300020006500200070006f00730074006500720069006f0072002e00200045007300740061007300200063006f006e00660069006700750072006100e700f50065007300200072006500710075006500720065006d00200069006e0063006f00720070006f0072006100e700e3006f00200064006500200066006f006e00740065002egt DAN ltFEFF004200720075006700200064006900730073006500200069006e0064007300740069006c006c0069006e006700650072002000740069006c0020006100740020006f0070007200650074007400650020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006d006500640020006800f8006a006500720065002000620069006c006c00650064006f0070006c00f80073006e0069006e0067002000740069006c0020007000720065002d00700072006500730073002d007500640073006b007200690076006e0069006e0067002000690020006800f8006a0020006b00760061006c0069007400650074002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e007400650072006e00650020006b0061006e002000e50062006e006500730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f0067002000520065006100640065007200200035002e00300020006f00670020006e0079006500720065002e00200044006900730073006500200069006e0064007300740069006c006c0069006e0067006500720020006b007200e600760065007200200069006e0074006500670072006500720069006e006700200061006600200073006b007200690066007400740079007000650072002egt NLD ltFEFF004700650062007200750069006b002000640065007a006500200069006e007300740065006c006c0069006e00670065006e0020006f006d0020005000440046002d0064006f00630075006d0065006e00740065006e0020007400650020006d0061006b0065006e0020006d00650074002000650065006e00200068006f00670065002000610066006200650065006c00640069006e00670073007200650073006f006c007500740069006500200076006f006f0072002000610066006400720075006b006b0065006e0020006d0065007400200068006f006700650020006b00770061006c0069007400650069007400200069006e002000650065006e002000700072006500700072006500730073002d006f006d0067006500760069006e0067002e0020004400650020005000440046002d0064006f00630075006d0065006e00740065006e0020006b0075006e006e0065006e00200077006f007200640065006e002000670065006f00700065006e00640020006d006500740020004100630072006f00620061007400200065006e002000520065006100640065007200200035002e003000200065006e00200068006f006700650072002e002000420069006a002000640065007a006500200069006e007300740065006c006c0069006e00670020006d006f006500740065006e00200066006f006e007400730020007a0069006a006e00200069006e006700650073006c006f00740065006e002egt ESP ltFEFF0055007300650020006500730074006100730020006f007000630069006f006e006500730020007000610072006100200063007200650061007200200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200063006f006e0020006d00610079006f00720020007200650073006f006c00750063006900f3006e00200064006500200069006d006100670065006e00200071007500650020007000650072006d006900740061006e0020006f006200740065006e0065007200200063006f007000690061007300200064006500200070007200650069006d0070007200650073006900f3006e0020006400650020006d00610079006f0072002000630061006c0069006400610064002e0020004c006f007300200064006f00630075006d0065006e0074006f00730020005000440046002000730065002000700075006500640065006e00200061006200720069007200200063006f006e0020004100630072006f00620061007400200079002000520065006100640065007200200035002e003000200079002000760065007200730069006f006e0065007300200070006f00730074006500720069006f007200650073002e0020004500730074006100200063006f006e0066006900670075007200610063006900f3006e0020007200650071007500690065007200650020006c006100200069006e0063007200750073007400610063006900f3006e0020006400650020006600750065006e007400650073002egt SUO ltFEFF004e00e4006900640065006e002000610073006500740075007300740065006e0020006100760075006c006c006100200076006f0069006400610061006e0020006c0075006f006400610020005000440046002d0061007300690061006b00690072006a006f006a0061002c0020006a006f006900640065006e002000740075006c006f0073007400750073006c00610061007400750020006f006e0020006b006f0072006b006500610020006a00610020006b007500760061006e0020007400610072006b006b007500750073002000730075007500720069002e0020005000440046002d0061007300690061006b00690072006a0061007400200076006f0069006400610061006e0020006100760061007400610020004100630072006f006200610074002d0020006a0061002000520065006100640065007200200035002e00300020002d006f0068006a0065006c006d0061006c006c0061002000740061006900200075007500640065006d006d0061006c006c0061002000760065007200730069006f006c006c0061002e0020004e00e4006d00e4002000610073006500740075006b0073006500740020006500640065006c006c00790074007400e4007600e4007400200066006f006e0074007400690065006e002000750070006f00740075007300740061002egt ITA ltFEFF00550073006100720065002000710075006500730074006500200069006d0070006f007300740061007a0069006f006e00690020007000650072002000630072006500610072006500200064006f00630075006d0065006e00740069002000500044004600200063006f006e00200075006e00610020007200690073006f006c0075007a0069006f006e00650020006d0061006700670069006f00720065002000700065007200200075006e00610020007100750061006c0069007400e00020006400690020007000720065007300740061006d007000610020006d00690067006c0069006f00720065002e0020004900200064006f00630075006d0065006e00740069002000500044004600200070006f00730073006f006e006f0020006500730073006500720065002000610070006500720074006900200063006f006e0020004100630072006f00620061007400200065002000520065006100640065007200200035002e003000200065002000760065007200730069006f006e006900200073007500630063006500730073006900760065002e002000510075006500730074006500200069006d0070006f007300740061007a0069006f006e006900200072006900630068006900650064006f006e006f0020006c002700750073006f00200064006900200066006f006e007400200069006e0063006f00720070006f0072006100740069002egt NOR ltFEFF004200720075006b00200064006900730073006500200069006e006e007300740069006c006c0069006e00670065006e0065002000740069006c002000e50020006f00700070007200650074007400650020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006d006500640020006800f80079006500720065002000620069006c00640065006f00700070006c00f80073006e0069006e006700200066006f00720020006800f800790020007500740073006b00720069006600740073006b00760061006c00690074006500740020006600f800720020007400720079006b006b002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006b0061006e002000e50070006e006500730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f0067002000520065006100640065007200200035002e00300020006f0067002000730065006e006500720065002e00200044006900730073006500200069006e006e007300740069006c006c0069006e00670065006e00650020006b0072006500760065007200200073006b00720069006600740069006e006e00620079006700670069006e0067002egt SVE ltFEFF0041006e007600e4006e00640020006400650020006800e4007200200069006e0073007400e4006c006c006e0069006e006700610072006e00610020006e00e40072002000640075002000760069006c006c00200073006b0061007000610020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e00740020006d006500640020006800f6006700720065002000620069006c0064007500700070006c00f60073006e0069006e00670020006600f60072002000700072006500700072006500730073007500740073006b0072006900660074006500720020006100760020006800f600670020006b00760061006c0069007400650074002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e00740065006e0020006b0061006e002000f600700070006e006100730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f00630068002000520065006100640065007200200035002e003000200065006c006c00650072002000730065006e006100720065002e00200044006500730073006100200069006e0073007400e4006c006c006e0069006e0067006100720020006b007200e400760065007200200069006e006b006c00750064006500720069006e00670020006100760020007400650063006b0065006e0073006e006900740074002egt KOR ltFEFFace0d488c9c8c7580020d504b9acd504b808c2a40020d488c9c8c7440020c5bbae300020c704d5740020ace0d574c0c1b3c4c7580020c774bbf8c9c0b97c0020c0acc6a9d558c5ec00200050004400460020bb38c11cb97c0020b9ccb4e4b824ba740020c7740020c124c815c7440020c0acc6a9d558c2edc2dcc624002e0020c7740020c124c815c7440020c0acc6a9d558c5ec0020b9ccb4e000200050004400460020bb38c11cb2940020004100630072006f0062006100740020bc0f002000520065006100640065007200200035002e00300020c774c0c1c5d0c11c0020c5f40020c2180020c788c2b5b2c8b2e4002e0020c7740020c124c815c7440020c801c6a9d558b824ba740020ae00af340020d3ecd5680020ae30b2a5c7440020c0acc6a9d574c57c0020d569b2c8b2e4002egt CHS ltFEFF4f7f75288fd94e9b8bbe7f6e521b5efa76840020005000440046002065876863ff0c5c065305542b66f49ad8768456fe50cf52068fa87387ff0c4ee575284e8e9ad88d2891cf76845370524d6253537030028be5002000500044004600206587686353ef4ee54f7f752800200020004100630072006f00620061007400204e0e002000520065006100640065007200200035002e00300020548c66f49ad87248672c62535f0030028fd94e9b8bbe7f6e89816c425d4c51655b574f533002gt CHT ltFEFF4f7f752890194e9b8a2d5b9a5efa7acb76840020005000440046002065874ef65305542b8f039ad876845f7150cf89e367905ea6ff0c9069752865bc9ad854c18cea76845370524d521753703002005000440046002065874ef653ef4ee54f7f75280020004100630072006f0062006100740020548c002000520065006100640065007200200035002e0030002053ca66f465b07248672c4f86958b555f300290194e9b8a2d5b9a89816c425d4c51655b57578b3002gt gtgtgtgt setdistillerparamsltlt HWResolution [2400 2400] PageSize [595000 842000]gtgt setpagedevice

Page 3: Alcesti nel Novecento letterario italianoprofvianello.altervista.org/files/alcesti_nel_novecento_letterario... · Alcesti nel Novecento letterario italiano 5 La questione morale e

Alcesti nel Novecento letterario italiano

3

La vicenda ha luogo a Fere in Tessaglia Lrsquoantefatto egrave come sempre nel tea-tro greco ben presente al pubblico Zeus ha fulminato Asclepio figlio di Apollo per aver risuscitato degli uomini per avere cioegrave sovvertito le leggi di natura me-diante il sapere medico appreso dal centauro Chirone sui monti della regione Apollo ha reagito per vendetta sterminando i Ciclopi artefici del fulmine Zeus lo ha dunque punito relegandolo in una condizione servile presso il mortale Adme-to uno degli eroi dellrsquoimpresa del vello drsquooro Di questo mortale il dio ha pascola-to per un anno gli armenti Ma Apollo durante il suo servizio ha conosciuto la non comune generositagrave del re di Fere la sua ospitalitagrave la sua amicizia Quale ri-compensa ha immaginato per lui un dono speciale Ha ottenuto dalle Moire u-briacandole che Admeto giunto il giorno fatale possa non morire ove qualcuno sia disposto a offrirsi al suo posto Admeto cercando invano non ha trovato al-cuno pronto a sostituirsi a lui nel giorno terribile tranne la sua sposa

Egrave a questo punto che prende inizio lrsquoazione scenica euripidea Egrave giunto il giorno di Alcesti Crsquoegrave silenzio nel palazzo reale Unrsquoancella esce a narrare la ldquove-stizionerdquo dellrsquo ἀρίστη Alcesti la migliore delle donne che al pari di un eroe omeri-co si prepara ritualmente alla ldquobella morterdquo laquoMuoio percheacute trsquoonororaquo (vv 282 s) ndash dice in scena al marito laquoNon ho voluto vivere senza di teraquo (vv 287 s) In cam-bio di questa sua φιλία in cambio dello speciale manifestarsi del suo affetto in un favore inaudito Alcesti chiede allo sposo fedeltagrave postuma E muore Admeto prima del rito funebre si scontra violentemente col padre accusandolo di non aver saputo sacrificarsi in nome di una giustizia generazionale che avrebbe per-messo a lui un gesto degno del rango e dellrsquoetagrave ad Alcesti la sopravvivenza Giunge a Fere Eracle ospite ignaro di un Admeto che non sa rinunciare alla piugrave caratteristica delle norme del mondo aristocratico ellenico il dovere di reciprocitagrave verso gli amici e di ospitalitagrave verso gli stranieri Quando conosce la sciagura cela-tagli Eracle strappa Alcesti alla morte e la restituisce a un incredulo Admeto Ve-lata toccata dalla morte la donna non potragrave parlare fino allrsquoalba del terzo giorno

Alcesti egrave testo complesso Temi diversi vi srsquoincrociano e sovrappongono tra spinte di segno opposto Egrave potuto sembrare testo ambiguo3 a partire dal suo stesso genere tragedia o dramma satiresco Sicuramente egrave creazione mirata a in-scenare tensioni di rilievo Egrave storia di un sacrificio per amore frutto di φιλία 4 ma anche di un rifiuto consapevole di quella che la protagonista immagina come una vita depauperata5 Egrave riflessione sulla profonda tensione tra il laquodebito che tutti dobbiamo pagareraquo ndash la morte ndash e la speranza assurda ma tenace che morire non sia necessario6 Egrave messa in scena della difficoltagrave di elaborare un lutto al tempo inquadramento sintetico e una bibliografia drsquoinsieme su Euripide cf invece BASTA DONZELLI 1987 3 Si veda ad es KOTT 2005 laquoEgrave una strana opera [hellip] Tutto in essa hellip viene usato in modo da presentare come parodia crudele la resurrezione di Alcesti Se egrave una tragedia si autoconsumaraquo (p 101) 4 SUSANETTI 2001 p 22 5 PATTONI 2004 pp 286-289 6 SUSANETTI 2001 pp 9-10

Roberto Vianello

4

stesso enciclopedia del rito funebre e riserva di strategie umane contro Ἀνάγκη la dura Necessitagrave7 Egrave anche narrazione di un ribaltamento del codice eroico-aristocratico per il quale una donna straordinaria muore per ldquodifendererdquo lrsquo ωἶκος mentre a piangerla resta il marito8 Egrave infine ndash ma solo per ridurre al minimo que-ste note sintetiche ndash spazio di unrsquoopposizione caratteristica della civiltagrave occidenta-le il contrasto cioegrave tra un sapere che pretenda il controllo del reale e quella che potrebbe chiamarsi la sapienza del cuore su ben altro avvezza a fondare certezze e strategie di vita Percheacute il Coro nel quinto stasimo del dramma proclama lrsquoimpossibilitagrave di trovare in alcuna dottrina un φάρmicroακον contro la spietata Ἀνάγκη denunciando la presuntuosa inadeguatezza di qualsiasi τέχνη fondata sulla cono-scenza di fronte al male per eccellenza Ma a tale sconsolata certezza il finale con-trappone invece lrsquoinattesa superioritagrave della φιλία che riesce dove la τέχνη ha falli-to strappando alla morte Alcesti Condivide Euripide la lettura platonica del mi-to9 Relega tale vittoria nel tempo del mito per proclamarne razionalisticamente lrsquoimpossibilitagrave nella vita reale10

Certo nellrsquointreccio di avvenimenti e prospettive appare delinearsi con nettez-za una separazione una lontananza tra i due protagonisti della vicenda Vi si con-trappogono personaggi di tempra e indole non comparabile Alcesti egrave figura eroi-ca egrave un exemplum Egrave degna di essere cantata dai poeti e che il suo sepolcro diven-ga un altare Ella merita la resurrezione Alcesti egrave Admeto invece caro agli dei capace lui pure di φιλία vive una situazione imbarazzante e contraddittoria Il sa-crificio volontario della sposa invertendo i ruoli tradizionali lo lascia spettatore passivo accusabile di debolezza e viltagrave Admeto in fondo non egrave quel che vor-remmo11 Egrave figura impresentabile ai moderni ndash obscaena nel senso etimologico del termine Non lo riscatta ai nostri occhi neppure la considerazione della progressi-va comprensione cui sarebbe chiamato dal ruolo assegnatogli nel dramma chi non la considererebbe tardiva Certamente troppo tardiva indegna della pronta ἀριστεία della sua donna12 il cui sacrificio pure nessuno tranne il padre gli rim-provera mai drsquoavere accettato13

7 SUSANETTI 2001 pp 15-16 23 PATTONI 2004 285-287 8 PATTONI 2006 p 14 9 laquo E questo gesto da lei compiuto parve cosigrave bello non solo agli uomini ma anche agli degravei al pun-to che questi pur avendo concesso solamente a pochissimi uomini fra i molti che compirono molte buone azioni il dono di lasciar tornare lrsquoanima dallrsquoAde tuttavia lasciarono tornare la sua a-nima meravigliati della sua azione In questo modo anche gli degravei onorarono lrsquoimpegno e la virtugrave a servizio dellrsquoamore raquo (Platone Simposio 179 C-D REALE 1991 Anni Ottanta-Settanta del IV sec a C) 10 WILSON 1968 raccogliendo saggi critici novecenteschi sul dramma si chiede laquois the salvation of Alcestis hellip a sardonic lsquoand so they lived happily ever afterrsquo hellip raquo (p 1) 11 Cf SUSANETTI 2001 p 28 12 Cf il motivo dellrsquo ἄρτι microανθάνω (v 940 ldquofinalmente comprendordquo) 13 Cf SUSANETTI 2004 pp 308 e 313

Alcesti nel Novecento letterario italiano

5

La questione morale e la ldquodoppia ricezionerdquo

La fortuna del tema egrave largamente attestata in letteratura e in arte tra gli anti-

chi e tra i moderni14 Ammirazione e riflessione hanno accompagnato la vicenda dei due mitici sposi a partire dal V secolo a C in un durevole seguito di rivisita-zioni e riscritture ingiustificabili senza la percezione di una qualche paradigmati-citagrave ancor viva15

Si evidenzia in questa catena di recuperi quella che egrave stata definita la ldquodoppia ricezionerdquo del capolavoro euripideo16 Si sono avuti cioegrave due diversi atteggiamenti tra i moderni di fronte alla storia di Alcesti e Admeto per lo piugrave secondo una di-stinzione cronologicamente ben definibile

Fino a tutto il Settecento le riflessioni sulle vicende della coppia mitica edifi-cate dalla limpidezza del gesto di lei hanno mostrato un evidente disagio per lrsquo ἔθος discutibile dellrsquoimpresentabile Admeto per lrsquoaccettazione del sacrificio della consorte per lo stesso atteggiamento impius nei confronti dei genitori del padre in special modo aggredito verbalmente senza rispetto alcuno La morale dei tem-pi nuovi comportava una valutazione diversa di parte di quella condotta ambi-

14 Per la ricostruzione puntuale delle tappe letterarie di questa fortuna rinviamo ai giagrave citati SUSA-NETTI e PATTONI Si vedano in particolare gli atti del ciclo di seminari promossi a Brescia nel 2003 dallrsquoUniversitagrave Cattolica del Sacro Cuore in PATTONI-CARPANI 2004 Senza presumere di adden-trarci in un ambito che non ci compete segnaliamo quale evidenza della diffusione del tema il noto cratere etrusco a figure rosse (340-330 aC) conservato alla Bibliothegraveque Nationale di Parigi nel quale Alcesti abbraccia Admeto tra le figure di Caru e Thuchulcha Lo si veda allrsquoindirizzo wwwsaeculait (sezione Immagini etrusche) 15 Lasciamo alla consultazione dei saggi citati unrsquoinformazione completa comprensiva di opere perdute scolii frammenti testimonianze citazioni e allusioni letterarie Diamo di seguito il sem-plice elenco di opere che hanno ripreso in modo significativo il personaggio la sua lunghezza te-stimonieragrave efficacemente la persistente fortuna Palefato Περί ἀπίστων (Sulle storie incredibili inizio III sec aC) Alcestis Barcinonensis (III-IV sec dC) Alcesta (V sec d C) in Anthologia Latina Ge-offrey Chaucer Legend of Good Women (1385 ) Hans Sachs Tragoedia von der Getrewen Frau Alkestis und ihrem getrewen Mann Admeto (1551) Alexandre Hardy Alceste ou la fideacuteliteacute (1602) Aurelio Aureli LrsquoAntigona delusa drsquoAlceste (1664) Emanuele Tesauro Alcesti o sia lrsquoamor sincero (Torino 1665 ldquotra-gedia musicalerdquo) Philippe Quinault Alceste ou le Triomphe drsquoAlcide (1674 musicata da Jean-Baptiste Lully) Pier Jacopo Martello Alceste (1709 1715) N Haym Admeto re di Tessaglia (Londra 1727 musicato da G F Haumlndel) Ranieri dersquo Calzabigi libretto per lrsquoAlkestis di Christoph Willibald Gluck (Vienna 1767) Christoph Martin Wieland Alcesti (singspiel musica di A Schweitzer Weimar 1773) Johann Gottfried Herder Admetusrsquo Haus oder der Tausch des Schicksals (1802) Vittorio Alfie-ri Alceste seconda (1798) lsquoIssachar Styrke Gentrsquo Euripidesrsquo Alcestis burlesqued (1816 parodia) Fran-cis Talfourd Alcestis the Original Strong-Minded Woman (1850 parodia) William Morris The Love of Alcestis in The Earthly Paradise (1868) Robert Browning Balaustionrsquos Adventure (1871) Rainer Maria Rilke Alkestis (Capri 7-10 febbraio 1907) Hugo von Hoffmannsthal Alkestis Ein Trauerspiel nach Euripides (1893-94 1911) Benito Peacuterez Galdoacutes Alceste (1914) T S Eliot The Coctail Party (1949) Marguerite Yourcenar Le mystegravere drsquoAlceste (1942 ma 1963) Theodore Morrison The Dream of Alce-stis (1950) Thornton Wilder The Alcestiad or a Life in the Sun (1955) 16 PADUANO 2004

Roberto Vianello

6

guamente coesistente con atteggiamenti piugrave nobili nella vicenda antica Egrave un fatto che fino alle soglie dellrsquoOttocento i nuovi interpreti della vicenda hanno cercato di ldquomigliorarerdquo Admeto ritenendo inadatto al loro pubblico ndash e alla bellezza della vicenda stessa ndash il ldquovampirismordquo di un uomo disposto al sacrificio della sua don-na e incapace di rispetto per chi lo ha generato Vanno in questo senso accorgi-menti caratteristici dei nuovi testi ispirati alla vicenda quali la sua iniziale ignoran-za delle scelte di Alcesti (Aureli 1664) la morte apparente dellrsquoeroina (Martello 1709) lrsquoinutile rifiuto di lui (Calzabigi 1767) la scelta del sacrificio per il bene su-periore della stirpe regale (Alfieri 1798) che nella rilettura finiscono in qualche modo per offuscare se non ridimensionare la grandezza della libera donazione di lei Anche lrsquoalterco col padre irrappresentabile viene eliminato e persino per il ri-fiuto di Ferete al figlio si invoca lrsquoattenuante dellrsquoaffetto ugualmente grande per la propria sposa (Alfieri) Narcotizzare le tensioni stridenti del testo euripideo sem-bra necessitagrave preliminare alla possibilitagrave stessa di guardare ancora a quella storia drsquoamore e sacrificio che si vuol comunque raccontare Si sceglie di censurare i ri-svolti piugrave ingrati della vicenda rinunciando implicitamente alla vita della quale dal loro collidere e cortocircuitare il dramma euripideo sembrerebbe tuttavia nu-trirsi

Non cosigrave le riscritture successive DallrsquoOttocento la ricezione dellrsquoAlcesti euri-pidea sembra orientarsi verso un Admeto meno innocente piugrave problematico vie-ne descritto il rapporto coniugale meno virtuosa la coscienza

La delimitazione imposta dal tema e dal contesto di oggi ci costringe inevita-bilmente solo a qualche riferimento a Ottocento e Novecento per il resto drsquoEuropa17 Accenneremo qui alla riscrittura di Browning e a quella della Yource-nar nelle quali la posizione di Admeto tende a risultare piugrave problematica e dub-bia In Browning il re di Fere viene giudicato infantile e solo attraverso la pena e la sofferenza perviene a un mutamento interiore capace di renderlo degno della restituzione della sposa18 LrsquoAdmeto della Yourcenar egrave un marito distratto e narci-sista un artista che egrave divenuto per Alcesti laquo un irriconoscibile estraneo raquo un uo-mo che lrsquoha fatta soffrire per il quale ha imparato a provare disgusto tra le in-comprensioni Un marito del cui palazzo Alcesti laquo non occupava che il giardino raquo che di notte tra una carezza e lrsquoaltra si alzava dal letto per andare a guardare le stelle laquo Io non ho mai saputo la tua idea delle stelle raquo ndash lo rimprovera la donna prima di morire opponendo con un certo rancore alle fantasie artistiche di lui la sua necessitagrave di pensare ad altro di badare al figliohellip E quando Ercole la riporta

17 Non ci risultano riscritture italiane di epoca ottocentesca 18 Non ci risultano edizioni italiane di Balaustionrsquos Adventure (v n 15) Rinviamo per esso ancora a SUSANETTI 2001 e PADUANO 2004 (in cui si possono leggere alcuni passi in lingua) ldquoFiore di Me-logranordquo giunta a Siracusa si impegna a recitare lrsquoAlcesti euripidea e ne fornisce una interessante lettura critica commentandone originalmente vari passaggi Ma propone poi una reinterpretazione radicale della storia che sottintende il suo giudizio negativo su Admeto il suo comportamento di-verragrave piugrave comprensibile alla luce del sogno condiviso con Alcesti di riportare sulla terra una nuova etagrave dellrsquooro

Alcesti nel Novecento letterario italiano

7

in vita vi ritorna con riluttanza negando di essersi sacrificata per lo sposo in re-altagrave ndash confessa ndash voleva morire19

La ricezione del Novecento italiano

Ma passiamo al Novecento italiano Vi troviamo ben quattro riletture del mi-to euripideo La prima egrave lrsquo Alcesti dai contenuti inopinati20 di Ettore Romagnoli pubblicata dal famoso grecista nei suoi Terzi drammi satireschi del 1922 La seconda egrave lrsquo Alcesti di Samuele di Alberto Savinio edita da Bompiani nel 1949 e messa in scena nel 1950 dal Piccolo Teatro di Milano21 Segue terza una incompiuta Alcesti di Corrado Alvaro anteriore al 1951 rimasta dattiloscritta e pubblicata solo nel 198322 Ultima infine ndash solo in ordine cronologico ndash Alcesti o La recita dellrsquoesilio di Giovanni Raboni edita da Garzanti nel 2002 e portata in scena per la prima volta nel 2004 ndash pochi mesi prima della scomparsa dellrsquoautore ndash dal Centro Teatrale Bresciano che ci ha cortesemente fornito un video dello spettacolo autorizzan-done la proiezione di qualche scena nel corso di questa lezione

Ci concentreremo oggi sulle Alcesti di Savinio e di Raboni Ci inducono a farlo ragioni di tempo e la possibilitagrave inattesa di vedere la resa teatrale di uno dei due pezzi Ma anche la genesi in qualche modo corrispondente dei due drammi con-cepiti allrsquoindomani del secondo grande conflitto il primo ndash e per cosigrave dire bilancio intellettuale di una stagione ndash un cinquantennio piugrave tardi lrsquoaltro ndash e dunque veri-fica di fine secolo delle speranze post-belliche Non ci verragrave crediamo imputata lrsquoincongruenza di inserire un testo del terzo millennio tra gli argomenti novecen-teschi di questo ciclo di conferenze Ci assolveranno dalla accusa di forzatura cronologica lrsquoideazione del dramma di Raboni che ha come verosimile terminus ante quem lrsquoaprile del primo anno del nuovo millennio23 Ma soprattutto il coinci-dere della sua realizzazione con gli ultimi atti letterari dellrsquoautore novecentesco e

19 Il mistero di Alcesti della Yourcenar (scritto nel 1942 ma pubblicato solo nel 1963) egrave ora fruibile in EURIPIDE E ALTRI 2006 Si vedano anche su di esso SUSANETTI 2001 TELOgrave 2004 PATTONI 2006 20 Admeto vi finge una falsa disperazione per la morte di Alcesti innamorato comrsquoegrave della sorella di lei con la quale potragrave finalmente essere felice dopo la morte della sposa Il ritorno dallrsquoAde lo sorprende proprio nei nuovi progetti per lrsquoavvenire 21 La si legga ora in SAVINIO 2007 SullrsquoAlcesti di Samuele cf CASCETTA 1995 22 La si legga in MORACE 1983 che ne segnala il terminus ante quem (p 732) Sul testo cf anche MORACE 2001 e LANGELLA 2004 Si tratta di una versione del mito ldquosecolarizzatardquo e ambientata nel mondo moderno sullo sfondo del secondo dopoguerra 23 Cf RABONI 2006 p CXXXVIII In unrsquointervista pubblicata su ldquoIl popolordquo del 20 febbraio 2002 Raboni dagrave per ultimata la sua Alcesti destinata ad andare in scena al Teatro Olimpico di Vi-cenza nellrsquoautunno dello stesso anno Lrsquointervista egrave ora in Internet allrsquoindirizzo wwwitalialibrinet La messa in scena non si realizzograve e la prima dellrsquoopera risultograve quella citata nel testo

Roberto Vianello

8

le parole stesse infine con cui Raboni ne parlograve pubblicamente in una lezione dal titolo ldquoAlcestirdquo e i disastri del Novecento24

LrsquoAlcesti di Savinio Andrea De Chirico fratello del piugrave noto Giorgio e noto al pubblico col nome

drsquoarte di Alberto Savinio richiede qualche parola di presentazione dato lo spazio contenuto di cui gode normalmente nei libri di testo in uso ai piugrave giovani tra il nostro pubblico Si tratta del resto di sorte comune alla maggior parte degli autori novecenteschi i manuali ne registrano i nomi insieme a sintesi minime di pensie-ro e scelte poetiche scegliendo la completezza informativa anzicheacute lrsquoapprofon-dimento caratteristico degli scrittori piugrave ldquocanonicirdquo Alla produzione teatrale di Savinio poi sono dedicate spesso solo poche righe (tre e mezza nellrsquoultimo libro di testo adottato qui al Classico)

Savinio egrave quel che si dice un artista eclettico Scrittore musicista pittore Lrsquoinfanzia in Grecia egrave per lui solo la condizione originaria di un percorso intellet-tuale compiuto nel corso di una vita errabonda in Europa Monaco Milano Fi-renze Parigi Ferrara Roma le tappe di un vagare che ne determina la prospettiva non provinciale ponendolo in relazione con le avanguardie culturali del primo Novecento Nietzsche e Schopenhauer con la musica gli oggetti di interesse della prima giovinezza Poi lrsquoincontro con lrsquoavanguardia artistica e letteraria a Parigi il sodalizio con Apollinaire il concerto ldquosinceristardquo nella sala delle ldquoSoireacutees de Pa-risrdquo25 E ancora i contatti con De Pisis e Carragrave lrsquoesperienza del Teatro Odescalchi a Roma insieme a Pirandello lrsquoinizio dellrsquoattivitagrave pittorica la collaborazione con riviste e quotidiani lrsquoinserimento unico italiano nellrsquoAntologia dello humour nero del surrealista Breton la collaborazione con la Scala di Milano26 Savinio evita il con-fronto col Fascismo impegnandosi solo dopo la sua caduta nella denuncia delle radici ideologiche e culturali del totalitarismo Esse affondano nelle passioni nellrsquoistinto nella vitalitagrave che determinano pesantemente lrsquouomo e le sue scelte Da essi puograve salvarlo solo la cultura intesa come civiltagrave come costruzione dellrsquouomo per lrsquouomo unico strumento in grado di riscattarne la storia27 Cittadi-no del mondo con lrsquoEllade nel DNA come si direbbe oggi per Savinio la cultura non puograve che autocomprendersi in relazione allrsquoAntico Atteggiamento che non va inteso come accettazione di un classicismo imbalsamato e anacronistico Il tempo dei miti egrave finito e lrsquoAntico appartiene alla coscienza della modernitagrave inquieta e 24 Per la trascrizione dellrsquointervento nella sede di Brescia dellrsquoUniversitagrave Cattolica (12 dicembre 2003) a cura di F Molinari cf RABONI 2004 La si legga ora anche nellrsquoapparato critico a cura di Rodolfo Zucco in RABONI 2006 pp 1776-1782 25 Il memorabile concerto di musica non armonica si tenne nel 1914 nella sede della rivista ldquoLes soireacutees de Parisrdquo di Apollinaire 26 Per maggiori notizie su Savinio basti qui rinviare a PIETROMARCHI 1986 e PEDULLAgrave 1991 Sulla vocazione europeistica di S v invece GUIDI 2006 27 Si veda per questi temi GUIDI 2006

Alcesti nel Novecento letterario italiano

9

priva di veritagrave condivisa solo per quel tanto che ci egrave dato di riconoscerne nel mondo drsquooggi Egrave vero che in vesti dimesse il mito egrave ancora presente tra noi Ri-conoscerlo permette di gettar luce sulla realtagrave La coscienza attenta dei moderni puograve trovare nellrsquoereditagrave dei classici un archivio di archetipi capaci di orientare alla comprensione delle cose Riconoscervi lrsquoultima metamorfosi di forme passate lrsquoultimo darsi sotto altra foggia di un nietzschiano eterno ritorno dellrsquoidentico puograve determinare laquonella realtagrave una irruzione di veritagraveraquo 28 fare del mito uno stru-mento conoscitivo privilegiato Si spiega in gran parte cosigrave lrsquoopera letteraria e pit-torica di Savinio29 nel suo accostare personaggi e situazioni del quotidiano a rico-nosciuti omologhi mitici Si tratta di una interazione nella quale a volte il quoti-diano puograve demitizzare ironicamente il leggendario per la sua evidente banalitagrave al-tre volte accade invece che i modelli paludati di un tempo rimitizzino la banalitagrave dellrsquoordinario per quel tanto di universale che se ne puograve riconoscere dietro il ri-dimensionamento alla misura dellrsquooggi

Il mito irrompe inaspettatamente ndash ed esemplarmente ndash nel vissuto di Savinio un giorno del rsquo42 in cui in qualitagrave di critico egli assiste a prove liriche al Teatro dellrsquoOpera di Roma30 Vi compare improvvisamente il dott Alfred Schlee della Universal Edition di Vienna31 Di lui Savinio giunge a conoscere lrsquoinaudito destino di vittima costretta dallrsquoinasprirsi delle leggi razziali a una scelta odiosa divorziare dalla moglie ebrea o perdere lrsquoincarico presso lrsquoeditrice musicale Il disumano aut aut istituito tra i valori piugrave costitutivi dellrsquouomo ndash lavoro e affetti familiari ndash basta di per seacute a fare dello Shlee un personaggio tragico Ben piugrave crudele tuttavia sco-pre Savinio la sorte di quellrsquouomo ormai privo di una sposa che per non intral-ciarne la carriera ha scelto di togliersi la vita

Ecco il mito tra noi Ecco tra noi una nuova Alcesti la donna che rinuncia al-la vita per lo sposo nel cuore del XX secolo laquoAlcesti egrave rinataraquo ndash diragrave il personag-gio dellrsquoAutore nel dramma che Savinio pubblicheragrave di ligrave a qualche anno32 ndash laquoAl-

28 CASCETTA 1995 p 1407 Senza ambizione di completezza rimandiamo per il mito e il mondo classico in Savinio a RAGNI 2002 e USAI 2005 29 Si pensi per citare qualche esempio a titoli saviniani come Hermaphrodito (1918) o Capitano Ulisse (1934) o a opere pittoriche quali il fatuo Apollo del 1931 (con la testa drsquoanitra e il busto sopra un capitello ionico) il Colloquio - Oreste e Pilade del rsquo32 (in cui i due amici sono ritratti su basamenti che paiono immobilizzarli) Il ritorno di Ulisse del rsquo33 (in cui un soggetto nientrsquoaffatto eroico porta in testa un moderno cappello di paglia) Mademoiselle Centaure del rsquo46 (un vanitoso individuo fem-minile dalla duplice natura ostenta un cappellino alla moda in riva al mare) Per lrsquoopera pittorica di Savinio si consulti VIVARELLI 1996 30 Sulla vicenda cf SAVINIO 2007 pp 304 ss 31 Il nome dello Schlee che operograve in circostanze storiche difficili nella sede viennese della editrice musicale fino al 1945 compare nella storia della Compagnia tuttora attiva allrsquoindirizzo Internet wwwuniversaleditioncom (v anche la versione inglese) 32 SAVINIO 2007 p 26 Drsquoora in poi si faragrave riferimento tra parentesi alla numerazione di pagina di questa edizione

Roberto Vianello

10

cesti non egrave un individuo ma una specie Conoscevamo Alcesti di Pelia ora cono-sciamo Alcesti [hellip] di Samueleraquo (p 45)33

La creativitagrave di Savinio sensibile come srsquoegrave detto alle occorrenze del mito nel quotidiano lo spinge a lavorare su questo spunto di vita vissuta fino a pubblicare nel 1949 presso Bompiani il dramma in prosa Alcesti di Samuele che verragrave portato in scena lrsquoanno successivo dal ldquoPiccolo Teatro di Milanordquo per la regia di Giorgio Strehler34 Saragrave un fiasco La trasformazione che la vicenda della moderna Alcesti ha subito nel suo farsi testo da recitare il linguaggio teatrale scelto dallrsquoautore ne faranno qualcosa di sgradito a critici e spettatori Verbositagrave divagazioni disarmo-nie moduli da avanguardia col pessimismo e il nichilismo che vi traspaiono ne faranno qualcosa di lontano per ragioni diverse dalle attese del pubblico35

La vicenda srsquoegrave detto passando dalla vita alla letteratura si egrave trasformata Il dott Shlee egrave diventato il dott Paul Goerz direttore della Musikalische Ausgaben di Monaco Alcesti egrave Teresa Goerz figlia di Samuele moglie ebrea di Paul Il te-sto prevede lrsquoentrata degli spettatori e di un Autore prima che si apra il sipario LrsquoAutore anticipa ai presenti che Goerz egrave a Roma percheacute neanche la vicenda della sua Alcesti puograve risolversi senza lrsquointervento di Ercole

Si apre il sipario Sulla scena un telefono dieci volte piugrave grande del normale attira su di seacute lrsquoattenzione degli spettatori Il ricevitore abbandonato oscilla a pendolo Una voce ripete insistentemente e minacciosamente laquoIl dott Goerz su-bito al Ministeroraquo (p 30) Ai lati della scena due sagome in poltrona i ritratti di Padre e Madre seduti e destinati ad animarsi nel corso del dramma Teresa non crsquoegrave La servitugrave e i figli sanno che ha fatto delle telefonate nellrsquoassenza del marito Paul comrsquoegrave evidente dalle parole dellrsquoAltoparlante si egrave recato al Ministero ove egrave stato costretto alla dolorosa scelta tra la sposa e il lavoro Al suo ritorno vorrebbe dirle che ha scelto lei coraggiosamente e fedelmente Ma Teresa non egrave in casa La chiama ripetutamente salendo sul proscenio Poi allrsquoimprovviso si spengono le luci Il nome di lei riecheggia nel buio Quando la luce torna in luogo del telefono si vede un ritratto della donna a grandezza naturale Ai piedi del ritratto una lette-ra lrsquoaddio di Teresa allo sposo e le ragioni del suo irreparabile gesto

Lascio questa lettera ai piedi del mio ritratto Cosigrave mentre tu leggerai [] ti sembreragrave udi-re la mia voce [] La telefonata di stamattina io lrsquoaspettavo Ero una cacciatrice in agguato Sapevo che la tigre sarebbe venuta E per divorare te mio povero Paul Colpa mia del resto Era giusto che provvedessi io stessa a cacciare la tigre Tante volte tu hai difeso me Tu e io as-sieme non abbiamo sempre sostenuto la paritagrave dei diritti tra uomo e donna La moglie a sua

33 Samuele come si comprende egrave il nome ebreo del padre della nuova Alcesti 34 Alcune immagini dellrsquoevento teatrale nellrsquoArchivio multimediale del sito Internet del ldquoPiccolordquo Scenografia e costumi furono a cura dello stesso Savinio Tra gli attori ivi ritratti Lilla Brignone Piero Carnabuci Camillo Pilotto Diego Parravicini Mario Feliciani Alberto Marcheacute 35 Anche per questo il ldquoPiccolordquo percorreragrave presto altre strade rileva il citato CASCETTA 1995 p 1442

Alcesti nel Novecento letterario italiano

11

volta deve difendere il marito Quale migliore occasione di questa Quando tu leggerai questa lettera io sarograve lontana Molto lontana (p 44 s)36

Teresa-Alcesti illustra il suo gesto a un Paul-Admeto lasciato per cosigrave dire fuori dal gioco Incolpevole E tuttavia non proprio completamente ldquoinnocen-terdquo37

Mi serviva una via drsquouscita Ho scelto il fiume Quale via migliore Quando eravamo fi-

danzati tante volte [] siamo andati a guardare assieme questo nostro fiume di sera dal pa-

36 Il presente testo di Savinio come i seguenti egrave stato videoproiettato e letto da chi scrive nel cor-so della lezione 37 LrsquoAdmeto di Savinio sembra avere qualcosa in comune con lrsquoAdmeto della Yourcenar di cui si diceva piugrave sopra Non risultano tuttavia rapporti diretti tra le due opere (cf PATTONI 2004 p 292 n 44)

Paul (Piero Carnabuci) legge la lettera davanti al ritratto di Teresa (Lilla Brignone)

Archivio Piccolo Teatro di Milano

Roberto Vianello

12

rapetto del ponte Massimiliano Poi ci siamo sposati [] non siamo piugrave andati a guardarlo Che peccato Che peccato questo invadente burocratismo del matrimonio Io perograve qualche volta sono tornata da sola a guardare il fiume Non te ne ho mai parlato Mi avresti detto che sono bambinate Noi donne siamo conservatrici hellip Meno di voi accaparrate dallrsquoavvenire Ci piace conservare gli oggetti i ricordi i luoghi implicati in qualche nostro momento di felicitagrave E non amiamo il mutamento Che impressione strana ndash non avertene a male ndash che impressione di ldquoperditardquo al ritorno da quelle mie visite solitarie al fiume ritrovare qui a casa il te di ora dopo il te di allora lasciato poco prima sul parapetto del ponte Massimiliano Ci so-no alcune sottili varianti del tradimento che la legge sullrsquoadulterio non contempla ma alle quali il nostro animo non rimane indifferente Da qualche tempo in qua le mie visite al fiume erano piugrave frequenti Tu hai giagrave capito Non per rievocare una felicitagrave perduta ma per cercare un ami-co un alleato Il suo movimento instancabile mrsquoispirava fiducia Rispondeva a un mio desiderio sempre piugrave urgente Questa cittagrave nella quale noi viviamo egrave soffocata dalla terra Terra da o-gni parte Terra terra [] La terra stringe tuttrsquointorno questo paese lo strozza lo porta allrsquoisterismo e alla pazzia [] Con quale altro mezzo andarmene da qui Percheacute andarmene bisogna Se no egrave la morte per me e anche per te mio povero Paul - mio po-vero ldquoinnocenterdquo [] Quando tu avrai finito di leggere questa lettera io avrograve raggiunto finalmente quello che ho sempre desiderato [] la [] Libertagrave [] Tengo a chiarire la mia si-tuazione io non sono una donna che si ammazza sono una donna che ldquolibera se stessardquo che ldquosalva se stessardquo (pp 46 ss)

Una voce femminile annuncia che crsquoegrave un poscritto egrave il ritratto che srsquoegrave animato surrealisticamente e terminando la lettura comunica la consapevolezza della mo-derna Alcesti dellrsquounicitagrave del suo gesto in cui egrave certa di poter pienamente realizza-re se stessa

Io lo sai non sono donna da contentarmi del marito della casa dei figli Io volevo far qualcosa di mio di proprio Te lo dicevo sempre Non sapevo cosa Tu mi pigliavi in giro La sorte mi ha favorita Ecco che anchrsquoio ho trovato una cosa da fare Una cosa laquo mia raquo E che cosa Cara mi costa [] Questo mio capolavoro per di piugrave non rimarragrave sconosciuto Perciograve Paul stattene lontano Non venire Non venire Me eroina la tua sola presenza tornerebbe a fare di me uno straccio di donnetta E io non voglio non fosse che per far dispetto a voi uomi-nihellip Una parola allrsquoorecchio in questo mio sublime sacrificio non riesco a determinare quanto crsquoegrave di eroismo e quanto di vanitagrave (pp 60 s) Nella giustificazione del gesto della nuova Alcesti percepiamo risonanze di

una sensibilitagrave ovviamente moderna e la rivendicazione di una dignitagrave di genere propria delle stagioni piugrave recenti delle societagrave occidentali Tratti come questi non possono certo stupirci scontatamente necessari come sono al personaggio Se la nostra eroina egrave solo uno degli individui in cui la specie Alcesti srsquoegrave riprodotta nella storia deve mostrare specificitagrave sue particolari lati di unrsquoidentitagrave ldquoda secolo bre-verdquo Si potragrave semmai ndash rispetto alle scelte dellrsquoautore ndash chiedere criticamente fino a che punto possa darsi unrsquoAlcesti moderna non tanto nel suo affacciarsi alla sto-ria nella riconoscibile somiglianza di una situazione quanto piuttosto nel suo cor-rispondere effettivamente ai tratti caratteristici della specie di cui essa sarebbe in-

Alcesti nel Novecento letterario italiano

13

dividuo E porre conseguentemente una questione riconducibile alla precedente domandando a unrsquoAlcesti novecentesca si addice un ritorno dai morti Quale spazio nellrsquoetagrave della scienza e del disinganno per ciograve che inspiegabilmente Plato-ne non problematizzava ma la lucida ragione dello stesso Euripide egrave sembrata a taluni implicitamente rifiutare38 Prenderemo in considerazione prima la seconda questione constatando che Savinio non sceglie di percorrere lrsquoitinerario ldquopiugrave ve-rosimilerdquo di un mancato ritorno come pure sappiamo si fece nellrsquoantichitagrave39 Per lrsquoAlcesti moderna a giudizio di Savinio un ritorno egrave possibile almeno nella fin-zione teatrale Percheacute il teatro egrave il luogo laquoche corregge quello che egrave sbagliato completa quello che egrave incompleto Il teatro egrave come i sogni I sogni attuano quello che da svegli non possiamo attuareraquo (p 78) Questo proclama solennemente il personaggio dellrsquoAutore allrsquoErcole moderno a cui Savinio affida lrsquoimpresa di ri-portare nel mondo Teresa-Alcesti E si tratteragrave di un duplice indennizzo Percheacute se Teresa potragrave tornare anche il nuovo Ercole troveragrave nellrsquoimpresa una personale compensazione agli oltraggi della sorte Soltanto al termine amaramente com-prenderemo in che modo saragrave stata fatta laquopiugrave viva la vitaraquo

Ai tempi del secondo grande conflitto lrsquounica figura storica immaginabile in veste drsquoeroe egrave il vincitore morale della guerra colui che ha saputo ripulire il mon-do dallrsquoidra del totalitarismo Egrave il presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Ro-osvelt che la morte ha ingiustamente tolto di scena prima che potesse terminare la guerra ma a cui il teatro che completa quel che la vita ha lasciato incompleto concede la chance di unrsquoultima grande impresa

Lrsquoex Presidente entra in sala al suono drsquouna marcia militare con lrsquoaspetto di un busto poggiante su piedistallo che si scopre poi nascondere un locomotore di cui lrsquoeroe dimezzato si serve per raggiungere il palcoscenico La trovata che assi-mila il personaggio a talune immagini del Savinio pittore40 non egrave il solo mezzo ri-servato a quello che sembra un ridimensionamento inspiegabile Anche un lungo scambio di battute ora pedanti ora polemiche apparentemente fuorvianti mira a realizzare almeno sotto il profilo ideologico una dissacrante relativizzazione dellrsquoeroe uno dei tanti laquouomini forti onesti e soprattutto ottusiraquo adibiti a laquogrossi e periodici lavori di pulitura del mondoraquo (p 95) A questo simbolo dellrsquoottimismo che non sa bene se egrave giagrave morto o egrave ancora vivo che da Americano crede a tutto e non ha idee personali a questo laquoeroe moralistaraquo (p 92) simbolo della democra-zia e del liberalismo egrave affidato il compito che fu dellrsquoEracle euripideo dovragrave ri-portare in vita la vittima del razzismo nazionalsocialista Con quali risultati ve-dremo

38 Cf n 10 39 Egrave noto che lrsquoeroina non ritorna in vita nellrsquoAlcestis Barcinonensis ma gli esametri pervenuti regi-strano quale ultimo atto della vicenda le sconsolate parole di Alcesti laquoConiux dulcissime coniux [hellip] rapior venit mors ultima venit infernusque deus claudet lsaquo iam rsaquo membra soporeraquo 40 Cf la nota 29

Roberto Vianello

14

Quando il sipario si riapre Roosvelt sta scendendo nel Kursaal dei morti un Aldilagrave irriconoscibile In questa sorta di clinica i morti siedono in attesa di dimen-ticare fino a non esser piugrave fino a finire di morire In una interazione da teatro moderno egrave il pubblico a impersonare il ruolo dei morti Roosvelt si intrattiene con un Direttore invisibile di cui si percepisce la presenza unicamente dalla voce e dai movimenti di una seggiola e di un registro che bisogna immaginare toccati da lui41 La voce del Direttore spiega che nel Kursaal trovano posto quanti non riescono a morire fincheacute nel mondo resta ancora traccia di loro Si tratta di morti illustri che aspirano ora solo allrsquoindifferenza desiderano lrsquoannientamento della lo-ro individualitagrave Gli altri quelli che in vita sembrano vivi ma non sono piugrave vivi dei morti passano e nessuno se ne accorge neacute durante la vita neacute dopo La perma-nenza nella laquoclinicaraquo (p 128) egrave proporzionale alla compattezza della personalitagrave e 41 Vorremmo poter affermare che questo Direttore di Savinio come lrsquointera situazione del Kursaal abbia svolto un qualche ruolo nella immaginazione di Dino Buzzati presente alla prima dello spettacolo e tra i pochi favorevoli al lavoro (CASCETTA 1995 pp 1440 n 87 1441) Ha qualcosa del Direttore del Kursaal infatti il Diavolo-Giacca che nel buzzatiano Poema a fumetti del 1969 sovrintende incorporeo a un Aldilagrave altrettanto sorprendente e straniante

LrsquoAutore (Mario Feliciani) e Roosvelt (Camillo Pilotto)

Archivio Piccolo Teatro di Milano

Alcesti nel Novecento letterario italiano

15

quindi al ricordo che resta tra i vivi Una silenziosa concentrazione aiuta il laquorias-sorbimentoraquo (p 127) Siedono tra questi morti alcuni grandi della storia e alcuni grandi della poesia Rimbaud egrave piugrave lento di Aleardi nel suo percorso verso lrsquoannichilimento I posti di Carducci e Pascoli sono giagrave vuoti Omero invece resi-ste da tremila anni lo laquochiamanoraquo (p 132) troppo dal mondo dei vivi Anche lrsquoAlighieri egrave uno degli ospiti laquopiugrave duriraquo (p 136)

I morti coprono Roosvelt di improperi per il turbamento dellrsquoatarassia da loro cercata e da lui alterata nella pretesa di riportare in vita Teresa Goerz Pregano il Direttore di lasciarlo fare per aver finalmente pace E finalmente laquoun grido di na-scitaraquo o laquodi agonia ldquoinvertitardquoraquo (p 144) annuncia che Teresa sta per tornare tra i vivi Il sipario si chiude La sala del teatro si illumina LrsquoAutore afferra il sipario e lo riapre Teresa torna attraverso il suo ritratto ride sommessamente e chiede percheacute la si voglia vedere lei che egrave laquoil vomito che la Morte rigetta sui viviraquo (p 166) Le sue parole raggelano e non sembrano affatto corrispondere al ruolo di nuova Alcesti che srsquoegrave immaginato ella possa avere Forse il ritorno dai morti egrave possibile nel teatro di Savinio ma non egrave detto che esso corrisponda alle nostre attese E il personaggio dellrsquoAutore osserva che Alcesti rediviva dovrebbe rimet-tere le cose come stavano prima mentre Teresa-Alcesti laquorovescia la parte tradisce lrsquoaspettativaraquo (p 167)

LrsquoAlcesti moderna egrave morta laquoper volontagrave di essereraquo confessa per poter laquofar brilla-re se stessa nella vitaraquo proprio in contrasto con lrsquo laquoasfissia dellrsquoessere che sono i re-gimi totalitariraquo (p 168)42 Ma il suo gesto laquodi vitaraquo sembra aver perso ogni valore per lei Non si tratta di rimpianto per la vita perduta che ella non puograve piugrave amare Teresa non egrave tornata per merito del nuovo Ercole che ha creduto di laquoconciliare morte e vitaraquo (p 176) cosigrave come si egrave illuso di portare pace agli uomini con la sua guerra Ella non egrave tornata per ricominciare la sua vita tra i vivi Troppa differenza la separa ormai da loro egrave altra la sua conoscenza altra la sua sapienza E non egrave tornata solahellip Lrsquoha preceduta la Signora del Profondo lrsquoImmortale la Morte de-terminata a punire lrsquoorrendo delitto di averla riportata in vita Roosvelt cade allrsquoimprovviso lungo disteso Anche Goerz si distende morto E Teresa ignoran-done il cadavere si precipita ad abbracciare ciograve che del suo amato Paul egrave ora in-visibile al pubblico di fronte a lei per proclamargli la sua nuova veritagrave

Ora ti posso dir tutto [hellip] Gli uomini fino a un certo punto percorrono un cammino di vita e vivere egrave la meta del loro cammino Gli uomini allora sono figli [hellip] Ma a partire da quel punto la meta del cammino della vita non egrave piugrave la vita egrave la morte [hellip] Gli uomini allo-ra sono genitori Noi allora [hellip] ci accorgiamo [hellip] che il nostro tempo si abbrevia sempre piugrave Questo il meccanismo di quella vita dalla quale e tu e io siamo usciti Questo il suo dare e il suo avere Questo il suo bilancio [hellip] La vita ricordi egrave rotta tratto tratto da schermi che in-tercettano la visuale Uno di questi sono i figli [hellip] Dolce follia per la nascita di Ghita io sen-tii poi per quella di Claus e le cure per allevare i nostri figli non me le sono risparmiate Ep-pure non so [hellip] io di lagrave dalla dolce follia di lagrave dalle cure vidi distintamente in fondo alla

42 Se lrsquoautore ha pensato in questo luogo al famoso Epitafio di Sicilo ( Ὅσον ζῇς φαίνου ) bisogneragrave at-tribuirgli una specifica volontagrave di dotare la moderna Alcesti di una weltanschauung ldquoellenicardquo

Roberto Vianello

16

mia strada la luce della vita tramontare e sorgere lombra della morte Spaventata Preoccupa-ta No Contenta Profondamente contenta Come della sola veritagrave intravista [hellip] Capisci ora come ben preparata io ero alla morte Capisci ora percheacute la morte non era per me quella spaventosa sorpresa che egrave per altri Capisci ora percheacute io non solo non temevo la morte ma la sentivo come il mio vero destino E quei lagrave credevano spaventarmi imponendomi la morte come un patto ndash come una punizione Imbecilli Paul io mi uccisi per liberare te dalla trappola che quegli imbecilli ti avevano teso Ma questa egrave la versione ufficiale La ragione vera e che ora nella nostra piena identitagrave non ho piugrave motivo di nasconderti egrave che io mi uccisi per affrettare il destino per impazienza della promessa [hellip] In quellaltro mondo ho dato la vi-ta ai miei figli in questa vita do la vita a te Ho attuato la piugrave segreta e assieme la piugrave grande aspirazione della donna essere la sposa e assieme la madre delluomo amato [hellip] Questa immagine di donna viva che ho dovuto indossare prima di venire qui ora prima di an-darmene me la toglierograve di dosso e la lascerograve al suo solito posto Come richiudere dietro a me il muro che ho abbattuto per entrare Tra noi e loro ogni comunicazione saragrave rotta [hellip] Eccomi pronta E tu Ti parragrave di aver traversato una gola Lunghissima e stretta Buia e irta di macigni E finalmente uscire sul mare Su un mare libero infinito Paul Questa libertagrave questo infinito sono io che te li do Vedrai quando ci lasceremo alle spalle la gola buia e stretta la gola irta di macigni tutto lassurdo che i vivi accumulano roccia su roccia assurdo su assurdo [hellip] Ti parragrave di aver attraversato un corridoio Un corridoio molto lungo e mol-to stretto Un corridoio tanto lungo e tanto stretto quanto lunga e quanto stretta egrave stata la tua vita Un corridoio buio Un corridoio sotterraneo [hellip] Un corridoio pieno di armadi di casse di scatole Tanti armadi tante casse tante scatole Pesanti Inamovibili [hellip] Armadi casse scatole piene di roba Che roba Non si sa Nessuno lo sa E ti tocca arrampicarti scavalcare andar carponi passar sotto passar di lato tirandoti dentro la pancia e spingere sollevare e andare andare andare affannato disperato e il corpo pesa e duole e lanima pesa e duole e sempre sudore saliva e pianto giugrave dalla faccia e la paura la paura la paura e volere vo-lere volere non riuscire mai a laquo non volere raquo e questo corridoio che non parla ma tu senti lo stesso che dice laquo no no no raquo E sempre armadi sempre casse sempre scatole Piene di tutto lassurdo di tutta langoscia che gli uomini questi mangiatori dassurdo questi divoratori dangoscia hanno accumulato per secoli e secoli e secoli [hellip] Vedrai quando davanti a noi si apriragrave Che cosa Non so Parliamo ancora una lingua che ormai non serve Dobbiamo dimenticare prima di tutto i significati I significati passati Gli ultimi significati Capovolgerli non basta Dimenticarli Cancellarceli da dosso Che posso dirti Nulla No Tutto Nemmeno E allora Dimentica Paul e sii pronto Ti farograve da madrina Ti presenterograve al nostro direttore Ti raccomanderograve Lo pregherograve di favorirci Di aiutarci a far presto Sai Io laggiugrave ti ho aspettato Quale piugrave grande prova damore Non sono morta per aspettarti An-che se la vostra volontagrave di riavermi quassugrave non avesse fermato laggiugrave il compimento della mia morte io egualmente mi sarei trattenuta di morire ndash per aspettare te Ora egrave passata Risolve-remo presto Che ci trattiene piugrave [hellip] Entreremo nella suprema felicitagrave Pensa Non individui piugrave sciolti nel nulla ndash nel tutto Una parola ancora Lultima In questa lingua che stiamo per abbandonare Ascolta Nascere egrave un atto individuale morire egrave un atto universale Il laquo nostro raquo atto universale Il solo nostro atto universale Questo il grande se-greto della morte Questo il suo immenso bene Vieni Paul [hellip] Sposa tua e madre apro a te luniverso (pp 183-189) Ci chiedevamo prima se la somiglianza della situazione vissuta implicasse ipso

facto la corrispondenza piena tra i tratti costitutivi della nuova eroina e quelli del

Alcesti nel Novecento letterario italiano

17

suo archetipo Bisogneragrave rispondere di no43 Millenni di storia lrsquoesperienza di quella recente ndash dei due grandi conflitti delle delusioni a essi conseguenti delle atrocitagrave e del dolore generale ndash hanno evidentemente lasciato il segno E lunga sullrsquoorizzonte di questo mondo si proietta lrsquoombra del nulla della mancanza di senso dellrsquoassurditagrave del vivere LrsquoAlcesti del Novecento egrave deformata nella sua fi-sionomia dalle conseguenze di una storia che il pensiero stenta a comprendere come razionale o teleologicamente orientata Alcesti di Samuele egrave emblema del destino di un popolo ingiustamente e irragionevolmente sospinto nellrsquoanni-chilimento Egrave forse allegoria di una Europa soggiogata dal totalitarismo e biso-gnosa dello spirito americano per riscattarsi dalla morte44 Egrave soprattutto per chi sappia prescindere dalla contingenza storica rivelatrice di una veritagrave piugrave radicale e universale La morte ha confermato a Teresa una terribile veritagrave giagrave intravvista nel trascorrere della vita Ha squarciato definitivamente per lei una cortina oltre la quale aveva da tempo iniziato a guardare quel velo che secondo certa filosofia ricopre di illusioni lrsquounica indiscutibile veritagrave del mondo il suo essere cieca irra-zionale volontagrave incapace drsquoappagamento e svincolata da qualsiasi morale Le pa-role evidenziate sopra nel testo dichiarano esplicitamente lrsquoascendenza schopen-haueriana di questa visione fatta propria nelle premesse come nelle conclusioni

Come appaiono false assurde alla nuova Alcesti le aspirazioni degli uomini Il suo stesso suicidio egrave stato in fondo un errore tanto piugrave imperdonabile quanto piugrave ha finito per riaffermare un bene ndash quello della vita ndash che dalla prospettiva di quanti ldquonon sono nullardquo 45 si rivela affatto inconsistente nonostante tutta la fati-ca la paura lrsquoangoscia che i vivi finiscono per accumularvi ostacoli e ostacoli su un percorso fatto di assurdo Ma Teresa egrave morta per liberare Paul dalle trappole di questa vita non solo da quella del totalitarismo ha scelto di non essere per af-frettare per lui il disvelamento della veritagrave e dare allrsquoamato la libertagrave quella che consiste nellrsquoannullamento della volontagrave nello scioglimento nel nulla Teresa non egrave lrsquoἀρίστη la cui φιλία viene ricompensata col ritorno allo sposo nel mondo dei vivi Ella egrave una Alcesti alla rovescia che non rimpiange la vita bella sotto la luce del sole Maestra di unrsquoopposta comprensione del mondo sacerdotessa della No-luntas vuole lo sposo con seacute nella felicitagrave di un Nirvana si fa guida dellrsquoamato ndash sorta di antiBeatrice ndash nella dimensione in cui lrsquoindividuo e la sua volontagrave non sono piugrave46 Il suo amore per lo sposo non egrave inferiore a quello dellrsquoantica eroina Questa perograve sceglieva di non essere per donare la vita allrsquoamato ella invece sceglie di non essere per indicare allrsquoamato nellrsquoannullamento totale la suprema felicitagrave ed entrarvi con lui

43 laquoAlcesti non egrave piugrave Alcesti [hellip] Meglio se rimaneva dove stavaraquo proclama il personaggio dellrsquoAutore (SAVINIO 2007 p 167) 44 CASCETTA 1995 p 1418 s 45 laquo ἐν τοῖς οὐκέτrsquo οὖσι λέξοmicroαι raquo (v 322) laquo oὐδέν ἐσθrsquo ὁ κατθανών raquo (v 381) cosigrave si riferisce ai morti lrsquoAlcesti di Euripide 46 Cf CASCETTA 1995 p 1424

Roberto Vianello

18

laquoLa civiltagrave egrave un gioco una distrazione il modo piugrave efficace che noi abbiamo di allontanare dalla nostra mente il pensiero della morteraquo ha scritto qualche tem-po prima Savinio riprendendo forse un Leopardi divenuto straordinariamente at-tuale e riscoperto da due decenni dagli amici de ldquoLa Rondardquo 47 Ma il pensiero del-la morte non puograve piugrave turbare chi della morte non ha piugrave paura ma ha riconosciu-to anzi in essa lrsquounica veritagrave che non chiede piugrave di essere esorcizzata dal gioco di-straente di una coscienza altrimenti disperata LrsquoAlcesti del Novecento egrave lrsquoeroina della negazione di ciograve che lrsquo amor sui del vivente ha creato

LrsquoAlcesti di Raboni

Passiamo a Raboni una delle individualitagrave artistiche piugrave interessanti di fine Novecento spentasi il 16 settembre 2004 Poeta saggista traduttore critico lette-rario e critico teatrale del ldquoCorriere della serardquo I piugrave attenti tra i presenti ricorde-ranno probabilmente le sue apparizioni televisive48 Mondadori ha raccolto in un Meridiano uscito nel 2006 la sua ldquoopera poeticardquo riunendovi con scritti critici sulla poesia e traduzioni poetiche i versi in proprio tra i quali anche il testo di cui ci occupiamo oggi49

Nato a Milano nel rsquo32 Raboni egrave stato ascritto alla cosiddetta linea lombarda della poesia del secolo scorso50 Una scelta delle sue liriche egrave stata significativa-

47 In Dico a te Clio del 1940 ora in SAVINIO 1992 p 88 Lrsquoaffermazione ricorda da vicino (con una coincidenza lessicale) il noto pensiero leopardiano sullrsquoincapacitagrave della ragione di darci la feli-citagrave laquohellipchi si fissasse nella considerazione e nel sentimento continuo del nulla verissimo e certis-simo delle cose [hellip] sarebbe pazzo assolutamente e per ciograve solo giaccheacute volendosi governare se-condo questo incontrastabile principio ognuno vede quali sarebbero le sue operazioni E pure egrave certissimo che tutto quel che facciamo lo facciamo in forza di una distrazione e di una dimentican-za la quale egrave contraria direttamente alla ragione E tuttavia quella sarebbe una verissima pazzia ma la pazzia piugrave ragionevole della terra anzi la sola cosa ragionevole e la sola intera e continua sa-viezza dove le altre non sono se non per intervalliraquo (Zib 103-104) Si veda sul tema RIGONI 1985 111 ss Per lrsquoaffinitagrave di pensiero tra Leopardi e Schopenhauer basti ricordare il citatissimo desan-ctisiano Dialogo tra A e D oggi in DE SANCTIS 1995 (rintracciabile anche allrsquoindirizzo Internet wwwliberliberit) Per la ldquoriscopertardquo del Leopardi da parte degli intellettuali de ldquoLa Rondardquo e di Vincenzo Cardarelli cf CARDARELLI 1981 passim (in particolare pp 721 ss) e CARDARELLI 1985 48 Ne segnaliamo una a ldquoMixer culturardquo su RaiTre (15 febbraio 1988) con Carmelo Bene visualiz-zabile allrsquoindirizzo Internet wwwyoutubecomwatchv=HNFD_Ha58-s In RAI Raboni colla-borograve alla redazione della rubrica televisiva Tuttilibri di Giulio Nascimbeni e condusse una rubrica radiofonica di letteratura e arti (cf RABONI 2006 p XCVII) 49 RABONI 2006 pp 1255 ss Il volume a cura di Rodolfo Zucco offre una Introduzione e una Cro-nologia utili per inquadrare scelte di poetica e rete relazionale dellrsquoAutore Per una prima informa-zione su Raboni (con la possibilitagrave di ascoltarne la voce) si visiti il sito web ufficiale disponibile dal 2007 allrsquoindirizzo wwwgiovanniraboniit 50 La formula risale allrsquoomonima antologia uscita nel rsquo52 per cura di Luciano Anceschi Critica-mente generica si egrave consolidata nel tempo includendovi nomi di autori lombardi per nascita o adozione di generazione piugrave recente per identificare una poesia di attenzione alle cose e portatrice di una vocazione morale Cf RABONI 1987 pp 215-216

Alcesti nel Novecento letterario italiano

19

mente ospitata nel volume Poeti italiani del Novecento di Pier Vincenzo Mengaldo convinto sostenitore del suo valore poetico51 laquoPoeta di cittagraveraquo lo ha definito Zan-zotto laquoanzi di una cittagrave Milano profondamente amata anche se ritratta nei suoi momenti di squallore fin entro la cronaca neraraquo Ma anche laquonaturaliter poeta civi-leraquo portatore di unrsquo laquoetica della responsabilitagrave e del civismoraquo52 lombardo appunto ndash diremmo ndash per quel tanto di istanza etica in poesia che il termine puograve implicare sulla scia di Parini Manzoni Rebora Per Raboni la poesia egrave laquovalore che non si esaurisce in se stesso che non esclude lrsquoimportanza dellrsquoaltro della realtagrave di tutto ciograve che la realtagrave contiene e proponeraquo53 laquoI temi dellrsquoingiustizia della persecuzione del processo iniquo dellrsquoinnocenza ingiustamente perseguitata e punita lrsquoimmagine esplicita o implicita della cittagrave come teatro della peste come conteni-tore di ogni possibile contagio fisico e moraleraquo54 sono i temi di confessata ascen-denza manzoniana che attraversano lrsquointera sua poesia dai Gesta Romanorum rac-colta drsquoesordio55 fino agli Ultimi versi pubblicati postumi passando per le molte raccolte date alla luce56 laquoRimpiazzare il fantasma della poesia con la poesia in carne ossaraquo57 invece il suo programma poetico alla ricerca di laquoqualcosa di possi-bile cioegrave una poesia impura e al limite impoetica infinitamente inclusiva capace di compromettersi con la realtagraveraquo58 Una poesia in progressivo abbandono dellrsquoin-fluenza dei contemporanei ldquocanonicirdquo e attratta dai Sereni Betocchi Luzi ndash ama-ti fin dagli ultimi mesi di guerra quando sfollato da Milano per i bombardamenti del rsquo42 ne trovava le raccolte iniziali in una libreria di Varese ndash e provocata dagli esempi stranieri di un Eliot e di un Pound

Le esigenze odierne ci impediscono di aggiungere molto altro allrsquoesile abboz-zo sin qui condotto Come ci impediscono di gettare lo sguardo su una biografia 51 Cf MENGALDO 1978 Mengaldo introducendo MAGRO 2008 scrive laquoPer me non crsquoegrave dubbio che Giovanni Raboni assieme al grande dialettale Raffaello Baldini egrave stato il poeta di piugrave alto rango in Italia nei decenni piugrave recentiraquo (p 7) Lrsquointroduzione egrave apparsa sul ldquoCorriere della serardquo lrsquo8 Luglio 2008 Su Raboni critico si veda anche MENGALDO 1998 52 A ZANZOTTO Per Giovanni Raboni in RABONI 2006 pp XI ss p XI 53 Cosigrave RABONI 1992 Ora in RABONI 2006 p XCIII Sui termini di accettazione da parte di R dellrsquoappartenenza alla linea lombarda cf ibidem pp CXXXIII-CXXXIV 54 Cosigrave lrsquoautore in Raboni Manzoni Roma Il Ventaglio 1985 pp 19-20 Ora in RABONI 2006 p 1422

55 Raccolta di versi con cui R partecipograve nel 1953 al premio di poesia ldquoIncontri della Gioventugraverdquo ri-sultandone vincitore La raccolta non fu mai pubblicata e alcuni dei testi che la componevano ap-parvero su rivista in appendice a Le case della Vetra nella plaquette fuori commercio dal titolo omo-nimo apparsa nel 1967 La si veda ora in RABONI 2006 56 Nellrsquoordine Il catalogo egrave questo (1961) Lrsquoinsalubritagrave dellrsquoaria (1963) Le case della Vetra (1966) Econo-mia della paura (1970) Cadenza drsquoinganno (1975) Il piugrave freddo anno di grazia (1978) Nel grave sogno (1982) Canzonette mortali (1986) A tanto caro sangue (1988) Versi guerrieri e amorosi (1990) Ogni terzo pensiero (1993) Nel libro della mente (1997) Quare tristis (1998) Barlumi di storia (2002) Si aggiungano alle raccolte citate i due volumi di Tutte le poesie editi da Garzanti nel 1997 e nel 2000

57 Parole di Raboni riportate da CORTELLESSA 2005 p 385

58 Cosigrave Raboni nellrsquointroduzione a Poesia degli anni Sessanta in RABONI 2006 p 209

Roberto Vianello

20

che meglio aiuterebbe la conoscenza dellrsquoartista Ci imbatteremmo in una galleria di figure e istituzioni tra le piugrave note in ambito culturale con le quali il Nostro av-viograve frequentazioni e collaborazioni I nomi di alcune allineati di seguito determi-neranno forse tra i presenti una suggestione sostitutiva di quanto non abbiamo il tempo di dire59 Ascoltiamoli il filosofo Enzo Paci i poeti Carlo Betocchi e Bar-tolo Cattafi il ldquosuordquo Vittorio Sereni e poi Franco Fortini ElioVittorini Dino Buzzati Sergio Solmi Oreste Del Buono E ancora Patrizia Valduga lrsquoultima compagna e Renato Guttuso Vanni Scheiwiller e Livio Garzanti ldquoaut autrdquo ldquoQuaderni piacentinirdquo ldquoQuesto e altrordquo ldquoil verrirdquo ldquoLa cittagraverdquo ldquoParagonerdquo ldquoNuo-vi argomentirdquo i nomi delle riviste con cui collaborograve Garzanti Mondadori Guan-da le editrici maggiori con cui ebbe rapporti o lavorograve Chiudendo ricorderemo tra le moltissime le sue traduzioni delle Fleur di Baudelaire e dellrsquointera Recherche di Proust ma anche ndash particolarmente significativa per noi ndash quella dellrsquoAntigone di Sofocle che appare sotto ogni rispetto snodo di capitale importanza tra lrsquoopera raboniana ldquodi semprerdquo e lrsquoAlcesti oggetto delle nostre cure60 Questa traduzione in versi ci restituisce un Raboni che restando allrsquointerno dei temi civili a lui piugrave con-geniali si misura contemporaneamente ndash ed euforicamente ndash con le possibilitagrave di laquotradurre il sentimentoraquo in un linguaggio moderno ma anche con la capacitagrave di un classico di farsi veicolo esemplare di temi universali61 Operazioni con le quali lo vedremo alle prese nella realizzazione dellrsquoAlcesti della quale egrave finalmente tempo di parlare

Alcesti o La recita dellrsquoesilio vede la luce negli Elefanti Garzanti nel settembre 2002 Il dramma egrave stato richiesto e pensato per il Teatro Olimpico di Vicenza ma egrave destinato a non esservi rappresentato e Raboni che ne ha scritto le ultime scene a Yale nellrsquoaprile dellrsquoanno precedente in occasione del suo primo viaggio negli Sati Uniti dovragrave aspettare altri due anni prima di vederlo in scena La prima avragrave luogo il 7 gennaio 2004 presso il Teatro ldquoSanta Chiarardquo di Brescia ad opera del Centro Teatrale Bresciano per la regia di Cesare Lievi e lrsquointerpretazione di Ester Galazzi Roberto Trifirograve Gianfranco Varetto Francesco Vitale In concomitanza

59 Cf la Cronologia citata alla nota 49 e consultabile sul sito ufficiale 60 La traduzione per la Compagnia del Teatro Carcano diretta da Giulio Bosetti andograve in scena prima dallrsquo8 al 18 giugno 2000 al Teatro Greco di Siracusa poi il 27 settembre dello stesso anno al Teatro Olimpico di Vicenza Di recente Bosetti lrsquoha riportata in scena con un nuovo allestimen-to di cui ha curato personalmente la regia Una scheda del nuovo spettacolo e unrsquointervista allrsquoattore-regista allrsquoindirizzo Internet httpwwwteatroteatroit 61 Si veda a questo proposito RABONI 2000 p 14 ora in RABONI 2006 pp1742 s dove si leggono le seguenti significative parole laquoAntigone con il suo bisogno di dare sepoltura al corpo del fra-tello Polinice morto in battaglia crede di obbedire agli dei Creonte con la sua volontagrave di impe-dirglielo percheacute Polinice egrave morto combattendo contro la sua stessa patria ed egrave dunque di fronte agli uomini un traditore egrave convinto di obbedire alle esigenze della convivenza civile dellrsquoordine del buongoverno Chi ha ragione fra i due Il dibattito egrave aperto da 2500 anni e riguarda davvero [hellip] tutto e tutti in qualsiasi tempo e in qualsiasi luogo la storia di ogni comunitagrave retta da un patto sociale con il suo conflitto forse insanabile fra le ragioni del ldquoprogressordquo e le ragioni della giusti-zia e la vita di ciascuno di noi con il suo conflitto certamente insanabile fra le ragioni della mente e le ragioni del cuoreraquo

Alcesti nel Novecento letterario italiano

21

con lrsquoiniziativa teatrale si tiene in Brescia un ciclo di Seminari promosso dalla se-zione locale dellrsquoUniversitagrave Cattolica del Sacro Cuore dal titolo ldquoSacrifici al fem-minile Alcesti in scena da Euripide a Rabonirdquo e propedeutico per cosigrave dire alla rappresentazione giagrave programmata62 Al ciclo di seminari Raboni interviene il 12 dicembre 2003 parlando di ldquoAlcestirdquo e i disastri del Novecento63 e fornendo egli stesso ndash diremmo ndash le ragioni della nostra scelta odierna di parlarne64

Che Alcesti possa sollecitare la creativitagrave di chi richiesto di pensare a un testo drsquoargomento classico sembra non volere prescindere da un giudizio sulla storia piugrave recente ci pare particolarmente interessante e ci induce a appaiare in certo modo la riflessione di fine secolo che la ritrova protagonista alla riflessione savi-niana sopra indagata di metagrave Novecento Percheacute delle laquolacerazioniraquo della storia piugrave recente ci parla appunto la breve vicenda dei laquotre personaggi in fuga sullo sfondo di una persecuzione storicaraquo che Raboni si impegna a non farci individua-re ma appartiene tutta al laquosecolo terribile che ci siamo appena lasciati alle spalleraquo Ancora piugrave interessante ndash piugrave da fine millennio diremmo ndash il fatto che le lacera-zioni siano accompagnate dalle laquointermittenze del cuoreraquo che alberghino e pro-ducano esse stesse nuove umane lacerazioni nei tre personaggi che sperando di fuggire dalla follia in cui sta accadendo loro di vivere trovano ricovero provviso-rio di notte in un teatro Il frastuono delle sirene di un inseguimento notturno accompagna lrsquoingresso in scena di due uomini e una donna come potrete ascolta-re in questa prima sequenza video65

La donna in questione egrave Sara attrice costretta dallrsquooppressione del regime a

non calcare piugrave le scene Lrsquoaccompagnano Stefano il marito e il suocero Simone cui la donna egrave legata da affetto profondo per lrsquoaffinitagrave intellettuale e di sensibilitagrave che manca invece al suo rapporto con Stefano uomo ldquodrsquoazionerdquo assai diverso dal

62 Coordinati dalle docenti Maria Pia Pattoni e Roberta Carpani i seminari hanno visto la parteci-pazione di eminenti studiosi i cui interventi sono raccolti in PATTONI-CARPANI 2004 La profssa Pattoni ci ha cortesemente messo in contatto con lrsquoAddetto Stampa del CTB Bianca Simoni che ha messo a nostra disposizione il video del dramma di cui sono state proiettate alcune sequenze nel corso della conferenza 63 Per la trascrizione v RABONI 2004 e ora RABONI 2006 pp 1776 ss Da essa vengono le espres-sioni virgolettate al capoverso successivo 64 Ivi comprese le ragioni della scelta del verso certo il mezzo espressivo artistico piugrave congeniale al poeta Raboni ma anche quello da lui ritenuto piugrave necessario al teatro contemporaneo laquopercheacute la presenza del verso del ritmo della scansione metrica dagrave veramente la possibilitagrave di usare il lin-guaggio di tutti i giorni senza mimetismo cioegrave con quel distacco con quella rifrazione con quella torsione senza la quale non si fa teatro e non si fa arteraquo (RABONI 2004 p 441 Ora in RABONI 2006 p 1777 65 La sequenza cui si fa riferimento corrisponde ai primi diciotto versi del dramma Una seconda sequenza video della durata di tredici minuti egrave stata proposta durante la conferenza al termine della presentazione del dramma Pur mantenendo la veste discorsiva di allora abbiamo qui intrec-ciato allrsquoargomentazione i versi di Raboni che il pubblico ha ascoltato solo al suo termine

Roberto Vianello

22

padre Usciti dalla nebbia di fuori per entrare nel temporaneo rifugio possono sperare di sentirsi tranquilli per un porsquo attendendo di venire raccolti e clandesti-namente portati verso la libertagrave Eppure Stefano il marito manifesta un disagio che appare qualcosa di piugrave di una comprensibile connaturata diffidenza quando si chiede fin dalla sua prima battuta se siano finiti in un rifugio o in una trappola laquoSiamo in un teatroraquo66 proclama Sara rassicurante Questa disarmante confidenza nelle possibilitagrave salvifiche di quel luogo la connota fin dalle prime parole come personaggio idealista al limite di una ingenuitagrave irragionevole e non condivisibile che i compagni le rinfacceranno lungo tutta la durata della piegravece Egrave certo parados-sale la situazione di questi personaggi chiamati ad affidare la fuga dai disastri della realtagrave proprio al luogo per eccellenza deputato alla finzione Quel che si direbbe perograve fortuito accadimento sembra poco a poco rafforzarsi fino a farsi certezza in lei attrice che girovagando qua e lagrave scopre drsquoaver giagrave recitato su quel palco-scenico tanto tempo prima nel ruolo di ancella in un antico dramma greco che non ricorda piugrave Alcesti I sospetti di Stefano drsquoaltra parte sono ben giustificati La realtagrave sta per irrompere brutalmente tra le speranze E mentre Sara vagabonda ignara per il teatro alla ricerca delle proprie memorie ndash alla ricerca di seacute ndash Stefa-no informa il vecchio Simone che qualcosa egrave andato storto Gli accordi sono sal-tati o non sono stati compresi Il custode notturno che li ha condotti ligrave ndash figura sinistra temibile nella sua reticente ambiguitagrave nei sottintesi dei suoi silenzi ndash gli ha fatto sapere che ci sono solo due posti per loro soltanto due potranno sottrar-si al laquorischio mortale che incombe sulle loro testeraquo (p 1262) Quel teatro rischia di essere davvero una trappola Si profila per loro una scelta laquofra vivere e morireraquo (p 1265) Si tratta di individuare chi di tre che si amano destinare al sacrificio ulti-ma inattesa vittima del potere violento che si sono illusi di fuggire Poicheacute Stefano non puograve pensare che la scelta ricada su Sara la partita andragrave giocata tra padre e figlio Ed ecco riemergere vecchie incomprensioni conflitti e tensioni moderna-mente riconoscibili sinistri sospetti Ecco riattuarsi uno scontro non nuovo ai lettori di Euripide tra un figlio a rischio di morte e un padre che tiene laquoforsenna-tamente a quel porsquo drsquoalbe e tramontiraquo (p 1291) che gli restano Ecco marcarsi tra i tre incomunicabilitagrave e gelosie acuite se possibile dalla straniante condotta di Sa-ra che nella lotta inesorabile per la sopravvivenza giagrave avviatasi tra i due conduce invece con le memorie la ricostruzione di seacute della sua identitagrave di attrice cercando nel vecchio una complicitagrave che egrave chiaro non attende dallo sposo Proprio per questa via anche Sara entra senza avvedersene nel vero dramma a cui la situazio-ne la contesa daranno lenta progressiva consistenza la recita delle loro vite quali sono realmente proprio in un luogo di suprema finzione qual egrave il teatro la messa in scena di quel che sono davvero nellrsquoimminenza dellrsquoesilio nascosti in quel tea-tro A questo laquogioco della veritagraveraquo Sara partecipa confessando con naturalezza drsquoamarli entrambi laquoMa comrsquoegrave possibile amore mio che tu scopra proprio qui proprio ora qualcosa che egrave vero da sempre che egrave il senso stesso della nostra

66 RABONI 2006 p 1258 A questa edizione faranno riferimento le successive indicazioni di pagi-na tra parentesi

Alcesti nel Novecento letterario italiano

23

vita e cioegrave che io vi amo uno nellrsquoaltro uno a causa dellrsquoaltro qualche volta uno per rimpianto dellrsquoaltro indissolubilmente inestricabilmentehellipraquo(p 1277)

Sara partecipa completamente al vero dramma con tutta se stessa con quan-to della sua storia della sua arte lrsquoha fatta quel che egrave Con quanto ha appreso dalla recita di Alcesti dal sacrificio della laquosua reginaraquo (p 1280) che ha accettato di mori-re per lo sposo dalle battute stesse pronunciate ventrsquoanni prima tra cui vuol ri-cordarne una laquoSoltanto quando lrsquoavragrave perduta sapragrave veramente cosrsquoha perdu-tohellipraquo (p 1279) Una anticipazione ndash una profezia ndash di quanto accadragrave tra breve o forse meglio una esplicitazione del suo modo di intendere del suo modo di es-sere Di ligrave a poco finalmente informata da Simone dellrsquoimminente si opporragrave fie-ramente alla possibilitagrave che si debba scegliere tra loro Mentre infurieragrave a colpi di sospetti e di sarcasmi la lotta tra Simone e Stefano incapaci di morire per gli altri negheragrave solennemente di voler accettare che si finisca laquo uno dei tre a incarnare con amarezza forse con rancore la parte della vittima gli altri due a convivere con lrsquoorrore drsquoaverglielo permesso o suggerito o addirittura impostohellipraquo (p 1292)

Egrave vero bisogna decidere O forse chissagrave non decidere non decidere niente decidere di non deciderehellip Ascoltatemi vi prego Egrave da giorni che io ascolto voi che cerco di abitare nei vostri cuori che mi sforzo di pensare i pensieri di ciascuno di voi nellrsquoorrenda disputa che vi opponehellip(p 1294)

In realtagrave stanno ligrave da appena due ore

[hellip] eppure se ci penso continua a sembrarmi unrsquoeternitagrave unrsquoeternitagrave di stupore di sgomento di pena ad ascoltarvi che vi torturate a vicenda lrsquouno con lrsquoaiuto dellrsquoaltro sempre piugrave a fondo sempre piugrave mortalmente nel vivo a colpi drsquoorgoglio e drsquoironia [hellip] Niente e nessuno lo sapete mi egrave piugrave caro di voi e questo egrave vero sin dal giorno in cui mrsquoavete presa uno per moglie lrsquoaltro per figlia ndash e forse egrave piugrave vero piugrave vero ancora da quando un odio indecifrabile trasformatosi in legge dello Stato

Roberto Vianello

24

mrsquoimpedisce di fare la sola cosa che amo quasi quanto amo voi due recitare [hellip] [hellip] egrave venuto il momento di dirvela tutta drsquoun fiato senza giri di frase senza neanche tentare di convincervi la certezza che mi pesa sul cuore e insieme lo fa piugrave leggero se partire tutti egrave impossibile (e so bene so bene che egrave impossibile) non crsquoegrave che una cosa da fare restare tutti qui (pp 1295 ss)

La salvezza dal teatro Speranza vana Sara sa che in un teatro ci sono passag-

gi impensabili spazi ignorati o creduti impraticabili porte nascostehellip Non le pare irrealistico sperare di celarsi di giorno in quellrsquoambiente labirintico e restarvi tutti insieme uscendo solo la notte a turno e con cautela per procurarsi di che so-pravvivere67 Sente soprattutto di doverlo volere per opporsi a una necessitagrave che ri-fiuta con tutta se stessa proprio per restare se stessa Rimanere lagrave significa rifiu-tarsi di cedere al male respingere il gioco di chi vuol togliere loro lrsquoanima Come sarebbe possibile definire salvezza il rinunciare ad essere quelli che sono laquoampu-tarsi degli affetti piugrave cari tradire tutte le parole dateraquo (p 1294)

Il realismo di Stefano e Simone non sa accettare questo punto di vista Perfi-no lrsquoaccondiscendente suocero finisce per accusare la donna drsquoavere letto da gio-vane troppi romanzi drsquoappendice di non comprendere insomma che la sua egrave posizione illusoria idealistica mentre invece crsquoegrave di mezzo la vita Per i due uomini decidere si deve deve venire individuata la vittima Simone allora escogita un modo per evitare di scegliere tra le ragioni dellrsquouno e dellrsquoaltro tra la prospettiva di vita piugrave lunga del giovane e lrsquoattaccamento del vecchio al tempo che gli resta da vivere Lrsquouso laquoun porsquo ludico e un porsquo statisticoraquo (p 1301) di una vecchia pistola carica sorteggeragrave in una specie di roulette russa il sacrificando La canna non verragrave puntata alla tempia si spareragrave a qualche oggetto Il risultato saragrave garantito in modo incruento ndash ma saragrave garantito ndash da un arnese appartenente alla storia della famiglia intascato chissagrave quanto consapevolmente quale ultima difesa contro lrsquoimprevisto e divenuto allrsquoattuarsi dellrsquoimprevisto autolesionistico mezzo di riso-luzione di un dilemma insolubile arma puntata contro lrsquounitagrave affettiva della fami-glia strumento con cui la sorte decideragrave incolpevolmente il prescelto a laquolasciareraquo con la donna laquolrsquoinferno per il limboraquo (p 1305)

67 La situazione puograve ricordare in certo modo quella realmente vissuta dalla famiglia Frank prima della deportazione a Berger Belsen e soprattutto quella che ispirograve a Truffaut il famoso Lrsquoultimo metrograve (1980) in cui in una Parigi occupata dai nazisti un direttore teatrale ebreo riesce a sottrarsi al peggio nascondendosi nei sotterranei del suo teatro

Alcesti nel Novecento letterario italiano

25

Sara comprende oramai come un muro si opponga tra le sue parole e il cuore dei due E se ne va per non fare piugrave ritorno senza che essi intuiscano la sua vera determinazione laquoNo non piugrave non queste cose Scusami Scusatemiraquo (p 1303) sono le sue ultime parole

Dopo un ultimo contrasto col padre Stefano va infine alla ricerca di un og-getto da trasformare in bersaglio per esercitarvi il gioco della sorte illudendosi nel contempo di poter trovare la donna Ma il Custode apparso drsquoimprovviso gli rivela come sia vana ogni ricerca di lei dato che lrsquoha appena vista uscire o meglio laquoentrare in quella gran nebbia che crsquoegrave lagrave fuori e che lei stessa [hellip] ha parago-nato allrsquoAderaquo (p 1307) Egrave il momento in cui tale personaggio rivela il massimo della sua ambiguitagrave ndash meglio sarebbe dire della sua impenetrabilitagrave ndash con lrsquoapparire aguzzino cinico incapace di pietagrave e col suo contemporaneo proclamar-si mero esecutore di ordini che laquonon sono mai [hellip] degli ordini inumaniraquo (p 1306) Lo spedizioniere ndash come lo hanno definito i nostri personaggi scopertisi fardelli in attesa di spedizione in preda al potere incoercibile delle circostanze ndash lrsquouomo che appare e scompare laquocome la figura della morte in certi campanili goticiraquo (p 1284) pare sapere molto piugrave di quel che svela Egrave tornato a comandare lrsquoabbandono del teatro ma le sue allusioni reticenti le mezze veritagrave suggerite ne svelano il vero ruolo Egli non egrave appena lrsquointermediario per lrsquoattuazione del pia-no concordato Vero deus ex machina egrave piuttosto lrsquoagente chiamato a fare lucida-mente precipitare lrsquoazione scenica verso la sua conclusione la conoscenza vera di un seacute decisamente impresentabile che situazioni disperate stati di necessitagrave acca-de sappiano lasciare emergere Ai due antieroi che protestano di non poter parti-re senza Sara che mentendo a se stessi pretendono di dover far qualcosa per lei nella concitazione dellrsquoobbligata partenza glacialmente il Custode risponde

Fare cosa Non crsquoegrave proprio niente da fare ci sarebbe semmai qualcosa da capire Ma piugrave tardi adesso non ne avete il tempo ricordatevi che dovete partire (p 1308)

Stefano adesso ndash cominciando a comprendere ndash vorrebbe restar ligrave per provare a cercarla Vano tentativo di acquietare la coscienza Egli in realtagrave si lascia presto vilmente travolgere come il padre dalla necessitagrave della congiuntura e dalla cruda imbarazzante veritagrave che finalmente emerge dalle agghiaccianti battute del dramma che srsquoavvia alla conclusione

STEFANO Ma qui possiamo cercarla CUSTODE E in che modo andandovi a ficcare tra le grinfie di chi vi dagrave la caccia Credete a me non avete altra scelta

Roberto Vianello

26

salite su quel camion Oltretutto se ci pensate egrave quello che tutti e due volevate con ogni vostra forza dalla piugrave palese alla piugrave segreta e che anche lei evidentemente ha voluto per voi STEFANO Mahellip SIMONE Quellrsquouomo chiunque sia ha ragione Diamogli retta figlio Io sono vecchio tu sei giovane ma entrambi credo siamo adulti e letterati quanto basta per mutare con lrsquoaiuto del tempo in una specie di dolcezza anche la piugrave atroce delle vergogne Su vieni STEFANO Non potrograve mai perdonartelo SIMONE Neacute io a te Ma ciascuno di noi due vedrai troveragrave il modo di perdonarlo almeno un porsquo a se stesso (pp 1309 s)

La personale convenienza prevale alla fine su ogni buona intenzione Lrsquoalibi dellrsquoimpossibilitagrave drsquoalcuncheacute oscura a pena il significato di disattenzioni indispo-nibilitagrave sorditagrave cui lo spettatore ha assistito sino a poco prima La mancata sin-tonia tra i parenti della nostra recita non trova piugrave spiegazione nella mera differen-za del carattere o nella gelosia Altra egrave lrsquoinconfessata veritagrave quella di scelte dettate dallrsquoistinto puro di conservazione al quale ogni legame affettivo egrave risultato sacri-ficato forse dettate persino da una inconscia volontagrave di liquidare conti da troppo sospesi

Il custode prima di lasciarli comunica che una laquocompagna di viaggioraquo partiragrave insieme a loro Nessuno sa chi sia laquoDicono che sia una reginaraquo ma non si sa di che paese laquoe nemmeno se la parola sia da intendere in senso proprio oppure figuratoraquo (p 1312) Con lei e di lei nessuno dovragrave nemmeno parlare gli ordini mi-steriosi sono tassativi pena il rischio dellrsquoincolumitagrave I due dovranno limitarsi a seguirla a qualche passo di distanza senza azzardare nemmeno con se stessi con-getture sul suo conto che potrebbero risultare addirittura laquoinsopportabiliraquo (ivi) Una donna velata compare sul fondo della scena Egrave Sara riconoscibile al pubbli-co ma laquomisteriosamente mutataraquo (p 1311) Forse la sua presenza porteragrave a com-pimento la recita delle laquolacerazioni della storiaraquo e delle laquointermittenze del cuoreraquo

Alcesti nel Novecento letterario italiano

27

cui lrsquoAutore voleva dar vita e indurragrave i nostri antieroi a capire Forse Egrave dunque per salvar lei che uno di loro tre ha dovuto sacrificarsi ndash chiede Stefano laquoStrana domandaraquo commenta il Custode laquoImproponibileraquo e laquoridicolaraquo

ndash quasi come voler cercare qualcuno nella nebbia se la nebbia egrave cosigrave maledettamente simile agli opachi labirinti dellrsquoAde Ma che senso ha che io cerchi di convincerti di quello di cui solo tu quando e se mai te ne verragrave il coraggio potrai convincere te stesso (p 1313)

Il Custode denuncia in quella domanda lrsquoultimo tentativo di addossare ad altri

una responsabilitagrave propria Alibi velleitario quanto lrsquoirrealistica voglia presto ac-quietata di cercare Sara nella nebbia Solo il coraggio di guardarsi dentro davvero permetteragrave di trovare la veritagrave La veritagrave di viltagrave ed eroismo che ha preso vita nel luogo della finzione il Teatro dove srsquoegrave combattuta la lotta tra lrsquoindole belluina ridestata in due personaggi dalle urgenze delle disgrazie e le esigenze ndash del cuore e della ragione insieme ndash della loro donna Durante lrsquoaccadimento che egrave la recita cui abbiamo assistito i nostri eroi hanno mostrato e forse capito ndash o cominciato a capire ndash di piugrave se stessi mentre lrsquoancella drsquoun tempo srsquoegrave potuta trasformare in re-gina Egrave stato per il suo gesto Egrave stato come altri propone per la sua volontagrave di restare ligrave nel Teatro preferendo laquola veritagrave dellrsquoapparire alla menzogna della real-tagraveraquo68 LrsquoAlcesti di Raboni non racconta di un ritorno dallrsquoaldilagrave Racconta piutto-sto di una fuga dallrsquoinferno nelle coscienze o ndash se si vuole e solo per i due uomi-ni ndash di un ingresso in un loro purgatorio al seguito di una donna laquoimmagine del loro amore e della loro vergognaraquo69

Un fraintendimento novecentesco Il tempo oramai esaurito ci costringe a concludere Resterebbe da porre una

domanda che a nostro giudizio merita di non essere elusa soprattutto alla luce di recenti sviluppi dellrsquoindagine critica Il Novecento ha davvero inteso correttamen-te il rapporto tra lrsquoAlcesti e lrsquoAdmeto consegnati da Euripide agli Ateniesi del 438 aC e al pubblico di ogni epoca Savinio ci ha consegnato un Paul-Admeto inno-cente quanto alla decisione della sposa ma non del tutto riabilitato quanto alle ra-gioni che quel gesto hanno determinato almeno per la parte che puograve avervi avuto

68 LIEVI 2004 p 447 69 RABONI 2004 p 445 Ora in RABONI 2006 p 1782

Roberto Vianello

28

il suo modo di essere sposo (v p 12) Raboni ci presenta uno Stefano-Admeto che accetta ingloriosamente il destino a lui favorevole Il giudizio degli autori no-vecenteschi si abbatte impietoso sullrsquoindividuo maschile della coppia Raboni pa-ragonograve il desiderio finale di cercare Sara alla laquoretoricaraquo disperazione di Admeto in Euripide per una morte che lui aveva laquorichiesto o comunque accettatoraquo70 Kott per citare solo unrsquoaltra voce sulla questione quando riflette sul rapporto tra i co-niugi in Euripide squalifica lo sposo affermando laquoAlcesti egrave unrsquoeroina di tragedia ma ha un marito che viene dalla commediaraquo71

Ci chiediamo e se il Novecento avesse frainteso Se Admeto non avesse avu-to davvero possibilitagrave di scegliere Bisognerebbe certo postulare un secolare fraintendimento Andrebbero indagate inoltre le ragioni dellrsquoamplificazione di quelle che da sempre sono apparse ambiguitagrave e contraddizioni del testo euripi-deo Admeto implora la sposa di non lasciarlo e la rimprovera quasi di abbando-nare oltre a lui i figli proprio mentre la morte la ghermisce Egrave davvero vuota-mente retorica la sua disperazione O un fuorviante pregiudizio moderno ci pre-clude la veritagrave indotti come siamo a biasimarne lrsquointollerabile ingratitudine per un gesto ancor piugrave grande ai nostri occhi in una condizione di subalternitagrave social-mente pretesa Non sarebbe incomprensibile il manifestarsi di tale fastidio nel progressivo maturare di una coscienza di genere tra Ottocento e Novecento e nella ormai conquistata emancipazione femminile Osiamo suggerire tali conside-razioni sulla scia di un interessante intervento critico apparso di recente sulla rivi-sta ldquoMateriali e discussioni per lrsquoanalisi dei testi classicirdquo cui non crsquoegrave tempo di de-dicare oggi lo spazio necessario ma che potragrave essere letto con profitto sul sito del nostro Liceo72

Carlo Brillante vi sostiene lrsquoimplausibilitagrave che Euripide abbia pensato di porta-re in scena un personaggio doppio e contraddittorio quale appare lrsquoAdmeto che riteniamo di conoscere Egli suggerisce invece la sciagurata eventualitagrave che Adme-to non abbia potuto opporsi al sacrificio della sposa richiamando in certo modo i tentativi di moralizzare il personaggio attuati prima dellrsquoOttocento Il critico tut-tavia non egrave vincolato alle necessitagrave etico-artistiche che animarono in passato un Aureli o un Alfieri73 Quel che conduce la sua indagine invece egrave lrsquoesigenza erme-neutica di comprendere quanto resta misconosciuto della vicenda degli sposi mi-tici e della tragedia greca cui forse erroneamente si attribuisce la scelta di insce-nare una ipocrisia poco onorevole e poco edificante Percheacute nulla ci dice il testo euripideo del ruolo di Admeto negli avvenimenti che hanno preceduto lrsquoazione scenica Sappiamo solo che Apollo ingannando le Moire ha ottenuto il dono piugrave prezioso per lrsquoamico descritto per lrsquointero dramma come uomo pio verso la divi-

70 RABONI 2004 p 444 Ora in RABONI 2006 p 1782 71 KOTT 2005 p 104 72 Cf BRILLANTE 2005 La riproduzione del saggio sul sito del Liceo egrave stata autorizzata dalla Re-dazione scientifica della rivista e dalla sua Casa editrice La si legga allrsquoindirizzo Internet wwwgiuseppeveroneseit (Materiali didattici Italiano Vianello Roberto) 73 Cf p 5

Alcesti nel Novecento letterario italiano

29

nitagrave e campione di ospitalitagrave e φιλία Quale rapporto sia intercorso tra il dono i-natteso del dio e la decisione sacrificale di Alcesti non si dice in Euripide neacute ci egrave dato di ipotizzarne aspetti disonorevoli per Admeto di cui sappiamo solo che οὐχ ηὗρε πλὴν γυναικὸς ὃστις ἤθελε θανὼν πρὸ κείνου microηκέτ΄εἰσορᾶν φάος ldquonon trovograve tranne la moglie chi volesse morendo per lui non piugrave vedere la lucerdquo (17-18) Osserva Brillante che il verbo εὑρίσκω laquopuograve designare un ritrovamento casuale senza riferimento a unrsquointenzionalitagrave del soggettoraquo 74 Un valore che e-scluderebbe una richiesta egoistica alla sposa e renderebbe lrsquoofferta di seacute della donna inattesa almeno quanto il dono stesso Il valore del verbo nel contesto egrave certo controverso75 ma di una richiesta esplicita ad Alcesti nel dramma non si fa mai menzione e forse solo un pregiudizio naturale quanto si vuole puograve farla po-stulare Il critico perciograve ipotizza che la possibilitagrave di una morte sostitutiva strap-pata da Apollo alle Moire si configuri come un vero e proprio patto a cui en-trambi i contraenti restano vincolati e che accettato da Admeto egrave divenuto vin-colante anche per lui Admeto non avrebbe dovuto in realtagrave accettare o meno il sacrificio di Alcesti quanto piuttosto scegliere se accettare o meno la vantaggiosa offerta del dio senza poter prevedere lrsquoinattesa offerta di seacute dellrsquoormai insostitui-bile sposa Piugrave generosa di amici e genitori Alcesti avrebbe involontariamente trasformato la piugrave impensabile delle opportunitagrave in un dono avvelenato I doni degli immortali sono spesso inevitabili per gli uomini E il re di Fere non aveva certo motivo di rifiutare il tributo di una divinitagrave amica alla piugrave onorevole delle sue virtugrave Sono solo lrsquoinatteso rifiuto dei genitori e lrsquoimprevista offerta di Alcesti a rendere non piugrave vantaggiosa lrsquoofferta di Apollo quando Thanatos rifiuta di nego-ziare con Apollo una dilazione della morte di Alcesti oramai non crsquoegrave piugrave nulla da fare I rapporti tra uomini e immortali ndash osserviamo noi ndash sono normalmente diffi-cili E spesso ndash continua Brillante ndash i doni degli immortali non corrispondono alle attese di chi li ha sollecitati Altri eroi dopo aver stipulato un patto vantaggioso con la divinitagrave laquosubiscono un male maggiore di quello che speravano di evitareraquo76 Egrave il caso di Idomeneo il re di Creta costretto a uccidere il figlio per aver promes-so a Poseidone di sacrificargli ciograve che avesse incontrato sulla terraferma se fosse scampato al naufragio Stessa sorte subirono la sposa e i figli di Meandro che sti-pulograve un patto analogo con la madre degli dei Cosigrave come accadde alla figlia di Ief-te giudice dellrsquoAntico Testamento che si distinse combattendo contro gli Am-moniti e in cambio della vittoria su di essi promise in olocausto a IHWH ndash scon-sideratamente ndash la persona che per prima fosse uscita dalle porte di casa sua per andargli incontro (Gdc 11 30-39) In tutti questi casi eventi inattesi trasformano nella rovina dellrsquoeroe un patto incautamente ritenuto conveniente Qualcosa di simile andrebbe postulato anche per Admeto che tutto avrebbe potuto prevede-re tranne la dedizione della sposa fino al dono totale di seacute

74 BRILLANTE 2005 p 17 75 Cf ivi n 18 76 Brillante 2005 p 22

Roberto Vianello

30

Dobbiamo veramente terminare Non abbiamo titolo per pronunciarci con competenza sullrsquoipotesi sin qui descritta Se essa dovesse dimostrarsi esatta biso-gnerebbe ripensare lrsquoAlcesti di Euripide e restituire al suo sposo un onore troppo a lungo negato77 Le presunte ombre e ambiguitagrave che lo riguardano risulterebbero illuminate da una luce di sincero affetto per la sposa di vera disperazione per la sua perdita Giusta si rivelerebbe come pretendeva Platone la ricompensa delle virtugrave di entrambi col ritorno in vita di lei Nuova luce prenderebbero poi le letture artistiche del secolo da poco conclusosi che abbiamo fin qui descritto E do-vremmo forse attribuire a evoluzione del costume ai drammi della psiche a traumi della sua storia la valutazione antieroica del rapporto immaginato tra gli sposi in quelle recenti storie Lasciamo alla vostra riflessione le molte osservazioni sin qui proposte Qualsiasi sia la veritagrave su Alcesti e Admeto siete tutti invitati al teatro ldquoDon Boscordquo ad assistere alla rappresentazione che gli studenti del Classi-co ne daranno il prossimo 29 Aprile Grazie

ROBERTO VIANELLO

77 Almeno per quel che concerne il suo rapporto con la sposa Rimarrebbe invero da valutare la sua pretesa di essere sostituito da amici e genitori Per i secondi si potrebbe forse invocare il con-cetto di giustizia generazionale per il quale la piugrave lunga aspettativa di vita del giovane il lungo godi-mento di ricchezze e felicitagrave da parte dei piugrave anziani renderebbero ndash in modo che lascia perplessa la coscienza moderna ndash onorevole la loro dipartita meno disonorevole la richiesta loro diretta Per i primi si dovrebbero forse invocare concetti quali la regalitagrave dellrsquointerlocutore la ragion di Stato la manifestazione concreta di una φιλία attesa dalla sodalitagrave tra pari non invece dallrsquoaffetto di una donna Per entrambi bisogneragrave poi tener presente lrsquoorigine fiabesca della situazione e del dono stesso

Alcesti nel Novecento letterario italiano

31

Indice bibliografico

BASTA DONZELLI 1987 G BASTA DONZELLI Euripide in Dizionario degli scrittori greci e latini Diretto da F DELLA CORTE Milano Marzorati 1987

BRILLANTE 2005 C BRILLANTE LrsquoAlcesti di Euripide il personaggio di Admeto e la struttura del dramma in ldquoMateriali e discussioni per lrsquoanalisi dei testi classicirdquo 54 (2005) pp 9-46

CARDARELLI 1981 V CARDARELLI Opere Milano Mondadori 1981

CARDARELLI 1985 Il testamento letterario di Giacomo Leopardi Pensieri dello Zibaldone scelti annotati e ordinati da Vincenzo Cardarelli Torino Fogravegola 1985 (ri-stampa del fascicolo trimestrale de ldquoLa Rondardquo del giugno 1921)

CASCETTA 1995 A CASCETTA Lrsquo Alcesti di Samuele di Alberto Savinio una tragedia mo-derna in Studia classica Iohanni Tarditi oblata A cura di L BELLONI G MILANESE A PORRO vol II Milano Vita e Pensiero Pubblicazioni dellrsquoUniversitagrave Cattolica 1995 pp 1405-1446

CORTELLESSA 2005 A CORTELLESSA La poesia in carne e ossa postfazione a RABONI 2005

DE SANCTIS 1995 F DE SANCTIS Schopenhauer e Leopardi A cura di F Gnerre e A L Marongiu Milano Edizioni Oberon 1995 (volumetto per la scuola che riproduce il citatissimo Schopenhauer e Leopardi Dialogo tra A e D in Saggi critici A cura di L Russo II Bari Laterza 1952)

EURIPIDE E ALTRI 2006 EURIPIDE WIELAND RILKE YOURCENAR RABONI Alcesti Variazio-ni sul mito Venezia Marsilio 2006

GUIDI 2006 O GUIDI Alberto Savinio profeta dellrsquoUnitagrave Europea in Irregolari novecente-schi Bontempelli Savinio Landolfi Penna Curto Longo Editore Ravenna 2006 pp 29-46

KOTT 2005 J KOTT Alcesti velata in IDEM Divorare gli dei Unrsquointerpretazione della tragedia greca Milano B Mondadori 2005 pp 100-133

LANGELLA 2004 G LANGELLA Lrsquoottimismo della speranza Sullrsquo ldquoAlcestirdquo incompiuta di Al-varo in PATTONI-CARPANI 2004 pp 369-386

LESKY 1925 A LESKY Alkestis Der Mythus und das Drama Wien und Leipzig 1925 (ldquoSitz Akad Wiss Wienrdquo phil-hits Kl 203 2 Abh)

LIEVI 2004 C LIEVI Lrsquo ldquoAlcestirdquo di Giovanni Raboni Riflessione di un regista in PAT-TONI-CARPANI 2004 pp 446-447

MAGRO 2008 F MAGRO Un luogo della veritagrave umana La poesia di Giovanni Raboni Pa-sian di Prato (UD) Campanotto editore 2008

MENGALDO 1978 P V MENGALDO Poeti italiani del Novecento Milano Mondadori 1978 pp 398-402

MENGALDO 1998 P V MENGALDO Profili di critici del Novecento Torino Bollati Borin-ghieri 1998 pp 107-111

MORACE 1983 C ALVARO Alcesti a cura di A M MORACE in ldquoNuovi Annali della Facoltagrave di Magistero dellrsquoUniversitagrave di Messinardquo 1 (1983) pp 729-758

MORACE 2001 A M MORACE La riscrittura del mito nel teatro alvariano in IDEM Orbite novecentesche Napoli Edizioni Scientifiche Italiane 2001 pp 85-103

Roberto Vianello

32

NOSARTI 1992 ANONIMO LrsquoAlcesti di Barcellona A cura di L NOSARTI Bologna Pagrave-tron 1992

PADUANO 2004 G PADUANO Lrsquounitagrave dellrsquo Alcesti e la doppia ricezione in PATTONI-CARPANI 2004 pp 343-359

PATTONI 2004 M P PATTONI Le metamorfosi di Alcesti Dallrsquoarchetipo alle sue rivisitazioni in PATTONI-CARPANI 2004 pp 279-300

PATTONI 2006 M P PATTONI Introduzione a EURIPIDE E ALTRI 2006 pp 9-48

PATTONI-CARPANI 2004 Sacrifici al femminile Alcesti in scena da Euripide a Raboni in ldquoComunica-zioni socialirdquo anno XXVI NS Sez teatro 3 (Settembre-Dicembre 2004)

PEDULLAgrave 1991 W PEDULLAgrave Alberto Savinio Storia esemplare di uno scrittore di avanguar-dia Milano Bompiani 1991

PIETROMARCHI 1986 voce Savinio Alberto in Dizionario critico della letteratura italiana diretto da V BRANCA Torino UTET 1986 pp 98-100

PISCOPO 1973 U PISCOPO Alberto Savinio Milano Mursia 1973

RABONI 1987 G RABONI Poeti del secondo Novecento in Storia della letteratura italiana Diretta da E CECCHI e N SAPEGNO Il Novecento Milano Garzanti 1987 pp 207-248 Ora in RABONI 2005 pp 190-250

RABONI 1992 Sereni a Milano in Per Vittorio Sereni Convegno di poeti Milano Allrsquoinsegna del pesce drsquooro 1992

RABONI 2000 G RABONI Tradurre il sentimento in Tu hai preferito vivere io morire Con Antigone di Sofocle A cura di M G CIANI E F DONADI I quaderni del Teatro Olimpico 6 Vicenza 2000 pp 14-15 Ora in RABONI 2006 PP 1742-1743

RABONI 2004 G RABONI ldquoAlcestirdquoe i disastri del Novecento in PATTONI-CARPANI 2004 pp 441-445

RABONI 2005 G RABONI La poesia che si fa Cronaca e storia del Novecento poetico italia-no 1959-2004 A cura di A CORTELLESSA Milano Garzanti 2005

RABONI 2006 G RABONI Lrsquoopera poetica Milano Mondadori 2006

RAGNI 2002 E RAGNI Savinio mito e mondo classico in Atti del Convegno ldquoIl classico nel-la Roma contemporanea Mito modelli memoriardquo Roma 18-20 ottobre 2000 A cura di FERNANDA ROSSETTI Istituto Nazionale di Studi Romani 2002 vol I pp 71-105

REALE 1991 PLATONE Tutti gli scritti A cura di G REALE Milano Rusconi 1991

RIGONI 1985 M A RIGONI Saggi sul pensiero Leopardiano Napoli Liguori 1985

SAVINIO 1992 A SAVINIO Dico a te Clio Milano Adelphi 1992

SAVINIO 2007 A SAVINIO Alcesti di Samuele e atti unici A cura di A TINTERRI Mila-no Adelphi Edizioni 20072

SUSANETTI 2001 D SUSANETTI La favola bella della morte in Euripide Alcesti A cura di IDEM Venezia Marsilio 2001

SUSANETTI 2004 D SUSANETTI Alcesti sacrificio e resurrezione Elementi di un mito con sei variazioni in PATTONI-CARPANI 2004 pp 307-327

Alcesti nel Novecento letterario italiano

33

TELOgrave 2004 M TELOgrave lsquoAspettando Ercolersquo Universalismo mitico e primitivismo romantico in ldquoLe mystere drsquoAlcesterdquo di M Yourcenar in PATTONI-CARPANI 2004 pp 387-410

USAI 2005 A USAI Il mito nellrsquoopera letteraria e pittorica di Alberto Savinio Roma E-dizioni Nuova Cultura 2005

VIVARELLI 1996 Alberto Savinio Catalogo generale A cura di P VIVARELLI Milano Elec-ta 1996

WILSON 1968 Twentieth Century Interpretations of Euripidesrsquo Alcestis A collection of Critical Essays Edited by J R WILSON Englewood Cliffs N J Prentice-Hall 1968

ltlt ASCII85EncodePages false AllowTransparency false AutoPositionEPSFiles true AutoRotatePages None Binding Left CalGrayProfile (Dot Gain 20) CalRGBProfile (sRGB IEC61966-21) CalCMYKProfile (US Web Coated 050SWOP051 v2) sRGBProfile (sRGB IEC61966-21) CannotEmbedFontPolicy Error CompatibilityLevel 14 CompressObjects Tags CompressPages true ConvertImagesToIndexed true PassThroughJPEGImages true CreateJDFFile false CreateJobTicket false DefaultRenderingIntent Default DetectBlends true ColorConversionStrategy LeaveColorUnchanged DoThumbnails false EmbedAllFonts true EmbedJobOptions true DSCReportingLevel 0 EmitDSCWarnings false EndPage -1 ImageMemory 1048576 LockDistillerParams false MaxSubsetPct 100 Optimize true OPM 1 ParseDSCComments true ParseDSCCommentsForDocInfo true PreserveCopyPage true PreserveEPSInfo true PreserveHalftoneInfo false PreserveOPIComments false PreserveOverprintSettings true StartPage 1 SubsetFonts true TransferFunctionInfo Apply UCRandBGInfo Preserve UsePrologue false ColorSettingsFile () AlwaysEmbed [ true ] NeverEmbed [ true ] AntiAliasColorImages false DownsampleColorImages true ColorImageDownsampleType Bicubic ColorImageResolution 300 ColorImageDepth -1 ColorImageDownsampleThreshold 150000 EncodeColorImages true ColorImageFilter DCTEncode AutoFilterColorImages true ColorImageAutoFilterStrategy JPEG ColorACSImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt ColorImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt JPEG2000ColorACSImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt JPEG2000ColorImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt AntiAliasGrayImages false DownsampleGrayImages true GrayImageDownsampleType Bicubic GrayImageResolution 300 GrayImageDepth -1 GrayImageDownsampleThreshold 150000 EncodeGrayImages true GrayImageFilter DCTEncode AutoFilterGrayImages true GrayImageAutoFilterStrategy JPEG GrayACSImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt GrayImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt JPEG2000GrayACSImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt JPEG2000GrayImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt AntiAliasMonoImages false DownsampleMonoImages true MonoImageDownsampleType Bicubic MonoImageResolution 1200 MonoImageDepth -1 MonoImageDownsampleThreshold 150000 EncodeMonoImages true MonoImageFilter CCITTFaxEncode MonoImageDict ltlt K -1 gtgt AllowPSXObjects false PDFX1aCheck false PDFX3Check false PDFXCompliantPDFOnly false PDFXNoTrimBoxError true PDFXTrimBoxToMediaBoxOffset [ 000000 000000 000000 000000 ] PDFXSetBleedBoxToMediaBox true PDFXBleedBoxToTrimBoxOffset [ 000000 000000 000000 000000 ] PDFXOutputIntentProfile () PDFXOutputCondition () PDFXRegistryName (httpwwwcolororg) PDFXTrapped Unknown Description ltlt ENU (Use these settings to create PDF documents with higher image resolution for high quality pre-press printing The PDF documents can be opened with Acrobat and Reader 50 and later These settings require font embedding) JPN ltFEFF3053306e8a2d5b9a306f30019ad889e350cf5ea6753b50cf3092542b308030d730ea30d730ec30b9537052377528306e00200050004400460020658766f830924f5c62103059308b3068304d306b4f7f75283057307e305930023053306e8a2d5b9a30674f5c62103057305f00200050004400460020658766f8306f0020004100630072006f0062006100740020304a30883073002000520065006100640065007200200035002e003000204ee5964d30678868793a3067304d307e305930023053306e8a2d5b9a306b306f30d530a930f330c8306e57cb30818fbc307f304c5fc59808306730593002gt FRA ltFEFF004f007000740069006f006e007300200070006f0075007200200063007200e900650072002000640065007300200064006f00630075006d0065006e00740073002000500044004600200064006f007400e900730020006400270075006e00650020007200e90073006f006c007500740069006f006e002000e9006c0065007600e9006500200070006f0075007200200075006e00650020007100750061006c0069007400e90020006400270069006d007000720065007300730069006f006e00200070007200e9007000720065007300730065002e0020005500740069006c006900730065007a0020004100630072006f0062006100740020006f00750020005200650061006400650072002c002000760065007200730069006f006e00200035002e00300020006f007500200075006c007400e9007200690065007500720065002c00200070006f007500720020006c006500730020006f00750076007200690072002e0020004c00270069006e0063006f00720070006f0072006100740069006f006e002000640065007300200070006f006c0069006300650073002000650073007400200072006500710075006900730065002egt DEU ltFEFF00560065007200770065006e00640065006e0020005300690065002000640069006500730065002000450069006e007300740065006c006c0075006e00670065006e0020007a0075006d002000450072007300740065006c006c0065006e00200076006f006e0020005000440046002d0044006f006b0075006d0065006e00740065006e0020006d00690074002000650069006e006500720020006800f60068006500720065006e002000420069006c0064006100750066006c00f600730075006e0067002c00200075006d002000650069006e00650020007100750061006c00690074006100740069007600200068006f006300680077006500720074006900670065002000410075007300670061006200650020006600fc0072002000640069006500200044007200750063006b0076006f0072007300740075006600650020007a0075002000650072007a00690065006c0065006e002e00200044006900650020005000440046002d0044006f006b0075006d0065006e007400650020006b00f6006e006e0065006e0020006d006900740020004100630072006f0062006100740020006f0064006500720020006d00690074002000640065006d002000520065006100640065007200200035002e003000200075006e00640020006800f600680065007200200067006500f600660066006e00650074002000770065007200640065006e002e00200042006500690020006400690065007300650072002000450069006e007300740065006c006c0075006e00670020006900730074002000650069006e00650020005300630068007200690066007400650069006e00620065007400740075006e00670020006500720066006f0072006400650072006c006900630068002egt PTB ltFEFF005500740069006c0069007a006500200065007300740061007300200063006f006e00660069006700750072006100e700f5006500730020007000610072006100200063007200690061007200200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200063006f006d00200075006d00610020007200650073006f006c007500e700e3006f00200064006500200069006d006100670065006d0020007300750070006500720069006f0072002000700061007200610020006f006200740065007200200075006d00610020007100750061006c0069006400610064006500200064006500200069006d0070007200650073007300e3006f0020006d0065006c0068006f0072002e0020004f007300200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200070006f00640065006d0020007300650072002000610062006500720074006f007300200063006f006d0020006f0020004100630072006f006200610074002c002000520065006100640065007200200035002e00300020006500200070006f00730074006500720069006f0072002e00200045007300740061007300200063006f006e00660069006700750072006100e700f50065007300200072006500710075006500720065006d00200069006e0063006f00720070006f0072006100e700e3006f00200064006500200066006f006e00740065002egt DAN ltFEFF004200720075006700200064006900730073006500200069006e0064007300740069006c006c0069006e006700650072002000740069006c0020006100740020006f0070007200650074007400650020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006d006500640020006800f8006a006500720065002000620069006c006c00650064006f0070006c00f80073006e0069006e0067002000740069006c0020007000720065002d00700072006500730073002d007500640073006b007200690076006e0069006e0067002000690020006800f8006a0020006b00760061006c0069007400650074002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e007400650072006e00650020006b0061006e002000e50062006e006500730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f0067002000520065006100640065007200200035002e00300020006f00670020006e0079006500720065002e00200044006900730073006500200069006e0064007300740069006c006c0069006e0067006500720020006b007200e600760065007200200069006e0074006500670072006500720069006e006700200061006600200073006b007200690066007400740079007000650072002egt NLD ltFEFF004700650062007200750069006b002000640065007a006500200069006e007300740065006c006c0069006e00670065006e0020006f006d0020005000440046002d0064006f00630075006d0065006e00740065006e0020007400650020006d0061006b0065006e0020006d00650074002000650065006e00200068006f00670065002000610066006200650065006c00640069006e00670073007200650073006f006c007500740069006500200076006f006f0072002000610066006400720075006b006b0065006e0020006d0065007400200068006f006700650020006b00770061006c0069007400650069007400200069006e002000650065006e002000700072006500700072006500730073002d006f006d0067006500760069006e0067002e0020004400650020005000440046002d0064006f00630075006d0065006e00740065006e0020006b0075006e006e0065006e00200077006f007200640065006e002000670065006f00700065006e00640020006d006500740020004100630072006f00620061007400200065006e002000520065006100640065007200200035002e003000200065006e00200068006f006700650072002e002000420069006a002000640065007a006500200069006e007300740065006c006c0069006e00670020006d006f006500740065006e00200066006f006e007400730020007a0069006a006e00200069006e006700650073006c006f00740065006e002egt ESP ltFEFF0055007300650020006500730074006100730020006f007000630069006f006e006500730020007000610072006100200063007200650061007200200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200063006f006e0020006d00610079006f00720020007200650073006f006c00750063006900f3006e00200064006500200069006d006100670065006e00200071007500650020007000650072006d006900740061006e0020006f006200740065006e0065007200200063006f007000690061007300200064006500200070007200650069006d0070007200650073006900f3006e0020006400650020006d00610079006f0072002000630061006c0069006400610064002e0020004c006f007300200064006f00630075006d0065006e0074006f00730020005000440046002000730065002000700075006500640065006e00200061006200720069007200200063006f006e0020004100630072006f00620061007400200079002000520065006100640065007200200035002e003000200079002000760065007200730069006f006e0065007300200070006f00730074006500720069006f007200650073002e0020004500730074006100200063006f006e0066006900670075007200610063006900f3006e0020007200650071007500690065007200650020006c006100200069006e0063007200750073007400610063006900f3006e0020006400650020006600750065006e007400650073002egt SUO ltFEFF004e00e4006900640065006e002000610073006500740075007300740065006e0020006100760075006c006c006100200076006f0069006400610061006e0020006c0075006f006400610020005000440046002d0061007300690061006b00690072006a006f006a0061002c0020006a006f006900640065006e002000740075006c006f0073007400750073006c00610061007400750020006f006e0020006b006f0072006b006500610020006a00610020006b007500760061006e0020007400610072006b006b007500750073002000730075007500720069002e0020005000440046002d0061007300690061006b00690072006a0061007400200076006f0069006400610061006e0020006100760061007400610020004100630072006f006200610074002d0020006a0061002000520065006100640065007200200035002e00300020002d006f0068006a0065006c006d0061006c006c0061002000740061006900200075007500640065006d006d0061006c006c0061002000760065007200730069006f006c006c0061002e0020004e00e4006d00e4002000610073006500740075006b0073006500740020006500640065006c006c00790074007400e4007600e4007400200066006f006e0074007400690065006e002000750070006f00740075007300740061002egt ITA ltFEFF00550073006100720065002000710075006500730074006500200069006d0070006f007300740061007a0069006f006e00690020007000650072002000630072006500610072006500200064006f00630075006d0065006e00740069002000500044004600200063006f006e00200075006e00610020007200690073006f006c0075007a0069006f006e00650020006d0061006700670069006f00720065002000700065007200200075006e00610020007100750061006c0069007400e00020006400690020007000720065007300740061006d007000610020006d00690067006c0069006f00720065002e0020004900200064006f00630075006d0065006e00740069002000500044004600200070006f00730073006f006e006f0020006500730073006500720065002000610070006500720074006900200063006f006e0020004100630072006f00620061007400200065002000520065006100640065007200200035002e003000200065002000760065007200730069006f006e006900200073007500630063006500730073006900760065002e002000510075006500730074006500200069006d0070006f007300740061007a0069006f006e006900200072006900630068006900650064006f006e006f0020006c002700750073006f00200064006900200066006f006e007400200069006e0063006f00720070006f0072006100740069002egt NOR ltFEFF004200720075006b00200064006900730073006500200069006e006e007300740069006c006c0069006e00670065006e0065002000740069006c002000e50020006f00700070007200650074007400650020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006d006500640020006800f80079006500720065002000620069006c00640065006f00700070006c00f80073006e0069006e006700200066006f00720020006800f800790020007500740073006b00720069006600740073006b00760061006c00690074006500740020006600f800720020007400720079006b006b002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006b0061006e002000e50070006e006500730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f0067002000520065006100640065007200200035002e00300020006f0067002000730065006e006500720065002e00200044006900730073006500200069006e006e007300740069006c006c0069006e00670065006e00650020006b0072006500760065007200200073006b00720069006600740069006e006e00620079006700670069006e0067002egt SVE ltFEFF0041006e007600e4006e00640020006400650020006800e4007200200069006e0073007400e4006c006c006e0069006e006700610072006e00610020006e00e40072002000640075002000760069006c006c00200073006b0061007000610020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e00740020006d006500640020006800f6006700720065002000620069006c0064007500700070006c00f60073006e0069006e00670020006600f60072002000700072006500700072006500730073007500740073006b0072006900660074006500720020006100760020006800f600670020006b00760061006c0069007400650074002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e00740065006e0020006b0061006e002000f600700070006e006100730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f00630068002000520065006100640065007200200035002e003000200065006c006c00650072002000730065006e006100720065002e00200044006500730073006100200069006e0073007400e4006c006c006e0069006e0067006100720020006b007200e400760065007200200069006e006b006c00750064006500720069006e00670020006100760020007400650063006b0065006e0073006e006900740074002egt KOR ltFEFFace0d488c9c8c7580020d504b9acd504b808c2a40020d488c9c8c7440020c5bbae300020c704d5740020ace0d574c0c1b3c4c7580020c774bbf8c9c0b97c0020c0acc6a9d558c5ec00200050004400460020bb38c11cb97c0020b9ccb4e4b824ba740020c7740020c124c815c7440020c0acc6a9d558c2edc2dcc624002e0020c7740020c124c815c7440020c0acc6a9d558c5ec0020b9ccb4e000200050004400460020bb38c11cb2940020004100630072006f0062006100740020bc0f002000520065006100640065007200200035002e00300020c774c0c1c5d0c11c0020c5f40020c2180020c788c2b5b2c8b2e4002e0020c7740020c124c815c7440020c801c6a9d558b824ba740020ae00af340020d3ecd5680020ae30b2a5c7440020c0acc6a9d574c57c0020d569b2c8b2e4002egt CHS ltFEFF4f7f75288fd94e9b8bbe7f6e521b5efa76840020005000440046002065876863ff0c5c065305542b66f49ad8768456fe50cf52068fa87387ff0c4ee575284e8e9ad88d2891cf76845370524d6253537030028be5002000500044004600206587686353ef4ee54f7f752800200020004100630072006f00620061007400204e0e002000520065006100640065007200200035002e00300020548c66f49ad87248672c62535f0030028fd94e9b8bbe7f6e89816c425d4c51655b574f533002gt CHT ltFEFF4f7f752890194e9b8a2d5b9a5efa7acb76840020005000440046002065874ef65305542b8f039ad876845f7150cf89e367905ea6ff0c9069752865bc9ad854c18cea76845370524d521753703002005000440046002065874ef653ef4ee54f7f75280020004100630072006f0062006100740020548c002000520065006100640065007200200035002e0030002053ca66f465b07248672c4f86958b555f300290194e9b8a2d5b9a89816c425d4c51655b57578b3002gt gtgtgtgt setdistillerparamsltlt HWResolution [2400 2400] PageSize [595000 842000]gtgt setpagedevice

Page 4: Alcesti nel Novecento letterario italianoprofvianello.altervista.org/files/alcesti_nel_novecento_letterario... · Alcesti nel Novecento letterario italiano 5 La questione morale e

Roberto Vianello

4

stesso enciclopedia del rito funebre e riserva di strategie umane contro Ἀνάγκη la dura Necessitagrave7 Egrave anche narrazione di un ribaltamento del codice eroico-aristocratico per il quale una donna straordinaria muore per ldquodifendererdquo lrsquo ωἶκος mentre a piangerla resta il marito8 Egrave infine ndash ma solo per ridurre al minimo que-ste note sintetiche ndash spazio di unrsquoopposizione caratteristica della civiltagrave occidenta-le il contrasto cioegrave tra un sapere che pretenda il controllo del reale e quella che potrebbe chiamarsi la sapienza del cuore su ben altro avvezza a fondare certezze e strategie di vita Percheacute il Coro nel quinto stasimo del dramma proclama lrsquoimpossibilitagrave di trovare in alcuna dottrina un φάρmicroακον contro la spietata Ἀνάγκη denunciando la presuntuosa inadeguatezza di qualsiasi τέχνη fondata sulla cono-scenza di fronte al male per eccellenza Ma a tale sconsolata certezza il finale con-trappone invece lrsquoinattesa superioritagrave della φιλία che riesce dove la τέχνη ha falli-to strappando alla morte Alcesti Condivide Euripide la lettura platonica del mi-to9 Relega tale vittoria nel tempo del mito per proclamarne razionalisticamente lrsquoimpossibilitagrave nella vita reale10

Certo nellrsquointreccio di avvenimenti e prospettive appare delinearsi con nettez-za una separazione una lontananza tra i due protagonisti della vicenda Vi si con-trappogono personaggi di tempra e indole non comparabile Alcesti egrave figura eroi-ca egrave un exemplum Egrave degna di essere cantata dai poeti e che il suo sepolcro diven-ga un altare Ella merita la resurrezione Alcesti egrave Admeto invece caro agli dei capace lui pure di φιλία vive una situazione imbarazzante e contraddittoria Il sa-crificio volontario della sposa invertendo i ruoli tradizionali lo lascia spettatore passivo accusabile di debolezza e viltagrave Admeto in fondo non egrave quel che vor-remmo11 Egrave figura impresentabile ai moderni ndash obscaena nel senso etimologico del termine Non lo riscatta ai nostri occhi neppure la considerazione della progressi-va comprensione cui sarebbe chiamato dal ruolo assegnatogli nel dramma chi non la considererebbe tardiva Certamente troppo tardiva indegna della pronta ἀριστεία della sua donna12 il cui sacrificio pure nessuno tranne il padre gli rim-provera mai drsquoavere accettato13

7 SUSANETTI 2001 pp 15-16 23 PATTONI 2004 285-287 8 PATTONI 2006 p 14 9 laquo E questo gesto da lei compiuto parve cosigrave bello non solo agli uomini ma anche agli degravei al pun-to che questi pur avendo concesso solamente a pochissimi uomini fra i molti che compirono molte buone azioni il dono di lasciar tornare lrsquoanima dallrsquoAde tuttavia lasciarono tornare la sua a-nima meravigliati della sua azione In questo modo anche gli degravei onorarono lrsquoimpegno e la virtugrave a servizio dellrsquoamore raquo (Platone Simposio 179 C-D REALE 1991 Anni Ottanta-Settanta del IV sec a C) 10 WILSON 1968 raccogliendo saggi critici novecenteschi sul dramma si chiede laquois the salvation of Alcestis hellip a sardonic lsquoand so they lived happily ever afterrsquo hellip raquo (p 1) 11 Cf SUSANETTI 2001 p 28 12 Cf il motivo dellrsquo ἄρτι microανθάνω (v 940 ldquofinalmente comprendordquo) 13 Cf SUSANETTI 2004 pp 308 e 313

Alcesti nel Novecento letterario italiano

5

La questione morale e la ldquodoppia ricezionerdquo

La fortuna del tema egrave largamente attestata in letteratura e in arte tra gli anti-

chi e tra i moderni14 Ammirazione e riflessione hanno accompagnato la vicenda dei due mitici sposi a partire dal V secolo a C in un durevole seguito di rivisita-zioni e riscritture ingiustificabili senza la percezione di una qualche paradigmati-citagrave ancor viva15

Si evidenzia in questa catena di recuperi quella che egrave stata definita la ldquodoppia ricezionerdquo del capolavoro euripideo16 Si sono avuti cioegrave due diversi atteggiamenti tra i moderni di fronte alla storia di Alcesti e Admeto per lo piugrave secondo una di-stinzione cronologicamente ben definibile

Fino a tutto il Settecento le riflessioni sulle vicende della coppia mitica edifi-cate dalla limpidezza del gesto di lei hanno mostrato un evidente disagio per lrsquo ἔθος discutibile dellrsquoimpresentabile Admeto per lrsquoaccettazione del sacrificio della consorte per lo stesso atteggiamento impius nei confronti dei genitori del padre in special modo aggredito verbalmente senza rispetto alcuno La morale dei tem-pi nuovi comportava una valutazione diversa di parte di quella condotta ambi-

14 Per la ricostruzione puntuale delle tappe letterarie di questa fortuna rinviamo ai giagrave citati SUSA-NETTI e PATTONI Si vedano in particolare gli atti del ciclo di seminari promossi a Brescia nel 2003 dallrsquoUniversitagrave Cattolica del Sacro Cuore in PATTONI-CARPANI 2004 Senza presumere di adden-trarci in un ambito che non ci compete segnaliamo quale evidenza della diffusione del tema il noto cratere etrusco a figure rosse (340-330 aC) conservato alla Bibliothegraveque Nationale di Parigi nel quale Alcesti abbraccia Admeto tra le figure di Caru e Thuchulcha Lo si veda allrsquoindirizzo wwwsaeculait (sezione Immagini etrusche) 15 Lasciamo alla consultazione dei saggi citati unrsquoinformazione completa comprensiva di opere perdute scolii frammenti testimonianze citazioni e allusioni letterarie Diamo di seguito il sem-plice elenco di opere che hanno ripreso in modo significativo il personaggio la sua lunghezza te-stimonieragrave efficacemente la persistente fortuna Palefato Περί ἀπίστων (Sulle storie incredibili inizio III sec aC) Alcestis Barcinonensis (III-IV sec dC) Alcesta (V sec d C) in Anthologia Latina Ge-offrey Chaucer Legend of Good Women (1385 ) Hans Sachs Tragoedia von der Getrewen Frau Alkestis und ihrem getrewen Mann Admeto (1551) Alexandre Hardy Alceste ou la fideacuteliteacute (1602) Aurelio Aureli LrsquoAntigona delusa drsquoAlceste (1664) Emanuele Tesauro Alcesti o sia lrsquoamor sincero (Torino 1665 ldquotra-gedia musicalerdquo) Philippe Quinault Alceste ou le Triomphe drsquoAlcide (1674 musicata da Jean-Baptiste Lully) Pier Jacopo Martello Alceste (1709 1715) N Haym Admeto re di Tessaglia (Londra 1727 musicato da G F Haumlndel) Ranieri dersquo Calzabigi libretto per lrsquoAlkestis di Christoph Willibald Gluck (Vienna 1767) Christoph Martin Wieland Alcesti (singspiel musica di A Schweitzer Weimar 1773) Johann Gottfried Herder Admetusrsquo Haus oder der Tausch des Schicksals (1802) Vittorio Alfie-ri Alceste seconda (1798) lsquoIssachar Styrke Gentrsquo Euripidesrsquo Alcestis burlesqued (1816 parodia) Fran-cis Talfourd Alcestis the Original Strong-Minded Woman (1850 parodia) William Morris The Love of Alcestis in The Earthly Paradise (1868) Robert Browning Balaustionrsquos Adventure (1871) Rainer Maria Rilke Alkestis (Capri 7-10 febbraio 1907) Hugo von Hoffmannsthal Alkestis Ein Trauerspiel nach Euripides (1893-94 1911) Benito Peacuterez Galdoacutes Alceste (1914) T S Eliot The Coctail Party (1949) Marguerite Yourcenar Le mystegravere drsquoAlceste (1942 ma 1963) Theodore Morrison The Dream of Alce-stis (1950) Thornton Wilder The Alcestiad or a Life in the Sun (1955) 16 PADUANO 2004

Roberto Vianello

6

guamente coesistente con atteggiamenti piugrave nobili nella vicenda antica Egrave un fatto che fino alle soglie dellrsquoOttocento i nuovi interpreti della vicenda hanno cercato di ldquomigliorarerdquo Admeto ritenendo inadatto al loro pubblico ndash e alla bellezza della vicenda stessa ndash il ldquovampirismordquo di un uomo disposto al sacrificio della sua don-na e incapace di rispetto per chi lo ha generato Vanno in questo senso accorgi-menti caratteristici dei nuovi testi ispirati alla vicenda quali la sua iniziale ignoran-za delle scelte di Alcesti (Aureli 1664) la morte apparente dellrsquoeroina (Martello 1709) lrsquoinutile rifiuto di lui (Calzabigi 1767) la scelta del sacrificio per il bene su-periore della stirpe regale (Alfieri 1798) che nella rilettura finiscono in qualche modo per offuscare se non ridimensionare la grandezza della libera donazione di lei Anche lrsquoalterco col padre irrappresentabile viene eliminato e persino per il ri-fiuto di Ferete al figlio si invoca lrsquoattenuante dellrsquoaffetto ugualmente grande per la propria sposa (Alfieri) Narcotizzare le tensioni stridenti del testo euripideo sem-bra necessitagrave preliminare alla possibilitagrave stessa di guardare ancora a quella storia drsquoamore e sacrificio che si vuol comunque raccontare Si sceglie di censurare i ri-svolti piugrave ingrati della vicenda rinunciando implicitamente alla vita della quale dal loro collidere e cortocircuitare il dramma euripideo sembrerebbe tuttavia nu-trirsi

Non cosigrave le riscritture successive DallrsquoOttocento la ricezione dellrsquoAlcesti euri-pidea sembra orientarsi verso un Admeto meno innocente piugrave problematico vie-ne descritto il rapporto coniugale meno virtuosa la coscienza

La delimitazione imposta dal tema e dal contesto di oggi ci costringe inevita-bilmente solo a qualche riferimento a Ottocento e Novecento per il resto drsquoEuropa17 Accenneremo qui alla riscrittura di Browning e a quella della Yource-nar nelle quali la posizione di Admeto tende a risultare piugrave problematica e dub-bia In Browning il re di Fere viene giudicato infantile e solo attraverso la pena e la sofferenza perviene a un mutamento interiore capace di renderlo degno della restituzione della sposa18 LrsquoAdmeto della Yourcenar egrave un marito distratto e narci-sista un artista che egrave divenuto per Alcesti laquo un irriconoscibile estraneo raquo un uo-mo che lrsquoha fatta soffrire per il quale ha imparato a provare disgusto tra le in-comprensioni Un marito del cui palazzo Alcesti laquo non occupava che il giardino raquo che di notte tra una carezza e lrsquoaltra si alzava dal letto per andare a guardare le stelle laquo Io non ho mai saputo la tua idea delle stelle raquo ndash lo rimprovera la donna prima di morire opponendo con un certo rancore alle fantasie artistiche di lui la sua necessitagrave di pensare ad altro di badare al figliohellip E quando Ercole la riporta

17 Non ci risultano riscritture italiane di epoca ottocentesca 18 Non ci risultano edizioni italiane di Balaustionrsquos Adventure (v n 15) Rinviamo per esso ancora a SUSANETTI 2001 e PADUANO 2004 (in cui si possono leggere alcuni passi in lingua) ldquoFiore di Me-logranordquo giunta a Siracusa si impegna a recitare lrsquoAlcesti euripidea e ne fornisce una interessante lettura critica commentandone originalmente vari passaggi Ma propone poi una reinterpretazione radicale della storia che sottintende il suo giudizio negativo su Admeto il suo comportamento di-verragrave piugrave comprensibile alla luce del sogno condiviso con Alcesti di riportare sulla terra una nuova etagrave dellrsquooro

Alcesti nel Novecento letterario italiano

7

in vita vi ritorna con riluttanza negando di essersi sacrificata per lo sposo in re-altagrave ndash confessa ndash voleva morire19

La ricezione del Novecento italiano

Ma passiamo al Novecento italiano Vi troviamo ben quattro riletture del mi-to euripideo La prima egrave lrsquo Alcesti dai contenuti inopinati20 di Ettore Romagnoli pubblicata dal famoso grecista nei suoi Terzi drammi satireschi del 1922 La seconda egrave lrsquo Alcesti di Samuele di Alberto Savinio edita da Bompiani nel 1949 e messa in scena nel 1950 dal Piccolo Teatro di Milano21 Segue terza una incompiuta Alcesti di Corrado Alvaro anteriore al 1951 rimasta dattiloscritta e pubblicata solo nel 198322 Ultima infine ndash solo in ordine cronologico ndash Alcesti o La recita dellrsquoesilio di Giovanni Raboni edita da Garzanti nel 2002 e portata in scena per la prima volta nel 2004 ndash pochi mesi prima della scomparsa dellrsquoautore ndash dal Centro Teatrale Bresciano che ci ha cortesemente fornito un video dello spettacolo autorizzan-done la proiezione di qualche scena nel corso di questa lezione

Ci concentreremo oggi sulle Alcesti di Savinio e di Raboni Ci inducono a farlo ragioni di tempo e la possibilitagrave inattesa di vedere la resa teatrale di uno dei due pezzi Ma anche la genesi in qualche modo corrispondente dei due drammi con-cepiti allrsquoindomani del secondo grande conflitto il primo ndash e per cosigrave dire bilancio intellettuale di una stagione ndash un cinquantennio piugrave tardi lrsquoaltro ndash e dunque veri-fica di fine secolo delle speranze post-belliche Non ci verragrave crediamo imputata lrsquoincongruenza di inserire un testo del terzo millennio tra gli argomenti novecen-teschi di questo ciclo di conferenze Ci assolveranno dalla accusa di forzatura cronologica lrsquoideazione del dramma di Raboni che ha come verosimile terminus ante quem lrsquoaprile del primo anno del nuovo millennio23 Ma soprattutto il coinci-dere della sua realizzazione con gli ultimi atti letterari dellrsquoautore novecentesco e

19 Il mistero di Alcesti della Yourcenar (scritto nel 1942 ma pubblicato solo nel 1963) egrave ora fruibile in EURIPIDE E ALTRI 2006 Si vedano anche su di esso SUSANETTI 2001 TELOgrave 2004 PATTONI 2006 20 Admeto vi finge una falsa disperazione per la morte di Alcesti innamorato comrsquoegrave della sorella di lei con la quale potragrave finalmente essere felice dopo la morte della sposa Il ritorno dallrsquoAde lo sorprende proprio nei nuovi progetti per lrsquoavvenire 21 La si legga ora in SAVINIO 2007 SullrsquoAlcesti di Samuele cf CASCETTA 1995 22 La si legga in MORACE 1983 che ne segnala il terminus ante quem (p 732) Sul testo cf anche MORACE 2001 e LANGELLA 2004 Si tratta di una versione del mito ldquosecolarizzatardquo e ambientata nel mondo moderno sullo sfondo del secondo dopoguerra 23 Cf RABONI 2006 p CXXXVIII In unrsquointervista pubblicata su ldquoIl popolordquo del 20 febbraio 2002 Raboni dagrave per ultimata la sua Alcesti destinata ad andare in scena al Teatro Olimpico di Vi-cenza nellrsquoautunno dello stesso anno Lrsquointervista egrave ora in Internet allrsquoindirizzo wwwitalialibrinet La messa in scena non si realizzograve e la prima dellrsquoopera risultograve quella citata nel testo

Roberto Vianello

8

le parole stesse infine con cui Raboni ne parlograve pubblicamente in una lezione dal titolo ldquoAlcestirdquo e i disastri del Novecento24

LrsquoAlcesti di Savinio Andrea De Chirico fratello del piugrave noto Giorgio e noto al pubblico col nome

drsquoarte di Alberto Savinio richiede qualche parola di presentazione dato lo spazio contenuto di cui gode normalmente nei libri di testo in uso ai piugrave giovani tra il nostro pubblico Si tratta del resto di sorte comune alla maggior parte degli autori novecenteschi i manuali ne registrano i nomi insieme a sintesi minime di pensie-ro e scelte poetiche scegliendo la completezza informativa anzicheacute lrsquoapprofon-dimento caratteristico degli scrittori piugrave ldquocanonicirdquo Alla produzione teatrale di Savinio poi sono dedicate spesso solo poche righe (tre e mezza nellrsquoultimo libro di testo adottato qui al Classico)

Savinio egrave quel che si dice un artista eclettico Scrittore musicista pittore Lrsquoinfanzia in Grecia egrave per lui solo la condizione originaria di un percorso intellet-tuale compiuto nel corso di una vita errabonda in Europa Monaco Milano Fi-renze Parigi Ferrara Roma le tappe di un vagare che ne determina la prospettiva non provinciale ponendolo in relazione con le avanguardie culturali del primo Novecento Nietzsche e Schopenhauer con la musica gli oggetti di interesse della prima giovinezza Poi lrsquoincontro con lrsquoavanguardia artistica e letteraria a Parigi il sodalizio con Apollinaire il concerto ldquosinceristardquo nella sala delle ldquoSoireacutees de Pa-risrdquo25 E ancora i contatti con De Pisis e Carragrave lrsquoesperienza del Teatro Odescalchi a Roma insieme a Pirandello lrsquoinizio dellrsquoattivitagrave pittorica la collaborazione con riviste e quotidiani lrsquoinserimento unico italiano nellrsquoAntologia dello humour nero del surrealista Breton la collaborazione con la Scala di Milano26 Savinio evita il con-fronto col Fascismo impegnandosi solo dopo la sua caduta nella denuncia delle radici ideologiche e culturali del totalitarismo Esse affondano nelle passioni nellrsquoistinto nella vitalitagrave che determinano pesantemente lrsquouomo e le sue scelte Da essi puograve salvarlo solo la cultura intesa come civiltagrave come costruzione dellrsquouomo per lrsquouomo unico strumento in grado di riscattarne la storia27 Cittadi-no del mondo con lrsquoEllade nel DNA come si direbbe oggi per Savinio la cultura non puograve che autocomprendersi in relazione allrsquoAntico Atteggiamento che non va inteso come accettazione di un classicismo imbalsamato e anacronistico Il tempo dei miti egrave finito e lrsquoAntico appartiene alla coscienza della modernitagrave inquieta e 24 Per la trascrizione dellrsquointervento nella sede di Brescia dellrsquoUniversitagrave Cattolica (12 dicembre 2003) a cura di F Molinari cf RABONI 2004 La si legga ora anche nellrsquoapparato critico a cura di Rodolfo Zucco in RABONI 2006 pp 1776-1782 25 Il memorabile concerto di musica non armonica si tenne nel 1914 nella sede della rivista ldquoLes soireacutees de Parisrdquo di Apollinaire 26 Per maggiori notizie su Savinio basti qui rinviare a PIETROMARCHI 1986 e PEDULLAgrave 1991 Sulla vocazione europeistica di S v invece GUIDI 2006 27 Si veda per questi temi GUIDI 2006

Alcesti nel Novecento letterario italiano

9

priva di veritagrave condivisa solo per quel tanto che ci egrave dato di riconoscerne nel mondo drsquooggi Egrave vero che in vesti dimesse il mito egrave ancora presente tra noi Ri-conoscerlo permette di gettar luce sulla realtagrave La coscienza attenta dei moderni puograve trovare nellrsquoereditagrave dei classici un archivio di archetipi capaci di orientare alla comprensione delle cose Riconoscervi lrsquoultima metamorfosi di forme passate lrsquoultimo darsi sotto altra foggia di un nietzschiano eterno ritorno dellrsquoidentico puograve determinare laquonella realtagrave una irruzione di veritagraveraquo 28 fare del mito uno stru-mento conoscitivo privilegiato Si spiega in gran parte cosigrave lrsquoopera letteraria e pit-torica di Savinio29 nel suo accostare personaggi e situazioni del quotidiano a rico-nosciuti omologhi mitici Si tratta di una interazione nella quale a volte il quoti-diano puograve demitizzare ironicamente il leggendario per la sua evidente banalitagrave al-tre volte accade invece che i modelli paludati di un tempo rimitizzino la banalitagrave dellrsquoordinario per quel tanto di universale che se ne puograve riconoscere dietro il ri-dimensionamento alla misura dellrsquooggi

Il mito irrompe inaspettatamente ndash ed esemplarmente ndash nel vissuto di Savinio un giorno del rsquo42 in cui in qualitagrave di critico egli assiste a prove liriche al Teatro dellrsquoOpera di Roma30 Vi compare improvvisamente il dott Alfred Schlee della Universal Edition di Vienna31 Di lui Savinio giunge a conoscere lrsquoinaudito destino di vittima costretta dallrsquoinasprirsi delle leggi razziali a una scelta odiosa divorziare dalla moglie ebrea o perdere lrsquoincarico presso lrsquoeditrice musicale Il disumano aut aut istituito tra i valori piugrave costitutivi dellrsquouomo ndash lavoro e affetti familiari ndash basta di per seacute a fare dello Shlee un personaggio tragico Ben piugrave crudele tuttavia sco-pre Savinio la sorte di quellrsquouomo ormai privo di una sposa che per non intral-ciarne la carriera ha scelto di togliersi la vita

Ecco il mito tra noi Ecco tra noi una nuova Alcesti la donna che rinuncia al-la vita per lo sposo nel cuore del XX secolo laquoAlcesti egrave rinataraquo ndash diragrave il personag-gio dellrsquoAutore nel dramma che Savinio pubblicheragrave di ligrave a qualche anno32 ndash laquoAl-

28 CASCETTA 1995 p 1407 Senza ambizione di completezza rimandiamo per il mito e il mondo classico in Savinio a RAGNI 2002 e USAI 2005 29 Si pensi per citare qualche esempio a titoli saviniani come Hermaphrodito (1918) o Capitano Ulisse (1934) o a opere pittoriche quali il fatuo Apollo del 1931 (con la testa drsquoanitra e il busto sopra un capitello ionico) il Colloquio - Oreste e Pilade del rsquo32 (in cui i due amici sono ritratti su basamenti che paiono immobilizzarli) Il ritorno di Ulisse del rsquo33 (in cui un soggetto nientrsquoaffatto eroico porta in testa un moderno cappello di paglia) Mademoiselle Centaure del rsquo46 (un vanitoso individuo fem-minile dalla duplice natura ostenta un cappellino alla moda in riva al mare) Per lrsquoopera pittorica di Savinio si consulti VIVARELLI 1996 30 Sulla vicenda cf SAVINIO 2007 pp 304 ss 31 Il nome dello Schlee che operograve in circostanze storiche difficili nella sede viennese della editrice musicale fino al 1945 compare nella storia della Compagnia tuttora attiva allrsquoindirizzo Internet wwwuniversaleditioncom (v anche la versione inglese) 32 SAVINIO 2007 p 26 Drsquoora in poi si faragrave riferimento tra parentesi alla numerazione di pagina di questa edizione

Roberto Vianello

10

cesti non egrave un individuo ma una specie Conoscevamo Alcesti di Pelia ora cono-sciamo Alcesti [hellip] di Samueleraquo (p 45)33

La creativitagrave di Savinio sensibile come srsquoegrave detto alle occorrenze del mito nel quotidiano lo spinge a lavorare su questo spunto di vita vissuta fino a pubblicare nel 1949 presso Bompiani il dramma in prosa Alcesti di Samuele che verragrave portato in scena lrsquoanno successivo dal ldquoPiccolo Teatro di Milanordquo per la regia di Giorgio Strehler34 Saragrave un fiasco La trasformazione che la vicenda della moderna Alcesti ha subito nel suo farsi testo da recitare il linguaggio teatrale scelto dallrsquoautore ne faranno qualcosa di sgradito a critici e spettatori Verbositagrave divagazioni disarmo-nie moduli da avanguardia col pessimismo e il nichilismo che vi traspaiono ne faranno qualcosa di lontano per ragioni diverse dalle attese del pubblico35

La vicenda srsquoegrave detto passando dalla vita alla letteratura si egrave trasformata Il dott Shlee egrave diventato il dott Paul Goerz direttore della Musikalische Ausgaben di Monaco Alcesti egrave Teresa Goerz figlia di Samuele moglie ebrea di Paul Il te-sto prevede lrsquoentrata degli spettatori e di un Autore prima che si apra il sipario LrsquoAutore anticipa ai presenti che Goerz egrave a Roma percheacute neanche la vicenda della sua Alcesti puograve risolversi senza lrsquointervento di Ercole

Si apre il sipario Sulla scena un telefono dieci volte piugrave grande del normale attira su di seacute lrsquoattenzione degli spettatori Il ricevitore abbandonato oscilla a pendolo Una voce ripete insistentemente e minacciosamente laquoIl dott Goerz su-bito al Ministeroraquo (p 30) Ai lati della scena due sagome in poltrona i ritratti di Padre e Madre seduti e destinati ad animarsi nel corso del dramma Teresa non crsquoegrave La servitugrave e i figli sanno che ha fatto delle telefonate nellrsquoassenza del marito Paul comrsquoegrave evidente dalle parole dellrsquoAltoparlante si egrave recato al Ministero ove egrave stato costretto alla dolorosa scelta tra la sposa e il lavoro Al suo ritorno vorrebbe dirle che ha scelto lei coraggiosamente e fedelmente Ma Teresa non egrave in casa La chiama ripetutamente salendo sul proscenio Poi allrsquoimprovviso si spengono le luci Il nome di lei riecheggia nel buio Quando la luce torna in luogo del telefono si vede un ritratto della donna a grandezza naturale Ai piedi del ritratto una lette-ra lrsquoaddio di Teresa allo sposo e le ragioni del suo irreparabile gesto

Lascio questa lettera ai piedi del mio ritratto Cosigrave mentre tu leggerai [] ti sembreragrave udi-re la mia voce [] La telefonata di stamattina io lrsquoaspettavo Ero una cacciatrice in agguato Sapevo che la tigre sarebbe venuta E per divorare te mio povero Paul Colpa mia del resto Era giusto che provvedessi io stessa a cacciare la tigre Tante volte tu hai difeso me Tu e io as-sieme non abbiamo sempre sostenuto la paritagrave dei diritti tra uomo e donna La moglie a sua

33 Samuele come si comprende egrave il nome ebreo del padre della nuova Alcesti 34 Alcune immagini dellrsquoevento teatrale nellrsquoArchivio multimediale del sito Internet del ldquoPiccolordquo Scenografia e costumi furono a cura dello stesso Savinio Tra gli attori ivi ritratti Lilla Brignone Piero Carnabuci Camillo Pilotto Diego Parravicini Mario Feliciani Alberto Marcheacute 35 Anche per questo il ldquoPiccolordquo percorreragrave presto altre strade rileva il citato CASCETTA 1995 p 1442

Alcesti nel Novecento letterario italiano

11

volta deve difendere il marito Quale migliore occasione di questa Quando tu leggerai questa lettera io sarograve lontana Molto lontana (p 44 s)36

Teresa-Alcesti illustra il suo gesto a un Paul-Admeto lasciato per cosigrave dire fuori dal gioco Incolpevole E tuttavia non proprio completamente ldquoinnocen-terdquo37

Mi serviva una via drsquouscita Ho scelto il fiume Quale via migliore Quando eravamo fi-

danzati tante volte [] siamo andati a guardare assieme questo nostro fiume di sera dal pa-

36 Il presente testo di Savinio come i seguenti egrave stato videoproiettato e letto da chi scrive nel cor-so della lezione 37 LrsquoAdmeto di Savinio sembra avere qualcosa in comune con lrsquoAdmeto della Yourcenar di cui si diceva piugrave sopra Non risultano tuttavia rapporti diretti tra le due opere (cf PATTONI 2004 p 292 n 44)

Paul (Piero Carnabuci) legge la lettera davanti al ritratto di Teresa (Lilla Brignone)

Archivio Piccolo Teatro di Milano

Roberto Vianello

12

rapetto del ponte Massimiliano Poi ci siamo sposati [] non siamo piugrave andati a guardarlo Che peccato Che peccato questo invadente burocratismo del matrimonio Io perograve qualche volta sono tornata da sola a guardare il fiume Non te ne ho mai parlato Mi avresti detto che sono bambinate Noi donne siamo conservatrici hellip Meno di voi accaparrate dallrsquoavvenire Ci piace conservare gli oggetti i ricordi i luoghi implicati in qualche nostro momento di felicitagrave E non amiamo il mutamento Che impressione strana ndash non avertene a male ndash che impressione di ldquoperditardquo al ritorno da quelle mie visite solitarie al fiume ritrovare qui a casa il te di ora dopo il te di allora lasciato poco prima sul parapetto del ponte Massimiliano Ci so-no alcune sottili varianti del tradimento che la legge sullrsquoadulterio non contempla ma alle quali il nostro animo non rimane indifferente Da qualche tempo in qua le mie visite al fiume erano piugrave frequenti Tu hai giagrave capito Non per rievocare una felicitagrave perduta ma per cercare un ami-co un alleato Il suo movimento instancabile mrsquoispirava fiducia Rispondeva a un mio desiderio sempre piugrave urgente Questa cittagrave nella quale noi viviamo egrave soffocata dalla terra Terra da o-gni parte Terra terra [] La terra stringe tuttrsquointorno questo paese lo strozza lo porta allrsquoisterismo e alla pazzia [] Con quale altro mezzo andarmene da qui Percheacute andarmene bisogna Se no egrave la morte per me e anche per te mio povero Paul - mio po-vero ldquoinnocenterdquo [] Quando tu avrai finito di leggere questa lettera io avrograve raggiunto finalmente quello che ho sempre desiderato [] la [] Libertagrave [] Tengo a chiarire la mia si-tuazione io non sono una donna che si ammazza sono una donna che ldquolibera se stessardquo che ldquosalva se stessardquo (pp 46 ss)

Una voce femminile annuncia che crsquoegrave un poscritto egrave il ritratto che srsquoegrave animato surrealisticamente e terminando la lettura comunica la consapevolezza della mo-derna Alcesti dellrsquounicitagrave del suo gesto in cui egrave certa di poter pienamente realizza-re se stessa

Io lo sai non sono donna da contentarmi del marito della casa dei figli Io volevo far qualcosa di mio di proprio Te lo dicevo sempre Non sapevo cosa Tu mi pigliavi in giro La sorte mi ha favorita Ecco che anchrsquoio ho trovato una cosa da fare Una cosa laquo mia raquo E che cosa Cara mi costa [] Questo mio capolavoro per di piugrave non rimarragrave sconosciuto Perciograve Paul stattene lontano Non venire Non venire Me eroina la tua sola presenza tornerebbe a fare di me uno straccio di donnetta E io non voglio non fosse che per far dispetto a voi uomi-nihellip Una parola allrsquoorecchio in questo mio sublime sacrificio non riesco a determinare quanto crsquoegrave di eroismo e quanto di vanitagrave (pp 60 s) Nella giustificazione del gesto della nuova Alcesti percepiamo risonanze di

una sensibilitagrave ovviamente moderna e la rivendicazione di una dignitagrave di genere propria delle stagioni piugrave recenti delle societagrave occidentali Tratti come questi non possono certo stupirci scontatamente necessari come sono al personaggio Se la nostra eroina egrave solo uno degli individui in cui la specie Alcesti srsquoegrave riprodotta nella storia deve mostrare specificitagrave sue particolari lati di unrsquoidentitagrave ldquoda secolo bre-verdquo Si potragrave semmai ndash rispetto alle scelte dellrsquoautore ndash chiedere criticamente fino a che punto possa darsi unrsquoAlcesti moderna non tanto nel suo affacciarsi alla sto-ria nella riconoscibile somiglianza di una situazione quanto piuttosto nel suo cor-rispondere effettivamente ai tratti caratteristici della specie di cui essa sarebbe in-

Alcesti nel Novecento letterario italiano

13

dividuo E porre conseguentemente una questione riconducibile alla precedente domandando a unrsquoAlcesti novecentesca si addice un ritorno dai morti Quale spazio nellrsquoetagrave della scienza e del disinganno per ciograve che inspiegabilmente Plato-ne non problematizzava ma la lucida ragione dello stesso Euripide egrave sembrata a taluni implicitamente rifiutare38 Prenderemo in considerazione prima la seconda questione constatando che Savinio non sceglie di percorrere lrsquoitinerario ldquopiugrave ve-rosimilerdquo di un mancato ritorno come pure sappiamo si fece nellrsquoantichitagrave39 Per lrsquoAlcesti moderna a giudizio di Savinio un ritorno egrave possibile almeno nella fin-zione teatrale Percheacute il teatro egrave il luogo laquoche corregge quello che egrave sbagliato completa quello che egrave incompleto Il teatro egrave come i sogni I sogni attuano quello che da svegli non possiamo attuareraquo (p 78) Questo proclama solennemente il personaggio dellrsquoAutore allrsquoErcole moderno a cui Savinio affida lrsquoimpresa di ri-portare nel mondo Teresa-Alcesti E si tratteragrave di un duplice indennizzo Percheacute se Teresa potragrave tornare anche il nuovo Ercole troveragrave nellrsquoimpresa una personale compensazione agli oltraggi della sorte Soltanto al termine amaramente com-prenderemo in che modo saragrave stata fatta laquopiugrave viva la vitaraquo

Ai tempi del secondo grande conflitto lrsquounica figura storica immaginabile in veste drsquoeroe egrave il vincitore morale della guerra colui che ha saputo ripulire il mon-do dallrsquoidra del totalitarismo Egrave il presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Ro-osvelt che la morte ha ingiustamente tolto di scena prima che potesse terminare la guerra ma a cui il teatro che completa quel che la vita ha lasciato incompleto concede la chance di unrsquoultima grande impresa

Lrsquoex Presidente entra in sala al suono drsquouna marcia militare con lrsquoaspetto di un busto poggiante su piedistallo che si scopre poi nascondere un locomotore di cui lrsquoeroe dimezzato si serve per raggiungere il palcoscenico La trovata che assi-mila il personaggio a talune immagini del Savinio pittore40 non egrave il solo mezzo ri-servato a quello che sembra un ridimensionamento inspiegabile Anche un lungo scambio di battute ora pedanti ora polemiche apparentemente fuorvianti mira a realizzare almeno sotto il profilo ideologico una dissacrante relativizzazione dellrsquoeroe uno dei tanti laquouomini forti onesti e soprattutto ottusiraquo adibiti a laquogrossi e periodici lavori di pulitura del mondoraquo (p 95) A questo simbolo dellrsquoottimismo che non sa bene se egrave giagrave morto o egrave ancora vivo che da Americano crede a tutto e non ha idee personali a questo laquoeroe moralistaraquo (p 92) simbolo della democra-zia e del liberalismo egrave affidato il compito che fu dellrsquoEracle euripideo dovragrave ri-portare in vita la vittima del razzismo nazionalsocialista Con quali risultati ve-dremo

38 Cf n 10 39 Egrave noto che lrsquoeroina non ritorna in vita nellrsquoAlcestis Barcinonensis ma gli esametri pervenuti regi-strano quale ultimo atto della vicenda le sconsolate parole di Alcesti laquoConiux dulcissime coniux [hellip] rapior venit mors ultima venit infernusque deus claudet lsaquo iam rsaquo membra soporeraquo 40 Cf la nota 29

Roberto Vianello

14

Quando il sipario si riapre Roosvelt sta scendendo nel Kursaal dei morti un Aldilagrave irriconoscibile In questa sorta di clinica i morti siedono in attesa di dimen-ticare fino a non esser piugrave fino a finire di morire In una interazione da teatro moderno egrave il pubblico a impersonare il ruolo dei morti Roosvelt si intrattiene con un Direttore invisibile di cui si percepisce la presenza unicamente dalla voce e dai movimenti di una seggiola e di un registro che bisogna immaginare toccati da lui41 La voce del Direttore spiega che nel Kursaal trovano posto quanti non riescono a morire fincheacute nel mondo resta ancora traccia di loro Si tratta di morti illustri che aspirano ora solo allrsquoindifferenza desiderano lrsquoannientamento della lo-ro individualitagrave Gli altri quelli che in vita sembrano vivi ma non sono piugrave vivi dei morti passano e nessuno se ne accorge neacute durante la vita neacute dopo La perma-nenza nella laquoclinicaraquo (p 128) egrave proporzionale alla compattezza della personalitagrave e 41 Vorremmo poter affermare che questo Direttore di Savinio come lrsquointera situazione del Kursaal abbia svolto un qualche ruolo nella immaginazione di Dino Buzzati presente alla prima dello spettacolo e tra i pochi favorevoli al lavoro (CASCETTA 1995 pp 1440 n 87 1441) Ha qualcosa del Direttore del Kursaal infatti il Diavolo-Giacca che nel buzzatiano Poema a fumetti del 1969 sovrintende incorporeo a un Aldilagrave altrettanto sorprendente e straniante

LrsquoAutore (Mario Feliciani) e Roosvelt (Camillo Pilotto)

Archivio Piccolo Teatro di Milano

Alcesti nel Novecento letterario italiano

15

quindi al ricordo che resta tra i vivi Una silenziosa concentrazione aiuta il laquorias-sorbimentoraquo (p 127) Siedono tra questi morti alcuni grandi della storia e alcuni grandi della poesia Rimbaud egrave piugrave lento di Aleardi nel suo percorso verso lrsquoannichilimento I posti di Carducci e Pascoli sono giagrave vuoti Omero invece resi-ste da tremila anni lo laquochiamanoraquo (p 132) troppo dal mondo dei vivi Anche lrsquoAlighieri egrave uno degli ospiti laquopiugrave duriraquo (p 136)

I morti coprono Roosvelt di improperi per il turbamento dellrsquoatarassia da loro cercata e da lui alterata nella pretesa di riportare in vita Teresa Goerz Pregano il Direttore di lasciarlo fare per aver finalmente pace E finalmente laquoun grido di na-scitaraquo o laquodi agonia ldquoinvertitardquoraquo (p 144) annuncia che Teresa sta per tornare tra i vivi Il sipario si chiude La sala del teatro si illumina LrsquoAutore afferra il sipario e lo riapre Teresa torna attraverso il suo ritratto ride sommessamente e chiede percheacute la si voglia vedere lei che egrave laquoil vomito che la Morte rigetta sui viviraquo (p 166) Le sue parole raggelano e non sembrano affatto corrispondere al ruolo di nuova Alcesti che srsquoegrave immaginato ella possa avere Forse il ritorno dai morti egrave possibile nel teatro di Savinio ma non egrave detto che esso corrisponda alle nostre attese E il personaggio dellrsquoAutore osserva che Alcesti rediviva dovrebbe rimet-tere le cose come stavano prima mentre Teresa-Alcesti laquorovescia la parte tradisce lrsquoaspettativaraquo (p 167)

LrsquoAlcesti moderna egrave morta laquoper volontagrave di essereraquo confessa per poter laquofar brilla-re se stessa nella vitaraquo proprio in contrasto con lrsquo laquoasfissia dellrsquoessere che sono i re-gimi totalitariraquo (p 168)42 Ma il suo gesto laquodi vitaraquo sembra aver perso ogni valore per lei Non si tratta di rimpianto per la vita perduta che ella non puograve piugrave amare Teresa non egrave tornata per merito del nuovo Ercole che ha creduto di laquoconciliare morte e vitaraquo (p 176) cosigrave come si egrave illuso di portare pace agli uomini con la sua guerra Ella non egrave tornata per ricominciare la sua vita tra i vivi Troppa differenza la separa ormai da loro egrave altra la sua conoscenza altra la sua sapienza E non egrave tornata solahellip Lrsquoha preceduta la Signora del Profondo lrsquoImmortale la Morte de-terminata a punire lrsquoorrendo delitto di averla riportata in vita Roosvelt cade allrsquoimprovviso lungo disteso Anche Goerz si distende morto E Teresa ignoran-done il cadavere si precipita ad abbracciare ciograve che del suo amato Paul egrave ora in-visibile al pubblico di fronte a lei per proclamargli la sua nuova veritagrave

Ora ti posso dir tutto [hellip] Gli uomini fino a un certo punto percorrono un cammino di vita e vivere egrave la meta del loro cammino Gli uomini allora sono figli [hellip] Ma a partire da quel punto la meta del cammino della vita non egrave piugrave la vita egrave la morte [hellip] Gli uomini allo-ra sono genitori Noi allora [hellip] ci accorgiamo [hellip] che il nostro tempo si abbrevia sempre piugrave Questo il meccanismo di quella vita dalla quale e tu e io siamo usciti Questo il suo dare e il suo avere Questo il suo bilancio [hellip] La vita ricordi egrave rotta tratto tratto da schermi che in-tercettano la visuale Uno di questi sono i figli [hellip] Dolce follia per la nascita di Ghita io sen-tii poi per quella di Claus e le cure per allevare i nostri figli non me le sono risparmiate Ep-pure non so [hellip] io di lagrave dalla dolce follia di lagrave dalle cure vidi distintamente in fondo alla

42 Se lrsquoautore ha pensato in questo luogo al famoso Epitafio di Sicilo ( Ὅσον ζῇς φαίνου ) bisogneragrave at-tribuirgli una specifica volontagrave di dotare la moderna Alcesti di una weltanschauung ldquoellenicardquo

Roberto Vianello

16

mia strada la luce della vita tramontare e sorgere lombra della morte Spaventata Preoccupa-ta No Contenta Profondamente contenta Come della sola veritagrave intravista [hellip] Capisci ora come ben preparata io ero alla morte Capisci ora percheacute la morte non era per me quella spaventosa sorpresa che egrave per altri Capisci ora percheacute io non solo non temevo la morte ma la sentivo come il mio vero destino E quei lagrave credevano spaventarmi imponendomi la morte come un patto ndash come una punizione Imbecilli Paul io mi uccisi per liberare te dalla trappola che quegli imbecilli ti avevano teso Ma questa egrave la versione ufficiale La ragione vera e che ora nella nostra piena identitagrave non ho piugrave motivo di nasconderti egrave che io mi uccisi per affrettare il destino per impazienza della promessa [hellip] In quellaltro mondo ho dato la vi-ta ai miei figli in questa vita do la vita a te Ho attuato la piugrave segreta e assieme la piugrave grande aspirazione della donna essere la sposa e assieme la madre delluomo amato [hellip] Questa immagine di donna viva che ho dovuto indossare prima di venire qui ora prima di an-darmene me la toglierograve di dosso e la lascerograve al suo solito posto Come richiudere dietro a me il muro che ho abbattuto per entrare Tra noi e loro ogni comunicazione saragrave rotta [hellip] Eccomi pronta E tu Ti parragrave di aver traversato una gola Lunghissima e stretta Buia e irta di macigni E finalmente uscire sul mare Su un mare libero infinito Paul Questa libertagrave questo infinito sono io che te li do Vedrai quando ci lasceremo alle spalle la gola buia e stretta la gola irta di macigni tutto lassurdo che i vivi accumulano roccia su roccia assurdo su assurdo [hellip] Ti parragrave di aver attraversato un corridoio Un corridoio molto lungo e mol-to stretto Un corridoio tanto lungo e tanto stretto quanto lunga e quanto stretta egrave stata la tua vita Un corridoio buio Un corridoio sotterraneo [hellip] Un corridoio pieno di armadi di casse di scatole Tanti armadi tante casse tante scatole Pesanti Inamovibili [hellip] Armadi casse scatole piene di roba Che roba Non si sa Nessuno lo sa E ti tocca arrampicarti scavalcare andar carponi passar sotto passar di lato tirandoti dentro la pancia e spingere sollevare e andare andare andare affannato disperato e il corpo pesa e duole e lanima pesa e duole e sempre sudore saliva e pianto giugrave dalla faccia e la paura la paura la paura e volere vo-lere volere non riuscire mai a laquo non volere raquo e questo corridoio che non parla ma tu senti lo stesso che dice laquo no no no raquo E sempre armadi sempre casse sempre scatole Piene di tutto lassurdo di tutta langoscia che gli uomini questi mangiatori dassurdo questi divoratori dangoscia hanno accumulato per secoli e secoli e secoli [hellip] Vedrai quando davanti a noi si apriragrave Che cosa Non so Parliamo ancora una lingua che ormai non serve Dobbiamo dimenticare prima di tutto i significati I significati passati Gli ultimi significati Capovolgerli non basta Dimenticarli Cancellarceli da dosso Che posso dirti Nulla No Tutto Nemmeno E allora Dimentica Paul e sii pronto Ti farograve da madrina Ti presenterograve al nostro direttore Ti raccomanderograve Lo pregherograve di favorirci Di aiutarci a far presto Sai Io laggiugrave ti ho aspettato Quale piugrave grande prova damore Non sono morta per aspettarti An-che se la vostra volontagrave di riavermi quassugrave non avesse fermato laggiugrave il compimento della mia morte io egualmente mi sarei trattenuta di morire ndash per aspettare te Ora egrave passata Risolve-remo presto Che ci trattiene piugrave [hellip] Entreremo nella suprema felicitagrave Pensa Non individui piugrave sciolti nel nulla ndash nel tutto Una parola ancora Lultima In questa lingua che stiamo per abbandonare Ascolta Nascere egrave un atto individuale morire egrave un atto universale Il laquo nostro raquo atto universale Il solo nostro atto universale Questo il grande se-greto della morte Questo il suo immenso bene Vieni Paul [hellip] Sposa tua e madre apro a te luniverso (pp 183-189) Ci chiedevamo prima se la somiglianza della situazione vissuta implicasse ipso

facto la corrispondenza piena tra i tratti costitutivi della nuova eroina e quelli del

Alcesti nel Novecento letterario italiano

17

suo archetipo Bisogneragrave rispondere di no43 Millenni di storia lrsquoesperienza di quella recente ndash dei due grandi conflitti delle delusioni a essi conseguenti delle atrocitagrave e del dolore generale ndash hanno evidentemente lasciato il segno E lunga sullrsquoorizzonte di questo mondo si proietta lrsquoombra del nulla della mancanza di senso dellrsquoassurditagrave del vivere LrsquoAlcesti del Novecento egrave deformata nella sua fi-sionomia dalle conseguenze di una storia che il pensiero stenta a comprendere come razionale o teleologicamente orientata Alcesti di Samuele egrave emblema del destino di un popolo ingiustamente e irragionevolmente sospinto nellrsquoanni-chilimento Egrave forse allegoria di una Europa soggiogata dal totalitarismo e biso-gnosa dello spirito americano per riscattarsi dalla morte44 Egrave soprattutto per chi sappia prescindere dalla contingenza storica rivelatrice di una veritagrave piugrave radicale e universale La morte ha confermato a Teresa una terribile veritagrave giagrave intravvista nel trascorrere della vita Ha squarciato definitivamente per lei una cortina oltre la quale aveva da tempo iniziato a guardare quel velo che secondo certa filosofia ricopre di illusioni lrsquounica indiscutibile veritagrave del mondo il suo essere cieca irra-zionale volontagrave incapace drsquoappagamento e svincolata da qualsiasi morale Le pa-role evidenziate sopra nel testo dichiarano esplicitamente lrsquoascendenza schopen-haueriana di questa visione fatta propria nelle premesse come nelle conclusioni

Come appaiono false assurde alla nuova Alcesti le aspirazioni degli uomini Il suo stesso suicidio egrave stato in fondo un errore tanto piugrave imperdonabile quanto piugrave ha finito per riaffermare un bene ndash quello della vita ndash che dalla prospettiva di quanti ldquonon sono nullardquo 45 si rivela affatto inconsistente nonostante tutta la fati-ca la paura lrsquoangoscia che i vivi finiscono per accumularvi ostacoli e ostacoli su un percorso fatto di assurdo Ma Teresa egrave morta per liberare Paul dalle trappole di questa vita non solo da quella del totalitarismo ha scelto di non essere per af-frettare per lui il disvelamento della veritagrave e dare allrsquoamato la libertagrave quella che consiste nellrsquoannullamento della volontagrave nello scioglimento nel nulla Teresa non egrave lrsquoἀρίστη la cui φιλία viene ricompensata col ritorno allo sposo nel mondo dei vivi Ella egrave una Alcesti alla rovescia che non rimpiange la vita bella sotto la luce del sole Maestra di unrsquoopposta comprensione del mondo sacerdotessa della No-luntas vuole lo sposo con seacute nella felicitagrave di un Nirvana si fa guida dellrsquoamato ndash sorta di antiBeatrice ndash nella dimensione in cui lrsquoindividuo e la sua volontagrave non sono piugrave46 Il suo amore per lo sposo non egrave inferiore a quello dellrsquoantica eroina Questa perograve sceglieva di non essere per donare la vita allrsquoamato ella invece sceglie di non essere per indicare allrsquoamato nellrsquoannullamento totale la suprema felicitagrave ed entrarvi con lui

43 laquoAlcesti non egrave piugrave Alcesti [hellip] Meglio se rimaneva dove stavaraquo proclama il personaggio dellrsquoAutore (SAVINIO 2007 p 167) 44 CASCETTA 1995 p 1418 s 45 laquo ἐν τοῖς οὐκέτrsquo οὖσι λέξοmicroαι raquo (v 322) laquo oὐδέν ἐσθrsquo ὁ κατθανών raquo (v 381) cosigrave si riferisce ai morti lrsquoAlcesti di Euripide 46 Cf CASCETTA 1995 p 1424

Roberto Vianello

18

laquoLa civiltagrave egrave un gioco una distrazione il modo piugrave efficace che noi abbiamo di allontanare dalla nostra mente il pensiero della morteraquo ha scritto qualche tem-po prima Savinio riprendendo forse un Leopardi divenuto straordinariamente at-tuale e riscoperto da due decenni dagli amici de ldquoLa Rondardquo 47 Ma il pensiero del-la morte non puograve piugrave turbare chi della morte non ha piugrave paura ma ha riconosciu-to anzi in essa lrsquounica veritagrave che non chiede piugrave di essere esorcizzata dal gioco di-straente di una coscienza altrimenti disperata LrsquoAlcesti del Novecento egrave lrsquoeroina della negazione di ciograve che lrsquo amor sui del vivente ha creato

LrsquoAlcesti di Raboni

Passiamo a Raboni una delle individualitagrave artistiche piugrave interessanti di fine Novecento spentasi il 16 settembre 2004 Poeta saggista traduttore critico lette-rario e critico teatrale del ldquoCorriere della serardquo I piugrave attenti tra i presenti ricorde-ranno probabilmente le sue apparizioni televisive48 Mondadori ha raccolto in un Meridiano uscito nel 2006 la sua ldquoopera poeticardquo riunendovi con scritti critici sulla poesia e traduzioni poetiche i versi in proprio tra i quali anche il testo di cui ci occupiamo oggi49

Nato a Milano nel rsquo32 Raboni egrave stato ascritto alla cosiddetta linea lombarda della poesia del secolo scorso50 Una scelta delle sue liriche egrave stata significativa-

47 In Dico a te Clio del 1940 ora in SAVINIO 1992 p 88 Lrsquoaffermazione ricorda da vicino (con una coincidenza lessicale) il noto pensiero leopardiano sullrsquoincapacitagrave della ragione di darci la feli-citagrave laquohellipchi si fissasse nella considerazione e nel sentimento continuo del nulla verissimo e certis-simo delle cose [hellip] sarebbe pazzo assolutamente e per ciograve solo giaccheacute volendosi governare se-condo questo incontrastabile principio ognuno vede quali sarebbero le sue operazioni E pure egrave certissimo che tutto quel che facciamo lo facciamo in forza di una distrazione e di una dimentican-za la quale egrave contraria direttamente alla ragione E tuttavia quella sarebbe una verissima pazzia ma la pazzia piugrave ragionevole della terra anzi la sola cosa ragionevole e la sola intera e continua sa-viezza dove le altre non sono se non per intervalliraquo (Zib 103-104) Si veda sul tema RIGONI 1985 111 ss Per lrsquoaffinitagrave di pensiero tra Leopardi e Schopenhauer basti ricordare il citatissimo desan-ctisiano Dialogo tra A e D oggi in DE SANCTIS 1995 (rintracciabile anche allrsquoindirizzo Internet wwwliberliberit) Per la ldquoriscopertardquo del Leopardi da parte degli intellettuali de ldquoLa Rondardquo e di Vincenzo Cardarelli cf CARDARELLI 1981 passim (in particolare pp 721 ss) e CARDARELLI 1985 48 Ne segnaliamo una a ldquoMixer culturardquo su RaiTre (15 febbraio 1988) con Carmelo Bene visualiz-zabile allrsquoindirizzo Internet wwwyoutubecomwatchv=HNFD_Ha58-s In RAI Raboni colla-borograve alla redazione della rubrica televisiva Tuttilibri di Giulio Nascimbeni e condusse una rubrica radiofonica di letteratura e arti (cf RABONI 2006 p XCVII) 49 RABONI 2006 pp 1255 ss Il volume a cura di Rodolfo Zucco offre una Introduzione e una Cro-nologia utili per inquadrare scelte di poetica e rete relazionale dellrsquoAutore Per una prima informa-zione su Raboni (con la possibilitagrave di ascoltarne la voce) si visiti il sito web ufficiale disponibile dal 2007 allrsquoindirizzo wwwgiovanniraboniit 50 La formula risale allrsquoomonima antologia uscita nel rsquo52 per cura di Luciano Anceschi Critica-mente generica si egrave consolidata nel tempo includendovi nomi di autori lombardi per nascita o adozione di generazione piugrave recente per identificare una poesia di attenzione alle cose e portatrice di una vocazione morale Cf RABONI 1987 pp 215-216

Alcesti nel Novecento letterario italiano

19

mente ospitata nel volume Poeti italiani del Novecento di Pier Vincenzo Mengaldo convinto sostenitore del suo valore poetico51 laquoPoeta di cittagraveraquo lo ha definito Zan-zotto laquoanzi di una cittagrave Milano profondamente amata anche se ritratta nei suoi momenti di squallore fin entro la cronaca neraraquo Ma anche laquonaturaliter poeta civi-leraquo portatore di unrsquo laquoetica della responsabilitagrave e del civismoraquo52 lombardo appunto ndash diremmo ndash per quel tanto di istanza etica in poesia che il termine puograve implicare sulla scia di Parini Manzoni Rebora Per Raboni la poesia egrave laquovalore che non si esaurisce in se stesso che non esclude lrsquoimportanza dellrsquoaltro della realtagrave di tutto ciograve che la realtagrave contiene e proponeraquo53 laquoI temi dellrsquoingiustizia della persecuzione del processo iniquo dellrsquoinnocenza ingiustamente perseguitata e punita lrsquoimmagine esplicita o implicita della cittagrave come teatro della peste come conteni-tore di ogni possibile contagio fisico e moraleraquo54 sono i temi di confessata ascen-denza manzoniana che attraversano lrsquointera sua poesia dai Gesta Romanorum rac-colta drsquoesordio55 fino agli Ultimi versi pubblicati postumi passando per le molte raccolte date alla luce56 laquoRimpiazzare il fantasma della poesia con la poesia in carne ossaraquo57 invece il suo programma poetico alla ricerca di laquoqualcosa di possi-bile cioegrave una poesia impura e al limite impoetica infinitamente inclusiva capace di compromettersi con la realtagraveraquo58 Una poesia in progressivo abbandono dellrsquoin-fluenza dei contemporanei ldquocanonicirdquo e attratta dai Sereni Betocchi Luzi ndash ama-ti fin dagli ultimi mesi di guerra quando sfollato da Milano per i bombardamenti del rsquo42 ne trovava le raccolte iniziali in una libreria di Varese ndash e provocata dagli esempi stranieri di un Eliot e di un Pound

Le esigenze odierne ci impediscono di aggiungere molto altro allrsquoesile abboz-zo sin qui condotto Come ci impediscono di gettare lo sguardo su una biografia 51 Cf MENGALDO 1978 Mengaldo introducendo MAGRO 2008 scrive laquoPer me non crsquoegrave dubbio che Giovanni Raboni assieme al grande dialettale Raffaello Baldini egrave stato il poeta di piugrave alto rango in Italia nei decenni piugrave recentiraquo (p 7) Lrsquointroduzione egrave apparsa sul ldquoCorriere della serardquo lrsquo8 Luglio 2008 Su Raboni critico si veda anche MENGALDO 1998 52 A ZANZOTTO Per Giovanni Raboni in RABONI 2006 pp XI ss p XI 53 Cosigrave RABONI 1992 Ora in RABONI 2006 p XCIII Sui termini di accettazione da parte di R dellrsquoappartenenza alla linea lombarda cf ibidem pp CXXXIII-CXXXIV 54 Cosigrave lrsquoautore in Raboni Manzoni Roma Il Ventaglio 1985 pp 19-20 Ora in RABONI 2006 p 1422

55 Raccolta di versi con cui R partecipograve nel 1953 al premio di poesia ldquoIncontri della Gioventugraverdquo ri-sultandone vincitore La raccolta non fu mai pubblicata e alcuni dei testi che la componevano ap-parvero su rivista in appendice a Le case della Vetra nella plaquette fuori commercio dal titolo omo-nimo apparsa nel 1967 La si veda ora in RABONI 2006 56 Nellrsquoordine Il catalogo egrave questo (1961) Lrsquoinsalubritagrave dellrsquoaria (1963) Le case della Vetra (1966) Econo-mia della paura (1970) Cadenza drsquoinganno (1975) Il piugrave freddo anno di grazia (1978) Nel grave sogno (1982) Canzonette mortali (1986) A tanto caro sangue (1988) Versi guerrieri e amorosi (1990) Ogni terzo pensiero (1993) Nel libro della mente (1997) Quare tristis (1998) Barlumi di storia (2002) Si aggiungano alle raccolte citate i due volumi di Tutte le poesie editi da Garzanti nel 1997 e nel 2000

57 Parole di Raboni riportate da CORTELLESSA 2005 p 385

58 Cosigrave Raboni nellrsquointroduzione a Poesia degli anni Sessanta in RABONI 2006 p 209

Roberto Vianello

20

che meglio aiuterebbe la conoscenza dellrsquoartista Ci imbatteremmo in una galleria di figure e istituzioni tra le piugrave note in ambito culturale con le quali il Nostro av-viograve frequentazioni e collaborazioni I nomi di alcune allineati di seguito determi-neranno forse tra i presenti una suggestione sostitutiva di quanto non abbiamo il tempo di dire59 Ascoltiamoli il filosofo Enzo Paci i poeti Carlo Betocchi e Bar-tolo Cattafi il ldquosuordquo Vittorio Sereni e poi Franco Fortini ElioVittorini Dino Buzzati Sergio Solmi Oreste Del Buono E ancora Patrizia Valduga lrsquoultima compagna e Renato Guttuso Vanni Scheiwiller e Livio Garzanti ldquoaut autrdquo ldquoQuaderni piacentinirdquo ldquoQuesto e altrordquo ldquoil verrirdquo ldquoLa cittagraverdquo ldquoParagonerdquo ldquoNuo-vi argomentirdquo i nomi delle riviste con cui collaborograve Garzanti Mondadori Guan-da le editrici maggiori con cui ebbe rapporti o lavorograve Chiudendo ricorderemo tra le moltissime le sue traduzioni delle Fleur di Baudelaire e dellrsquointera Recherche di Proust ma anche ndash particolarmente significativa per noi ndash quella dellrsquoAntigone di Sofocle che appare sotto ogni rispetto snodo di capitale importanza tra lrsquoopera raboniana ldquodi semprerdquo e lrsquoAlcesti oggetto delle nostre cure60 Questa traduzione in versi ci restituisce un Raboni che restando allrsquointerno dei temi civili a lui piugrave con-geniali si misura contemporaneamente ndash ed euforicamente ndash con le possibilitagrave di laquotradurre il sentimentoraquo in un linguaggio moderno ma anche con la capacitagrave di un classico di farsi veicolo esemplare di temi universali61 Operazioni con le quali lo vedremo alle prese nella realizzazione dellrsquoAlcesti della quale egrave finalmente tempo di parlare

Alcesti o La recita dellrsquoesilio vede la luce negli Elefanti Garzanti nel settembre 2002 Il dramma egrave stato richiesto e pensato per il Teatro Olimpico di Vicenza ma egrave destinato a non esservi rappresentato e Raboni che ne ha scritto le ultime scene a Yale nellrsquoaprile dellrsquoanno precedente in occasione del suo primo viaggio negli Sati Uniti dovragrave aspettare altri due anni prima di vederlo in scena La prima avragrave luogo il 7 gennaio 2004 presso il Teatro ldquoSanta Chiarardquo di Brescia ad opera del Centro Teatrale Bresciano per la regia di Cesare Lievi e lrsquointerpretazione di Ester Galazzi Roberto Trifirograve Gianfranco Varetto Francesco Vitale In concomitanza

59 Cf la Cronologia citata alla nota 49 e consultabile sul sito ufficiale 60 La traduzione per la Compagnia del Teatro Carcano diretta da Giulio Bosetti andograve in scena prima dallrsquo8 al 18 giugno 2000 al Teatro Greco di Siracusa poi il 27 settembre dello stesso anno al Teatro Olimpico di Vicenza Di recente Bosetti lrsquoha riportata in scena con un nuovo allestimen-to di cui ha curato personalmente la regia Una scheda del nuovo spettacolo e unrsquointervista allrsquoattore-regista allrsquoindirizzo Internet httpwwwteatroteatroit 61 Si veda a questo proposito RABONI 2000 p 14 ora in RABONI 2006 pp1742 s dove si leggono le seguenti significative parole laquoAntigone con il suo bisogno di dare sepoltura al corpo del fra-tello Polinice morto in battaglia crede di obbedire agli dei Creonte con la sua volontagrave di impe-dirglielo percheacute Polinice egrave morto combattendo contro la sua stessa patria ed egrave dunque di fronte agli uomini un traditore egrave convinto di obbedire alle esigenze della convivenza civile dellrsquoordine del buongoverno Chi ha ragione fra i due Il dibattito egrave aperto da 2500 anni e riguarda davvero [hellip] tutto e tutti in qualsiasi tempo e in qualsiasi luogo la storia di ogni comunitagrave retta da un patto sociale con il suo conflitto forse insanabile fra le ragioni del ldquoprogressordquo e le ragioni della giusti-zia e la vita di ciascuno di noi con il suo conflitto certamente insanabile fra le ragioni della mente e le ragioni del cuoreraquo

Alcesti nel Novecento letterario italiano

21

con lrsquoiniziativa teatrale si tiene in Brescia un ciclo di Seminari promosso dalla se-zione locale dellrsquoUniversitagrave Cattolica del Sacro Cuore dal titolo ldquoSacrifici al fem-minile Alcesti in scena da Euripide a Rabonirdquo e propedeutico per cosigrave dire alla rappresentazione giagrave programmata62 Al ciclo di seminari Raboni interviene il 12 dicembre 2003 parlando di ldquoAlcestirdquo e i disastri del Novecento63 e fornendo egli stesso ndash diremmo ndash le ragioni della nostra scelta odierna di parlarne64

Che Alcesti possa sollecitare la creativitagrave di chi richiesto di pensare a un testo drsquoargomento classico sembra non volere prescindere da un giudizio sulla storia piugrave recente ci pare particolarmente interessante e ci induce a appaiare in certo modo la riflessione di fine secolo che la ritrova protagonista alla riflessione savi-niana sopra indagata di metagrave Novecento Percheacute delle laquolacerazioniraquo della storia piugrave recente ci parla appunto la breve vicenda dei laquotre personaggi in fuga sullo sfondo di una persecuzione storicaraquo che Raboni si impegna a non farci individua-re ma appartiene tutta al laquosecolo terribile che ci siamo appena lasciati alle spalleraquo Ancora piugrave interessante ndash piugrave da fine millennio diremmo ndash il fatto che le lacera-zioni siano accompagnate dalle laquointermittenze del cuoreraquo che alberghino e pro-ducano esse stesse nuove umane lacerazioni nei tre personaggi che sperando di fuggire dalla follia in cui sta accadendo loro di vivere trovano ricovero provviso-rio di notte in un teatro Il frastuono delle sirene di un inseguimento notturno accompagna lrsquoingresso in scena di due uomini e una donna come potrete ascolta-re in questa prima sequenza video65

La donna in questione egrave Sara attrice costretta dallrsquooppressione del regime a

non calcare piugrave le scene Lrsquoaccompagnano Stefano il marito e il suocero Simone cui la donna egrave legata da affetto profondo per lrsquoaffinitagrave intellettuale e di sensibilitagrave che manca invece al suo rapporto con Stefano uomo ldquodrsquoazionerdquo assai diverso dal

62 Coordinati dalle docenti Maria Pia Pattoni e Roberta Carpani i seminari hanno visto la parteci-pazione di eminenti studiosi i cui interventi sono raccolti in PATTONI-CARPANI 2004 La profssa Pattoni ci ha cortesemente messo in contatto con lrsquoAddetto Stampa del CTB Bianca Simoni che ha messo a nostra disposizione il video del dramma di cui sono state proiettate alcune sequenze nel corso della conferenza 63 Per la trascrizione v RABONI 2004 e ora RABONI 2006 pp 1776 ss Da essa vengono le espres-sioni virgolettate al capoverso successivo 64 Ivi comprese le ragioni della scelta del verso certo il mezzo espressivo artistico piugrave congeniale al poeta Raboni ma anche quello da lui ritenuto piugrave necessario al teatro contemporaneo laquopercheacute la presenza del verso del ritmo della scansione metrica dagrave veramente la possibilitagrave di usare il lin-guaggio di tutti i giorni senza mimetismo cioegrave con quel distacco con quella rifrazione con quella torsione senza la quale non si fa teatro e non si fa arteraquo (RABONI 2004 p 441 Ora in RABONI 2006 p 1777 65 La sequenza cui si fa riferimento corrisponde ai primi diciotto versi del dramma Una seconda sequenza video della durata di tredici minuti egrave stata proposta durante la conferenza al termine della presentazione del dramma Pur mantenendo la veste discorsiva di allora abbiamo qui intrec-ciato allrsquoargomentazione i versi di Raboni che il pubblico ha ascoltato solo al suo termine

Roberto Vianello

22

padre Usciti dalla nebbia di fuori per entrare nel temporaneo rifugio possono sperare di sentirsi tranquilli per un porsquo attendendo di venire raccolti e clandesti-namente portati verso la libertagrave Eppure Stefano il marito manifesta un disagio che appare qualcosa di piugrave di una comprensibile connaturata diffidenza quando si chiede fin dalla sua prima battuta se siano finiti in un rifugio o in una trappola laquoSiamo in un teatroraquo66 proclama Sara rassicurante Questa disarmante confidenza nelle possibilitagrave salvifiche di quel luogo la connota fin dalle prime parole come personaggio idealista al limite di una ingenuitagrave irragionevole e non condivisibile che i compagni le rinfacceranno lungo tutta la durata della piegravece Egrave certo parados-sale la situazione di questi personaggi chiamati ad affidare la fuga dai disastri della realtagrave proprio al luogo per eccellenza deputato alla finzione Quel che si direbbe perograve fortuito accadimento sembra poco a poco rafforzarsi fino a farsi certezza in lei attrice che girovagando qua e lagrave scopre drsquoaver giagrave recitato su quel palco-scenico tanto tempo prima nel ruolo di ancella in un antico dramma greco che non ricorda piugrave Alcesti I sospetti di Stefano drsquoaltra parte sono ben giustificati La realtagrave sta per irrompere brutalmente tra le speranze E mentre Sara vagabonda ignara per il teatro alla ricerca delle proprie memorie ndash alla ricerca di seacute ndash Stefa-no informa il vecchio Simone che qualcosa egrave andato storto Gli accordi sono sal-tati o non sono stati compresi Il custode notturno che li ha condotti ligrave ndash figura sinistra temibile nella sua reticente ambiguitagrave nei sottintesi dei suoi silenzi ndash gli ha fatto sapere che ci sono solo due posti per loro soltanto due potranno sottrar-si al laquorischio mortale che incombe sulle loro testeraquo (p 1262) Quel teatro rischia di essere davvero una trappola Si profila per loro una scelta laquofra vivere e morireraquo (p 1265) Si tratta di individuare chi di tre che si amano destinare al sacrificio ulti-ma inattesa vittima del potere violento che si sono illusi di fuggire Poicheacute Stefano non puograve pensare che la scelta ricada su Sara la partita andragrave giocata tra padre e figlio Ed ecco riemergere vecchie incomprensioni conflitti e tensioni moderna-mente riconoscibili sinistri sospetti Ecco riattuarsi uno scontro non nuovo ai lettori di Euripide tra un figlio a rischio di morte e un padre che tiene laquoforsenna-tamente a quel porsquo drsquoalbe e tramontiraquo (p 1291) che gli restano Ecco marcarsi tra i tre incomunicabilitagrave e gelosie acuite se possibile dalla straniante condotta di Sa-ra che nella lotta inesorabile per la sopravvivenza giagrave avviatasi tra i due conduce invece con le memorie la ricostruzione di seacute della sua identitagrave di attrice cercando nel vecchio una complicitagrave che egrave chiaro non attende dallo sposo Proprio per questa via anche Sara entra senza avvedersene nel vero dramma a cui la situazio-ne la contesa daranno lenta progressiva consistenza la recita delle loro vite quali sono realmente proprio in un luogo di suprema finzione qual egrave il teatro la messa in scena di quel che sono davvero nellrsquoimminenza dellrsquoesilio nascosti in quel tea-tro A questo laquogioco della veritagraveraquo Sara partecipa confessando con naturalezza drsquoamarli entrambi laquoMa comrsquoegrave possibile amore mio che tu scopra proprio qui proprio ora qualcosa che egrave vero da sempre che egrave il senso stesso della nostra

66 RABONI 2006 p 1258 A questa edizione faranno riferimento le successive indicazioni di pagi-na tra parentesi

Alcesti nel Novecento letterario italiano

23

vita e cioegrave che io vi amo uno nellrsquoaltro uno a causa dellrsquoaltro qualche volta uno per rimpianto dellrsquoaltro indissolubilmente inestricabilmentehellipraquo(p 1277)

Sara partecipa completamente al vero dramma con tutta se stessa con quan-to della sua storia della sua arte lrsquoha fatta quel che egrave Con quanto ha appreso dalla recita di Alcesti dal sacrificio della laquosua reginaraquo (p 1280) che ha accettato di mori-re per lo sposo dalle battute stesse pronunciate ventrsquoanni prima tra cui vuol ri-cordarne una laquoSoltanto quando lrsquoavragrave perduta sapragrave veramente cosrsquoha perdu-tohellipraquo (p 1279) Una anticipazione ndash una profezia ndash di quanto accadragrave tra breve o forse meglio una esplicitazione del suo modo di intendere del suo modo di es-sere Di ligrave a poco finalmente informata da Simone dellrsquoimminente si opporragrave fie-ramente alla possibilitagrave che si debba scegliere tra loro Mentre infurieragrave a colpi di sospetti e di sarcasmi la lotta tra Simone e Stefano incapaci di morire per gli altri negheragrave solennemente di voler accettare che si finisca laquo uno dei tre a incarnare con amarezza forse con rancore la parte della vittima gli altri due a convivere con lrsquoorrore drsquoaverglielo permesso o suggerito o addirittura impostohellipraquo (p 1292)

Egrave vero bisogna decidere O forse chissagrave non decidere non decidere niente decidere di non deciderehellip Ascoltatemi vi prego Egrave da giorni che io ascolto voi che cerco di abitare nei vostri cuori che mi sforzo di pensare i pensieri di ciascuno di voi nellrsquoorrenda disputa che vi opponehellip(p 1294)

In realtagrave stanno ligrave da appena due ore

[hellip] eppure se ci penso continua a sembrarmi unrsquoeternitagrave unrsquoeternitagrave di stupore di sgomento di pena ad ascoltarvi che vi torturate a vicenda lrsquouno con lrsquoaiuto dellrsquoaltro sempre piugrave a fondo sempre piugrave mortalmente nel vivo a colpi drsquoorgoglio e drsquoironia [hellip] Niente e nessuno lo sapete mi egrave piugrave caro di voi e questo egrave vero sin dal giorno in cui mrsquoavete presa uno per moglie lrsquoaltro per figlia ndash e forse egrave piugrave vero piugrave vero ancora da quando un odio indecifrabile trasformatosi in legge dello Stato

Roberto Vianello

24

mrsquoimpedisce di fare la sola cosa che amo quasi quanto amo voi due recitare [hellip] [hellip] egrave venuto il momento di dirvela tutta drsquoun fiato senza giri di frase senza neanche tentare di convincervi la certezza che mi pesa sul cuore e insieme lo fa piugrave leggero se partire tutti egrave impossibile (e so bene so bene che egrave impossibile) non crsquoegrave che una cosa da fare restare tutti qui (pp 1295 ss)

La salvezza dal teatro Speranza vana Sara sa che in un teatro ci sono passag-

gi impensabili spazi ignorati o creduti impraticabili porte nascostehellip Non le pare irrealistico sperare di celarsi di giorno in quellrsquoambiente labirintico e restarvi tutti insieme uscendo solo la notte a turno e con cautela per procurarsi di che so-pravvivere67 Sente soprattutto di doverlo volere per opporsi a una necessitagrave che ri-fiuta con tutta se stessa proprio per restare se stessa Rimanere lagrave significa rifiu-tarsi di cedere al male respingere il gioco di chi vuol togliere loro lrsquoanima Come sarebbe possibile definire salvezza il rinunciare ad essere quelli che sono laquoampu-tarsi degli affetti piugrave cari tradire tutte le parole dateraquo (p 1294)

Il realismo di Stefano e Simone non sa accettare questo punto di vista Perfi-no lrsquoaccondiscendente suocero finisce per accusare la donna drsquoavere letto da gio-vane troppi romanzi drsquoappendice di non comprendere insomma che la sua egrave posizione illusoria idealistica mentre invece crsquoegrave di mezzo la vita Per i due uomini decidere si deve deve venire individuata la vittima Simone allora escogita un modo per evitare di scegliere tra le ragioni dellrsquouno e dellrsquoaltro tra la prospettiva di vita piugrave lunga del giovane e lrsquoattaccamento del vecchio al tempo che gli resta da vivere Lrsquouso laquoun porsquo ludico e un porsquo statisticoraquo (p 1301) di una vecchia pistola carica sorteggeragrave in una specie di roulette russa il sacrificando La canna non verragrave puntata alla tempia si spareragrave a qualche oggetto Il risultato saragrave garantito in modo incruento ndash ma saragrave garantito ndash da un arnese appartenente alla storia della famiglia intascato chissagrave quanto consapevolmente quale ultima difesa contro lrsquoimprevisto e divenuto allrsquoattuarsi dellrsquoimprevisto autolesionistico mezzo di riso-luzione di un dilemma insolubile arma puntata contro lrsquounitagrave affettiva della fami-glia strumento con cui la sorte decideragrave incolpevolmente il prescelto a laquolasciareraquo con la donna laquolrsquoinferno per il limboraquo (p 1305)

67 La situazione puograve ricordare in certo modo quella realmente vissuta dalla famiglia Frank prima della deportazione a Berger Belsen e soprattutto quella che ispirograve a Truffaut il famoso Lrsquoultimo metrograve (1980) in cui in una Parigi occupata dai nazisti un direttore teatrale ebreo riesce a sottrarsi al peggio nascondendosi nei sotterranei del suo teatro

Alcesti nel Novecento letterario italiano

25

Sara comprende oramai come un muro si opponga tra le sue parole e il cuore dei due E se ne va per non fare piugrave ritorno senza che essi intuiscano la sua vera determinazione laquoNo non piugrave non queste cose Scusami Scusatemiraquo (p 1303) sono le sue ultime parole

Dopo un ultimo contrasto col padre Stefano va infine alla ricerca di un og-getto da trasformare in bersaglio per esercitarvi il gioco della sorte illudendosi nel contempo di poter trovare la donna Ma il Custode apparso drsquoimprovviso gli rivela come sia vana ogni ricerca di lei dato che lrsquoha appena vista uscire o meglio laquoentrare in quella gran nebbia che crsquoegrave lagrave fuori e che lei stessa [hellip] ha parago-nato allrsquoAderaquo (p 1307) Egrave il momento in cui tale personaggio rivela il massimo della sua ambiguitagrave ndash meglio sarebbe dire della sua impenetrabilitagrave ndash con lrsquoapparire aguzzino cinico incapace di pietagrave e col suo contemporaneo proclamar-si mero esecutore di ordini che laquonon sono mai [hellip] degli ordini inumaniraquo (p 1306) Lo spedizioniere ndash come lo hanno definito i nostri personaggi scopertisi fardelli in attesa di spedizione in preda al potere incoercibile delle circostanze ndash lrsquouomo che appare e scompare laquocome la figura della morte in certi campanili goticiraquo (p 1284) pare sapere molto piugrave di quel che svela Egrave tornato a comandare lrsquoabbandono del teatro ma le sue allusioni reticenti le mezze veritagrave suggerite ne svelano il vero ruolo Egli non egrave appena lrsquointermediario per lrsquoattuazione del pia-no concordato Vero deus ex machina egrave piuttosto lrsquoagente chiamato a fare lucida-mente precipitare lrsquoazione scenica verso la sua conclusione la conoscenza vera di un seacute decisamente impresentabile che situazioni disperate stati di necessitagrave acca-de sappiano lasciare emergere Ai due antieroi che protestano di non poter parti-re senza Sara che mentendo a se stessi pretendono di dover far qualcosa per lei nella concitazione dellrsquoobbligata partenza glacialmente il Custode risponde

Fare cosa Non crsquoegrave proprio niente da fare ci sarebbe semmai qualcosa da capire Ma piugrave tardi adesso non ne avete il tempo ricordatevi che dovete partire (p 1308)

Stefano adesso ndash cominciando a comprendere ndash vorrebbe restar ligrave per provare a cercarla Vano tentativo di acquietare la coscienza Egli in realtagrave si lascia presto vilmente travolgere come il padre dalla necessitagrave della congiuntura e dalla cruda imbarazzante veritagrave che finalmente emerge dalle agghiaccianti battute del dramma che srsquoavvia alla conclusione

STEFANO Ma qui possiamo cercarla CUSTODE E in che modo andandovi a ficcare tra le grinfie di chi vi dagrave la caccia Credete a me non avete altra scelta

Roberto Vianello

26

salite su quel camion Oltretutto se ci pensate egrave quello che tutti e due volevate con ogni vostra forza dalla piugrave palese alla piugrave segreta e che anche lei evidentemente ha voluto per voi STEFANO Mahellip SIMONE Quellrsquouomo chiunque sia ha ragione Diamogli retta figlio Io sono vecchio tu sei giovane ma entrambi credo siamo adulti e letterati quanto basta per mutare con lrsquoaiuto del tempo in una specie di dolcezza anche la piugrave atroce delle vergogne Su vieni STEFANO Non potrograve mai perdonartelo SIMONE Neacute io a te Ma ciascuno di noi due vedrai troveragrave il modo di perdonarlo almeno un porsquo a se stesso (pp 1309 s)

La personale convenienza prevale alla fine su ogni buona intenzione Lrsquoalibi dellrsquoimpossibilitagrave drsquoalcuncheacute oscura a pena il significato di disattenzioni indispo-nibilitagrave sorditagrave cui lo spettatore ha assistito sino a poco prima La mancata sin-tonia tra i parenti della nostra recita non trova piugrave spiegazione nella mera differen-za del carattere o nella gelosia Altra egrave lrsquoinconfessata veritagrave quella di scelte dettate dallrsquoistinto puro di conservazione al quale ogni legame affettivo egrave risultato sacri-ficato forse dettate persino da una inconscia volontagrave di liquidare conti da troppo sospesi

Il custode prima di lasciarli comunica che una laquocompagna di viaggioraquo partiragrave insieme a loro Nessuno sa chi sia laquoDicono che sia una reginaraquo ma non si sa di che paese laquoe nemmeno se la parola sia da intendere in senso proprio oppure figuratoraquo (p 1312) Con lei e di lei nessuno dovragrave nemmeno parlare gli ordini mi-steriosi sono tassativi pena il rischio dellrsquoincolumitagrave I due dovranno limitarsi a seguirla a qualche passo di distanza senza azzardare nemmeno con se stessi con-getture sul suo conto che potrebbero risultare addirittura laquoinsopportabiliraquo (ivi) Una donna velata compare sul fondo della scena Egrave Sara riconoscibile al pubbli-co ma laquomisteriosamente mutataraquo (p 1311) Forse la sua presenza porteragrave a com-pimento la recita delle laquolacerazioni della storiaraquo e delle laquointermittenze del cuoreraquo

Alcesti nel Novecento letterario italiano

27

cui lrsquoAutore voleva dar vita e indurragrave i nostri antieroi a capire Forse Egrave dunque per salvar lei che uno di loro tre ha dovuto sacrificarsi ndash chiede Stefano laquoStrana domandaraquo commenta il Custode laquoImproponibileraquo e laquoridicolaraquo

ndash quasi come voler cercare qualcuno nella nebbia se la nebbia egrave cosigrave maledettamente simile agli opachi labirinti dellrsquoAde Ma che senso ha che io cerchi di convincerti di quello di cui solo tu quando e se mai te ne verragrave il coraggio potrai convincere te stesso (p 1313)

Il Custode denuncia in quella domanda lrsquoultimo tentativo di addossare ad altri

una responsabilitagrave propria Alibi velleitario quanto lrsquoirrealistica voglia presto ac-quietata di cercare Sara nella nebbia Solo il coraggio di guardarsi dentro davvero permetteragrave di trovare la veritagrave La veritagrave di viltagrave ed eroismo che ha preso vita nel luogo della finzione il Teatro dove srsquoegrave combattuta la lotta tra lrsquoindole belluina ridestata in due personaggi dalle urgenze delle disgrazie e le esigenze ndash del cuore e della ragione insieme ndash della loro donna Durante lrsquoaccadimento che egrave la recita cui abbiamo assistito i nostri eroi hanno mostrato e forse capito ndash o cominciato a capire ndash di piugrave se stessi mentre lrsquoancella drsquoun tempo srsquoegrave potuta trasformare in re-gina Egrave stato per il suo gesto Egrave stato come altri propone per la sua volontagrave di restare ligrave nel Teatro preferendo laquola veritagrave dellrsquoapparire alla menzogna della real-tagraveraquo68 LrsquoAlcesti di Raboni non racconta di un ritorno dallrsquoaldilagrave Racconta piutto-sto di una fuga dallrsquoinferno nelle coscienze o ndash se si vuole e solo per i due uomi-ni ndash di un ingresso in un loro purgatorio al seguito di una donna laquoimmagine del loro amore e della loro vergognaraquo69

Un fraintendimento novecentesco Il tempo oramai esaurito ci costringe a concludere Resterebbe da porre una

domanda che a nostro giudizio merita di non essere elusa soprattutto alla luce di recenti sviluppi dellrsquoindagine critica Il Novecento ha davvero inteso correttamen-te il rapporto tra lrsquoAlcesti e lrsquoAdmeto consegnati da Euripide agli Ateniesi del 438 aC e al pubblico di ogni epoca Savinio ci ha consegnato un Paul-Admeto inno-cente quanto alla decisione della sposa ma non del tutto riabilitato quanto alle ra-gioni che quel gesto hanno determinato almeno per la parte che puograve avervi avuto

68 LIEVI 2004 p 447 69 RABONI 2004 p 445 Ora in RABONI 2006 p 1782

Roberto Vianello

28

il suo modo di essere sposo (v p 12) Raboni ci presenta uno Stefano-Admeto che accetta ingloriosamente il destino a lui favorevole Il giudizio degli autori no-vecenteschi si abbatte impietoso sullrsquoindividuo maschile della coppia Raboni pa-ragonograve il desiderio finale di cercare Sara alla laquoretoricaraquo disperazione di Admeto in Euripide per una morte che lui aveva laquorichiesto o comunque accettatoraquo70 Kott per citare solo unrsquoaltra voce sulla questione quando riflette sul rapporto tra i co-niugi in Euripide squalifica lo sposo affermando laquoAlcesti egrave unrsquoeroina di tragedia ma ha un marito che viene dalla commediaraquo71

Ci chiediamo e se il Novecento avesse frainteso Se Admeto non avesse avu-to davvero possibilitagrave di scegliere Bisognerebbe certo postulare un secolare fraintendimento Andrebbero indagate inoltre le ragioni dellrsquoamplificazione di quelle che da sempre sono apparse ambiguitagrave e contraddizioni del testo euripi-deo Admeto implora la sposa di non lasciarlo e la rimprovera quasi di abbando-nare oltre a lui i figli proprio mentre la morte la ghermisce Egrave davvero vuota-mente retorica la sua disperazione O un fuorviante pregiudizio moderno ci pre-clude la veritagrave indotti come siamo a biasimarne lrsquointollerabile ingratitudine per un gesto ancor piugrave grande ai nostri occhi in una condizione di subalternitagrave social-mente pretesa Non sarebbe incomprensibile il manifestarsi di tale fastidio nel progressivo maturare di una coscienza di genere tra Ottocento e Novecento e nella ormai conquistata emancipazione femminile Osiamo suggerire tali conside-razioni sulla scia di un interessante intervento critico apparso di recente sulla rivi-sta ldquoMateriali e discussioni per lrsquoanalisi dei testi classicirdquo cui non crsquoegrave tempo di de-dicare oggi lo spazio necessario ma che potragrave essere letto con profitto sul sito del nostro Liceo72

Carlo Brillante vi sostiene lrsquoimplausibilitagrave che Euripide abbia pensato di porta-re in scena un personaggio doppio e contraddittorio quale appare lrsquoAdmeto che riteniamo di conoscere Egli suggerisce invece la sciagurata eventualitagrave che Adme-to non abbia potuto opporsi al sacrificio della sposa richiamando in certo modo i tentativi di moralizzare il personaggio attuati prima dellrsquoOttocento Il critico tut-tavia non egrave vincolato alle necessitagrave etico-artistiche che animarono in passato un Aureli o un Alfieri73 Quel che conduce la sua indagine invece egrave lrsquoesigenza erme-neutica di comprendere quanto resta misconosciuto della vicenda degli sposi mi-tici e della tragedia greca cui forse erroneamente si attribuisce la scelta di insce-nare una ipocrisia poco onorevole e poco edificante Percheacute nulla ci dice il testo euripideo del ruolo di Admeto negli avvenimenti che hanno preceduto lrsquoazione scenica Sappiamo solo che Apollo ingannando le Moire ha ottenuto il dono piugrave prezioso per lrsquoamico descritto per lrsquointero dramma come uomo pio verso la divi-

70 RABONI 2004 p 444 Ora in RABONI 2006 p 1782 71 KOTT 2005 p 104 72 Cf BRILLANTE 2005 La riproduzione del saggio sul sito del Liceo egrave stata autorizzata dalla Re-dazione scientifica della rivista e dalla sua Casa editrice La si legga allrsquoindirizzo Internet wwwgiuseppeveroneseit (Materiali didattici Italiano Vianello Roberto) 73 Cf p 5

Alcesti nel Novecento letterario italiano

29

nitagrave e campione di ospitalitagrave e φιλία Quale rapporto sia intercorso tra il dono i-natteso del dio e la decisione sacrificale di Alcesti non si dice in Euripide neacute ci egrave dato di ipotizzarne aspetti disonorevoli per Admeto di cui sappiamo solo che οὐχ ηὗρε πλὴν γυναικὸς ὃστις ἤθελε θανὼν πρὸ κείνου microηκέτ΄εἰσορᾶν φάος ldquonon trovograve tranne la moglie chi volesse morendo per lui non piugrave vedere la lucerdquo (17-18) Osserva Brillante che il verbo εὑρίσκω laquopuograve designare un ritrovamento casuale senza riferimento a unrsquointenzionalitagrave del soggettoraquo 74 Un valore che e-scluderebbe una richiesta egoistica alla sposa e renderebbe lrsquoofferta di seacute della donna inattesa almeno quanto il dono stesso Il valore del verbo nel contesto egrave certo controverso75 ma di una richiesta esplicita ad Alcesti nel dramma non si fa mai menzione e forse solo un pregiudizio naturale quanto si vuole puograve farla po-stulare Il critico perciograve ipotizza che la possibilitagrave di una morte sostitutiva strap-pata da Apollo alle Moire si configuri come un vero e proprio patto a cui en-trambi i contraenti restano vincolati e che accettato da Admeto egrave divenuto vin-colante anche per lui Admeto non avrebbe dovuto in realtagrave accettare o meno il sacrificio di Alcesti quanto piuttosto scegliere se accettare o meno la vantaggiosa offerta del dio senza poter prevedere lrsquoinattesa offerta di seacute dellrsquoormai insostitui-bile sposa Piugrave generosa di amici e genitori Alcesti avrebbe involontariamente trasformato la piugrave impensabile delle opportunitagrave in un dono avvelenato I doni degli immortali sono spesso inevitabili per gli uomini E il re di Fere non aveva certo motivo di rifiutare il tributo di una divinitagrave amica alla piugrave onorevole delle sue virtugrave Sono solo lrsquoinatteso rifiuto dei genitori e lrsquoimprevista offerta di Alcesti a rendere non piugrave vantaggiosa lrsquoofferta di Apollo quando Thanatos rifiuta di nego-ziare con Apollo una dilazione della morte di Alcesti oramai non crsquoegrave piugrave nulla da fare I rapporti tra uomini e immortali ndash osserviamo noi ndash sono normalmente diffi-cili E spesso ndash continua Brillante ndash i doni degli immortali non corrispondono alle attese di chi li ha sollecitati Altri eroi dopo aver stipulato un patto vantaggioso con la divinitagrave laquosubiscono un male maggiore di quello che speravano di evitareraquo76 Egrave il caso di Idomeneo il re di Creta costretto a uccidere il figlio per aver promes-so a Poseidone di sacrificargli ciograve che avesse incontrato sulla terraferma se fosse scampato al naufragio Stessa sorte subirono la sposa e i figli di Meandro che sti-pulograve un patto analogo con la madre degli dei Cosigrave come accadde alla figlia di Ief-te giudice dellrsquoAntico Testamento che si distinse combattendo contro gli Am-moniti e in cambio della vittoria su di essi promise in olocausto a IHWH ndash scon-sideratamente ndash la persona che per prima fosse uscita dalle porte di casa sua per andargli incontro (Gdc 11 30-39) In tutti questi casi eventi inattesi trasformano nella rovina dellrsquoeroe un patto incautamente ritenuto conveniente Qualcosa di simile andrebbe postulato anche per Admeto che tutto avrebbe potuto prevede-re tranne la dedizione della sposa fino al dono totale di seacute

74 BRILLANTE 2005 p 17 75 Cf ivi n 18 76 Brillante 2005 p 22

Roberto Vianello

30

Dobbiamo veramente terminare Non abbiamo titolo per pronunciarci con competenza sullrsquoipotesi sin qui descritta Se essa dovesse dimostrarsi esatta biso-gnerebbe ripensare lrsquoAlcesti di Euripide e restituire al suo sposo un onore troppo a lungo negato77 Le presunte ombre e ambiguitagrave che lo riguardano risulterebbero illuminate da una luce di sincero affetto per la sposa di vera disperazione per la sua perdita Giusta si rivelerebbe come pretendeva Platone la ricompensa delle virtugrave di entrambi col ritorno in vita di lei Nuova luce prenderebbero poi le letture artistiche del secolo da poco conclusosi che abbiamo fin qui descritto E do-vremmo forse attribuire a evoluzione del costume ai drammi della psiche a traumi della sua storia la valutazione antieroica del rapporto immaginato tra gli sposi in quelle recenti storie Lasciamo alla vostra riflessione le molte osservazioni sin qui proposte Qualsiasi sia la veritagrave su Alcesti e Admeto siete tutti invitati al teatro ldquoDon Boscordquo ad assistere alla rappresentazione che gli studenti del Classi-co ne daranno il prossimo 29 Aprile Grazie

ROBERTO VIANELLO

77 Almeno per quel che concerne il suo rapporto con la sposa Rimarrebbe invero da valutare la sua pretesa di essere sostituito da amici e genitori Per i secondi si potrebbe forse invocare il con-cetto di giustizia generazionale per il quale la piugrave lunga aspettativa di vita del giovane il lungo godi-mento di ricchezze e felicitagrave da parte dei piugrave anziani renderebbero ndash in modo che lascia perplessa la coscienza moderna ndash onorevole la loro dipartita meno disonorevole la richiesta loro diretta Per i primi si dovrebbero forse invocare concetti quali la regalitagrave dellrsquointerlocutore la ragion di Stato la manifestazione concreta di una φιλία attesa dalla sodalitagrave tra pari non invece dallrsquoaffetto di una donna Per entrambi bisogneragrave poi tener presente lrsquoorigine fiabesca della situazione e del dono stesso

Alcesti nel Novecento letterario italiano

31

Indice bibliografico

BASTA DONZELLI 1987 G BASTA DONZELLI Euripide in Dizionario degli scrittori greci e latini Diretto da F DELLA CORTE Milano Marzorati 1987

BRILLANTE 2005 C BRILLANTE LrsquoAlcesti di Euripide il personaggio di Admeto e la struttura del dramma in ldquoMateriali e discussioni per lrsquoanalisi dei testi classicirdquo 54 (2005) pp 9-46

CARDARELLI 1981 V CARDARELLI Opere Milano Mondadori 1981

CARDARELLI 1985 Il testamento letterario di Giacomo Leopardi Pensieri dello Zibaldone scelti annotati e ordinati da Vincenzo Cardarelli Torino Fogravegola 1985 (ri-stampa del fascicolo trimestrale de ldquoLa Rondardquo del giugno 1921)

CASCETTA 1995 A CASCETTA Lrsquo Alcesti di Samuele di Alberto Savinio una tragedia mo-derna in Studia classica Iohanni Tarditi oblata A cura di L BELLONI G MILANESE A PORRO vol II Milano Vita e Pensiero Pubblicazioni dellrsquoUniversitagrave Cattolica 1995 pp 1405-1446

CORTELLESSA 2005 A CORTELLESSA La poesia in carne e ossa postfazione a RABONI 2005

DE SANCTIS 1995 F DE SANCTIS Schopenhauer e Leopardi A cura di F Gnerre e A L Marongiu Milano Edizioni Oberon 1995 (volumetto per la scuola che riproduce il citatissimo Schopenhauer e Leopardi Dialogo tra A e D in Saggi critici A cura di L Russo II Bari Laterza 1952)

EURIPIDE E ALTRI 2006 EURIPIDE WIELAND RILKE YOURCENAR RABONI Alcesti Variazio-ni sul mito Venezia Marsilio 2006

GUIDI 2006 O GUIDI Alberto Savinio profeta dellrsquoUnitagrave Europea in Irregolari novecente-schi Bontempelli Savinio Landolfi Penna Curto Longo Editore Ravenna 2006 pp 29-46

KOTT 2005 J KOTT Alcesti velata in IDEM Divorare gli dei Unrsquointerpretazione della tragedia greca Milano B Mondadori 2005 pp 100-133

LANGELLA 2004 G LANGELLA Lrsquoottimismo della speranza Sullrsquo ldquoAlcestirdquo incompiuta di Al-varo in PATTONI-CARPANI 2004 pp 369-386

LESKY 1925 A LESKY Alkestis Der Mythus und das Drama Wien und Leipzig 1925 (ldquoSitz Akad Wiss Wienrdquo phil-hits Kl 203 2 Abh)

LIEVI 2004 C LIEVI Lrsquo ldquoAlcestirdquo di Giovanni Raboni Riflessione di un regista in PAT-TONI-CARPANI 2004 pp 446-447

MAGRO 2008 F MAGRO Un luogo della veritagrave umana La poesia di Giovanni Raboni Pa-sian di Prato (UD) Campanotto editore 2008

MENGALDO 1978 P V MENGALDO Poeti italiani del Novecento Milano Mondadori 1978 pp 398-402

MENGALDO 1998 P V MENGALDO Profili di critici del Novecento Torino Bollati Borin-ghieri 1998 pp 107-111

MORACE 1983 C ALVARO Alcesti a cura di A M MORACE in ldquoNuovi Annali della Facoltagrave di Magistero dellrsquoUniversitagrave di Messinardquo 1 (1983) pp 729-758

MORACE 2001 A M MORACE La riscrittura del mito nel teatro alvariano in IDEM Orbite novecentesche Napoli Edizioni Scientifiche Italiane 2001 pp 85-103

Roberto Vianello

32

NOSARTI 1992 ANONIMO LrsquoAlcesti di Barcellona A cura di L NOSARTI Bologna Pagrave-tron 1992

PADUANO 2004 G PADUANO Lrsquounitagrave dellrsquo Alcesti e la doppia ricezione in PATTONI-CARPANI 2004 pp 343-359

PATTONI 2004 M P PATTONI Le metamorfosi di Alcesti Dallrsquoarchetipo alle sue rivisitazioni in PATTONI-CARPANI 2004 pp 279-300

PATTONI 2006 M P PATTONI Introduzione a EURIPIDE E ALTRI 2006 pp 9-48

PATTONI-CARPANI 2004 Sacrifici al femminile Alcesti in scena da Euripide a Raboni in ldquoComunica-zioni socialirdquo anno XXVI NS Sez teatro 3 (Settembre-Dicembre 2004)

PEDULLAgrave 1991 W PEDULLAgrave Alberto Savinio Storia esemplare di uno scrittore di avanguar-dia Milano Bompiani 1991

PIETROMARCHI 1986 voce Savinio Alberto in Dizionario critico della letteratura italiana diretto da V BRANCA Torino UTET 1986 pp 98-100

PISCOPO 1973 U PISCOPO Alberto Savinio Milano Mursia 1973

RABONI 1987 G RABONI Poeti del secondo Novecento in Storia della letteratura italiana Diretta da E CECCHI e N SAPEGNO Il Novecento Milano Garzanti 1987 pp 207-248 Ora in RABONI 2005 pp 190-250

RABONI 1992 Sereni a Milano in Per Vittorio Sereni Convegno di poeti Milano Allrsquoinsegna del pesce drsquooro 1992

RABONI 2000 G RABONI Tradurre il sentimento in Tu hai preferito vivere io morire Con Antigone di Sofocle A cura di M G CIANI E F DONADI I quaderni del Teatro Olimpico 6 Vicenza 2000 pp 14-15 Ora in RABONI 2006 PP 1742-1743

RABONI 2004 G RABONI ldquoAlcestirdquoe i disastri del Novecento in PATTONI-CARPANI 2004 pp 441-445

RABONI 2005 G RABONI La poesia che si fa Cronaca e storia del Novecento poetico italia-no 1959-2004 A cura di A CORTELLESSA Milano Garzanti 2005

RABONI 2006 G RABONI Lrsquoopera poetica Milano Mondadori 2006

RAGNI 2002 E RAGNI Savinio mito e mondo classico in Atti del Convegno ldquoIl classico nel-la Roma contemporanea Mito modelli memoriardquo Roma 18-20 ottobre 2000 A cura di FERNANDA ROSSETTI Istituto Nazionale di Studi Romani 2002 vol I pp 71-105

REALE 1991 PLATONE Tutti gli scritti A cura di G REALE Milano Rusconi 1991

RIGONI 1985 M A RIGONI Saggi sul pensiero Leopardiano Napoli Liguori 1985

SAVINIO 1992 A SAVINIO Dico a te Clio Milano Adelphi 1992

SAVINIO 2007 A SAVINIO Alcesti di Samuele e atti unici A cura di A TINTERRI Mila-no Adelphi Edizioni 20072

SUSANETTI 2001 D SUSANETTI La favola bella della morte in Euripide Alcesti A cura di IDEM Venezia Marsilio 2001

SUSANETTI 2004 D SUSANETTI Alcesti sacrificio e resurrezione Elementi di un mito con sei variazioni in PATTONI-CARPANI 2004 pp 307-327

Alcesti nel Novecento letterario italiano

33

TELOgrave 2004 M TELOgrave lsquoAspettando Ercolersquo Universalismo mitico e primitivismo romantico in ldquoLe mystere drsquoAlcesterdquo di M Yourcenar in PATTONI-CARPANI 2004 pp 387-410

USAI 2005 A USAI Il mito nellrsquoopera letteraria e pittorica di Alberto Savinio Roma E-dizioni Nuova Cultura 2005

VIVARELLI 1996 Alberto Savinio Catalogo generale A cura di P VIVARELLI Milano Elec-ta 1996

WILSON 1968 Twentieth Century Interpretations of Euripidesrsquo Alcestis A collection of Critical Essays Edited by J R WILSON Englewood Cliffs N J Prentice-Hall 1968

ltlt ASCII85EncodePages false AllowTransparency false AutoPositionEPSFiles true AutoRotatePages None Binding Left CalGrayProfile (Dot Gain 20) CalRGBProfile (sRGB IEC61966-21) CalCMYKProfile (US Web Coated 050SWOP051 v2) sRGBProfile (sRGB IEC61966-21) CannotEmbedFontPolicy Error CompatibilityLevel 14 CompressObjects Tags CompressPages true ConvertImagesToIndexed true PassThroughJPEGImages true CreateJDFFile false CreateJobTicket false DefaultRenderingIntent Default DetectBlends true ColorConversionStrategy LeaveColorUnchanged DoThumbnails false EmbedAllFonts true EmbedJobOptions true DSCReportingLevel 0 EmitDSCWarnings false EndPage -1 ImageMemory 1048576 LockDistillerParams false MaxSubsetPct 100 Optimize true OPM 1 ParseDSCComments true ParseDSCCommentsForDocInfo true PreserveCopyPage true PreserveEPSInfo true PreserveHalftoneInfo false PreserveOPIComments false PreserveOverprintSettings true StartPage 1 SubsetFonts true TransferFunctionInfo Apply UCRandBGInfo Preserve UsePrologue false ColorSettingsFile () AlwaysEmbed [ true ] NeverEmbed [ true ] AntiAliasColorImages false DownsampleColorImages true ColorImageDownsampleType Bicubic ColorImageResolution 300 ColorImageDepth -1 ColorImageDownsampleThreshold 150000 EncodeColorImages true ColorImageFilter DCTEncode AutoFilterColorImages true ColorImageAutoFilterStrategy JPEG ColorACSImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt ColorImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt JPEG2000ColorACSImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt JPEG2000ColorImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt AntiAliasGrayImages false DownsampleGrayImages true GrayImageDownsampleType Bicubic GrayImageResolution 300 GrayImageDepth -1 GrayImageDownsampleThreshold 150000 EncodeGrayImages true GrayImageFilter DCTEncode AutoFilterGrayImages true GrayImageAutoFilterStrategy JPEG GrayACSImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt GrayImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt JPEG2000GrayACSImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt JPEG2000GrayImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt AntiAliasMonoImages false DownsampleMonoImages true MonoImageDownsampleType Bicubic MonoImageResolution 1200 MonoImageDepth -1 MonoImageDownsampleThreshold 150000 EncodeMonoImages true MonoImageFilter CCITTFaxEncode MonoImageDict ltlt K -1 gtgt AllowPSXObjects false PDFX1aCheck false PDFX3Check false PDFXCompliantPDFOnly false PDFXNoTrimBoxError true PDFXTrimBoxToMediaBoxOffset [ 000000 000000 000000 000000 ] PDFXSetBleedBoxToMediaBox true PDFXBleedBoxToTrimBoxOffset [ 000000 000000 000000 000000 ] PDFXOutputIntentProfile () PDFXOutputCondition () PDFXRegistryName (httpwwwcolororg) PDFXTrapped Unknown Description ltlt ENU (Use these settings to create PDF documents with higher image resolution for high quality pre-press printing The PDF documents can be opened with Acrobat and Reader 50 and later These settings require font embedding) JPN ltFEFF3053306e8a2d5b9a306f30019ad889e350cf5ea6753b50cf3092542b308030d730ea30d730ec30b9537052377528306e00200050004400460020658766f830924f5c62103059308b3068304d306b4f7f75283057307e305930023053306e8a2d5b9a30674f5c62103057305f00200050004400460020658766f8306f0020004100630072006f0062006100740020304a30883073002000520065006100640065007200200035002e003000204ee5964d30678868793a3067304d307e305930023053306e8a2d5b9a306b306f30d530a930f330c8306e57cb30818fbc307f304c5fc59808306730593002gt FRA ltFEFF004f007000740069006f006e007300200070006f0075007200200063007200e900650072002000640065007300200064006f00630075006d0065006e00740073002000500044004600200064006f007400e900730020006400270075006e00650020007200e90073006f006c007500740069006f006e002000e9006c0065007600e9006500200070006f0075007200200075006e00650020007100750061006c0069007400e90020006400270069006d007000720065007300730069006f006e00200070007200e9007000720065007300730065002e0020005500740069006c006900730065007a0020004100630072006f0062006100740020006f00750020005200650061006400650072002c002000760065007200730069006f006e00200035002e00300020006f007500200075006c007400e9007200690065007500720065002c00200070006f007500720020006c006500730020006f00750076007200690072002e0020004c00270069006e0063006f00720070006f0072006100740069006f006e002000640065007300200070006f006c0069006300650073002000650073007400200072006500710075006900730065002egt DEU ltFEFF00560065007200770065006e00640065006e0020005300690065002000640069006500730065002000450069006e007300740065006c006c0075006e00670065006e0020007a0075006d002000450072007300740065006c006c0065006e00200076006f006e0020005000440046002d0044006f006b0075006d0065006e00740065006e0020006d00690074002000650069006e006500720020006800f60068006500720065006e002000420069006c0064006100750066006c00f600730075006e0067002c00200075006d002000650069006e00650020007100750061006c00690074006100740069007600200068006f006300680077006500720074006900670065002000410075007300670061006200650020006600fc0072002000640069006500200044007200750063006b0076006f0072007300740075006600650020007a0075002000650072007a00690065006c0065006e002e00200044006900650020005000440046002d0044006f006b0075006d0065006e007400650020006b00f6006e006e0065006e0020006d006900740020004100630072006f0062006100740020006f0064006500720020006d00690074002000640065006d002000520065006100640065007200200035002e003000200075006e00640020006800f600680065007200200067006500f600660066006e00650074002000770065007200640065006e002e00200042006500690020006400690065007300650072002000450069006e007300740065006c006c0075006e00670020006900730074002000650069006e00650020005300630068007200690066007400650069006e00620065007400740075006e00670020006500720066006f0072006400650072006c006900630068002egt PTB ltFEFF005500740069006c0069007a006500200065007300740061007300200063006f006e00660069006700750072006100e700f5006500730020007000610072006100200063007200690061007200200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200063006f006d00200075006d00610020007200650073006f006c007500e700e3006f00200064006500200069006d006100670065006d0020007300750070006500720069006f0072002000700061007200610020006f006200740065007200200075006d00610020007100750061006c0069006400610064006500200064006500200069006d0070007200650073007300e3006f0020006d0065006c0068006f0072002e0020004f007300200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200070006f00640065006d0020007300650072002000610062006500720074006f007300200063006f006d0020006f0020004100630072006f006200610074002c002000520065006100640065007200200035002e00300020006500200070006f00730074006500720069006f0072002e00200045007300740061007300200063006f006e00660069006700750072006100e700f50065007300200072006500710075006500720065006d00200069006e0063006f00720070006f0072006100e700e3006f00200064006500200066006f006e00740065002egt DAN ltFEFF004200720075006700200064006900730073006500200069006e0064007300740069006c006c0069006e006700650072002000740069006c0020006100740020006f0070007200650074007400650020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006d006500640020006800f8006a006500720065002000620069006c006c00650064006f0070006c00f80073006e0069006e0067002000740069006c0020007000720065002d00700072006500730073002d007500640073006b007200690076006e0069006e0067002000690020006800f8006a0020006b00760061006c0069007400650074002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e007400650072006e00650020006b0061006e002000e50062006e006500730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f0067002000520065006100640065007200200035002e00300020006f00670020006e0079006500720065002e00200044006900730073006500200069006e0064007300740069006c006c0069006e0067006500720020006b007200e600760065007200200069006e0074006500670072006500720069006e006700200061006600200073006b007200690066007400740079007000650072002egt NLD ltFEFF004700650062007200750069006b002000640065007a006500200069006e007300740065006c006c0069006e00670065006e0020006f006d0020005000440046002d0064006f00630075006d0065006e00740065006e0020007400650020006d0061006b0065006e0020006d00650074002000650065006e00200068006f00670065002000610066006200650065006c00640069006e00670073007200650073006f006c007500740069006500200076006f006f0072002000610066006400720075006b006b0065006e0020006d0065007400200068006f006700650020006b00770061006c0069007400650069007400200069006e002000650065006e002000700072006500700072006500730073002d006f006d0067006500760069006e0067002e0020004400650020005000440046002d0064006f00630075006d0065006e00740065006e0020006b0075006e006e0065006e00200077006f007200640065006e002000670065006f00700065006e00640020006d006500740020004100630072006f00620061007400200065006e002000520065006100640065007200200035002e003000200065006e00200068006f006700650072002e002000420069006a002000640065007a006500200069006e007300740065006c006c0069006e00670020006d006f006500740065006e00200066006f006e007400730020007a0069006a006e00200069006e006700650073006c006f00740065006e002egt ESP ltFEFF0055007300650020006500730074006100730020006f007000630069006f006e006500730020007000610072006100200063007200650061007200200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200063006f006e0020006d00610079006f00720020007200650073006f006c00750063006900f3006e00200064006500200069006d006100670065006e00200071007500650020007000650072006d006900740061006e0020006f006200740065006e0065007200200063006f007000690061007300200064006500200070007200650069006d0070007200650073006900f3006e0020006400650020006d00610079006f0072002000630061006c0069006400610064002e0020004c006f007300200064006f00630075006d0065006e0074006f00730020005000440046002000730065002000700075006500640065006e00200061006200720069007200200063006f006e0020004100630072006f00620061007400200079002000520065006100640065007200200035002e003000200079002000760065007200730069006f006e0065007300200070006f00730074006500720069006f007200650073002e0020004500730074006100200063006f006e0066006900670075007200610063006900f3006e0020007200650071007500690065007200650020006c006100200069006e0063007200750073007400610063006900f3006e0020006400650020006600750065006e007400650073002egt SUO ltFEFF004e00e4006900640065006e002000610073006500740075007300740065006e0020006100760075006c006c006100200076006f0069006400610061006e0020006c0075006f006400610020005000440046002d0061007300690061006b00690072006a006f006a0061002c0020006a006f006900640065006e002000740075006c006f0073007400750073006c00610061007400750020006f006e0020006b006f0072006b006500610020006a00610020006b007500760061006e0020007400610072006b006b007500750073002000730075007500720069002e0020005000440046002d0061007300690061006b00690072006a0061007400200076006f0069006400610061006e0020006100760061007400610020004100630072006f006200610074002d0020006a0061002000520065006100640065007200200035002e00300020002d006f0068006a0065006c006d0061006c006c0061002000740061006900200075007500640065006d006d0061006c006c0061002000760065007200730069006f006c006c0061002e0020004e00e4006d00e4002000610073006500740075006b0073006500740020006500640065006c006c00790074007400e4007600e4007400200066006f006e0074007400690065006e002000750070006f00740075007300740061002egt ITA ltFEFF00550073006100720065002000710075006500730074006500200069006d0070006f007300740061007a0069006f006e00690020007000650072002000630072006500610072006500200064006f00630075006d0065006e00740069002000500044004600200063006f006e00200075006e00610020007200690073006f006c0075007a0069006f006e00650020006d0061006700670069006f00720065002000700065007200200075006e00610020007100750061006c0069007400e00020006400690020007000720065007300740061006d007000610020006d00690067006c0069006f00720065002e0020004900200064006f00630075006d0065006e00740069002000500044004600200070006f00730073006f006e006f0020006500730073006500720065002000610070006500720074006900200063006f006e0020004100630072006f00620061007400200065002000520065006100640065007200200035002e003000200065002000760065007200730069006f006e006900200073007500630063006500730073006900760065002e002000510075006500730074006500200069006d0070006f007300740061007a0069006f006e006900200072006900630068006900650064006f006e006f0020006c002700750073006f00200064006900200066006f006e007400200069006e0063006f00720070006f0072006100740069002egt NOR ltFEFF004200720075006b00200064006900730073006500200069006e006e007300740069006c006c0069006e00670065006e0065002000740069006c002000e50020006f00700070007200650074007400650020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006d006500640020006800f80079006500720065002000620069006c00640065006f00700070006c00f80073006e0069006e006700200066006f00720020006800f800790020007500740073006b00720069006600740073006b00760061006c00690074006500740020006600f800720020007400720079006b006b002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006b0061006e002000e50070006e006500730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f0067002000520065006100640065007200200035002e00300020006f0067002000730065006e006500720065002e00200044006900730073006500200069006e006e007300740069006c006c0069006e00670065006e00650020006b0072006500760065007200200073006b00720069006600740069006e006e00620079006700670069006e0067002egt SVE ltFEFF0041006e007600e4006e00640020006400650020006800e4007200200069006e0073007400e4006c006c006e0069006e006700610072006e00610020006e00e40072002000640075002000760069006c006c00200073006b0061007000610020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e00740020006d006500640020006800f6006700720065002000620069006c0064007500700070006c00f60073006e0069006e00670020006600f60072002000700072006500700072006500730073007500740073006b0072006900660074006500720020006100760020006800f600670020006b00760061006c0069007400650074002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e00740065006e0020006b0061006e002000f600700070006e006100730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f00630068002000520065006100640065007200200035002e003000200065006c006c00650072002000730065006e006100720065002e00200044006500730073006100200069006e0073007400e4006c006c006e0069006e0067006100720020006b007200e400760065007200200069006e006b006c00750064006500720069006e00670020006100760020007400650063006b0065006e0073006e006900740074002egt KOR ltFEFFace0d488c9c8c7580020d504b9acd504b808c2a40020d488c9c8c7440020c5bbae300020c704d5740020ace0d574c0c1b3c4c7580020c774bbf8c9c0b97c0020c0acc6a9d558c5ec00200050004400460020bb38c11cb97c0020b9ccb4e4b824ba740020c7740020c124c815c7440020c0acc6a9d558c2edc2dcc624002e0020c7740020c124c815c7440020c0acc6a9d558c5ec0020b9ccb4e000200050004400460020bb38c11cb2940020004100630072006f0062006100740020bc0f002000520065006100640065007200200035002e00300020c774c0c1c5d0c11c0020c5f40020c2180020c788c2b5b2c8b2e4002e0020c7740020c124c815c7440020c801c6a9d558b824ba740020ae00af340020d3ecd5680020ae30b2a5c7440020c0acc6a9d574c57c0020d569b2c8b2e4002egt CHS ltFEFF4f7f75288fd94e9b8bbe7f6e521b5efa76840020005000440046002065876863ff0c5c065305542b66f49ad8768456fe50cf52068fa87387ff0c4ee575284e8e9ad88d2891cf76845370524d6253537030028be5002000500044004600206587686353ef4ee54f7f752800200020004100630072006f00620061007400204e0e002000520065006100640065007200200035002e00300020548c66f49ad87248672c62535f0030028fd94e9b8bbe7f6e89816c425d4c51655b574f533002gt CHT ltFEFF4f7f752890194e9b8a2d5b9a5efa7acb76840020005000440046002065874ef65305542b8f039ad876845f7150cf89e367905ea6ff0c9069752865bc9ad854c18cea76845370524d521753703002005000440046002065874ef653ef4ee54f7f75280020004100630072006f0062006100740020548c002000520065006100640065007200200035002e0030002053ca66f465b07248672c4f86958b555f300290194e9b8a2d5b9a89816c425d4c51655b57578b3002gt gtgtgtgt setdistillerparamsltlt HWResolution [2400 2400] PageSize [595000 842000]gtgt setpagedevice

Page 5: Alcesti nel Novecento letterario italianoprofvianello.altervista.org/files/alcesti_nel_novecento_letterario... · Alcesti nel Novecento letterario italiano 5 La questione morale e

Alcesti nel Novecento letterario italiano

5

La questione morale e la ldquodoppia ricezionerdquo

La fortuna del tema egrave largamente attestata in letteratura e in arte tra gli anti-

chi e tra i moderni14 Ammirazione e riflessione hanno accompagnato la vicenda dei due mitici sposi a partire dal V secolo a C in un durevole seguito di rivisita-zioni e riscritture ingiustificabili senza la percezione di una qualche paradigmati-citagrave ancor viva15

Si evidenzia in questa catena di recuperi quella che egrave stata definita la ldquodoppia ricezionerdquo del capolavoro euripideo16 Si sono avuti cioegrave due diversi atteggiamenti tra i moderni di fronte alla storia di Alcesti e Admeto per lo piugrave secondo una di-stinzione cronologicamente ben definibile

Fino a tutto il Settecento le riflessioni sulle vicende della coppia mitica edifi-cate dalla limpidezza del gesto di lei hanno mostrato un evidente disagio per lrsquo ἔθος discutibile dellrsquoimpresentabile Admeto per lrsquoaccettazione del sacrificio della consorte per lo stesso atteggiamento impius nei confronti dei genitori del padre in special modo aggredito verbalmente senza rispetto alcuno La morale dei tem-pi nuovi comportava una valutazione diversa di parte di quella condotta ambi-

14 Per la ricostruzione puntuale delle tappe letterarie di questa fortuna rinviamo ai giagrave citati SUSA-NETTI e PATTONI Si vedano in particolare gli atti del ciclo di seminari promossi a Brescia nel 2003 dallrsquoUniversitagrave Cattolica del Sacro Cuore in PATTONI-CARPANI 2004 Senza presumere di adden-trarci in un ambito che non ci compete segnaliamo quale evidenza della diffusione del tema il noto cratere etrusco a figure rosse (340-330 aC) conservato alla Bibliothegraveque Nationale di Parigi nel quale Alcesti abbraccia Admeto tra le figure di Caru e Thuchulcha Lo si veda allrsquoindirizzo wwwsaeculait (sezione Immagini etrusche) 15 Lasciamo alla consultazione dei saggi citati unrsquoinformazione completa comprensiva di opere perdute scolii frammenti testimonianze citazioni e allusioni letterarie Diamo di seguito il sem-plice elenco di opere che hanno ripreso in modo significativo il personaggio la sua lunghezza te-stimonieragrave efficacemente la persistente fortuna Palefato Περί ἀπίστων (Sulle storie incredibili inizio III sec aC) Alcestis Barcinonensis (III-IV sec dC) Alcesta (V sec d C) in Anthologia Latina Ge-offrey Chaucer Legend of Good Women (1385 ) Hans Sachs Tragoedia von der Getrewen Frau Alkestis und ihrem getrewen Mann Admeto (1551) Alexandre Hardy Alceste ou la fideacuteliteacute (1602) Aurelio Aureli LrsquoAntigona delusa drsquoAlceste (1664) Emanuele Tesauro Alcesti o sia lrsquoamor sincero (Torino 1665 ldquotra-gedia musicalerdquo) Philippe Quinault Alceste ou le Triomphe drsquoAlcide (1674 musicata da Jean-Baptiste Lully) Pier Jacopo Martello Alceste (1709 1715) N Haym Admeto re di Tessaglia (Londra 1727 musicato da G F Haumlndel) Ranieri dersquo Calzabigi libretto per lrsquoAlkestis di Christoph Willibald Gluck (Vienna 1767) Christoph Martin Wieland Alcesti (singspiel musica di A Schweitzer Weimar 1773) Johann Gottfried Herder Admetusrsquo Haus oder der Tausch des Schicksals (1802) Vittorio Alfie-ri Alceste seconda (1798) lsquoIssachar Styrke Gentrsquo Euripidesrsquo Alcestis burlesqued (1816 parodia) Fran-cis Talfourd Alcestis the Original Strong-Minded Woman (1850 parodia) William Morris The Love of Alcestis in The Earthly Paradise (1868) Robert Browning Balaustionrsquos Adventure (1871) Rainer Maria Rilke Alkestis (Capri 7-10 febbraio 1907) Hugo von Hoffmannsthal Alkestis Ein Trauerspiel nach Euripides (1893-94 1911) Benito Peacuterez Galdoacutes Alceste (1914) T S Eliot The Coctail Party (1949) Marguerite Yourcenar Le mystegravere drsquoAlceste (1942 ma 1963) Theodore Morrison The Dream of Alce-stis (1950) Thornton Wilder The Alcestiad or a Life in the Sun (1955) 16 PADUANO 2004

Roberto Vianello

6

guamente coesistente con atteggiamenti piugrave nobili nella vicenda antica Egrave un fatto che fino alle soglie dellrsquoOttocento i nuovi interpreti della vicenda hanno cercato di ldquomigliorarerdquo Admeto ritenendo inadatto al loro pubblico ndash e alla bellezza della vicenda stessa ndash il ldquovampirismordquo di un uomo disposto al sacrificio della sua don-na e incapace di rispetto per chi lo ha generato Vanno in questo senso accorgi-menti caratteristici dei nuovi testi ispirati alla vicenda quali la sua iniziale ignoran-za delle scelte di Alcesti (Aureli 1664) la morte apparente dellrsquoeroina (Martello 1709) lrsquoinutile rifiuto di lui (Calzabigi 1767) la scelta del sacrificio per il bene su-periore della stirpe regale (Alfieri 1798) che nella rilettura finiscono in qualche modo per offuscare se non ridimensionare la grandezza della libera donazione di lei Anche lrsquoalterco col padre irrappresentabile viene eliminato e persino per il ri-fiuto di Ferete al figlio si invoca lrsquoattenuante dellrsquoaffetto ugualmente grande per la propria sposa (Alfieri) Narcotizzare le tensioni stridenti del testo euripideo sem-bra necessitagrave preliminare alla possibilitagrave stessa di guardare ancora a quella storia drsquoamore e sacrificio che si vuol comunque raccontare Si sceglie di censurare i ri-svolti piugrave ingrati della vicenda rinunciando implicitamente alla vita della quale dal loro collidere e cortocircuitare il dramma euripideo sembrerebbe tuttavia nu-trirsi

Non cosigrave le riscritture successive DallrsquoOttocento la ricezione dellrsquoAlcesti euri-pidea sembra orientarsi verso un Admeto meno innocente piugrave problematico vie-ne descritto il rapporto coniugale meno virtuosa la coscienza

La delimitazione imposta dal tema e dal contesto di oggi ci costringe inevita-bilmente solo a qualche riferimento a Ottocento e Novecento per il resto drsquoEuropa17 Accenneremo qui alla riscrittura di Browning e a quella della Yource-nar nelle quali la posizione di Admeto tende a risultare piugrave problematica e dub-bia In Browning il re di Fere viene giudicato infantile e solo attraverso la pena e la sofferenza perviene a un mutamento interiore capace di renderlo degno della restituzione della sposa18 LrsquoAdmeto della Yourcenar egrave un marito distratto e narci-sista un artista che egrave divenuto per Alcesti laquo un irriconoscibile estraneo raquo un uo-mo che lrsquoha fatta soffrire per il quale ha imparato a provare disgusto tra le in-comprensioni Un marito del cui palazzo Alcesti laquo non occupava che il giardino raquo che di notte tra una carezza e lrsquoaltra si alzava dal letto per andare a guardare le stelle laquo Io non ho mai saputo la tua idea delle stelle raquo ndash lo rimprovera la donna prima di morire opponendo con un certo rancore alle fantasie artistiche di lui la sua necessitagrave di pensare ad altro di badare al figliohellip E quando Ercole la riporta

17 Non ci risultano riscritture italiane di epoca ottocentesca 18 Non ci risultano edizioni italiane di Balaustionrsquos Adventure (v n 15) Rinviamo per esso ancora a SUSANETTI 2001 e PADUANO 2004 (in cui si possono leggere alcuni passi in lingua) ldquoFiore di Me-logranordquo giunta a Siracusa si impegna a recitare lrsquoAlcesti euripidea e ne fornisce una interessante lettura critica commentandone originalmente vari passaggi Ma propone poi una reinterpretazione radicale della storia che sottintende il suo giudizio negativo su Admeto il suo comportamento di-verragrave piugrave comprensibile alla luce del sogno condiviso con Alcesti di riportare sulla terra una nuova etagrave dellrsquooro

Alcesti nel Novecento letterario italiano

7

in vita vi ritorna con riluttanza negando di essersi sacrificata per lo sposo in re-altagrave ndash confessa ndash voleva morire19

La ricezione del Novecento italiano

Ma passiamo al Novecento italiano Vi troviamo ben quattro riletture del mi-to euripideo La prima egrave lrsquo Alcesti dai contenuti inopinati20 di Ettore Romagnoli pubblicata dal famoso grecista nei suoi Terzi drammi satireschi del 1922 La seconda egrave lrsquo Alcesti di Samuele di Alberto Savinio edita da Bompiani nel 1949 e messa in scena nel 1950 dal Piccolo Teatro di Milano21 Segue terza una incompiuta Alcesti di Corrado Alvaro anteriore al 1951 rimasta dattiloscritta e pubblicata solo nel 198322 Ultima infine ndash solo in ordine cronologico ndash Alcesti o La recita dellrsquoesilio di Giovanni Raboni edita da Garzanti nel 2002 e portata in scena per la prima volta nel 2004 ndash pochi mesi prima della scomparsa dellrsquoautore ndash dal Centro Teatrale Bresciano che ci ha cortesemente fornito un video dello spettacolo autorizzan-done la proiezione di qualche scena nel corso di questa lezione

Ci concentreremo oggi sulle Alcesti di Savinio e di Raboni Ci inducono a farlo ragioni di tempo e la possibilitagrave inattesa di vedere la resa teatrale di uno dei due pezzi Ma anche la genesi in qualche modo corrispondente dei due drammi con-cepiti allrsquoindomani del secondo grande conflitto il primo ndash e per cosigrave dire bilancio intellettuale di una stagione ndash un cinquantennio piugrave tardi lrsquoaltro ndash e dunque veri-fica di fine secolo delle speranze post-belliche Non ci verragrave crediamo imputata lrsquoincongruenza di inserire un testo del terzo millennio tra gli argomenti novecen-teschi di questo ciclo di conferenze Ci assolveranno dalla accusa di forzatura cronologica lrsquoideazione del dramma di Raboni che ha come verosimile terminus ante quem lrsquoaprile del primo anno del nuovo millennio23 Ma soprattutto il coinci-dere della sua realizzazione con gli ultimi atti letterari dellrsquoautore novecentesco e

19 Il mistero di Alcesti della Yourcenar (scritto nel 1942 ma pubblicato solo nel 1963) egrave ora fruibile in EURIPIDE E ALTRI 2006 Si vedano anche su di esso SUSANETTI 2001 TELOgrave 2004 PATTONI 2006 20 Admeto vi finge una falsa disperazione per la morte di Alcesti innamorato comrsquoegrave della sorella di lei con la quale potragrave finalmente essere felice dopo la morte della sposa Il ritorno dallrsquoAde lo sorprende proprio nei nuovi progetti per lrsquoavvenire 21 La si legga ora in SAVINIO 2007 SullrsquoAlcesti di Samuele cf CASCETTA 1995 22 La si legga in MORACE 1983 che ne segnala il terminus ante quem (p 732) Sul testo cf anche MORACE 2001 e LANGELLA 2004 Si tratta di una versione del mito ldquosecolarizzatardquo e ambientata nel mondo moderno sullo sfondo del secondo dopoguerra 23 Cf RABONI 2006 p CXXXVIII In unrsquointervista pubblicata su ldquoIl popolordquo del 20 febbraio 2002 Raboni dagrave per ultimata la sua Alcesti destinata ad andare in scena al Teatro Olimpico di Vi-cenza nellrsquoautunno dello stesso anno Lrsquointervista egrave ora in Internet allrsquoindirizzo wwwitalialibrinet La messa in scena non si realizzograve e la prima dellrsquoopera risultograve quella citata nel testo

Roberto Vianello

8

le parole stesse infine con cui Raboni ne parlograve pubblicamente in una lezione dal titolo ldquoAlcestirdquo e i disastri del Novecento24

LrsquoAlcesti di Savinio Andrea De Chirico fratello del piugrave noto Giorgio e noto al pubblico col nome

drsquoarte di Alberto Savinio richiede qualche parola di presentazione dato lo spazio contenuto di cui gode normalmente nei libri di testo in uso ai piugrave giovani tra il nostro pubblico Si tratta del resto di sorte comune alla maggior parte degli autori novecenteschi i manuali ne registrano i nomi insieme a sintesi minime di pensie-ro e scelte poetiche scegliendo la completezza informativa anzicheacute lrsquoapprofon-dimento caratteristico degli scrittori piugrave ldquocanonicirdquo Alla produzione teatrale di Savinio poi sono dedicate spesso solo poche righe (tre e mezza nellrsquoultimo libro di testo adottato qui al Classico)

Savinio egrave quel che si dice un artista eclettico Scrittore musicista pittore Lrsquoinfanzia in Grecia egrave per lui solo la condizione originaria di un percorso intellet-tuale compiuto nel corso di una vita errabonda in Europa Monaco Milano Fi-renze Parigi Ferrara Roma le tappe di un vagare che ne determina la prospettiva non provinciale ponendolo in relazione con le avanguardie culturali del primo Novecento Nietzsche e Schopenhauer con la musica gli oggetti di interesse della prima giovinezza Poi lrsquoincontro con lrsquoavanguardia artistica e letteraria a Parigi il sodalizio con Apollinaire il concerto ldquosinceristardquo nella sala delle ldquoSoireacutees de Pa-risrdquo25 E ancora i contatti con De Pisis e Carragrave lrsquoesperienza del Teatro Odescalchi a Roma insieme a Pirandello lrsquoinizio dellrsquoattivitagrave pittorica la collaborazione con riviste e quotidiani lrsquoinserimento unico italiano nellrsquoAntologia dello humour nero del surrealista Breton la collaborazione con la Scala di Milano26 Savinio evita il con-fronto col Fascismo impegnandosi solo dopo la sua caduta nella denuncia delle radici ideologiche e culturali del totalitarismo Esse affondano nelle passioni nellrsquoistinto nella vitalitagrave che determinano pesantemente lrsquouomo e le sue scelte Da essi puograve salvarlo solo la cultura intesa come civiltagrave come costruzione dellrsquouomo per lrsquouomo unico strumento in grado di riscattarne la storia27 Cittadi-no del mondo con lrsquoEllade nel DNA come si direbbe oggi per Savinio la cultura non puograve che autocomprendersi in relazione allrsquoAntico Atteggiamento che non va inteso come accettazione di un classicismo imbalsamato e anacronistico Il tempo dei miti egrave finito e lrsquoAntico appartiene alla coscienza della modernitagrave inquieta e 24 Per la trascrizione dellrsquointervento nella sede di Brescia dellrsquoUniversitagrave Cattolica (12 dicembre 2003) a cura di F Molinari cf RABONI 2004 La si legga ora anche nellrsquoapparato critico a cura di Rodolfo Zucco in RABONI 2006 pp 1776-1782 25 Il memorabile concerto di musica non armonica si tenne nel 1914 nella sede della rivista ldquoLes soireacutees de Parisrdquo di Apollinaire 26 Per maggiori notizie su Savinio basti qui rinviare a PIETROMARCHI 1986 e PEDULLAgrave 1991 Sulla vocazione europeistica di S v invece GUIDI 2006 27 Si veda per questi temi GUIDI 2006

Alcesti nel Novecento letterario italiano

9

priva di veritagrave condivisa solo per quel tanto che ci egrave dato di riconoscerne nel mondo drsquooggi Egrave vero che in vesti dimesse il mito egrave ancora presente tra noi Ri-conoscerlo permette di gettar luce sulla realtagrave La coscienza attenta dei moderni puograve trovare nellrsquoereditagrave dei classici un archivio di archetipi capaci di orientare alla comprensione delle cose Riconoscervi lrsquoultima metamorfosi di forme passate lrsquoultimo darsi sotto altra foggia di un nietzschiano eterno ritorno dellrsquoidentico puograve determinare laquonella realtagrave una irruzione di veritagraveraquo 28 fare del mito uno stru-mento conoscitivo privilegiato Si spiega in gran parte cosigrave lrsquoopera letteraria e pit-torica di Savinio29 nel suo accostare personaggi e situazioni del quotidiano a rico-nosciuti omologhi mitici Si tratta di una interazione nella quale a volte il quoti-diano puograve demitizzare ironicamente il leggendario per la sua evidente banalitagrave al-tre volte accade invece che i modelli paludati di un tempo rimitizzino la banalitagrave dellrsquoordinario per quel tanto di universale che se ne puograve riconoscere dietro il ri-dimensionamento alla misura dellrsquooggi

Il mito irrompe inaspettatamente ndash ed esemplarmente ndash nel vissuto di Savinio un giorno del rsquo42 in cui in qualitagrave di critico egli assiste a prove liriche al Teatro dellrsquoOpera di Roma30 Vi compare improvvisamente il dott Alfred Schlee della Universal Edition di Vienna31 Di lui Savinio giunge a conoscere lrsquoinaudito destino di vittima costretta dallrsquoinasprirsi delle leggi razziali a una scelta odiosa divorziare dalla moglie ebrea o perdere lrsquoincarico presso lrsquoeditrice musicale Il disumano aut aut istituito tra i valori piugrave costitutivi dellrsquouomo ndash lavoro e affetti familiari ndash basta di per seacute a fare dello Shlee un personaggio tragico Ben piugrave crudele tuttavia sco-pre Savinio la sorte di quellrsquouomo ormai privo di una sposa che per non intral-ciarne la carriera ha scelto di togliersi la vita

Ecco il mito tra noi Ecco tra noi una nuova Alcesti la donna che rinuncia al-la vita per lo sposo nel cuore del XX secolo laquoAlcesti egrave rinataraquo ndash diragrave il personag-gio dellrsquoAutore nel dramma che Savinio pubblicheragrave di ligrave a qualche anno32 ndash laquoAl-

28 CASCETTA 1995 p 1407 Senza ambizione di completezza rimandiamo per il mito e il mondo classico in Savinio a RAGNI 2002 e USAI 2005 29 Si pensi per citare qualche esempio a titoli saviniani come Hermaphrodito (1918) o Capitano Ulisse (1934) o a opere pittoriche quali il fatuo Apollo del 1931 (con la testa drsquoanitra e il busto sopra un capitello ionico) il Colloquio - Oreste e Pilade del rsquo32 (in cui i due amici sono ritratti su basamenti che paiono immobilizzarli) Il ritorno di Ulisse del rsquo33 (in cui un soggetto nientrsquoaffatto eroico porta in testa un moderno cappello di paglia) Mademoiselle Centaure del rsquo46 (un vanitoso individuo fem-minile dalla duplice natura ostenta un cappellino alla moda in riva al mare) Per lrsquoopera pittorica di Savinio si consulti VIVARELLI 1996 30 Sulla vicenda cf SAVINIO 2007 pp 304 ss 31 Il nome dello Schlee che operograve in circostanze storiche difficili nella sede viennese della editrice musicale fino al 1945 compare nella storia della Compagnia tuttora attiva allrsquoindirizzo Internet wwwuniversaleditioncom (v anche la versione inglese) 32 SAVINIO 2007 p 26 Drsquoora in poi si faragrave riferimento tra parentesi alla numerazione di pagina di questa edizione

Roberto Vianello

10

cesti non egrave un individuo ma una specie Conoscevamo Alcesti di Pelia ora cono-sciamo Alcesti [hellip] di Samueleraquo (p 45)33

La creativitagrave di Savinio sensibile come srsquoegrave detto alle occorrenze del mito nel quotidiano lo spinge a lavorare su questo spunto di vita vissuta fino a pubblicare nel 1949 presso Bompiani il dramma in prosa Alcesti di Samuele che verragrave portato in scena lrsquoanno successivo dal ldquoPiccolo Teatro di Milanordquo per la regia di Giorgio Strehler34 Saragrave un fiasco La trasformazione che la vicenda della moderna Alcesti ha subito nel suo farsi testo da recitare il linguaggio teatrale scelto dallrsquoautore ne faranno qualcosa di sgradito a critici e spettatori Verbositagrave divagazioni disarmo-nie moduli da avanguardia col pessimismo e il nichilismo che vi traspaiono ne faranno qualcosa di lontano per ragioni diverse dalle attese del pubblico35

La vicenda srsquoegrave detto passando dalla vita alla letteratura si egrave trasformata Il dott Shlee egrave diventato il dott Paul Goerz direttore della Musikalische Ausgaben di Monaco Alcesti egrave Teresa Goerz figlia di Samuele moglie ebrea di Paul Il te-sto prevede lrsquoentrata degli spettatori e di un Autore prima che si apra il sipario LrsquoAutore anticipa ai presenti che Goerz egrave a Roma percheacute neanche la vicenda della sua Alcesti puograve risolversi senza lrsquointervento di Ercole

Si apre il sipario Sulla scena un telefono dieci volte piugrave grande del normale attira su di seacute lrsquoattenzione degli spettatori Il ricevitore abbandonato oscilla a pendolo Una voce ripete insistentemente e minacciosamente laquoIl dott Goerz su-bito al Ministeroraquo (p 30) Ai lati della scena due sagome in poltrona i ritratti di Padre e Madre seduti e destinati ad animarsi nel corso del dramma Teresa non crsquoegrave La servitugrave e i figli sanno che ha fatto delle telefonate nellrsquoassenza del marito Paul comrsquoegrave evidente dalle parole dellrsquoAltoparlante si egrave recato al Ministero ove egrave stato costretto alla dolorosa scelta tra la sposa e il lavoro Al suo ritorno vorrebbe dirle che ha scelto lei coraggiosamente e fedelmente Ma Teresa non egrave in casa La chiama ripetutamente salendo sul proscenio Poi allrsquoimprovviso si spengono le luci Il nome di lei riecheggia nel buio Quando la luce torna in luogo del telefono si vede un ritratto della donna a grandezza naturale Ai piedi del ritratto una lette-ra lrsquoaddio di Teresa allo sposo e le ragioni del suo irreparabile gesto

Lascio questa lettera ai piedi del mio ritratto Cosigrave mentre tu leggerai [] ti sembreragrave udi-re la mia voce [] La telefonata di stamattina io lrsquoaspettavo Ero una cacciatrice in agguato Sapevo che la tigre sarebbe venuta E per divorare te mio povero Paul Colpa mia del resto Era giusto che provvedessi io stessa a cacciare la tigre Tante volte tu hai difeso me Tu e io as-sieme non abbiamo sempre sostenuto la paritagrave dei diritti tra uomo e donna La moglie a sua

33 Samuele come si comprende egrave il nome ebreo del padre della nuova Alcesti 34 Alcune immagini dellrsquoevento teatrale nellrsquoArchivio multimediale del sito Internet del ldquoPiccolordquo Scenografia e costumi furono a cura dello stesso Savinio Tra gli attori ivi ritratti Lilla Brignone Piero Carnabuci Camillo Pilotto Diego Parravicini Mario Feliciani Alberto Marcheacute 35 Anche per questo il ldquoPiccolordquo percorreragrave presto altre strade rileva il citato CASCETTA 1995 p 1442

Alcesti nel Novecento letterario italiano

11

volta deve difendere il marito Quale migliore occasione di questa Quando tu leggerai questa lettera io sarograve lontana Molto lontana (p 44 s)36

Teresa-Alcesti illustra il suo gesto a un Paul-Admeto lasciato per cosigrave dire fuori dal gioco Incolpevole E tuttavia non proprio completamente ldquoinnocen-terdquo37

Mi serviva una via drsquouscita Ho scelto il fiume Quale via migliore Quando eravamo fi-

danzati tante volte [] siamo andati a guardare assieme questo nostro fiume di sera dal pa-

36 Il presente testo di Savinio come i seguenti egrave stato videoproiettato e letto da chi scrive nel cor-so della lezione 37 LrsquoAdmeto di Savinio sembra avere qualcosa in comune con lrsquoAdmeto della Yourcenar di cui si diceva piugrave sopra Non risultano tuttavia rapporti diretti tra le due opere (cf PATTONI 2004 p 292 n 44)

Paul (Piero Carnabuci) legge la lettera davanti al ritratto di Teresa (Lilla Brignone)

Archivio Piccolo Teatro di Milano

Roberto Vianello

12

rapetto del ponte Massimiliano Poi ci siamo sposati [] non siamo piugrave andati a guardarlo Che peccato Che peccato questo invadente burocratismo del matrimonio Io perograve qualche volta sono tornata da sola a guardare il fiume Non te ne ho mai parlato Mi avresti detto che sono bambinate Noi donne siamo conservatrici hellip Meno di voi accaparrate dallrsquoavvenire Ci piace conservare gli oggetti i ricordi i luoghi implicati in qualche nostro momento di felicitagrave E non amiamo il mutamento Che impressione strana ndash non avertene a male ndash che impressione di ldquoperditardquo al ritorno da quelle mie visite solitarie al fiume ritrovare qui a casa il te di ora dopo il te di allora lasciato poco prima sul parapetto del ponte Massimiliano Ci so-no alcune sottili varianti del tradimento che la legge sullrsquoadulterio non contempla ma alle quali il nostro animo non rimane indifferente Da qualche tempo in qua le mie visite al fiume erano piugrave frequenti Tu hai giagrave capito Non per rievocare una felicitagrave perduta ma per cercare un ami-co un alleato Il suo movimento instancabile mrsquoispirava fiducia Rispondeva a un mio desiderio sempre piugrave urgente Questa cittagrave nella quale noi viviamo egrave soffocata dalla terra Terra da o-gni parte Terra terra [] La terra stringe tuttrsquointorno questo paese lo strozza lo porta allrsquoisterismo e alla pazzia [] Con quale altro mezzo andarmene da qui Percheacute andarmene bisogna Se no egrave la morte per me e anche per te mio povero Paul - mio po-vero ldquoinnocenterdquo [] Quando tu avrai finito di leggere questa lettera io avrograve raggiunto finalmente quello che ho sempre desiderato [] la [] Libertagrave [] Tengo a chiarire la mia si-tuazione io non sono una donna che si ammazza sono una donna che ldquolibera se stessardquo che ldquosalva se stessardquo (pp 46 ss)

Una voce femminile annuncia che crsquoegrave un poscritto egrave il ritratto che srsquoegrave animato surrealisticamente e terminando la lettura comunica la consapevolezza della mo-derna Alcesti dellrsquounicitagrave del suo gesto in cui egrave certa di poter pienamente realizza-re se stessa

Io lo sai non sono donna da contentarmi del marito della casa dei figli Io volevo far qualcosa di mio di proprio Te lo dicevo sempre Non sapevo cosa Tu mi pigliavi in giro La sorte mi ha favorita Ecco che anchrsquoio ho trovato una cosa da fare Una cosa laquo mia raquo E che cosa Cara mi costa [] Questo mio capolavoro per di piugrave non rimarragrave sconosciuto Perciograve Paul stattene lontano Non venire Non venire Me eroina la tua sola presenza tornerebbe a fare di me uno straccio di donnetta E io non voglio non fosse che per far dispetto a voi uomi-nihellip Una parola allrsquoorecchio in questo mio sublime sacrificio non riesco a determinare quanto crsquoegrave di eroismo e quanto di vanitagrave (pp 60 s) Nella giustificazione del gesto della nuova Alcesti percepiamo risonanze di

una sensibilitagrave ovviamente moderna e la rivendicazione di una dignitagrave di genere propria delle stagioni piugrave recenti delle societagrave occidentali Tratti come questi non possono certo stupirci scontatamente necessari come sono al personaggio Se la nostra eroina egrave solo uno degli individui in cui la specie Alcesti srsquoegrave riprodotta nella storia deve mostrare specificitagrave sue particolari lati di unrsquoidentitagrave ldquoda secolo bre-verdquo Si potragrave semmai ndash rispetto alle scelte dellrsquoautore ndash chiedere criticamente fino a che punto possa darsi unrsquoAlcesti moderna non tanto nel suo affacciarsi alla sto-ria nella riconoscibile somiglianza di una situazione quanto piuttosto nel suo cor-rispondere effettivamente ai tratti caratteristici della specie di cui essa sarebbe in-

Alcesti nel Novecento letterario italiano

13

dividuo E porre conseguentemente una questione riconducibile alla precedente domandando a unrsquoAlcesti novecentesca si addice un ritorno dai morti Quale spazio nellrsquoetagrave della scienza e del disinganno per ciograve che inspiegabilmente Plato-ne non problematizzava ma la lucida ragione dello stesso Euripide egrave sembrata a taluni implicitamente rifiutare38 Prenderemo in considerazione prima la seconda questione constatando che Savinio non sceglie di percorrere lrsquoitinerario ldquopiugrave ve-rosimilerdquo di un mancato ritorno come pure sappiamo si fece nellrsquoantichitagrave39 Per lrsquoAlcesti moderna a giudizio di Savinio un ritorno egrave possibile almeno nella fin-zione teatrale Percheacute il teatro egrave il luogo laquoche corregge quello che egrave sbagliato completa quello che egrave incompleto Il teatro egrave come i sogni I sogni attuano quello che da svegli non possiamo attuareraquo (p 78) Questo proclama solennemente il personaggio dellrsquoAutore allrsquoErcole moderno a cui Savinio affida lrsquoimpresa di ri-portare nel mondo Teresa-Alcesti E si tratteragrave di un duplice indennizzo Percheacute se Teresa potragrave tornare anche il nuovo Ercole troveragrave nellrsquoimpresa una personale compensazione agli oltraggi della sorte Soltanto al termine amaramente com-prenderemo in che modo saragrave stata fatta laquopiugrave viva la vitaraquo

Ai tempi del secondo grande conflitto lrsquounica figura storica immaginabile in veste drsquoeroe egrave il vincitore morale della guerra colui che ha saputo ripulire il mon-do dallrsquoidra del totalitarismo Egrave il presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Ro-osvelt che la morte ha ingiustamente tolto di scena prima che potesse terminare la guerra ma a cui il teatro che completa quel che la vita ha lasciato incompleto concede la chance di unrsquoultima grande impresa

Lrsquoex Presidente entra in sala al suono drsquouna marcia militare con lrsquoaspetto di un busto poggiante su piedistallo che si scopre poi nascondere un locomotore di cui lrsquoeroe dimezzato si serve per raggiungere il palcoscenico La trovata che assi-mila il personaggio a talune immagini del Savinio pittore40 non egrave il solo mezzo ri-servato a quello che sembra un ridimensionamento inspiegabile Anche un lungo scambio di battute ora pedanti ora polemiche apparentemente fuorvianti mira a realizzare almeno sotto il profilo ideologico una dissacrante relativizzazione dellrsquoeroe uno dei tanti laquouomini forti onesti e soprattutto ottusiraquo adibiti a laquogrossi e periodici lavori di pulitura del mondoraquo (p 95) A questo simbolo dellrsquoottimismo che non sa bene se egrave giagrave morto o egrave ancora vivo che da Americano crede a tutto e non ha idee personali a questo laquoeroe moralistaraquo (p 92) simbolo della democra-zia e del liberalismo egrave affidato il compito che fu dellrsquoEracle euripideo dovragrave ri-portare in vita la vittima del razzismo nazionalsocialista Con quali risultati ve-dremo

38 Cf n 10 39 Egrave noto che lrsquoeroina non ritorna in vita nellrsquoAlcestis Barcinonensis ma gli esametri pervenuti regi-strano quale ultimo atto della vicenda le sconsolate parole di Alcesti laquoConiux dulcissime coniux [hellip] rapior venit mors ultima venit infernusque deus claudet lsaquo iam rsaquo membra soporeraquo 40 Cf la nota 29

Roberto Vianello

14

Quando il sipario si riapre Roosvelt sta scendendo nel Kursaal dei morti un Aldilagrave irriconoscibile In questa sorta di clinica i morti siedono in attesa di dimen-ticare fino a non esser piugrave fino a finire di morire In una interazione da teatro moderno egrave il pubblico a impersonare il ruolo dei morti Roosvelt si intrattiene con un Direttore invisibile di cui si percepisce la presenza unicamente dalla voce e dai movimenti di una seggiola e di un registro che bisogna immaginare toccati da lui41 La voce del Direttore spiega che nel Kursaal trovano posto quanti non riescono a morire fincheacute nel mondo resta ancora traccia di loro Si tratta di morti illustri che aspirano ora solo allrsquoindifferenza desiderano lrsquoannientamento della lo-ro individualitagrave Gli altri quelli che in vita sembrano vivi ma non sono piugrave vivi dei morti passano e nessuno se ne accorge neacute durante la vita neacute dopo La perma-nenza nella laquoclinicaraquo (p 128) egrave proporzionale alla compattezza della personalitagrave e 41 Vorremmo poter affermare che questo Direttore di Savinio come lrsquointera situazione del Kursaal abbia svolto un qualche ruolo nella immaginazione di Dino Buzzati presente alla prima dello spettacolo e tra i pochi favorevoli al lavoro (CASCETTA 1995 pp 1440 n 87 1441) Ha qualcosa del Direttore del Kursaal infatti il Diavolo-Giacca che nel buzzatiano Poema a fumetti del 1969 sovrintende incorporeo a un Aldilagrave altrettanto sorprendente e straniante

LrsquoAutore (Mario Feliciani) e Roosvelt (Camillo Pilotto)

Archivio Piccolo Teatro di Milano

Alcesti nel Novecento letterario italiano

15

quindi al ricordo che resta tra i vivi Una silenziosa concentrazione aiuta il laquorias-sorbimentoraquo (p 127) Siedono tra questi morti alcuni grandi della storia e alcuni grandi della poesia Rimbaud egrave piugrave lento di Aleardi nel suo percorso verso lrsquoannichilimento I posti di Carducci e Pascoli sono giagrave vuoti Omero invece resi-ste da tremila anni lo laquochiamanoraquo (p 132) troppo dal mondo dei vivi Anche lrsquoAlighieri egrave uno degli ospiti laquopiugrave duriraquo (p 136)

I morti coprono Roosvelt di improperi per il turbamento dellrsquoatarassia da loro cercata e da lui alterata nella pretesa di riportare in vita Teresa Goerz Pregano il Direttore di lasciarlo fare per aver finalmente pace E finalmente laquoun grido di na-scitaraquo o laquodi agonia ldquoinvertitardquoraquo (p 144) annuncia che Teresa sta per tornare tra i vivi Il sipario si chiude La sala del teatro si illumina LrsquoAutore afferra il sipario e lo riapre Teresa torna attraverso il suo ritratto ride sommessamente e chiede percheacute la si voglia vedere lei che egrave laquoil vomito che la Morte rigetta sui viviraquo (p 166) Le sue parole raggelano e non sembrano affatto corrispondere al ruolo di nuova Alcesti che srsquoegrave immaginato ella possa avere Forse il ritorno dai morti egrave possibile nel teatro di Savinio ma non egrave detto che esso corrisponda alle nostre attese E il personaggio dellrsquoAutore osserva che Alcesti rediviva dovrebbe rimet-tere le cose come stavano prima mentre Teresa-Alcesti laquorovescia la parte tradisce lrsquoaspettativaraquo (p 167)

LrsquoAlcesti moderna egrave morta laquoper volontagrave di essereraquo confessa per poter laquofar brilla-re se stessa nella vitaraquo proprio in contrasto con lrsquo laquoasfissia dellrsquoessere che sono i re-gimi totalitariraquo (p 168)42 Ma il suo gesto laquodi vitaraquo sembra aver perso ogni valore per lei Non si tratta di rimpianto per la vita perduta che ella non puograve piugrave amare Teresa non egrave tornata per merito del nuovo Ercole che ha creduto di laquoconciliare morte e vitaraquo (p 176) cosigrave come si egrave illuso di portare pace agli uomini con la sua guerra Ella non egrave tornata per ricominciare la sua vita tra i vivi Troppa differenza la separa ormai da loro egrave altra la sua conoscenza altra la sua sapienza E non egrave tornata solahellip Lrsquoha preceduta la Signora del Profondo lrsquoImmortale la Morte de-terminata a punire lrsquoorrendo delitto di averla riportata in vita Roosvelt cade allrsquoimprovviso lungo disteso Anche Goerz si distende morto E Teresa ignoran-done il cadavere si precipita ad abbracciare ciograve che del suo amato Paul egrave ora in-visibile al pubblico di fronte a lei per proclamargli la sua nuova veritagrave

Ora ti posso dir tutto [hellip] Gli uomini fino a un certo punto percorrono un cammino di vita e vivere egrave la meta del loro cammino Gli uomini allora sono figli [hellip] Ma a partire da quel punto la meta del cammino della vita non egrave piugrave la vita egrave la morte [hellip] Gli uomini allo-ra sono genitori Noi allora [hellip] ci accorgiamo [hellip] che il nostro tempo si abbrevia sempre piugrave Questo il meccanismo di quella vita dalla quale e tu e io siamo usciti Questo il suo dare e il suo avere Questo il suo bilancio [hellip] La vita ricordi egrave rotta tratto tratto da schermi che in-tercettano la visuale Uno di questi sono i figli [hellip] Dolce follia per la nascita di Ghita io sen-tii poi per quella di Claus e le cure per allevare i nostri figli non me le sono risparmiate Ep-pure non so [hellip] io di lagrave dalla dolce follia di lagrave dalle cure vidi distintamente in fondo alla

42 Se lrsquoautore ha pensato in questo luogo al famoso Epitafio di Sicilo ( Ὅσον ζῇς φαίνου ) bisogneragrave at-tribuirgli una specifica volontagrave di dotare la moderna Alcesti di una weltanschauung ldquoellenicardquo

Roberto Vianello

16

mia strada la luce della vita tramontare e sorgere lombra della morte Spaventata Preoccupa-ta No Contenta Profondamente contenta Come della sola veritagrave intravista [hellip] Capisci ora come ben preparata io ero alla morte Capisci ora percheacute la morte non era per me quella spaventosa sorpresa che egrave per altri Capisci ora percheacute io non solo non temevo la morte ma la sentivo come il mio vero destino E quei lagrave credevano spaventarmi imponendomi la morte come un patto ndash come una punizione Imbecilli Paul io mi uccisi per liberare te dalla trappola che quegli imbecilli ti avevano teso Ma questa egrave la versione ufficiale La ragione vera e che ora nella nostra piena identitagrave non ho piugrave motivo di nasconderti egrave che io mi uccisi per affrettare il destino per impazienza della promessa [hellip] In quellaltro mondo ho dato la vi-ta ai miei figli in questa vita do la vita a te Ho attuato la piugrave segreta e assieme la piugrave grande aspirazione della donna essere la sposa e assieme la madre delluomo amato [hellip] Questa immagine di donna viva che ho dovuto indossare prima di venire qui ora prima di an-darmene me la toglierograve di dosso e la lascerograve al suo solito posto Come richiudere dietro a me il muro che ho abbattuto per entrare Tra noi e loro ogni comunicazione saragrave rotta [hellip] Eccomi pronta E tu Ti parragrave di aver traversato una gola Lunghissima e stretta Buia e irta di macigni E finalmente uscire sul mare Su un mare libero infinito Paul Questa libertagrave questo infinito sono io che te li do Vedrai quando ci lasceremo alle spalle la gola buia e stretta la gola irta di macigni tutto lassurdo che i vivi accumulano roccia su roccia assurdo su assurdo [hellip] Ti parragrave di aver attraversato un corridoio Un corridoio molto lungo e mol-to stretto Un corridoio tanto lungo e tanto stretto quanto lunga e quanto stretta egrave stata la tua vita Un corridoio buio Un corridoio sotterraneo [hellip] Un corridoio pieno di armadi di casse di scatole Tanti armadi tante casse tante scatole Pesanti Inamovibili [hellip] Armadi casse scatole piene di roba Che roba Non si sa Nessuno lo sa E ti tocca arrampicarti scavalcare andar carponi passar sotto passar di lato tirandoti dentro la pancia e spingere sollevare e andare andare andare affannato disperato e il corpo pesa e duole e lanima pesa e duole e sempre sudore saliva e pianto giugrave dalla faccia e la paura la paura la paura e volere vo-lere volere non riuscire mai a laquo non volere raquo e questo corridoio che non parla ma tu senti lo stesso che dice laquo no no no raquo E sempre armadi sempre casse sempre scatole Piene di tutto lassurdo di tutta langoscia che gli uomini questi mangiatori dassurdo questi divoratori dangoscia hanno accumulato per secoli e secoli e secoli [hellip] Vedrai quando davanti a noi si apriragrave Che cosa Non so Parliamo ancora una lingua che ormai non serve Dobbiamo dimenticare prima di tutto i significati I significati passati Gli ultimi significati Capovolgerli non basta Dimenticarli Cancellarceli da dosso Che posso dirti Nulla No Tutto Nemmeno E allora Dimentica Paul e sii pronto Ti farograve da madrina Ti presenterograve al nostro direttore Ti raccomanderograve Lo pregherograve di favorirci Di aiutarci a far presto Sai Io laggiugrave ti ho aspettato Quale piugrave grande prova damore Non sono morta per aspettarti An-che se la vostra volontagrave di riavermi quassugrave non avesse fermato laggiugrave il compimento della mia morte io egualmente mi sarei trattenuta di morire ndash per aspettare te Ora egrave passata Risolve-remo presto Che ci trattiene piugrave [hellip] Entreremo nella suprema felicitagrave Pensa Non individui piugrave sciolti nel nulla ndash nel tutto Una parola ancora Lultima In questa lingua che stiamo per abbandonare Ascolta Nascere egrave un atto individuale morire egrave un atto universale Il laquo nostro raquo atto universale Il solo nostro atto universale Questo il grande se-greto della morte Questo il suo immenso bene Vieni Paul [hellip] Sposa tua e madre apro a te luniverso (pp 183-189) Ci chiedevamo prima se la somiglianza della situazione vissuta implicasse ipso

facto la corrispondenza piena tra i tratti costitutivi della nuova eroina e quelli del

Alcesti nel Novecento letterario italiano

17

suo archetipo Bisogneragrave rispondere di no43 Millenni di storia lrsquoesperienza di quella recente ndash dei due grandi conflitti delle delusioni a essi conseguenti delle atrocitagrave e del dolore generale ndash hanno evidentemente lasciato il segno E lunga sullrsquoorizzonte di questo mondo si proietta lrsquoombra del nulla della mancanza di senso dellrsquoassurditagrave del vivere LrsquoAlcesti del Novecento egrave deformata nella sua fi-sionomia dalle conseguenze di una storia che il pensiero stenta a comprendere come razionale o teleologicamente orientata Alcesti di Samuele egrave emblema del destino di un popolo ingiustamente e irragionevolmente sospinto nellrsquoanni-chilimento Egrave forse allegoria di una Europa soggiogata dal totalitarismo e biso-gnosa dello spirito americano per riscattarsi dalla morte44 Egrave soprattutto per chi sappia prescindere dalla contingenza storica rivelatrice di una veritagrave piugrave radicale e universale La morte ha confermato a Teresa una terribile veritagrave giagrave intravvista nel trascorrere della vita Ha squarciato definitivamente per lei una cortina oltre la quale aveva da tempo iniziato a guardare quel velo che secondo certa filosofia ricopre di illusioni lrsquounica indiscutibile veritagrave del mondo il suo essere cieca irra-zionale volontagrave incapace drsquoappagamento e svincolata da qualsiasi morale Le pa-role evidenziate sopra nel testo dichiarano esplicitamente lrsquoascendenza schopen-haueriana di questa visione fatta propria nelle premesse come nelle conclusioni

Come appaiono false assurde alla nuova Alcesti le aspirazioni degli uomini Il suo stesso suicidio egrave stato in fondo un errore tanto piugrave imperdonabile quanto piugrave ha finito per riaffermare un bene ndash quello della vita ndash che dalla prospettiva di quanti ldquonon sono nullardquo 45 si rivela affatto inconsistente nonostante tutta la fati-ca la paura lrsquoangoscia che i vivi finiscono per accumularvi ostacoli e ostacoli su un percorso fatto di assurdo Ma Teresa egrave morta per liberare Paul dalle trappole di questa vita non solo da quella del totalitarismo ha scelto di non essere per af-frettare per lui il disvelamento della veritagrave e dare allrsquoamato la libertagrave quella che consiste nellrsquoannullamento della volontagrave nello scioglimento nel nulla Teresa non egrave lrsquoἀρίστη la cui φιλία viene ricompensata col ritorno allo sposo nel mondo dei vivi Ella egrave una Alcesti alla rovescia che non rimpiange la vita bella sotto la luce del sole Maestra di unrsquoopposta comprensione del mondo sacerdotessa della No-luntas vuole lo sposo con seacute nella felicitagrave di un Nirvana si fa guida dellrsquoamato ndash sorta di antiBeatrice ndash nella dimensione in cui lrsquoindividuo e la sua volontagrave non sono piugrave46 Il suo amore per lo sposo non egrave inferiore a quello dellrsquoantica eroina Questa perograve sceglieva di non essere per donare la vita allrsquoamato ella invece sceglie di non essere per indicare allrsquoamato nellrsquoannullamento totale la suprema felicitagrave ed entrarvi con lui

43 laquoAlcesti non egrave piugrave Alcesti [hellip] Meglio se rimaneva dove stavaraquo proclama il personaggio dellrsquoAutore (SAVINIO 2007 p 167) 44 CASCETTA 1995 p 1418 s 45 laquo ἐν τοῖς οὐκέτrsquo οὖσι λέξοmicroαι raquo (v 322) laquo oὐδέν ἐσθrsquo ὁ κατθανών raquo (v 381) cosigrave si riferisce ai morti lrsquoAlcesti di Euripide 46 Cf CASCETTA 1995 p 1424

Roberto Vianello

18

laquoLa civiltagrave egrave un gioco una distrazione il modo piugrave efficace che noi abbiamo di allontanare dalla nostra mente il pensiero della morteraquo ha scritto qualche tem-po prima Savinio riprendendo forse un Leopardi divenuto straordinariamente at-tuale e riscoperto da due decenni dagli amici de ldquoLa Rondardquo 47 Ma il pensiero del-la morte non puograve piugrave turbare chi della morte non ha piugrave paura ma ha riconosciu-to anzi in essa lrsquounica veritagrave che non chiede piugrave di essere esorcizzata dal gioco di-straente di una coscienza altrimenti disperata LrsquoAlcesti del Novecento egrave lrsquoeroina della negazione di ciograve che lrsquo amor sui del vivente ha creato

LrsquoAlcesti di Raboni

Passiamo a Raboni una delle individualitagrave artistiche piugrave interessanti di fine Novecento spentasi il 16 settembre 2004 Poeta saggista traduttore critico lette-rario e critico teatrale del ldquoCorriere della serardquo I piugrave attenti tra i presenti ricorde-ranno probabilmente le sue apparizioni televisive48 Mondadori ha raccolto in un Meridiano uscito nel 2006 la sua ldquoopera poeticardquo riunendovi con scritti critici sulla poesia e traduzioni poetiche i versi in proprio tra i quali anche il testo di cui ci occupiamo oggi49

Nato a Milano nel rsquo32 Raboni egrave stato ascritto alla cosiddetta linea lombarda della poesia del secolo scorso50 Una scelta delle sue liriche egrave stata significativa-

47 In Dico a te Clio del 1940 ora in SAVINIO 1992 p 88 Lrsquoaffermazione ricorda da vicino (con una coincidenza lessicale) il noto pensiero leopardiano sullrsquoincapacitagrave della ragione di darci la feli-citagrave laquohellipchi si fissasse nella considerazione e nel sentimento continuo del nulla verissimo e certis-simo delle cose [hellip] sarebbe pazzo assolutamente e per ciograve solo giaccheacute volendosi governare se-condo questo incontrastabile principio ognuno vede quali sarebbero le sue operazioni E pure egrave certissimo che tutto quel che facciamo lo facciamo in forza di una distrazione e di una dimentican-za la quale egrave contraria direttamente alla ragione E tuttavia quella sarebbe una verissima pazzia ma la pazzia piugrave ragionevole della terra anzi la sola cosa ragionevole e la sola intera e continua sa-viezza dove le altre non sono se non per intervalliraquo (Zib 103-104) Si veda sul tema RIGONI 1985 111 ss Per lrsquoaffinitagrave di pensiero tra Leopardi e Schopenhauer basti ricordare il citatissimo desan-ctisiano Dialogo tra A e D oggi in DE SANCTIS 1995 (rintracciabile anche allrsquoindirizzo Internet wwwliberliberit) Per la ldquoriscopertardquo del Leopardi da parte degli intellettuali de ldquoLa Rondardquo e di Vincenzo Cardarelli cf CARDARELLI 1981 passim (in particolare pp 721 ss) e CARDARELLI 1985 48 Ne segnaliamo una a ldquoMixer culturardquo su RaiTre (15 febbraio 1988) con Carmelo Bene visualiz-zabile allrsquoindirizzo Internet wwwyoutubecomwatchv=HNFD_Ha58-s In RAI Raboni colla-borograve alla redazione della rubrica televisiva Tuttilibri di Giulio Nascimbeni e condusse una rubrica radiofonica di letteratura e arti (cf RABONI 2006 p XCVII) 49 RABONI 2006 pp 1255 ss Il volume a cura di Rodolfo Zucco offre una Introduzione e una Cro-nologia utili per inquadrare scelte di poetica e rete relazionale dellrsquoAutore Per una prima informa-zione su Raboni (con la possibilitagrave di ascoltarne la voce) si visiti il sito web ufficiale disponibile dal 2007 allrsquoindirizzo wwwgiovanniraboniit 50 La formula risale allrsquoomonima antologia uscita nel rsquo52 per cura di Luciano Anceschi Critica-mente generica si egrave consolidata nel tempo includendovi nomi di autori lombardi per nascita o adozione di generazione piugrave recente per identificare una poesia di attenzione alle cose e portatrice di una vocazione morale Cf RABONI 1987 pp 215-216

Alcesti nel Novecento letterario italiano

19

mente ospitata nel volume Poeti italiani del Novecento di Pier Vincenzo Mengaldo convinto sostenitore del suo valore poetico51 laquoPoeta di cittagraveraquo lo ha definito Zan-zotto laquoanzi di una cittagrave Milano profondamente amata anche se ritratta nei suoi momenti di squallore fin entro la cronaca neraraquo Ma anche laquonaturaliter poeta civi-leraquo portatore di unrsquo laquoetica della responsabilitagrave e del civismoraquo52 lombardo appunto ndash diremmo ndash per quel tanto di istanza etica in poesia che il termine puograve implicare sulla scia di Parini Manzoni Rebora Per Raboni la poesia egrave laquovalore che non si esaurisce in se stesso che non esclude lrsquoimportanza dellrsquoaltro della realtagrave di tutto ciograve che la realtagrave contiene e proponeraquo53 laquoI temi dellrsquoingiustizia della persecuzione del processo iniquo dellrsquoinnocenza ingiustamente perseguitata e punita lrsquoimmagine esplicita o implicita della cittagrave come teatro della peste come conteni-tore di ogni possibile contagio fisico e moraleraquo54 sono i temi di confessata ascen-denza manzoniana che attraversano lrsquointera sua poesia dai Gesta Romanorum rac-colta drsquoesordio55 fino agli Ultimi versi pubblicati postumi passando per le molte raccolte date alla luce56 laquoRimpiazzare il fantasma della poesia con la poesia in carne ossaraquo57 invece il suo programma poetico alla ricerca di laquoqualcosa di possi-bile cioegrave una poesia impura e al limite impoetica infinitamente inclusiva capace di compromettersi con la realtagraveraquo58 Una poesia in progressivo abbandono dellrsquoin-fluenza dei contemporanei ldquocanonicirdquo e attratta dai Sereni Betocchi Luzi ndash ama-ti fin dagli ultimi mesi di guerra quando sfollato da Milano per i bombardamenti del rsquo42 ne trovava le raccolte iniziali in una libreria di Varese ndash e provocata dagli esempi stranieri di un Eliot e di un Pound

Le esigenze odierne ci impediscono di aggiungere molto altro allrsquoesile abboz-zo sin qui condotto Come ci impediscono di gettare lo sguardo su una biografia 51 Cf MENGALDO 1978 Mengaldo introducendo MAGRO 2008 scrive laquoPer me non crsquoegrave dubbio che Giovanni Raboni assieme al grande dialettale Raffaello Baldini egrave stato il poeta di piugrave alto rango in Italia nei decenni piugrave recentiraquo (p 7) Lrsquointroduzione egrave apparsa sul ldquoCorriere della serardquo lrsquo8 Luglio 2008 Su Raboni critico si veda anche MENGALDO 1998 52 A ZANZOTTO Per Giovanni Raboni in RABONI 2006 pp XI ss p XI 53 Cosigrave RABONI 1992 Ora in RABONI 2006 p XCIII Sui termini di accettazione da parte di R dellrsquoappartenenza alla linea lombarda cf ibidem pp CXXXIII-CXXXIV 54 Cosigrave lrsquoautore in Raboni Manzoni Roma Il Ventaglio 1985 pp 19-20 Ora in RABONI 2006 p 1422

55 Raccolta di versi con cui R partecipograve nel 1953 al premio di poesia ldquoIncontri della Gioventugraverdquo ri-sultandone vincitore La raccolta non fu mai pubblicata e alcuni dei testi che la componevano ap-parvero su rivista in appendice a Le case della Vetra nella plaquette fuori commercio dal titolo omo-nimo apparsa nel 1967 La si veda ora in RABONI 2006 56 Nellrsquoordine Il catalogo egrave questo (1961) Lrsquoinsalubritagrave dellrsquoaria (1963) Le case della Vetra (1966) Econo-mia della paura (1970) Cadenza drsquoinganno (1975) Il piugrave freddo anno di grazia (1978) Nel grave sogno (1982) Canzonette mortali (1986) A tanto caro sangue (1988) Versi guerrieri e amorosi (1990) Ogni terzo pensiero (1993) Nel libro della mente (1997) Quare tristis (1998) Barlumi di storia (2002) Si aggiungano alle raccolte citate i due volumi di Tutte le poesie editi da Garzanti nel 1997 e nel 2000

57 Parole di Raboni riportate da CORTELLESSA 2005 p 385

58 Cosigrave Raboni nellrsquointroduzione a Poesia degli anni Sessanta in RABONI 2006 p 209

Roberto Vianello

20

che meglio aiuterebbe la conoscenza dellrsquoartista Ci imbatteremmo in una galleria di figure e istituzioni tra le piugrave note in ambito culturale con le quali il Nostro av-viograve frequentazioni e collaborazioni I nomi di alcune allineati di seguito determi-neranno forse tra i presenti una suggestione sostitutiva di quanto non abbiamo il tempo di dire59 Ascoltiamoli il filosofo Enzo Paci i poeti Carlo Betocchi e Bar-tolo Cattafi il ldquosuordquo Vittorio Sereni e poi Franco Fortini ElioVittorini Dino Buzzati Sergio Solmi Oreste Del Buono E ancora Patrizia Valduga lrsquoultima compagna e Renato Guttuso Vanni Scheiwiller e Livio Garzanti ldquoaut autrdquo ldquoQuaderni piacentinirdquo ldquoQuesto e altrordquo ldquoil verrirdquo ldquoLa cittagraverdquo ldquoParagonerdquo ldquoNuo-vi argomentirdquo i nomi delle riviste con cui collaborograve Garzanti Mondadori Guan-da le editrici maggiori con cui ebbe rapporti o lavorograve Chiudendo ricorderemo tra le moltissime le sue traduzioni delle Fleur di Baudelaire e dellrsquointera Recherche di Proust ma anche ndash particolarmente significativa per noi ndash quella dellrsquoAntigone di Sofocle che appare sotto ogni rispetto snodo di capitale importanza tra lrsquoopera raboniana ldquodi semprerdquo e lrsquoAlcesti oggetto delle nostre cure60 Questa traduzione in versi ci restituisce un Raboni che restando allrsquointerno dei temi civili a lui piugrave con-geniali si misura contemporaneamente ndash ed euforicamente ndash con le possibilitagrave di laquotradurre il sentimentoraquo in un linguaggio moderno ma anche con la capacitagrave di un classico di farsi veicolo esemplare di temi universali61 Operazioni con le quali lo vedremo alle prese nella realizzazione dellrsquoAlcesti della quale egrave finalmente tempo di parlare

Alcesti o La recita dellrsquoesilio vede la luce negli Elefanti Garzanti nel settembre 2002 Il dramma egrave stato richiesto e pensato per il Teatro Olimpico di Vicenza ma egrave destinato a non esservi rappresentato e Raboni che ne ha scritto le ultime scene a Yale nellrsquoaprile dellrsquoanno precedente in occasione del suo primo viaggio negli Sati Uniti dovragrave aspettare altri due anni prima di vederlo in scena La prima avragrave luogo il 7 gennaio 2004 presso il Teatro ldquoSanta Chiarardquo di Brescia ad opera del Centro Teatrale Bresciano per la regia di Cesare Lievi e lrsquointerpretazione di Ester Galazzi Roberto Trifirograve Gianfranco Varetto Francesco Vitale In concomitanza

59 Cf la Cronologia citata alla nota 49 e consultabile sul sito ufficiale 60 La traduzione per la Compagnia del Teatro Carcano diretta da Giulio Bosetti andograve in scena prima dallrsquo8 al 18 giugno 2000 al Teatro Greco di Siracusa poi il 27 settembre dello stesso anno al Teatro Olimpico di Vicenza Di recente Bosetti lrsquoha riportata in scena con un nuovo allestimen-to di cui ha curato personalmente la regia Una scheda del nuovo spettacolo e unrsquointervista allrsquoattore-regista allrsquoindirizzo Internet httpwwwteatroteatroit 61 Si veda a questo proposito RABONI 2000 p 14 ora in RABONI 2006 pp1742 s dove si leggono le seguenti significative parole laquoAntigone con il suo bisogno di dare sepoltura al corpo del fra-tello Polinice morto in battaglia crede di obbedire agli dei Creonte con la sua volontagrave di impe-dirglielo percheacute Polinice egrave morto combattendo contro la sua stessa patria ed egrave dunque di fronte agli uomini un traditore egrave convinto di obbedire alle esigenze della convivenza civile dellrsquoordine del buongoverno Chi ha ragione fra i due Il dibattito egrave aperto da 2500 anni e riguarda davvero [hellip] tutto e tutti in qualsiasi tempo e in qualsiasi luogo la storia di ogni comunitagrave retta da un patto sociale con il suo conflitto forse insanabile fra le ragioni del ldquoprogressordquo e le ragioni della giusti-zia e la vita di ciascuno di noi con il suo conflitto certamente insanabile fra le ragioni della mente e le ragioni del cuoreraquo

Alcesti nel Novecento letterario italiano

21

con lrsquoiniziativa teatrale si tiene in Brescia un ciclo di Seminari promosso dalla se-zione locale dellrsquoUniversitagrave Cattolica del Sacro Cuore dal titolo ldquoSacrifici al fem-minile Alcesti in scena da Euripide a Rabonirdquo e propedeutico per cosigrave dire alla rappresentazione giagrave programmata62 Al ciclo di seminari Raboni interviene il 12 dicembre 2003 parlando di ldquoAlcestirdquo e i disastri del Novecento63 e fornendo egli stesso ndash diremmo ndash le ragioni della nostra scelta odierna di parlarne64

Che Alcesti possa sollecitare la creativitagrave di chi richiesto di pensare a un testo drsquoargomento classico sembra non volere prescindere da un giudizio sulla storia piugrave recente ci pare particolarmente interessante e ci induce a appaiare in certo modo la riflessione di fine secolo che la ritrova protagonista alla riflessione savi-niana sopra indagata di metagrave Novecento Percheacute delle laquolacerazioniraquo della storia piugrave recente ci parla appunto la breve vicenda dei laquotre personaggi in fuga sullo sfondo di una persecuzione storicaraquo che Raboni si impegna a non farci individua-re ma appartiene tutta al laquosecolo terribile che ci siamo appena lasciati alle spalleraquo Ancora piugrave interessante ndash piugrave da fine millennio diremmo ndash il fatto che le lacera-zioni siano accompagnate dalle laquointermittenze del cuoreraquo che alberghino e pro-ducano esse stesse nuove umane lacerazioni nei tre personaggi che sperando di fuggire dalla follia in cui sta accadendo loro di vivere trovano ricovero provviso-rio di notte in un teatro Il frastuono delle sirene di un inseguimento notturno accompagna lrsquoingresso in scena di due uomini e una donna come potrete ascolta-re in questa prima sequenza video65

La donna in questione egrave Sara attrice costretta dallrsquooppressione del regime a

non calcare piugrave le scene Lrsquoaccompagnano Stefano il marito e il suocero Simone cui la donna egrave legata da affetto profondo per lrsquoaffinitagrave intellettuale e di sensibilitagrave che manca invece al suo rapporto con Stefano uomo ldquodrsquoazionerdquo assai diverso dal

62 Coordinati dalle docenti Maria Pia Pattoni e Roberta Carpani i seminari hanno visto la parteci-pazione di eminenti studiosi i cui interventi sono raccolti in PATTONI-CARPANI 2004 La profssa Pattoni ci ha cortesemente messo in contatto con lrsquoAddetto Stampa del CTB Bianca Simoni che ha messo a nostra disposizione il video del dramma di cui sono state proiettate alcune sequenze nel corso della conferenza 63 Per la trascrizione v RABONI 2004 e ora RABONI 2006 pp 1776 ss Da essa vengono le espres-sioni virgolettate al capoverso successivo 64 Ivi comprese le ragioni della scelta del verso certo il mezzo espressivo artistico piugrave congeniale al poeta Raboni ma anche quello da lui ritenuto piugrave necessario al teatro contemporaneo laquopercheacute la presenza del verso del ritmo della scansione metrica dagrave veramente la possibilitagrave di usare il lin-guaggio di tutti i giorni senza mimetismo cioegrave con quel distacco con quella rifrazione con quella torsione senza la quale non si fa teatro e non si fa arteraquo (RABONI 2004 p 441 Ora in RABONI 2006 p 1777 65 La sequenza cui si fa riferimento corrisponde ai primi diciotto versi del dramma Una seconda sequenza video della durata di tredici minuti egrave stata proposta durante la conferenza al termine della presentazione del dramma Pur mantenendo la veste discorsiva di allora abbiamo qui intrec-ciato allrsquoargomentazione i versi di Raboni che il pubblico ha ascoltato solo al suo termine

Roberto Vianello

22

padre Usciti dalla nebbia di fuori per entrare nel temporaneo rifugio possono sperare di sentirsi tranquilli per un porsquo attendendo di venire raccolti e clandesti-namente portati verso la libertagrave Eppure Stefano il marito manifesta un disagio che appare qualcosa di piugrave di una comprensibile connaturata diffidenza quando si chiede fin dalla sua prima battuta se siano finiti in un rifugio o in una trappola laquoSiamo in un teatroraquo66 proclama Sara rassicurante Questa disarmante confidenza nelle possibilitagrave salvifiche di quel luogo la connota fin dalle prime parole come personaggio idealista al limite di una ingenuitagrave irragionevole e non condivisibile che i compagni le rinfacceranno lungo tutta la durata della piegravece Egrave certo parados-sale la situazione di questi personaggi chiamati ad affidare la fuga dai disastri della realtagrave proprio al luogo per eccellenza deputato alla finzione Quel che si direbbe perograve fortuito accadimento sembra poco a poco rafforzarsi fino a farsi certezza in lei attrice che girovagando qua e lagrave scopre drsquoaver giagrave recitato su quel palco-scenico tanto tempo prima nel ruolo di ancella in un antico dramma greco che non ricorda piugrave Alcesti I sospetti di Stefano drsquoaltra parte sono ben giustificati La realtagrave sta per irrompere brutalmente tra le speranze E mentre Sara vagabonda ignara per il teatro alla ricerca delle proprie memorie ndash alla ricerca di seacute ndash Stefa-no informa il vecchio Simone che qualcosa egrave andato storto Gli accordi sono sal-tati o non sono stati compresi Il custode notturno che li ha condotti ligrave ndash figura sinistra temibile nella sua reticente ambiguitagrave nei sottintesi dei suoi silenzi ndash gli ha fatto sapere che ci sono solo due posti per loro soltanto due potranno sottrar-si al laquorischio mortale che incombe sulle loro testeraquo (p 1262) Quel teatro rischia di essere davvero una trappola Si profila per loro una scelta laquofra vivere e morireraquo (p 1265) Si tratta di individuare chi di tre che si amano destinare al sacrificio ulti-ma inattesa vittima del potere violento che si sono illusi di fuggire Poicheacute Stefano non puograve pensare che la scelta ricada su Sara la partita andragrave giocata tra padre e figlio Ed ecco riemergere vecchie incomprensioni conflitti e tensioni moderna-mente riconoscibili sinistri sospetti Ecco riattuarsi uno scontro non nuovo ai lettori di Euripide tra un figlio a rischio di morte e un padre che tiene laquoforsenna-tamente a quel porsquo drsquoalbe e tramontiraquo (p 1291) che gli restano Ecco marcarsi tra i tre incomunicabilitagrave e gelosie acuite se possibile dalla straniante condotta di Sa-ra che nella lotta inesorabile per la sopravvivenza giagrave avviatasi tra i due conduce invece con le memorie la ricostruzione di seacute della sua identitagrave di attrice cercando nel vecchio una complicitagrave che egrave chiaro non attende dallo sposo Proprio per questa via anche Sara entra senza avvedersene nel vero dramma a cui la situazio-ne la contesa daranno lenta progressiva consistenza la recita delle loro vite quali sono realmente proprio in un luogo di suprema finzione qual egrave il teatro la messa in scena di quel che sono davvero nellrsquoimminenza dellrsquoesilio nascosti in quel tea-tro A questo laquogioco della veritagraveraquo Sara partecipa confessando con naturalezza drsquoamarli entrambi laquoMa comrsquoegrave possibile amore mio che tu scopra proprio qui proprio ora qualcosa che egrave vero da sempre che egrave il senso stesso della nostra

66 RABONI 2006 p 1258 A questa edizione faranno riferimento le successive indicazioni di pagi-na tra parentesi

Alcesti nel Novecento letterario italiano

23

vita e cioegrave che io vi amo uno nellrsquoaltro uno a causa dellrsquoaltro qualche volta uno per rimpianto dellrsquoaltro indissolubilmente inestricabilmentehellipraquo(p 1277)

Sara partecipa completamente al vero dramma con tutta se stessa con quan-to della sua storia della sua arte lrsquoha fatta quel che egrave Con quanto ha appreso dalla recita di Alcesti dal sacrificio della laquosua reginaraquo (p 1280) che ha accettato di mori-re per lo sposo dalle battute stesse pronunciate ventrsquoanni prima tra cui vuol ri-cordarne una laquoSoltanto quando lrsquoavragrave perduta sapragrave veramente cosrsquoha perdu-tohellipraquo (p 1279) Una anticipazione ndash una profezia ndash di quanto accadragrave tra breve o forse meglio una esplicitazione del suo modo di intendere del suo modo di es-sere Di ligrave a poco finalmente informata da Simone dellrsquoimminente si opporragrave fie-ramente alla possibilitagrave che si debba scegliere tra loro Mentre infurieragrave a colpi di sospetti e di sarcasmi la lotta tra Simone e Stefano incapaci di morire per gli altri negheragrave solennemente di voler accettare che si finisca laquo uno dei tre a incarnare con amarezza forse con rancore la parte della vittima gli altri due a convivere con lrsquoorrore drsquoaverglielo permesso o suggerito o addirittura impostohellipraquo (p 1292)

Egrave vero bisogna decidere O forse chissagrave non decidere non decidere niente decidere di non deciderehellip Ascoltatemi vi prego Egrave da giorni che io ascolto voi che cerco di abitare nei vostri cuori che mi sforzo di pensare i pensieri di ciascuno di voi nellrsquoorrenda disputa che vi opponehellip(p 1294)

In realtagrave stanno ligrave da appena due ore

[hellip] eppure se ci penso continua a sembrarmi unrsquoeternitagrave unrsquoeternitagrave di stupore di sgomento di pena ad ascoltarvi che vi torturate a vicenda lrsquouno con lrsquoaiuto dellrsquoaltro sempre piugrave a fondo sempre piugrave mortalmente nel vivo a colpi drsquoorgoglio e drsquoironia [hellip] Niente e nessuno lo sapete mi egrave piugrave caro di voi e questo egrave vero sin dal giorno in cui mrsquoavete presa uno per moglie lrsquoaltro per figlia ndash e forse egrave piugrave vero piugrave vero ancora da quando un odio indecifrabile trasformatosi in legge dello Stato

Roberto Vianello

24

mrsquoimpedisce di fare la sola cosa che amo quasi quanto amo voi due recitare [hellip] [hellip] egrave venuto il momento di dirvela tutta drsquoun fiato senza giri di frase senza neanche tentare di convincervi la certezza che mi pesa sul cuore e insieme lo fa piugrave leggero se partire tutti egrave impossibile (e so bene so bene che egrave impossibile) non crsquoegrave che una cosa da fare restare tutti qui (pp 1295 ss)

La salvezza dal teatro Speranza vana Sara sa che in un teatro ci sono passag-

gi impensabili spazi ignorati o creduti impraticabili porte nascostehellip Non le pare irrealistico sperare di celarsi di giorno in quellrsquoambiente labirintico e restarvi tutti insieme uscendo solo la notte a turno e con cautela per procurarsi di che so-pravvivere67 Sente soprattutto di doverlo volere per opporsi a una necessitagrave che ri-fiuta con tutta se stessa proprio per restare se stessa Rimanere lagrave significa rifiu-tarsi di cedere al male respingere il gioco di chi vuol togliere loro lrsquoanima Come sarebbe possibile definire salvezza il rinunciare ad essere quelli che sono laquoampu-tarsi degli affetti piugrave cari tradire tutte le parole dateraquo (p 1294)

Il realismo di Stefano e Simone non sa accettare questo punto di vista Perfi-no lrsquoaccondiscendente suocero finisce per accusare la donna drsquoavere letto da gio-vane troppi romanzi drsquoappendice di non comprendere insomma che la sua egrave posizione illusoria idealistica mentre invece crsquoegrave di mezzo la vita Per i due uomini decidere si deve deve venire individuata la vittima Simone allora escogita un modo per evitare di scegliere tra le ragioni dellrsquouno e dellrsquoaltro tra la prospettiva di vita piugrave lunga del giovane e lrsquoattaccamento del vecchio al tempo che gli resta da vivere Lrsquouso laquoun porsquo ludico e un porsquo statisticoraquo (p 1301) di una vecchia pistola carica sorteggeragrave in una specie di roulette russa il sacrificando La canna non verragrave puntata alla tempia si spareragrave a qualche oggetto Il risultato saragrave garantito in modo incruento ndash ma saragrave garantito ndash da un arnese appartenente alla storia della famiglia intascato chissagrave quanto consapevolmente quale ultima difesa contro lrsquoimprevisto e divenuto allrsquoattuarsi dellrsquoimprevisto autolesionistico mezzo di riso-luzione di un dilemma insolubile arma puntata contro lrsquounitagrave affettiva della fami-glia strumento con cui la sorte decideragrave incolpevolmente il prescelto a laquolasciareraquo con la donna laquolrsquoinferno per il limboraquo (p 1305)

67 La situazione puograve ricordare in certo modo quella realmente vissuta dalla famiglia Frank prima della deportazione a Berger Belsen e soprattutto quella che ispirograve a Truffaut il famoso Lrsquoultimo metrograve (1980) in cui in una Parigi occupata dai nazisti un direttore teatrale ebreo riesce a sottrarsi al peggio nascondendosi nei sotterranei del suo teatro

Alcesti nel Novecento letterario italiano

25

Sara comprende oramai come un muro si opponga tra le sue parole e il cuore dei due E se ne va per non fare piugrave ritorno senza che essi intuiscano la sua vera determinazione laquoNo non piugrave non queste cose Scusami Scusatemiraquo (p 1303) sono le sue ultime parole

Dopo un ultimo contrasto col padre Stefano va infine alla ricerca di un og-getto da trasformare in bersaglio per esercitarvi il gioco della sorte illudendosi nel contempo di poter trovare la donna Ma il Custode apparso drsquoimprovviso gli rivela come sia vana ogni ricerca di lei dato che lrsquoha appena vista uscire o meglio laquoentrare in quella gran nebbia che crsquoegrave lagrave fuori e che lei stessa [hellip] ha parago-nato allrsquoAderaquo (p 1307) Egrave il momento in cui tale personaggio rivela il massimo della sua ambiguitagrave ndash meglio sarebbe dire della sua impenetrabilitagrave ndash con lrsquoapparire aguzzino cinico incapace di pietagrave e col suo contemporaneo proclamar-si mero esecutore di ordini che laquonon sono mai [hellip] degli ordini inumaniraquo (p 1306) Lo spedizioniere ndash come lo hanno definito i nostri personaggi scopertisi fardelli in attesa di spedizione in preda al potere incoercibile delle circostanze ndash lrsquouomo che appare e scompare laquocome la figura della morte in certi campanili goticiraquo (p 1284) pare sapere molto piugrave di quel che svela Egrave tornato a comandare lrsquoabbandono del teatro ma le sue allusioni reticenti le mezze veritagrave suggerite ne svelano il vero ruolo Egli non egrave appena lrsquointermediario per lrsquoattuazione del pia-no concordato Vero deus ex machina egrave piuttosto lrsquoagente chiamato a fare lucida-mente precipitare lrsquoazione scenica verso la sua conclusione la conoscenza vera di un seacute decisamente impresentabile che situazioni disperate stati di necessitagrave acca-de sappiano lasciare emergere Ai due antieroi che protestano di non poter parti-re senza Sara che mentendo a se stessi pretendono di dover far qualcosa per lei nella concitazione dellrsquoobbligata partenza glacialmente il Custode risponde

Fare cosa Non crsquoegrave proprio niente da fare ci sarebbe semmai qualcosa da capire Ma piugrave tardi adesso non ne avete il tempo ricordatevi che dovete partire (p 1308)

Stefano adesso ndash cominciando a comprendere ndash vorrebbe restar ligrave per provare a cercarla Vano tentativo di acquietare la coscienza Egli in realtagrave si lascia presto vilmente travolgere come il padre dalla necessitagrave della congiuntura e dalla cruda imbarazzante veritagrave che finalmente emerge dalle agghiaccianti battute del dramma che srsquoavvia alla conclusione

STEFANO Ma qui possiamo cercarla CUSTODE E in che modo andandovi a ficcare tra le grinfie di chi vi dagrave la caccia Credete a me non avete altra scelta

Roberto Vianello

26

salite su quel camion Oltretutto se ci pensate egrave quello che tutti e due volevate con ogni vostra forza dalla piugrave palese alla piugrave segreta e che anche lei evidentemente ha voluto per voi STEFANO Mahellip SIMONE Quellrsquouomo chiunque sia ha ragione Diamogli retta figlio Io sono vecchio tu sei giovane ma entrambi credo siamo adulti e letterati quanto basta per mutare con lrsquoaiuto del tempo in una specie di dolcezza anche la piugrave atroce delle vergogne Su vieni STEFANO Non potrograve mai perdonartelo SIMONE Neacute io a te Ma ciascuno di noi due vedrai troveragrave il modo di perdonarlo almeno un porsquo a se stesso (pp 1309 s)

La personale convenienza prevale alla fine su ogni buona intenzione Lrsquoalibi dellrsquoimpossibilitagrave drsquoalcuncheacute oscura a pena il significato di disattenzioni indispo-nibilitagrave sorditagrave cui lo spettatore ha assistito sino a poco prima La mancata sin-tonia tra i parenti della nostra recita non trova piugrave spiegazione nella mera differen-za del carattere o nella gelosia Altra egrave lrsquoinconfessata veritagrave quella di scelte dettate dallrsquoistinto puro di conservazione al quale ogni legame affettivo egrave risultato sacri-ficato forse dettate persino da una inconscia volontagrave di liquidare conti da troppo sospesi

Il custode prima di lasciarli comunica che una laquocompagna di viaggioraquo partiragrave insieme a loro Nessuno sa chi sia laquoDicono che sia una reginaraquo ma non si sa di che paese laquoe nemmeno se la parola sia da intendere in senso proprio oppure figuratoraquo (p 1312) Con lei e di lei nessuno dovragrave nemmeno parlare gli ordini mi-steriosi sono tassativi pena il rischio dellrsquoincolumitagrave I due dovranno limitarsi a seguirla a qualche passo di distanza senza azzardare nemmeno con se stessi con-getture sul suo conto che potrebbero risultare addirittura laquoinsopportabiliraquo (ivi) Una donna velata compare sul fondo della scena Egrave Sara riconoscibile al pubbli-co ma laquomisteriosamente mutataraquo (p 1311) Forse la sua presenza porteragrave a com-pimento la recita delle laquolacerazioni della storiaraquo e delle laquointermittenze del cuoreraquo

Alcesti nel Novecento letterario italiano

27

cui lrsquoAutore voleva dar vita e indurragrave i nostri antieroi a capire Forse Egrave dunque per salvar lei che uno di loro tre ha dovuto sacrificarsi ndash chiede Stefano laquoStrana domandaraquo commenta il Custode laquoImproponibileraquo e laquoridicolaraquo

ndash quasi come voler cercare qualcuno nella nebbia se la nebbia egrave cosigrave maledettamente simile agli opachi labirinti dellrsquoAde Ma che senso ha che io cerchi di convincerti di quello di cui solo tu quando e se mai te ne verragrave il coraggio potrai convincere te stesso (p 1313)

Il Custode denuncia in quella domanda lrsquoultimo tentativo di addossare ad altri

una responsabilitagrave propria Alibi velleitario quanto lrsquoirrealistica voglia presto ac-quietata di cercare Sara nella nebbia Solo il coraggio di guardarsi dentro davvero permetteragrave di trovare la veritagrave La veritagrave di viltagrave ed eroismo che ha preso vita nel luogo della finzione il Teatro dove srsquoegrave combattuta la lotta tra lrsquoindole belluina ridestata in due personaggi dalle urgenze delle disgrazie e le esigenze ndash del cuore e della ragione insieme ndash della loro donna Durante lrsquoaccadimento che egrave la recita cui abbiamo assistito i nostri eroi hanno mostrato e forse capito ndash o cominciato a capire ndash di piugrave se stessi mentre lrsquoancella drsquoun tempo srsquoegrave potuta trasformare in re-gina Egrave stato per il suo gesto Egrave stato come altri propone per la sua volontagrave di restare ligrave nel Teatro preferendo laquola veritagrave dellrsquoapparire alla menzogna della real-tagraveraquo68 LrsquoAlcesti di Raboni non racconta di un ritorno dallrsquoaldilagrave Racconta piutto-sto di una fuga dallrsquoinferno nelle coscienze o ndash se si vuole e solo per i due uomi-ni ndash di un ingresso in un loro purgatorio al seguito di una donna laquoimmagine del loro amore e della loro vergognaraquo69

Un fraintendimento novecentesco Il tempo oramai esaurito ci costringe a concludere Resterebbe da porre una

domanda che a nostro giudizio merita di non essere elusa soprattutto alla luce di recenti sviluppi dellrsquoindagine critica Il Novecento ha davvero inteso correttamen-te il rapporto tra lrsquoAlcesti e lrsquoAdmeto consegnati da Euripide agli Ateniesi del 438 aC e al pubblico di ogni epoca Savinio ci ha consegnato un Paul-Admeto inno-cente quanto alla decisione della sposa ma non del tutto riabilitato quanto alle ra-gioni che quel gesto hanno determinato almeno per la parte che puograve avervi avuto

68 LIEVI 2004 p 447 69 RABONI 2004 p 445 Ora in RABONI 2006 p 1782

Roberto Vianello

28

il suo modo di essere sposo (v p 12) Raboni ci presenta uno Stefano-Admeto che accetta ingloriosamente il destino a lui favorevole Il giudizio degli autori no-vecenteschi si abbatte impietoso sullrsquoindividuo maschile della coppia Raboni pa-ragonograve il desiderio finale di cercare Sara alla laquoretoricaraquo disperazione di Admeto in Euripide per una morte che lui aveva laquorichiesto o comunque accettatoraquo70 Kott per citare solo unrsquoaltra voce sulla questione quando riflette sul rapporto tra i co-niugi in Euripide squalifica lo sposo affermando laquoAlcesti egrave unrsquoeroina di tragedia ma ha un marito che viene dalla commediaraquo71

Ci chiediamo e se il Novecento avesse frainteso Se Admeto non avesse avu-to davvero possibilitagrave di scegliere Bisognerebbe certo postulare un secolare fraintendimento Andrebbero indagate inoltre le ragioni dellrsquoamplificazione di quelle che da sempre sono apparse ambiguitagrave e contraddizioni del testo euripi-deo Admeto implora la sposa di non lasciarlo e la rimprovera quasi di abbando-nare oltre a lui i figli proprio mentre la morte la ghermisce Egrave davvero vuota-mente retorica la sua disperazione O un fuorviante pregiudizio moderno ci pre-clude la veritagrave indotti come siamo a biasimarne lrsquointollerabile ingratitudine per un gesto ancor piugrave grande ai nostri occhi in una condizione di subalternitagrave social-mente pretesa Non sarebbe incomprensibile il manifestarsi di tale fastidio nel progressivo maturare di una coscienza di genere tra Ottocento e Novecento e nella ormai conquistata emancipazione femminile Osiamo suggerire tali conside-razioni sulla scia di un interessante intervento critico apparso di recente sulla rivi-sta ldquoMateriali e discussioni per lrsquoanalisi dei testi classicirdquo cui non crsquoegrave tempo di de-dicare oggi lo spazio necessario ma che potragrave essere letto con profitto sul sito del nostro Liceo72

Carlo Brillante vi sostiene lrsquoimplausibilitagrave che Euripide abbia pensato di porta-re in scena un personaggio doppio e contraddittorio quale appare lrsquoAdmeto che riteniamo di conoscere Egli suggerisce invece la sciagurata eventualitagrave che Adme-to non abbia potuto opporsi al sacrificio della sposa richiamando in certo modo i tentativi di moralizzare il personaggio attuati prima dellrsquoOttocento Il critico tut-tavia non egrave vincolato alle necessitagrave etico-artistiche che animarono in passato un Aureli o un Alfieri73 Quel che conduce la sua indagine invece egrave lrsquoesigenza erme-neutica di comprendere quanto resta misconosciuto della vicenda degli sposi mi-tici e della tragedia greca cui forse erroneamente si attribuisce la scelta di insce-nare una ipocrisia poco onorevole e poco edificante Percheacute nulla ci dice il testo euripideo del ruolo di Admeto negli avvenimenti che hanno preceduto lrsquoazione scenica Sappiamo solo che Apollo ingannando le Moire ha ottenuto il dono piugrave prezioso per lrsquoamico descritto per lrsquointero dramma come uomo pio verso la divi-

70 RABONI 2004 p 444 Ora in RABONI 2006 p 1782 71 KOTT 2005 p 104 72 Cf BRILLANTE 2005 La riproduzione del saggio sul sito del Liceo egrave stata autorizzata dalla Re-dazione scientifica della rivista e dalla sua Casa editrice La si legga allrsquoindirizzo Internet wwwgiuseppeveroneseit (Materiali didattici Italiano Vianello Roberto) 73 Cf p 5

Alcesti nel Novecento letterario italiano

29

nitagrave e campione di ospitalitagrave e φιλία Quale rapporto sia intercorso tra il dono i-natteso del dio e la decisione sacrificale di Alcesti non si dice in Euripide neacute ci egrave dato di ipotizzarne aspetti disonorevoli per Admeto di cui sappiamo solo che οὐχ ηὗρε πλὴν γυναικὸς ὃστις ἤθελε θανὼν πρὸ κείνου microηκέτ΄εἰσορᾶν φάος ldquonon trovograve tranne la moglie chi volesse morendo per lui non piugrave vedere la lucerdquo (17-18) Osserva Brillante che il verbo εὑρίσκω laquopuograve designare un ritrovamento casuale senza riferimento a unrsquointenzionalitagrave del soggettoraquo 74 Un valore che e-scluderebbe una richiesta egoistica alla sposa e renderebbe lrsquoofferta di seacute della donna inattesa almeno quanto il dono stesso Il valore del verbo nel contesto egrave certo controverso75 ma di una richiesta esplicita ad Alcesti nel dramma non si fa mai menzione e forse solo un pregiudizio naturale quanto si vuole puograve farla po-stulare Il critico perciograve ipotizza che la possibilitagrave di una morte sostitutiva strap-pata da Apollo alle Moire si configuri come un vero e proprio patto a cui en-trambi i contraenti restano vincolati e che accettato da Admeto egrave divenuto vin-colante anche per lui Admeto non avrebbe dovuto in realtagrave accettare o meno il sacrificio di Alcesti quanto piuttosto scegliere se accettare o meno la vantaggiosa offerta del dio senza poter prevedere lrsquoinattesa offerta di seacute dellrsquoormai insostitui-bile sposa Piugrave generosa di amici e genitori Alcesti avrebbe involontariamente trasformato la piugrave impensabile delle opportunitagrave in un dono avvelenato I doni degli immortali sono spesso inevitabili per gli uomini E il re di Fere non aveva certo motivo di rifiutare il tributo di una divinitagrave amica alla piugrave onorevole delle sue virtugrave Sono solo lrsquoinatteso rifiuto dei genitori e lrsquoimprevista offerta di Alcesti a rendere non piugrave vantaggiosa lrsquoofferta di Apollo quando Thanatos rifiuta di nego-ziare con Apollo una dilazione della morte di Alcesti oramai non crsquoegrave piugrave nulla da fare I rapporti tra uomini e immortali ndash osserviamo noi ndash sono normalmente diffi-cili E spesso ndash continua Brillante ndash i doni degli immortali non corrispondono alle attese di chi li ha sollecitati Altri eroi dopo aver stipulato un patto vantaggioso con la divinitagrave laquosubiscono un male maggiore di quello che speravano di evitareraquo76 Egrave il caso di Idomeneo il re di Creta costretto a uccidere il figlio per aver promes-so a Poseidone di sacrificargli ciograve che avesse incontrato sulla terraferma se fosse scampato al naufragio Stessa sorte subirono la sposa e i figli di Meandro che sti-pulograve un patto analogo con la madre degli dei Cosigrave come accadde alla figlia di Ief-te giudice dellrsquoAntico Testamento che si distinse combattendo contro gli Am-moniti e in cambio della vittoria su di essi promise in olocausto a IHWH ndash scon-sideratamente ndash la persona che per prima fosse uscita dalle porte di casa sua per andargli incontro (Gdc 11 30-39) In tutti questi casi eventi inattesi trasformano nella rovina dellrsquoeroe un patto incautamente ritenuto conveniente Qualcosa di simile andrebbe postulato anche per Admeto che tutto avrebbe potuto prevede-re tranne la dedizione della sposa fino al dono totale di seacute

74 BRILLANTE 2005 p 17 75 Cf ivi n 18 76 Brillante 2005 p 22

Roberto Vianello

30

Dobbiamo veramente terminare Non abbiamo titolo per pronunciarci con competenza sullrsquoipotesi sin qui descritta Se essa dovesse dimostrarsi esatta biso-gnerebbe ripensare lrsquoAlcesti di Euripide e restituire al suo sposo un onore troppo a lungo negato77 Le presunte ombre e ambiguitagrave che lo riguardano risulterebbero illuminate da una luce di sincero affetto per la sposa di vera disperazione per la sua perdita Giusta si rivelerebbe come pretendeva Platone la ricompensa delle virtugrave di entrambi col ritorno in vita di lei Nuova luce prenderebbero poi le letture artistiche del secolo da poco conclusosi che abbiamo fin qui descritto E do-vremmo forse attribuire a evoluzione del costume ai drammi della psiche a traumi della sua storia la valutazione antieroica del rapporto immaginato tra gli sposi in quelle recenti storie Lasciamo alla vostra riflessione le molte osservazioni sin qui proposte Qualsiasi sia la veritagrave su Alcesti e Admeto siete tutti invitati al teatro ldquoDon Boscordquo ad assistere alla rappresentazione che gli studenti del Classi-co ne daranno il prossimo 29 Aprile Grazie

ROBERTO VIANELLO

77 Almeno per quel che concerne il suo rapporto con la sposa Rimarrebbe invero da valutare la sua pretesa di essere sostituito da amici e genitori Per i secondi si potrebbe forse invocare il con-cetto di giustizia generazionale per il quale la piugrave lunga aspettativa di vita del giovane il lungo godi-mento di ricchezze e felicitagrave da parte dei piugrave anziani renderebbero ndash in modo che lascia perplessa la coscienza moderna ndash onorevole la loro dipartita meno disonorevole la richiesta loro diretta Per i primi si dovrebbero forse invocare concetti quali la regalitagrave dellrsquointerlocutore la ragion di Stato la manifestazione concreta di una φιλία attesa dalla sodalitagrave tra pari non invece dallrsquoaffetto di una donna Per entrambi bisogneragrave poi tener presente lrsquoorigine fiabesca della situazione e del dono stesso

Alcesti nel Novecento letterario italiano

31

Indice bibliografico

BASTA DONZELLI 1987 G BASTA DONZELLI Euripide in Dizionario degli scrittori greci e latini Diretto da F DELLA CORTE Milano Marzorati 1987

BRILLANTE 2005 C BRILLANTE LrsquoAlcesti di Euripide il personaggio di Admeto e la struttura del dramma in ldquoMateriali e discussioni per lrsquoanalisi dei testi classicirdquo 54 (2005) pp 9-46

CARDARELLI 1981 V CARDARELLI Opere Milano Mondadori 1981

CARDARELLI 1985 Il testamento letterario di Giacomo Leopardi Pensieri dello Zibaldone scelti annotati e ordinati da Vincenzo Cardarelli Torino Fogravegola 1985 (ri-stampa del fascicolo trimestrale de ldquoLa Rondardquo del giugno 1921)

CASCETTA 1995 A CASCETTA Lrsquo Alcesti di Samuele di Alberto Savinio una tragedia mo-derna in Studia classica Iohanni Tarditi oblata A cura di L BELLONI G MILANESE A PORRO vol II Milano Vita e Pensiero Pubblicazioni dellrsquoUniversitagrave Cattolica 1995 pp 1405-1446

CORTELLESSA 2005 A CORTELLESSA La poesia in carne e ossa postfazione a RABONI 2005

DE SANCTIS 1995 F DE SANCTIS Schopenhauer e Leopardi A cura di F Gnerre e A L Marongiu Milano Edizioni Oberon 1995 (volumetto per la scuola che riproduce il citatissimo Schopenhauer e Leopardi Dialogo tra A e D in Saggi critici A cura di L Russo II Bari Laterza 1952)

EURIPIDE E ALTRI 2006 EURIPIDE WIELAND RILKE YOURCENAR RABONI Alcesti Variazio-ni sul mito Venezia Marsilio 2006

GUIDI 2006 O GUIDI Alberto Savinio profeta dellrsquoUnitagrave Europea in Irregolari novecente-schi Bontempelli Savinio Landolfi Penna Curto Longo Editore Ravenna 2006 pp 29-46

KOTT 2005 J KOTT Alcesti velata in IDEM Divorare gli dei Unrsquointerpretazione della tragedia greca Milano B Mondadori 2005 pp 100-133

LANGELLA 2004 G LANGELLA Lrsquoottimismo della speranza Sullrsquo ldquoAlcestirdquo incompiuta di Al-varo in PATTONI-CARPANI 2004 pp 369-386

LESKY 1925 A LESKY Alkestis Der Mythus und das Drama Wien und Leipzig 1925 (ldquoSitz Akad Wiss Wienrdquo phil-hits Kl 203 2 Abh)

LIEVI 2004 C LIEVI Lrsquo ldquoAlcestirdquo di Giovanni Raboni Riflessione di un regista in PAT-TONI-CARPANI 2004 pp 446-447

MAGRO 2008 F MAGRO Un luogo della veritagrave umana La poesia di Giovanni Raboni Pa-sian di Prato (UD) Campanotto editore 2008

MENGALDO 1978 P V MENGALDO Poeti italiani del Novecento Milano Mondadori 1978 pp 398-402

MENGALDO 1998 P V MENGALDO Profili di critici del Novecento Torino Bollati Borin-ghieri 1998 pp 107-111

MORACE 1983 C ALVARO Alcesti a cura di A M MORACE in ldquoNuovi Annali della Facoltagrave di Magistero dellrsquoUniversitagrave di Messinardquo 1 (1983) pp 729-758

MORACE 2001 A M MORACE La riscrittura del mito nel teatro alvariano in IDEM Orbite novecentesche Napoli Edizioni Scientifiche Italiane 2001 pp 85-103

Roberto Vianello

32

NOSARTI 1992 ANONIMO LrsquoAlcesti di Barcellona A cura di L NOSARTI Bologna Pagrave-tron 1992

PADUANO 2004 G PADUANO Lrsquounitagrave dellrsquo Alcesti e la doppia ricezione in PATTONI-CARPANI 2004 pp 343-359

PATTONI 2004 M P PATTONI Le metamorfosi di Alcesti Dallrsquoarchetipo alle sue rivisitazioni in PATTONI-CARPANI 2004 pp 279-300

PATTONI 2006 M P PATTONI Introduzione a EURIPIDE E ALTRI 2006 pp 9-48

PATTONI-CARPANI 2004 Sacrifici al femminile Alcesti in scena da Euripide a Raboni in ldquoComunica-zioni socialirdquo anno XXVI NS Sez teatro 3 (Settembre-Dicembre 2004)

PEDULLAgrave 1991 W PEDULLAgrave Alberto Savinio Storia esemplare di uno scrittore di avanguar-dia Milano Bompiani 1991

PIETROMARCHI 1986 voce Savinio Alberto in Dizionario critico della letteratura italiana diretto da V BRANCA Torino UTET 1986 pp 98-100

PISCOPO 1973 U PISCOPO Alberto Savinio Milano Mursia 1973

RABONI 1987 G RABONI Poeti del secondo Novecento in Storia della letteratura italiana Diretta da E CECCHI e N SAPEGNO Il Novecento Milano Garzanti 1987 pp 207-248 Ora in RABONI 2005 pp 190-250

RABONI 1992 Sereni a Milano in Per Vittorio Sereni Convegno di poeti Milano Allrsquoinsegna del pesce drsquooro 1992

RABONI 2000 G RABONI Tradurre il sentimento in Tu hai preferito vivere io morire Con Antigone di Sofocle A cura di M G CIANI E F DONADI I quaderni del Teatro Olimpico 6 Vicenza 2000 pp 14-15 Ora in RABONI 2006 PP 1742-1743

RABONI 2004 G RABONI ldquoAlcestirdquoe i disastri del Novecento in PATTONI-CARPANI 2004 pp 441-445

RABONI 2005 G RABONI La poesia che si fa Cronaca e storia del Novecento poetico italia-no 1959-2004 A cura di A CORTELLESSA Milano Garzanti 2005

RABONI 2006 G RABONI Lrsquoopera poetica Milano Mondadori 2006

RAGNI 2002 E RAGNI Savinio mito e mondo classico in Atti del Convegno ldquoIl classico nel-la Roma contemporanea Mito modelli memoriardquo Roma 18-20 ottobre 2000 A cura di FERNANDA ROSSETTI Istituto Nazionale di Studi Romani 2002 vol I pp 71-105

REALE 1991 PLATONE Tutti gli scritti A cura di G REALE Milano Rusconi 1991

RIGONI 1985 M A RIGONI Saggi sul pensiero Leopardiano Napoli Liguori 1985

SAVINIO 1992 A SAVINIO Dico a te Clio Milano Adelphi 1992

SAVINIO 2007 A SAVINIO Alcesti di Samuele e atti unici A cura di A TINTERRI Mila-no Adelphi Edizioni 20072

SUSANETTI 2001 D SUSANETTI La favola bella della morte in Euripide Alcesti A cura di IDEM Venezia Marsilio 2001

SUSANETTI 2004 D SUSANETTI Alcesti sacrificio e resurrezione Elementi di un mito con sei variazioni in PATTONI-CARPANI 2004 pp 307-327

Alcesti nel Novecento letterario italiano

33

TELOgrave 2004 M TELOgrave lsquoAspettando Ercolersquo Universalismo mitico e primitivismo romantico in ldquoLe mystere drsquoAlcesterdquo di M Yourcenar in PATTONI-CARPANI 2004 pp 387-410

USAI 2005 A USAI Il mito nellrsquoopera letteraria e pittorica di Alberto Savinio Roma E-dizioni Nuova Cultura 2005

VIVARELLI 1996 Alberto Savinio Catalogo generale A cura di P VIVARELLI Milano Elec-ta 1996

WILSON 1968 Twentieth Century Interpretations of Euripidesrsquo Alcestis A collection of Critical Essays Edited by J R WILSON Englewood Cliffs N J Prentice-Hall 1968

ltlt ASCII85EncodePages false AllowTransparency false AutoPositionEPSFiles true AutoRotatePages None Binding Left CalGrayProfile (Dot Gain 20) CalRGBProfile (sRGB IEC61966-21) CalCMYKProfile (US Web Coated 050SWOP051 v2) sRGBProfile (sRGB IEC61966-21) CannotEmbedFontPolicy Error CompatibilityLevel 14 CompressObjects Tags CompressPages true ConvertImagesToIndexed true PassThroughJPEGImages true CreateJDFFile false CreateJobTicket false DefaultRenderingIntent Default DetectBlends true ColorConversionStrategy LeaveColorUnchanged DoThumbnails false EmbedAllFonts true EmbedJobOptions true DSCReportingLevel 0 EmitDSCWarnings false EndPage -1 ImageMemory 1048576 LockDistillerParams false MaxSubsetPct 100 Optimize true OPM 1 ParseDSCComments true ParseDSCCommentsForDocInfo true PreserveCopyPage true PreserveEPSInfo true PreserveHalftoneInfo false PreserveOPIComments false PreserveOverprintSettings true StartPage 1 SubsetFonts true TransferFunctionInfo Apply UCRandBGInfo Preserve UsePrologue false ColorSettingsFile () AlwaysEmbed [ true ] NeverEmbed [ true ] AntiAliasColorImages false DownsampleColorImages true ColorImageDownsampleType Bicubic ColorImageResolution 300 ColorImageDepth -1 ColorImageDownsampleThreshold 150000 EncodeColorImages true ColorImageFilter DCTEncode AutoFilterColorImages true ColorImageAutoFilterStrategy JPEG ColorACSImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt ColorImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt JPEG2000ColorACSImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt JPEG2000ColorImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt AntiAliasGrayImages false DownsampleGrayImages true GrayImageDownsampleType Bicubic GrayImageResolution 300 GrayImageDepth -1 GrayImageDownsampleThreshold 150000 EncodeGrayImages true GrayImageFilter DCTEncode AutoFilterGrayImages true GrayImageAutoFilterStrategy JPEG GrayACSImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt GrayImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt JPEG2000GrayACSImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt JPEG2000GrayImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt AntiAliasMonoImages false DownsampleMonoImages true MonoImageDownsampleType Bicubic MonoImageResolution 1200 MonoImageDepth -1 MonoImageDownsampleThreshold 150000 EncodeMonoImages true MonoImageFilter CCITTFaxEncode MonoImageDict ltlt K -1 gtgt AllowPSXObjects false PDFX1aCheck false PDFX3Check false PDFXCompliantPDFOnly false PDFXNoTrimBoxError true PDFXTrimBoxToMediaBoxOffset [ 000000 000000 000000 000000 ] PDFXSetBleedBoxToMediaBox true PDFXBleedBoxToTrimBoxOffset [ 000000 000000 000000 000000 ] PDFXOutputIntentProfile () PDFXOutputCondition () PDFXRegistryName (httpwwwcolororg) PDFXTrapped Unknown Description ltlt ENU (Use these settings to create PDF documents with higher image resolution for high quality pre-press printing The PDF documents can be opened with Acrobat and Reader 50 and later These settings require font embedding) JPN ltFEFF3053306e8a2d5b9a306f30019ad889e350cf5ea6753b50cf3092542b308030d730ea30d730ec30b9537052377528306e00200050004400460020658766f830924f5c62103059308b3068304d306b4f7f75283057307e305930023053306e8a2d5b9a30674f5c62103057305f00200050004400460020658766f8306f0020004100630072006f0062006100740020304a30883073002000520065006100640065007200200035002e003000204ee5964d30678868793a3067304d307e305930023053306e8a2d5b9a306b306f30d530a930f330c8306e57cb30818fbc307f304c5fc59808306730593002gt FRA ltFEFF004f007000740069006f006e007300200070006f0075007200200063007200e900650072002000640065007300200064006f00630075006d0065006e00740073002000500044004600200064006f007400e900730020006400270075006e00650020007200e90073006f006c007500740069006f006e002000e9006c0065007600e9006500200070006f0075007200200075006e00650020007100750061006c0069007400e90020006400270069006d007000720065007300730069006f006e00200070007200e9007000720065007300730065002e0020005500740069006c006900730065007a0020004100630072006f0062006100740020006f00750020005200650061006400650072002c002000760065007200730069006f006e00200035002e00300020006f007500200075006c007400e9007200690065007500720065002c00200070006f007500720020006c006500730020006f00750076007200690072002e0020004c00270069006e0063006f00720070006f0072006100740069006f006e002000640065007300200070006f006c0069006300650073002000650073007400200072006500710075006900730065002egt DEU ltFEFF00560065007200770065006e00640065006e0020005300690065002000640069006500730065002000450069006e007300740065006c006c0075006e00670065006e0020007a0075006d002000450072007300740065006c006c0065006e00200076006f006e0020005000440046002d0044006f006b0075006d0065006e00740065006e0020006d00690074002000650069006e006500720020006800f60068006500720065006e002000420069006c0064006100750066006c00f600730075006e0067002c00200075006d002000650069006e00650020007100750061006c00690074006100740069007600200068006f006300680077006500720074006900670065002000410075007300670061006200650020006600fc0072002000640069006500200044007200750063006b0076006f0072007300740075006600650020007a0075002000650072007a00690065006c0065006e002e00200044006900650020005000440046002d0044006f006b0075006d0065006e007400650020006b00f6006e006e0065006e0020006d006900740020004100630072006f0062006100740020006f0064006500720020006d00690074002000640065006d002000520065006100640065007200200035002e003000200075006e00640020006800f600680065007200200067006500f600660066006e00650074002000770065007200640065006e002e00200042006500690020006400690065007300650072002000450069006e007300740065006c006c0075006e00670020006900730074002000650069006e00650020005300630068007200690066007400650069006e00620065007400740075006e00670020006500720066006f0072006400650072006c006900630068002egt PTB ltFEFF005500740069006c0069007a006500200065007300740061007300200063006f006e00660069006700750072006100e700f5006500730020007000610072006100200063007200690061007200200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200063006f006d00200075006d00610020007200650073006f006c007500e700e3006f00200064006500200069006d006100670065006d0020007300750070006500720069006f0072002000700061007200610020006f006200740065007200200075006d00610020007100750061006c0069006400610064006500200064006500200069006d0070007200650073007300e3006f0020006d0065006c0068006f0072002e0020004f007300200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200070006f00640065006d0020007300650072002000610062006500720074006f007300200063006f006d0020006f0020004100630072006f006200610074002c002000520065006100640065007200200035002e00300020006500200070006f00730074006500720069006f0072002e00200045007300740061007300200063006f006e00660069006700750072006100e700f50065007300200072006500710075006500720065006d00200069006e0063006f00720070006f0072006100e700e3006f00200064006500200066006f006e00740065002egt DAN ltFEFF004200720075006700200064006900730073006500200069006e0064007300740069006c006c0069006e006700650072002000740069006c0020006100740020006f0070007200650074007400650020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006d006500640020006800f8006a006500720065002000620069006c006c00650064006f0070006c00f80073006e0069006e0067002000740069006c0020007000720065002d00700072006500730073002d007500640073006b007200690076006e0069006e0067002000690020006800f8006a0020006b00760061006c0069007400650074002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e007400650072006e00650020006b0061006e002000e50062006e006500730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f0067002000520065006100640065007200200035002e00300020006f00670020006e0079006500720065002e00200044006900730073006500200069006e0064007300740069006c006c0069006e0067006500720020006b007200e600760065007200200069006e0074006500670072006500720069006e006700200061006600200073006b007200690066007400740079007000650072002egt NLD ltFEFF004700650062007200750069006b002000640065007a006500200069006e007300740065006c006c0069006e00670065006e0020006f006d0020005000440046002d0064006f00630075006d0065006e00740065006e0020007400650020006d0061006b0065006e0020006d00650074002000650065006e00200068006f00670065002000610066006200650065006c00640069006e00670073007200650073006f006c007500740069006500200076006f006f0072002000610066006400720075006b006b0065006e0020006d0065007400200068006f006700650020006b00770061006c0069007400650069007400200069006e002000650065006e002000700072006500700072006500730073002d006f006d0067006500760069006e0067002e0020004400650020005000440046002d0064006f00630075006d0065006e00740065006e0020006b0075006e006e0065006e00200077006f007200640065006e002000670065006f00700065006e00640020006d006500740020004100630072006f00620061007400200065006e002000520065006100640065007200200035002e003000200065006e00200068006f006700650072002e002000420069006a002000640065007a006500200069006e007300740065006c006c0069006e00670020006d006f006500740065006e00200066006f006e007400730020007a0069006a006e00200069006e006700650073006c006f00740065006e002egt ESP ltFEFF0055007300650020006500730074006100730020006f007000630069006f006e006500730020007000610072006100200063007200650061007200200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200063006f006e0020006d00610079006f00720020007200650073006f006c00750063006900f3006e00200064006500200069006d006100670065006e00200071007500650020007000650072006d006900740061006e0020006f006200740065006e0065007200200063006f007000690061007300200064006500200070007200650069006d0070007200650073006900f3006e0020006400650020006d00610079006f0072002000630061006c0069006400610064002e0020004c006f007300200064006f00630075006d0065006e0074006f00730020005000440046002000730065002000700075006500640065006e00200061006200720069007200200063006f006e0020004100630072006f00620061007400200079002000520065006100640065007200200035002e003000200079002000760065007200730069006f006e0065007300200070006f00730074006500720069006f007200650073002e0020004500730074006100200063006f006e0066006900670075007200610063006900f3006e0020007200650071007500690065007200650020006c006100200069006e0063007200750073007400610063006900f3006e0020006400650020006600750065006e007400650073002egt SUO ltFEFF004e00e4006900640065006e002000610073006500740075007300740065006e0020006100760075006c006c006100200076006f0069006400610061006e0020006c0075006f006400610020005000440046002d0061007300690061006b00690072006a006f006a0061002c0020006a006f006900640065006e002000740075006c006f0073007400750073006c00610061007400750020006f006e0020006b006f0072006b006500610020006a00610020006b007500760061006e0020007400610072006b006b007500750073002000730075007500720069002e0020005000440046002d0061007300690061006b00690072006a0061007400200076006f0069006400610061006e0020006100760061007400610020004100630072006f006200610074002d0020006a0061002000520065006100640065007200200035002e00300020002d006f0068006a0065006c006d0061006c006c0061002000740061006900200075007500640065006d006d0061006c006c0061002000760065007200730069006f006c006c0061002e0020004e00e4006d00e4002000610073006500740075006b0073006500740020006500640065006c006c00790074007400e4007600e4007400200066006f006e0074007400690065006e002000750070006f00740075007300740061002egt ITA ltFEFF00550073006100720065002000710075006500730074006500200069006d0070006f007300740061007a0069006f006e00690020007000650072002000630072006500610072006500200064006f00630075006d0065006e00740069002000500044004600200063006f006e00200075006e00610020007200690073006f006c0075007a0069006f006e00650020006d0061006700670069006f00720065002000700065007200200075006e00610020007100750061006c0069007400e00020006400690020007000720065007300740061006d007000610020006d00690067006c0069006f00720065002e0020004900200064006f00630075006d0065006e00740069002000500044004600200070006f00730073006f006e006f0020006500730073006500720065002000610070006500720074006900200063006f006e0020004100630072006f00620061007400200065002000520065006100640065007200200035002e003000200065002000760065007200730069006f006e006900200073007500630063006500730073006900760065002e002000510075006500730074006500200069006d0070006f007300740061007a0069006f006e006900200072006900630068006900650064006f006e006f0020006c002700750073006f00200064006900200066006f006e007400200069006e0063006f00720070006f0072006100740069002egt NOR ltFEFF004200720075006b00200064006900730073006500200069006e006e007300740069006c006c0069006e00670065006e0065002000740069006c002000e50020006f00700070007200650074007400650020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006d006500640020006800f80079006500720065002000620069006c00640065006f00700070006c00f80073006e0069006e006700200066006f00720020006800f800790020007500740073006b00720069006600740073006b00760061006c00690074006500740020006600f800720020007400720079006b006b002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006b0061006e002000e50070006e006500730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f0067002000520065006100640065007200200035002e00300020006f0067002000730065006e006500720065002e00200044006900730073006500200069006e006e007300740069006c006c0069006e00670065006e00650020006b0072006500760065007200200073006b00720069006600740069006e006e00620079006700670069006e0067002egt SVE ltFEFF0041006e007600e4006e00640020006400650020006800e4007200200069006e0073007400e4006c006c006e0069006e006700610072006e00610020006e00e40072002000640075002000760069006c006c00200073006b0061007000610020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e00740020006d006500640020006800f6006700720065002000620069006c0064007500700070006c00f60073006e0069006e00670020006600f60072002000700072006500700072006500730073007500740073006b0072006900660074006500720020006100760020006800f600670020006b00760061006c0069007400650074002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e00740065006e0020006b0061006e002000f600700070006e006100730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f00630068002000520065006100640065007200200035002e003000200065006c006c00650072002000730065006e006100720065002e00200044006500730073006100200069006e0073007400e4006c006c006e0069006e0067006100720020006b007200e400760065007200200069006e006b006c00750064006500720069006e00670020006100760020007400650063006b0065006e0073006e006900740074002egt KOR ltFEFFace0d488c9c8c7580020d504b9acd504b808c2a40020d488c9c8c7440020c5bbae300020c704d5740020ace0d574c0c1b3c4c7580020c774bbf8c9c0b97c0020c0acc6a9d558c5ec00200050004400460020bb38c11cb97c0020b9ccb4e4b824ba740020c7740020c124c815c7440020c0acc6a9d558c2edc2dcc624002e0020c7740020c124c815c7440020c0acc6a9d558c5ec0020b9ccb4e000200050004400460020bb38c11cb2940020004100630072006f0062006100740020bc0f002000520065006100640065007200200035002e00300020c774c0c1c5d0c11c0020c5f40020c2180020c788c2b5b2c8b2e4002e0020c7740020c124c815c7440020c801c6a9d558b824ba740020ae00af340020d3ecd5680020ae30b2a5c7440020c0acc6a9d574c57c0020d569b2c8b2e4002egt CHS ltFEFF4f7f75288fd94e9b8bbe7f6e521b5efa76840020005000440046002065876863ff0c5c065305542b66f49ad8768456fe50cf52068fa87387ff0c4ee575284e8e9ad88d2891cf76845370524d6253537030028be5002000500044004600206587686353ef4ee54f7f752800200020004100630072006f00620061007400204e0e002000520065006100640065007200200035002e00300020548c66f49ad87248672c62535f0030028fd94e9b8bbe7f6e89816c425d4c51655b574f533002gt CHT ltFEFF4f7f752890194e9b8a2d5b9a5efa7acb76840020005000440046002065874ef65305542b8f039ad876845f7150cf89e367905ea6ff0c9069752865bc9ad854c18cea76845370524d521753703002005000440046002065874ef653ef4ee54f7f75280020004100630072006f0062006100740020548c002000520065006100640065007200200035002e0030002053ca66f465b07248672c4f86958b555f300290194e9b8a2d5b9a89816c425d4c51655b57578b3002gt gtgtgtgt setdistillerparamsltlt HWResolution [2400 2400] PageSize [595000 842000]gtgt setpagedevice

Page 6: Alcesti nel Novecento letterario italianoprofvianello.altervista.org/files/alcesti_nel_novecento_letterario... · Alcesti nel Novecento letterario italiano 5 La questione morale e

Roberto Vianello

6

guamente coesistente con atteggiamenti piugrave nobili nella vicenda antica Egrave un fatto che fino alle soglie dellrsquoOttocento i nuovi interpreti della vicenda hanno cercato di ldquomigliorarerdquo Admeto ritenendo inadatto al loro pubblico ndash e alla bellezza della vicenda stessa ndash il ldquovampirismordquo di un uomo disposto al sacrificio della sua don-na e incapace di rispetto per chi lo ha generato Vanno in questo senso accorgi-menti caratteristici dei nuovi testi ispirati alla vicenda quali la sua iniziale ignoran-za delle scelte di Alcesti (Aureli 1664) la morte apparente dellrsquoeroina (Martello 1709) lrsquoinutile rifiuto di lui (Calzabigi 1767) la scelta del sacrificio per il bene su-periore della stirpe regale (Alfieri 1798) che nella rilettura finiscono in qualche modo per offuscare se non ridimensionare la grandezza della libera donazione di lei Anche lrsquoalterco col padre irrappresentabile viene eliminato e persino per il ri-fiuto di Ferete al figlio si invoca lrsquoattenuante dellrsquoaffetto ugualmente grande per la propria sposa (Alfieri) Narcotizzare le tensioni stridenti del testo euripideo sem-bra necessitagrave preliminare alla possibilitagrave stessa di guardare ancora a quella storia drsquoamore e sacrificio che si vuol comunque raccontare Si sceglie di censurare i ri-svolti piugrave ingrati della vicenda rinunciando implicitamente alla vita della quale dal loro collidere e cortocircuitare il dramma euripideo sembrerebbe tuttavia nu-trirsi

Non cosigrave le riscritture successive DallrsquoOttocento la ricezione dellrsquoAlcesti euri-pidea sembra orientarsi verso un Admeto meno innocente piugrave problematico vie-ne descritto il rapporto coniugale meno virtuosa la coscienza

La delimitazione imposta dal tema e dal contesto di oggi ci costringe inevita-bilmente solo a qualche riferimento a Ottocento e Novecento per il resto drsquoEuropa17 Accenneremo qui alla riscrittura di Browning e a quella della Yource-nar nelle quali la posizione di Admeto tende a risultare piugrave problematica e dub-bia In Browning il re di Fere viene giudicato infantile e solo attraverso la pena e la sofferenza perviene a un mutamento interiore capace di renderlo degno della restituzione della sposa18 LrsquoAdmeto della Yourcenar egrave un marito distratto e narci-sista un artista che egrave divenuto per Alcesti laquo un irriconoscibile estraneo raquo un uo-mo che lrsquoha fatta soffrire per il quale ha imparato a provare disgusto tra le in-comprensioni Un marito del cui palazzo Alcesti laquo non occupava che il giardino raquo che di notte tra una carezza e lrsquoaltra si alzava dal letto per andare a guardare le stelle laquo Io non ho mai saputo la tua idea delle stelle raquo ndash lo rimprovera la donna prima di morire opponendo con un certo rancore alle fantasie artistiche di lui la sua necessitagrave di pensare ad altro di badare al figliohellip E quando Ercole la riporta

17 Non ci risultano riscritture italiane di epoca ottocentesca 18 Non ci risultano edizioni italiane di Balaustionrsquos Adventure (v n 15) Rinviamo per esso ancora a SUSANETTI 2001 e PADUANO 2004 (in cui si possono leggere alcuni passi in lingua) ldquoFiore di Me-logranordquo giunta a Siracusa si impegna a recitare lrsquoAlcesti euripidea e ne fornisce una interessante lettura critica commentandone originalmente vari passaggi Ma propone poi una reinterpretazione radicale della storia che sottintende il suo giudizio negativo su Admeto il suo comportamento di-verragrave piugrave comprensibile alla luce del sogno condiviso con Alcesti di riportare sulla terra una nuova etagrave dellrsquooro

Alcesti nel Novecento letterario italiano

7

in vita vi ritorna con riluttanza negando di essersi sacrificata per lo sposo in re-altagrave ndash confessa ndash voleva morire19

La ricezione del Novecento italiano

Ma passiamo al Novecento italiano Vi troviamo ben quattro riletture del mi-to euripideo La prima egrave lrsquo Alcesti dai contenuti inopinati20 di Ettore Romagnoli pubblicata dal famoso grecista nei suoi Terzi drammi satireschi del 1922 La seconda egrave lrsquo Alcesti di Samuele di Alberto Savinio edita da Bompiani nel 1949 e messa in scena nel 1950 dal Piccolo Teatro di Milano21 Segue terza una incompiuta Alcesti di Corrado Alvaro anteriore al 1951 rimasta dattiloscritta e pubblicata solo nel 198322 Ultima infine ndash solo in ordine cronologico ndash Alcesti o La recita dellrsquoesilio di Giovanni Raboni edita da Garzanti nel 2002 e portata in scena per la prima volta nel 2004 ndash pochi mesi prima della scomparsa dellrsquoautore ndash dal Centro Teatrale Bresciano che ci ha cortesemente fornito un video dello spettacolo autorizzan-done la proiezione di qualche scena nel corso di questa lezione

Ci concentreremo oggi sulle Alcesti di Savinio e di Raboni Ci inducono a farlo ragioni di tempo e la possibilitagrave inattesa di vedere la resa teatrale di uno dei due pezzi Ma anche la genesi in qualche modo corrispondente dei due drammi con-cepiti allrsquoindomani del secondo grande conflitto il primo ndash e per cosigrave dire bilancio intellettuale di una stagione ndash un cinquantennio piugrave tardi lrsquoaltro ndash e dunque veri-fica di fine secolo delle speranze post-belliche Non ci verragrave crediamo imputata lrsquoincongruenza di inserire un testo del terzo millennio tra gli argomenti novecen-teschi di questo ciclo di conferenze Ci assolveranno dalla accusa di forzatura cronologica lrsquoideazione del dramma di Raboni che ha come verosimile terminus ante quem lrsquoaprile del primo anno del nuovo millennio23 Ma soprattutto il coinci-dere della sua realizzazione con gli ultimi atti letterari dellrsquoautore novecentesco e

19 Il mistero di Alcesti della Yourcenar (scritto nel 1942 ma pubblicato solo nel 1963) egrave ora fruibile in EURIPIDE E ALTRI 2006 Si vedano anche su di esso SUSANETTI 2001 TELOgrave 2004 PATTONI 2006 20 Admeto vi finge una falsa disperazione per la morte di Alcesti innamorato comrsquoegrave della sorella di lei con la quale potragrave finalmente essere felice dopo la morte della sposa Il ritorno dallrsquoAde lo sorprende proprio nei nuovi progetti per lrsquoavvenire 21 La si legga ora in SAVINIO 2007 SullrsquoAlcesti di Samuele cf CASCETTA 1995 22 La si legga in MORACE 1983 che ne segnala il terminus ante quem (p 732) Sul testo cf anche MORACE 2001 e LANGELLA 2004 Si tratta di una versione del mito ldquosecolarizzatardquo e ambientata nel mondo moderno sullo sfondo del secondo dopoguerra 23 Cf RABONI 2006 p CXXXVIII In unrsquointervista pubblicata su ldquoIl popolordquo del 20 febbraio 2002 Raboni dagrave per ultimata la sua Alcesti destinata ad andare in scena al Teatro Olimpico di Vi-cenza nellrsquoautunno dello stesso anno Lrsquointervista egrave ora in Internet allrsquoindirizzo wwwitalialibrinet La messa in scena non si realizzograve e la prima dellrsquoopera risultograve quella citata nel testo

Roberto Vianello

8

le parole stesse infine con cui Raboni ne parlograve pubblicamente in una lezione dal titolo ldquoAlcestirdquo e i disastri del Novecento24

LrsquoAlcesti di Savinio Andrea De Chirico fratello del piugrave noto Giorgio e noto al pubblico col nome

drsquoarte di Alberto Savinio richiede qualche parola di presentazione dato lo spazio contenuto di cui gode normalmente nei libri di testo in uso ai piugrave giovani tra il nostro pubblico Si tratta del resto di sorte comune alla maggior parte degli autori novecenteschi i manuali ne registrano i nomi insieme a sintesi minime di pensie-ro e scelte poetiche scegliendo la completezza informativa anzicheacute lrsquoapprofon-dimento caratteristico degli scrittori piugrave ldquocanonicirdquo Alla produzione teatrale di Savinio poi sono dedicate spesso solo poche righe (tre e mezza nellrsquoultimo libro di testo adottato qui al Classico)

Savinio egrave quel che si dice un artista eclettico Scrittore musicista pittore Lrsquoinfanzia in Grecia egrave per lui solo la condizione originaria di un percorso intellet-tuale compiuto nel corso di una vita errabonda in Europa Monaco Milano Fi-renze Parigi Ferrara Roma le tappe di un vagare che ne determina la prospettiva non provinciale ponendolo in relazione con le avanguardie culturali del primo Novecento Nietzsche e Schopenhauer con la musica gli oggetti di interesse della prima giovinezza Poi lrsquoincontro con lrsquoavanguardia artistica e letteraria a Parigi il sodalizio con Apollinaire il concerto ldquosinceristardquo nella sala delle ldquoSoireacutees de Pa-risrdquo25 E ancora i contatti con De Pisis e Carragrave lrsquoesperienza del Teatro Odescalchi a Roma insieme a Pirandello lrsquoinizio dellrsquoattivitagrave pittorica la collaborazione con riviste e quotidiani lrsquoinserimento unico italiano nellrsquoAntologia dello humour nero del surrealista Breton la collaborazione con la Scala di Milano26 Savinio evita il con-fronto col Fascismo impegnandosi solo dopo la sua caduta nella denuncia delle radici ideologiche e culturali del totalitarismo Esse affondano nelle passioni nellrsquoistinto nella vitalitagrave che determinano pesantemente lrsquouomo e le sue scelte Da essi puograve salvarlo solo la cultura intesa come civiltagrave come costruzione dellrsquouomo per lrsquouomo unico strumento in grado di riscattarne la storia27 Cittadi-no del mondo con lrsquoEllade nel DNA come si direbbe oggi per Savinio la cultura non puograve che autocomprendersi in relazione allrsquoAntico Atteggiamento che non va inteso come accettazione di un classicismo imbalsamato e anacronistico Il tempo dei miti egrave finito e lrsquoAntico appartiene alla coscienza della modernitagrave inquieta e 24 Per la trascrizione dellrsquointervento nella sede di Brescia dellrsquoUniversitagrave Cattolica (12 dicembre 2003) a cura di F Molinari cf RABONI 2004 La si legga ora anche nellrsquoapparato critico a cura di Rodolfo Zucco in RABONI 2006 pp 1776-1782 25 Il memorabile concerto di musica non armonica si tenne nel 1914 nella sede della rivista ldquoLes soireacutees de Parisrdquo di Apollinaire 26 Per maggiori notizie su Savinio basti qui rinviare a PIETROMARCHI 1986 e PEDULLAgrave 1991 Sulla vocazione europeistica di S v invece GUIDI 2006 27 Si veda per questi temi GUIDI 2006

Alcesti nel Novecento letterario italiano

9

priva di veritagrave condivisa solo per quel tanto che ci egrave dato di riconoscerne nel mondo drsquooggi Egrave vero che in vesti dimesse il mito egrave ancora presente tra noi Ri-conoscerlo permette di gettar luce sulla realtagrave La coscienza attenta dei moderni puograve trovare nellrsquoereditagrave dei classici un archivio di archetipi capaci di orientare alla comprensione delle cose Riconoscervi lrsquoultima metamorfosi di forme passate lrsquoultimo darsi sotto altra foggia di un nietzschiano eterno ritorno dellrsquoidentico puograve determinare laquonella realtagrave una irruzione di veritagraveraquo 28 fare del mito uno stru-mento conoscitivo privilegiato Si spiega in gran parte cosigrave lrsquoopera letteraria e pit-torica di Savinio29 nel suo accostare personaggi e situazioni del quotidiano a rico-nosciuti omologhi mitici Si tratta di una interazione nella quale a volte il quoti-diano puograve demitizzare ironicamente il leggendario per la sua evidente banalitagrave al-tre volte accade invece che i modelli paludati di un tempo rimitizzino la banalitagrave dellrsquoordinario per quel tanto di universale che se ne puograve riconoscere dietro il ri-dimensionamento alla misura dellrsquooggi

Il mito irrompe inaspettatamente ndash ed esemplarmente ndash nel vissuto di Savinio un giorno del rsquo42 in cui in qualitagrave di critico egli assiste a prove liriche al Teatro dellrsquoOpera di Roma30 Vi compare improvvisamente il dott Alfred Schlee della Universal Edition di Vienna31 Di lui Savinio giunge a conoscere lrsquoinaudito destino di vittima costretta dallrsquoinasprirsi delle leggi razziali a una scelta odiosa divorziare dalla moglie ebrea o perdere lrsquoincarico presso lrsquoeditrice musicale Il disumano aut aut istituito tra i valori piugrave costitutivi dellrsquouomo ndash lavoro e affetti familiari ndash basta di per seacute a fare dello Shlee un personaggio tragico Ben piugrave crudele tuttavia sco-pre Savinio la sorte di quellrsquouomo ormai privo di una sposa che per non intral-ciarne la carriera ha scelto di togliersi la vita

Ecco il mito tra noi Ecco tra noi una nuova Alcesti la donna che rinuncia al-la vita per lo sposo nel cuore del XX secolo laquoAlcesti egrave rinataraquo ndash diragrave il personag-gio dellrsquoAutore nel dramma che Savinio pubblicheragrave di ligrave a qualche anno32 ndash laquoAl-

28 CASCETTA 1995 p 1407 Senza ambizione di completezza rimandiamo per il mito e il mondo classico in Savinio a RAGNI 2002 e USAI 2005 29 Si pensi per citare qualche esempio a titoli saviniani come Hermaphrodito (1918) o Capitano Ulisse (1934) o a opere pittoriche quali il fatuo Apollo del 1931 (con la testa drsquoanitra e il busto sopra un capitello ionico) il Colloquio - Oreste e Pilade del rsquo32 (in cui i due amici sono ritratti su basamenti che paiono immobilizzarli) Il ritorno di Ulisse del rsquo33 (in cui un soggetto nientrsquoaffatto eroico porta in testa un moderno cappello di paglia) Mademoiselle Centaure del rsquo46 (un vanitoso individuo fem-minile dalla duplice natura ostenta un cappellino alla moda in riva al mare) Per lrsquoopera pittorica di Savinio si consulti VIVARELLI 1996 30 Sulla vicenda cf SAVINIO 2007 pp 304 ss 31 Il nome dello Schlee che operograve in circostanze storiche difficili nella sede viennese della editrice musicale fino al 1945 compare nella storia della Compagnia tuttora attiva allrsquoindirizzo Internet wwwuniversaleditioncom (v anche la versione inglese) 32 SAVINIO 2007 p 26 Drsquoora in poi si faragrave riferimento tra parentesi alla numerazione di pagina di questa edizione

Roberto Vianello

10

cesti non egrave un individuo ma una specie Conoscevamo Alcesti di Pelia ora cono-sciamo Alcesti [hellip] di Samueleraquo (p 45)33

La creativitagrave di Savinio sensibile come srsquoegrave detto alle occorrenze del mito nel quotidiano lo spinge a lavorare su questo spunto di vita vissuta fino a pubblicare nel 1949 presso Bompiani il dramma in prosa Alcesti di Samuele che verragrave portato in scena lrsquoanno successivo dal ldquoPiccolo Teatro di Milanordquo per la regia di Giorgio Strehler34 Saragrave un fiasco La trasformazione che la vicenda della moderna Alcesti ha subito nel suo farsi testo da recitare il linguaggio teatrale scelto dallrsquoautore ne faranno qualcosa di sgradito a critici e spettatori Verbositagrave divagazioni disarmo-nie moduli da avanguardia col pessimismo e il nichilismo che vi traspaiono ne faranno qualcosa di lontano per ragioni diverse dalle attese del pubblico35

La vicenda srsquoegrave detto passando dalla vita alla letteratura si egrave trasformata Il dott Shlee egrave diventato il dott Paul Goerz direttore della Musikalische Ausgaben di Monaco Alcesti egrave Teresa Goerz figlia di Samuele moglie ebrea di Paul Il te-sto prevede lrsquoentrata degli spettatori e di un Autore prima che si apra il sipario LrsquoAutore anticipa ai presenti che Goerz egrave a Roma percheacute neanche la vicenda della sua Alcesti puograve risolversi senza lrsquointervento di Ercole

Si apre il sipario Sulla scena un telefono dieci volte piugrave grande del normale attira su di seacute lrsquoattenzione degli spettatori Il ricevitore abbandonato oscilla a pendolo Una voce ripete insistentemente e minacciosamente laquoIl dott Goerz su-bito al Ministeroraquo (p 30) Ai lati della scena due sagome in poltrona i ritratti di Padre e Madre seduti e destinati ad animarsi nel corso del dramma Teresa non crsquoegrave La servitugrave e i figli sanno che ha fatto delle telefonate nellrsquoassenza del marito Paul comrsquoegrave evidente dalle parole dellrsquoAltoparlante si egrave recato al Ministero ove egrave stato costretto alla dolorosa scelta tra la sposa e il lavoro Al suo ritorno vorrebbe dirle che ha scelto lei coraggiosamente e fedelmente Ma Teresa non egrave in casa La chiama ripetutamente salendo sul proscenio Poi allrsquoimprovviso si spengono le luci Il nome di lei riecheggia nel buio Quando la luce torna in luogo del telefono si vede un ritratto della donna a grandezza naturale Ai piedi del ritratto una lette-ra lrsquoaddio di Teresa allo sposo e le ragioni del suo irreparabile gesto

Lascio questa lettera ai piedi del mio ritratto Cosigrave mentre tu leggerai [] ti sembreragrave udi-re la mia voce [] La telefonata di stamattina io lrsquoaspettavo Ero una cacciatrice in agguato Sapevo che la tigre sarebbe venuta E per divorare te mio povero Paul Colpa mia del resto Era giusto che provvedessi io stessa a cacciare la tigre Tante volte tu hai difeso me Tu e io as-sieme non abbiamo sempre sostenuto la paritagrave dei diritti tra uomo e donna La moglie a sua

33 Samuele come si comprende egrave il nome ebreo del padre della nuova Alcesti 34 Alcune immagini dellrsquoevento teatrale nellrsquoArchivio multimediale del sito Internet del ldquoPiccolordquo Scenografia e costumi furono a cura dello stesso Savinio Tra gli attori ivi ritratti Lilla Brignone Piero Carnabuci Camillo Pilotto Diego Parravicini Mario Feliciani Alberto Marcheacute 35 Anche per questo il ldquoPiccolordquo percorreragrave presto altre strade rileva il citato CASCETTA 1995 p 1442

Alcesti nel Novecento letterario italiano

11

volta deve difendere il marito Quale migliore occasione di questa Quando tu leggerai questa lettera io sarograve lontana Molto lontana (p 44 s)36

Teresa-Alcesti illustra il suo gesto a un Paul-Admeto lasciato per cosigrave dire fuori dal gioco Incolpevole E tuttavia non proprio completamente ldquoinnocen-terdquo37

Mi serviva una via drsquouscita Ho scelto il fiume Quale via migliore Quando eravamo fi-

danzati tante volte [] siamo andati a guardare assieme questo nostro fiume di sera dal pa-

36 Il presente testo di Savinio come i seguenti egrave stato videoproiettato e letto da chi scrive nel cor-so della lezione 37 LrsquoAdmeto di Savinio sembra avere qualcosa in comune con lrsquoAdmeto della Yourcenar di cui si diceva piugrave sopra Non risultano tuttavia rapporti diretti tra le due opere (cf PATTONI 2004 p 292 n 44)

Paul (Piero Carnabuci) legge la lettera davanti al ritratto di Teresa (Lilla Brignone)

Archivio Piccolo Teatro di Milano

Roberto Vianello

12

rapetto del ponte Massimiliano Poi ci siamo sposati [] non siamo piugrave andati a guardarlo Che peccato Che peccato questo invadente burocratismo del matrimonio Io perograve qualche volta sono tornata da sola a guardare il fiume Non te ne ho mai parlato Mi avresti detto che sono bambinate Noi donne siamo conservatrici hellip Meno di voi accaparrate dallrsquoavvenire Ci piace conservare gli oggetti i ricordi i luoghi implicati in qualche nostro momento di felicitagrave E non amiamo il mutamento Che impressione strana ndash non avertene a male ndash che impressione di ldquoperditardquo al ritorno da quelle mie visite solitarie al fiume ritrovare qui a casa il te di ora dopo il te di allora lasciato poco prima sul parapetto del ponte Massimiliano Ci so-no alcune sottili varianti del tradimento che la legge sullrsquoadulterio non contempla ma alle quali il nostro animo non rimane indifferente Da qualche tempo in qua le mie visite al fiume erano piugrave frequenti Tu hai giagrave capito Non per rievocare una felicitagrave perduta ma per cercare un ami-co un alleato Il suo movimento instancabile mrsquoispirava fiducia Rispondeva a un mio desiderio sempre piugrave urgente Questa cittagrave nella quale noi viviamo egrave soffocata dalla terra Terra da o-gni parte Terra terra [] La terra stringe tuttrsquointorno questo paese lo strozza lo porta allrsquoisterismo e alla pazzia [] Con quale altro mezzo andarmene da qui Percheacute andarmene bisogna Se no egrave la morte per me e anche per te mio povero Paul - mio po-vero ldquoinnocenterdquo [] Quando tu avrai finito di leggere questa lettera io avrograve raggiunto finalmente quello che ho sempre desiderato [] la [] Libertagrave [] Tengo a chiarire la mia si-tuazione io non sono una donna che si ammazza sono una donna che ldquolibera se stessardquo che ldquosalva se stessardquo (pp 46 ss)

Una voce femminile annuncia che crsquoegrave un poscritto egrave il ritratto che srsquoegrave animato surrealisticamente e terminando la lettura comunica la consapevolezza della mo-derna Alcesti dellrsquounicitagrave del suo gesto in cui egrave certa di poter pienamente realizza-re se stessa

Io lo sai non sono donna da contentarmi del marito della casa dei figli Io volevo far qualcosa di mio di proprio Te lo dicevo sempre Non sapevo cosa Tu mi pigliavi in giro La sorte mi ha favorita Ecco che anchrsquoio ho trovato una cosa da fare Una cosa laquo mia raquo E che cosa Cara mi costa [] Questo mio capolavoro per di piugrave non rimarragrave sconosciuto Perciograve Paul stattene lontano Non venire Non venire Me eroina la tua sola presenza tornerebbe a fare di me uno straccio di donnetta E io non voglio non fosse che per far dispetto a voi uomi-nihellip Una parola allrsquoorecchio in questo mio sublime sacrificio non riesco a determinare quanto crsquoegrave di eroismo e quanto di vanitagrave (pp 60 s) Nella giustificazione del gesto della nuova Alcesti percepiamo risonanze di

una sensibilitagrave ovviamente moderna e la rivendicazione di una dignitagrave di genere propria delle stagioni piugrave recenti delle societagrave occidentali Tratti come questi non possono certo stupirci scontatamente necessari come sono al personaggio Se la nostra eroina egrave solo uno degli individui in cui la specie Alcesti srsquoegrave riprodotta nella storia deve mostrare specificitagrave sue particolari lati di unrsquoidentitagrave ldquoda secolo bre-verdquo Si potragrave semmai ndash rispetto alle scelte dellrsquoautore ndash chiedere criticamente fino a che punto possa darsi unrsquoAlcesti moderna non tanto nel suo affacciarsi alla sto-ria nella riconoscibile somiglianza di una situazione quanto piuttosto nel suo cor-rispondere effettivamente ai tratti caratteristici della specie di cui essa sarebbe in-

Alcesti nel Novecento letterario italiano

13

dividuo E porre conseguentemente una questione riconducibile alla precedente domandando a unrsquoAlcesti novecentesca si addice un ritorno dai morti Quale spazio nellrsquoetagrave della scienza e del disinganno per ciograve che inspiegabilmente Plato-ne non problematizzava ma la lucida ragione dello stesso Euripide egrave sembrata a taluni implicitamente rifiutare38 Prenderemo in considerazione prima la seconda questione constatando che Savinio non sceglie di percorrere lrsquoitinerario ldquopiugrave ve-rosimilerdquo di un mancato ritorno come pure sappiamo si fece nellrsquoantichitagrave39 Per lrsquoAlcesti moderna a giudizio di Savinio un ritorno egrave possibile almeno nella fin-zione teatrale Percheacute il teatro egrave il luogo laquoche corregge quello che egrave sbagliato completa quello che egrave incompleto Il teatro egrave come i sogni I sogni attuano quello che da svegli non possiamo attuareraquo (p 78) Questo proclama solennemente il personaggio dellrsquoAutore allrsquoErcole moderno a cui Savinio affida lrsquoimpresa di ri-portare nel mondo Teresa-Alcesti E si tratteragrave di un duplice indennizzo Percheacute se Teresa potragrave tornare anche il nuovo Ercole troveragrave nellrsquoimpresa una personale compensazione agli oltraggi della sorte Soltanto al termine amaramente com-prenderemo in che modo saragrave stata fatta laquopiugrave viva la vitaraquo

Ai tempi del secondo grande conflitto lrsquounica figura storica immaginabile in veste drsquoeroe egrave il vincitore morale della guerra colui che ha saputo ripulire il mon-do dallrsquoidra del totalitarismo Egrave il presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Ro-osvelt che la morte ha ingiustamente tolto di scena prima che potesse terminare la guerra ma a cui il teatro che completa quel che la vita ha lasciato incompleto concede la chance di unrsquoultima grande impresa

Lrsquoex Presidente entra in sala al suono drsquouna marcia militare con lrsquoaspetto di un busto poggiante su piedistallo che si scopre poi nascondere un locomotore di cui lrsquoeroe dimezzato si serve per raggiungere il palcoscenico La trovata che assi-mila il personaggio a talune immagini del Savinio pittore40 non egrave il solo mezzo ri-servato a quello che sembra un ridimensionamento inspiegabile Anche un lungo scambio di battute ora pedanti ora polemiche apparentemente fuorvianti mira a realizzare almeno sotto il profilo ideologico una dissacrante relativizzazione dellrsquoeroe uno dei tanti laquouomini forti onesti e soprattutto ottusiraquo adibiti a laquogrossi e periodici lavori di pulitura del mondoraquo (p 95) A questo simbolo dellrsquoottimismo che non sa bene se egrave giagrave morto o egrave ancora vivo che da Americano crede a tutto e non ha idee personali a questo laquoeroe moralistaraquo (p 92) simbolo della democra-zia e del liberalismo egrave affidato il compito che fu dellrsquoEracle euripideo dovragrave ri-portare in vita la vittima del razzismo nazionalsocialista Con quali risultati ve-dremo

38 Cf n 10 39 Egrave noto che lrsquoeroina non ritorna in vita nellrsquoAlcestis Barcinonensis ma gli esametri pervenuti regi-strano quale ultimo atto della vicenda le sconsolate parole di Alcesti laquoConiux dulcissime coniux [hellip] rapior venit mors ultima venit infernusque deus claudet lsaquo iam rsaquo membra soporeraquo 40 Cf la nota 29

Roberto Vianello

14

Quando il sipario si riapre Roosvelt sta scendendo nel Kursaal dei morti un Aldilagrave irriconoscibile In questa sorta di clinica i morti siedono in attesa di dimen-ticare fino a non esser piugrave fino a finire di morire In una interazione da teatro moderno egrave il pubblico a impersonare il ruolo dei morti Roosvelt si intrattiene con un Direttore invisibile di cui si percepisce la presenza unicamente dalla voce e dai movimenti di una seggiola e di un registro che bisogna immaginare toccati da lui41 La voce del Direttore spiega che nel Kursaal trovano posto quanti non riescono a morire fincheacute nel mondo resta ancora traccia di loro Si tratta di morti illustri che aspirano ora solo allrsquoindifferenza desiderano lrsquoannientamento della lo-ro individualitagrave Gli altri quelli che in vita sembrano vivi ma non sono piugrave vivi dei morti passano e nessuno se ne accorge neacute durante la vita neacute dopo La perma-nenza nella laquoclinicaraquo (p 128) egrave proporzionale alla compattezza della personalitagrave e 41 Vorremmo poter affermare che questo Direttore di Savinio come lrsquointera situazione del Kursaal abbia svolto un qualche ruolo nella immaginazione di Dino Buzzati presente alla prima dello spettacolo e tra i pochi favorevoli al lavoro (CASCETTA 1995 pp 1440 n 87 1441) Ha qualcosa del Direttore del Kursaal infatti il Diavolo-Giacca che nel buzzatiano Poema a fumetti del 1969 sovrintende incorporeo a un Aldilagrave altrettanto sorprendente e straniante

LrsquoAutore (Mario Feliciani) e Roosvelt (Camillo Pilotto)

Archivio Piccolo Teatro di Milano

Alcesti nel Novecento letterario italiano

15

quindi al ricordo che resta tra i vivi Una silenziosa concentrazione aiuta il laquorias-sorbimentoraquo (p 127) Siedono tra questi morti alcuni grandi della storia e alcuni grandi della poesia Rimbaud egrave piugrave lento di Aleardi nel suo percorso verso lrsquoannichilimento I posti di Carducci e Pascoli sono giagrave vuoti Omero invece resi-ste da tremila anni lo laquochiamanoraquo (p 132) troppo dal mondo dei vivi Anche lrsquoAlighieri egrave uno degli ospiti laquopiugrave duriraquo (p 136)

I morti coprono Roosvelt di improperi per il turbamento dellrsquoatarassia da loro cercata e da lui alterata nella pretesa di riportare in vita Teresa Goerz Pregano il Direttore di lasciarlo fare per aver finalmente pace E finalmente laquoun grido di na-scitaraquo o laquodi agonia ldquoinvertitardquoraquo (p 144) annuncia che Teresa sta per tornare tra i vivi Il sipario si chiude La sala del teatro si illumina LrsquoAutore afferra il sipario e lo riapre Teresa torna attraverso il suo ritratto ride sommessamente e chiede percheacute la si voglia vedere lei che egrave laquoil vomito che la Morte rigetta sui viviraquo (p 166) Le sue parole raggelano e non sembrano affatto corrispondere al ruolo di nuova Alcesti che srsquoegrave immaginato ella possa avere Forse il ritorno dai morti egrave possibile nel teatro di Savinio ma non egrave detto che esso corrisponda alle nostre attese E il personaggio dellrsquoAutore osserva che Alcesti rediviva dovrebbe rimet-tere le cose come stavano prima mentre Teresa-Alcesti laquorovescia la parte tradisce lrsquoaspettativaraquo (p 167)

LrsquoAlcesti moderna egrave morta laquoper volontagrave di essereraquo confessa per poter laquofar brilla-re se stessa nella vitaraquo proprio in contrasto con lrsquo laquoasfissia dellrsquoessere che sono i re-gimi totalitariraquo (p 168)42 Ma il suo gesto laquodi vitaraquo sembra aver perso ogni valore per lei Non si tratta di rimpianto per la vita perduta che ella non puograve piugrave amare Teresa non egrave tornata per merito del nuovo Ercole che ha creduto di laquoconciliare morte e vitaraquo (p 176) cosigrave come si egrave illuso di portare pace agli uomini con la sua guerra Ella non egrave tornata per ricominciare la sua vita tra i vivi Troppa differenza la separa ormai da loro egrave altra la sua conoscenza altra la sua sapienza E non egrave tornata solahellip Lrsquoha preceduta la Signora del Profondo lrsquoImmortale la Morte de-terminata a punire lrsquoorrendo delitto di averla riportata in vita Roosvelt cade allrsquoimprovviso lungo disteso Anche Goerz si distende morto E Teresa ignoran-done il cadavere si precipita ad abbracciare ciograve che del suo amato Paul egrave ora in-visibile al pubblico di fronte a lei per proclamargli la sua nuova veritagrave

Ora ti posso dir tutto [hellip] Gli uomini fino a un certo punto percorrono un cammino di vita e vivere egrave la meta del loro cammino Gli uomini allora sono figli [hellip] Ma a partire da quel punto la meta del cammino della vita non egrave piugrave la vita egrave la morte [hellip] Gli uomini allo-ra sono genitori Noi allora [hellip] ci accorgiamo [hellip] che il nostro tempo si abbrevia sempre piugrave Questo il meccanismo di quella vita dalla quale e tu e io siamo usciti Questo il suo dare e il suo avere Questo il suo bilancio [hellip] La vita ricordi egrave rotta tratto tratto da schermi che in-tercettano la visuale Uno di questi sono i figli [hellip] Dolce follia per la nascita di Ghita io sen-tii poi per quella di Claus e le cure per allevare i nostri figli non me le sono risparmiate Ep-pure non so [hellip] io di lagrave dalla dolce follia di lagrave dalle cure vidi distintamente in fondo alla

42 Se lrsquoautore ha pensato in questo luogo al famoso Epitafio di Sicilo ( Ὅσον ζῇς φαίνου ) bisogneragrave at-tribuirgli una specifica volontagrave di dotare la moderna Alcesti di una weltanschauung ldquoellenicardquo

Roberto Vianello

16

mia strada la luce della vita tramontare e sorgere lombra della morte Spaventata Preoccupa-ta No Contenta Profondamente contenta Come della sola veritagrave intravista [hellip] Capisci ora come ben preparata io ero alla morte Capisci ora percheacute la morte non era per me quella spaventosa sorpresa che egrave per altri Capisci ora percheacute io non solo non temevo la morte ma la sentivo come il mio vero destino E quei lagrave credevano spaventarmi imponendomi la morte come un patto ndash come una punizione Imbecilli Paul io mi uccisi per liberare te dalla trappola che quegli imbecilli ti avevano teso Ma questa egrave la versione ufficiale La ragione vera e che ora nella nostra piena identitagrave non ho piugrave motivo di nasconderti egrave che io mi uccisi per affrettare il destino per impazienza della promessa [hellip] In quellaltro mondo ho dato la vi-ta ai miei figli in questa vita do la vita a te Ho attuato la piugrave segreta e assieme la piugrave grande aspirazione della donna essere la sposa e assieme la madre delluomo amato [hellip] Questa immagine di donna viva che ho dovuto indossare prima di venire qui ora prima di an-darmene me la toglierograve di dosso e la lascerograve al suo solito posto Come richiudere dietro a me il muro che ho abbattuto per entrare Tra noi e loro ogni comunicazione saragrave rotta [hellip] Eccomi pronta E tu Ti parragrave di aver traversato una gola Lunghissima e stretta Buia e irta di macigni E finalmente uscire sul mare Su un mare libero infinito Paul Questa libertagrave questo infinito sono io che te li do Vedrai quando ci lasceremo alle spalle la gola buia e stretta la gola irta di macigni tutto lassurdo che i vivi accumulano roccia su roccia assurdo su assurdo [hellip] Ti parragrave di aver attraversato un corridoio Un corridoio molto lungo e mol-to stretto Un corridoio tanto lungo e tanto stretto quanto lunga e quanto stretta egrave stata la tua vita Un corridoio buio Un corridoio sotterraneo [hellip] Un corridoio pieno di armadi di casse di scatole Tanti armadi tante casse tante scatole Pesanti Inamovibili [hellip] Armadi casse scatole piene di roba Che roba Non si sa Nessuno lo sa E ti tocca arrampicarti scavalcare andar carponi passar sotto passar di lato tirandoti dentro la pancia e spingere sollevare e andare andare andare affannato disperato e il corpo pesa e duole e lanima pesa e duole e sempre sudore saliva e pianto giugrave dalla faccia e la paura la paura la paura e volere vo-lere volere non riuscire mai a laquo non volere raquo e questo corridoio che non parla ma tu senti lo stesso che dice laquo no no no raquo E sempre armadi sempre casse sempre scatole Piene di tutto lassurdo di tutta langoscia che gli uomini questi mangiatori dassurdo questi divoratori dangoscia hanno accumulato per secoli e secoli e secoli [hellip] Vedrai quando davanti a noi si apriragrave Che cosa Non so Parliamo ancora una lingua che ormai non serve Dobbiamo dimenticare prima di tutto i significati I significati passati Gli ultimi significati Capovolgerli non basta Dimenticarli Cancellarceli da dosso Che posso dirti Nulla No Tutto Nemmeno E allora Dimentica Paul e sii pronto Ti farograve da madrina Ti presenterograve al nostro direttore Ti raccomanderograve Lo pregherograve di favorirci Di aiutarci a far presto Sai Io laggiugrave ti ho aspettato Quale piugrave grande prova damore Non sono morta per aspettarti An-che se la vostra volontagrave di riavermi quassugrave non avesse fermato laggiugrave il compimento della mia morte io egualmente mi sarei trattenuta di morire ndash per aspettare te Ora egrave passata Risolve-remo presto Che ci trattiene piugrave [hellip] Entreremo nella suprema felicitagrave Pensa Non individui piugrave sciolti nel nulla ndash nel tutto Una parola ancora Lultima In questa lingua che stiamo per abbandonare Ascolta Nascere egrave un atto individuale morire egrave un atto universale Il laquo nostro raquo atto universale Il solo nostro atto universale Questo il grande se-greto della morte Questo il suo immenso bene Vieni Paul [hellip] Sposa tua e madre apro a te luniverso (pp 183-189) Ci chiedevamo prima se la somiglianza della situazione vissuta implicasse ipso

facto la corrispondenza piena tra i tratti costitutivi della nuova eroina e quelli del

Alcesti nel Novecento letterario italiano

17

suo archetipo Bisogneragrave rispondere di no43 Millenni di storia lrsquoesperienza di quella recente ndash dei due grandi conflitti delle delusioni a essi conseguenti delle atrocitagrave e del dolore generale ndash hanno evidentemente lasciato il segno E lunga sullrsquoorizzonte di questo mondo si proietta lrsquoombra del nulla della mancanza di senso dellrsquoassurditagrave del vivere LrsquoAlcesti del Novecento egrave deformata nella sua fi-sionomia dalle conseguenze di una storia che il pensiero stenta a comprendere come razionale o teleologicamente orientata Alcesti di Samuele egrave emblema del destino di un popolo ingiustamente e irragionevolmente sospinto nellrsquoanni-chilimento Egrave forse allegoria di una Europa soggiogata dal totalitarismo e biso-gnosa dello spirito americano per riscattarsi dalla morte44 Egrave soprattutto per chi sappia prescindere dalla contingenza storica rivelatrice di una veritagrave piugrave radicale e universale La morte ha confermato a Teresa una terribile veritagrave giagrave intravvista nel trascorrere della vita Ha squarciato definitivamente per lei una cortina oltre la quale aveva da tempo iniziato a guardare quel velo che secondo certa filosofia ricopre di illusioni lrsquounica indiscutibile veritagrave del mondo il suo essere cieca irra-zionale volontagrave incapace drsquoappagamento e svincolata da qualsiasi morale Le pa-role evidenziate sopra nel testo dichiarano esplicitamente lrsquoascendenza schopen-haueriana di questa visione fatta propria nelle premesse come nelle conclusioni

Come appaiono false assurde alla nuova Alcesti le aspirazioni degli uomini Il suo stesso suicidio egrave stato in fondo un errore tanto piugrave imperdonabile quanto piugrave ha finito per riaffermare un bene ndash quello della vita ndash che dalla prospettiva di quanti ldquonon sono nullardquo 45 si rivela affatto inconsistente nonostante tutta la fati-ca la paura lrsquoangoscia che i vivi finiscono per accumularvi ostacoli e ostacoli su un percorso fatto di assurdo Ma Teresa egrave morta per liberare Paul dalle trappole di questa vita non solo da quella del totalitarismo ha scelto di non essere per af-frettare per lui il disvelamento della veritagrave e dare allrsquoamato la libertagrave quella che consiste nellrsquoannullamento della volontagrave nello scioglimento nel nulla Teresa non egrave lrsquoἀρίστη la cui φιλία viene ricompensata col ritorno allo sposo nel mondo dei vivi Ella egrave una Alcesti alla rovescia che non rimpiange la vita bella sotto la luce del sole Maestra di unrsquoopposta comprensione del mondo sacerdotessa della No-luntas vuole lo sposo con seacute nella felicitagrave di un Nirvana si fa guida dellrsquoamato ndash sorta di antiBeatrice ndash nella dimensione in cui lrsquoindividuo e la sua volontagrave non sono piugrave46 Il suo amore per lo sposo non egrave inferiore a quello dellrsquoantica eroina Questa perograve sceglieva di non essere per donare la vita allrsquoamato ella invece sceglie di non essere per indicare allrsquoamato nellrsquoannullamento totale la suprema felicitagrave ed entrarvi con lui

43 laquoAlcesti non egrave piugrave Alcesti [hellip] Meglio se rimaneva dove stavaraquo proclama il personaggio dellrsquoAutore (SAVINIO 2007 p 167) 44 CASCETTA 1995 p 1418 s 45 laquo ἐν τοῖς οὐκέτrsquo οὖσι λέξοmicroαι raquo (v 322) laquo oὐδέν ἐσθrsquo ὁ κατθανών raquo (v 381) cosigrave si riferisce ai morti lrsquoAlcesti di Euripide 46 Cf CASCETTA 1995 p 1424

Roberto Vianello

18

laquoLa civiltagrave egrave un gioco una distrazione il modo piugrave efficace che noi abbiamo di allontanare dalla nostra mente il pensiero della morteraquo ha scritto qualche tem-po prima Savinio riprendendo forse un Leopardi divenuto straordinariamente at-tuale e riscoperto da due decenni dagli amici de ldquoLa Rondardquo 47 Ma il pensiero del-la morte non puograve piugrave turbare chi della morte non ha piugrave paura ma ha riconosciu-to anzi in essa lrsquounica veritagrave che non chiede piugrave di essere esorcizzata dal gioco di-straente di una coscienza altrimenti disperata LrsquoAlcesti del Novecento egrave lrsquoeroina della negazione di ciograve che lrsquo amor sui del vivente ha creato

LrsquoAlcesti di Raboni

Passiamo a Raboni una delle individualitagrave artistiche piugrave interessanti di fine Novecento spentasi il 16 settembre 2004 Poeta saggista traduttore critico lette-rario e critico teatrale del ldquoCorriere della serardquo I piugrave attenti tra i presenti ricorde-ranno probabilmente le sue apparizioni televisive48 Mondadori ha raccolto in un Meridiano uscito nel 2006 la sua ldquoopera poeticardquo riunendovi con scritti critici sulla poesia e traduzioni poetiche i versi in proprio tra i quali anche il testo di cui ci occupiamo oggi49

Nato a Milano nel rsquo32 Raboni egrave stato ascritto alla cosiddetta linea lombarda della poesia del secolo scorso50 Una scelta delle sue liriche egrave stata significativa-

47 In Dico a te Clio del 1940 ora in SAVINIO 1992 p 88 Lrsquoaffermazione ricorda da vicino (con una coincidenza lessicale) il noto pensiero leopardiano sullrsquoincapacitagrave della ragione di darci la feli-citagrave laquohellipchi si fissasse nella considerazione e nel sentimento continuo del nulla verissimo e certis-simo delle cose [hellip] sarebbe pazzo assolutamente e per ciograve solo giaccheacute volendosi governare se-condo questo incontrastabile principio ognuno vede quali sarebbero le sue operazioni E pure egrave certissimo che tutto quel che facciamo lo facciamo in forza di una distrazione e di una dimentican-za la quale egrave contraria direttamente alla ragione E tuttavia quella sarebbe una verissima pazzia ma la pazzia piugrave ragionevole della terra anzi la sola cosa ragionevole e la sola intera e continua sa-viezza dove le altre non sono se non per intervalliraquo (Zib 103-104) Si veda sul tema RIGONI 1985 111 ss Per lrsquoaffinitagrave di pensiero tra Leopardi e Schopenhauer basti ricordare il citatissimo desan-ctisiano Dialogo tra A e D oggi in DE SANCTIS 1995 (rintracciabile anche allrsquoindirizzo Internet wwwliberliberit) Per la ldquoriscopertardquo del Leopardi da parte degli intellettuali de ldquoLa Rondardquo e di Vincenzo Cardarelli cf CARDARELLI 1981 passim (in particolare pp 721 ss) e CARDARELLI 1985 48 Ne segnaliamo una a ldquoMixer culturardquo su RaiTre (15 febbraio 1988) con Carmelo Bene visualiz-zabile allrsquoindirizzo Internet wwwyoutubecomwatchv=HNFD_Ha58-s In RAI Raboni colla-borograve alla redazione della rubrica televisiva Tuttilibri di Giulio Nascimbeni e condusse una rubrica radiofonica di letteratura e arti (cf RABONI 2006 p XCVII) 49 RABONI 2006 pp 1255 ss Il volume a cura di Rodolfo Zucco offre una Introduzione e una Cro-nologia utili per inquadrare scelte di poetica e rete relazionale dellrsquoAutore Per una prima informa-zione su Raboni (con la possibilitagrave di ascoltarne la voce) si visiti il sito web ufficiale disponibile dal 2007 allrsquoindirizzo wwwgiovanniraboniit 50 La formula risale allrsquoomonima antologia uscita nel rsquo52 per cura di Luciano Anceschi Critica-mente generica si egrave consolidata nel tempo includendovi nomi di autori lombardi per nascita o adozione di generazione piugrave recente per identificare una poesia di attenzione alle cose e portatrice di una vocazione morale Cf RABONI 1987 pp 215-216

Alcesti nel Novecento letterario italiano

19

mente ospitata nel volume Poeti italiani del Novecento di Pier Vincenzo Mengaldo convinto sostenitore del suo valore poetico51 laquoPoeta di cittagraveraquo lo ha definito Zan-zotto laquoanzi di una cittagrave Milano profondamente amata anche se ritratta nei suoi momenti di squallore fin entro la cronaca neraraquo Ma anche laquonaturaliter poeta civi-leraquo portatore di unrsquo laquoetica della responsabilitagrave e del civismoraquo52 lombardo appunto ndash diremmo ndash per quel tanto di istanza etica in poesia che il termine puograve implicare sulla scia di Parini Manzoni Rebora Per Raboni la poesia egrave laquovalore che non si esaurisce in se stesso che non esclude lrsquoimportanza dellrsquoaltro della realtagrave di tutto ciograve che la realtagrave contiene e proponeraquo53 laquoI temi dellrsquoingiustizia della persecuzione del processo iniquo dellrsquoinnocenza ingiustamente perseguitata e punita lrsquoimmagine esplicita o implicita della cittagrave come teatro della peste come conteni-tore di ogni possibile contagio fisico e moraleraquo54 sono i temi di confessata ascen-denza manzoniana che attraversano lrsquointera sua poesia dai Gesta Romanorum rac-colta drsquoesordio55 fino agli Ultimi versi pubblicati postumi passando per le molte raccolte date alla luce56 laquoRimpiazzare il fantasma della poesia con la poesia in carne ossaraquo57 invece il suo programma poetico alla ricerca di laquoqualcosa di possi-bile cioegrave una poesia impura e al limite impoetica infinitamente inclusiva capace di compromettersi con la realtagraveraquo58 Una poesia in progressivo abbandono dellrsquoin-fluenza dei contemporanei ldquocanonicirdquo e attratta dai Sereni Betocchi Luzi ndash ama-ti fin dagli ultimi mesi di guerra quando sfollato da Milano per i bombardamenti del rsquo42 ne trovava le raccolte iniziali in una libreria di Varese ndash e provocata dagli esempi stranieri di un Eliot e di un Pound

Le esigenze odierne ci impediscono di aggiungere molto altro allrsquoesile abboz-zo sin qui condotto Come ci impediscono di gettare lo sguardo su una biografia 51 Cf MENGALDO 1978 Mengaldo introducendo MAGRO 2008 scrive laquoPer me non crsquoegrave dubbio che Giovanni Raboni assieme al grande dialettale Raffaello Baldini egrave stato il poeta di piugrave alto rango in Italia nei decenni piugrave recentiraquo (p 7) Lrsquointroduzione egrave apparsa sul ldquoCorriere della serardquo lrsquo8 Luglio 2008 Su Raboni critico si veda anche MENGALDO 1998 52 A ZANZOTTO Per Giovanni Raboni in RABONI 2006 pp XI ss p XI 53 Cosigrave RABONI 1992 Ora in RABONI 2006 p XCIII Sui termini di accettazione da parte di R dellrsquoappartenenza alla linea lombarda cf ibidem pp CXXXIII-CXXXIV 54 Cosigrave lrsquoautore in Raboni Manzoni Roma Il Ventaglio 1985 pp 19-20 Ora in RABONI 2006 p 1422

55 Raccolta di versi con cui R partecipograve nel 1953 al premio di poesia ldquoIncontri della Gioventugraverdquo ri-sultandone vincitore La raccolta non fu mai pubblicata e alcuni dei testi che la componevano ap-parvero su rivista in appendice a Le case della Vetra nella plaquette fuori commercio dal titolo omo-nimo apparsa nel 1967 La si veda ora in RABONI 2006 56 Nellrsquoordine Il catalogo egrave questo (1961) Lrsquoinsalubritagrave dellrsquoaria (1963) Le case della Vetra (1966) Econo-mia della paura (1970) Cadenza drsquoinganno (1975) Il piugrave freddo anno di grazia (1978) Nel grave sogno (1982) Canzonette mortali (1986) A tanto caro sangue (1988) Versi guerrieri e amorosi (1990) Ogni terzo pensiero (1993) Nel libro della mente (1997) Quare tristis (1998) Barlumi di storia (2002) Si aggiungano alle raccolte citate i due volumi di Tutte le poesie editi da Garzanti nel 1997 e nel 2000

57 Parole di Raboni riportate da CORTELLESSA 2005 p 385

58 Cosigrave Raboni nellrsquointroduzione a Poesia degli anni Sessanta in RABONI 2006 p 209

Roberto Vianello

20

che meglio aiuterebbe la conoscenza dellrsquoartista Ci imbatteremmo in una galleria di figure e istituzioni tra le piugrave note in ambito culturale con le quali il Nostro av-viograve frequentazioni e collaborazioni I nomi di alcune allineati di seguito determi-neranno forse tra i presenti una suggestione sostitutiva di quanto non abbiamo il tempo di dire59 Ascoltiamoli il filosofo Enzo Paci i poeti Carlo Betocchi e Bar-tolo Cattafi il ldquosuordquo Vittorio Sereni e poi Franco Fortini ElioVittorini Dino Buzzati Sergio Solmi Oreste Del Buono E ancora Patrizia Valduga lrsquoultima compagna e Renato Guttuso Vanni Scheiwiller e Livio Garzanti ldquoaut autrdquo ldquoQuaderni piacentinirdquo ldquoQuesto e altrordquo ldquoil verrirdquo ldquoLa cittagraverdquo ldquoParagonerdquo ldquoNuo-vi argomentirdquo i nomi delle riviste con cui collaborograve Garzanti Mondadori Guan-da le editrici maggiori con cui ebbe rapporti o lavorograve Chiudendo ricorderemo tra le moltissime le sue traduzioni delle Fleur di Baudelaire e dellrsquointera Recherche di Proust ma anche ndash particolarmente significativa per noi ndash quella dellrsquoAntigone di Sofocle che appare sotto ogni rispetto snodo di capitale importanza tra lrsquoopera raboniana ldquodi semprerdquo e lrsquoAlcesti oggetto delle nostre cure60 Questa traduzione in versi ci restituisce un Raboni che restando allrsquointerno dei temi civili a lui piugrave con-geniali si misura contemporaneamente ndash ed euforicamente ndash con le possibilitagrave di laquotradurre il sentimentoraquo in un linguaggio moderno ma anche con la capacitagrave di un classico di farsi veicolo esemplare di temi universali61 Operazioni con le quali lo vedremo alle prese nella realizzazione dellrsquoAlcesti della quale egrave finalmente tempo di parlare

Alcesti o La recita dellrsquoesilio vede la luce negli Elefanti Garzanti nel settembre 2002 Il dramma egrave stato richiesto e pensato per il Teatro Olimpico di Vicenza ma egrave destinato a non esservi rappresentato e Raboni che ne ha scritto le ultime scene a Yale nellrsquoaprile dellrsquoanno precedente in occasione del suo primo viaggio negli Sati Uniti dovragrave aspettare altri due anni prima di vederlo in scena La prima avragrave luogo il 7 gennaio 2004 presso il Teatro ldquoSanta Chiarardquo di Brescia ad opera del Centro Teatrale Bresciano per la regia di Cesare Lievi e lrsquointerpretazione di Ester Galazzi Roberto Trifirograve Gianfranco Varetto Francesco Vitale In concomitanza

59 Cf la Cronologia citata alla nota 49 e consultabile sul sito ufficiale 60 La traduzione per la Compagnia del Teatro Carcano diretta da Giulio Bosetti andograve in scena prima dallrsquo8 al 18 giugno 2000 al Teatro Greco di Siracusa poi il 27 settembre dello stesso anno al Teatro Olimpico di Vicenza Di recente Bosetti lrsquoha riportata in scena con un nuovo allestimen-to di cui ha curato personalmente la regia Una scheda del nuovo spettacolo e unrsquointervista allrsquoattore-regista allrsquoindirizzo Internet httpwwwteatroteatroit 61 Si veda a questo proposito RABONI 2000 p 14 ora in RABONI 2006 pp1742 s dove si leggono le seguenti significative parole laquoAntigone con il suo bisogno di dare sepoltura al corpo del fra-tello Polinice morto in battaglia crede di obbedire agli dei Creonte con la sua volontagrave di impe-dirglielo percheacute Polinice egrave morto combattendo contro la sua stessa patria ed egrave dunque di fronte agli uomini un traditore egrave convinto di obbedire alle esigenze della convivenza civile dellrsquoordine del buongoverno Chi ha ragione fra i due Il dibattito egrave aperto da 2500 anni e riguarda davvero [hellip] tutto e tutti in qualsiasi tempo e in qualsiasi luogo la storia di ogni comunitagrave retta da un patto sociale con il suo conflitto forse insanabile fra le ragioni del ldquoprogressordquo e le ragioni della giusti-zia e la vita di ciascuno di noi con il suo conflitto certamente insanabile fra le ragioni della mente e le ragioni del cuoreraquo

Alcesti nel Novecento letterario italiano

21

con lrsquoiniziativa teatrale si tiene in Brescia un ciclo di Seminari promosso dalla se-zione locale dellrsquoUniversitagrave Cattolica del Sacro Cuore dal titolo ldquoSacrifici al fem-minile Alcesti in scena da Euripide a Rabonirdquo e propedeutico per cosigrave dire alla rappresentazione giagrave programmata62 Al ciclo di seminari Raboni interviene il 12 dicembre 2003 parlando di ldquoAlcestirdquo e i disastri del Novecento63 e fornendo egli stesso ndash diremmo ndash le ragioni della nostra scelta odierna di parlarne64

Che Alcesti possa sollecitare la creativitagrave di chi richiesto di pensare a un testo drsquoargomento classico sembra non volere prescindere da un giudizio sulla storia piugrave recente ci pare particolarmente interessante e ci induce a appaiare in certo modo la riflessione di fine secolo che la ritrova protagonista alla riflessione savi-niana sopra indagata di metagrave Novecento Percheacute delle laquolacerazioniraquo della storia piugrave recente ci parla appunto la breve vicenda dei laquotre personaggi in fuga sullo sfondo di una persecuzione storicaraquo che Raboni si impegna a non farci individua-re ma appartiene tutta al laquosecolo terribile che ci siamo appena lasciati alle spalleraquo Ancora piugrave interessante ndash piugrave da fine millennio diremmo ndash il fatto che le lacera-zioni siano accompagnate dalle laquointermittenze del cuoreraquo che alberghino e pro-ducano esse stesse nuove umane lacerazioni nei tre personaggi che sperando di fuggire dalla follia in cui sta accadendo loro di vivere trovano ricovero provviso-rio di notte in un teatro Il frastuono delle sirene di un inseguimento notturno accompagna lrsquoingresso in scena di due uomini e una donna come potrete ascolta-re in questa prima sequenza video65

La donna in questione egrave Sara attrice costretta dallrsquooppressione del regime a

non calcare piugrave le scene Lrsquoaccompagnano Stefano il marito e il suocero Simone cui la donna egrave legata da affetto profondo per lrsquoaffinitagrave intellettuale e di sensibilitagrave che manca invece al suo rapporto con Stefano uomo ldquodrsquoazionerdquo assai diverso dal

62 Coordinati dalle docenti Maria Pia Pattoni e Roberta Carpani i seminari hanno visto la parteci-pazione di eminenti studiosi i cui interventi sono raccolti in PATTONI-CARPANI 2004 La profssa Pattoni ci ha cortesemente messo in contatto con lrsquoAddetto Stampa del CTB Bianca Simoni che ha messo a nostra disposizione il video del dramma di cui sono state proiettate alcune sequenze nel corso della conferenza 63 Per la trascrizione v RABONI 2004 e ora RABONI 2006 pp 1776 ss Da essa vengono le espres-sioni virgolettate al capoverso successivo 64 Ivi comprese le ragioni della scelta del verso certo il mezzo espressivo artistico piugrave congeniale al poeta Raboni ma anche quello da lui ritenuto piugrave necessario al teatro contemporaneo laquopercheacute la presenza del verso del ritmo della scansione metrica dagrave veramente la possibilitagrave di usare il lin-guaggio di tutti i giorni senza mimetismo cioegrave con quel distacco con quella rifrazione con quella torsione senza la quale non si fa teatro e non si fa arteraquo (RABONI 2004 p 441 Ora in RABONI 2006 p 1777 65 La sequenza cui si fa riferimento corrisponde ai primi diciotto versi del dramma Una seconda sequenza video della durata di tredici minuti egrave stata proposta durante la conferenza al termine della presentazione del dramma Pur mantenendo la veste discorsiva di allora abbiamo qui intrec-ciato allrsquoargomentazione i versi di Raboni che il pubblico ha ascoltato solo al suo termine

Roberto Vianello

22

padre Usciti dalla nebbia di fuori per entrare nel temporaneo rifugio possono sperare di sentirsi tranquilli per un porsquo attendendo di venire raccolti e clandesti-namente portati verso la libertagrave Eppure Stefano il marito manifesta un disagio che appare qualcosa di piugrave di una comprensibile connaturata diffidenza quando si chiede fin dalla sua prima battuta se siano finiti in un rifugio o in una trappola laquoSiamo in un teatroraquo66 proclama Sara rassicurante Questa disarmante confidenza nelle possibilitagrave salvifiche di quel luogo la connota fin dalle prime parole come personaggio idealista al limite di una ingenuitagrave irragionevole e non condivisibile che i compagni le rinfacceranno lungo tutta la durata della piegravece Egrave certo parados-sale la situazione di questi personaggi chiamati ad affidare la fuga dai disastri della realtagrave proprio al luogo per eccellenza deputato alla finzione Quel che si direbbe perograve fortuito accadimento sembra poco a poco rafforzarsi fino a farsi certezza in lei attrice che girovagando qua e lagrave scopre drsquoaver giagrave recitato su quel palco-scenico tanto tempo prima nel ruolo di ancella in un antico dramma greco che non ricorda piugrave Alcesti I sospetti di Stefano drsquoaltra parte sono ben giustificati La realtagrave sta per irrompere brutalmente tra le speranze E mentre Sara vagabonda ignara per il teatro alla ricerca delle proprie memorie ndash alla ricerca di seacute ndash Stefa-no informa il vecchio Simone che qualcosa egrave andato storto Gli accordi sono sal-tati o non sono stati compresi Il custode notturno che li ha condotti ligrave ndash figura sinistra temibile nella sua reticente ambiguitagrave nei sottintesi dei suoi silenzi ndash gli ha fatto sapere che ci sono solo due posti per loro soltanto due potranno sottrar-si al laquorischio mortale che incombe sulle loro testeraquo (p 1262) Quel teatro rischia di essere davvero una trappola Si profila per loro una scelta laquofra vivere e morireraquo (p 1265) Si tratta di individuare chi di tre che si amano destinare al sacrificio ulti-ma inattesa vittima del potere violento che si sono illusi di fuggire Poicheacute Stefano non puograve pensare che la scelta ricada su Sara la partita andragrave giocata tra padre e figlio Ed ecco riemergere vecchie incomprensioni conflitti e tensioni moderna-mente riconoscibili sinistri sospetti Ecco riattuarsi uno scontro non nuovo ai lettori di Euripide tra un figlio a rischio di morte e un padre che tiene laquoforsenna-tamente a quel porsquo drsquoalbe e tramontiraquo (p 1291) che gli restano Ecco marcarsi tra i tre incomunicabilitagrave e gelosie acuite se possibile dalla straniante condotta di Sa-ra che nella lotta inesorabile per la sopravvivenza giagrave avviatasi tra i due conduce invece con le memorie la ricostruzione di seacute della sua identitagrave di attrice cercando nel vecchio una complicitagrave che egrave chiaro non attende dallo sposo Proprio per questa via anche Sara entra senza avvedersene nel vero dramma a cui la situazio-ne la contesa daranno lenta progressiva consistenza la recita delle loro vite quali sono realmente proprio in un luogo di suprema finzione qual egrave il teatro la messa in scena di quel che sono davvero nellrsquoimminenza dellrsquoesilio nascosti in quel tea-tro A questo laquogioco della veritagraveraquo Sara partecipa confessando con naturalezza drsquoamarli entrambi laquoMa comrsquoegrave possibile amore mio che tu scopra proprio qui proprio ora qualcosa che egrave vero da sempre che egrave il senso stesso della nostra

66 RABONI 2006 p 1258 A questa edizione faranno riferimento le successive indicazioni di pagi-na tra parentesi

Alcesti nel Novecento letterario italiano

23

vita e cioegrave che io vi amo uno nellrsquoaltro uno a causa dellrsquoaltro qualche volta uno per rimpianto dellrsquoaltro indissolubilmente inestricabilmentehellipraquo(p 1277)

Sara partecipa completamente al vero dramma con tutta se stessa con quan-to della sua storia della sua arte lrsquoha fatta quel che egrave Con quanto ha appreso dalla recita di Alcesti dal sacrificio della laquosua reginaraquo (p 1280) che ha accettato di mori-re per lo sposo dalle battute stesse pronunciate ventrsquoanni prima tra cui vuol ri-cordarne una laquoSoltanto quando lrsquoavragrave perduta sapragrave veramente cosrsquoha perdu-tohellipraquo (p 1279) Una anticipazione ndash una profezia ndash di quanto accadragrave tra breve o forse meglio una esplicitazione del suo modo di intendere del suo modo di es-sere Di ligrave a poco finalmente informata da Simone dellrsquoimminente si opporragrave fie-ramente alla possibilitagrave che si debba scegliere tra loro Mentre infurieragrave a colpi di sospetti e di sarcasmi la lotta tra Simone e Stefano incapaci di morire per gli altri negheragrave solennemente di voler accettare che si finisca laquo uno dei tre a incarnare con amarezza forse con rancore la parte della vittima gli altri due a convivere con lrsquoorrore drsquoaverglielo permesso o suggerito o addirittura impostohellipraquo (p 1292)

Egrave vero bisogna decidere O forse chissagrave non decidere non decidere niente decidere di non deciderehellip Ascoltatemi vi prego Egrave da giorni che io ascolto voi che cerco di abitare nei vostri cuori che mi sforzo di pensare i pensieri di ciascuno di voi nellrsquoorrenda disputa che vi opponehellip(p 1294)

In realtagrave stanno ligrave da appena due ore

[hellip] eppure se ci penso continua a sembrarmi unrsquoeternitagrave unrsquoeternitagrave di stupore di sgomento di pena ad ascoltarvi che vi torturate a vicenda lrsquouno con lrsquoaiuto dellrsquoaltro sempre piugrave a fondo sempre piugrave mortalmente nel vivo a colpi drsquoorgoglio e drsquoironia [hellip] Niente e nessuno lo sapete mi egrave piugrave caro di voi e questo egrave vero sin dal giorno in cui mrsquoavete presa uno per moglie lrsquoaltro per figlia ndash e forse egrave piugrave vero piugrave vero ancora da quando un odio indecifrabile trasformatosi in legge dello Stato

Roberto Vianello

24

mrsquoimpedisce di fare la sola cosa che amo quasi quanto amo voi due recitare [hellip] [hellip] egrave venuto il momento di dirvela tutta drsquoun fiato senza giri di frase senza neanche tentare di convincervi la certezza che mi pesa sul cuore e insieme lo fa piugrave leggero se partire tutti egrave impossibile (e so bene so bene che egrave impossibile) non crsquoegrave che una cosa da fare restare tutti qui (pp 1295 ss)

La salvezza dal teatro Speranza vana Sara sa che in un teatro ci sono passag-

gi impensabili spazi ignorati o creduti impraticabili porte nascostehellip Non le pare irrealistico sperare di celarsi di giorno in quellrsquoambiente labirintico e restarvi tutti insieme uscendo solo la notte a turno e con cautela per procurarsi di che so-pravvivere67 Sente soprattutto di doverlo volere per opporsi a una necessitagrave che ri-fiuta con tutta se stessa proprio per restare se stessa Rimanere lagrave significa rifiu-tarsi di cedere al male respingere il gioco di chi vuol togliere loro lrsquoanima Come sarebbe possibile definire salvezza il rinunciare ad essere quelli che sono laquoampu-tarsi degli affetti piugrave cari tradire tutte le parole dateraquo (p 1294)

Il realismo di Stefano e Simone non sa accettare questo punto di vista Perfi-no lrsquoaccondiscendente suocero finisce per accusare la donna drsquoavere letto da gio-vane troppi romanzi drsquoappendice di non comprendere insomma che la sua egrave posizione illusoria idealistica mentre invece crsquoegrave di mezzo la vita Per i due uomini decidere si deve deve venire individuata la vittima Simone allora escogita un modo per evitare di scegliere tra le ragioni dellrsquouno e dellrsquoaltro tra la prospettiva di vita piugrave lunga del giovane e lrsquoattaccamento del vecchio al tempo che gli resta da vivere Lrsquouso laquoun porsquo ludico e un porsquo statisticoraquo (p 1301) di una vecchia pistola carica sorteggeragrave in una specie di roulette russa il sacrificando La canna non verragrave puntata alla tempia si spareragrave a qualche oggetto Il risultato saragrave garantito in modo incruento ndash ma saragrave garantito ndash da un arnese appartenente alla storia della famiglia intascato chissagrave quanto consapevolmente quale ultima difesa contro lrsquoimprevisto e divenuto allrsquoattuarsi dellrsquoimprevisto autolesionistico mezzo di riso-luzione di un dilemma insolubile arma puntata contro lrsquounitagrave affettiva della fami-glia strumento con cui la sorte decideragrave incolpevolmente il prescelto a laquolasciareraquo con la donna laquolrsquoinferno per il limboraquo (p 1305)

67 La situazione puograve ricordare in certo modo quella realmente vissuta dalla famiglia Frank prima della deportazione a Berger Belsen e soprattutto quella che ispirograve a Truffaut il famoso Lrsquoultimo metrograve (1980) in cui in una Parigi occupata dai nazisti un direttore teatrale ebreo riesce a sottrarsi al peggio nascondendosi nei sotterranei del suo teatro

Alcesti nel Novecento letterario italiano

25

Sara comprende oramai come un muro si opponga tra le sue parole e il cuore dei due E se ne va per non fare piugrave ritorno senza che essi intuiscano la sua vera determinazione laquoNo non piugrave non queste cose Scusami Scusatemiraquo (p 1303) sono le sue ultime parole

Dopo un ultimo contrasto col padre Stefano va infine alla ricerca di un og-getto da trasformare in bersaglio per esercitarvi il gioco della sorte illudendosi nel contempo di poter trovare la donna Ma il Custode apparso drsquoimprovviso gli rivela come sia vana ogni ricerca di lei dato che lrsquoha appena vista uscire o meglio laquoentrare in quella gran nebbia che crsquoegrave lagrave fuori e che lei stessa [hellip] ha parago-nato allrsquoAderaquo (p 1307) Egrave il momento in cui tale personaggio rivela il massimo della sua ambiguitagrave ndash meglio sarebbe dire della sua impenetrabilitagrave ndash con lrsquoapparire aguzzino cinico incapace di pietagrave e col suo contemporaneo proclamar-si mero esecutore di ordini che laquonon sono mai [hellip] degli ordini inumaniraquo (p 1306) Lo spedizioniere ndash come lo hanno definito i nostri personaggi scopertisi fardelli in attesa di spedizione in preda al potere incoercibile delle circostanze ndash lrsquouomo che appare e scompare laquocome la figura della morte in certi campanili goticiraquo (p 1284) pare sapere molto piugrave di quel che svela Egrave tornato a comandare lrsquoabbandono del teatro ma le sue allusioni reticenti le mezze veritagrave suggerite ne svelano il vero ruolo Egli non egrave appena lrsquointermediario per lrsquoattuazione del pia-no concordato Vero deus ex machina egrave piuttosto lrsquoagente chiamato a fare lucida-mente precipitare lrsquoazione scenica verso la sua conclusione la conoscenza vera di un seacute decisamente impresentabile che situazioni disperate stati di necessitagrave acca-de sappiano lasciare emergere Ai due antieroi che protestano di non poter parti-re senza Sara che mentendo a se stessi pretendono di dover far qualcosa per lei nella concitazione dellrsquoobbligata partenza glacialmente il Custode risponde

Fare cosa Non crsquoegrave proprio niente da fare ci sarebbe semmai qualcosa da capire Ma piugrave tardi adesso non ne avete il tempo ricordatevi che dovete partire (p 1308)

Stefano adesso ndash cominciando a comprendere ndash vorrebbe restar ligrave per provare a cercarla Vano tentativo di acquietare la coscienza Egli in realtagrave si lascia presto vilmente travolgere come il padre dalla necessitagrave della congiuntura e dalla cruda imbarazzante veritagrave che finalmente emerge dalle agghiaccianti battute del dramma che srsquoavvia alla conclusione

STEFANO Ma qui possiamo cercarla CUSTODE E in che modo andandovi a ficcare tra le grinfie di chi vi dagrave la caccia Credete a me non avete altra scelta

Roberto Vianello

26

salite su quel camion Oltretutto se ci pensate egrave quello che tutti e due volevate con ogni vostra forza dalla piugrave palese alla piugrave segreta e che anche lei evidentemente ha voluto per voi STEFANO Mahellip SIMONE Quellrsquouomo chiunque sia ha ragione Diamogli retta figlio Io sono vecchio tu sei giovane ma entrambi credo siamo adulti e letterati quanto basta per mutare con lrsquoaiuto del tempo in una specie di dolcezza anche la piugrave atroce delle vergogne Su vieni STEFANO Non potrograve mai perdonartelo SIMONE Neacute io a te Ma ciascuno di noi due vedrai troveragrave il modo di perdonarlo almeno un porsquo a se stesso (pp 1309 s)

La personale convenienza prevale alla fine su ogni buona intenzione Lrsquoalibi dellrsquoimpossibilitagrave drsquoalcuncheacute oscura a pena il significato di disattenzioni indispo-nibilitagrave sorditagrave cui lo spettatore ha assistito sino a poco prima La mancata sin-tonia tra i parenti della nostra recita non trova piugrave spiegazione nella mera differen-za del carattere o nella gelosia Altra egrave lrsquoinconfessata veritagrave quella di scelte dettate dallrsquoistinto puro di conservazione al quale ogni legame affettivo egrave risultato sacri-ficato forse dettate persino da una inconscia volontagrave di liquidare conti da troppo sospesi

Il custode prima di lasciarli comunica che una laquocompagna di viaggioraquo partiragrave insieme a loro Nessuno sa chi sia laquoDicono che sia una reginaraquo ma non si sa di che paese laquoe nemmeno se la parola sia da intendere in senso proprio oppure figuratoraquo (p 1312) Con lei e di lei nessuno dovragrave nemmeno parlare gli ordini mi-steriosi sono tassativi pena il rischio dellrsquoincolumitagrave I due dovranno limitarsi a seguirla a qualche passo di distanza senza azzardare nemmeno con se stessi con-getture sul suo conto che potrebbero risultare addirittura laquoinsopportabiliraquo (ivi) Una donna velata compare sul fondo della scena Egrave Sara riconoscibile al pubbli-co ma laquomisteriosamente mutataraquo (p 1311) Forse la sua presenza porteragrave a com-pimento la recita delle laquolacerazioni della storiaraquo e delle laquointermittenze del cuoreraquo

Alcesti nel Novecento letterario italiano

27

cui lrsquoAutore voleva dar vita e indurragrave i nostri antieroi a capire Forse Egrave dunque per salvar lei che uno di loro tre ha dovuto sacrificarsi ndash chiede Stefano laquoStrana domandaraquo commenta il Custode laquoImproponibileraquo e laquoridicolaraquo

ndash quasi come voler cercare qualcuno nella nebbia se la nebbia egrave cosigrave maledettamente simile agli opachi labirinti dellrsquoAde Ma che senso ha che io cerchi di convincerti di quello di cui solo tu quando e se mai te ne verragrave il coraggio potrai convincere te stesso (p 1313)

Il Custode denuncia in quella domanda lrsquoultimo tentativo di addossare ad altri

una responsabilitagrave propria Alibi velleitario quanto lrsquoirrealistica voglia presto ac-quietata di cercare Sara nella nebbia Solo il coraggio di guardarsi dentro davvero permetteragrave di trovare la veritagrave La veritagrave di viltagrave ed eroismo che ha preso vita nel luogo della finzione il Teatro dove srsquoegrave combattuta la lotta tra lrsquoindole belluina ridestata in due personaggi dalle urgenze delle disgrazie e le esigenze ndash del cuore e della ragione insieme ndash della loro donna Durante lrsquoaccadimento che egrave la recita cui abbiamo assistito i nostri eroi hanno mostrato e forse capito ndash o cominciato a capire ndash di piugrave se stessi mentre lrsquoancella drsquoun tempo srsquoegrave potuta trasformare in re-gina Egrave stato per il suo gesto Egrave stato come altri propone per la sua volontagrave di restare ligrave nel Teatro preferendo laquola veritagrave dellrsquoapparire alla menzogna della real-tagraveraquo68 LrsquoAlcesti di Raboni non racconta di un ritorno dallrsquoaldilagrave Racconta piutto-sto di una fuga dallrsquoinferno nelle coscienze o ndash se si vuole e solo per i due uomi-ni ndash di un ingresso in un loro purgatorio al seguito di una donna laquoimmagine del loro amore e della loro vergognaraquo69

Un fraintendimento novecentesco Il tempo oramai esaurito ci costringe a concludere Resterebbe da porre una

domanda che a nostro giudizio merita di non essere elusa soprattutto alla luce di recenti sviluppi dellrsquoindagine critica Il Novecento ha davvero inteso correttamen-te il rapporto tra lrsquoAlcesti e lrsquoAdmeto consegnati da Euripide agli Ateniesi del 438 aC e al pubblico di ogni epoca Savinio ci ha consegnato un Paul-Admeto inno-cente quanto alla decisione della sposa ma non del tutto riabilitato quanto alle ra-gioni che quel gesto hanno determinato almeno per la parte che puograve avervi avuto

68 LIEVI 2004 p 447 69 RABONI 2004 p 445 Ora in RABONI 2006 p 1782

Roberto Vianello

28

il suo modo di essere sposo (v p 12) Raboni ci presenta uno Stefano-Admeto che accetta ingloriosamente il destino a lui favorevole Il giudizio degli autori no-vecenteschi si abbatte impietoso sullrsquoindividuo maschile della coppia Raboni pa-ragonograve il desiderio finale di cercare Sara alla laquoretoricaraquo disperazione di Admeto in Euripide per una morte che lui aveva laquorichiesto o comunque accettatoraquo70 Kott per citare solo unrsquoaltra voce sulla questione quando riflette sul rapporto tra i co-niugi in Euripide squalifica lo sposo affermando laquoAlcesti egrave unrsquoeroina di tragedia ma ha un marito che viene dalla commediaraquo71

Ci chiediamo e se il Novecento avesse frainteso Se Admeto non avesse avu-to davvero possibilitagrave di scegliere Bisognerebbe certo postulare un secolare fraintendimento Andrebbero indagate inoltre le ragioni dellrsquoamplificazione di quelle che da sempre sono apparse ambiguitagrave e contraddizioni del testo euripi-deo Admeto implora la sposa di non lasciarlo e la rimprovera quasi di abbando-nare oltre a lui i figli proprio mentre la morte la ghermisce Egrave davvero vuota-mente retorica la sua disperazione O un fuorviante pregiudizio moderno ci pre-clude la veritagrave indotti come siamo a biasimarne lrsquointollerabile ingratitudine per un gesto ancor piugrave grande ai nostri occhi in una condizione di subalternitagrave social-mente pretesa Non sarebbe incomprensibile il manifestarsi di tale fastidio nel progressivo maturare di una coscienza di genere tra Ottocento e Novecento e nella ormai conquistata emancipazione femminile Osiamo suggerire tali conside-razioni sulla scia di un interessante intervento critico apparso di recente sulla rivi-sta ldquoMateriali e discussioni per lrsquoanalisi dei testi classicirdquo cui non crsquoegrave tempo di de-dicare oggi lo spazio necessario ma che potragrave essere letto con profitto sul sito del nostro Liceo72

Carlo Brillante vi sostiene lrsquoimplausibilitagrave che Euripide abbia pensato di porta-re in scena un personaggio doppio e contraddittorio quale appare lrsquoAdmeto che riteniamo di conoscere Egli suggerisce invece la sciagurata eventualitagrave che Adme-to non abbia potuto opporsi al sacrificio della sposa richiamando in certo modo i tentativi di moralizzare il personaggio attuati prima dellrsquoOttocento Il critico tut-tavia non egrave vincolato alle necessitagrave etico-artistiche che animarono in passato un Aureli o un Alfieri73 Quel che conduce la sua indagine invece egrave lrsquoesigenza erme-neutica di comprendere quanto resta misconosciuto della vicenda degli sposi mi-tici e della tragedia greca cui forse erroneamente si attribuisce la scelta di insce-nare una ipocrisia poco onorevole e poco edificante Percheacute nulla ci dice il testo euripideo del ruolo di Admeto negli avvenimenti che hanno preceduto lrsquoazione scenica Sappiamo solo che Apollo ingannando le Moire ha ottenuto il dono piugrave prezioso per lrsquoamico descritto per lrsquointero dramma come uomo pio verso la divi-

70 RABONI 2004 p 444 Ora in RABONI 2006 p 1782 71 KOTT 2005 p 104 72 Cf BRILLANTE 2005 La riproduzione del saggio sul sito del Liceo egrave stata autorizzata dalla Re-dazione scientifica della rivista e dalla sua Casa editrice La si legga allrsquoindirizzo Internet wwwgiuseppeveroneseit (Materiali didattici Italiano Vianello Roberto) 73 Cf p 5

Alcesti nel Novecento letterario italiano

29

nitagrave e campione di ospitalitagrave e φιλία Quale rapporto sia intercorso tra il dono i-natteso del dio e la decisione sacrificale di Alcesti non si dice in Euripide neacute ci egrave dato di ipotizzarne aspetti disonorevoli per Admeto di cui sappiamo solo che οὐχ ηὗρε πλὴν γυναικὸς ὃστις ἤθελε θανὼν πρὸ κείνου microηκέτ΄εἰσορᾶν φάος ldquonon trovograve tranne la moglie chi volesse morendo per lui non piugrave vedere la lucerdquo (17-18) Osserva Brillante che il verbo εὑρίσκω laquopuograve designare un ritrovamento casuale senza riferimento a unrsquointenzionalitagrave del soggettoraquo 74 Un valore che e-scluderebbe una richiesta egoistica alla sposa e renderebbe lrsquoofferta di seacute della donna inattesa almeno quanto il dono stesso Il valore del verbo nel contesto egrave certo controverso75 ma di una richiesta esplicita ad Alcesti nel dramma non si fa mai menzione e forse solo un pregiudizio naturale quanto si vuole puograve farla po-stulare Il critico perciograve ipotizza che la possibilitagrave di una morte sostitutiva strap-pata da Apollo alle Moire si configuri come un vero e proprio patto a cui en-trambi i contraenti restano vincolati e che accettato da Admeto egrave divenuto vin-colante anche per lui Admeto non avrebbe dovuto in realtagrave accettare o meno il sacrificio di Alcesti quanto piuttosto scegliere se accettare o meno la vantaggiosa offerta del dio senza poter prevedere lrsquoinattesa offerta di seacute dellrsquoormai insostitui-bile sposa Piugrave generosa di amici e genitori Alcesti avrebbe involontariamente trasformato la piugrave impensabile delle opportunitagrave in un dono avvelenato I doni degli immortali sono spesso inevitabili per gli uomini E il re di Fere non aveva certo motivo di rifiutare il tributo di una divinitagrave amica alla piugrave onorevole delle sue virtugrave Sono solo lrsquoinatteso rifiuto dei genitori e lrsquoimprevista offerta di Alcesti a rendere non piugrave vantaggiosa lrsquoofferta di Apollo quando Thanatos rifiuta di nego-ziare con Apollo una dilazione della morte di Alcesti oramai non crsquoegrave piugrave nulla da fare I rapporti tra uomini e immortali ndash osserviamo noi ndash sono normalmente diffi-cili E spesso ndash continua Brillante ndash i doni degli immortali non corrispondono alle attese di chi li ha sollecitati Altri eroi dopo aver stipulato un patto vantaggioso con la divinitagrave laquosubiscono un male maggiore di quello che speravano di evitareraquo76 Egrave il caso di Idomeneo il re di Creta costretto a uccidere il figlio per aver promes-so a Poseidone di sacrificargli ciograve che avesse incontrato sulla terraferma se fosse scampato al naufragio Stessa sorte subirono la sposa e i figli di Meandro che sti-pulograve un patto analogo con la madre degli dei Cosigrave come accadde alla figlia di Ief-te giudice dellrsquoAntico Testamento che si distinse combattendo contro gli Am-moniti e in cambio della vittoria su di essi promise in olocausto a IHWH ndash scon-sideratamente ndash la persona che per prima fosse uscita dalle porte di casa sua per andargli incontro (Gdc 11 30-39) In tutti questi casi eventi inattesi trasformano nella rovina dellrsquoeroe un patto incautamente ritenuto conveniente Qualcosa di simile andrebbe postulato anche per Admeto che tutto avrebbe potuto prevede-re tranne la dedizione della sposa fino al dono totale di seacute

74 BRILLANTE 2005 p 17 75 Cf ivi n 18 76 Brillante 2005 p 22

Roberto Vianello

30

Dobbiamo veramente terminare Non abbiamo titolo per pronunciarci con competenza sullrsquoipotesi sin qui descritta Se essa dovesse dimostrarsi esatta biso-gnerebbe ripensare lrsquoAlcesti di Euripide e restituire al suo sposo un onore troppo a lungo negato77 Le presunte ombre e ambiguitagrave che lo riguardano risulterebbero illuminate da una luce di sincero affetto per la sposa di vera disperazione per la sua perdita Giusta si rivelerebbe come pretendeva Platone la ricompensa delle virtugrave di entrambi col ritorno in vita di lei Nuova luce prenderebbero poi le letture artistiche del secolo da poco conclusosi che abbiamo fin qui descritto E do-vremmo forse attribuire a evoluzione del costume ai drammi della psiche a traumi della sua storia la valutazione antieroica del rapporto immaginato tra gli sposi in quelle recenti storie Lasciamo alla vostra riflessione le molte osservazioni sin qui proposte Qualsiasi sia la veritagrave su Alcesti e Admeto siete tutti invitati al teatro ldquoDon Boscordquo ad assistere alla rappresentazione che gli studenti del Classi-co ne daranno il prossimo 29 Aprile Grazie

ROBERTO VIANELLO

77 Almeno per quel che concerne il suo rapporto con la sposa Rimarrebbe invero da valutare la sua pretesa di essere sostituito da amici e genitori Per i secondi si potrebbe forse invocare il con-cetto di giustizia generazionale per il quale la piugrave lunga aspettativa di vita del giovane il lungo godi-mento di ricchezze e felicitagrave da parte dei piugrave anziani renderebbero ndash in modo che lascia perplessa la coscienza moderna ndash onorevole la loro dipartita meno disonorevole la richiesta loro diretta Per i primi si dovrebbero forse invocare concetti quali la regalitagrave dellrsquointerlocutore la ragion di Stato la manifestazione concreta di una φιλία attesa dalla sodalitagrave tra pari non invece dallrsquoaffetto di una donna Per entrambi bisogneragrave poi tener presente lrsquoorigine fiabesca della situazione e del dono stesso

Alcesti nel Novecento letterario italiano

31

Indice bibliografico

BASTA DONZELLI 1987 G BASTA DONZELLI Euripide in Dizionario degli scrittori greci e latini Diretto da F DELLA CORTE Milano Marzorati 1987

BRILLANTE 2005 C BRILLANTE LrsquoAlcesti di Euripide il personaggio di Admeto e la struttura del dramma in ldquoMateriali e discussioni per lrsquoanalisi dei testi classicirdquo 54 (2005) pp 9-46

CARDARELLI 1981 V CARDARELLI Opere Milano Mondadori 1981

CARDARELLI 1985 Il testamento letterario di Giacomo Leopardi Pensieri dello Zibaldone scelti annotati e ordinati da Vincenzo Cardarelli Torino Fogravegola 1985 (ri-stampa del fascicolo trimestrale de ldquoLa Rondardquo del giugno 1921)

CASCETTA 1995 A CASCETTA Lrsquo Alcesti di Samuele di Alberto Savinio una tragedia mo-derna in Studia classica Iohanni Tarditi oblata A cura di L BELLONI G MILANESE A PORRO vol II Milano Vita e Pensiero Pubblicazioni dellrsquoUniversitagrave Cattolica 1995 pp 1405-1446

CORTELLESSA 2005 A CORTELLESSA La poesia in carne e ossa postfazione a RABONI 2005

DE SANCTIS 1995 F DE SANCTIS Schopenhauer e Leopardi A cura di F Gnerre e A L Marongiu Milano Edizioni Oberon 1995 (volumetto per la scuola che riproduce il citatissimo Schopenhauer e Leopardi Dialogo tra A e D in Saggi critici A cura di L Russo II Bari Laterza 1952)

EURIPIDE E ALTRI 2006 EURIPIDE WIELAND RILKE YOURCENAR RABONI Alcesti Variazio-ni sul mito Venezia Marsilio 2006

GUIDI 2006 O GUIDI Alberto Savinio profeta dellrsquoUnitagrave Europea in Irregolari novecente-schi Bontempelli Savinio Landolfi Penna Curto Longo Editore Ravenna 2006 pp 29-46

KOTT 2005 J KOTT Alcesti velata in IDEM Divorare gli dei Unrsquointerpretazione della tragedia greca Milano B Mondadori 2005 pp 100-133

LANGELLA 2004 G LANGELLA Lrsquoottimismo della speranza Sullrsquo ldquoAlcestirdquo incompiuta di Al-varo in PATTONI-CARPANI 2004 pp 369-386

LESKY 1925 A LESKY Alkestis Der Mythus und das Drama Wien und Leipzig 1925 (ldquoSitz Akad Wiss Wienrdquo phil-hits Kl 203 2 Abh)

LIEVI 2004 C LIEVI Lrsquo ldquoAlcestirdquo di Giovanni Raboni Riflessione di un regista in PAT-TONI-CARPANI 2004 pp 446-447

MAGRO 2008 F MAGRO Un luogo della veritagrave umana La poesia di Giovanni Raboni Pa-sian di Prato (UD) Campanotto editore 2008

MENGALDO 1978 P V MENGALDO Poeti italiani del Novecento Milano Mondadori 1978 pp 398-402

MENGALDO 1998 P V MENGALDO Profili di critici del Novecento Torino Bollati Borin-ghieri 1998 pp 107-111

MORACE 1983 C ALVARO Alcesti a cura di A M MORACE in ldquoNuovi Annali della Facoltagrave di Magistero dellrsquoUniversitagrave di Messinardquo 1 (1983) pp 729-758

MORACE 2001 A M MORACE La riscrittura del mito nel teatro alvariano in IDEM Orbite novecentesche Napoli Edizioni Scientifiche Italiane 2001 pp 85-103

Roberto Vianello

32

NOSARTI 1992 ANONIMO LrsquoAlcesti di Barcellona A cura di L NOSARTI Bologna Pagrave-tron 1992

PADUANO 2004 G PADUANO Lrsquounitagrave dellrsquo Alcesti e la doppia ricezione in PATTONI-CARPANI 2004 pp 343-359

PATTONI 2004 M P PATTONI Le metamorfosi di Alcesti Dallrsquoarchetipo alle sue rivisitazioni in PATTONI-CARPANI 2004 pp 279-300

PATTONI 2006 M P PATTONI Introduzione a EURIPIDE E ALTRI 2006 pp 9-48

PATTONI-CARPANI 2004 Sacrifici al femminile Alcesti in scena da Euripide a Raboni in ldquoComunica-zioni socialirdquo anno XXVI NS Sez teatro 3 (Settembre-Dicembre 2004)

PEDULLAgrave 1991 W PEDULLAgrave Alberto Savinio Storia esemplare di uno scrittore di avanguar-dia Milano Bompiani 1991

PIETROMARCHI 1986 voce Savinio Alberto in Dizionario critico della letteratura italiana diretto da V BRANCA Torino UTET 1986 pp 98-100

PISCOPO 1973 U PISCOPO Alberto Savinio Milano Mursia 1973

RABONI 1987 G RABONI Poeti del secondo Novecento in Storia della letteratura italiana Diretta da E CECCHI e N SAPEGNO Il Novecento Milano Garzanti 1987 pp 207-248 Ora in RABONI 2005 pp 190-250

RABONI 1992 Sereni a Milano in Per Vittorio Sereni Convegno di poeti Milano Allrsquoinsegna del pesce drsquooro 1992

RABONI 2000 G RABONI Tradurre il sentimento in Tu hai preferito vivere io morire Con Antigone di Sofocle A cura di M G CIANI E F DONADI I quaderni del Teatro Olimpico 6 Vicenza 2000 pp 14-15 Ora in RABONI 2006 PP 1742-1743

RABONI 2004 G RABONI ldquoAlcestirdquoe i disastri del Novecento in PATTONI-CARPANI 2004 pp 441-445

RABONI 2005 G RABONI La poesia che si fa Cronaca e storia del Novecento poetico italia-no 1959-2004 A cura di A CORTELLESSA Milano Garzanti 2005

RABONI 2006 G RABONI Lrsquoopera poetica Milano Mondadori 2006

RAGNI 2002 E RAGNI Savinio mito e mondo classico in Atti del Convegno ldquoIl classico nel-la Roma contemporanea Mito modelli memoriardquo Roma 18-20 ottobre 2000 A cura di FERNANDA ROSSETTI Istituto Nazionale di Studi Romani 2002 vol I pp 71-105

REALE 1991 PLATONE Tutti gli scritti A cura di G REALE Milano Rusconi 1991

RIGONI 1985 M A RIGONI Saggi sul pensiero Leopardiano Napoli Liguori 1985

SAVINIO 1992 A SAVINIO Dico a te Clio Milano Adelphi 1992

SAVINIO 2007 A SAVINIO Alcesti di Samuele e atti unici A cura di A TINTERRI Mila-no Adelphi Edizioni 20072

SUSANETTI 2001 D SUSANETTI La favola bella della morte in Euripide Alcesti A cura di IDEM Venezia Marsilio 2001

SUSANETTI 2004 D SUSANETTI Alcesti sacrificio e resurrezione Elementi di un mito con sei variazioni in PATTONI-CARPANI 2004 pp 307-327

Alcesti nel Novecento letterario italiano

33

TELOgrave 2004 M TELOgrave lsquoAspettando Ercolersquo Universalismo mitico e primitivismo romantico in ldquoLe mystere drsquoAlcesterdquo di M Yourcenar in PATTONI-CARPANI 2004 pp 387-410

USAI 2005 A USAI Il mito nellrsquoopera letteraria e pittorica di Alberto Savinio Roma E-dizioni Nuova Cultura 2005

VIVARELLI 1996 Alberto Savinio Catalogo generale A cura di P VIVARELLI Milano Elec-ta 1996

WILSON 1968 Twentieth Century Interpretations of Euripidesrsquo Alcestis A collection of Critical Essays Edited by J R WILSON Englewood Cliffs N J Prentice-Hall 1968

ltlt ASCII85EncodePages false AllowTransparency false AutoPositionEPSFiles true AutoRotatePages None Binding Left CalGrayProfile (Dot Gain 20) CalRGBProfile (sRGB IEC61966-21) CalCMYKProfile (US Web Coated 050SWOP051 v2) sRGBProfile (sRGB IEC61966-21) CannotEmbedFontPolicy Error CompatibilityLevel 14 CompressObjects Tags CompressPages true ConvertImagesToIndexed true PassThroughJPEGImages true CreateJDFFile false CreateJobTicket false DefaultRenderingIntent Default DetectBlends true ColorConversionStrategy LeaveColorUnchanged DoThumbnails false EmbedAllFonts true EmbedJobOptions true DSCReportingLevel 0 EmitDSCWarnings false EndPage -1 ImageMemory 1048576 LockDistillerParams false MaxSubsetPct 100 Optimize true OPM 1 ParseDSCComments true ParseDSCCommentsForDocInfo true PreserveCopyPage true PreserveEPSInfo true PreserveHalftoneInfo false PreserveOPIComments false PreserveOverprintSettings true StartPage 1 SubsetFonts true TransferFunctionInfo Apply UCRandBGInfo Preserve UsePrologue false ColorSettingsFile () AlwaysEmbed [ true ] NeverEmbed [ true ] AntiAliasColorImages false DownsampleColorImages true ColorImageDownsampleType Bicubic ColorImageResolution 300 ColorImageDepth -1 ColorImageDownsampleThreshold 150000 EncodeColorImages true ColorImageFilter DCTEncode AutoFilterColorImages true ColorImageAutoFilterStrategy JPEG ColorACSImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt ColorImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt JPEG2000ColorACSImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt JPEG2000ColorImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt AntiAliasGrayImages false DownsampleGrayImages true GrayImageDownsampleType Bicubic GrayImageResolution 300 GrayImageDepth -1 GrayImageDownsampleThreshold 150000 EncodeGrayImages true GrayImageFilter DCTEncode AutoFilterGrayImages true GrayImageAutoFilterStrategy JPEG GrayACSImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt GrayImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt JPEG2000GrayACSImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt JPEG2000GrayImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt AntiAliasMonoImages false DownsampleMonoImages true MonoImageDownsampleType Bicubic MonoImageResolution 1200 MonoImageDepth -1 MonoImageDownsampleThreshold 150000 EncodeMonoImages true MonoImageFilter CCITTFaxEncode MonoImageDict ltlt K -1 gtgt AllowPSXObjects false PDFX1aCheck false PDFX3Check false PDFXCompliantPDFOnly false PDFXNoTrimBoxError true PDFXTrimBoxToMediaBoxOffset [ 000000 000000 000000 000000 ] PDFXSetBleedBoxToMediaBox true PDFXBleedBoxToTrimBoxOffset [ 000000 000000 000000 000000 ] PDFXOutputIntentProfile () PDFXOutputCondition () PDFXRegistryName (httpwwwcolororg) PDFXTrapped Unknown Description ltlt ENU (Use these settings to create PDF documents with higher image resolution for high quality pre-press printing The PDF documents can be opened with Acrobat and Reader 50 and later These settings require font embedding) JPN ltFEFF3053306e8a2d5b9a306f30019ad889e350cf5ea6753b50cf3092542b308030d730ea30d730ec30b9537052377528306e00200050004400460020658766f830924f5c62103059308b3068304d306b4f7f75283057307e305930023053306e8a2d5b9a30674f5c62103057305f00200050004400460020658766f8306f0020004100630072006f0062006100740020304a30883073002000520065006100640065007200200035002e003000204ee5964d30678868793a3067304d307e305930023053306e8a2d5b9a306b306f30d530a930f330c8306e57cb30818fbc307f304c5fc59808306730593002gt FRA ltFEFF004f007000740069006f006e007300200070006f0075007200200063007200e900650072002000640065007300200064006f00630075006d0065006e00740073002000500044004600200064006f007400e900730020006400270075006e00650020007200e90073006f006c007500740069006f006e002000e9006c0065007600e9006500200070006f0075007200200075006e00650020007100750061006c0069007400e90020006400270069006d007000720065007300730069006f006e00200070007200e9007000720065007300730065002e0020005500740069006c006900730065007a0020004100630072006f0062006100740020006f00750020005200650061006400650072002c002000760065007200730069006f006e00200035002e00300020006f007500200075006c007400e9007200690065007500720065002c00200070006f007500720020006c006500730020006f00750076007200690072002e0020004c00270069006e0063006f00720070006f0072006100740069006f006e002000640065007300200070006f006c0069006300650073002000650073007400200072006500710075006900730065002egt DEU ltFEFF00560065007200770065006e00640065006e0020005300690065002000640069006500730065002000450069006e007300740065006c006c0075006e00670065006e0020007a0075006d002000450072007300740065006c006c0065006e00200076006f006e0020005000440046002d0044006f006b0075006d0065006e00740065006e0020006d00690074002000650069006e006500720020006800f60068006500720065006e002000420069006c0064006100750066006c00f600730075006e0067002c00200075006d002000650069006e00650020007100750061006c00690074006100740069007600200068006f006300680077006500720074006900670065002000410075007300670061006200650020006600fc0072002000640069006500200044007200750063006b0076006f0072007300740075006600650020007a0075002000650072007a00690065006c0065006e002e00200044006900650020005000440046002d0044006f006b0075006d0065006e007400650020006b00f6006e006e0065006e0020006d006900740020004100630072006f0062006100740020006f0064006500720020006d00690074002000640065006d002000520065006100640065007200200035002e003000200075006e00640020006800f600680065007200200067006500f600660066006e00650074002000770065007200640065006e002e00200042006500690020006400690065007300650072002000450069006e007300740065006c006c0075006e00670020006900730074002000650069006e00650020005300630068007200690066007400650069006e00620065007400740075006e00670020006500720066006f0072006400650072006c006900630068002egt PTB ltFEFF005500740069006c0069007a006500200065007300740061007300200063006f006e00660069006700750072006100e700f5006500730020007000610072006100200063007200690061007200200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200063006f006d00200075006d00610020007200650073006f006c007500e700e3006f00200064006500200069006d006100670065006d0020007300750070006500720069006f0072002000700061007200610020006f006200740065007200200075006d00610020007100750061006c0069006400610064006500200064006500200069006d0070007200650073007300e3006f0020006d0065006c0068006f0072002e0020004f007300200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200070006f00640065006d0020007300650072002000610062006500720074006f007300200063006f006d0020006f0020004100630072006f006200610074002c002000520065006100640065007200200035002e00300020006500200070006f00730074006500720069006f0072002e00200045007300740061007300200063006f006e00660069006700750072006100e700f50065007300200072006500710075006500720065006d00200069006e0063006f00720070006f0072006100e700e3006f00200064006500200066006f006e00740065002egt DAN ltFEFF004200720075006700200064006900730073006500200069006e0064007300740069006c006c0069006e006700650072002000740069006c0020006100740020006f0070007200650074007400650020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006d006500640020006800f8006a006500720065002000620069006c006c00650064006f0070006c00f80073006e0069006e0067002000740069006c0020007000720065002d00700072006500730073002d007500640073006b007200690076006e0069006e0067002000690020006800f8006a0020006b00760061006c0069007400650074002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e007400650072006e00650020006b0061006e002000e50062006e006500730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f0067002000520065006100640065007200200035002e00300020006f00670020006e0079006500720065002e00200044006900730073006500200069006e0064007300740069006c006c0069006e0067006500720020006b007200e600760065007200200069006e0074006500670072006500720069006e006700200061006600200073006b007200690066007400740079007000650072002egt NLD ltFEFF004700650062007200750069006b002000640065007a006500200069006e007300740065006c006c0069006e00670065006e0020006f006d0020005000440046002d0064006f00630075006d0065006e00740065006e0020007400650020006d0061006b0065006e0020006d00650074002000650065006e00200068006f00670065002000610066006200650065006c00640069006e00670073007200650073006f006c007500740069006500200076006f006f0072002000610066006400720075006b006b0065006e0020006d0065007400200068006f006700650020006b00770061006c0069007400650069007400200069006e002000650065006e002000700072006500700072006500730073002d006f006d0067006500760069006e0067002e0020004400650020005000440046002d0064006f00630075006d0065006e00740065006e0020006b0075006e006e0065006e00200077006f007200640065006e002000670065006f00700065006e00640020006d006500740020004100630072006f00620061007400200065006e002000520065006100640065007200200035002e003000200065006e00200068006f006700650072002e002000420069006a002000640065007a006500200069006e007300740065006c006c0069006e00670020006d006f006500740065006e00200066006f006e007400730020007a0069006a006e00200069006e006700650073006c006f00740065006e002egt ESP ltFEFF0055007300650020006500730074006100730020006f007000630069006f006e006500730020007000610072006100200063007200650061007200200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200063006f006e0020006d00610079006f00720020007200650073006f006c00750063006900f3006e00200064006500200069006d006100670065006e00200071007500650020007000650072006d006900740061006e0020006f006200740065006e0065007200200063006f007000690061007300200064006500200070007200650069006d0070007200650073006900f3006e0020006400650020006d00610079006f0072002000630061006c0069006400610064002e0020004c006f007300200064006f00630075006d0065006e0074006f00730020005000440046002000730065002000700075006500640065006e00200061006200720069007200200063006f006e0020004100630072006f00620061007400200079002000520065006100640065007200200035002e003000200079002000760065007200730069006f006e0065007300200070006f00730074006500720069006f007200650073002e0020004500730074006100200063006f006e0066006900670075007200610063006900f3006e0020007200650071007500690065007200650020006c006100200069006e0063007200750073007400610063006900f3006e0020006400650020006600750065006e007400650073002egt SUO ltFEFF004e00e4006900640065006e002000610073006500740075007300740065006e0020006100760075006c006c006100200076006f0069006400610061006e0020006c0075006f006400610020005000440046002d0061007300690061006b00690072006a006f006a0061002c0020006a006f006900640065006e002000740075006c006f0073007400750073006c00610061007400750020006f006e0020006b006f0072006b006500610020006a00610020006b007500760061006e0020007400610072006b006b007500750073002000730075007500720069002e0020005000440046002d0061007300690061006b00690072006a0061007400200076006f0069006400610061006e0020006100760061007400610020004100630072006f006200610074002d0020006a0061002000520065006100640065007200200035002e00300020002d006f0068006a0065006c006d0061006c006c0061002000740061006900200075007500640065006d006d0061006c006c0061002000760065007200730069006f006c006c0061002e0020004e00e4006d00e4002000610073006500740075006b0073006500740020006500640065006c006c00790074007400e4007600e4007400200066006f006e0074007400690065006e002000750070006f00740075007300740061002egt ITA ltFEFF00550073006100720065002000710075006500730074006500200069006d0070006f007300740061007a0069006f006e00690020007000650072002000630072006500610072006500200064006f00630075006d0065006e00740069002000500044004600200063006f006e00200075006e00610020007200690073006f006c0075007a0069006f006e00650020006d0061006700670069006f00720065002000700065007200200075006e00610020007100750061006c0069007400e00020006400690020007000720065007300740061006d007000610020006d00690067006c0069006f00720065002e0020004900200064006f00630075006d0065006e00740069002000500044004600200070006f00730073006f006e006f0020006500730073006500720065002000610070006500720074006900200063006f006e0020004100630072006f00620061007400200065002000520065006100640065007200200035002e003000200065002000760065007200730069006f006e006900200073007500630063006500730073006900760065002e002000510075006500730074006500200069006d0070006f007300740061007a0069006f006e006900200072006900630068006900650064006f006e006f0020006c002700750073006f00200064006900200066006f006e007400200069006e0063006f00720070006f0072006100740069002egt NOR ltFEFF004200720075006b00200064006900730073006500200069006e006e007300740069006c006c0069006e00670065006e0065002000740069006c002000e50020006f00700070007200650074007400650020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006d006500640020006800f80079006500720065002000620069006c00640065006f00700070006c00f80073006e0069006e006700200066006f00720020006800f800790020007500740073006b00720069006600740073006b00760061006c00690074006500740020006600f800720020007400720079006b006b002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006b0061006e002000e50070006e006500730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f0067002000520065006100640065007200200035002e00300020006f0067002000730065006e006500720065002e00200044006900730073006500200069006e006e007300740069006c006c0069006e00670065006e00650020006b0072006500760065007200200073006b00720069006600740069006e006e00620079006700670069006e0067002egt SVE ltFEFF0041006e007600e4006e00640020006400650020006800e4007200200069006e0073007400e4006c006c006e0069006e006700610072006e00610020006e00e40072002000640075002000760069006c006c00200073006b0061007000610020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e00740020006d006500640020006800f6006700720065002000620069006c0064007500700070006c00f60073006e0069006e00670020006600f60072002000700072006500700072006500730073007500740073006b0072006900660074006500720020006100760020006800f600670020006b00760061006c0069007400650074002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e00740065006e0020006b0061006e002000f600700070006e006100730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f00630068002000520065006100640065007200200035002e003000200065006c006c00650072002000730065006e006100720065002e00200044006500730073006100200069006e0073007400e4006c006c006e0069006e0067006100720020006b007200e400760065007200200069006e006b006c00750064006500720069006e00670020006100760020007400650063006b0065006e0073006e006900740074002egt KOR ltFEFFace0d488c9c8c7580020d504b9acd504b808c2a40020d488c9c8c7440020c5bbae300020c704d5740020ace0d574c0c1b3c4c7580020c774bbf8c9c0b97c0020c0acc6a9d558c5ec00200050004400460020bb38c11cb97c0020b9ccb4e4b824ba740020c7740020c124c815c7440020c0acc6a9d558c2edc2dcc624002e0020c7740020c124c815c7440020c0acc6a9d558c5ec0020b9ccb4e000200050004400460020bb38c11cb2940020004100630072006f0062006100740020bc0f002000520065006100640065007200200035002e00300020c774c0c1c5d0c11c0020c5f40020c2180020c788c2b5b2c8b2e4002e0020c7740020c124c815c7440020c801c6a9d558b824ba740020ae00af340020d3ecd5680020ae30b2a5c7440020c0acc6a9d574c57c0020d569b2c8b2e4002egt CHS ltFEFF4f7f75288fd94e9b8bbe7f6e521b5efa76840020005000440046002065876863ff0c5c065305542b66f49ad8768456fe50cf52068fa87387ff0c4ee575284e8e9ad88d2891cf76845370524d6253537030028be5002000500044004600206587686353ef4ee54f7f752800200020004100630072006f00620061007400204e0e002000520065006100640065007200200035002e00300020548c66f49ad87248672c62535f0030028fd94e9b8bbe7f6e89816c425d4c51655b574f533002gt CHT ltFEFF4f7f752890194e9b8a2d5b9a5efa7acb76840020005000440046002065874ef65305542b8f039ad876845f7150cf89e367905ea6ff0c9069752865bc9ad854c18cea76845370524d521753703002005000440046002065874ef653ef4ee54f7f75280020004100630072006f0062006100740020548c002000520065006100640065007200200035002e0030002053ca66f465b07248672c4f86958b555f300290194e9b8a2d5b9a89816c425d4c51655b57578b3002gt gtgtgtgt setdistillerparamsltlt HWResolution [2400 2400] PageSize [595000 842000]gtgt setpagedevice

Page 7: Alcesti nel Novecento letterario italianoprofvianello.altervista.org/files/alcesti_nel_novecento_letterario... · Alcesti nel Novecento letterario italiano 5 La questione morale e

Alcesti nel Novecento letterario italiano

7

in vita vi ritorna con riluttanza negando di essersi sacrificata per lo sposo in re-altagrave ndash confessa ndash voleva morire19

La ricezione del Novecento italiano

Ma passiamo al Novecento italiano Vi troviamo ben quattro riletture del mi-to euripideo La prima egrave lrsquo Alcesti dai contenuti inopinati20 di Ettore Romagnoli pubblicata dal famoso grecista nei suoi Terzi drammi satireschi del 1922 La seconda egrave lrsquo Alcesti di Samuele di Alberto Savinio edita da Bompiani nel 1949 e messa in scena nel 1950 dal Piccolo Teatro di Milano21 Segue terza una incompiuta Alcesti di Corrado Alvaro anteriore al 1951 rimasta dattiloscritta e pubblicata solo nel 198322 Ultima infine ndash solo in ordine cronologico ndash Alcesti o La recita dellrsquoesilio di Giovanni Raboni edita da Garzanti nel 2002 e portata in scena per la prima volta nel 2004 ndash pochi mesi prima della scomparsa dellrsquoautore ndash dal Centro Teatrale Bresciano che ci ha cortesemente fornito un video dello spettacolo autorizzan-done la proiezione di qualche scena nel corso di questa lezione

Ci concentreremo oggi sulle Alcesti di Savinio e di Raboni Ci inducono a farlo ragioni di tempo e la possibilitagrave inattesa di vedere la resa teatrale di uno dei due pezzi Ma anche la genesi in qualche modo corrispondente dei due drammi con-cepiti allrsquoindomani del secondo grande conflitto il primo ndash e per cosigrave dire bilancio intellettuale di una stagione ndash un cinquantennio piugrave tardi lrsquoaltro ndash e dunque veri-fica di fine secolo delle speranze post-belliche Non ci verragrave crediamo imputata lrsquoincongruenza di inserire un testo del terzo millennio tra gli argomenti novecen-teschi di questo ciclo di conferenze Ci assolveranno dalla accusa di forzatura cronologica lrsquoideazione del dramma di Raboni che ha come verosimile terminus ante quem lrsquoaprile del primo anno del nuovo millennio23 Ma soprattutto il coinci-dere della sua realizzazione con gli ultimi atti letterari dellrsquoautore novecentesco e

19 Il mistero di Alcesti della Yourcenar (scritto nel 1942 ma pubblicato solo nel 1963) egrave ora fruibile in EURIPIDE E ALTRI 2006 Si vedano anche su di esso SUSANETTI 2001 TELOgrave 2004 PATTONI 2006 20 Admeto vi finge una falsa disperazione per la morte di Alcesti innamorato comrsquoegrave della sorella di lei con la quale potragrave finalmente essere felice dopo la morte della sposa Il ritorno dallrsquoAde lo sorprende proprio nei nuovi progetti per lrsquoavvenire 21 La si legga ora in SAVINIO 2007 SullrsquoAlcesti di Samuele cf CASCETTA 1995 22 La si legga in MORACE 1983 che ne segnala il terminus ante quem (p 732) Sul testo cf anche MORACE 2001 e LANGELLA 2004 Si tratta di una versione del mito ldquosecolarizzatardquo e ambientata nel mondo moderno sullo sfondo del secondo dopoguerra 23 Cf RABONI 2006 p CXXXVIII In unrsquointervista pubblicata su ldquoIl popolordquo del 20 febbraio 2002 Raboni dagrave per ultimata la sua Alcesti destinata ad andare in scena al Teatro Olimpico di Vi-cenza nellrsquoautunno dello stesso anno Lrsquointervista egrave ora in Internet allrsquoindirizzo wwwitalialibrinet La messa in scena non si realizzograve e la prima dellrsquoopera risultograve quella citata nel testo

Roberto Vianello

8

le parole stesse infine con cui Raboni ne parlograve pubblicamente in una lezione dal titolo ldquoAlcestirdquo e i disastri del Novecento24

LrsquoAlcesti di Savinio Andrea De Chirico fratello del piugrave noto Giorgio e noto al pubblico col nome

drsquoarte di Alberto Savinio richiede qualche parola di presentazione dato lo spazio contenuto di cui gode normalmente nei libri di testo in uso ai piugrave giovani tra il nostro pubblico Si tratta del resto di sorte comune alla maggior parte degli autori novecenteschi i manuali ne registrano i nomi insieme a sintesi minime di pensie-ro e scelte poetiche scegliendo la completezza informativa anzicheacute lrsquoapprofon-dimento caratteristico degli scrittori piugrave ldquocanonicirdquo Alla produzione teatrale di Savinio poi sono dedicate spesso solo poche righe (tre e mezza nellrsquoultimo libro di testo adottato qui al Classico)

Savinio egrave quel che si dice un artista eclettico Scrittore musicista pittore Lrsquoinfanzia in Grecia egrave per lui solo la condizione originaria di un percorso intellet-tuale compiuto nel corso di una vita errabonda in Europa Monaco Milano Fi-renze Parigi Ferrara Roma le tappe di un vagare che ne determina la prospettiva non provinciale ponendolo in relazione con le avanguardie culturali del primo Novecento Nietzsche e Schopenhauer con la musica gli oggetti di interesse della prima giovinezza Poi lrsquoincontro con lrsquoavanguardia artistica e letteraria a Parigi il sodalizio con Apollinaire il concerto ldquosinceristardquo nella sala delle ldquoSoireacutees de Pa-risrdquo25 E ancora i contatti con De Pisis e Carragrave lrsquoesperienza del Teatro Odescalchi a Roma insieme a Pirandello lrsquoinizio dellrsquoattivitagrave pittorica la collaborazione con riviste e quotidiani lrsquoinserimento unico italiano nellrsquoAntologia dello humour nero del surrealista Breton la collaborazione con la Scala di Milano26 Savinio evita il con-fronto col Fascismo impegnandosi solo dopo la sua caduta nella denuncia delle radici ideologiche e culturali del totalitarismo Esse affondano nelle passioni nellrsquoistinto nella vitalitagrave che determinano pesantemente lrsquouomo e le sue scelte Da essi puograve salvarlo solo la cultura intesa come civiltagrave come costruzione dellrsquouomo per lrsquouomo unico strumento in grado di riscattarne la storia27 Cittadi-no del mondo con lrsquoEllade nel DNA come si direbbe oggi per Savinio la cultura non puograve che autocomprendersi in relazione allrsquoAntico Atteggiamento che non va inteso come accettazione di un classicismo imbalsamato e anacronistico Il tempo dei miti egrave finito e lrsquoAntico appartiene alla coscienza della modernitagrave inquieta e 24 Per la trascrizione dellrsquointervento nella sede di Brescia dellrsquoUniversitagrave Cattolica (12 dicembre 2003) a cura di F Molinari cf RABONI 2004 La si legga ora anche nellrsquoapparato critico a cura di Rodolfo Zucco in RABONI 2006 pp 1776-1782 25 Il memorabile concerto di musica non armonica si tenne nel 1914 nella sede della rivista ldquoLes soireacutees de Parisrdquo di Apollinaire 26 Per maggiori notizie su Savinio basti qui rinviare a PIETROMARCHI 1986 e PEDULLAgrave 1991 Sulla vocazione europeistica di S v invece GUIDI 2006 27 Si veda per questi temi GUIDI 2006

Alcesti nel Novecento letterario italiano

9

priva di veritagrave condivisa solo per quel tanto che ci egrave dato di riconoscerne nel mondo drsquooggi Egrave vero che in vesti dimesse il mito egrave ancora presente tra noi Ri-conoscerlo permette di gettar luce sulla realtagrave La coscienza attenta dei moderni puograve trovare nellrsquoereditagrave dei classici un archivio di archetipi capaci di orientare alla comprensione delle cose Riconoscervi lrsquoultima metamorfosi di forme passate lrsquoultimo darsi sotto altra foggia di un nietzschiano eterno ritorno dellrsquoidentico puograve determinare laquonella realtagrave una irruzione di veritagraveraquo 28 fare del mito uno stru-mento conoscitivo privilegiato Si spiega in gran parte cosigrave lrsquoopera letteraria e pit-torica di Savinio29 nel suo accostare personaggi e situazioni del quotidiano a rico-nosciuti omologhi mitici Si tratta di una interazione nella quale a volte il quoti-diano puograve demitizzare ironicamente il leggendario per la sua evidente banalitagrave al-tre volte accade invece che i modelli paludati di un tempo rimitizzino la banalitagrave dellrsquoordinario per quel tanto di universale che se ne puograve riconoscere dietro il ri-dimensionamento alla misura dellrsquooggi

Il mito irrompe inaspettatamente ndash ed esemplarmente ndash nel vissuto di Savinio un giorno del rsquo42 in cui in qualitagrave di critico egli assiste a prove liriche al Teatro dellrsquoOpera di Roma30 Vi compare improvvisamente il dott Alfred Schlee della Universal Edition di Vienna31 Di lui Savinio giunge a conoscere lrsquoinaudito destino di vittima costretta dallrsquoinasprirsi delle leggi razziali a una scelta odiosa divorziare dalla moglie ebrea o perdere lrsquoincarico presso lrsquoeditrice musicale Il disumano aut aut istituito tra i valori piugrave costitutivi dellrsquouomo ndash lavoro e affetti familiari ndash basta di per seacute a fare dello Shlee un personaggio tragico Ben piugrave crudele tuttavia sco-pre Savinio la sorte di quellrsquouomo ormai privo di una sposa che per non intral-ciarne la carriera ha scelto di togliersi la vita

Ecco il mito tra noi Ecco tra noi una nuova Alcesti la donna che rinuncia al-la vita per lo sposo nel cuore del XX secolo laquoAlcesti egrave rinataraquo ndash diragrave il personag-gio dellrsquoAutore nel dramma che Savinio pubblicheragrave di ligrave a qualche anno32 ndash laquoAl-

28 CASCETTA 1995 p 1407 Senza ambizione di completezza rimandiamo per il mito e il mondo classico in Savinio a RAGNI 2002 e USAI 2005 29 Si pensi per citare qualche esempio a titoli saviniani come Hermaphrodito (1918) o Capitano Ulisse (1934) o a opere pittoriche quali il fatuo Apollo del 1931 (con la testa drsquoanitra e il busto sopra un capitello ionico) il Colloquio - Oreste e Pilade del rsquo32 (in cui i due amici sono ritratti su basamenti che paiono immobilizzarli) Il ritorno di Ulisse del rsquo33 (in cui un soggetto nientrsquoaffatto eroico porta in testa un moderno cappello di paglia) Mademoiselle Centaure del rsquo46 (un vanitoso individuo fem-minile dalla duplice natura ostenta un cappellino alla moda in riva al mare) Per lrsquoopera pittorica di Savinio si consulti VIVARELLI 1996 30 Sulla vicenda cf SAVINIO 2007 pp 304 ss 31 Il nome dello Schlee che operograve in circostanze storiche difficili nella sede viennese della editrice musicale fino al 1945 compare nella storia della Compagnia tuttora attiva allrsquoindirizzo Internet wwwuniversaleditioncom (v anche la versione inglese) 32 SAVINIO 2007 p 26 Drsquoora in poi si faragrave riferimento tra parentesi alla numerazione di pagina di questa edizione

Roberto Vianello

10

cesti non egrave un individuo ma una specie Conoscevamo Alcesti di Pelia ora cono-sciamo Alcesti [hellip] di Samueleraquo (p 45)33

La creativitagrave di Savinio sensibile come srsquoegrave detto alle occorrenze del mito nel quotidiano lo spinge a lavorare su questo spunto di vita vissuta fino a pubblicare nel 1949 presso Bompiani il dramma in prosa Alcesti di Samuele che verragrave portato in scena lrsquoanno successivo dal ldquoPiccolo Teatro di Milanordquo per la regia di Giorgio Strehler34 Saragrave un fiasco La trasformazione che la vicenda della moderna Alcesti ha subito nel suo farsi testo da recitare il linguaggio teatrale scelto dallrsquoautore ne faranno qualcosa di sgradito a critici e spettatori Verbositagrave divagazioni disarmo-nie moduli da avanguardia col pessimismo e il nichilismo che vi traspaiono ne faranno qualcosa di lontano per ragioni diverse dalle attese del pubblico35

La vicenda srsquoegrave detto passando dalla vita alla letteratura si egrave trasformata Il dott Shlee egrave diventato il dott Paul Goerz direttore della Musikalische Ausgaben di Monaco Alcesti egrave Teresa Goerz figlia di Samuele moglie ebrea di Paul Il te-sto prevede lrsquoentrata degli spettatori e di un Autore prima che si apra il sipario LrsquoAutore anticipa ai presenti che Goerz egrave a Roma percheacute neanche la vicenda della sua Alcesti puograve risolversi senza lrsquointervento di Ercole

Si apre il sipario Sulla scena un telefono dieci volte piugrave grande del normale attira su di seacute lrsquoattenzione degli spettatori Il ricevitore abbandonato oscilla a pendolo Una voce ripete insistentemente e minacciosamente laquoIl dott Goerz su-bito al Ministeroraquo (p 30) Ai lati della scena due sagome in poltrona i ritratti di Padre e Madre seduti e destinati ad animarsi nel corso del dramma Teresa non crsquoegrave La servitugrave e i figli sanno che ha fatto delle telefonate nellrsquoassenza del marito Paul comrsquoegrave evidente dalle parole dellrsquoAltoparlante si egrave recato al Ministero ove egrave stato costretto alla dolorosa scelta tra la sposa e il lavoro Al suo ritorno vorrebbe dirle che ha scelto lei coraggiosamente e fedelmente Ma Teresa non egrave in casa La chiama ripetutamente salendo sul proscenio Poi allrsquoimprovviso si spengono le luci Il nome di lei riecheggia nel buio Quando la luce torna in luogo del telefono si vede un ritratto della donna a grandezza naturale Ai piedi del ritratto una lette-ra lrsquoaddio di Teresa allo sposo e le ragioni del suo irreparabile gesto

Lascio questa lettera ai piedi del mio ritratto Cosigrave mentre tu leggerai [] ti sembreragrave udi-re la mia voce [] La telefonata di stamattina io lrsquoaspettavo Ero una cacciatrice in agguato Sapevo che la tigre sarebbe venuta E per divorare te mio povero Paul Colpa mia del resto Era giusto che provvedessi io stessa a cacciare la tigre Tante volte tu hai difeso me Tu e io as-sieme non abbiamo sempre sostenuto la paritagrave dei diritti tra uomo e donna La moglie a sua

33 Samuele come si comprende egrave il nome ebreo del padre della nuova Alcesti 34 Alcune immagini dellrsquoevento teatrale nellrsquoArchivio multimediale del sito Internet del ldquoPiccolordquo Scenografia e costumi furono a cura dello stesso Savinio Tra gli attori ivi ritratti Lilla Brignone Piero Carnabuci Camillo Pilotto Diego Parravicini Mario Feliciani Alberto Marcheacute 35 Anche per questo il ldquoPiccolordquo percorreragrave presto altre strade rileva il citato CASCETTA 1995 p 1442

Alcesti nel Novecento letterario italiano

11

volta deve difendere il marito Quale migliore occasione di questa Quando tu leggerai questa lettera io sarograve lontana Molto lontana (p 44 s)36

Teresa-Alcesti illustra il suo gesto a un Paul-Admeto lasciato per cosigrave dire fuori dal gioco Incolpevole E tuttavia non proprio completamente ldquoinnocen-terdquo37

Mi serviva una via drsquouscita Ho scelto il fiume Quale via migliore Quando eravamo fi-

danzati tante volte [] siamo andati a guardare assieme questo nostro fiume di sera dal pa-

36 Il presente testo di Savinio come i seguenti egrave stato videoproiettato e letto da chi scrive nel cor-so della lezione 37 LrsquoAdmeto di Savinio sembra avere qualcosa in comune con lrsquoAdmeto della Yourcenar di cui si diceva piugrave sopra Non risultano tuttavia rapporti diretti tra le due opere (cf PATTONI 2004 p 292 n 44)

Paul (Piero Carnabuci) legge la lettera davanti al ritratto di Teresa (Lilla Brignone)

Archivio Piccolo Teatro di Milano

Roberto Vianello

12

rapetto del ponte Massimiliano Poi ci siamo sposati [] non siamo piugrave andati a guardarlo Che peccato Che peccato questo invadente burocratismo del matrimonio Io perograve qualche volta sono tornata da sola a guardare il fiume Non te ne ho mai parlato Mi avresti detto che sono bambinate Noi donne siamo conservatrici hellip Meno di voi accaparrate dallrsquoavvenire Ci piace conservare gli oggetti i ricordi i luoghi implicati in qualche nostro momento di felicitagrave E non amiamo il mutamento Che impressione strana ndash non avertene a male ndash che impressione di ldquoperditardquo al ritorno da quelle mie visite solitarie al fiume ritrovare qui a casa il te di ora dopo il te di allora lasciato poco prima sul parapetto del ponte Massimiliano Ci so-no alcune sottili varianti del tradimento che la legge sullrsquoadulterio non contempla ma alle quali il nostro animo non rimane indifferente Da qualche tempo in qua le mie visite al fiume erano piugrave frequenti Tu hai giagrave capito Non per rievocare una felicitagrave perduta ma per cercare un ami-co un alleato Il suo movimento instancabile mrsquoispirava fiducia Rispondeva a un mio desiderio sempre piugrave urgente Questa cittagrave nella quale noi viviamo egrave soffocata dalla terra Terra da o-gni parte Terra terra [] La terra stringe tuttrsquointorno questo paese lo strozza lo porta allrsquoisterismo e alla pazzia [] Con quale altro mezzo andarmene da qui Percheacute andarmene bisogna Se no egrave la morte per me e anche per te mio povero Paul - mio po-vero ldquoinnocenterdquo [] Quando tu avrai finito di leggere questa lettera io avrograve raggiunto finalmente quello che ho sempre desiderato [] la [] Libertagrave [] Tengo a chiarire la mia si-tuazione io non sono una donna che si ammazza sono una donna che ldquolibera se stessardquo che ldquosalva se stessardquo (pp 46 ss)

Una voce femminile annuncia che crsquoegrave un poscritto egrave il ritratto che srsquoegrave animato surrealisticamente e terminando la lettura comunica la consapevolezza della mo-derna Alcesti dellrsquounicitagrave del suo gesto in cui egrave certa di poter pienamente realizza-re se stessa

Io lo sai non sono donna da contentarmi del marito della casa dei figli Io volevo far qualcosa di mio di proprio Te lo dicevo sempre Non sapevo cosa Tu mi pigliavi in giro La sorte mi ha favorita Ecco che anchrsquoio ho trovato una cosa da fare Una cosa laquo mia raquo E che cosa Cara mi costa [] Questo mio capolavoro per di piugrave non rimarragrave sconosciuto Perciograve Paul stattene lontano Non venire Non venire Me eroina la tua sola presenza tornerebbe a fare di me uno straccio di donnetta E io non voglio non fosse che per far dispetto a voi uomi-nihellip Una parola allrsquoorecchio in questo mio sublime sacrificio non riesco a determinare quanto crsquoegrave di eroismo e quanto di vanitagrave (pp 60 s) Nella giustificazione del gesto della nuova Alcesti percepiamo risonanze di

una sensibilitagrave ovviamente moderna e la rivendicazione di una dignitagrave di genere propria delle stagioni piugrave recenti delle societagrave occidentali Tratti come questi non possono certo stupirci scontatamente necessari come sono al personaggio Se la nostra eroina egrave solo uno degli individui in cui la specie Alcesti srsquoegrave riprodotta nella storia deve mostrare specificitagrave sue particolari lati di unrsquoidentitagrave ldquoda secolo bre-verdquo Si potragrave semmai ndash rispetto alle scelte dellrsquoautore ndash chiedere criticamente fino a che punto possa darsi unrsquoAlcesti moderna non tanto nel suo affacciarsi alla sto-ria nella riconoscibile somiglianza di una situazione quanto piuttosto nel suo cor-rispondere effettivamente ai tratti caratteristici della specie di cui essa sarebbe in-

Alcesti nel Novecento letterario italiano

13

dividuo E porre conseguentemente una questione riconducibile alla precedente domandando a unrsquoAlcesti novecentesca si addice un ritorno dai morti Quale spazio nellrsquoetagrave della scienza e del disinganno per ciograve che inspiegabilmente Plato-ne non problematizzava ma la lucida ragione dello stesso Euripide egrave sembrata a taluni implicitamente rifiutare38 Prenderemo in considerazione prima la seconda questione constatando che Savinio non sceglie di percorrere lrsquoitinerario ldquopiugrave ve-rosimilerdquo di un mancato ritorno come pure sappiamo si fece nellrsquoantichitagrave39 Per lrsquoAlcesti moderna a giudizio di Savinio un ritorno egrave possibile almeno nella fin-zione teatrale Percheacute il teatro egrave il luogo laquoche corregge quello che egrave sbagliato completa quello che egrave incompleto Il teatro egrave come i sogni I sogni attuano quello che da svegli non possiamo attuareraquo (p 78) Questo proclama solennemente il personaggio dellrsquoAutore allrsquoErcole moderno a cui Savinio affida lrsquoimpresa di ri-portare nel mondo Teresa-Alcesti E si tratteragrave di un duplice indennizzo Percheacute se Teresa potragrave tornare anche il nuovo Ercole troveragrave nellrsquoimpresa una personale compensazione agli oltraggi della sorte Soltanto al termine amaramente com-prenderemo in che modo saragrave stata fatta laquopiugrave viva la vitaraquo

Ai tempi del secondo grande conflitto lrsquounica figura storica immaginabile in veste drsquoeroe egrave il vincitore morale della guerra colui che ha saputo ripulire il mon-do dallrsquoidra del totalitarismo Egrave il presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Ro-osvelt che la morte ha ingiustamente tolto di scena prima che potesse terminare la guerra ma a cui il teatro che completa quel che la vita ha lasciato incompleto concede la chance di unrsquoultima grande impresa

Lrsquoex Presidente entra in sala al suono drsquouna marcia militare con lrsquoaspetto di un busto poggiante su piedistallo che si scopre poi nascondere un locomotore di cui lrsquoeroe dimezzato si serve per raggiungere il palcoscenico La trovata che assi-mila il personaggio a talune immagini del Savinio pittore40 non egrave il solo mezzo ri-servato a quello che sembra un ridimensionamento inspiegabile Anche un lungo scambio di battute ora pedanti ora polemiche apparentemente fuorvianti mira a realizzare almeno sotto il profilo ideologico una dissacrante relativizzazione dellrsquoeroe uno dei tanti laquouomini forti onesti e soprattutto ottusiraquo adibiti a laquogrossi e periodici lavori di pulitura del mondoraquo (p 95) A questo simbolo dellrsquoottimismo che non sa bene se egrave giagrave morto o egrave ancora vivo che da Americano crede a tutto e non ha idee personali a questo laquoeroe moralistaraquo (p 92) simbolo della democra-zia e del liberalismo egrave affidato il compito che fu dellrsquoEracle euripideo dovragrave ri-portare in vita la vittima del razzismo nazionalsocialista Con quali risultati ve-dremo

38 Cf n 10 39 Egrave noto che lrsquoeroina non ritorna in vita nellrsquoAlcestis Barcinonensis ma gli esametri pervenuti regi-strano quale ultimo atto della vicenda le sconsolate parole di Alcesti laquoConiux dulcissime coniux [hellip] rapior venit mors ultima venit infernusque deus claudet lsaquo iam rsaquo membra soporeraquo 40 Cf la nota 29

Roberto Vianello

14

Quando il sipario si riapre Roosvelt sta scendendo nel Kursaal dei morti un Aldilagrave irriconoscibile In questa sorta di clinica i morti siedono in attesa di dimen-ticare fino a non esser piugrave fino a finire di morire In una interazione da teatro moderno egrave il pubblico a impersonare il ruolo dei morti Roosvelt si intrattiene con un Direttore invisibile di cui si percepisce la presenza unicamente dalla voce e dai movimenti di una seggiola e di un registro che bisogna immaginare toccati da lui41 La voce del Direttore spiega che nel Kursaal trovano posto quanti non riescono a morire fincheacute nel mondo resta ancora traccia di loro Si tratta di morti illustri che aspirano ora solo allrsquoindifferenza desiderano lrsquoannientamento della lo-ro individualitagrave Gli altri quelli che in vita sembrano vivi ma non sono piugrave vivi dei morti passano e nessuno se ne accorge neacute durante la vita neacute dopo La perma-nenza nella laquoclinicaraquo (p 128) egrave proporzionale alla compattezza della personalitagrave e 41 Vorremmo poter affermare che questo Direttore di Savinio come lrsquointera situazione del Kursaal abbia svolto un qualche ruolo nella immaginazione di Dino Buzzati presente alla prima dello spettacolo e tra i pochi favorevoli al lavoro (CASCETTA 1995 pp 1440 n 87 1441) Ha qualcosa del Direttore del Kursaal infatti il Diavolo-Giacca che nel buzzatiano Poema a fumetti del 1969 sovrintende incorporeo a un Aldilagrave altrettanto sorprendente e straniante

LrsquoAutore (Mario Feliciani) e Roosvelt (Camillo Pilotto)

Archivio Piccolo Teatro di Milano

Alcesti nel Novecento letterario italiano

15

quindi al ricordo che resta tra i vivi Una silenziosa concentrazione aiuta il laquorias-sorbimentoraquo (p 127) Siedono tra questi morti alcuni grandi della storia e alcuni grandi della poesia Rimbaud egrave piugrave lento di Aleardi nel suo percorso verso lrsquoannichilimento I posti di Carducci e Pascoli sono giagrave vuoti Omero invece resi-ste da tremila anni lo laquochiamanoraquo (p 132) troppo dal mondo dei vivi Anche lrsquoAlighieri egrave uno degli ospiti laquopiugrave duriraquo (p 136)

I morti coprono Roosvelt di improperi per il turbamento dellrsquoatarassia da loro cercata e da lui alterata nella pretesa di riportare in vita Teresa Goerz Pregano il Direttore di lasciarlo fare per aver finalmente pace E finalmente laquoun grido di na-scitaraquo o laquodi agonia ldquoinvertitardquoraquo (p 144) annuncia che Teresa sta per tornare tra i vivi Il sipario si chiude La sala del teatro si illumina LrsquoAutore afferra il sipario e lo riapre Teresa torna attraverso il suo ritratto ride sommessamente e chiede percheacute la si voglia vedere lei che egrave laquoil vomito che la Morte rigetta sui viviraquo (p 166) Le sue parole raggelano e non sembrano affatto corrispondere al ruolo di nuova Alcesti che srsquoegrave immaginato ella possa avere Forse il ritorno dai morti egrave possibile nel teatro di Savinio ma non egrave detto che esso corrisponda alle nostre attese E il personaggio dellrsquoAutore osserva che Alcesti rediviva dovrebbe rimet-tere le cose come stavano prima mentre Teresa-Alcesti laquorovescia la parte tradisce lrsquoaspettativaraquo (p 167)

LrsquoAlcesti moderna egrave morta laquoper volontagrave di essereraquo confessa per poter laquofar brilla-re se stessa nella vitaraquo proprio in contrasto con lrsquo laquoasfissia dellrsquoessere che sono i re-gimi totalitariraquo (p 168)42 Ma il suo gesto laquodi vitaraquo sembra aver perso ogni valore per lei Non si tratta di rimpianto per la vita perduta che ella non puograve piugrave amare Teresa non egrave tornata per merito del nuovo Ercole che ha creduto di laquoconciliare morte e vitaraquo (p 176) cosigrave come si egrave illuso di portare pace agli uomini con la sua guerra Ella non egrave tornata per ricominciare la sua vita tra i vivi Troppa differenza la separa ormai da loro egrave altra la sua conoscenza altra la sua sapienza E non egrave tornata solahellip Lrsquoha preceduta la Signora del Profondo lrsquoImmortale la Morte de-terminata a punire lrsquoorrendo delitto di averla riportata in vita Roosvelt cade allrsquoimprovviso lungo disteso Anche Goerz si distende morto E Teresa ignoran-done il cadavere si precipita ad abbracciare ciograve che del suo amato Paul egrave ora in-visibile al pubblico di fronte a lei per proclamargli la sua nuova veritagrave

Ora ti posso dir tutto [hellip] Gli uomini fino a un certo punto percorrono un cammino di vita e vivere egrave la meta del loro cammino Gli uomini allora sono figli [hellip] Ma a partire da quel punto la meta del cammino della vita non egrave piugrave la vita egrave la morte [hellip] Gli uomini allo-ra sono genitori Noi allora [hellip] ci accorgiamo [hellip] che il nostro tempo si abbrevia sempre piugrave Questo il meccanismo di quella vita dalla quale e tu e io siamo usciti Questo il suo dare e il suo avere Questo il suo bilancio [hellip] La vita ricordi egrave rotta tratto tratto da schermi che in-tercettano la visuale Uno di questi sono i figli [hellip] Dolce follia per la nascita di Ghita io sen-tii poi per quella di Claus e le cure per allevare i nostri figli non me le sono risparmiate Ep-pure non so [hellip] io di lagrave dalla dolce follia di lagrave dalle cure vidi distintamente in fondo alla

42 Se lrsquoautore ha pensato in questo luogo al famoso Epitafio di Sicilo ( Ὅσον ζῇς φαίνου ) bisogneragrave at-tribuirgli una specifica volontagrave di dotare la moderna Alcesti di una weltanschauung ldquoellenicardquo

Roberto Vianello

16

mia strada la luce della vita tramontare e sorgere lombra della morte Spaventata Preoccupa-ta No Contenta Profondamente contenta Come della sola veritagrave intravista [hellip] Capisci ora come ben preparata io ero alla morte Capisci ora percheacute la morte non era per me quella spaventosa sorpresa che egrave per altri Capisci ora percheacute io non solo non temevo la morte ma la sentivo come il mio vero destino E quei lagrave credevano spaventarmi imponendomi la morte come un patto ndash come una punizione Imbecilli Paul io mi uccisi per liberare te dalla trappola che quegli imbecilli ti avevano teso Ma questa egrave la versione ufficiale La ragione vera e che ora nella nostra piena identitagrave non ho piugrave motivo di nasconderti egrave che io mi uccisi per affrettare il destino per impazienza della promessa [hellip] In quellaltro mondo ho dato la vi-ta ai miei figli in questa vita do la vita a te Ho attuato la piugrave segreta e assieme la piugrave grande aspirazione della donna essere la sposa e assieme la madre delluomo amato [hellip] Questa immagine di donna viva che ho dovuto indossare prima di venire qui ora prima di an-darmene me la toglierograve di dosso e la lascerograve al suo solito posto Come richiudere dietro a me il muro che ho abbattuto per entrare Tra noi e loro ogni comunicazione saragrave rotta [hellip] Eccomi pronta E tu Ti parragrave di aver traversato una gola Lunghissima e stretta Buia e irta di macigni E finalmente uscire sul mare Su un mare libero infinito Paul Questa libertagrave questo infinito sono io che te li do Vedrai quando ci lasceremo alle spalle la gola buia e stretta la gola irta di macigni tutto lassurdo che i vivi accumulano roccia su roccia assurdo su assurdo [hellip] Ti parragrave di aver attraversato un corridoio Un corridoio molto lungo e mol-to stretto Un corridoio tanto lungo e tanto stretto quanto lunga e quanto stretta egrave stata la tua vita Un corridoio buio Un corridoio sotterraneo [hellip] Un corridoio pieno di armadi di casse di scatole Tanti armadi tante casse tante scatole Pesanti Inamovibili [hellip] Armadi casse scatole piene di roba Che roba Non si sa Nessuno lo sa E ti tocca arrampicarti scavalcare andar carponi passar sotto passar di lato tirandoti dentro la pancia e spingere sollevare e andare andare andare affannato disperato e il corpo pesa e duole e lanima pesa e duole e sempre sudore saliva e pianto giugrave dalla faccia e la paura la paura la paura e volere vo-lere volere non riuscire mai a laquo non volere raquo e questo corridoio che non parla ma tu senti lo stesso che dice laquo no no no raquo E sempre armadi sempre casse sempre scatole Piene di tutto lassurdo di tutta langoscia che gli uomini questi mangiatori dassurdo questi divoratori dangoscia hanno accumulato per secoli e secoli e secoli [hellip] Vedrai quando davanti a noi si apriragrave Che cosa Non so Parliamo ancora una lingua che ormai non serve Dobbiamo dimenticare prima di tutto i significati I significati passati Gli ultimi significati Capovolgerli non basta Dimenticarli Cancellarceli da dosso Che posso dirti Nulla No Tutto Nemmeno E allora Dimentica Paul e sii pronto Ti farograve da madrina Ti presenterograve al nostro direttore Ti raccomanderograve Lo pregherograve di favorirci Di aiutarci a far presto Sai Io laggiugrave ti ho aspettato Quale piugrave grande prova damore Non sono morta per aspettarti An-che se la vostra volontagrave di riavermi quassugrave non avesse fermato laggiugrave il compimento della mia morte io egualmente mi sarei trattenuta di morire ndash per aspettare te Ora egrave passata Risolve-remo presto Che ci trattiene piugrave [hellip] Entreremo nella suprema felicitagrave Pensa Non individui piugrave sciolti nel nulla ndash nel tutto Una parola ancora Lultima In questa lingua che stiamo per abbandonare Ascolta Nascere egrave un atto individuale morire egrave un atto universale Il laquo nostro raquo atto universale Il solo nostro atto universale Questo il grande se-greto della morte Questo il suo immenso bene Vieni Paul [hellip] Sposa tua e madre apro a te luniverso (pp 183-189) Ci chiedevamo prima se la somiglianza della situazione vissuta implicasse ipso

facto la corrispondenza piena tra i tratti costitutivi della nuova eroina e quelli del

Alcesti nel Novecento letterario italiano

17

suo archetipo Bisogneragrave rispondere di no43 Millenni di storia lrsquoesperienza di quella recente ndash dei due grandi conflitti delle delusioni a essi conseguenti delle atrocitagrave e del dolore generale ndash hanno evidentemente lasciato il segno E lunga sullrsquoorizzonte di questo mondo si proietta lrsquoombra del nulla della mancanza di senso dellrsquoassurditagrave del vivere LrsquoAlcesti del Novecento egrave deformata nella sua fi-sionomia dalle conseguenze di una storia che il pensiero stenta a comprendere come razionale o teleologicamente orientata Alcesti di Samuele egrave emblema del destino di un popolo ingiustamente e irragionevolmente sospinto nellrsquoanni-chilimento Egrave forse allegoria di una Europa soggiogata dal totalitarismo e biso-gnosa dello spirito americano per riscattarsi dalla morte44 Egrave soprattutto per chi sappia prescindere dalla contingenza storica rivelatrice di una veritagrave piugrave radicale e universale La morte ha confermato a Teresa una terribile veritagrave giagrave intravvista nel trascorrere della vita Ha squarciato definitivamente per lei una cortina oltre la quale aveva da tempo iniziato a guardare quel velo che secondo certa filosofia ricopre di illusioni lrsquounica indiscutibile veritagrave del mondo il suo essere cieca irra-zionale volontagrave incapace drsquoappagamento e svincolata da qualsiasi morale Le pa-role evidenziate sopra nel testo dichiarano esplicitamente lrsquoascendenza schopen-haueriana di questa visione fatta propria nelle premesse come nelle conclusioni

Come appaiono false assurde alla nuova Alcesti le aspirazioni degli uomini Il suo stesso suicidio egrave stato in fondo un errore tanto piugrave imperdonabile quanto piugrave ha finito per riaffermare un bene ndash quello della vita ndash che dalla prospettiva di quanti ldquonon sono nullardquo 45 si rivela affatto inconsistente nonostante tutta la fati-ca la paura lrsquoangoscia che i vivi finiscono per accumularvi ostacoli e ostacoli su un percorso fatto di assurdo Ma Teresa egrave morta per liberare Paul dalle trappole di questa vita non solo da quella del totalitarismo ha scelto di non essere per af-frettare per lui il disvelamento della veritagrave e dare allrsquoamato la libertagrave quella che consiste nellrsquoannullamento della volontagrave nello scioglimento nel nulla Teresa non egrave lrsquoἀρίστη la cui φιλία viene ricompensata col ritorno allo sposo nel mondo dei vivi Ella egrave una Alcesti alla rovescia che non rimpiange la vita bella sotto la luce del sole Maestra di unrsquoopposta comprensione del mondo sacerdotessa della No-luntas vuole lo sposo con seacute nella felicitagrave di un Nirvana si fa guida dellrsquoamato ndash sorta di antiBeatrice ndash nella dimensione in cui lrsquoindividuo e la sua volontagrave non sono piugrave46 Il suo amore per lo sposo non egrave inferiore a quello dellrsquoantica eroina Questa perograve sceglieva di non essere per donare la vita allrsquoamato ella invece sceglie di non essere per indicare allrsquoamato nellrsquoannullamento totale la suprema felicitagrave ed entrarvi con lui

43 laquoAlcesti non egrave piugrave Alcesti [hellip] Meglio se rimaneva dove stavaraquo proclama il personaggio dellrsquoAutore (SAVINIO 2007 p 167) 44 CASCETTA 1995 p 1418 s 45 laquo ἐν τοῖς οὐκέτrsquo οὖσι λέξοmicroαι raquo (v 322) laquo oὐδέν ἐσθrsquo ὁ κατθανών raquo (v 381) cosigrave si riferisce ai morti lrsquoAlcesti di Euripide 46 Cf CASCETTA 1995 p 1424

Roberto Vianello

18

laquoLa civiltagrave egrave un gioco una distrazione il modo piugrave efficace che noi abbiamo di allontanare dalla nostra mente il pensiero della morteraquo ha scritto qualche tem-po prima Savinio riprendendo forse un Leopardi divenuto straordinariamente at-tuale e riscoperto da due decenni dagli amici de ldquoLa Rondardquo 47 Ma il pensiero del-la morte non puograve piugrave turbare chi della morte non ha piugrave paura ma ha riconosciu-to anzi in essa lrsquounica veritagrave che non chiede piugrave di essere esorcizzata dal gioco di-straente di una coscienza altrimenti disperata LrsquoAlcesti del Novecento egrave lrsquoeroina della negazione di ciograve che lrsquo amor sui del vivente ha creato

LrsquoAlcesti di Raboni

Passiamo a Raboni una delle individualitagrave artistiche piugrave interessanti di fine Novecento spentasi il 16 settembre 2004 Poeta saggista traduttore critico lette-rario e critico teatrale del ldquoCorriere della serardquo I piugrave attenti tra i presenti ricorde-ranno probabilmente le sue apparizioni televisive48 Mondadori ha raccolto in un Meridiano uscito nel 2006 la sua ldquoopera poeticardquo riunendovi con scritti critici sulla poesia e traduzioni poetiche i versi in proprio tra i quali anche il testo di cui ci occupiamo oggi49

Nato a Milano nel rsquo32 Raboni egrave stato ascritto alla cosiddetta linea lombarda della poesia del secolo scorso50 Una scelta delle sue liriche egrave stata significativa-

47 In Dico a te Clio del 1940 ora in SAVINIO 1992 p 88 Lrsquoaffermazione ricorda da vicino (con una coincidenza lessicale) il noto pensiero leopardiano sullrsquoincapacitagrave della ragione di darci la feli-citagrave laquohellipchi si fissasse nella considerazione e nel sentimento continuo del nulla verissimo e certis-simo delle cose [hellip] sarebbe pazzo assolutamente e per ciograve solo giaccheacute volendosi governare se-condo questo incontrastabile principio ognuno vede quali sarebbero le sue operazioni E pure egrave certissimo che tutto quel che facciamo lo facciamo in forza di una distrazione e di una dimentican-za la quale egrave contraria direttamente alla ragione E tuttavia quella sarebbe una verissima pazzia ma la pazzia piugrave ragionevole della terra anzi la sola cosa ragionevole e la sola intera e continua sa-viezza dove le altre non sono se non per intervalliraquo (Zib 103-104) Si veda sul tema RIGONI 1985 111 ss Per lrsquoaffinitagrave di pensiero tra Leopardi e Schopenhauer basti ricordare il citatissimo desan-ctisiano Dialogo tra A e D oggi in DE SANCTIS 1995 (rintracciabile anche allrsquoindirizzo Internet wwwliberliberit) Per la ldquoriscopertardquo del Leopardi da parte degli intellettuali de ldquoLa Rondardquo e di Vincenzo Cardarelli cf CARDARELLI 1981 passim (in particolare pp 721 ss) e CARDARELLI 1985 48 Ne segnaliamo una a ldquoMixer culturardquo su RaiTre (15 febbraio 1988) con Carmelo Bene visualiz-zabile allrsquoindirizzo Internet wwwyoutubecomwatchv=HNFD_Ha58-s In RAI Raboni colla-borograve alla redazione della rubrica televisiva Tuttilibri di Giulio Nascimbeni e condusse una rubrica radiofonica di letteratura e arti (cf RABONI 2006 p XCVII) 49 RABONI 2006 pp 1255 ss Il volume a cura di Rodolfo Zucco offre una Introduzione e una Cro-nologia utili per inquadrare scelte di poetica e rete relazionale dellrsquoAutore Per una prima informa-zione su Raboni (con la possibilitagrave di ascoltarne la voce) si visiti il sito web ufficiale disponibile dal 2007 allrsquoindirizzo wwwgiovanniraboniit 50 La formula risale allrsquoomonima antologia uscita nel rsquo52 per cura di Luciano Anceschi Critica-mente generica si egrave consolidata nel tempo includendovi nomi di autori lombardi per nascita o adozione di generazione piugrave recente per identificare una poesia di attenzione alle cose e portatrice di una vocazione morale Cf RABONI 1987 pp 215-216

Alcesti nel Novecento letterario italiano

19

mente ospitata nel volume Poeti italiani del Novecento di Pier Vincenzo Mengaldo convinto sostenitore del suo valore poetico51 laquoPoeta di cittagraveraquo lo ha definito Zan-zotto laquoanzi di una cittagrave Milano profondamente amata anche se ritratta nei suoi momenti di squallore fin entro la cronaca neraraquo Ma anche laquonaturaliter poeta civi-leraquo portatore di unrsquo laquoetica della responsabilitagrave e del civismoraquo52 lombardo appunto ndash diremmo ndash per quel tanto di istanza etica in poesia che il termine puograve implicare sulla scia di Parini Manzoni Rebora Per Raboni la poesia egrave laquovalore che non si esaurisce in se stesso che non esclude lrsquoimportanza dellrsquoaltro della realtagrave di tutto ciograve che la realtagrave contiene e proponeraquo53 laquoI temi dellrsquoingiustizia della persecuzione del processo iniquo dellrsquoinnocenza ingiustamente perseguitata e punita lrsquoimmagine esplicita o implicita della cittagrave come teatro della peste come conteni-tore di ogni possibile contagio fisico e moraleraquo54 sono i temi di confessata ascen-denza manzoniana che attraversano lrsquointera sua poesia dai Gesta Romanorum rac-colta drsquoesordio55 fino agli Ultimi versi pubblicati postumi passando per le molte raccolte date alla luce56 laquoRimpiazzare il fantasma della poesia con la poesia in carne ossaraquo57 invece il suo programma poetico alla ricerca di laquoqualcosa di possi-bile cioegrave una poesia impura e al limite impoetica infinitamente inclusiva capace di compromettersi con la realtagraveraquo58 Una poesia in progressivo abbandono dellrsquoin-fluenza dei contemporanei ldquocanonicirdquo e attratta dai Sereni Betocchi Luzi ndash ama-ti fin dagli ultimi mesi di guerra quando sfollato da Milano per i bombardamenti del rsquo42 ne trovava le raccolte iniziali in una libreria di Varese ndash e provocata dagli esempi stranieri di un Eliot e di un Pound

Le esigenze odierne ci impediscono di aggiungere molto altro allrsquoesile abboz-zo sin qui condotto Come ci impediscono di gettare lo sguardo su una biografia 51 Cf MENGALDO 1978 Mengaldo introducendo MAGRO 2008 scrive laquoPer me non crsquoegrave dubbio che Giovanni Raboni assieme al grande dialettale Raffaello Baldini egrave stato il poeta di piugrave alto rango in Italia nei decenni piugrave recentiraquo (p 7) Lrsquointroduzione egrave apparsa sul ldquoCorriere della serardquo lrsquo8 Luglio 2008 Su Raboni critico si veda anche MENGALDO 1998 52 A ZANZOTTO Per Giovanni Raboni in RABONI 2006 pp XI ss p XI 53 Cosigrave RABONI 1992 Ora in RABONI 2006 p XCIII Sui termini di accettazione da parte di R dellrsquoappartenenza alla linea lombarda cf ibidem pp CXXXIII-CXXXIV 54 Cosigrave lrsquoautore in Raboni Manzoni Roma Il Ventaglio 1985 pp 19-20 Ora in RABONI 2006 p 1422

55 Raccolta di versi con cui R partecipograve nel 1953 al premio di poesia ldquoIncontri della Gioventugraverdquo ri-sultandone vincitore La raccolta non fu mai pubblicata e alcuni dei testi che la componevano ap-parvero su rivista in appendice a Le case della Vetra nella plaquette fuori commercio dal titolo omo-nimo apparsa nel 1967 La si veda ora in RABONI 2006 56 Nellrsquoordine Il catalogo egrave questo (1961) Lrsquoinsalubritagrave dellrsquoaria (1963) Le case della Vetra (1966) Econo-mia della paura (1970) Cadenza drsquoinganno (1975) Il piugrave freddo anno di grazia (1978) Nel grave sogno (1982) Canzonette mortali (1986) A tanto caro sangue (1988) Versi guerrieri e amorosi (1990) Ogni terzo pensiero (1993) Nel libro della mente (1997) Quare tristis (1998) Barlumi di storia (2002) Si aggiungano alle raccolte citate i due volumi di Tutte le poesie editi da Garzanti nel 1997 e nel 2000

57 Parole di Raboni riportate da CORTELLESSA 2005 p 385

58 Cosigrave Raboni nellrsquointroduzione a Poesia degli anni Sessanta in RABONI 2006 p 209

Roberto Vianello

20

che meglio aiuterebbe la conoscenza dellrsquoartista Ci imbatteremmo in una galleria di figure e istituzioni tra le piugrave note in ambito culturale con le quali il Nostro av-viograve frequentazioni e collaborazioni I nomi di alcune allineati di seguito determi-neranno forse tra i presenti una suggestione sostitutiva di quanto non abbiamo il tempo di dire59 Ascoltiamoli il filosofo Enzo Paci i poeti Carlo Betocchi e Bar-tolo Cattafi il ldquosuordquo Vittorio Sereni e poi Franco Fortini ElioVittorini Dino Buzzati Sergio Solmi Oreste Del Buono E ancora Patrizia Valduga lrsquoultima compagna e Renato Guttuso Vanni Scheiwiller e Livio Garzanti ldquoaut autrdquo ldquoQuaderni piacentinirdquo ldquoQuesto e altrordquo ldquoil verrirdquo ldquoLa cittagraverdquo ldquoParagonerdquo ldquoNuo-vi argomentirdquo i nomi delle riviste con cui collaborograve Garzanti Mondadori Guan-da le editrici maggiori con cui ebbe rapporti o lavorograve Chiudendo ricorderemo tra le moltissime le sue traduzioni delle Fleur di Baudelaire e dellrsquointera Recherche di Proust ma anche ndash particolarmente significativa per noi ndash quella dellrsquoAntigone di Sofocle che appare sotto ogni rispetto snodo di capitale importanza tra lrsquoopera raboniana ldquodi semprerdquo e lrsquoAlcesti oggetto delle nostre cure60 Questa traduzione in versi ci restituisce un Raboni che restando allrsquointerno dei temi civili a lui piugrave con-geniali si misura contemporaneamente ndash ed euforicamente ndash con le possibilitagrave di laquotradurre il sentimentoraquo in un linguaggio moderno ma anche con la capacitagrave di un classico di farsi veicolo esemplare di temi universali61 Operazioni con le quali lo vedremo alle prese nella realizzazione dellrsquoAlcesti della quale egrave finalmente tempo di parlare

Alcesti o La recita dellrsquoesilio vede la luce negli Elefanti Garzanti nel settembre 2002 Il dramma egrave stato richiesto e pensato per il Teatro Olimpico di Vicenza ma egrave destinato a non esservi rappresentato e Raboni che ne ha scritto le ultime scene a Yale nellrsquoaprile dellrsquoanno precedente in occasione del suo primo viaggio negli Sati Uniti dovragrave aspettare altri due anni prima di vederlo in scena La prima avragrave luogo il 7 gennaio 2004 presso il Teatro ldquoSanta Chiarardquo di Brescia ad opera del Centro Teatrale Bresciano per la regia di Cesare Lievi e lrsquointerpretazione di Ester Galazzi Roberto Trifirograve Gianfranco Varetto Francesco Vitale In concomitanza

59 Cf la Cronologia citata alla nota 49 e consultabile sul sito ufficiale 60 La traduzione per la Compagnia del Teatro Carcano diretta da Giulio Bosetti andograve in scena prima dallrsquo8 al 18 giugno 2000 al Teatro Greco di Siracusa poi il 27 settembre dello stesso anno al Teatro Olimpico di Vicenza Di recente Bosetti lrsquoha riportata in scena con un nuovo allestimen-to di cui ha curato personalmente la regia Una scheda del nuovo spettacolo e unrsquointervista allrsquoattore-regista allrsquoindirizzo Internet httpwwwteatroteatroit 61 Si veda a questo proposito RABONI 2000 p 14 ora in RABONI 2006 pp1742 s dove si leggono le seguenti significative parole laquoAntigone con il suo bisogno di dare sepoltura al corpo del fra-tello Polinice morto in battaglia crede di obbedire agli dei Creonte con la sua volontagrave di impe-dirglielo percheacute Polinice egrave morto combattendo contro la sua stessa patria ed egrave dunque di fronte agli uomini un traditore egrave convinto di obbedire alle esigenze della convivenza civile dellrsquoordine del buongoverno Chi ha ragione fra i due Il dibattito egrave aperto da 2500 anni e riguarda davvero [hellip] tutto e tutti in qualsiasi tempo e in qualsiasi luogo la storia di ogni comunitagrave retta da un patto sociale con il suo conflitto forse insanabile fra le ragioni del ldquoprogressordquo e le ragioni della giusti-zia e la vita di ciascuno di noi con il suo conflitto certamente insanabile fra le ragioni della mente e le ragioni del cuoreraquo

Alcesti nel Novecento letterario italiano

21

con lrsquoiniziativa teatrale si tiene in Brescia un ciclo di Seminari promosso dalla se-zione locale dellrsquoUniversitagrave Cattolica del Sacro Cuore dal titolo ldquoSacrifici al fem-minile Alcesti in scena da Euripide a Rabonirdquo e propedeutico per cosigrave dire alla rappresentazione giagrave programmata62 Al ciclo di seminari Raboni interviene il 12 dicembre 2003 parlando di ldquoAlcestirdquo e i disastri del Novecento63 e fornendo egli stesso ndash diremmo ndash le ragioni della nostra scelta odierna di parlarne64

Che Alcesti possa sollecitare la creativitagrave di chi richiesto di pensare a un testo drsquoargomento classico sembra non volere prescindere da un giudizio sulla storia piugrave recente ci pare particolarmente interessante e ci induce a appaiare in certo modo la riflessione di fine secolo che la ritrova protagonista alla riflessione savi-niana sopra indagata di metagrave Novecento Percheacute delle laquolacerazioniraquo della storia piugrave recente ci parla appunto la breve vicenda dei laquotre personaggi in fuga sullo sfondo di una persecuzione storicaraquo che Raboni si impegna a non farci individua-re ma appartiene tutta al laquosecolo terribile che ci siamo appena lasciati alle spalleraquo Ancora piugrave interessante ndash piugrave da fine millennio diremmo ndash il fatto che le lacera-zioni siano accompagnate dalle laquointermittenze del cuoreraquo che alberghino e pro-ducano esse stesse nuove umane lacerazioni nei tre personaggi che sperando di fuggire dalla follia in cui sta accadendo loro di vivere trovano ricovero provviso-rio di notte in un teatro Il frastuono delle sirene di un inseguimento notturno accompagna lrsquoingresso in scena di due uomini e una donna come potrete ascolta-re in questa prima sequenza video65

La donna in questione egrave Sara attrice costretta dallrsquooppressione del regime a

non calcare piugrave le scene Lrsquoaccompagnano Stefano il marito e il suocero Simone cui la donna egrave legata da affetto profondo per lrsquoaffinitagrave intellettuale e di sensibilitagrave che manca invece al suo rapporto con Stefano uomo ldquodrsquoazionerdquo assai diverso dal

62 Coordinati dalle docenti Maria Pia Pattoni e Roberta Carpani i seminari hanno visto la parteci-pazione di eminenti studiosi i cui interventi sono raccolti in PATTONI-CARPANI 2004 La profssa Pattoni ci ha cortesemente messo in contatto con lrsquoAddetto Stampa del CTB Bianca Simoni che ha messo a nostra disposizione il video del dramma di cui sono state proiettate alcune sequenze nel corso della conferenza 63 Per la trascrizione v RABONI 2004 e ora RABONI 2006 pp 1776 ss Da essa vengono le espres-sioni virgolettate al capoverso successivo 64 Ivi comprese le ragioni della scelta del verso certo il mezzo espressivo artistico piugrave congeniale al poeta Raboni ma anche quello da lui ritenuto piugrave necessario al teatro contemporaneo laquopercheacute la presenza del verso del ritmo della scansione metrica dagrave veramente la possibilitagrave di usare il lin-guaggio di tutti i giorni senza mimetismo cioegrave con quel distacco con quella rifrazione con quella torsione senza la quale non si fa teatro e non si fa arteraquo (RABONI 2004 p 441 Ora in RABONI 2006 p 1777 65 La sequenza cui si fa riferimento corrisponde ai primi diciotto versi del dramma Una seconda sequenza video della durata di tredici minuti egrave stata proposta durante la conferenza al termine della presentazione del dramma Pur mantenendo la veste discorsiva di allora abbiamo qui intrec-ciato allrsquoargomentazione i versi di Raboni che il pubblico ha ascoltato solo al suo termine

Roberto Vianello

22

padre Usciti dalla nebbia di fuori per entrare nel temporaneo rifugio possono sperare di sentirsi tranquilli per un porsquo attendendo di venire raccolti e clandesti-namente portati verso la libertagrave Eppure Stefano il marito manifesta un disagio che appare qualcosa di piugrave di una comprensibile connaturata diffidenza quando si chiede fin dalla sua prima battuta se siano finiti in un rifugio o in una trappola laquoSiamo in un teatroraquo66 proclama Sara rassicurante Questa disarmante confidenza nelle possibilitagrave salvifiche di quel luogo la connota fin dalle prime parole come personaggio idealista al limite di una ingenuitagrave irragionevole e non condivisibile che i compagni le rinfacceranno lungo tutta la durata della piegravece Egrave certo parados-sale la situazione di questi personaggi chiamati ad affidare la fuga dai disastri della realtagrave proprio al luogo per eccellenza deputato alla finzione Quel che si direbbe perograve fortuito accadimento sembra poco a poco rafforzarsi fino a farsi certezza in lei attrice che girovagando qua e lagrave scopre drsquoaver giagrave recitato su quel palco-scenico tanto tempo prima nel ruolo di ancella in un antico dramma greco che non ricorda piugrave Alcesti I sospetti di Stefano drsquoaltra parte sono ben giustificati La realtagrave sta per irrompere brutalmente tra le speranze E mentre Sara vagabonda ignara per il teatro alla ricerca delle proprie memorie ndash alla ricerca di seacute ndash Stefa-no informa il vecchio Simone che qualcosa egrave andato storto Gli accordi sono sal-tati o non sono stati compresi Il custode notturno che li ha condotti ligrave ndash figura sinistra temibile nella sua reticente ambiguitagrave nei sottintesi dei suoi silenzi ndash gli ha fatto sapere che ci sono solo due posti per loro soltanto due potranno sottrar-si al laquorischio mortale che incombe sulle loro testeraquo (p 1262) Quel teatro rischia di essere davvero una trappola Si profila per loro una scelta laquofra vivere e morireraquo (p 1265) Si tratta di individuare chi di tre che si amano destinare al sacrificio ulti-ma inattesa vittima del potere violento che si sono illusi di fuggire Poicheacute Stefano non puograve pensare che la scelta ricada su Sara la partita andragrave giocata tra padre e figlio Ed ecco riemergere vecchie incomprensioni conflitti e tensioni moderna-mente riconoscibili sinistri sospetti Ecco riattuarsi uno scontro non nuovo ai lettori di Euripide tra un figlio a rischio di morte e un padre che tiene laquoforsenna-tamente a quel porsquo drsquoalbe e tramontiraquo (p 1291) che gli restano Ecco marcarsi tra i tre incomunicabilitagrave e gelosie acuite se possibile dalla straniante condotta di Sa-ra che nella lotta inesorabile per la sopravvivenza giagrave avviatasi tra i due conduce invece con le memorie la ricostruzione di seacute della sua identitagrave di attrice cercando nel vecchio una complicitagrave che egrave chiaro non attende dallo sposo Proprio per questa via anche Sara entra senza avvedersene nel vero dramma a cui la situazio-ne la contesa daranno lenta progressiva consistenza la recita delle loro vite quali sono realmente proprio in un luogo di suprema finzione qual egrave il teatro la messa in scena di quel che sono davvero nellrsquoimminenza dellrsquoesilio nascosti in quel tea-tro A questo laquogioco della veritagraveraquo Sara partecipa confessando con naturalezza drsquoamarli entrambi laquoMa comrsquoegrave possibile amore mio che tu scopra proprio qui proprio ora qualcosa che egrave vero da sempre che egrave il senso stesso della nostra

66 RABONI 2006 p 1258 A questa edizione faranno riferimento le successive indicazioni di pagi-na tra parentesi

Alcesti nel Novecento letterario italiano

23

vita e cioegrave che io vi amo uno nellrsquoaltro uno a causa dellrsquoaltro qualche volta uno per rimpianto dellrsquoaltro indissolubilmente inestricabilmentehellipraquo(p 1277)

Sara partecipa completamente al vero dramma con tutta se stessa con quan-to della sua storia della sua arte lrsquoha fatta quel che egrave Con quanto ha appreso dalla recita di Alcesti dal sacrificio della laquosua reginaraquo (p 1280) che ha accettato di mori-re per lo sposo dalle battute stesse pronunciate ventrsquoanni prima tra cui vuol ri-cordarne una laquoSoltanto quando lrsquoavragrave perduta sapragrave veramente cosrsquoha perdu-tohellipraquo (p 1279) Una anticipazione ndash una profezia ndash di quanto accadragrave tra breve o forse meglio una esplicitazione del suo modo di intendere del suo modo di es-sere Di ligrave a poco finalmente informata da Simone dellrsquoimminente si opporragrave fie-ramente alla possibilitagrave che si debba scegliere tra loro Mentre infurieragrave a colpi di sospetti e di sarcasmi la lotta tra Simone e Stefano incapaci di morire per gli altri negheragrave solennemente di voler accettare che si finisca laquo uno dei tre a incarnare con amarezza forse con rancore la parte della vittima gli altri due a convivere con lrsquoorrore drsquoaverglielo permesso o suggerito o addirittura impostohellipraquo (p 1292)

Egrave vero bisogna decidere O forse chissagrave non decidere non decidere niente decidere di non deciderehellip Ascoltatemi vi prego Egrave da giorni che io ascolto voi che cerco di abitare nei vostri cuori che mi sforzo di pensare i pensieri di ciascuno di voi nellrsquoorrenda disputa che vi opponehellip(p 1294)

In realtagrave stanno ligrave da appena due ore

[hellip] eppure se ci penso continua a sembrarmi unrsquoeternitagrave unrsquoeternitagrave di stupore di sgomento di pena ad ascoltarvi che vi torturate a vicenda lrsquouno con lrsquoaiuto dellrsquoaltro sempre piugrave a fondo sempre piugrave mortalmente nel vivo a colpi drsquoorgoglio e drsquoironia [hellip] Niente e nessuno lo sapete mi egrave piugrave caro di voi e questo egrave vero sin dal giorno in cui mrsquoavete presa uno per moglie lrsquoaltro per figlia ndash e forse egrave piugrave vero piugrave vero ancora da quando un odio indecifrabile trasformatosi in legge dello Stato

Roberto Vianello

24

mrsquoimpedisce di fare la sola cosa che amo quasi quanto amo voi due recitare [hellip] [hellip] egrave venuto il momento di dirvela tutta drsquoun fiato senza giri di frase senza neanche tentare di convincervi la certezza che mi pesa sul cuore e insieme lo fa piugrave leggero se partire tutti egrave impossibile (e so bene so bene che egrave impossibile) non crsquoegrave che una cosa da fare restare tutti qui (pp 1295 ss)

La salvezza dal teatro Speranza vana Sara sa che in un teatro ci sono passag-

gi impensabili spazi ignorati o creduti impraticabili porte nascostehellip Non le pare irrealistico sperare di celarsi di giorno in quellrsquoambiente labirintico e restarvi tutti insieme uscendo solo la notte a turno e con cautela per procurarsi di che so-pravvivere67 Sente soprattutto di doverlo volere per opporsi a una necessitagrave che ri-fiuta con tutta se stessa proprio per restare se stessa Rimanere lagrave significa rifiu-tarsi di cedere al male respingere il gioco di chi vuol togliere loro lrsquoanima Come sarebbe possibile definire salvezza il rinunciare ad essere quelli che sono laquoampu-tarsi degli affetti piugrave cari tradire tutte le parole dateraquo (p 1294)

Il realismo di Stefano e Simone non sa accettare questo punto di vista Perfi-no lrsquoaccondiscendente suocero finisce per accusare la donna drsquoavere letto da gio-vane troppi romanzi drsquoappendice di non comprendere insomma che la sua egrave posizione illusoria idealistica mentre invece crsquoegrave di mezzo la vita Per i due uomini decidere si deve deve venire individuata la vittima Simone allora escogita un modo per evitare di scegliere tra le ragioni dellrsquouno e dellrsquoaltro tra la prospettiva di vita piugrave lunga del giovane e lrsquoattaccamento del vecchio al tempo che gli resta da vivere Lrsquouso laquoun porsquo ludico e un porsquo statisticoraquo (p 1301) di una vecchia pistola carica sorteggeragrave in una specie di roulette russa il sacrificando La canna non verragrave puntata alla tempia si spareragrave a qualche oggetto Il risultato saragrave garantito in modo incruento ndash ma saragrave garantito ndash da un arnese appartenente alla storia della famiglia intascato chissagrave quanto consapevolmente quale ultima difesa contro lrsquoimprevisto e divenuto allrsquoattuarsi dellrsquoimprevisto autolesionistico mezzo di riso-luzione di un dilemma insolubile arma puntata contro lrsquounitagrave affettiva della fami-glia strumento con cui la sorte decideragrave incolpevolmente il prescelto a laquolasciareraquo con la donna laquolrsquoinferno per il limboraquo (p 1305)

67 La situazione puograve ricordare in certo modo quella realmente vissuta dalla famiglia Frank prima della deportazione a Berger Belsen e soprattutto quella che ispirograve a Truffaut il famoso Lrsquoultimo metrograve (1980) in cui in una Parigi occupata dai nazisti un direttore teatrale ebreo riesce a sottrarsi al peggio nascondendosi nei sotterranei del suo teatro

Alcesti nel Novecento letterario italiano

25

Sara comprende oramai come un muro si opponga tra le sue parole e il cuore dei due E se ne va per non fare piugrave ritorno senza che essi intuiscano la sua vera determinazione laquoNo non piugrave non queste cose Scusami Scusatemiraquo (p 1303) sono le sue ultime parole

Dopo un ultimo contrasto col padre Stefano va infine alla ricerca di un og-getto da trasformare in bersaglio per esercitarvi il gioco della sorte illudendosi nel contempo di poter trovare la donna Ma il Custode apparso drsquoimprovviso gli rivela come sia vana ogni ricerca di lei dato che lrsquoha appena vista uscire o meglio laquoentrare in quella gran nebbia che crsquoegrave lagrave fuori e che lei stessa [hellip] ha parago-nato allrsquoAderaquo (p 1307) Egrave il momento in cui tale personaggio rivela il massimo della sua ambiguitagrave ndash meglio sarebbe dire della sua impenetrabilitagrave ndash con lrsquoapparire aguzzino cinico incapace di pietagrave e col suo contemporaneo proclamar-si mero esecutore di ordini che laquonon sono mai [hellip] degli ordini inumaniraquo (p 1306) Lo spedizioniere ndash come lo hanno definito i nostri personaggi scopertisi fardelli in attesa di spedizione in preda al potere incoercibile delle circostanze ndash lrsquouomo che appare e scompare laquocome la figura della morte in certi campanili goticiraquo (p 1284) pare sapere molto piugrave di quel che svela Egrave tornato a comandare lrsquoabbandono del teatro ma le sue allusioni reticenti le mezze veritagrave suggerite ne svelano il vero ruolo Egli non egrave appena lrsquointermediario per lrsquoattuazione del pia-no concordato Vero deus ex machina egrave piuttosto lrsquoagente chiamato a fare lucida-mente precipitare lrsquoazione scenica verso la sua conclusione la conoscenza vera di un seacute decisamente impresentabile che situazioni disperate stati di necessitagrave acca-de sappiano lasciare emergere Ai due antieroi che protestano di non poter parti-re senza Sara che mentendo a se stessi pretendono di dover far qualcosa per lei nella concitazione dellrsquoobbligata partenza glacialmente il Custode risponde

Fare cosa Non crsquoegrave proprio niente da fare ci sarebbe semmai qualcosa da capire Ma piugrave tardi adesso non ne avete il tempo ricordatevi che dovete partire (p 1308)

Stefano adesso ndash cominciando a comprendere ndash vorrebbe restar ligrave per provare a cercarla Vano tentativo di acquietare la coscienza Egli in realtagrave si lascia presto vilmente travolgere come il padre dalla necessitagrave della congiuntura e dalla cruda imbarazzante veritagrave che finalmente emerge dalle agghiaccianti battute del dramma che srsquoavvia alla conclusione

STEFANO Ma qui possiamo cercarla CUSTODE E in che modo andandovi a ficcare tra le grinfie di chi vi dagrave la caccia Credete a me non avete altra scelta

Roberto Vianello

26

salite su quel camion Oltretutto se ci pensate egrave quello che tutti e due volevate con ogni vostra forza dalla piugrave palese alla piugrave segreta e che anche lei evidentemente ha voluto per voi STEFANO Mahellip SIMONE Quellrsquouomo chiunque sia ha ragione Diamogli retta figlio Io sono vecchio tu sei giovane ma entrambi credo siamo adulti e letterati quanto basta per mutare con lrsquoaiuto del tempo in una specie di dolcezza anche la piugrave atroce delle vergogne Su vieni STEFANO Non potrograve mai perdonartelo SIMONE Neacute io a te Ma ciascuno di noi due vedrai troveragrave il modo di perdonarlo almeno un porsquo a se stesso (pp 1309 s)

La personale convenienza prevale alla fine su ogni buona intenzione Lrsquoalibi dellrsquoimpossibilitagrave drsquoalcuncheacute oscura a pena il significato di disattenzioni indispo-nibilitagrave sorditagrave cui lo spettatore ha assistito sino a poco prima La mancata sin-tonia tra i parenti della nostra recita non trova piugrave spiegazione nella mera differen-za del carattere o nella gelosia Altra egrave lrsquoinconfessata veritagrave quella di scelte dettate dallrsquoistinto puro di conservazione al quale ogni legame affettivo egrave risultato sacri-ficato forse dettate persino da una inconscia volontagrave di liquidare conti da troppo sospesi

Il custode prima di lasciarli comunica che una laquocompagna di viaggioraquo partiragrave insieme a loro Nessuno sa chi sia laquoDicono che sia una reginaraquo ma non si sa di che paese laquoe nemmeno se la parola sia da intendere in senso proprio oppure figuratoraquo (p 1312) Con lei e di lei nessuno dovragrave nemmeno parlare gli ordini mi-steriosi sono tassativi pena il rischio dellrsquoincolumitagrave I due dovranno limitarsi a seguirla a qualche passo di distanza senza azzardare nemmeno con se stessi con-getture sul suo conto che potrebbero risultare addirittura laquoinsopportabiliraquo (ivi) Una donna velata compare sul fondo della scena Egrave Sara riconoscibile al pubbli-co ma laquomisteriosamente mutataraquo (p 1311) Forse la sua presenza porteragrave a com-pimento la recita delle laquolacerazioni della storiaraquo e delle laquointermittenze del cuoreraquo

Alcesti nel Novecento letterario italiano

27

cui lrsquoAutore voleva dar vita e indurragrave i nostri antieroi a capire Forse Egrave dunque per salvar lei che uno di loro tre ha dovuto sacrificarsi ndash chiede Stefano laquoStrana domandaraquo commenta il Custode laquoImproponibileraquo e laquoridicolaraquo

ndash quasi come voler cercare qualcuno nella nebbia se la nebbia egrave cosigrave maledettamente simile agli opachi labirinti dellrsquoAde Ma che senso ha che io cerchi di convincerti di quello di cui solo tu quando e se mai te ne verragrave il coraggio potrai convincere te stesso (p 1313)

Il Custode denuncia in quella domanda lrsquoultimo tentativo di addossare ad altri

una responsabilitagrave propria Alibi velleitario quanto lrsquoirrealistica voglia presto ac-quietata di cercare Sara nella nebbia Solo il coraggio di guardarsi dentro davvero permetteragrave di trovare la veritagrave La veritagrave di viltagrave ed eroismo che ha preso vita nel luogo della finzione il Teatro dove srsquoegrave combattuta la lotta tra lrsquoindole belluina ridestata in due personaggi dalle urgenze delle disgrazie e le esigenze ndash del cuore e della ragione insieme ndash della loro donna Durante lrsquoaccadimento che egrave la recita cui abbiamo assistito i nostri eroi hanno mostrato e forse capito ndash o cominciato a capire ndash di piugrave se stessi mentre lrsquoancella drsquoun tempo srsquoegrave potuta trasformare in re-gina Egrave stato per il suo gesto Egrave stato come altri propone per la sua volontagrave di restare ligrave nel Teatro preferendo laquola veritagrave dellrsquoapparire alla menzogna della real-tagraveraquo68 LrsquoAlcesti di Raboni non racconta di un ritorno dallrsquoaldilagrave Racconta piutto-sto di una fuga dallrsquoinferno nelle coscienze o ndash se si vuole e solo per i due uomi-ni ndash di un ingresso in un loro purgatorio al seguito di una donna laquoimmagine del loro amore e della loro vergognaraquo69

Un fraintendimento novecentesco Il tempo oramai esaurito ci costringe a concludere Resterebbe da porre una

domanda che a nostro giudizio merita di non essere elusa soprattutto alla luce di recenti sviluppi dellrsquoindagine critica Il Novecento ha davvero inteso correttamen-te il rapporto tra lrsquoAlcesti e lrsquoAdmeto consegnati da Euripide agli Ateniesi del 438 aC e al pubblico di ogni epoca Savinio ci ha consegnato un Paul-Admeto inno-cente quanto alla decisione della sposa ma non del tutto riabilitato quanto alle ra-gioni che quel gesto hanno determinato almeno per la parte che puograve avervi avuto

68 LIEVI 2004 p 447 69 RABONI 2004 p 445 Ora in RABONI 2006 p 1782

Roberto Vianello

28

il suo modo di essere sposo (v p 12) Raboni ci presenta uno Stefano-Admeto che accetta ingloriosamente il destino a lui favorevole Il giudizio degli autori no-vecenteschi si abbatte impietoso sullrsquoindividuo maschile della coppia Raboni pa-ragonograve il desiderio finale di cercare Sara alla laquoretoricaraquo disperazione di Admeto in Euripide per una morte che lui aveva laquorichiesto o comunque accettatoraquo70 Kott per citare solo unrsquoaltra voce sulla questione quando riflette sul rapporto tra i co-niugi in Euripide squalifica lo sposo affermando laquoAlcesti egrave unrsquoeroina di tragedia ma ha un marito che viene dalla commediaraquo71

Ci chiediamo e se il Novecento avesse frainteso Se Admeto non avesse avu-to davvero possibilitagrave di scegliere Bisognerebbe certo postulare un secolare fraintendimento Andrebbero indagate inoltre le ragioni dellrsquoamplificazione di quelle che da sempre sono apparse ambiguitagrave e contraddizioni del testo euripi-deo Admeto implora la sposa di non lasciarlo e la rimprovera quasi di abbando-nare oltre a lui i figli proprio mentre la morte la ghermisce Egrave davvero vuota-mente retorica la sua disperazione O un fuorviante pregiudizio moderno ci pre-clude la veritagrave indotti come siamo a biasimarne lrsquointollerabile ingratitudine per un gesto ancor piugrave grande ai nostri occhi in una condizione di subalternitagrave social-mente pretesa Non sarebbe incomprensibile il manifestarsi di tale fastidio nel progressivo maturare di una coscienza di genere tra Ottocento e Novecento e nella ormai conquistata emancipazione femminile Osiamo suggerire tali conside-razioni sulla scia di un interessante intervento critico apparso di recente sulla rivi-sta ldquoMateriali e discussioni per lrsquoanalisi dei testi classicirdquo cui non crsquoegrave tempo di de-dicare oggi lo spazio necessario ma che potragrave essere letto con profitto sul sito del nostro Liceo72

Carlo Brillante vi sostiene lrsquoimplausibilitagrave che Euripide abbia pensato di porta-re in scena un personaggio doppio e contraddittorio quale appare lrsquoAdmeto che riteniamo di conoscere Egli suggerisce invece la sciagurata eventualitagrave che Adme-to non abbia potuto opporsi al sacrificio della sposa richiamando in certo modo i tentativi di moralizzare il personaggio attuati prima dellrsquoOttocento Il critico tut-tavia non egrave vincolato alle necessitagrave etico-artistiche che animarono in passato un Aureli o un Alfieri73 Quel che conduce la sua indagine invece egrave lrsquoesigenza erme-neutica di comprendere quanto resta misconosciuto della vicenda degli sposi mi-tici e della tragedia greca cui forse erroneamente si attribuisce la scelta di insce-nare una ipocrisia poco onorevole e poco edificante Percheacute nulla ci dice il testo euripideo del ruolo di Admeto negli avvenimenti che hanno preceduto lrsquoazione scenica Sappiamo solo che Apollo ingannando le Moire ha ottenuto il dono piugrave prezioso per lrsquoamico descritto per lrsquointero dramma come uomo pio verso la divi-

70 RABONI 2004 p 444 Ora in RABONI 2006 p 1782 71 KOTT 2005 p 104 72 Cf BRILLANTE 2005 La riproduzione del saggio sul sito del Liceo egrave stata autorizzata dalla Re-dazione scientifica della rivista e dalla sua Casa editrice La si legga allrsquoindirizzo Internet wwwgiuseppeveroneseit (Materiali didattici Italiano Vianello Roberto) 73 Cf p 5

Alcesti nel Novecento letterario italiano

29

nitagrave e campione di ospitalitagrave e φιλία Quale rapporto sia intercorso tra il dono i-natteso del dio e la decisione sacrificale di Alcesti non si dice in Euripide neacute ci egrave dato di ipotizzarne aspetti disonorevoli per Admeto di cui sappiamo solo che οὐχ ηὗρε πλὴν γυναικὸς ὃστις ἤθελε θανὼν πρὸ κείνου microηκέτ΄εἰσορᾶν φάος ldquonon trovograve tranne la moglie chi volesse morendo per lui non piugrave vedere la lucerdquo (17-18) Osserva Brillante che il verbo εὑρίσκω laquopuograve designare un ritrovamento casuale senza riferimento a unrsquointenzionalitagrave del soggettoraquo 74 Un valore che e-scluderebbe una richiesta egoistica alla sposa e renderebbe lrsquoofferta di seacute della donna inattesa almeno quanto il dono stesso Il valore del verbo nel contesto egrave certo controverso75 ma di una richiesta esplicita ad Alcesti nel dramma non si fa mai menzione e forse solo un pregiudizio naturale quanto si vuole puograve farla po-stulare Il critico perciograve ipotizza che la possibilitagrave di una morte sostitutiva strap-pata da Apollo alle Moire si configuri come un vero e proprio patto a cui en-trambi i contraenti restano vincolati e che accettato da Admeto egrave divenuto vin-colante anche per lui Admeto non avrebbe dovuto in realtagrave accettare o meno il sacrificio di Alcesti quanto piuttosto scegliere se accettare o meno la vantaggiosa offerta del dio senza poter prevedere lrsquoinattesa offerta di seacute dellrsquoormai insostitui-bile sposa Piugrave generosa di amici e genitori Alcesti avrebbe involontariamente trasformato la piugrave impensabile delle opportunitagrave in un dono avvelenato I doni degli immortali sono spesso inevitabili per gli uomini E il re di Fere non aveva certo motivo di rifiutare il tributo di una divinitagrave amica alla piugrave onorevole delle sue virtugrave Sono solo lrsquoinatteso rifiuto dei genitori e lrsquoimprevista offerta di Alcesti a rendere non piugrave vantaggiosa lrsquoofferta di Apollo quando Thanatos rifiuta di nego-ziare con Apollo una dilazione della morte di Alcesti oramai non crsquoegrave piugrave nulla da fare I rapporti tra uomini e immortali ndash osserviamo noi ndash sono normalmente diffi-cili E spesso ndash continua Brillante ndash i doni degli immortali non corrispondono alle attese di chi li ha sollecitati Altri eroi dopo aver stipulato un patto vantaggioso con la divinitagrave laquosubiscono un male maggiore di quello che speravano di evitareraquo76 Egrave il caso di Idomeneo il re di Creta costretto a uccidere il figlio per aver promes-so a Poseidone di sacrificargli ciograve che avesse incontrato sulla terraferma se fosse scampato al naufragio Stessa sorte subirono la sposa e i figli di Meandro che sti-pulograve un patto analogo con la madre degli dei Cosigrave come accadde alla figlia di Ief-te giudice dellrsquoAntico Testamento che si distinse combattendo contro gli Am-moniti e in cambio della vittoria su di essi promise in olocausto a IHWH ndash scon-sideratamente ndash la persona che per prima fosse uscita dalle porte di casa sua per andargli incontro (Gdc 11 30-39) In tutti questi casi eventi inattesi trasformano nella rovina dellrsquoeroe un patto incautamente ritenuto conveniente Qualcosa di simile andrebbe postulato anche per Admeto che tutto avrebbe potuto prevede-re tranne la dedizione della sposa fino al dono totale di seacute

74 BRILLANTE 2005 p 17 75 Cf ivi n 18 76 Brillante 2005 p 22

Roberto Vianello

30

Dobbiamo veramente terminare Non abbiamo titolo per pronunciarci con competenza sullrsquoipotesi sin qui descritta Se essa dovesse dimostrarsi esatta biso-gnerebbe ripensare lrsquoAlcesti di Euripide e restituire al suo sposo un onore troppo a lungo negato77 Le presunte ombre e ambiguitagrave che lo riguardano risulterebbero illuminate da una luce di sincero affetto per la sposa di vera disperazione per la sua perdita Giusta si rivelerebbe come pretendeva Platone la ricompensa delle virtugrave di entrambi col ritorno in vita di lei Nuova luce prenderebbero poi le letture artistiche del secolo da poco conclusosi che abbiamo fin qui descritto E do-vremmo forse attribuire a evoluzione del costume ai drammi della psiche a traumi della sua storia la valutazione antieroica del rapporto immaginato tra gli sposi in quelle recenti storie Lasciamo alla vostra riflessione le molte osservazioni sin qui proposte Qualsiasi sia la veritagrave su Alcesti e Admeto siete tutti invitati al teatro ldquoDon Boscordquo ad assistere alla rappresentazione che gli studenti del Classi-co ne daranno il prossimo 29 Aprile Grazie

ROBERTO VIANELLO

77 Almeno per quel che concerne il suo rapporto con la sposa Rimarrebbe invero da valutare la sua pretesa di essere sostituito da amici e genitori Per i secondi si potrebbe forse invocare il con-cetto di giustizia generazionale per il quale la piugrave lunga aspettativa di vita del giovane il lungo godi-mento di ricchezze e felicitagrave da parte dei piugrave anziani renderebbero ndash in modo che lascia perplessa la coscienza moderna ndash onorevole la loro dipartita meno disonorevole la richiesta loro diretta Per i primi si dovrebbero forse invocare concetti quali la regalitagrave dellrsquointerlocutore la ragion di Stato la manifestazione concreta di una φιλία attesa dalla sodalitagrave tra pari non invece dallrsquoaffetto di una donna Per entrambi bisogneragrave poi tener presente lrsquoorigine fiabesca della situazione e del dono stesso

Alcesti nel Novecento letterario italiano

31

Indice bibliografico

BASTA DONZELLI 1987 G BASTA DONZELLI Euripide in Dizionario degli scrittori greci e latini Diretto da F DELLA CORTE Milano Marzorati 1987

BRILLANTE 2005 C BRILLANTE LrsquoAlcesti di Euripide il personaggio di Admeto e la struttura del dramma in ldquoMateriali e discussioni per lrsquoanalisi dei testi classicirdquo 54 (2005) pp 9-46

CARDARELLI 1981 V CARDARELLI Opere Milano Mondadori 1981

CARDARELLI 1985 Il testamento letterario di Giacomo Leopardi Pensieri dello Zibaldone scelti annotati e ordinati da Vincenzo Cardarelli Torino Fogravegola 1985 (ri-stampa del fascicolo trimestrale de ldquoLa Rondardquo del giugno 1921)

CASCETTA 1995 A CASCETTA Lrsquo Alcesti di Samuele di Alberto Savinio una tragedia mo-derna in Studia classica Iohanni Tarditi oblata A cura di L BELLONI G MILANESE A PORRO vol II Milano Vita e Pensiero Pubblicazioni dellrsquoUniversitagrave Cattolica 1995 pp 1405-1446

CORTELLESSA 2005 A CORTELLESSA La poesia in carne e ossa postfazione a RABONI 2005

DE SANCTIS 1995 F DE SANCTIS Schopenhauer e Leopardi A cura di F Gnerre e A L Marongiu Milano Edizioni Oberon 1995 (volumetto per la scuola che riproduce il citatissimo Schopenhauer e Leopardi Dialogo tra A e D in Saggi critici A cura di L Russo II Bari Laterza 1952)

EURIPIDE E ALTRI 2006 EURIPIDE WIELAND RILKE YOURCENAR RABONI Alcesti Variazio-ni sul mito Venezia Marsilio 2006

GUIDI 2006 O GUIDI Alberto Savinio profeta dellrsquoUnitagrave Europea in Irregolari novecente-schi Bontempelli Savinio Landolfi Penna Curto Longo Editore Ravenna 2006 pp 29-46

KOTT 2005 J KOTT Alcesti velata in IDEM Divorare gli dei Unrsquointerpretazione della tragedia greca Milano B Mondadori 2005 pp 100-133

LANGELLA 2004 G LANGELLA Lrsquoottimismo della speranza Sullrsquo ldquoAlcestirdquo incompiuta di Al-varo in PATTONI-CARPANI 2004 pp 369-386

LESKY 1925 A LESKY Alkestis Der Mythus und das Drama Wien und Leipzig 1925 (ldquoSitz Akad Wiss Wienrdquo phil-hits Kl 203 2 Abh)

LIEVI 2004 C LIEVI Lrsquo ldquoAlcestirdquo di Giovanni Raboni Riflessione di un regista in PAT-TONI-CARPANI 2004 pp 446-447

MAGRO 2008 F MAGRO Un luogo della veritagrave umana La poesia di Giovanni Raboni Pa-sian di Prato (UD) Campanotto editore 2008

MENGALDO 1978 P V MENGALDO Poeti italiani del Novecento Milano Mondadori 1978 pp 398-402

MENGALDO 1998 P V MENGALDO Profili di critici del Novecento Torino Bollati Borin-ghieri 1998 pp 107-111

MORACE 1983 C ALVARO Alcesti a cura di A M MORACE in ldquoNuovi Annali della Facoltagrave di Magistero dellrsquoUniversitagrave di Messinardquo 1 (1983) pp 729-758

MORACE 2001 A M MORACE La riscrittura del mito nel teatro alvariano in IDEM Orbite novecentesche Napoli Edizioni Scientifiche Italiane 2001 pp 85-103

Roberto Vianello

32

NOSARTI 1992 ANONIMO LrsquoAlcesti di Barcellona A cura di L NOSARTI Bologna Pagrave-tron 1992

PADUANO 2004 G PADUANO Lrsquounitagrave dellrsquo Alcesti e la doppia ricezione in PATTONI-CARPANI 2004 pp 343-359

PATTONI 2004 M P PATTONI Le metamorfosi di Alcesti Dallrsquoarchetipo alle sue rivisitazioni in PATTONI-CARPANI 2004 pp 279-300

PATTONI 2006 M P PATTONI Introduzione a EURIPIDE E ALTRI 2006 pp 9-48

PATTONI-CARPANI 2004 Sacrifici al femminile Alcesti in scena da Euripide a Raboni in ldquoComunica-zioni socialirdquo anno XXVI NS Sez teatro 3 (Settembre-Dicembre 2004)

PEDULLAgrave 1991 W PEDULLAgrave Alberto Savinio Storia esemplare di uno scrittore di avanguar-dia Milano Bompiani 1991

PIETROMARCHI 1986 voce Savinio Alberto in Dizionario critico della letteratura italiana diretto da V BRANCA Torino UTET 1986 pp 98-100

PISCOPO 1973 U PISCOPO Alberto Savinio Milano Mursia 1973

RABONI 1987 G RABONI Poeti del secondo Novecento in Storia della letteratura italiana Diretta da E CECCHI e N SAPEGNO Il Novecento Milano Garzanti 1987 pp 207-248 Ora in RABONI 2005 pp 190-250

RABONI 1992 Sereni a Milano in Per Vittorio Sereni Convegno di poeti Milano Allrsquoinsegna del pesce drsquooro 1992

RABONI 2000 G RABONI Tradurre il sentimento in Tu hai preferito vivere io morire Con Antigone di Sofocle A cura di M G CIANI E F DONADI I quaderni del Teatro Olimpico 6 Vicenza 2000 pp 14-15 Ora in RABONI 2006 PP 1742-1743

RABONI 2004 G RABONI ldquoAlcestirdquoe i disastri del Novecento in PATTONI-CARPANI 2004 pp 441-445

RABONI 2005 G RABONI La poesia che si fa Cronaca e storia del Novecento poetico italia-no 1959-2004 A cura di A CORTELLESSA Milano Garzanti 2005

RABONI 2006 G RABONI Lrsquoopera poetica Milano Mondadori 2006

RAGNI 2002 E RAGNI Savinio mito e mondo classico in Atti del Convegno ldquoIl classico nel-la Roma contemporanea Mito modelli memoriardquo Roma 18-20 ottobre 2000 A cura di FERNANDA ROSSETTI Istituto Nazionale di Studi Romani 2002 vol I pp 71-105

REALE 1991 PLATONE Tutti gli scritti A cura di G REALE Milano Rusconi 1991

RIGONI 1985 M A RIGONI Saggi sul pensiero Leopardiano Napoli Liguori 1985

SAVINIO 1992 A SAVINIO Dico a te Clio Milano Adelphi 1992

SAVINIO 2007 A SAVINIO Alcesti di Samuele e atti unici A cura di A TINTERRI Mila-no Adelphi Edizioni 20072

SUSANETTI 2001 D SUSANETTI La favola bella della morte in Euripide Alcesti A cura di IDEM Venezia Marsilio 2001

SUSANETTI 2004 D SUSANETTI Alcesti sacrificio e resurrezione Elementi di un mito con sei variazioni in PATTONI-CARPANI 2004 pp 307-327

Alcesti nel Novecento letterario italiano

33

TELOgrave 2004 M TELOgrave lsquoAspettando Ercolersquo Universalismo mitico e primitivismo romantico in ldquoLe mystere drsquoAlcesterdquo di M Yourcenar in PATTONI-CARPANI 2004 pp 387-410

USAI 2005 A USAI Il mito nellrsquoopera letteraria e pittorica di Alberto Savinio Roma E-dizioni Nuova Cultura 2005

VIVARELLI 1996 Alberto Savinio Catalogo generale A cura di P VIVARELLI Milano Elec-ta 1996

WILSON 1968 Twentieth Century Interpretations of Euripidesrsquo Alcestis A collection of Critical Essays Edited by J R WILSON Englewood Cliffs N J Prentice-Hall 1968

ltlt ASCII85EncodePages false AllowTransparency false AutoPositionEPSFiles true AutoRotatePages None Binding Left CalGrayProfile (Dot Gain 20) CalRGBProfile (sRGB IEC61966-21) CalCMYKProfile (US Web Coated 050SWOP051 v2) sRGBProfile (sRGB IEC61966-21) CannotEmbedFontPolicy Error CompatibilityLevel 14 CompressObjects Tags CompressPages true ConvertImagesToIndexed true PassThroughJPEGImages true CreateJDFFile false CreateJobTicket false DefaultRenderingIntent Default DetectBlends true ColorConversionStrategy LeaveColorUnchanged DoThumbnails false EmbedAllFonts true EmbedJobOptions true DSCReportingLevel 0 EmitDSCWarnings false EndPage -1 ImageMemory 1048576 LockDistillerParams false MaxSubsetPct 100 Optimize true OPM 1 ParseDSCComments true ParseDSCCommentsForDocInfo true PreserveCopyPage true PreserveEPSInfo true PreserveHalftoneInfo false PreserveOPIComments false PreserveOverprintSettings true StartPage 1 SubsetFonts true TransferFunctionInfo Apply UCRandBGInfo Preserve UsePrologue false ColorSettingsFile () AlwaysEmbed [ true ] NeverEmbed [ true ] AntiAliasColorImages false DownsampleColorImages true ColorImageDownsampleType Bicubic ColorImageResolution 300 ColorImageDepth -1 ColorImageDownsampleThreshold 150000 EncodeColorImages true ColorImageFilter DCTEncode AutoFilterColorImages true ColorImageAutoFilterStrategy JPEG ColorACSImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt ColorImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt JPEG2000ColorACSImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt JPEG2000ColorImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt AntiAliasGrayImages false DownsampleGrayImages true GrayImageDownsampleType Bicubic GrayImageResolution 300 GrayImageDepth -1 GrayImageDownsampleThreshold 150000 EncodeGrayImages true GrayImageFilter DCTEncode AutoFilterGrayImages true GrayImageAutoFilterStrategy JPEG GrayACSImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt GrayImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt JPEG2000GrayACSImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt JPEG2000GrayImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt AntiAliasMonoImages false DownsampleMonoImages true MonoImageDownsampleType Bicubic MonoImageResolution 1200 MonoImageDepth -1 MonoImageDownsampleThreshold 150000 EncodeMonoImages true MonoImageFilter CCITTFaxEncode MonoImageDict ltlt K -1 gtgt AllowPSXObjects false PDFX1aCheck false PDFX3Check false PDFXCompliantPDFOnly false PDFXNoTrimBoxError true PDFXTrimBoxToMediaBoxOffset [ 000000 000000 000000 000000 ] PDFXSetBleedBoxToMediaBox true PDFXBleedBoxToTrimBoxOffset [ 000000 000000 000000 000000 ] PDFXOutputIntentProfile () PDFXOutputCondition () PDFXRegistryName (httpwwwcolororg) PDFXTrapped Unknown Description ltlt ENU (Use these settings to create PDF documents with higher image resolution for high quality pre-press printing The PDF documents can be opened with Acrobat and Reader 50 and later These settings require font embedding) JPN ltFEFF3053306e8a2d5b9a306f30019ad889e350cf5ea6753b50cf3092542b308030d730ea30d730ec30b9537052377528306e00200050004400460020658766f830924f5c62103059308b3068304d306b4f7f75283057307e305930023053306e8a2d5b9a30674f5c62103057305f00200050004400460020658766f8306f0020004100630072006f0062006100740020304a30883073002000520065006100640065007200200035002e003000204ee5964d30678868793a3067304d307e305930023053306e8a2d5b9a306b306f30d530a930f330c8306e57cb30818fbc307f304c5fc59808306730593002gt FRA ltFEFF004f007000740069006f006e007300200070006f0075007200200063007200e900650072002000640065007300200064006f00630075006d0065006e00740073002000500044004600200064006f007400e900730020006400270075006e00650020007200e90073006f006c007500740069006f006e002000e9006c0065007600e9006500200070006f0075007200200075006e00650020007100750061006c0069007400e90020006400270069006d007000720065007300730069006f006e00200070007200e9007000720065007300730065002e0020005500740069006c006900730065007a0020004100630072006f0062006100740020006f00750020005200650061006400650072002c002000760065007200730069006f006e00200035002e00300020006f007500200075006c007400e9007200690065007500720065002c00200070006f007500720020006c006500730020006f00750076007200690072002e0020004c00270069006e0063006f00720070006f0072006100740069006f006e002000640065007300200070006f006c0069006300650073002000650073007400200072006500710075006900730065002egt DEU ltFEFF00560065007200770065006e00640065006e0020005300690065002000640069006500730065002000450069006e007300740065006c006c0075006e00670065006e0020007a0075006d002000450072007300740065006c006c0065006e00200076006f006e0020005000440046002d0044006f006b0075006d0065006e00740065006e0020006d00690074002000650069006e006500720020006800f60068006500720065006e002000420069006c0064006100750066006c00f600730075006e0067002c00200075006d002000650069006e00650020007100750061006c00690074006100740069007600200068006f006300680077006500720074006900670065002000410075007300670061006200650020006600fc0072002000640069006500200044007200750063006b0076006f0072007300740075006600650020007a0075002000650072007a00690065006c0065006e002e00200044006900650020005000440046002d0044006f006b0075006d0065006e007400650020006b00f6006e006e0065006e0020006d006900740020004100630072006f0062006100740020006f0064006500720020006d00690074002000640065006d002000520065006100640065007200200035002e003000200075006e00640020006800f600680065007200200067006500f600660066006e00650074002000770065007200640065006e002e00200042006500690020006400690065007300650072002000450069006e007300740065006c006c0075006e00670020006900730074002000650069006e00650020005300630068007200690066007400650069006e00620065007400740075006e00670020006500720066006f0072006400650072006c006900630068002egt PTB ltFEFF005500740069006c0069007a006500200065007300740061007300200063006f006e00660069006700750072006100e700f5006500730020007000610072006100200063007200690061007200200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200063006f006d00200075006d00610020007200650073006f006c007500e700e3006f00200064006500200069006d006100670065006d0020007300750070006500720069006f0072002000700061007200610020006f006200740065007200200075006d00610020007100750061006c0069006400610064006500200064006500200069006d0070007200650073007300e3006f0020006d0065006c0068006f0072002e0020004f007300200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200070006f00640065006d0020007300650072002000610062006500720074006f007300200063006f006d0020006f0020004100630072006f006200610074002c002000520065006100640065007200200035002e00300020006500200070006f00730074006500720069006f0072002e00200045007300740061007300200063006f006e00660069006700750072006100e700f50065007300200072006500710075006500720065006d00200069006e0063006f00720070006f0072006100e700e3006f00200064006500200066006f006e00740065002egt DAN ltFEFF004200720075006700200064006900730073006500200069006e0064007300740069006c006c0069006e006700650072002000740069006c0020006100740020006f0070007200650074007400650020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006d006500640020006800f8006a006500720065002000620069006c006c00650064006f0070006c00f80073006e0069006e0067002000740069006c0020007000720065002d00700072006500730073002d007500640073006b007200690076006e0069006e0067002000690020006800f8006a0020006b00760061006c0069007400650074002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e007400650072006e00650020006b0061006e002000e50062006e006500730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f0067002000520065006100640065007200200035002e00300020006f00670020006e0079006500720065002e00200044006900730073006500200069006e0064007300740069006c006c0069006e0067006500720020006b007200e600760065007200200069006e0074006500670072006500720069006e006700200061006600200073006b007200690066007400740079007000650072002egt NLD ltFEFF004700650062007200750069006b002000640065007a006500200069006e007300740065006c006c0069006e00670065006e0020006f006d0020005000440046002d0064006f00630075006d0065006e00740065006e0020007400650020006d0061006b0065006e0020006d00650074002000650065006e00200068006f00670065002000610066006200650065006c00640069006e00670073007200650073006f006c007500740069006500200076006f006f0072002000610066006400720075006b006b0065006e0020006d0065007400200068006f006700650020006b00770061006c0069007400650069007400200069006e002000650065006e002000700072006500700072006500730073002d006f006d0067006500760069006e0067002e0020004400650020005000440046002d0064006f00630075006d0065006e00740065006e0020006b0075006e006e0065006e00200077006f007200640065006e002000670065006f00700065006e00640020006d006500740020004100630072006f00620061007400200065006e002000520065006100640065007200200035002e003000200065006e00200068006f006700650072002e002000420069006a002000640065007a006500200069006e007300740065006c006c0069006e00670020006d006f006500740065006e00200066006f006e007400730020007a0069006a006e00200069006e006700650073006c006f00740065006e002egt ESP ltFEFF0055007300650020006500730074006100730020006f007000630069006f006e006500730020007000610072006100200063007200650061007200200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200063006f006e0020006d00610079006f00720020007200650073006f006c00750063006900f3006e00200064006500200069006d006100670065006e00200071007500650020007000650072006d006900740061006e0020006f006200740065006e0065007200200063006f007000690061007300200064006500200070007200650069006d0070007200650073006900f3006e0020006400650020006d00610079006f0072002000630061006c0069006400610064002e0020004c006f007300200064006f00630075006d0065006e0074006f00730020005000440046002000730065002000700075006500640065006e00200061006200720069007200200063006f006e0020004100630072006f00620061007400200079002000520065006100640065007200200035002e003000200079002000760065007200730069006f006e0065007300200070006f00730074006500720069006f007200650073002e0020004500730074006100200063006f006e0066006900670075007200610063006900f3006e0020007200650071007500690065007200650020006c006100200069006e0063007200750073007400610063006900f3006e0020006400650020006600750065006e007400650073002egt SUO ltFEFF004e00e4006900640065006e002000610073006500740075007300740065006e0020006100760075006c006c006100200076006f0069006400610061006e0020006c0075006f006400610020005000440046002d0061007300690061006b00690072006a006f006a0061002c0020006a006f006900640065006e002000740075006c006f0073007400750073006c00610061007400750020006f006e0020006b006f0072006b006500610020006a00610020006b007500760061006e0020007400610072006b006b007500750073002000730075007500720069002e0020005000440046002d0061007300690061006b00690072006a0061007400200076006f0069006400610061006e0020006100760061007400610020004100630072006f006200610074002d0020006a0061002000520065006100640065007200200035002e00300020002d006f0068006a0065006c006d0061006c006c0061002000740061006900200075007500640065006d006d0061006c006c0061002000760065007200730069006f006c006c0061002e0020004e00e4006d00e4002000610073006500740075006b0073006500740020006500640065006c006c00790074007400e4007600e4007400200066006f006e0074007400690065006e002000750070006f00740075007300740061002egt ITA ltFEFF00550073006100720065002000710075006500730074006500200069006d0070006f007300740061007a0069006f006e00690020007000650072002000630072006500610072006500200064006f00630075006d0065006e00740069002000500044004600200063006f006e00200075006e00610020007200690073006f006c0075007a0069006f006e00650020006d0061006700670069006f00720065002000700065007200200075006e00610020007100750061006c0069007400e00020006400690020007000720065007300740061006d007000610020006d00690067006c0069006f00720065002e0020004900200064006f00630075006d0065006e00740069002000500044004600200070006f00730073006f006e006f0020006500730073006500720065002000610070006500720074006900200063006f006e0020004100630072006f00620061007400200065002000520065006100640065007200200035002e003000200065002000760065007200730069006f006e006900200073007500630063006500730073006900760065002e002000510075006500730074006500200069006d0070006f007300740061007a0069006f006e006900200072006900630068006900650064006f006e006f0020006c002700750073006f00200064006900200066006f006e007400200069006e0063006f00720070006f0072006100740069002egt NOR ltFEFF004200720075006b00200064006900730073006500200069006e006e007300740069006c006c0069006e00670065006e0065002000740069006c002000e50020006f00700070007200650074007400650020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006d006500640020006800f80079006500720065002000620069006c00640065006f00700070006c00f80073006e0069006e006700200066006f00720020006800f800790020007500740073006b00720069006600740073006b00760061006c00690074006500740020006600f800720020007400720079006b006b002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006b0061006e002000e50070006e006500730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f0067002000520065006100640065007200200035002e00300020006f0067002000730065006e006500720065002e00200044006900730073006500200069006e006e007300740069006c006c0069006e00670065006e00650020006b0072006500760065007200200073006b00720069006600740069006e006e00620079006700670069006e0067002egt SVE ltFEFF0041006e007600e4006e00640020006400650020006800e4007200200069006e0073007400e4006c006c006e0069006e006700610072006e00610020006e00e40072002000640075002000760069006c006c00200073006b0061007000610020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e00740020006d006500640020006800f6006700720065002000620069006c0064007500700070006c00f60073006e0069006e00670020006600f60072002000700072006500700072006500730073007500740073006b0072006900660074006500720020006100760020006800f600670020006b00760061006c0069007400650074002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e00740065006e0020006b0061006e002000f600700070006e006100730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f00630068002000520065006100640065007200200035002e003000200065006c006c00650072002000730065006e006100720065002e00200044006500730073006100200069006e0073007400e4006c006c006e0069006e0067006100720020006b007200e400760065007200200069006e006b006c00750064006500720069006e00670020006100760020007400650063006b0065006e0073006e006900740074002egt KOR ltFEFFace0d488c9c8c7580020d504b9acd504b808c2a40020d488c9c8c7440020c5bbae300020c704d5740020ace0d574c0c1b3c4c7580020c774bbf8c9c0b97c0020c0acc6a9d558c5ec00200050004400460020bb38c11cb97c0020b9ccb4e4b824ba740020c7740020c124c815c7440020c0acc6a9d558c2edc2dcc624002e0020c7740020c124c815c7440020c0acc6a9d558c5ec0020b9ccb4e000200050004400460020bb38c11cb2940020004100630072006f0062006100740020bc0f002000520065006100640065007200200035002e00300020c774c0c1c5d0c11c0020c5f40020c2180020c788c2b5b2c8b2e4002e0020c7740020c124c815c7440020c801c6a9d558b824ba740020ae00af340020d3ecd5680020ae30b2a5c7440020c0acc6a9d574c57c0020d569b2c8b2e4002egt CHS ltFEFF4f7f75288fd94e9b8bbe7f6e521b5efa76840020005000440046002065876863ff0c5c065305542b66f49ad8768456fe50cf52068fa87387ff0c4ee575284e8e9ad88d2891cf76845370524d6253537030028be5002000500044004600206587686353ef4ee54f7f752800200020004100630072006f00620061007400204e0e002000520065006100640065007200200035002e00300020548c66f49ad87248672c62535f0030028fd94e9b8bbe7f6e89816c425d4c51655b574f533002gt CHT ltFEFF4f7f752890194e9b8a2d5b9a5efa7acb76840020005000440046002065874ef65305542b8f039ad876845f7150cf89e367905ea6ff0c9069752865bc9ad854c18cea76845370524d521753703002005000440046002065874ef653ef4ee54f7f75280020004100630072006f0062006100740020548c002000520065006100640065007200200035002e0030002053ca66f465b07248672c4f86958b555f300290194e9b8a2d5b9a89816c425d4c51655b57578b3002gt gtgtgtgt setdistillerparamsltlt HWResolution [2400 2400] PageSize [595000 842000]gtgt setpagedevice

Page 8: Alcesti nel Novecento letterario italianoprofvianello.altervista.org/files/alcesti_nel_novecento_letterario... · Alcesti nel Novecento letterario italiano 5 La questione morale e

Roberto Vianello

8

le parole stesse infine con cui Raboni ne parlograve pubblicamente in una lezione dal titolo ldquoAlcestirdquo e i disastri del Novecento24

LrsquoAlcesti di Savinio Andrea De Chirico fratello del piugrave noto Giorgio e noto al pubblico col nome

drsquoarte di Alberto Savinio richiede qualche parola di presentazione dato lo spazio contenuto di cui gode normalmente nei libri di testo in uso ai piugrave giovani tra il nostro pubblico Si tratta del resto di sorte comune alla maggior parte degli autori novecenteschi i manuali ne registrano i nomi insieme a sintesi minime di pensie-ro e scelte poetiche scegliendo la completezza informativa anzicheacute lrsquoapprofon-dimento caratteristico degli scrittori piugrave ldquocanonicirdquo Alla produzione teatrale di Savinio poi sono dedicate spesso solo poche righe (tre e mezza nellrsquoultimo libro di testo adottato qui al Classico)

Savinio egrave quel che si dice un artista eclettico Scrittore musicista pittore Lrsquoinfanzia in Grecia egrave per lui solo la condizione originaria di un percorso intellet-tuale compiuto nel corso di una vita errabonda in Europa Monaco Milano Fi-renze Parigi Ferrara Roma le tappe di un vagare che ne determina la prospettiva non provinciale ponendolo in relazione con le avanguardie culturali del primo Novecento Nietzsche e Schopenhauer con la musica gli oggetti di interesse della prima giovinezza Poi lrsquoincontro con lrsquoavanguardia artistica e letteraria a Parigi il sodalizio con Apollinaire il concerto ldquosinceristardquo nella sala delle ldquoSoireacutees de Pa-risrdquo25 E ancora i contatti con De Pisis e Carragrave lrsquoesperienza del Teatro Odescalchi a Roma insieme a Pirandello lrsquoinizio dellrsquoattivitagrave pittorica la collaborazione con riviste e quotidiani lrsquoinserimento unico italiano nellrsquoAntologia dello humour nero del surrealista Breton la collaborazione con la Scala di Milano26 Savinio evita il con-fronto col Fascismo impegnandosi solo dopo la sua caduta nella denuncia delle radici ideologiche e culturali del totalitarismo Esse affondano nelle passioni nellrsquoistinto nella vitalitagrave che determinano pesantemente lrsquouomo e le sue scelte Da essi puograve salvarlo solo la cultura intesa come civiltagrave come costruzione dellrsquouomo per lrsquouomo unico strumento in grado di riscattarne la storia27 Cittadi-no del mondo con lrsquoEllade nel DNA come si direbbe oggi per Savinio la cultura non puograve che autocomprendersi in relazione allrsquoAntico Atteggiamento che non va inteso come accettazione di un classicismo imbalsamato e anacronistico Il tempo dei miti egrave finito e lrsquoAntico appartiene alla coscienza della modernitagrave inquieta e 24 Per la trascrizione dellrsquointervento nella sede di Brescia dellrsquoUniversitagrave Cattolica (12 dicembre 2003) a cura di F Molinari cf RABONI 2004 La si legga ora anche nellrsquoapparato critico a cura di Rodolfo Zucco in RABONI 2006 pp 1776-1782 25 Il memorabile concerto di musica non armonica si tenne nel 1914 nella sede della rivista ldquoLes soireacutees de Parisrdquo di Apollinaire 26 Per maggiori notizie su Savinio basti qui rinviare a PIETROMARCHI 1986 e PEDULLAgrave 1991 Sulla vocazione europeistica di S v invece GUIDI 2006 27 Si veda per questi temi GUIDI 2006

Alcesti nel Novecento letterario italiano

9

priva di veritagrave condivisa solo per quel tanto che ci egrave dato di riconoscerne nel mondo drsquooggi Egrave vero che in vesti dimesse il mito egrave ancora presente tra noi Ri-conoscerlo permette di gettar luce sulla realtagrave La coscienza attenta dei moderni puograve trovare nellrsquoereditagrave dei classici un archivio di archetipi capaci di orientare alla comprensione delle cose Riconoscervi lrsquoultima metamorfosi di forme passate lrsquoultimo darsi sotto altra foggia di un nietzschiano eterno ritorno dellrsquoidentico puograve determinare laquonella realtagrave una irruzione di veritagraveraquo 28 fare del mito uno stru-mento conoscitivo privilegiato Si spiega in gran parte cosigrave lrsquoopera letteraria e pit-torica di Savinio29 nel suo accostare personaggi e situazioni del quotidiano a rico-nosciuti omologhi mitici Si tratta di una interazione nella quale a volte il quoti-diano puograve demitizzare ironicamente il leggendario per la sua evidente banalitagrave al-tre volte accade invece che i modelli paludati di un tempo rimitizzino la banalitagrave dellrsquoordinario per quel tanto di universale che se ne puograve riconoscere dietro il ri-dimensionamento alla misura dellrsquooggi

Il mito irrompe inaspettatamente ndash ed esemplarmente ndash nel vissuto di Savinio un giorno del rsquo42 in cui in qualitagrave di critico egli assiste a prove liriche al Teatro dellrsquoOpera di Roma30 Vi compare improvvisamente il dott Alfred Schlee della Universal Edition di Vienna31 Di lui Savinio giunge a conoscere lrsquoinaudito destino di vittima costretta dallrsquoinasprirsi delle leggi razziali a una scelta odiosa divorziare dalla moglie ebrea o perdere lrsquoincarico presso lrsquoeditrice musicale Il disumano aut aut istituito tra i valori piugrave costitutivi dellrsquouomo ndash lavoro e affetti familiari ndash basta di per seacute a fare dello Shlee un personaggio tragico Ben piugrave crudele tuttavia sco-pre Savinio la sorte di quellrsquouomo ormai privo di una sposa che per non intral-ciarne la carriera ha scelto di togliersi la vita

Ecco il mito tra noi Ecco tra noi una nuova Alcesti la donna che rinuncia al-la vita per lo sposo nel cuore del XX secolo laquoAlcesti egrave rinataraquo ndash diragrave il personag-gio dellrsquoAutore nel dramma che Savinio pubblicheragrave di ligrave a qualche anno32 ndash laquoAl-

28 CASCETTA 1995 p 1407 Senza ambizione di completezza rimandiamo per il mito e il mondo classico in Savinio a RAGNI 2002 e USAI 2005 29 Si pensi per citare qualche esempio a titoli saviniani come Hermaphrodito (1918) o Capitano Ulisse (1934) o a opere pittoriche quali il fatuo Apollo del 1931 (con la testa drsquoanitra e il busto sopra un capitello ionico) il Colloquio - Oreste e Pilade del rsquo32 (in cui i due amici sono ritratti su basamenti che paiono immobilizzarli) Il ritorno di Ulisse del rsquo33 (in cui un soggetto nientrsquoaffatto eroico porta in testa un moderno cappello di paglia) Mademoiselle Centaure del rsquo46 (un vanitoso individuo fem-minile dalla duplice natura ostenta un cappellino alla moda in riva al mare) Per lrsquoopera pittorica di Savinio si consulti VIVARELLI 1996 30 Sulla vicenda cf SAVINIO 2007 pp 304 ss 31 Il nome dello Schlee che operograve in circostanze storiche difficili nella sede viennese della editrice musicale fino al 1945 compare nella storia della Compagnia tuttora attiva allrsquoindirizzo Internet wwwuniversaleditioncom (v anche la versione inglese) 32 SAVINIO 2007 p 26 Drsquoora in poi si faragrave riferimento tra parentesi alla numerazione di pagina di questa edizione

Roberto Vianello

10

cesti non egrave un individuo ma una specie Conoscevamo Alcesti di Pelia ora cono-sciamo Alcesti [hellip] di Samueleraquo (p 45)33

La creativitagrave di Savinio sensibile come srsquoegrave detto alle occorrenze del mito nel quotidiano lo spinge a lavorare su questo spunto di vita vissuta fino a pubblicare nel 1949 presso Bompiani il dramma in prosa Alcesti di Samuele che verragrave portato in scena lrsquoanno successivo dal ldquoPiccolo Teatro di Milanordquo per la regia di Giorgio Strehler34 Saragrave un fiasco La trasformazione che la vicenda della moderna Alcesti ha subito nel suo farsi testo da recitare il linguaggio teatrale scelto dallrsquoautore ne faranno qualcosa di sgradito a critici e spettatori Verbositagrave divagazioni disarmo-nie moduli da avanguardia col pessimismo e il nichilismo che vi traspaiono ne faranno qualcosa di lontano per ragioni diverse dalle attese del pubblico35

La vicenda srsquoegrave detto passando dalla vita alla letteratura si egrave trasformata Il dott Shlee egrave diventato il dott Paul Goerz direttore della Musikalische Ausgaben di Monaco Alcesti egrave Teresa Goerz figlia di Samuele moglie ebrea di Paul Il te-sto prevede lrsquoentrata degli spettatori e di un Autore prima che si apra il sipario LrsquoAutore anticipa ai presenti che Goerz egrave a Roma percheacute neanche la vicenda della sua Alcesti puograve risolversi senza lrsquointervento di Ercole

Si apre il sipario Sulla scena un telefono dieci volte piugrave grande del normale attira su di seacute lrsquoattenzione degli spettatori Il ricevitore abbandonato oscilla a pendolo Una voce ripete insistentemente e minacciosamente laquoIl dott Goerz su-bito al Ministeroraquo (p 30) Ai lati della scena due sagome in poltrona i ritratti di Padre e Madre seduti e destinati ad animarsi nel corso del dramma Teresa non crsquoegrave La servitugrave e i figli sanno che ha fatto delle telefonate nellrsquoassenza del marito Paul comrsquoegrave evidente dalle parole dellrsquoAltoparlante si egrave recato al Ministero ove egrave stato costretto alla dolorosa scelta tra la sposa e il lavoro Al suo ritorno vorrebbe dirle che ha scelto lei coraggiosamente e fedelmente Ma Teresa non egrave in casa La chiama ripetutamente salendo sul proscenio Poi allrsquoimprovviso si spengono le luci Il nome di lei riecheggia nel buio Quando la luce torna in luogo del telefono si vede un ritratto della donna a grandezza naturale Ai piedi del ritratto una lette-ra lrsquoaddio di Teresa allo sposo e le ragioni del suo irreparabile gesto

Lascio questa lettera ai piedi del mio ritratto Cosigrave mentre tu leggerai [] ti sembreragrave udi-re la mia voce [] La telefonata di stamattina io lrsquoaspettavo Ero una cacciatrice in agguato Sapevo che la tigre sarebbe venuta E per divorare te mio povero Paul Colpa mia del resto Era giusto che provvedessi io stessa a cacciare la tigre Tante volte tu hai difeso me Tu e io as-sieme non abbiamo sempre sostenuto la paritagrave dei diritti tra uomo e donna La moglie a sua

33 Samuele come si comprende egrave il nome ebreo del padre della nuova Alcesti 34 Alcune immagini dellrsquoevento teatrale nellrsquoArchivio multimediale del sito Internet del ldquoPiccolordquo Scenografia e costumi furono a cura dello stesso Savinio Tra gli attori ivi ritratti Lilla Brignone Piero Carnabuci Camillo Pilotto Diego Parravicini Mario Feliciani Alberto Marcheacute 35 Anche per questo il ldquoPiccolordquo percorreragrave presto altre strade rileva il citato CASCETTA 1995 p 1442

Alcesti nel Novecento letterario italiano

11

volta deve difendere il marito Quale migliore occasione di questa Quando tu leggerai questa lettera io sarograve lontana Molto lontana (p 44 s)36

Teresa-Alcesti illustra il suo gesto a un Paul-Admeto lasciato per cosigrave dire fuori dal gioco Incolpevole E tuttavia non proprio completamente ldquoinnocen-terdquo37

Mi serviva una via drsquouscita Ho scelto il fiume Quale via migliore Quando eravamo fi-

danzati tante volte [] siamo andati a guardare assieme questo nostro fiume di sera dal pa-

36 Il presente testo di Savinio come i seguenti egrave stato videoproiettato e letto da chi scrive nel cor-so della lezione 37 LrsquoAdmeto di Savinio sembra avere qualcosa in comune con lrsquoAdmeto della Yourcenar di cui si diceva piugrave sopra Non risultano tuttavia rapporti diretti tra le due opere (cf PATTONI 2004 p 292 n 44)

Paul (Piero Carnabuci) legge la lettera davanti al ritratto di Teresa (Lilla Brignone)

Archivio Piccolo Teatro di Milano

Roberto Vianello

12

rapetto del ponte Massimiliano Poi ci siamo sposati [] non siamo piugrave andati a guardarlo Che peccato Che peccato questo invadente burocratismo del matrimonio Io perograve qualche volta sono tornata da sola a guardare il fiume Non te ne ho mai parlato Mi avresti detto che sono bambinate Noi donne siamo conservatrici hellip Meno di voi accaparrate dallrsquoavvenire Ci piace conservare gli oggetti i ricordi i luoghi implicati in qualche nostro momento di felicitagrave E non amiamo il mutamento Che impressione strana ndash non avertene a male ndash che impressione di ldquoperditardquo al ritorno da quelle mie visite solitarie al fiume ritrovare qui a casa il te di ora dopo il te di allora lasciato poco prima sul parapetto del ponte Massimiliano Ci so-no alcune sottili varianti del tradimento che la legge sullrsquoadulterio non contempla ma alle quali il nostro animo non rimane indifferente Da qualche tempo in qua le mie visite al fiume erano piugrave frequenti Tu hai giagrave capito Non per rievocare una felicitagrave perduta ma per cercare un ami-co un alleato Il suo movimento instancabile mrsquoispirava fiducia Rispondeva a un mio desiderio sempre piugrave urgente Questa cittagrave nella quale noi viviamo egrave soffocata dalla terra Terra da o-gni parte Terra terra [] La terra stringe tuttrsquointorno questo paese lo strozza lo porta allrsquoisterismo e alla pazzia [] Con quale altro mezzo andarmene da qui Percheacute andarmene bisogna Se no egrave la morte per me e anche per te mio povero Paul - mio po-vero ldquoinnocenterdquo [] Quando tu avrai finito di leggere questa lettera io avrograve raggiunto finalmente quello che ho sempre desiderato [] la [] Libertagrave [] Tengo a chiarire la mia si-tuazione io non sono una donna che si ammazza sono una donna che ldquolibera se stessardquo che ldquosalva se stessardquo (pp 46 ss)

Una voce femminile annuncia che crsquoegrave un poscritto egrave il ritratto che srsquoegrave animato surrealisticamente e terminando la lettura comunica la consapevolezza della mo-derna Alcesti dellrsquounicitagrave del suo gesto in cui egrave certa di poter pienamente realizza-re se stessa

Io lo sai non sono donna da contentarmi del marito della casa dei figli Io volevo far qualcosa di mio di proprio Te lo dicevo sempre Non sapevo cosa Tu mi pigliavi in giro La sorte mi ha favorita Ecco che anchrsquoio ho trovato una cosa da fare Una cosa laquo mia raquo E che cosa Cara mi costa [] Questo mio capolavoro per di piugrave non rimarragrave sconosciuto Perciograve Paul stattene lontano Non venire Non venire Me eroina la tua sola presenza tornerebbe a fare di me uno straccio di donnetta E io non voglio non fosse che per far dispetto a voi uomi-nihellip Una parola allrsquoorecchio in questo mio sublime sacrificio non riesco a determinare quanto crsquoegrave di eroismo e quanto di vanitagrave (pp 60 s) Nella giustificazione del gesto della nuova Alcesti percepiamo risonanze di

una sensibilitagrave ovviamente moderna e la rivendicazione di una dignitagrave di genere propria delle stagioni piugrave recenti delle societagrave occidentali Tratti come questi non possono certo stupirci scontatamente necessari come sono al personaggio Se la nostra eroina egrave solo uno degli individui in cui la specie Alcesti srsquoegrave riprodotta nella storia deve mostrare specificitagrave sue particolari lati di unrsquoidentitagrave ldquoda secolo bre-verdquo Si potragrave semmai ndash rispetto alle scelte dellrsquoautore ndash chiedere criticamente fino a che punto possa darsi unrsquoAlcesti moderna non tanto nel suo affacciarsi alla sto-ria nella riconoscibile somiglianza di una situazione quanto piuttosto nel suo cor-rispondere effettivamente ai tratti caratteristici della specie di cui essa sarebbe in-

Alcesti nel Novecento letterario italiano

13

dividuo E porre conseguentemente una questione riconducibile alla precedente domandando a unrsquoAlcesti novecentesca si addice un ritorno dai morti Quale spazio nellrsquoetagrave della scienza e del disinganno per ciograve che inspiegabilmente Plato-ne non problematizzava ma la lucida ragione dello stesso Euripide egrave sembrata a taluni implicitamente rifiutare38 Prenderemo in considerazione prima la seconda questione constatando che Savinio non sceglie di percorrere lrsquoitinerario ldquopiugrave ve-rosimilerdquo di un mancato ritorno come pure sappiamo si fece nellrsquoantichitagrave39 Per lrsquoAlcesti moderna a giudizio di Savinio un ritorno egrave possibile almeno nella fin-zione teatrale Percheacute il teatro egrave il luogo laquoche corregge quello che egrave sbagliato completa quello che egrave incompleto Il teatro egrave come i sogni I sogni attuano quello che da svegli non possiamo attuareraquo (p 78) Questo proclama solennemente il personaggio dellrsquoAutore allrsquoErcole moderno a cui Savinio affida lrsquoimpresa di ri-portare nel mondo Teresa-Alcesti E si tratteragrave di un duplice indennizzo Percheacute se Teresa potragrave tornare anche il nuovo Ercole troveragrave nellrsquoimpresa una personale compensazione agli oltraggi della sorte Soltanto al termine amaramente com-prenderemo in che modo saragrave stata fatta laquopiugrave viva la vitaraquo

Ai tempi del secondo grande conflitto lrsquounica figura storica immaginabile in veste drsquoeroe egrave il vincitore morale della guerra colui che ha saputo ripulire il mon-do dallrsquoidra del totalitarismo Egrave il presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Ro-osvelt che la morte ha ingiustamente tolto di scena prima che potesse terminare la guerra ma a cui il teatro che completa quel che la vita ha lasciato incompleto concede la chance di unrsquoultima grande impresa

Lrsquoex Presidente entra in sala al suono drsquouna marcia militare con lrsquoaspetto di un busto poggiante su piedistallo che si scopre poi nascondere un locomotore di cui lrsquoeroe dimezzato si serve per raggiungere il palcoscenico La trovata che assi-mila il personaggio a talune immagini del Savinio pittore40 non egrave il solo mezzo ri-servato a quello che sembra un ridimensionamento inspiegabile Anche un lungo scambio di battute ora pedanti ora polemiche apparentemente fuorvianti mira a realizzare almeno sotto il profilo ideologico una dissacrante relativizzazione dellrsquoeroe uno dei tanti laquouomini forti onesti e soprattutto ottusiraquo adibiti a laquogrossi e periodici lavori di pulitura del mondoraquo (p 95) A questo simbolo dellrsquoottimismo che non sa bene se egrave giagrave morto o egrave ancora vivo che da Americano crede a tutto e non ha idee personali a questo laquoeroe moralistaraquo (p 92) simbolo della democra-zia e del liberalismo egrave affidato il compito che fu dellrsquoEracle euripideo dovragrave ri-portare in vita la vittima del razzismo nazionalsocialista Con quali risultati ve-dremo

38 Cf n 10 39 Egrave noto che lrsquoeroina non ritorna in vita nellrsquoAlcestis Barcinonensis ma gli esametri pervenuti regi-strano quale ultimo atto della vicenda le sconsolate parole di Alcesti laquoConiux dulcissime coniux [hellip] rapior venit mors ultima venit infernusque deus claudet lsaquo iam rsaquo membra soporeraquo 40 Cf la nota 29

Roberto Vianello

14

Quando il sipario si riapre Roosvelt sta scendendo nel Kursaal dei morti un Aldilagrave irriconoscibile In questa sorta di clinica i morti siedono in attesa di dimen-ticare fino a non esser piugrave fino a finire di morire In una interazione da teatro moderno egrave il pubblico a impersonare il ruolo dei morti Roosvelt si intrattiene con un Direttore invisibile di cui si percepisce la presenza unicamente dalla voce e dai movimenti di una seggiola e di un registro che bisogna immaginare toccati da lui41 La voce del Direttore spiega che nel Kursaal trovano posto quanti non riescono a morire fincheacute nel mondo resta ancora traccia di loro Si tratta di morti illustri che aspirano ora solo allrsquoindifferenza desiderano lrsquoannientamento della lo-ro individualitagrave Gli altri quelli che in vita sembrano vivi ma non sono piugrave vivi dei morti passano e nessuno se ne accorge neacute durante la vita neacute dopo La perma-nenza nella laquoclinicaraquo (p 128) egrave proporzionale alla compattezza della personalitagrave e 41 Vorremmo poter affermare che questo Direttore di Savinio come lrsquointera situazione del Kursaal abbia svolto un qualche ruolo nella immaginazione di Dino Buzzati presente alla prima dello spettacolo e tra i pochi favorevoli al lavoro (CASCETTA 1995 pp 1440 n 87 1441) Ha qualcosa del Direttore del Kursaal infatti il Diavolo-Giacca che nel buzzatiano Poema a fumetti del 1969 sovrintende incorporeo a un Aldilagrave altrettanto sorprendente e straniante

LrsquoAutore (Mario Feliciani) e Roosvelt (Camillo Pilotto)

Archivio Piccolo Teatro di Milano

Alcesti nel Novecento letterario italiano

15

quindi al ricordo che resta tra i vivi Una silenziosa concentrazione aiuta il laquorias-sorbimentoraquo (p 127) Siedono tra questi morti alcuni grandi della storia e alcuni grandi della poesia Rimbaud egrave piugrave lento di Aleardi nel suo percorso verso lrsquoannichilimento I posti di Carducci e Pascoli sono giagrave vuoti Omero invece resi-ste da tremila anni lo laquochiamanoraquo (p 132) troppo dal mondo dei vivi Anche lrsquoAlighieri egrave uno degli ospiti laquopiugrave duriraquo (p 136)

I morti coprono Roosvelt di improperi per il turbamento dellrsquoatarassia da loro cercata e da lui alterata nella pretesa di riportare in vita Teresa Goerz Pregano il Direttore di lasciarlo fare per aver finalmente pace E finalmente laquoun grido di na-scitaraquo o laquodi agonia ldquoinvertitardquoraquo (p 144) annuncia che Teresa sta per tornare tra i vivi Il sipario si chiude La sala del teatro si illumina LrsquoAutore afferra il sipario e lo riapre Teresa torna attraverso il suo ritratto ride sommessamente e chiede percheacute la si voglia vedere lei che egrave laquoil vomito che la Morte rigetta sui viviraquo (p 166) Le sue parole raggelano e non sembrano affatto corrispondere al ruolo di nuova Alcesti che srsquoegrave immaginato ella possa avere Forse il ritorno dai morti egrave possibile nel teatro di Savinio ma non egrave detto che esso corrisponda alle nostre attese E il personaggio dellrsquoAutore osserva che Alcesti rediviva dovrebbe rimet-tere le cose come stavano prima mentre Teresa-Alcesti laquorovescia la parte tradisce lrsquoaspettativaraquo (p 167)

LrsquoAlcesti moderna egrave morta laquoper volontagrave di essereraquo confessa per poter laquofar brilla-re se stessa nella vitaraquo proprio in contrasto con lrsquo laquoasfissia dellrsquoessere che sono i re-gimi totalitariraquo (p 168)42 Ma il suo gesto laquodi vitaraquo sembra aver perso ogni valore per lei Non si tratta di rimpianto per la vita perduta che ella non puograve piugrave amare Teresa non egrave tornata per merito del nuovo Ercole che ha creduto di laquoconciliare morte e vitaraquo (p 176) cosigrave come si egrave illuso di portare pace agli uomini con la sua guerra Ella non egrave tornata per ricominciare la sua vita tra i vivi Troppa differenza la separa ormai da loro egrave altra la sua conoscenza altra la sua sapienza E non egrave tornata solahellip Lrsquoha preceduta la Signora del Profondo lrsquoImmortale la Morte de-terminata a punire lrsquoorrendo delitto di averla riportata in vita Roosvelt cade allrsquoimprovviso lungo disteso Anche Goerz si distende morto E Teresa ignoran-done il cadavere si precipita ad abbracciare ciograve che del suo amato Paul egrave ora in-visibile al pubblico di fronte a lei per proclamargli la sua nuova veritagrave

Ora ti posso dir tutto [hellip] Gli uomini fino a un certo punto percorrono un cammino di vita e vivere egrave la meta del loro cammino Gli uomini allora sono figli [hellip] Ma a partire da quel punto la meta del cammino della vita non egrave piugrave la vita egrave la morte [hellip] Gli uomini allo-ra sono genitori Noi allora [hellip] ci accorgiamo [hellip] che il nostro tempo si abbrevia sempre piugrave Questo il meccanismo di quella vita dalla quale e tu e io siamo usciti Questo il suo dare e il suo avere Questo il suo bilancio [hellip] La vita ricordi egrave rotta tratto tratto da schermi che in-tercettano la visuale Uno di questi sono i figli [hellip] Dolce follia per la nascita di Ghita io sen-tii poi per quella di Claus e le cure per allevare i nostri figli non me le sono risparmiate Ep-pure non so [hellip] io di lagrave dalla dolce follia di lagrave dalle cure vidi distintamente in fondo alla

42 Se lrsquoautore ha pensato in questo luogo al famoso Epitafio di Sicilo ( Ὅσον ζῇς φαίνου ) bisogneragrave at-tribuirgli una specifica volontagrave di dotare la moderna Alcesti di una weltanschauung ldquoellenicardquo

Roberto Vianello

16

mia strada la luce della vita tramontare e sorgere lombra della morte Spaventata Preoccupa-ta No Contenta Profondamente contenta Come della sola veritagrave intravista [hellip] Capisci ora come ben preparata io ero alla morte Capisci ora percheacute la morte non era per me quella spaventosa sorpresa che egrave per altri Capisci ora percheacute io non solo non temevo la morte ma la sentivo come il mio vero destino E quei lagrave credevano spaventarmi imponendomi la morte come un patto ndash come una punizione Imbecilli Paul io mi uccisi per liberare te dalla trappola che quegli imbecilli ti avevano teso Ma questa egrave la versione ufficiale La ragione vera e che ora nella nostra piena identitagrave non ho piugrave motivo di nasconderti egrave che io mi uccisi per affrettare il destino per impazienza della promessa [hellip] In quellaltro mondo ho dato la vi-ta ai miei figli in questa vita do la vita a te Ho attuato la piugrave segreta e assieme la piugrave grande aspirazione della donna essere la sposa e assieme la madre delluomo amato [hellip] Questa immagine di donna viva che ho dovuto indossare prima di venire qui ora prima di an-darmene me la toglierograve di dosso e la lascerograve al suo solito posto Come richiudere dietro a me il muro che ho abbattuto per entrare Tra noi e loro ogni comunicazione saragrave rotta [hellip] Eccomi pronta E tu Ti parragrave di aver traversato una gola Lunghissima e stretta Buia e irta di macigni E finalmente uscire sul mare Su un mare libero infinito Paul Questa libertagrave questo infinito sono io che te li do Vedrai quando ci lasceremo alle spalle la gola buia e stretta la gola irta di macigni tutto lassurdo che i vivi accumulano roccia su roccia assurdo su assurdo [hellip] Ti parragrave di aver attraversato un corridoio Un corridoio molto lungo e mol-to stretto Un corridoio tanto lungo e tanto stretto quanto lunga e quanto stretta egrave stata la tua vita Un corridoio buio Un corridoio sotterraneo [hellip] Un corridoio pieno di armadi di casse di scatole Tanti armadi tante casse tante scatole Pesanti Inamovibili [hellip] Armadi casse scatole piene di roba Che roba Non si sa Nessuno lo sa E ti tocca arrampicarti scavalcare andar carponi passar sotto passar di lato tirandoti dentro la pancia e spingere sollevare e andare andare andare affannato disperato e il corpo pesa e duole e lanima pesa e duole e sempre sudore saliva e pianto giugrave dalla faccia e la paura la paura la paura e volere vo-lere volere non riuscire mai a laquo non volere raquo e questo corridoio che non parla ma tu senti lo stesso che dice laquo no no no raquo E sempre armadi sempre casse sempre scatole Piene di tutto lassurdo di tutta langoscia che gli uomini questi mangiatori dassurdo questi divoratori dangoscia hanno accumulato per secoli e secoli e secoli [hellip] Vedrai quando davanti a noi si apriragrave Che cosa Non so Parliamo ancora una lingua che ormai non serve Dobbiamo dimenticare prima di tutto i significati I significati passati Gli ultimi significati Capovolgerli non basta Dimenticarli Cancellarceli da dosso Che posso dirti Nulla No Tutto Nemmeno E allora Dimentica Paul e sii pronto Ti farograve da madrina Ti presenterograve al nostro direttore Ti raccomanderograve Lo pregherograve di favorirci Di aiutarci a far presto Sai Io laggiugrave ti ho aspettato Quale piugrave grande prova damore Non sono morta per aspettarti An-che se la vostra volontagrave di riavermi quassugrave non avesse fermato laggiugrave il compimento della mia morte io egualmente mi sarei trattenuta di morire ndash per aspettare te Ora egrave passata Risolve-remo presto Che ci trattiene piugrave [hellip] Entreremo nella suprema felicitagrave Pensa Non individui piugrave sciolti nel nulla ndash nel tutto Una parola ancora Lultima In questa lingua che stiamo per abbandonare Ascolta Nascere egrave un atto individuale morire egrave un atto universale Il laquo nostro raquo atto universale Il solo nostro atto universale Questo il grande se-greto della morte Questo il suo immenso bene Vieni Paul [hellip] Sposa tua e madre apro a te luniverso (pp 183-189) Ci chiedevamo prima se la somiglianza della situazione vissuta implicasse ipso

facto la corrispondenza piena tra i tratti costitutivi della nuova eroina e quelli del

Alcesti nel Novecento letterario italiano

17

suo archetipo Bisogneragrave rispondere di no43 Millenni di storia lrsquoesperienza di quella recente ndash dei due grandi conflitti delle delusioni a essi conseguenti delle atrocitagrave e del dolore generale ndash hanno evidentemente lasciato il segno E lunga sullrsquoorizzonte di questo mondo si proietta lrsquoombra del nulla della mancanza di senso dellrsquoassurditagrave del vivere LrsquoAlcesti del Novecento egrave deformata nella sua fi-sionomia dalle conseguenze di una storia che il pensiero stenta a comprendere come razionale o teleologicamente orientata Alcesti di Samuele egrave emblema del destino di un popolo ingiustamente e irragionevolmente sospinto nellrsquoanni-chilimento Egrave forse allegoria di una Europa soggiogata dal totalitarismo e biso-gnosa dello spirito americano per riscattarsi dalla morte44 Egrave soprattutto per chi sappia prescindere dalla contingenza storica rivelatrice di una veritagrave piugrave radicale e universale La morte ha confermato a Teresa una terribile veritagrave giagrave intravvista nel trascorrere della vita Ha squarciato definitivamente per lei una cortina oltre la quale aveva da tempo iniziato a guardare quel velo che secondo certa filosofia ricopre di illusioni lrsquounica indiscutibile veritagrave del mondo il suo essere cieca irra-zionale volontagrave incapace drsquoappagamento e svincolata da qualsiasi morale Le pa-role evidenziate sopra nel testo dichiarano esplicitamente lrsquoascendenza schopen-haueriana di questa visione fatta propria nelle premesse come nelle conclusioni

Come appaiono false assurde alla nuova Alcesti le aspirazioni degli uomini Il suo stesso suicidio egrave stato in fondo un errore tanto piugrave imperdonabile quanto piugrave ha finito per riaffermare un bene ndash quello della vita ndash che dalla prospettiva di quanti ldquonon sono nullardquo 45 si rivela affatto inconsistente nonostante tutta la fati-ca la paura lrsquoangoscia che i vivi finiscono per accumularvi ostacoli e ostacoli su un percorso fatto di assurdo Ma Teresa egrave morta per liberare Paul dalle trappole di questa vita non solo da quella del totalitarismo ha scelto di non essere per af-frettare per lui il disvelamento della veritagrave e dare allrsquoamato la libertagrave quella che consiste nellrsquoannullamento della volontagrave nello scioglimento nel nulla Teresa non egrave lrsquoἀρίστη la cui φιλία viene ricompensata col ritorno allo sposo nel mondo dei vivi Ella egrave una Alcesti alla rovescia che non rimpiange la vita bella sotto la luce del sole Maestra di unrsquoopposta comprensione del mondo sacerdotessa della No-luntas vuole lo sposo con seacute nella felicitagrave di un Nirvana si fa guida dellrsquoamato ndash sorta di antiBeatrice ndash nella dimensione in cui lrsquoindividuo e la sua volontagrave non sono piugrave46 Il suo amore per lo sposo non egrave inferiore a quello dellrsquoantica eroina Questa perograve sceglieva di non essere per donare la vita allrsquoamato ella invece sceglie di non essere per indicare allrsquoamato nellrsquoannullamento totale la suprema felicitagrave ed entrarvi con lui

43 laquoAlcesti non egrave piugrave Alcesti [hellip] Meglio se rimaneva dove stavaraquo proclama il personaggio dellrsquoAutore (SAVINIO 2007 p 167) 44 CASCETTA 1995 p 1418 s 45 laquo ἐν τοῖς οὐκέτrsquo οὖσι λέξοmicroαι raquo (v 322) laquo oὐδέν ἐσθrsquo ὁ κατθανών raquo (v 381) cosigrave si riferisce ai morti lrsquoAlcesti di Euripide 46 Cf CASCETTA 1995 p 1424

Roberto Vianello

18

laquoLa civiltagrave egrave un gioco una distrazione il modo piugrave efficace che noi abbiamo di allontanare dalla nostra mente il pensiero della morteraquo ha scritto qualche tem-po prima Savinio riprendendo forse un Leopardi divenuto straordinariamente at-tuale e riscoperto da due decenni dagli amici de ldquoLa Rondardquo 47 Ma il pensiero del-la morte non puograve piugrave turbare chi della morte non ha piugrave paura ma ha riconosciu-to anzi in essa lrsquounica veritagrave che non chiede piugrave di essere esorcizzata dal gioco di-straente di una coscienza altrimenti disperata LrsquoAlcesti del Novecento egrave lrsquoeroina della negazione di ciograve che lrsquo amor sui del vivente ha creato

LrsquoAlcesti di Raboni

Passiamo a Raboni una delle individualitagrave artistiche piugrave interessanti di fine Novecento spentasi il 16 settembre 2004 Poeta saggista traduttore critico lette-rario e critico teatrale del ldquoCorriere della serardquo I piugrave attenti tra i presenti ricorde-ranno probabilmente le sue apparizioni televisive48 Mondadori ha raccolto in un Meridiano uscito nel 2006 la sua ldquoopera poeticardquo riunendovi con scritti critici sulla poesia e traduzioni poetiche i versi in proprio tra i quali anche il testo di cui ci occupiamo oggi49

Nato a Milano nel rsquo32 Raboni egrave stato ascritto alla cosiddetta linea lombarda della poesia del secolo scorso50 Una scelta delle sue liriche egrave stata significativa-

47 In Dico a te Clio del 1940 ora in SAVINIO 1992 p 88 Lrsquoaffermazione ricorda da vicino (con una coincidenza lessicale) il noto pensiero leopardiano sullrsquoincapacitagrave della ragione di darci la feli-citagrave laquohellipchi si fissasse nella considerazione e nel sentimento continuo del nulla verissimo e certis-simo delle cose [hellip] sarebbe pazzo assolutamente e per ciograve solo giaccheacute volendosi governare se-condo questo incontrastabile principio ognuno vede quali sarebbero le sue operazioni E pure egrave certissimo che tutto quel che facciamo lo facciamo in forza di una distrazione e di una dimentican-za la quale egrave contraria direttamente alla ragione E tuttavia quella sarebbe una verissima pazzia ma la pazzia piugrave ragionevole della terra anzi la sola cosa ragionevole e la sola intera e continua sa-viezza dove le altre non sono se non per intervalliraquo (Zib 103-104) Si veda sul tema RIGONI 1985 111 ss Per lrsquoaffinitagrave di pensiero tra Leopardi e Schopenhauer basti ricordare il citatissimo desan-ctisiano Dialogo tra A e D oggi in DE SANCTIS 1995 (rintracciabile anche allrsquoindirizzo Internet wwwliberliberit) Per la ldquoriscopertardquo del Leopardi da parte degli intellettuali de ldquoLa Rondardquo e di Vincenzo Cardarelli cf CARDARELLI 1981 passim (in particolare pp 721 ss) e CARDARELLI 1985 48 Ne segnaliamo una a ldquoMixer culturardquo su RaiTre (15 febbraio 1988) con Carmelo Bene visualiz-zabile allrsquoindirizzo Internet wwwyoutubecomwatchv=HNFD_Ha58-s In RAI Raboni colla-borograve alla redazione della rubrica televisiva Tuttilibri di Giulio Nascimbeni e condusse una rubrica radiofonica di letteratura e arti (cf RABONI 2006 p XCVII) 49 RABONI 2006 pp 1255 ss Il volume a cura di Rodolfo Zucco offre una Introduzione e una Cro-nologia utili per inquadrare scelte di poetica e rete relazionale dellrsquoAutore Per una prima informa-zione su Raboni (con la possibilitagrave di ascoltarne la voce) si visiti il sito web ufficiale disponibile dal 2007 allrsquoindirizzo wwwgiovanniraboniit 50 La formula risale allrsquoomonima antologia uscita nel rsquo52 per cura di Luciano Anceschi Critica-mente generica si egrave consolidata nel tempo includendovi nomi di autori lombardi per nascita o adozione di generazione piugrave recente per identificare una poesia di attenzione alle cose e portatrice di una vocazione morale Cf RABONI 1987 pp 215-216

Alcesti nel Novecento letterario italiano

19

mente ospitata nel volume Poeti italiani del Novecento di Pier Vincenzo Mengaldo convinto sostenitore del suo valore poetico51 laquoPoeta di cittagraveraquo lo ha definito Zan-zotto laquoanzi di una cittagrave Milano profondamente amata anche se ritratta nei suoi momenti di squallore fin entro la cronaca neraraquo Ma anche laquonaturaliter poeta civi-leraquo portatore di unrsquo laquoetica della responsabilitagrave e del civismoraquo52 lombardo appunto ndash diremmo ndash per quel tanto di istanza etica in poesia che il termine puograve implicare sulla scia di Parini Manzoni Rebora Per Raboni la poesia egrave laquovalore che non si esaurisce in se stesso che non esclude lrsquoimportanza dellrsquoaltro della realtagrave di tutto ciograve che la realtagrave contiene e proponeraquo53 laquoI temi dellrsquoingiustizia della persecuzione del processo iniquo dellrsquoinnocenza ingiustamente perseguitata e punita lrsquoimmagine esplicita o implicita della cittagrave come teatro della peste come conteni-tore di ogni possibile contagio fisico e moraleraquo54 sono i temi di confessata ascen-denza manzoniana che attraversano lrsquointera sua poesia dai Gesta Romanorum rac-colta drsquoesordio55 fino agli Ultimi versi pubblicati postumi passando per le molte raccolte date alla luce56 laquoRimpiazzare il fantasma della poesia con la poesia in carne ossaraquo57 invece il suo programma poetico alla ricerca di laquoqualcosa di possi-bile cioegrave una poesia impura e al limite impoetica infinitamente inclusiva capace di compromettersi con la realtagraveraquo58 Una poesia in progressivo abbandono dellrsquoin-fluenza dei contemporanei ldquocanonicirdquo e attratta dai Sereni Betocchi Luzi ndash ama-ti fin dagli ultimi mesi di guerra quando sfollato da Milano per i bombardamenti del rsquo42 ne trovava le raccolte iniziali in una libreria di Varese ndash e provocata dagli esempi stranieri di un Eliot e di un Pound

Le esigenze odierne ci impediscono di aggiungere molto altro allrsquoesile abboz-zo sin qui condotto Come ci impediscono di gettare lo sguardo su una biografia 51 Cf MENGALDO 1978 Mengaldo introducendo MAGRO 2008 scrive laquoPer me non crsquoegrave dubbio che Giovanni Raboni assieme al grande dialettale Raffaello Baldini egrave stato il poeta di piugrave alto rango in Italia nei decenni piugrave recentiraquo (p 7) Lrsquointroduzione egrave apparsa sul ldquoCorriere della serardquo lrsquo8 Luglio 2008 Su Raboni critico si veda anche MENGALDO 1998 52 A ZANZOTTO Per Giovanni Raboni in RABONI 2006 pp XI ss p XI 53 Cosigrave RABONI 1992 Ora in RABONI 2006 p XCIII Sui termini di accettazione da parte di R dellrsquoappartenenza alla linea lombarda cf ibidem pp CXXXIII-CXXXIV 54 Cosigrave lrsquoautore in Raboni Manzoni Roma Il Ventaglio 1985 pp 19-20 Ora in RABONI 2006 p 1422

55 Raccolta di versi con cui R partecipograve nel 1953 al premio di poesia ldquoIncontri della Gioventugraverdquo ri-sultandone vincitore La raccolta non fu mai pubblicata e alcuni dei testi che la componevano ap-parvero su rivista in appendice a Le case della Vetra nella plaquette fuori commercio dal titolo omo-nimo apparsa nel 1967 La si veda ora in RABONI 2006 56 Nellrsquoordine Il catalogo egrave questo (1961) Lrsquoinsalubritagrave dellrsquoaria (1963) Le case della Vetra (1966) Econo-mia della paura (1970) Cadenza drsquoinganno (1975) Il piugrave freddo anno di grazia (1978) Nel grave sogno (1982) Canzonette mortali (1986) A tanto caro sangue (1988) Versi guerrieri e amorosi (1990) Ogni terzo pensiero (1993) Nel libro della mente (1997) Quare tristis (1998) Barlumi di storia (2002) Si aggiungano alle raccolte citate i due volumi di Tutte le poesie editi da Garzanti nel 1997 e nel 2000

57 Parole di Raboni riportate da CORTELLESSA 2005 p 385

58 Cosigrave Raboni nellrsquointroduzione a Poesia degli anni Sessanta in RABONI 2006 p 209

Roberto Vianello

20

che meglio aiuterebbe la conoscenza dellrsquoartista Ci imbatteremmo in una galleria di figure e istituzioni tra le piugrave note in ambito culturale con le quali il Nostro av-viograve frequentazioni e collaborazioni I nomi di alcune allineati di seguito determi-neranno forse tra i presenti una suggestione sostitutiva di quanto non abbiamo il tempo di dire59 Ascoltiamoli il filosofo Enzo Paci i poeti Carlo Betocchi e Bar-tolo Cattafi il ldquosuordquo Vittorio Sereni e poi Franco Fortini ElioVittorini Dino Buzzati Sergio Solmi Oreste Del Buono E ancora Patrizia Valduga lrsquoultima compagna e Renato Guttuso Vanni Scheiwiller e Livio Garzanti ldquoaut autrdquo ldquoQuaderni piacentinirdquo ldquoQuesto e altrordquo ldquoil verrirdquo ldquoLa cittagraverdquo ldquoParagonerdquo ldquoNuo-vi argomentirdquo i nomi delle riviste con cui collaborograve Garzanti Mondadori Guan-da le editrici maggiori con cui ebbe rapporti o lavorograve Chiudendo ricorderemo tra le moltissime le sue traduzioni delle Fleur di Baudelaire e dellrsquointera Recherche di Proust ma anche ndash particolarmente significativa per noi ndash quella dellrsquoAntigone di Sofocle che appare sotto ogni rispetto snodo di capitale importanza tra lrsquoopera raboniana ldquodi semprerdquo e lrsquoAlcesti oggetto delle nostre cure60 Questa traduzione in versi ci restituisce un Raboni che restando allrsquointerno dei temi civili a lui piugrave con-geniali si misura contemporaneamente ndash ed euforicamente ndash con le possibilitagrave di laquotradurre il sentimentoraquo in un linguaggio moderno ma anche con la capacitagrave di un classico di farsi veicolo esemplare di temi universali61 Operazioni con le quali lo vedremo alle prese nella realizzazione dellrsquoAlcesti della quale egrave finalmente tempo di parlare

Alcesti o La recita dellrsquoesilio vede la luce negli Elefanti Garzanti nel settembre 2002 Il dramma egrave stato richiesto e pensato per il Teatro Olimpico di Vicenza ma egrave destinato a non esservi rappresentato e Raboni che ne ha scritto le ultime scene a Yale nellrsquoaprile dellrsquoanno precedente in occasione del suo primo viaggio negli Sati Uniti dovragrave aspettare altri due anni prima di vederlo in scena La prima avragrave luogo il 7 gennaio 2004 presso il Teatro ldquoSanta Chiarardquo di Brescia ad opera del Centro Teatrale Bresciano per la regia di Cesare Lievi e lrsquointerpretazione di Ester Galazzi Roberto Trifirograve Gianfranco Varetto Francesco Vitale In concomitanza

59 Cf la Cronologia citata alla nota 49 e consultabile sul sito ufficiale 60 La traduzione per la Compagnia del Teatro Carcano diretta da Giulio Bosetti andograve in scena prima dallrsquo8 al 18 giugno 2000 al Teatro Greco di Siracusa poi il 27 settembre dello stesso anno al Teatro Olimpico di Vicenza Di recente Bosetti lrsquoha riportata in scena con un nuovo allestimen-to di cui ha curato personalmente la regia Una scheda del nuovo spettacolo e unrsquointervista allrsquoattore-regista allrsquoindirizzo Internet httpwwwteatroteatroit 61 Si veda a questo proposito RABONI 2000 p 14 ora in RABONI 2006 pp1742 s dove si leggono le seguenti significative parole laquoAntigone con il suo bisogno di dare sepoltura al corpo del fra-tello Polinice morto in battaglia crede di obbedire agli dei Creonte con la sua volontagrave di impe-dirglielo percheacute Polinice egrave morto combattendo contro la sua stessa patria ed egrave dunque di fronte agli uomini un traditore egrave convinto di obbedire alle esigenze della convivenza civile dellrsquoordine del buongoverno Chi ha ragione fra i due Il dibattito egrave aperto da 2500 anni e riguarda davvero [hellip] tutto e tutti in qualsiasi tempo e in qualsiasi luogo la storia di ogni comunitagrave retta da un patto sociale con il suo conflitto forse insanabile fra le ragioni del ldquoprogressordquo e le ragioni della giusti-zia e la vita di ciascuno di noi con il suo conflitto certamente insanabile fra le ragioni della mente e le ragioni del cuoreraquo

Alcesti nel Novecento letterario italiano

21

con lrsquoiniziativa teatrale si tiene in Brescia un ciclo di Seminari promosso dalla se-zione locale dellrsquoUniversitagrave Cattolica del Sacro Cuore dal titolo ldquoSacrifici al fem-minile Alcesti in scena da Euripide a Rabonirdquo e propedeutico per cosigrave dire alla rappresentazione giagrave programmata62 Al ciclo di seminari Raboni interviene il 12 dicembre 2003 parlando di ldquoAlcestirdquo e i disastri del Novecento63 e fornendo egli stesso ndash diremmo ndash le ragioni della nostra scelta odierna di parlarne64

Che Alcesti possa sollecitare la creativitagrave di chi richiesto di pensare a un testo drsquoargomento classico sembra non volere prescindere da un giudizio sulla storia piugrave recente ci pare particolarmente interessante e ci induce a appaiare in certo modo la riflessione di fine secolo che la ritrova protagonista alla riflessione savi-niana sopra indagata di metagrave Novecento Percheacute delle laquolacerazioniraquo della storia piugrave recente ci parla appunto la breve vicenda dei laquotre personaggi in fuga sullo sfondo di una persecuzione storicaraquo che Raboni si impegna a non farci individua-re ma appartiene tutta al laquosecolo terribile che ci siamo appena lasciati alle spalleraquo Ancora piugrave interessante ndash piugrave da fine millennio diremmo ndash il fatto che le lacera-zioni siano accompagnate dalle laquointermittenze del cuoreraquo che alberghino e pro-ducano esse stesse nuove umane lacerazioni nei tre personaggi che sperando di fuggire dalla follia in cui sta accadendo loro di vivere trovano ricovero provviso-rio di notte in un teatro Il frastuono delle sirene di un inseguimento notturno accompagna lrsquoingresso in scena di due uomini e una donna come potrete ascolta-re in questa prima sequenza video65

La donna in questione egrave Sara attrice costretta dallrsquooppressione del regime a

non calcare piugrave le scene Lrsquoaccompagnano Stefano il marito e il suocero Simone cui la donna egrave legata da affetto profondo per lrsquoaffinitagrave intellettuale e di sensibilitagrave che manca invece al suo rapporto con Stefano uomo ldquodrsquoazionerdquo assai diverso dal

62 Coordinati dalle docenti Maria Pia Pattoni e Roberta Carpani i seminari hanno visto la parteci-pazione di eminenti studiosi i cui interventi sono raccolti in PATTONI-CARPANI 2004 La profssa Pattoni ci ha cortesemente messo in contatto con lrsquoAddetto Stampa del CTB Bianca Simoni che ha messo a nostra disposizione il video del dramma di cui sono state proiettate alcune sequenze nel corso della conferenza 63 Per la trascrizione v RABONI 2004 e ora RABONI 2006 pp 1776 ss Da essa vengono le espres-sioni virgolettate al capoverso successivo 64 Ivi comprese le ragioni della scelta del verso certo il mezzo espressivo artistico piugrave congeniale al poeta Raboni ma anche quello da lui ritenuto piugrave necessario al teatro contemporaneo laquopercheacute la presenza del verso del ritmo della scansione metrica dagrave veramente la possibilitagrave di usare il lin-guaggio di tutti i giorni senza mimetismo cioegrave con quel distacco con quella rifrazione con quella torsione senza la quale non si fa teatro e non si fa arteraquo (RABONI 2004 p 441 Ora in RABONI 2006 p 1777 65 La sequenza cui si fa riferimento corrisponde ai primi diciotto versi del dramma Una seconda sequenza video della durata di tredici minuti egrave stata proposta durante la conferenza al termine della presentazione del dramma Pur mantenendo la veste discorsiva di allora abbiamo qui intrec-ciato allrsquoargomentazione i versi di Raboni che il pubblico ha ascoltato solo al suo termine

Roberto Vianello

22

padre Usciti dalla nebbia di fuori per entrare nel temporaneo rifugio possono sperare di sentirsi tranquilli per un porsquo attendendo di venire raccolti e clandesti-namente portati verso la libertagrave Eppure Stefano il marito manifesta un disagio che appare qualcosa di piugrave di una comprensibile connaturata diffidenza quando si chiede fin dalla sua prima battuta se siano finiti in un rifugio o in una trappola laquoSiamo in un teatroraquo66 proclama Sara rassicurante Questa disarmante confidenza nelle possibilitagrave salvifiche di quel luogo la connota fin dalle prime parole come personaggio idealista al limite di una ingenuitagrave irragionevole e non condivisibile che i compagni le rinfacceranno lungo tutta la durata della piegravece Egrave certo parados-sale la situazione di questi personaggi chiamati ad affidare la fuga dai disastri della realtagrave proprio al luogo per eccellenza deputato alla finzione Quel che si direbbe perograve fortuito accadimento sembra poco a poco rafforzarsi fino a farsi certezza in lei attrice che girovagando qua e lagrave scopre drsquoaver giagrave recitato su quel palco-scenico tanto tempo prima nel ruolo di ancella in un antico dramma greco che non ricorda piugrave Alcesti I sospetti di Stefano drsquoaltra parte sono ben giustificati La realtagrave sta per irrompere brutalmente tra le speranze E mentre Sara vagabonda ignara per il teatro alla ricerca delle proprie memorie ndash alla ricerca di seacute ndash Stefa-no informa il vecchio Simone che qualcosa egrave andato storto Gli accordi sono sal-tati o non sono stati compresi Il custode notturno che li ha condotti ligrave ndash figura sinistra temibile nella sua reticente ambiguitagrave nei sottintesi dei suoi silenzi ndash gli ha fatto sapere che ci sono solo due posti per loro soltanto due potranno sottrar-si al laquorischio mortale che incombe sulle loro testeraquo (p 1262) Quel teatro rischia di essere davvero una trappola Si profila per loro una scelta laquofra vivere e morireraquo (p 1265) Si tratta di individuare chi di tre che si amano destinare al sacrificio ulti-ma inattesa vittima del potere violento che si sono illusi di fuggire Poicheacute Stefano non puograve pensare che la scelta ricada su Sara la partita andragrave giocata tra padre e figlio Ed ecco riemergere vecchie incomprensioni conflitti e tensioni moderna-mente riconoscibili sinistri sospetti Ecco riattuarsi uno scontro non nuovo ai lettori di Euripide tra un figlio a rischio di morte e un padre che tiene laquoforsenna-tamente a quel porsquo drsquoalbe e tramontiraquo (p 1291) che gli restano Ecco marcarsi tra i tre incomunicabilitagrave e gelosie acuite se possibile dalla straniante condotta di Sa-ra che nella lotta inesorabile per la sopravvivenza giagrave avviatasi tra i due conduce invece con le memorie la ricostruzione di seacute della sua identitagrave di attrice cercando nel vecchio una complicitagrave che egrave chiaro non attende dallo sposo Proprio per questa via anche Sara entra senza avvedersene nel vero dramma a cui la situazio-ne la contesa daranno lenta progressiva consistenza la recita delle loro vite quali sono realmente proprio in un luogo di suprema finzione qual egrave il teatro la messa in scena di quel che sono davvero nellrsquoimminenza dellrsquoesilio nascosti in quel tea-tro A questo laquogioco della veritagraveraquo Sara partecipa confessando con naturalezza drsquoamarli entrambi laquoMa comrsquoegrave possibile amore mio che tu scopra proprio qui proprio ora qualcosa che egrave vero da sempre che egrave il senso stesso della nostra

66 RABONI 2006 p 1258 A questa edizione faranno riferimento le successive indicazioni di pagi-na tra parentesi

Alcesti nel Novecento letterario italiano

23

vita e cioegrave che io vi amo uno nellrsquoaltro uno a causa dellrsquoaltro qualche volta uno per rimpianto dellrsquoaltro indissolubilmente inestricabilmentehellipraquo(p 1277)

Sara partecipa completamente al vero dramma con tutta se stessa con quan-to della sua storia della sua arte lrsquoha fatta quel che egrave Con quanto ha appreso dalla recita di Alcesti dal sacrificio della laquosua reginaraquo (p 1280) che ha accettato di mori-re per lo sposo dalle battute stesse pronunciate ventrsquoanni prima tra cui vuol ri-cordarne una laquoSoltanto quando lrsquoavragrave perduta sapragrave veramente cosrsquoha perdu-tohellipraquo (p 1279) Una anticipazione ndash una profezia ndash di quanto accadragrave tra breve o forse meglio una esplicitazione del suo modo di intendere del suo modo di es-sere Di ligrave a poco finalmente informata da Simone dellrsquoimminente si opporragrave fie-ramente alla possibilitagrave che si debba scegliere tra loro Mentre infurieragrave a colpi di sospetti e di sarcasmi la lotta tra Simone e Stefano incapaci di morire per gli altri negheragrave solennemente di voler accettare che si finisca laquo uno dei tre a incarnare con amarezza forse con rancore la parte della vittima gli altri due a convivere con lrsquoorrore drsquoaverglielo permesso o suggerito o addirittura impostohellipraquo (p 1292)

Egrave vero bisogna decidere O forse chissagrave non decidere non decidere niente decidere di non deciderehellip Ascoltatemi vi prego Egrave da giorni che io ascolto voi che cerco di abitare nei vostri cuori che mi sforzo di pensare i pensieri di ciascuno di voi nellrsquoorrenda disputa che vi opponehellip(p 1294)

In realtagrave stanno ligrave da appena due ore

[hellip] eppure se ci penso continua a sembrarmi unrsquoeternitagrave unrsquoeternitagrave di stupore di sgomento di pena ad ascoltarvi che vi torturate a vicenda lrsquouno con lrsquoaiuto dellrsquoaltro sempre piugrave a fondo sempre piugrave mortalmente nel vivo a colpi drsquoorgoglio e drsquoironia [hellip] Niente e nessuno lo sapete mi egrave piugrave caro di voi e questo egrave vero sin dal giorno in cui mrsquoavete presa uno per moglie lrsquoaltro per figlia ndash e forse egrave piugrave vero piugrave vero ancora da quando un odio indecifrabile trasformatosi in legge dello Stato

Roberto Vianello

24

mrsquoimpedisce di fare la sola cosa che amo quasi quanto amo voi due recitare [hellip] [hellip] egrave venuto il momento di dirvela tutta drsquoun fiato senza giri di frase senza neanche tentare di convincervi la certezza che mi pesa sul cuore e insieme lo fa piugrave leggero se partire tutti egrave impossibile (e so bene so bene che egrave impossibile) non crsquoegrave che una cosa da fare restare tutti qui (pp 1295 ss)

La salvezza dal teatro Speranza vana Sara sa che in un teatro ci sono passag-

gi impensabili spazi ignorati o creduti impraticabili porte nascostehellip Non le pare irrealistico sperare di celarsi di giorno in quellrsquoambiente labirintico e restarvi tutti insieme uscendo solo la notte a turno e con cautela per procurarsi di che so-pravvivere67 Sente soprattutto di doverlo volere per opporsi a una necessitagrave che ri-fiuta con tutta se stessa proprio per restare se stessa Rimanere lagrave significa rifiu-tarsi di cedere al male respingere il gioco di chi vuol togliere loro lrsquoanima Come sarebbe possibile definire salvezza il rinunciare ad essere quelli che sono laquoampu-tarsi degli affetti piugrave cari tradire tutte le parole dateraquo (p 1294)

Il realismo di Stefano e Simone non sa accettare questo punto di vista Perfi-no lrsquoaccondiscendente suocero finisce per accusare la donna drsquoavere letto da gio-vane troppi romanzi drsquoappendice di non comprendere insomma che la sua egrave posizione illusoria idealistica mentre invece crsquoegrave di mezzo la vita Per i due uomini decidere si deve deve venire individuata la vittima Simone allora escogita un modo per evitare di scegliere tra le ragioni dellrsquouno e dellrsquoaltro tra la prospettiva di vita piugrave lunga del giovane e lrsquoattaccamento del vecchio al tempo che gli resta da vivere Lrsquouso laquoun porsquo ludico e un porsquo statisticoraquo (p 1301) di una vecchia pistola carica sorteggeragrave in una specie di roulette russa il sacrificando La canna non verragrave puntata alla tempia si spareragrave a qualche oggetto Il risultato saragrave garantito in modo incruento ndash ma saragrave garantito ndash da un arnese appartenente alla storia della famiglia intascato chissagrave quanto consapevolmente quale ultima difesa contro lrsquoimprevisto e divenuto allrsquoattuarsi dellrsquoimprevisto autolesionistico mezzo di riso-luzione di un dilemma insolubile arma puntata contro lrsquounitagrave affettiva della fami-glia strumento con cui la sorte decideragrave incolpevolmente il prescelto a laquolasciareraquo con la donna laquolrsquoinferno per il limboraquo (p 1305)

67 La situazione puograve ricordare in certo modo quella realmente vissuta dalla famiglia Frank prima della deportazione a Berger Belsen e soprattutto quella che ispirograve a Truffaut il famoso Lrsquoultimo metrograve (1980) in cui in una Parigi occupata dai nazisti un direttore teatrale ebreo riesce a sottrarsi al peggio nascondendosi nei sotterranei del suo teatro

Alcesti nel Novecento letterario italiano

25

Sara comprende oramai come un muro si opponga tra le sue parole e il cuore dei due E se ne va per non fare piugrave ritorno senza che essi intuiscano la sua vera determinazione laquoNo non piugrave non queste cose Scusami Scusatemiraquo (p 1303) sono le sue ultime parole

Dopo un ultimo contrasto col padre Stefano va infine alla ricerca di un og-getto da trasformare in bersaglio per esercitarvi il gioco della sorte illudendosi nel contempo di poter trovare la donna Ma il Custode apparso drsquoimprovviso gli rivela come sia vana ogni ricerca di lei dato che lrsquoha appena vista uscire o meglio laquoentrare in quella gran nebbia che crsquoegrave lagrave fuori e che lei stessa [hellip] ha parago-nato allrsquoAderaquo (p 1307) Egrave il momento in cui tale personaggio rivela il massimo della sua ambiguitagrave ndash meglio sarebbe dire della sua impenetrabilitagrave ndash con lrsquoapparire aguzzino cinico incapace di pietagrave e col suo contemporaneo proclamar-si mero esecutore di ordini che laquonon sono mai [hellip] degli ordini inumaniraquo (p 1306) Lo spedizioniere ndash come lo hanno definito i nostri personaggi scopertisi fardelli in attesa di spedizione in preda al potere incoercibile delle circostanze ndash lrsquouomo che appare e scompare laquocome la figura della morte in certi campanili goticiraquo (p 1284) pare sapere molto piugrave di quel che svela Egrave tornato a comandare lrsquoabbandono del teatro ma le sue allusioni reticenti le mezze veritagrave suggerite ne svelano il vero ruolo Egli non egrave appena lrsquointermediario per lrsquoattuazione del pia-no concordato Vero deus ex machina egrave piuttosto lrsquoagente chiamato a fare lucida-mente precipitare lrsquoazione scenica verso la sua conclusione la conoscenza vera di un seacute decisamente impresentabile che situazioni disperate stati di necessitagrave acca-de sappiano lasciare emergere Ai due antieroi che protestano di non poter parti-re senza Sara che mentendo a se stessi pretendono di dover far qualcosa per lei nella concitazione dellrsquoobbligata partenza glacialmente il Custode risponde

Fare cosa Non crsquoegrave proprio niente da fare ci sarebbe semmai qualcosa da capire Ma piugrave tardi adesso non ne avete il tempo ricordatevi che dovete partire (p 1308)

Stefano adesso ndash cominciando a comprendere ndash vorrebbe restar ligrave per provare a cercarla Vano tentativo di acquietare la coscienza Egli in realtagrave si lascia presto vilmente travolgere come il padre dalla necessitagrave della congiuntura e dalla cruda imbarazzante veritagrave che finalmente emerge dalle agghiaccianti battute del dramma che srsquoavvia alla conclusione

STEFANO Ma qui possiamo cercarla CUSTODE E in che modo andandovi a ficcare tra le grinfie di chi vi dagrave la caccia Credete a me non avete altra scelta

Roberto Vianello

26

salite su quel camion Oltretutto se ci pensate egrave quello che tutti e due volevate con ogni vostra forza dalla piugrave palese alla piugrave segreta e che anche lei evidentemente ha voluto per voi STEFANO Mahellip SIMONE Quellrsquouomo chiunque sia ha ragione Diamogli retta figlio Io sono vecchio tu sei giovane ma entrambi credo siamo adulti e letterati quanto basta per mutare con lrsquoaiuto del tempo in una specie di dolcezza anche la piugrave atroce delle vergogne Su vieni STEFANO Non potrograve mai perdonartelo SIMONE Neacute io a te Ma ciascuno di noi due vedrai troveragrave il modo di perdonarlo almeno un porsquo a se stesso (pp 1309 s)

La personale convenienza prevale alla fine su ogni buona intenzione Lrsquoalibi dellrsquoimpossibilitagrave drsquoalcuncheacute oscura a pena il significato di disattenzioni indispo-nibilitagrave sorditagrave cui lo spettatore ha assistito sino a poco prima La mancata sin-tonia tra i parenti della nostra recita non trova piugrave spiegazione nella mera differen-za del carattere o nella gelosia Altra egrave lrsquoinconfessata veritagrave quella di scelte dettate dallrsquoistinto puro di conservazione al quale ogni legame affettivo egrave risultato sacri-ficato forse dettate persino da una inconscia volontagrave di liquidare conti da troppo sospesi

Il custode prima di lasciarli comunica che una laquocompagna di viaggioraquo partiragrave insieme a loro Nessuno sa chi sia laquoDicono che sia una reginaraquo ma non si sa di che paese laquoe nemmeno se la parola sia da intendere in senso proprio oppure figuratoraquo (p 1312) Con lei e di lei nessuno dovragrave nemmeno parlare gli ordini mi-steriosi sono tassativi pena il rischio dellrsquoincolumitagrave I due dovranno limitarsi a seguirla a qualche passo di distanza senza azzardare nemmeno con se stessi con-getture sul suo conto che potrebbero risultare addirittura laquoinsopportabiliraquo (ivi) Una donna velata compare sul fondo della scena Egrave Sara riconoscibile al pubbli-co ma laquomisteriosamente mutataraquo (p 1311) Forse la sua presenza porteragrave a com-pimento la recita delle laquolacerazioni della storiaraquo e delle laquointermittenze del cuoreraquo

Alcesti nel Novecento letterario italiano

27

cui lrsquoAutore voleva dar vita e indurragrave i nostri antieroi a capire Forse Egrave dunque per salvar lei che uno di loro tre ha dovuto sacrificarsi ndash chiede Stefano laquoStrana domandaraquo commenta il Custode laquoImproponibileraquo e laquoridicolaraquo

ndash quasi come voler cercare qualcuno nella nebbia se la nebbia egrave cosigrave maledettamente simile agli opachi labirinti dellrsquoAde Ma che senso ha che io cerchi di convincerti di quello di cui solo tu quando e se mai te ne verragrave il coraggio potrai convincere te stesso (p 1313)

Il Custode denuncia in quella domanda lrsquoultimo tentativo di addossare ad altri

una responsabilitagrave propria Alibi velleitario quanto lrsquoirrealistica voglia presto ac-quietata di cercare Sara nella nebbia Solo il coraggio di guardarsi dentro davvero permetteragrave di trovare la veritagrave La veritagrave di viltagrave ed eroismo che ha preso vita nel luogo della finzione il Teatro dove srsquoegrave combattuta la lotta tra lrsquoindole belluina ridestata in due personaggi dalle urgenze delle disgrazie e le esigenze ndash del cuore e della ragione insieme ndash della loro donna Durante lrsquoaccadimento che egrave la recita cui abbiamo assistito i nostri eroi hanno mostrato e forse capito ndash o cominciato a capire ndash di piugrave se stessi mentre lrsquoancella drsquoun tempo srsquoegrave potuta trasformare in re-gina Egrave stato per il suo gesto Egrave stato come altri propone per la sua volontagrave di restare ligrave nel Teatro preferendo laquola veritagrave dellrsquoapparire alla menzogna della real-tagraveraquo68 LrsquoAlcesti di Raboni non racconta di un ritorno dallrsquoaldilagrave Racconta piutto-sto di una fuga dallrsquoinferno nelle coscienze o ndash se si vuole e solo per i due uomi-ni ndash di un ingresso in un loro purgatorio al seguito di una donna laquoimmagine del loro amore e della loro vergognaraquo69

Un fraintendimento novecentesco Il tempo oramai esaurito ci costringe a concludere Resterebbe da porre una

domanda che a nostro giudizio merita di non essere elusa soprattutto alla luce di recenti sviluppi dellrsquoindagine critica Il Novecento ha davvero inteso correttamen-te il rapporto tra lrsquoAlcesti e lrsquoAdmeto consegnati da Euripide agli Ateniesi del 438 aC e al pubblico di ogni epoca Savinio ci ha consegnato un Paul-Admeto inno-cente quanto alla decisione della sposa ma non del tutto riabilitato quanto alle ra-gioni che quel gesto hanno determinato almeno per la parte che puograve avervi avuto

68 LIEVI 2004 p 447 69 RABONI 2004 p 445 Ora in RABONI 2006 p 1782

Roberto Vianello

28

il suo modo di essere sposo (v p 12) Raboni ci presenta uno Stefano-Admeto che accetta ingloriosamente il destino a lui favorevole Il giudizio degli autori no-vecenteschi si abbatte impietoso sullrsquoindividuo maschile della coppia Raboni pa-ragonograve il desiderio finale di cercare Sara alla laquoretoricaraquo disperazione di Admeto in Euripide per una morte che lui aveva laquorichiesto o comunque accettatoraquo70 Kott per citare solo unrsquoaltra voce sulla questione quando riflette sul rapporto tra i co-niugi in Euripide squalifica lo sposo affermando laquoAlcesti egrave unrsquoeroina di tragedia ma ha un marito che viene dalla commediaraquo71

Ci chiediamo e se il Novecento avesse frainteso Se Admeto non avesse avu-to davvero possibilitagrave di scegliere Bisognerebbe certo postulare un secolare fraintendimento Andrebbero indagate inoltre le ragioni dellrsquoamplificazione di quelle che da sempre sono apparse ambiguitagrave e contraddizioni del testo euripi-deo Admeto implora la sposa di non lasciarlo e la rimprovera quasi di abbando-nare oltre a lui i figli proprio mentre la morte la ghermisce Egrave davvero vuota-mente retorica la sua disperazione O un fuorviante pregiudizio moderno ci pre-clude la veritagrave indotti come siamo a biasimarne lrsquointollerabile ingratitudine per un gesto ancor piugrave grande ai nostri occhi in una condizione di subalternitagrave social-mente pretesa Non sarebbe incomprensibile il manifestarsi di tale fastidio nel progressivo maturare di una coscienza di genere tra Ottocento e Novecento e nella ormai conquistata emancipazione femminile Osiamo suggerire tali conside-razioni sulla scia di un interessante intervento critico apparso di recente sulla rivi-sta ldquoMateriali e discussioni per lrsquoanalisi dei testi classicirdquo cui non crsquoegrave tempo di de-dicare oggi lo spazio necessario ma che potragrave essere letto con profitto sul sito del nostro Liceo72

Carlo Brillante vi sostiene lrsquoimplausibilitagrave che Euripide abbia pensato di porta-re in scena un personaggio doppio e contraddittorio quale appare lrsquoAdmeto che riteniamo di conoscere Egli suggerisce invece la sciagurata eventualitagrave che Adme-to non abbia potuto opporsi al sacrificio della sposa richiamando in certo modo i tentativi di moralizzare il personaggio attuati prima dellrsquoOttocento Il critico tut-tavia non egrave vincolato alle necessitagrave etico-artistiche che animarono in passato un Aureli o un Alfieri73 Quel che conduce la sua indagine invece egrave lrsquoesigenza erme-neutica di comprendere quanto resta misconosciuto della vicenda degli sposi mi-tici e della tragedia greca cui forse erroneamente si attribuisce la scelta di insce-nare una ipocrisia poco onorevole e poco edificante Percheacute nulla ci dice il testo euripideo del ruolo di Admeto negli avvenimenti che hanno preceduto lrsquoazione scenica Sappiamo solo che Apollo ingannando le Moire ha ottenuto il dono piugrave prezioso per lrsquoamico descritto per lrsquointero dramma come uomo pio verso la divi-

70 RABONI 2004 p 444 Ora in RABONI 2006 p 1782 71 KOTT 2005 p 104 72 Cf BRILLANTE 2005 La riproduzione del saggio sul sito del Liceo egrave stata autorizzata dalla Re-dazione scientifica della rivista e dalla sua Casa editrice La si legga allrsquoindirizzo Internet wwwgiuseppeveroneseit (Materiali didattici Italiano Vianello Roberto) 73 Cf p 5

Alcesti nel Novecento letterario italiano

29

nitagrave e campione di ospitalitagrave e φιλία Quale rapporto sia intercorso tra il dono i-natteso del dio e la decisione sacrificale di Alcesti non si dice in Euripide neacute ci egrave dato di ipotizzarne aspetti disonorevoli per Admeto di cui sappiamo solo che οὐχ ηὗρε πλὴν γυναικὸς ὃστις ἤθελε θανὼν πρὸ κείνου microηκέτ΄εἰσορᾶν φάος ldquonon trovograve tranne la moglie chi volesse morendo per lui non piugrave vedere la lucerdquo (17-18) Osserva Brillante che il verbo εὑρίσκω laquopuograve designare un ritrovamento casuale senza riferimento a unrsquointenzionalitagrave del soggettoraquo 74 Un valore che e-scluderebbe una richiesta egoistica alla sposa e renderebbe lrsquoofferta di seacute della donna inattesa almeno quanto il dono stesso Il valore del verbo nel contesto egrave certo controverso75 ma di una richiesta esplicita ad Alcesti nel dramma non si fa mai menzione e forse solo un pregiudizio naturale quanto si vuole puograve farla po-stulare Il critico perciograve ipotizza che la possibilitagrave di una morte sostitutiva strap-pata da Apollo alle Moire si configuri come un vero e proprio patto a cui en-trambi i contraenti restano vincolati e che accettato da Admeto egrave divenuto vin-colante anche per lui Admeto non avrebbe dovuto in realtagrave accettare o meno il sacrificio di Alcesti quanto piuttosto scegliere se accettare o meno la vantaggiosa offerta del dio senza poter prevedere lrsquoinattesa offerta di seacute dellrsquoormai insostitui-bile sposa Piugrave generosa di amici e genitori Alcesti avrebbe involontariamente trasformato la piugrave impensabile delle opportunitagrave in un dono avvelenato I doni degli immortali sono spesso inevitabili per gli uomini E il re di Fere non aveva certo motivo di rifiutare il tributo di una divinitagrave amica alla piugrave onorevole delle sue virtugrave Sono solo lrsquoinatteso rifiuto dei genitori e lrsquoimprevista offerta di Alcesti a rendere non piugrave vantaggiosa lrsquoofferta di Apollo quando Thanatos rifiuta di nego-ziare con Apollo una dilazione della morte di Alcesti oramai non crsquoegrave piugrave nulla da fare I rapporti tra uomini e immortali ndash osserviamo noi ndash sono normalmente diffi-cili E spesso ndash continua Brillante ndash i doni degli immortali non corrispondono alle attese di chi li ha sollecitati Altri eroi dopo aver stipulato un patto vantaggioso con la divinitagrave laquosubiscono un male maggiore di quello che speravano di evitareraquo76 Egrave il caso di Idomeneo il re di Creta costretto a uccidere il figlio per aver promes-so a Poseidone di sacrificargli ciograve che avesse incontrato sulla terraferma se fosse scampato al naufragio Stessa sorte subirono la sposa e i figli di Meandro che sti-pulograve un patto analogo con la madre degli dei Cosigrave come accadde alla figlia di Ief-te giudice dellrsquoAntico Testamento che si distinse combattendo contro gli Am-moniti e in cambio della vittoria su di essi promise in olocausto a IHWH ndash scon-sideratamente ndash la persona che per prima fosse uscita dalle porte di casa sua per andargli incontro (Gdc 11 30-39) In tutti questi casi eventi inattesi trasformano nella rovina dellrsquoeroe un patto incautamente ritenuto conveniente Qualcosa di simile andrebbe postulato anche per Admeto che tutto avrebbe potuto prevede-re tranne la dedizione della sposa fino al dono totale di seacute

74 BRILLANTE 2005 p 17 75 Cf ivi n 18 76 Brillante 2005 p 22

Roberto Vianello

30

Dobbiamo veramente terminare Non abbiamo titolo per pronunciarci con competenza sullrsquoipotesi sin qui descritta Se essa dovesse dimostrarsi esatta biso-gnerebbe ripensare lrsquoAlcesti di Euripide e restituire al suo sposo un onore troppo a lungo negato77 Le presunte ombre e ambiguitagrave che lo riguardano risulterebbero illuminate da una luce di sincero affetto per la sposa di vera disperazione per la sua perdita Giusta si rivelerebbe come pretendeva Platone la ricompensa delle virtugrave di entrambi col ritorno in vita di lei Nuova luce prenderebbero poi le letture artistiche del secolo da poco conclusosi che abbiamo fin qui descritto E do-vremmo forse attribuire a evoluzione del costume ai drammi della psiche a traumi della sua storia la valutazione antieroica del rapporto immaginato tra gli sposi in quelle recenti storie Lasciamo alla vostra riflessione le molte osservazioni sin qui proposte Qualsiasi sia la veritagrave su Alcesti e Admeto siete tutti invitati al teatro ldquoDon Boscordquo ad assistere alla rappresentazione che gli studenti del Classi-co ne daranno il prossimo 29 Aprile Grazie

ROBERTO VIANELLO

77 Almeno per quel che concerne il suo rapporto con la sposa Rimarrebbe invero da valutare la sua pretesa di essere sostituito da amici e genitori Per i secondi si potrebbe forse invocare il con-cetto di giustizia generazionale per il quale la piugrave lunga aspettativa di vita del giovane il lungo godi-mento di ricchezze e felicitagrave da parte dei piugrave anziani renderebbero ndash in modo che lascia perplessa la coscienza moderna ndash onorevole la loro dipartita meno disonorevole la richiesta loro diretta Per i primi si dovrebbero forse invocare concetti quali la regalitagrave dellrsquointerlocutore la ragion di Stato la manifestazione concreta di una φιλία attesa dalla sodalitagrave tra pari non invece dallrsquoaffetto di una donna Per entrambi bisogneragrave poi tener presente lrsquoorigine fiabesca della situazione e del dono stesso

Alcesti nel Novecento letterario italiano

31

Indice bibliografico

BASTA DONZELLI 1987 G BASTA DONZELLI Euripide in Dizionario degli scrittori greci e latini Diretto da F DELLA CORTE Milano Marzorati 1987

BRILLANTE 2005 C BRILLANTE LrsquoAlcesti di Euripide il personaggio di Admeto e la struttura del dramma in ldquoMateriali e discussioni per lrsquoanalisi dei testi classicirdquo 54 (2005) pp 9-46

CARDARELLI 1981 V CARDARELLI Opere Milano Mondadori 1981

CARDARELLI 1985 Il testamento letterario di Giacomo Leopardi Pensieri dello Zibaldone scelti annotati e ordinati da Vincenzo Cardarelli Torino Fogravegola 1985 (ri-stampa del fascicolo trimestrale de ldquoLa Rondardquo del giugno 1921)

CASCETTA 1995 A CASCETTA Lrsquo Alcesti di Samuele di Alberto Savinio una tragedia mo-derna in Studia classica Iohanni Tarditi oblata A cura di L BELLONI G MILANESE A PORRO vol II Milano Vita e Pensiero Pubblicazioni dellrsquoUniversitagrave Cattolica 1995 pp 1405-1446

CORTELLESSA 2005 A CORTELLESSA La poesia in carne e ossa postfazione a RABONI 2005

DE SANCTIS 1995 F DE SANCTIS Schopenhauer e Leopardi A cura di F Gnerre e A L Marongiu Milano Edizioni Oberon 1995 (volumetto per la scuola che riproduce il citatissimo Schopenhauer e Leopardi Dialogo tra A e D in Saggi critici A cura di L Russo II Bari Laterza 1952)

EURIPIDE E ALTRI 2006 EURIPIDE WIELAND RILKE YOURCENAR RABONI Alcesti Variazio-ni sul mito Venezia Marsilio 2006

GUIDI 2006 O GUIDI Alberto Savinio profeta dellrsquoUnitagrave Europea in Irregolari novecente-schi Bontempelli Savinio Landolfi Penna Curto Longo Editore Ravenna 2006 pp 29-46

KOTT 2005 J KOTT Alcesti velata in IDEM Divorare gli dei Unrsquointerpretazione della tragedia greca Milano B Mondadori 2005 pp 100-133

LANGELLA 2004 G LANGELLA Lrsquoottimismo della speranza Sullrsquo ldquoAlcestirdquo incompiuta di Al-varo in PATTONI-CARPANI 2004 pp 369-386

LESKY 1925 A LESKY Alkestis Der Mythus und das Drama Wien und Leipzig 1925 (ldquoSitz Akad Wiss Wienrdquo phil-hits Kl 203 2 Abh)

LIEVI 2004 C LIEVI Lrsquo ldquoAlcestirdquo di Giovanni Raboni Riflessione di un regista in PAT-TONI-CARPANI 2004 pp 446-447

MAGRO 2008 F MAGRO Un luogo della veritagrave umana La poesia di Giovanni Raboni Pa-sian di Prato (UD) Campanotto editore 2008

MENGALDO 1978 P V MENGALDO Poeti italiani del Novecento Milano Mondadori 1978 pp 398-402

MENGALDO 1998 P V MENGALDO Profili di critici del Novecento Torino Bollati Borin-ghieri 1998 pp 107-111

MORACE 1983 C ALVARO Alcesti a cura di A M MORACE in ldquoNuovi Annali della Facoltagrave di Magistero dellrsquoUniversitagrave di Messinardquo 1 (1983) pp 729-758

MORACE 2001 A M MORACE La riscrittura del mito nel teatro alvariano in IDEM Orbite novecentesche Napoli Edizioni Scientifiche Italiane 2001 pp 85-103

Roberto Vianello

32

NOSARTI 1992 ANONIMO LrsquoAlcesti di Barcellona A cura di L NOSARTI Bologna Pagrave-tron 1992

PADUANO 2004 G PADUANO Lrsquounitagrave dellrsquo Alcesti e la doppia ricezione in PATTONI-CARPANI 2004 pp 343-359

PATTONI 2004 M P PATTONI Le metamorfosi di Alcesti Dallrsquoarchetipo alle sue rivisitazioni in PATTONI-CARPANI 2004 pp 279-300

PATTONI 2006 M P PATTONI Introduzione a EURIPIDE E ALTRI 2006 pp 9-48

PATTONI-CARPANI 2004 Sacrifici al femminile Alcesti in scena da Euripide a Raboni in ldquoComunica-zioni socialirdquo anno XXVI NS Sez teatro 3 (Settembre-Dicembre 2004)

PEDULLAgrave 1991 W PEDULLAgrave Alberto Savinio Storia esemplare di uno scrittore di avanguar-dia Milano Bompiani 1991

PIETROMARCHI 1986 voce Savinio Alberto in Dizionario critico della letteratura italiana diretto da V BRANCA Torino UTET 1986 pp 98-100

PISCOPO 1973 U PISCOPO Alberto Savinio Milano Mursia 1973

RABONI 1987 G RABONI Poeti del secondo Novecento in Storia della letteratura italiana Diretta da E CECCHI e N SAPEGNO Il Novecento Milano Garzanti 1987 pp 207-248 Ora in RABONI 2005 pp 190-250

RABONI 1992 Sereni a Milano in Per Vittorio Sereni Convegno di poeti Milano Allrsquoinsegna del pesce drsquooro 1992

RABONI 2000 G RABONI Tradurre il sentimento in Tu hai preferito vivere io morire Con Antigone di Sofocle A cura di M G CIANI E F DONADI I quaderni del Teatro Olimpico 6 Vicenza 2000 pp 14-15 Ora in RABONI 2006 PP 1742-1743

RABONI 2004 G RABONI ldquoAlcestirdquoe i disastri del Novecento in PATTONI-CARPANI 2004 pp 441-445

RABONI 2005 G RABONI La poesia che si fa Cronaca e storia del Novecento poetico italia-no 1959-2004 A cura di A CORTELLESSA Milano Garzanti 2005

RABONI 2006 G RABONI Lrsquoopera poetica Milano Mondadori 2006

RAGNI 2002 E RAGNI Savinio mito e mondo classico in Atti del Convegno ldquoIl classico nel-la Roma contemporanea Mito modelli memoriardquo Roma 18-20 ottobre 2000 A cura di FERNANDA ROSSETTI Istituto Nazionale di Studi Romani 2002 vol I pp 71-105

REALE 1991 PLATONE Tutti gli scritti A cura di G REALE Milano Rusconi 1991

RIGONI 1985 M A RIGONI Saggi sul pensiero Leopardiano Napoli Liguori 1985

SAVINIO 1992 A SAVINIO Dico a te Clio Milano Adelphi 1992

SAVINIO 2007 A SAVINIO Alcesti di Samuele e atti unici A cura di A TINTERRI Mila-no Adelphi Edizioni 20072

SUSANETTI 2001 D SUSANETTI La favola bella della morte in Euripide Alcesti A cura di IDEM Venezia Marsilio 2001

SUSANETTI 2004 D SUSANETTI Alcesti sacrificio e resurrezione Elementi di un mito con sei variazioni in PATTONI-CARPANI 2004 pp 307-327

Alcesti nel Novecento letterario italiano

33

TELOgrave 2004 M TELOgrave lsquoAspettando Ercolersquo Universalismo mitico e primitivismo romantico in ldquoLe mystere drsquoAlcesterdquo di M Yourcenar in PATTONI-CARPANI 2004 pp 387-410

USAI 2005 A USAI Il mito nellrsquoopera letteraria e pittorica di Alberto Savinio Roma E-dizioni Nuova Cultura 2005

VIVARELLI 1996 Alberto Savinio Catalogo generale A cura di P VIVARELLI Milano Elec-ta 1996

WILSON 1968 Twentieth Century Interpretations of Euripidesrsquo Alcestis A collection of Critical Essays Edited by J R WILSON Englewood Cliffs N J Prentice-Hall 1968

ltlt ASCII85EncodePages false AllowTransparency false AutoPositionEPSFiles true AutoRotatePages None Binding Left CalGrayProfile (Dot Gain 20) CalRGBProfile (sRGB IEC61966-21) CalCMYKProfile (US Web Coated 050SWOP051 v2) sRGBProfile (sRGB IEC61966-21) CannotEmbedFontPolicy Error CompatibilityLevel 14 CompressObjects Tags CompressPages true ConvertImagesToIndexed true PassThroughJPEGImages true CreateJDFFile false CreateJobTicket false DefaultRenderingIntent Default DetectBlends true ColorConversionStrategy LeaveColorUnchanged DoThumbnails false EmbedAllFonts true EmbedJobOptions true DSCReportingLevel 0 EmitDSCWarnings false EndPage -1 ImageMemory 1048576 LockDistillerParams false MaxSubsetPct 100 Optimize true OPM 1 ParseDSCComments true ParseDSCCommentsForDocInfo true PreserveCopyPage true PreserveEPSInfo true PreserveHalftoneInfo false PreserveOPIComments false PreserveOverprintSettings true StartPage 1 SubsetFonts true TransferFunctionInfo Apply UCRandBGInfo Preserve UsePrologue false ColorSettingsFile () AlwaysEmbed [ true ] NeverEmbed [ true ] AntiAliasColorImages false DownsampleColorImages true ColorImageDownsampleType Bicubic ColorImageResolution 300 ColorImageDepth -1 ColorImageDownsampleThreshold 150000 EncodeColorImages true ColorImageFilter DCTEncode AutoFilterColorImages true ColorImageAutoFilterStrategy JPEG ColorACSImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt ColorImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt JPEG2000ColorACSImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt JPEG2000ColorImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt AntiAliasGrayImages false DownsampleGrayImages true GrayImageDownsampleType Bicubic GrayImageResolution 300 GrayImageDepth -1 GrayImageDownsampleThreshold 150000 EncodeGrayImages true GrayImageFilter DCTEncode AutoFilterGrayImages true GrayImageAutoFilterStrategy JPEG GrayACSImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt GrayImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt JPEG2000GrayACSImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt JPEG2000GrayImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt AntiAliasMonoImages false DownsampleMonoImages true MonoImageDownsampleType Bicubic MonoImageResolution 1200 MonoImageDepth -1 MonoImageDownsampleThreshold 150000 EncodeMonoImages true MonoImageFilter CCITTFaxEncode MonoImageDict ltlt K -1 gtgt AllowPSXObjects false PDFX1aCheck false PDFX3Check false PDFXCompliantPDFOnly false PDFXNoTrimBoxError true PDFXTrimBoxToMediaBoxOffset [ 000000 000000 000000 000000 ] PDFXSetBleedBoxToMediaBox true PDFXBleedBoxToTrimBoxOffset [ 000000 000000 000000 000000 ] PDFXOutputIntentProfile () PDFXOutputCondition () PDFXRegistryName (httpwwwcolororg) PDFXTrapped Unknown Description ltlt ENU (Use these settings to create PDF documents with higher image resolution for high quality pre-press printing The PDF documents can be opened with Acrobat and Reader 50 and later These settings require font embedding) JPN ltFEFF3053306e8a2d5b9a306f30019ad889e350cf5ea6753b50cf3092542b308030d730ea30d730ec30b9537052377528306e00200050004400460020658766f830924f5c62103059308b3068304d306b4f7f75283057307e305930023053306e8a2d5b9a30674f5c62103057305f00200050004400460020658766f8306f0020004100630072006f0062006100740020304a30883073002000520065006100640065007200200035002e003000204ee5964d30678868793a3067304d307e305930023053306e8a2d5b9a306b306f30d530a930f330c8306e57cb30818fbc307f304c5fc59808306730593002gt FRA ltFEFF004f007000740069006f006e007300200070006f0075007200200063007200e900650072002000640065007300200064006f00630075006d0065006e00740073002000500044004600200064006f007400e900730020006400270075006e00650020007200e90073006f006c007500740069006f006e002000e9006c0065007600e9006500200070006f0075007200200075006e00650020007100750061006c0069007400e90020006400270069006d007000720065007300730069006f006e00200070007200e9007000720065007300730065002e0020005500740069006c006900730065007a0020004100630072006f0062006100740020006f00750020005200650061006400650072002c002000760065007200730069006f006e00200035002e00300020006f007500200075006c007400e9007200690065007500720065002c00200070006f007500720020006c006500730020006f00750076007200690072002e0020004c00270069006e0063006f00720070006f0072006100740069006f006e002000640065007300200070006f006c0069006300650073002000650073007400200072006500710075006900730065002egt DEU ltFEFF00560065007200770065006e00640065006e0020005300690065002000640069006500730065002000450069006e007300740065006c006c0075006e00670065006e0020007a0075006d002000450072007300740065006c006c0065006e00200076006f006e0020005000440046002d0044006f006b0075006d0065006e00740065006e0020006d00690074002000650069006e006500720020006800f60068006500720065006e002000420069006c0064006100750066006c00f600730075006e0067002c00200075006d002000650069006e00650020007100750061006c00690074006100740069007600200068006f006300680077006500720074006900670065002000410075007300670061006200650020006600fc0072002000640069006500200044007200750063006b0076006f0072007300740075006600650020007a0075002000650072007a00690065006c0065006e002e00200044006900650020005000440046002d0044006f006b0075006d0065006e007400650020006b00f6006e006e0065006e0020006d006900740020004100630072006f0062006100740020006f0064006500720020006d00690074002000640065006d002000520065006100640065007200200035002e003000200075006e00640020006800f600680065007200200067006500f600660066006e00650074002000770065007200640065006e002e00200042006500690020006400690065007300650072002000450069006e007300740065006c006c0075006e00670020006900730074002000650069006e00650020005300630068007200690066007400650069006e00620065007400740075006e00670020006500720066006f0072006400650072006c006900630068002egt PTB ltFEFF005500740069006c0069007a006500200065007300740061007300200063006f006e00660069006700750072006100e700f5006500730020007000610072006100200063007200690061007200200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200063006f006d00200075006d00610020007200650073006f006c007500e700e3006f00200064006500200069006d006100670065006d0020007300750070006500720069006f0072002000700061007200610020006f006200740065007200200075006d00610020007100750061006c0069006400610064006500200064006500200069006d0070007200650073007300e3006f0020006d0065006c0068006f0072002e0020004f007300200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200070006f00640065006d0020007300650072002000610062006500720074006f007300200063006f006d0020006f0020004100630072006f006200610074002c002000520065006100640065007200200035002e00300020006500200070006f00730074006500720069006f0072002e00200045007300740061007300200063006f006e00660069006700750072006100e700f50065007300200072006500710075006500720065006d00200069006e0063006f00720070006f0072006100e700e3006f00200064006500200066006f006e00740065002egt DAN ltFEFF004200720075006700200064006900730073006500200069006e0064007300740069006c006c0069006e006700650072002000740069006c0020006100740020006f0070007200650074007400650020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006d006500640020006800f8006a006500720065002000620069006c006c00650064006f0070006c00f80073006e0069006e0067002000740069006c0020007000720065002d00700072006500730073002d007500640073006b007200690076006e0069006e0067002000690020006800f8006a0020006b00760061006c0069007400650074002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e007400650072006e00650020006b0061006e002000e50062006e006500730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f0067002000520065006100640065007200200035002e00300020006f00670020006e0079006500720065002e00200044006900730073006500200069006e0064007300740069006c006c0069006e0067006500720020006b007200e600760065007200200069006e0074006500670072006500720069006e006700200061006600200073006b007200690066007400740079007000650072002egt NLD ltFEFF004700650062007200750069006b002000640065007a006500200069006e007300740065006c006c0069006e00670065006e0020006f006d0020005000440046002d0064006f00630075006d0065006e00740065006e0020007400650020006d0061006b0065006e0020006d00650074002000650065006e00200068006f00670065002000610066006200650065006c00640069006e00670073007200650073006f006c007500740069006500200076006f006f0072002000610066006400720075006b006b0065006e0020006d0065007400200068006f006700650020006b00770061006c0069007400650069007400200069006e002000650065006e002000700072006500700072006500730073002d006f006d0067006500760069006e0067002e0020004400650020005000440046002d0064006f00630075006d0065006e00740065006e0020006b0075006e006e0065006e00200077006f007200640065006e002000670065006f00700065006e00640020006d006500740020004100630072006f00620061007400200065006e002000520065006100640065007200200035002e003000200065006e00200068006f006700650072002e002000420069006a002000640065007a006500200069006e007300740065006c006c0069006e00670020006d006f006500740065006e00200066006f006e007400730020007a0069006a006e00200069006e006700650073006c006f00740065006e002egt ESP ltFEFF0055007300650020006500730074006100730020006f007000630069006f006e006500730020007000610072006100200063007200650061007200200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200063006f006e0020006d00610079006f00720020007200650073006f006c00750063006900f3006e00200064006500200069006d006100670065006e00200071007500650020007000650072006d006900740061006e0020006f006200740065006e0065007200200063006f007000690061007300200064006500200070007200650069006d0070007200650073006900f3006e0020006400650020006d00610079006f0072002000630061006c0069006400610064002e0020004c006f007300200064006f00630075006d0065006e0074006f00730020005000440046002000730065002000700075006500640065006e00200061006200720069007200200063006f006e0020004100630072006f00620061007400200079002000520065006100640065007200200035002e003000200079002000760065007200730069006f006e0065007300200070006f00730074006500720069006f007200650073002e0020004500730074006100200063006f006e0066006900670075007200610063006900f3006e0020007200650071007500690065007200650020006c006100200069006e0063007200750073007400610063006900f3006e0020006400650020006600750065006e007400650073002egt SUO ltFEFF004e00e4006900640065006e002000610073006500740075007300740065006e0020006100760075006c006c006100200076006f0069006400610061006e0020006c0075006f006400610020005000440046002d0061007300690061006b00690072006a006f006a0061002c0020006a006f006900640065006e002000740075006c006f0073007400750073006c00610061007400750020006f006e0020006b006f0072006b006500610020006a00610020006b007500760061006e0020007400610072006b006b007500750073002000730075007500720069002e0020005000440046002d0061007300690061006b00690072006a0061007400200076006f0069006400610061006e0020006100760061007400610020004100630072006f006200610074002d0020006a0061002000520065006100640065007200200035002e00300020002d006f0068006a0065006c006d0061006c006c0061002000740061006900200075007500640065006d006d0061006c006c0061002000760065007200730069006f006c006c0061002e0020004e00e4006d00e4002000610073006500740075006b0073006500740020006500640065006c006c00790074007400e4007600e4007400200066006f006e0074007400690065006e002000750070006f00740075007300740061002egt ITA ltFEFF00550073006100720065002000710075006500730074006500200069006d0070006f007300740061007a0069006f006e00690020007000650072002000630072006500610072006500200064006f00630075006d0065006e00740069002000500044004600200063006f006e00200075006e00610020007200690073006f006c0075007a0069006f006e00650020006d0061006700670069006f00720065002000700065007200200075006e00610020007100750061006c0069007400e00020006400690020007000720065007300740061006d007000610020006d00690067006c0069006f00720065002e0020004900200064006f00630075006d0065006e00740069002000500044004600200070006f00730073006f006e006f0020006500730073006500720065002000610070006500720074006900200063006f006e0020004100630072006f00620061007400200065002000520065006100640065007200200035002e003000200065002000760065007200730069006f006e006900200073007500630063006500730073006900760065002e002000510075006500730074006500200069006d0070006f007300740061007a0069006f006e006900200072006900630068006900650064006f006e006f0020006c002700750073006f00200064006900200066006f006e007400200069006e0063006f00720070006f0072006100740069002egt NOR ltFEFF004200720075006b00200064006900730073006500200069006e006e007300740069006c006c0069006e00670065006e0065002000740069006c002000e50020006f00700070007200650074007400650020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006d006500640020006800f80079006500720065002000620069006c00640065006f00700070006c00f80073006e0069006e006700200066006f00720020006800f800790020007500740073006b00720069006600740073006b00760061006c00690074006500740020006600f800720020007400720079006b006b002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006b0061006e002000e50070006e006500730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f0067002000520065006100640065007200200035002e00300020006f0067002000730065006e006500720065002e00200044006900730073006500200069006e006e007300740069006c006c0069006e00670065006e00650020006b0072006500760065007200200073006b00720069006600740069006e006e00620079006700670069006e0067002egt SVE ltFEFF0041006e007600e4006e00640020006400650020006800e4007200200069006e0073007400e4006c006c006e0069006e006700610072006e00610020006e00e40072002000640075002000760069006c006c00200073006b0061007000610020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e00740020006d006500640020006800f6006700720065002000620069006c0064007500700070006c00f60073006e0069006e00670020006600f60072002000700072006500700072006500730073007500740073006b0072006900660074006500720020006100760020006800f600670020006b00760061006c0069007400650074002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e00740065006e0020006b0061006e002000f600700070006e006100730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f00630068002000520065006100640065007200200035002e003000200065006c006c00650072002000730065006e006100720065002e00200044006500730073006100200069006e0073007400e4006c006c006e0069006e0067006100720020006b007200e400760065007200200069006e006b006c00750064006500720069006e00670020006100760020007400650063006b0065006e0073006e006900740074002egt KOR ltFEFFace0d488c9c8c7580020d504b9acd504b808c2a40020d488c9c8c7440020c5bbae300020c704d5740020ace0d574c0c1b3c4c7580020c774bbf8c9c0b97c0020c0acc6a9d558c5ec00200050004400460020bb38c11cb97c0020b9ccb4e4b824ba740020c7740020c124c815c7440020c0acc6a9d558c2edc2dcc624002e0020c7740020c124c815c7440020c0acc6a9d558c5ec0020b9ccb4e000200050004400460020bb38c11cb2940020004100630072006f0062006100740020bc0f002000520065006100640065007200200035002e00300020c774c0c1c5d0c11c0020c5f40020c2180020c788c2b5b2c8b2e4002e0020c7740020c124c815c7440020c801c6a9d558b824ba740020ae00af340020d3ecd5680020ae30b2a5c7440020c0acc6a9d574c57c0020d569b2c8b2e4002egt CHS ltFEFF4f7f75288fd94e9b8bbe7f6e521b5efa76840020005000440046002065876863ff0c5c065305542b66f49ad8768456fe50cf52068fa87387ff0c4ee575284e8e9ad88d2891cf76845370524d6253537030028be5002000500044004600206587686353ef4ee54f7f752800200020004100630072006f00620061007400204e0e002000520065006100640065007200200035002e00300020548c66f49ad87248672c62535f0030028fd94e9b8bbe7f6e89816c425d4c51655b574f533002gt CHT ltFEFF4f7f752890194e9b8a2d5b9a5efa7acb76840020005000440046002065874ef65305542b8f039ad876845f7150cf89e367905ea6ff0c9069752865bc9ad854c18cea76845370524d521753703002005000440046002065874ef653ef4ee54f7f75280020004100630072006f0062006100740020548c002000520065006100640065007200200035002e0030002053ca66f465b07248672c4f86958b555f300290194e9b8a2d5b9a89816c425d4c51655b57578b3002gt gtgtgtgt setdistillerparamsltlt HWResolution [2400 2400] PageSize [595000 842000]gtgt setpagedevice

Page 9: Alcesti nel Novecento letterario italianoprofvianello.altervista.org/files/alcesti_nel_novecento_letterario... · Alcesti nel Novecento letterario italiano 5 La questione morale e

Alcesti nel Novecento letterario italiano

9

priva di veritagrave condivisa solo per quel tanto che ci egrave dato di riconoscerne nel mondo drsquooggi Egrave vero che in vesti dimesse il mito egrave ancora presente tra noi Ri-conoscerlo permette di gettar luce sulla realtagrave La coscienza attenta dei moderni puograve trovare nellrsquoereditagrave dei classici un archivio di archetipi capaci di orientare alla comprensione delle cose Riconoscervi lrsquoultima metamorfosi di forme passate lrsquoultimo darsi sotto altra foggia di un nietzschiano eterno ritorno dellrsquoidentico puograve determinare laquonella realtagrave una irruzione di veritagraveraquo 28 fare del mito uno stru-mento conoscitivo privilegiato Si spiega in gran parte cosigrave lrsquoopera letteraria e pit-torica di Savinio29 nel suo accostare personaggi e situazioni del quotidiano a rico-nosciuti omologhi mitici Si tratta di una interazione nella quale a volte il quoti-diano puograve demitizzare ironicamente il leggendario per la sua evidente banalitagrave al-tre volte accade invece che i modelli paludati di un tempo rimitizzino la banalitagrave dellrsquoordinario per quel tanto di universale che se ne puograve riconoscere dietro il ri-dimensionamento alla misura dellrsquooggi

Il mito irrompe inaspettatamente ndash ed esemplarmente ndash nel vissuto di Savinio un giorno del rsquo42 in cui in qualitagrave di critico egli assiste a prove liriche al Teatro dellrsquoOpera di Roma30 Vi compare improvvisamente il dott Alfred Schlee della Universal Edition di Vienna31 Di lui Savinio giunge a conoscere lrsquoinaudito destino di vittima costretta dallrsquoinasprirsi delle leggi razziali a una scelta odiosa divorziare dalla moglie ebrea o perdere lrsquoincarico presso lrsquoeditrice musicale Il disumano aut aut istituito tra i valori piugrave costitutivi dellrsquouomo ndash lavoro e affetti familiari ndash basta di per seacute a fare dello Shlee un personaggio tragico Ben piugrave crudele tuttavia sco-pre Savinio la sorte di quellrsquouomo ormai privo di una sposa che per non intral-ciarne la carriera ha scelto di togliersi la vita

Ecco il mito tra noi Ecco tra noi una nuova Alcesti la donna che rinuncia al-la vita per lo sposo nel cuore del XX secolo laquoAlcesti egrave rinataraquo ndash diragrave il personag-gio dellrsquoAutore nel dramma che Savinio pubblicheragrave di ligrave a qualche anno32 ndash laquoAl-

28 CASCETTA 1995 p 1407 Senza ambizione di completezza rimandiamo per il mito e il mondo classico in Savinio a RAGNI 2002 e USAI 2005 29 Si pensi per citare qualche esempio a titoli saviniani come Hermaphrodito (1918) o Capitano Ulisse (1934) o a opere pittoriche quali il fatuo Apollo del 1931 (con la testa drsquoanitra e il busto sopra un capitello ionico) il Colloquio - Oreste e Pilade del rsquo32 (in cui i due amici sono ritratti su basamenti che paiono immobilizzarli) Il ritorno di Ulisse del rsquo33 (in cui un soggetto nientrsquoaffatto eroico porta in testa un moderno cappello di paglia) Mademoiselle Centaure del rsquo46 (un vanitoso individuo fem-minile dalla duplice natura ostenta un cappellino alla moda in riva al mare) Per lrsquoopera pittorica di Savinio si consulti VIVARELLI 1996 30 Sulla vicenda cf SAVINIO 2007 pp 304 ss 31 Il nome dello Schlee che operograve in circostanze storiche difficili nella sede viennese della editrice musicale fino al 1945 compare nella storia della Compagnia tuttora attiva allrsquoindirizzo Internet wwwuniversaleditioncom (v anche la versione inglese) 32 SAVINIO 2007 p 26 Drsquoora in poi si faragrave riferimento tra parentesi alla numerazione di pagina di questa edizione

Roberto Vianello

10

cesti non egrave un individuo ma una specie Conoscevamo Alcesti di Pelia ora cono-sciamo Alcesti [hellip] di Samueleraquo (p 45)33

La creativitagrave di Savinio sensibile come srsquoegrave detto alle occorrenze del mito nel quotidiano lo spinge a lavorare su questo spunto di vita vissuta fino a pubblicare nel 1949 presso Bompiani il dramma in prosa Alcesti di Samuele che verragrave portato in scena lrsquoanno successivo dal ldquoPiccolo Teatro di Milanordquo per la regia di Giorgio Strehler34 Saragrave un fiasco La trasformazione che la vicenda della moderna Alcesti ha subito nel suo farsi testo da recitare il linguaggio teatrale scelto dallrsquoautore ne faranno qualcosa di sgradito a critici e spettatori Verbositagrave divagazioni disarmo-nie moduli da avanguardia col pessimismo e il nichilismo che vi traspaiono ne faranno qualcosa di lontano per ragioni diverse dalle attese del pubblico35

La vicenda srsquoegrave detto passando dalla vita alla letteratura si egrave trasformata Il dott Shlee egrave diventato il dott Paul Goerz direttore della Musikalische Ausgaben di Monaco Alcesti egrave Teresa Goerz figlia di Samuele moglie ebrea di Paul Il te-sto prevede lrsquoentrata degli spettatori e di un Autore prima che si apra il sipario LrsquoAutore anticipa ai presenti che Goerz egrave a Roma percheacute neanche la vicenda della sua Alcesti puograve risolversi senza lrsquointervento di Ercole

Si apre il sipario Sulla scena un telefono dieci volte piugrave grande del normale attira su di seacute lrsquoattenzione degli spettatori Il ricevitore abbandonato oscilla a pendolo Una voce ripete insistentemente e minacciosamente laquoIl dott Goerz su-bito al Ministeroraquo (p 30) Ai lati della scena due sagome in poltrona i ritratti di Padre e Madre seduti e destinati ad animarsi nel corso del dramma Teresa non crsquoegrave La servitugrave e i figli sanno che ha fatto delle telefonate nellrsquoassenza del marito Paul comrsquoegrave evidente dalle parole dellrsquoAltoparlante si egrave recato al Ministero ove egrave stato costretto alla dolorosa scelta tra la sposa e il lavoro Al suo ritorno vorrebbe dirle che ha scelto lei coraggiosamente e fedelmente Ma Teresa non egrave in casa La chiama ripetutamente salendo sul proscenio Poi allrsquoimprovviso si spengono le luci Il nome di lei riecheggia nel buio Quando la luce torna in luogo del telefono si vede un ritratto della donna a grandezza naturale Ai piedi del ritratto una lette-ra lrsquoaddio di Teresa allo sposo e le ragioni del suo irreparabile gesto

Lascio questa lettera ai piedi del mio ritratto Cosigrave mentre tu leggerai [] ti sembreragrave udi-re la mia voce [] La telefonata di stamattina io lrsquoaspettavo Ero una cacciatrice in agguato Sapevo che la tigre sarebbe venuta E per divorare te mio povero Paul Colpa mia del resto Era giusto che provvedessi io stessa a cacciare la tigre Tante volte tu hai difeso me Tu e io as-sieme non abbiamo sempre sostenuto la paritagrave dei diritti tra uomo e donna La moglie a sua

33 Samuele come si comprende egrave il nome ebreo del padre della nuova Alcesti 34 Alcune immagini dellrsquoevento teatrale nellrsquoArchivio multimediale del sito Internet del ldquoPiccolordquo Scenografia e costumi furono a cura dello stesso Savinio Tra gli attori ivi ritratti Lilla Brignone Piero Carnabuci Camillo Pilotto Diego Parravicini Mario Feliciani Alberto Marcheacute 35 Anche per questo il ldquoPiccolordquo percorreragrave presto altre strade rileva il citato CASCETTA 1995 p 1442

Alcesti nel Novecento letterario italiano

11

volta deve difendere il marito Quale migliore occasione di questa Quando tu leggerai questa lettera io sarograve lontana Molto lontana (p 44 s)36

Teresa-Alcesti illustra il suo gesto a un Paul-Admeto lasciato per cosigrave dire fuori dal gioco Incolpevole E tuttavia non proprio completamente ldquoinnocen-terdquo37

Mi serviva una via drsquouscita Ho scelto il fiume Quale via migliore Quando eravamo fi-

danzati tante volte [] siamo andati a guardare assieme questo nostro fiume di sera dal pa-

36 Il presente testo di Savinio come i seguenti egrave stato videoproiettato e letto da chi scrive nel cor-so della lezione 37 LrsquoAdmeto di Savinio sembra avere qualcosa in comune con lrsquoAdmeto della Yourcenar di cui si diceva piugrave sopra Non risultano tuttavia rapporti diretti tra le due opere (cf PATTONI 2004 p 292 n 44)

Paul (Piero Carnabuci) legge la lettera davanti al ritratto di Teresa (Lilla Brignone)

Archivio Piccolo Teatro di Milano

Roberto Vianello

12

rapetto del ponte Massimiliano Poi ci siamo sposati [] non siamo piugrave andati a guardarlo Che peccato Che peccato questo invadente burocratismo del matrimonio Io perograve qualche volta sono tornata da sola a guardare il fiume Non te ne ho mai parlato Mi avresti detto che sono bambinate Noi donne siamo conservatrici hellip Meno di voi accaparrate dallrsquoavvenire Ci piace conservare gli oggetti i ricordi i luoghi implicati in qualche nostro momento di felicitagrave E non amiamo il mutamento Che impressione strana ndash non avertene a male ndash che impressione di ldquoperditardquo al ritorno da quelle mie visite solitarie al fiume ritrovare qui a casa il te di ora dopo il te di allora lasciato poco prima sul parapetto del ponte Massimiliano Ci so-no alcune sottili varianti del tradimento che la legge sullrsquoadulterio non contempla ma alle quali il nostro animo non rimane indifferente Da qualche tempo in qua le mie visite al fiume erano piugrave frequenti Tu hai giagrave capito Non per rievocare una felicitagrave perduta ma per cercare un ami-co un alleato Il suo movimento instancabile mrsquoispirava fiducia Rispondeva a un mio desiderio sempre piugrave urgente Questa cittagrave nella quale noi viviamo egrave soffocata dalla terra Terra da o-gni parte Terra terra [] La terra stringe tuttrsquointorno questo paese lo strozza lo porta allrsquoisterismo e alla pazzia [] Con quale altro mezzo andarmene da qui Percheacute andarmene bisogna Se no egrave la morte per me e anche per te mio povero Paul - mio po-vero ldquoinnocenterdquo [] Quando tu avrai finito di leggere questa lettera io avrograve raggiunto finalmente quello che ho sempre desiderato [] la [] Libertagrave [] Tengo a chiarire la mia si-tuazione io non sono una donna che si ammazza sono una donna che ldquolibera se stessardquo che ldquosalva se stessardquo (pp 46 ss)

Una voce femminile annuncia che crsquoegrave un poscritto egrave il ritratto che srsquoegrave animato surrealisticamente e terminando la lettura comunica la consapevolezza della mo-derna Alcesti dellrsquounicitagrave del suo gesto in cui egrave certa di poter pienamente realizza-re se stessa

Io lo sai non sono donna da contentarmi del marito della casa dei figli Io volevo far qualcosa di mio di proprio Te lo dicevo sempre Non sapevo cosa Tu mi pigliavi in giro La sorte mi ha favorita Ecco che anchrsquoio ho trovato una cosa da fare Una cosa laquo mia raquo E che cosa Cara mi costa [] Questo mio capolavoro per di piugrave non rimarragrave sconosciuto Perciograve Paul stattene lontano Non venire Non venire Me eroina la tua sola presenza tornerebbe a fare di me uno straccio di donnetta E io non voglio non fosse che per far dispetto a voi uomi-nihellip Una parola allrsquoorecchio in questo mio sublime sacrificio non riesco a determinare quanto crsquoegrave di eroismo e quanto di vanitagrave (pp 60 s) Nella giustificazione del gesto della nuova Alcesti percepiamo risonanze di

una sensibilitagrave ovviamente moderna e la rivendicazione di una dignitagrave di genere propria delle stagioni piugrave recenti delle societagrave occidentali Tratti come questi non possono certo stupirci scontatamente necessari come sono al personaggio Se la nostra eroina egrave solo uno degli individui in cui la specie Alcesti srsquoegrave riprodotta nella storia deve mostrare specificitagrave sue particolari lati di unrsquoidentitagrave ldquoda secolo bre-verdquo Si potragrave semmai ndash rispetto alle scelte dellrsquoautore ndash chiedere criticamente fino a che punto possa darsi unrsquoAlcesti moderna non tanto nel suo affacciarsi alla sto-ria nella riconoscibile somiglianza di una situazione quanto piuttosto nel suo cor-rispondere effettivamente ai tratti caratteristici della specie di cui essa sarebbe in-

Alcesti nel Novecento letterario italiano

13

dividuo E porre conseguentemente una questione riconducibile alla precedente domandando a unrsquoAlcesti novecentesca si addice un ritorno dai morti Quale spazio nellrsquoetagrave della scienza e del disinganno per ciograve che inspiegabilmente Plato-ne non problematizzava ma la lucida ragione dello stesso Euripide egrave sembrata a taluni implicitamente rifiutare38 Prenderemo in considerazione prima la seconda questione constatando che Savinio non sceglie di percorrere lrsquoitinerario ldquopiugrave ve-rosimilerdquo di un mancato ritorno come pure sappiamo si fece nellrsquoantichitagrave39 Per lrsquoAlcesti moderna a giudizio di Savinio un ritorno egrave possibile almeno nella fin-zione teatrale Percheacute il teatro egrave il luogo laquoche corregge quello che egrave sbagliato completa quello che egrave incompleto Il teatro egrave come i sogni I sogni attuano quello che da svegli non possiamo attuareraquo (p 78) Questo proclama solennemente il personaggio dellrsquoAutore allrsquoErcole moderno a cui Savinio affida lrsquoimpresa di ri-portare nel mondo Teresa-Alcesti E si tratteragrave di un duplice indennizzo Percheacute se Teresa potragrave tornare anche il nuovo Ercole troveragrave nellrsquoimpresa una personale compensazione agli oltraggi della sorte Soltanto al termine amaramente com-prenderemo in che modo saragrave stata fatta laquopiugrave viva la vitaraquo

Ai tempi del secondo grande conflitto lrsquounica figura storica immaginabile in veste drsquoeroe egrave il vincitore morale della guerra colui che ha saputo ripulire il mon-do dallrsquoidra del totalitarismo Egrave il presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Ro-osvelt che la morte ha ingiustamente tolto di scena prima che potesse terminare la guerra ma a cui il teatro che completa quel che la vita ha lasciato incompleto concede la chance di unrsquoultima grande impresa

Lrsquoex Presidente entra in sala al suono drsquouna marcia militare con lrsquoaspetto di un busto poggiante su piedistallo che si scopre poi nascondere un locomotore di cui lrsquoeroe dimezzato si serve per raggiungere il palcoscenico La trovata che assi-mila il personaggio a talune immagini del Savinio pittore40 non egrave il solo mezzo ri-servato a quello che sembra un ridimensionamento inspiegabile Anche un lungo scambio di battute ora pedanti ora polemiche apparentemente fuorvianti mira a realizzare almeno sotto il profilo ideologico una dissacrante relativizzazione dellrsquoeroe uno dei tanti laquouomini forti onesti e soprattutto ottusiraquo adibiti a laquogrossi e periodici lavori di pulitura del mondoraquo (p 95) A questo simbolo dellrsquoottimismo che non sa bene se egrave giagrave morto o egrave ancora vivo che da Americano crede a tutto e non ha idee personali a questo laquoeroe moralistaraquo (p 92) simbolo della democra-zia e del liberalismo egrave affidato il compito che fu dellrsquoEracle euripideo dovragrave ri-portare in vita la vittima del razzismo nazionalsocialista Con quali risultati ve-dremo

38 Cf n 10 39 Egrave noto che lrsquoeroina non ritorna in vita nellrsquoAlcestis Barcinonensis ma gli esametri pervenuti regi-strano quale ultimo atto della vicenda le sconsolate parole di Alcesti laquoConiux dulcissime coniux [hellip] rapior venit mors ultima venit infernusque deus claudet lsaquo iam rsaquo membra soporeraquo 40 Cf la nota 29

Roberto Vianello

14

Quando il sipario si riapre Roosvelt sta scendendo nel Kursaal dei morti un Aldilagrave irriconoscibile In questa sorta di clinica i morti siedono in attesa di dimen-ticare fino a non esser piugrave fino a finire di morire In una interazione da teatro moderno egrave il pubblico a impersonare il ruolo dei morti Roosvelt si intrattiene con un Direttore invisibile di cui si percepisce la presenza unicamente dalla voce e dai movimenti di una seggiola e di un registro che bisogna immaginare toccati da lui41 La voce del Direttore spiega che nel Kursaal trovano posto quanti non riescono a morire fincheacute nel mondo resta ancora traccia di loro Si tratta di morti illustri che aspirano ora solo allrsquoindifferenza desiderano lrsquoannientamento della lo-ro individualitagrave Gli altri quelli che in vita sembrano vivi ma non sono piugrave vivi dei morti passano e nessuno se ne accorge neacute durante la vita neacute dopo La perma-nenza nella laquoclinicaraquo (p 128) egrave proporzionale alla compattezza della personalitagrave e 41 Vorremmo poter affermare che questo Direttore di Savinio come lrsquointera situazione del Kursaal abbia svolto un qualche ruolo nella immaginazione di Dino Buzzati presente alla prima dello spettacolo e tra i pochi favorevoli al lavoro (CASCETTA 1995 pp 1440 n 87 1441) Ha qualcosa del Direttore del Kursaal infatti il Diavolo-Giacca che nel buzzatiano Poema a fumetti del 1969 sovrintende incorporeo a un Aldilagrave altrettanto sorprendente e straniante

LrsquoAutore (Mario Feliciani) e Roosvelt (Camillo Pilotto)

Archivio Piccolo Teatro di Milano

Alcesti nel Novecento letterario italiano

15

quindi al ricordo che resta tra i vivi Una silenziosa concentrazione aiuta il laquorias-sorbimentoraquo (p 127) Siedono tra questi morti alcuni grandi della storia e alcuni grandi della poesia Rimbaud egrave piugrave lento di Aleardi nel suo percorso verso lrsquoannichilimento I posti di Carducci e Pascoli sono giagrave vuoti Omero invece resi-ste da tremila anni lo laquochiamanoraquo (p 132) troppo dal mondo dei vivi Anche lrsquoAlighieri egrave uno degli ospiti laquopiugrave duriraquo (p 136)

I morti coprono Roosvelt di improperi per il turbamento dellrsquoatarassia da loro cercata e da lui alterata nella pretesa di riportare in vita Teresa Goerz Pregano il Direttore di lasciarlo fare per aver finalmente pace E finalmente laquoun grido di na-scitaraquo o laquodi agonia ldquoinvertitardquoraquo (p 144) annuncia che Teresa sta per tornare tra i vivi Il sipario si chiude La sala del teatro si illumina LrsquoAutore afferra il sipario e lo riapre Teresa torna attraverso il suo ritratto ride sommessamente e chiede percheacute la si voglia vedere lei che egrave laquoil vomito che la Morte rigetta sui viviraquo (p 166) Le sue parole raggelano e non sembrano affatto corrispondere al ruolo di nuova Alcesti che srsquoegrave immaginato ella possa avere Forse il ritorno dai morti egrave possibile nel teatro di Savinio ma non egrave detto che esso corrisponda alle nostre attese E il personaggio dellrsquoAutore osserva che Alcesti rediviva dovrebbe rimet-tere le cose come stavano prima mentre Teresa-Alcesti laquorovescia la parte tradisce lrsquoaspettativaraquo (p 167)

LrsquoAlcesti moderna egrave morta laquoper volontagrave di essereraquo confessa per poter laquofar brilla-re se stessa nella vitaraquo proprio in contrasto con lrsquo laquoasfissia dellrsquoessere che sono i re-gimi totalitariraquo (p 168)42 Ma il suo gesto laquodi vitaraquo sembra aver perso ogni valore per lei Non si tratta di rimpianto per la vita perduta che ella non puograve piugrave amare Teresa non egrave tornata per merito del nuovo Ercole che ha creduto di laquoconciliare morte e vitaraquo (p 176) cosigrave come si egrave illuso di portare pace agli uomini con la sua guerra Ella non egrave tornata per ricominciare la sua vita tra i vivi Troppa differenza la separa ormai da loro egrave altra la sua conoscenza altra la sua sapienza E non egrave tornata solahellip Lrsquoha preceduta la Signora del Profondo lrsquoImmortale la Morte de-terminata a punire lrsquoorrendo delitto di averla riportata in vita Roosvelt cade allrsquoimprovviso lungo disteso Anche Goerz si distende morto E Teresa ignoran-done il cadavere si precipita ad abbracciare ciograve che del suo amato Paul egrave ora in-visibile al pubblico di fronte a lei per proclamargli la sua nuova veritagrave

Ora ti posso dir tutto [hellip] Gli uomini fino a un certo punto percorrono un cammino di vita e vivere egrave la meta del loro cammino Gli uomini allora sono figli [hellip] Ma a partire da quel punto la meta del cammino della vita non egrave piugrave la vita egrave la morte [hellip] Gli uomini allo-ra sono genitori Noi allora [hellip] ci accorgiamo [hellip] che il nostro tempo si abbrevia sempre piugrave Questo il meccanismo di quella vita dalla quale e tu e io siamo usciti Questo il suo dare e il suo avere Questo il suo bilancio [hellip] La vita ricordi egrave rotta tratto tratto da schermi che in-tercettano la visuale Uno di questi sono i figli [hellip] Dolce follia per la nascita di Ghita io sen-tii poi per quella di Claus e le cure per allevare i nostri figli non me le sono risparmiate Ep-pure non so [hellip] io di lagrave dalla dolce follia di lagrave dalle cure vidi distintamente in fondo alla

42 Se lrsquoautore ha pensato in questo luogo al famoso Epitafio di Sicilo ( Ὅσον ζῇς φαίνου ) bisogneragrave at-tribuirgli una specifica volontagrave di dotare la moderna Alcesti di una weltanschauung ldquoellenicardquo

Roberto Vianello

16

mia strada la luce della vita tramontare e sorgere lombra della morte Spaventata Preoccupa-ta No Contenta Profondamente contenta Come della sola veritagrave intravista [hellip] Capisci ora come ben preparata io ero alla morte Capisci ora percheacute la morte non era per me quella spaventosa sorpresa che egrave per altri Capisci ora percheacute io non solo non temevo la morte ma la sentivo come il mio vero destino E quei lagrave credevano spaventarmi imponendomi la morte come un patto ndash come una punizione Imbecilli Paul io mi uccisi per liberare te dalla trappola che quegli imbecilli ti avevano teso Ma questa egrave la versione ufficiale La ragione vera e che ora nella nostra piena identitagrave non ho piugrave motivo di nasconderti egrave che io mi uccisi per affrettare il destino per impazienza della promessa [hellip] In quellaltro mondo ho dato la vi-ta ai miei figli in questa vita do la vita a te Ho attuato la piugrave segreta e assieme la piugrave grande aspirazione della donna essere la sposa e assieme la madre delluomo amato [hellip] Questa immagine di donna viva che ho dovuto indossare prima di venire qui ora prima di an-darmene me la toglierograve di dosso e la lascerograve al suo solito posto Come richiudere dietro a me il muro che ho abbattuto per entrare Tra noi e loro ogni comunicazione saragrave rotta [hellip] Eccomi pronta E tu Ti parragrave di aver traversato una gola Lunghissima e stretta Buia e irta di macigni E finalmente uscire sul mare Su un mare libero infinito Paul Questa libertagrave questo infinito sono io che te li do Vedrai quando ci lasceremo alle spalle la gola buia e stretta la gola irta di macigni tutto lassurdo che i vivi accumulano roccia su roccia assurdo su assurdo [hellip] Ti parragrave di aver attraversato un corridoio Un corridoio molto lungo e mol-to stretto Un corridoio tanto lungo e tanto stretto quanto lunga e quanto stretta egrave stata la tua vita Un corridoio buio Un corridoio sotterraneo [hellip] Un corridoio pieno di armadi di casse di scatole Tanti armadi tante casse tante scatole Pesanti Inamovibili [hellip] Armadi casse scatole piene di roba Che roba Non si sa Nessuno lo sa E ti tocca arrampicarti scavalcare andar carponi passar sotto passar di lato tirandoti dentro la pancia e spingere sollevare e andare andare andare affannato disperato e il corpo pesa e duole e lanima pesa e duole e sempre sudore saliva e pianto giugrave dalla faccia e la paura la paura la paura e volere vo-lere volere non riuscire mai a laquo non volere raquo e questo corridoio che non parla ma tu senti lo stesso che dice laquo no no no raquo E sempre armadi sempre casse sempre scatole Piene di tutto lassurdo di tutta langoscia che gli uomini questi mangiatori dassurdo questi divoratori dangoscia hanno accumulato per secoli e secoli e secoli [hellip] Vedrai quando davanti a noi si apriragrave Che cosa Non so Parliamo ancora una lingua che ormai non serve Dobbiamo dimenticare prima di tutto i significati I significati passati Gli ultimi significati Capovolgerli non basta Dimenticarli Cancellarceli da dosso Che posso dirti Nulla No Tutto Nemmeno E allora Dimentica Paul e sii pronto Ti farograve da madrina Ti presenterograve al nostro direttore Ti raccomanderograve Lo pregherograve di favorirci Di aiutarci a far presto Sai Io laggiugrave ti ho aspettato Quale piugrave grande prova damore Non sono morta per aspettarti An-che se la vostra volontagrave di riavermi quassugrave non avesse fermato laggiugrave il compimento della mia morte io egualmente mi sarei trattenuta di morire ndash per aspettare te Ora egrave passata Risolve-remo presto Che ci trattiene piugrave [hellip] Entreremo nella suprema felicitagrave Pensa Non individui piugrave sciolti nel nulla ndash nel tutto Una parola ancora Lultima In questa lingua che stiamo per abbandonare Ascolta Nascere egrave un atto individuale morire egrave un atto universale Il laquo nostro raquo atto universale Il solo nostro atto universale Questo il grande se-greto della morte Questo il suo immenso bene Vieni Paul [hellip] Sposa tua e madre apro a te luniverso (pp 183-189) Ci chiedevamo prima se la somiglianza della situazione vissuta implicasse ipso

facto la corrispondenza piena tra i tratti costitutivi della nuova eroina e quelli del

Alcesti nel Novecento letterario italiano

17

suo archetipo Bisogneragrave rispondere di no43 Millenni di storia lrsquoesperienza di quella recente ndash dei due grandi conflitti delle delusioni a essi conseguenti delle atrocitagrave e del dolore generale ndash hanno evidentemente lasciato il segno E lunga sullrsquoorizzonte di questo mondo si proietta lrsquoombra del nulla della mancanza di senso dellrsquoassurditagrave del vivere LrsquoAlcesti del Novecento egrave deformata nella sua fi-sionomia dalle conseguenze di una storia che il pensiero stenta a comprendere come razionale o teleologicamente orientata Alcesti di Samuele egrave emblema del destino di un popolo ingiustamente e irragionevolmente sospinto nellrsquoanni-chilimento Egrave forse allegoria di una Europa soggiogata dal totalitarismo e biso-gnosa dello spirito americano per riscattarsi dalla morte44 Egrave soprattutto per chi sappia prescindere dalla contingenza storica rivelatrice di una veritagrave piugrave radicale e universale La morte ha confermato a Teresa una terribile veritagrave giagrave intravvista nel trascorrere della vita Ha squarciato definitivamente per lei una cortina oltre la quale aveva da tempo iniziato a guardare quel velo che secondo certa filosofia ricopre di illusioni lrsquounica indiscutibile veritagrave del mondo il suo essere cieca irra-zionale volontagrave incapace drsquoappagamento e svincolata da qualsiasi morale Le pa-role evidenziate sopra nel testo dichiarano esplicitamente lrsquoascendenza schopen-haueriana di questa visione fatta propria nelle premesse come nelle conclusioni

Come appaiono false assurde alla nuova Alcesti le aspirazioni degli uomini Il suo stesso suicidio egrave stato in fondo un errore tanto piugrave imperdonabile quanto piugrave ha finito per riaffermare un bene ndash quello della vita ndash che dalla prospettiva di quanti ldquonon sono nullardquo 45 si rivela affatto inconsistente nonostante tutta la fati-ca la paura lrsquoangoscia che i vivi finiscono per accumularvi ostacoli e ostacoli su un percorso fatto di assurdo Ma Teresa egrave morta per liberare Paul dalle trappole di questa vita non solo da quella del totalitarismo ha scelto di non essere per af-frettare per lui il disvelamento della veritagrave e dare allrsquoamato la libertagrave quella che consiste nellrsquoannullamento della volontagrave nello scioglimento nel nulla Teresa non egrave lrsquoἀρίστη la cui φιλία viene ricompensata col ritorno allo sposo nel mondo dei vivi Ella egrave una Alcesti alla rovescia che non rimpiange la vita bella sotto la luce del sole Maestra di unrsquoopposta comprensione del mondo sacerdotessa della No-luntas vuole lo sposo con seacute nella felicitagrave di un Nirvana si fa guida dellrsquoamato ndash sorta di antiBeatrice ndash nella dimensione in cui lrsquoindividuo e la sua volontagrave non sono piugrave46 Il suo amore per lo sposo non egrave inferiore a quello dellrsquoantica eroina Questa perograve sceglieva di non essere per donare la vita allrsquoamato ella invece sceglie di non essere per indicare allrsquoamato nellrsquoannullamento totale la suprema felicitagrave ed entrarvi con lui

43 laquoAlcesti non egrave piugrave Alcesti [hellip] Meglio se rimaneva dove stavaraquo proclama il personaggio dellrsquoAutore (SAVINIO 2007 p 167) 44 CASCETTA 1995 p 1418 s 45 laquo ἐν τοῖς οὐκέτrsquo οὖσι λέξοmicroαι raquo (v 322) laquo oὐδέν ἐσθrsquo ὁ κατθανών raquo (v 381) cosigrave si riferisce ai morti lrsquoAlcesti di Euripide 46 Cf CASCETTA 1995 p 1424

Roberto Vianello

18

laquoLa civiltagrave egrave un gioco una distrazione il modo piugrave efficace che noi abbiamo di allontanare dalla nostra mente il pensiero della morteraquo ha scritto qualche tem-po prima Savinio riprendendo forse un Leopardi divenuto straordinariamente at-tuale e riscoperto da due decenni dagli amici de ldquoLa Rondardquo 47 Ma il pensiero del-la morte non puograve piugrave turbare chi della morte non ha piugrave paura ma ha riconosciu-to anzi in essa lrsquounica veritagrave che non chiede piugrave di essere esorcizzata dal gioco di-straente di una coscienza altrimenti disperata LrsquoAlcesti del Novecento egrave lrsquoeroina della negazione di ciograve che lrsquo amor sui del vivente ha creato

LrsquoAlcesti di Raboni

Passiamo a Raboni una delle individualitagrave artistiche piugrave interessanti di fine Novecento spentasi il 16 settembre 2004 Poeta saggista traduttore critico lette-rario e critico teatrale del ldquoCorriere della serardquo I piugrave attenti tra i presenti ricorde-ranno probabilmente le sue apparizioni televisive48 Mondadori ha raccolto in un Meridiano uscito nel 2006 la sua ldquoopera poeticardquo riunendovi con scritti critici sulla poesia e traduzioni poetiche i versi in proprio tra i quali anche il testo di cui ci occupiamo oggi49

Nato a Milano nel rsquo32 Raboni egrave stato ascritto alla cosiddetta linea lombarda della poesia del secolo scorso50 Una scelta delle sue liriche egrave stata significativa-

47 In Dico a te Clio del 1940 ora in SAVINIO 1992 p 88 Lrsquoaffermazione ricorda da vicino (con una coincidenza lessicale) il noto pensiero leopardiano sullrsquoincapacitagrave della ragione di darci la feli-citagrave laquohellipchi si fissasse nella considerazione e nel sentimento continuo del nulla verissimo e certis-simo delle cose [hellip] sarebbe pazzo assolutamente e per ciograve solo giaccheacute volendosi governare se-condo questo incontrastabile principio ognuno vede quali sarebbero le sue operazioni E pure egrave certissimo che tutto quel che facciamo lo facciamo in forza di una distrazione e di una dimentican-za la quale egrave contraria direttamente alla ragione E tuttavia quella sarebbe una verissima pazzia ma la pazzia piugrave ragionevole della terra anzi la sola cosa ragionevole e la sola intera e continua sa-viezza dove le altre non sono se non per intervalliraquo (Zib 103-104) Si veda sul tema RIGONI 1985 111 ss Per lrsquoaffinitagrave di pensiero tra Leopardi e Schopenhauer basti ricordare il citatissimo desan-ctisiano Dialogo tra A e D oggi in DE SANCTIS 1995 (rintracciabile anche allrsquoindirizzo Internet wwwliberliberit) Per la ldquoriscopertardquo del Leopardi da parte degli intellettuali de ldquoLa Rondardquo e di Vincenzo Cardarelli cf CARDARELLI 1981 passim (in particolare pp 721 ss) e CARDARELLI 1985 48 Ne segnaliamo una a ldquoMixer culturardquo su RaiTre (15 febbraio 1988) con Carmelo Bene visualiz-zabile allrsquoindirizzo Internet wwwyoutubecomwatchv=HNFD_Ha58-s In RAI Raboni colla-borograve alla redazione della rubrica televisiva Tuttilibri di Giulio Nascimbeni e condusse una rubrica radiofonica di letteratura e arti (cf RABONI 2006 p XCVII) 49 RABONI 2006 pp 1255 ss Il volume a cura di Rodolfo Zucco offre una Introduzione e una Cro-nologia utili per inquadrare scelte di poetica e rete relazionale dellrsquoAutore Per una prima informa-zione su Raboni (con la possibilitagrave di ascoltarne la voce) si visiti il sito web ufficiale disponibile dal 2007 allrsquoindirizzo wwwgiovanniraboniit 50 La formula risale allrsquoomonima antologia uscita nel rsquo52 per cura di Luciano Anceschi Critica-mente generica si egrave consolidata nel tempo includendovi nomi di autori lombardi per nascita o adozione di generazione piugrave recente per identificare una poesia di attenzione alle cose e portatrice di una vocazione morale Cf RABONI 1987 pp 215-216

Alcesti nel Novecento letterario italiano

19

mente ospitata nel volume Poeti italiani del Novecento di Pier Vincenzo Mengaldo convinto sostenitore del suo valore poetico51 laquoPoeta di cittagraveraquo lo ha definito Zan-zotto laquoanzi di una cittagrave Milano profondamente amata anche se ritratta nei suoi momenti di squallore fin entro la cronaca neraraquo Ma anche laquonaturaliter poeta civi-leraquo portatore di unrsquo laquoetica della responsabilitagrave e del civismoraquo52 lombardo appunto ndash diremmo ndash per quel tanto di istanza etica in poesia che il termine puograve implicare sulla scia di Parini Manzoni Rebora Per Raboni la poesia egrave laquovalore che non si esaurisce in se stesso che non esclude lrsquoimportanza dellrsquoaltro della realtagrave di tutto ciograve che la realtagrave contiene e proponeraquo53 laquoI temi dellrsquoingiustizia della persecuzione del processo iniquo dellrsquoinnocenza ingiustamente perseguitata e punita lrsquoimmagine esplicita o implicita della cittagrave come teatro della peste come conteni-tore di ogni possibile contagio fisico e moraleraquo54 sono i temi di confessata ascen-denza manzoniana che attraversano lrsquointera sua poesia dai Gesta Romanorum rac-colta drsquoesordio55 fino agli Ultimi versi pubblicati postumi passando per le molte raccolte date alla luce56 laquoRimpiazzare il fantasma della poesia con la poesia in carne ossaraquo57 invece il suo programma poetico alla ricerca di laquoqualcosa di possi-bile cioegrave una poesia impura e al limite impoetica infinitamente inclusiva capace di compromettersi con la realtagraveraquo58 Una poesia in progressivo abbandono dellrsquoin-fluenza dei contemporanei ldquocanonicirdquo e attratta dai Sereni Betocchi Luzi ndash ama-ti fin dagli ultimi mesi di guerra quando sfollato da Milano per i bombardamenti del rsquo42 ne trovava le raccolte iniziali in una libreria di Varese ndash e provocata dagli esempi stranieri di un Eliot e di un Pound

Le esigenze odierne ci impediscono di aggiungere molto altro allrsquoesile abboz-zo sin qui condotto Come ci impediscono di gettare lo sguardo su una biografia 51 Cf MENGALDO 1978 Mengaldo introducendo MAGRO 2008 scrive laquoPer me non crsquoegrave dubbio che Giovanni Raboni assieme al grande dialettale Raffaello Baldini egrave stato il poeta di piugrave alto rango in Italia nei decenni piugrave recentiraquo (p 7) Lrsquointroduzione egrave apparsa sul ldquoCorriere della serardquo lrsquo8 Luglio 2008 Su Raboni critico si veda anche MENGALDO 1998 52 A ZANZOTTO Per Giovanni Raboni in RABONI 2006 pp XI ss p XI 53 Cosigrave RABONI 1992 Ora in RABONI 2006 p XCIII Sui termini di accettazione da parte di R dellrsquoappartenenza alla linea lombarda cf ibidem pp CXXXIII-CXXXIV 54 Cosigrave lrsquoautore in Raboni Manzoni Roma Il Ventaglio 1985 pp 19-20 Ora in RABONI 2006 p 1422

55 Raccolta di versi con cui R partecipograve nel 1953 al premio di poesia ldquoIncontri della Gioventugraverdquo ri-sultandone vincitore La raccolta non fu mai pubblicata e alcuni dei testi che la componevano ap-parvero su rivista in appendice a Le case della Vetra nella plaquette fuori commercio dal titolo omo-nimo apparsa nel 1967 La si veda ora in RABONI 2006 56 Nellrsquoordine Il catalogo egrave questo (1961) Lrsquoinsalubritagrave dellrsquoaria (1963) Le case della Vetra (1966) Econo-mia della paura (1970) Cadenza drsquoinganno (1975) Il piugrave freddo anno di grazia (1978) Nel grave sogno (1982) Canzonette mortali (1986) A tanto caro sangue (1988) Versi guerrieri e amorosi (1990) Ogni terzo pensiero (1993) Nel libro della mente (1997) Quare tristis (1998) Barlumi di storia (2002) Si aggiungano alle raccolte citate i due volumi di Tutte le poesie editi da Garzanti nel 1997 e nel 2000

57 Parole di Raboni riportate da CORTELLESSA 2005 p 385

58 Cosigrave Raboni nellrsquointroduzione a Poesia degli anni Sessanta in RABONI 2006 p 209

Roberto Vianello

20

che meglio aiuterebbe la conoscenza dellrsquoartista Ci imbatteremmo in una galleria di figure e istituzioni tra le piugrave note in ambito culturale con le quali il Nostro av-viograve frequentazioni e collaborazioni I nomi di alcune allineati di seguito determi-neranno forse tra i presenti una suggestione sostitutiva di quanto non abbiamo il tempo di dire59 Ascoltiamoli il filosofo Enzo Paci i poeti Carlo Betocchi e Bar-tolo Cattafi il ldquosuordquo Vittorio Sereni e poi Franco Fortini ElioVittorini Dino Buzzati Sergio Solmi Oreste Del Buono E ancora Patrizia Valduga lrsquoultima compagna e Renato Guttuso Vanni Scheiwiller e Livio Garzanti ldquoaut autrdquo ldquoQuaderni piacentinirdquo ldquoQuesto e altrordquo ldquoil verrirdquo ldquoLa cittagraverdquo ldquoParagonerdquo ldquoNuo-vi argomentirdquo i nomi delle riviste con cui collaborograve Garzanti Mondadori Guan-da le editrici maggiori con cui ebbe rapporti o lavorograve Chiudendo ricorderemo tra le moltissime le sue traduzioni delle Fleur di Baudelaire e dellrsquointera Recherche di Proust ma anche ndash particolarmente significativa per noi ndash quella dellrsquoAntigone di Sofocle che appare sotto ogni rispetto snodo di capitale importanza tra lrsquoopera raboniana ldquodi semprerdquo e lrsquoAlcesti oggetto delle nostre cure60 Questa traduzione in versi ci restituisce un Raboni che restando allrsquointerno dei temi civili a lui piugrave con-geniali si misura contemporaneamente ndash ed euforicamente ndash con le possibilitagrave di laquotradurre il sentimentoraquo in un linguaggio moderno ma anche con la capacitagrave di un classico di farsi veicolo esemplare di temi universali61 Operazioni con le quali lo vedremo alle prese nella realizzazione dellrsquoAlcesti della quale egrave finalmente tempo di parlare

Alcesti o La recita dellrsquoesilio vede la luce negli Elefanti Garzanti nel settembre 2002 Il dramma egrave stato richiesto e pensato per il Teatro Olimpico di Vicenza ma egrave destinato a non esservi rappresentato e Raboni che ne ha scritto le ultime scene a Yale nellrsquoaprile dellrsquoanno precedente in occasione del suo primo viaggio negli Sati Uniti dovragrave aspettare altri due anni prima di vederlo in scena La prima avragrave luogo il 7 gennaio 2004 presso il Teatro ldquoSanta Chiarardquo di Brescia ad opera del Centro Teatrale Bresciano per la regia di Cesare Lievi e lrsquointerpretazione di Ester Galazzi Roberto Trifirograve Gianfranco Varetto Francesco Vitale In concomitanza

59 Cf la Cronologia citata alla nota 49 e consultabile sul sito ufficiale 60 La traduzione per la Compagnia del Teatro Carcano diretta da Giulio Bosetti andograve in scena prima dallrsquo8 al 18 giugno 2000 al Teatro Greco di Siracusa poi il 27 settembre dello stesso anno al Teatro Olimpico di Vicenza Di recente Bosetti lrsquoha riportata in scena con un nuovo allestimen-to di cui ha curato personalmente la regia Una scheda del nuovo spettacolo e unrsquointervista allrsquoattore-regista allrsquoindirizzo Internet httpwwwteatroteatroit 61 Si veda a questo proposito RABONI 2000 p 14 ora in RABONI 2006 pp1742 s dove si leggono le seguenti significative parole laquoAntigone con il suo bisogno di dare sepoltura al corpo del fra-tello Polinice morto in battaglia crede di obbedire agli dei Creonte con la sua volontagrave di impe-dirglielo percheacute Polinice egrave morto combattendo contro la sua stessa patria ed egrave dunque di fronte agli uomini un traditore egrave convinto di obbedire alle esigenze della convivenza civile dellrsquoordine del buongoverno Chi ha ragione fra i due Il dibattito egrave aperto da 2500 anni e riguarda davvero [hellip] tutto e tutti in qualsiasi tempo e in qualsiasi luogo la storia di ogni comunitagrave retta da un patto sociale con il suo conflitto forse insanabile fra le ragioni del ldquoprogressordquo e le ragioni della giusti-zia e la vita di ciascuno di noi con il suo conflitto certamente insanabile fra le ragioni della mente e le ragioni del cuoreraquo

Alcesti nel Novecento letterario italiano

21

con lrsquoiniziativa teatrale si tiene in Brescia un ciclo di Seminari promosso dalla se-zione locale dellrsquoUniversitagrave Cattolica del Sacro Cuore dal titolo ldquoSacrifici al fem-minile Alcesti in scena da Euripide a Rabonirdquo e propedeutico per cosigrave dire alla rappresentazione giagrave programmata62 Al ciclo di seminari Raboni interviene il 12 dicembre 2003 parlando di ldquoAlcestirdquo e i disastri del Novecento63 e fornendo egli stesso ndash diremmo ndash le ragioni della nostra scelta odierna di parlarne64

Che Alcesti possa sollecitare la creativitagrave di chi richiesto di pensare a un testo drsquoargomento classico sembra non volere prescindere da un giudizio sulla storia piugrave recente ci pare particolarmente interessante e ci induce a appaiare in certo modo la riflessione di fine secolo che la ritrova protagonista alla riflessione savi-niana sopra indagata di metagrave Novecento Percheacute delle laquolacerazioniraquo della storia piugrave recente ci parla appunto la breve vicenda dei laquotre personaggi in fuga sullo sfondo di una persecuzione storicaraquo che Raboni si impegna a non farci individua-re ma appartiene tutta al laquosecolo terribile che ci siamo appena lasciati alle spalleraquo Ancora piugrave interessante ndash piugrave da fine millennio diremmo ndash il fatto che le lacera-zioni siano accompagnate dalle laquointermittenze del cuoreraquo che alberghino e pro-ducano esse stesse nuove umane lacerazioni nei tre personaggi che sperando di fuggire dalla follia in cui sta accadendo loro di vivere trovano ricovero provviso-rio di notte in un teatro Il frastuono delle sirene di un inseguimento notturno accompagna lrsquoingresso in scena di due uomini e una donna come potrete ascolta-re in questa prima sequenza video65

La donna in questione egrave Sara attrice costretta dallrsquooppressione del regime a

non calcare piugrave le scene Lrsquoaccompagnano Stefano il marito e il suocero Simone cui la donna egrave legata da affetto profondo per lrsquoaffinitagrave intellettuale e di sensibilitagrave che manca invece al suo rapporto con Stefano uomo ldquodrsquoazionerdquo assai diverso dal

62 Coordinati dalle docenti Maria Pia Pattoni e Roberta Carpani i seminari hanno visto la parteci-pazione di eminenti studiosi i cui interventi sono raccolti in PATTONI-CARPANI 2004 La profssa Pattoni ci ha cortesemente messo in contatto con lrsquoAddetto Stampa del CTB Bianca Simoni che ha messo a nostra disposizione il video del dramma di cui sono state proiettate alcune sequenze nel corso della conferenza 63 Per la trascrizione v RABONI 2004 e ora RABONI 2006 pp 1776 ss Da essa vengono le espres-sioni virgolettate al capoverso successivo 64 Ivi comprese le ragioni della scelta del verso certo il mezzo espressivo artistico piugrave congeniale al poeta Raboni ma anche quello da lui ritenuto piugrave necessario al teatro contemporaneo laquopercheacute la presenza del verso del ritmo della scansione metrica dagrave veramente la possibilitagrave di usare il lin-guaggio di tutti i giorni senza mimetismo cioegrave con quel distacco con quella rifrazione con quella torsione senza la quale non si fa teatro e non si fa arteraquo (RABONI 2004 p 441 Ora in RABONI 2006 p 1777 65 La sequenza cui si fa riferimento corrisponde ai primi diciotto versi del dramma Una seconda sequenza video della durata di tredici minuti egrave stata proposta durante la conferenza al termine della presentazione del dramma Pur mantenendo la veste discorsiva di allora abbiamo qui intrec-ciato allrsquoargomentazione i versi di Raboni che il pubblico ha ascoltato solo al suo termine

Roberto Vianello

22

padre Usciti dalla nebbia di fuori per entrare nel temporaneo rifugio possono sperare di sentirsi tranquilli per un porsquo attendendo di venire raccolti e clandesti-namente portati verso la libertagrave Eppure Stefano il marito manifesta un disagio che appare qualcosa di piugrave di una comprensibile connaturata diffidenza quando si chiede fin dalla sua prima battuta se siano finiti in un rifugio o in una trappola laquoSiamo in un teatroraquo66 proclama Sara rassicurante Questa disarmante confidenza nelle possibilitagrave salvifiche di quel luogo la connota fin dalle prime parole come personaggio idealista al limite di una ingenuitagrave irragionevole e non condivisibile che i compagni le rinfacceranno lungo tutta la durata della piegravece Egrave certo parados-sale la situazione di questi personaggi chiamati ad affidare la fuga dai disastri della realtagrave proprio al luogo per eccellenza deputato alla finzione Quel che si direbbe perograve fortuito accadimento sembra poco a poco rafforzarsi fino a farsi certezza in lei attrice che girovagando qua e lagrave scopre drsquoaver giagrave recitato su quel palco-scenico tanto tempo prima nel ruolo di ancella in un antico dramma greco che non ricorda piugrave Alcesti I sospetti di Stefano drsquoaltra parte sono ben giustificati La realtagrave sta per irrompere brutalmente tra le speranze E mentre Sara vagabonda ignara per il teatro alla ricerca delle proprie memorie ndash alla ricerca di seacute ndash Stefa-no informa il vecchio Simone che qualcosa egrave andato storto Gli accordi sono sal-tati o non sono stati compresi Il custode notturno che li ha condotti ligrave ndash figura sinistra temibile nella sua reticente ambiguitagrave nei sottintesi dei suoi silenzi ndash gli ha fatto sapere che ci sono solo due posti per loro soltanto due potranno sottrar-si al laquorischio mortale che incombe sulle loro testeraquo (p 1262) Quel teatro rischia di essere davvero una trappola Si profila per loro una scelta laquofra vivere e morireraquo (p 1265) Si tratta di individuare chi di tre che si amano destinare al sacrificio ulti-ma inattesa vittima del potere violento che si sono illusi di fuggire Poicheacute Stefano non puograve pensare che la scelta ricada su Sara la partita andragrave giocata tra padre e figlio Ed ecco riemergere vecchie incomprensioni conflitti e tensioni moderna-mente riconoscibili sinistri sospetti Ecco riattuarsi uno scontro non nuovo ai lettori di Euripide tra un figlio a rischio di morte e un padre che tiene laquoforsenna-tamente a quel porsquo drsquoalbe e tramontiraquo (p 1291) che gli restano Ecco marcarsi tra i tre incomunicabilitagrave e gelosie acuite se possibile dalla straniante condotta di Sa-ra che nella lotta inesorabile per la sopravvivenza giagrave avviatasi tra i due conduce invece con le memorie la ricostruzione di seacute della sua identitagrave di attrice cercando nel vecchio una complicitagrave che egrave chiaro non attende dallo sposo Proprio per questa via anche Sara entra senza avvedersene nel vero dramma a cui la situazio-ne la contesa daranno lenta progressiva consistenza la recita delle loro vite quali sono realmente proprio in un luogo di suprema finzione qual egrave il teatro la messa in scena di quel che sono davvero nellrsquoimminenza dellrsquoesilio nascosti in quel tea-tro A questo laquogioco della veritagraveraquo Sara partecipa confessando con naturalezza drsquoamarli entrambi laquoMa comrsquoegrave possibile amore mio che tu scopra proprio qui proprio ora qualcosa che egrave vero da sempre che egrave il senso stesso della nostra

66 RABONI 2006 p 1258 A questa edizione faranno riferimento le successive indicazioni di pagi-na tra parentesi

Alcesti nel Novecento letterario italiano

23

vita e cioegrave che io vi amo uno nellrsquoaltro uno a causa dellrsquoaltro qualche volta uno per rimpianto dellrsquoaltro indissolubilmente inestricabilmentehellipraquo(p 1277)

Sara partecipa completamente al vero dramma con tutta se stessa con quan-to della sua storia della sua arte lrsquoha fatta quel che egrave Con quanto ha appreso dalla recita di Alcesti dal sacrificio della laquosua reginaraquo (p 1280) che ha accettato di mori-re per lo sposo dalle battute stesse pronunciate ventrsquoanni prima tra cui vuol ri-cordarne una laquoSoltanto quando lrsquoavragrave perduta sapragrave veramente cosrsquoha perdu-tohellipraquo (p 1279) Una anticipazione ndash una profezia ndash di quanto accadragrave tra breve o forse meglio una esplicitazione del suo modo di intendere del suo modo di es-sere Di ligrave a poco finalmente informata da Simone dellrsquoimminente si opporragrave fie-ramente alla possibilitagrave che si debba scegliere tra loro Mentre infurieragrave a colpi di sospetti e di sarcasmi la lotta tra Simone e Stefano incapaci di morire per gli altri negheragrave solennemente di voler accettare che si finisca laquo uno dei tre a incarnare con amarezza forse con rancore la parte della vittima gli altri due a convivere con lrsquoorrore drsquoaverglielo permesso o suggerito o addirittura impostohellipraquo (p 1292)

Egrave vero bisogna decidere O forse chissagrave non decidere non decidere niente decidere di non deciderehellip Ascoltatemi vi prego Egrave da giorni che io ascolto voi che cerco di abitare nei vostri cuori che mi sforzo di pensare i pensieri di ciascuno di voi nellrsquoorrenda disputa che vi opponehellip(p 1294)

In realtagrave stanno ligrave da appena due ore

[hellip] eppure se ci penso continua a sembrarmi unrsquoeternitagrave unrsquoeternitagrave di stupore di sgomento di pena ad ascoltarvi che vi torturate a vicenda lrsquouno con lrsquoaiuto dellrsquoaltro sempre piugrave a fondo sempre piugrave mortalmente nel vivo a colpi drsquoorgoglio e drsquoironia [hellip] Niente e nessuno lo sapete mi egrave piugrave caro di voi e questo egrave vero sin dal giorno in cui mrsquoavete presa uno per moglie lrsquoaltro per figlia ndash e forse egrave piugrave vero piugrave vero ancora da quando un odio indecifrabile trasformatosi in legge dello Stato

Roberto Vianello

24

mrsquoimpedisce di fare la sola cosa che amo quasi quanto amo voi due recitare [hellip] [hellip] egrave venuto il momento di dirvela tutta drsquoun fiato senza giri di frase senza neanche tentare di convincervi la certezza che mi pesa sul cuore e insieme lo fa piugrave leggero se partire tutti egrave impossibile (e so bene so bene che egrave impossibile) non crsquoegrave che una cosa da fare restare tutti qui (pp 1295 ss)

La salvezza dal teatro Speranza vana Sara sa che in un teatro ci sono passag-

gi impensabili spazi ignorati o creduti impraticabili porte nascostehellip Non le pare irrealistico sperare di celarsi di giorno in quellrsquoambiente labirintico e restarvi tutti insieme uscendo solo la notte a turno e con cautela per procurarsi di che so-pravvivere67 Sente soprattutto di doverlo volere per opporsi a una necessitagrave che ri-fiuta con tutta se stessa proprio per restare se stessa Rimanere lagrave significa rifiu-tarsi di cedere al male respingere il gioco di chi vuol togliere loro lrsquoanima Come sarebbe possibile definire salvezza il rinunciare ad essere quelli che sono laquoampu-tarsi degli affetti piugrave cari tradire tutte le parole dateraquo (p 1294)

Il realismo di Stefano e Simone non sa accettare questo punto di vista Perfi-no lrsquoaccondiscendente suocero finisce per accusare la donna drsquoavere letto da gio-vane troppi romanzi drsquoappendice di non comprendere insomma che la sua egrave posizione illusoria idealistica mentre invece crsquoegrave di mezzo la vita Per i due uomini decidere si deve deve venire individuata la vittima Simone allora escogita un modo per evitare di scegliere tra le ragioni dellrsquouno e dellrsquoaltro tra la prospettiva di vita piugrave lunga del giovane e lrsquoattaccamento del vecchio al tempo che gli resta da vivere Lrsquouso laquoun porsquo ludico e un porsquo statisticoraquo (p 1301) di una vecchia pistola carica sorteggeragrave in una specie di roulette russa il sacrificando La canna non verragrave puntata alla tempia si spareragrave a qualche oggetto Il risultato saragrave garantito in modo incruento ndash ma saragrave garantito ndash da un arnese appartenente alla storia della famiglia intascato chissagrave quanto consapevolmente quale ultima difesa contro lrsquoimprevisto e divenuto allrsquoattuarsi dellrsquoimprevisto autolesionistico mezzo di riso-luzione di un dilemma insolubile arma puntata contro lrsquounitagrave affettiva della fami-glia strumento con cui la sorte decideragrave incolpevolmente il prescelto a laquolasciareraquo con la donna laquolrsquoinferno per il limboraquo (p 1305)

67 La situazione puograve ricordare in certo modo quella realmente vissuta dalla famiglia Frank prima della deportazione a Berger Belsen e soprattutto quella che ispirograve a Truffaut il famoso Lrsquoultimo metrograve (1980) in cui in una Parigi occupata dai nazisti un direttore teatrale ebreo riesce a sottrarsi al peggio nascondendosi nei sotterranei del suo teatro

Alcesti nel Novecento letterario italiano

25

Sara comprende oramai come un muro si opponga tra le sue parole e il cuore dei due E se ne va per non fare piugrave ritorno senza che essi intuiscano la sua vera determinazione laquoNo non piugrave non queste cose Scusami Scusatemiraquo (p 1303) sono le sue ultime parole

Dopo un ultimo contrasto col padre Stefano va infine alla ricerca di un og-getto da trasformare in bersaglio per esercitarvi il gioco della sorte illudendosi nel contempo di poter trovare la donna Ma il Custode apparso drsquoimprovviso gli rivela come sia vana ogni ricerca di lei dato che lrsquoha appena vista uscire o meglio laquoentrare in quella gran nebbia che crsquoegrave lagrave fuori e che lei stessa [hellip] ha parago-nato allrsquoAderaquo (p 1307) Egrave il momento in cui tale personaggio rivela il massimo della sua ambiguitagrave ndash meglio sarebbe dire della sua impenetrabilitagrave ndash con lrsquoapparire aguzzino cinico incapace di pietagrave e col suo contemporaneo proclamar-si mero esecutore di ordini che laquonon sono mai [hellip] degli ordini inumaniraquo (p 1306) Lo spedizioniere ndash come lo hanno definito i nostri personaggi scopertisi fardelli in attesa di spedizione in preda al potere incoercibile delle circostanze ndash lrsquouomo che appare e scompare laquocome la figura della morte in certi campanili goticiraquo (p 1284) pare sapere molto piugrave di quel che svela Egrave tornato a comandare lrsquoabbandono del teatro ma le sue allusioni reticenti le mezze veritagrave suggerite ne svelano il vero ruolo Egli non egrave appena lrsquointermediario per lrsquoattuazione del pia-no concordato Vero deus ex machina egrave piuttosto lrsquoagente chiamato a fare lucida-mente precipitare lrsquoazione scenica verso la sua conclusione la conoscenza vera di un seacute decisamente impresentabile che situazioni disperate stati di necessitagrave acca-de sappiano lasciare emergere Ai due antieroi che protestano di non poter parti-re senza Sara che mentendo a se stessi pretendono di dover far qualcosa per lei nella concitazione dellrsquoobbligata partenza glacialmente il Custode risponde

Fare cosa Non crsquoegrave proprio niente da fare ci sarebbe semmai qualcosa da capire Ma piugrave tardi adesso non ne avete il tempo ricordatevi che dovete partire (p 1308)

Stefano adesso ndash cominciando a comprendere ndash vorrebbe restar ligrave per provare a cercarla Vano tentativo di acquietare la coscienza Egli in realtagrave si lascia presto vilmente travolgere come il padre dalla necessitagrave della congiuntura e dalla cruda imbarazzante veritagrave che finalmente emerge dalle agghiaccianti battute del dramma che srsquoavvia alla conclusione

STEFANO Ma qui possiamo cercarla CUSTODE E in che modo andandovi a ficcare tra le grinfie di chi vi dagrave la caccia Credete a me non avete altra scelta

Roberto Vianello

26

salite su quel camion Oltretutto se ci pensate egrave quello che tutti e due volevate con ogni vostra forza dalla piugrave palese alla piugrave segreta e che anche lei evidentemente ha voluto per voi STEFANO Mahellip SIMONE Quellrsquouomo chiunque sia ha ragione Diamogli retta figlio Io sono vecchio tu sei giovane ma entrambi credo siamo adulti e letterati quanto basta per mutare con lrsquoaiuto del tempo in una specie di dolcezza anche la piugrave atroce delle vergogne Su vieni STEFANO Non potrograve mai perdonartelo SIMONE Neacute io a te Ma ciascuno di noi due vedrai troveragrave il modo di perdonarlo almeno un porsquo a se stesso (pp 1309 s)

La personale convenienza prevale alla fine su ogni buona intenzione Lrsquoalibi dellrsquoimpossibilitagrave drsquoalcuncheacute oscura a pena il significato di disattenzioni indispo-nibilitagrave sorditagrave cui lo spettatore ha assistito sino a poco prima La mancata sin-tonia tra i parenti della nostra recita non trova piugrave spiegazione nella mera differen-za del carattere o nella gelosia Altra egrave lrsquoinconfessata veritagrave quella di scelte dettate dallrsquoistinto puro di conservazione al quale ogni legame affettivo egrave risultato sacri-ficato forse dettate persino da una inconscia volontagrave di liquidare conti da troppo sospesi

Il custode prima di lasciarli comunica che una laquocompagna di viaggioraquo partiragrave insieme a loro Nessuno sa chi sia laquoDicono che sia una reginaraquo ma non si sa di che paese laquoe nemmeno se la parola sia da intendere in senso proprio oppure figuratoraquo (p 1312) Con lei e di lei nessuno dovragrave nemmeno parlare gli ordini mi-steriosi sono tassativi pena il rischio dellrsquoincolumitagrave I due dovranno limitarsi a seguirla a qualche passo di distanza senza azzardare nemmeno con se stessi con-getture sul suo conto che potrebbero risultare addirittura laquoinsopportabiliraquo (ivi) Una donna velata compare sul fondo della scena Egrave Sara riconoscibile al pubbli-co ma laquomisteriosamente mutataraquo (p 1311) Forse la sua presenza porteragrave a com-pimento la recita delle laquolacerazioni della storiaraquo e delle laquointermittenze del cuoreraquo

Alcesti nel Novecento letterario italiano

27

cui lrsquoAutore voleva dar vita e indurragrave i nostri antieroi a capire Forse Egrave dunque per salvar lei che uno di loro tre ha dovuto sacrificarsi ndash chiede Stefano laquoStrana domandaraquo commenta il Custode laquoImproponibileraquo e laquoridicolaraquo

ndash quasi come voler cercare qualcuno nella nebbia se la nebbia egrave cosigrave maledettamente simile agli opachi labirinti dellrsquoAde Ma che senso ha che io cerchi di convincerti di quello di cui solo tu quando e se mai te ne verragrave il coraggio potrai convincere te stesso (p 1313)

Il Custode denuncia in quella domanda lrsquoultimo tentativo di addossare ad altri

una responsabilitagrave propria Alibi velleitario quanto lrsquoirrealistica voglia presto ac-quietata di cercare Sara nella nebbia Solo il coraggio di guardarsi dentro davvero permetteragrave di trovare la veritagrave La veritagrave di viltagrave ed eroismo che ha preso vita nel luogo della finzione il Teatro dove srsquoegrave combattuta la lotta tra lrsquoindole belluina ridestata in due personaggi dalle urgenze delle disgrazie e le esigenze ndash del cuore e della ragione insieme ndash della loro donna Durante lrsquoaccadimento che egrave la recita cui abbiamo assistito i nostri eroi hanno mostrato e forse capito ndash o cominciato a capire ndash di piugrave se stessi mentre lrsquoancella drsquoun tempo srsquoegrave potuta trasformare in re-gina Egrave stato per il suo gesto Egrave stato come altri propone per la sua volontagrave di restare ligrave nel Teatro preferendo laquola veritagrave dellrsquoapparire alla menzogna della real-tagraveraquo68 LrsquoAlcesti di Raboni non racconta di un ritorno dallrsquoaldilagrave Racconta piutto-sto di una fuga dallrsquoinferno nelle coscienze o ndash se si vuole e solo per i due uomi-ni ndash di un ingresso in un loro purgatorio al seguito di una donna laquoimmagine del loro amore e della loro vergognaraquo69

Un fraintendimento novecentesco Il tempo oramai esaurito ci costringe a concludere Resterebbe da porre una

domanda che a nostro giudizio merita di non essere elusa soprattutto alla luce di recenti sviluppi dellrsquoindagine critica Il Novecento ha davvero inteso correttamen-te il rapporto tra lrsquoAlcesti e lrsquoAdmeto consegnati da Euripide agli Ateniesi del 438 aC e al pubblico di ogni epoca Savinio ci ha consegnato un Paul-Admeto inno-cente quanto alla decisione della sposa ma non del tutto riabilitato quanto alle ra-gioni che quel gesto hanno determinato almeno per la parte che puograve avervi avuto

68 LIEVI 2004 p 447 69 RABONI 2004 p 445 Ora in RABONI 2006 p 1782

Roberto Vianello

28

il suo modo di essere sposo (v p 12) Raboni ci presenta uno Stefano-Admeto che accetta ingloriosamente il destino a lui favorevole Il giudizio degli autori no-vecenteschi si abbatte impietoso sullrsquoindividuo maschile della coppia Raboni pa-ragonograve il desiderio finale di cercare Sara alla laquoretoricaraquo disperazione di Admeto in Euripide per una morte che lui aveva laquorichiesto o comunque accettatoraquo70 Kott per citare solo unrsquoaltra voce sulla questione quando riflette sul rapporto tra i co-niugi in Euripide squalifica lo sposo affermando laquoAlcesti egrave unrsquoeroina di tragedia ma ha un marito che viene dalla commediaraquo71

Ci chiediamo e se il Novecento avesse frainteso Se Admeto non avesse avu-to davvero possibilitagrave di scegliere Bisognerebbe certo postulare un secolare fraintendimento Andrebbero indagate inoltre le ragioni dellrsquoamplificazione di quelle che da sempre sono apparse ambiguitagrave e contraddizioni del testo euripi-deo Admeto implora la sposa di non lasciarlo e la rimprovera quasi di abbando-nare oltre a lui i figli proprio mentre la morte la ghermisce Egrave davvero vuota-mente retorica la sua disperazione O un fuorviante pregiudizio moderno ci pre-clude la veritagrave indotti come siamo a biasimarne lrsquointollerabile ingratitudine per un gesto ancor piugrave grande ai nostri occhi in una condizione di subalternitagrave social-mente pretesa Non sarebbe incomprensibile il manifestarsi di tale fastidio nel progressivo maturare di una coscienza di genere tra Ottocento e Novecento e nella ormai conquistata emancipazione femminile Osiamo suggerire tali conside-razioni sulla scia di un interessante intervento critico apparso di recente sulla rivi-sta ldquoMateriali e discussioni per lrsquoanalisi dei testi classicirdquo cui non crsquoegrave tempo di de-dicare oggi lo spazio necessario ma che potragrave essere letto con profitto sul sito del nostro Liceo72

Carlo Brillante vi sostiene lrsquoimplausibilitagrave che Euripide abbia pensato di porta-re in scena un personaggio doppio e contraddittorio quale appare lrsquoAdmeto che riteniamo di conoscere Egli suggerisce invece la sciagurata eventualitagrave che Adme-to non abbia potuto opporsi al sacrificio della sposa richiamando in certo modo i tentativi di moralizzare il personaggio attuati prima dellrsquoOttocento Il critico tut-tavia non egrave vincolato alle necessitagrave etico-artistiche che animarono in passato un Aureli o un Alfieri73 Quel che conduce la sua indagine invece egrave lrsquoesigenza erme-neutica di comprendere quanto resta misconosciuto della vicenda degli sposi mi-tici e della tragedia greca cui forse erroneamente si attribuisce la scelta di insce-nare una ipocrisia poco onorevole e poco edificante Percheacute nulla ci dice il testo euripideo del ruolo di Admeto negli avvenimenti che hanno preceduto lrsquoazione scenica Sappiamo solo che Apollo ingannando le Moire ha ottenuto il dono piugrave prezioso per lrsquoamico descritto per lrsquointero dramma come uomo pio verso la divi-

70 RABONI 2004 p 444 Ora in RABONI 2006 p 1782 71 KOTT 2005 p 104 72 Cf BRILLANTE 2005 La riproduzione del saggio sul sito del Liceo egrave stata autorizzata dalla Re-dazione scientifica della rivista e dalla sua Casa editrice La si legga allrsquoindirizzo Internet wwwgiuseppeveroneseit (Materiali didattici Italiano Vianello Roberto) 73 Cf p 5

Alcesti nel Novecento letterario italiano

29

nitagrave e campione di ospitalitagrave e φιλία Quale rapporto sia intercorso tra il dono i-natteso del dio e la decisione sacrificale di Alcesti non si dice in Euripide neacute ci egrave dato di ipotizzarne aspetti disonorevoli per Admeto di cui sappiamo solo che οὐχ ηὗρε πλὴν γυναικὸς ὃστις ἤθελε θανὼν πρὸ κείνου microηκέτ΄εἰσορᾶν φάος ldquonon trovograve tranne la moglie chi volesse morendo per lui non piugrave vedere la lucerdquo (17-18) Osserva Brillante che il verbo εὑρίσκω laquopuograve designare un ritrovamento casuale senza riferimento a unrsquointenzionalitagrave del soggettoraquo 74 Un valore che e-scluderebbe una richiesta egoistica alla sposa e renderebbe lrsquoofferta di seacute della donna inattesa almeno quanto il dono stesso Il valore del verbo nel contesto egrave certo controverso75 ma di una richiesta esplicita ad Alcesti nel dramma non si fa mai menzione e forse solo un pregiudizio naturale quanto si vuole puograve farla po-stulare Il critico perciograve ipotizza che la possibilitagrave di una morte sostitutiva strap-pata da Apollo alle Moire si configuri come un vero e proprio patto a cui en-trambi i contraenti restano vincolati e che accettato da Admeto egrave divenuto vin-colante anche per lui Admeto non avrebbe dovuto in realtagrave accettare o meno il sacrificio di Alcesti quanto piuttosto scegliere se accettare o meno la vantaggiosa offerta del dio senza poter prevedere lrsquoinattesa offerta di seacute dellrsquoormai insostitui-bile sposa Piugrave generosa di amici e genitori Alcesti avrebbe involontariamente trasformato la piugrave impensabile delle opportunitagrave in un dono avvelenato I doni degli immortali sono spesso inevitabili per gli uomini E il re di Fere non aveva certo motivo di rifiutare il tributo di una divinitagrave amica alla piugrave onorevole delle sue virtugrave Sono solo lrsquoinatteso rifiuto dei genitori e lrsquoimprevista offerta di Alcesti a rendere non piugrave vantaggiosa lrsquoofferta di Apollo quando Thanatos rifiuta di nego-ziare con Apollo una dilazione della morte di Alcesti oramai non crsquoegrave piugrave nulla da fare I rapporti tra uomini e immortali ndash osserviamo noi ndash sono normalmente diffi-cili E spesso ndash continua Brillante ndash i doni degli immortali non corrispondono alle attese di chi li ha sollecitati Altri eroi dopo aver stipulato un patto vantaggioso con la divinitagrave laquosubiscono un male maggiore di quello che speravano di evitareraquo76 Egrave il caso di Idomeneo il re di Creta costretto a uccidere il figlio per aver promes-so a Poseidone di sacrificargli ciograve che avesse incontrato sulla terraferma se fosse scampato al naufragio Stessa sorte subirono la sposa e i figli di Meandro che sti-pulograve un patto analogo con la madre degli dei Cosigrave come accadde alla figlia di Ief-te giudice dellrsquoAntico Testamento che si distinse combattendo contro gli Am-moniti e in cambio della vittoria su di essi promise in olocausto a IHWH ndash scon-sideratamente ndash la persona che per prima fosse uscita dalle porte di casa sua per andargli incontro (Gdc 11 30-39) In tutti questi casi eventi inattesi trasformano nella rovina dellrsquoeroe un patto incautamente ritenuto conveniente Qualcosa di simile andrebbe postulato anche per Admeto che tutto avrebbe potuto prevede-re tranne la dedizione della sposa fino al dono totale di seacute

74 BRILLANTE 2005 p 17 75 Cf ivi n 18 76 Brillante 2005 p 22

Roberto Vianello

30

Dobbiamo veramente terminare Non abbiamo titolo per pronunciarci con competenza sullrsquoipotesi sin qui descritta Se essa dovesse dimostrarsi esatta biso-gnerebbe ripensare lrsquoAlcesti di Euripide e restituire al suo sposo un onore troppo a lungo negato77 Le presunte ombre e ambiguitagrave che lo riguardano risulterebbero illuminate da una luce di sincero affetto per la sposa di vera disperazione per la sua perdita Giusta si rivelerebbe come pretendeva Platone la ricompensa delle virtugrave di entrambi col ritorno in vita di lei Nuova luce prenderebbero poi le letture artistiche del secolo da poco conclusosi che abbiamo fin qui descritto E do-vremmo forse attribuire a evoluzione del costume ai drammi della psiche a traumi della sua storia la valutazione antieroica del rapporto immaginato tra gli sposi in quelle recenti storie Lasciamo alla vostra riflessione le molte osservazioni sin qui proposte Qualsiasi sia la veritagrave su Alcesti e Admeto siete tutti invitati al teatro ldquoDon Boscordquo ad assistere alla rappresentazione che gli studenti del Classi-co ne daranno il prossimo 29 Aprile Grazie

ROBERTO VIANELLO

77 Almeno per quel che concerne il suo rapporto con la sposa Rimarrebbe invero da valutare la sua pretesa di essere sostituito da amici e genitori Per i secondi si potrebbe forse invocare il con-cetto di giustizia generazionale per il quale la piugrave lunga aspettativa di vita del giovane il lungo godi-mento di ricchezze e felicitagrave da parte dei piugrave anziani renderebbero ndash in modo che lascia perplessa la coscienza moderna ndash onorevole la loro dipartita meno disonorevole la richiesta loro diretta Per i primi si dovrebbero forse invocare concetti quali la regalitagrave dellrsquointerlocutore la ragion di Stato la manifestazione concreta di una φιλία attesa dalla sodalitagrave tra pari non invece dallrsquoaffetto di una donna Per entrambi bisogneragrave poi tener presente lrsquoorigine fiabesca della situazione e del dono stesso

Alcesti nel Novecento letterario italiano

31

Indice bibliografico

BASTA DONZELLI 1987 G BASTA DONZELLI Euripide in Dizionario degli scrittori greci e latini Diretto da F DELLA CORTE Milano Marzorati 1987

BRILLANTE 2005 C BRILLANTE LrsquoAlcesti di Euripide il personaggio di Admeto e la struttura del dramma in ldquoMateriali e discussioni per lrsquoanalisi dei testi classicirdquo 54 (2005) pp 9-46

CARDARELLI 1981 V CARDARELLI Opere Milano Mondadori 1981

CARDARELLI 1985 Il testamento letterario di Giacomo Leopardi Pensieri dello Zibaldone scelti annotati e ordinati da Vincenzo Cardarelli Torino Fogravegola 1985 (ri-stampa del fascicolo trimestrale de ldquoLa Rondardquo del giugno 1921)

CASCETTA 1995 A CASCETTA Lrsquo Alcesti di Samuele di Alberto Savinio una tragedia mo-derna in Studia classica Iohanni Tarditi oblata A cura di L BELLONI G MILANESE A PORRO vol II Milano Vita e Pensiero Pubblicazioni dellrsquoUniversitagrave Cattolica 1995 pp 1405-1446

CORTELLESSA 2005 A CORTELLESSA La poesia in carne e ossa postfazione a RABONI 2005

DE SANCTIS 1995 F DE SANCTIS Schopenhauer e Leopardi A cura di F Gnerre e A L Marongiu Milano Edizioni Oberon 1995 (volumetto per la scuola che riproduce il citatissimo Schopenhauer e Leopardi Dialogo tra A e D in Saggi critici A cura di L Russo II Bari Laterza 1952)

EURIPIDE E ALTRI 2006 EURIPIDE WIELAND RILKE YOURCENAR RABONI Alcesti Variazio-ni sul mito Venezia Marsilio 2006

GUIDI 2006 O GUIDI Alberto Savinio profeta dellrsquoUnitagrave Europea in Irregolari novecente-schi Bontempelli Savinio Landolfi Penna Curto Longo Editore Ravenna 2006 pp 29-46

KOTT 2005 J KOTT Alcesti velata in IDEM Divorare gli dei Unrsquointerpretazione della tragedia greca Milano B Mondadori 2005 pp 100-133

LANGELLA 2004 G LANGELLA Lrsquoottimismo della speranza Sullrsquo ldquoAlcestirdquo incompiuta di Al-varo in PATTONI-CARPANI 2004 pp 369-386

LESKY 1925 A LESKY Alkestis Der Mythus und das Drama Wien und Leipzig 1925 (ldquoSitz Akad Wiss Wienrdquo phil-hits Kl 203 2 Abh)

LIEVI 2004 C LIEVI Lrsquo ldquoAlcestirdquo di Giovanni Raboni Riflessione di un regista in PAT-TONI-CARPANI 2004 pp 446-447

MAGRO 2008 F MAGRO Un luogo della veritagrave umana La poesia di Giovanni Raboni Pa-sian di Prato (UD) Campanotto editore 2008

MENGALDO 1978 P V MENGALDO Poeti italiani del Novecento Milano Mondadori 1978 pp 398-402

MENGALDO 1998 P V MENGALDO Profili di critici del Novecento Torino Bollati Borin-ghieri 1998 pp 107-111

MORACE 1983 C ALVARO Alcesti a cura di A M MORACE in ldquoNuovi Annali della Facoltagrave di Magistero dellrsquoUniversitagrave di Messinardquo 1 (1983) pp 729-758

MORACE 2001 A M MORACE La riscrittura del mito nel teatro alvariano in IDEM Orbite novecentesche Napoli Edizioni Scientifiche Italiane 2001 pp 85-103

Roberto Vianello

32

NOSARTI 1992 ANONIMO LrsquoAlcesti di Barcellona A cura di L NOSARTI Bologna Pagrave-tron 1992

PADUANO 2004 G PADUANO Lrsquounitagrave dellrsquo Alcesti e la doppia ricezione in PATTONI-CARPANI 2004 pp 343-359

PATTONI 2004 M P PATTONI Le metamorfosi di Alcesti Dallrsquoarchetipo alle sue rivisitazioni in PATTONI-CARPANI 2004 pp 279-300

PATTONI 2006 M P PATTONI Introduzione a EURIPIDE E ALTRI 2006 pp 9-48

PATTONI-CARPANI 2004 Sacrifici al femminile Alcesti in scena da Euripide a Raboni in ldquoComunica-zioni socialirdquo anno XXVI NS Sez teatro 3 (Settembre-Dicembre 2004)

PEDULLAgrave 1991 W PEDULLAgrave Alberto Savinio Storia esemplare di uno scrittore di avanguar-dia Milano Bompiani 1991

PIETROMARCHI 1986 voce Savinio Alberto in Dizionario critico della letteratura italiana diretto da V BRANCA Torino UTET 1986 pp 98-100

PISCOPO 1973 U PISCOPO Alberto Savinio Milano Mursia 1973

RABONI 1987 G RABONI Poeti del secondo Novecento in Storia della letteratura italiana Diretta da E CECCHI e N SAPEGNO Il Novecento Milano Garzanti 1987 pp 207-248 Ora in RABONI 2005 pp 190-250

RABONI 1992 Sereni a Milano in Per Vittorio Sereni Convegno di poeti Milano Allrsquoinsegna del pesce drsquooro 1992

RABONI 2000 G RABONI Tradurre il sentimento in Tu hai preferito vivere io morire Con Antigone di Sofocle A cura di M G CIANI E F DONADI I quaderni del Teatro Olimpico 6 Vicenza 2000 pp 14-15 Ora in RABONI 2006 PP 1742-1743

RABONI 2004 G RABONI ldquoAlcestirdquoe i disastri del Novecento in PATTONI-CARPANI 2004 pp 441-445

RABONI 2005 G RABONI La poesia che si fa Cronaca e storia del Novecento poetico italia-no 1959-2004 A cura di A CORTELLESSA Milano Garzanti 2005

RABONI 2006 G RABONI Lrsquoopera poetica Milano Mondadori 2006

RAGNI 2002 E RAGNI Savinio mito e mondo classico in Atti del Convegno ldquoIl classico nel-la Roma contemporanea Mito modelli memoriardquo Roma 18-20 ottobre 2000 A cura di FERNANDA ROSSETTI Istituto Nazionale di Studi Romani 2002 vol I pp 71-105

REALE 1991 PLATONE Tutti gli scritti A cura di G REALE Milano Rusconi 1991

RIGONI 1985 M A RIGONI Saggi sul pensiero Leopardiano Napoli Liguori 1985

SAVINIO 1992 A SAVINIO Dico a te Clio Milano Adelphi 1992

SAVINIO 2007 A SAVINIO Alcesti di Samuele e atti unici A cura di A TINTERRI Mila-no Adelphi Edizioni 20072

SUSANETTI 2001 D SUSANETTI La favola bella della morte in Euripide Alcesti A cura di IDEM Venezia Marsilio 2001

SUSANETTI 2004 D SUSANETTI Alcesti sacrificio e resurrezione Elementi di un mito con sei variazioni in PATTONI-CARPANI 2004 pp 307-327

Alcesti nel Novecento letterario italiano

33

TELOgrave 2004 M TELOgrave lsquoAspettando Ercolersquo Universalismo mitico e primitivismo romantico in ldquoLe mystere drsquoAlcesterdquo di M Yourcenar in PATTONI-CARPANI 2004 pp 387-410

USAI 2005 A USAI Il mito nellrsquoopera letteraria e pittorica di Alberto Savinio Roma E-dizioni Nuova Cultura 2005

VIVARELLI 1996 Alberto Savinio Catalogo generale A cura di P VIVARELLI Milano Elec-ta 1996

WILSON 1968 Twentieth Century Interpretations of Euripidesrsquo Alcestis A collection of Critical Essays Edited by J R WILSON Englewood Cliffs N J Prentice-Hall 1968

ltlt ASCII85EncodePages false AllowTransparency false AutoPositionEPSFiles true AutoRotatePages None Binding Left CalGrayProfile (Dot Gain 20) CalRGBProfile (sRGB IEC61966-21) CalCMYKProfile (US Web Coated 050SWOP051 v2) sRGBProfile (sRGB IEC61966-21) CannotEmbedFontPolicy Error CompatibilityLevel 14 CompressObjects Tags CompressPages true ConvertImagesToIndexed true PassThroughJPEGImages true CreateJDFFile false CreateJobTicket false DefaultRenderingIntent Default DetectBlends true ColorConversionStrategy LeaveColorUnchanged DoThumbnails false EmbedAllFonts true EmbedJobOptions true DSCReportingLevel 0 EmitDSCWarnings false EndPage -1 ImageMemory 1048576 LockDistillerParams false MaxSubsetPct 100 Optimize true OPM 1 ParseDSCComments true ParseDSCCommentsForDocInfo true PreserveCopyPage true PreserveEPSInfo true PreserveHalftoneInfo false PreserveOPIComments false PreserveOverprintSettings true StartPage 1 SubsetFonts true TransferFunctionInfo Apply UCRandBGInfo Preserve UsePrologue false ColorSettingsFile () AlwaysEmbed [ true ] NeverEmbed [ true ] AntiAliasColorImages false DownsampleColorImages true ColorImageDownsampleType Bicubic ColorImageResolution 300 ColorImageDepth -1 ColorImageDownsampleThreshold 150000 EncodeColorImages true ColorImageFilter DCTEncode AutoFilterColorImages true ColorImageAutoFilterStrategy JPEG ColorACSImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt ColorImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt JPEG2000ColorACSImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt JPEG2000ColorImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt AntiAliasGrayImages false DownsampleGrayImages true GrayImageDownsampleType Bicubic GrayImageResolution 300 GrayImageDepth -1 GrayImageDownsampleThreshold 150000 EncodeGrayImages true GrayImageFilter DCTEncode AutoFilterGrayImages true GrayImageAutoFilterStrategy JPEG GrayACSImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt GrayImageDict ltlt QFactor 015 HSamples [1 1 1 1] VSamples [1 1 1 1] gtgt JPEG2000GrayACSImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt JPEG2000GrayImageDict ltlt TileWidth 256 TileHeight 256 Quality 30 gtgt AntiAliasMonoImages false DownsampleMonoImages true MonoImageDownsampleType Bicubic MonoImageResolution 1200 MonoImageDepth -1 MonoImageDownsampleThreshold 150000 EncodeMonoImages true MonoImageFilter CCITTFaxEncode MonoImageDict ltlt K -1 gtgt AllowPSXObjects false PDFX1aCheck false PDFX3Check false PDFXCompliantPDFOnly false PDFXNoTrimBoxError true PDFXTrimBoxToMediaBoxOffset [ 000000 000000 000000 000000 ] PDFXSetBleedBoxToMediaBox true PDFXBleedBoxToTrimBoxOffset [ 000000 000000 000000 000000 ] PDFXOutputIntentProfile () PDFXOutputCondition () PDFXRegistryName (httpwwwcolororg) PDFXTrapped Unknown Description ltlt ENU (Use these settings to create PDF documents with higher image resolution for high quality pre-press printing The PDF documents can be opened with Acrobat and Reader 50 and later These settings require font embedding) JPN ltFEFF3053306e8a2d5b9a306f30019ad889e350cf5ea6753b50cf3092542b308030d730ea30d730ec30b9537052377528306e00200050004400460020658766f830924f5c62103059308b3068304d306b4f7f75283057307e305930023053306e8a2d5b9a30674f5c62103057305f00200050004400460020658766f8306f0020004100630072006f0062006100740020304a30883073002000520065006100640065007200200035002e003000204ee5964d30678868793a3067304d307e305930023053306e8a2d5b9a306b306f30d530a930f330c8306e57cb30818fbc307f304c5fc59808306730593002gt FRA ltFEFF004f007000740069006f006e007300200070006f0075007200200063007200e900650072002000640065007300200064006f00630075006d0065006e00740073002000500044004600200064006f007400e900730020006400270075006e00650020007200e90073006f006c007500740069006f006e002000e9006c0065007600e9006500200070006f0075007200200075006e00650020007100750061006c0069007400e90020006400270069006d007000720065007300730069006f006e00200070007200e9007000720065007300730065002e0020005500740069006c006900730065007a0020004100630072006f0062006100740020006f00750020005200650061006400650072002c002000760065007200730069006f006e00200035002e00300020006f007500200075006c007400e9007200690065007500720065002c00200070006f007500720020006c006500730020006f00750076007200690072002e0020004c00270069006e0063006f00720070006f0072006100740069006f006e002000640065007300200070006f006c0069006300650073002000650073007400200072006500710075006900730065002egt DEU ltFEFF00560065007200770065006e00640065006e0020005300690065002000640069006500730065002000450069006e007300740065006c006c0075006e00670065006e0020007a0075006d002000450072007300740065006c006c0065006e00200076006f006e0020005000440046002d0044006f006b0075006d0065006e00740065006e0020006d00690074002000650069006e006500720020006800f60068006500720065006e002000420069006c0064006100750066006c00f600730075006e0067002c00200075006d002000650069006e00650020007100750061006c00690074006100740069007600200068006f006300680077006500720074006900670065002000410075007300670061006200650020006600fc0072002000640069006500200044007200750063006b0076006f0072007300740075006600650020007a0075002000650072007a00690065006c0065006e002e00200044006900650020005000440046002d0044006f006b0075006d0065006e007400650020006b00f6006e006e0065006e0020006d006900740020004100630072006f0062006100740020006f0064006500720020006d00690074002000640065006d002000520065006100640065007200200035002e003000200075006e00640020006800f600680065007200200067006500f600660066006e00650074002000770065007200640065006e002e00200042006500690020006400690065007300650072002000450069006e007300740065006c006c0075006e00670020006900730074002000650069006e00650020005300630068007200690066007400650069006e00620065007400740075006e00670020006500720066006f0072006400650072006c006900630068002egt PTB ltFEFF005500740069006c0069007a006500200065007300740061007300200063006f006e00660069006700750072006100e700f5006500730020007000610072006100200063007200690061007200200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200063006f006d00200075006d00610020007200650073006f006c007500e700e3006f00200064006500200069006d006100670065006d0020007300750070006500720069006f0072002000700061007200610020006f006200740065007200200075006d00610020007100750061006c0069006400610064006500200064006500200069006d0070007200650073007300e3006f0020006d0065006c0068006f0072002e0020004f007300200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200070006f00640065006d0020007300650072002000610062006500720074006f007300200063006f006d0020006f0020004100630072006f006200610074002c002000520065006100640065007200200035002e00300020006500200070006f00730074006500720069006f0072002e00200045007300740061007300200063006f006e00660069006700750072006100e700f50065007300200072006500710075006500720065006d00200069006e0063006f00720070006f0072006100e700e3006f00200064006500200066006f006e00740065002egt DAN ltFEFF004200720075006700200064006900730073006500200069006e0064007300740069006c006c0069006e006700650072002000740069006c0020006100740020006f0070007200650074007400650020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e0074006500720020006d006500640020006800f8006a006500720065002000620069006c006c00650064006f0070006c00f80073006e0069006e0067002000740069006c0020007000720065002d00700072006500730073002d007500640073006b007200690076006e0069006e0067002000690020006800f8006a0020006b00760061006c0069007400650074002e0020005000440046002d0064006f006b0075006d0065006e007400650072006e00650020006b0061006e002000e50062006e006500730020006d006500640020004100630072006f0062006100740020006f0067002000520065006100640065007200200035002e00300020006f00670020006e0079006500720065002e00200044006900730073006500200069006e0064007300740069006c006c0069006e0067006500720020006b007200e600760065007200200069006e0074006500670072006500720069006e006700200061006600200073006b007200690066007400740079007000650072002egt NLD ltFEFF004700650062007200750069006b002000640065007a006500200069006e007300740065006c006c0069006e00670065006e0020006f006d0020005000440046002d0064006f00630075006d0065006e00740065006e0020007400650020006d0061006b0065006e0020006d00650074002000650065006e00200068006f00670065002000610066006200650065006c00640069006e00670073007200650073006f006c007500740069006500200076006f006f0072002000610066006400720075006b006b0065006e0020006d0065007400200068006f006700650020006b00770061006c0069007400650069007400200069006e002000650065006e002000700072006500700072006500730073002d006f006d0067006500760069006e0067002e0020004400650020005000440046002d0064006f00630075006d0065006e00740065006e0020006b0075006e006e0065006e00200077006f007200640065006e002000670065006f00700065006e00640020006d006500740020004100630072006f00620061007400200065006e002000520065006100640065007200200035002e003000200065006e00200068006f006700650072002e002000420069006a002000640065007a006500200069006e007300740065006c006c0069006e00670020006d006f006500740065006e00200066006f006e007400730020007a0069006a006e00200069006e006700650073006c006f00740065006e002egt ESP ltFEFF0055007300650020006500730074006100730020006f007000630069006f006e006500730020007000610072006100200063007200650061007200200064006f00630075006d0065006e0074006f0073002000500044004600200063006f006e0020006d00610079006f00720020007200650073006f006c00750063006900f3006e00200064006500200069006d006100670065006e00200071007500650020007000650072006d006900740061006e0020006f006200740065006e0065007200200063006f007000690061007300200064006500200070007200650069006d0070007200650073006900f3006e0020006400650020006d00610079006f0072002000630061006c0069006400610064002e0020004c006f007300200064006f00630075006d0065006e0074006f00730020005000440046002000730065002000700075006500640065006e00200061006200720069007200200063006f006e0020004100630072006f00620061007400200079002000520065006100640065007200200035002e003000200079002000760065007200730069006f006e0065007300200070006f00730074006500720069006f007200650073002e0020004500730074006100200063006f006e0066006900670075007200610063006900f3006e0020007200650071007500690065007200650020006c006100200069006e0063007200750073007400610063006900f3006e0020006400650020006600750065006e007400650073002egt SUO ltFEFF004e00e4006900640065006e002000610073006500740075007300740065006e0020006100760075006c006c006100200076006f0069006400610061006e0020006c0075006f006400610020005000440046002d0061007300690061006b00690072006a006f006a0061002c0020006a006f006900640065006e002000740075006c006f0073007400750073006c00610061007400750020006f006e0020006b006f0072006b006500610020006a00610020006b007500760061006e0020007400610072006b006b007500750073002000730075007500720069002e0020005000440046002d0061007300690061006b00690072006a0061007400200076006f0069006400610061006e0020006100760061007400610020004100630072006f006200610074002d0020006a0061002000520065006100640065007200200035002e00300020002d006f0068006a0065006c006d0061006c006c0061002000740061006900200075007500640065006d006d0061006c006c0061002000760065007200730069006f006c006c0061002e0020004e00e4006d00e4002000610073006500740075006b0073006500740020006500640065006c006c00790074007400e4007600e4007400200066006f006e0074007400690065006e002000750070006f00740075007300740061002egt ITA ltFEFF0055007