XXI DOMENICA TEMPO ORDINARIO LECTIO A B · PDF fileXXI Domenica Tempo Ordinario Anno B 1 XXI...

Click here to load reader

  • date post

    15-Feb-2019
  • Category

    Documents

  • view

    219
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of XXI DOMENICA TEMPO ORDINARIO LECTIO A B · PDF fileXXI Domenica Tempo Ordinario Anno B 1 XXI...

XXI Domenica Tempo Ordinario Anno B

1

XXXXII DDOOMMEENNIICCAA TTEEMMPPOO OORRDDIINNAARRIIOO

LLEECCTTIIOO -- AANNNNOO BB PPrriimmaa lleettttuurraa:: GGiioossuu 2244,,11--22..1155--1177..1188

In quei giorni, Giosu radun tutte le trib dIsraele a Sichem e convoc gli anziani dIsraele, i capi, i giudici e gli scribi, ed essi si presentarono davanti a Dio. Giosu disse a tutto il popolo: Se sembra male ai vostri occhi servire il Signore, sceglie-tevi oggi chi servire: se gli di che i vostri padri hanno servito oltre il Fiume oppure gli di degli Amorri, nel cui territorio abitate. Quanto a me e alla mia casa, serviremo il Signore. Il popolo rispose: Lontano da noi abbandonare il Signore per servire altri di! Poich il Signore, nostro Dio, che ha fatto salire noi e i padri nostri dalla terra dEgitto, dalla condizione servile; egli ha compiuto quei grandi segni dinanzi ai nostri occhi e ci ha custodito per tutto il cammino che abbiamo percorso e in mezzo a tutti i po-poli fra i quali siamo passati. Perci anche noi serviremo il Signore, perch egli il no-stro Dio.

Gs 24 costituisce la conclusione del libro di Giosu e dell'insieme che va da Genesi a Giosu (Esatenio). Si delinea cos un grande schema: promessa della terra e realizzazione del-la promessa (Giosu). Questa conclusione solenne anche il rinnovamento dell'Alleanza del Sinai (Es 19-24) alleanza consolidata di nuovo in Gs 24. La prospettiva del capitolo 24 duplice: da una parte si volge al passato (da Abramo a Giosu), dall'altra al futuro (da Giosu sino alla perdita della Terra e prigionia in Babilonia (587-538 a.C.). L'autore non presenta questa prospettiva della storia del popolo nella sua terra in termini espliciti, ma si pu dire che questo l'orizzonte generale del cap. 24. Vi si scorge una teologia della salvezza del popolo di Dio e del suo opposto. Questo po-polo libero di scegliere tra il credere o no (vv. 15-21); esso sceglie liberamente la fede in Di-o. Ne deriva lobbligo ad essere fedele a Dio: questa l'alleanza da parte degli uomini. Dal-la fedelt a Dio dipende il destino di Israele a partire da questo momento. 1. ANNOTAZIONI ESEGETICHE Tutte le trib d'Israele (vv. 1-2). Tutto il popolo radunato nei suoi rappresentanti. Gio-su gli ricorda la sua vocazione iniziale: Dio gli si rivelato e lo ha eletto, guidandolo at-traverso la storia.

XXI Domenica Tempo Ordinario Anno B

2

Anche noi serviremo il Signore (vv. 15-17,18b). In questi versetti c' la rinnovata confessio-ne di fede in Dio da parte del popolo. Questo popolo riconosce nuovamente la sua voca-zione. E cos esso ha scelto di nuovo il suo Dio. L'Alleanza implica reciproca fedelt: fedel-t di Dio al suo popolo, fedelt del popolo al suo Dio.

SSeeccoonnddaa lleettttuurraa:: EEffeessiinnii 55,,2211--3322

Fratelli, nel timore di Cristo, siate sottomessi gli uni agli altri: le mogli lo siano ai loro mariti, come al Signore; il marito infatti capo della moglie, cos come Cristo capo della Chiesa, lui che salvatore del corpo. E come la Chiesa sottomessa a Cristo, cos anche le mogli lo siano ai loro mariti in tutto. E voi, mariti, amate le vostre mogli, come anche Cristo ha amato la Chiesa e ha dato se stesso per lei, per renderla santa, purifican-dola con il lavacro dellacqua mediante la parola, e per presentare a se stesso la Chiesa tutta gloriosa, senza macchia n ruga o alcunch di simile, ma santa e immacolata. Cos anche i mariti hanno il dovere di amare le mogli come il proprio corpo: chi ama la pro-pria moglie, ama se stesso. Nessuno infatti ha mai odiato la propria carne, anzi la nutre e la cura, come anche Cristo fa con la Chiesa, poich siamo membra del suo corpo. Per questo luomo lascer il padre e la madre e si unir a sua moglie e i due diventeranno una sola carne. Questo mistero grande: io lo dico in riferimento a Cristo e alla Chiesa!

Questa pericope fa parte della sezione parenetica a conclusione della epistola dell'Apo-stolo agli Efesini, e contiene un modello per le famiglie della Chiesa primitiva. Nel tratto della nostra lettura sono presentate le relazioni tra i coniugi alla luce della fede. 1. ANNOTAZIONI ESEGETICHE Siate sottomessi gli uni agli altri (v. 21), l'obbedienza reciproca il grande principio: non dominare gli uni sugli altri, ma sottomettersi gli uni agli altri; e a ci che bisogna tendere. In questo principio si riflette quello evangelico proclamato da Ges: chi vuol essere il pi grande tra voi, sia vostro servo. le mogli, il marito, ... come la chiesa (vv. 22-24). Alla luce del principio proclamato nel v. 21, risulta evidente che la sottomissione delle mogli ai mariti non espressione di una so-ciet patriarcale o addirittura di una societ maschilista, bens di un ordine di vita spiri-tuale, nel quale nessuno tende a comandare sull'altro. amate le vostre mogli (vv. 25-28). Questi versetti, rivolti ai mariti, vogliono mettere in ri-lievo i rapporti tra il Cristo e la chiesa. chiaro che solo in virt della fede possiamo con-siderare i rapporti tra i coniugi come immagine delle relazioni tra il Cristo e la Chiesa. L'accento posto sull'aspetto spirituale, invisibile, oggetto di fede, del matrimonio e dell'amore coniugale.

XXI Domenica Tempo Ordinario Anno B

3

amare, nutrire la propria carne (vv. 29-32). Un altro paragone ci fa meglio capire quanto stato detto, il rapporto dell'uomo con la propria carne si fonda sulla cura amorevole che ognuno ha per il proprio corpo. una sollecitudine naturale, necessaria, piena di amore; cos devessere la cura del marito per la propria moglie; grande mistero (v. 32). Nel matrimonio si riflette il rapporto del Cristo con la Chiesa. Solo in questa relazione i coniugi possono riconoscere e comprendere i loro rapporti nella loro completa verit e nel loro vero senso. VVaannggeelloo:: GGiioovvaannnnii 66,,6600--6699

In quel tempo, molti dei discepoli di Ges, dopo aver ascoltato, dissero: Questa parola dura! Chi pu ascoltarla?. Ges, sapendo dentro di s che i suoi discepoli mormoravano riguardo a questo, disse loro: Questo vi scandalizza? E se vedeste il Fi-glio delluomo salire l dovera prima? lo Spirito che d la vita, la carne non giova a nulla; le parole che io vi ho detto sono spirito e sono vita. Ma tra voi vi sono alcuni che non credono. Ges infatti sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito. E diceva: Per questo vi ho detto che nessuno pu venire a me, se non gli concesso dal Padre. Da quel momento molti dei suoi discepoli tornarono indietro e non andavano pi con lui. Disse allora Ges ai Dodici: Volete an-darvene anche voi?. Gli rispose Simon Pietro: Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio.

EEsseeggeessii

Il segno della moltiplicazione dei pani e il discorso sul pane di vita ci hanno accompa-gnati per queste domeniche del tempo ordinario (a partire dalla 17a). Col Vangelo di oggi siamo all'epilogo: di fronte al linguaggio realistico e duro da accettarsi, avviene una divisio-ne degli Spiriti propri in mezzo ai suoi discepoli: da una parte molti si rifiutano di credere, mormorano contro Ges e si tirano indietro, non seguendolo pi; dall'altra rimangono i Dodici che lo seguono e che per bocca di Simon Pietro esprimono la loro fede in Ges, Santo di Dio. 1. ANNOTAZIONI ESEGETICHE E TEOLOGICHE Nella conclusione o epilogo del discorso di Ges, si presentano due poli, che si caratte-rizzano come ripulsa o adesione alla parola e alla persona di Ges. Presentiamo per ordine queste realt in tre punti:

a) La ripulsa viene presentata in alcune tappe progressive:

XXI Domenica Tempo Ordinario Anno B

4

essa nasce tra molti dei suoi discepoli come constatazione che il linguaggio di Ges du-ro, difficile (v. 60). Questo vuol dire che per un tratto si pu seguire Ges e vivere con lui, a livello di simpatia, ma in fondo intuendo molte riserve; la constatazione si traduce in mormorazione (v. 61). La mormorazione non solo nasce da mancanza di fiducia, ma propriamente sfida e provocazione nei confronti di Dio: vedi le mormorazioni di Israele durante il cammino del deserto (Es 14,11; 16,2ss); Scandalo (v. 61). Scandalo indica una pietra che provoca caduta o inciampo, impedendo a chi cammina di raggiungere la propria meta. In campo religioso scandalizzarsi allon-tanarsi dal cammino della salvezza. Nelle parole dure e impegnative di Ges, e nel loro ri-fiuto, quei discepoli trovano l'occasione negativa che li distoglie dalla salvezza stessa; carne (v. 63): il pensare e agire secondo i criteri della logica umana, l'attenersi ai det-tami e agli schemi del pensiero umano, inficiato dal peccato e dai suoi stessi limiti. Ges sottolinea che la carne non giova a nulla, cio da sola non capace di condurre l'uomo a vivere in Dio, si rivela sterile e inutile; non credere (v. 64). Credere vuol dire impegnarsi per tutta la vita e con tutte le forze, non perch si ha fiducia in s, ma si sicuri di Ges; tornarono indietro e non andavano pi con lui (v. 65). Concretamente non credere implica anche una decisione negativa, un voltafaccia, una rottura della comunione con Ges. Non an-dare pi con lui vuol dire non seguire la sua via, non amarlo, non imitarlo pi; tradimento (vv. 64-70). Anche se inteso solo di Giuda, questo l'approdo ultimo de