Percorriamo l’A3 “Autostrada del Sole” fino alla prima tappa: Nocera Terinese.Questo viaggio...

of 42/42
WWW.cassano- addaonmymind.it/
  • date post

    02-May-2015
  • Category

    Documents

  • view

    212
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Percorriamo l’A3 “Autostrada del Sole” fino alla prima tappa: Nocera Terinese.Questo viaggio...

  • Slide 1
  • Slide 2
  • WWW.cassano-addaonmymind.it/
  • Slide 3
  • Slide 4
  • Percorriamo lA3 Autostrada del Sole fino alla prima tappa: Nocera Terinese.Questo viaggio ci porter a visitare alcuni comuni degli 80 della provincia.
  • Slide 5
  • Nocera Terinese con 4.685 abitanti l'ultimo comune della provincia di Catanzaro sul mar Tirreno verso nord. Nel suo territorio si trovano antiche vestigia archeologiche della citt magnogreca di Temesa che era formata da una confederazione di villaggi costruiti nellarea tra i fiumi Savuto e Oliva. Molto probabilmente, dal IV sec. a.C., gli abitanti dellinsediamento posto sul Pian della Tirena ne fecero il centro ordinatore dei villaggi.
  • Slide 6
  • Proseguiamo sullA3 fino allo svincolo per Gizzeria.
  • Slide 7
  • Gizzera con 4.646 abitanti situata a 630 m. s.l.m., arroccata sotto il colle Micatundo sui pendii della valle del torrente Casale. I reperti archeologici rinvenuti testimoniano di antichi insediamenti italici e greci, mentre nell XI secolo c'era un insediamento vicino al monastero bizantino di San Nicola. In epoca normanna, fu un castrum del Duca Roberto il Guiscardo, che lo don in feudo all'abbazia Benedettina di Sant'Eufemia. Per la fondazione riconosciuta dovuta a coloni arbresh provenienti dall'Albania nel 1450.
  • Slide 8
  • Lasciamo lAutostrada del Sole per raggiungere Lamezia Terme.
  • Slide 9
  • Lamezia Terme con 70.365 abitanti il secondo comune pi popoloso dopo Catanzaro e una delle pi giovani citt italiane, dovuta alla fusione dei comuni di Nicastro, Sambiase e Sant'Eufemia Lamezia (1968). Prende il nome dal fiume Amato, lantico Lametos, a cui stato aggiunto Terme, per le rinomate Terme di Caronte.
  • Slide 10
  • Reperti archeologici ritrovati testimoniano che nel territorio vi furono insediamenti di comunit del periodo italico e del periodo Magno-Greco con le rovine dell'antica citt greca di Terina. La citt della piana ha una notevole importanza dal punto di vista commerciale, agro-industriale e infrastrutturale per essere sede del principale aeroporto della regione e notevole snodo ferroviario.
  • Slide 11
  • Torniamo indietro percorrendo la strada provinciale fino a Gizzeria Lido.
  • Slide 12
  • Gizzera Lido una tipica ridente e tranquilla localit marina con il suo lungomare provvisto di pista ciclabile e aiuole ben curate. Abitato da poche persone durante lanno intensamente frequentata, aumentando di popolazione in modo esorbitante, nei mesi estivi dovuto soprattutto al turismo locale del vicino comprensorio lametino.
  • Slide 13
  • Riprendiamo lA3 lasciandola definitivamente per raggiugere Curinga.
  • Slide 14
  • Curnga con 6.722 abitanti sorge a circa 350 m. s.l.m. in zona panoramica sulla collina che saffaccia sulla piana e sul golfo di Sant'Eufemia Lamezia. La sua origine incerta ma nel territorio di Laconia (lattuale Accona) si hanno tracce di insediamenti umani risalenti almeno al 5000 a.C. e secondo una delle varie ipotesi potrebbe derivare da curinghe, luoghi dove si riunivano i saggi o dal termine greco korukos (globo, pallone).
  • Slide 15
  • Qui ci addentriamo nella catena montuosa delle Serre per raggiungere Chiaravalle.
  • Slide 16
  • Chiaravalle Centrale ha 5.824 abitanti adagiata sulle falde della collina Sorbia. Anticamente il nome era Claravallis, documentato in uno scritto in latino del 1483, quando il borgo, feudo di Alfonso II d'Aragona, venne affidato al conte Goffredo de Borges. Ma gi nel 1400 era famosa per le sue industrie e commerci dei lini; allora una zona era chiamata "Gurne" dove cerano delle vasche per la macerazione dei lini.
  • Slide 17
  • Continuiamo a percorrere le distese boschive delle Serre per raggiungere Badolato.
  • Slide 18
  • Prima di raggiungere la cittadina della nostra meta, leggiamo un breve cenno sulle Serre che attraversiamo; zona montuosa e collinare della Calabria con una alta presenza boschiva. Il nome potrebbe derivare dall'ebraico Ser, cio monti oppure, dato che la catena costituita da due lunghe successioni parallele di rilievi montuosi e collinari, ricorda i denti di una sega (in dialetto Serra), che inizia al passo della Limina, e termina all'istmo di Catanzaro confinando a Sud con l'Aspromonte e a Nord con la Sila.
  • Slide 19
  • Badolato con 3.157 abitanti un borgo medievale situato su una collina delle pre Serre calabresi a pochi chilometri dalla costa ionica. Le sue origini si devono a Roberto il Guiscardo nel 1080 che fece erigere un castello fortificato. Nel 1269 il feudo pass a Filippo ma lo perse nella guerra contro il Conte Ruffo di Catanzaro che lo annesse alla sua casata fino al 1451. In seguito appartenne alla famiglia Di Francia e nel 1454 il borgo divenne baronia dei Toraldo che lo amministrarono fino al 1596 anno in cui pass ai Ravaschieri, e nel 1692 ai Pinelli. Infine nel 1779 ressero il potere del borgo i Pignatelli di Belmonte i quali lo detennero fino alla fine della feudalit avvenuta nel 1806.
  • Slide 20
  • Arriviamo cos sulla costa ionica per raggiungere SantAndrea Apostolo dello Ionio.
  • Slide 21
  • Sant'Andrea Apostolo dello Ionio ha 2.111 abitanti e si tramanda che il primo nucleo del paese risalirebbe all'anno Mille e sarebbe nato attorno alla modesta abitazione di un mandriano di nome Adriano, che portava il suo gregge a pascolare nella zona dell'attuale paese dove avrebbe costruito una capanna quando in inverno non poteva tornare a Badolato per le inondazioni del fiume Salubro. In seguito la capanna sarebbe divenuta una modesta abitazione intorno alla quale sarebbero sorte altre case fino a formare un piccolo casale; il primo nucleo dell'odierna Sant'Andrea.
  • Slide 22
  • Continuiamo a percorrere la costa e raggiungiamo la perla dello Ionio: Soverato
  • Slide 23
  • Soverato con 8.703 abitanti situato a sud del golfo di Squillace, a 20 km circa dal capoluogo di regione ed il polo turistico pi importante della costa jonica. Sorge sul territorio che, anticamente era occupato da un villaggio il cui nome Suberatum fu dato a seguito della ricostruzione sulla collina sovrastante la costa, durante il X secolo d.C. Esistono pochi documenti a riguardo ma, fondamentale, un testo storico che documenta la presenza di un mulino all'interno di un territorio denominato Suberati. In riferimento al nome odierno, si ritiene che coloro i quali attribuirono questo nome al villaggio presero spunto dal grande numero di alberi da sughero presenti nel territorio.
  • Slide 24
  • Nel periodo estivo, la popolazione aumenta per la presenza di un elevato numero di turisti che frequentano il famoso lungomare pieno di strutture turistiche. La cittadina famosa per la pesca con canne del tonnetto, inoltre dotata di un moderno teatro, di un acquario mediterraneo e di un giardino botanico. Nel 2009 stato istituito il parco marino "baia di Soverato" per l'abbondante presenza di cavallucci marini.
  • Slide 25
  • Percorriamo la costa con i suoi incantevoli panorami lasciandola per visitare Squillace.
  • Slide 26
  • Squillace (3.417 abitanti) posta in posizione strategica sull'omonimo golfo sorge su tre colli a circa 344 m. s.l.m. e le sue origini si perdono nel tempo. Una leggenda narra che Ulisse ritornando da Troia, dopo una tempesta, approda in una zona tra i fiumi Corace e Alessi fondandola. Altre fonti storiche indicano Menesteo come fondatore della citt, prendendo il nome di Skyllation. Oggi Squillace vanta il riconoscimento speciale del marchio DOC sulle proprie ceramiche rendendole uniche in Calabria.
  • Slide 27
  • Ci addentriamo nellAppennino calabrese per una breve sosta a Girifalco.
  • Slide 28
  • Girifalco (6.106 abitanti) si trova al centro dellistmo di Catanzaro a 456 m s.l.m ai piedi di monte Covello (848 m. ricco di acqua oligominerale), e deve la sua nascita alla distruzione di due antichi paesi, Toco e Caria, ad opera dei Saraceni nell'836. Gli scampati alla strage, si rifugiarono su una rupe difendendola strenuamente e dal loro nome Sacra Falange dal greco Kur-Phalkos nacque il nome dellabitato. Altra ipotesi, molto probabile, propende che il nome derivi dal volteggiare sul luogo di un falcone.
  • Slide 29
  • Da unaltra provinciale ritorniamo sulla meravigliosa costa fino a Sellia Marina
  • Slide 30
  • Sellia Marina con 7.111 abitanti si trova nella zona settentrionale del Golfo di Squillace, tra i fiumi Simeri e Frasso. La prima parte del nome deriva dal greco sellion, ovvero "piccola sella", oppure da asulia che significa "diritto d'asilo riferendosi ai 14 km circa di ampia spiaggia. La nascita e la vita sono connesse con la leggendaria citt magnogreca Trischene, che appare nella cosiddetta epopea dei ritorni, cio il rientro in patria dei greci vittoriosi nella guerra di Troia e la fuga e la diaspora dei cittadini troiani.
  • Slide 31
  • Percorrendo ancora la costa verso est raggiungiamo la vicina Botricello.
  • Slide 32
  • Botricello, il cui nome deriva dal termine greco-latino bothros (fosso) con l'aggiunta del suffisso icellu (piccolo), conta poco pi di 5.000 abitanti e si estende per quasi 4 Km lungo la costa jonica. Poche le notizie e i ritrovamenti archeologici ma esistono testimonianze dinsediamento umano gi durante let paleocristiana avendo recuperato un manufatto marmoreo e individuata una necropoli con alcune tombe vicino al mare.
  • Slide 33
  • Qui facciamo marcia indietro e ci inerpichiamo verso la presila raggiungendo Sersale.
  • Slide 34
  • Sersale con 4.797 abitanti prende il nome da un'antica e nobile famiglia napoletana, proprietaria del fondo, i Sersale di Sorrento, che concessero ai boscaioli i loro terreni incolti nel 1620 quando nacque il paese le cui vie furono, in seguito, caratterizzate dalle piccole e tante botteghe di fabbri: le forge. Ogni rione aveva non solo il suo fabbro ma anche da calzolai, falegnami, cestai, lattonieri, massaie che tessevano al telaio, sarti.
  • Slide 35
  • Un breve tragitto per visitare un suggestivo borgo ai piedi della Sila: Petron
  • Slide 36
  • Petron con 2.662 abitanti sorge ad oltre 1.000 m. circa s.l.m. ai piedi della Sila piccola. Il suo nome deriva dal greco petron o dal latino petra per indicare un luogo roccioso. La tradizione invece dalla distorsione di Petru ca nn (Pietro ne ha, riferendosi ad un contadino venditore di fieno e prodotti della terra). Dopo il feudalesimo il paese viene retto da una famiglia rappresentante la Signoria locale fino agli inizi del 900.
  • Slide 37
  • Ritorniamo indietro e tra la natura incontaminata dei boschi raggiugiamo Gimigliano
  • Slide 38
  • Gimigliano con 3.408 abitanti posto sul Monte San Salvatore che si affaccia nella valle del Corace nel versante meridionale della Sila Piccola. Cominci ad essere popolato fin dal IX secolo da immigrati che fuggivano dalle coste ioniche per le incursioni saracene, ma fu il generale bizantino Niceforo Foca il vecchio che decise di stabilirsi in kastellion, borghi posti sulle alture meglio difendibili per la configurazione del terreno.
  • Slide 39
  • E cos finalmente con una corsa veloce arriviamo nel centro del Capoluogo: Catanzaro.
  • Slide 40
  • Catanzaro, capoluogo dellomonima provincia e della regione, con circa 90.000 abitanti un antico centro greco posto su uno sperone roccioso dal quale si vede tutto lo Scilletinico (Golfo di Squillace). Il territorio sempre stato importante perch era tra le rotte commerciali fra oriente e occidente per cui i primi insediamenti nascono in epoca preistorica tra Gallianus (quartiere Gagliano) e il Crotalo (fiume Corace). Golfo di Squillace Gagliano Fiume Corace Fiumarella
  • Slide 41
  • Fondata come borgo fortificato dai Bizantini nel IX secolo, stata dominata dagli Arabi, dai Normanni e dagli Spagnoli. I primi, i Saraceni, loccuparono fondando un emirato col nome arabo di Qatansar (una necropoli con oggetti e iscrizioni arabe ne testimonia la presenza). Ribellatasi torn ai Bizantini ma nel 1069 cadde sotto lassedio dei Normanni.
  • Slide 42
  • Trasformata in feudo fiorirono arti e mestieri, in particolare la lavorazione della seta. Nel 1528 Catanzaro resistette all'assedio dei francesi, e Carlo V le confer il titolo di "Fedelissima" e di fregiarsi dell'aquila imperiale. Per l'importanza economica e militare fu nominata capoluogo della provincia Calabria Ulteriore. Nel 1970 la sua importanza venne confermata quando viene nominata capoluogo della regione Calabria.
  • Slide 43