Universitأ  Commerciale Luigi Bocconi 2017-11-17آ  Universitأ  Commerciale Luigi Bocconi...

download Universitأ  Commerciale Luigi Bocconi 2017-11-17آ  Universitأ  Commerciale Luigi Bocconi SCUOLA DI GIURISPRUDENZA

of 206

  • date post

    11-Aug-2020
  • Category

    Documents

  • view

    0
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Universitأ  Commerciale Luigi Bocconi 2017-11-17آ  Universitأ  Commerciale Luigi Bocconi...

  • Università Commerciale Luigi Bocconi

    SCUOLA DI GIURISPRUDENZA

    Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza

    “Le investigazioni interne societarie. L’Internal Audit e il D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231.”

    Relatore: Prof. MASSIMO CERESA-GASTALDO

    Controrelatore: Dott.ssa GAIA CANESCHI

    Tesi di Laurea Magistrale di: NICOLO’ EMILIO MARIA BARUFFI

    Matricola n. 1573559

    Anno Accademico 2015-2016

  • Abstract

    Il presente lavoro affronta la tematica delle investigazioni interne societarie, svolte

    dalla Funzione di Internal Audit, nello specifico ambito della prevenzione del rischio-

    reato di cui al D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231.

    Dopo una premessa introduttiva finalizzata alla ricostruzione della Funzione

    aziendale in riferimento al ruolo assunto nel sistema dei controlli interni, l’analisi

    procede mediante una ricognizione delle possibili interazioni instaurabili tra questa e

    l’Organismo di Vigilanza, cui segue un esame approfondito delle attività operative che

    coinvolgono l’Internal Audit nel processo investigativo delle violazioni del Modello

    Organizzativo.

    In tal senso, vengono analizzati sia gli aspetti tecnico-procedurali dell’indagine

    interna che le principali problematiche connaturate alla tipologia di attività ed

    emergenti dalla sovrapposizione con le istanze di tutela provenienti dal Codice della

    Privacy e dallo Statuto dei Lavoratori. Ulteriori spunti di riflessione sono poi offerti

    dall’analisi dei profili processuali penali che possono riguardare l’operato dell’internal

    auditor nella particolare cornice del procedimento penale agli enti, rilevando come

    l’assenza di riferimenti normativi sul punto sia fonte di incertezze per l’operatore

    economico che stenta a riconoscere nell’attiv ità in esame una reale opportunità.

    L’obiettivo perseguito consiste, dunque, nel fornire all’interprete una ricostruzione

    sistematica dell’istituto, cercando di evidenziarne i potenziali benefici e le possibili

    prospettive evolutive, anche in chiave de jure condendo. Sotto questo aspetto la

    parte finale dell’elaborato, operando in ottica comparatistica, attinge dall’esame

    dell’esperienza statunitense spunti utili a stimolare un maggiore interesse verso una

    tematica che sebbene non risulti ancora valorizzata dall’ordinamento domestico,

    potrebbe cionondimeno assumere un rilievo preminente nell’ambito della repressione

    della criminalità d’impresa.

  • Alla mia famiglia, ai mie affetti e a tutte le persone che mi sono state vicine in questo stimolante percorso.

  • I

    INDICE

    pag.

    INTRODUZIONE ................................................................................... V

    CAPITOLO PRIMO

    L’INTERNAL AUDITING NELLA DISCIPLINA AZIENDALISTICA

    1. L’attiv ità di Internal Auditing: una definizione generale................................. 1

    2. Il contesto normativo di riferimento.......................................................... 8

    2.1. La corporate governance e l’evoluzione dei controlli societari. .................. 8

    2.2. L’autoregolamentazione ................................................................. 12

    2.3. Le disposizioni inerenti l’Internal Audit............................................... 14

    3. L’Internal Audit nel complesso sistema dei controlli interni. ......................... 16

    3.1. Il sistema dei controlli interni. .......................................................... 16

    3.2. Gli attori dei controlli societari e le relazioni che si instaurano con l’Internal

    Audit. ............................................................................................... 18

    3.3. Verso un sistema di controlli integrato. .............................................. 21

    4. Le varie tipologie d’Internal Audit: commistioni e sinergie. .......................... 24

    4.1. Operational Audit. ......................................................................... 24

    4.2. Compliance Audit. ......................................................................... 25

    4.3. Financial Audit. ............................................................................. 26

    4.4. Management Audit. ....................................................................... 26

    4.5. Fraud Audit.................................................................................. 27

    4.6. Audit ai fini del D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231...................................... 28

  • II

    CAPITOLO SECONDO

    L’INTERNAL AUDIT NEL CONTESTO DEL D.LGS. 8 GIUGNO 2001, N. 231

    1. La responsabilità amministrativa degli enti: il D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231. ... 31

    1.1. Cenni storici. ................................................................................ 31

    1.2. La normativa: gli aspetti principali. ................................................... 38

    2. La previsione del Modello e l’Organismo di Vigilanza. ................................. 48

    2.1. Il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo. .............................. 48

    2.2. L’Organismo di Vigilanza: composizione, funzioni e poteri. ..................... 57

    3. Il responsabile dell’Internal Audit in qualita’ di OdV. .................................. 68

    3.1. L’analisi delle principali best practices: Linee Guida Confindustria e ABI. .. 68

    3.2. Un’indagine empirica. .................................................................... 71

    3.3. Alcuni pro e contro. ....................................................................... 75

    CAPITOLO TERZO

    LE ATTIVITÀ OPERATIVE DELL’INTERNAL AUDIT NELL’AMBITO DEL

    D.LGS. 8 GIUGNO 2001, N. 231: LE INVESTIGAZIONI INTERNE

    1. La vigilanza sul funzionamento e l’osservanza del Modello. .......................... 79

    1.1. Le verifiche dell’OdV e dell’Internal Audit. .......................................... 79

    1.2. I flussi informativi. ........................................................................ 83

    1.2.1. I flussi informativ i periodici. ....................................................... 86

    1.2.2. I flussi informativ i “ad hoc” e “whistleblower schemes”. .................. 87

    1.2.3. I flussi informativ i provenienti dall’OdV. ....................................... 94

    2. Le investigazioni interne societarie. ........................................................ 96

    2.1. Introduzione all’istituto................................................................... 96

    2.2. Le investigazioni dell’Internal Audit a seguito della segnalazione di una

    violazione del Modello. ........................................................................ 105

    2.2.1. La fase preliminare: il Data Collection Plan. ................................. 107

    2.2.2. La fase esecutiva dell’indagine: l’analisi documentale e le interviste. . 108

    2.2.3. La fase valutativa e l’archiv iazione dei risultati. ............................. 111

  • III

    2.3. Le investigazioni interne a seguito della notizia di un reato presupposto. . 113

    2.3.1. Le indagini difensive penali ex art. 327-bis c.p.p. e l’«attività

    Investigativa preventiva» ex art. 327-bis c.p.p. e 391-nonies c.p.p............ 115

    3. Le difficoltà operative connesse all’attiv ità investigativa. ............................ 120

    3.1. Il D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 in materia di protezione dei dati personali.

    ...................................................................................................... 120

    3.2. I controlli “a distanza” e lo Statuto dei Lavoratori. ............................ 125

    4. Profili processuali penali. ..................................................................... 132

    4.1. Il ruolo dell’Internal Audit nel procedimento penale delle società. .......... 132

    4.2. I benefici derivanti dall’attività investigativa interna nel procedimento penale

    delle società...................................................................................... 139

    CAPITOLO QUARTO

    CENNI COMPARATISTICI: LA CRIMINAL CORPORATE LIABILITY E LE

    INTERNAL CORPORATE INVESTIGATIONS NEL PANORAMA GIURIDICO

    STATUNITENSE

    1. La criminal corporate liability negli Stati Uniti. ........................................ 147

    1.1. La responsabilità penale degli enti e i criteri imputativ i. ....................... 147

    1.2. Le Federal Sentencing Guidelines (FSG) e Compliance and Ethics Programs.

    ...................................................................................................... 151

    2. Le internal corporate investigations. ...................................................... 154

    2.1. Le indagini interne e la cooperazione pubblico-privato. ........................ 154

    2.2. I vantaggi del “self reporting” e della collaborazione attiva dell’ente. ...... 157

    2.3. Gli elementi distorsiv i del sistema degli incentiv i. .........................