Tecnologie delle CostruzioniTecnologie delle Costruzioni ...

of 50/50
Tecnologie delle Costruzioni Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali FATICA PER MATERIALI ISOTROPI FATICA PER MATERIALI ISOTROPI PARTE 1 Prof. Claudio Scarponi Ing. Carlo Andreotti
  • date post

    19-Oct-2021
  • Category

    Documents

  • view

    0
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Tecnologie delle CostruzioniTecnologie delle Costruzioni ...

Microsoft PowerPoint - Fatica per materiali isotropi (Parte 1).ppt [modalità compatibilità]FATICA PER MATERIALI ISOTROPIFATICA PER MATERIALI ISOTROPI
PARTE 1
GENERALITA’GENERALITA
L’affaticamento dei materiali, qualora essi siano, q sottoposti a sollecitazioni variabili, costituisce il pericolo di rottura più comune che si possa prevedere nel corso della progettazione di un qualsiasi elemento di macchina o struttura. Si può arrivare a rottura anche per sforzi molto inferiori a quelli di rottura statica, quando lo stato di sforzo è variabile ciclicamente nel tempo. In campo aeronautico le rotture a fatica sono quelle che si verificano con maggior frequenza. Le norme stabiliscono che un aereo, per poter essere posto in linea di volo, deve aver superato le prove di fatica.
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 2
LA ROTTURA A FATICALA ROTTURA A FATICA
fLa cricca di fatica nasce sempre in superficie, in corrispondenza dei punti più sollecitatipunti più sollecitati. Dal punto di vista microscopico si verificano scorrimenti sempre piùverificano scorrimenti sempre più numerosi di alcuni piani cristallini che danno origine a microscopicheche danno origine a microscopiche estrusioni e intrusioni.
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 3
LA ROTTURA A FATICALA ROTTURA A FATICA
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 4
LA ROTTURA A FATICALA ROTTURA A FATICA
D l f di ll i i l iDurante la fase di sollecitazione la cricca avanza secondo un piano a 45° rispetto alla direzione del carico. Successivamente la progressione della cricca viene controllata più dagli sforzi di trazione che non da quelli di scorrimentotrazione che non da quelli di scorrimento. Di conseguenza la direzione di propagazione si sviluppa in un piano perpendicolare alla direzione del carico.
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 5
LA ROTTURA A FATICALA ROTTURA A FATICA
Propagazione della cricca:
Fase di carico: Avanzamento della cricca. Deformazioni plastiche all’apice della cricca. Arrotondamento dell’apice della cricca. Arresto della fessuraArresto della fessura.
Fase di scarico: L’apice della cricca torna ad essere acuto. Ha origine una notevole concentrazione di tensione che favorisce la progressione della cricca
l d ll f dnel corso della successiva fase di carico. Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 6
LA ROTTURA A FATICALA ROTTURA A FATICA
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 7
LA ROTTURA A FATICALA ROTTURA A FATICA
La sezione di rottura di un pezzo che ha ceduto per fatica mostra le classiche striature di fatica (propagazione) e lamostra le classiche striature di fatica (propagazione) e la zona corrispondente alla rottura di schianto.
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 8
LA ROTTURA A FATICALA ROTTURA A FATICA Esempi di sezioni di pezzi rotti a fatica in relazione al tipo di sollecitazione:
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 9
TIPOLOGIE DI CICLO E DI SOLLECITAZIONETIPOLOGIE DI CICLO E DI SOLLECITAZIONE
La resistenza a fatica dipende sia dal tipo di ciclo, sia dal tipo di sollecitazione (trazione, flessione torsione).di sollecitazione (trazione, flessione torsione).
Si definiscono i seguenti parametri:
Sforzo massimo:
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 10
Rapporto di sforzo:
TIPOLOGIE DI CICLO E DI SOLLECITAZIONETIPOLOGIE DI CICLO E DI SOLLECITAZIONE
Tutti i cicli possibili sono raggruppati nelle seguenti categorie:categorie:
1. Ciclo alterno simmetrico.
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 11
TIPOLOGIE DI CICLO E DI SOLLECITAZIONETIPOLOGIE DI CICLO E DI SOLLECITAZIONE
2. Ciclo alterno asimmetrico.
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 12
TIPOLOGIE DI CICLO E DI SOLLECITAZIONETIPOLOGIE DI CICLO E DI SOLLECITAZIONE
3. Ciclo “dallo zero”.
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 13
TIPOLOGIE DI CICLO E DI SOLLECITAZIONETIPOLOGIE DI CICLO E DI SOLLECITAZIONE
4. Ciclo pulsante.
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 14
TIPOLOGIE DI CICLO E DI SOLLECITAZIONETIPOLOGIE DI CICLO E DI SOLLECITAZIONE
Per quanto riguarda i tipi di sollecitazione,Per quanto riguarda i tipi di sollecitazione, si effettuano sui materiali, quasi esclusivamente secondo il ciclo alterno simmetrico le seguenti prove:simmetrico, le seguenti prove:
Flessione rotanteFlessione rotante. Flessione piana. Trazione-compressione.p Torsione pura.
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 15
DIAGRAMMA DI W HLERO&&DIAGRAMMA DI W HLER
Il primo ad occuparsi di fatica fu l’ingegnere
O
Il primo ad occuparsi di fatica fu l ingegnere tedesco Wohler (1850-1870) il quale, lavorando per le ferrovie, si accorse che gli assali delle carrozze (fatica a flessione rotante,assali delle carrozze (fatica a flessione rotante, ciclo alterno simmetrico) si rompevano per valori di carico molto inferiori ai valori sperimentali statici di rotturasperimentali statici di rottura.
In aeronautica il fenomeno della fatica fece la sua comparsa nel 1951, quando gli aerei Comet esplosero in volo a causa delle cricche di fatica provocate sulla fusoliera dalla pressurizzazione
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 16
della cabina.
Una rappresentazione del diagramma di W hler:
O
o&&
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 17
DIAGRAMMA DI W HLERO&&DIAGRAMMA DI W HLER
Nel diagramma sono riportati in ascissa il numero di cicli corrispondente a prove di fatica a flessione rotante, mentre
O
in ordinata il valore di . Lo sforzo medio è il parametro del diagramma. Ogni punto delle curve è la media dei risultati sperimentali ottenuti su numerosi proviniprovini.
Alcuni materiali mostrano un limite di fatica ( per N>N*). Per altri materiali, invece, si fissa un valore per N>N ). Per altri materiali, invece, si fissa un valore convenzionale, usualmente compreso tra 107 e 108 cicli.
Il ramo relativo alla progettazione a tempo è descritto p g p dall’equazione
dove m è variabile a seconda del particolare tipo di fatica
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 18
dove m è variabile a seconda del particolare tipo di fatica considerato.
DIAGRAMMA DI W HLERO&&DIAGRAMMA DI W HLER
Spesso si usa una scala doppio-logaritmica: in questo modo la curva è composta da due sole rette e si può tracciare
O
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 19
DIAGRAMMA DI W HLERO&&DIAGRAMMA DI W HLER
Il punto A corrisponde alla rottura statica; il
O
Il punto A corrisponde alla rottura statica; il punto B corrisponde al valore .
Per ogni materiale si può ottenere il rapporto di fatica
variabile approssimativamente tra 0.2 e 0.6.
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 20
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICAFATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA
Esistono nove fattori che influiscono maggiormentegg sulla resistenza a fatica:
MaterialeMateriale. Tipo di sollecitazione. Frequenza. St i d l iStoria del carico. Effetto scala. Finitura superficiale. Trattamenti superficiali. Ambiente. Fattore di forma.
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 21
Fattore di forma.
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: MATERIALEMATERIALE
Il parametro globale di valutazione è il rapporto di fatica h. E’ possibile che materiali con elevata resistenza statica non presentino un buon comportamento a fatica. Dal punto di visto microscopico è preferibile una struttura a grana fine rispetto ad una a grana grossa.
fSolitamente l’incrudimento migliora le caratteristiche a fatica. Per gli acciai, gli elementi che migliorano maggiormente le caratteristiche di resistenza a fatica sono il Nickel, il Cromo, il Vanadio il Molibdeno il Manganese e il Silicio La miglioreVanadio, il Molibdeno, il Manganese e il Silicio. La migliore microstruttura è la bainitica (acciai bonificati), seguita dalla ferritica e dalla perlitica; la microstruttura martensitica non conferisce una buona resistenza a fatica. Bisogna evitare il più possibile disomogeneità, inclusioni, soffiature e impurità varie (atomi di Zolfo, Azoto, Fluoro). Le lavorazioni meccaniche nei semilavorati (laminazione,
t i ) h f t i fl ll f ti
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 22
estrusione, ecc.) hanno una forte influenza sulla fatica.
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: TIPO DI SOLLECITAZIONETIPO DI SOLLECITAZIONE
Se si pone come riferimento (pari a 100) il valore di resistenza relativo alla flessione rotante (di cui si hanno moltissimi dati sperimentali), i fattori di riduzione (si introduce un coefficiente A) da considerare sono riportati nella seguente tabella:
Dalla tabella si nota che la torsione alternata è la
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 23
Dalla tabella si nota che la torsione alternata è la sollecitazione più pericolosa.
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: FREQUENZAFREQUENZA
La frequenza è un parametro importante per due ragioni:
1. Si possono eseguire prove in tempi ristretti. 2. Si può utilizzare lo stesso valore limite di fatica per
elementi sollecitati con frequenze diverse.elementi sollecitati con frequenze diverse.
Alte frequenze di sollecitazione producono essenzialmente due effetti:
a) Isteresi del materiale con conseguente riscaldamento (si sovrasollecita la struttura); questo effetto si manifesta intorno agli 80 Hz.
b) Ritardo di fase tra andamento della sollecitazione e deformazioni (si sottosollecita la stuttura); questo effetto si manifesta intorno ai 160 Hz.
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 24
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: FREQUENZAFREQUENZA
Spesso per effettuare le prove di fatica siSpesso, per effettuare le prove di fatica, si utilizza la frequenza di 50 Hz.
Le prove di fatica sono onerose per quanto riguarda le attrezzature, i tempi e i costi (sono necessari diversi giorni di lavoro a(sono necessari diversi giorni di lavoro a tempo pieno per effettuare una prova di fatica su un solo provino).
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 25
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: STORIA DEL CARICOSTORIA DEL CARICO
E’ stata studiata l’influenza di un precaricop sulla resistenza a fatica. I risultati sono i seguenti:
Per precarichi inferiori a non si ha alcun effetto. Per precarichi molto elevati si ha una diminuzione del limite di fatica. Per precarichi intermedi, ma superiori a , si ha un incremento del limite di fatica.
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 26
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: STORIA DEL CARICOSTORIA DEL CARICO
E’ possibile identificare sperimentalmente una linea di danneggiamento, da sovrapporre alla curva di W hler, o&& che delimita i valori di “positivi” da quelli “negativi”.
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 27
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: STORIA DEL CARICOSTORIA DEL CARICO
Si possono riconoscere le seguenti zone:
Zona 1: rottura. dZona 2: danneggiamento.
Zona 3: “allenamento” (un precarico in questa zona provoca l’incrudimento delquesta zona provoca l incrudimento del materiale; la resistenza a fatica aumenta). Zona 4: nessuna modifica delle caratteristiche di resistenza.
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 28
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: EFFETTO SCALAEFFETTO SCALA
I risultati ottenuti dai provini, anche se normalizzati, non sono immediatamente esportabili a pezzi di dimensioni maggiori. Ciò è dovuto essenzialmente a due aspetti:
Maggior numero di difetti per unità di volume presenti. Minore gradiente degli sforzi nel caso di flessione e torsione. Si tiene conto di questo aspetto introducendo un coefficiente B, funzione di un parametro geometrico caratteristico del pezzo (questa problematica è sentita maggiormente nei casi di flessione rispetto a quelli di torsione).
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 29
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: EFFETTO SCALAEFFETTO SCALA
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 30
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: EFFETTO SCALAEFFETTO SCALA
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 31
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: FINITURA SUPERFICIALEFINITURA SUPERFICIALE
La finitura superficiale è uno dei punti critici (la cricca parte d ll fi i i i )dalla superficie e poi si propaga).
I provini a norma sono lucidati a specchio (Ra ≤ 1 µm) e pertanto sono in condizioni di stato superficiale ottimalepertanto sono in condizioni di stato superficiale ottimale.
Per tenere conto della finitura superficiale si introduce un coefficiente Ccoefficiente C.
Si deve fare attenzione a non utilizzare materiali costosi, caratterizzati da alti valori di resistenza a fatica, per poicaratterizzati da alti valori di resistenza a fatica, per poi trascurare la finitura superficiale. Ciò vale anche per le lavorazioni meccaniche, che devono essere tali da non indurre, oltre a rugosità, veri e propri intagli.
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 32
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: FINITURA SUPERFICIALEFINITURA SUPERFICIALE
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 33
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: TRATTAMENTI SUPERFICIALITRATTAMENTI SUPERFICIALI
I trattamenti superficiali si dividono in trep tipologie:
1. Termici. 2. Meccanici. 3 Rivestimenti protettivi3. Rivestimenti protettivi.
Criterio informatore: gli sforzi di trazioneCriterio informatore: gli sforzi di trazione producono un avanzamento della cricca di fatica, mentre gli sforzi di compressione sono stabilizzanti
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 34
sono stabilizzanti.
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: TRATTAMENTI SUPERFICIALITRATTAMENTI SUPERFICIALI
Con i trattamenti superficiali si desidera indurre sforzi interni (indipendenti dalle forze esterne) distribuiti ininterni (indipendenti dalle forze esterne) distribuiti in modo tale da avere sforzi di compressione in prossimità della superficie del pezzo.
Inoltre, si ostacola il movimento delle dislocazioni (e di conseguenza la propagazione delle microcricche): il materiale incrudisce e resiste a sollecitazioni cicliche in modo migliore.
Le tensioni interne di compressione permettono diLe tensioni interne di compressione permettono di diminuire l’entità degli sforzi di trazione, una volta che le forze esterne entrano in azione. Al contrario, eventuali tensioni residue di trazione provocano una
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 35
p diminuzione del limite di fatica.
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: TRATTAMENTI SUPERFICIALITRATTAMENTI SUPERFICIALI
Trattamenti termici
a) Tempra superficiale: E’ realizzata con riscaldamento a fiamma o aE realizzata con riscaldamento a fiamma o a induzione sulla superficie. Provoca la trasformazione austenite-martensite, che produce tensioni residue di compressione (cheproduce tensioni residue di compressione (che possono raggiungere i 200 MPa).
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 36
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: TRATTAMENTI SUPERFICIALITRATTAMENTI SUPERFICIALI
b) Carbocementazione: Consiste nella diffusione superficiale di Carbonio a seguito di riscaldamento a temperatura elevata, con
àmezzi e modalità tipiche della tempra superficiale. Induce tensioni residue di compressione.
c) Nitrurazione: E’ simile alla carbocementazione. L’elemento diffuso è l’AzotoL elemento diffuso è l Azoto. E’ meno “profonda” della carbocementazione.
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 37
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: TRATTAMENTI SUPERFICIALITRATTAMENTI SUPERFICIALI
Trattamenti meccanici
I trattamenti meccanici più utilizzati sono:I trattamenti meccanici più utilizzati sono:
a) Rettifica e lucidatura: l l f f lMigliorano la finitura superficiale.
Provocano un riscaldamento del pezzo. Il raffreddamento può indurre sforzi residui di trazione (favoriscono la propagazione della cricca di fatica, pertanto attenzione a non surriscaldare il pezzo).
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 38
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: TRATTAMENTI SUPERFICIALITRATTAMENTI SUPERFICIALI
b) Lavorazione da macchina utensile: Provoca elevati sforzi di taglio.g Provoca un riscaldamento del pezzo. Il raffreddamento induce sforzi residui di trazione. Si deve prestare una notevole attenzione agli intagli (concentrazione di tensione).
c) Pallinatura: Consiste nel bersagliare un oggetto di forma qualsiasi con unConsiste nel bersagliare un oggetto di forma qualsiasi con un getto di pallini metallici sferici di vario diametro. A seconda del diametro dei pallini, della loro energia e del tempo di esposizione, si ottiene un aumento della durezza del pezzo e l’instaurarsi di tensioni residue benefichepezzo e l’instaurarsi di tensioni residue benefiche. Si ottiene un incrudimento dello stato superficiale (aumenta la vita a fatica). Si ottiene una migliore finitura superficiale (aumenta la vita a
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 39
Si ottiene una migliore finitura superficiale (aumenta la vita a fatica).
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: TRATTAMENTI SUPERFICIALITRATTAMENTI SUPERFICIALI
d) Rullatura: E’ realizzata tramite rulli o dischi sagomatiE’ realizzata tramite rulli o dischi sagomati. Migliora la finitura superficiale. Incrudisce il materiale. Lascia tensioni residue di compressione più elevate rispetto alla pallinatura. La versatilità è inferiore a quella della pallinatura.
e) Sabbiatura: E’ utilizzata spesso per pulire la superficie dei pezziE utilizzata spesso per pulire la superficie dei pezzi. Opera come la pallinatura. Occorre prestare attenzione all’intensità per non produrre effetti di intaglio
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 40
produrre effetti di intaglio.
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: TRATTAMENTI SUPERFICIALITRATTAMENTI SUPERFICIALI
Confronto fra i limiti di fatica a flessione rotante in relazione ai vari stati superficiali per un acciaio al Ni-Cr-Mo:vari stati superficiali per un acciaio al Ni Cr Mo:
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 41
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: TRATTAMENTI SUPERFICIALITRATTAMENTI SUPERFICIALI
Rivestimenti metallici protettiviRivestimenti metallici protettivi
Solitamente si utilizzano per problemi di corrosione, che d l f d lriduce la vita a fatica del pezzo.
Tuttavia l’uso non è benefico, soprattutto nel caso di impiego di materiale di rivestimento “duro” come Nickel e Cromo, perché si inducono stati di tensione residua di trazione sul materiale base. Nel caso in cui
l i i i i i lnel rivestimento nasca una cricca, proprio in quel punto si innescano fenomeni auto esaltanti di fatica e di corrosione.
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 42
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: AMBIENTEAMBIENTE
L’ambiente influenza il comportamento a fatica in due modi:modi:
a) Temperatura: ’ l f d fL’alta temperatura porta a fenomeni di creep-fatica
molto onerosi per i materiali (palette di turbina dei motori aeronautici).
l d l l d hlNel caso di alta temperatura la curva di Wohler si abbassa (scompare anche il limite di fatica per i materiali ferrosi). U b è i i l f iUna bassa temperatura è positiva per la fatica, purché non renda il materiale fragile. La frequenza ha un ruolo determinante.
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 43
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: AMBIENTEAMBIENTE
b) Corrosione:b) Corrosione:
E’ un aggravante notevole. La corrosione e la fatica si esaltano a vicenda: la corrosione rimuove scaglie di materiale e genera microcricche diffuse, che progrediscono a causa della f ti l f ti lt i t t i lfatica; la fatica scopre ulteriormente materiale vergine, che si corrode e si distacca in scaglie. Riduce notevolmente la resistenza a fatica. La frequenza ha un ruolo determinante.
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 44
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: AMBIENTEAMBIENTE
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 45
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: FATTORE DI FORMAFATTORE DI FORMA
Nelle strutture si possono raggiungere localmente valori di tensione molto più alti dei valori medi Ciò èvalori di tensione molto più alti dei valori medi. Ciò è dovuto a vari fattori:
1 Variazioni delle proprietà dei materiali: soffiature1. Variazioni delle proprietà dei materiali: soffiature, inclusioni, impurità, cricche, ecc.
2. Carichi concentrati: sfere o rulli con sedi dei cuscinetti ruote dentate superfici ove esiste uncuscinetti, ruote dentate, superfici ove esiste un accoppiamento forzato, ecc.
3. Brusche variazioni di forma: riduzioni di sezione, discontinuità strutturali filettature intagli (sonodiscontinuità strutturali, filettature, intagli (sono pericolosi in quanto ingenerano localmente uno stato di sforzo tridimensionale).
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 46
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: FATTORE DI FORMAFATTORE DI FORMA
Sotto l’aspetto teorico, si devono a Neuber numerosi studi relativi al calcolo del fattore teorico di concentrazione deglirelativi al calcolo del fattore teorico di concentrazione degli sforzi Kt. Esso è definito dalla seguente relazione
cioè dal rapporto tra lo sforzo ideale massimo, , esistente nella sezione e la tensione nominale, , calcolata alla Saint Venant.
Neuber ha studiato varie forme di intaglio sotto diverse ti l i di t t di ll it itipologie di stato di sollecitazione.
Il fattore Kt è detto teorico perché il valore effettivo sperimentale è inferiore
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 47
sperimentale è inferiore.
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: FATTORE DI FORMAFATTORE DI FORMA
Le seguenti figure mostrano alcuni valori di Kt per diversi tipi di intaglio:
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 48
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: FATTORE DI FORMAFATTORE DI FORMA
Sotto l’aspetto sperimentale, grazie alle tecniche di fotoelasticità, alle frange di Moiré, alle tecniche olografiche, ecc., si è potuto verificare l’esistenza delle concentrazioni locali di tensioni.
Si definisce fattore di forma effettivo il rapportopp
Il valore di Ke si ottiene sperimentalmente e dipende sia dal materiale si dalla forma dell’intaglio.
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 49
FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA A FATICA: FATTORE DI FORMAFATTORE DI FORMA
La seguente figura mostra la relazione che esiste tra il fattore di forma effettivo e la durata dell’elemento:
Materiale curato da: Ing. Carlo Andreotti
Tecnologie delle Costruzioni Aerospaziali 50