SIGMUND FREUD E LA TRADIZIONE DELLA PSICOANALISI SIGMUND FREUD E LA TRADIZIONE DELLA PSICOANALISI...

download SIGMUND FREUD E LA TRADIZIONE DELLA PSICOANALISI SIGMUND FREUD E LA TRADIZIONE DELLA PSICOANALISI CLASSICA

of 50

  • date post

    20-Jul-2020
  • Category

    Documents

  • view

    0
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of SIGMUND FREUD E LA TRADIZIONE DELLA PSICOANALISI SIGMUND FREUD E LA TRADIZIONE DELLA PSICOANALISI...

  • SIGMUND FREUD E LA TRADIZIONE DELLA

    PSICOANALISI CLASSICA

  • Studiare pp. 599 – 602 (esclusa sessualitá infantile)

    • Anatomia del cervello • Psicoanalisi • Inconscio, rimozione e sogno • libido

  • Biografia Biografia di Sigmund Freud.webm

    • Nato il 6 maggio 1856 a Freiberg. • A quattro anni trasferimento a Vienna. • Fu sin dall’inizio un bambino sveglio e molto

    interessato. • Al liceo migliore della classe. • Iniziò di studiare medicina a 17 anni, soprattutto i

    settori della fisiologia e della neurologia. • 1938 emigrazione a Londra. • Deceduto il 23 settembre 1939 a Londra. • Dal 1900 fino alla morte ha scritto 21 libri.

  • Contesto storico culturale

    • Per analizzare il contesto storico culturale della psicoanalisi occorre comprendere i fermenti provenienti dall’ambiente legato alla psichiatria e il clima culturale in generale.

  • • La psicoanalisi ha il suo inizio ufficiale con la pubblicazione nel 1899 dell’ “Interpretazione dei sogni” per opera di S. Freud. Le idee che confluiscono in questa teoria sono il frutto di un’elaborazione originale di concetti che circolavano in ambiente psichiatrico verso la fine dell’Ottocento. In questo periodo si diffuse il termine dinamico, per qualificare quei disturbi di tipo psichiatrico che non trovano origine in malattie del sistema nervoso.

  • Psichiatria di fine ‘800 • La psicoanalisi è una teoria dinamica, difatti le forze a cui

    fa riferimento sono prevalentemente legate all’inconscio, ma agiscono anche forze di origine sociale e spinte motivazionali. La prima teoria sistematica relativa ad un approccio dinamico si fa risalire a P. Janet, famoso psichiatra di fine ‘800. Superò l’impostazione prettamente organicistica per proporre una psicopatologia autonoma, ossia per primo formulò l’ipotesi che la genesi dei disturbi psichici dipendesse da cause psicologiche e non biologiche.

  • Influenze • Freud fu particolarmente influenzato dalla teoria dell’evoluzione di Charles

    Darwin, soprattutto dal pensiero che ogni forma di vita, quindi anche l’uomo, è determinata da due forze, cioè dalla volontà di sopravvivenza (Überlebenswillen) e dall’istinto riproduttivo (Fortpflanzungstrieb).

    • Altre persone importanti per lui erano i filosofi Arthur Schopenhauer e Friedrich Nietzsche, che erano arrivati alla conclusione che il comportamento dell’uomo viene disposto da una forza irrazionale e dall’inconscio.

    • L’interesse di Freud alla psicoanalisi crebbe durante la sua collaborazione con il neurologo francese Jean-Martin Charcot, che lavorò con l’ipnosi e voleva stabilire l’isteria come malattia non legata al sesso femminile.

  • I suoi postulati

    • L’uomo è determinato da due pulsioni (Triebe). “Trieb” da “treiben”, spingere, per Freud non è lo stesso che “Instinkt”, perché l’istinto è un comportamento preformato, che si ripete ad uno schema fissato ereditariamente, come la fame, mentre il “Trieb” può invece essere appagato in più modi.

    • Da una parte c’è la Libido, la fonte d’energia per gli impulsi sessuali, mentre l’altra pulsione è il Thanatos, che sarebbe una pulsione verso la morte, che è responsabile per un comportamento aggressivo e distruttivo.

    • Queste pulsioni sono stati di tensione che creano energia e cercano soddisfazione.

  • Psichiatria di fine ‘800 Individua nei fattori psicologici la genesi dei disturbi della personalità. (Janet) Utilizza la tecnica dell’ipnosi per il trattamento dei disturbi della personalità

    Clima culturale Il positivismo domina ancora la scena culturale e scientifica, ma

    esistono già i germi per la messa in crisi della fiducia nella

    razionalità scientifica

    Freud individua nelle dinamiche inconsce e nei

    traumi infantili le cause dei disturbi della personalità. La

    tecnica dell’ipnosi gli suggerisce l’idea

    dell’inconscio come regione della psiche capace di

    influenzare la parte conscia

    Dal positivismo Freud coglie l’idea che nulla avviene per caso,vi è un determinismo

    anche nella vita psichica. La consapevolezza è capace di

    arginare il potere dell’inconscio.

  • Lapsus e atti mancati Sigmund Freud le vie d.mp4

    • La potenza che ha la consapevolezza nel determinare la propria vita è superiore a quella che ha l’inconscio ed in questo senso emerge uno spirito illuminista. Risente anche del clima positivista soprattutto nelle parti in cui tenta di spiegare ogni fenomeno in termini di rapporti, di equilibri e disequilibri tra forze ed energie, nel rigore dell’indagine scientifica applicata alla psiche.

  • Dall’ipnotismo alla psicoanalisi

    pag. 599 Il requisito più importante per l’eliminazione del sintomo era che il materiale inconscio sgradevole diventasse accessibile alla coscienza, ma c’era nella mente del paziente una forza che opponeva resistenza, una difesa per tenere lontani dalla coscienza i ricordi inaccettabili

    La trance ipnotica aggirava artificialmente la difesa permettendo solo all’analista di accedere ai segreti, perché la resistenza veniva ripristinata al termine della trance

  • In termini tecnici, il compito del clinico diviene l’eliminazione delle difese

    Freud individua nelle libere associazioni il metodo in grado di smantellare le difese

    “Si comporti come un viaggiatore che segga al finestrino di una carrozza ferroviaria e descriva a coloro che si trovano

    all’interno il mutare del panorama davanti ai suoi occhi” (Freud, 1913)

    Il paziente dice qualsiasi cosa gli venga in mente, senza tentare di filtrare o selezionare i pensieri; l’analista può così individuare i desideri inconsci, mentre le difese rimangono attive e possono essere affrontate, e tuttavia il paziente è perfettamente sveglio…

  • Teoria psicoanalitica e transfert Sigmund Freud le vie d.mp4

    La psicoanalisi per Freud era: Una teoria complessa della psiche che cercava di

    ricondurre a pochi concetti generali una gamma variegata di fenomeni; Una metodologia di indagine della psiche; Una tecnica terapeutica per il trattamento dei

    disturbi nevrotici;

  • L’isteria sarebbe causata da ricordi bloccati e dai sentimenti ad essi associati mai sperimentati in modo normale ed emersi poi sotto forma di sintomi apparentemente inesplicabili. Quando si riesce a risalire alle loro origini e significato, i sentimenti a questi associati si scaricherebbero in uno sfogo catartico ed il sintomo scompare.

    ISTERIA.avi

  • Inconscio, l’interpretazione dei sogni, il rimozione e censura

  • Tra le associazioni prodotte c’erano i sogni; come le altre associazioni pertanto dovevano contenere pensieri nascosti e collegamenti con esperienze precedenti

    Il modello descritto da Freud nella sua teoria del sogno diviene il modello strutturale di base di tutti i fenomeni psichici (lapsus, sintomi, dimenticanze)

    sogni.mp4

    Il sogno è una formazione di compromesso (come i sintomi) tra un pensiero o sentimento inaccettabile e la

    difesa contro di esso

    Sogni “Via regia verso l’inconscio”

  • Il vero significato del sogno (contenuto latente) viene elaborato attraverso un processo di distorsione (lavoro onirico: condensazione, spostamento, simbolizzazione) e trasformato in immagini accettabili per la coscienza

    (contenuto manifesto), anche se apparentemente prive di significato

    I sogni sono soddisfacimenti camuffati di desideri conflittuali (Freud, 1899). Nel sonno le difese si

    indeboliscono, consentendo l’accesso alla coscienza del desiderio, ma in una forma camuffata in modo tale da preservare il sonno (sogni come custodi del

    sonno)

  • Il processo psicoanalitico trova la sua definizione nella sequenza sogno-libere associazioni-interpretazione, che

    può considerarsi in un certo senso parallela a quella, sottostante, sintomo-difesa-conflitto

    Contenuto latente lavoro onirico contenuto manifesto

    La tecnica di interpretazione dei sogni deriva da questa ipotesi sulla loro formazione. Le associazioni fatte dal

    sognatore sugli elementi del contenuto manifesto consentono all’analista di invertire il procedimento della

    formazione del sogno:

    Contenuto manifesto

    Contenuto latente

  • I meccanismi di difesa RIMOZIONE: è il fenomeno difensivo cui Freud

    dedico la maggior parte della sua attenzione; è il meccanismo che allontana dalla coscienza i desideri incompatibili con la realtà e il Super- IO e li rilega nell’inconscio Osservò questo meccanismo nelle pazienti

    isteriche, che facevano di tutto per evitare di rivivere quello che temevano sarebbe stato un dolore insopportabile.

  • La sessualità infantile Formazione del sintomo in due tempi: i conflitti attuali ed i sintomi erano invariabilmente legati ad eventi della prima

    infanzia, ad episodi traumatici avvenuti prima dei 6 anni, ed in particolare episodi traumatici di carattere sessuale

    Alla radice di ogni nevrosi c’è l’introduzione prematura della sessualità nell’esperienza del bambino; questa però acquista significato solo con la pubertà; le nuove intense sensazioni

    adolescenziali riaccendono i ricordi creando una forte pressione che produce sintomi nevrotici

    Teoria